Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il conflitto d'interessi è un mestiere


Elio_Veltri.jpg

“Qui o si risolve il conflitto di interessi o continueremo a prenderlo in quel posto” (Beppe Grillo).

Eravamo rimasti a Piero Fassino che il 5 marzo 2006 dichiarava che risolvere il conflitto d'interessi non è prioritario perchè "Non dà più lavoro a nessuno".
Eravamo rimasti allo psiconano che prometteva di risolvere il problema in cento giorni, benché "solo il sette per cento degli italiani sono interessati al problema". Una decina d'anni dopo si fece votare da un parlamento su misura la spudorata legge Frattini (dal nome del fedelissimo premiato con un posticino alla Commissione Europea) che dichiara incompatibile Confalonieri e non lui.
Ora è arrivata fresca fresca la proposta Franceschini (sempre in 'ini' finiscono)con la quale l'Unione ci fa credere di affrontare il problema. Va detto subito. Prima che la legge arrivi nelle aule parlamentari: è più ridicola della Frattini:

- si occupa solo delle eventuali incompatibilità dei membri del governo
- non prevede l'ineleggibilità per chi controlla mezzi di comunicazione

Hanno gli occhiali dipinti di partito democratico rosè i nostri dipendenti. Fingono di non vedere che il conflitto di interessi è la malattia mortale della democrazia. Un problema di libertà economica. Tutto il Sistema è in conflitto di interessi: banche, pubbliche amministrazioni, università, informazione, mercato dei farmaci, calcio, Autorità di garanzia, cooperative, partiti.
Il cittadino non conta. Contano solo i furbi: si scrivono le leggi, si eleggono in parlamento, si approvano bilanci falsi, si nominano tra loro a incarichi ben pagati, sono controllati e controllori. I nostri dipendenti vivono di conflitto d'interessi, un modo garbato per definire la corruzione.
Un recente saggio di Elio Veltri e Francesco Paola (Il Governo dei conflitti, Longanesi Editore) ci conferma la malattia e le conseguenze del virus.


YouTubeGoogle VideoQuickTime 56k3GPiPod VideoAudio Mp3

24 Gen 2007, 19:33 | Scrivi | Commenti (1406) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Carissimi,
vorrei tornare al costo della politica...
vi rendete conto che è la più grande industria del paese?
Chi aspira ad un posto fisso deve andare da Loro,
i Lor stipendi non sono legati all'inflazione ne alla produttività ne alla forza economica del paese Lor signori vanno per la tangente sono una scheggia impazzita della società senza freni ne scrupoli.Possibile che non si possa fare nulla per combatterli? E a fronte di stipendi da favola di costoro poi hanno il coraggio di mettere mano alle finanziarie le pensioni ecc.. senza toccare le loro idrovore.
Per pagare questi privilegi si trovano i soldi. Perchè non chiedere una legge per assegnare a chiunque uno stipendio a prescindere dal suo stato ..si dirà che non è giusto; perchè è giusto forse avere una pensione super dopo due anni e mezzo di parlamentare ecc..ecc...
Farei una petizione per chiedere una legge di assegnazione a tutti dello stipendio minino di diritto all'esistenza 1000 euro . Obietteranno che non ci sono i soldi... e chi se ne frega noi raccoglimo le firme e li e presentiamo la legge toglieranno da costo della politica...Questo avrà un doppio effetto toglierà il potere a POLITIK SpA di ricatto occupazionale nei confronti degli elettorie svuoterà la politica di un potere improprio enorme..

francesco pirrello 05.04.07 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
so che dal 28 marzo al 3 aprile sarai a Roma.
ti chiederei di inserire nel tuo spettacolo qualche commento sulle retribuzioni dei nostri poltici. Consigleri comunali, provinciali, regionali e parlamentari. Ti pregherei di rendere pubblici i loro favolosi stipendi percepiti a fronte di prestazioni a dire poco "insoddisfacenti". Ti pregherei anche di verificare se è possibile organizzare qualche iniziativa per proporre la drastica riduzione degli stessi. Ecco le mie proposte:
Consiglieri comunali 2000 euro mese
la provincia andrebbe abolita in quanto inutile
Consiglieri regionali 3000 euro mese
deputati e senatori 5000 euro mese.
Questo sarebbe l'unico provvedimento per ridurre i costi della politica il resto sono solo balle.
saluti
Pietro Rasulo

pietro rasulo Commentatore in marcia al V2day 23.03.07 09:27| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere che fine ha fatto la legge sul con flitto di interesse che la sinistra doveva fare appena arrivata al governo.
se non si risolve il conflitto di interesse non si risolve nulla,

gabriella barberis 13.03.07 09:25| 
 |
Rispondi al commento

allo sfascio ,ce gente come te che ti batti questoper le giuste cause.Io dopo 40 anni di lavoro a 12 ore al giorno debbo ancora fare la finestra di 6 mesi per poi prendere 1200 euro ,pk debbo dare il mio contributo di sacrificio ai miei cari ONOROVOLI CHE CON UNA LEGISLATURA ,a 50anni prendono un sostanzioso vitalizio (io sono incazzato nero)PK NON SI FA UNA GRANDE CAMPAGNA PUBBLICITARIA A QUEI GRANDI LAVORATORI CIAO

roberto bianchi 20.02.07 21:48| 
 |
Rispondi al commento

3 domande:
-perchè dopo 18 anni dalla caduta del muro di Berlino, non possiamo fare come la Francia che non ha mai voluto basi USA sul suo territorio?
-perchè la Turchia non ha concesso le sue basi per la guerra in Iraq e noi sì?
-perchè gli Statunitensi non sono soggetti alle leggi italiane, quelle ambientali o di sicurezza nei voli a basse quote e vicino agli abitati, nè alla giustizia italiana? (per i cento morti del Cermis non è mai stato celebrato un processo, neppure in contumacia, e per i cinque anni precedenti alla sciagura nessuno è mai riuscito a fermare le spericolate "acrobazie" dei piloti USA in Val di Fassa).

mazzon marta 18.02.07 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
l'intervista di Veltri, relativamente al conflitto di interessi nel mondo finanziario, non ha chiarito bene il fatto che ai risparmiatori viene sistematicamente consigliato ciò che è più remunarativo per gli istituti di credito e non solamente in situazioni limite prossime cioè a crack finanziari (vedi parmalat & co.)dove le banche avrebbero molto da perdere, ma con costanza ed attraverso tecniche di vendita oramai da "grande distrubuzione"; perciò non un'azione piuttosto che un'altra, magari inefficiente (e poi che ne sa l'addetto titoli in banca; le direttive d'investimento, assett allocation & co. arrivano dalla direzione generale.....); inoltre, vengono proposti non strumenti finanziari come le azioni, ma i fondi o i prodotti strutturati che hanno strutture commisionali molto più remunerative per gli istituti di credito. Ero un funzionario del credito ed ora sono diventato un consulente indipendente, senza conflitti d'interesse, in quanto non vendo prodotti finanziari e non sono collegato in alcun modo con banche, assicurazioni, ecc. Come al solito, pochi risparmiatori sanno di cosa si tratta e, putroppo non completamente per colpa loro, perseverano nell'utilizzo dei soliti intermediari subendo il danno dei soliti soprusi e dei danni economici ed anche, dopo una vita di incertezze e la paura del "non c'è mai fine al peggio" la beffa di non avere il coraggio di cambiare.
parlatene....
ciao

Ermanno R. Commentatore certificato 12.02.07 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Hai perfettamente ragione, caro beppe. Ho votato per il centro - sinistra, che mi sembra appena un po' meglio di quegli altri. Vorrei veramente un mondo, non solo il mio paese, diverso e migliore. Ma, a parte parlarne con chiunque abbia voglia di ascoltarmi, e incazzarmi x tutte le cose che non vanno, cos' altro si può fare? Il problema è che finchè tutti noi (italiani sopratutto) non si capisce che il bene comune è il nostro, finchè non capiamo che cosette come lealtà, senso del dovere ed onestà sono tutt' altro che affari della nebulosa di andromeda non cambierà un accidente. Sai una cosa? Abbiamo perso veramente i migliori. Morti Buzzati, Montanelli, Guareschi Pasolini, sono rimasti fede, liguori e tutta la banda dei nani e si naviga (?) in un mare di merda e di piattezza.
Cosa si può fare? IO ALTRI 5 ANNI DI BERLUSCONI NON LI VOGLIO.
Accetto consigli e suggerimenti, se hai voglia di dirmeli. Grazie e continua cosi'. Ps se ti candidi a Presidente del consiglio ti votiamo in tanti. Meglio un comico serio che dei buffoni irresponsabili e cialtroni

rosario messina 09.02.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

In questa sua intervista con Sofri, il Dottor Lox sostiene che anche quello di Soru sia conflitto di interessi:

http://www.loxmetender.splinder.com/post/10870511

http://liberoblog.libero.it/politica/bl6119.phtml


Cosa ne dici Beppe?

Lorenzo Magni 08.02.07 11:39| 
 |
Rispondi al commento

TERZA PARTE

Nelle sue azioni l’arch. Tolomeo ha trovato valide stampelle nei disponibili di turno, il solito ing. della Direzione ed il responsabile della O.S. Cobas-Codir, quest’ultimo, “sindacalista” portabastone, investito extra contratto di incarico fasullo ed illegittimo, non solo mero esecutore ma anche attore minaccioso di provvedimenti ritorsivi nei confronti di altri lavoratori.

In tale clima di soprusi e di illegalità violenta e diffusa, le RdB-CUB, nel denunciare l’attacco delittuoso operato contro i propri iscritti, ha già attivato ogni forma di difesa sindacale e le opportune segnalazioni alle autorità competenti per le varie ipotesi di reato che si dovessero connotare, al fine di tutelare i diritti dei lavoratori, di eliminare ogni tipo di abuso e di prevaricazione e di ristabilire trasparenza e legalità così apertamente violate nel Dipartimento.

Palermo, 6 febbraio 2007 il Coordinamento Regionale Comparto Dipendenti Regione Sicilia

Gabry 70 07.02.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento

SECONDA PARTE
Più di recente, in ossequio, per sua stessa ammissione, ad altri “desiderata”, è andato all’attacco di quei Dirigenti scomodi e non malleabili, fastidiosi ai potenti per volere a tutti i costi fare il proprio dovere, agire nella trasparenza ed applicare rigorosamente le norme.

E’ il caso del dott. Genchi e della dott.ssa Candido, facenti parte di questa O.S., responsabili di settori nevralgici quali, ripettivamente, l’inquinamento atmosferico e gli impianti ad energia eolica, che hanno avuto di punto in bianco revocato il contratto senza alcuna apparente motivazione.

Per il dott. Genchi si tratta ormai da circa 4 anni di un tentativo ciclico di soppressione lavorativa, commissionato da poteri forti, iniziato a partire dalla sua attività sulla Distilleria Bertolino e proseguito fino a quella più nota sui quattro megainceneritori. Basti pensare che il dott. Genchi aveva firmato il proprio contratto appena il 28 febbraio del 2006, dopo 5 mesi di lotte sindacali.

In un crescendo di furore intimidatorio e ritorsivo, l’arch. Tolomeo non ha risparmiato coloro che si sono opposti alle sue dispotiche disposizioni, tentando persino l’aggressione fisica nei confronti del dott. Cammarata e dello stesso dott. Genchi, minacciando di licenziamento il dott. Pellerito, trasferendo di ufficio la dott.ssa Oliveri, anch’essi tutti iscritti alle RdB-CUB.

Nelle sue azioni l’arch. Tolomeo ha trovato valide stampelle nei disponibili di turno, il solito ing. della Direzione ed il responsabile della O.S. Cobas-Codir, quest’ultimo, “sindacalista” portabastone, investito extra contratto di incarico fasullo ed illegittimo, non solo mero esecutore ma anche attore minaccioso di provvedimenti ritorsivi nei confronti di altri lavoratori.

Gabry 70 07.02.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETE CHE SUCCEDE IN SICILIA:

LA LEGALITA’ VIOLATA AL DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE
- 7 febbraio 2007

RAPPRESENTANZE SINDACALI DI BASE

Comparto dipendenti Regione Siciliana

Via Di Stefano 19 - 90141 - PALERMO Tel. 091582321-Fax 0916120210

ADERENTE ALLA CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE (C.U.B.)

LA LEGALITA’ VIOLATA AL DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE

Revoche arbitrarie e Conferimenti fasulli di incarichi dirigenziali, Ordini da caporale di giornata, Comportamenti intimidatori e Provvedimenti dispotici, Minacce di licenziamento, Provocazioni e Tentativi di aggressione fisica, Aperture di stanze con motivazioni pretestuose, Trasferimenti ritorsivi, Violazione di ogni più elementare regola sindacale

Questa è la ventata di rinnovamento che l’arch. Pietro Tolomeo, in quota MPA, unico Dirigente Generale ad essere sfiduciato per il suo operato deleterio dall’Assemblea Regionale su OdG della stessa maggioranza, ha portato al Dipartimento Territorio e Ambiente. Costui, forse ritenendo la Pubblica Amministrazione qualcosa di sua personale proprietà, si crede in diritto di agire al di fuori di ogni contesto di regole di legge e di trasparenza amministrativa confidando quantomeno nel quadrato delle protezioni dei suoi referenti politici e nella sfacciata impunità.

E così, ligio ad ordini di scuderia, ha dapprima “attenzionato” i Servizi del Demanio Marittimo, procedendo, anche con motivazioni non veritiere, a modificare provvedimenti a lui gerarchicamente superiori, a revocare unilateralmente contratti di lavoro legittimi ed a mettere arbitrariamente a disposizione della Presidenza quattro Dirigenti del Dipartimento, rei di non essersi voluti piegare alle sue pretese di autodimissionarsi, ed un altro in lista di attesa.

Gabry 70 07.02.07 17:51| 
 |
Rispondi al commento

seconda parte

Il Vostro comportamento inculca nei cittadini il cinico e spietato motto del "ruba chi può", che é l'antitesi della stessa concezione della forma di organizzazione politica, che pur dite pomposamente di rappresentare.
Il sistema "Italia" fa acqua da tutte le parti: istituzionale, economico, finanziario, ambientale, sociale ed etico!
E' divenuto un aggregato di corporazioni in lotta (mors tua, vita mea!), prive, ormai, di una comune struttura valoriale di riferimento.
Nel nostro ambito sociale noi abbiamo tanto operato, perché questa coalizione si affermasse alle elezioni, ma il clima di egoismo partitico e personale, che da subito si é affermato, ha depresso i nostri animi e di giorno in giorno segnala sempre più il distacco fra noi e Voi!
Le tante spudorate distorsioni, alcune prodotte nei cinque anni precedenti, vengono neglette, mentre oziate in vacui litigi.
Si sta gradualmente consumando questa ulteriore prova della Vostra irresponsabilità!
L'insofferenza per la Vostra indifferenza cresce e certamente un'ulteriore delusione, come lentamente sta prendendo corpo, Vi condannerebbe elettoralmente ad una presenza di simbolica.
Noi non ci interesseremo più di voi fino a quando non avremo segni tangibili di serietà e di coerenza operativa con il principio di "uguaglianza giuridica" dei cittadini, senza distinzioni di appartenenza di ruolo.
Questa é la differenza fondamentale fra destra e sinistra politica: la prima, infatti esalta le differenze sociali; la seconda, invece le attenua fino a rimuoverle del tutto!
Il cammino é lungo, ma intraprendetelo con coraggio e rispetto degli impegni assunti con la Vostra storia e con noi, che Vi abbiamo ancora una volta dato fiducia!
Attendiamo atti concreti e dapprima la correzione normativa di questo scandalo pensionistico!

ergo sum 05.02.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Berlusca non ha alcun referente valoriale, tranne quello finanziario, dunque, é un opportunista: appoggia chiunque gli consenta di fare soldi, che utilizza per appagare il suo egocentrismo elefantiaco!
Ieri elargiva mazzette sostanziose a Craxi, che gli lasciava carta bianca nel campo mediatico e nella cementificazione di ampie aree della metropoli lombarda (Milano2!), oggi lusinga l'egoismo della gente, noralizzando qualsiasi illegalità!
Marcello Pera solo oggi si professa portatore di valori morali, mentre da presidente del senato li ha negletti, consentendo le "porcherie" legislative del suo protettore e mandante Berlusca.
Efficace esempio di ipocrisia italiota!

ergo sum 03.02.07 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi odia l'informazione, il pluralismo, l'indipendenza giornalistica e non, la concorrenza, i nuovi posti di lavoro, la libertà. Lui è un bravo bambino o un delinquente?

http://www.societacivile.it/

NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Berlusconi, Silvio/Forza Italia

Candidato premier. Fondatore di Forza Italia. Presidente del Consiglio dei ministri nel 1994 e nel 2001. Il suo nome di compare nelle liste della loggia massonica segreta P2: fascicolo 625, numero di tessera 1816, data di iniziazione 26 gennaio 1978. In un'audizione alla commissione parlamentare sulla P2, Berlusconi ammette di essersi iscritto alla P2 all'inizio del 1978 su invito di Gelli. Conferma la sua iscrizione alla loggia al processo P2, nel novembre 1993.

• Nel settembre 1988, invece, in un processo per diffamazione da lui intentato contro alcuni giornalisti, Berlusconi dichiara al giudice:"Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo che è di poco anteriore allo scandalo". Per questa dichiarazione Berlusconi viene denunciato per falsa testimonianza. Il processo per falsa testimonianza si conclude nel 1990: Berlusconi viene dichiarato colpevole, ma il reato è estinto per intervenuta amnistia.

• Berlusconi fu indagato già dal 1983, nell'ambito di un'inchiesta su droga e riciclaggio: la Guardia di finanza aveva posto sotto controllo i suoi telefoni e scritto nel suo rapporto: «è stato segnalato che il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane. Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbe sulla Costa Smeralda avvalendosi di società di comodo...». L'indagine non accertò nulla di penalmente rilevante e nel 1991 fu archiviata.

• Berlusconi è stato accusato di aver pagato tangenti a ufficiali della Guardia di finanza, per ammorbidire i controlli fi.....

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 01.02.07 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Manda a tutti i Fiorentini il Comune ed una certa Tecnocivis SpA. qualcosa relativo alla proroga per l'autocertificazione (che costa 10€):

salto l'inizio su cui comunque ci sarebbe tanto da dire, e vi prego di mettera attenzione al finale "......Ad ogni diritto corrisponde un dovere: (!!!!?) avete il diritto di vivere in un ambiente sano, è un vostro dovere contribuirea mantenerlo. Nel caso in cui un utente risulti assente al suddetto controllo sarà considerato come accesso negato all'impianto e quindi ai sensi etc. si potrà richiedere all'impresa di distribuzione la sospensione della fornitura del gas".

nel testo precedente non si spiega come e quando dovrebbe venire qualcuno a controllare, e quindi questa specie di lettera minatoria lasciata peraltro in casseta senza busta ne altro e facilmente scambiabile per una pubblicità
obbligherebbe il citatdino fiorentino a passare i prossimi mesi, almeno quelli invernali, in casa in attesa dell'addetto ..suddetto!

comunque basta collegarsi al sito www.riscaldatiadarte.it per sapere tutto!!!!

già il nome del sito la dice tutta, ma chi non ha un computer? i pensionati ? ed infine un po' di delicatezza ed educazione nei confronti di noi poveri umani non guasterebbe.

ma è legale dare un simile avviso la cui non ottemperanza provoca conseguenze gravi, senza almeno una ricevuta di ritorno che certifichi la irregolarità del cittadino?

vorrei mandarlo tutto intero a te Beppe sto foglio, ma dove?

Bonaccorso Vitale Brovarone 01.02.07 19:12| 
 |
Rispondi al commento

il CONFLITTO D'INTERESSI, termine coniato ad personam per il buon vecchio caimano (che ora più che al conflitto di interessi bada al suo conflitto familiare..)che come tutti ben sanno è entrato in politica x salvarsi dalla galera, ha incrementato i suoi ricavi aziendali in maniera paurosa da quando è un "politico" ecc...sono cose ben note.
Ma in realtà il conflitto d'interessi permea tutta la società italiana "che conta". Dalle industrie alle imprese, dalle banche ai partiti...dopo Tangentopoli il sistema si è ricreato e si è allargato, è diventato più potente..Grazie al "santissimo" senatore Dell'Utri (che Lucifero l'abbia in gloria---appello alle mamme: se vostro figlio appartiene a uno dei vergognosi "circoli della libertà" creati dal padrino Dell'Utri per promuovere la sua immagine dopo la condanna x mafia, preoccupatevi, ditelo al prete di quartiere, alle vostre vicine, fatevi aiutare a sconfiggere questo baco malefico...è peggio delle bestie di satana!!)anche la mafia fa parte attiva di questo CONFLITTO D'INTERESSI. é tutto CONFLITTO DI INTERESSI, anzi è tutto INTERESSI, perchè il conflitto è solo nelle coscienze di qualcuno di noi che non accetta questa situazione. i signori dell'Italia "che conta" il CONFLITTO non sanno neanche dove sta di casa, a loro va benissimo così. wl'italia, paese di santi, navigatori, commissari tecnici e...imbroglioni!!

Beppe Colucci Commentatore certificato 01.02.07 16:36| 
 |
Rispondi al commento

ho bisogno di aiuto l'azienda ad oggi 1 febbraio non mi ha mandato la busta paga di dicembre e la 13a logicamente non ha effettuato neanche il bonifico cosa devo fare ? aiuto

luca resta 01.02.07 11:22| 
 |
Rispondi al commento


Mentre ella signor Beppe grillo e concentrato sulla base di Vicenza..... che come L'alta velocità della val di susa la FARETE....

Mentre la REPUBBLICA ha mandato in onda la telenovelas della famiglia Berlusconi ( ammazza impegnati politicamente quelli di Repubblica )

Mentre quel gran figlio di una buona donna della signora Coriadoli ( Bersani )stà facendo MARCANTISMO onorando e rispecchiando quello che lui è.

Il signor Bersani ( signora Coriadoli ) fà L'accordo con la EDISON
nota sociterà Italiana? no francese EDF ( ricordate i processi industriali e Non il kw che consumate )adesso il gas arriva dalla turchia passa dalla grecia e arriva a Otranto in puglia
e vai... e mo i francesi controllano i processi industriali del SUD, poi dicono che i Francesi non gli Passano i soldi ai Democratici di sinistra( E dal 1991 che li stanno prendendo i SOLDONI )
Sono il partito più ricco di ITALIA.

domani Signor BEPPE legga sui giornali economici fa prima

Fabrizio Melis 01.02.07 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Se il conflitto fosse la soluzione ai miei problemi io sarei sempre in conflitto...
(Capa dixit, Silvio docet)

Digitale terrestre
"Non dico sia una panacea, ma il digitale credo sia la forma trasmissiva che risolverà anche l'anomalia italiana, perché dà più capacità informativa e ha più canali", ha spiegato il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, per il quale il decoder non 'sfonda' perché gli utenti non ne conoscono i vantaggi. Servirebbe "una pubblicità di interesse pubblico" che superi l'immagine del digitale visto dalle televisioni e dagli utenti come una 'punizione'

Ma guarda, Catricalà tace per anni per poi resuscitare proprio quando si parla di Mediaset e di tetti pubblicitari, invitando i cittadini a passare al digitale che, a suo dire, non è una punizione. No non lo è, è solo l' ennesima presa per il culo della premiata ditta telomettoinc.com
Dopo aver truffato gli italiani prelevando fondi pubblici per finanziare (illegalmente come ha recentamente stabilito una vera Authority come quella UE) l'acquisto di decoder commerciali, si vuol far credere che il cambiamento tecnologico prescinde dagli affari ed ha a che fare con il pluralismo... Ma non scherziamo! Se le frequenze di questo paese non verranno veramente liberalizzate si cambierà tutto perchè tutto rimanga uguale. Come con ogni cosa in Italia si parte con la truffa per poi arrivare al compromesso. Il cittadino rimane il mezzo e non il fine. E il canone aumenta mentre la tv pubblica scoppia di merda e clientelismo. Ci si riempie la bocca di banda larga senza saspere neanche cos'è un sistema WiMax. Meglio tacere.

"Toccatevi tutto ma non toccatevi Mediaset:il futuro è questo.Per sempre.Passa al digitale"
Parole e musica di Catricalà, il garante del buso del C

PS: in proporzione, per assurdo che sia, la legge Mammì del 1990 era moooolto più restrittiva per Mediaset di quella pensata da quella scorreggia di Gentiloni...La sinistra le leggi non le fa: le ha subite, si è indignata ed ora trema...

Riccardo Damilano Commentatore certificato 30.01.07 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Continua da precedente missiva
E poi....quindi a cosa vale impegnarsi di più ogni giorno per migliorarsi se con un prelivo del 38% progredisci solo per il cosidetto Stato (se si considera che per recarci al lavoro si deve investire un 25% alla famiglia rimane soltanto un misero 37% netto.
Addio speranza e sogni di gloria nell'impegno professionale, e meglio rimanere sotto soglia e cioè fino a 28.000,00 € annui dove il prelievo fiscale è del.
Poi mi domando perchè non si fa un elenco di tutti i maggiori prelievi perpetrati nel 2007?
Un modo di difenderci è elencarli e farli girare e parlarne il più possibile.... iniziamo..., ne ricordo alcuni:
Aumento Irpef medio: 80 € mese
" prelivo Regionali: 25 € "
" " Comunali : 4 € "
" " previdenz.:10 € "
Tiket pronto soccorso: 25 € cad.
Tiket visite specialistiche: 10 € cad.
Tiket esami di laboratorio specialist.: 25 € cad.
Bollo auto:15 € cad.
-
-
TOTALE medio 125 € medie più/meno
altre cose che non mi vengono in mente vi prego di ricordarle……..…..
Va sottolineato che chi è monoreddito pagherà ancora di più.
E i padronati stanno zitti, c’è la torta del TFR da spartire ed è perciò che non fanno quello che….. in questa mia elenco… per farci sapere. Come si diceva per l’aids chi lo conosce lo evita……. Noi non siamo tenuti a conoscerlo????
ciao….

maurizio Cioccio 30.01.07 16:14| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA… CON QUESTO CONFLITTO D’INTERESSI, oggi mi faccio specie anche di te carissimo Beppe che colgo l’occasione di abbracciarti.
Con questo conflitto d'interessi???? boooò c'è qualcuno che con le privatizzazioni sta cercando di appropriarsi del ns Stato in vendita e… come…. con i ns soldi...... si si si e ancora si....... all'infinito.
Il Motto: e i polli (NOI) guardano distratti e disorientati.
I proventi: dal cambio colore dei parcheggi nelle metropoli italiane e la gestione di quelli fatti sottoterra con i fondi pubblici; le società di recupero degli affitti comunali e regionali e degli Enti; le assicurazioni di parte politica; gli acquisti facilitati di compagnie telefoniche Omnitel fino ad arrivare a quelle nazionali Telecom/Tim, poi a le stesse a cercare di venderle a Murdok cosi si spezza in due Mediaset; sempre con questi soldi il tentato acquisto della BNL e l’attuale acquisto di Alitalia, certo se il SENZA NULLA FARE TANTO GUADAGNARE doveva avere in tali circostanze un salto di qualità meglio non ci poteva essere che l’incalanata gestione del nuovo TFR ed a conclusione di ciò mi domando chi li fermerà più.
Nel lavoro ci sono nuove forme di schiavismo il lavoro in cooperativa dove prima della lettera di assunzione ti fanno firmare quella del licenziamento. Tali forme di lavoro nelle grosse fabbriche si stanno imponendo facendo cessare il lavoro dipendente diretto con il proprietario, in questi casi la remunerazione del dipendente di cooperativa è di 800 € contro le 1200 € del precedente lavoratore. Bò e noi e tu caro Beppe ancora con il conflitto d’interessi. Chi guarda a noi gente umile e disorientata?
Chi darà queste risposte……….!!!!!!!!
Aumenti 2007 Irpef ed altro
Ritengo quanto poco ciò....., un furto al lavoro che ogni persona onesta svolge quotidianamente per portare i beni necessari nella propria abitazione intendo ai famigliari... ed è proprio a questi che di fatto hanno perpetrato il decurtamento

Maurizio Cioccio 30.01.07 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Il governo italiano ha presentato il nuovo fondo nazionale per le infrastrutture, chiamato F2I (dove F sta per Fondo, 2 sta per due miliardi di capitale e I sta per Italia). Contrariamente a quanto sostenuto dalla propaganda dei media, il fondo non è affatto un "nuovo IRI", ma è anzi una svolta privatistica rispetto a Infrastrutture Spa, l´ente varato da Tremonti cinque anni fa. La partecipazione pubblica a F2I sarà, a capitale ultimato, solo del 10%, attraverso la Cassa Depositi e Prestiti. Il resto sarà in mano alle banche italiane e internazionali. Come ha spiegato l´ideatore di F2I, il sottosegretario alle Finanze Massimo Tononi, "la caratteristica dell´IRI era il controllo, dunque la maggioranza, da parte dello stato che di fatto la rendeva un prolungamento dell´attività politica. Nel fondo la Cassa, che a sua volta è partecipata al 30% dalle Fondazioni bancarie che sono private, possiede meno del 15%".
Presidente di F2I è il finanziere romano Salvatore Rebecchini, ex direttore di Bankitalia, con simpatie a destra. Manager è l´ex di Autostrade Vito Gamberale il quale, dopo aver contribuito ad arricchire la famiglia Benetton con l´invenzione della formula concessionaria che ha depredato lo stato, ha lasciato la Dinasty di Ponzano Veneto in polemica con la fusione Abertis.
"Il manager lo hanno scelto i soci, tra cui Intesa-SanPaolo, Unicredit, le Fondazioni. .... continua clikkare sul mio nome

Eric Kartman 30.01.07 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi odia l'informazione, il pluralismo, l'indipendenza giornalistica e non, la concorrenza, i nuovi posti di lavoro, la libertà. Lui è un bravo bambino o un delinquente?

http://www.societacivile.it/

NUOVO PARLAMENTO, NUOVO GOVERNO
Le schede degli impresentabili
Il Caimano e le mozzarelle
di Marco Travaglio

Berlusconi, Silvio/Forza Italia

Candidato premier. Fondatore di Forza Italia. Presidente del Consiglio dei ministri nel 1994 e nel 2001. Il suo nome di compare nelle liste della loggia massonica segreta P2: fascicolo 625, numero di tessera 1816, data di iniziazione 26 gennaio 1978. In un'audizione alla commissione parlamentare sulla P2, Berlusconi ammette di essersi iscritto alla P2 all'inizio del 1978 su invito di Gelli. Conferma la sua iscrizione alla loggia al processo P2, nel novembre 1993.

• Nel settembre 1988, invece, in un processo per diffamazione da lui intentato contro alcuni giornalisti, Berlusconi dichiara al giudice:"Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo che è di poco anteriore allo scandalo". Per questa dichiarazione Berlusconi viene denunciato per falsa testimonianza. Il processo per falsa testimonianza si conclude nel 1990: Berlusconi viene dichiarato colpevole, ma il reato è estinto per intervenuta amnistia.

• Berlusconi fu indagato già dal 1983, nell'ambito di un'inchiesta su droga e riciclaggio: la Guardia di finanza aveva posto sotto controllo i suoi telefoni e scritto nel suo rapporto: «è stato segnalato che il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane. Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbe sulla Costa Smeralda avvalendosi di società di comodo...». L'indagine non accertò nulla di penalmente rilevante e nel 1991 fu archiviata.

• Berlusconi è stato accusato di aver pagato tangenti a ufficiali della Guardia di finanza, per ammorbidire i controlli fi.....

paolo cacciavillani Commentatore in marcia al V2day 30.01.07 13:32| 
 |
Rispondi al commento

E' ovvio in un sistema politico dove le scelte nei partiti partono per lo più dai vertici e non dalla base...ne deriva che il risultato rispecchia le esigenze della dirigenza, cioè dei parlamentari, e non quelle dei cittadini che aderiscono. E' un po' come dire che qualcun altro sa bene quello che per noi è giusto...io ne dubito, mi piace ancora l'idea di poter scegliere con la mia testa...

roberta m. 29.01.07 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ho letto l'articolo che riguarda i nostri parlamentari r senatori mascalzoni.
Non sarebbe possibile indire un referendum con il fine di rimandare a casa o in galera ( ancora meglio) i nostri dipendenti farabutti.
A presto
Fabio

fabio roda 29.01.07 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Fin dalla comparsa del genere umano sulla TERRA ci sono stati gli interessi, di qualsiasi genere.
Fin quando ci saranno gli interessi, non ci sarà mai una vera democrazia. E' proprio l'indole, il DNA dell'uomo ad essere portato a fare i propri interessi a discapito del suo simile e di tutto ciò che lo circonda.
Non si spiegerebbe altrimenti, la corsa, i litigi, le raccomandazioni pur di raggiungere l'agognato posto o meglio poltrona al parlamento.
Pur di arrivarci, si promette e ci si impegna per qualsiasi cosa. Chi più e chi meno, sicuramente tutti i nostri politici sono impelagati o conniventi con i grandi finanzieri nazionali e probabilmente anche internazionali. Come si usa dire dalle nostre parti "COMANDARE è MEGLIO CHE FOTTERE", ANCHE PERCHè CHI COMANDA SICURAMENTE "FOTTE" ANCHE.

Raffaele Esposito 29.01.07 18:11| 
 |
Rispondi al commento

come puoi pensare che facciano una legge contro il conflitto di interessi se il 95 % sono implicati in questo..sarebbe veramente stupido darsi la "zappa sui piedi" e come se in una comunita di 100 persone che non pagano le tasse..le stesse persone facciano una legge per farle pagare..credo che l'unica soluzione sia vivere all'estero e tornare nel Paese solo per le vacanze..

Rosson Dino 29.01.07 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito sei un grande Beppe!!!
Quando tutti gli italiani capiranno che il vero Vulnus dell' Italia è l'enorme e trasversale conflitto d'interessi, saremo tutti più liberi (e probabilmente anche più ricchi dato che i conflitti d'interesse drenano enormi quantità di soldi pubblici). Il più corrotto in assoluto, non bisogna dimenticarlo è Silvio Berlusconi, il conflitto d'interessi per antonomasia. Se è vero, come scrive oggi Pasquino, che la gente non lo vota perchè c'è il conflitto d'interessi, è pur vero che il suo potere mediatico lo ha aiutato molto. In NESSUN altro paese democratico ci sono conflitti d'interessi come nel nostro paese. Chi non li vede o è ceco, o fa lo struzzo e mette la testa sotto terra...

Paolo Perini 29.01.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito sei un grande Beppe!!!
Quando tutti gli italiani capiranno che il vero Vulnus dell' Italia è l'enorme e trasversale conflitto d'interessi, saremo tutti più liberi (e probabilmente anche più ricchi dato che i conflitti d'interesse drenano enormi quantità di soldi pubblici). Il più corrotto in assoluto, non bisogna dimenticarlo è Silvio Berlusconi, il conflitto d'interessi per antonomasia. Se è vero, come scrive oggi Pasquino, che la gente non lo vota perchè c'è il conflitto d'interessi, è pur vero che il suo potere mediatico lo ha aiutato molto. In NESSUN altro paese democratico ci sono conflitti d'interessi come nel nostro paese. Chi non li vede o è ceco, o fa lo struzzo e mette la testa sotto terra...

Paolo Perini 29.01.07 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Per Mastella sono PACS VOSTRI

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 29.01.07 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Il 25 gennaio ho moderato un dibattito politico in cui si presentava il libro di Elio Veltri e Francesco Paola... Un lavoro importantissimo per far capire a chi (come molta gente che scrive a caso) è completamente fuori dalla realtà italiana che non bisogna stupirsi se qualcosa è illegale... ma praticamente dove c'è gestione del denaro c'è un conflitto d'interesse e che la legalità e l'etica per la nostra classe dirigente non esiste. NULLA è legale in italia, il primo problema è questo!

Eric Kartman 29.01.07 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici, un elemento può far capire quanto sia l'intero sistrema politico intriso di conflitto di interessi. Il presidenti Violante (qualcuno ha visto il film della Guzzanti in cui egli dice una cosa tipo "Noi vi lasciamo stare le televisioni.. "e fa capire a chiare lettere (chiedete a E. Veltri se avete dubbi) che esiste un accordo tra il governo di sinistra e Berlusconi per non toccare le tele...ecco Violante...è presidente della Commissione che sta elaborando la legge sul conflitto di interessi ! (una legge FINTA che serve alla sinistra per dire che c'è ed a Berlusconi per fare la vittima).... e come si è letto sul corriere della sera i deputati dell'Ulivo in conflitto di interesse (in base all'attuale norma, finta anch'essa) sono 24 !
Viviamo con un deficit di verità che ammala il nostro "corpo" e come dice G. Rossi abbiamo bisogno di una etica alternativa che contenga una cultura della vergogna per cui in casi eclatanti come quelli che avvengono in Italia la gente dovrebbe aver vergogna anche solo di farsi vedere in giro (al di la della punizione del diritto)... Altro che destra e sinistra...e pensare che sono un capitalista

paolo gaeta 29.01.07 09:05| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

IL FUMO FA MALE?

Questa è la domanda assillante che si pone il film "Thank You For Smoking".

Guardate il trailer e poi correte ad affittarlo in videoteca!

P.s. Alla fine mi ringrazierete!

#################################################
clicca sul mio nome per il trailer.

Fabrizio Di Luca 28.01.07 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Per Mastella sono PACS VOSTRI

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 28.01.07 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Scoop Giornalistico: la Professione, L'etica e la Morale

Ci sono professioni che fanno vibrare di entusiasmo, questo perché ti riportano a quel grande sentimento che un tempo stimolava ed entusiasmava l'azione dei Padri, ma oggi il giornalismo non si fa così. Viene tutto filtrato, manipolato, in parte censurato. Il resto non viene neppure presentato e così via dicendo. Oggi la passione, lo slancio e il sacrificio delle imprese, nella impostazione e nella scelta degli argomenti, non può più tendere all'omaggio verso i valori tradizionali della missione del giornalista e del relativo potenziamento del suo vero talento. Il vero naturale e brillante professionista della carta stampata è completamente scomparso. Oggi lo Scoop viene ricercato di tipo facile, quello che serva a qualcuno e che non dispiaccia a molti. L'importante è documentare un fatto e più grave è, meglio è. Se per esempio viene segnalato alla Stampa un pericolo ove vi è a rischio l'incolumità di qualcuno, questo non viene assolutamente preso in considerazione. Ma se quel rischio causa un morto, allora come mosche sullo sterco, sono tutti attenti e all'opera per stilare un articolo. La sindrome della NON PREVENZIONE oggi è arrivata a contagiare anche i giornalisti. Tuttavia ciò accade non per colpa loro, ma per un sempre più marcio sistema, che lentamente col tempo e su questo sentiero non risparmierà nessuno. A quanto pare non importa più se il significato essenziale di un articolo non volge verso una profonda intonazione sociale ed etica, che aiuta, piace e avvince. Non interessano i momenti interminabili, fondamentali e tremendi della vicenda umana, né tanto meno l'angoscioso dramma di una vittima innocente di un'ingiustizia, di uno strapotere, di un delitto. E' un florilegio di paradossi e di errori. ...Continua...

Giacomo Mont 28.01.07 07:43| 
 |
Rispondi al commento

.....Il buon senso a questo punto viene disintegrato dalla filosofia degli affari, sia economici che politici. E' un modo di pensare che viene instillato ai giornalisti da chi ha il potere economico o politico. Ogni volta che però viene represso il buon senso a qualcuno, si uccide una parte di quella persona, di quel padre di famiglia, di quel professionista. Voi mi direte: “che significa reprimere il buon senso?” Significa accecare la coscienza, stordirla, ammutolirla, sopprimendo il potere interiore, in due parole, schiavizzando l'individuo. L'essere umano viene ridotto a merce da utilizzare a proprio piacimento. Il professionista viene trattato come un animale, da cui si deve trarre utilità, potere e profitto, anche se il prezzo che deve pagare sul piano umano e psicologico è enorme. Senza entrare oltre nel merito di questa questione e contestualmente ai probabili relativi danni alla salute che nel tempo potrebbero verificarsi, ricordo solo la necessità di dovere sapere e di considerare l'uomo e i suoi disagi, come prodotto trasformato dalla organizzazione sociale nella quale viene inserito. Chiunque abbia compreso voglia comprendere con rigore ed empatia a che livello decadente di società siamo approdati, inoltrandosi nel campo delle relazioni di aiuto e di ripristino della vera umanità, sempre più calpestata e danneggiata dal profitto sfrenato e criminale. Sono dell'idea che persone divenute gravi vittime dell'arroganza del potere, debbano avere voce e che non è ammissibile sotto ogni profilo mantenere di nascosto sempre più danneggiata, emarginata e umiliata una vittima del crimine.
Chi volesse vedere un esempio di che cosa si arriva mostruosamente a censurare per oltre un decennio dalla Stampa, legga e veda le prove documentali dei crimini impuniti ai danni di una donna innocente dipendente della Pubblica Amministrazione: un ospedale. Clicca sotto.

Giacomo Mont 28.01.07 07:42| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra proprio che a volte ci arrovelliamo e ci interessiamo di problemi nella maniera sbagliata. Come per il famoso conflitto d'interessi che non è risolvibile solo con la famosa legge di due righe: "è vietato entrare in politica e coprire cariche pubbliche se possiedi una qualsiasi attività", perchè i vari agnelli, berlusconi ecc, ecc, una volta approvata la legge, invece di andare loro in prima linea, ecco che corromperebbero uno o più politici per il loro "conflitto" d'interessi. Idem per il canone....si dai, aboliamolo!... e loro aumenteranno le tariffe....
Ecco perchè le leggi sono utili fino ad un certo punto....punto in cui dovrebbe entrare in gioco la nostra cultura, il nostro sentire, la nostra voglia di giustizia, di ugualianza e di amore verso il prossimo.....

manuela iavagnilio 28.01.07 06:35| 
 |
Rispondi al commento

Se non risolveranno in maniera corretta il conflitto d'interessi e non faranno pulizia tra i parlamentari io e i miei 57 parenti, più o meno vicini, non andremo a votare..

proierine e. 28.01.07 00:01| 
 |
Rispondi al commento

CHI GIOCHEREBBE A CARTE CON UNO CHE BARA?
REGOLE, SEMPLICI, CHIARE, FATTE RISPETTARE....
MA SOPRATTUTTO LA VOLONTA DI FARLE.
BUONANOTTE SOGNATORI...

giordano enrico 27.01.07 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Il problema risiede nelle regole controllato e controllore devono essere soggetti separati e non collusi.
Chi redige il Bilancio no puo certificarlo come vero ne direttamente ne indirettamente.
Il Parlamento ed il Senato non possono indicare il Presidente del Consiglio ma controllarlo.
Il Popolo a suffragio universale elegga il presidente del consiglio massimo 2 mandati in tutti i possibili ruoli poi a casa.
Ricambio e non cancrenizzazione del sistema.


Paolo Carlo Regano 27.01.07 11:31| 
 |
Rispondi al commento

A concludere il meraviglioso discorso di Veltri:

http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=1578


Dateci un'occhiata. Dopodichè arriverete alla conclusione che o ci decideremo a fare una rivoluzione o emigreremo.


Silvia Cru Commentatore in marcia al V2day 27.01.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

nessuno vale + della natura stessa...e poi ne deriva tutto da tale...
...nessuno avrebbe il diritto d valere x i soldi ke ha...
...ogn' 1 e 1 co 'è ogn'1...
...ritmo naturale!


...mediashopping cmq l'ha pubblicizzato di + il decoder...costruito...kissà da ki...

...mediashopping...

...marypoppins...


...

...
... la natura... lllibera!

l'internazionale cumpà 27.01.07 03:45| 
 |
Rispondi al commento

Stavolta sono d'accordo.

Questi non sono politici, questi sono funghi saprofiti.
Magnano, magnano e magnano.
Tu voti e quelli magnano.
Tu pensi di cambiare il mondo e cambi solo i commensali ad una tavola dove cibi e servitù sono sempre gli stessi: gli italiani.

Oggi l'abilità del politico non è più "l'intermediazione" od il "compromesso", ma solo IL SAPERSI VENDERE BENE!
(l'estremizzazione di uno spirito di conservazione di privilegi)

Mi ricordano tanto il mio passato di bambino, quando gli operai dell'Enel venivano a cambiare una lampadina bruciata nel lampione della piazza:
6 operai! 1 che lavorava e 5 che guardavano e discettavano sull'operazione di sostituzione.

Così loro, i politici, sono rimasti. Operai dello Stato che discutono, discutono e partoriscono topolini atrofici.
Politici che frequentano più la televisione che le aule di Montecitorio!In un reality show di mezze-pugnette.
Un can-can di velone e veline vestite di nebulose parole.

Conflitto d'interessi?
Ma siamo noi italiani in conflitto di interessi a tenerci questa classe politica di papponi e ci illudiamo che facciano i nostri interessi.

ABOLIAMO IL POPOLO ITALIANO!

Alessandro Mann 27.01.07 01:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, Carissimi compatrioti(per chi ci crede ancora), più leggo i tuoi post e più mi vengono i brividi per la forte ignoranza a cui tutti noi italiani siamo soggetti(merito di questi politici che abbiamo). Intendiamoci a qualcuno dobbiamo pur votare, il problema è che ormai non si sa più che pesci pigliare! Se votiamo a destra allora Berlusconi è a farla da padrone, se votiamo la sinistra(com'è successo adesso), notiamo che il cambiamento è solo uno specchio per le allodole, dato che stanno facendo delle leggi ad hoc, del tipo vediamo chi propone la buffonata più grossa(vedi leggi frattini e quella di franceschini). Ribadisco che io ho veramente i coglioni rotti di questi qua, e parlando con un pò di gente di tutto quello che succede in Italia non si riesce a trovare una soluzione al problema, anche perchè politici che effettivamente vogliono fare le cose per bene, si contano sul palmo della mano; ma a questo punto vi pongo una domanda...chi sn? Tutti ci lamentiamo di quello che succede(io compreso), ma purtroppo la gente ha paura a reagire(specialmente se lavora)perchè ha paura di ritorsioni contro di loro, quindi non andiamo oltre ai lamenti...e mi chiedo...ma stiamo veramente così male allora? Beh per come la vedo, io sono disposto pure a fare una bella rivoluzione, perchè è la storia che ce lo'insegna...per cambiare radicalmente le cose ci vogliono degli eventi duri e crudi altrimenti rimaniamo i soliti lagnoni e nulla facenti!
Avrei tante cose da dire, ma onde evitare di diventare logorroico mi fermo qua!

Saluti a tutti!

Luca alias(disoccupato mentale)

Luca V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 22:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo, mi sembra un ottimo argomento questo,
insistere con impegno e continuità nell'interesse
del progresso nel senso inteso da Pier Paolo Pasolini cari saluti Eugenio Critelli

eugenio critelli 26.01.07 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, cari concittadini...cari italiani tutti...bando alle chiacchere, siamo capaci di promuovere una ricca, sostanziosa e trasversale petizione con una bella raccolta a tappeto di firme, chiamando a raccolta tutti quegli italiani onesti indignati e incazzati, che ancora credono in questa nazione?
L'abolizione, sulla tassa delle ricariche dei telefonini, è solo muna piccolissima battaglia vinta. Ma è troppo poco. Questa piccola vittoria, dovrebbe essere solo un piccolo ma significativo inizio di rivalsa e di giustizia, nei confronti dei prepotenti e degli imbroglioni, di cui la nostra Penisola è piena... Facciamolo per noi, per i nostri cari, per i nostri figli, per credere in una libertà e in una democrazia, veramente degne di essere definite così...
cari saluti

angelo riviello 26.01.07 20:25| 
 |
Rispondi al commento

e la campagna iniziava a scomparire in ogni regione d'Italia,unitamente alle zone rurali...cose che in Inghilterra (per esesmpio) sono inammissibili. Psesi e città attaccati, una dietro l'altra. Basti guardare a caso, al nord come al sud. La libertà e la democrazia conquistata in Italia, con il sangue di tanti italiani ammazzati (prima i terroni "briganti" che si opposero a quell'Unità forzata dell'Italia, da parte dei degli accattoni Savoia e poi dalla resistenza al nazifascismo...e si continua a morire...anche in altri paesi come l'Iraq), è servita solo alla speculazione mafiosa e camorristica di ogni Lobby...dalle bande organizzate della Cupola e delle Cupole, ai partiti...alle multinazionali, alle banche, alla Chiesa e tutta la crema..e delle centinaia di migliaia di scheletri che questa nazione ha nascosto nei suoi infiniti e labirintici armadi. Tutto ai danni dei cittadini onesti, che vengono sempre e puntualmente offesi, plagiati, mortificati e puniti. Ed ecco, che si diventa anacronistici, in un'Italia, i cui valori, oramai, si basano, non più sul grado di sensibilità e di intelligenza, ma sul grado di furbizia, di sfacciataggine e di propensione a delinquere, servendosi soprattutto, della dialettica, dei mezzi "democratici" o di organizzazioni "democratiche", come ad esempio...i partiti,per fare carriera politica, dove quasi tutto, viene concesso. Ed ancora una volta, vince la Politica intesa come Affare...Poveri ladri di polli o di mele. Poveri cristi, che se per sbaglio dimenticano di pagare UNA MULTA O UNA BOLLETTA, VENGONO MINACCIATI DI BLOCCO AUTO E PIGNORAMENTI VARI DI POVERI IMMOBILI GUADAGNATI MAGARI, CON TANTI SACRIFICI E CON ONESTA' DI UN LAVORO, MAGARI SVOLTO COME EMIGRANTI...ALL'ESTERO...O AL "MITICO" NORD ITALIA, CHE ORAMAI FA PIU' PENA DEL SUD ITALIA...

angelo riviello 26.01.07 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Signor Grillo,
per l'attenzione che riserva a quest'aspetto cosi' delicato e essenziale della democrazia, che solo puo' garantire il funzionamento trasparente di ogni potere dello Stato: quello legislativo, quello esecutivo (la pubblica amministrazione) e quello giurisdizionale.
Grazie per darci voce.
Paola

paola casini 26.01.07 19:44| 
 |
Rispondi al commento

se le cose stanno in questo modo, è proprio vero che l'Italia, spacciandosi per un paese civile e democratico, e sempre pronta a portare aiuti umanitari ai paesi del terzo mondo...è letteralmente inguaiata. E' un'ennesima conferma sui motivi della sua grave decadenza. Ma, personalmente ho saputo, che non da oggi, si parla di conflitto d'interessi, ma fin dalla nascita (si fa così per dire) dell'Italia democratica e repubblicana (con il famoso dubbio, sui brogli elettorali del 1948...post ventennio fascista), dove pare, che tra la fine degli anni 50 e inizio anni 60, il grande Amintore Fanfani (all'epoca Andreotti, pare che fosse Ministro alle Finanze), concepì, propose e fece approvare e istituire, la prima Legge ad personam (era la DC dei "forchettoni" ad avere il monopolio, con un PCI guardone...voyeur e consenziente, e il solito MSI nostalgico e patetico delle glorie Mussoliniane). Fanfani, aveva un genero ingegnere che aspirava a fare concorrenza agli architetti. Bene, la Legge che fece istituire, consentiva non solo agli ingegneri, ma anche ai geometri (che fino ad allora potevano solo calcolare il cemento armato e ferro per l'architettura)di progettare edifici pubblici e privati, alla stessa tregua degli architetti. L'intero arco di quegli anni 60, sono diventati famosi, come "il sacco d'Italia" da parte di speculatori e di mafiosi di ogni razza, cementificando l'Italia,con la scusa della "democrazia",il nostro Bel Paese (ex giardino d'Europa), in ogni angolo e in ogni luogo, dalle coste, ai piccoli centri alle grandi città, come Milano, Roma. Il Vomero, quartiere verde di Napoli, nell'arco di pochissimi anni, si trasformò in un'intera colata di cemento. Da allora, l'emorragia, in questo nostro Bel Pese, non si è più fermata, ed è andata sempre più aggravandosi, fino ad arrivare ai giorni nostri, oltrepassando il fondo, dove Berlusconi è uno dei più potenti degni eredi. Altro che Libertà. La Libertà di continuare a fotterci, da destra..sinistra e centro...

angelo riviello 26.01.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma come mai non si riesce mai a fare una petizione per una proposta di legge su questo argomento ?
Sulle televisioni si.
Sulle ricariche si.
Sul conflitto no ?

Ernesto Tomas 26.01.07 18:56| 
 |
Rispondi al commento

prova3

Francesco B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Il conflitto d'interessi c'è sempre stato anche Funari lo disse, dobbiamo rompere il legame tra politica, mafia, vaticano/chiesa, banche ed istituzioni.
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Non credo si possa parlare di alcun problema. Possiamo porre l accento sul conflitto di interessi,essere a conoscenza di notizie diciamo"scottanti",parlare di mafia e dei mafiosi,etc.etc. Ma è tutto inutile. Fin quando noi,popolo italiano,e specialmente noi giovani non cambieremo mentalità e percezione delle cose che abbiamo intorno non andremo da nessuna parte. Vedo agli spettacoli di beppe migliaia di persone che ascoltano e poi se ne tornano a casa e continuano la loro vita di sempre. Se non ci uniremo per mandare a casa questi anziani che stanno al governo,con i loro compari pregiudicati potremo parlare all infinito,avvelenarci,ma non concluderemo mai niente. Negli anni 90 Cosa Nostra pose delle condizioni allo Stato italiano,trattava con lo Stato. Cosa Nostra può trattare con lo Stato e i cittadini onesti no? Questo da la misura di come ci siamo ridotti popolo. Un abbraccio a tutti. Aldo.

aldo angeli Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Ministro di Disgrazia e Ingiustizia

Il nostro caro ministro della "giustizia" l'onorevole(?) Mastella ha avuto la brillante idea di trasferire PER DECRETO la scuola di magistratura da Catanzaro al suo orticello personale e cioè Benevento! Tale scelta, a dire del ministro, è da attribuirsi "all'acclarata mancanza di immobili demaniali idonei a ospitarne la sede nel capoluogo calabrese". Pare Benevento pululi di immobili idonei ad ospitare scuole di magistratura!!

Chiediamo a Beppe Grillo di auitarci, se non altro a far emergere questo scippo nascosto!!

Grazie

Massimo L. Commentatore certificato 26.01.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Massimo Greco 26.01.07 00:55
Quante cazzate !!
cimbro mancino 26.01.07 07:32
▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲

cimbro mancino
Si tratta di Cazzate? Vediamo. Dove stanno le cazzate, punto dopo punto.

Argomenta o smentisci.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento

VELTRONI DOVE SEI? UN TUO EMISSARIO HA AUMENTATO LO ZTL NELLA ZONA DI ROMA DA 60 A 560 EURO CIRCA, GRAZIE PER L'AIUTO CHE STAI DANDO ALLE PICCOLE IMPRESE, HAI PERSO 31 PUNTI E 25 VOTI ALLE PROSSIME ELEZIONI.
ALBERTO SANGERMANO

sangermano alberto 26.01.07 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
a proposito di conflitti di interesse è appena stato approvatp il nuovo statuto della FIGC in cui è scomparso l'articolo sulle incopatibilità previsto e sbandierato in sede di stesura dello stesso ! e la storia contina...

paolo bassi 26.01.07 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho sentito l'intervista di Veltri e mi si sono raddrizzati i capelli!
Se tu nn sai chi è il sign.Veltri te lo dico io.
E' stato Sindaco di Pavia negli anni 80, è arrivato dalla Calabria ed ha poi pensato bene di sistemare i vari parenti e amici,trovando loro una sistemazione nell'ambito comunale e provinciale,dai settori impiegatizi ai settori scolastici,tipo bidelli ecc...ORA MI CHIEDO:Come può una persona che ha usato una carica pubblica per uso privato a parlare di conflitti di interesse? addirittura poi scrivarci un libro?
Se hai contatti con qualcuno che vive da molti anni a PAVIA e che ce l'ha avuto come sindaco,prova a chiedere,ti diranno tutti quello che stò dicendo io.
POLITICI? CHE BRUTTA RAZZA!!!!

alessia pace 26.01.07 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,vorrei segnalarti che il primo ad avere usufruito di conflitti di interessi è PROPRIO veltri!

cristina milano 26.01.07 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUINDICI GIORNI DI SCIOPERO DEI BENZINAI :CHI DICE CHE NON SI STANNO ATTACCANDO I PRIVILEGI VERI?

paolo moretti 26.01.07 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Il conflitto d'interessi è un discorso lungo e variegato; una sola cosa è certa ed è che non verrà MAI risolto. Il motivo è semplice tanti hanno questo conflitto in varie forme. C'è chi ha pozzi di petrolio, chi è esponente di spicco di socetà come telecom pirelli ecc, c'è chi ha cariche nelle banche coop ece .
Il problema nasce dal fatto che si vuole colpire solo il nano ma non si può fare una legge che non comprende anche gli interessi degli altri; o comunque una legge inattaccabile dalla corte europea e quella di cassazione.

Roberto d. Commentatore certificato 26.01.07 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Ripropongo la mia riflessione, sarà perchè lo stesso Prodi è in conflitto di interessi? In aggiunta alla ineleggibilità di chi ha conflitti troppo smaccati (ad es. il buon Min. Lunardi nella scorsa legislatura), proporrei comunque qualcosa di più, anche sul versante economico, ad esempio che chi ha rendite o attività che gli producono un reddito superiore allo stipendio di un parlamentare, nel caso in cui venga eletto, non abbia diritto ad alcun compenso nè pensione ovvero che si renda veramente disponibile al "servizio" dello stato. La ragione ha anche radici storiche, in quanto lo stipendio per i parlamentari era stato introdotto per agevolare l'ingresso in politica di chi, lasciando li proprio lavoro, non avrebbe avuto di che sostentarsi...figuriamoci se tale premura ha senso nei confronti dei grandi magnati che si avvicendano nel nostro parlamento!!!
Non so se questo cambierebbe qualcosa, ma ribadirebbe il principio che la CARICA POLITICA è UN SERVIZIO RESO, NON UN PRIVILEGIO ACQUISITO. Forse, in quest'ottica pochi politici resisterebbero al vaglio...

Federico Amianto 26.01.07 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' chiaro che nè il governo nè il parlamento possono concretamente risolvere il conflitto di interessi, dato che sono molto coinvolti. Occorrerebbe un Authority che facesse da controllo sul governo e sul parlamento per tutte le incompatibilità, le inelegibilità, i corretti numeri sull'ammontare dei conti, e tutto quello che il Governo e il Parlamento non possono decidere da soli perchè sarebbe un privarsi da se stessi di un qualche privilegio.
Stabilire quindi quali sono i privilegi consentiti e sottoporre ad Authority tutti quelli che non sono previsti. Come arrivare a tutto ciò?
O il parlamento riesce ad avere un momento di coscienza e di autocorrezione, ma di questo dubito fortemente fortemente (x2), dato che queste cose minano la base elettorale dei partiti, o con un referendum che però dovrebbe essere propositivo, e questo ancora non c'è. Tutto questo doveva essere nella Costituzione, prima dei partiti, prima dei governi e delle elezioni. Ma purtroppo non è così. E chiedere ai partiti e ai parlamentari di eliminare alcuni propri privilegi credo che sia troppo e comunque irrealizzabile, anche se giusto.
Mi spiace di avere una visione un po' pessimistica su questo argomento, ma non vedo una soluzione al problema...
e il problema c'è perchè tutto questo costituisce la radice della corruzione.
La mancanza del controllo su queste cose può portare ad un lento ma inesorabile decadimento della democrazia.
Spero che qualcuno trovi una soluzione.
saluti a tutti

francesco rapisaldi 26.01.07 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bepe,
e allora cosa facciamo? Visto che il conflitto di interessi è così esteso a vari campi della vita sociale, ci aspettiamo veramente che questi signori possano e vogliano porvi rimedio? L'Italia da come la vedo io sta andando verso il baratro che è toccato all'Argentina qualche anno fa. Solo che qui sarà peggio, se le cose non cambiano in fretta, qui si va incontro alla guerra civile perchè nessuno vorrà perdere tutto ( e per tutto intendo non solo i soldi e il patrimonio, ma anche lo stile di vita faticosamente raggiunto)e nessuno vorrà fare più sacrifici di quelli che tuttora sta facendo. Se non vogliamo vedere i notri figli emigrare come hanno fatto i nostri bisnonni e i nostri nonni bisogna fermarsi subito. Gli italiani sono un popolo di menefreghisti e ognuno pensa per se e basta, non si considera la gravità dei problemi a livello nazionale ma solo a livello locale o addirittura a livello personale. Siamo una nazione non solo quando gioca la squadra di calcio ma ogni giorno dell'anno, e questo gli italiani lo hanno dimenticato grazie ai nostri politici che da anni ci stanno rimbambendo con la TV e con tutti quei sottili e astuti accorgimenti di cui sono maestri. Ci dicono che siamo un paese forte e che ci risolleveremo dalla crisi ma la colpa di tutto questo non ce la dicono, e la cosa più grave è che noi non la vogliamo sapere. Siamo delle cicale che sperperano la vita credendo nella finta libertà che ci circonda, siamo manipolati da un pugno di furbi che ci tolgono anche l'aria che respiriamo ma non ci facciamo caso. Allora se vogliamo veramente cambiare qualcosa e fare che in modo che il nostro paese sia più vivibile e più simile agli altri; dobbiamo cominciare a considerarlo IL NOSTRO PAESE, LA NOSTRA VERA CASA, altrinmenti in tempi non lontani ci troveremo scarventati in una realtà molto vicina alle guerre fra gli Hutu e i Tutsi, UN PAESE DA TERZO MONDO, come tutte le statistiche ci stanno già dicendo purtroppo.
Ciao.
Marco da Chioggia.

Scarpa Marco 26.01.07 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, il conflitto d'interessi è un argomento serio che va certamente affrontato però, visto il sistema vigente, non si potrà affrontare. E sai perchè? Perchè, prima di qualsiasi altro, dobbiamo affrontare il più grande e spinoso problema del conflitto d'interessi che esiste tra noi e i nostri "dipendenti". Non è vero che loro sono i portatori, e difensori, dei nostri interessi. Noi cittadini abbiamo interesse che le cose funzionino bene e loro no (altrimenti cosa potrebbero promettere in campagna elettorale?). Noi abbiamo interesse che si sviluppi la cultura del merito (la famigerata meritocrazia) e loro no (altrimenti come potrebbero, da neo feudatari, creare i loro bacini elettorali?). Noi abbiamo interesse che il Paese veda crescere la propria economia e di conseguenza il benessere generale, loro no (altrimenti come potrebbero porre in essere il loro ricatto per accapparrarsi i voti?). Questo è il vero conflitto d'interesse che va risolto. Diciamocela tutta, siamo un Paese strano, sempre pronto a scendere in piazza per una partita di calcio ma mai per cose più serie ( a parte la discesa in piazza manipolata da sindacati e partiti). Una democrazia per essere tale necessita di almeno tre requisiti (presupposti) fondamentali: il sentirsi parte di un qualcosa di più grande (un sentire comune che ci vincoli moralmente), conoscenza (cultura, guarda in che condizioni versa la scuola!) e la libertà dal bisogno. Forse non siamo una democrazia ( ma non solo nel senso indicato da Berlusconi)ma siamo ancora una società feudale con una nuova nobiltà (i nostri dipendenti) che di aristocratico ha ben poco e con vassalli e bacia pile. Altro che Paese moderno! mala tempora...

pierluigi mannino 26.01.07 10:22| 
 |
Rispondi al commento

la legge Pecorella. Una di quelle leggi che anche un bambino capisce che è incostituzionale. Una incredibile violazione della parità di diritti fra accusa e difesa...

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 26.01.07 10:19| 
 |
Rispondi al commento

chi ha un minimo di dimestichezza con la storia post medioevale europea conoscerà una storiella che si dice a proposito di luigi XIV. Cn una società di tipo oligarchico, la fracia, in mano a degli incompetenti richiaa di finire prima del tempo, e di soccombere alla politica internazionale. In quel momento il re, luigi XIV, prese in mano la situazion e fece costruire la reggia di Versailles, enorme, monumentale, per rinchiuderci dentro tutti i nobili, in modo da slegarli dale lro mansioni politiche. ma rinchiuderli non bastò a eliminare la loro influenza, mancava ancora qualcosa.. allora inventò il reality show! la sua famiglia divenne lo show per i nobili, si ridicolizzò, fece si che chi aveva il potere non si interessasse ad esericitarlo, e che passasse il tempo lontano dalla sua autorità. questo atteggiamento fu il primo passo verso la società decadente, logora, indifferente e insofferente a se stessa, che venne abbattuta a colpi di ghigliottina durante la rivoluzione del 1789. cosciente di questo (che non è una mia opinione, è storia), secondo me i termini del discorso attuale sono i medesimi: chi gestisce il potere (il governo) intrattiene chi ha il potere (il popolo sovrano) con un grottesco tatrino (il bipolrismo). a voi piacciono Silvio Montecchi e Romano Capuleti??

Michele Mulas 26.01.07 10:14| 
 |
Rispondi al commento

il conflitto di interessi è FONDAMENTALE, è il fulcro della vita democratica di questo paese e il fatto che molta GENTE NON SE NE ACCORGA O NON PROTESTA E UNO SCANDALO!

CHI NON SI INALBERA PER IL VERGOGNOSO CONFLITTO DI INTERESSI è COMPLICE DI QUESTA DEMOCRAZIA MALATA!

FACCIAMO UNA MANIFESTAZIONE A ROMA di tutti i grillini d'ITalia CONTRO IL MENEFREGHISMO MAFIOSO DI TUTTA la classse politica VERSO IL CONFLITTO DI INTERESSI

MA SIAMO CITTADINI O PERECOTTE LOBOTOMIZZATE?

Andrea de Vercellis 26.01.07 09:57| 
 |
Rispondi al commento

UCCIDI IL COGLIONE CHE E'IN TE...prima che diventi reato.

Luca Fineschi 26.01.07 07:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

******************************************
QUALCOSA DI FORTE, CLICCA SUL MIO NOME
******************************************

luisa romagnoli 26.01.07 02:32| 
 |
Rispondi al commento

Giorgio Sodano (giorgio sodano) 26.01.07 00:28

============


Giorgio è vero, son passati molti anni... però ci sono cose che col tempo restano uguali.

Ci sono personaggi che negano tutto oggi come allora.

Ma questo è niente.

Si sono costruite carriere politiche, e i morti sono sopravvissutti tramite i loro figli.

Nei privilegi.

Poi i nipoti.

La storia del Partito Comunista del Dopoguerra si basa sul nepotismo che trova origine sull'illegittimità degli antenati.


Sempre se la Storia ha un senso.

Esiste tutt'oggi una cappa di segreti che evidentemente haragion d'ESISTERE, in quanto ha determinanti e conseguenze sulla realtà attuale.

Posti di privilegio, eredità, posizioni chiave.

Patto hitler-Stalin... è niente.

Ma i nomi dei nonnini........ che dalla Repubblica di Salò sono passati direttamente a fare i partigiani... o i "Padri Costituenti...." questo diviene determinante.

Se poi scopriamo che i figli o ormai i nipoti di questi FINTI padri costituenti REGNANO oggi come novità politiche... allora scopriamo la ragione dei Segreti di Stato.

NON si tratta di revisionismo alla PANSA o chiunque altro. Essi sono marci UGUALE poiché hanno aspettato il momento buono per non aver nulla da perdere.

Tasca non è mai stato rapportato a Feltrinelli per le grosse implicazioni che ne conseguono.

Nino Tripodi (ex fascista), bisogna dire ex... poiché fu poi abbandonato anche dai suoi amici... fece un uso personale dell'archivio Tasca pubblicando tutti i nomi sacri della Repubblica con tutti i cazzi e i contro cazzi che avevano fatto duranto il Ventennio... per poi RI-Comparire come innocenti padri della Prima Repubblica.

Ancora oggi, sia Rifondazione Opportunista che il PCI di Kossutta NON hanno Storia se non a partire dalle scissioni elettoraliste. Poichè per ragioni Nepotistiche (Bottegaie) sono ancora Sensibili all'Archivio Tasca.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.07 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Buonanotte, di là si parla di comuni vivibili, aria pulita, liste civiche...

Illusione sei tu...
dolce chimera blu...

Canta che ti passa.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 26.01.07 00:38| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di conflitto di interessi. Il dipenente Mastella ha deciso di trasferire la Scuola di Magistratura, prevista a Catanzaro per tutto il Sud, Sicilia compresa, nella sua Benevento.

Gianfranco Bressi 26.01.07 00:34| 
 |
Rispondi al commento

*************************
Sei un pessimista,vedi il male dove forse, non c'è. Preferisco credere che noi poveri Italiani, SAREMO MENO DISCRIMINATI. Io inoltre sono tra quelli che vedrebbe con piacere ISRAELE nella NATO....Ma non dico che chi non la pensa come me è da distruggere..
Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 25.01.07 23:56 |
**************************
Non sono pessimista ma realista, materialista se più ti fa piacere.
Qesta capriola all'indietro di qualche secolo non promette nulla di buono, anche se prevista, grazie al foraggiamento dell'integralismo religioso degli ultimi vent'anni (globale) si è coperta la spedizione alla conquista dei territori altrui.
Le parole hanno un peso, ma le leggi ancora di più: se l'alibi è nei proclami di Ahmadinejad bisognerebbe riportare fedelmente le sue ragioni, dalla prima all'ultima, ma questo non è mai stato fatto. Notoriamente non ho nessuna simpatia per gli sciamani, di qualsiasi fede, e bisogna essere proprio fanciulli, o ignoranti, o in malafede per non capire dove porterà questa scelta.
Questo czzo di petrolio ci costerà assai più caro del previsto, perché si sta progettando di pigliarcelo a gratis.
Ricorda che dalle parole ai fatti il passo è breve, a volte adirittura impercepibile.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 26.01.07 00:12 | Rispondi al commento |

israele piu l'america nella nato non male cosi poi per contare i morti nei paesi petroliferi ci vorra una calcolatrice a 100 cifre

Marco Fiaschi 26.01.07 00:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

XXX Massimo Greco Non ci fare cercare , dicci tu quel che sai,se anche sono interessati, col cavolo che lo ammettono1

Marista Urru (marista urru) 25.01.07 23:59

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼

Bene, me la canto...

L'archivista di tutto, anche delle virgole, anche di tutto quello che riguardava prima della sua nascita... era Giangiacomo Feltrinelli.

Come venne in possesso dell'archivio fino al periodo antecedente al 1921:

Venne in possesso tramite Angelo Tasca, un rifugiato in Francia, dopo il 1924. A cui pagò le cure in Svizzera nel dopoguerra diventandone l'erede n.1 del più prezioso archivio di tutti i tempi del personaggio più temuto da tutti gli ex repubblichini neo esponenti del PCI del dopoguerra.

Chi era Tasca.

Un personaggio Chiave, fondatore dell'Ordine Nuovo, Vero segretario del PCI al momento della fondazione, segretario archivista anche di tutte le principali assemblee dell'Internazionale (quindi testimone) di tutti i giri di fondi.... (altro che commission Mitrokin...) tra l'URSS e l'Italia fino alla sua espulsione ordinata da Mosca.

Nel dopoguerra poteva tornare in Italia solo sotto falso nome.

Fu lui Per Primo a denunciare e rendere pubblico il patto Hitler-Stalin per la spartizione della Polonia, con tutti i retroscena.

Il che gli guadagnò l'odio a vita del Partito di Togliati e l'Eterna Persecuzione, tramite montature e campagne di stampa italiana manovrate al 100% da Mosca.

Ma cessarono subito di perseguitarlo.

Quando cominciò, col contagocce, e per legittima difesa, a distribuire documenti sulla storia del Piccì.

Feltrinelli venne in possesso del suo Archivio, guadagnandosi la sua fiducia.

Feltrinelli era un Editore, non un militante scoppiato dei centri sociali con la spilla nel naso...

Era un Businessman.

Barattò l'archivio-Tasca con Mosca alla fine degli anni '50 in cambio di tutti i diritti di Pasternak. Affare del secolo.

Fece il furbo: non cons


X Campa
e i distributori sono un aiuto alle Coop, ed i giornali sul banco dei super pure, i farmaci da banco sottratti al monopolio delle farmacie non ne parliamo, e magari secondo te l'abolizione dei "diritti di ricarica" sono un aiuto ai figli di D'Alema che mandano un sacco di SMS agli amici. La verità che in Italia non si può cominciare a fare un beneamato c...o e tu ne sei la classica dimostrazione.

Oscar D. Commentatore certificato 25.01.07 23:50 | Rispondi al commento |

hahahahah perche che cosa sono i distributori alla grande distribuzione ?

sarannno a essere fortunati 20 centesimi di sconto al litro a fronte di qualche decina di migliaia di disoccupati o dipendenti della grande distribuzione a 900 euro mese i giornali invece non cambieranno di una lira pero ci saranno tanti belli edicolanti a spasso a carico dei sussidi di disoccupazione che preleveranno dalle vostre pensione

ma siete ciechi orbi o stupidi quanti negozi hanno chiuso negli ultimi 10 anni ?


vuoi abbassare il costo della benzina stabilisci un prezzo alla base fisso che lasci un certo margine al rivenditore margine sul quale puo giocare per farsi concorrenza col vicino

o cosa credete che quando la grande distribuzione abbassera 40 centesimi il privato potra permettersi di fargli concorrenza col suo margine di guadagno

io credo d'aver capito una cosa magari mi sbaglio, ma ho la netta sensazione che qui piu che volere una condizione migliore per se stessi, la goduria sia vedere gli altri che nella nostra fantasia sono ricchi navigare nella merda come noi,
ma non quelli veramente ricchi, bensi quelli della porta accanto, che magari hanno commesso l'orrendo crimine di avere la golf invece che la panda come noi


Marco Fiaschi 26.01.07 00:15| 
 |
Rispondi al commento

*************************
Sei un pessimista,vedi il male dove forse, non c'è. Preferisco credere che noi poveri Italiani, SAREMO MENO DISCRIMINATI. Io inoltre sono tra quelli che vedrebbe con piacere ISRAELE nella NATO....Ma non dico che chi non la pensa come me è da distruggere..
Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 25.01.07 23:56 |
**************************
Non sono pessimista ma realista, materialista se più ti fa piacere.
Qesta capriola all'indietro di qualche secolo non promette nulla di buono, anche se prevista, grazie al foraggiamento dell'integralismo religioso degli ultimi vent'anni (globale) si è coperta la spedizione alla conquista dei territori altrui.
Le parole hanno un peso, ma le leggi ancora di più: se l'alibi è nei proclami di Ahmadinejad bisognerebbe riportare fedelmente le sue ragioni, dalla prima all'ultima, ma questo non è mai stato fatto. Notoriamente non ho nessuna simpatia per gli sciamani, di qualsiasi fede, e bisogna essere proprio fanciulli, o ignoranti, o in malafede per non capire dove porterà questa scelta.
Questo czzo di petrolio ci costerà assai più caro del previsto, perché si sta progettando di pigliarcelo a gratis.
Ricorda che dalle parole ai fatti il passo è breve, a volte adirittura impercepibile.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 26.01.07 00:12| 
 |
Rispondi al commento

NON VEDO IL POSTO DI OGGI! o.O

BEPPE non farci preoccupare...

filippo carella 26.01.07 00:08| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono interista, povero Max così attaccato alla Beneamata! Ma il cartello dei petrolieri italiani è un'altra magagna da sollevare.
Lì c'è davvero da scavare letame e tanto secondo me...

Oscar D. Commentatore certificato 26.01.07 00:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@ Giuseppe Campa 25.01.07 23:01 |

Hai sottolineato di come i servizi in questo paese siano di scarso livello, per non dire peggio, ospedali, scuole, e via dicendo.

Tutte queste importanti beni della socialita' sono a stretto collegamento con le entrate tributarie, esiste un'alta pressione fiscale, perche'???

Un terzo delle entrate erariali sono evase dai nostri compatrioti, il lavoro sommerso non ha eguali nell'europa che conta, tutto cio' comporta la classica coperta corta, nella quale prendiamo cosa passa il convento.

Un paese dove evadere le tasse, non e' motivo di vergogna, bensi' motivo di vanto, la dice lunga di come possa andare avanti.

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 23:14 | Rispondi al commento | Chiudi discussione Discussione

un tantinello ridicola come sintesi del problema ma tant'e tali politici tali elettori

Marco Fiaschi 26.01.07 00:00| 
 |
Rispondi al commento

XXX Massimo Greco Non ci fare cercare , dicci tu quel che sai,se anche sono interessati, col cavolo che lo ammettono1

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 25.01.07 23:59| 
 |
Rispondi al commento

"Il conflitto d'interessi è un mestiere"?!... o un'arte?

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 23:57| 
 |
Rispondi al commento

cominciò tutto con i reati di opinione.....

califfato di ceppalonia 25.01.07 23:24 | Rispondi al commento |

e prosegui col bruciare i libri che tali opinioni riportavano

Marco Fiaschi 25.01.07 23:55| 
 |
Rispondi al commento

ma io sono interista!

non condannate il petroliere massimo moratti, é una bravissima persona

vincenzo dileo Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 23:55| 
 |
Rispondi al commento

X Campa
e i distributori sono un aiuto alle Coop, ed i giornali sul banco dei super pure, i farmaci da banco sottratti al monopolio delle farmacie non ne parliamo, e magari secondo te l'abolizione dei "diritti di ricarica" sono un aiuto ai figli di D'Alema che mandano un sacco di SMS agli amici. La verità che in Italia non si può cominciare a fare un beneamato c...o e tu ne sei la classica dimostrazione.

Oscar D. Commentatore certificato 25.01.07 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Bueno

SUPER OT

Dopo oltre 24h dello stesso post, quando dopo oltre i400 commenti il blog langue CONSENTITEMI di divagare verso mezzanotte.

Divagare... fino ad un certo punto.

Ho postato su Zavoli. (vedere)

Zavoli fu l'unico giornalista di rilievo a intervistare (vero scoop) per la prima ed ultima volta, il fondatore del Partito comunista. Nel dopoguerra s'intende.

Qualche anno fa RAITRE trasmise in settima serata parte dell'intervista.

Zavoli è un furbacchione (era).

L'intervista al fondatore del PCI (ex Pcd'I) avvenne pochi mesi prima della sua morte.

Qualcuno accusò Zavoli di intervistare un uomo morto, non in grado di mantenere fede alla sua promessa di negare qualunque intervista a certa gente.

Tuttavia il video fu trasmesso in un periodo in cui molti politici temevano che certa gente parlasse, in un periodo in cui di lì a poco, il più grande archivista di tutte le virgole della storia del PCI sarebbe morto per un incidente "terroristico", tutti gi ex ufficiali della Repubblica di Salò, neo comunisti, temevano che una sola virgola sfuggisse al controllo.

Volete saperne di più?

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 23:47| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti!
C'è una bella iniziativa per mandare via i parlamentari sul cui capo pendono condanne....
si puo partecipare on line:

http://www.comincialitalia.net/petizioni.asp?id_petizione=1

Maria Milella 25.01.07 23:42| 
 |
Rispondi al commento

DECRETO MASTELLA : lotta alle discriminazioni

Sapete se vuol dire che finalmente noi Italiani non saremo più discriminati, e se disoccupati avremo, come gli zingari 1300 euro al mese, la casa popolare, il posto all'asilo nido assicurato?

E se non si può discriminare per la Religione, potremo mettere i Crocefissi dove ci pare, fare cantare le canzoncine sacre ai Bambini per NATALE, e non nascondere la catena con la Croce, e persino fare il PRESEPE?
PENSATE POTREMO, SENZA "OFFENDERE" NESSUNO?

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 25.01.07 23:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La mia opinione è che con questo comportamento la sinistra si sta macchiando di concussione, concussione con Berlusconi, che è un criminale.

Criminale non è per niente un offesa gratuita, indica chi commette o ha commesso crimini, e gli atti e le condanne di tribunale dicono che Silvio ne ha commessi parecchi.
Indi la politica di oggi è un'enorme concussione reciproca tra il 90% (o forse più) dei politici.

Bello il mondo reale, eh?

Attilio Scotolati 25.01.07 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è da tempo che ti leggo e condivido gran parte delle tue argomentazioni.
Mi meraviglio solo del fatto che, mentre da un lato giustamente spingi sulla potenza di Internet, e sul suo utilizzo, dall'altro non è possibile acquistare on-line i biglietti per i tuoi spettacoli di Bolzano, Mantova e Verona.
A quando la vera fruibilità dei servizi su Internet?

gherardo garulli 25.01.07 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma avete capito voi per caso, quelli di COMINCIALITALIA con chi ce l'hanno? C'è il diritto d'autore anche sui partiti non ancora nati?

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 25.01.07 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Parole sante Beppe: "conflitto d'interessi, un modo garbato per definire la corruzione."

Massimo Lotto 25.01.07 23:29| 
 |
Rispondi al commento

Sera a te.
Portacele te un pò di novità... il blog langue di brutto.
Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 25.01.07 23:19 |

>>>>>>>>>>>>>>>>>> Ciao Giorgio Sodano

Mi chiedevo se l'intervista di Zavoli ad ABU a proposito di Cavie umane da salarizzare era stata ritrasmessa in questi anni, magari in quinta serata... ma a quanto pare non è così, o è sfuggita ai presenti (visto che in rai riciclano di tutto) oppure non hanno più toccato l'argomento.


Sul conflitto di interesse sublimato al massimo del peggio dal Berluska, sui suoi lacché come il Frattini, sui patetici del "Partito Democratico" etc., non dico nulla perché già tutto è stato detto...

... sì invece vorrei spendere due parole sul Ministro della Giustizia Clemente Mastella, su cui è facile fare del tiro al piccione. Invece questi, dopo il difficile da accettare ma in realtà necessario provvedimento dell'indulto (comunque votato quasi all'unanimità da quasi tutti i gruppi politici), oggi ha messo ha segno un bellissimo colpo: una legge contro "i delitti di istigazione a commettere crimini contro l'umanità e di apologia dei crimini contro l'umanità".

Non ci sono riferimenti né allo sterminio nazista degli ebrei (e dei comunisti e socialisti, e degli omosessuali, e degli zingari, e degli "asociali", eccetera), né ad altri fatti specifici, ma semplicemente si penalizza come si deve l'istigazione o la difesa di crimini atroci, cercando come fanno alcuni di nascondersi dietro "la ricerca storica". Alcuni storici che sembra protestino contro questo provvedimento parlando di "libertà di ricerca e di dibattito" e sostenendo che le idee aberranti vanno combattute e refutate solo dalle idee, in realtà nascondono una grave debolezza: perché, dove stavano questi storici, quando tanto schifoso catrame revisionista e negazionista va strombazzando le sue ributtanti teorie arzigogolate e pretestuose, mirate a negare gli orrori più innegabili che ancora oggi fanno vittime dirette e indirette, con il solo scopo reale di difendere le ideologie e le volontà di dominio che hanno permesso e hanno sviluppato quegli orrori innegabili? E non mi riferisco solo ai crimini nazisti, anche se sono i peggiori, ma anche a quelli stalinisti, a quelli polpotiani, a quelli cileni, e oggi a quelli statunitensi in Iraq e Afghanistan. Orrori, tutti questi, che trovano sempre chi è capace di minimizzarli, giustificarli, negarli.

E allora, ben venga una legge come questa di Mastella!!!


Art. 75.

È indetto referendum popolare per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.

Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.

Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.

La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.

La legge determina le modalità di attuazione del referendum.

Io comincerei a cambiare questo articolo della Costituzione, a togliere il referendum abrogativo, con cui alla fine ci hanno sempre preso in giro, a favore del referendum propositivo.

Paolo R. Commentatore certificato 25.01.07 23:16| 
 |
Rispondi al commento

"Il cittadino non conta"?!... dici?!...

Perché la maggior parte dei cittadini non ricopre incarichi in "banche, pubbliche amministrazioni, università, informazione, mercato dei farmaci, calcio, Autorità di garanzia, cooperative, partiti"?!

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera a tutti:)

Novità?


@@@ Giuseppe Campa 25.01.07 23:01 |

Hai sottolineato di come i servizi in questo paese siano di scarso livello, per non dire peggio, ospedali, scuole, e via dicendo.

Tutte queste importanti beni della socialita' sono a stretto collegamento con le entrate tributarie, esiste un'alta pressione fiscale, perche'???

Un terzo delle entrate erariali sono evase dai nostri compatrioti, il lavoro sommerso non ha eguali nell'europa che conta, tutto cio' comporta la classica coperta corta, nella quale prendiamo cosa passa il convento.

Un paese dove evadere le tasse, non e' motivo di vergogna, bensi' motivo di vanto, la dice lunga di come possa andare avanti.

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 23:14| 
 |
Rispondi al commento

ROMA - Dopo oltre cinque ore di discussione, il Consiglio dei ministri ha approvato, all'unanimità il decreto legge "Misure urgenti per la tutela dei consumatori, promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese, meglio conosciuto come "pacchetto Bersani" sulle liberalizzazioni. "Grande soddisfazione" è stata espressa dal ministro dello Sviluppo subito dopo il varo del pacchetto. Il pacchetto consta di un decreto legge, di 18 pagine e 12 articoli, accompagnato da un più ampio disegno di legge che apre la strada ad altri interventi in materia.

Anche le proposte avanzate dal vicepremier Francesco Rutelli (sulle quali c'era stata qualche polemica) sono state tutte accolte dal Cdm. Almeno secondo quanto dicono ambienti della Margherita. Nel dl, sono state inserite le norme a tutela del consumatore per l'acquisto della prima casa, con la possibilità di estinzione anticipata dei mutui immobiliari e la portabilità del mutuo. C'è anche la norma sulla esclusiva delle autolinee, e quella sulla portabilità personale della targa degli autoveicoli.

Nel disegno di legge, invece, sono state accolte le norme sul servizio di trasporto locale innovativo, la liberalizzazione dei servizi a terra degli aeroporti civili; per il trasporto ferroviario; la riorganizzazione degli incentivi per le imprese che operano nel settore del gas naturale. Sono state inoltre concordate con il ministro dell'Economia le procedure per il superamento del monopolio Snam Rete Gas e la tutela degli interessi nazionali.

Nel pomeriggio, il Consiglio dei ministri aveva approvato in prima battuta il disegno di legge del ministro della Giustizia, Clemente Mastella, contro le discriminazioni, e aveva poi dato il via libera all'impianto generale del disegno di legge sul riordino delle Authority. Ma vediamo i punti principali contenuti nel provvedimento sulle liberalizzazioni.

I punti del pacchetto Bersani. Secondo le prime indiscrezioni, vi sarebbero l'abolizione

Paolo R. Commentatore certificato 25.01.07 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Signore e signori buonanotte, dicevano le signorine mezzo busto della TV di un tempo.

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 25.01.07 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

POST SU UN PUNTO DI VISTA NUOVO RIGUARDO LA VICENDA DELLA BASE USA DI VICENZA... NUOVE ARGOMENTAZIONI LONTANE DAL FILO E DALL'ANTI AMERICANISMO..

benny calasanzio Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 23:06| 
 |
Rispondi al commento

2) La benzina nei grandi centri commerciali ( come i farmaci da banco) è un'altro aiuto alle coop
Giuseppe Campa 25.01.07 22:42 |


La vita è imprevedibile!!
Stasera devo fare l'avvocato difensore della grande distribuzione organizzata!!
Io che non la sooporto, come il fumo negli occhi.
Ebbene Giuseppe:
al di la' del facile slogan sulle coop, bisognerebbe specificare che in qualsiasi altro paese europeo la distribuzione dei carburanti è decisamente diversificata e prevede, appunto non solo distributori , ma anche super ed ipermercati, come gestori
Vorrei inoltre ricordarti che in Italia abbiamo, oltre al ben noto manuale cencelli della finta informazione , anche una variante merceologica:
le varie fazioni politiche si sono suddivise la torta della distribuzione organizzata, appunto, in completa armonia.
Insomma, i supermercati che venderanno i carburanti sono coop, esselunga, auchan ecc ecc.
Non solo comunisti o ex comunisti.
quando scriviamo, cerchiamo di essere meno superficiali.
Poi, se vogliamo fare le pulci a questa polverizzazione del tessuto distributivo,sputtanare le coope e gli altri,parliamone, io sono d'accordo.
Pero, cazzo, almeno godiamoci il beneficio di qualche sconto in piu'sulla benzina , prima di liberarcene definitivamente.
Serrata dei distributori permettendo...

Mauro Maggiora (mau64) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 22:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Visto che questo governo ha detto chevuole togliere i costi delle ricariche, vorrei ricordare che vi era una petizione da da firmare tramite email. Visto che non capita spesso che una petizione viene proposta senza un fottuto politico, che ne diciamo di partorirne qualcuno che vada a rompere la palle all' Enel? Vogliamo aspettare il 2009 visto che l' Antitrust fino al 2008 deve vedere se vi è stato mai un cartello sui prezzi delle benzine? Mio fratello è benzinaio per una ditta a conduzione familiare di Osimo (AN), e il prezzo della benzina è di 1,160 ero e del gasolio di 1,040. In zona abbiamo mandato a puttane 2 distributori della Tamoil, 1 dell' Agip, 1 della Erg e 1 della Ip. Con questo voglio dire, che non dobbiamo aspettare che gli organi di stato facciano i controlli, possiamo finalmente noi andare a fare il culo alle persone che hanno il potere

Pietro Cortellesi Commentatore certificato 25.01.07 22:57| 
 |
Rispondi al commento

***

Se c'è qualcuno convinto che
codesto blog
sia rappresentante della sinistra
e/o dei beceri,è un malato mentale.
Censurano la ragione.

blea!!!!!!!!!!!

A l Panzini 25.01.07 22:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Partito dei Cittadini Italiani"???
"Copyright"???

MavaFFanculo i copyright, i brevetti, i diritti.
Dopo un mese si potrà chiamare tranquillamente "Banda di malfattori", per cui tanto vale cominciare subito.


Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 25.01.07 22:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GENTILISSIMA SIGNORA IOTTI

Ho più volte tentato di rispondere al suo post, ma sono stata censurata da questa democratica redazione simil-Lubianka. W il co munismo, W la libertà

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 25.01.07 22:48| 
 |
Rispondi al commento

@@@ Giuseppe Campa 25.01.07 22:42 |

Sara' cosi' come dici tu, dal 2001 al 2006, io non ho visto ne gli specchi, ne le allodole, tutte le critiche che vuoi su questo esecutivo, se l'alternativa e' il polo delle liberta', meglio espatriare.

Saluti.

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 22:48| 
 |
Rispondi al commento

COMUNICATO STAMPA di Comincia l'Italia
inviato alle Agenzie Ansa, Agi e Adn Kronos il 24 -1-2007 alle 15,20

Il quotidiano on line www.comincialitalia.net, fondato e creato da Donatella Papi, ha dato mandato ai propri legali di diffidare "chiunque" dall'uso della denominazione "Partito dei Cittadini Italiani" che è il progetto lanciato dal giornale on line e di accertare chi abbia assunto tale iniziativa e a quale titolo.

© Copyright Comincialitalia.net

comincialitalia.net 25.01.07 21:39 | Rispondi al commento | Chiudi discussione Discussione

################################################

vorrei sapere quale è la posizione di comincia l'italia in materia di:
tfr
ponte sullo stretto
riforma delle pensioni
cittadinanza veloce x gli imigrati
finanziamento a siti internet di politica

hendel

paolo hendel 25.01.07 22:46| 
 |
Rispondi al commento

La Mastellonite ci ricorda che ci dobbiamo scordare come cominciano le guerre.

La Napolitanite ci ricorda da dove cominciano le guerre.

L'Ulivite comincia a raccogliere il frutto di anni di leccaculite.

Nelle fosse comuni del 2050 troveranno tutte carte di credito datate 1200 d.c.


GIORGIO SODANO

MA dove le vai a trovare sodà :-D

GINO SERIO( the original :-) 25.01.07 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@ Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 25.01.07 22:32 |

Tutte cosette che avrebbe dovuto fare il cosidetto polo delle liberta', ma napoleone aveva ben altro da espletare.

Meglio piu' visibilita' per noi.

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 22:36| 
 |
Rispondi al commento

da sempre oltre al governo e alle istituzioni con i loro ministeri si contrappone una più ben solida unità di potere : LA MASSONERIA.
con le sue regole le sue tradizioni e il suo potere indiscutibile.

fabio corriere 25.01.07 22:35| 
 |
Rispondi al commento

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 22:30 | Rispondi al commento |

scusa ma a parte quella scolastica le altre riforme ti sembrano positive ?

Marco Fiaschi 25.01.07 22:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ino a quando sarete considerati una casta descritta sopra, non siete tutti quanti credibili!!!!

Postato da: ivo serentha | 25.01.07 22:21

ivo serentha Commentatore certificato 25.01.07 22:25 | Rispondi al commento |

hai dimenticato no alla cumulabilita delle pensioni
no alla cumulabilita delle pensioni piu stipendio da senatori
sopratutto se a vita in quanto non eletti

no alle buone uscite per amministratori inetti

no all'evasione fiscale parlamentare con retribuzioni faraoniche sotto forma di rimborsi spesa

ivo non credo basterebbe un quotidiano per elencare tutto

Marco Fiaschi 25.01.07 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@ Giuseppe Campa 25.01.07 22:23

C'e' ben altro non solo le ricariche, per la precisione.

Approda in Consiglio dei Ministri il nuovo pacchetto Bersani sulle liberalizzazioni. Un decreto legge per le misure più urgenti e un disegno di legge per quelle da concordare con le categorie che spaziano su quasi tutti i settori economici: dai cellulari alle assicurazioni, dai voli aerei alle automobili, dal commercio al dettaglio ai benzinai. Una bozza composta da 47 articoli più uno da inserire.

Ad aprire il provvedimento è lo stop ai costi aggiuntivi per le ricariche telefoniche dei cellulari e ai limiti temporali per l'utilizzo del traffico acquistato. Arriva il previsto via libera alla vendita di carburanti nei supermercati in conseguenza della cancellazione dell'obbligo di distanza minima tra impianti di distribuzione di carburanti.

Sarà più facile creare un'impresa: sarà sufficiente una «comunicazione unica» alla camera di commercio che varrà quale «assolvimento di tutti gli adempimenti amministrativi previsti per l'iscrizione al registro delle imprese e ai fini previdenziali, assistenziali e fiscali e per l'ottenimento del codice fiscale e della partita Iva».

Ma sarà anche più semplice aprire cinema, negozi di parrucchiere, vendere i giornali, fare l'agente immobiliare o il rappresentante di commercio. Diventeranno più trasparenti i prezzi dei carburanti e dei biglietti aerei. Sarà quasi automatica la cancellazione dell'ipoteca nei mutui immobiliari o e meno vincoli saranno incontrati nel cambiare compagnia assicurativa. Verrà abolito il Pra.

Con il "pacchetto Fioroni" sarà cancellata anche la riforma Moratti al superiore, ritornano istituti tecnici e professionali. Le scuole saranno equiparate alle Fondazioni, obbligo a 16 anni, qualifiche professionali triennali con relativo albo nazionale. Una vera e propria riforma della scuola italiana.


La Mastellonite ci ricorda che ci dobbiamo scordare come cominciano le guerre.
La Napolitanite ci ricorda da dove cominciano le guerre.
L'Ulivite comincia a raccogliere il frutto di anni di leccaculite.

Nelle fosse comuni del 2050 troveranno tutte carte di credito datate 1200 d.c.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 25.01.07 22:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Attraverso l'enorme vetrata si poteva scorgere l'obelisco nella piazza! Dritto e alto come un Corazziere. I parlamentari, seduti intorno al tavolo in religioso silenzio, attendevano che le sue labbra annerite ed ustionate dai Romeo & Juliette, si dischiudessero. Il prezioso orlogio a pendolo segnava 20 minuti alla mezzanotte! Ad un tratto l'evento si verificò, improvviso, come la scurregina di un bimbo: Signori, Onorevoli colleghi dobbiamo DISTOGLIERE IL CITTADINO DALLA PARTECIPAZIONE POLITICA ATTIVA, VERA INSIDIA ALLA NOSTRA POSIZIONE DI POTERE CONQUISTATA! Per fare questo vi autorizzo ad utilizzare ogni mezzo lecito od illecito!

Marco Presti 25.01.07 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Dal blog di antonio di pietro

No ai condannati in Parlamento


L'Italia dei Valori, pur sostenendo le riforme nel settore della giustizia proposte dal ministro Mastella, chiede all'Unione di procedere al più presto all'abolizione delle leggi 'vergogna' ad personam approvate dalla Cdl nella passata legislatura e l'esame di una proposta di legge per impedire la candidatura alle elezioni di chi abbia avuto condanne penali passate in giudicato.
Si chiede l'abolizione della ex Cirielli, della Pecorella e del falso in bilancio.
I tempi della giustizia sono intollerabili, per questo l’Italia dei Valori propone un pacchetto di interventi per accorciarli e, allo stesso tempo, apportare alcuni cambiamenti necessari come la ineleggibilità dei condannati.
Ho richiesto che quest’ultimo provvedimento venga messo all’ordine del giorno e ci si possa esprimere in Parlamento con un voto esplicito.

Postato da Antonio Di Pietro in Giustizia

No ai parlamentari con condanne ormai acquisite.

No ai parlamentari e a tutte le cariche dello stato con stipendi tra i piu' alti della comunita' europea, considerando gli stipendi medi di questo paese.

No alle auto blu dei parlamentari.

No alle pensioni dopo due legislature, considerando l'innalzamento delle eta' pensionistica riformata in questi ultimi anni per tutti noi.

Fino a quando sarete considerati una casta descritta sopra, non siete tutti quanti credibili!!!!

Postato da: ivo serentha | 25.01.07 22:21


....MA CHE MERAVIGLIA. TU GUARDA IL CASO NEANCHE STAVOLTA CHE C'ERA L'OPPORTUNITA' DI MENZIONARLO, IL PIU' GRANDE DEI CONFLITTI D'INTERESSI, SE LO SONO DIMENTICATO ANCORA....
LE COOPERATIVE SIG. ELIO VELTRI, LE COOPERATIVE NON IL CALCIO O LE ALTRE STRONZATE!!!!!

MALEDETTI IPOCRITI

Marco Licenziati 25.01.07 22:24| 
 |
Rispondi al commento

al seguente link
http://www.giannipera.it/via_craxi_latitante.htm

sto costruendo un pagina contenente l'elenco dei comuni che hanno intitolato o intendono intitolare una strada, un monumento, una targa a Bettino Craxi.
Siete invitati a inviarmi altre segnalazioni
grazie

www.giannipera.it

Gianni Pera Commentatore certificato 25.01.07 22:22| 
 |
Rispondi al commento

lol notte anche se non sono tra le care :)

Marco Fiaschi 25.01.07 22:18| 
 |
Rispondi al commento

27 Gennaio: IL GIORNO DELLA MEMORIA

Per il giorno della memoria intendo proporre
la frase più importante di quello che è per me il maggiore filosofo
dell'era moderna. Una frase semplice che la dice lunga
su certe "patologie" che muovono l'uomo a compiere
i più atroci abomini.
Spiace soltanto (a me spiace tantissimo!) che a quest'uomo vengano preferiti in Italia altri filosofi che al contrario si prestano a certe speculazioni razziste, misogine e antisemite.
Spiace anche che questo grande pensatore sia da noi pressoché impubblicato

"Niente è infine sacro al di fuori dell'integrità della mente"
(Ralph Waldo Emerson, da "La fiducia in se stessi")


Ermanno Bartoli

web page: www.webalice.it/barlow

Ermanno Bartoli (barlow) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.07 22:18| 
 |
Rispondi al commento

QUESITO

Secondo voi il TFR dei politici e dei sindacalisti è a rischio?

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 25.01.07 22:06 | Rispondi al commento | Chiudi discussione Discussione

No,fiorellino.
Loro non hanno l'I.N.P.S.;ed è una vergogna.
joseph pane 25.01.07 22:10 |
Chiudi discussione Discussione


ovviamente si.
c'e il rischio che se non si fregano il vostro non riescano poi a pagarsi il loro

Marco Fiaschi 25.01.07 22:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo facciamo questo referendum per adolire i politici di mestiere e per mettere il paletto del conflitto di interesse?

manu trentasette 25.01.07 22:00 | Rispondi al commento |

in questo blog al massimo ci si puo fare delle belle pugnette magari a vicenda ma sempre pugnette

l'unica cosa su cui si e vagamente d'accordo diciamo un 85%, e' che l'intera classe politica va delegittimata e mandata a casa

per il resto ognuno ha la sua via,siamo divisi in
una miriade di piccole certezze personali

quindi l'unico progetto che puo essere comune e quello

ora e da vedere quale puo essere la strategia per ottenere il risultato

ma tant'e che avevamo fatto un piccolo forum per vedere quanti erano disposti a una manifestazione a oltranza davanti al parlamento e tra tutti i presenti eravamo 25.
poi bello tra i belli qualcuno ci ha cancellato il forum ......

Marco Fiaschi 25.01.07 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto Grillo!
Lo sappiamo tutti che non viviamo in una democrazia ma in una oligarchia: pochi (potere economico e politici) decidono per molti (tutti gli altri coglioni). Il problema però è che, mentre per l'oligarchia l'iniquità del sistema è palese, con questa presunta democrazia nessuno si può lamentare perché ogni cinque anni ci fanno votare.
Mitici! Il potere rimane sempre nelle mani di pochissimi e per di più glielo diamo noi.
Aiutateci a cambiare il sistema. Sottoscrivete e fate conoscere le idee del movimento politico democrazia-elettronica.

domenico petrolino (democrazia-elettronica.it) Commentatore certificato 25.01.07 22:08| 
 |
Rispondi al commento

QUESITO

Secondo voi il TFR dei politici e dei sindacalisti è a rischio?

Patty Ghera alias F i o r e v e r d e 25.01.07 22:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo facciamo questo referendum per adolire i politici di mestiere e per mettere il paletto del conflitto di interesse?

manu trentasette 25.01.07 22:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/429.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Il conflitto d'interessi è un mestiere:

» Il post di un disincantato. da Fabio Sacco
Ideali, questi sconosciuti. Valori, questa fregatura. Meritocrazia, questa illusione. [Leggi]

24.01.07 20:44

» Apologia della razionalità da Fabio Sacco
Questo post è un’apologia della razionalità, un’apologia del discorso logico. [Leggi]

24.01.07 20:48

» Messaggio N. 65 da LIBERTA' VIRTUALE
IL SIGNORE DEL CONTROLLO MENTALE Solo i ciechi, gli idioti oppure coloro che in esso ci sguazzano per convenienza, non si accorgono che in Italia si è instaurato un regime mediatico, come in nessun altro paese al mondo. Suggerirei di andarci piano co... [Leggi]

24.01.07 20:53

» L'ultima intervista di Paolo Borsellino 'dedicata' a Berlusconi da La Mia Notizia - Citizen Journalism in Italy
L'ultima intervista di Paolo Borsellino ''dedicata'' a Berlusconi.Data: Wednesday, 06 August @ 00:50:38 CEST [Leggi]

24.01.07 23:23