Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli amministratori del PM10

  • 1359


PM.jpg
I sindaci, gli assessori, i presidenti di Regione e di Provincia ci stanno uccidendo. Lo fanno non facendo nulla. Noi moriamo. E loro pensano ai parcheggi. A Milano dove il PM10 ha ormai sostituito l’ossigeno e le violazioni ai limiti imposti dalla Comunità Europea sono il pane quotidiano della Morattimogliedelpetroliere. A Milano ci sono 50.000 macchine parcheggiate ogni giorno in sosta vietata. Si mettono ovunque, sulle piste ciclabili, sugli scivoli per disabili, in doppia fila. In città entrano fino a 800.000 mila macchine al giorno. Il Comune indica un danno sia “per i pedoni, che per la vegetazione". L’assessore Croci indica la soluzione: “L’obiettivo principale come in altre metropoli resta quello di trasferire le auto dalla strada al sottosuolo”. Esattamente dove sta mandando i milanesi: in una bara nel sottosuolo. Questi amministratori vanno denunciati. E' già successo a Firenze come spiegato da Vincenzo Brancatisano sulla Gazzetta di Modena che riporta anche la situazione gravissima di Modena.

“Il presidente della Regione Toscana, Martini, e i sindaci di Firenze e di altri Comuni, con i rispettivi assessori all'ambiente, non avrebbero contrastato come avrebbero dovuto l'inquinamento atmosferico e non avrebbero difeso come avrebbero dovuto la salute pubblica. Lo sostiene la Procura della Repubblica di Firenze, che ha chiuso le indagini sull'inquinamento atmosferico nell'area fiorentina iniziate nel 2005. Il pm Prodomo contesta a Martini e Artusa il rifiuto e l'omissione di atti d' ufficio. Gli stessi, insieme con i sindaci e gli assessori comunali, sono accusati di «getto pericoloso di cose». Gli amministratori hanno ricevuto gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari e tra 15 giorni il pm deciderà a carico di chi formulare le richieste di rinvio a giudizio.”

filtro_pulito.jpg
filtro_con_polveri.jpg

Modena città capitale regionale delle polveri sottili. Talmente sottili che non si sentono e non si vedono. Anzi, non si vedevano. Finora infatti ci dovevamo accontentare di numeri e percentuali e questo autorizzava tutti a far finta di niente. Ma ora siamo in grado di mostrare l’immagine terrificante di uno dei filtri utilizzati dalle aziende detentrici del controllo delle polveri sottili, le Pm10, presso le centraline d’allarme istituite nelle città e nelle periferie. Siamo entrati in possesso del filtro della centralina di una zona centrale di Modena e basterebbe osservarlo per rendere superflui comunicati e ordinanze di blocco traffico. Si tratta di un dischetto di tessuto di colore bianchissimo che dopo l’uso ha assunto, solo da una parte, un colore topo scuro, tendente al nero. La consistenza della sinistra sostanza depositata sul filtro fa pensare a una moquette scura. Sono state sufficienti le rituali 12 ore di esposizione all’aria aperta per renderlo così. La centralina è munita di un aspiratore che simula la respirazione umana, ha la stessa potenza, e ciò ci fa ritenere che ciascuno di noi immette in mezza giornata nel proprio organismo - dal naso o dalla bocca, passando per la trachea e i bronchi – una corrispondente quantità di particolato killer."

Il blog è a disposizione dei comitati civici per consigli, petizioni, denunce. Scrivete. L'aria è un nostro diritto.

22 Gen 2007, 23:48 | Scrivi | Commenti (1359) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 1359

| La Settimana | Trackback (10)

Commenti

 

Giustissimo criticare l'operato di amministratori,sarebbe anche giusto e doveroso, proporre soluzioni ad OK, altrimenti non se ne esce, suggerire soluzioni oltre alle critiche, sarebbe quantomeno costruttivo, ad esempio si dovrebbero lavare tutte le strade ogni notte con autobotti attrezzate, sono molte le soluzioni adottabili, senza mettere in campo proibizioni che non risolvono( come si è visto) il problemae senza scagliarsi contro le solite cose,
automobili, caldaie, industria, ecc. ecc. tutte cose necessarie alla vita comune, o le eliminiamo oppure trovare il modo giusto per smaltire il pm10.

Giulio Br. 29.12.15 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti mi chiamo Angelo per caso mi sono imbattuto in questo sito e mi sento di dire alcune cose riguardo il pm10.
1) ci sono delle leggi europee che impongono agli stati membri di adottare da subito sistemi o soluzioni. contro il pm 10 altrimenti saranno multe e pesanti(blocco auto,targhe alterne,oppure l'uso utile di veicoli elettrici ma basso numero non serve a nulla) le case automobilistiche stanno riducendo le emissioni da pm 10 a 2,5 o 1 ciò e più dannoso e velenoso e la presa in giro sta nel fatto che le ultrasottili non sono misurabili.
2) io studio da otto anni il fenomeno e vi dico che tutto ciò di moderno e va a carburanti fossilili inquinerà sempre,prima che vedremo il 90%delle auto elettriche in ogni città passeranno 25 anni.
3) io la soluzione l'ho trovata e a breve sarà attuata a belgrado in serbia, vi chiederete perché belgrado e non in italia! La risposta e che quí ce un iteresse sulla salute e investono anche se soldi ne anno pochi, in italia il mio progetto e stato snobbato. signiori la soluzione ce e reale e fattibile da subito pretendetela e un vostro diritto.
un saluto a tutti da Angelo

angelo massafra 15.07.12 21:37| 
 |
Rispondi al commento

E' uscito su Metro del 31/1/2008 che per i diesel che non hanno il FAP (filtro che blocca il particolato-PM10) potranno montare un dispositivo che non blocca il particolato ma che lo riduce in PM2,5 e PM1. Con questo sistema anche i diesel più datati potranno evitare i blocchi della circolazione.

Marino Munerotto 01.02.08 10:06| 
 |
Rispondi al commento

ho una domanda dafare a chi se ne intende.
mi sto leggendo le informazioni sull'inquinamento della regione lombardia, cercando di integrare anche con qualche info dal sito dell'ARPA. vorrei capire fino a che altezza (livello del mare?)è altamente presente l'inquinamento dell'aria. Mi è capitato infatti di fare un giro a piedi sul monte di provaglio (provaglio d'iseo, BS) e di notare con netta sensazione l'odore di smog scendendo dalla collina (discretamente alta). mi chiedevo così fino a che altezza sul livello del mare la concentrazione di inquinanti fosse notevole. Questo anche per capire quanto sia realmente salubre frequentare le montagne a nord di brescia (val trompia, val sabbia, val camonica...).
se qualcuno ha informazioni a riguardo o può darmi delle dritte per approfondire lo ringrazio da subito
ciao
adriano favero

adriano favero 06.08.07 10:47| 
 |
Rispondi al commento

LA RAFFINERIA ALLE PORTE DI MANTOVA STAVA CHIUDENDO... ORA LA COMPRA MORATTI. COSI' SARA' LUI ORA A DIRCI CHE NON INQUINA... CHE DA LAVORO... CHE SERVE UN TURBOGAS PER FARLA ANDARE...

paolo pini 16.07.07 10:40| 
 |
Rispondi al commento

leggo molte volte i "report che scrivete " alle volte li rileggo sbigottito indignato li leggo con cuore da bambino .Mi chiedo perchè ! si continui avere un comportamento da"struzzi " non si vuole vedere .Molti alle volte si sfogano con parole pesanti io non le ho + ho capito che non servono , serve solo mandarli a casa, lo dobbiamo fare ,cosa se ne può fare una comunità di persone senza "spina dorsale" che non hanno il coraggio di fare, dove sono i"sirchia "(legge contro il fumo nei locali) non è un discorso di destra o di sinistra ,giusto o sbagliato questo è ho citato il problema del fumo maquanti altri ce ne sono, dobbiamo mandarli a casa ,al loro posto ci deve andare la gente comune quella che prende il treno ,o l'autobus lasciamo per una volta stare la notorietà che non sempre rispecchia la validità della persona, quando si ha a che fare con li bene + prezioso c'è solo il giusto e il sbagliato ;di vita ce ne solo una rispettiamola con scielte saggie . thommy un italiano

Thomas Pradelle 15.06.07 09:29| 
 |
Rispondi al commento

L'ARIA E' UN NOSTRO DIRITTO

Maurizio Zoboli Commentatore in marcia al V2day 07.06.07 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Facendo parte del meetup di Parigi ho proposto di aiutare la Dottoressa Gatti e il Dottor Montanari a tradurre il sito della Nanodiagnostics per poter meglio divulgare questo problema alla popolazione francese e perché no, mondiale!
Ora il webmaster del sito attende le versioni delle pagine tradotte in francese e inglese...

Potete visionare l'intervento qui:
http://beppegrillo.meetup.com/22/messages/boards/view/viewthread?thread=3003996

Visto che la cosa va un pò a rilento ho voluto lanciarla anche qui!

Adesso aspetto con impazienza la richiesta di chiunque voglia parteciare a questa traduzione condivisa sullo strumento di goggle.

Premetto che chi vuole collaborare deve crearsi l'account su gmail e richiedermi di essere invitato alla condivisione dei file.

Spero che l'iniziativa porti a buon fine

Simone Coccia Commentatore certificato 04.05.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo!! O.O
Non abito a Milano ma nemmeno Roma è da meno... il problema è che la gente lascerebbe volentieri le macchine a casa per prendere i mezzi ma prendere i mezzi crea un enorme problema per la salute mentale... partendo dal fatto che alcune zone di Roma sono state costruite senza un briciolo di piano regolatore (a guardarle sembrano labirinti, con quei muri altissimi che magari nascondono villette stupende e le stradine minuscole con curve a gomito senza marciapiede) per cui sono collegate malissimo con un autobus minuscolo che passa una volta ogni 600 anni quando c'è un'eclisse e i pianeti sono allineati.
Inoltre anche in pieno centro le tabelline degli orari sembrano dirti "Ti piacerebbe eh? Invece aspetti qui!!". Quando dopo un'attesa estenuante finalmente arriva l'autobus (o il treno) entri e dentro questo ambiente sporco e malsano, con le luci da ospedale trovi vari esemplari di persone derelitte, che magari puzzano di alcol alle 8 del mattino, magari puzzano e basta perché non si lavano, se sei sfortunato trovi il matto di turno, oggi c'è quello che ti parla di cose senza senso, ieri quello che ti urlava contro cose assurde, l'altroieri quello che ti chiedeva di sposarlo, devi stare sempre all'erta, come in guerra, c'è quello che ti palpa, quello che ti scippa...
E tutto questo in un ora massimo due, all'inizio della giornata... è troppo, così tanto da volersi uccidere col pm10!

Cristina D. Commentatore certificato 16.04.07 02:00| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo!! O.O
Non abito a Milano ma nemmeno Roma è da meno... il problema è che la gente lascerebbe volentieri le macchine a casa per prendere i mezzi ma prendere i mezzi crea un enorme problema per la salute mentale... partendo dal fatto che alcune zone di Roma sono state costruite senza un briciolo di piano regolatore (a guardarle sembrano labirinti, con quei muri altissimi che magari nascondono villette stupende e le stradine minuscole con curve a gomito senza marciapiede) per cui sono collegate malissimo con un autobus minuscolo che passa una volta ogni 600 anni quando c'è un'eclisse e i pianeti sono allineati.
Inoltre anche in pieno centro le tabelline degli orari sembrano dirti "Ti piacerebbe eh? Invece aspetti qui!!". Quando dopo un'attesa estenuante finalmente arriva l'autobus (o il treno) entri e dentro questo ambiente sporco e malsano, con le luci da ospedale trovi vari esemplari di persone derelitte, che magari puzzano di alcol alle 8 del mattino, magari puzzano e basta perché non si lavano, se sei sfortunato trovi il matto di turno, oggi c'è quello che ti parla di cose senza senso, ieri quello che ti urlava contro cose assurde, l'altroieri quello che ti chiedeva di sposarlo, devi stare sempre all'erta, come in guerra, c'è quello che ti palpa, quello che ti scippa...
E tutto questo in un ora massimo due, all'inizio della giornata... è troppo, così tanto da volersi uccidere col pm10!

Cristina D. Commentatore certificato 16.04.07 01:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
prendo spunto dal tuo articolo sui PM10 per
segnalare agli amici del Blog una mia iniziativa in merito ad una petizione online che verrà sottoposta all'attenzione del Ministro della Salute e concerne la fibrosi polmonare, una malattia classificata rara da www.orpha.net e per la quale non esistono attualmente farmaci terapeutici ma solo molecole orfane.

Per molecola orfana si intende: un farmaco non diffuso dall'industria farmaceutica per ragioni economiche ma che risponde ad un bisogno di salute pubblica.

La fibrosi polmonare è una malattia subdola che inizia con una leggera dispnea fino a rendere il paziente completamente inabile, è una patologia che "toglie il respiro" pian piano e, da recenti studi, tutt'altro che rara.

Allego alcuni link per approfondimenti:

in Inglese: http://www.pilotforipf.org/
in Italiano: http://www.aimip.org/it/associazione/index.php

il link in Italiano rappresenta l'intenzione personale di costituire un'associazione senza fini di lucro per destinare gli eventuali fondi alla ricerca Italiana su questa patologia.

L'indirizzo della petizione è il seguente: http://www.petitiononline.com/mod_perl/signed.cgi?aimip

Spero di poter contare sull'aiuto degli amici che ci leggono sul Blog e rimango a disposizione di chi fosse interessato a questa problematica.

NOTA:
Al momento della sottoscrizione della petizione è richiesto un indirizzo email (che non viene verificato), è possibile renderlo privato e non visibile per prevenire fenomeni di spamming.

Vi ringrazio dell'attenzione,
Fabrizio

Fabrizio Di Meo Commentatore certificato 14.04.07 07:27| 
 |
Rispondi al commento

Abito a Mirano in provincia di Venezia, uno dei comuni colpiti dal "Passante", tratto di autostrada definito anche dagli Amministratori come un disastro ambientale e non solo.
Ora che ormai non c'è più nulla da fare, nel senso che il tracciato è definito e i lavori proseguono, scopro che l'amministrazione comunale propone un piano del traffico (forte dei finanziamenti conseguenti al Passante, definite come opere complementari) dove si prevede la costruzione di tre tangenziali camionabili, che naturalmente passeranno in quelle porzioni di territorio sino ad oggi graziate.
E come è abitudine dei nostri politici senza nessuna discussione preventiva con la cittadinanza, ovvero presentano il progetto come una proposta, ma naturalmente senza tempi per un progetto alternativo. In pratica hanno deciso che anche quella porzione di cittadini deve avere le stesse probabilità di ammalarsi di tumore di altri; diciamo una vera forma democratica!!
Più ci penso, e più mi rendo conto che sarà possibile cambiare poco, certo che infastidisce la facilità con cui giocano con la vita di altri.
A proposito casca l'iniziativa della Procura della Repubblica di Firenze a cui sono molto interessato. E visto che l'iniziativa politica non può escludere alcuna ipotesi (eccetto la violenza), mi chiedevo come posso avere informazioni dettagliate e l'eventuale decisione del pm Prodomo.

Gianni Zanlorenzi 06.04.07 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono sardo ... LaMaddalena fronte base nato e volevo saper se in allegato alle vostre indagini e conoscenze sui famosi pm10 è venuto fuori qualche collegamento con un eventuale influenza del nucleare esistente in loco con la grande percentuale di tumori che da tempo si registrano nell' isola e dintorni. E se è possibile che possa convivere una struttura cosi' in un parco nazionale...

Francesco Comiti 07.03.07 19:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao amici,

volevo portarvi a conoscenza del problema di una bambina di 4 anni, Azzurra.

I genitori non hanno i soldi per curare la sua malattia, servono tanti soldi per andare nei centri specializzati
in florida.

Pensavo di organizzare uno o più piccoli tornei (calcetto, tennis, basket, pallavolo...)
per raccogliere fondi in questo modo:

gli sponsor (possibilmente anche chi affitta i campi di calcetto o tennis)
ai quali il torneo farebbe la pubblicità metterebbero dei soldi che poi si dovrebbero devolvere
per le cure della piccola Azzurra.

che ne pensate ?

trovate info su Azzurra alla pagina del blog che ha realizzato la mamma

http://insieme_per_azzurra.blog.tiscali.it/

forza dobbiamo fare presto perchè la malattia è degenerativa ogni giorno che passa si aggrava.

Francesco Deriu 06.03.07 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Grandiosi !!!
hanno trovato il modo di ridurre lo SMOG

Son grandi i Milanesi ( o il suo Sindaco )

secondo l'articolo http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=99913
basta mandare le automobili in un tunnel, che si riduce lo smog !

Fantastico...ecco che si spiega la cecità delle talpe e deii vermi....

Speriamo che ne facciano tanti di questi tunnel...possibilmente in verticale...così potranno percorrelli per tutta la lunghezza, senza ripensamenti....e se i soldi saranno bastati, sbucherannno dall'altra parte !

Franco Baron 26.02.07 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto attentamente su di un sito tecnico, come sono composte le varie Pm in base alla grandezza e da dove provengono o si creano, devo dire solo una cosa, che è esattamente una conferma che tutte le strade e non solo, sopra la terra ne è satura e se le auto come per magia non esistessero più, loro continuerebbero ad aumentare. Forse mi direte che sono pazzo, ma pensate al sasso o roccia che diventa un granello di sabbia, forma ancora visibile e percettibile, alla degenerazione dell'asfalto, QUESTO derivato dal petrolio, alle abitazioni, erose da agenti atmosferici, a tutte quelle cose che per forza di cose, l'uomo interviene per preservare dall'erosione del tempo, ecc. Se a questo mondo come per magia ci fossero solo esclusivamente auto elettriche, continuerebbero a moltiplicarsi le Pm. Cosa fanno le amministrazioni per eliminare dalla sede stradale dette polveri sottili? POCO O NULLA. Invece di fermare il traffico, si muniscano di macchine idonee per sottrarre dette polveri dalle strade e non aspettare che piova e che soffi il vento per allontanarle dai centri abitati. DOVE CERTAMENTE L'ATTIVITà DI EROSIONE E L'ATTIVITA DELL'UOMO non è CONCENTRATA.

giulio mogen 25.02.07 11:24| 
 |
Rispondi al commento

su "il firenze" di offi è stato pubblicato un articolo riguardante le PM10, in uno studio dell'ARPAT l'ente regionale della salute publica, si evidenzia come i nuovi diesel euro 3 emettano pù polveri dei vecchi euro 0 a benzina ai quali il comune di firenze ha vietato di circolare.
diego

diego turrini 23.02.07 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Ma secondo voi tutte queste centinaia di migliaia di persone che girano in auto, che pagano multe, bollo, assicurazione e petrolio salatissimo perchè lo fanno?

Perchè se uno lavora a milano centro, abita a trecate ma i nonni dove portare i bambini abitano
a cormano non c'è speranza: puoi andare e tornare in giornata soltanto con l'automobile. Meno male che ci sono i posteggi.

Treni, corriere, ecc. vanno bene solo in centro...

Altrimenti stiamo tutti a casa e lo stipendio ce lo paga il BEPPE Grillo.

Dario Zenzero 17.02.07 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Terrifficante l'esempio del dischetto bianco! Ma che diavolo aspettano ad ascoltare il grande Rubbia! E' dovuto fuggire in Spagna per poter continuare i suoi preziosi studi sul solare termodinamico che ci libererebbe dalla schiavitù di questo mostro di petrolio. Un italiano un italiaaaaaaaaaano! Come ormai ce ne sono pochi poooooooooochissimi cazzo! Che il nostro urlo arrivi a quei timpani otturati dei nostri "cari" amministratori!

Ignazio Podda (naturjust) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.02.07 11:21| 
 |
Rispondi al commento

io avrei piacere di poter mandare qualcosa circa i miei studi e gli studi degli altri con cui collaboro che vedono il mondo con una visione subatomica e si sono resi conto che la chimica è padrona del mondo coi suoi padroni ..... e che nascondendo i fenomeni fisici ci inquinano fisicamente con onde elettromagnetiche che modificano la struttura del dn. Ci sono studi che dimostrano che prima di ogni reazione chimica, sotto, a livello subatomico ci sono reazioni fisiche e che il dna è non sono un laboratorio chimico, ma anche una stazione radioricetrasmittente che manda segnali informazionali; Popp disse che cio' avviene con i fotoni, ma anche i fotoni sono lo strumento con cui i segnali vengono mandati.
Certo doverlo dire dalla svizzera...... non avendolo potuto dire dall'Italia e non potendolo dire in Svizzera, ma da Svizzero dirlo in Italia....
E' assurdo....

tiziano g. Commentatore certificato 12.02.07 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Panorama, 1 febbraio 2007, l'epidemiologo GIUSEPPE COSTA afferma che "in città nonostante l'aria pessima si vive di più e meglio che nei piccoli sobborghi. Le cause di morte dei PM10 sono inferiori al 5% in centro a Roma o Milano rispetto al paesino della Val Rendena. Si vive meglio e di più a Milano che in mezzo alle mucche. Perchè l'assistenza sanitaria è migliore nei grandi centri, il cibo è più controllato e meglio conservato rispetto alla valle dell'Emmmental. I PM10 aumentano il rischio d'infarto, provocano malattie respiratorie asma e tumori ai polmoni. Ma IN CITTA' SI VIVE DI PIU' NONOSTANTE L'ARIA INQUINATA. Sono il PESTO e LA POLENTA CHE FANNO MALE, NON L'INQUINAMENTO DEI GRANDI CENTRI URBANI". Un'altra dimostrazione d'informazione alla rovescia, un altro VERONESI. Davide Vitali

Davide Vitali 09.02.07 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non mandiamo un pò di e-mail a questi indirizzi di gruppi politici:

ufficiostampa.prc@rifondazione.it (Rifondazione Comunista)

berlenghi_t@camera.it (Verdi, Gruppo Camera)

comunicazione@uni.net (DS, Camera)

socialisti@sdionline.it (SDI)

sede@margheritaonline.it (Margherita)

italiadeivalori@antoniodipietro.it (Lista Di Pietro)

info@popolariudeur.it (UDEUR)

info@udc-italia.it (UDC)

segreteria.politica@leganord.org (Lega Nord)

gr_an@camera.it (AN)

oppure… ballaro@rai.it (Ballarò)

Oggetto : che fine a fatto l'auto ad aria compressa
la lettera è a grandi linee è questa poi chi vuole può scrivere ciò che vuole.

Un ingegnere meccanico francese ideo nel 1997 il primo motore ad aria compressa;

poi successivamente insieme a suo figlio e a dei suoi collaboratori perfezionò il motore rendendolo più efficiente.

Con una spesa di 1 euro e mezzo si può percorrere 200 km. circa .

Come mai non si parla di questo motore ad aria compressa che potrebbe risolvere il problema delle polveri sottili nei centri abitati?

Perchè il governo non propone a FIAT di produrre per le aziende pubbliche:
( Regioni,Provincie,Comuni)auto da fornire a chi deve lavorare nel traffico cittadino .

poi se l'iniziativa va a buon fine può estendere la produzione anche per i comuni cittadini privati.

Vorrei una risposta se non chiedo troppo.


Distinti saluti
una cittadina italiana

partecipate numerosi
Grazie!

maria losacco 09.02.07 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salute non ha prezzo!!Chi non può fare meno di auto(moto,scooter) almeno scegliesse quello ecologico!!Addirittura hanno fatto pure un scooter a pannello solare che si chiama ''SUNNY''!!!
Noi essere umani abbiamo tanti vizi!!!Vizio di fumo,vizio di prendere automobile(moto,scooter ect..)Anche mio figlio di 2 anni 3 mesi ha un vizio,sto ancora allattando al seno!!!
Ma che latte sto dando al mio figlio???Inquinato!!!
Quei pochi che camminiamo ci tossicate
voi che utilizzate sempre dovunque quell maledetto motore a scoppio!!
Approposito di fumo rivolgo mia parola quei fumatori che non hanno rispetto per altri!!!
Ieri ho sentito che nord Italia faranno
dei leggi per ridurre lo SMOG ma anche qui nella marche ci vuole!!Per 15 anni abitato a Milano adesso che sono qui non manca lo smog anzi per essere una città più piccola ci sono troppe macchine!!!Non c'è scampo!!!
Hanno fatto legge come solito preso per il c...!Ho visto ASL un dipendente fumava,comune si chiudono dentro le stanze fumano,scuole
pure!!Ma che esempio danno???
Discoteche idem!!!Non siate egoisti nessun medico ordinato di fumare!!!Almeno rispettate chi non fuma!!Ho sentito da un oncologo non fa male solo fumo visibile ma anche particelli di polveri sottili invisibili cossidetto SMOG!!!!
Ci fanno morire giorno per giorno invece di parlare fate fatti cari politici!!!!


Aysegul Sarac 08.02.07 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Leggete un articolo uscito alcuni giorni fa su New England Journal of Medicine sull'effetto a lungo termne in una popolazione femminile dell'inalazione di polveri sottili. Sul mio blog trovate un breve riassunto e il link all'articolo originale (di cui si sente parlare poco pur essendo un lavoro scientifico molto ben fatto).
www.doctorbebop.blogspot.com

Amedeo Galassi 07.02.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, il 17 febbraio sarai a Trieste con il tuo tour e io come ogni anno sarò li ad ascoltarti. Quest'anno però ho anch'io una richiesta da farti. Qui a Trieste sai che abbiamo la Ferriera di Servola, Gruppo Lucchini, in sostanza proprietà russa. Io rispetto le persone che lavorano all'interno, ma parlo anche per loro perchè tanto alla pensione qualcuno non ci arriverà! Io abito vicino la Ferriera e vedo e respiro quanto di più cancerogeno ci può essere. La politica non fa nulla, il magistrato ha le mani legate, non sanno nemmeno dove e come fare i prelievi per verificare cosa questo mostro immette nell'aria, oppure prima dei prelievi dell'Arpa, "qualcuno" "avvisa" di mettere in moto i depuratori o smettere con le emissioni. Io, domenica scorsa, per un'ora ho lasciato le lenzuola ad arieggiare sulla finestra, e al ritorno con sgomento ho visto quello che respiro. Ho tenuto la finestra aperta con le lenzuola lasciate li nella vana speranza che qualche giornalista venisse a documentare. Ho chiamato il Piccolo, la tv locale, la Rai, i carabinieri..NIENTE!! Alla fine mi sono arresa, però..ho raccolto quello che ho trovato e me lo tengo stretto per farlo vedere a chi interessa qualcosa della nostra salute!!
Ci stanno uccidendo da anni e nessuno fa niente. Guardate l'incidenza dei tumori ai polmoni o malattie polmonari a Trieste e particolarmente in questa zona...non c'è da meravigliarsi. Tutti parlano ma nessuno agisce, è un attentato alla salute pubblica, all'ambiente..cosa aspettano! Ma non esiste una legge?!? E intanto i Carabinieri non possono far altro che raccogliere denunce....
E' uno schifo! Io le ho raccolte e messe in carta...sono scaglie di metallo che con il sole fanno un bel luccichio nell'aria e un bel buco nei polmoni!
Grazie Beppe. Se non altro se ricorderai quanti sono già morti e quanti ne moriranno in nome della politica e della Russia!
Criss

cristina carbi 06.02.07 21:21| 
 |
Rispondi al commento

STASERA: Giorgio Bongiovanni a Bivio(Martedi'6 febb italia1 ore 23)

racconta il suo percorso di vita Spirituale e Sociale nell opera di divulgazione dei messaggi cosmici(datigli da esseri di luce o E.T.),e Mariani!
La Chiesa lo teme ,perche' stimmatizzati viventi colti e consapevoli,possono piu' dell ipocrisia d un potere che non ha piu'senso nel TERZOMILLENNIO!

Il david Icke italiano!

www.giorgiobongiovanni.it

6 febb Italia1 ore 23 a BIVIO ,GIORGIO BONGIOVANNI

Cercate inoltre su googlevideo ,yahoovideo e youtube ,i vedeo doc. su:

SCIE CHIMICHE, GLOBALIZZAZIONE, MULTINAZIONALI, iLLUMINATI, DAVID ICKE, 911, ARCOIRISTV, SCIENZANEGATA, GUERRA,GRILLO!

vittorio messina 06.02.07 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
Qui a Garbagnate Milanese conosciamo bene il problema e siamo anche molto preoccupati ed impauriti.
E' da più di un anno che stiamo combattendo una battaglia contro il gravissimo inquinamento prodotto dal Consorzio Trasporti Groane.
Ci siamo trovati sotto casa (70 metri) il deposito dei bus senza NESSUN sistema di filtraggio fumi, con moltissimi bus Euro zero senza filtri antiparticolato.
Ci siamo costituiti in comitato, abbiamo raccolto più di 500 firme, abbiamo aperto un sito web (WWW.ARIAPURAGARBAGNATE.ORG)e vogliamo che il deposito se ne vada al più presto!
La nostra avventura è tutta documentata sul sito, che vi invitiamo a visitare.

Claudio Effe 05.02.07 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Punto della situazione... della MIA situazione: vivo a Sassuolo o meglio sulle colline sassolesi.
ho frequentato le scuole superiori a sassuolo e da 4 anni lavoro in questo posto che chiamano regno della Ceramica. bene, il problema qual'è?
il problema è che è quasi un anno che giro tra ospedali e dottori per capire cosa mi è successo. Io da luglio 2006 ho perso quasi completamente l'osfatto e il gusto e sapete cosa mi hanno detto i dottori? che POTREBBE essere una poliposi. .. (vi informo per chi non lo sappia che i polipi sono una forma di 'tumore benigno' chiamola così.. la cura è molto meno invasiva ma viene curato nello stesso modo). mi hanno detto che POTREBBE essere rinosinusite cronica. mi hanno detto che POTREBBE essere un 'allergia.. la strada che sto perorrendo ora... INSOMMA NON CI CAPISCONO NIENTE!
Sapete che cosa credo? che sia colpa di tutta quella schifezza che mi respiro quaggiù! tra inquinamento, condizionamento, riscaldamento e polveri sottili...
e ne sono talmente convinta per il semplice fatto che per le ferie di natale sono stata con il mio ragazzo a Brunico (trentino) 3 giorni............
IL TERZO GIORNO SENTIVO IL GUSTO DEL TORRONE E PERFINO L'ODORE!!! VOI NON VI IMMAGINATE NEMMENO CHE COSA SI PROVI!!! è UNA LIBIDINE!!!! ; )
Chiedo a qualcuno se sa come potermi aiutare, scrivetemi sul blog..
Grazie...


Gaia

Gaia B. 05.02.07 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Bella Grillo, ce la menano a iosa sul fumo passivo ma sullo "smog passivo" come la mettiamo?? Forse quando i poli si saranno del tutto liquefatti a qualcuno si accenderà la classica lampadina sulla testa?!

Felice Vettorini 02.02.07 16:26| 
 |
Rispondi al commento

DA ANNI CERCHIAMO DI COMBATTERE L'ASMA BRONCHIALE UNA PATOLOGIA DIFFUSISSIMA, ABBIAMO FATTO NUMEROSI LAVORI ALL'ESTERO E A CONGRESSI INTERNAZIONALI, MA IN ITALIA CI CONOSCONO IN POCHI.

FARE QUALCOSA SI PUò MAGARI CONSIGLIANDO IL SITO GIUSTO DOVE INFORMARSI SU COME CURARSI, INVECE DI RICORRERE ALLE MEDICINE ALTERNATIVE.

L'INQUINAMENTO NON RIUSCIREMO AD ABBASSARLO A BREVE MA FINO A QUANDO NON TROVEREMO UNA SOLUZIONE EVITIAMO DI AMMALARCI ANCORA DI Pù CURANDOCI MALE.

Emanuele D'Agata Commentatore certificato 02.02.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

VI PROPONGO UNA SERIE DI DOCUMENTARI PRESI DA GOOGLEVIDEO CHE VI POTRANNO AIUTARE A COMPRENDERE MEGLIO CIO' CHE ACCADE NEL MONDO ED A CASA NOSTRA!

gli argomenti trattati in questi doc. ,sono :
Multinazionali, Globalizzazione, Scie Chimiche, Scienza Negata, Controllo Globale, Governo Globale, Illuminati, Virus,911 .

http://www.guardabassi.it/download_06_08_01.asp
(per scaricare un infinita di doc. interessantissimi come the corporations surplus..)

http://www.menphis75.com/archivio_disinformazione.htm

http://video.google.it/videoplay?docid=5245902258081871191&q=icke

http://video.google.it/videoplay?docid=-5723630611980729615&q=la+piramide

http://video.google.it/videoplay?docid=-3443704236322577743&q=scienza+negata

http://video.google.it/videoplay?docid=5809564472276623017&q=blunotte

http://video.google.it/videoplay?docid=2357448098911229950&q=illuminati

http://video.google.it/videoplay?docid=-1490071466950648473&q=illuminati+indi
(vedi primi due minuti)
http://video.google.it/videoplay?docid=-339817359829725096&q=surplus

http://video.google.it/videoplay?docid=-5369329468014667924&q=globalizzazione

http://video.google.it/videoplay?docid=-5409885289108463389

http://video.google.it/videoplay?docid=-1124585972623076246&q=collusioni
(film Fareneith 911 di m. moore )
http://www.youtube.com/watch?v=eoue61XDw6k

http://video.google.it/videoplay?docid=1641568232053490932&q=grillo+rai
(se cliccate su : da stesso utente vedrete tutti gli altri show di grillo)

http://video.google.it/videoplay?docid=2214129847152560371&q=scie+chimiche
(video sulle Chentrails e cliccate dallo stesso utente per altri video)
http://www.youtube.com/watch?v=OJ3uGTc2WX0

http://video.google.it/videoplay?docid=7352118104883452737&q=eletric+car
(auto elettrica piu' veloce di ferrari modena)
http://www.youtube.com/watch?v=Icv4kRdMX1k
http://video.google.it/videoplay?docid=-5535710219420830032&q=aids+origine

http://video.google.it/videoplay?docid=4893550281454018270&q=arcoiristv

vittorio messina 31.01.07 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

innanzi tutto voglio ringraziarti per il gran lavoro che fai per noi, mi rendo conto di quanto è difficile e faticoso, oggi più che mai. Strade sono piene di scudi crociati, Baudo presenta San Remo, ritorna alla ribalta l'antisemitismo, l'americanismo, e tutta una serie di "facce conosciutissime" affollano trasmissioni e manifesti, (tra l'altro invito tutti a notare la somiglianza di Vespa alla Buonanima, senza bubboni sarebbe uguale) l'informazione è precipitata in un limbo, che nemmeno nel fascismo... ci manca solo un'altra bella guerra mondiale, ma con tutto l'odio che i media continuano a seminare, è probabile, secondo me che non manchi tanto. Insomma, se il nostro trenino delle montagne russe aveva appena preso la via della salità, sta precipitando velocemente indietro. Io allo specchi non c'arrivo più da un pezzo, la mattina mi brucia troppo lo stomaco e stò piegato in due. Provo a smuovere tutti quelli che incontro, ma spesso sento delle cose che mi rotolano velocemente giù per le gambe e sono di nuovo costretto alla condizione supina del primo mattino. Comunque un po per non morire, un po per testardagine, continuo ostinatamente e fiero di essere diverso in un mondo di omologati.

Marco Tranquilli 30.01.07 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi odia l'informazione, il pluralismo, l'indipendenza giornalistica e non, la concorrenza, i nuovi posti di lavoro, la libertà. Lui è un bravo bambino o un delinquente?

http://www.societacivile.it/

NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Berlusconi, Silvio/Forza Italia

Candidato premier. Fondatore di Forza Italia. Presidente del Consiglio dei ministri nel 1994 e nel 2001. Il suo nome di compare nelle liste della loggia massonica segreta P2: fascicolo 625, numero di tessera 1816, data di iniziazione 26 gennaio 1978. In un'audizione alla commissione parlamentare sulla P2, Berlusconi ammette di essersi iscritto alla P2 all'inizio del 1978 su invito di Gelli. Conferma la sua iscrizione alla loggia al processo P2, nel novembre 1993.

• Nel settembre 1988, invece, in un processo per diffamazione da lui intentato contro alcuni giornalisti, Berlusconi dichiara al giudice:"Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo che è di poco anteriore allo scandalo". Per questa dichiarazione Berlusconi viene denunciato per falsa testimonianza. Il processo per falsa testimonianza si conclude nel 1990: Berlusconi viene dichiarato colpevole, ma il reato è estinto per intervenuta amnistia.

• Berlusconi fu indagato già dal 1983, nell'ambito di un'inchiesta su droga e riciclaggio: la Guardia di finanza aveva posto sotto controllo i suoi telefoni e scritto nel suo rapporto: «è stato segnalato che il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane. Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbe sulla Costa Smeralda avvalendosi di società di comodo...». L'indagine non accertò nulla di penalmente rilevante e nel 1991 fu archiviata.

• Berlusconi è stato accusato di aver pagato tangenti a ufficiali della Guardia di finanza, per ammorbidire i controlli fi.....

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 30.01.07 13:35| 
 |
Rispondi al commento

é tutto molto vero e sono seriamente preoccupato. Ma volevo chiedere una cosa al nostro Beppe Grillo (che reputo una persona intelligente).
A puntare il dito siamo bravi tutti, anche perchè il problema è evidente e se ne sente molto parlare, ma lei ha una proposta per risolvere questo problema? Quello che volevo dire è che è giusto denunciare fatti così gravi, ma accusando e basta non si arriva da nessuna parte e non si costruisce nulla, non crede?

Grazie per l'attenzione.

Cittadino Modenese 30.01.07 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Cazzo!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Io purtroppo son pessimista oramai, non credo riusciremo più a farci sentire, se ne fottono di noi!!!

Luca P. 30.01.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Evidenzio che è impossibile inviare la email all' elenco di persone da lei consigliate, nell' articolo del 28 gennaio 2007, perchè gli indirizzi sono separati da virgole e non da punti e virgole, grazie per la sua attenzione, attendo pigramente la modifica. Distinti saluti Roberta

Roberta Pallotti 30.01.07 12:14| 
 |
Rispondi al commento

NELLA VALLE DELLA MORTE - CONCA TERNANA -

SONO STATI AVVIATI CONTROLLI SUGLI INCENERITORI

DOPO UNA MONTAGNA DI DENUNCIE DI CITTADINI E

LAVORATORI ADDETTI AL SETTORE.

SPERIAMO CHE QUESTI CONTROLLI NON FINISCANO

SOTTO ... LE CENERI.


INTANTO PERO' QUI SI CONTINUA A MORIRE DI

TUMORE A TUTTE LE ETA'.

COME PURTROPPO IN TUTTO IL RESTO D'ITALIA IN

NOME DELLA PAR CONDICIO...

QUALE FUTURO STIAMO PREPARANDO AI NOSTRI FIGLI?


I "VERDI" IN ITALIA SI CHIAMANO COSI' PERCHE' IN

REALTA' SONO MARZIANI.

CHE NE SANNO LORO DEI DISASTRI AMBIENTALI

ITALIANI?


ada vannugli 30.01.07 09:49| 
 |
Rispondi al commento

TUTTO IL MONDO E’ PAESE

Nel senso che ovunque vai ti senti a … casa perché trovi:

Inquinamento da

inceneritori
centrali a carbone
centrali ad olio
acciaierie
elettro carbonio
produzioni di solventi-smalti-plastiche- e porcherie varie

ingiustizia

paga sempre il più debole
ha ragione solo il prepotente
vince il più ricco-potente-protetto

sfruttamento

dei bambini
delle donne
dei minorati
degli onesti

depravazione

legislativa – governativa
amministrativa – burocratica
mentale – culturale – religiosa
sessuale


QUESTA E’ LA “GLOBALIZZAZIONE” CHE STIAMO LASCIANDO IN EREDITA’ AI NOSTRI FIGLI.

ada vannugli 30.01.07 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Il genere umano e' troppo stupido per vivere...

Elvio Lagomarsino 29.01.07 18:49| 
 |
Rispondi al commento

La cosa mette ancora più rabbia quando poi si parla di auto nuove e ecoincentivi: ormai le auto euro 4 erano state santificate, si poteva andare dovunque perchè si diceva non inquinassero, neanche le diesel, anzi queste consumavano ancora meno...
E ora cosa viene fuori?! che senza filtro antiparticolato il diesel euro 4 produce buona parte del pm 10 che inquina le città! Una domanda, allora pigliano per il c..o!!!!! so già che quando comprerò un auto nuova cercando di curarmi che rispetti l' ambiente, dopo 2 mesi sarà considerata vecchia e inquinante! ladri!

frederick bulsara 29.01.07 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Pisa, da 5 anni che sono all'università la musica è sempre la stessa. L'amministratore cittadino Paolo Fontanelli (DS) non fa nulla contro il traffico di questa città che ospita più di 10000 studenti fuori sede, gran parte di sud e isole, che salvano il sedere dell'economia della città.
A Pisa è molto più comodo muoversi in bicicletta che in automobile, ma tanti automobilisti non se ne curano e ci sono tanti bei SUV con le signorotte al cellulare (POLIZIA,CARABINIERI: MA SI PUO' SAPERE CHE STATE ASPETTANDO?) che parcheggiano in seconda fila, che strombazzano con quei maledetti clacson distruggendo i timpani di ciclisti e pedoni.
I DS 2 anni fa misero un manifesto "A Pisa le auto traboccano", ma di pratico non hanno fatto NULLA!
RESET!!

Roberto Murgia 29.01.07 14:02| 
 |
Rispondi al commento

HO 23 ANNI,SONO DI MODENA,E VOLEVO SAPERE CHE FUTURO HO,CHE FUTURO AVRANNO I MIEI AMICI,I MIEI FIGLI,I MIEI CONCITTADINI......ORGANIZZEREMO DELLE FESTE AI CIMITERO,OPPURE ENTRO IN POLITICA E DIVENTO UN OMICIDA?

giuliani luca 29.01.07 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Tutto giusto, però ammettiamo che la colpa è anche nostra. Vogliamo andare ovunque con l'auto, anche dentro i negozi se fosse possibile! Abito vicino a Pontedera: un Km appena fuori dal centro hanno costruito un parcheggio gratuito enorme, con tanto di bus navetta gratuita. Ebbene: mentre questo è sempre mezzo vuoto, la gente si ostina a girare per ore alla ricerca di un posto nel centro, magari davanti a dove deve andare, perchè si sa, fare cento metri a piedi è faticoso...
E' giusto protestare verso che ci amministra male ed in modo delinquenziale, ma facciamoci anche un bell'esame di coscienza!

Gianmarco Cavallini 29.01.07 11:27| 
 |
Rispondi al commento

La situazione smog e polveri è diventata difficilmente sostenibile.
Mi rendo conto del rischio di dirigismo statalista insito nella mia proposta, ma non si potrebbe limitare il numero delle automobili a una per famiglia?
Dalle attuali 40-45 milioni si scenderebbe a 20-22, e, in fondo, il sacrificio individuale non sarebbe così estremo, con benefici comuni incredibili anche sul traffico.

Fabio Fulvio 29.01.07 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono un cittadino della zona sempione,e lavoro amalpensa !!
Dopo sette anni mi sono beccato 5 allergie diverse,la dermatite seborrotica,una gastrite,catarro ai polmoni come uno che fuma 2 pacchetti di sigarette al giorno !! e i dottori cosa dicono..? ''bisognerebbe andarsene via, abitare in luoghi più salubri. ''ma però stanno attaccati alle loro sedie a riempirti di pastiglie che costano un capitale e ti allungano solo l'agonia.....
AIUTIAMOCI !!!!

franco carnevale 28.01.07 21:38| 
 |
Rispondi al commento

E' istruttivo, leggere sul Corriere del 25/01/07 (http://archivio.corriere.it/archiveDocumentServlet.jsp?url=/documenti_globnet/corsera/2007/01/ co_7_070125013.xml) l'intervista sui rischi da inquinamento da polveri sottili rilasciata dal Prof. Nino Kuenzli, epidemiologo di fama internazionale, capace di prendere posizioni coraggiose in materia, riferite anche ai problemi di casa nostra. Kuenzli afferma in modo deciso che le polveri sottili sono cancerogene, affermazione forte che contrasta con una recente presa di posizione di Umberto Veronesi (vedi OK Salute dicembre 2006 pagina 20, titolo "Tranquilli: lo smog non fa venire il tumore"). Inoltre Kuenzli "smonta" l'alibi che la Pianura Padana abbia caratteristiche geografiche che facilitano il permanere di condizioni di inquinamento elevato, chiusa com'è dalla cerchia delle Alpi, poco ventilata e con scarse precipitazioni. Paradossalmente, queste prerogative geografiche sono un privilegio: fanno in modo che l'inquinamento sia un prodotto esclusivamente locale - le attività degli abitanti padani, appunto- e non quelle dei Paesi confinanti, come capita in altri Stati europei. Pertanto, se sono precise le responsabilità, sono chiare anche le soluzioni da intraprendere che, per essere efficaci, devono far parte di programmi inter-regionali di largo respiro.
________________________
Dr. Giovanni Invernizzi
Tobacco Control Unit
Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori
Milano

Giovanni Invernizzi Commentatore certificato 28.01.07 18:32| 
 |
Rispondi al commento

non centra niente, ma per sfogo la posto lo stesso...

to mondowindonline@inwind.it

adesso fatemi capire,
la ricarica che ho effettuato online con carta di credito
ci metterà più tempo di quanto ci avrei messo a scendere sotto casa e comprarla ?
La mia domanda è questa, perchè dovrei preferirvi ?
E soprattutto, perchè dovrei preferire il mezzo telematico
evitando code, carta, pm10, tir avanti e dietro per l'italia ?
Le cose stanno cambiando, cercate di farne parte...

www.beppegrillo.it

vincenzo de sio 28.01.07 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Per Mastella sono PACS VOSTRI

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 28.01.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Scoop Giornalistico: la Professione, L'etica e la Morale

Ci sono professioni che fanno vibrare di entusiasmo, questo perché ti riportano a quel grande sentimento che un tempo stimolava ed entusiasmava l'azione dei Padri, ma oggi il giornalismo non si fa così. Viene tutto filtrato, manipolato, in parte censurato. Il resto non viene neppure presentato e così via dicendo. Oggi la passione, lo slancio e il sacrificio delle imprese, nella impostazione e nella scelta degli argomenti, non può più tendere all'omaggio verso i valori tradizionali della missione del giornalista e del relativo potenziamento del suo vero talento. Il vero naturale e brillante professionista della carta stampata è completamente scomparso. Oggi lo Scoop viene ricercato di tipo facile, quello che serva a qualcuno e che non dispiaccia a molti. L'importante è documentare un fatto e più grave è, meglio è. Se per esempio viene segnalato alla Stampa un pericolo ove vi è a rischio l'incolumità di qualcuno, questo non viene assolutamente preso in considerazione. Ma se quel rischio causa un morto, allora come mosche sullo sterco, sono tutti attenti e all'opera per stilare un articolo. La sindrome della NON PREVENZIONE oggi è arrivata a contagiare anche i giornalisti. Tuttavia ciò accade non per colpa loro, ma per un sempre più marcio sistema, che lentamente col tempo e su questo sentiero non risparmierà nessuno. A quanto pare non importa più se il significato essenziale di un articolo non volge verso una profonda intonazione sociale ed etica, che aiuta, piace e avvince. Non interessano i momenti interminabili, fondamentali e tremendi della vicenda umana, né tanto meno l'angoscioso dramma di una vittima innocente di un'ingiustizia, di uno strapotere, di un delitto. E' un florilegio di paradossi e di errori. ...Continua...

Giacomo Mont 28.01.07 07:52| 
 |
Rispondi al commento

.....Il buon senso a questo punto viene disintegrato dalla filosofia degli affari, sia economici che politici. E' un modo di pensare che viene instillato ai giornalisti da chi ha il potere economico o politico. Ogni volta che però viene represso il buon senso a qualcuno, si uccide una parte di quella persona, di quel padre di famiglia, di quel professionista. Voi mi direte: “che significa reprimere il buon senso?” Significa accecare la coscienza, stordirla, ammutolirla, sopprimendo il potere interiore, in due parole, schiavizzando l'individuo. L'essere umano viene ridotto a merce da utilizzare a proprio piacimento. Il professionista viene trattato come un animale, da cui si deve trarre utilità, potere e profitto, anche se il prezzo che deve pagare sul piano umano e psicologico è enorme. Senza entrare oltre nel merito di questa questione e contestualmente ai probabili relativi danni alla salute che nel tempo potrebbero verificarsi, ricordo solo la necessità di dovere sapere e di considerare l'uomo e i suoi disagi, come prodotto trasformato dalla organizzazione sociale nella quale viene inserito. Chiunque abbia compreso voglia comprendere con rigore ed empatia a che livello decadente di società siamo approdati, inoltrandosi nel campo delle relazioni di aiuto e di ripristino della vera umanità, sempre più calpestata e danneggiata dal profitto sfrenato e criminale. Sono dell'idea che persone divenute gravi vittime dell'arroganza del potere, debbano avere voce e che non è ammissibile sotto ogni profilo mantenere di nascosto sempre più danneggiata, emarginata e umiliata una vittima del crimine.
Chi volesse vedere un esempio di che cosa si arriva mostruosamente a censurare per oltre un decennio dalla Stampa, legga e veda le prove documentali dei crimini impuniti ai danni di una donna innocente dipendente della Pubblica Amministrazione: un ospedale. Clicca sotto.

Giacomo Mont 28.01.07 07:50| 
 |
Rispondi al commento

Problema di tutti. Catanzaro dopo mezzo secolo ha di nuovo l'area pedonale : Corso Mazzini...
Ma dopo le 7 di sera non ci sono più vigili non so per quale ragione. Ed allora cosa c'è di più bello che scarrozzare di sera a tutta velocità su un area pedonale o parcheggiare selvaggiamente ? Forse se anzichè in una corsia d'ospedale qualche bambino morirà travolto da un auto qualcuno se ne occuperà...

Salvatore Intruglio 27.01.07 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma i grandi interessi economici hanno vantaggi immediati dalla limitazione del traffico e dall'aria pulita?
No.
E allora perchè pensiamo che qualcuno che sta nella stanza dei bottoni, visto che è a quelli che deve rendere conto, faccia qualcosa?

Anche troppo che ancora non ce la vendono l'aria.
Ancora 20 anni fa si faceva l'esempio dell'aria e dell'acqua come beni illimitati e quindi non vendibili nè comprabili.
Ora l'acqua la vendono in bottiglia e gli acquedotti si privatizzano.
Fra quanto tempo copminceranno a venderci un'aria di ottima qualità in bombole?

Magari aria del monte Cervino.
Altissima, purissima ...

Fabrizio Castellana Commentatore in marcia al V2day 27.01.07 21:34| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
sono andrea scrivo da chiusano un paesino in provincia di asti. Volevo parlarvi di un problema che ha colpito la moglie di un mio collega, Michela. Da circa un anno le è stato diagnosticato un mieloma, praticamente un tumore al midollo osseo. Dopo chemio e due autotrapianti, ora ha bisogno di un trapianto di midollo osseo; ad ora al mondo, iscritti all'ADMO, non esiste persona con midollo compatibile con il suo. Qui nell'astigiano da circa due mesi è partita una campagna di solidarietà a cui hanno partecipato personaggi del calibro di Giorgio Rocca, Faletti, Litizzetto e altri. Lo scopo è quello di far iscrivere più persone possibili all'ADMO (associazione donatori di midollo osseo), in questo modo non si va ad aiutare solo Michela ma tutte le altre persone malate come lei. Quello che vi chiedo, se è possibile, è di diffondere questo appello a più gente possibile. Grazie alla nostra propoganda, gli iscritti all'Admo nell'astigiano sono aumentati di molto e un mio collega a fine mese donerà il proprio midollo osseo ad una persona irlandese.Purtroppo il tempo corre e entro aprile Michela dovrà sottoporsi al trapianto. Per qualsiasi eventuale informazione non esitare a chiamare.

Andrea Petroselli
0141 901616
petroselli@libero.it

andrea petroselli 27.01.07 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Anche qui ci sono potenti falsi moralismi, caro Beppe, tu lo sai bene e ogni volta lo dimostrate quando togliete dei post che denunziano gravissime negligenze o delitti ai danni di chi è più debole e indifeso. Vi mettete dalla parte di chi con censure stampa nasconde alla gente realtà del Paese, gente che crede in certi individui che ingannano e si presentano al pubblico come persone per bene e affidabili. Di tutto lo schifo in favore dei privilegiati e le mostruose false imparzialità non se ne parla mai, verosimilmente perché c'è chi usufruisce da qualche politico di vergognose raccomandazioni ai danni di qualcuno bisognoso. E' uno schifo, sempre più soldi a chi soldi ne ha già, mentre si danno “BRICIOLE” a chi non ne ha, ovvero ai più poveri, agli studenti - malgrado siano i punti cardini del nostro futuro - agli anziani, agli ammalati, agli invalidi. Ma da che parte stai per davvero Beppe? In certi casi è che divieni inaccettabile. Malgrado tutto si continua a dare pessimi esempi d'etica e "ruba soldi" ai danni cittadini onesti che pagano le tasse ad enorme beneficio di persone appartenenti alle solite categorie dei "protetti", cioè i ricchi o benestanti delle libere professioni, ovvero raccomandati dei politicanti. A questo punto, visto gli esempi pratici che dai, i tuoi video non li guardiamo neppure e lo diremo anche ad altri che sono ingannati dalle squallide apparenze. Non sai più di cosa parlare, a meno che non succedano delle tragedie e forse porti pure sf......Fai del commercio alle spalle delle disgrazie altrui. Mah vergognati!

N.G.C. 27.01.07 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe.
Fai bene a sottolineare come noi Milanesi viviamo quotidianamente il nostro smog-sol ma soprattutto la situazione è peggiorata e continuerà sempre di più con l' incremeto delle vendite di auto Diesel soprattutto con il filtro antiparticolato che sembra essere ad emissione zero invece il particolato viene bruciato in polveri sempre più fini come il pm 2,5 e che sembra in apparenza che non si vede ma in realtà si "respira" meglio. Più che risolvere la questione con i blocchi del traffico dovrebbero smetterla di vendere queste tipologie di vetture e smetterla di continuare ad investire soldi dei milanesi per installare telecamere, parcheggi a pagamento strisce blu rosa bianche verdi ed aggiungerei ache marroni!! che vanno a svantaggio di tutti e non reinvestono nei mezzi pubblici e cioè più tram e metropolitane e meno autobus. Il ticket d' ingresso a Milano serve alla giunta Moratti per finanziare in parte le attività di Paolo Berlusconi quelle per le quali continua ad essere indagato adesso e dopo. Fai qualcosa tu, smerda un pò questa gente che continua a far diventare l' ecologia un business piuttosto che un vero problema sociale.

Elisa Vitali 27.01.07 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda la città di Mantova il PM10 non è dato dalle auto quanto dalla raffineria etc. a fianco della città. Si è provato nel periodo estivo a bloccare le auto ma non è cambiato di molto il tasso di inquinamento aimeh le auto non son il ns problema

laura Olivieri 26.01.07 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Parli di Modena ma Mantova nn scherza!! No comment! In città se ne parla, se ne parla, .. e poi?! Ma le "penne" nn le rimetterò sol io!! Cazz

laura Olivieri 26.01.07 21:24| 
 |
Rispondi al commento

senti caro beppe:ho comperato una macchina euro 4 a doppia alimentazione benz-metano sotto i 100 kw, e i nostri dipendenti cosa hanno fatto? mi hanno aumentato il bollo di 35 euro,(pensare che nel governo ci sono dei verdi,che però al sole cambiano un po' colore)be, che dire, niente non ho più parole.Cari aggrillati questo governo,ma anche l'altro,ci stanno,hanno e ci massacreranno di tasse.E vai,va a.........Saluti.

nicola genovesi 26.01.07 19:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, il problema del pm10è molto serio,ma il guaio è che si stanno scoprendo polveri ancora più sottili fino al PM 1,5. I responsabili sono sempre i soliti, smog centrali elettriche ecc. I rimedi?? Ci sono rimedi?? Li vogliamo attuare?? Non vedo nessuno che voglia veramente applicarsi..Forse ce ne accrogeremo quando il petrolio sarà finito e spero vivamente che finisca presto sempre che ci arriviamo vivi a quel giorno

Chiccolo Demente 26.01.07 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
incazziamoco co sti partitocratici di amministratori e facciamoli capire che non vogliamo respuiarere questo PM 10
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Grillo sei proprio patetico.
Ti vorrei ricordare che grazie all'operazione CHEMTRAILS o SCIE CHIMICHE ,detta in italiano,
ci stiamo ciucciando anche bario e alluminio in dosi massiccie.Ti inviterei a cercare in rete,gli effetti del bario sul corpo umano.Sai usare internet vero?
Paladino del ciuccio.

antonio serazzo 26.01.07 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe un saluto a te e tutti i tuoi seguitori, me compreso, continua cosi !!!
Rigurdo il fatto delle polveri sottili delle macchine, anzitutto io e alcuni amici stiamo provando a fabbricare o meglio modificare la macchina per farla funzionare ad acqua , come in un tuo spettacolo dimostrasti tempo fa' .
Devo dire che ho incontrato parecchie difficolta' quindi se il tuo staff potesse mandarmi qualche disegno e/o qualche spiegazione, qualsiasi aiuto, te ne sarei molto grato . Pensa se tutti andassimo ad acqua , sarebbe finito il problema delle polveri sottili ....e altri problemi. Un saluto Stefano da Finale L.

stefano giobellini 26.01.07 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Si può cambiare davvero radicalmente il proprio paese eliminando il potere che ci uccide lentamente?

I punti principali sono:

a)Produzione;
b)Consumi;
c)Circolazione;
d)Informazione e comunicazione;
e)Risparmio individuale;
f)Rapporti monetari;
g)Comportamenti e stile di vita.

Quali abitudini dovremmo avere quindi?

1° Smettete di produrre, non lavorate più per le imprese, fate qualcosa dove non avete qualcuno che vi respira sul collo.
2° Smettete di acquistare, non comprate più nei grandi magazzini e nei supermercati andate invece nei piccoli negozi di periferia, comprate solo il necessario per sopravvivere, rifiutate sempre le grandi marche.
3° Circolare con biciclette o con mezzi non inquinanti, limitare l'uso dei mezzi pubblici.
4° Sostituire la televisione e i cellulari con il computer per comunicare e ricevere informazioni.
5° Limitare i consumi in casa con candele, lavando a mano, usando stufe a legna.
6° Ritirare i propri risparmi dalle banche e assicurazioni o finanziarie tenendoli soltanto sotto la mattonella di casa.
7° Non partecipare nelle manifestazioni politiche e di stato, non votare alle elezioni politiche e formare gruppi e agregazioni allo scopo di diffondere questo nuovo stile di vita che sconfigge il potere.
...quando le circostanze della nostra vita non funzionano e c'è chi specula soltando come in una partita di scacchi ci si ritrova in stallo, bisogna quindi evitare tali circostanze e di conseguenza eliminarle dalla nostra vita perchè impedirlo in altro modo, ormai è impossibile. E' con la rinuncia e la sofferenza che possiamo vincere, stringere i denti alle tentazioni e alle illusioni, smettere di parlare di politica dei miti e delle imprese, rifiutare tutto ciò che promuove e pubblicizza significherà riprendere il potere di noi stessi.

...Questo messaggio è rivolto sopratutto ai giovani e a chi ritiene di non avere più nulla da perdere o a chi vuole riprendersi comunque la propria dignità.

Gianluca Grillino Commentatore certificato 26.01.07 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui a Milano, mesi di siccità e di ininterrotto superamento dei limiti di inquinamento dell'aria hanno visto la TOTALE INERZIA della Regione Lombardia che ora, con il massimo acume e buon senso, decide di effettuare il blocco del traffico (e non sembra intenzionata a revocarlo, come invece hanno fatto sensatamente altre Regioni del nord Italia serbandoselo per quando serve) quando per la prima volta piove e tutte le centraline dell'ARPA ( vedere: http://www.arpalombardia.it/ ) segnalano valori abbondantemente al di sotto dei limiti di pericolosità !
Viene da pensare che la Regione Lombardia, nell'individuare la data del blocco, sia stata molto più attenta a non ledere interessi di ben determinate organizzazioni e forze economiche piuttosto che alla salute di noi cittadini.
Il buon senso imporrebbe che, se il blocco è necessario, lo si faccia quando serve e non quando è perfettamente inutile solo per dire che si è fatto.
Uno schifo, una vergogna.

Fabio La Daga 26.01.07 11:50| 
 |
Rispondi al commento

non mi stuferò mai di dirlo, Grazie Beppe ti vogliamo bene (Alan e Monica).
Complimenti per lo spettacolo il Dvd è fantastico lo consiglio a tutti... e guai a chi mangia le Macine...

Alan Omodei 26.01.07 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Se quella li' e' Modena... cosa mi succede a roma??.. ma soprattutto se quella macchinetta li' simula il respiro (ma non respira) e quindi espelle cio' che gia' ha passato la retina.... cosa mi resta nei polmoni in aggiunta a cio' che gia' abbiamo visto?????


ciao a tutti,
grande beppe, l'aria sta diventando troppo satura di schifezze.
C'e una soluzione in commercio per diminuire il fenomeno dell'inquinamento, ne sono venuto a conoscenza qualche mese fa.
penso che vi possa essere utile.
Guardate qui il futuro
http://www.alfio.myffi.biz/italian/
ciao

Alfio Palombi 26.01.07 00:52| 
 |
Rispondi al commento

Le citta' italiane stanno diventando invivibili... e' ora di fare qualcosa... grazie Beppe per parlarne nel tuo blog.

Massimo Lotto 26.01.07 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è impossibile leggere tutti i commenti di ogni singola notizia, sono tantissimi, però una cosa mi chiedo (a meno che non sia già stata trattata prima, scusatemi): già in altri tuoi interventi (vedi servizio di Super Quark su un impianto di non mi ricordo bene che cosa a Barcellona) hai detto che ancora non è stato trovato un modo per bloccare il PM10 e soprattutto il PM2.5.
Ora, i casi sono due: o questo non è vero, oppure quell'immagine è un falso. Voglio dire: io non conosco i costi di quel filtrino, però mi pare che almeno una parte del particolato l'abbia bloccata. Com'è che questi filtri non possono essere prodotti in larga scala e impiantati dove serve?

Iacopo Benesperi 26.01.07 00:18| 
 |
Rispondi al commento

guardate qui ...


http://www.youtube.com/watch?v=WEN449wawhM

Dino Spangher 26.01.07 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, nn leggo tutti i giorni il Tuo Blog. Qualche volta ho tentato di scrivere, ora ci riprovo: PM10 è generato da una serie spaventosa di fonti tra le quali le auto e, se leggi la stampa specializzata Ti accorgi che i tecnici del'auto sono i soli impegnati seriamente a ridurre le polveri emesse. Il traffico incide al 20%. Questa campagna di discredito è fatta per costringerci a cambiare l'auto ogni anno. Ti rendi conto? Le strade non pulite, generano PM10. Gli aerei che sorvolano le città, generano PM10. I cantieri con i loro scavi aperti, generano PM10.
Le foglie seccate e triturate generano PM10. La corteccia degli alberi, genera PM10. Il sale sparso sulle strade, polverizzato dal traffico, genera PM10. A Modena, sono attive le fonderie, dai camini e dai capannoni visitati dal vento esce anche PM10 Possiamo fermare il traffico ma il PM10 ci sarà sempre. Una cura sono i vasti parcheggi scambiatori, mezzi pubblici frequenti, alberi, alberi in ogni spazio possibile. Le tangenziali, le strade attorno alle città dovrebbero essere fiancheggiate da alberi e siepi. Anche oggi, 25 gennaio, ho visto abbattere due alberi di alto fusto. Perché? Perché non abbiamo leggi a tutela degli alberi? Inutile comportarsi da rincoglioniti. Cento anni per avere un albero, un cretino con la motosega in cinque minuti lo distrugge. Abbiamo diritto all'aria, di più: all'OSSIGENO. Smettete di vietare. Proponete azioni compensative obbligatorie: Compri l'auto? paghi quattro alberi.

Inutile la mia arrabbiatura. Nessuno agisce e io sono nessuno. Ciao.

Giovanni Rossi 25.01.07 23:28| 
 |
Rispondi al commento

La questione è che l'uomo non riesce a ragionare diversamente,sa tutto del pianeta che si surriscalda,dell'effetto serra,della neve che non arriva, della pioggia che non viene giù,dei ghiacci che si sciolgono, dei cicloni,delle estinzioni attese ed incombenti degli animali...ecc.ecc.ecc.
Qual è l'unica preoccupazione di questo uomo??? Che non c'è la neve per sciare e questo gli rovina la vacanza,ma meno male che i bravi organizzatori delle montagne,riescono sempre ad innevare artificialmente ,anche se consumano 100 0 200.000 mq di acqua potabile all'ora per accontentarli,
esaurendo così le scorte di acqua per la campagna e forse presto anche per i rubinetti di casa!!!
Questo uomo non pensa alla sete,senza acqua non vivrebbe una settimana,ma pensa a sciare!!!
Come credete che questo tipo di uomo possa pensare di rinunciare solo un pochino al suo SUV appena comprato, perchè ben costruito e pubblicizzato fino alla morte,soltanto perchè c'è il PM10??E che cosa è?? Certo,una cosa che fa morire qualcuno...,ma il suo SUV...,bello,grande,lui ce l'ha perciò è più....è più...!! No, questo uomo è un coglione senza speranza, è condannato.A pare mio, potrebbe
salvarsi soltanto se, sia nella sua individualità, che nei sistemi che ha inventato per vivere,politica,associazioni,economia ecc.ecc.,trovi un nuovo modo di pensare e di concepire la propria vita che lo spinga ad individuare le priorità per salvarsi,per esempio imbottigliare l'acqua del ghiacciaio per conservarla,disseminare le coste di impianti di potalizzazione dell'acqua marina,lavorare come un dannato per realizzarli,lottare,lottare,lottare strenuamente per salvarsi,altro che sciare!Sperando che sia ancora in tempo.

sergio scotti 25.01.07 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando ero bambino (1960-1970) ci si riscaldava con il carbone e la benzina non era ancora "verde" (che bufala anche la benzina verde!!!); l'aria che si respirava era di gran lunga più irrespirabile ed inquinata di oggi.
Solo da qualche anno sono venute alla ribalta le polveri sottili PM10 PM2,5: il diavolo.
Contemporaneamente negli ultimi 30 anni l'aspettativa di vita del popolo italiano è aumentata in maniera sensibile (tanto che il popolo italiano è oggi fra i più longevi del mondo).
Ora, io credo sinceramente che il traffico cittadino stia diventando assolutamente insostenibile sia a Milano che in qualsiasi città e cittadina e paesello d'Italia ma qualcuno dovrebbe convincermi che la polemica sulle PM10 non sia finalizzata unicamente ad alimentare se stessa (in altre parole dovresti convincermi che la polemica non serva unicamente a garantire l'esistenza dei movimenti ambientalisti - ed anche il tuo famoso Blog - attraverso il ben noto meccanismo del "catastrofismo").

Discorso del tutto analogo potrebbe essere fatto per l'effetto serra. Sappiamo infatti con certezza che l'adesione al protocollo di Kyoto, per i paesi occidentali, costerà un bel po' di soldi (qualche percentuale del PIL) ma non produrrà alcun effetto concreto né sulla riduzione della concentrazione di CO2 né sulla diminuzione delle temperature medie. Perché? Semplice. Perché la Cina, l'India, gli Stati Uniti e la Russia, ed anche, diciamolo la quasi totalità dei paesi dell'Africa e del Sud America del protocollo di Kyoto, se ne fregano (per ignoranza, per carenza tecnologica o per convenienza. E allora, invece di spaventare la gente con "fratello, ricordati che devi morire" potrebbe essere interessante mettere in evidenza gli effetti positivi dell'effetto serra (che esistono e sono anche significativi) e caldeggiare tutte quelle misure che gli inglesi chiamano "mitigation" e che potrebbero salvare un bel po' di vite umane nei prossimi 50 anni.

Massimo Gambino 25.01.07 23:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai ragione,Beppe,ci stiamo suicidando con l'inquinamento e molti nostri amministratori pubblici (che avrebbero per legge il dovere prima di tutto di tutelare i cittadini!)fanno assolutamente nulla per impedircelo.E' forse corretto chiedersi,però,cosa siamo disposti a fare noi per cambiare le cose:siamo disposti a limitare l'uso dell'automobile,che ci rende così "indipendenti"?Siamo disposti ad utilizzare di più i mezzi pubblici?Siamo disposti ad andare a piedi o in bicicletta quanto più è possibile?Siamo disposti ad impegnarci di più nella raccolta differenziata,oppure nell'utilizzo di materiale riciclato,oppure nello sprecare meno acqua,meno fonti energetiche,oppure nell'acquisto di prodotti equi,fabbricati nel rispetto dell'ambiente e delle persone?Siamo disposti tutti insieme a fare pressioni sui nostri tanto criticati amministratori chessò...magari con una bella e pacifica manifestazione ogni fine settimana,sfilando a piedi per le vie del centro?La sopravvivenza del nostro bellissimo pianeta e,quindi,la nostra sopravvivenza dipende esclusivamente da noi:siamo responsabili del mondo in cui viviamo e che consegneremo ai nostri figli,ma questa cosa sembra non riguardarci,tanto siamo presi dalle nostre futili questioni...Se solo capissimo quanto è delicato il nostro pianeta e quanto siamo vulnerabili noi,avremmo già fatto un bel passo avanti!!

sergio ghibaudo 25.01.07 22:58| 
 |
Rispondi al commento

se provate a digitare in un motore di ricerca intossicazione cronica da monossido di carbonio, potrete dare un senso a molti malesseri.........

patrizia giorgi 25.01.07 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono un accanito sostenitore dei trasporti pubblici, ma il mio amore non è corrisposto. Prendo il treno delle Ferrovie Nord Milano (anzi, LeNord, come si fanno chiamare adesso) da più di 20 anni, per andare da Varese a Milano. In questi 20 anni, nonostante i miliardi di lire e milioni di euro spesi per 'ammodernare' linea e materiale rotabile, i tempi di percorrenza sono passati dai 55 minuti di 20 anni fa a un'ora e 15 minuti oggi: 20 anni di progresso per peggiorare il servizio del 35%.
Addirittura 3 anni fa, per evitare di pagare il bonus dovuto ai pendolari per i continui ritardi, le FNM hanno pensato bene di ufficializzare i ritardi posticipando di 10 minuti l'orario di arrivo: e il bello è che non basta ancora, riescono ad arrivare in ritardo anche con questo orario 'taroccato'!
E cosa dire del materiale rotabile ? Formigoni ha aperto una tratta di passante che non usa quasi nessuno, e ha dirottato trenta treni dalle FNM al passante (i treni migliori, ovviamente), con il risultato che quando si guasta qualcosa le FNM non possono sostituire il treno guasto, non possono fare le manutenzioni, eccetera. Non me lo sto inventando, queste informazioni le ho avute da un loro dipendente, stufo di dover fare da parafulmine e di vergognarsi del servizio scadente che erogano.
E questo non basta: per andare in stazione da casa vorrei tanto prendere un autobus, peccato che l'Azienda Varesina Trasporti non effettui servizio alla mattina presto o alla sera; prendo quindi l'automobile, ma non ci sono parcheggi regolari, quindi devo lasciare l'auto in divieto di sosta, dando per scontato che ogni uno-due mesi prenderò una multa.
Se poi - raramente, molto raramente - devo usare l'auto per andare a Milano, apriti cielo! O si parte alle 6 del mattino, oppure bisogna armarsi di santa pazienza e farsi un'ora di coda in autostrada (che però il signor Benetton si fa pagare a caro prezzo, aumentando i pedaggi del 10% tutti gli anni).

par 5 25.01.07 21:56| 
 |
Rispondi al commento

Io nel 2006 insieme ad altri 200 pazzi abbiamo denuncito il comune di milano e la regione lombardia
per cercare di obbligarli ad adottare delle misere reali per ridurre il pm 2,5 invece di continuare a costruire parcheggi.

Il giudice ha rigettato il nostro ricorso perchè l'apparato giuridico italiano non può obbligare un ente pubblico come il comune e la regione, ad adottare delle misure specifiche proposte da noi.

Però sono sicuro che se i firmatari fossero stati 500.000 non avrebbe potuto rigettare ilricorso,
quindi facciamo qualcosa

Ciao a tutti Vincenzo.

VINCENZO GULISANO 25.01.07 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non si sanno tutti nomi dei responsabili (sarebbe meglio chiamarli IRRESPONSABILI) di questa falsa prevenzione dell' inquinamento che ci manda sottoterra, ma di sicuro si sa che mestiere facevano le loro madri! Loro casa in collina o casa e auto (publica a nostro carico) con filtri antiparticolato e gli altri a respirare m...a.
Discorsi qualunquisti e populisti...?
-probabilmente, intanto i polmoni diventerano grigio topo come i filtri delle colonnine di campionamento!!!

Di do 25.01.07 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Non fu il sindaco di Firenze che qualche anno fa, vietando la circolazione ai suv nel centro, ricevette 21 querele da parte di quasi tutte le case automobilistiche ?

paolo dagnino 25.01.07 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Euro 4, euro 5, euro 6, euro 7, euro 8...
incentivi alla rottamazione...
e ancora PUTTANATE, PUTTANATE, PUTTANATE, PUTTANATE... e ancora PUTTANATE.!

BASTA siamo stanchi, siamo stanchi, siamo pieni,
abbiamo le p. piene delle vostre prese per il c...lo.
La dovete smettere di raggirare la gente onesta.
E' ora che ve la smettiate di prendere per il c...lo!!!

Se aveste minimamente a cuore il bene del nostro paese e non solo, ma anche quello del pianeta intero, non avreste la faccia tosta (faccia di m...da) di raccontarci le str...te che sparate in giro.
Se veramente vi interessasse la riduzione dell'inquinamento adottereste i sistemi non inquinanti che gia' esistono (vedi Idrogeno e vedi soprattutto il motore ad aria compressa di Guy Negre).
Vi chiedo che fine ha fatto
il progetto di imminente apertura in Italia, della fabbrica di auto ad aria compressa di Guy Negre??

Tanto posso immaginarlo il motivo: se si costruissero auto ad aria compressa, la Fiat e tutte le altre case automobilistiche che fine farebbero?
E a tutti quelli che speculano sul petrolio che gli raccontiamo???

Siate coerenti e sinceri, diteci la verita'che siete succubi del giro vizioso del petrolio,
non prendeteci per il c...lo e non pensiate che siamo imbecilli.
Almeno risparmiatevi il fiato quando vi fate intervistare dalle TV; le vostre paternali sull'inquinamento e le polveri sottili, infilateveli su per il c...lo!
Io, e ora, dopo che ha letto questo mio scritto,
tanta ma tanta gente, non crede assolutamente alle vostre menzogne elargite a gran voce tramite i mezzi di comunicazione.
--------------

Questo qui sotto e' il sito dei motori ada aria compressa.

http://www.mdi.lu/

Giovanni G. 25.01.07 20:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un discorso vecchio e tutti noi siamo sensibilizzati da questo problema che non investe solo la respirazione dei nostri bambini e dei nostri nonni, ma anche l'acqua, il suolo, l'atmosfera più in generale...
La verità è che però continuiamo ad essere una banda di ipocriti perchè ci emozioniamo quando vediamo l'ultima nata dell'Audi e tremiamo di fronte a un Mercedes che solo a nominarlo risolve tutte le nostre preoccupazioni giornaliere.
Questo è un problema che già da domani si può risolvere.... basta usare le macchine, basta comprarle, basta sognarle ne invidiarle, basta considerarle come l'unico mezzo esistente per spostarsi perchè sono sicuro che il nostro Signore quando ci ha buttati sulla terra non l'ha fatto con sotto al culo una Polo o una Ford.
Da solo non lo posso fare perchè se no al mio capo poi glielo spiegate voi perchè gli arrivo in ditta alle 10 del mattino, ma insieme si può fare tutto...siamo noi che comandiamo ma la gente non lo capisce o forse ha troppa paura per capirlo...da domani il sistema si può fermare. basta solo volerlo!!!!
E io parlo così ma poi sono come tutti gli altri e tra 10 minuti esco di casa prendo la mia macchina e faccio 50 km per andare a trovare una ragazza che neanche mi vuole...
Matto? no ipocrita......

maurizio brigantino 25.01.07 19:16| 
 |
Rispondi al commento

potremmo cominciare noi a fare qualcosa in attesa che le istituzioni facciano ciò che dovrebbero. So di persone che potrebbero tranquillamente usare un mezzo pubblico ma non la fanno per pigrizia, perchè in metrò c'è la calca,perchè l'autobus non sempre è in orario ecc ecc; quante balle! e sono i primi a lamentarsi che c'è troppo traffico.Dovremmo essere onesti con noi stessi, farci un esame di coscenza e chiederci se veramente non potremmo usare il mezzo pubblico.

giovanni testori 25.01.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

io o 15 anni appena.. Questi probemi mi preoccupano seriamente... perchè nel futuro prodi c strà 20 anni... io almeno 50... anzi molti meno se si continua cosi...
e non so che fare... perchè noi diretti intressati(giovani) siamo forse i meno adatti ad operare una scelta oculata ma siamo gli unici a cui gliene freghi veramente... Che posso fare? Io ed i miei amici... grazie... Lei è illuminante

Luca Vinciullo 25.01.07 18:15| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUA(CESARE):::::::::.
L’ideale per una buona riuscita sarebbe, ahimé, non aver fatto la chemioterapia. La differenza sostanziale poi sta nel fatto di non standardizzare la cura come invece si fa nei reparti oncologici dove per i casi XY ci vuole la cura A, per i casi Y ci vuole la cura B, senza tenere conto della persona con malattia, non la malattia nella persona e questa differenza è sostanziale.

Questa cura è stata criticata per non aver una casistica a grandi numeri di guarigioni, ma basta documentarsi perché il prof. Di Bella ha applicato con risultati ottimi il suo metodo, fin dagli anni ’70 e ci sono tanti libri che ne raccolgono le testimonianze.

Ma non c’era libertà di stampa?

Maggiori informazioni le potete trovare sul sito scientifico del dott. Giuseppe Di Bella (www.metododibella.org) e sul forum del dott. Adolfo Di Bella (www.dibellainsieme.it).

A questo punto spero che il ministro della Salute possa fare chiarezza sugli errori commessi nella sperimentazione del ’98 e che dia il via alla verifica della documentazione in possesso dei figli del prof. Di Bella (centinaia di cartelle cliniche), attestante gli ottimi risultati concreti ottenuti con l’applicazione della terapia Di Bella, quando fatta con i giusti criteri, per poi dispensare gratuitamente i farmaci a coloro che abbandonati dalla medicina “ufficiale” vogliono continuare a vivere e coloro che scoprono di avere un tumore possano scegliere come curarsi.

CESARE BARBIERI 25.01.07 17:21| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUA(CESARE)::::::::::::
La cura si compone di dodici farmaci, di cui solo tre sono mutuabili, e per chi non la conosce vorrei specificare che è quotidiana e la parte più costosa consiste nella somatostatina da iniettare sottocute tutte le notti, con siringa temporizzata. Ne derivano costi secondari come siringhe, aghi farfalla, fisiologica, cerotti, disinfettante... per tutti i giorni.

Io nello specifico spendo circa 800 euro al mese e non trovo giusto che in Lazio, Emilia Romagna e Toscana la cura sia rimborsata dalle Asl. Ci sono malati di serie A e di serie B?

La famosa sperimentazione è stata boicottata e per avere informazioni esatte in merito basta leggere per esempio Dossier - Un po’ di verità sulla terapia Di Bella, di Vincenzo Brancatisano. Non si è voluto confermare - come sarebbe accaduto facendola coi giusti criteri - che la cura Di Bella funziona. Se fosse andata a buon fine, i farmaci sarebbero probabilmente mutuabili e tanti reparti di oncologia chiusi definitivamente, come tante case farmaceutiche, tanti pseudo-medici col pelo sullo stomaco a casa a fare la calzetta.

Però ci sarebbero meno sofferenza e meno morti per cancro, perché la falsa pubblicità che si fa per raccogliere fondi per la ricerca ci dice che le guarigioni sono aumentate, ma le statistiche sulle quali basano i loro dati sono finte. Si calcolano ancora i cinque anni di sopravvivenza (come succede sempre), la malattia si ripresenta al sesto anno, il malato è un “nuovo malato” e quindi rientra nelle statistiche di guarigione.

La verità è che la chemioterapia è la stessa di 40 anni fa e miete vittime come 40 anni fa. Distrugge il sistema immunitario e debilita talmente il fisico che uccide più del cancro stesso. La terapia Di Bella fa l’esatto opposto, ripristina il sistema immunitario e blocca lo sviluppo delle cellule tumorali, non le distrugge chimicamente ma toglie loro il nutrimento finché non muoiono spontaneamente.

L’ideale per una buo

cesare barbieri 25.01.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUA(CESARE):::::

Mi ricordo molto bene le parole degli oncologi che mi curavano qui a Milano, quando proposero il nuovo farmaco, secondo loro già in uso da anni in tutte le cliniche, anche se ancora mancava l’approvazione ufficiale del ministero: mi avrebbe al massimo fatto intorpidire le punte delle dita e delle mani.

Mi ritrovo così dopo sei mesi di terapia a non poter neanche più camminare, a letto senza riuscire ad alzarmi per andare in bagno autonomamente, piena di metastasi ossee e dolori fortissimi. A questo punto (38 anni) gli oncologi gettano la spugna e prescrivono morfina, la classica terapia del dolore per i malati terminali.

Ovviamente vado in panico, il mio sistema immunitario è compromesso e io “non servo” più al sistema perché noi malati siamo clienti e quando non procuriamo più entrate veniamo abbandonati a noi stessi, come già fecero con mia madre, morta di cancro nell’82 e con mia cugina morta di cancro nel 2004. Al sistema serve che noi restiamo malati (solo così rendiamo) non va bene per esempio guarire.

Ma la mia ambizione è proprio questa e mi rivolgo a Di Bella. Visitata con scrupolo, ricevo la prescrizione e inizio la costosa cura. Non che la chemio costi meno, anzi, però è dispensata dal Servizio sanitario nazionale. Siamo ad agosto 2005 e la terapia è impegnativa, richiede costanza e pazienza ma, dopo un mese, io posso camminare autonomamente, riduco gli antidolorifici e dopo due mesi riprendo a lavorare e la mia vita torna “normale”.

Non devo più assumere antidolorifici, gli esami del sangue mensili evidenziano una regressione netta dei markers tumorali. Dopo cinque mesi esatti che seguo la terapia Di Bella il benessere è evidente, so che la strada è lunga. Ma io mi ritengo una persona fortunata perché avendo una piccola attività in proprio, ho potuto assentarmi senza giustificazioni dal lavoro, ovviamente ho dovuto assumere personale per sostituirmi e con grande sforzo economico e rinunce posso cur

cesare barbieri 25.01.07 17:18| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUA:::::::::Cesare

battuto riga per riga in silenzio. Presto, Maurizio aprirà a Milano un “punto” di assistenza per tutti coloro che vorranno avvicinarsi alla terapia Di Bella. Porterà il nome di Mariagrazia.

(di Milo)

Torna alla ribalta la cura del prof. Di Bella. Dopo il secondo congresso SIBOR-MDB al Palazzo delle Stelline di Milano, l’Aian di Modena ha organizzato una riunione presso la Fondazione San Carlo per la presentazione del libro Il metodo Di Bella, esauriente testo scritto dal figlio Giuseppe, sulla terapia che ha ridato la salute a migliaia di malati. La tanto osannata libertà di cura esiste?

La mia storia inizia nel 2002 con una quadrantectomia al seno sinistro e 8 cicli di chemioterapia più trenta di radioterapia. A 36 anni avere il fisico devastato e dover portare la parrucca per quasi un anno non è la cosa più piacevole ma tutto si affronta per guarire e soprattutto ci si fida delle cure tradizionali perché le fanno tutti e sembra sia l’unica strada. I medici ovviamente non propongono altro, guai a parlarne, si seguono gli standard, si alimentano le case farmaceutiche che vendono chemioterapici. Anzi, si chiedono soldi per la ricerca... La più grande truffa del secolo!

Poi la quiete dopo la tempesta. Passa un anno e mezzo e ai soliti controlli ho fatto la doppietta: il cancro si è riproposto all’altro seno, e all’ovaio sinistro, così doppio intervento più mutilante del primo, altri otto cicli di chemio tra cui un farmaco “sperimentale” che mi ha distrutto le ossa, il taxolo, indebolendole a tal punto che il male si è diffuso successivamente anche lì, con metastasi in diversi punti dello scheletro.

Allora perché tanto falso rigore e controlli minuziosi per poter “sperimentare” la cura Di Bella nel 1998 (?) quando poi noi malati oncologici siamo costantemente sotto sperimentazione tacita? Mi ricordo molto bene le parole degli oncologi che mi curavano qui a Milano, quando proposero il nuovo farmaco, secondo l

CESARE BARBIERI 25.01.07 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono un ragazzo di Modena che volova chiederti se potevi parlare di un'altra presa per i fondelli!!!
E cioè dell'oncologia ufficiale e in particolare della chemioterapia!!!
Ti mando un articolo a tal proposito ma ti sottolineo che ho anche 4 conoscenti su 4 che hanno avuto la stessa esperienza dell'articolo di cui sopra.
Grazie spero tu lo possa leggere...Cesare!!!!!!!
ARTICOLO:::::::::::::::::::::::::


(TRATTO DALL’ARTICOLO PUBBLICATO SU “IL FEDERALISMO” del 18 dicembre 2006).

«La truffa del secolo ha ucciso anche me»

Per me, per noi è sempre la “mamma dei lupetti”, Mariagrazia. Quando si ha la fortuna di avere un cane, il padrone inevitabilmente assume il nome del proprio “figlio” a quattro zampe. E così lei, che aveva la fortuna di avere due cani, Milo e Ronnie, nella nostra memoria da qui e per sempre è “la mamma dei lupetti”. Mi aveva telefonato, Grazia, per chiedermi spazio sul giornale. Almeno perché si sapesse che non esiste solo una medicina, quella della chemioterapia. Voleva che si parlasse di più della terapia Di Bella. Voleva dirmi che i farmaci antiangiogenetici riducono il rifornimento di energia alle cellule tumorali, rallentandone o bloccandone lo sviluppo. Il suo tumore, nonostante le metastasi, si ridusse ad esempio del 60 per cento in cinque mesi... Dovevamo sentirci poi ci ammalammo a vicenda. Prima una bronchite io, poi un’influenza lei. E i mesi, come spesso accade, scorrono veloci e ti sembra ieri quando hai sentito il suo messaggio in segreteria.

L’altro giorno, però, il tempo si è mostrato per quello che è quando suo marito, Maurizio, mi ha chiamata. E così, ora, ho tra le mani gli appunti che Grazia, che si è firmata Milo, mi aveva preparato. Chiedo scusa a Maurizio se non ho interpelllato Adolfo Di Bella, uno dei due figli del professore. Avrebbe avuto mille cose e più da raccontare. Ma Adolfo lo posso interpellare quando voglio, Mariagrazia no. Lasciate che pubblichi questo “testamento” di Milo, battuto r

cesare barbieri 25.01.07 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Euro 4, euro 5, euro 6, euro 7, euro 8...
incentivi alla rottamazione...
e ancora PUTTANATE, PUTTANATE, PUTTANATE, PUTTANATE... e ancora PUTTANATE.!

BASTA siamo stanchi, siamo stanchi, siamo pieni,
abbiamo le p. piene delle vostre prese per il c...lo.
La dovete smettere di raggirare la gente onesta.
E' ora che ve la smettiate di prendere per il c...lo!!!

Se aveste minimamente a cuore il bene del nostro paese e non solo, ma anche quello del pianeta intero, non avreste la faccia tosta (faccia di m...da) di raccontarci le str...te che sparate in giro.
Se veramente vi interessasse la riduzione dell'inquinamento adottereste i sistemi non inquinanti che gia' esistono (vedi Idrogeno e vedi soprattutto il motore ad aria compressa di Guy Negre).
Vi chiedo che fine ha fatto
il progetto di imminente apertura in Italia, della fabbrica di auto ad aria compressa di Guy Negre??

Tanto posso immaginarlo il motivo: se si costruissero auto ad aria compressa, la Fiat e tutte le altre case automobilistiche che fine farebbero?
E a tutti quelli che speculano sul petrolio che gli raccontiamo???

Siate coerenti e sinceri, diteci la verita'che siete succubi del giro vizioso del petrolio,
non prendeteci per il c...lo e non pensiate che siamo imbecilli.
Almeno risparmiatevi il fiato quando vi fate intervistare dalle TV; le vostre paternali sull'inquinamento e le polveri sottili, infilateveli su per il c...lo!
Io, e ora, dopo che ha letto questo mio scritto,
tanta ma tanta gente, non crede assolutamente alle vostre menzogne elargite a gran voce tramite i mezzi di comunicazione.
--------------

Questo qui sotto e' il sito dei motori ada aria compressa.

http://www.mdi.lu/

Giovanni G. 25.01.07 16:34| 
 |
Rispondi al commento

(continua.. e finisce)

X combattere il PM 10 La Regione Piemonte che fa?affitta dei paginoni interi in cui in sostanza ci scrive “Se hai un Euro4 vai dappertutto, se hai 4 euro che esci di casa a fare?” e da dei “benaltristi” a chi chiede chiarezza su questo argomento: se devo fidarmi dei dati che leggo, non posso non chiedere al Sindaco di Torino perché nella ZTL ambientale (tutto il centro, e il prossimo passo sarà vietarlo in tutta la città) non può entrare un Benzina Euro2 mentre può un Benzina Euro 4 che emette la stessa quantità di PM10, che in ogni caso è meno di un decimo di un Diesel Euro4 nuovo (semprechè dotato di filtro antiparticolato, evidentemente non obbligatorio), un veicolo di cui per logica dovrebbe essere vietata la fabbricazione.

Rottamate ragazzi, comprate queste belle Euro 4, che nel 2009 uscirà l'Euro 5 e diventeranno inquinanti con metà delle rate ancora nel cassetto..

Luca Giaccardi

luca giaccardi 25.01.07 16:26| 
 |
Rispondi al commento

(continua) "...l'inclusione nel divieto di circolazione, dal 1°/7/06, nel Comune di Firenze della classe di veicoli di gran lunga meno incisiva sull'inquinamento e l'esclusione da tale divieto di quella di gran lunga più incisiva.
Sotto quest'ultimo profilo, il motivo esaminato è quindi fondato, comportando l'illegittimità parziale del provvedimento impugnato ove include la classe di veicoli "auto e leggeri benzina nokat".”

Il parere del CREAR ha quindi sostanzialmente confermato la tesi sostenuta dal comitato cittadino: che l'ordinanza non abbatte il PM10 ma solamente le vecchie macchine, portando a sostegno uno studio del 2000 (quando le vetture a benzina euro 0 erano certo superiori a quelle del 2006) da cui si rileva che le autovetture a benzina (allora tutte euro 0, 1 e 2 ) incidono per il 4% sulla formazione di polveri sottili.


Il Sole 24 Ore del 4/11/2002 avente come fonte la relazione annuale sulla qualità dell’aria del Comune di Firenze - anno 2000, indicava il seguente grafico, a proposito delle cause antropiche del PM10:

Ricordo che i veicoli Diesel Euro 3 sono stati fabbricati e venduti fino a tutto il 2005, quindi è impossibile vietarne la circolazione (avrebbe persino più senso imporre alla casa costruttrice il loro ritiro e la sostituzione con un mezzo a metano, visto che alcuni sono tuttora in garanzia) ma ciò non è una buona ragione per prendersela con qualcun altro al loro posto, almeno così ha ritenuto il TAR.
Ho detto a metano perché da una tabella basata su dati Arpa comparsa sulle pagine di Milano del Corriere della Sera della scorsa settimana risulta che persino i diesel Euro 4, se privi di filtro antiparticolato, emettono più PM10 rispetto ad una vettura a benzina euro 0:

Io mi domando come sia possibile che un intervento normativo che limita così pesantemente una proprietà privata essenziale per la vita di molte persone come è l’automobile non si basi su certezze scientifiche inoppugnabili.

luca giaccardi 25.01.07 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Il TAR toscana annulla le limitazioni per i veicoli Euro 0 a benzina.

Con sentenza n. 56 depositata il 22 gennaio 2007 dalla sezione III del TAR per la Toscana ha accolto il ricorso di un comitato cittadino che si opponeva ai divieti pressoché totali di circolazione ai veicoli Euro0 attuati dal Comune di Firenze lo scorso anno, disponendo che “[…]il ricorso per motivi aggiunti, deve essere parzialmente accolto e il provvedimento con esso impugnato deve essere annullato limitatamente alla parte relativa alla classe di veicoli "auto e leggeri benzina nokat" (rientranti nella categoria "Euro 0").” E pertanto “Accoglie in parte l'atto di motivi aggiunti e, per l'effetto annulla parzialmente l'ordinanza n. 509/06 indicata in epigrafe, nei termini di cui in motivazione” .
Quali ragioni hanno portato all’accoglimento del ricorso, pur confermando la legittimità degli interventi di limitazione del traffico veicolare da parte del Comune di Firenze?
“C'è, tuttavia, un profilo di illegittimità ammissibile proprio perché evidenzia un'incongruità macroscopica, in assenza di motivazione specifica nell'ordinanza impugnata.” Precisa il dispositivo “ E' incontestato dall'Amministrazione comunale che, come rilevato nel parere del CREAR del 31/8/06, la classe di veicoli "auto e leggeri benzina nokat", compresa tra quelle oggetto del controverso divieto di traffico; incide sull'inquinamento derivante dal traffico nella misura del 5,1%, mentre la classe di veicoli "auto e leggeri diesel Euro 3" incide nella misura del 25%, cioè in misura circa cinque volte superiore. Orbene, quest'ultima classe di veicoli non è oggetto del divieto di circolazione.
Essendo la giustificazione del provvedimento impugnato solo la riduzione dell'inquinamento atmosferico, è manifestamente illogico - in assenza di spiegazioni o ulteriori giustificazioni - l'inclusione nel divieto di circolazione,dal 1°/7/06, nel Comune di Firenze della classe di veicoli di gran lunga meno incisiva sull'inquinamento"

luca giaccardi 25.01.07 16:22| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,
scrivo da Roma e qui come ben sai la situazione è quella che è.vivo in periferia e lavoro in centro:è vero,ci metto un'ora con i mezzi ad arrivare,MA CHISSENEFREGA!voglio dire:mi alzo un'ora prima,mi faccio pure una passeggiata dalla fermata della metro a lavoro(3 km)..meglio di così!non impreco contro nessuno perchè evito il traffico,nel tragitto della metro leggo(abitudine persa da chi passa le sue giornate in auto)e prima di iniziare il mio lavoro statico faccio pure un minimo di attività fisica...
Certo non respirerò proprio aria di montagna ma insomma...BASTA CON QUESTE MACCHINE CHE NON SE NE PUò PIù!i bus rimangono incastrati dalle auto,ci mettono ore a fare tragitti di pochissimi km!possibile che faccio prima io a piedi che una linea di un bus express?
BASTA ALLE AUTO IN CENTRO CHE VI IMBUFALITE SOLTANTO A STARE CHIUSI LI DENTRO!
Ho da dire due parole su Modena visto che ci ho vissuto:a Modena l'auto la puoi benissimo parcheggiare e non usare più fino alle 8.30 di sera(ora in cui i mezzi smettono di girare).Modena è organizzatissima dal punto di vista del trasporto pubblico:i bus sono puntuali(hanno addirittura un orario fisso in cui ARRIVANO PER DAVVERO!un miracolo)e sono puliti.Non ti devi spalmare sul finestrino per entrarci,non c'è quasi nessuno sui bus di Modena.E per il centro non hai bisogno che dei piedi o della bici,hanno delle piste ciclibili che addirittura collegano modena con i paesini circostanti!PROPOSTA:allungare l'orario dei bus fino almeno a mezzanotte.E i modenesi potrebbere buttare le auto dalle finestre!

paola longo 25.01.07 16:16| 
 |
Rispondi al commento

le energie alternative ci sono ma nn cele fanno usare senno i petrolieri come guadagnao se abbiamo macchine per metà elettriche?in italia per esempio siamo pieni di sole e con i PANNELLI SOLARI eviteremmo un sacco di smog pero il problema per quei 4 cani che comandanno e che dopo nn spendiamo piu soldi...per i soldi preferiscono farci morire...beppe ENTRA IN POLITICA altrimenti tutti questi discorsi pensieri e incazzature nn servono a nulla...

daniele lanzago 25.01.07 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Nel 2006 più di 200 cittadini milanesi svincolati dai partiti (fra cui il sottoscritto) hanno denunciato la giunta Albertini per non aver fatto niente contro l'inquinamento, nonostante il Sindaco fosse dotato dei "superpoteri" per il traffico...
Il nostro ricorso era serio e documentato, ci abbiamo messo 6 mesi per prepararlo, ma i giudici lo hanno bocciato alla 2a udienza. Eppure all'inizio sembravano propendere sinceramente verso la nostra tesi.
Per questo e altri motivi non credo che la strada della denuncia sia praticabile.
Una possibilità di cambiamento starebbe in una sana incazzatura della maggioranza dei cittadini che però, misteriosamente, sonnecchiano.
In Italia è così, piuttosto che incazzarsi pubblicamente si preferisce morire soffocati.
Piano piano, però, senza disturbare...

Fabio Amoretti 25.01.07 14:57| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

Mentre nel mondo si muore di fame, gli Stati Uniti annunciano con "gioia" l'arrivo della nuova arma militare: l'Active Denial System!

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME X IL VIDEO.

Fabrizio Di Luca 25.01.07 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un ragazzo di 29 anni costretto a vivere nella città di Sassuolo in provincia di Modena, sono perfettamente solidale a qualsiasi movimento che possa istituirsi a favore del benessere ambientale, lo scrivo con la mascherina in faccia, in questa realtà, quella Modenese, il problema inoltre è rappresentato dalle industrie ceramiche che tappezzano tutto il nostro territorio, che cuoce terra e tutti i suoi componenti chimici per produrre le mattonelle che tappezzano in montagne accatastate i piazzali dei capannoni, tutte invendute. Il problema da noi viene risolto con lo specchietto per le allodole rappresentato dal blocco della circolazione nella giornata di Giovedì, guarda caso la giornata del cittadino, dove tendenzialmente tutti i cittadini concentrano le visite agli sportelli comunali perchè hanno orari accessibili a chiunque, ora faccio una domanda, ma il blocco vi appare come risoluzione del problema o solo per far cassa con le multe per i trasgressori che hanno bisogno di un certificato e non capiscono cosa può servire un giorno di blocco su una settimana lavorativa? Credo che i mezzi per risolvere i problemi sull'inquinamento siano in nostro possesso da molto tempo, ma i nostri amministratori sono solo attenti alla faccia quando se la sono rotta facendo propagande inutili per lavarsi la coscenza e incentivare la loro rapina!
Dove andremo a finire? Mah
Vai Beppe continua sempre così, informa, informa, se lasciamo fare sti qua ci troveremo nella bara prima del tempo con i figli eredi dei nostri debiti ambientali ed economici, ci mangiano tutto e con il nostro tutto ci fanno i loro giochini.

Matteo Bellini 25.01.07 14:43| 
 |
Rispondi al commento

abbiamo appena realizzato strade ed un tunnel a Shanghai con i prodotti mangiasmog (quelli veri)che riducono l'inquinamento (dati dei cinesi alla mano) fino all'80%. Quindi senza costi particolarmente elevati vedete che qualcosa si può fare eccome. Per informazioni: www.ecorivestimento.it

Claudio Terruzzi 25.01.07 13:17| 
 |
Rispondi al commento

ho riportato (citando il suo link e nome) sul piccolo blog che tengo quotidianamente, la prima parte di questo suo post, quella che parla di milano perché io ci abito; e la situazione è davvero orribile come sa..
spero che questo non sia vietato, in caso contrario toglierò subito il pezzo di testo,
grazie
lidia

lidia assirelli 25.01.07 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo a tutti l'appello sottoscrivibile online sul sito www.terremutanti.org
Grazie.

Riccardo Colombini 25.01.07 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Grazie caro Grillo del tuo impegno.
Potreste però con il tuo staff indicarci soluzioni provvisorie per poter camminare in giro per le città?
Del tipo, nell'andare in bici o piedi esiste una qualche mascherina utile da indossare o non servono a niente?
Quale semmai la tipologia migliore?
Grazie

Andrea Stani Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

e' ora di convincersi che il "sistema produttivo" così come è oggi non ci concede più alcuno scampo e continuerà ad incalzare le nostre vite: è una guerra senza quartiere.
Il traffico impossibile, l'inquinamento, le limitazioni alla nostra libertà personale sono solo i sintomi di strangolamento cui ci sottopone questo mostro che va via via ingigantendosi.
Si tratta di rimettere l'uomo al centro di tutto e di ricacciare il "prodotto" nello stanzino da cui l'abbiamo tirato fuori 2 secoli fa'.
Al proposito vi consiglio "il ribelle" di Massimo Fini.
Saluti

Giovanni Lippolis 25.01.07 10:33| 
 |
Rispondi al commento

In questa settimana, non ricordo il giorno preciso, ho ascoltato su radio uno/due verso le 20:00 che un comune del nord Italia ha messo a disposizione di un gruppo di ricercatori universitari 2 autobus per sperimentare un motore ad ARIA COMPRESSA. Potete informarvi e pubblicarlo sul blog.
Grazie Francesco Marsico

Francesco Marsico Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 10:09| 
 |
Rispondi al commento

e della presunte leggi antiinquinamento che la regione lombardia stà mettendo in atto cosa si dice??? della vergogna della rottamazione obbligatoria delle auto a benzina non catalizzate dal 1 ottobre 2007???
tenendo presente la data è ovvio che chi ha un'auto del genere o non può permettersene un'altra oppure la usa talmente poco che gli và bene,magari a fare la spesa in paese. e allora che fastidio può dare una Uno vecchia in un paesino??? questo sarebbe il grande provvedimento antiinquinamento???oppure un'ennesima spinta per le case automobilistiche???
ovviamente chi ha un'auto d'epoca(che magari fuma mostruosamente)potrà sempre circolare,come la continua mole di camion che dovranno fare le consegne in città.
e allora....cosa veniamo a raccontarci??? inoltre è bene dire che le automobili a benzina hanno un'influenza veramente minima sul valore di PM10,assolutamente trascurabile rispetto al valore assoluto presente nelle nostre città.
inoltre và fatta una menzione meteorologica,il problema è prevalentemente invernale,nel periodo dell'uso dei riscaldamenti e nel periodo delle inversioni termiche anticicloniche,ossia quando c'è alta pressione per vari giorni le sostanze inquinanti non si disperdono...cosa fare??? ovviamente un blocco programmato assolutamente inutile che viene fatto a caso indipendentemente dai valori di inquinamento del giorno in esame.

zanardini simone 25.01.07 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LO SCOOTER ELETTRICO E' UNA REALTA'

Autonomia 110 km
Velocità max 100 km/h
Ricarica(80%) in due ore, costo ricarica 0,50 euro.
Da prove in città durata carica circa 5 ore.

A gennaio inizia la vendita.

Vectrix presenta la versione 3 Ruote del MAXI-Scooter Elettrico.

Alle eccellenti prestazioni della versione 2 ruote, si aggiungono una maggiore sicurezza e tranquillità di guida.

Electric3W è il MAXI-Scooter elettrico di nuova generazione adatto per chi ricerca una soluzione di mobilità urbana sicura, affidabile e pulita.

Questo veicolo con le sue due ruote anteriori offre l’agilita’ di uno scooter e la sicurezza e la stabilita’ di una piccola automobile.

Dieci anni di ricerche e 65 milioni di dollari di investimenti hanno finalmente prodotto un mezzo elettrico capace di competere con quelli tradizionali. Con costi di gestione 10 volte minore. Unico aspetto negativo il prezzo iniziale circa doppio del tradizionale, ma che comunque se lo si usa frequentemente si recuperano in circa 4-5 anni, visto il consumo tra 1/10 ed 1/6 del tradizionale.

Inoltre si rende un servizio a tutta la colletività non inquinando, dovrebbero esserci anche diversi incentivi statali.

Per conoscerlo meglio clicca mio nome.

Ciao

marco rossi 25.01.07 03:24| 
 |
Rispondi al commento

Chevrolet Volt in anteprima al Salone di Detroit
• La prima automobile con il sistema E-Flex

Il sistema E-Flex, capace di rendere eccezionalmente flessibile l’auto grazie all’unione di trazione elettrica, batterie, motore alimentato da un combustibile e generazione di bordo dell’elettricità, dimostra subito la sua reale fattibilità grazie al prototipo Chevrolet Volt.

Il nome del prototipo parla chiaro e rende omaggio ad Alessandro Volta, scienziato italiano inventore della pila elettrica

la batteria è agli ioni di litio non è ottenuta dall’unione di piccole batterie già oggi in commercio, ma rappresenta il primo passo verso grandi batterie al litio che saranno sul mercato a costi competitivi – secondo le proiezioni degli esperti – tra il 2010 ed il 2012.

Grazie all’unione delle tecnologie che compongono l-Flex, Chevrolet Volt può viaggiare in “solo elettrico” per oltre 65 chilometri,

Chevrolet Volt è progettata per poter essere alimentata da elettricità presa direttamente dalla rete elettrica, da benzina, oppure da E85, miscela composta da 85% di etanolo e 15% di benzina

La Chevrolet Volt è un veicolo elettrico a quattro posti alimentato a batteria, dotato di un motore a benzina per creare elettricità aggiuntiva

“La Chevrolet Volt è un nuovo tipo di veicolo elettrico che risolve il problema dell’autonomia e offre spazio per quattro-cinque passeggeri più i bagagli."

La Volt può caricarsi totalmente collegandola a una presa a 110 V per circa sei ore al giorno.

Il sistema E-flex di GM porta l’automobile verso la nuova era elettrica.
------------------------------------

Chevrolet Volt molto più di un semplice prototipo, tra 2 o 3 anni queste auto saranno in concessionaria, anche Toyota prevede per il 2009 la nuova Prius con batteria al litio.

Per conoscerla meglio clicca mio nome
Ciao

PS: se non è proprio indispensabile, forse, conviene attendere due o tre anni prima acquistare un'altra auto nuova?


@ Aram Megighian,

Anche io la penso come lei.
Però farei attenzione - in merito all'ipotesi che alcune persone 'deficienti' possano essere (o esser state) nostri amministratori.
Se ciò fosse vero, la situazione risulterebbe ben più grave di quanto io riuscissi ad immaginare.
Penso che dovremmo considerare la possibilità che un dirigente della pubblica amministrazione, così come un sindaco, un senatore, un presidente del consiglio o bush, debbano necessariamente disporre di un quoziente intellettivo superiore - fosse anche di poco - rispetto a quello medio della comunità che egli rappresenta (dai 18 anni in su).
Questo che espongo è un dato che può essere scientificamente dimostrato sul piano psicologico.
Se un deficiente come me fosse costretto a confrontarsi - uno contro uno - con una persona ancor più deficiente di me, quest'ultimo avrebbe ben poche possibilità di diventare il mio rappresentante; è logico che sarei io a 'vincere' - e ad aiutarlo a crescere ed organizzarsi. Ciò non esclude che - in una fase successiva - io possa montarmi la testa, soffrire di complessi di superiorità, fino a danneggiare quel povero individuo il quale, sentendosi libero da responsabilità, mi ha lasciato agire fino in fondo, senza interferire troppo coi miei 'importanti' progetti.

Questo non si applica forse anche ai grandi numeri?

Grazie per il link.

Un saluto

ps: immagino che in italia si formino più 'interpreti e traduttori' che 'fisici quantistici'. Su who.org troviamo: arabo, cinese, inglese, francese, russo e spagnolo. Tolto l'inglese, viene quasi il sospetto che sul nostro territorio l'interesse per la salute delle persone risulti inferiore, quanto meno, rispetto agli spagnoli, i russi, i francesi, i cinesi e gli arabi.

gianluca de lorenzi 25.01.07 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Impediamo la costruzione di un mostro di cemento inutile e pericoloso. Fermiamo lo scempio. Sul sito www.regione.sicilia.it puoi VOTARE NO al sondaggio indetto dal governatore Cuffaro sulla realizzazione del ponte. FERMIAMOLIIIIIII......

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 24.01.07 23:43| 
 |
Rispondi al commento

L'automobile dovrebbe tornare ad essere un lusso!
Bisognerebbe usarla solo in casi di assoluta necessità.
Certo che andare a piedi, in bici, in tram, in treno etc è più scomodo e noioso (a parte che quando vedo masse di auto ferme in coda penso che gli sfigati siano loro..)...ma stando comodi non si cambiano le cose!
E' ovvio che dobbiamo fare delle rinunce.
Dobbiamo capire che il prezzo che si paga per queste comodità è TROPPO ALTO!!!

Gio D. Commentatore certificato 24.01.07 23:38| 
 |
Rispondi al commento

E'evidente caro Grillo che l ambiente e l'ecologia sono incompatibili con il business.
Dunque auto carburante ecc finchè esiste il petrolio che sia maledetto temo che si potrà fare ben poco .Le gente sulla carta è aperta alle soluzioni ma poi nn rinuncia ad utilizzare l'auto per andare anche a messa o fare un giro al bar.
Dunque se parliamo del popolo italiano il dna è da cambiare ma temo che le generazioni a venire siano già state lobotomizzate ad usare i veicoli a motore.Camminare a piedi lo sapevi che fa male alla "salute"? Un saluto

stefano marino 24.01.07 23:15| 
 |
Rispondi al commento

La Corte Costituzionale dichiara illegittima la legge Pecorella

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 24.01.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

a proposito:
quando ho rottamato l'auto per cercare di rinunciarvi definitivamente ho provato un pò di tristezza (ci avevo fatto il viaggio di nozze e tutta una vita mi è passata davanti) ma poi mi ha pervaso un grande senso di libertà e mi sono goduto come non mai il viaggio di ritorno a casa a piedi. ho provato a fare l'autostop ma nessuno che mi avesse cagato. allora mi è venuto in mente che le macchine dovrebbero usarle (di quelle euro 10!) solo gli anziani che ne hanno veramente bisogno e noi giovani (quindi fino almeno ai 50 anni) dovremo andare a piedi o in bici rispolverando un minimo di orgoglio represso!
Gli anziani dovrebbero dare il buon esempio e dare passaggi solo ai loro coetanei (così intanto socializzano) per evitare di avere sfiducia nel prendere in macchina i giovani

lancio un sasso


chiedete e date più autostop a chi vi ispira fiducia così contribuiamo a far circolare meno auto.

se non vogliamo dare un passaggio ad uno sconosciuto magari mettiamoci d'accordo nel palazzo per andare a lavorare o creiamo una rete informativa di necessità di spostamento e di macchine disponibili da condividere.

qui l'amministrazione potrebbe avere un bel peso nel creare un servizio del genere o nel disincentivare l'utilizzo di auto con una sola persona entro.

ciao a tutti

gianluca fontana 24.01.07 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma dai!Davvero!
Dalle mie parti ci sono eccome le centraline, ma ci sono troppi interessi per non farle funzionare.
Ci sono persino studi da prestigiose facoltà universitarie italiane che prendono, guarda caso, come campione di studio la mia città natale, a quanto pare siamo i più fortunati perchè abbiamo il più alto numero di malati di tumore a livello cerebrale.
In città ovviamente non se nè parla, tabù e intanto ci si ammala.

Katia Zambon 24.01.07 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non vieni a Bergamo dove il Comune ha fatto realizzare una via (via Borgo Palazzo) con un prodotto che dicono che "mangi lo smog". Io abito nella via; l'Arpa sta facendo delle misurazioni e sembra che sia diminuito l'inquinamento. La gente dice che finalmente si possono tenere le finistre aperte.
Ciao
Sergio

Sergio Rigon 24.01.07 21:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(scusate mancava un pezzetto)

secondo me L'UNICO MODO SENSATO PER PROTESTARE è AGIRE CONCRETAMENTE.
purtroppo l'unico modo per farsi sentire (ma lo dobbiamo fare in tanti)è RINUNCIARE a qualcosa che generalmente ha a che fare con la comodità:

- l'auto privata
- il motorino
- il riscaldamento a stecca per stare nudi in casa
...eccc

concretamente: io ho approfittato dell'incentivo per la rottamazione dell'auto per passare al Carsharing. In molte città è un servizio gà attivo.

Io per gli spostamenti cittadini uso la bici ma se serve veramente uso il carsharing (accompagnare le bimbe lontano da casa o uscire la sera) ma soprattutto è un buon motivo per convincere a far rinunciare alla macchina pure la consorte se è ansiosa.

Non faccio pubblicità a questo servizio, vi assicuro non mi viene in tasca niente, ma credo che sia una delle poche iniziative che possono contribuire a far cambiare mentalità nei confronti dell'uso dell'auto, non lo è certo la costruzione di parcheggi anche se viene dalla stessa mente in comune.

i vantaggi che vedo:

- tenere sotto controllo i costi e liberarti dall'acquisto obbligatorio dell'auto

- restituire spazio ai bambini in città per giocare (può sostituire la seconda auto o, per i più temerari anche la prima)

- rendere la libertà a chi si sente schiavo dell'auto ma non ne può più fare a meno (soprattutto per quello che ha pagato e continua a pagare er mantenerla); ovviamente va usato con moderazione solo per casi di necessità.

- ridurre l'inquinamento (sono auto a metano ed a benzina ma soprattutto solo quando servono)

come tutti i servizi utili andrebbe certamente controllato in qualche modo da noi utilizzatori in modo che sia efficente e possa diminuire i costi.


fatemi sapere cosa ne pensate.

Gian

Gianluca Fontana 24.01.07 21:24| 
 |
Rispondi al commento

generalmente ha a che fare con la comodità:

- l'auto privata
- il motorino
- il riscaldamento a stecca per stare nudi in casa...eccc
concretamente: io ho approfittato dell'incentivo per la rottamazione dell'auto per passare al Carsharing. In molte città è un servizio gà attivo.
Io per gli spostamenti cittadini uso la bici ma se serve veramente uso il carsharing (accompagnare le bimbe lontano da casa o uscire la sera) ma soprattutto è un buon motivo per convincere a far rinunciare alla macchina pure la consorte se è ansiosa. Non faccio pubblicità a questo servizio, vi assicuro non mi viene in tasca niente, ma credo che sia una delle poche iniziative che possono contribuire a far cambiare mentalità nei confronti dell'uso dell'auto, non lo è certo la costruzione di parcheggi anche se viene dalla stessa mente in comune.
i vantaggi che vedo:
- tenere sotto controllo i costi e liberarti dall'acquisto obbligatorio dell'auto
- restituire spazio ai bambini in città per giocare (può sostituire la seconda auto o, per i più temerari anche la prima)
- rendere la libertà a chi si sente schiavo dell'auto ma non ne può più fare a meno (soprattutto per quello che ha pagato e continua a pagare er mantenerla); ovviamente va usato con moderazione solo per casi di necessità.
- ridurre l'inquinamento (sono auto a metano ed a benzina ma soprattutto solo quando servono)
come tutti i servizi utili andrebbe certamente controllato in qualche modo da noi utilizzatori in modo che sia efficente e possa diminuire i costi.
fatemi sapere cosa ne pensate.
Gian

Gianluca Fontana 24.01.07 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Egr. Tutti
Pensavo che se noi TUTTI con la forza della internetcrazia invaiassimo tutti i giorni al Comune di Modena una Email di protesta comune e firmata.. forse potremmo metterli moralmente in difficoltà.
Personalmente non sono un grande conoscitore della materia, ma se qualcuno mi volesse indicare un sito o una posta elettronica di Modena, mi impegno a farlo quotidianamente.

Cordiali saluti.

Claudio Piazzi

Claudio Piazzi 24.01.07 20:29| 
 |
Rispondi al commento

non so se il precedente post è andato a buon fine nel dubbio riconfermo che a Civitanova Marche nonostante il superamento dei limiti delle Pm10 un giorno si e uno no da quando si stanno facendo i rilevamenti metà 2006(prima buio) ad oggi il Sindaco medico della mutua non ha mosso un dito.Probabilmente metterà iun campo 4 diomeniche a piedi e per i restanti giorni la settimana possiamo crepare.

amedeo regini 24.01.07 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
non so se leggerai questo post, ad ogni modo anche se solo un collaboratore leggesse quanto sto scrivendo mi basta, è sempre una persona in più informato sui fatti.
Sono di Carpi e studio Ingegneria alla facoltà di Modena. Ogni mattina prendo il treno(Carpi-Modena) e una volta in stazione raggiungo la facoltà in bicicletta, posizionata nelle apposite rastrelliere, sperando che domani ci sia ancora. Ho deciso di usare la bicicletta anche a Modena, già la uso a Carpi, per svariati motivi. Innanzitutto sono più indipendente, non inquino e non mi tocca pagare per uno spostamento di appena 3-4km.
Ho cominciato da ottobre a scorazzare per Modena in bici e appena dopo qualche giorno, mi viene la tosse. Sarà un male di passaggio...è autunno..Ma niente, questa rimane e se ne va solamente a fine dicembre, quando ho appunto finito gli studi del primo trimestre e rimango a casa a studiare. Questo episodio, posso assicurarti, che è successo ad altri miei coetanei che come me fanno la stesso tragitto ogni giorno.
Ora, cosa dovrei fare? Ho ripreso il secondo trimestre la scorsa settimana e fino ad ora niente in arrivo..speriamo continui così.
Inoltre è interessante sapere che la società dei trasporti modenese ATCM ha un buco in bilancio enorme che giustifica con questa lettera (http://www.atcm.mo.it/Download/Giornalino/a2006n83.pdf) dopo che alcuni giornali ne avevano parlato ampiamente. E' interessante anche che per la nostra facoltà le corse ci sono ogni 20 minuti e secondo te sono in orario??
Risulta altresì interessante che per Modena e provincia è stato revocato il blocco alla circolazione per giovedì 25 dei mezzi in centro città a causa dell'arrivo della pioggia(http://www.comune.modena.it/liberiamolaria/) e che tale provvedimento si era giustificato in un articolo della "Voce di Carpi" come un "atto per educare l'automobilista", dato che si ammetteva che tale blocco era praticamente inutile..
Spero che le cose miglioreranno...

Dario Sacchetti Commentatore certificato 24.01.07 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Oltre l'aria di fuori c'è l'aria dentro. I locali chiusi, centri commerciali, hotel, ospedali, teatri, luoghi di lavoro o di svago, insomma tutti i posti dove l'aria viene canalizzata sono delle miniere ricchissime di batteri e funghi che noi ignari respiriamo gratuitamente: Legionella pneumophila - Staphylococcus aureus - Pseudomonas aeruginosa - Escherichia coli - Proteus vulgaris (batteri); Aspergillus niger - Penicillium funiculosum - Cladosporium cladosporoides - Alternaria altenata (funghi).
Esistono degli organi di controllo all'interno delle Aziende Sanitarie ed esistono delle norme su questo tema. Ma i rilievi per la qualità dell'aria che respiriamo nei locali chiusi vengono effettuati?
Certamente a seguito di denunce alle autorità competenti, per gravi motivi di salute documentati, si attivano controlli e disposizioni con l'obbligo di bonifica (si spera). E pensare che oggi tanti che gestiscono attività dove sono presenti impianti di aria condizionata si fregiano del marchio di qualità. Un bel dire e mostrare. Eppure soluzioni serie già sperimentate e applicate con ottimi risultati esistono e non solo in questo campo. Coma manca? La vecchia "buona volonta" perchè con determinazione e coraggio si ricerchino soluzioni di ben-essere liberi dalla logica del profitto ad ogni costo. Forse manca il coraggio di stili di vita più autentici sia personali che collettivi. O forse manca il coraggio di denuncia cioè di far venire a galla la verità. Comunque, in molti casi c'è senz'altro la possibilità di dire NO ed andare controcorrente ad esempio aderendo a campagne informative e di boicottaggio. Alla fine di questo intervento vorrei salutare tutti e dire: occhio quando entrate in posti chiusi perchè la bella Legionella e suo compare Aspergillus con Pseudomonas il muscoloso possono tirarti uno staphylococcus e stenderti con un Proteus vulgaris; sempre che non ti lascino il piccolo Penicillium funiculosum che è comunque una bella Alternaria altenata.
Ciao.

Giuseppe Criffo' Commentatore certificato 24.01.07 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Il colore nero del filtro mi fa sospettare che i maggiori responsabili siano i motori diesel, altro che euro 4, fap e via dicendo... e il colmo è che la pubblicità spinge quasi esclusivamente su questa motorizzazione nefasta: TDCI, TDI, diesel...!!! Perchè metano e GPL (che NON producono PM 10!) sempre cenerentole? quali gli interessi economici nascosti? Bisogna forse per forza consumare il gasolio rifiutato dall'automobilismo USA e, guarda caso, lo dobbiamo fare noi con la convinzione di essere più moderni e risparmiosi? Sì, peccato che i polmoni incatramati siano nostri anche quelli!!

Ottone Taddei 24.01.07 19:04| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe, sono Daniele uno dei tanti studenti universitari italiani!scrivo per congratularmi con te,e adimostrazione di cio',Io con altri ragazzi che studiano come me stiamo approcciando l'idea che prenderesti sicuramente i nostri voti se tu ti candidassi! un comico che salva uno stato in rovina!Sarebbe da libri di storia!giusto fa' al caso dell'Italia!per favore prendi sul serio queste parole in modo che apriresti un varco al futuro di molti noi giovani universitari!!Io ora ti sto' scrivendo dall'olanda in quanto sono,solo per un breve periodo,a studiare qua' e mi posso rendere conto di quanto e' carente la nostra universita' in termini di infrastrutture e conoscenze,nonostante io studi in una universita' ben rinomata come quella di Perugia.
a presto
un tuo elettore

Daniele Pansolini 24.01.07 18:56| 
 |
Rispondi al commento

####################################################
#
#
#
#
#-------SALVALE.BLOG.TISCALI.IT----------------
#
#
#
#
####################################################

Monica Belloccia 24.01.07 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Petizione per legalizzare l'olio di colza come carburante!

http://www.petitiononline.com/mod_perl/signed.cgi?COLZAOIL

Super Shiwa 24.01.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questi ultimi anni, si è intensificata un’attività che la stragrande maggioranza della popolazione mondiale continua purtroppo ad ignorare. Mi riferisco ai voli di aerei che attraversano i cieli sopra molte regioni del pianeta. L’operazione cominciò negli Stati Uniti nella metà degli anni ’90, per poi estendersi al Canada, ai paesi aderenti alla N.A.T.O. alla Russia ed a molte altre nazioni. Questi velivoli lasciano, lungo le rotte seguite, delle strane scie che, generalmente, a differenza di quelle di condensazione, non si dissolvono entro breve tempo, ma persistono nell’atmosfera, sino a trasformarsi in nuvole simili agli strati. È un fenomeno evidentissimo, abituale di cui tutti possono rendersi conto, semplicemente alzando lo sguardo al cielo. Su quelle che i ricercatori indipendenti hanno definito “scie chimiche”, esistono parecchi studi di cui riporto i risultati salienti.

Vari studiosi, tra cui l'ingegnere Clifford E. Carnicom, il meteorologo Scott Stevens, il fisico Neil Finley, il medico statunitense Michael Castle, la tossicologa Hildegarde Staninger, l’italiano Antonello Lupino, il direttore della rivista Nexus Tom Bosco e molti altri hanno investigato gli effetti di queste famigerate scie. Queste le loro conclusioni.

- Le sostanze chimiche rilasciate servono a modificare il clima della Terra per contrastare la formazione degli ammassi nuvolosi e quindi la caduta delle precipitazioni. La conseguenza più evidente è la siccità.

- Gli elementi irrorati a quote elevate, in sinergia con H.A.A.R.P., determinano una ionizzazione dell’atmosfera in modo da favorire la trasmissione di segnali radio ad uso militare (radar) e civile.

- Le sostanze amplificano, sempre insieme con H.A.A.R.P., campi elettro-magnetici che possono danneggiare le membrane cellulari del plancton e come radiazioni non ionizzanti concorrere all’insorgenza di neoplasie.

- Con i voli, sono diffusi nell’aria virus, spore di funghi e batteri atti a causare epidemie soprattutt

Antonio Marciano 24.01.07 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che un po' di responsabilita' di questo stato di cose ce l'abbiamo tutti.
Anche se tutti i lavoratori e pendolari usassero macchine a idrogeno o a metano rimarrebbe il problema della movimentazione delle merci, che e' esplosa esponenzialmente negli ultimi 30 anni e .... ha fatto danni notevoli, PM10 parlando.

Tutte le merci trasportate su gomma emettono PM10.

Non si puo' bere la birra messicana, chiedere l'acqua francese a Milano, o l'acqua di Bergamo al ristorante di Roma, far lavare le lenzuola degli ospedali milanesi in Basilicata e poi lamentarsi che c'e' il PM 10 nell'aria. !!!
Va cambiato il modello di sviluppo e il tipo di consumo dei beni.
Sul primo possiamo fare poco, sul secondo MOLTO.

Se nel supermercato trovo 10 tipi di offerte di latte fresco, anche quello prodotto anche a 500 - 600 KM da dove risiedo e lo compro ... io sono la causa del PM10.

Cominciamo a fare questa considerazione la prossima volta che acquistiamo merce.
Specialmente quella di consumo quotidiano.

Andrea Monti Commentatore certificato 24.01.07 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo un gruppo di lavoratori preoccupati per le sorti del loro futuro, perché nel 2003 sono stati siglati diversi accordi fra Regione Emilia Romagna, provincia di Rimini, Comune di Morciano di Romagna, Comune di San Clemente, Rinnovamento Ghigi una società creata per riconvertire la struttura aziendale e gli attuali proprietari della nostra azienda, il Consorzio Sviluppo Agricolo di Forli. Tali accordi prevedevano il trasferimento della nostra attuale azienda, in un’area appositamente realizzata nel limitrofo comune di San Clemente. La struttura è formata da tre complessi, un Pastificio, un Mulino e Mangimificio, e da lavoro a circa 120 dipendenti. L’azienda è nata a Morciano di Romagna nel 1870 dalla fam. Ghigi, da cui ha preso il nome.
E’ previsto un P.R.U. per la riconversione dello stabilimento, con un progetto che comprende la realizzazione di,uffici, appartamenti, centro commerciale, per un giro d’affari che si aggira attorno hai 50milioni di euro. L’inattaccabilità di tutto il progetto complessivo, da parte di chi ne era scettico e critico è sempre stato il baluardo inserito come prefazione del primo accordo sottoscritto “il tutto per garantire e mantenere l’attuale livello occupazionale, sia del Pastificio che del suo indotto”. Le amm. pubbliche sono andate in aiuto alla cooperativa concedendogli di acquistare 70mila mq dei 100mila totali ad un prezzo di 10euro al mq, contro un valore di mercato di circa 100euro al mq, opzionando all’interno del vecchio uffici e sale per qualche milione di euro. Morale della favola oggi ci troviamo nel non rispetto degli accordi visto la sola realizzazione della struttura del pastificio, e la presentazione da parte dell’azienda della cassa integrazione, per ridurre gli organici, ma nessun provvedimento a carico di nessuno.
Chi deve intervenire? Chi controlla i soldi pubblici?

Mario Rossi 24.01.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ma dove si possono trovare questi filtri?

Massimo Lotto 24.01.07 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Passiamo all'energia N-U-C-L-E-A-R-E ed alle energie rinnovabili INSIEME per dire no al petrolio ed ai suoi drammatici effetti sulla salute e sull'ambiente.

marco falconeri 24.01.07 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lavoro, purtroppo, in un'azienda che produce materiale elettronico che poi va a finire in svariati dispositivi usati per il strumenti per il TELELAVORO.
Nel 1999 si pensava che presto sarebbe arrivato il TELELAVORO e che l'azienda, dato che tra i suoi cavalli di battaglia per promuovere la sua immagine ha posto la tutela dell'ambiente, ne avrebbe adottato e promosso la sua diffusione.
A distanza di 8 anni invece ho percorso la bellezza di 300.000 km con la mia auto Diesel (la distanza media tra Terra e Luna per intenderci) e credo che avro' consumato l'ossigeno prodotto da 8 ettari di bosco .. secondo alcune stime.
In ufficio chi parla di TELELAVORO viene automaticamente bollato come "alternativo e poco affidabile", ed intanto continuiamo a fare i pendolari per andare in ufficio e collegarsi, tramite pc, con server che stanno in GERMANIA! Dunque facciamo i pendolari per telelavorare (!), di fatto, su computer che si trovano a migliaia di km di distanza. Oltre il danno anche la beffa!
Con queste teste non si va da nessuna parte...ed intanto stanno costruendo una autostrada per la gioia dei costruttori legati alla mafia.

Cripto Gramma 24.01.07 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Settimana scorsa sono stato a Milano per lavoro. Ero al 5 piano di un edificio con vista sul tetto di un condominio molto esteso, a due passi da S. Ambrogio. Dal grosso camino centrale dello stabile uscivano nuvole di fumo nere e voluminose, come quelle che escono dal fumaiolo di una nave.
Uno spettacolo penoso.
E in ufficio? Caloriferi bollenti senza sosta.
Fuori: 14 gradi, alta pressione, aria ferma.
E i tumori silenziosi che si insinuano.

Matteo Bianchi Commentatore certificato 24.01.07 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Ciao! Tutti abbiamo il dovere di fare qualche cosa. Dopo tanti anni ho cambiato macchina, anche se la macchina che avevo prima la usavo poco (10.000 Km.L'anno)ho voluto contribuire ad inquinare ancora di meno,comprando una macchina a metano.Ma questa mia scelta non l'ho trovata molto positiva a parte l'inquinare meno. Il bagagliaio non esiste perchè ci sono le bombole,e va bene,i distributori sono pochi e sull'autostrada sono quasi inesistenti e quelli che ci sono alcuni sono privi cartello con la scritta.Il pieno delle bombole è di 11 Kg e dovrei fare 260 Km.ma il massimo che ho fatto sono Km 220 in autostrada a 110,120 Km.orari, e quì mi sorge il dubbio che le pompe non siano regolari.Non aggiungo altro anche se ce ne sarebbe molto ancora. Ciao a tutti.

Ambrogio Casati 24.01.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Questo è un argomento vasto e difficile da affrontare in poche righe... all'estero si sono dati da fare prima ed in modo più costante e graduale...Monaco di Baviera per esempio possiede la bellezza di 7 linee di metropolitana piu 8 linee di treno veloce (oltre naturalmente ad un buon numero di linee di superficie quali tram etc.)

C'è da considerare inoltre che il buon senso suggerirebbe di rendere non accessibili le vie del centro città...se queste fossero isole pedonali e raggiungibili in tempi brevi con mezzi pubblici efficienti una grossa fetta dello smog da traffico verrebbe letteralmente spazzato via dall'aria. Bisognerebbe avere il coraggio di prendere il problema di petto e di fare un serio piano di investimenti...tutti i soldi investiti in opere pubbliche quali metropolitane e linee di superficie verrebbero recuperati da un nettissimo calo di malattie più o meno gravi legate all'inquinamento senza contare che, oltre a migliorare in modo importante la qualità di vita in città, il sistema immunitario ne gioverebbe...

Chi ha il coraggio di affrontare un tale impegno?

Un saluto a tutti i blogghisti

Antonio O. Commentatore certificato 24.01.07 15:27| 
 |
Rispondi al commento

io sono anche disposta ad autotassarmi per pagare eventuali avvocati per denunce, l'aria, l'acqua sono sacre disposta a tutto per difenderle.

pia clemente 24.01.07 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Ogni mattina accompagno le mie due nipotine a scuola a piedi. Nel tratto di strada che faccio sia all'andata verso le 8.30 che al ritorno verso la una e trenta, un tappeto di macchine ferme in coda col motore acceso. Alla fine del percorso ci lacrimano gli occhi e avverto difficoltà nel respiro. Spesso utilizzo una mascherina per proteggere me e il viso delle due bambine. Mi stringe il cuore a veder che mondo stiamo consegnado alle nuove generazioni e ancora di più a pensare a quali rischi espongo le bimbe durante questo percorso. Vorrei sapere se ci sono gli estremi per incriminare il sindaco della mia città per tentato omicidio nei confronti di bimbi e nonni accompagnatori pedoni.

pietro baeri 24.01.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

ogni volta che guardo, mio malgrado, la pubblicità della total vedo questa 500 vecchio tipo e mi pare un bell'incentivo ad acquistare la nuova 500 che ancora deve entrare in commrcio, che ha le stesse linee(molto simile)....bello no ! a me fa pensare molto !

fabio goracci 24.01.07 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma quale meraviglia, se si pensa che di automobili che vaddano a gas ce ne saranno di fabbrica forse sei sette modelli o poco più, questo la dice lunga sull'attenzione che ci mettono nei confronti della nosdtra salute. Ma davvero i ns. dipendenti che pretendere che l'auto viaggi ad acqua come nei tempi che furono propose Grillo in televizione e poi nei suoi spettacoli...., o che almeno nel frtatempo ci sia l'obbligo di farle uscire di fabbrica tutte a doppia "alimentazione"....nel frattempo, no...ma anche queste nostre dissertazioni qua sopra resteranno sempre lettera morta quando ci si scontra con i grandi poteri.....!Se il 20% della popolazione mettesse 100 euro per fondare la prima società onlus automobilistica.....ci compreremmo òla Fiat e daremmo il via a sole produzioni "naturali"...L'olio di colza & Co sono iniziative che non van bene per noi occidentali ricchi che ci permettiamo ospedali e cure - vedasi Umberto I° - di successo..con leader che vanno all'estero per farsi curare....insomma nulla di nuovo sotto il sole!

FABIO CETERONI 24.01.07 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Signori, le PM10 sono la diretta conseguenza di anni di pubblicita' prodiesel di motori esagerati per il normale utilizzo e di tecnologie che ci vogliono far passare per "nuove" ma che di innovativo hanno poco o nulla... Personalemnte penso che se la campagna fatta peri diesel fosse stata fatta per carburanti piu' ecologici come il metano, OGGI avremo citta' piu' pulite.
Se interessati all'argomento visitate il sito www.metanoauto.com

Massimiliano Cordioli 24.01.07 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo soffocando in un circolo vizioso!
Nessunomolla la macchina perchè i mezzi non funzionano, ma i mezzi pubblici non funzionano soprattutto a causa del traffico e di automobilisti imbecilli.
Ieri sera a Milnao i tram di due linee sono rimasti bloccati per 45 minuti perchè un cretino aveva parcheggiato la macchina in un punto dove il tram avrebbe dovuto svoltare.
COse come queste accadono molte volte in un giorno.
Poi il comune non è che si sforzi molto, ma diamine, non c'è un briciolo di collaborazione.
E poi ci sono un sacco di alternative alla macchina, qualcuno sarà proprio obbligato, e vabè, può sempre cercare di comprarsene una che non fa danni, ma chi ha un briciolo di buona volontà, che si faccia lo sbattimento di prendere un mezzo, o un "taxi bus", che a milano girano all'impazzata e sono quasi sempre vuoti!
Collaboriamo!!! Non aspettiamo che le cose cambino da sole, per divino intervento!!!!

Gio D. Commentatore certificato 24.01.07 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, anche in questa occasione scatenerai un putiferio. L'argomento dell'inquinamento dell'aria è forse uno dei temi principali da combattere e trovare un giusto sistema per respirare aria pulita. Però..Però...Come è possibile arrivare alla risoluzione del problema se ormai la nostra vita è condizionata dalle auto, camion, motori di ogni genere, caldaie di riscaldamento, ciminiere delle fabbriche e quant'altro? Il tema delle auto che inquinano è una palla che rimbalza e non viene mai allontanata. Si fanno fermi alla circlolazione, targhe alterne, divieto di circolazione agli autoveicoli d'annata, Si fanno promozioni per acquistare sempre più auto nuove ma......l'aria è sempre più inquinata e qui vorrei fare un mio ragionamento. Io sono in possesso di un'auto diesel una opel Astra di circa dieci anni di vita, Sono sempre stato un dieselizzato, salvo una parentesi di auto a gas che mi si incendò per fuoriusita dello stesso. Ho provato a mettere un tubo allo scarico, l'ho indirizzato dentro l'abitacolo e mi sono chiuso dentro per circa 15 minuti tenendo il motore acceso. Mero tentativo di suicidio, si perchè dopo 15 minuti ero ancora vivo e vispo, solo un po' affumicato. Volevo evidenziare con questo, che non è vero che il diesel inquina più della benzina, anzi sono le auto catalizzate con la benzina verde che con la marmitta catalitica usurata inquinano da far shifo. E poi, io non posso permettermi di acquistare un'altra auto perchè mi manca la materia prima, cioè il vil danaro e non posso accedere al credito per vari motivi, quindi perchè devo rottamare un'auto che a me funziona? E perchè vogliamo fermare le auto e andare a piedi quando ci è stato imposto questo sistema? Non sarebbe meglio smettere di fabbricarle e tornare pian piano ad utilizzare le carrozze o veicoli a pedale in attesa di mezzi più adeguati tipo l'auto ad idrogeno? e poi, perchè devo pagare assicurazione, bollo, tasse varie sull'auto quando poi la devo tenere ferma per volere altrui?

LUCIANO F. Commentatore certificato 24.01.07 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei ringraziare Beppe Grillo e tutti i frequentatori di questo blog per l'interesse manifestato verso la mia inchiesta sulle PM-10 a Modena. Vorrei aggiornarvi sul fatto che sono bastate poche gocce di pioggia perchè il sindaco revocasse l'ordinanza di blocco delle auto previste per il giovedi e dunque domani si potrà circolare liberamente. La versione integrale dell'inchiesta, con le posizioni di ASL E POLICLINICO - per chi volesse approfondire l'argomento - è sul mio sito www.vincenzobrancatisano.it - Cordiali SALUTI a tutti - Vincenzo Brancatisano

Vincenzo Brancatisano 24.01.07 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Io abito in un piccolo paese privo di mezzi pubblici per cui l'utilizzo di un veicolo privato è praticamente un obbligo. Mi sono trasferito a Torino per motivi di studio e sono privo di auto.
Scrivo per dire cosa ne penso dell'utilzzo di veicoli privati nelle grandi città...
Come c..o fate? se vuoi muoverti devi farti Km di coda, impieghi ore per arrivare da qualsiasi parte, poi ore per trovare parcheggio, quindi hai il terrore dei furti, mentre se andavi a piedi o con i mezzi pubblici facevi probabilmente prima.
Anche senza considerare questioni di carattere ecologico, chi utilizza la macchina in città spende per avere un servizio estremamente scadente.
Credo che il servizio di CAR SHARING vada potenziato con una flotta di veicoli elettrici, ma la soluzione più semplice rimane non usare l'auto

Daniele Renzoni 24.01.07 13:05| 
 |
Rispondi al commento

CIP 6 La beffa?
Buongiorno,
ricordate i famigerati cip6, quelli che incentivavano le fonti da energia rinnovabile e assimilate (Inceneritori centrali a carbone, olio pesante, ecc...).
Ricordate l'esultanza del ministro Pecoraro Scanio per la vittoriosa battaglia portata in parlamento durante l'ultima finanziaria? http://www.beppegrillo.it/muro_del_pianto/energia/index.html
Bene, qualcuno sostiene che i cip6, sono usciti dalla porta, e rientrano dalla finestra.
andate a vedere http://www.ecquologia.it/sito/pag1143.map?action=single&field.joined.id=67465&field.joined.singleid=68993#Scena_1
Ho mandato un commento anche sul blog del ministro, teniamo alta l'attenzione, ci stanno e ci vogliono fregare.
Già che ci sono vi ricordo di firmare la petizione sul Conto Energia 2007 in Home page del nostro sito
www.energianaturale.it
L'alternativa unica per noi e per il pianeta, è la diffusione di energia pulita, di pannelli solari, fotovoltaici, di geotermia, di microgenerazione, di tecnologie capaci di produrre e sfruttare idrogeno, di una richiesta che venga dal basso e che venga ascoltata e attuata dall'alto. .... di democrazia.
Saluti


Simone Pozzoli (energia) Commentatore certificato 24.01.07 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Io mi sto riconvertendo ai mezzi pubblici, ma, dovendo andare tutti i giorni al lavoro in giacca e cravatta, ho bisogno di due requisiti essenziali:
1) mezzi pubblici frequenti e quindi sgomberi, e
2) pulizia delle vetture.

Stamane pioveva, quindi non vi dico lo sporco, e poi tutti pressati, qualcuno che non si lava, ecc...

Ma ci sono ancora gli incentivi per i motorini elettrici? E le colonnine di ricarica funzionano? A piazza Cola di Rienzo (Roma) ce ne sono 4 ma non sono attive, allora gli amministratori predicano bene e razzolano male?!

Andrea Carrassi 24.01.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere se esistono nel web, siti in grado di dare informazioni generali gratuite sulle aziende(indirizzo ,tipo di attività e situazione generale di bilancio), incluso la posssibiltà di controllare attraverso la Partita Iva, la denominazione dell'azienda?
Lo domando perchè ho notato che questo è possibile, ma solo a pagamento..(si può sapere il nome dell'azienda gratuitamente ma non un controllo gratuito dei dati con la PI).Ma queste informazioni non dovrebbero essere pubbliche? Perchè devo pagare per avere un'informazione dovuta...? Che ne dice Beppe Grillo?

Mariella Fedullo 24.01.07 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono un Fisiologo, cioè uno scienziato che studia come "funziona" un organismo. Mi sono perciò informato sull'argomento cercando e leggendo quanto è stato pubblicato nella letteratura scientifica sull'argomento (una valanga di lavori). Mi pare quindi strano si possa argomentare su queste cose di fronte a dati così chiari. Anche voi per un'ulteriore (e purtroppo ancora più negativo) approfondimento della questione, di consultare il sito dell'Organizzazione mondiale della Sanità (www.who.org) e di cercare il termine PM10 (search: PM10). Otterrete una serie di documenti ufficiali e scientifici che riportano (già dal '90) i danni ascrivibili ai PM10. Riportano uno studio del '96 (svizzera, austria e francia) che dimostra come circa il 40% del PM10 nasce dal traffico veicolare e, soprattutto (cosa di cui qui si parla ancora poco) riportano come il danno da PM10 sia niente in confronto ai PM5 e PM2.8 che arrivano ancora più in profondità nei polmoni.
So che tutti voi sapete queste cose. Il punto è che ci sono ancora "deficienti" che non accettano questi dati scientifici (quindi misurati, analizzati, e riproducibili) e che purtroppo tali persone spesso albergano tra i nostri Amministratori. Mi ha fatto pena sentire dalla TV satellitare il Signor Bush che riconosce il riscaldamento globale. Lo stesso Bush che, assieme alla sua amministrazione, bocciò e stracciò riconoscendole inconsistenti, le conclusioni della Conferenza di Kyoto che si basavano, appunto sui dati scientifici pubblicati.

Aram Megighian 24.01.07 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Io sono emigrato in Svizzera. Mi spiace, ma si sta meglio sotto quasi tutti i punti di vista, nonostante ci siano gli svizzeri. Cibo a parte, ma quello me lo faccio io.
Buona fortuna

Pietro Tanasini 24.01.07 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Toh.... Modena... Firenze... citta' DA SEMPRE amministrate dalla sinistra, DAL MEGLIO della sinistra, DA QUELLA SINISTRA PURA... Pancho Pardi.... in regioni ROSSE... ROSSISSIME.... amministrazioni MODELLO.... toh... guarda....
E' sarcasmo eh!

Frank Deafs 24.01.07 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo un'altra notizia di grande interesse:

http://www.autoblog.it/post/6736/audi-un-nuovo-gasolio-pulito

Audi: un nuovo gasolio pulito

In questi giorni l'Audi fornisce le vetture per organizzare gli spostamenti del World Economic Forum in corso a Davos (A8, A6, Q7...), in Svizzera (fino al 27 gennaio). In questa occasione, Audi sta alimentando la flotta delle sue Audi A8 con un nuovo tipo di gasolio, battezzato SynFuel e sviluppato in collaborazione con Shell.

Il nuovissimo carburante è ottenuto dal gas naturale attraverso una reazione chimica. Il monossido di carbonio emesso è ridotto, in percentuale, del 93%, gli ossidi di azoto (NOx) del 35%, l'anidride carbonica del 5%.

La novità riguarda anche la possibilità di utilizzo: il SynFuel non richiede modifiche meccaniche per renderlo adatto ai motori della produzione Audi attuale. La sperimentazione, di questo nuovo prodotto, per altro, è stata condotta anche sulla R10, vittoriosa a Le Mans nel 2006. Durante la corsa, infatti, l'auto utilizzava una speciale miscela di Diesel con un'elevata percentuale di Synfuel.
Le A8 "pulite" della flotta non subiscono peggioramenti nelle prestazioni: 326 Cv, 250 km/h autolimitati, consumo medio di 9,4 litri ogni 100 km.

Alessandro M. Commentatore certificato 24.01.07 12:30| 
 |
Rispondi al commento

caro Grillo siamo in troppi a cambiare metabolismo e apparato respiratorio.Stiamo diventando,se non moriamo prima,dei mutanti che invece dell'aria,dell'ossigeno respiriamo PM10 Monossidi,Furani,ecc.
Anche nella mia piccola città: Civitanova Marche un giorno no e uno si le centraline Arpam che monitorizzano l'aria ci dice che superiamo i limiti di legge delle Pm1o.Ovviamente gli amministratori non fanno nulla,non uno straccio di provvedimento serio,strutturale.L'amministrazione comunale ha rifatto il look del Corso principale spendendo 4 milioni di € ma è una pista per auto che di accavallano .Che fare? siamo stanchi di denunciare,di polemizzare ma non mi voiglio arrendere sempre che Sindaco permettendo le PM10 e simili non mi uccidano prima.
ciao
amedeo

amedeo regini 24.01.07 12:26| 
 |
Rispondi al commento

E che ne pensate della centrale a carbone di Tor Valdaliga a Civitavecchia? Enel nel nome dell'energia che ci ascolta la costruirà perchè il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso dei comitati No Coke perchè presentati oltre i termini previsti. La salute dei cittadini dipende dalla data su un timbro postale. Grande nazione la nostra...!

Gaspare Ligresti Commentatore in marcia al V2day 24.01.07 12:24| 
 |
Rispondi al commento

http://www.tecanalysis.it/

Fab Pap 24.01.07 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole una autorità che sia autorità vera in in senso etico, nell'interesse di tutti. Un'autorità politica etica, buona, onesta. L'utorevolezza deriva da questo, non dall'investitura popolare tout court. E' questa autorità a mancare in italia. Nel nostro sistema politico attuale ci sono autorità piccole, in genere corrotte, in genere molto ben pagate nei vertici "apicali" ( vocabolo questo molto amato in italia) ed in lotta perenne tra di loro. E questo noi lo chiamiamo il sale della democrazia.
Non è democrazia. E' il caos dove ognuno cerca di arrivare al suo traguardo.
Una autorità pubblica, politica, buona, etica ed onesta dovrebbe ri-creare nelle nostre città i sistemi di trasporto di inizio secolo, le tram-vie ad esempio, aggiornate sui numeri e sulla tecnologia di una società di massa.
Per fare ciò quella autorità deve investire molto denaro in modo etico ed onesto, TAGLIANDOLO da altre voci di spesa meno urgenti, per costruire una rete di trasporto pubblica seria dove i tram siano : utilizzabili con facilità, puliti, sicuri, a prezzo contenuto, molto frequenti la mattina, il mezzogiorno e la sera. Punto.
Questò potrebbe essere una valida alternativa alle automobili in città.
Le autorità pubbliche italiane hanno le caratteristiche di cui sopra? Direi di no.
Dobbiamo rifondare le nostre istituzioni.

maurizio de felice 24.01.07 11:55| 
 |
Rispondi al commento

maremma quelle foto sono impressionanti.....
poi ci si lamenta che sempre più persone sviluppino allergie (quando gli dice bene...), tumori, e malattie croniche varie....

M. Toscano 24.01.07 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Le "PM 10" sono una presa in giro.

Secondo l'anatomo patologo Francesco Piscioli dell'ospedale di Rovereto, misurare solo le polveri PM 10 è uno scandalo: è un'enorme presa in giro per la salute dei cittadini.

I provvedimenti attuati contro l’inquinamento atmosferico da polveri sottili si sono rivelate un fallimento e non poteva essere altrimenti. Hanno tra l'altro provocato un enorme danno economico ai possessori di autovetture euro 0 e euro 1, che hanno dismesso i loro autoveicoli acquistati con sacrifici, il cui valore commerciale è crollato a zero, e ne hanno comperato altri che poi sono stati bloccati dalle targhe alterne.

Le vere "polveri killer" in realtà sono una frazione delle PM 10, cioè le PM 2,5, costituite da particelle con diametro uguale o inferiore a 2,5 µm. E’ una miscela complessa di migliaia di composti chimici, alcuni tossici. L’attenzione è rivolta agli idrocarburi aromatici policiclici (PHA) che svolgono un ruolo nello sviluppo del cancro. E’ il particolato più pericoloso, perché può rimanere sospeso nell’atmosfera per giorni o settimane. Ma le PM 2,5, incredibilmente, non sono misurate dalle centraline.

La normativa europea vincola al monitoraggio delle PM 10 ma è in grave ritardo sulle ricerche epidemiologiche che da oltre cinque anni hanno individuato nelle pm 2,5 un potere oncogeno (cioè in grado di provocare tumori) che causa la morte di almeno 3.000 cittadini all’anno. Paradossalmente, un elevato valore del PM 10 può corrispondere alla presenza di poche particelle del tipo PM 2,5, mentre un valore di PM 10 "nella norma" può corrispondere a concentrazioni di PM 2,5 estremamente pericolose.


Buongiorno a tutti.
Gran bel casino...
Scusate ieri leggevo tra i commenti qualcuno che parlava dell'olio di colza.
Vorrei avere qualche informazione sulla conversione del motore (costi e tempi) e sulla reperibilità del carburante (dove si prende e costi).
Grazie mille!
Credo che solo cambiando le nostre abitudini (magari con qualcuno dei dipendenti dalla nostra - non come i Verdi... - e non sempre e soli a farsi i cavoli loro), la situazione possa cambiare.
In bocca al lupo a tutti!
Buona giornata,
Riccardo

Riccardo Colombini 24.01.07 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono innocente! Vado in giro con l'auto a metano! Monovalente ad uso esclusivo di metano, cioè ho un piccolo serbatoio di benzina inferiore a 15 litri che mi serve per arrivare al primo distributore disponibile visto che in Italia di distributori di metano ce ne sono solo seicento, manco uno in sardegna! Emissoni di pm10? Zero!

massimo ricci 24.01.07 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Grillo, da sempre mi preoccupa il problema dell'inquinamento e non solo dell'aria....So che che non è facile trovare (o voler trovare) anche parziali soluzioni. Ma vorrei che i ns.politici o "addetti ai lavori" ci dicessero cosa dobbiamo fare,nel ns.piccolo, per migliorare le cose. Non basta dire: consumare meno quando tutto ci spinge a un consumismo sfrenato.Prendere i mezzipubbl.quando alla fermata aspetti un quarto d'ora e ti riempi i polmoni di veleni!Vorremmo avere più regole.Ad es.io non acquisto cose di plastica, uso pochi detersivi e solo quelliconfez. in scatole di cartone, riciclo anche l'acqua....ma è una goccia nel mare e vorrei poter fare di più.

Renata Travaglia 24.01.07 10:45| 
 |
Rispondi al commento

ho letto il commento di uno dei blogger sul nuovo tipo di cemento dell'italcementi il tx active un'innovazione tutta italiana, acclamata all'estero ma che qui da noi ne ho sentito parlare solo su questo blog. mi sono andato a ricercare qualcosa su google e ho raggiunto il sito dell'ital cementi dove e' spiegato a grandi linee il funzionamento del nuovo asfalto "mangia smog" per chi vuole andare a visitare i link al sito sono questi:
http://www.italcementi.it/newsite/txactive/home.html
ed in particolare
http://www.italcementi.it/newsite/txactive/fotocatalisi/fotocatalisi.html

Un cemento tutto italiano dicono e sono sicuro che noi saremo gli ultimi ad utilizzarlo.

marco mecca 24.01.07 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Questa è una delle tantissime contraddizioni inerenti al sistema capitalista, che si basa sulla produzione per il profitto (a favore dei soliti pochi).
Questo tipo di società da una parte ci spinge a comprare automobili sempre più moderne, grandi, potenti ed esteticamente accattivanti, per garantire i profitti ai capitalisti dell’industria automobilistica e petrolifera, dall’altra cerca con i suoi impotenti governanti di risolvere il grave problema dell’inquinamento crescente e degli incidenti mortali dovuti all’eccesso di velocità sulle strade. +___+

--
LAVORATORI DI TUTTO IL MONDO, UNIAMOCI*!
NON ABBIAMO NULLA DA PERDERCI SE NON LE NOSTRE CATENE.
ABBIAMO UN MONDO DA GUADAGNARE.
http://www.worldsocialism.org - http://worldsocialism.blog.excite.it
* democraticamente e senza capi.

Gian Maria Freddi 24.01.07 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Perfettamente d'accordo con quel che dici Beppe.
L'aria si sta davvero facendo pesante e me ne accorgo sempre più dal mio mal di gola perenne.Ho iniziato ad odiare le macchine.TUTTI si lamentano dell'aria irrespirabile,ma nessuno fa a meno della macchina!Capisco le esigenze,ma per andare a prendere il pane a 200m da casa,si può anche fare 2 passi...ed in tante altre occasioni.Comunque ci si sta muovendo in una direzione,quella giusta si spera.Dall'asfalto Active Tx della ItalCementi,che trasforma i gas,le sostanze nocive,in sali minerali,dimezzando l'inquinamento del 50%,(Chissà se poi,invece di inquinare il cielo,l'ozono,non si andrà ad inquinare le falde acquifere ed i terreni) alla scienza che studia i nuovi consumi ecologici...e se si muove l'America,ci muoveremo tutti in quel senso(triste da dire,ma è così).D'altronde si sa che scientificamente parlando gli americani sono sempre un passo più avanti.Nel frattempo che questi progressi diventino effetivamente reali,denunciamo questi fantomatici uomini che invece di prendere decisioni concrete fanno finta che vada tutto bene,per il bene del paese...

Andrea De Giorgi 24.01.07 10:28| 
 |
Rispondi al commento

A livello CULTURALE questa epoca é forse la peggiore in assoluto che stia attraversando la penisola italiana.
Non stiamo producende niente di significativo, di utile, per migliorare la societá che lasceremo ai nostri FIGLI e nipoti.
Quando essi guarderanno al passato e si renderanno conto di quanto poco abbiamo fatto, probabilmente, e con tutto il diritto, ci indicheranno come la peggiore generazione che abbia mai solcato il suolo italico.
Se in loro sussisterá ancora un barlume di intelligenza, se non lo soffocheremo con l'inquinamento, le veline, il calcioparlato, il talkshow, i reality, i politici senza ideali, i telegiornali pilotati... forse ci rinnegheranno, faranno uno zero sulle nostre vite e inizieranno a vivere come esseri umani e non come potenziali CONSUMATORI.
Forse...

Gengis Kianto
per un futuro...solo per un futuro

Gengis Kianto 24.01.07 10:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

voi tutti qui parlate dell'idrogeno ma vi pongo una domanda: per produrre l'idrogeno liquido quanto petrolio ci vuole? da dove la prendi l'energia per produrre l'idrogeno? tutti i sistemi produttivi vanno a energia elettrica benzina ecc. quanto costerebbe la conversione a fonti rinnovabili? questo non vuol dire che ci dobbiamo tenere il petrolio ma cercare fonti rinnovabili come il fotovoltaico eolico ecc. ma da subito se no poi sarà difficile il cambiamento. fino a quando il petrolio non finisce sarà un'utopia o quasi l'idrogeno come le altre fonti rinnovabili. io direi un buon incentivo sarebbe quello di finanziare almeno parzialmente la costruzione di impianti fotovoltaici sia per la produzione di energia su grande scala sia per la produzione di energia che basta per una famiglia, specialmente al sud dove il sole c'è 340 giorni su 365.

Rosario PIro 24.01.07 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sia il momento di pensare e realizzare una trasmissione settimanale su internet. Non più solo video ma discusssioni, inchieste creando così un nuovo appuntamento con l'informazione che non passi attraverso i tradizionali canali televisivi. Non so se sia tecnicamente possibile, ma sarebbe "divertente" avere un appuntamento serale, ad esempio, il venerdì (alla fine della settimana dopo aver ascoltato tutta l'iformazione ufficiale) alle 21,00 su un canale internet. Il titolo? Con la speranza di incidere sulle questioni che riguardano tutti, penserei a: "E se domani ....."
Buon lavoro, Daniele

Daniele Cutolo 24.01.07 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Manca l'educazione,manca la consapevolezza che stiamo andando verso un suicidio globale.
E guai a farlo notare.Si incazzano se parli di questo,durante le pause pranzo al lavoro con i miei colleghi se cerco di impostare un discorso del genere ,mi guardano male (e mentalmente mi mandano pure affanc..l,PREFERISCONO PARLARE DELLA SOAP OPERA,PREFERISCONO DORMIRE.
I politici sono loro stessi ostaggi degli utenti automobilisti e delle industrie.
Molto dipende da noi,siamo noi che dobbiamo iniziare a cambiare la nostra quotidianeita'.

Luigi M. Commentatore certificato 24.01.07 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Non mi tornano i conti, se le due foto sono a distanza di 12 ore come mai in nessuna delle due foto e' notte? La luce e' la stessa, sembrano scattate alla stessa ora. Probabilmente il confronto e' fra un filtro nuovo e quello del giorno prima, ma bisogna specificarlo, altrimenti un qualunque petroliere puo' tranquillamente dire che e' un falso e che non e' vero nulla, esattamente come fanno da anni.

Stefano Mongardi 24.01.07 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa dobbiamo dire Noi Napoletani che grazie a Bassolino non possiamo circolare nemmeno a piedi tanta è l'immondizia che giace nelle strade.
L'importante e che si parli di Bagnoli e della citta della scienza che fino ad ora non servon o a nulla ,basta pensare che la bonifica dell'ex italsider è servita solo a cacciare migliaia di operai . Per non parlare della sanità ( ci vorrebbe un capitolo a parte)
mi fermo qui il resto alla prossima
Ciao Michele da Pozzuoli

Michele Terrin 24.01.07 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe fino a quando esisteranno questi bastardi di petrolieri con la loro ingordagine non cambierà nulla, noi respireremo sempre di più questa schifezza immessa nell'aria.

sergio.coccia 24.01.07 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Finche nn si ficcano in zucca che cn euro 4, euro 5, euro 10, euro 27 e cosi via nn cambia 1 tubazzo la situazione sara sempre questa, è inutile anche scrivere post che tanto si spreca solo tempo...
Abbiamo le tecnologie x debellare definitivamente lo smog (motori a idrogeno, x esempio)... ci vogliono cambi RADICALI, tangibili, nn idiotaggini di motori a norma! nn esistono motori a benzina a norma!!! sn tutti inquinanti, anche i motori ero 4.978 (fra 50 anni, quando l ossigeno sara 1 ricordo vago)!!!!


Caro Beppe,
questo è un problema che non si risolverà mai, se non cambia la coscienza dei nostri signori politici (si fà per dire politici). Non basteranno mai le domeniche senza auto, bisogna cominciare a pensare seriamente a fonti di energia alternativa, come Tu hai sempre sostenuto nei tuoi blog e nei tuoi spettacoli.....
Ma quando i nostri politici. . . lo capiranno ??!!
Campa cavallo....

Angelo Mennone 24.01.07 08:09| 
 |
Rispondi al commento

ma scusate non era passata la legge dove si impediva
ad azziende come telecom di telefonare in abitazioni private o in uffici negli orari piu strani per offrire nuovi tipi di contratti? mi semra strano come cittadino ricevo piu di 3/4 proposte commerciali che non mi interessano,alla settimana
prprio mentre mangio alle 13:00/14:00
mi viene il dubbio che sia intercettato!

Matteo Marchi 24.01.07 08:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno signori, Secondo me ad esempio l'italia avrà un guadagno visto che è un riventidore di combustibili fossili perciò visto che à già il bilancio in perdita non credo voglia rinunciare a dei guadagni, perciò la politica non si convertirà alle energie pulite molto facilmente almeno che non scopra che può fare un mucchio di soldi. Senza parlare delle aziende che con il petrolio ci vivono. Perciò credo che la soluzione per passare ad un'energia pulita sia semplicemente offrire ai cittadini un'alternativa a basso costo; come?
Io non lo sò riparo computer, però quando nessuno ti caga l'unico moto per levarti dalla merda è fare da se! per se intendo i cittadini. Ora mi lancio nella pura utopia, quanti saremo in Italia a essere stanchi di respirare pm10? 10.000.000? supponiamo che il 30% di questi sia disposto a dare 10 euro basterebbero per iniziare a produrre un'auto ecologica a basso costo? e se invece di dieci ne volessero dare 20 di euro si potrebbe iniziare a pensare come realizzare una rete di distribuzione di un conbustibile non fossile? Insomma credo che se il cittadino si sentisse veramente parte di una società 10.000.000 anime potrebbero cambiare il mondo, basta mettersi d'accordo.

Sperando che ci siano persone che rinunciano alle prestazioni della propria auto in cambio della salute dei propri figli!

Scusate se posso risultare idiota.

Giorgio Fiandrino (rompipalle) Commentatore certificato 24.01.07 04:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma di che vi lamentate?Non sapete che è arrivata finalmente la nuova ed infallibile cura allo smog?
Si chiama Tx Active.Un nome che evoca inevitabilmente paesaggi silvestri e incontaminati!!!!!!!!!!Infatti si tratta di un "naturalissimo cemento al biossido di titanio" ,il quale sembra sia in grado di assorbire fino al 50 per cento di polveri e trasformarle in "sali minerali innoqui(fotocatalisi urbana)....e non si sporca!!!!!!!"La Italcementi salverà il pianeta!!!!Siamo proprio alla frutta!Sentite,gente,vediamo di capirci un po' di più di sta cosa che mi sa un po' di "minchiata mangiasoldi e cervelli!!!"

Vanessa Matteucci 24.01.07 01:41| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo sta cambiando, molto in fretta, troppo velocemente. Se non si inverte la rotta, partendo dal piccolo, dal personale... finiremo solo per distruggere il mondo

Roberto De Giuli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.07 01:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nei primi 15 giorni dell'anno a Milano sono state superate 9 volte le soglie di allerta per il PM10 e prontamente i nostri validi amministratori hanno bloccato imediatamente il traffico delle auto private, avviando con solerzia l'apertura di cantieri per la costruzione di una rete di piste ciclabili; dopodichè il sindaco Moratti in persona si è recata in parlamento per presentare una proposta di legge per la produzione liberalizzata e defiscalizzata del biodiesel per permettere un ulteriore abbattimento del PM10 generato dal sempre crescente parco autobus ATM circolante... e via così.... sognando..

La realtà : oggi pomeriggio, Milano, viale Certosa, pioggia battente, un camion della nettezza urbana stava lavando le strade (con la pioggia) con il rubinetto dello scarico acque nere aperto!!!!!!!! lavava e scaricava il sudiciume a ciclo continuo!!! Ci si è messa anche l'AMSA!!! Non abbiamo speranze :-(

Fabio Bortoletto 24.01.07 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
Investire sul trasporto pubblico è sicuramente uno dei modi più rapidi, anche se non definitivi, per diminuire il traffico in città. Vorrei far riflettere su quanto è accaduto nella mia nostra città, Genova:l'AMT è la società che gestisce autobus e metrò.Il biglietto dell'autobus da un'ora e mezza è aumentato da 1€ a 1€ e 20cent. Ora, come da logica, un aumeto del biglietto dovrebbe corrispondere a un miglioramento del servizio, giusto? SBAGLIATO!!! Hanno ridotto il numero di corse degli autobus!!! Come diavolo pensano di incentivare l'uso dei mezzi pubblici se un 66 passa ogni 20 minuti. Hanno mai preso un 18 la mattina? Già ne passavano pochi, e quei pochi erano zeppi di gente, figuriamoci ora, bisogna avere il machete per entrare su un autobus. E magari ti fanno la multa perchè non obliteri!Ma se tra me e l'obliteratrice ci sono 7000 persone?!?
Io mi domando se chi sa e può cambiare qualcosa ma non fa niente, non sente neanche un piccolo senso di rimorso a condanare così chissà quante generazioni future. Ci stanno uccidendo, e neanche troppo lentamente.

Simone Grillo 23.01.07 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Modena è ostaggio della sua idiozia. Coninuiamo ad avere amministratori inetti e corrotti che si servono di una università di figli, nipoti, zii, cugini, amici, amici degli amici e amanti. Il rettore è pagato da Hera e dagli industriali.

geminiano modenese 23.01.07 23:44| 
 |
Rispondi al commento

>Ho dimenticato di dire che un gran numero di aziende sta già attuando in questo senso indipendentemente dalle azioni dei propi governi; lo fanno perchè sanno che nel giro di "poco" tempo le misure/sanzioni verranno adottate inevitabilmente (credo e spero).

----------------------------------------------

I governi, quasi tutti, stanno già portando avanti questa linea:

quella valutare un "PIL" di un'azienda o di un governo sempre più in relazione al suo impatto ambientale piuttosto che ai numeri che esprimono.
Io credo che ci sia volontà vera tra i governi tutti; il problema vero è che si tratta di un processo estremamente complesso e probabilmente lento.

In un certo senso, il primo passo concreto in questa direzione è stato fatto con l'introduzione dei crediti di CO2, anche se fintanto non ci sarà una contropartita "appunto di tasse/dazi/penali" è un po' come prendere dalla mano destra per dare alla sinistra.

Ma in fondo io ci credo, e credo anzi Beppe dovrebbe interessarsi di più all'argomento, perchè fino a prova contraria, è l'unico progetto che potrebbe cambiare davvero il mondo nel giro di un decennio.

Abraço,

Dani

dani brasil 23.01.07 20:29 | Rispondi al commento |

dani brasil 23.01.07 23:39| 
 |
Rispondi al commento

A me sembra che la società italiana non sia più rappresentabile come divisa tra destra e sinistra.
Questa visione monodimensionale non può più rappresentare la nostra società. Se destra e sinistra rappresentano valori e idee diverse, è pur vero che il potere economico sembra sempre di più sovrapporsi alla politica e assumere potere decisionale. C'è un nuovo bisogno, quello di distinguere tra alto e basso, e parlo di reddito. L'Italia io credo che sia oggi un triangolo, ai vertici del quale gli interessi della destra e della sinistra 'alte' coincidono sempre più, mentre la base divisa in parti eguali tra destra e sinistra sgobba e paga e muore presto. Quello che vorrei intendere è che secondo me nella stuazione attuale se l'estrema destra e l'estrema sinistra si unissero in particolari provvedimenti a favore (veramente) delle classi più disagiate non lo vedrei assolutamente come uno scandalo, meglio con certi fasci che con certi ladri!

un compagno

andrea vagnoni 23.01.07 23:34| 
 |
Rispondi al commento

@

Io mi sto impegnando per un'attività professionale ecologica e tra le altre cose sto cercando di aumentare l'uso di cementi e pitture mangia smog nella costruzione di edifici, strade, parcheggi, piste ciclabili etc. Sono interessata a parlare con chi ha i contatti giusti con regioni e province per convincerli ad adottare questi materiali. Grazie

Laura Leoncini 23.01.07 22:22 | Rispondi al commento |
Avete brevetti?Esportazione?

Dani

dani brasil 23.01.07 23:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Silvio Berlusconi e Cesare Previti sono due bravi bambini o due delinquenti?

http://www.societacivile.it/

NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Previti, Cesare/Forza Italia

Avvocato personale di Silvio Berlusconi, ha ereditato l'incarico professionale dal padre, che aiutò il giovane Silvio a fondare la Fininvest, in un turbine di strane società svizzere e di anonime fiduciarie. è dunque uno dei consulenti che conoscono i segreti delle origini di Berlusconi. Nato a Reggio Calabria, crebbe professionalmente nello studio del padre, a Roma. Pur non avendo mai rinnegato le sue origini politiche neofasciste, nel 1994 Berlusconi gli chiese di "scendere in campo" con Forza Italia e lui accettò un posto al Senato prima e un ministero poi.
E' stato condannato, in appello, a 5 anni per corruzione del giudice Squillante e a 7 anni per corruzione del giudice Metta nel caso Imi-Sir. Berlusconi gli ha affidato la direzione dei "Legionari azzurri", che dovranno vigilare perchè la sinistra non compia brogli elettorali. Ora sconta la pena agli arresti domiciliari, grazie a una legge su misura.

Berlusconi, Silvio/Forza Italia

Candidato premier. Fondatore di Forza Italia. Presidente del Consiglio dei ministri nel 1994 e nel 2001. Il suo nome di compare nelle liste della loggia massonica segreta P2: fascicolo 625, numero di tessera 1816, data di iniziazione 26 gennaio 1978. In un'audizione alla commissione parlamentare sulla P2, Berlusconi ammette di essersi iscritto alla P2 all'inizio del 1978 su invito di Gelli. Conferma la sua iscrizione alla loggia al processo P2, nel novembre 1993.

• Nel settembre 1988, invece, in un processo per diffamazione da lui intentato contro alcuni giornalisti, Berlusconi dichiara al giudice:"Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo che è di poco anteriore allo scandalo". Per questa dichiarazione Berlusconi viene denunciato..............

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 23.01.07 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho vent'anni,vivo a varese e studio a milano.La differenza nell'aria la sento quando scendo dal treno ma...che facciamo?ho l'impressione che qualunque cosa potremmo fare sarebbe inutile,non sto dicendo di non fare niente, a qualunque iniziativa cerco di partecipare, mi informo e evito consumi inutili però è come se in realtà non fosse cosa nostra.come farci ascoltare?chi di dovere non ascolta perchè non gli interessa e a lui non cambia...ed è vero, non gli cambia.
possiamo fare petizioni e scioperi ma è come se restassimo muti. forse servirebbe solo un movimento a livello nazionale,che includesse ogni essere che respira,ogni lavoratore,studente, pèansionato o bambino.L'italia si fermerebbe e forse allora saremmo ascoltati.e poi forse altri paesi reagirebbero.
Ma coma fare?io non lo so, non ho fiducia negli italiani e credo di aver scritto una cosa totalmente utopica. e mi spiace.

margherita balduzzi Commentatore certificato 23.01.07 23:17| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE! COMPLIMETI VIVISSIMI PER TUTTO QUELLO CHE FAI PER RIUSCIRE A RENDERE QUESTO MONDO MIGLIORE.
VOLEVO PARLARTI DI UNA QUESTIONE A MIO AVVISO FONDAMENTALE: LA QUESTIONE ENERGETICA.
PERCHE' DOBBIAMO CONTINUARE A USARE QUESTO MALEDETTO PETROLIO? PER SPORCHI INTERESSI.. E SE OGNIUNO DI NOI SI PRODUCESSE L'ENERGIA IN CASA O SE OGNI MACCHINA NON INQUINASSE ELIMINANDO LE POLVERI SOTTILI?
TI PREGHEREI TUTTI(SE NON L'AVETE GIA FATTO) DI VISITARE QUESTO SITO:

WWW.PROGETTOMEG.IT

PARLA DEI PROGRESSI DELLA FUSIONE FREDDA. EMERITI SCIENZIATI AFFERMANO CHE CON 5 MILIONI DI EURO IN 5 ANNI AVREMO QUESTI DISPOSITIVI IN CASA, OGNIUNO DI NOI!! AZZERIAMO IL PETROLIO!!

marco c. Commentatore certificato 23.01.07 23:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE! COMPLIMETI VIVISSIMI PER TUTTO QUELLO CHE FAI PER RIUSCIRE A RENDERE QUESTO MONDO MIGLIORE.
VOLEVO PARLARTI DI UNA QUESTIONE A MIO AVVISO FONDAMENTALE: LA QUESTIONE ENERGETICA.
PERCHE' DOBBIAMO CONTINUARE A USARE QUESTO MALEDETTO PETROLIO? PER SPORCHI INTERESSI.. E SE OGNIUNO DI NOI SI PRODUCESSE L'ENERGIA IN CASA O SE OGNI MACCHINA NON INQUINASSE ELIMINANDO LE POLVERI SOTTILI?
TI PREGHEREI TUTTI(SE NON L'AVETE GIA FATTO) DI VISITARE QUESTO SITO:

WWW.PROGETTOMEG.IT

PARLA DEI PROGRESSI DELLA FUSIONE FREDDA. EMERITI SCIENZIATI AFFERMANO CHE CON 5 MILIONI DI EURO IN 5 ANNI AVREMO QUESTI DISPOSITIVI IN CASA, OGNIUNO DI NOI!! AZZERIAMO IL PETROLIO!! SPERO CHE TU LO POSSA TROVARE INTERESSANTE E SOLO TU CREDO POSSA FARE QUALCOSA. SE MI RISPONDI SULLA MIA MAIL MI FARESTI IL PIU' FELICE DEL MOND0:

marco c. Commentatore certificato 23.01.07 23:12| 
 |
Rispondi al commento

AOU, RAGAZZI CIÓ UN ´IDEA.
PERCHÉNON SCENDIAMO TUTTI IN PIAZZA E GRIDIAMO I NOMI DI BEPPE GRILLO E ROBERTO BENIGNI...

CANDITATEVI
CANDITATEVI

vincenzo dileo Commentatore in marcia al V2day 23.01.07 23:09| 
 |
Rispondi al commento

E' qualche mese che non scivevo piu', caro amico Beppe, perche' adesso IO NON SONO PIU' DEBOLE, mi riferisco al Discorso della Montagna, rispondo quì perchè è su questo argomento che stò lottando da mesi, ed è per questo che non ho più tempo di scrivere quì, adesso molto spesso quello che scriviamo io e i miei amici del Comitato contro l'Inceneritore di Montale PISTOIA, lo portiamo poi in Procura, SPERIAMO CHE ANCHE LA GIUSTIZIA FACCIA IL SUO CORSO e non sia debole.

IO NON SONO PIU' DEBOLE !!
ANCHE GRAZIE A TE, che in Settembre quando sei stato quì da noi per la marcia della Giustizia, ci hai dato una enorme CARICA.
IO NON SONO PIU' DEBOLE perchè ho spento il televisore.
IO NON SONO PIU' DEBOLE perchè non ho paura di apparire, lottando per la salute dei miei figli.
IO NON SONO PIU' DEBOLE perchè non mi interesso più solo dei miei piccolissimi interessi personali, ma scendo in piazza e protesto.
IO NON SONO PIU' DEBOLE PERCHE' HO DECISO CHE NON VOGLIO PIU' ESSERLO.

SALUTI E BUONA FORZA A TUTTI !!!

Patrizia

Rocchetti Patrizia 23.01.07 23:06| 
 |
Rispondi al commento

La città di Modena, piange per lo smog e si inventa tante regole strampalate per risolvere. Io ho circolato a metano per 20 anni poi mi è stato impedito per vetustà del veicolo, ora sono ormai 10 anni che vado a diesel, la cosa più sporca esistente. La spiegazione è presto detta, con l'alta metanizzazione per riscaldamento bisogna SMALTIRE IL GASOLIO E QUALCHE CERVELLONE HA PENSATO ALL'AUTOTRAZIONE.....CHE GENIO. Scambiando i fattori il RISULTATO NON CAMBIA ma è peggiorato i motori sono sempre fuori coppia e scarburati a causa dei cambi continui di regime di rotazione per semafori rotonde traffico cosa che non avveniva nei bruciatori a gasolio. Maurizio Bigi

MAURIZIO BIGI 23.01.07 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, tu fai benissimo a denunciare questi fatti; ma mi sorge spontanea una domanda : perchè non fai anche tu come quella larva del Tronchetto ?
Perchè non entri anche tu nel sistema (politico) e lo scardini dall'interno ?
Se è evero ( e ci credo ) che il tuo blog è tra i più visitati al mondo, che hai oltre 200000 persone al giorno che ti seguono avresti sicuramente tante persone che ti voterebbero ( io tra quelle ).
Potresti provare a mettere in atto tutti i tuoi piani per l'energia, la salute etc...di cui tanto parli; mettendo "al comando del paese" le persone competenti che tu citi sempre ( pallante e altri come lui).
Inoltre le tante forze politiche che oggi ti appoggiano solo a parole potrebbero passare ai fatti.
Forza...scendi in campo anche tu...cribbio !!!
Questo post non è una presa in giro, vuole essere al contrario una sana provocazione alla quale mi auguro di avere risposta.

davide bonfiglioli 23.01.07 22:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

peró la sera mi sembrate tutti preparati


MA LA MIA DOMANDA É SEMPRE LA STESSA, FORSE SU QUESTO ARGOMENTO AVREMMO SCRITTO OGGI PIÚ DI 100 PERSONE, E IO VORREI SAPERE LA PERCENTUALE DI INQUINAMENTO CHE HANNO PRODOTTO "OGGI" TUTTI COLORO CHE SONO STATI MAESTRI NEL PRESENTARE MACCHINE A IDROGENO, INIZIATIVE PARTICOLARI E TUTTE QUESTE CAZZTE(PER MODO DI DIRE)CHE SERVONO AD INQUINARE MENO.

GUARDATEVI DENTRO, MOLTO,MOLTO DENTRO SUPER EROI!

vincenzo dileo Commentatore in marcia al V2day 23.01.07 22:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

commentare? è ora di smettere di commentare , è ora di passare all'azione. se qualcuno mi punta il fucile per uccidermi , qualsiasi forma di difesa è legittima.............quindi.....
ciao a tutti

giuliano passuti 23.01.07 22:41| 
 |
Rispondi al commento

NON mi stupierei affatto se domani mi svegliassi senza pisello.il concetto di inverosimile,nel nostro modo di essere società l'abbiamo superato da un pezzo:
respiriamone le conseguenze!
l'uomo ha ormai sconfitto la natura e trionfando su di essa si è condannato.
peccato.

flavio coppola 23.01.07 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so se mi consola il pensare che gli stessi amministratori assassini stiano respirando pure loro l'aria intrisa di PM10 tra una cavolata e l'altra che salta fuori dalla loro bocca, in quel di Palazzo Marino ...

Laura Badi 23.01.07 22:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/427.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Gli amministratori del PM10:

» Danni delle scie chimiche da LIBERTA' VIRTUALE
La prossima volta in cui vedrete fuoriuscire sostanze chimiche dai tankers, sino a deturpare un cielo blu con un'opacità fluorescente tossica, pensate al bario. Esistono le prove che vi stiamo letteralmente nuotando dentro. Eccovi il resoconto di alcun... [Leggi]

23.01.07 00:34

» E' nato il Comitato Cittadinanza Attiva, Ambiente e Legalità da Giuseppe Carpentieri
Il 5 gennaio nasce il Comitato di Cittadinanza Attiva, Ambiente e Legalità, in occasione dell'ultimo incontro degli Amici di Beppe Grillo di Salerno. Il Comitato ha adottato una Carta d'Intenti e valori condivisi, per attuare una strategia che poss... [Leggi]

23.01.07 00:37

» Danni delle scie chimiche da LIBERTA' VIRTUALE
La prossima volta in cui vedrete fuoriuscire sostanze chimiche dai tankers, sino a deturpare un cielo blu con un'opacità fluorescente tossica, pensate al bario. Esistono le prove che vi stiamo letteralmente nuotando dentro. Eccovi il resoconto di alcun... [Leggi]

23.01.07 00:39

» Decisioni a capa di c…o da Giuseppe Carpentieri
Giorni fa, il 17 dicembre, ho ricevuto una mail che chiedeva aiuto e giustizia, un cittadino salernitano del Cilento L. C., si indignava giustamente di fronte alle decisioni prese da Guido Bertolaso, dal Presidente della Provincia di Salerno Angelo Vil... [Leggi]

23.01.07 00:41

» l'aria che respiri da ierioggidomani
fa schifo, se vivi in una città - ti stronca se vivi in una grande città - io vivo a Parigi, dove l'inquinamento lo tagli con il coltello... [Leggi]

23.01.07 02:59

» Riscaldamento Globale: il Verdetto Finale da Ipotesi di complotto
Il riscaldamento globale è destinato ad avere un impatto ben più distruttivo e anticipato di quanto precedentemente stimato: questo ciò di cui metterà in guardia la settimana prossima il più autorevole rapporto mai prodotto sul cambiamento climatico. [Leggi]

23.01.07 11:16

» il tempo sta scadendo. ma ancora c'è tempo... da (RiGiTaN's)
l'ambiente e la salute, e in essi la vita, sono in lutto. requiem in pax. oppure reagiamo [Leggi]

23.01.07 12:37

» Parliamo ancora di ambiente da STRANE ALCHIMIE
Effetto serra e inquinamento:tutti ne parlano ma nessuno fa qualcosa!A partire dagli amministratori.... [Leggi]

24.01.07 21:59

» Inquinamento da Pensieri Sparsi
Ormai l’odore continuo di gas di scarico pervade ogni angolo della città. non è forse il caso di fermare il traffico? (ovviamente creando un sistema di trasporto efficacie) non ci sono alternative. bisogna svegliarsi ... [Leggi]

28.01.07 10:37

» Dall'allarme dei medici all'appello ai sindaci da occhi VERDI a lecco
Cresce l'incidenza dei tumori tra i bambini, dell'1,2% a livello europeo rispetto a 10 anni fa, e la colpa è essenzialmente dell'inquinamento ambientale. A lanciare l'allarme è la Federazione degli ordini dei medici (Fnomceo) che ha presentato il primo... [Leggi]

30.03.07 14:19