Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'ape OGM


ape.jpg

Le api che si nutrono di prodotti OGM non li apprezzano. Sono rimaste indietro. Non si sono evolute. E’ difficile stare al passo con la razza umana. Il loro scarso apprezzamento è tale che, dopo un po’, muoiono. Ma prima passano il messaggio. E sui campi OGM non si vede più un’ape.
Le api, prima di morire, producono miele OGM. Noi mangiamo miele OGM senza saperlo. Ci farà bene? Lo scopriremo solo morendo. E’ il bello dell’OGM. Stupisce sempre.
Come fanno gli apicoltori a sapere che le loro api sconfinano in campi OGM? Le api si muovono senza precauzioni. Vanno di fiore in fiore. Di coltivazione OGM in coltivazione OGM. Anche in quelle sperimentali. Di prodotti OGM non ancora approvati. Le api sono contro il progresso. Chi non si adegua è perduto. E non va in Borsa. Le api sono una risorsa economica, ma non producono bond. Un alveare può contenere fino a 50.000 api. In Europa ci sono miliardi di api. Ogni volta che un’ape esce dall’alveare impollina cento fiori. Il culo che si fanno le api a impollinare vale nell’ Unione Europea alcuni miliardi di euro di stipendio. Ma il valore dell’impollinazione è incommensurabile. Senza le api centinaia di piante scomparirebbero. Qualcuno pensa di essere in grado di fare il loro lavoro? Forse con nuovi prodotti di multinazionali OGM che ci rassicurano sempre sul nostro futuro e sul valore delle loro azioni?
Siamo diventati cavie inconsapevoli di derivati di prodotti OGM. Una soluzione c’è: Buttiglione. E’ l’apone italiano. Lo si dipinge di giallo e nero. Gli si mette il pungiglione dove deve stare. E lo si riproduce nei campi OGM su cartelli per api. Alla sua vista capirebbero l’entità del pericolo.
Gli Stati Uniti hanno più della metà di tutte le coltivazioni OGM mondiali. Quasi 50 milioni di ettari su 90 milioni. Per vincere la fame nel mondo. Dicono. O forse per esportarla, come la democrazia.

Ps: Negli Stati Uniti per cause legate ai pesticidi, ai cambiamenti ambientali e all’OGM, le api selvatiche native sono diminuite del 90% negli ultimi 50 anni. Gli alveari sono diminuiti di due terzi.

4 Gen 2007, 22:24 | Scrivi | Commenti (1068) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La macchina anti-rifiuti c'è ma Napoli la lascia in deposito.
Economico ed ecologico,il Thor del Cnr è un mulino che può riciclare qualsiasi materiale e risolvere l'emergenza.Anche se Bassolino l'ha snobbato.Il principio di base è semplicissimo:si separano i materiali ferrosi e non e quelli utili e la parte rimanente viene ridotta in polvere di 10 millesimo di millimetro.Il prodotto viene utilizzato come combustibile.Il resto è acqua sotto forma di vapore (sterilizzato).La geniale invenzione è di uno scienziato del Cnr Paolo Plescia realizzandone uno a Montelibretti vicino a Roma e l'altro a Capo D'Orlando (messina) in collaborazione con la Assing Spa.Se i nostri amministratori si fossero guardati un pò intorno,ci avrebbero risparmiato una figuraccia planetaria.
P.s per una lettura più approfondita leggere l'articolo di Francesco Ruggeri del 20 marzo2008 su Libero

grib. gaus 04.05.08 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Sull'Economist della settimana scorsa c'è un interessante articolo sul dilagare degli OGM nel mondo e su quello che sembra l'inevitabile traguardo anche per noi italiani che, a dire il vero, fino ad ora pare abbiamo resistito abbastanza bene.Io ho scelto! Alle prossime elezioni, il NO secco agli OGM sarà condizione imprescindibile per ottenere la mia preferenza.

fabio f. Commentatore certificato 01.03.08 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Saluti.
Per gli OGM proporrei lo slogan "OGM il cibo 'amianto' del futuro". Noi abbiamo un apparato digerente che riconosce il cibo in base alla "storia" evolutiva delle specie basata su quello che noi abbiamo mangiato prevalentemente e che sulla base di questo si è evoluto. Per inciso durante la glaciazione, un periodo relativamente breve rispetto al totale della evoluzione, abbiamo mangato anche carne. Il nostro apparato digerente è intuitivo che non "riconosca" adatto il cibo OGM e se lo mangeremo ci dovremmo aspettare un vertiginoso aumento delle intolleranze. Nella sperimentazione OGM mancando un approfondito modello che rappresenti la interazione a "lungo termine" non si può affermare con ragionevole sicurezza niente; manca una lunga tradizione che il cibo non OGM invece fornisce. Perchè rischiare, dove è finito il principio della "precauzione"; se i propugnatori dell'OGM lo vogliono sperimentare lo faccianno sui loro figli se si sentono così sicuri della sua innocuità, nessuno li nega questa libertà. Come consumatore, dato che è giusto la trasparenza il cittadino ha il diritto di sapere per scegliere. Tutti bevettano, rendono così pubblico gli OGM ma nessuno vuole metterli nella etichetta !!! Credo che nessuno dimentiche che l'amianto prese una larga diffusione e poi l'esperienza. il lungo periodo ne ha mostrato i limiti, le controindicazioni. C'è un più che ragionevole dubbio che sia la stessa cosa anche per gli OGM. Per scegliere occorre essere informati ed Io personalmente non voglio mangiare prodotti OGM. Grazie per l'accoglienza O.Z.

Ottavio Zanellato 13.01.08 16:06| 
 |
Rispondi al commento

ECCO LA DISINFORMAZIONE!!!

Faccio presente al sig. Gianluca fox ed a tutti i bloggers interessati che la notizia da lui fornita è un esempio di distorsione mediatica!

La notizia è stata data in questi termini da tutte le varie associazioni e associazioncine no global, pseudoecologiste, pseudoanimaliste, pseudoambientaliste, ecc..., le quali si sono ben impegnate nel fare apparire le attività di Syngenta in Brasile come illegali, o quasi. E' ovvio a chiunque dotato di buon senso che l'attività di sperimentazione su vasta scala, a livello mondiale, non può in alcun modo essere condotta senza avere ottenuto il necessario consenso di tutti i governi e le istituzioni coinvolte!

La VERITA' è che la politica aziendale di Syngenta IMPONE a tutti i vigilantes che assolda di non portare armi con loro, anche in Brasile!
Lo scontro a fuoco è avvenuto tra persone che sono giunte armate - LORO!!! - alla sede della multinazionale.

Prego quindi tutti quanti di spogliarsi dei loro pregiudizi ideologici prima di sparare a zero su argomenti che neanche conoscono alla lontana!

Con buona pace della correttezza e dell'obiettività dell'informazione, di cui tanto sta parlando il Sig. Grillo di questi tempi...

Lorenzo Serra 30.10.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento

BRASILE: LA MILIZIA OGM DI SYNGENTA UCCIDE UN CONTADINO PDF Stampa E-mail
giovedì 25 ottobre 2007
IFOAM, la federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica condanna le azioni violente contro gli agricoltori brasiliani.
syngenta-bandiera.jpgBonn, 23 ottobre 2007 - IFOAM, La federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica condanna tutte le azioni violente adottate per risolvere I problemi portati dagli OGM
La notizia che la milizia armata dell'industria sementiera biotech Syngenta ha ucciso un piccolo agricoltore brasiliano membro dell'organizzazione contadina Via Campesina che stava protestando contro gli ennesimi campi sperimentali OGM, è scioccante.Da domenica scorsa, un gruppo di 150 contadini associati a Via Campesina aveva occupato i campi in cui Syngenta sta realizzando i trial di varietà OGM, chiedendo che venissero convertiti a un centro OGM free per
l'agro-ecologia.Syngenta ha risposto con le armi, uccidendo uno dei coltivatori, padre di tre bambini, e ferendone altri sei.
Ifoam estende il suo sentito sostegno alla famiglia di Valmir Motta, la cui vita è stata persa così tragicamente, agli agricoltori feriti, e all'associazione agricola brasiliana MST.
L'obiettivo dell'azione degli agricoltori era quello di difendere un sistema agricolo che offra ai piccoli coltivatori e all'ambiente la possibilità di scelta e di vita, gli stessi perseguiti dal movimento mondiale per l'agricoltura biologica con i suoi specifici mezzi. L'ingegneria genetica rappresenta una minaccia all'intera biosfera e inoltre comporta rischi economici e ambientali per i produttori biologici. Immettendo nell'ambiente organismi il cui patrimonio genetico è stato manipolato, mai esistiti in natura e impossibili da ritirare una volta liberati, l'ingegneria genetica in agricoltura causa impatti ambientali negativi e irreversibili.Il rilascio di OGM nell'ambiente implica la negazione della libertà ta
http://www.greenplanet.net

gianluca fox 28.10.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,tramite il tuo blog siamo riusciti a togliere i costi di ricarica dei cellulari. Ora vedo che stai disperdendo le forze parlando di politica. Porta avanti delle sfide semplici e chiare in modo che il popolo del blog possa seguirti e si possa raggiungere un risultato tangibile. Senza risultati tangibili si parla solo di aria fritta e va giù la voce. Propongo tre semplici obiettivi: 1-Proibire di dare mangimi OGM alle mucche che producono latte utilizzato per il Parmigiano Reggiano. Questo formaggio è un santuario che va difeso poichè le mamme lo mettono nel biberon dei loro bambini. Facciamo marcire sugli scaffali questo formaggio finchè non certificano un Parmigiano Reggiano no OGM. Se quei quattro che ci guadagnano per la faccenda OGM che si mangino e diano ai loro figli il formaggio OGM. 2- Riduzione del 20% dei parlamentari e dei senatori. 3-Togliere il balzello dello scatto alla risposta. Rimango in attesa di sentire la tua voce, quella di ieri che parla di cose semplici che la gente capisce.

Aleardo S. 24.09.07 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito noi italiani ci dobbiamo distinguere. Questa viene direttamente da Greenpeace. Aiutiamoli a diffondere la notizia. Il Parmigiano-Reggiano si fa con il latte. E il latte viene dalle mucche. Fin qui nulla di nuovo. Ma il punto è che le mucche del Consorzio del Parmigiano Reggiano mangiano ogni giorno soia Ogm della Monsanto. Gli organismi geneticamente modificati contaminano, in questo modo, la filiera di produzione e, dai laboratori della Monsanto, arrivano spediti sulle nostre tavole.

È in gioco la genuinità di un prodotto della nostra tradizione, che ha fatto della qualità il suo punto di forza. Bisogna agire subito per difendere il Parmigiano Reggiano e salvarlo dalla trappola degli Ogm. Scrivi al Consorzio e chiedi una modifica immediata del disciplinare di produzione: mai più Ogm per le mucche del Parmigiano Reggiano!

Aiutiamo Greenpeace. Aiutiamo i nostri figli. Aiutiamoci a vivere meglio.

Nel contempo Greenpeace ha indetto un concorso grafico per denunciare il fatto e dare visibilità alla cosa. All'interno di questo link http://www.greenpeace.it/parmigiano/crea.php troverai gli elaborati. Ti chiedo di votare quello che, secondo te, esprime di più il concetto di monito al consumo di parmigiano con ogm. Puoi votare due volte al giorno con uno stesso computer fino al 30 novembre 2007. Un particolare ringraziamento se voterai il mio elaborato. Il concorso è ancora aperto e puoi anche tu inviare la tua opera.

Manda il messaggio ad altri tuoi amici e diffondilo più che puoi. Ancora grazie.

Ciao.

Massimiliano Petrignani

http://www.greenpeace.it/parmigiano/crea.php

Max Petrignani 20.09.07 22:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono incazzato...
Quello che ho capito da Beppe è che la rete porta informazione e attraverso l'informazione si può parlare senza dire grosse cavolate.
Noto con dispiacere che riguardo agli O.G.M. c'è una malinformazione pilotata e questo avviene solo nel nostro stato. Io purtroppo sono vicino, se nondentro al campo delle biotecnologie e chiederei solamente un pò più di senso critico a tutti. Vi fanno bere ciò che vogliono. Non voglio dire che l'OGM è santo ma bisogna pensare di gestirlo in maniera intelligente. Invece dato che non sappiamo niente... diciamo "No OGM" e se lo mangiamo come dei cotechini. Una persona deve decidere se vuoole mangiare biologico o ogm. Dobbiamo fare maggiori controlli se non gli vogliamo!
VI CHIEDO PER PIACERE, NON CREDETE A TUTTO MA INFORMATEVI. TUTTO PUò ESSERE MANIPOLATO MA NON LA RETE!

Andrea Zerminiani 19.09.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento

secondo me (e cmq ne sono sicuro) matteo casavecchia è un ippopotamo travestito da albero... e benchè se ne dica solo questa verità è triste più del vento che lo disperde

gilby albert 02.09.07 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Salve,voglio esprimermi per la prima volta nel blog, a proposito di un argomento che non può non interessare!i prodotti ogm!!!la loro produzione e commercializzazione!stanno facendo come sempre informazione sleale e tutto ciò che serve per preparare il terreno(ci stà anche bene nell'argomento) a questa epidemia, ad una nuova, gratuita, bassezza!approfittando sempre della disinformazione, faranno si che sia la gente stessa a volerne la liberalizzazione.e non solo, la messa in atto di un sistema per non potersi tutelare da parte di chi lo volesse!scusate l'enfasi!sono veramente scosso...siamo marionette!
il vaso è traboccato quando ho sentito al telegiornale rai, credo, un intero servizio pubblicitario a favore!la gente non può più difendersi!il servizio si è concluso con l'intervista ad un tale che, sconosciuto ma presentato come chi sa chi, ha fomentato il tutto dichiarando che se lui stesso dovesse scegliere tra il cibarsi con un prodotto ogm ed uno biologico, non avrebbe il minimo dubbio.OPTEREBBE PER IL PRIMO!!!AIUTOOOOO...questo vuol dire che c'è qualcosa che non va!!!ma v...

Matteo De Santis 07.08.07 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, che ne dici di divulgare quanto comunicato dall'associazione "Equivita"?

Ti riporto il testo dello stesso:
Il Comitato Scientifico EQUIVITA è profondamente deluso dal voto del Consiglio dei Ministri dell¹Agricoltura, che stabilisce nel nuovo Regolamento sui prodotti biologici la soglia di tolleranza per Ogm dello 0,9%.
I cittadini europei sono stati sconfitti e traditi.
Il Parlamento europeo, infatti, si era pronunciato a fine marzo in maniera molto chiara a favore di una soglia non superiore allo 0,1%, esprimendo in questo modo il dissenso manifestato in Europa verso una politica di
imposizione degli Ogm che da svariati anni viene portata avanti con strategie il più delle volte irregolari.
E¹ stata tradita anche la promessa di consentire ai cittadini europei la libera scelta alimentare, perché il biologico contenente lo 0,9% di transgenico cessa di essere biologico, e perché si sarà costretti in seguito, col dilagare della contaminazione, a passare ad una tolleranza assai più estesa.
E¹ ben triste inoltre che il Parlamento non sia riuscito ad ottenere la procedura di codecisione nell¹elaborazione del regolamento sui prodotti
biologici. In assenza di codecisione il Parlamento è privo di potere.
Così come, mancando questo, non vi è democrazia nell¹Unione Europea.

Ti invito a dare un'occhiata al link:
http://www.antivivisezione.it/

Ciao e grazie ancora di esistere!

elena girardi Commentatore in marcia al V2day 16.06.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

vi chiedo scusa per il post multiplo ma la simpatica telecom mi fa saltare la linea ogni 3 per due in questi giorni e avendo cliccato per ricaricare la pagina su firefox (dato che la rete nn dava segni di vita) vi ho mandato troppi messaggi-_-"
di questo mi dolgo,mi dispiace...

Battistini Giorgio Giovanni 30.05.07 02:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo post in cui si dice che l'OGM vuole spazzare via le altre colture, che l'OGM sarà dannoso per le iterazioni con il DNA dell'organismo assimilante (!!!!), che l'OGM in sostanza è qualcosa di MALVAGIO! Gentili signore e signore, rispetto le vostre idee ma vi chiedo gentilmente di informavi appieno sui lati POSITIVI oltre che qulli negativi delle biotecnologie. Perchè a quanto scrivete mi pare non siate consci delle ricerche che vengono effettuate per produrre piante resistenti alla siccità che potrebbero così sopravvivere in Africa, le ricerche su piante produttrici di ANTIBIOTICI ma tanto questo a chi importa? Meglio un po' di insano populismi che è molto più facile. L'Italia non è il meglio in quanto informazione scientifica ma delle critiche molto spesso mal fondate sono anche una leggera offesa per chi è biotecnologo.


Se la api naturali non si adeguano è sufficiente sostituirle con api OGM resistenti ai pesticidi e che siano attratte dalle coltivazioniu OGM, sono sicuro che la tecnologia vincerà.

marco scarli 19.02.07 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, ti consiglio di vedere questo video e fatelo circolare...

http://video.google.fr/videoplay?docid=-8996055986353195886

Dr Jonz 11.02.07 01:28| 
 |
Rispondi al commento


L'argomento è veramente preoccupante ma non solo per chi è consumatore di miele ovviamente (io ne consumo anche troppo e non di buona qualità).

Non so: bisognerebbe chiedere aiuto ai paesi che non vogliono esportare qualsiasi cosa provenga da cervelli dannosi.

Sto rispondendo un po' in ritardo a questo post e avendo appena rivisto il tuo dvd vorrei - perchè me li sono scritti - fare l'elenco di tutti i prodotti che contengono nanoparticelle di metalli.

Non è escluso che lo faccia uno di questi giorni. La prima volta che ho visto il dvd ne ho solo preso atto.

Mi piacerebbe sapere se i prodotti OGM sono più pericolosi delle particelle di metallo...anche negli alimenti per neonati. Sono incazzata nera..

Ma gli OGM umani non si sentono delle merde? Certo se vai al ristorante tutti i giorni certe prelibatezze le produci x le masse (forse i 2/3 della popolazione mondiale?).

E gli sciroppi x la malaria senza principio attivo? Mi viene da vomitare...povera gente e poveri tutti noi.

Spero che tutti i governi inizino a lavorare per migliorare la vita di tutti ma si sa il profitto vale la vita di qualche miliardo di persone?

Giuro che scriverò i nomi di alcune marche alimentari (purtroppo non si sanno tutti contando anche gli OGM)....

Se non fosse per le persone che ci lavorano io vorrei vedere le vendite calare a picco....

E mi fermo per oggi - sono anche incazzata perché ho paura a nominare queste aziende che spaziano nei vari settori dell'economia cioè OVUNQUE.

E' ALLUCINANTE ma forse tu hai già messo sul post l'elenco qualche mese fa. Non importa li nominerò io (come in quelle stronzate dei reality).

VIVA LA VERA RICERCA- VIVA CHI VERAMENTE LAVORA X LA VITA.

Grazie e ciao.

Elena Ferrari 09.02.07 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non mandiamo un pò di e-mail a questi indirizzi di gruppi politici:

ufficiostampa.prc@rifondazione.it (Rifondazione Comunista)

berlenghi_t@camera.it (Verdi, Gruppo Camera)

comunicazione@uni.net (DS, Camera)

socialisti@sdionline.it (SDI)

sede@margheritaonline.it (Margherita)

italiadeivalori@antoniodipietro.it (Lista Di Pietro)

info@popolariudeur.it (UDEUR)

info@udc-italia.it (UDC)

segreteria.politica@leganord.org (Lega Nord)

gr_an@camera.it (AN)

oppure… ballaro@rai.it (Ballarò)

Oggetto : che fine a fatto l'auto ad aria compressa
la lettera è a grandi linee è questa poi chi vuole può scrivere ciò che vuole.

Un ingegnere meccanico francese ideo nel 1997 il primo motore ad aria compressa;

poi successivamente insieme a suo figlio e a dei suoi collaboratori perfezionò il motore rendendolo più efficiente.

Con una spesa di 1 euro e mezzo si può percorrere 200 km. circa .

Come mai non si parla di questo motore ad aria compressa che potrebbe risolvere il problema delle polveri sottili nei centri abitati?

Perchè il governo non propone a FIAT di produrre per le aziende pubbliche:
( Regioni,Provincie,Comuni)auto da fornire a chi deve lavorare nel traffico cittadino .

poi se l'iniziativa va a buon fine può estendere la produzione anche per i comuni cittadini privati.

Vorrei una risposta se non chiedo troppo.


Distinti saluti
una cittadina italiana

partecipate numerosi
Grazie!

maria losacco 09.02.07 15:48| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo l'uomo non riesce ancora a dar il giusto peso alla natura: tutto ciò che rende economicamente è buono, peccato che i veri conti con la natura non si fanno mai.
Ma prima o poi vengono a galla...

stefano m. Commentatore certificato 02.02.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Vi prego di leggere i miei articoli di seguito inoltrati ...
così avrete un'idea chiara di cosa sta combinando a nostra insaputa la Commissione Europea...
sugli OGM...
e vi prego di copiare e divulgare al massimo
sono un Agroecologo amico di Beppe Grillo, cui mando informazioni da anni sull'impatto dei pesticidi e degli ogm sull'agricoltura e la nostra salute...
grazie a Tutti
Prof. Altieri

giuseppe altieri 19.01.07 02:12| 
 |
Rispondi al commento

...continua....
Se la partita sui prodotti Bio è in salita ma ancora mezza aperta, va invece rilevato il grande smacco subito dalla Commissione nella sua crociata volta ad imporre la coltivazione di Ogm. Bruxelles voleva obbligare l'Austria ad aprire i suoi campi alla coltivazione di un mais geneticamente modificato; i 25 hanno invece votato contro la proposta, con le eccezioni dei paesi paladini del biotech, ossia Gran Bretagna, Svezia, Olanda e Repubblica Ceca. In questa maniera arriva un riconoscimento chiaro e tondo del diritto di un paese a proibire la coltivazione di Ogm.

Invasione dell'Europa e Distruzione dell'Agricoltura Biologica
Bombardamento transgenico in vista?
La commissione Europea ci prova... fermiamola... e, già che ci siamo... cambiamo le regole dell'UE...
...prima di arrivare alla Dittatura Transgenica
ovvero la distruzione e disintegrazione di tutta l'agricoltura biologica
...l'obiettivo delle multinazionali
..disintegrare l'Agricoltura Biologica (ovvero la possibilità di sviluppo di tutta l'agricoltura tradizionale Europea)
e passare all'Agricoltura "Integrata"...al 100% nella chimica e sottoposta ai brevetti delle sementi transgeniche che contaminerebbero tutto il resto in breve tempo (con i diritti di proprietà appplicati anche ai discendenti degli agricoltori)
... disintegrando i contadini ... e i consumatori
trasformati in schiavi delle multinazionali e porci da ingozzare, ammalare e infine "curare" con le medicine delle stesse multinazionali produttrici di pesticidi e ogm...
finche non avranno più una lira in banca... dopo di che
...una bella tassa sulla tomba e sulla successione.... che i figli pagheranno... così come i diritti di brevetto sui semi, nel caso che il padre li acquisti anche solo una volta
Ho ripetutto più volte che la partita sugli ogm non ha prezzo... la contropartita è il controllo totale dell'alimentazione del pianeta...
mobilitiamoci !!!
...prima che ci fottono tutti

giuseppe altieri 19.01.07 02:04| 
 |
Rispondi al commento

.... La Commissione ambiente dell'Eurocamera voterà il nuovo Regolamento a febbraio, poi a marzo toccherà alla plenaria dare il suo parere che però è solo consultivo, non vincolante per i 25. De Castro spera in una posizione diversa e forte del Parlamento a difesa della peculiarità del biologico, in modo da usarla come arma per conquistare in primavera nuovi paesi alla sua causa.
Gli obiettivi dichiarati di questa campagna acquisti sono il Lussemburgo e soprattutto la Spagna (per ovvie ragioni di peso nel voto). Sia il Granducato che Madrid ieri hanno «espresso simpatia per la posizione italiana», assicura il ministro, ma alla fine «hanno accettato quella della presidenza finlandese». De Castro spera di riportarli sui suoi lidi sfruttando proprio il peso politico del voto del Parlamento, sempre che l'Eurocamera si esprima per una differenziazione tra le due soglie, quella del Bio e quella dell'agricoltura tradizionale. Già ieri, durante i negoziati nel consiglio dei ministri dell'agricoltura, la diplomazia italiana e quella austriaca hanno conquistato l'appoggio di Grecia, Belgio e Ungheria.
L'Italia vorrebbe che si mantenesse la soglia attuale, ossia lo zero tecnico (ossia lo zero rilevabile dalla strumentazione, che in realtà equivale a uno 0,1% di contaminazione) mentre Bruxelles vuole imporre lo 0,9% argomentando che una soglia inferiore imporrebbe costi di analisi aggiuntivi per i prodotti Bio e una responsabilità troppo pesante sugli agricoltori. Da parte di Coldiretti, Cia (Confederazione italiana agricoltori), Legambiente e anche delle 40 regioni Ogm free, guidate dalla Toscana, si ricorda invece come l'aumento di vendite per il biologico si debba proprio alla sua completa libertà da modificazioni genetiche. Pur difendendo lo zero tecnico, Roma sarebbe disposta ad accettare anche una soglia di inquinamento intermedia, fa sapere il ministro, l'importante è mantenere due quote diverse e con loro la peculiarità e il richiamo commerciale del biologico.
.....

giuseppe altieri 19.01.07 01:52| 
 |
Rispondi al commento

PER L'UE IL BIO PUÒ ESSERE OGM (in realtà pare che tutto sia stato rinviato grazie al Ministro De Castro, ndr)
I 25 votano il regolamento che prevede la soglia dello 0,9% transgenico anche per l'agricoltura biologica. L'Italia si oppone ma è sconfitta. Ma la battaglia prosegue
E' tutta una questione di soglie, ma su queste si gioca una buona fetta del futuro del marchio Bio in Europa. La Commissione, la presidenza finlandese e la maggioranza degli Stati membri vogliono equiparare la soglia di inquinamento da organismi geneticamente modificati dell'agricoltura biologica al livello previsto per quella tradizionale, ossia allo 0,9%. Per Italia, Austria, Belgio, Grecia e Ungheria questo è invece il cammino da evitare, semplicemente perché elimina uno degli elementi caratterizzanti dei prodotti Bio: la loro «assoluta» libertà da ogm. Il problema è che secondo il sistema di voto previsto dal Trattato di Nizza i cinque paesi raccolgono 75 voti, ossia 15 in meno della soglia necessaria per formare una minoranza di blocco e imporre quindi un cambiamento di posizioni. E difatti la presidenza finlandese, senza molti successi da vantare nel suo semestre, ha annunciato nella serata di ieri che c'è l'accordo tra i 25 sul nuovo Regolamento per l'agricoltura biologica. Si tratta del testo comunitario chiamato a rinnovare la normativa in vigore dal 1992, epoca in cui gli Ogm non erano certo quello che sono oggi.

Helsinki riconosce che non sono tutti d'accordo, ma dà l'intesa per chiusa e sorride a un risultato buono per rimpolpare il suo magro bilancio. Roma, invece, non demorde. Il ministro dell'Agricoltura Paolo De Castro annuncia infatti una dura battaglia per i prossimi mesi: «Non possiamo accettare per il biologico una soglia di inquinamento da Ogm pari a quella prevista per l'agricoltura tradizionale». Gli spazi di manovra per cambiare le carte in tavolo, insiste il ministro, esistono ancora, tanto nel Parlamento europeo quanto tra gli stessi 25. La Commissione ambiente de

giuseppe altieri 19.01.07 01:42| 
 |
Rispondi al commento

No, pertanto, alle soglie di tolleranza e Si alle etichettature di qualsiasi livello di presenza di ogm negli alimenti e divieto assoluto di semine di ogm e di contaminazione qualsiasi delle sementi.
Ed alimenti Biologici rigorosamente liberi da ogm al 100%.
Tra l'altro, la tolleranza Zero è l'unica che può garantire la cosiddetta coesistenza sul mercato tra "alimenti" ogm importati (che in ogni caso dovrebbero essere fuorilegge in Europa, in base al Principio di Precauzione, ovvero ad una norma fondante dell'UE, visti i danni accertati e i rischi potenziali per la salute) ed alimenti biologici e tradizionali Europei ed Italiani, 100% ogm free.
Altrimenti tutto diventerà contaminato e nulla sarà più puro... ci saranno solo gli Ogm.
E il cibo, forse, a causa dei diritti di brevetto… diventerà un lusso.
Oggi siamo a un bivio: biologico o transgenico. I consumatori e i popoli hanno già scelto: l'unica via per il progresso è quella indicata dalla Tradizione.
Ma un "Cav(i)llo di Troia" si aggira per L'Europa...
Commissione Europea o dittatura?
Siamo ottimisti... l'Agroecologia trionferà e, con essa, l'intelligenza umana.
E Ulisse potrà godersi in pace, come ognuno di noi, la sua Itaca, così come ce l'hanno lasciata i saggi padri, ben sapendo che la terra non è una loro eredità, ma un prestito dei figli.


giuseppe altieri 19.01.07 01:15| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo un esempio pratico.
Matematicamente, la soglia di rilevazione analitica di presenza degli ogm corrisponde a qualsiasi valore sopra Zero!
E non allo 0,1% (che corrisponderebbe a 1:1.000 semi) e a una parte su 1.000 negli alimenti in generale.
Infatti, se il campione d'analisi è di 3.000 semi (come per legge in Italia), per trovare positività alle analisi è sufficiente avere la presenza di 1 seme OGM = 0,03% (analisi PCR qualitativa); se troviamo 2 semi OGM su 3.000, abbiamo un valore di 0,06%; se ne troviamo 3 su 3.000, abbiamo il valore 0,1%. Se questo valore 0,1% venisse assunto come soglia di tolleranza, una contaminazione di 2 semi OGM su 3.000 verrebbe legalizzata e sarebbe sufficiente a contaminare tutta l'agricoltura Europea in breve tempo, vanificando lo stesso concetto di coesistenza, in quanto tutte le coltivazioni conterrebbero ogm.
Se il campione d'analisi fosse di 10.000 semi, come qualcuno addirittura propone, la presenza di 1 seme ogm darebbe un valore di 0,01%, sufficiente alla determinazione di presenza con le analisi qualitative PCR, per le quali basta che ci sia un solo dna ogm nel campione da analizzare. In questo caso, se inserissimo delle soglie di tolleranza allo 0,1% potremmo avere addirittura 9 semi GM su 10.000 ...legalizzati !!
E negli alimenti è sufficiente la presenza di una sola particella transgenica per verificarne la presenza, anche se in misura infinitesima... importante è che sia presente nel campione di analisi... e ciò dipenderà da come preleviamo i campioni e dal numero di campioni analizzati (più ne analizziamo e maggiore sarà la probabilità di rintracciare le eventuali contaminazioni da ogm)
E allora, cerchiamo di fare molta attenzione... gli ogm possono sfuggire alla politica ma non alla matematica, che per fortuna non è una opinione.
A proposito di opinione, ricorderei che quella pubblica è all’80% contraria agli ogm.
...continua...

giuseppe altieri 19.01.07 01:08| 
 |
Rispondi al commento

...continua....
Soprattutto significherebbe la distruzione dell'agricoltura biologica, che sta rapidamente conquistando con i suoi prodotti i mercati di tutto il mondo, proprio perchè rigorosamente liberi da ogm.
Un Cavallo di Troia dal naso lungo... e dalle orecchie d'asino.
Una proposta di "mediazione truffaldina" fatta da alcuni "ecologisti" e dalla "CIA" (il sindacato agricolo, beninteso...) alla commissione europea prevede che le soglie di tolleranza negli alimenti biologici corrispondano ai livelli minimi di presenza rilevabile alle analisi di presenza di ogm, definite col valore di 0,1% (e nelle sementi?).
Ma questo è un valore maggiore di Zero!
La matematica per fortuna ci viene in aiuto.
Ma scusate, se rilevo presenza di ogm nel biologico e nei semi di qualsiasi tipo laddove gli ogm non ci devono stare (altrimenti contaminerebbero tutto), a cosa servono le soglie di tolleranza?
Qualcuno forse non ha ancora capito che gli ogm sfuggono sia alla politica che alle mediazioni, come tutte le dittature, che semplicemente impongono se stesse.
O si accetta irreversibilmente che tutto diventi ogm, con la cosiddetta Coesistenza di coltivazioni (contraddizione in termini) e le soglie di tolleranza senza etichette (cose legate a doppia mandata in relazione di causa ed effetto)... o no.
Semplice... forse troppo.
Cerchiamo invece di darci da fare per abolire le soglie di tolleranza di ogm in tutti gli alimenti (oggi, in quelli convenzionali, allo 0,9%) cosi com'è per quelli biologici (oggi al 100% liberi da ogm e, guarda caso, scelti sempre più dai consumatori) ed etichettiamone le presenze anche in tracce rilevabili alle analisi di presenza/assenza, affinchè i consumatori possano scegliere se mangiarli o meno gli ogm ....
...se proprio li vogliamo importare e mettere sul mercato (unica forma di coesistenza possibile), nonostante gli accertati rischi per la salute.
Altrimenti a forza di soglie di tolleranza ....diventeremo tutti intolleranti.

giuseppe altieri 19.01.07 01:01| 
 |
Rispondi al commento

IL CAV(I)LLO DI TROIA (con il naso lungo e le orecchie d'Asino)
Soglie di (in)"tolleranza" di ogm negli alimenti biologici e nelle sementi?
Prove generali di dittatura agroalimentare. Ma la matematica, per fortuna, non è una opinione... e ci viene in aiuto.

di Giuseppe Altieri
Copyright Artecology 2006

La Commissione Europea si affanna sotto le pressioni asfissianti delle Multinazionali e propone le solite soglie di (in)"tolleranza" per la presenza degli ogm, questa volta addirittura sugli alimenti biologici e sulle sementi per le coltivazioni.
Ovviamente, siccome gli ogm contaminerebbero irreversibilmente le altre forme di coltivazione, la Coesistenza di coltivazione con gli ogm presuppone che non ci sarebbero più coltivazioni ogm free…
Ed è questo l'unico vero scopo delle Multinazionali che cercano di imporre il loro monopolio sull'agricoltura e il cibo, attraverso brevetti sugli ogm, contaminazioni irreversibili dell'ambiente e delle altre forme di coltivazione, soglie di tolleranza senza etichettatura della presenza di ogm, di modo che i consumatori non possano più scegliere liberamente.
Come si può parlare pertanto di "Coesistenza"?
Infatti, la recentissima sentenza della Corte Costituzionale, sul ricorso presentato dalla Regione Marche (ogm free) e dall'Asseme (Ass. Sementieri Mediterranei), ha praticamente abolito la legge 5 che prevedeva che le Regioni dovessero allestire piani di "Coesistenza" di coltivazione con gli ogm, ribadendo che, se vogliamo avere sul mercato la coesistenza di merci contenenti ogm e prodotti biologici, tipici, altri prodotti 100% ogm free... non si possono coltivare ogm in Italia e le Regioni fanno bene a dichiararsi "libere da ogm".
Mettere delle soglie di tolleranza di ogm nelle sementi e negli alimenti biologici (oggi 100% ogm free) significherebbe invece dare la possibilità di coltivare ogm e contaminare in breve tempo tutta l'agricoltura tradizionale europea.

giuseppe altieri 19.01.07 00:57| 
 |
Rispondi al commento

L'ignoranza genera mostri...
come può un quotidiano serio dire che 0 corrisponde a 0,1%?
guardate che l'analisi qualitativa di presenza / assenza rileva, per definizione grammaticale, qualsiasi presenza di ogm negli alimenti, come nei semi...
in quanto si basa sull'amplificazione e riproduzione dell'ogm rilevato...
per cui non facciamoci fottere dai cavilli delle multinazionali e della Commis(t)ione Europea... 0 corrisponde solo a zero
la presenza di contaminazioni da ogm si rileva facendo bene i controlli e i campionamenti...
e l'unica possibilità di garantire i controlli è di fatto la Tolleranza zero
qualsiasi soglia di tolleranza accettata diventerebbe incontrollabile
e soprattutto non perseguibile
Vogliono distruggere il biologico
con il cavallo di Troia (col naso lungo e le orecchie d'asino) rappresentato dalle cosiddette "soglie di (in)tolleranza" (tra 'altro senza etichettature, ben inteso...)
contaminando così tutta l'alimentazione mondiale, in particolare quella europea, sino ad oggi ogm free, in quanto gli ogm da noi non si coltivano...
Il Bio è l'alternativa sanitaria che sta conquistando il mondo e può salvare l'umanità dall'avvelenamento dei pesticidi e da quello irreversibile degli ogm
e difenderemo con i denti la purezza del biologico
nonostante la corruzione arrivata a tutti i livelli...
anche in mezzo ai "rappresentanti" del mondo del biologico?
speriamo proprio di no, ma vigiliamo attentamente affinchè non accada
saluti
Prof. Giuseppe Altieri
allego articolo che a presto sarà rielaborato e pubblicato sulla rivista "Econauta" (www.econauta.it)

giuseppe altieri 19.01.07 00:54| 
 |
Rispondi al commento

BASTA PELLICCE

"La pelliccia è portata da animali stupendi e persone orrende"

BASTA ALLE PELLICCE MORTE SULLE NOSTRE SPALLE, LE FUSA DI UN GATTO O LE FESTE DI UN CANE SONO PIU' CALOROSE, RISCALDANO IL CORPO ED IL CUORE.

FIRMA LA PETIZIONE PER FERMARE QUESTO MASSACRO

Aiuta i nostri amici animali, non essere insensibile al grido di dolore e di aiuto che ti chiedono le povere Volpi Bianche scuoiate vive per soddisfare i capricci di qualche "nobil donna" dall'animo poco nobile.

Grazie dell'aiuto.

clicca sul mio nome pochi click ed arrivi sul modulo della Petizione Online

matteo tocco 18.01.07 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei solo domandarti se hai letto " ISHMAEL " di Daniel Quinn (SAGGIATORE ).Dal momento che l'ho letto,sono diventato un Grillo come te su tutto ciò che concerne vivere su questo pianeta.ISMAEL , è sarà molto più di un libro anche per tanti di coloro che lo leggeranno.C'è anche un sito dove poter contattare altri lettori : www.ishmael.org
grazie per l'attenzione

Giuseppe Panzanini 18.01.07 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei che qualcuno mi spiegasse il PERCHE'!!!!

Perchè vado al discount ed il latte di Nepi (VT), abitando a roma costa 1,19 a lt e da poco tempo è apparso il latte Nom che viene dall'austria (in camion!) e costa 0,69 a lt!!!! (ho lo scontrino). sarà latte OGM? sopra non c'è scritto!!!

Perchè mi costa circa il 10% in piu' comprare online dei biglietti per il teatro mentre se mi reco al botteghino del teatro stando in macchina 1ora almeno pago di meno?

Vorrei inoltre capire se l'Europa è pro biologico o pro OGM? perchè mi sembra che anche in questo campo funziona do coijo coijo ( che non è una parolaccia traduzione dal romanaccio: dove colgo colgo!!!!)Scusate le farneticazioni..........

francesca

francesca marchetti 18.01.07 15:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono perfettamente d'accordo con lei caro Lorenzo, grazie per l'intervento.
Cordiali saluti

Cosimo Acquaviva Commentatore certificato 18.01.07 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Non mi riferivo a "chiunque" sia contro gli ogm, ma soltanto a chi prende posizione in modo acritico o per partito preso. Mi pare evidente, dai commenti letti, che la maggioranza dei contrari lo sia perchè è contro la logica del profitto privato (selvaggio?) delle multinazionali. Una parte più ristretta manifesta paure su possibili conseguenze negative alla salute e/o all'ambiente. Il primo caso ha implicazioni politiche, economiche e sociali e va affrontato in questo contesto. Il secondo, viceversa, va inquadrato in un contesto "tecnico", dove le diverse opinioni devono confrontarsi per consentire uno sviluppo della scienza che sia sostenibile, ecocompatibile, fruibile da tutti e via discorrendo.
Quello che è intollerabile è un rifiuto acritico che si alimenta infondendo paura nella gente. E' una vera e propria politica della paura: ci sono dei veri maestri in quest'arte e i grandi mezzi di comunicazione di massa ne sono i maggiori responsabili: perchè non si pubblicano a cadenza regolare i rapporti dei NAS e dei vari enti pubblici delle analisi compiute sui prodotti ortofrutticoli, dove tutti potrebbero vedere che il 99% degli alimenti che compriamo E' SANO!!!(o comunque rientra nei limiti di legge)? Perchè si preferisce pubblicare solo la notizia relativa ai prodotti "inquinati"? Molti mi chiedono se è sano mangiare oggi frutta e verdura... Ma stiamo scherzando?
FA BENISSIMO MANGIARE FRUTTA E VERDURA (ancor meglio se di origine italiana)!!!
Un mio amico apicoltore da 40 anni quando ha saputo della notizia delle api mi ha detto: "Ecco, già faccio sempre più fatica a vendere il miele, chissà adesso! Anche quei pochi che lo prendevano ora smetteranno!".
IL MIELE FA BENE!!!
Ciò detto, segnalo un sito: www.stgallen-symposium.org/speech_annan_e.pdf
E' un discorso di Kofi Annan sulle biotecnologie, di come possano essere utili se impiegate bene e deleterie se impiegate male, come il nucleare. Non conoscevo questo testo quando ho inserito il mio commento il 7/01.

Lorenzo Serra 17.01.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"I detrattori, che non capiscono niente di scienza e vogliono fare i filosofi" come indica Lorenzo Serra di sicuro spesso sbagliano, ma è profondamente intollerabile qualificare come ignorante l'atteggiamento di chiunque si rifuti di accettare che "i fatti" siano solo quelli ritenuti tali dagli "esperti", o perlomeno da coloro "che si fanno forti della propria autorità per imporre come verità certa ciò che in realtà è solo espressione di interessi economici o di pregiudizi ideologici."

"Se c'è una cosa certa, invece, è che gli scienziati sono uomini come gli altri, quindi mossi (salvo poche eccezioni) certo non dalla "intenzione di nuocere" (voglio ben sperarlo!), ma neanche da superiori motivazioni etiche, bensì innanzitutto dai loro personali interessi: posto di lavoro, soldi, carriera, prestigio. Niente di scandaloso: così fan tutti. Scandaloso è però il non riconoscerlo, pretendendo di rappresentare per definizione l'interesse generale e rifiutando quindi il controllo della politica (cioè di noi cittadini: vediamo di non dimenticarcelo), segno evidente di una mentalità elitaria
ed antidemocratica.. Finché dunque i nostri scienziati non impareranno a rispettare chi
(magari a torto) non è d'accordo con loro, un dialogo sereno sarà, con gran danno di tutti, impossibile."

Libertà di ricerca non significa libertà di applicare.

Chi sbaglia e fa danni deve pagare, ma pagare veramente.

Cosimo Acquaviva Commentatore certificato 17.01.07 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Fuori discussione il caso Percy Schmeiser data l'analisi più accurata e critica di Lorenzo Serra,
quali sono le vostre cosiderazioni circa gli articoli di P. Musso che vi ho segnalato? Vorrei precisare che sono consapevole del fatto che ivi non si tratta specificatamente del tema OGM, ma era mia intenzione focalizzare la vostra attenzione su alcune tematiche che riguardano perlomeno trasversalmente l'argomento in questione.Inoltre vorrei aggiungere qualcosa partendo dalla domanda "sostrato" del problema:
Che conseguenze potrebbe avere sugli equilibri ecologici e sui meccanismi evolutivi l’immissione negli ecosistemi di organismi “nuovi”?
Si dirà ragionevolmente che di certo si può rispondere solo se si è un "addetto ai lavori" o
perlomeno adeguatamente informato sul tema, e che si dovrebbe valutare caso per caso...ecc...
Per contro si potrà però obiettare: perchè non hanno previsto il problema delle api?;e citando P. Musso: "anche la non pericolosità delle farine animali e l'impossibilità della trasmissione di malattie da una specie all'altra sembravano "fatti scoperti dalla scienza", qualche anno fa.
"Se qualcuno avesse detto che ciò poteva accadere sarebbe stato preso per pazzo": e ciò, a causa
della tendenza ("assai poco razionale e scientifica") di molti scienziati a dare garanzie di sicurezza basandosi soltanto su quel che si sa, scordando che esiste anche "l'accidente inimmaginabile" e che spesso possibilità reali possono sembrare "comicamente fantascientifiche" finché non le si conosce.
Il fatto è che la scienza è oggettiva, ma gli scienziati no: possono sbagliare (e di fatto sbagliano); e possono mentire (e di fatto
mentono).

Cosimo Acquaviva Commentatore certificato 17.01.07 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Relativamente al caso Percy Schmeiser, cui fa riferimento l'articolo del sito mieliditalia faccio presente quanto segue:
Il caso in questione è noto agli "addetti al settore": i vari movimenti no global hanno eletto il sig. Schmeiser a caso emblematico nelle loro lotte contro le multinazionali, mentre la Monsanto lo ritiene un truffatore, o giù di lì.

Ognuno tragga le conclusioni che vuole, questi sono i fatti:

nel primo processo il sig. Schmeiser perse la causa perchè i fatti non supportavano la tesi dell'inquinamento causato dal vento: i semi di Schmeiser presentavano i caratteri biotech della Monsanto a livelli prossimi al 100%. Fu poi trovata una "contaminazione" uniforme su tutti i campi di Schmeiser che non poteva derivare da impollinazione incrociata. Il giudice ritenne che Schmeiser sapesse, o non potesse non sapere, che stava utilizzando semi brevettati e lo condannò a pagare 40.000 dollari a titolo di risarcimento.

Schmeiser ricorse in appello e perse di nuovo.

Fece appello, allora, alla Corte Suprema del Canada e perse ancora.

Infine faccio notare che il sig. Schmeiser, alla fine dell'articolo, chiede soldi: personalmente dubito di tutti coloro che chiedono denaro a vario titolo: nella mia vita ho visto sfruttare tante situazioni per spillare quattrini alla gente che ormai non mi meraviglio più di niente.
Cordiali saluti

Lorenzo Serra 17.01.07 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Al riguardo credo siano illuminanti due articoli di Paolo Musso pubblicati su
"Lavoro Repubblica" nella rubrica "La scienza e i miti" e disponibili su
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
http://digilander.libero.it/filosofiascienza/scimit2.htm
"Un lucido pessimismo per impedire il peggio" - 23 novembre 2000
"Quando lo scienziato si sente superiore" - 15 febbraio 2001
La profondità di pensiero di Paolo Musso non potrà che chiarirvi le idee,
Buona lettura!

PS. quello che si legge su:
http://www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm
è raccapricciante, altro che allarmismo ingiustificato!

Cosimo Acquaviva Commentatore certificato 16.01.07 15:18| 
 |
Rispondi al commento

IO volevo solo dire a quei cornuti che si battono, come dicono loro, per un modo pulito,
invece di dire stronzate fate qualcosa.
GENTE ELIMINIAMO QUELLE DITTE DI PRODOTTI CHIMICI CHE ROMPONO I COGLIONI AL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI INCOMINCIAMO DAL PRODITTI ANTICALCARE CHE USURANO TUTTO MANI PIEDI CERVELLO ACQUAI E IL FUTURO USIAMO
L'ACETO IL PIU'GRANDE ANTICALCARE NATURALE
PREZZO O,60 CENTESIMI DI EURO E NON INQUINA
ALLA FACCIA DI QUEL PECORO?!?!?!? E DITUTTI I SUI FAN DI M...A
ACETO DI VINO - ACETO DI VINO - ACETO DI VINO
BEPPE SPONSORIZZA L'ACETO
BEPPE SPONSORIZZA L'ACETO

L'aceto può essere un agente sgrassante, economico ed ecologico. L'aceto bianco è suggerito generalmente come il più adatto per la pulizia.

Per esempio, miscelando una parte di aceto con quattro parti di acqua (per una soluzione più forte, una parte di aceto e una d'acqua) si ottiene un ottimo liquido per pulire le finestre. Se le finestre sembrano striate dopo il lavaggio con l'aceto, aggiungere metà-cucchiaino da tè di sapone liquido alla miscela, che rimuove il residuo ceroso lasciato dai prodotti commerciali per finestre.

Gli scarichi possono essere puliti usando una combinazione di aceto e bicarbonato di sodio. Si versi metà tazza di bicarbonato di sodio nello scolo, seguito da metà di aceto bianco. Coprire lo scarico mentre la miscela agisce, quindi risciacquare con molta acqua.

L'aceto è usato in prodotti anticalcare e in saponi per le stoviglie; inoltre funziona bene come emolliente per i tessuti; basta aggiungere solo metà tazza al ciclo di risciacquo.

domenico amato 16.01.07 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che dobbiamo unirci ed attivare una protesta che faccia inca...re qualcuno. Provate a non bere + acqua minerale...
Mi sa che non dico più niente ora, se non mi vengono a prendere di notte.

No no, non lo fate, se non si incaz...no con me che ho dato l'idea.

Facciamo così: Voi vi informate sull'acqua minerale e poi faate come volete. Io ho sempre bevuto acqua del rubinetto, quella buona, Voi fate come volete.

Giuseppe Castignani 15.01.07 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre sospettato che gli insetti avessero più buon gusto di noi umani e anche più intelligenza!
Come sempre l'homo stupidus (evoluzione dell'homo sapiens sapiens)si dimostra miope ed egoista (non pensa alle conseguenze e alle future generazioni, il futuro è incerto, il presente redittizio). Qualcuno mi deve spiegare a cosa servono le culture ogm se non ad arricchire chi le sponsorizza e le brevetta! Queste colture sono una grave violazione delle libertà personale perchè possono invadere e contaminare tutto senza chiedere il permesso, per fortuna che le api pare che le snobbino, saranno la nostra salvezza?

diana cristante 15.01.07 15:31| 
 |
Rispondi al commento

PETIZIONE X IL FOTOVOLTAICO!

FIRMATE e DIFFONDETE!

http://www.gopetition.com/petitions/per-la-modifica-della-proposta-di-decreto-sul-solare-fotovoltaico.html

Gabriele S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.01.07 03:48| 
 |
Rispondi al commento

L'idiozia e gli idioti si comportano come il tumore, prima si raggruppa, si fortifica e poi si espande. Noi dovremmo fare da chirurghi e da chemio. Ma come succede sempre, qualche cellula tumorale scappa, si nasconde, attende il momento migliore per riformare il cancro, non ha furia e sopratuttto muore sempre per ultima. Quindi non abbiamo nessuna speranza: l'uomo è idiota e vince sempre, con o senza OGM, con o senza armi chimiche, con o senza il nucleare ....

Danilo Marcucci 12.01.07 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Avanti, tutti a Roma !
Beppe ci è andato, a Palazzo Chigi; dobbiamo farlo anche noi. Beppe ci è andato "con" noi, e noi con lui; ma di fatto era solo.
IL BELGA s'è trovato davanti 1 persona, e IL BELGA ha potuto così permettersi di sghignazzargli davanti, e di tenerlo a bada coi suoi borbottii e le sue facce demenziali.
Voglio vedere quando si troverà fuori dalla finestra 20.000 persone, tutte con una maglietta bianca, e la scritta rossa: RESET.
Allora, quando si fa ?
Ci diamo il giusto tempo per preparare la cosa, nei minimi dettagli.
E i media che non riusciamo ad attrarre, ce li creiamo noi. Coinvolgiamo tutti i produttori indipendenti, tutti i contro-informatori audio-visivi, e allaghiamo il web con le immagini della nostra protesta. Dobbiamo pensare a tutto. Perchè IL BELGA non pensa niente.
Dobbiamo coinvolgere, senza gesti plateali e controproducenti, almeno 1 spettatore su 50 degli spettacoli di Grillo. Che porti almeno un'altra persona di sua conoscenza. Dobbiamo invadere di appelli la rete. Chi ha un sito suo, lo usi. Chi ha un blog suo, tutti i giorni ricordi l'appuntamento. Usate tutti le vostre e-mail, scrivete anche ai vostri professori universitari. Spiegate la cosa. Si tratta di fare massa critica. Una protesta pacifica.
Un'occasione simbolica, non operativa, però necessaria.

SENZA VISIBILITA' PUBBLICA, CHI VUOLE CAMBIARE LE COSE RIESCE SOLO A CAMBIARE SE STESSO...

Stiliamo un elenco di messaggi che andremo ad alzare e a gridare davanti al palazzo del BELGA.
Dividiamoci secondo le nostre competenze. Coordiniamoci a livello nazionale. Facciamo uscire la nostra iniziativa dell'ambito degli amici di Grillo. Chiamiamo tutti, tutti, purchè ognuno rinunci ai suoi SIMBOLI.

Non vogliamo simboli di destra o di sinistra, o di altro ancora: vogliamo fare delle proposte.
Dobbiamo smettere di "APPARTENERE" a qualcosa. Bisogna chiamare tutti, e F A R E, qualcosa...

ADESSO E' ARRIVATO IL MOMENTO DI ESPORRE NOI STESSI, CON INTELLIGENZA...

franco bardo 12.01.07 13:13| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI COSI'...

g.lago 12.01.07 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Il Perdono. E' una delle cose che meno sopporto di questo Paese da barzelletta. Mettiamo che un bruto uccida tua figlia di 5 anni. E' successo da poco. Il cadavere e' ancora caldo. Arriva il/la giornalista buonista con tanto di troupe che ti chiede: "Perdona l'assassino di sua figlia, vero?!?!?". E non si tratta di giornalisti del Vaticano. Si tratta di quegli stessi "figli-di" (in RAI e in Mediaset pare che non esista un giornalista di un certo livello che non sia "figlio-di") che fanno servizi da premio Pulitzer su quanto costano gli zamponi a Natale...
Sarebbe interessante sapere come risponderebbero quei deficienti se il bruto uccidesse la loro, di figlia. Altro che perdono.

Alessandro Di Lazzaro 12.01.07 08:58| 
 |
Rispondi al commento

LE API CANADESI EVITANO I CAMPI OGM

Le multinazionali stanno cercando di imporre sul mercato le sementi di cereali e di ortaggi geneticamente modificati, ma solo le grandi aziende agricole latifondiste sono favorevoli a queste coltivazioni.
Il piccolo agricoltore locale è votato alla salvaguardia della biodiversità, in quanto l’impiego delle varietà originali assicurano ai suoi clienti la soddisfazione del palato.
Ho storto la bocca quando la comunità europea ha autorizzato, anche se in modo controllato, la semina di mais e di altre piante transgeniche sul suo territorio.
Ho pensato ai danni che tali coltivazioni potevano infliggere all’intero sistema biologico, in quanto un Frankenstein vegetale era pericoloso ai suoi simili naturali.
Chi ci assicura infatti, che l’insetto che si posa sui loro organi riproduttivi non infesti anche le coltivazioni naturali limitrofe?
Questo mi ha spaventato.
So che è da tanto che ci alimentiamo con vivande preparate con elementi OGM..
Paesi come gli Stati Uniti ed il Canada li utilizzano normalmente come materie prime, senza l’obbligo indicarle sull’etichetta.
Quasi la totalità del mais e della soia è transgenica, dalle sementi di queste due specie vegetali vengono prodotti degli olii impiegati nelle nostre cucine, ma anche per la produzione industriale di maionese, merendine per bambini, finti latticini, gelati ecc..
Ieri il Tg delle 13 di Rai 1 ha dato una notizia strepitosa: “ le Api canadesi evitano i campi OGM perchè vengono intossicate”.
La natura si ribella alle mostruosità dell’uomo, impedendone la diffusione.
Ci avevano detto che gli OGM erano perfettamente commestibili ed assimilabili dal nostro organismo e che non avrebbero causato danni.
Allora perchè le api vengono intossicate? Perché evitano i campi OGM?
La risposta è semplice ed è la seguente: non è vero che conosciamo tutti gli effetti di questi organismi prodotti in laboratorio.
Nella sua teoria evoluzionistica Darwin dice che è l'ambiente


OGM:Qual'è il lato positivo di questa tecnologia applicata all'agricoltura? - produzione maggiore con impiego minore di agenti chimici. (non certo con lo scopo di sfamare il mondo, perché chi muore di fame non paga). Lato negativo ? - fare piazza pulita delle altre colture. dubbi sulla nocività. dubbi sull'adattamento del mondo ai nostri prodotti ogm.

Il punto piu' importante è di sicuro il primo: fare piazza pulita delle altre colture.
Immaginiamo infatti che una coltura ogm sia piu' resistente e noi sia commestibile ai vari parassiti naturali di quella coltivazione. Il parassita in un primo momento si accanirà contro le coltivazioni tradizionali (le sole a lui commestibili). Quando poi al contadino non converrà nè economicamente nè ecologicamente (in quanto dovrà adottare piu' veleni per ammazzare i parassiti sempre piu' voraci delle sue colture) coltivare piu' il tradizionale passerà suo malgrado all'idea di coltivare ogm. Equivale pero' a coltivare natura brevettata. Cioè l'intera economia agricola piano piano sarà soggiogata anchess'essa ai grandi interessi delle multinazionali.

Matteo Cavallaro 11.01.07 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premetto che ogni opinione ha diritto di rispetto
e comprensione, credo però che quando si affrontano temi scientifici che influenzano la nostra VITA,
bisogna documentersi presso fonti diverse.
Chi Vi scrive è un tecnico agricolo che si occupa di ortofrutticoltura da più di 35 anni, e che è passato da tecniche di produzione "chimiste", incluso il tristemente famoso DDT, a quelle biocompatibili come il biologico e biodinamico.
Da "addetto" ai lavori, la mia opinione sugli OGM è profondamente negativa perchè non ritengo
sufficienti e del tutto credibili le sperimentazioni finora effettuate. In proposito Vi ricordo la tragedia della BSE(mucca pazza)con
numerose vittime e danni economici gravissimi, eppure ricercatori e scienziati illustri hanno sostenuto che somministrare farine animali ai bovini (specie erbivora) non era pericoloso! Guai poi a contraddire queste verità (!?), il rogo
scientifico-mediatico era pronto per i dissidenti!
Un altro esempio, uno dei cavalli di battaglia dei
OGM è sempre stato il "riso giallo" con vit. "A",
particolarmente indicato nell'alimentazione in Asia per prevenire patologie agli occhi. Non se ne parla più; come mai? Un gruppo di ricercatori indipendenti sostiene che per avere effetto ne occorrono dai 3-5 kg al giorno, viceversa nel Tibet in centinaia di anni è stato selezionato naturalmente il "riso rosso" ricchissimo di vit. "A". Notizia recente, tutti i Cantoni svizzeri hanno chiesto al governo centrale una moratoria sugli OGM di 5 anni; domanda, gli svizzeri sono allora delle persone povere ed ignoranti perchè contrari ai cibi transgenici e quindi al progresso(!?)? A me non pare proprio, e a Voi che ve ne dite? Negli USA numerosi produttori di riso OGM hanno denuciato per danni ecomici, perchè non possono esportarlo in Europa (e meno male!)la Bayer produttrice dei semi OGM. Potrei ricordare altri casi, ma penso che per persone dotate di buon senso e intelligenza, per riflettere sia sufficiente così!

Sergio Boschian Commentatore certificato 11.01.07 16:03| 
 |
Rispondi al commento

sull'appennino tra la puglia e la campania ci sono molti mulini per l'energia eolica sempre fermi da anni. cosa si può fare perchè producano energia e non diventare ferri rugginosi?

maria provenzano 11.01.07 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogm o no?
Non credo sia questo il problema.
Il fatto è, chi scieglie come modificare le api e per quale fine? Benessere o lucro?

Ci sono scrittori che hanno ipotizzato una modificazione degli uomini per adattarli alla realtà, e non parlo di robetta commerciale di serie Z, parlo di premi Nebula o Hugo.

Ma a mio avviso il problema neanche si pone.
Come possiamo fidicarci? - domanda retorica -

Quindi, per il presente e futuro imminente il problema non si pone. La risposta, dati i presupposti, è univoca.

Lorenzo Ramadoro 10.01.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento


SCUSATE UN ATTIMO
VORREI UNA RISPOSTA SEMPLICE AD UNA DOMANDA MOLTO SEMPLICE

DA TUTTI

SIA I PRO_ogm CHE GLI ANTI_ogm.

POTENDO SCEGLIERE

TRA UN PIATTO DI PRODOTTI ogm

O

UN PIATTO DI PRODOTTI DI ANTICHE VARIETA' VEGETALI, (quindi NON_ogm)

COSA SCEGLIERESTE DI MANGIARE VOI?

E DICO, COSA MANGERESTE VOI!?

cosa metteresti nella TUA BOCCA e in quella dei TUOI FIGLI!!!?????

A VOI LA RISPOSTA

MISURIAMO ALMENO A PAROLE LA VOSTRA FIDUCIA NELLE NUOVE TECNOLOGIE GENETICHE

tanta salute a tutti

Giuseppe Lembo 10.01.07 00:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più OGM e meno fame per tutti e meno MORTI nel mondo della povertà. Ma ai verdi e similari non interessa, per loro è più importante un alberello che una vita in autostrada (valico appenninico).
Grande Pecorino Scanio. Sei tutti noi.

Mario Rossi 09.01.07 21:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Api e ogm. Notizia preoccupante . Si, perchè se mettiamo in difficoltà il piccolo insetto che è stato la "pittrice del mondo" ,essendo responsabile della totalità delle impollinazioni e della conseguente nascita dei fiori e relativi colori, mettiamo in difficoltà il nostro senso del bello oltre che in grande tristezza il nostro senso del gusto che non credo possa trovare paragoni all'aroma di un miele di castagno in purezza o di un miele di corbezzolo. I mieli sono anime dei territori.Consiglio a tutti gli amici del blog la lettura del Canto del Miele di Garcia Lorca.Qualcuno però ha avuto una idea. Trovata in navigazione cercando idee dolci. www.adottalvearibio.com
L'apicoltuta nomade biologica, i mieli territoriali italiani e le adozioni/ad-opta/ a distanza di cibo/miele.
Portare le api in territori dove per legge( Parchi naturali come le Foreste del Casentino, Parco dell'Uccellina ecc.) non esiste un ogm nel raggio di decine di chilometri è forse una possibilità.
Salvaguardare la regina Ligusta,ape regina italiana, la migliore del mondo, un'altra delle possibilità.
Diffidare di mieli che costano pochi euro al chilo, al di là degli ogm, spesso sono ricchi di molto peggio( antibiotici e antiparassitari dati negli alveari per il controllo della Varroa in paesi senza leggi a tutela dei prodotti naturali.
Le api ,insieme all'uomo, hanno sviluppato una grande possibilità che noi e loro usiamo ogni giorno, e in questo tu Beppe sei un maestro, il linguaggio.Capire il miele e le api per un italiano, che ha la fortuna di vivere in un paese che da origine ai mieli migliori del mondo,dovrebbe essere un must.Amiamo tutti riempirci la bocca dei termini legati al vino, abbiamo capito da tempo ,finalmente, che Lambrusco e Nero D'Avola non sono la stessa cosa. Non lo abbiamo capito ancora per gli Oli-oliva e.v., meno ancora per i Mieli.
Centraline per monitoraggi ambientali?
Le api sono perfette per monitorare un territorio a costi minimi, ma quante ASL lo fanno?

fausto delegà 09.01.07 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al sig. Serra, che si professa agronomo.Il suo vano tentativo di aggrapparsi agli specchi, e/o creare sportelli alle biciclette, genera in me soltanto un sorriso;
Le rispondo per punti:
- riscaldandomi come un termovalorizzatore come Lei afferma, contribuisce ad un risparmio energetico e non me ne vergogno,specie con personaggi come Lei.
- afferma che mi piaccia vivere in mezzo ai rifiuti.evidentemente, Lei nella sua ignoranza conosce soltanto termovalorizzatori per eliminare gli R.S.U. e questo è GRAVE.Molto grave.
- Lei Lascia intendere che io sia contrario a centrali eoliche,ma è Lei a non aver ancora capito neanche cosa siano gli elioconvertitori.Tantomeno cosa sia un tecnico ambientale, non un ambientalista.Sono pro e non contro tali tecnologie.
- La licenza elementare la prenda Lei, eppoi ne riparliamo. Ripeto testualmente le Sue di affermazioni, perchè è di gente come Lei che in Italia ne abbiam le Bal.. piene.
- insiste con paragoni del nucleare ai coltelli da cucina. Senta, io rispetto le sue idee, ma di cuore le dico: si informi MEGLIO sul nucleare, io per aver un titolo di tecnico superiore per la gestione del territorio e dell'ambiente, ho sostenuto anche esami, e non ho letto come magari Lei, notizie sporadiche. oltre ad esser stato in finlandia a conoscere realtà di vita da cui noi dovremo imparare,e non dar aria alle fauci come Lei.
P.S. in finlandia, fabbricano sacchetti in plastica TOTALMENTE biodegradabili,fatti di MAIS trattato che gli esportiamo noi dall'italia,compreso brevetto e macchinari Italiani.aggiungo che sono un informatico,e nutro un particolare interesse per tutto ciò che potremo mai avere nel nostro futuro.Lei,da buon agronomo,si aggiorni,e sappia che non lede col sarcasmo e col cinismo nessuno,ma si ridicolizza da solo, e mi dispiaccio di ciò perchè anche questo blog di confronto dovrebbe servire anche per imparare,non per pavonarsi e scrivere minki..e .Cordiali saluti.Per cortesia non proponga più paragoni insensati.

Gaetano G. Commentatore certificato 09.01.07 20:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le api possono mangiare tutto il polline OGM del mondo ma non diventeranno mai OGM!!!
perchè non vi informate prima di parlare?

Samuele Marro 09.01.07 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il bello è che l'UE concede di NON indicare sulle etichette dei prodotti alimentari venduti la presenza di OGM se questi sono sotto la soglia del 1%. Questo significa che i test a lungo termine (di 5, 10, 20 anni) vengono fatti su di noi a nostra insaputa!

Facciamo una PETIZIONE per cambiare la legge europea e obbligare a scrivere sempre sulle etichette la presenza di OGM!

marco ciampoli 09.01.07 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Sappia il filosofo-Mastella che riberaonline sta con le zavorre morali. Più sono pesanti e più ci piacciono.

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 09.01.07 10:01| 
 |
Rispondi al commento

La Terra è una e ci siamo sopra tutti.
Anche l'Isola era una e per i suoi abitanti era tutto il mondo: leggetevi la storia dell'Isola di Pasqua e meditate.

Marco Baldini 09.01.07 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Homo sapiens non duratura creatura

Paolo Ferrari 09.01.07 00:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Homo sapiens non duratura creatura.

Paolo Ferrari 09.01.07 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, mi chiamo Isabella e da qualche tempo mi capita di viaggiare spesso in aereo, per cui anch'io devo giustamente sottostare al nuovo regolamento sul controllo, bisogna mettere le proprie cremine dentro una bustina, non bisogna portare liquidi aperti ect.
Liquidi aperti!!! Mah, ho detto tra me e me rispettiamo, avevo la bottiglietta dell'acqua aperta ed ecco li' che al controllo mi hanno detto di buttarla, l'ho finita ed ho buttato la bottiglia vuota!
Entro dentro il terminale dove ci sono ovviamente vari bar.... qui l'acqua la posso ricomprare a prezzi veramente indecenti! mezzo litro tre euro!!!!! ma la posso ricomprare e se non finisco di berla la posso pure portare sull'aereo la metto nella mia borsa ed il gioco e' fatto!
Allora in questo gioco che mi e' capitato piu' volte di vivera, ho iniziato a riflettere e mi son detta che strano gioco e' questo!! Comprendo tutti i controlli necessari per la salvaguardia (mah!!) della mia e delle altre vita, ma l'acqua cosa c'entra....??? mi fa pensare ad un mercato allucinante di spreco ma anche di denaro che gira! Desideravo fartelo notare.... perche' secondo me con questa scusa non facciamo altro che aumentare nel tempo, il pericolo che in effetti gia' c'e' della guerra della goccia dell'acqua.... ma dove stiamo andando a finire, anzi dove caspita ci vogliono far finire?? Dico io che osservo allucinata ma non esiste un "mezzo" tecnologico che mi permette di rimanere con la mia bottigletta dell'acqua senza doverla buttare per poi doverla ricomprare una volta entrata dentro il terminal???????
Ringraziandoti per l'attenzione .... i miei piu' calorosi saluti
Isabella Ferrara

Isabella Ferrara 08.01.07 23:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inventeranno le api transgeniche per impollinare
le coltivazioni transgeniche?

Ezio Tricarico 08.01.07 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Istituita, al Ministero dell'economia e delle finanze, la Commissione per la contabilità ambientale. Si riunirà per la prima volta il prossimo 19 gennaio

Attilio Alfino 08.01.07 20:54| 
 |
Rispondi al commento

fare referendum per avere solo 2 partiti,centro dx/sx non avremo più crisi di governo nessun traditore potrà fare il furbo fare max 2 mandati DIVIETO ASSOLUTO DI FINANZIAMENTI X I PARTITI SIA PUBBLICI CHE PRIVATI CHI NON SI ADEGUA MULTA DEL 1000% , x la loro pubblicità c'è la tv pubblica NIENTE ALTRO e a questi parassiti oltre a dimezzargli le entrate trattarli come i comuni mortali e cioè verificare se i loro beni o dei loro eventuali prestanomi sono in linea con il
reddito dichiarato.

Simone Bruno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.01.07 20:52| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe adesso che leggo la notizia sulle api e gli o.g.m.concretizzo quello che da un paio di anni non riuscivo a spiegarmi:per le vacanze solitamente vado in val d'Aosta e come tutti gli anni compro dai miei amici( che tra l'altro fanno anche gli apicultori)5 o 6 chili di miele, bene da un paio di anni riesco solo a prenderne non più di 2 chili e la loro risposta alla mia domanda è che le api non fanno più miele perchè sono malate e muoiono.io pensavo che fosse una scusa,ma leggendo la tua notizia mi devo ricredere.grazie per tutto quello che fai a presto

pinuccia micca Commentatore in marcia al V2day 08.01.07 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei esulare, ma sposterei l'attenzione dal male che gli OGM potrebbero farci alle dichiarazioni di aziende e multinazionali che lavorano nel campo OGM, ed alla questione della fame del mondo. Chi produce, anzi, chi brevetta OGM sarà difatti possessore di una sorta di "diritto d'autore" notevole: a cosa andiamo incontro? ... io non ne posso più di ingrassare come una carogna sulle spalle del sud del mondo ... ed è per questo che oggi come oggi mi sento contrario agli OGM; senza risolvere questa questione non potrebbe a mio parere partire alcuna sperimentazione.

Luca Coscieme 08.01.07 18:32| 
 |
Rispondi al commento

da un link lasciato in questo forum, ho letto un articolo raccapricciante, leggetelo per favore, pro o contro ogm non importa ma leggetelo che spiega bene i perchè degli ogm.

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm


c'è da pensare

Giuseppe Lembo 08.01.07 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Dott. Serra stai a dire un sacco di fesserie più grandi della tua boriosità che è tanta, limitati al tuo campo e non stare a ciarlare su cose a te oscure quali il nucleare.
Hai mai partecipato a convegni o seminari tenuti dalle massime autorità nel settore? Io si durante il mio corso di chimica-fisica ho seguito un seminario tenuto dal direttore di uno dei quattro Laboratori Nazionali dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare , ci ha parlato per circa 4 ore della Fusione Nucleare facendo ampio uso di diapositive relative agli esperimenti in corso, be ti assicuro che il problema delle scorie non viene superato nemmeno dalla Fusione Nuclere, per cui prima di dire ad altri vai a prendere la licenza elementare, vedi di fare un bel bagno di umiltà e sopratutto non brandire, come una clava, quel pezzo di carta che ti hanno donato , ma vedi di esserne degno.
Saluti

Luca Bianchi 08.01.07 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che il Sig. Gaetano si scalda come un termovalorizzatore...
Evidentemente preferisce vivere in mezzo ai rifiuti - con tutti i problemi igienici che ne derivano - come in molte zone del nostro sud. Già che ci siamo non installiamo centrali eoliche perchè deturpano l'ambiente o disturbano gli uccelli, perchè questi sono i ragionamenti che si fanno in Italia ed è per questo che siamo sempre dipendenti dalle risorse degli altri Paesi (o andiamo a putt.ne, come dice Lei).
Non Le piace l'esempio del nucleare? Gliene propongo un altro: con i coltelli da cucina si può tagliare una bistecca oppure sgozzare una persona. Nessuno mai ha contestato le fabbriche che producono coltelli da cucina, perchè si presume che uno ci tagli le bistecche, eppure sono armi belle e buone, o no? Allora se si presumesse che con la tecnologia dell'ingegeria genetica si debbano fare solo cose migliorative per l'uomo e l'ambiente, cosa che in effetti è, non ci sarebbero polemiche. Continui a mangiare prodotti biologici, caro Sig. Gaetano, a lasciare in strada l'immondizia e a strapagare le bollette di gas e luce che ci vengono forniti dai Paesi nostri confinanti alle loro condizioni. Chi è causa del suo male pianga se stesso.
P.S. Il problema delle scorie radioattive è già stato risolto negli impianti di nuova concezione, ma qui non voglio aprire un altro dibattito: il referendum sul nucleare in Italia c'è già stato e ora ci gustiamo le conseguenze (vedi blackout e costi energetici).
P.S. 2: prenda la licenza elementare, impari l'italiano e poi, forse, ne riparliamo...
La saluto cordialmente.

Lorenzo Serra 08.01.07 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La domanda è:
le api muoiono per via delle piante OGM oppure perchè sono aumentati i pesticidi utilizzari per tali colture (od altre colture in generale?)
La differenza è sostanziale.
Ma il risultato è comunque negativo: se muoiono ci sarà un perchè....prima tocca alle specie più deboli poi a quelle più grandi e forti.
Come l'uomo.
Perciò bisogna aumentare la sensibilità ambientale e protestare!

M. Toscano 08.01.07 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Un'ape che si nutre di fiori ogm NON PRODUCE MIELE OGM!!!

laura bruno 08.01.07 13:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se le api scompariranno, allora saranno guai per tutti. Infatti, la maggior parte dell'impollinazione delle piante avviene per via entomifila (insetti), e solo una parte minoritaria per via anemofila (vento) ed idrofila (acqua). Comunque, Grillo ha sbagliato su una cosa: gli alveri possono arrivare anche a 150.000 api o 200.000 persino.

alfredo cremonese 08.01.07 09:30| 
 |
Rispondi al commento

leggete questo articolo e i link proposti, le api e gli ogm della monsanto....

http://www.mieliditalia.it/bio_api_figli.htm

alfio giorgi 08.01.07 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHI E' FAVOREVOLE AGLI OGM(organismi geneticamente modificati)?

4^ parte

L’Ue ha condotto delle ricerche?
Sì, ha svolto una ricerca nel periodo 1985-2000 che ha interessato tutti gli istituti di ricerca pubblici dei paesi membri ed è costata una cifra enorme. In questo studio, e cito, si legge che “le piante geneticamente modificate e i prodotti sviluppati e commercializzati fino ad oggi non hanno presentato alcun rischio per la salute umana o per l’ambiente”.

Anche il Tar del Lazio è stato chiamato ad esprimersi sul mais biotecnologico.
Altro fatto di cui non si è saputo nulla. Il 2 dicembre 2004 il Tar del Lazio ha emesso una sentenza sulla questione del mais bt, che era stato vietato con decreto dal governo Amato nel 2000. Alcune società avevano presentato ricorso contro questo decreto, e il ricorso è arrivato al Tar che ha dato ragione a queste società. Quel tipo di mais, se non ci fosse di mezzo il decreto Alemanno, oggi potrebbe essere seminato. La sentenza dice del Tar recita che“le risultanze processuali non sono suscettibili di permettere l’individuazione di un rischio effettivo o di effetti potenzialmente pericolosi” relativamente agli ogm, perché “negli oltre due anni di commercializzazione in tutto il territorio comunitario e negli Stati Uniti non sono emersi a carico dei prodotti in questione, fra cui il mais bt, segnalazioni negative di alcun genere”.

Questa interrogazione complica il vostro rapporto con la maggioranza?
Sicuramente ci mette in contrasto con il ministro Alemanno. Comunque noi non chiediamo ospitalità per rinunciare ai nostri ideali. Ma per ricevere un valore politico, non solo un voto di testimonianza.

Quando avrete la risposta della Commissione?
In base al regolamento comunitario la Commissione deve risponde entro tre settimane. Anche se qualche volta i tempi saltano.
Fonte: L'opinione.it (02/03/2005)

NON LO SAPEVO

ORA LO SAI ANCHE TU

matteo tocco 08.01.07 04:01| 
 |
Rispondi al commento

CHI E' FAVOREVOLE AGLI OGM(organismi geneticamente modificati)?

3^ parte

Che cosa determina il pregiudizio negativo verso gli ogm in Italia?
Mi occupo del tema da tempo e le mie ricerche mi hanno fatto scoprire una paura tutta italiana dettata dall’ignoranza verso le biotecnologie. C’è poi un altro fattore. Da uno studio dell’Osservatorio di Pavia, intitolato “Le agrobiotecnologie nei media italiani”, condotta sui media nazionali nel periodo 2001-2002, emerge che “questo biennio è stato caratterizzata da continuità di presenza sui media del ministero delle Politiche agricole attraverso i due ministri Alfonso Pecoraro Scanio e Giovanni Alemanno. Che pur appartenendo a maggioranze diverse hanno entrambi improntato la loro comunicazione sul tema in senso negativo. I due ministri rappresentano la quasi totalità della comunicazione dei rispettivi governi sul tema delle agrobiotecnologie”. Insomma, il governo nel 2001 faceva il 55% della comunicazione sul tema. Nel 2002 il 65%. Seguito dai Verdi che nel 2001 facevano il 24% della comunicazione politica e il 19% nel 2002. Facendo la somma di questi dati emerge che l’informazione fatta dai media italiani sugli ogm è al 90% di parte, e negativa.

Colpa dei media?
No, della classe politica che non si occupa di questi temi. Di cui parla solo chi è contrario e in senso negativo.

Parliamone in modo diverso, allora. Citi qualche dato positivo sugli ogm.
L’ultimo rapporto della Fao, del 2004, è dedicato all’introduzione degli ogm nei paesi in via di sviluppo. E conclude che sulla questione degli ogm non ha senso fare delle generalizzazioni ma che nei casi verificatisi fino ad ora i benefici prodotti dagli ogm sono stati superiori agli svantaggi.

continua

matteo tocco 08.01.07 03:58| 
 |
Rispondi al commento

CHI E' FAVOREVOLE AGLI OGM(organismi geneticamente modificati)?

2^ parte

La legge Alemanno contrasta con la normativa dell’Unione perché, di fatto, impedisce di coltivare transgenico. E lo fa in due modi: innanzitutto, modifica il modo con cui si richiede l’autorizzazione a coltivare ogm; poi prevede l’istituzione di aree cosiddette “omogenee” in cui coltivare transgenico. Peccato che nessuna altra legge nazionale né direttiva europea specifichi che cosa sia un’area omogenea. Si intuisce soltanto che si tratti di zone in cui le colture vengono accorpate.

L’interrogazione si focalizza sull’articolo 8 che vieta le colture transgeniche destinate all’immissione sul mercato fino all’adozione dei piani di coesistenza regionali. Ci spiega questo punto?
L’articolo 8 ha una storia strana. Il decreto in origine prevedeva la possibilità di coltivare transgenico dopo che le regioni si fossero dotate di piani di coesistenza locali.

E questi piani avrebbero dovuto essere pronti entro il 31 dicembre 2005. Quella data successivamente è stata tolta, ed alle regioni non è stato indicato nessun altro termine entro cui dotarsi dei piani. L’assenza di quel dato, già di per sé limitante, ha reso nulla la legge: le regioni potrebbero infatti non stilare mai i piani che permettono la coesistenza, impedendo così la coltivazione di ogm. E questo è in netto contrasto con la legislazione europea.

Non è la prima volta che la Corte di giustizia europea si pronuncia in materia...
No, nell’ottobre del 2004, la corte di Giustizia europea ha condannato il governo di Vienna per aver vietato alla Carinzia di coltivare prodotti geneticamente modificati. La corte europea non prevede infatti che si stabiliscano aree “ogm free” per una questione di mercato interno. Il paese ha avuto quindi una sanzione e ha dovuto modificare la legge. Ora anche la Carinzia semina transgenico.

continua

matteo tocco 08.01.07 03:54| 
 |
Rispondi al commento

CHI E' FAVOREVOLE AGLI OGM(organismi geneticamente modificati)?

Ogm, l’Italia rischia sanzioni da parte dell’Europa

Il 16 febbraio, Emma Bonino e Marco Pannella hanno presentato alla Commissione europea un’interrogazione sulla legge italiana detta “Alemanno” che regolamenta la coesistenza fra colture tradizionali, biologiche e transgeniche.
Questa legge secondo i leader radicali sarebbe in contrasto con le normative dell’Unione perché, di fatto, vieta la coltivazione di organismi geneticamente modificati sul territorio italiano. Mentre l’Ue stabilisce invece che per ragioni di mercato interno le aree “ogm free” non sono ammesse.
Fra pochi giorni Bruxelles invierà a Roma il suo responso, ma i precedenti non lasciano ben sperare: l’Austria è già stata condannata a pagare delle sanzioni per una legge simile a quella italiana, e anche i servizi legislativi delle Camera avevano messo in guardia il ministro per le Politiche agricole, Gianni Alemanno, sulla non conformità della legge alla normativa Ue. È quindi probabile che oltre a modificare la legge, presto saremo condannati a pagare una multa salata.
Approfondiamo il tema con Gianluca Eramo, membro del comitato nazionale dei radicali italiani, che ha scritto e curato l’interrogazione sulla legge Alemanno.

Dottor Eramo, che cosa prevede la normativa europea in materia di organismi geneticamente modificati?
La legislazione europea prevede che le colture tradizionali e le colture geneticamente modificate possano coesistere. Prevede cioè che siano legali e possano essere coltivate entrambe. I paesi dell’Unione, per adeguarsi a questa normativa devono adottare leggi che consentano la coesistenza.

Marco Pannella ed Emma Bonino hanno presentato un’interrogazione alla Commissione europea. I Radicali sostengono che la legge che regola la coesistenza fra colture in Italia contrasti con la legislazione dell’Unione. Perché?
CONTINUA


matteo tocco 08.01.07 03:49| 
 |
Rispondi al commento

ECCO COME LA NATURA REAGISCE ALL'INQUINAMENTO

L'ISOLA DI LOHACHARA E' SCOMPARSA
10.000 PERSONE SENZA CASA E SENZA TERRA

La prima isola abitata, nel Golfo del Bengala, è stata sommersa dal mare che cresce di livello. Iniziano ad avverarsi le più fosche previsioni degli scienziati. The Independent, 24 dicembre 2006

LA PROSSIMA PREDESTINATA SEMBRA ESSERE ADDIRITTURA UN'INTERA NAZIONE "L'ARCIPELAGO DI TUVALU"

------------------------------------
Da Repubblica.it
Si alza il mare scompare un'isola
Evacuati 10.000 abitanti
di ANTONIO CIANCIULLO

ROMA - Lohachara, piccola isola nella Baia del Bengala, è stata risucchiata nel gorgo dell'oceano in crescita e i suoi abitanti sono stati evacuati. È il primo lembo di terra ferma che paga il prezzo prodotto dal bombardamento di carbonio in cielo. La notizia, rimbalza dal sito del giornale inglese The Independent e segue il calvario degli isolotti già conquistati per giorni o settimane dal mare che si alza rabbioso sconvolgendo i villaggi e mettendo alla prova la sopravvivenza fisica e psicologica degli abitanti.

Il cambiamento climatico ha cominciato a mutare le carte geografiche partendo da uno dei luoghi più popolati del pianeta. Là dove il Gange e il Brahmaputra si gettano nella Baia del Bengala è sparita Lohachara, diecimila persone evacuate, la prima isola abitata risucchiata nel gorgo del mare in crescita, la prima terra pagata come "danno collaterale" prodotto dal bombardamento di carbonio in cielo.

La notizia rimbalza dal sito del giornale inglese The Independent e segue il calvario degli isolotti già conquistati per giorni o settimane dall'oceano che si alza rabbioso: non una risalita lineare, ma ondate violente che cadono come un colpo di frusta sugli atolli dell'oceano Indiano e del Pacifico sconvolgendo i villaggi, i campi, le riserve di acqua dolce.
------------------------------------------

Per conoscere meglio Tuvalu e altre notizie su Ambiente ed Energia clicca mio nome.
Ciao

matteo tocco 08.01.07 02:08| 
 |
Rispondi al commento

A tutti coloro che sono contrari ai prodotti OGM.


Gradirei vedere anche un solo lavoro scientifico (e parlo di SCIENTIFICO con dati certi esperimenti e risultati) che dimostrino CHIARAMENTE che gli OGM hanno un effetto nocivo sull'uomo. Solo allora potrò essere contraria.

Ah per chi non lo sapesse... Pare proprio che l'Italia sia uno dei maggiori produttori al mondo di mais in qualità di OGM. Nessuno ne sa niente? é mai morto qualcuno?

Marie Dubois 07.01.07 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora;non sono uno studioso di biologia ne simili. Ascolto (leggo) le teorie di tutti per farmi un idea. Non sono pro OGM....il mio "buon senso" (presunto) mi comunica che c'è della "perversione" umana notevole! Comunque mi piace documentarmi...ed è per questo che di tanto in tanto vengo a farmi un giro qui perchè fortunatamente c'è gente come voi che sa un "sacco di cose" molto utili. Però tutti coloro che hanno evidentemente studiato facoltà scientifiche sembrano un pò....superbi! Dicono agli "anti" che non argomentano...e vi chiedo: FATELO VOI? ancora non ho letto un post preciso su tutti gli effetti "positivi" derivanti dalle colture OGM....
Sembrate pazzi ed infelici....forse cercate la felicità nel progresso? Allora visto che abbiamo fatto passi da giganti (ultimamente) dovreste essere felicissimi....o no?
Continuate a studiare....e a separare il cervello dal corpo! Prima o poi gli effetti saranno visibili...

mirco morelli 07.01.07 21:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualcuno ha paragonato l'uso degli OGM all'uso delle centrali NUCLEARI? ..... ed è un agronomo? beh, io da tecnico ambientale, ed informatico, etc. non posso leggere tali scempiaggini, mi vien la nausea, al solo pensiero di chi è convinto delle str....te che DICE ! ecco perchè l'italia va a put..ne ! se io sono ignorante, e lo sono, c'è chi è peggio di me, ma non solo si vanta e non lo sà, ma spara CA...TE senza minimamente rendersene conto. e le povere apette, dovremo pagarle, per non aver fatto fin'ora uno sciopero di massa, o migrazione , PERCHE' LE VERE BESTIE SIAMO NOI NON LORO ! immagino un'ape, che in prossimità di un TERMOVALORIZZATORE (inceneritore di r.s.u.) si fà una passeggiata, svolazza, si fà il pieno di NANOPATICELLE, e ci restituisce, inconsapevolmente... miele CANCEROGENO ! le centrali nucleari? il Sig. in questione... forse non sà, nella sua AGROCULTURA, dello smaltimento delle SCORIE RADIOATTIVE, ma poverino, che si mangi prodotti O.G.M. , tutti han diritto di parola, e di mangiare prodotti geneticamente modificati. . . . :o)

Gaetano G. Commentatore certificato 07.01.07 21:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Disprezzo e perfino odio gli americani ( il cui nome volutamente scrivo in minuscolo)... Ma attenzione, dietro ci sono sempre loro... e Beppe da grande cittadino di questo mondo sa di chi parlo, degli innominabili... e gia' perche puoi anche dire che i Norvegesi fanno schifo o gli olandesi, che nessuno si infiamma, ma se lo dici degli ebrei succede il pandemonio... Diventi l'anticristo, la reincarnazione di Hitler... e cosi' dietro l'enorme senso di colpa mondiale dell'olocausto si nascondono i piu' ricchi sfruttatori di terra, petrolio, industrie chimiche e farmaceutiche... Persino sullo sfruttamento degli anabolizzanti, dove i "saggi" fratelli Weider da decenni con la scusa del contesto del Mister olimpya ( campionato mondiale di B. building)di cui sono i fondatori, hanno aiutato la diffusione di massa degli steroidi. ho il voltastomaco... sapevate che negli stati uniti il festeggiamento della Pasqua viene spostato di anno in anno per coincidere col festeggiamento pasquale di israele ???
Meditate gente....

sergio s. Commentatore certificato 07.01.07 21:04| 
 |
Rispondi al commento

MESSAGGIO PER TUTTI I FAVOREVOLI AGLI ogm

gli OGM sicuramente sconvolgono degli equilibri che si sono costituiti in milioni di anni da quando sul nostro pianeta è comparsa la prima forma di vita, sicuramente non fanno parte di questa natura.
gli OGM sono tutti brevettati e SE risolvono qualche problema è SOLO LA RESISTENZA A QUALCHE FITOFARMACO quasi sempre prodotto dalla stessa multinazionale o da qualche loro controllata, informati bene che ne troverài di queste "curiose coincidenze", così possono essere ingozzate meglio e... l'agricoltore ignorante spende di più in fitofarmaci, il consumatore spende di più in medicine per curarsi il mal di stomaco (quando gli va bene) e le solite multimerd... fanno più soldi.

mi sbaglio?

Se ci fosse più onestà, correrei anche il rischio, ma visto che mirano solo al denaro e che lo fanno troppo spesso in modo sfacciatamente sporco, le stronzate ogm mangiatele voi.

io nella mia piccola azienda coltivo solo semi antichi e alcuni per la legge sono anche vietati perchè non sono registrate e nemmeno le possiamo registrare perchè questo è diritto riservato solo a pochi grossi (multinazionali o quasi, altro problema determinato dalle multimerd...) ma il sapore di questi prodotti tu nemmeno lo puoi sognare.


A TE CHE SEI PRO ogm


gli ogm mangiateli tu... se hai il coraggio


Giuseppe Lembo 07.01.07 18:41| 
 |
Rispondi al commento

ma chi ha fatto questo studio?perchè la validità di uno studio dipende anche da chi lo fa...

vittorio brun 07.01.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Per Giuseppe Lembo: vedrò di far qualcosa, ovviamente se ne parlerà la prossima estate! Salve

Giorgio Grassi 07.01.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUANTA INGNORANZA SUGLI OGM!!!
Mi chiamo Lorenzo e sono un agronomo. La natura,gli animali e l'ecosistema sono il mondo di cui mi occupo ed in cui lavoro. Il problema degli Ogm è un classico caso di montatura politica e mediatica, di cui anche Lei, Sig. Grillo, evidentemente cavalca l'onda. Il problema non è rappresentato dalla tecnologia dell'ingegneria genetica, bensì dell'uso che se può fare. Faccio un esempio: l'energia nucleare può essere utilizzata per produrre energia utile, per alimentare città, industrie, ecc., oppure per farci una bella bombetta da scaricare sulla testa di chi ci rompe le scatole. Qui è la stessa cosa: la tecnologia dell'ingegneria genetica è uno dei passi più importanti compiuti dall'uomo da quando ha messo piede sulla terra: significa che teoricamente possiamo fare di tutto, nel bene e nel male. Rinunciare a questa tecnologia significherebbe tornare indietro, sarebbe come dire: ehi, ma una una volta si viveva anche senza energia elettrica, senza riscaldamento e senza acqua corrente nelle case, quindi possiamo farlo anche adesso! Certo che possiamo, ma chi è disposto a farlo? Ricordatevi una cosa: la ricerca la fanno solo strutture private perchè costa, costa molto, ma i benefici che derivano dalle scoperte sono fruibili da tutti, anche se è ovvio che chi conduce costose sperimentazioni deve pensare di rientrare in qualche modo delle spese vendendo i propri prodotti. Dire OGM è dire niente: significa aprire la porta su un mondo immenso: un alimento può essere ottenuto in decine di modi diversi attraverso l'ingegneria genetica, eppure è etichettato sempre OGM. Una pianta ogm può essere selezionata per poter essere coltivata con metodi biologici. Ma i detrattori, che non capiscono niente di scienza e vogliono fare i filosofi, dicono che no, il biologico si fa senza Ogm, non vedono un possibile alleato in questa tecnologia e spargono sciocchezze per il mondo. Il brutto è proprio che i politici sono i peggiori ignoranti, eppure fan le leggi.

Lorenzo Serra 07.01.07 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

prova

roberto romero 07.01.07 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Ora che provino a multare le api quando vanno sul fiore sbagliato...
Che mettano pure la tassa sul fiore ogm!
Che vadano a dire alle api che quelle colture sono sperimentali ed è vietato prelevarne polline
Quando si dice Homo sapiens a me viene sempre da dire Homo scemens...
L'uomo crede sempre di poter controllare tutto, mentre la verità è che non controlla proprio nulla, nemmeno il suo c**o... :), e per fortuna.


OT
#################################################

La Ford Italia è stata denunciata penalmente e civilmente da circa 250 dei suoi ex concessionari.

LE ACCUSE?

Truffa aggravata, ostacolo all'esercizio delle funzioni delle Autorità pubbliche di vigilanza e false comunicazioni sociali!

#################################################
CLICCA SUL MIO NOME PER SAPERNE DI PIU'.

Fabrizio Di Luca 07.01.07 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono una ricercatrice botanica e alimentare, quindi Ambiente-Animali-Persone sono argomenti scottanti anche per me.Si arriva sempre con qualche decennio di ritardo a comprendere l' entità dei danni che l' uomo ha da sempre operato contro la Natura! Spesso vedo molte persone esigere la frutta di calibro XXL,di colore intenso e guai se trovano un verme o un insetto all' interno, sono tragedie!La terra ha sempre le stesse dimensioni, se vogliamo palazzi, strade e infrastrutture sempre più grandi, togliamo spazio ai campi da coltivare e, di conseguenza, la poca terra disponibile è sfruttata inevitabilmente ed inesorabilmente. Sai che le api vengono utilizzate anche per monitorare i territori? Le vespe invece,unico tramite per ottenere l' impollinazione di alcuni importanti frutti a rischio estinzione, sono eliminate sia dall' uomo (perchè ritenute pericolose) che dai pesticidi.Quante persone sono disposte a rinunciare agli insetticidi? Il DDT è vietato in Italia da oltre vent' anni, ma nel sangue umano è ancora presente, in quanto composto da molecole molto stabili nel tempo.Quarant' anni fa tutti abbiamo iniziato a mangiare le patatine con l' aperitivo, senza chiederci come mai una fetta di patata potesse rimanere croccante dentro una busta di plastica per svariati anni, inalterata, perfetta...ovvio che di patata clonata si trattava!Con gli aperitivi al bar vedo mangiare ogni sorta di residuo secco non edibile, ma ben corretto da esaltatori di sapidità e reso appetitoso.Mangiamo decine di varietà di pomodori in Italia, ma solo due di esse sono esenti da manipolazioni in laboratorio!Se vuoi news in merito agli alimenti scrivimi in forma riservata e, per ora....continuiamo a divulgare scienza..... ma quella vera! Saluti e buon proseguimento del 2007. Marida Tuzzi

Marida Tuzzi 07.01.07 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie per questo ottimo messaggio Beppe. E' di fondamentale importanza prevenire questa CATASTROFE DI PORTATA MAI VISTA NELLA STORIA UMANA, rappresentata dall'OGM, le implicazioni dell'OGM vanno ben oltre quanto la maggioranza delle persone immagina oggi.

Dobbiamo fermare questo criminale tentativo da parte dei soli noti di introdurlo a forza e massicciamenter anche nel nostro paese e in Europa come hanno gia' fatto a casa loro.

Questa ritengo sia una delle battaglie piu' importanti che ci troviamo oggi a combattere.

PER L'INTANTO RIFIUTATEVI ASSOLUTAMENTE DI COMPRARE PRODOTTI NON ORGANICI OVVERO OGM. SOLO COSI' POSSIAMO FERMARLI VERAMENTE. Ancora siamo in tempo. Tutti I PRODOTTI OGM DEVONO AVERE QUANTOMENO UNA CHIARA IDENTIFICAZIONE DEGLI STESSI SULL'ETICHETTA.

roberto d'angelo 07.01.07 02:36| 
 |
Rispondi al commento

Le fonti sono sempre gradite, specialmente per notizie "allarmanti".

Ecco cosa ho trovato:

http://sauk.uwex.edu/ag/documents/BeePollination.pdf (pag.3)
- Source: Smithsonian Institute’s ZooGoer, Jan/Feb., 1999

http://www.blackwell-synergy.com/links/doi/10.1046/j.0960-7412.2002.001607.x
- Source: The Plant Journal, Jan 2003

http://en.wikipedia.org/wiki/Pollinator_decline


NESSUNO PERO' PARLA DI CAUSE DIRETTE DA GMO!
Anzi, a pg.17 dell'articolo "planet journal" citato si afferma il contrario


Filippo

Filippo Vitale Commentatore certificato 07.01.07 02:33| 
 |
Rispondi al commento

Rinnovo la proposta per una lotta ai prodotti OGM fatta con i carrelli della spesa, a colpi di portafoglio, tra gli scaffali del supermercato. Se il consumatore non consuma il produttore non produce. La logica è sempre quella. Basta entrare nei centri commerciali ed effettuare acquisti consapevoli. Basta stare attenti ed essere informati. Bisogna ampliare la base culturale collettiva integrando una cultura alimentare che comprenda più informazioni possibili sul prodotto (dalle caratteristiche tecniche a quelle organolettiche, dalla zona di produzione al tipo di lavorazione, al trasporto, ecc.) in altre parole essere coscenti di essere consumatori. Ogni "consumatore cosciente" è consapevole dei propri pensieri e delle proprie azioni. In pratica esprime un voto di fiducia al proprio "prodotto candidato". Tanti voti= il candidato resiste sugli scaffali e sale la scala del potere commerciale, pochi voti= il candidato decade miseramente nella non produzione e se ne perde la memoria. Un bel potere da esercitare su ogni "prodotto candidato" ogni volta che facciamo la spesa. Pensateci e.....votate al supermercato!

Fabrizio Cesaretti 07.01.07 01:58| 
 |
Rispondi al commento

API VENITE DA ME CHE VI DARO' IL PAN DEL RE

Le api sono gli anelli più fragili ell'ecosistema e come tali risentono per prime della presenza di elementi inquinanti. Oltre al fatto che sono insetti estremame ligi all'igiene svolgono un compito indispensabile alla sopravvivenza di gran parte delle piante. La loro scomparsa comporterebbe conseguenze difficlmente immaginabili. L'allarme è sollevato da anni e fa temere l'estinzione degli insetti. Responsabili principali sono i cosiddetti insetticidi "sistemici", e in particolare quello prodotto dalla Bayer col nome "Gaucho", commercializzato da una decina d'anni. Ora che l'OMS ha autorizzato la rimessa in commercio del DDT la situazione è ulteriormente precipitata. Con la diffusione deglo OGM la molecola attiva di Imidaclopride non viene piu' cosparsa in polvere sulle colture ma inglobata direttamente nei semi di girasole, grano e mais destinati a finire sulle nostre tavole, e rilasciato nel corso della crescita. Metodo che accresce la persistenza nei fiori e nel polline, oltre che nel suolo. Le api, le lucciole e le farfalle sono vulnerabilissime alla molecola, anche alle dosi più basse, inferiori a tre particelle per miliardo.

Einstein disse: "Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita".

Vanessa Sensini 07.01.07 01:50| 
 |
Rispondi al commento

ancora per Loredana Solerte: vivo in campagna da sempre, conosco benissimo api, vespe e calabroni e queste che ti ho descritto, nella mia zona non le avevo mai viste....l'unica traccia è che pur avendo molti fiori in giardino è il primo anno che metto la lavanda....

Giorgio Grassi 06.01.07 23:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Loredana Solerte : hanno forma di ape con il ventre più schiacciato di quello di un'ape da miele quando volano: Ne ho uccise alcune e da morte hanno l'aspetto di un piccolo calabrone, di dimensioni simili o appena più grandi delle api da miele, soliti colori con il giallo appena più vivo: Ciao

Giorgio Grassi 06.01.07 23:20| 
 |
Rispondi al commento

Questa estate ho notato nel giardino un fenome no strano: su un gruppo di fiori di lavanda sono comparse delle api(?) un po' più grosse di quelle normali da miele. Queste api (non erano calabroni) attaccavano le api da miele, le rapinavano del polline raccolto ed infine le scacciavano o anche le uccidevano. Qualcuno puo' dirmi qualcosa in più? Io ho pensato ad api governative ....

Giorgio Grassi 06.01.07 22:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"il 90% delle api selvatiche native sono scomparse negli ultimi 50 anni". Ed allora cosa hanno pensato bene gli Yankees? Poichè ritengono che al mondo tutto si possa comperare, hanno importato api africane, che si sono rivelate molto aggressive ed hanno attaccato parecchi agricoltori e loro familiari. Tutt'al più erano buone per qualcuno dei film catastrofisti che loro amano tanto. Adesso cercano un animale in natura che uccida le api, e poi dovranno cercare quello che li libera dall'antagonista, in una spirale senza fine.
La Natura ha equilibri delicati. Una volta compromessi, non si può pensare di ricrearli.

Elisabetta Gueli 06.01.07 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe Grillo non credevo che tu fossi una persona che non offre le pari opportunità di postare tutti nel tuo blog. L'aspetto dell'ingiustizia fa presegire nulla di buono. Giacomo Montan e Giovanna Nigr.. sono impediti di postare anche se si tratta di un'emergenza, VERGOGNA!!! Grazie di averti smascherato ora, perchè io avevo fiducia di te, ma ora, mi spiace ma non ti credo più. Continua con le sceneggiate in teatro che è meglio!

Mario Preitano 06.01.07 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la natura ha finalmente capito finalmente ke la stiamo fottendo!!!!!
questo e un leggero inizio di quello ke sarà...
"un'apocalisse lenta"
PS:si stima ke nel 2100 la pianura padana sarà nettemente arida...poiche i ghiacciai del monte bianco si stanno sciogliendo.

AAA: cercasi piano alternativo per sopravvivere!!!!

..............
Ottvio(SF)

Ottavio T. Commentatore certificato 06.01.07 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Mia Mamma Lavora Al MIPAF , Fino Poco Tempo Fa Era a Lei Che Passavano Tutte Le Sperimentazioni Sulle Nuove BioTecnologie E OGM .
Il Ministero Ha Accettato Ben Poche Sperimentazioni . Sol Poche Colture Vengono LEGALMENTE Sottoposte Al Trattamento Ogm E , In Teoria , Dovrebbero Esser Confinate Alle SERRE Così Da Non Intaccare Nè La Fauna Nè La Flora Circostanti .

Purtroppo Il Controllo , Per Quel Che C'E' , E' Spesso Corrotto .

Giulia Alessi Commentatore certificato 06.01.07 19:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi sembra che in India gli ogm hanno fatto danni
mortali tanto da far indebitare e quindi suicidare tanti contadini che per vergogna e impotenza non hanno visto o trovato alternativa
chi produce ogm non solo non sa quello che fa in termini morali ma realizza tante piccole catastrofi umane non per questo chi fa queste belle innovazioni è meno colpevole
noi siamo fortunati che non siamo ancora così ammorbati da tali semi ogm ma presto sarà il nostro turno. viva il progresso buon anno

marco bechini 06.01.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Mano a mano che ci allontaniamo dalla natura ci creiamo un'immagine di essa virtuale.
Da lì a giocarci il passo è breve.

Le api possono ben essere sacrificate, se all'epoca e tuttora si sono sacrificati anche gli uomini stessi. Figurarsi di chi si preoccupa per qualche apetta.

Questa visione del mondo ormai chi la ferma più? O si ferma da sola, magari andando a sbattere, o non c'è speranza.
Continuando con questa "modernizzazione" arriveremo a progettarci i figli al pc, con gli occhi giusti e i colori giusti, alla moda, o a farci clonare per recuperare i pezzi di ricambio.

Saremo eterni e infelici.

L'unico piccolo problema è che sappiamo sempre di più per capire sempre meno.
Se dai un carro armato in mano ad un bambino è facile che faccia o si faccia del male.
Ora siamo bambini con la bacchetta magica, e giochiamo a creare il mondo senza preoccuparci troppo delle conseguenze.

Come i bambini, appunto.

Ma vai un po' da un bimbo che si diverte a dirgli di rinunciare al suo giocattolone...

Fabrizio Castellana Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per me questo post è uno dei più terribili che ho letto dal gennaio 2005

"Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita", diceva Albert Einstein.

buonaserataatutti


@ loredana solerte

---------------------
in alcune cose hai ragione ma

mi pare tu stia divagando

la grecia e l'hawai che c'entrano???

qui si discute del qui e ora

l'ipotesi e i sogni personali lasciano assai il tempo che trovano

e poi trascuri le motivazioni profonde che spingono due civiltà diverse a tenere comportamenti diversi

qui da noi con la ragione riesci a convincere qualcuno a rispettare donne e bestie
nell'islam se lo fai rischi la gola

ti pare una diff da poco

Roberto Stagni Commentatore certificato 06.01.07 19:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BEPPEEEE!!!
Ma somo quasi tutti per gli OGM!
Ma che direzione sta prendendo il BLOG!
Beppe , intervieni ,qui urge subito il tuo VERBO!!
-------------------------------------------------
---------------------------------------------
---------------------------------------
--------------------------------
--------------------------
--------------------
-------------
--------
----
-

LUCA FREDIANI 06.01.07 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero che non si puo' controllare dove le api vadano una per una, ma una certa forma di cautela si puo' adottare: per esempio, si puo' scegliere dove posizionare gli apiari: poiche' le api si spostano in un'area di un raggio ben definito, circostante al loro alveare, se in quest'area si trovano soltanto coltivazioni biologiche o ambienti naturali, per cosi' dire, non contaminati, si puo' avere una qualche garanzia in piu' in merito alla qualita' della loro vita e quindi del miele che producono. Gli enti che certificano la produzione apistica biologica controllano, infatti, anche la collocazione degli apiari: se i siti non sono conformi, cioe' se si trovano troppo vicini a coltivazioni non biologiche, a strade trafficate, a impianti industriali etc. non vengono certificati, e quindi il miele che li' viene prodotto deve essere venduto come convenzionale. Ovviamente questa garanzia non e' totale: l'ente certificatore puo' non essere completamente trasparente, e nemmeno l'apicoltore o i coltivatori vicinanti, le api hanno comportamenti che non sono completamente standardizzabili, essendo organismi viventi in un ambiente non stabile, ma il principio resiste. Una certificazione di qualita' o di conformita' ad un metodo offre qualche garanzia in piu', e, se non altro, e' un inizio, e' una voce isolata in un brusio, e' un principio che invita al seguito. In altre parole e' un idea: non si puo' abbandonare una causa giusta solo perche' si sa, o si pensa, di essere sconfitti in partenza.

Johannes Ehrlichbiene 06.01.07 18:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho scritto un commento sul mio sito a questo riguerdo.
A tutti Gli interessati di ecologia mando l'invito di visitarlo e magari darmi suggerimenti.
http://stefanolovisetto.spaces.live.com/

Stefano Lovisetto 06.01.07 18:04| 
 |
Rispondi al commento

LE API LO SANNO !

Morris Ifarajimi Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.

HIC SUNT APES.

Stefano Ballarini 06.01.07 17:15| 
 |
Rispondi al commento

sicuramente non ci deve essere alcuna preoccupazione riguardo i cibi OGM.
Nei costrutti utilizzati per inserire il transgene ci sono degli antibiotici come la kanamicina che servono ai ricercatori per effettuare la selezione dei cloni che hanno assunto il transgene da quelli che non lo hanno assunto; gli ambientalisti o oltri individui sostengono che questa resistenza a questo antibiotico possa essere trasferita all'animale o all'uomo e quindi ci potrebbe essere il pericolo di diventare resistenti alle peniciòline, ma questo non è mai successo sino ad oggi.
il secondo punto è che le piante transgeniche non sono molto fertili, anzi lo sono pochissimo.
Quindi non capisco qual'è il problema riguardante i cibi transgenici.


...ecco fatto! Una vita di lavoro buttata via!! ho fatto i turni per 35 anni in una centrale ENEL pensando di essere utile alla comunità e invece...stavo uccidendo qualcuno! Io che non avrei fatto del male neanche a una mosca! Ho campato onorevolmente la mia famiglia...ma forse stavo ancora uccidendo perchè compravo al Supermercato! Ecco..dovrò ricostituire l'orto dove ho fatto un bel giardino! Rimetterò anche i polli e i conigli...e mi farò anche un forno! Sperando di trovare del grano bio, mi farò anche il pane! Mi farò un piccolo mulino deviando l'acqua del fosso che passa quì vicino! Manterrò alberi da frutto...qualche ulivo!...andrò scalzo e senza pelliccia!...alleverò delle api (selezionate e controllate una ad una perchè siano "vergini") per ottenere miele e cera per le candele (certo! niente elettricità)...un camino per essicare le carni..il sale dal mare (a 2 chilometri)...poi ...e poi dovrò armarmi per difendere questo piccolo paradiso. Vedo già il vicino che sbava sui miei pomodori, straluna a vedere i miei cavoli...Potrei vendergli qualcosa, col ricavato comprare (se si trovano) delle sementi "antiche"...comprerò una cupola di vetro da racchiudere il mio piccolo paradiso così le rondini, le cornacchie, i gabbiani, i passeri ecc. non mi gagano gli OGM sull'orto. Poi...quando mi sentirò in pace con me stesso e con il mondo...verrà un Ministro (o anche due o tre) vestito con abiti prodotti in Cina ma marcati Versace o Valentino, con scarpe ("BELLE") prodotte dai bambini indonesiani, e mi dirà (sbavando sulle mie zucchine)che tutto questo è illegale, contro a...blà, blà,...!

Giorgio Grassi 06.01.07 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe

leggo la tua lettera e concordo sul fatto che è difficile controllare le api durante il loro lavoro e pretendere poi di etichettare un pro
dotto come biologico o privo di OGM.
Ma qui si tratta di capire quale scelta bisogna fare nel momento in cui ci accingiamo andare a tavola.
Dobbiamo capire qual'è il male minore: scegliere tra prodotti invasati di pesticidi o prodotti OGM.
Cosa farà più male? Scelgo i prodotti ricchi di pesticidi?
Scelgo il prodotto che non ha avuto bisogno del pesticida in quanto è stato in grado di resistere al parassita grazie alla sua modificazione genetica?
Chi fa più male OGM o i prodotti chimici?
Lasciamo da parte l'ipocrisia e diamoci una risposta.

Francesco Carrera 06.01.07 16:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
DISDETTATE IL CANONE RAI
----
Fai ancora in tempo con decorrenza dicembre 2006 così da cessare il pagamento del prossimo canone 2007.
Per sapere come si fa e scaricare i moduli della disdetta clicca sul mio nome qui sotto e poi vai a sx della home page di mabonline.org nel paragrafo "azioni in atto" e clicca il link "disdetta canone rai".
---
La procedura di disdetta da noi consigliata è immediatamente efficace, si cessa il pagamento da subito, non hai fastidi di nessun tipo.


Caro Beppe

leggo la tua lettera e concordo sul fatto che è difficile controllare le api durante il loro lavoro e pretendere di etichettare un pro
dtto come biologico o privo di OGM.
Ma qui si tratta di capire quale scelta bisogna fare nel momento in cui ci accingiamo andare a tavola.
Dobbiamo capire qual'è il male minore, scegliere tra prodotti invasati di pesticidi o prodotti OGM.
Cosa farà più male? Sclelgo i prodoti ricco di pesticida?
Scelgo il prodotto che non ha avuto bisogno del pesticida in quanto è stato in grado si resistere al parassita grazie alla sua modificazione genetica?
Chi fa più male OGM o i prodotti chimici?
Lasciamo da parte l'ipocrisia e diamoci una risposta.

Francesco Carrera 06.01.07 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mentre si distribuiscono massmediaticamente Premi a Tavolino per arginare l'attenzione da questo Blog... e ditemi che non è vero...

La Petizione contro i Segreti di Stato NON riesce a trovar voce fuori da queste pagine.

http://www.petitiononline.com/gr7m1964/petition.html

Io ho fatto il possibile, tuttavia siamo a 139.

Invito i firmatari che possono a scaricarsi i Banner e per quanto poco collegare il proprio sito e a scrivere segnalando alle redazioni l'iniziativa.

Agenzia ASCA redazione: agenzia@asca.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Agenzia Emmegi

si presentano come Agenzia internazionale col motto: ..Informare per comunicare...Comunicare per informare .. ..sarà vero?

redazione: info@emmegipress.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

ADN Kronos

redazione web: webinfo@adnkronos.com
segreteria.redazione@adnkronos.com

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Agenzia ANSA

il loro "motto aziendale" è Tempestività, Obiettività, Autorevolezza....

redazione.internet@ansa.it

prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr


Lezioni teoriche di filosofia politica da Ceppaloni

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 06.01.07 14:55| 
 |
Rispondi al commento

x Roberto Stagni 05.01.07 14:44
x Roland Deschain 05.01.07 14:41

qui stiamo parlando di maltrattamenti verso gli animali e arrivare a dire che gli islamici maltrattano gli animali più degli occidentali è veramente da folli paranoici (islamfobia?)
chiedo scusa per aver scritto alcune cose inesatte sull’allattamento dei vitelli (in compenso vi ho fatto ridere un po' :) ) ma ricordavo davvero di aver letto qualcosa del genere e ho postato senza prima controllare. Ho cercato con google qualcosa che avvalorasse le mie parole, ma non ho trovato niente. Chiedo nuovamente scusa a tutto il blog.

Però ho trovato numerosi link in cui si parla del maltrattamento sugli animali da parte della presunta superiorità della civiltà occidentale
uno di questi è http://www.oltrelaspecie.org/download/la-realta-negli-allevamenti-intensivi.pdf
e così anche marista approfondisce la superiorità degli allevamenti occidentali e come trattino i maiali. (A propsito marista, a quale superiore regione padana appartieni?)
• A indossare pellicce nn sono solo donne.
Una piccola curiosità: personalmente non ricordo di aver visto donne islamiche indossare pellicce, sicuramente ce ne saranno a bizzeffe ma io non ne ho mai vista una!

• Se fossi un animale preferirei vivere nel mondo selvaggio della Natura;
Se fossi gay preferirei vivere nella più civile Grecia antica;
Come donna sogno il paradiso delle tribù hawaiane prima che l’invasione dell’uomo “bianco” vi portasse sifilide, tabù, pseudodemocrazia e tutte le sue “civili” frustrazioni.

• Nessuno può permettersi di imporci usanze e tradizioni, siano esse islamiche, cattoliche o laiche. Se qualcuno lo fa è sadicamente matto, e chi subisce diventa un frustrato (un po’ matto a sua volta anche lui)

Loredana Solerte Commentatore certificato 06.01.07 13:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i prodotti OGM in vendita nei supermercati dovrebbero avere un etichetta alta larga e ben visibile a distanza " tipo pacchetto di sigarette ", cosi anche la vecchina può vedere se compra della me...a!!!!

NO OGM SCRIVETELO GRANDE FIGLI DI PU..NA.

bruno anselmo Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Adesso qualcuno dirà che anche le api sono no global e che appartengono alle "frange estreme della sinistra massimalista". Chissà cosa ne pensa il Pecoraro Scanio di questa faccenda. Riusciremo a sentirgli dire almeno due paroline sul tema? Lo scopriremo solo vivendo. Guarda Beppe che se si mette l'immagine di Buttiglione sui cartelli c'è il rischio che le api tentino il suicidio! Per farle allontanare è sufficiente far sentire loro i suoi discorsi sulla famiglia e i gay...

Lorenzo Ordinelli 06.01.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Se ho capito bene Beppe Grillo parla di api , utilizzandole come esempio di un effetto della catena alimentare o comunque dell'interdipendenza tra gli organismi:questo vuol dire che il problema non riguarda solo le api (prese come esempio).

mimmo colombo 06.01.07 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il mondo è stato creato da DIO.
La natura è i suoi ecosistemi sono la cosa più PERFETTA che possano esistere.
L'uomo invece è l'animale più dannoso che sia stato creato.
Ricordiamo sempre che quando l'uomo è andato in aiuto di MADRE NATURA (MODIFICHE GENETICHE SU PIANTE ED ANIMALI,INTRODUZIONE DI ANIMALI ASSENTI IN DETERMINATI ECOSISTEMI),ha solo creato dei grossi danni.
Che fine hanno fatto i nostri vecchi detti popolari:
LASCIA IL MONDO COME E',
LA NATURA REGOLA LE SUE LEGGI DA SOLA,
LA NATURA E' L'OROLOGIO DELLA VITA.

Le cazzate comel'OGM lasciamole fare agli

Stati Uniti e noi teniamoci la nostra Natura con i suoi prodotti;

SiamoEUROPEI,abbiamo tradizioni millenarie,

perche dobbiamo prendere sempre come esempio

un popolo che ha la cultura

delle PISTOLE e del TACCHINO?


correggo l'indirizzo del mio precedente post.

www.biodiversita.info

Giuseppe Lembo 06.01.07 11:55| 
 |
Rispondi al commento

2
Se volete mangiare sicuro, se non volete correre rischi di OGM a tavola, non è difficile, basta avere un po’ di buona volontà.
Sul sito di biodiversitàrurale.info ci sono un gruppo numeroso di agricoltori che coltivano utilizzando solo varietà antiche di sementi, potrete contattarli direttamente attraverso la MAPPA DEL CIBO LOCALE che vi fornirà tutti gli indirizzi e modalità di contatto. non è l’unico gruppo e non sono tutti riuniti in gruppi gli agricoltori così attenti, sicuramente siamo solo una minoranza (per ora) irrilevante, ma se vi scomodate per andare a trovare questa gente in campagna o nei loro piccoli spacci aziendali o sulle bancarelle (solo dopo esservi informati sulla persona), per fare la spesa di prodotti sicuri, ne verrete ripagati a 360°.

Ma se continuate ad andare a fare la spesa comoda al sup-iper-mega mercato, cosa pretendete? Quelle strutture non possono accogliere piccoli produttori che fanno pochi quintali, li non c’è spazio per noi. Li troverete solo prodotti provenienti da appezzamenti di decine o centinaia di ettari condotti quasi sempre da pochissime persone super tecnologizzati e chimicamente “all’avanguardia” (ma poi di chè)
In fondo a tutti i problemi alimentari c’è la stupidaggine dei consumatori che non cercano altro che comodità e convenienza.

Ps. Se vi rivolgete direttamente ai produttori (biologici e conosciuti) …chissà che non risparmierete anche qualcosa… sapete, dal produttore al consumatore… questo dubbio mi viene.

Giuseppe Lembo 06.01.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento

è vero che in agricoltura biologica si può usare di tutto, o forse è meglio dire che per l'agricoltura biologica ci sono quasi tutti i principi attivi per curare quasi tutti i mali, ma sono prodotti di origine naturale, vi faccio un esempio, si può usare il veleno a base di piretro naturale ma non a base di piretroidi che sono molecole simili a quelle del piretro ma ottenute chimicamente. Quello naturale si dissolve in pochi giorni mentre quello chimico rimane attivo anche per settimane.

quando queste non bastano poi si può ricorrere ai prodotti chimici previo comunicazione all'ente certificatore che sicuramente rilascierà la deroga all'uso ma di contropartita c'è l'esclusione dalla certificazione del campo interessato per almeno tre 3 anni per qualunque produzione vi si faccia da quel momento.

per rassicurare (per quando possibile) i consumatori di prodotti biologici
Ricordo una chiacchierta in diretta con un DJ di una radio locale che asseriva di non usare più prodotti biologici perchè non si fidava, io lo inivitai a riflettere solo su una cosa, ovvero,

sarà anche vero che in agricoltura biologica ci sono alcuni furbi (che però non durano mai più di tanto, perchè appena scoperti vengono esclusi e bollati dappertutto) e che quindi qualche prodotto può essere un pò contaminato da prodotti non ammessi in agricoltura biologica, quindi mangiando biologico (di massa: vedi mio prossimo post) si ha qualche PROBABILITA' di mangiare a volte qualcosa di contaminato, ma se mangi prodotti convenzionali, vi assicuro che avrete la CERTEZZA di mangiare sempre e solo prodotti avvelenati anche solo a 3-4 giorni dalla raccolta e addirittura non sono rari i casi di prodotti "trattati anche in magazzino" perchè se non hanno nessun vincolo e nessuno che li controlla, in nome del dio denaro e della conservazione della "bellezza" (solo estetica) dei loro prodotti fanno davvero di tutto.

vi basta quest'ultima riflessione per cambiare idea sui prodotti biologici?

Giuseppe Lembo 06.01.07 11:13| 
 |
Rispondi al commento

quello degli OGM, sta diventando un problema sempre più grande... ma come si può fare a ridurlo?!?! le industrie che producono OGM sono sempre di più delle altre, andando al supermercato si trovano più prodotti OGM (ANCHE SE SULLE ETICHETTE NON è SPECIFICATO)di quelli biologici... invece di diminuire la produzione (di OGM), la stiamo aumentando... ALLORA; COSA SI PUò FARE?????

sara carloni Commentatore in marcia al V2day 06.01.07 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In famiglia il miele e molto gradito quotidianamente e le uniche possibilità per evitare questo rischio è di comperare in zone teoricamente prive di OGM quindi in collina e in prima montagna E per quanto riguarda gli OGM leggiamo tutte le etichette dei prodotti che compriamo, e agiamo di conseguenza.

maurizio nottoli 06.01.07 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe-mi inserisco sul discorso degli ogm cercando di dare il mio contributo,sopratutto alla variegate risposte che la tua lettera ha suscitato.Per me sono convinto di queste cose:
-la scienza non si può fermare
-non la devono fare le multinazionali (americane) perchè i prodotti naturali non sono di loro competenza esclusiva,ma ci devono lavorare le università ed istituti di ricerca,controllati da progetti appositi.
-i risultati saranno allora finalizzati
alle reali necessità.esempio:da noi in italia meridionale per colpa di un virus del mosaico del cetriolo)non si può coltivare il pomodoro da industria che muore con facilità.Allora lo coltiva la Cina che fa ogm e noi comperiamo da loro il concentrato di pomodoro.Che è ogm.
Il vero problema scientifico della produzione degli ogm non stà in nessun pericolo per la salute umana, altrimenti se non avessero modificato dei batteri per la produzione dell'insulina sai quanti morti per diabete ci sarebbero stati ma il vero cardine è l'abbandono della coltivazione e dell'allevamento delle vecchie varietà e razze che costituiscono il vero serbatoio della biodiversità.A questo si è ovviato costituendo le banche del germoplasma che sono l'unica risorsa al mantenimento del serbatoio di geni.
-in fine:se i nostri ricercatori potessero aiutare le popolazioni povere producendo piante ed animali già da loro posseduti ma migliorandone la resistenza a quei disagi ambientali-pensiamo proprio che questo sia inutile? Io prima di abolire del tutto il ragionamento sugli ogm ci penserei,ci sono molti aspetti che potrebbero pesarci come facemmo sull'impulso delle centrali atomiche e che poi siamo circondati di questi complessi.
Inoltre nella Comunità Europea es.la Francia si appresta ad avere la migliore scuola per lo sviluppo di questi organismi e noi di tutte queste università che abbiamo e valenti ricercatori che ne faremo.?
Solo gestendolo siamo sicuri che il progresso non nuoccia. grazie e tanti saluti
Giovanni

giovanni minerva 06.01.07 10:06| 
 |
Rispondi al commento

invio anche qui perhè non sono sicuo che la mail inviata alla redazioe venga letta o pubblicata.

leggete tutti , è grave, orrendo, mostruoso: pregiudica la nostra immortalità, la discendenza di tutti noi!
a che siamo arrivati per il profitto!

A Silent Pandemic: Industrial Chemicals Are Impairing the Brain Development of Children Worldwide

.... “Other harmful consequences from lead exposure include shortened attention spans, slowed motor coordination and heightened aggressiveness, which can lead to problems in school and diminished economic productivity as an adult. And the consequences of childhood neurotoxicant exposure later in life may include increased risk of Parkinson’s disease and other neurogenerative diseases,” says Landrigan.
...the total impact of the pandemic is much greater than currently recognized. ..., about half of the 202 chemicals known to be toxic to the brain are among the chemicals most commonly used.
Testing chemicals for toxicity is a highly efficient public health measure. However, less than half of the thousands of chemicals currently used in commerce have been tested to assess acute toxicity and, although new chemicals undergo more thorough testing, access to the data may be restricted because companies fear exposing proprietary information. Also, current toxicity testing rarely includes neurobehavioral functions.
“The brains of our children are our most precious economic resource, and we haven’t recognized how vulnerable they are,” says Grandjean. “We must make protection of the young brain a paramount goal of public health protection. You have only one chance to develop a brain.”
..suppl. documentation ... http://www.hsph.harvard.edu/neurotoxicant/appendix.doc
... by the Danish Medical Research Council, the (U.S.) National Inst. of Environmental Health Sciences and the U.S. Environmental Protection Agency.
The Lancet, November 8, 2006- Vol. 368
from the Harvard School of Public Health

vincenzo numeroso 06.01.07 08:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il sogno malato dell'uomo : SOSTITUIRSI A DIO.
SPERIAMO CHE IL PREZZO NON SIA L'ESTINZIONE.

bob costante 06.01.07 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Provengo dalla campagna. I miei hanno una piccola azienda agricola familiare presso cui ho lavorato sino a qualche anno fa. Ragion per cui sono molto sensibile al problema. Ricordo che il nostro problema era proprio il dubbio, quando si acquistavano sementi, che non fossero OGM non dichiarati. Purtroppo per il denaro, ormai lo sappiamo, nostro malgrado, si fa tutto e il nostro timore quotidiano era di essere cavie inconsapevoli
Tristezza ancora maggiore è stato constatare che neppure gli organismi per l'agricotura biologica sono un'isola felice. Non tanto rispetto OGM... su questo non sono informata ma spero che le leggi siano ferree... mentre so per certo che circa il problema pesticidi le norme in materia di queste associazioni sono estremamente tolleranti. Dicono che si può usare praticamente quasi tutto... quando il rischio è di perdere la produzione.... basta farne comunicazione all'organismo di controllo cui si è iscritti...
ma a parte la norma in sè...esecrabile... poi com'è possibile essere fiduciosi in un controllo severo e rigoroso da parte di organismi che sono finanziati dagli stessi associati... dagli stessi produttori... da coloro sui quali va esercitato il controllo? Ecco poi che si trovano partite di riso, è un esempio a caso, nel mucchio, contaminate di erbicidi o pesticidi proibiti... non si effettuano controlli....
Grazie dello spazio concessomi
un saluto a tutti e ancora Auguri!!!
silvia e marco

silvia crosetto 06.01.07 06:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se qualcuno e' convinto che le grandi multinazionali spendono miliardi in ricerche per modificare geni o clonazione o quante porcherie volete.Dicevo se credete che lo fanno per il bene dell' umanita'
e in particolare per sfamare e curare i poveri di tutto il mondo,a proposito gli ricordo che stasera passa la Befana a riempirgli la calza di giocattoli e dolciumi.A proposito non fatevi trovare svegli se no passa e se ne va senza fermarsi,andate a letto presto mi raccomando.

tiziano ranieri 06.01.07 06:09| 
 |
Rispondi al commento

Le persone che si scagliano contro gli OGM sono, spesso, le stesse che l'anno scorso difendevano a spada tratta il referendum sulle cellule staminali embrionali. Curioso, no?

E comunque, il giro di affari (enorme) intorno agli OGM non costituisce prova della loro pericolosità, a meno di non voler confondere la scienza con la Borsa.

Massimo Tumiati 06.01.07 03:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/408.

I post di altri blog che fanno riferimento al post L'ape OGM:

» OMS: non assumeremo mai più fumatori da Fabio Sacco
Tutti i candidati ad un impiego presso l'Organizzazione mondiale della Sanità dovranno rispondere ad un questionario e confessare l'eventuale uso di tabacco, poichè "WHO has a smoke-free environment and does not recruit smokers or other tobacco users." [Leggi]

04.01.07 22:34

» Calmiere sui prezzi: il pane! da Fabio Sacco
Quanto costa un chilo di pane? A Trento almeno 3,30€! Ciò significa che la pagnotta che acquisto tutti i giorni (vedi foto) costa ben 0,42€, cioè 800 lire! Da pazzi! [Leggi]

04.01.07 22:35

» Viviamo nel miglior mondo possibile da Fabio Sacco
Grazie all’ordine perfetto stabilito nell’universo, tutto è fatto nel miglior modo possibile, sia per il bene generale, sia per il maggior bene particolare di coloro che ne sono persuasi e che sono contenti del governo [Leggi]

04.01.07 22:46

» OGM da In Opera...le nostre coscienze
Troppo spesso si parla di OGM senza spiegare cosa siano, se siano nocivi, dannosi, utili ecc. Un Organismo Geneticamente Modificato si ottiene attraverso tecniche ben precise di ricombinazione del DNA. Si può inserire un gene di una specie in un'al... [Leggi]

05.01.07 00:16

» Gli effetti del grano duro da ammiragliodelweb
Gli effetti del grano duro "Creso", geneticamente manipolato [Leggi]

05.01.07 01:02

» In occasione del calendario di Grillo: L'anno del maiale da Svolte Epocali
Se la legge è uguale per tutti, dev’esserlo anche l’impunità. È un fatto di equità: «I ladri sì e i sindaci no? Cose da pazzi». Ci sarebbero pure i sindaci ladri, ma è troppo complicato da spiegare [Leggi]

05.01.07 01:31

» Invierno en Bagdad - FIRMA LA PETIZIONE da Invierno en Bagdad
iniziativa degli utenti del forum "redazione politica del tg3" mirata a raccogliere le adesioni dei telespettatori per chiedere alla RAI di trasmettere anche in italia tale documentario [Leggi]

05.01.07 01:34

» L'ape OGM da www.NaturalMentis.it
http://www.naturalmentis.it/viewtopic.php?t=99 Api in fuga dal biotech. Riconoscono gli OGM. Secondo la British Columbia in Canada gli insetti fuggono dai campi coltivati a colza geneticamente modificata e non impollinano più. Coldiretti: «Un segn... [Leggi]

05.01.07 12:33

» [OT] Taggato... da WASP.NET
[Leggi]

05.01.07 15:55