Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Istigazione al suicidio


rocket_car.jpg

La pubblicità delle automobili va proibita, come per il fumo. In un tranquillo week end di morte se ne è andata una parte della nostra meglio gioventù. 9 ragazzi tra i 17 e i 30 anni. Non per tragedia, non per fatalità. Per la vendita del mito della velocità. Spacciata come si spaccia l’eroina. Ma alla luce del sole. Con la complicità dei media. Nel Corriere di oggi, nella rubrica Motori: “Mercedes classe R... dai concetti innovativi che coniugano design raffinato, comfort di guida e la possibilità di andare dappertutto... in versione Amg V-Max consente di raggiungere la velocità massima autolimitata di 275 km orari”. E nell’articolo: “Prova d’autore” si magnifica la “Principessa Mégane, potenza senza freni inibitori” che ha “velocità max 236 km/h, da 0 a 100 km in 6,5 secondi”.
Le pubblicità sono al 45% di telefonini e al 45% di macchine di grossa cilindrata. Il rimanente 10% di finanziarie. Uno si indebita. Compra macchina e cellulare. E si schianta mentre parla al cellulare a 200 all’ora. Le rate rimangono agli eredi.
Il ministro Bianchi tuona con il “ritiro dei punti ai minorenni che guidano motorini e minicar”. Perchè non mette un freno anche ai tricicli? I ragazzi non c’entrano. Vanno ritirati dal mercato i maggiorenni, non i minorenni. I maggiorenni produttori di auto e i loro manager. Gli editori e i pubblicitari di velocità allucinogena.
Qual’è il limite di velocità in Italia? 110, 130? Bene, se una macchina va più veloce, va ritirata dal mercato. Chi la pubblicizza commette un reato di istigazione al suicidio. E deve andare in galera.

26 Feb 2007, 18:57 | Scrivi | Commenti (2692) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Devo dire che negli ultimi due anni, anche se ormai l'auto col motore a benzina sta per morire definitivamente, le pubblicità si sono triplicate anzi quadruplicate,infatti adesso (novembre 2010) fateci caso, ogni 2 pubblicità 1 è di automobili!!!!!! non le comprate!!!!!!!!

Davide S., Roma Commentatore certificato 21.11.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti sono Cosimo residente a Recanati per lavoro ma sono della Puglia, ebbene si che vi devo dire anche a me non va giu' il fatto che si continua a parlare di morti per alcool giovani vite straziate per che cosa.
Il fatto stesso che si senta parlare o si legga sul giornale di fatti del genere, secondo me vuol dire solo una cosa nessuno fa niente. Sono soltanto chiacchere e distintivo, dico solo una cosa sono un tecnico elettronico e lavoro in una azienda di progettazione elettronica, quindi in questi anni ho avuto un'idea, cioe' costruire in sistema a controllo elettronico anticollisione.
Non vi preoccupate non e' niente di sofisticato c'e' solo da sedersi un attimo e ragionarci sopra.
E cosi' il gioco e' fatto, non vedremo piu' video di tir che scavalcano la carreggiata, megatamponamenti a catena e tantomeno non sentiremo piu' dire al tele notizie del genere '' Schianto mortale, la causa abuso di alcool.
Ragazzi svegliamoci questa non e' fantascienza, io sono certo che si puo' fare ed io sono uno che alla sicurezza ci tiene.
Infatti ogni anno d'estate devo fare io e mia moglie 750 Km per andare a vedere i miei cari durante le ferie.
Spero che con questo commento qualcuno mi contatti perche voglio veramente realizzare quetso congegno.
Do massima disponibilita' a tutti, ho anche scritto una lettera a Beppe su questa mia idea.

Saluti Cosimo e Ilaria


Cosimo Leo 17.10.08 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Per dare il mio apporto alla sensibilizzazione delle stragi del sabato sera ho scritto una canzone che si intitola SABATO SERA: dialogo tra padre e figlio in occasione dell'uscita serale del sabato per andare in discoteca, solite raccomandazioni, prudenza, orario, la consegna delle chiavi dell'auto, ma...chi la vuole ascoltare può farlo sul mio link:
www.myspace.com/danyweb

Daniele Barbagallo 04.02.08 19:15| 
 |
Rispondi al commento

... signori, sono un evasore fiscale ... non ho pagato le ultime tre tasse di circolazione per un valore di circa 700 euro ... lo stato se ne e' accorto ed e' venuto a bussare alla porta ... ovviamente vuole i soldi. La mia riflessione e' la seguente, se uno come Valentino Rossi ha scontato 60 milioni di evasione pagandone solo 6 e corre su piste dall'asfalto perfetto, perche' io dovrei pagare tutti e 700 euro piu' mora dato che cammino su strade di merda piene di buche che arrecano continuamente danni alle auto e causano spesso incidenti mortali ?!?!!?

ovviamente domani metterò mano ai pochi risparmi e mi metterò in regola dato che mi ritengo un cittadino onesto o quantomeno uno di quelli che paga pegno se ha fatto una cazzata .... ma gli altri ?

l.g.

luca giobbe 24.01.08 22:00| 
 |
Rispondi al commento

beppe ti sei informato sulla ari car della tata??

pietro b Commentatore certificato 09.08.07 19:34| 
 |
Rispondi al commento

sono pienamente d'accordo...
a 18 anni ragazzi stupidi hanno in mano macchine troppo grandi ch genitori idioti comprano loro...e si schiantano contro il muro x far vedere agli amici la potenza del loro bolide...senza avere la dovuta prontezza di riflessi che ha un veterano della patente...
inoltre vorrei aggiungere che queata continua campagna PRO COMPRA LA MIA AUTO CHE è LA MIGLIORE porta a un impoverimento del capitale economico di ognuno di noi...a RATE compriamo il mondo....ma bisogna pagarlo...e c'è gente che pur di avere la bmw da 60,000 euro pur lavorando come operai, è costretto a lavorare sabati e domeniche x pagare le rate...e mangiare pane e cipolle!.............

claudia suriano 29.05.07 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Il punto è che i messaggi pubblicitari non ti invitano ad andare a 275 Km/h. Ti dicono che "L'auto può raggiungere i 275 Km/h". Logico che poi stà al conducente usare quella cosa che ci distingue dagli animali: il cervello.
Ma la domanda è un'altra: che ne facciamo di auto con 200CV, se poi sei bloccato in interminabili code in tangenziale o in autostrada? Che ne facciamo di mezzi con prestazioni da F1, se i limiti sono sempre più restrittivi e sulle strade ci sono più velox che strisce bianche? La gente non riesce a farsi entrare in testa che certi prodotti sono perfettamente inutili ai fini per cui sono stati costruiti. Probabilmente serve ad alcuni che, deboli di carattere e perdenti nella vita, si mettono in mostra sfoggiando auto ultimo grido, ma nascondendo bene la montagna di debiti che si sono accollati.
In ultimo vorrei dire che le pubblicità legali sono più ingannevoli che le sparate di Vanna Marchi. Almeno si conosceva il difetto del cavallo...

By

paolo m. Commentatore certificato 27.05.07 19:30| 
 |
Rispondi al commento

E' un problema di cultura. Se paghiamo un pirla 20 milioni di euro l'anno perchè arriva prima con una F1 e gli diciamo bravo perchè và a 340 km/h e se questo viene publicizzato come un valore, come una grande abilità, è chiaro che i ragazzi poi, per "fare i grandi" cercheranno di imitarlo, ammazzandosi, nel momento in cui si perde la distinzione tra strada e pista.
Ho fatto il rappresentante per più di dieci anni.
Se non avessi imparato a guidare "in difesa", e non in attacco, sarei morto da un pezzo.
La vera abilità per cui sentirsi bravi, in un mondo nel quale i media ci lanciano messaggi del genere, e i mediocri abboccano come cavedoni, è chiudere il gas e non lasciarsi coinvolgere nel "gran premio dei fessi", sulla strada, magari con mogli e figli a bordo.
SE CHIUDI IL GAS, ALLORA SI' CHE SEI BRAVO.

Raffaele V. 03.05.07 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente leggo qualcosa di sensato riguardo alla tragedia degli incidenti automobilistici. Ne avevo bisogno perchè pensavo di avere qualche problema io. sembra così ovvio che macchine che raggiungono velocità elevate siano non solo istigazione al suicidio ma, molto peggio, all'omicidio. Perchè nessuno ha il coraggio di dirlo? Proprio in questi giorni mi sono sentita dire che fosse per me torneremmo alle liane....
Certo, la distrazione é un altro fattore (mi sono sentita dire il primo) ma non riesco a convincermi che una distrazione a 160km\h causi gli stessi danni di una a metà velocità.
Se stai andando così veloce da non riuscire a fermarti ad un passaggio pedonale per far passare una mamma(Io) con il suo bambino e se lo fai la macchina dietro si schianta su di te...se questo é il progresso fatemi scendere!

julia sterling 02.05.07 14:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA FINE DEL TRAFFICO; LA FINE DELL'AUTOMOBILE

La soluzione è di tipo tecnologico, nel senso che essa non può far leva sulla morale, o sul senso civico per chiedere agli utenti di privarsi della libertà di mobilità, ma piuttosto, esiste una soluzione basata su nuove tecnologie e sistemi. A mio avviso le tecnologie attualmente disponibili, possono dare un contributo risolutivo al problema. Si tratta di costituire un sistema deputato a fare incontrare richieste e offerte di mobilità. Le tecnologie sono ampliamente disponibili e fanno riferimento alla telefonia mobile, al sistema di localizzazione terrestre (GPS) e su software (da svilupparsi) con disponibile adeguata capacità di calcolo. Il sistema dovrebbe essere in grado di raccogliere le richieste di mobilità, di raccogliere le disponibilità di mezzi di trasporto e scaturirne tutta la logistica necessaria coordinando in modo chirurgico e infallibile i mezzi per soddisfare le richieste. Non posso in questa sede addentrarmi sui risvolti prettamente tecnologici, ma vorrei piuttosto farVi riflettere sulla comodità ed efficienza di un sistema del genere. Un utente qualsiasi, che volesse spostarsi dal punto A al punto B, dovrebbe semplicemente trasmettere la sua richiesta al sistema, (tipicamente attraverso un SMS da un apparato dotato anche di localizzazione GPS) il quale sistema, coordinerà i mezzi di trasporto disponibili (taxi, autobus, metropolitana, aereo, nave, etc) per soddisfare la richiesta. Inoltre il sistema potrà ritornare al richiedente informazioni utili per il viaggio, quali: tempi di attesa, cambi dei mezzi, orario di arrivo etc. Vi invito inoltre a riflettere approfonditamente sui vantaggi di un sistema simile, o nelle sue possibili varianti, applicato su vasta scala in termini di ottimizzazione. Un vantaggio non indifferente. Vi invito inoltre a individuare i motivi della difficile applicabilità di un sistema simile per un costruttivo confronto. Sono graditi commenti a: carlitobrigante@iol.it

Sebastiano N. Commentatore certificato 25.04.07 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciaoa tutti,vorrei proporre una mia idea, solo teorica ma penso valida.
Secondo me sulle automobili ci vorrebbe un dispositivo tipo telepass, collegato con una centralina al motore, che ne limita la velocità in base al tipo di luogo in cui si sta transitando.
Entrando in un centro abitato ad esempio il motore riceve un segnale che ordina al motore la limitazione a 50 km/h e così via in autostrada e ovunque si voglia.
Ormai con l' elettronica si può far ogni cosa si sà, basta avere idee.
So che non risolvrebbe tutti i problemi e ci sarebbero tante modifiche e arrangiamenti da fare, so anche che ai 50km/h si può ugualmente uccidere qualcuno ma se dovessi ipoteticamente decidere da chi farmi investire, da uno che va ai 50 o da uno che va ai 100 all'ora...beh, non avrei dubbi!
Un abbraccio a tutti
ANDREA

Andrea Montemagno 21.04.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dovessimo togliere dal mercato tutte le auto che superano i limiti di velocità non ne resterebbe una! Piuttosto vogliamo togliere dalla strada tutta quella gente che non si sa come ha preso la patente?

Partiamo da un presupposto: L'AUTOMOBILE PUO' ESSERE EQUIPARATA AD UN'ARMA?

Secondo me sì. E come tale perché non prevedere un'inasprimento dell'esame di guida (magari includendo anche una verifica delle facoltà psico-attitudinali o similari che credo siano effettuati quando di parli di porto d'armi)?

Già così sarebbe una discreta scrematura.

Ma non finisce qui.

Perché quando si fa il rinnovo ci si limita a un mero controllo della vista (a volte addirittura fatto a campione!)? Conosco gente che ha la patente da 30 anni e dubito sia a conoscenza delle ultime riforme del codice della strada...

Rinnovo della patente = rifare l'esame completo!

E al terzo tentativo fallito.... ciao patente!

Senza contare il giro di vite per tutti quelli che hanno causato incidenti mortali e sono ancora in circolazione (leggasi il camionista altoatesino citato da Quattroruote che ha una dozzina scarsa di morti sull'alcolica coscienza)

Non stiamo a trovare un capro espiatorio nelle auto. Quelle mica si mettono a correre se il pirla che c'è dentro non lo vuole!

Ermes Gazabin 12.04.07 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo VIDEO ANNOZERO!!!

http://www.youtube.com/watch?v=dW_YpsZO-94


DIFFONDETE!!!!!!

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.04.07 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Hai pienamente ragione,sono d'accordo....

Guidone Salvatore 05.04.07 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Tutti parlano di divieti, punizioni, linciaggi, come se tutto cio' fosse la soluzione al problema. Io ho sempre pensato che quando qualcuno vieta qualcosa, tutti fanno del loro meglio per cercare di aggirare l`ostacolo. Non e' con la paura della punizione che si ottiene il rispetto delle regole. Bisogna partire da piu' lontano. Per esempio quando guidiamo e i nostri figli sono a bordo, se si evitasse di usare comportamenti da ''padroni'' della strada, piuttosto che eccedere nel bere e poi mettersi alla guida; forse qualcosa potrebbe cambiare. Non dimentichiamoci che siamo i primi insegnanti di vita per i nostri bambini. Certo non si puo' ridurre tutto a questo, ma provate a pensare in quante atteggiamenti e comportamenti potremmo migliorare per essere degli ottimi esempi da seguire. Sicuramente continueranno ad esserci ingiustificate morti, ma almeno non potremmo dire di non aver fatto qualcosa per evitarle....

Maurizio Rossi 28.03.07 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Io a riguardo propongo:
-controlli e aggiornamenti per patentati ogni 2 anni,dopo ogni incidente e dopo ripetute infrazioni...
Cioe: si rivà alla scuola guida,dove devi riaffermare la tua capacità di guida su tutte le tipologie di strade( anche sull'autostrada)nel traffico( tipo raccordo anulare),sotto la pioggia...
Nello stesso tempo una visione di immagini e filmati tipo "Arancia meccanica", per far capire cosa può succedere...( vi assicuro che vedere un ragazzo coperto dal telo bianco, vedere i famigliari struggersi dal dolore... ti fa andare più piano )...

Bisogna formare ed informare, dopo anche le istituzioni dovrebbero rivedere le infrastrutture non adeguate e pericolose...

Immaginate se quel ragazzo che muore per colpa di un automoblisista stupido era capace di trovare la cura del cancro!!!!!

salvatore f. Commentatore certificato 24.03.07 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Aiutateci a raccogliere le firme di questa petizione: le auto che superano i 130km sono FUORILEGGE.

Mettiamo il limitatore di velocità su tutte le auto, come in Giappone.

Qui la petizione: http://www.petitiononline.com/130KMH/petition.html

vittorio ricci Commentatore certificato 23.03.07 19:38| 
 |
Rispondi al commento

ti scrivo per risponderti all'articolo scritto sul togliere dal mercato le macchine che vanno ad una velocita' superiore al limite consentito.
sono d'accordissimo con te su tutto quello scritto, ma voglio parlare, non in difesa di chi deve occuparsi di queste faccende molto importanti, ma da ragazzo giovane come sono e cosi' rivolgerti una domanda:
sono una persona che non si ritiene ne superiore ne inferiore a nessuno;perche' io, come tanti giovani,non siamo arrivati a portare una macchina a certe velocita', diverterndomi comunque? tutti abbiamo un cervello, bisogna imparare ad usarlo.
le leggi che hanno attuato, quello che te hai proposto, sono cose e gesti utilissimi, ma, forse, non essenziali.cosa ne pensi?

alessio arcaleni 18.03.07 16:02| 
 |
Rispondi al commento

L'idea di proibire questo tipo di pubblicità non è del tutto sbagliata,più che altro perchè puntano sul venderti la velocità,più che la macchina..anke se in ogni caso in pochi potranno comprarsi una Mercedes AMG, ma il concetto è comunque analogo alla pubblicità per sigarette: pubblicizzano qualcosa che potenzialmente fa male!!
Tengo a precisare ke in ogni caso soffro i vincoli di velocità...come qualsiasi altro vincolo imposto..mi affido al mio buon senso...se m sento ubriaco sono il primo a non mettermi al volante..(una volta ho fatto 550m a 20KM/h,nn credo d aver commesso un crimine)..soffro dover essere schiavo di un numero [0,5 - 130 ndr]......se sto tornando alle 2 dal mare, e in autostrada nn ce un anima, c caccio anke i 200..se incontro però un'autoveicolo,rallento e lo sorpasso a 150..nn gli sfreccio di fianco a 200 prepotentemente...(questo è un esempio d buon senso:sicuramente gli eviterò uno spavento,ho già il piede sul freno pronto a intervenire nei limiti umani,in ogni caso ho limitato i potenziali pericoli)
Purtroppo sappiamo che il buonsenso, e il rispetto,sono merce rara frutto d una buona cultura (difficilmente raggiungibile con aule stracolme e professori demotivati),sommato al fatto che tutti dobbiamo avere la patente (se no la fiat cosa vende,oltre al fatto che i trasporti pubblici fanno ridere)...la frittata è fatta,è un gatto che si morde la coda...e c cucchiamo i vincoli

Diego C: 15.03.07 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Trattenute irpef mese di ottobre 2006 euro 221,78, trattenute contributi sociali Euro 147,87, totale trattenute Euro 382,50.
Non le pago le tasse io....quindi..penso di andar piano..PENSO di non poter andare mai veloce, che se muoio...io le tasse non le pago...e qulcuno mi deve pagare il letto in ospedale...o forse lo pago io ad altri?
Ma andate a zappare....come faccio io il sabato mattina in campagna...

Giuseppe Cocuccio 14.03.07 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Puoi vietare il mezzo...d'accordo, vietiamo il mezzo, vietiamo la pubblicità, d'accordo, te lo posso garantire, solo per poter aver esaudito il mio desiderio di avere quello che voglio (in questo caso la velocità), scusate..e dico solo per poter pensare di andare veloce..solo per potermi immaginare di andare veloce, costruirò un carreto, o una bici, un razzo..che dite?ognuno fa cio che vuole e nessuno può precluderti anche il solo pensiero di poter decidere di comprare un qualcosa che mi possa portare a 600 km/h!Ma siamo fuori di testa?io non ne pago tasse?bene..io con le tasse che pago in due anni ti dico che pago l'ambulanza, il medico, il guard-rail che rompo, e la mia cassa da morto piu qualche altro danno, e parliamo soli di contributi per il servizio sanitario nazionale, su un contribuente di venticinque anni, nel Sud d'Italia, se poi ci mettiamo due bolli di mezzi a due ruote, due assicurazioni (un parte va in cotributi sociali) sempre per mezzi a due ruote, piu bollo e assicurazione di un'auto, le tasse che pago per acquisti e balzelli di ogni tipo e genere quotidiani..diciamo che strapago il tutto.
Il concetto che si dovrebbe sviluppare dovrebbe essere incentrato sui controlli su chi beve e corre e ribadisco beve e corre, chi sbaglia deve essere colpito, non si puo dire non puoi comprare qualcosa che possa essere piu veloce del consentito o fargli la pubblicità,e perche?uccido qualcuno nell'averla?potrei ucciderlo?e perche? ..a uno lo posso ammazzare benissimo a 15 km/h.
Tengo a precisare al padre di famiglia o comunque chi mi ha commentato, possiedo un macchina dell'800.. con 77 kw, e sono un'amante dell'acool, posso sfidare chiunque a bere in questo blog, eppure non ho mai avuto un incidente, perche ci tengo alla mia vita e a quella degli altri, le regole se giuste vanno rispettate, i motori, la velocita, la potenza si domina e non ci si fa dominare da esse.
Ragazzi, provate a bere una birra sola, fate il test del'acool...per legge non potreste guidare

Giuseppe Cocuccio 14.03.07 21:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me sbagli di grosso; come puoi dire che alla gente non deve fregare niente se tu guidi ai 200kmh magari ubriaco e causi un incidente?
- se stai in ospedale 6 mesi sai chi paga? il contribuente...si tu (forse) e tante altre persone (a cui non dovrebbe fregare niente secondo te di come vengono spesi i loro soldi)
- se investi mio figlio e ne causi la morte e magari tu ne esci illeso (ma con 6 mesi di ospedale) non dovrebbe fregarmi niente?
- quali sono le probabilità che durante il tuo 'viaggio' tu venga pizzicato da una pattuglia? 100% no! 50% neanche! 10% forse... 1% neanche...
- se tu avessi un buon senso civico, non ci sarebbe bisogno di limitare per legge le velocità dei veicoli, perchè saresti conscio delle conseguenze e ci penseresti due volte.
Purtroppo la realtà odierna è ben diversa: il più furbo (e non il +onesto) ha quasi sempre la meglio sugli altri anche se questo significa 'fare delle vittime'.
Ben venga la limitazione di velocità forzata su tutti i veicoli; il codice della strada è uguale per tutti e che io abbia un 1000 o un 5000 di cilindrata non conterà nulla, se non che sicuramente il 5000 sarà + comoda della 1000.
Ciao e abbi + rispetto per quelli che tu ritieni inferiori.
IN STRADA DI GENTE CHE LA PENSA COME TE CE N'E' FIN TROPPA!!!!

Fabio Ponchiroli Commentatore certificato 14.03.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che grandi commenti scassa p....!ma che vi frega se uno cammina 200 km/h?o se guida dopo aver bevuto?perche limitare la velocità?le leggi ci sono!perche impedire la vendita di alcool?le leggi ci sono!
Io sono libero perche un Dio la voluto...e nessuno puo togliermi la mia libertà!le leggi ci sono..chi deve controllarne il rispetto c'è pure..ora maledetti dittatori...perche dovete togliermi il diritto di infrangere la legge?
Lasciamo stare se io vado veloce, bevo o tutto il contrario..ma siete pazzi?volete fare una sorta di pre-prevenzione?
Qui da me si dice...ognuno è artefice del suo destino, delle sue azioni e di cio che producono!
Bene..se io muoi in un incidente..che cazzo vi frega?che cazzo vi interessa?se uccido qualcuno (e spero mai)...sono cazzi miei se poi mi linciano!Proibirmi a priori?precludermi di acquistare un'auto da un milione di cavalli?per la mia sicurezza?ma siete pazzi?ognuno fa quello che vuole, paga i propri danni, da quanto ho letto invece risulta che :
qualcuno decide cosa puoi e cosa non puoi
qualcuno decide cosa vuoi e cosa non vuoi
Ma se le leggi ci sono?
E come se diceste: Leviamo i soldi dalla circolazione...cosi non ruba piu nessuno!
Oppure: CASTRIAMO TUTTI COSI NON CI SONO PIù VIOLENZE SULLE DONNE!
Cioe concettualmente non va Grillo....non va..non si può proibire un'eventuale possibilità, non puoi proibire pubblicità perche istigano..se cosi si può dire...è come se tu vedi una bella donna e fai le corna alla tua partener..ora che facciamo?ti mettiamo i paraocchi?oppure leviamo la bella donna?ma tu ci pensi?levassero le belle donne?prima ancora ceh tu possa pensare di limonare con quella bella donna..ti proibiscono di guardare!!
La pubblicità segue il mercato, l'uomo di per se è un'essere endonistico..tende a migliorare se stesso, e se per esso la miglioria è l'auto da un milione di cavalli...non puoi andargli contro!

Giuseppe Cocuccio 14.03.07 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma basta con questo mito della velocità..non è la causa principale degli incidenti..mettete allora il limte a zero e vedrete che non ci saranno + incidenti! il problema è che ci sono troppe teste di c.... al volante e ..meno male che ci restano secchi.

mario pezzotta 14.03.07 00:50| 
 |
Rispondi al commento

Leggo cose dette e ridette, limitare la libertà di costruire qualcosa di cui non si può far uso in pubblico non è ancora legale. Ma se il mio assicuratore auto mi fa risparmiare se dichiaro che la mia auto non la guiderà un ragazzo al disotto dei 25 anni, io accetto la proposta;e se il mio assicuratore di auto mi facesse risparmiare se metto un limitatore di velocità massima?
La tecnologia ci può venire incontro: sono stati sperimentati dei sensori che alloggiano sul volante che monitorizzano lo stato di allerta del conducente, ci sono dei meccanismi al laser che misurano la distanza, questi ultimi possono essere impiantati per avvertire che la distanza di sicurezza è inferiore allo spazio di frenata per una certa velocità. Ma come tutto per far questo ci vuole un profitto, è nel profitto che si devono cercare le soluzioni.

Di Donna Alberto 11.03.07 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo
confermo il messagio lasciato un po' di tempo fa, sino a che tutti continuano a pensare che gli incidenti capitano sempre ad altri e non a noi...!!! Sappiamo guidare tutti bene, sino a quando un bel giorno, proprio perchè sappiamo guidare bene, affondiamo un po' il piede sull'accelleratore e chissà per quale motivo, se non ce ne uno vero, per evitare figure di merda, e se ci riesce di raccontarlo, inventiamo che
:"mi è parso di aver visto un cane e per evitarlo..." tutti i cani che si trovano per strada sono tutti spalmati sull'asfalto, altro che per evitarlo!!! Basta dire ho bevuto un po' troppo e non ho visto la curva, il platano, il pilastro, il muro, o il nostro collega che inventa i cani anche lui, e ci viene addosso. Le auto che escono dalla catena di montaggio dovrebbero essere come i ciclomotori, con i limitatori di velocità quando vieni beccato senza, paghi tutto!!! Oppure con il CRONO-TACHIGRAFO il disco che hanno i veicoli merci o i bus quando ti fermano paghi tutto, chi infrange deve pagare, pagare, p a g a r e altrimenti pagherà un altro per lui, non al suo posto, per colpa sua!!!!!!! E' straziante vedere ad un incidente arrivare i genitori delle teste di minchia che si disperano, perchè un altro ha ucciso il proprio figlio, SE UNO NON VUOLE O STA ATTENTO DUE NON SI URTANO. "Quell'altro era ubriaco... puzzava d'alcol da un metro" si sente dire spesso, ma il tuo si era fumato, o sniffato l'impossibile non si vedeva ma si è sentito!!!
Se vedete uno che corre veramente come un pazzo, annotatevi la targa dopo un paio di mesi fate una visura al PRA per vedere di chi è l'auto se il nome e cognome vi sono familiari, è probabile che li abbiate sentiti in qualche telegiornale della domenica mattina. Ciao a tutti chi non corre si rivede o si risente.

Giuseppe Mosco 11.03.07 22:18| 
 |
Rispondi al commento

l'auto ad aria è la soluzione
l'Ing.Dipietro ha costruito un motore esemplificato del primo progetto di eolo.
visitate l'indirizzo:

http://www.youtube.com/watch?v=QmqpGZv0YT4

ciao a tutti

Marco Rossi 11.03.07 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Giustizia

Educazione sociale

ed Imposizione

utili per risolvere in buona percentuale il problema delle stragi sulle strade!

Cosa ne pensate, visitate

http://robertfondation.blogspot.com/

potrebbe essere una grande Idea

Roberto C 11.03.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ritengo,a proposito della pubblicità sulla velocità che tu abbia completamente ragione o per lo meno(purtroppo)in linea teorica,perhè secondo me l'essere umano è intelligente solo sui propri comodi e siccome ci sono ancora persone che sbavano per l'alta velocità,perchè sono ricchi figli di papà o perchè non hanno avuto ancora la drammatica esperienza di perdere un proprio caro in un incidente stradale,le case automobilistiche non si fermeranno mai quindi dal mio punto di vista o si costruiscono più piste di go-cart per farli afogare o,cosa che ritengo migliore,bisogna radicalizzare le leggi portandole all'estrema intolleranza, cosi se solo una persona supera di poco il limite consentito vi sarà il ritiro della patente e multe salate da non meno di 500euro inoltre in aumento all'aumentare del superamento del limite.ti prego di rispondermi esponendomi brevemente la tua opinione riguardo le mie idee...grazie di avermi ascoltato

tommaso marsi 11.03.07 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Italiani....stò raccogliendo le firme per "BEPPE GRILLO PRIMO MINISTRO", a sua insaputa, mandatemni le vostre adesioni direttamente a nicolascaramuzzo@alice.it o mediante il blog. Beppe è l'unica possibilità di svolta di questo Paese: INCORRUTTIBILE, ONESTO, PREPARATO, INTELLIGENTE, VICINO AI PROBLEMI DELLA GENTE, comico....
Non potrà non tenere conto di migliaia, milioni di noi... diamogli la "delega" per svuotare Montecitorio.
DIFFONDI AL MASSIMO L'INIZIATIVA

Nicola Scaramuzzo Commentatore certificato 11.03.07 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Istigazione al suicidio: è una affermazione verissima. Ogni volta che si usa l'auto è come avere una pistola puntata contro, sia perchè puoi essere vittima sia l'artefice di un incidente.
Se non è sufficiente la "cultura" di rispettare i limiti di velocità, i limiti di distanza, la segnaletica stradale, l'uso delle cinture,( e tutti i gg facciamo la conta delle stragi) si debbono obbligatoriamente eseguire azioni restrittive. Usare le gambe e la bicicletta, se ne guadagna in salute ed educazione.
Rosa

Rosa Pezzutto 09.03.07 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sulle tue affermazioni sulle "macchine" non mi trovi d'accordo. Credo fermamente nella responsabilità individuale. Non è la velocitàad essere pericolosa, ma l'uso che se ne fa.
Megliuo cercare un sistema per fare rispettare le distanze di sicurezza. Per limitare i rischi di notte. SE una vettura non deve essere pubblicizzata, allora le discoteche andrebbero tutte chiuse perchè vendono alcolici e droghe????
Per quanto riguarda tue vecchie affermazioni sulla Fiat (lavoro in Fiat, ma cerco di essere obbiettiva)...perchè non fai notare che Fiat è l'unica casa automobilistica che ha vetture a basso consumo (a metano, uscite direttamente dalla fabbrica...molto più utili dela Prius della Toyota che hai sponsorizzato lunga 4 metri...non trovi che sia un'ipocrisia????). Perchè non dici che in Brasile, dove le condizioni lo permettono Magneti Marelli, società del gruppo Fiat ha prodotto un sistema FlexiPower che consente a tute le vetture (di tutti i marchi) di andare ad alcool???
MI piacerebbe sentire da te più oggettività su alcuni argomenti.
Un abbraccio.
Cristiana Alicata


Ciao!
Il problema dei limiti di velocità è un falso problema, lo si potrebbe risolvere facilmente utilizzando dei GPS.
Le macchine con meno di una decina di anni posseggono centraline elettroniche in grado di limitare la velocità delle automobili.
Basterebbe abbinarle ad un GPS che in base alla strada che stai percorrendo comunica alla centralina la velocità massima possibile.
Potrebbe addirittura rallentare all'inverosimibile la velocità nelle zone a traffico limitato.
Spesa prevista: 300-400 euro per auto. Ma quanto costa una vita? E quanto ci costano tutti i mezzi adottati fino ad ora per controllare la velocità?
Tempi di introduzione: meno di un anno, la tecnologia è già disponibile, occorrerebbe una mappa con le velocità.
Vantaggi: limitazione delle emissioni quindi dell'inquinamento.
limitazione dei consumi di carburante.
Eliminazione delle telecamere nelle città e degli autovelox (con grande risparmio per la collettività). Rimarrebbero solo i fotored.
Eliminazione dei sorpassi azzardati e delle corse folli in autostrada.
Problema: chi comprerebbe un Mercedes o una Ferrari se poi è costretto ad andare ai 50 kmh?

Pensi che esita un politico che sia davvero interessato alla vita dei cittadini?

Massimo

Massimo Melloni 08.03.07 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Questo controllo ai caselli c'è già.. Il problema è che fare 130km/h da casello a casello è difficilissimo.. dovresti andare in rettilineo ad una velocità fissa di circa 170km/h.. e in curva rallentare pochissimo.. La soluzione c'è già autovelox ma nascosti e funzionanti!!!
io sono anche per un'altra teoria
LASCIARE A CASA LA GENTE CHE NON SA GUIDARE!!!
Io il sabato sera esco e mi diverto, non ho mai creato problemi a me ne ai miei amici con me!! basta la responsabilità! le auto di ora hanno tutti i confort per assicurarti una guida tranquilla se SEI UNO TRANQUILLO!!

Simone Faralli 07.03.07 23:04| 
 |
Rispondi al commento

....ma se in italia il limite massimo di velocità è 130 km\h perchè vendono auto che fanno autolimitate i 275 ????

nicola grespan 07.03.07 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe...
dopodomani ricorre la morte di un caro amico, un caro ragazzo per incidente in auto.
due anni prima sua sorella era stata investita da un pirata della strada ed è morta anche lei.

Vedi come va il mondo... a volte sei la causa, a volte sei la vittima..

mi rendo conto che spesso anche io supero i limiti di velocità e che ogni giorno potrei non tornare a casa la sera o attendere invano mio marito ma se fosse così non vivrei più.

Io stavo pensando a una proposta collegata con le autostrade... mettere la sanzione direttamente collegata al pagamento del biglietto...

cioè:
se io vado ai 130 all'ora in un'ora faccio 130 Km o meno...
quando io prendo il biglietto viene stampata la stazione di entrata e l'ora di entrata...

penso che qualsiasi calcolatore sia in grado di fare questo semplice calcolo:
tempo uscita - tempo di entrata
Km percorsi

e calcolare la media della mia velocità...

o no???

Ciao


Alessandra Beltrami 07.03.07 14:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sig. Grillo, ma siamo proprio sicuri che l'unica colpevole per le stragi del sabato (ora anche del venerdi) sera sia solo la velocità? Non è per caso ventilato il sospetto che anche quello che si ha in corpo (alcol o quantaltro) possa avere il suo effetto negativo? Ritengo infatti che usando il buonsenso i limiti di velocità in certe occasioni possano essere anche innalzati. Se si applicassero le norme vigenti è probabile che qualcosa già potrebbe cambiare e se la necessità lo impone se ne potrebbero creare delle altre che colpiscano i diretti
"interessati". Alcuni tratti autostradali ritenuti sicuri possono essere facilmente affrontati a 150/170 Km/h. Non diamo tutte le colpe alla velocità ma agli imprudenti. Si può viaggiare a 130 in tutta sicurezza ma se il tipo che ti segue ti tallona a meno di 3 metri la sicurezza si va a fare friggere. Noi Italiani siamo semplicemente indisciplinati ed avremmo bisogno che qualcuno ci controlli più severamente. Non incolpo le forze dell'ordine (che ritengo siano sottonumero rispetto alla reale necessità) ma personalmente non sono mai stato sottoposto ad un controllo alcolemico in 13 anni di patente. Eppure esco (o meglio uscivo) quasi tutte le sere. In Gran Bretagna, dove ho vissuto per diversi anni, si beve molto più che in Italia, eppure quando si è costretti a guidare c'è sempre uno della comitiva che si astiene. Prudenza è la parola che deve essere IMPOSTA agli automobilisti.
Ciao e grazie per lo spazio messo a disposizione.

P.S. Guido una vecchia panda del '99 che certo non è un fulmine ma continuo a ritenere che i limiti possano essere innalzati.

Mauro Cuomo 07.03.07 14:28| 
 |
Rispondi al commento

anche io ho 20 anni, ma so andare piano in macchina, mi rendo conto cosa significano i pericoli, ho amici che invece se ne sbattono... anche a me è capitato di guidare un po' brillo e mi sono reso conto che non è la stessa cosa!! abbassare i limiti, un'idea ottima ma credo lontanissima dal realizzarsi, toglere l'alcool?!? ... ma chi non ha voglia di farsi una birra o un cocktail il venrdì e il sabato sera fuori con gli amici?? .. c***o siamo ragazzi!!! QUELLO CHE MANCA è L'EDUCAZIONE, LA PREVENZIONE, LA CONOSECENZA CHE CERTE COSE SONO DANNOSE!! perchè non si promuove una legge che per i primi 5 anni di patente è vietato viaggiare con un auto che superi i 130km/h?!?!? perchè esiste una legge che se si paga il doppio della multa i punti non vengono tolti?!? PERCHEEEEEEEEEEEEEEE!!!!! ve ne rendete conto che stiamo dando più priorità ai soldi che alla vita umana??...la vita sembra essere una sola.. siamo sicuri di volerla buttare via così a 20 anni???? PRIMA DI FARE QUALSIASI COSA... PENSATE.. RIFLETTETE!!!

Andrea Gilioli 07.03.07 13:19| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Windows VISTA, un pericolo alla tua libertà!

VISTA pone seri problemi per quanto riguarda la liberta' dell'utente e l'interoperabilita' tra i vari sistemi.

E' giusto che le persone meno informatizzate ne vengano a conoscenza per evitare che l'acquisto inconsapevole ricada poi su loro stessi e su tutti gli altri.

Pubblicizzato come innovativo e rivoluzionario, assieme a qualche bell'effetto grafico e funzionalita' di sicurezza migliori, include anche molte restrizioni per l'utente !!!

Restrizioni che Microsoft, Stampa e Negozianti cercheranno di tenervi nascoste il piu' possibile.

Avete mai sentito parlare di Trusted Computing detto anche TC ? Palladium ? DRM ?

Un'anticipazione sono le attuali tecnologie DRM che vi impediranno di copiare i cd audio o dvd, ma anche di vederli su pc diversi o guardarli su tutti i lettori.

Il DRM permette a Microsoft ed alle aziende dei media di:

- Decidere quali programmi tu puoi o meno usare sul tuo computer

- Decidere quali funzionalità del tuo compuuter o software tu puoi utilizzare in ogni momento

- Forzarti ad installare nuovi programmi anche se tu non vuoi (e, ovviamente, pagando per tale privilegio)

- Limitare il tuo accesso a determinati programmi e perfino ai file di dati tuoi

Tu provi a fare qualosa ed il tuo computer ti dice che non puoi.

Per renderlo possibile, il tuo computer deve controllare costantemente cosa stai facendo.

Tale controllo utilizza potenza di calcolo e memoria ed è in buona sostanza il motivo per cui Microsoft ti invita all'acquisto di hardware nuovo e con prestazioni più elevate per poter far funzionare Vista.

Vogliono farti acquistare nuovo hardware non perché ne hai bisogno, ma perché ne ha bisogno il tuo computer per essere più efficiente nel limitare ciò che tu puoi fare.

Poiché esse sono progettate per fare in modo che il tuo computer smetta di aver fiducia in te ed inizi ad aver fiducia in Microsoft.


www.no1984.org/Fermiamo_Windows_Vista%21

www.no1984.org 07.03.07 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo con quanto afferma, i limiti di velocità sappiamo che sono infranti da quasi tutti quasi sempre e se bastasse questo per morire ci saremo già estinti. Secondo lei a causa di alcuni fessi (pace all'anima loro) che guidano fumati e/o inpasticcati e/o ubriachi e/o stanchi e/o a velocità al di sopra delle loro possibilità dovremmo perdere tutti la libertà di decidere se rispettare o meno il codice della strada? Se domani questi stessi giovani iniziano a malmenare persone a caso (e dalle mie parti alcuni lo fanno), facciamo girare tutti con le manette? Una soluzione potrebbe essere far rispettare le leggi che già esistono sull'uso delle droghe e sul tasso alcolico ematico al volante. Basterebbero dei controlli randomizzati all'uscita delle discoteche, magari con le spese a carico dei gestori, che non controllano cosa entra. Poi gli incidenti avvengono comunque, perchè è nella natura umana commettere degli errori e non ce ne libereremo mai perchè il problema non è nell'auto, nell'aereo, nel cavallo o nella nave è nelle persone che possono commettere degli errori e quando non è così si può parlare allora di fatalità.

Davide Bianchini 07.03.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono un motociclista di trent'anni,e come tale vengo considerato dalla maggior parte degli automobilisti come un demone.Il problema per cui molte vite vengono lasciate sulle strade puo'anche essere cercato oltre che ormai nelle velocità assurde delle auto di serie,mezzi che dovrebbero servire solo per renderci la vita piu' agevole negli spostamenti anche nel fatto della facilità con cui macchine da 150 cavalli e oltre vengono date in mano a ragazzi che non hanno nessuna preparazione per guidare un mezzo del genere dove è facile sbagliare,specialmente se ubriachi(ma questo è un altro problema che riporta sempre al tragico finale degli incidenti).Visto quanto è facile ricevere una patente di guida oggi,io proporrei a spese delle case costruttrici un bel corso di guida come fanno case piu' prestigiose quando i loro clienti ordinano macchine molto potenti che non tutti son in grado di guidare.Visto che tanto nel nostro paese per soldi si passerrebbe sul cadevere della propria madre e le pubblicità sono molti soldi almeno,forse i ragazzi affiancati da qualcuno che sa quali rischi si corrono in auto e piu'in generale sulle strade e con un minimo in piu'di preparazione tecnica al volante magari qualche tragedia familiare ce la risparmieremo.

Dario Testa 07.03.07 10:29| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,secondo me non bisogna solo inasprire le pene contro i mostri del volante,ma la cosa più importante da fare è GARANTIRE LA PENA

enzo delmastro 07.03.07 02:42| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace ma non sono convinto che le stragi del sabato sera siano individuabili solo nell'alta velocità, sicuramente ne è una componente ma non l'unica causa. A mio avviso in ITALIA non vi è un modo adeguato di ottenere la patente, non si può pensare di dare dopo un mese di teoria un mese di pratica un auto (poco conta se con 50 o 500 cavalli)in mano ad un ragazzo che non ha la minima esperienza, le auto scuole devono farsi promotrici di corsi di guida strutturati in modo differente a chi di voi all'esame di guida è stata fatta effettuare una frenata d'emergenza? eh a quanti è stata imposta una condizione di acqua planing? oggi le auto hanno prestazioni notevoli sia in velocità che in tempi di arresto, la velocità accresce il rischio che si corre nel guidare un veicolo non essendo preparati agli imprevisti che ogni giorno possono incombere sulla strada ma la consapevolezza di ciò che si stà rischiando limita in automatico il rischio stesso.
Sentire parlare di limiti di velocità al ribasso mi rende triste al governo si cerca solo modo di fare cassa nessuno si sta preoccupando della nostra salute, avete mai visto un'auto blu a 80kh sulla Genova- La Spezia?
Oppure che ne dite delle volanti che sfrecciano a tutta birra mettendo a rischio pedoni e non...
é un sistema corrotto. Io ho una macchina di medie prestazioni 150 cavalli all'attivo una media di 90000 km anno ed in 14 anni di patente un solo sinistro mi hanno tamponato. Ciao a tutti

Alessandro Barretta 07.03.07 00:09| 
 |
Rispondi al commento

L'asterisco!
addirittura adesso l'asterisco è scomparso
ma io anni fa' mi ricordo di aver visto la pubblicita' di una macchina ad elevate prestazioni che dichiarava 150cv 0/100kmh in tot tempo * (asterisco)
e sotto riportato
*la velocita' consentita va' adeguata al codice della strada

era piccolo ma porcaputtana una volta c'era!
e me lo ricordo!

ora hanno dato per scontato che se hai un carro da morto da 250cavalli tu faccia i 130 in autostrada!
è impossibile!
Partiamo dal fatto che chi si puo' permettere e di mantenere macchine simili puo' permettersi di pagare multe in continuazione! e pagando il doppio i punti non vengono tolti! (ho il mio datore di lavoro che per anni ha fatto cosi')
Stracciargli la patente! e obbligare le case costruttrici
a limitarei cavalli e le cilindrate dei motori!

Daniele Benini 06.03.07 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Afghanistan, i Talebani:
«Arrestato giornalista di Repubblica». Il quotidiano non ha notizie di Daniele Mastrogiacomo da domenica 4 marzo. Si trovava nel sud dell'Afghanistan. Farnesina: verifiche STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

"KABUL - Ore di ansia per l'inviato di Repubblica in Afghanistan Daniele Mastrogiacomo di cui non si hanno più notizie da domenica 4 marzo. Il giornalista, che si era recato a Kandahar per intervistare leader talebani, è probabilmente uno dei tre rapiti dagli stessi guerriglieri afghani. I talebani hanno infatti annunciato di aver «arrestato un britannico che lavora per il quotidiano La Repubblica» nel sud dell'Afghanistan. Secondo il pm Ionta, che ha aperto un'inchiesta a Roma sul rapimento, la rivendicazione è «attendibile».
«Ci hanno detto che erano giornalisti, ma noi riteniamo che siano spie», ha detto all'Afp il portavoce dei guerriglieri, Yussuf Ahmadi. Il fatto che i rapitori parlino di Mastrogicomo come di «un britannico» potrebbe essere dovuto al fatto - riferiscono fonti di Repubblica - che l'inviato è nato a Karachi, in Pakistan.

«SE SPIE, LI UCCIDEREMO» - Se fossero identificati come spie, i due afghani e Mastrogiacomo «sarebbero trattati secondo la sharia», ovvero uccisi mediante decapitazione. Lo afferma in una dichiarazione raccolta da Aki-Adnkronos il comandante talebano delle province dell'Afghanistan sud-occidentale, Mullah Dadullah.

«Situazione incerta e timori dopo l'annuncio dei Talebani» dall'inviato a Kabul Francesco Battistini.

VERIFICHE E INFORMATIVA ALLA CAMERA - La Farnesina sta compiendo delle verifiche attraverso l'ambasciata italiana a Kabul e l'Unità di crisi del ministero. La zona di Kandahar, nel sud del Paese, è un'area ormai completamente in mano ai talebani. Immediatamente attivate le autorità. Il viceministro degli Esteri Ugo Intini ha riferito nell'Aula della Camera sulla sparizione di Mastrogiacomo".

www.corriere.it

Nicola Facciolini 06.03.07 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Siamo al tempo della censura, dell'inquisizione spagnola, Tomaso de Torquemada, dove viscidi vermi limitano la libertà di espressione solo perchè non sempre la pensiamo come loro...allora uniformatevi al ribasso, bravi lecchini della sinistra (se quella di oggi la si può chiamare sinistra)!

...e per fortuna che garantite la libera espressione a tutti, altro che democrazia questa è grillocrazia!

Cancellate i miei commenti?

Chi è bressan, col nome da prociutto doc, che muove la mano velenosa della censura? Oppure qualcun altro?

Avevo letto alcuni commenti di persone che erano deluse da questi accoltellamenti ideologici e comunicativi, ma non ci volevo credere, invece...quoque tu beppe...quoque tu...

GRILLO SEI UGUALE A TUTTI GLI ALTRI POLITICANTI E TI INCAZZI QUANDO TI DICIAMO CHE DIFENDI LE BR, COMPLIMENTI!

Questo commento quanto lo fate durare? 5 minuti?

www.progettosparta.splinder.com

Andrea Carrassi 06.03.07 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Sono abbastanza in sintonia con quello che dici ma probabilmente ovvierebbero il problema come hanno fatto con le sigarette: oltre i 130 apparirebbe sul tachimetro NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE.

fabio oddi 06.03.07 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono dell'idea che i mass-media tendano a sottolineare troppo l'aspetto VELOCITA'/ALCOOL/DISCOTECHE/GIOVENTU' (sicuramente di grande impatto sull'opinione pubblica) e meno aspetti altrettanto fondamentali quali condizione dell'asfalto disastrose,illuminazione notturna insufficiente,protezioni stradali inadeguate e segnaletica spesso assente(argomenti molto "scomodi").
Non voglio giustificare chi eccede ma neanche sollevare dalle responsabilità chi è preposto al mantenimento della qualità delle strade.

Fabio Trapani 06.03.07 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo!!!io ormai non guido più in autostrada perche sono terrorizzata da queste macchine/razzo che sfrecciano ai 170 quando va bene!allora mi dico che forse dobbiamo tornare a girare in calesse perchè la gente recuperi un po' di buon senso e capisca che MEGLIO ARRIVARE MEZZ'ORA DOPO MA ARRIVARCI TUTTI INTERI!

eleonora verde Commentatore certificato 06.03.07 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi hai tolto le parole di testa. Non saprei pensare meglio. D'altronde non è neppure un ragionamento troppo difficile.

federico greco 05.03.07 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena sentito al TG1 della proposta del Ministro Bianchi di portare i limiti a 120Km/h per limitare le stragi del sabato sera...personalmente mi sembra un nuovo squallido modo per aumentare gli introiti delle multe...e se invece raddoppiassimo le sanzini per superamento del limite di velocità dalle 23:00 alle 7:00 ??? Mi sembrerebbe più serio, vista anche la gravità dell'argomento....BASTA PENSARE A FAR CASSA!!!!!!!!!

Dario Dall'Oste 05.03.07 20:35| 
 |
Rispondi al commento

In italia spesso si subisce l'effeto "inverno" in maniera vergognosa. vivo in un paese caldo e da settembre a febbraio, quando mi capita di guardare la tv italiana(ma so che è la stessa cosa sui giornali e x radio) resto sbalordito nel vedere... pillola x compressa y ... ma quella rossa nessuno ce la pubblicizza? xkè?

quindi aggiungerei: auto,cellulari,finanziarie e farmaceutica (magari pannolini, crema di bellezza... se non un cura-febbr o vivi-na-vita da malat)

il post sulle case farmaceutiche e gli enti "gestione-crisi" dell'altro giorno è semplicemente SCANDALOSO!


In italia spesso si subisce l'effeto "inverno" in maniera vergognosa. vivo in un paese caldo e da settembre a febbraio, quando mi capita di guardare la tv italiana(ma so che è la stessa cosa sui giornali e x radio) resto sbalordito nel vedere... pillola x compressa y ... ma quella rossa nessuno ce la pubblicizza? xkè?

quindi aggiungerei: auto,cellulari,finanziarie e farmaceutica (magari pannolini, crema di bellezza... se non un cura-febbr o vivi-na-vita da malat)

il post sulle case farmaceutiche e gli enti "gestione-crisi" dell'altro giorno è semplicemente SCANDALOSO!

marco moscardini Commentatore certificato 05.03.07 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace, ma non sono della sua stessa opinione.A parte che a 110/130 km /h si muore tranquillamente, io ho imparato ad essere prudente grazie al mio ambiente famigliare.Ho 31 anni, e non ho ai causato incidenti gravi, anche se ho sempre amato i motori. Secondo me, se a un ragazzo di 18 anni si dà in mano un bolide, ci sono certo molti rischi, ma chi glielo compra? I genitori o una casa automobilistica? Chi ha fallito se i nostri figli non hanno rispetto per la propria vita e quella degli altri? qualunque oggetto se usato male può essere pericoloso. Credo sia più importante insegnare a usare bene le cose, che non a farle sparire.

matteo pedriali 05.03.07 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono d'accordo con te in parte. L'istigazione al suicidio, secondo me non è la pubblicità in sé, ma il taglio che le viene dato. Premesso che è comunque insostenibile che di sera 1 spot su 2 pubblicizzi un'automobile, a parte quelli che riguardano le auto per famiglie, per il resto trovo che sia disgustoso il modo in cui viene proposta. Mentre per il target femminile vengono pubblicizzate auto piccoline, che puoi parcheggiare ovunque in città per fare "shopping e fuma-fuma" e che nel bagagliaio ci stanno tutti gli acquisti+laspesa+laborsadellapalestra, per i maschietti il messaggio è assai diverso: potenza, velocità, controllo, tutti sinonimi di virilità, che se hai quella macchina sei figo e macho. Sembra che ti parlino di una donna da scopare: "TUA" a soli 18.000 euro (soli?), "VIENI A SCOPRIRLA" sabato e domenica, e così via. Visto che non c'è quasi niente al mondo che ti influenza più della televisione, è chiaro che alla fine il concetto inculcato non è quello di un mezzo di trasporto che serve per spostarsi agevolmente, ma un simbolo da sfoggiare, quindi pigiando anche sull'acceleratore, soprattutto a 20 anni e spesso nonostante le prediche dei genitori.
Io dico sempre che nelle autoscuole dovrebbero fare lo stesso lavaggio del cervello, ma all'opposto, mettendo in guardia soprattutto i giovani sui rischi della guida, su quanto ci voglia una frazione di secondo per avere un incidente. Basterebbe che ognuno pensasse: "non vado forte per non creare pericolo a me e agli altri" invece di: "non vado forte perché c'è l'autovelox". Penso che non serva tanto essere punitivi, quanto si dovrebbe lavorare sulla mentalità e sul tipo di messaggio, ma mi sembra che ci sia ancora molta strada da fare....

Antonella Romano Commentatore in marcia al V2day 05.03.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono esattamente le parole che vado predicando da anni!! La senzazione di non essere piu' solo e' davvero indescrivibile!! Ma quanti siamo? Qualsiasi iniziativa su questo ed altri temi io ci sto!!

Marco Di Pietrantonio 05.03.07 17:07| 
 |
Rispondi al commento

io credo che quello che dici sia giustissimo ma credo anche che sia difficilmente realizzabile, piuttosto è necessario secondo me lavorare sulla prevenzione, introdurre una serie di misure :1) tutti i comuni devono mettere a disposizioni servizi di trasporto per le discoteche (andata e ritorno) educare quindi i giovani a non prendere la macchina per andare in discoteca.2)fare chiudere prima i locali notturni ( quando andavo in discoteca nei meravigliosi anni 80 si chiudeva alle 2.30). 3) mettere in strada numerose macchine civetta di tutte le forze dell'ordine in particolare il venerdi e il sabato giorno e notte ( in austria e in america tutti rispettano i limiti). Ho elencato le misure che secondo me sono più importanti anche se ci sarebbe tanto da parlare su questo argomento. Ciao Beppe ci vediamo a PG il 22/3

mauro ciancaleoni 05.03.07 16:36| 
 |
Rispondi al commento

No, non deve essere eliminata la pubblicità, ma deve essere introdotta una legge che vieti a chi ha meno di 25 anni di guidare auto che superano i 130 km ora. A questo punto vediamo se le industrie che producono automobili continuano a costruire bolidi. Inoltre, bisogna fare una legge che obblighi nei centri urbani a circolare solo con auto elettriche, e la legge deve essere uguale per tutti senza distinzione.

Enrico Russo 05.03.07 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Si dai è giusto fare la auto che vanno a 130 max anzi si parla pure di 120 quindi vada x 120 xò come facciamo nn so con chi viene dall'estero, nn so da posti dove i limiti nn ci sono in alcuni tratti come in germania? Vietiamo ai tedeschi di venire in italia ecco si fottuti crucchi coi loro missili di auto bastarde.
Io nn credo il problema si la velocità in se... in alcuni tratti si può correre anche + di 130 in altri no.
Nn è che il problema sia l'alcol e la quasi mancanza di controlli?
Nn lo so mi interrogo su questo post e sinceramente mi pare una puttanata, la soluzione certo, nn il problema dei morti quello è ben grave.
Ma x me va risolto con più controlli, stade migliori e magari vietare ai neopatentati di poter giudare auto con 250 cavalli...

sebastiano fanini 05.03.07 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Bhe, secondo me qui il signor Beppe Grillo ha preso una cantonata..io credo che la PATENTE alle MINICAR sia l'unica soluzione possibile..sono loro la colpa di tutto.
Io ho visto con I MIEI OCCHI il risultato di uno scontro tra una minicar e un carrello della spesa impazzito, fuggito di mano ad una settantacinquenne (che si è scoperto in seguito sotto l'effetto di una potentissima droga detta "Rete 4") e quella scena non mi abbandonerà mai...tutti quei surgelati a terra in pozze di mozzarella filante..quelle uova strapazzate...non me la sento di continuare..ma il signor Grillo dovrebbe stare più attento..

Victor Mazzetta Commentatore in marcia al V2day 05.03.07 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con quanto detto, che senso ha vendere auto che vanno a 300 Km/h e poi porre limiti a 130 ?! Dico la mia, ho 22 anni e la patente da 3 e può essere che non ci arrivi a capire, ma penso che se esistesse una legge ad impedire la vendita di macchine-missile che sono obiettivamente pericolose sarebbe solo qualcosa di positivo.
Anche perchè nella situazione attuale tu casa automobilistica commercializzi con il consenso dello stato vere e proprie armi e le vendi a chiunque.
Ormai è all'ordine del giorno sentire di ragazzi poco più giovani di me, appena patentati che vanno a finire contro un platano in una strada di campagna a 190 Km/h o che entrano e non escono più dalle autostrade.
Indipendentemente da tutto se capita un incidente, perchè capitano lo stesso, c'è differenza tra farlo a 200 e farlo a 80 Km/h.
Tra l'altro vergogna della vergogne siamo assuefatti da queste notizie come se fossero inevitabili.
E al Tg ti fanno delle coccodrillate pazzesche e mangiano sopra queste tragedie vere contro cui nessuno fa niente con musichette malinconiche e finte poesie retoriche che servono solo a guadagnare ascolti puntando sul buonismo di cui siamo pervasi e che ci fa vivere comodamente a 90 gradi.
E per questi incidenti nessuno paga, come nessuno paga mai in Italia.
2 anni fa ho perso una persona molto cara perchè un Tir in pieno pomeriggio e piena visibilità non si è accorto che le auto davanti erano ferme in colonna e ha travolto tutti a non so quale velocità!!!
Conseguenze per questo assassino nessuna e nessuno mi ha spiegato perchè.
Non voglio sapere chi è nè dove abita perchè sono certo che commetterei uno sproposito e in galera ci finirei io, non sono andato in aula al tribunale per lo stesso motivo e ne sono felice perchè dopo una sentenza che non faceva altro che tradurre in un risarcimento economico la vita di una persona probabilmente mi avrebbero arrestato per oltraggio.
E questa è solo una goccia in un oceano di assurdità!!!

Andrea Corbetta Commentatore certificato 05.03.07 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, una volta tanto non sono d'accordo: perchè? perchè sono un'amante delle belle auto e penso che se un branco di "piscialetto" non è bravo a guidare e si spiaccica regolarmente contro alberi e muri, ciò non deve condizionare la produzione di belle auto che altra gente sà usare con più buon senso.Ti pare giusto che per salvare la vita di quattro coglioni che non sanno stare al mondo TUTTA la collettività deve privarsi di uno dei piaceri della vita, le belle auto?
Semmai quei coglioni ancora più grossi dei loro genitori dovrebbero fare qualcosa, perchè ci devo rimettere io che non c'entro un tubo e - oltretutto - rispetto il codice? io ho avuto sotto il culo auto discretamente potenti eppure sono arrivato oltre i 40 ancora intero (=senza incidenti); ho pagato le mie multe (era giusto...) MA non mi sono spiaccicato perchè quando capivo che era ora di tirare sù il piede lo facevo, NON volevo morire stupidamente.
Se 'sti quattro fessacchiotti sborroni non capiscono manco l' "A,B,C," dello stare al mondo dobbiamo pagare TUTTI?? e perchè?? perchè i loro genitori non sanno fare il loro mestiere (=educarli?): ECCHISSENEFREGA!

Paolo De Sanctis 05.03.07 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema dei giovani che si schiantano il sera è molto tragico. Credo che oltre ad avere delle vere macchine da corsa, abbiano anche in corpo sostanze che gli ofuuschino quel minimo di lucidità che uno può avere alle 4 o alle 5 di mattina dopo una nottata a "divertirsi".

La cosa bella che ho sentito stamattina è che il governo per diminuire le stragi vuole aumentare a dismisura le multe e abbassare i limiti di velocità... Può esserci scritto pure " limite a 10 KM", se ho un bolide da 300 Km, me ne posso anche fregare... E pagando non si risolvono i problemi, tanto quelli che hanno i bolidi non li fermi con le multe, però puoi mettere in debito il bilancio del povero dipendente da 800/1000 euro al mese perché supera il limite di 2-3 km/h... Allo stesso modo come non credo che aumentando il bollo a dismisura si risolva il problema dell'inquinamento...Mi fermo qui altrimenti vado fuori tema... Beppe sei grande !!!

Giuseppe Ceniccola 05.03.07 10:35| 
 |
Rispondi al commento

la cattiva notizia è che anche lo scorso week end (sempre nella notte tra sabato e domenica, guarda che caso) sono morte delle persone in seguito ad incidenti d'auto.
la buona notizia è che almeno stavolta non c'è stato nessun incidente frontale, e che chi è uscito di strada non ha coinvolto altri veicoli.
Dato che sembra che occorra fare la tara degli incidenti mortali del sabato notte, almeno cerco di essere contento nel pensare che stavoltra non è stato coinvolto chi non c'entrava (potevo essere io, tu che leggi, o l'amico o il parente di entrambi).
E' vero poi che una delle auto che è uscita di strada aveva il contachilometri a 190?
Se è vero, mi riesce difficile non pensare a una causa e un effetto.
Poi vedete un po' voi; io intanto a 190 NON vado comunque, men che meno il sabato notte che c'è un sacco di cretini in giro.
G.M.

Giorgio Matera 05.03.07 03:40| 
 |
Rispondi al commento

Giusto Grillo che senso ha costruire questi missili, si dovrebbe pensare al benessere....

GianMaria Le Mura 05.03.07 01:15| 
 |
Rispondi al commento

Dirti che sei un grande è riduttivo,ciò che dici è ciò che penso da almeno 10 anni(cioè da quando ho imparato a guidare).
Perché questo mondo ci permette:Di comprare automobili che superano i 300 km orari,e ci vieta di superare i limiti di velocità?Forse fare qualche centinaia di migliaia di multe salate al giorno è meglio che evitare centinaia di migliaia di incidenti mortali causati dall' alta velocità?Di comprare pellicce fatte con il pelo di animali barbaramente uccisi per soddisfare gli sfizi di chi non ha cuore? Che ci permette di comprare alcolici che uccidono come la droga.Mi pare che nei supermercati dove trovi ogni tipo d’alcolico,non si venda eroina.Che ci consiglia di non fumare perché "il fumo uccide" ma poi ci rifila tabacchi di tutti i generi,tanto la coscienza si lava e le responsabilità si sollevano facilmente scrivendo qualche intimidazione sui pacchetti di sigarette.Sì perché a quel punto è solo colpa nostra,loro ci forniscono il prodotto ma ci sconsigliano di usarlo!
Ci vieta di fumare hashish e marijuana ma ci fa trovare le cartine e pure i filtrini dal tabaccaio e pure negozi che vendono strumenti di tutti i tipi,proprio per fumare droghe leggere,e non raccontatemi che i cilum sono stati commercializzati per fumare tabacco!
Forse potrei continuare ancora ma tu caro Beppe ne sai molto più di me,io però forse una soluzione per questi signori che ci offrono questi prodotti ce la avrei.
Potremmo seguire lo spunto dei produttori di tabacco,sulle automobili mettiamo delle targhette tipo:superare i limiti può provocare la morte.
Sulle pellicce mettiamo vicino al prezzo frasi tipo:abito confezionato con pellicce di poveri animali indifesi,torturati e scuoiati.
Sulle bottiglie d’alcolici ci mettiamo frasi tipo:bere alcolici provoca cirrosi epatica.
Sui cilum,cartine e filtrini ci mettiamo :comprare la droga anche se leggera e’ illegale.
Ovviamente la mia e’ una provocazione

giulio alonzo 05.03.07 00:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

credo che il problema dei morti per incidenti stradali sia estremamente serio. dare in mano a un neo patentato una macchina veloce e scattante come quelle che circolano oggi è, secondo il mio punto di vista, da grandi incoscienti. è comunque da sottolineare che la responsabilità di questi incidenti non può essere imputata solo alle macchine troppo veloci e scattanti, le statistiche dicono che la grande maggioranza degli incidenti è spesso causata da giovani ubriachi o sotto l'effetto di droghe che usciti dai locali si mettono alla guida pur non essendo assolutamente in grado di farlo. credo che maggiori controlli, fuori dalle discoteche o dai pub, da parte della polizia e una maggiore fermezza da parte dei genitori possano contribuire sensibilmente alla riduzione degli incidenti mortali. la settimana scorsa sono andato in una discoteca a milano, per loro regolamento interno non si possono servire più di due bevande a testa; anche questo pùò, forse, aiutare a limitare queste discrazie. ...certo che dare in mano a un giovane una macchina da 250 km/h è veramente un attentato alla sua vita e a quella degli altri!!!!!!

carlo l. Commentatore certificato 04.03.07 03:44| 
 |
Rispondi al commento

"istigazione al suicidio",
io direi che purtroppo adottano,i potenti,la legge dei grandi numeri.Cosa importa loro se un'auto fa anche 300km all'ora,se ragazzi muoiono o quant'altro,oggi saremmo già ai rimedi,avremmo i limitatori di velocità nelle auto,avremmo la scatola nera come negli aerei per cui una pattuglia quando f a i controlli verifica la velocità,e non ci sarebbe quel dispendio per gestire e mantenere gli autovelox,ma sopratutto ci si autocontroleremmo di più.Tante piccole cose che non sono previste,intanto la pubblicità delle auto e telefonini impazzisce,come le finanziarie.Ma perchè le pubblicità parlano solo delle rate?Ma sono proprio obbligato a comprare a rate?A me pare di sì perchè nelle pubblicità mettono l'importo della rata mensile,non quello finale.Ma se io volessi comprare in contanti?Per me dietro c'è che finanziare tra poco ci saranno anche per comprare un kilo di pane,e non solo perchè mancano i soldi.Anche loro ci stanno succhiando il sangue.
Ciao a tutti,mi fermo altrimenti non mi fermo più a raccontare quello che non va......
Roberto

roberto vicario 03.03.07 22:11| 
 |
Rispondi al commento

CERCATE "giovanni agnelli" IN WIKIPEDIA E POI LEGGETE LA DISCUSSIONE, E' UNA PARTE DELLA VOCE CHE NON MI E' STATO CONSENTITO DI INSERIRE...

Bob toip 03.03.07 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe! Sono pienamente d'accordo con te, quando sento che un'auto ha 500 cavalli penso sempre dove li puoi spronare tutti se nn in pista? secondo me un'auto deve raggiungere al massimo gli 80 cavalli (che sono anche troppi). E poi anche togliere le auto di grossa cilindrata ai neopatentati che purtroppo per loro sono bare con le ruote, perchè da neopatentato fare il gradasso con gli amici e andare a velocità folli è troppo facile!

Enrico Ciofi 03.03.07 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

altre 5 vittime a torino, viaggiavano a 200 l'ora erano ragazzi....domanda? fanno la verifica dello stato di capacità dei conducenti? erano ebbri? e poi una curiosità xchè i tg non dicono mai marca e modello delle auto coinvolte nell'incidente??? perchè non dicono ad esempio che qualcuno con una volvo non ostante la velocità o la disattenzione o l'incapacità alla guida si è salvato la vita?? xchè i tg non dividono le case automobilistiche tra buoni e cattivi?? non è necessario diminuire la potenza delle auto...basterebbe un'informazione consapevole!!

salvatore leone 03.03.07 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che non servano altre leggi o auomobili speciali o con limitazioni.
Anche a 130 ci si ammazza. Provate ad andare a 130 contro un albero e poi mi sapete dire.

Secondo me quello che servirebbe e ':

- Una polizia stradale di organico adeguato che ferma chi guida da criminale e non, come adesso, che fa solo controlli formali (patente libretto etc) o solo autovelox.
Meno polizia negli stadi e piu' Stradale sulle nostre strade .

- Sospensione patente per 5 anni x chi causa morti e feriti gravi per guida in stato di ebrezza, sotto droga o per che va a 130 anche con nebbia fitta e poi fa disastri. Adesso dopo tre mesi sono già in giro.

- Assicurazione bonus-malus legata alla patente. Troppi furbi guidano troppo allegramente su macchine o furgoni che non sono loro. E se ne impippano di tutto e di tutti !!!

- Ricertificazione teorica della patente ogni 10 anni . Le norme stradali cambiano, cosi' come tutto a questo mondo. Fare un ripasso certificato da un test ogni 10 anni, insieme alla visita medica, farebbe sicuramente bene. Anche solo per prendere coscienza di norme basilari troppo spesso dimenticate.

- Mettere a posto la segnaletica, soprattutto quella orizzontale. Siamo tra i paesi messi peggio in europa.

Quindi piu' che altre leggi serve volonta' politica di evitare 8000 morti all'anno e migliaia di feriti sulle nostre strade con costi sociali altissimi che poi vengono pagati da tutti gli altri cittadini in tasse e balzelli (sanita', assicurazioni piu' care, invalidtà etc etc).


Andrea Monti Commentatore certificato 03.03.07 18:21| 
 |
Rispondi al commento

STO SCRIVENDO UN E-MAIL AL GIORNO A UN DEPUTATO DELLA CAMERA A RIGUARDO DELLA CIRCOLAZIONE DI AUTOMOBILI ILLEGALI(CHE SUPERANO I 130) E NON MI FERMERò FINCHE NON MI RISPONDE A RIGUARDO. SONO STATI FATTI PIU DI 2000 COMMENTI SI POTREBBE FARE UNA BELLA PETIZIONE(NON SO SE CE NE SIA DI GIà QUALCUNA), NON SONO SICURO SE SERVIRà MA è GIà QUALCOSA.

manuele nicolini 03.03.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento

forse questo è un argomento troppo importante per fermarsi qui. proprio perchè sono i più giovani che pagano a caro prezzo un meccanismo inumano di legge dei profitti.
propongo una petizione seria, che sia anche diffusa nelle scuole, perchè la costruzione e la commercializzazione in Italia di veicoli che superino i 130 km orari venga proibita; perchè gli eccessi di velocità vengano puniti, come in america, con reclusioni brevi e infamanti; perchè i giovani possano beneficiare di istruzioni per l'uso ed informazione non di parte, cioè non distribuita dai costruttori di macchine. Lo stato inoltre deve fare di tutto perchè vengano usati il più possibile, in ogni comune, provincia e regione, i mezzi pubblici, con incentivi,aiuti agli enti pubblici territoriali: le infrastrutture necessarie sono le ferrovie, i porti, gli aereoporti, meno le strade.
E sulle strade grande attenzione ai cartelli stradali: mettiamo in risalto proprio i limite di velocità, riguadagnamo il contatto con la gentilezza ed il savoir faire quando siamo alla guida (così magari nessuno ci aggredisce a colpi di cric). sulla strada incontriamo tanta gente, ma è quasi sempre uno "scontro". è ora di finirla con la maleducazione della macchina più grande del guidatore più cafone.

francesca fabiani 03.03.07 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe, ma questa me l'hai rubata...perché lo dico da 10 anni...

Gianmarco

Gianmarco Iantaffi 03.03.07 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ti ho visto a Verona. SEI UN GRANDEEEE!!!!!
io ti do ragione sulla pubblicità, ma più che altro BISOGNA ritirare le macchine che fanno più dei 130. Perchè è anche vero, che più che la pubblicità, sta nella testa delle persone. Per esempio anche senza la pubblicità del fumo i giovani continuano a fumare e crescere con questo vizio, SOLO PER ATTIRARE L'ATTENZIONE. E questo vale anche per le macchine, molte famiglie muoiono ma la maggior parte sono i giovani al sabato sera e perchè bevono (non puoi negarlo) e fatalità al sabato sera quando la gente esce per fare feste o andare a divertirsi.. In ogni caso BASTA con macchine fuori dalla legge

Dani C 03.03.07 15:37| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIO UN AUTOVELOX SU TUTTI I PONTI DELL'AUTOSTRADA E SU TUTTI I PALI DELLA LUCE E DOVE NON CI SONO SUGLI ALBERI... OVUNQUE!!! VEDIAMO SE CELA FACCIAMO A BLOCCARE LA VELOCITA' DELLE AUTO, EPPOI IL GUISCIO MELICONI ANCHE PER LE AUTO... CHIEDO TROPPO???

dottor house 03.03.07 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FIAT chi la compra a la moglie e fidanzata troia

silvio berlusconi 03.03.07 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER FARVI UN ESEMPIO VI RACCONTO UN ANEDOTO:
UN MIO AMICO HA COMPRATO L'AUTO NUOVA E LA SUA VECCHIA 500 FIAT, VECCHIA DI DODICI ANNI !!!! E' STATA DATA COME ROTTAMAZIONE AL CONCESSIONARIO DUE GIORNI PRIMA DELLA CONSEGNA HA LITIGATO DI BRUTT0 !!!!!!! PERCHE' IN UN POSTEGGIO UN ALTRA VETTURA GLI AVEVA APPENA SFIORATO IL PARAURTI!!!
INCREDIBILE!!! MA PIU' INCREDIBILE E' CHE GLI ALTRI PRESENTI NON HANNO TROVATO NULLA DI STRANO IN QUESTO!!!!!!
QUANTO SOPRA SOLO PER FARTI CAPIRE BEPPE A CHE LIVELLO L'ITALIANO E' MACCHINA DIPENDENTE...
E COMPLIMENTI PER IL CORAGGIO !!!!!!!!!!

danilo della canfora Commentatore in marcia al V2day 03.03.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento

il mito della velocità ha radici lontane ed è stato abilmente confuso col mito del viaggio. oggi non si va più in nessun posto (ma dove vuoi andare...), si va semplicemente in giro, dalle periferia verso il centro, dalla provincia alla metropoli a... guardare dal vivo la pubblicità che hai già visto in tv.

enrico mattioli 03.03.07 11:56| 
 |
Rispondi al commento

per esmpio LEGGETE IL POST DI NAPOLEONE BONAPARTE
E QUALE CATTIVERIA E NATA IN LUI
VOLETE SAPERE PERCHE'???
FACILE GLI AVETE TOCCATO LA MACCHINA!!!
SPERO DI SBAGLIARMI MA SICURAMENTE LUI E' IL TIPICO E PITTORESCO ITALIANO MACCHINA DIPENDENTE
CERCHI IN LEGA... TURBO DIESEL.... 12 VALVOLE ECC ECC ECC...
BIKECITY

danilo della canfora Commentatore in marcia al V2day 03.03.07 11:44| 
 |
Rispondi al commento

PURTROPPO SE ALL'ITALIANO GLI PROPONI DEI LIMITI ALL'USO DELLA MACCHINA E' COME SE GLI TOCCHI LA SUA STESSA VITA DATE RETTA A ME TUTTO E' INUTILE ORAMAI LA MACCHINA E' UNA DROGA NON SE NE PUO' PIU' FARE A MENO QUEI POCHI CHE NE FANNO TRANQUILLAMENTE A MENO ,COMPRESO IL SOTTOSCRITTO, VENGONO GUARDATI COME FENOMENI DA BARACCONE (ALMENO QUI A ROMA)O DEI DISADATTATI........
RICORDATE CHE FINO A CHE LA MERDA NON CI ARRIVERA' AL COLLO E CI SOFFOCHERA'L'ITALIANO
CONTINUERA' AD USARE E COMMENTARE LE VARIE TIPOLOGIE DI MACCHINA COME SE NULLA STESSE ACCADENDO......
UN SALUTO DA BIKECITY..........

danilo della canfora Commentatore in marcia al V2day 03.03.07 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Perchè in italia si parla di prendere 10000 misure preventive per evitare incidenti e non si parla mai dell'unica che può evitare centinaia di morti sulle strade: limitare le macchina a 130 Km/h come previsto dalla legge. Questo quasi annullerebbe gli incedenti mortali con le automobili. E si potrebbe risparmiare di investire sui controlli di velocità, perchè già controllata. Doppio vantaggio. Non capisco perchè non ho mai sentito in giro una proposta del genere...

Andrea R 03.03.07 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo con te, Beppe!
Tra l'altro chi corre mette in pericolo anche gli altri... come dire... si muore anche di velocità... passiva! come per il fumo!

Federico DI Sante 03.03.07 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Prodi ostaggio di omini preistorici

Parliamoci chiaro il governo è andato in crisi sui DICO. La sinistra radicale accusata di estremismo mostra disciplina. Il vero estremismo proviene dai "pseudo-moderati" di centro. Mastella da Ceppaloni, il Brontosauro Andreotti, i Teodem della margherita e l'ultimo Folletto della compagnia sono decisi anche a far cadere il governo pur di non approvare i DICO. Sono loro i veri estremisti. Omini piccoli con idee da paleozoico. Omofobici. Già una volta votarono la mozione dell'opposizione sulla politica estera creando imbarazzo nel governo. Adesso guaiscono contro la tutela delle coppie gay. Per loro non vale la disciplina di governo? il Ceppalonico ha una percentuale di voti insignificante all'interno del centro-sinistra ma ricatta il governo e impone con prepotenza le sue preistoriche convinzioni. Non è giusto sacrificare i diritti civili di tanti cittadini per venire incontro a estremisti pieni di pregiudizi e vogliosi solo di raccattare voti dell'elettorato cattolico.

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 03.03.07 08:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parole sacrosante Beppe, che blocchino le auto a 130 Km/h, anzi che le facciano con meno Kw di potenza cosi inquinano meno, ma poi dovrebbero licenziare gli operai perchè non faranno piu utili

Massimo Garzoli 03.03.07 08:26| 
 |
Rispondi al commento

buonasera a tutti,
constato con rammarico che come sempre manca una delle virtù più importanti che invece dovrebbe abbondare e cioè la pietà. a questa andrebbe aggiunta la tolleranza e la capacità di perdonare. io grillo non lo conosco ma conosco (purtroppo per loro ) delle persone che sono mie amiche che hanno avuto incidenti nei quali sono morte delle persone. DOMANDA: non devono più guidare?non hanno più dignità di esseri umani o forse gli dovremmo uccidere? non possono più esprimere un parere? tutti possono sbagliare, l'importante è saperlo e non farlo più, dov'è finita l'umanità? NESSUNO è AL DI Là DEL BENE E DEL MALE, NEMMENO GRILLO! ritornerei poi al problema che è quello di educare chi va in auto non quello di reprimerlo ( come il vecchio discorso sulle droghe), ciao a tutti amx

massimiliano m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.03.07 01:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che parli di automobili uno che ha UCCISO tre persone con un automobile fa parte della MANCANZA del senso di VERGOGNA che permea la nostra società. Se nessuno te lo ricorda, te lo ricordo io: ci stanno TRE VITE in meno grazie alla tua incapacità!!! Parla di subbuteo, di montagne, di pesca sportiva, non parlare di cose per cui TU sei l'artefice di un ASSASSINIO!!!

Napoleone Bonaparte 03.03.07 00:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi chiedo: perchè chi sta al governo non costringe le case costruttrici di automobili ad adottare e sopratutto installare quelle misure di sicurezza che sono conosciute e disponibili ( ad un prezzo mostruoso!)sulle macchine sopratutto le utilitarie che sono la stragrande maggioranza delle vetture in circolazione? sulle macchine da corsa vengono montate rollbar che consentono ai piloti di sopravvivere ad incidenti spettacolari e che montati di serie anche sulle macchine normali eviterebbero sicuramente tante morti

alessandro pacetti 02.03.07 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Proprio così: istigazione a delinquere contro se stessi e qualche povero sfortunato che si trova sulla stessa strada! Troppi ne ho visti e sentiti di incidenti provocati dall'alta velocità, che hanno distrutto intere famiglie, che andavano, piano magari, per la loro strada! Ma siamo in Italia e non c'è legge che metta paura. Ognuno fa come gli pare, tanto...l'impunità è garantita dalla mancanza di qualsiasi controllo. E non ci dobbiamo meravigliare della pubblicità, che procura grossi introiti, anche se incentiva i vizi, come quello del gioco: al lotto, al totocalcio e simili, al gratta e vinci sollecitato
dagli spot come se fosse la panacea di ogni
bisogno! Povera la società che basa le sue speranze sulla fortuna, invece che sul lavoro e
sulla produttività!

donna marta Commentatore in marcia al V2day 02.03.07 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Sarà l'F-35 ad affossare il Governo Prodi.

Nel programma di Governo si afferma che: “l’Unione si impegna, nell’ambito della cooperazione europea, a sostenere una politica che consenta la riduzione delle spese per armamenti’. Il progetto del supercaccia F-35 JSF affossa la cooperazione europea e fa esplodere le spese militari. La risposta è prevedibile, erano impegni già presi. E’ vero, però non dal solito Berlusconi, ma sempre da un precedente Governo di Centro-sinistra. I motivi per cui siamo contrari a tale progetto sono tanti, proviamo però ad indicare sinteticamente quelli più significativi. Innanzitutto i costi spropositati di tale progetto. Il nostro paese ha speso fino ad ora 638 milioni di dollari per la fase di sviluppo, che ci costerà complessivamente 1.018 milioni di dollari, ai quali vanno aggiunti altri 903,2 milioni di dollari per la fase successiva. In tutto quasi 2.000 milioni di dollari. Ovviamente per giustificare tale operazione si sbandierano sempre importanti ricadute economiche per il paese, ma la realtà è un’altra. Le vere ricadute saranno principalmente economiche e saranno per la nostra industria bellica, anche se queste non saranno di lungo respiro. Infatti gli Stati Uniti se ne guardano bene dal trasferire tecnologia ed informazioni ai paesi patner del progetto. Il JSF è un aereo da combattimento monoposto e monomotore, in grado di superare la velocità del suono ma con velocità da crociera subsonica ed è ottimizzato per il ruolo aria-terra, con capacità però secondarie aria-aria. E’ un aereo con tecnologia di punta in grado di operare come parte integrante di un sistema , ed è stealth, cioè a bassa rilevabilità dei radar ed altri sensori. Ha due stive interne per il trasporto delle bombe ed ha anche la possibilità di trasportare testate nucleari. Viene da chiedersi come si concili la produzione italiana di un tale aereo con il dettato dell’articolo 11 della nostra Costituzione.
Insomma, i pacifisti sono spariti?

Nicola Facciolini 02.03.07 17:49| 
 |
Rispondi al commento

I Grande Senatore Agnelli,voleva fare passare una legge dove si dava la patente per qualsiasi cilindrata hai minori di SEDICI ANNI, Non vi ricordate?????????? INBEC......LLI

alberto zorli 02.03.07 17:29| 
 |
Rispondi al commento

E allora invertiamo la tendenza, sono un attempato 62enne e mi sento di dire che non sono affatto contento, non sono felice perchè posseggo il telefonino multiband che fa le foto, gira i filmati e forse può fare anche la grigliata mista a me adava benissimo la cabina con le monetine, ma con chi cacchio devo comunicare, dice si fa prima, si fa prima un par de ciufoli. Anche per le macchine, ma sapete quanto costa un' ora di macchina ferma in un parchegggio? 1 euro e 60 la prima ora e 3 euro e 20 la seconda ora, quindi due ore di sosta equivalgono a 4 euro e 80 circa 9.200 delle vecchie lirette Chi si può permettere di parcheggiare forse Padoa Schioppa con i suoi 11.000 euro mensili, i suoi vanno bene, ma quelli della Hunziker no. Tra i due preferisco darli alla Hunziker almeno à bona di anima e di corpo. Non c'è piu posto per le macchne, ma continuano a propinarti automomibili fresche l'estate e sicure, la mia vecchia punto la vogiono rottamare, ma io sarei propenso a non comprarmi più nulla. Negli anni '60 avevo una spyder, ma serviva più che altro al rimorchio in quanto ero frquentatore di piazzale delle Muse a Roma e lo spyder a quei tempi aiutava. C'erano anche Caterine Spaak e Fabrizio Capucci, ma ero decisamente contento adesso è tutto un casino.
Scusate ho straparlato, e mi sono fatto prendere la mano, ma adesso del quadriband non so cosa farci. Vi ricordate della tariffa family alle 5 telefonavano tutti anche se non c'era nulla da dire

Ugo Salvetti 02.03.07 16:41| 
 |
Rispondi al commento

DALLA PAGINA WIKIPEDIA DI BEPPE GRILLO

"Nel 1980, a Limone Piemonte, finì in una scarpata mentre era alla guida di un fuoristrada, causando la morte di tre persone che erano con lui. Difeso dall'avvocato Alfredo Biondi del foro di Genova, venne condannato per omicidio colposo ad un anno e tre mesi."

Non riesco a capire come si possa permettere, una persona che ha TRE vite sulla coscienza, di venire ad insegnare a noi cosa è giusto e cosa è sbagliato in merito alla prevenzione degli incidenti stradali.

Beppe, se un giudice ti ha condannato vuol dire che non è che "hai avuto un incidente stradale", come hai dichiarato nel tuo blog, ma bensì "HAI PROVOCATO un incidente stradale" e l'hai provocato TU,GIUSEPPE GRILLO NATO A SAVIGNONE IL 21/07/1948, non chi ti ha venduto/prestato/regalato il fuoristrada che stavi guidando.

Al pari di te coloro che hanno provocato incidenti stradali dovuti ad un uso improprio del veicolo che stavano guidando devono essere considerati unici responsabili dei danni più o meno gravi eventualmente causati.

Non c'entrano le case automobilistiche, smettila di tentare di discolpare te stesso e coloro che hanno compiuto un errore pari al tuo; siamo persone, maggiorenni e vaccinate, ognuno si prenda le responsabilità che gli competono.

Le responsabilità di un omicidio va cercata nella persona che ha premuto il grilletto, non nel fabbricante d'armi come vorresti far credere tu.

Federico Turina 02.03.07 16:33| 
 |
Rispondi al commento

CIAO,BEPPE,SONO UN VENTENNE COME TANTI E CONCORDO PIENAMENTE CON TE SULLA INSENSATEZZA DI ADOTTARE DEI LIMITI DI VELOCITà,CHE GROSSO MODO SONO STANDARD,E COSTRUIRE VETTURE CHE PUNTUALMENTE SUPERANO POTENZIALMENTE SUDDETTI LIMITI.IO,PERSONALMENTE SAREI DACCORDO A FIRMARE QUALSIASI PETIZIONE CHE SI PROPONESSE DI VIETARE LA PRODUZIONE DI AUTOVETTURE CHE SUPERANO I LIMITI CONSENTITI;INOLTRE,COSTRUENDO MOTORI CHE UTILIZZANO ALTRE FORME DI ALIMENTAZIONE(ENERGIA ELETTRICA,ECC)SI LIMITEREBBE ANCHE LA PROPULSIONE DELLE VETTURE.PERCHè NON ORGANIZZI UNA RACCOLTA DI FIRME?CREDO CHE CON TUTTI I MORTI PER INCIDENTI STRADALI CHE ABBIAMO IN ITALIA,I PARENTI E AMICI DEI DEFUNTI,SAREBBERO DACCORDO.

william sbrollini 02.03.07 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Solo per dire che sono daccordo al cento per cento, che non bisogna desistere su questo argomento, che è l'emblema della crudeltà del moderno mercato.
Gli adulti sempre benvestiti, benpensanti, arrivati ed ingordi, vendono svariati tipi di droga ai giovani, che tutti i giorni muoiono senza sollevare critiche, contestazioni, denunce...perchè i colpevoli non ci sono mai...perchè hanno sempre tutta la ragione in tasca e continuano, prepotenti ed imperterriti a pontificare e a farci la morale.

Francesco Bravaccini 02.03.07 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo. La sicurezza di una macchina risiede nei dispositivi accessori, mettiamoci un bel roll-bar interno, ABS obbligatorio, AirBag gratis in ogni angolo della vettura, trick e track e chi piu ne ha piu ne metta. Ogni volta che si inventano un dispositivo va messo obbligatorio di serie senza costi. Allora uno si ritrova a pagare una macchina un sacco di soldi ma almeno e' sicura, e forse in quel maledetto sabato sera, un figlio gli sarebbe tornato a casa, invece di andarlo a prendere sotto un camion. Perche' diciamocelo: se hai una macchian che fa 240, prima o poi ci vai. E prima o poi un gatto la strada te la traversa, oppure una vecchina con la panda in versione lumaca dietro la curva, o un jumbo atterrato in emergenza sull Autosole. Ci sta sempre qualcosa dietro l'angolo. Allora tu magari non muori perche' hai la "Supercazzola modello LUX", ma l'altro, che di senso civico e stradale ne aveva da vendere, e' morto per i caxxi tuoi, solo perche' aveva una vecchia giardinetta da 20km/h
Auto limitate, e che in germania si schiantassero tutti contro il muro, che tanto devono ancora buttarne giu tratti interi....
Cordiali saluti,
-Un "A" qualsiasi-

Antony Rocca Commentatore certificato 02.03.07 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo, il problema non sono le macchine veloci. Si può avere un'utilitaria scassata o un bestione sportivo, ma alla fine è la prudenza e l'intelligenza di chi guida a contare davvero. Stiamo tutti più attenti quando guidiamo, rispettiamo i limiti di velocità, e qualsiasi macchina avremo sotto il sedere, sia pure una mercedes da 250 km/h, sarà più che sicura.

Gabriele Spinelli 02.03.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è vero che è la velocità ad uccidere sulle strade ma l'irresponsabilità di chi guida.
Se fosse la velocità quale dovrebbe essere quella massima 130 100 80 20 all'ora o dovremmo andare tutti a piedi. E poi chi fa rispettare veramente il limite di velocità?. Se si volessero fare le cose seriamente bisognerebbe sequestrare le auto a TUTTI quelli che corrono.
Oppure si potrebbe abolire il limite di velocità e trasformare le autostrade in piste di F1, tanto anche ora si vede gente che con una visibilità di 5m va a 130 all'ora!

giorgio belvedere 02.03.07 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Non è vero che è la velocità ad uccidere sulle strade ma l'irresponsabilità di chi guida.
Se fosse la velocità quale dovrebbe essere quella massima 130 100 80 20 all'ora o dovremmo andare tutti a piedi. E poi chi fa rispettare veramente il limite di velocità?. Se si volessero fare le cose seriamente bisognerebbe sequestrare le auto a TUTTI quelli che corrono.
Oppure si potrebbe abolire il limite di velocità e trasformare le autostrade in piste di F1, tanto anche ora si vede gente che con una visibilità di 5m va a 130 all'ora!

giorgio belvedere 02.03.07 11:20| 
 |
Rispondi al commento

... magari è per poter raccogliere un po' di euro con le multe! Se una macchina fa il 270 Km/ora come possiamo immaginare che faccia i 50 in una strada prov.le?
Ho una focus e in 23 anni di patente credo di essere stata multata 2 o 3 volte per divieto di sosta. L'anno scorso mi hanno RITIRATO LA PATENTE PER UN MESE - DATO 350 EURO DI MULTA - E TOLTO 10 punti - perchè facevo i 92 km/ora in una DESERTA strada provinciale il sabato alle 14, perchè in quel tratto era segnato il limite dei 50! Io non discuto la multa ma l'INCOERENZA! e l'eccessiva pena a parer mio. Chiunque guidi sa quanto è facile fare i 92 Km/ora se la strada è libera e non si è in città... E per via di INCOERENZA e INEFFICACIA: Una persona che conosco è stata investita da un vero PIRATA DELLA STRADA che faceva i 160 e ha invaso l'altra corsia. Lui, il pirata incoscente, non s'è fatto nulla. La persona che conosco ha subito danni fisici e pscichici importanti ed è rimasto in rianimazione per mesi. Dopo più di un anno è ancora sofferente e non riprenderà certamente la completa autonomia di un tempo!! A CHI LO HA INVESTITO E' STATA DATA LA STESSA PENA: un mese di ritiro della patente, 350 euro e 10 punti.
SIAMO ASSOLUTAMENTE INCOERENTI MA SEPSSO ANCHE INCONSAPEVOLI (forse anche per la pubblicità) DI UN MONDO CHE VA "VELOCEMENTE", sì come un razzo, a ROTOLI!

maria pia bagnato 02.03.07 11:19| 
 |
Rispondi al commento

e la pubblicità è il mezzo migliore per produrre dipendenza...avanti così verso un futuro dove la tv sarà (o meglio è già) una scatola magica da cui escono incantesimi e malefici tramutati da tettone e bei sorrisi...sulle macchine?? sono d'accordo con Grillo!!! basta con questi pomposi spot il cui unico messaggio è l'apparenza eliminando il ragionamento...

Sibi marco Commentatore in marcia al V2day 02.03.07 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Ormai anche il navigatore satellitare è diventato un accessorio diffuso su molte auto, perchè non sfruttarlo facendo limitare le velocità dell'auto in base al codice in quel preciso tratto di strada, naturalmente con la funzione di poterlo spegnere soltanto da parte, per esempio del genitore ?

Ferrari Giuliano Commentatore in marcia al V2day 02.03.07 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non farsi promotori di una raccolta di firme per limitare la velocità massima delle vetture ai limiti di legge???

sarebbe solo una dimostrazione di coerenza da parte dello stato

saluti

Franco

Franco Lo Basso 02.03.07 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Completamente d'accordo! stop alla produzione delle auto missile che non hanno limiti di velocità...è inutile poi mettere il limite sulle autostrade!

grazie beppe, qualcuno finalmente ha il coraggio di dirlo!!

Paola Grandis 02.03.07 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Fabbrica del Super Caccia F-35 degli Usa in Italia: tempesta sul governo Prodi.

Prodi tace e il suo governo ottiene la fiducia sulla pelle dei pacifisti anti caccia F-35. Il Sottosegretario alla Difesa Lorenzo Forcieri firma al Pentagono il protocollo d’intesa su produzione, supporto e sviluppo del caccia Joint Strike Fighter noto come Jsf o F-35. Un'intesa per produrre i micidiali caccia F-35. Reagiscono vescovi, società civile e parlamentari. Il primo appuntamento a Vicenza il 17 febbraio 2007 per impedirne la fabbricazione a Novara, pare non abbia sortito effetti. Pare imminente l'avvio dell'assemblaggio finale di velivoli da combattimento da effettuarsi nel sito aeronautico di Cameri, provincia di Novara. I membri del “Tavolo di lavoro contro gli F-35” che hanno già aderito alla manifestazione in programma a Vicenza il 17 febbraio contro l'ampliamento della base Usa, tacciono. Il governo tace. Per la sinistra il progetto del JSF affossa la cooperazione europea e fa esplodere le spese militari.In termini economici e finanziari l’acquisizione dei velivoli comporterà per l’Italia un impegno stimato in circa 11 miliardi di dollari. Per la sola produzione delle ali del velivolo, già a partire dal 2008 e fino al 2014 si prevedono attività che potrebbero sviluppare un volume di risorse dirette crescenti fino a circa 2000 posti di lavoro. Ma Prodi tace. E' ben chiaro che questi sono caccia in grado di portare ordigni nucleari: fino a prova contraria il nostro esercito non dovrebbe averne bisogno. O no?

Nicola Facciolini 02.03.07 00:46| 
 |
Rispondi al commento

a tale proposito:
http://www.vittimestrada.org/

Luigi Garofalo 02.03.07 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

hai toccato un tema impopolare sul quale il mondo politico fa naturalmente orecchie da mercante. Si fa tanta demagogia sul limite … 140 o 130 o meno ancora e poi è lecita la vendita di auto che viaggiano a velocità siderali, la pubblicità e tutto quanto altro connesso.

In un paese come l’Italia, per azzerare le polemiche, si potrebbe ipotizzare qualcosa di simile:

Istituzione di una tassa sulla velocità da 1.000 euro annue da applicare a qualsiasi mezzo in grado di superare il limite di velocità consentito
Esenzione per tutti i mezzi che, pur in grado di superare i limiti, dispongano di dispositivi per autolimitare la velocità al massimo consentito sulle autostrade. Per gli automobilisti l’investimento nel dispositivo potrebbe essere supportato da convenzioni con le Compagnie d’Assicurazione, il cui profilo di rischio si vedrebbe sicuramente ridotto

Su 40 milioni di veicoli circolanti, se solo il 10% dei proprietari scegliesse di pagare la nuova imposta si otterrebbe finanza per ben 4 miliardi di euro … più del 10% di una “finanziaria” pesante …
Ovviamente, dispositivo o non dispositivo, le regole del codice, e quindi anche quelle relative ai limiti di velocità, manterrebbero piena efficacia nei confronti di chiunque.

Personalmente ammetto che sarei molto tentato di pagare la tassa … ma sicuramente non me la sentirei di lamentarmi …

Un saluto, in attesa della tappa di Milano del nuovo tour … come ogni anno.

Pier Luigi Fabiano

Pier Luigi Fabiano 01.03.07 23:47| 
 |
Rispondi al commento

sono spiacente ma sono in totale disaccordo con quasi tutti e anche con il mitico BEPPE..
su questo argomento potrei parlare e scrivere per settimane poiche ho vissuto in prima persona le autostrade italiane.
con un rapido calcolo posso asserire di aver percorso sino ad ora circa 2,5 milioni di km e, a dirla tutta, se la racconto è, con ogni probabilita, anche per culo.
quello che voglio dire che la colpa è certamente nostra nella gioventu spericolata (a 18 anni ho fatto in 12 mesi 11 incidenti con una fiat 127!!), buona parte di colpa va ai genitori troppo permissivi, ottima casuale la spinta degli amici bastardi,certo lo stile moderno impone coraggio ed abnegazione per dimostrare (a chi?) che ci sappiamo fare con l'auto e anche per fare colpo sulle gnocche!
la regola dovrebbe essere questa: andare per gradi; come puoi saper guidare se non sai neanche stare in piedi? soluzione: corsi di guida sicura abbinati alla scuola guida con auto da brivido da saper domare...altrimenti niente patente. sapete quanta gente non sa che in una frenata improvvisa per avere un risultato buona non bisogna MAI SCHIACCIARE LA FRIZIONE? e voi lo sapete? chi è in grado di utilizzare il freno a mano per fare testa coda in caso di pericolo contrario? chi sarebbe in grado di( in caso di neve o di asfalto scivoloso) lasciare tutti i pedali per tentare di raddizzare l'auto? quanti possono vantarsi di avere il sangue freddo necessario per eseguire queste operazioni?
..non credo molti e, meno che meno, i ragazzi di oggi che sono sboroni nel correre ma non sanno neanche come fare a frenare nel monor tempo possibile ed in tutta sicurezza..
CREDETEMI, PER SAPER ANDAR PIANO E BENE BISOGNA INSEGNAR LORO A CORRERE E FRENARE CON LA TESTA (QUELLA IN ALTO!)

silver c 01.03.07 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ingegnere ormai 62.enne (ahimè). Mi è arrivata una mail, sponsorizzata da Beppe Grillo, sulla necessità di adoperare l'idrogeno quale fonte di energia per le automobili. Ti volevo dire: a) l'idrogeno non esiste libero in natura; b) pertanto bisogna produrlo adoperando un'altra forma di energia, ovvero, l'idrogeno non è una FONTE di energia, ma un VETTORE di energia; c) attualmento l'inquinamento da "tubo di scappamento" è democratico nel senso che chi lo fa se lo succhia; d) per produrre idrogeno bisogna bruciare petrolio (sarebbe stupido pensare ad una fonte rinnovabile che può essere adoperata immediatamente come tale). Il petrolio si brucia per esempio nella centrale di Pietrafitta (Perugia) vicino alla quale io abito. Conclusione: l'inquinamento prodotto a Roma, anzichè succhiarselo i romani, se lo succhierebbe tutto il sottoscritto. Baci.

Guido Veltri 01.03.07 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente non penso che il problema sia nella auto, così come non è nelle sigarette, né nelle droghe.
Il problema siamo noi, il problema è l'uomo, che spesso non usa (o nei casi più disperati non ha)il suo cervello e il suo buon senso. E soprattutto non conosce i propri limiti.
Saluti

Chiara Rossi 01.03.07 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe...anche io la pensavo come te, ma poi ho perso quattro amici in un incidente stradale. Non correvano, andavano a 60 Km/h, erano le otto di sera, non erano ubriachi, e tanto meno drogati (erano sportivi loro!!!)il ragazzo che guidava era una persona responsabile, aveva 26 anni, poi uno esce diritto dallo stop, li fa sbandare e loro finiscono sotto un tir. Non credo che il poveretto uscito dallo stop si fosse svegliato quella mattina con la voglia di far morire quattro persone, ma non è giusto che a tre anni di distanza si sia fatta solo un'udienza del processo, lui continui ad avere la patente e a guidare indisturbato una nuova macchina. Perchè una persona che "causa", anche involontariamente, una cosa del genere deve restare impunito? E le famiglie di quei ragazzi devono soffrire ogni giorno, aggrappandosi ad un processo logorante ed estenuante che non da giustizia e non da punizioni. Lui non rischia niente!NIENTE! Perchè si dovrebbero rispettare i limiti? Guidare con prudenza? Non ubriacarsi prima di mettersi al volante? Tu dirai per il valore della vita, sono daccordo!Ma uno che beve che valore della vita vuoi che abbia? Per tutelarci da queste persone dobbiamo avere una "giustizia" che stia dalla nostra parte! Pene più severe, multe molto più salate, non ritiro della patente per tre mesi!!!RIDICOLO!Ritiro della macchina per chi supera i limiti o guida in stato d'ebrezza, ma non gliela devono più ridare (la macchina)!si sento molti casi di persone a cui hanno ritirato la patente 6, 10 volte e poi alla fine prendono sotto la vecchietta che attraversa le strisce!Ma non si poteva far qualcosa prima?Sono molto arrabbiata Beppe! Ci sentiamo presi in giro ed abbandonati, soli!Sappiamo che il giudice ultimo non concede indulti e non fa appello a cavilli legali, che il suo giudizio sarà veloce!Ma vorrei solo che anche in questo "mondo" ci fosse un po' di obbiettività ed equità...insomma...un po' di GIUSTIZIA.
Grazie per lo spazio che ci dai! Clara

Clara Dissegna 01.03.07 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che c'è chi comincia a dirlo

Ubaldo Schiavi 01.03.07 19:47| 
 |
Rispondi al commento

ma come si fa a cambiare questo mondo?sono davvero scoraggiata.che futuro daremo ai nostri figli un domani?

Paola Cagnazzo 01.03.07 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carro Beppe,
incidenti, morti, velocità ? Chi e che controlla ? Quante pattuglie della stradale, quanti controlli della municipale avete visto ? Dove sono i radar ? Finchè non saranno controlli severissimi come al estero, dormiamo sogni tranquilli e guidiamo senza nessuna responsabilità e senza rispettare nessuna regola, indisturbati! Vano portati in campo tutti i mezzi di controllo, ma se "il governo" non li spinge nessuno si move !!!

Tiberio.

tiberio georgescu 01.03.07 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
qui la questione è complessa: per un cinquantennio i media ci hanno bombardato di pubblicità e utilizzando paroloni come 'sicurezza' o 'attenzione all'ambiente' hanno fatto in modo che ognuno di noi acquistasse auto sempre più potenti. In realtà non si è veramente puntato sull'utilizzo dei mezzi pubblici, ad esempio Roma ha due metropolitane (diciamo due e mezzo) contro le oltre 30 di Berlino, dove un cittadino può 'scegliere' di non acquistare un mezzo privato.
Si tratta di scelte, e spesso sono filosofie di gestione controllate dall'alto, il cittadino può fare qualcosa, ma molto poco. Possiamo girare in motorino, possiamo acquistare mezzi meno inquinanti, ma se non vi è una politica che 'incentivi' questo genere di scelte, l'utente medio è portato a dirigersi verso le soluzioni che stiamo vivendo.
Un saluto e grazie per quello che fai.

Luca G. Commentatore certificato 01.03.07 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè i nostri politici al posto di fare leggi inutili non mettono un divieto alla guida di auto o moto potenti a chi non possiede la patente diciamo da lameno 10 anni?

Luca Bolognini 01.03.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe, finalmente sento dire da te ciò di cui parlo da anni! Fanno sempre auto più veloci esaltandole a dismisura,ne hanno fatto uno status simbolo,i cervelli non valgono più niente, conta solo l'apparire ,influenzando maggiormente i giovani; della sicurezza nessuno parla, come mai in formula 1 non muore (giustamente) più nessuno noi se andiamo a sbattere con queste formidabili auto a 80 all'ora crepiamo ??

anna torana 01.03.07 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è vero che potenze di 200 cavalli sono eccessive. E' vero che la velocità è la componente pericolosa della circolazione, infatti se tutti stessero fermi, non succederebbe nulla. E' vero anche, devi darne atto, che sulle strade non ci sono più controlli. Escludiamo i multavelox. I cotrolli vengono fatti solo dopo l'icidente. Quando iniziai a guidare c'erano pattuglie della polstrada e/o carabinieri e/o vv.uu. che controllavano il comportamento. Qualche volta sono stato redarguito, non multato (ho fatto unmilione e mezzo di km senza incidenti e senza multe), per aver pestato la riga bianca continua, per un'accelerata di troppo. Quello che Bruno (l'indimenticato Gassman) commette nel film "Il sorpasso" è all'ordine del giorno ma nessun automobilista viene mai fermato per le imprudenze che commette. L'esigenza è di un controllo maggiore sulla strada. Credimi, un'occhio attento sa chi commetterà l'infrazione. Io guido ancora con la convinzione che dietro ogni curva, accanto ad ogni punto dove si potrebbe commettere un'infrazione, ci sia una pattuglia pronta a fermarmi (che fesso sono). La guida disinvolta e prepotente, prima o poi mette nei guai anche chi non c'entra. Basterebbe un ragionamento di questo tipo: se piloti di formula uno e di rally escono di strada, siamo più bravi di loro? Un errore di valutazione lo possiamo commettere tutti. In gara ci sono vie di fuga, sulla strada ci sono fossi, muri e soprattutto gli altri.

Giovanni Rossi 01.03.07 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Lunedì sul giornale c'era la foto delle due macchine distrutte (incidente di Cattolica).. da fa venire i brividi. Io ho 25 anni e l'unico incidente da quando guido è stato un tamponamento in prima. Io non capisco. chi guidava aveva 2 anni meno di me ma probabilmente sono un caso a pare... se devo guidare non bevo, se sono stanca non guido, se suona il telefono non rispondo e la cintura è sempre allacciata, anche per fare 5 metri. Quello che mi chiedo è perchè quel ragzzo guidava una macchina così potente. Forse si presume che a 23 anni si abbia un minimo di testa ma spesso non è così. Avere una macchina grossa sotto il sedere ti fa sentire sborone, invincibile senza pensare alle persone che sono con te o chi ti aspetta a casa. Le pagine della cronaca locale (Rimini) sono troppo spesso piene di stragi del sabato sera o incidenti mortali. Secondo me il problema più grande è la mancanza di responsabilità nei ragazzi. Forse sono un caso a parte, un eccezione ma io ho una gran paura a girare per strada. Mi fido delle mie capacità ma non di quelle degli altri.
Beppe trova la foto che era su "la Voce di Rimini", guardate come era ridotta la macchina e guardate il Mercedes con a bordo la famiglia contro cui sono andati a sbattere. 4 ragazzi morti, una famiglia, tutti e 4 i genitori e i due bambini che si sono salvati perchè erano nei loro seggiolini, con le gambe rotte, ricoverati in 3 ospedali diversi. Iniziamo a rendere obbligatorio un corso di guida sicura gratuito e limitiamo la velocità nelle auto. Vale

Vale Into 01.03.07 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In germania che NON ci sono limiti, muore meno gente che in Italia... forse mancano le auto potenti o forse mancano i COATTONI che pur a 140 km/h si incollano a 10 cm dal tuo culo e lampeggiano per passare... bhè io vorrei solo dire a questi gentiluomini che in quel momento stanno attentando alla propria e altrui vita, che la strada è di tutti, che basta attendere solo pochi secondi o rallentare preventivamente per dare il tempo al sorpasso altrui. La causa dei tamponameti è la distanza di sicurezza ad OGNI velocità... In Italia chi la rispetta?
Caro Beppe, un padre che regala o presta la propria auto di oltre 100 CV è un irresponsabile di suo, fermo restando che ci si ammazza anche con la fiat 600!!!

Filippo Luly 01.03.07 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero, la pubblicità è tutta incentrata su macchine, telefonini e finanziarie.
Ma è anche vero che ognuno di noi ha un TESTA con cui poter pensare.

Come mai, nonostante io veda la tv come gli altri, non mi vado a indebitare per compare un bolide con cui correre a 200 all'ora, e di cambiare il telefonino ogni settimana me ne frego????

Troppo facile dar la colpa alla tv, alla pubblicità, alla società.

Sandor pepe 01.03.07 15:13| 
 |
Rispondi al commento

perchè non si immatricolano le auto, come è avvenuto per i motorini, con il limitatore di velocità?
Visto che nelle strade italiane e anche quelle del resto del mondo, non si può superare i 130/140 Km orari, mettiamo dalla fabbrica i limitatori di velocità a 150/160!
Troppo semplice? si lo so anch'io che c'è di mezzo il Dio Denaro ma anche per le sigarette 10 anni fa nessuno credeva di proibire la pubblicità delle stesse e di fumare in luoghi pubblici!

silvano b. Commentatore certificato 01.03.07 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, se vogliamo parlare d'inquinamento va bene, ma sui limiti di velocità, ridicoli in Italia, è tutta un'altra storia... la velocità, a differenza di ciò che si vuol far credere è solo una concausa o un'aggravante nelle condizioni di un incidente, le vere cause sono da ricercarsi nell'INCAPCITA' totale di certe persone alla guida, per paura o indecisione, nella PREPOTENZA e STRAFOTTENZA delle banali regole di precedenza, nelle distrazioni in continuo aumento, all'inizio solo per la radio, poi per il cellulare, oggi anche il navigatore.... In autostrada poi c'è la totale disconoscenza del codice, che obbliga tutti i veicoli a percorrere la corsia più a destra, ma di fatto ci camminano solo i TIR...
La forte Velocità poi è un parametro assoluto che ha meno rilievo di quello relativo, ovvero della grande differenza di velocità tra due veicoli, causata si da un veicolo troppo veloce, ma anche da un veicolo troppo lento.. La gente che cammina a 60Km/h nella corsia centrale dell'autostrada rappresenta un pericolo per se e per gli altri esattamente quanto uno che viaggia a 160Km/h.
Pertanto ognuno dovrebbe avere abbastanza cervello per saper usare il proprio mezzo. Oggi secondo il tuo criterio solo le microcar restano sotto la possibilità dei 130 Km/h.

Filippo Luly 01.03.07 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si muore dappertutto con l'auto, si muore meno deve c'é e viene imposto il senso della disciplina in virtú del rispetto per le vite altrui.
In Germania, vivo nel Baden-Würtemberg, se non é indicato, nelle autostrade non c'é limite di velocitá, gli incidenti, quando avvengono sono spesso causati dai TIR che possono fare manovre di sorpasso.
Ció non significa che i tedeschi siano dei sprovveduti: quando acquisti una macchina di grossa cilindrata, normalmente ti consigliano un corso di guida extra per questo genere di autovetture. Dove sulle piste!
Il resto degli incidenti avviene nelle strade secondarie dove i limiti esistono! La Swarzwalderstrasse, una delle strade piú famose della Germania, é disseminata di croci, spesso appartengono a persone che guidavano in condizioni non idonee o frettolose e distratte.
Detto questo, se vicapita di percorrere le strade tedesche non é difficile incorrere negli autovelox (Blitzer), che vengono installati a caso, un po' ovunque e soprattutto senza preavviso. Ci sono anche gli apparecchi fissi.
Una particolaritá non consente ai neopatentati di utilizzare, nei primi 3 anni di patente, automobili di grossa cilindrata. Le leggi sui neopatentati sono molto severe e prvedono il ritiro della patente anche per infrazioni che per tutti gli altri risultano abbastanza semplici.

Marco Ichnos 01.03.07 14:34| 
 |
Rispondi al commento

sai qual'è il vero problema? non è la velocità o i limiti,che qui in italia si sono fermati a quando le auto facevano i 70 all'ora come velocità massima, è la gente che non sa guidare.Dovrebbe essere obbligatorio fare un buon corso di guida sicura.Andrebbe inserito nella scuola guida magari al posto di quei cavolo di quiz che più che valutare la preparazione alla guida, sembrano dei trabocchetti presi dai giornalini delle parole crociate. Allora si che tutti saprebbero come controllare la macchina e come reagire agli imprevisti. E poi dai un vecchietto che va ai 50 all'ora in autostrada è tanto pericoloso quanto un cretino che va a 200.

ALE ale 01.03.07 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe, comincia a rottamare la tua Toyota Prius che costa 70mila euro e fa i 200 all'ora! Buon esempio: RESET!

Adelmo Perdue 01.03.07 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che occorra maggiore controllo sulle strade da parte di Vigili e Polizia Stradale.

Negli Stati Uniti se non rispetti i limiti stradali vai direttamente in prigione e vieni schedato.
La maggior parte degli italiani non è capace di pensare al proprio bene oltre al bene della comunità se non dietro imposizione da parte delle autorità.

La tragedia è che in Italia c'è scarsità di presenza della Stradale e chi vuole rispettare i limiti non è tutelato:

In Italia se vuoi rispettare il codice della strada devi difenderti dall'arroganza di coloro che ti lampeggiano a 30cm. dal posteriore della tua auto o ancora peggio rischiare di farti superare da destra dallo str**** di turno.

Tempo fa qualcuno si è anche permesso di superarmi e piantarsi davanti a me frenando bruscamente, senza più muoversi per circa un minuto. Tutto questo perchè andavo troppo piano. Ma quanto bisogna correre in città? Il limite era di 40km/ora!

L'unica risposta è la repressione dura davanti a comportamenti incivili ed arroganti.

In Svizzera non ho mai avuto problemi a rispettare il codice della strada, a parte l'arroganza di qualche automobilista deficiente quasi sempre italiano. Quello si che è un paese civile! Se ti trovano di sera a compiere una grave infrazione di portano dritto in cella di sicurezza e ci rimani tutta la notte!

David Lester 01.03.07 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo!!
L'ho sempre pensato.
Perché avere una macchina da 300km se poi "non puoi" utilizzarla?
Se vuoi correre vai in pista ed affitti una macchina da corsa!
Ovviamente la pista deve avere dei prezzi contenuti, lo stesso dovrebbe essere fatto con le moto..

Remo Moro 01.03.07 12:55| 
 |
Rispondi al commento

io penso che si possa, come è già avvenuto per i motorini 48cc, immatricolare le macchine in italia con il limitatore di velocità.
E' troppo semplice? forse è per questo che non si applica.

silvano boyer 01.03.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me si moriva di più per le cadute da cavallo 80 anni fa che per gli incidenti automobilistici oggi.

Eppure nessuno proponeva di utilizzare le mucche al posto dei cavalli come mezzo di trasporto.

guido bernardi 01.03.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero che ci si può ammazzare anche a velocità più basse, ma è vero anche che le auto in questione non erano delle modeste 126 (la mia faceva gli 80 in discesa). Vogliamo parlare del delirio di onnipotenza che coglie certi individui solo perchè si trovano al volante di auto particolarmente costose? Purtroppo il buonsenso non lo allegano alla patente. Se non vado errata, ai camion è stato imposto un limitatore di velocità e un cronotachigrafo per consentire di punire chi non rispetta le regole e tutelare gli automobilisti. Non voglio creare nuove polemiche, ma perchè non fare la stessa cosa per le automobili? A mio parere, dover consegnare un documento che attesti veramente quanto siamo o meno disciplinati sarebbe il miglior deterrente. Segnerebbe anche la fine dei velox e dei laser più o meno visibili, in quanto sarebbe tutto scritto su un foglietto, nero su bianco. Ma mi rendo conto che una proposta impedirebbe ai tanti -troppi- assi del volante di poter sfrecciare ai 200 perennemente in corsia di sorpasso.

erika staropoli 01.03.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Tristemente, posso solo concordare.

Manuela R. Commentatore certificato 01.03.07 12:21| 
 |
Rispondi al commento

lunedi sono entrato in una concessionaria Ford,per un farmi fare un preventivo sul modello focus s.w.la mia idea prima di entrare in concessionaria era quella di acquistare un benzina per poi installare un impianto a metano.ne sono uscito un po perplesso si perchè il diesel costa di meno del benzina se dovessi montare un impianto oltretutto perderei la garanzia.cazzo ma è così difficile trovare un'alternativa al petrolio.ciaoo

Giovanni Bersini 01.03.07 12:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci si schianta e ci si ammazza anche a 110 o a 130 kmh.
Si guida senza il minimo rispetto per gli altri, potrei raccontarvi cosa succede ogni giorno sulla s.s. Pontina; non sono pericolose le strade, sono pericolosi i COMPORTAMENTI DI CHI GUIDA.
+ educazione
+ rispetto per gli altri
(la velocità.... è un fattore molto secondario)

Paolo Trinchieri 01.03.07 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dunque una macchina che supera i 130 va ritirata... e dove il limite e' 90? E dove e' 50? Che si fa? La si prende a martellate?
Grillo son gli automobilisti a sbagliare, le auto da sole stan ferme. Nessuno e' obbligato a spingere al limite un mezzo su strada.
Allora proibiamo i coltelli da cucina che in tanti hanno usato per commettere delitti??

Beppe, ma perche' quando parli di auto non ne azzecchi una? Disinformazione o qualunquismo?

Andrea Boarini 01.03.07 11:55| 
 |
Rispondi al commento

"Le pubblicità sono al 45% di telefonini e al 45% di macchine di grossa cilindrata. Il rimanente 10% di finanziarie. Uno si indebita. Compra macchina e cellulare. E si schianta mentre parla al cellulare a 200 all’ora."
Penso che se uno si schianta a 200 all'ora parlando mentre parla al cellulare sono cavolacci suoi: è incorso consapevolmente in più infrazioni al Codice della Strada! Poteva pensarci prima che è pericoloso!
Dobbiamo insegnare a guidare prima di tutto e infondere il rispetto delle regole!
Poi con le auto da 280 all'ora andremo a divertirci in circuito o nelle gare di rally.

Alberto Grassi 01.03.07 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se in una strada su cento automobilisti quattro non rispettano il limite di velocità vanno multati. Se NON lo rispettano in novantasei E'SBAGLIATO IL LIMITE! Si chiama democrazia....

Matteo Gilberri 01.03.07 11:49| 
 |
Rispondi al commento

SIg. carlo casella non ho parlato di alzare il limite a 200km/h per le macchine potenti e piu sicure di una panda!
Si sa benissimo che la responsabilità di chi guida puo risolvere ogni problema!!! ma se ci sono molti irresponsabili? bisogna subire?
Credo che si puo benissimo limitare la velocità in base a dei parametri fissi..tipo l'anno di costruzione e le dotrazioni di sicurezza
e quindi limitare:
una nuova panda a 120
una panda vecchio modello a 70/80
una clio del 95 a 110
una clio 2006 a 130
una bmw del 95 a 120
una bmw del 2006 a 140
al limite controllare il tutto disponendo il limitatore a 150kmH su tutte le auto!
NOn credo che sia ipocrisia!
Ma questo puo essere ancora di piu da incentivo per i costruttori per dotare le macchine il piu possibile con dispositivi di sicurezza ed averli già di serie per quello che costano!!!!
Si ridurrebbero cosi le auto datate dalle strade e si inquinerebbe meno!

Poi certo questo è un argomento con diversi punti di vista e diverse problematiche:
ad esempio nn so chi lha detto.. ma le strade italiane non sono adatte ad automobliti che superano i 150 km/h comprese le autostrade!
No abbiamo le autostrade concepite per le auto degli anni 60!!! è come mettere un treno ad alta velocità su binari del 1950!!!

mario molino 01.03.07 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo; la pubblicità avvelena la coscenza e la ragione. Ne beviamo a litri senza preoccuparci delle conseguenze. Ma non é solo chi produce o vende o pubblicizza complice di morte, ma anche a volte la famiglia stessa che consegna sul vassoio strumenti ingestibili senza preparazione o senso di responsabilità, e la società stessa che accetta la carneficina dell'essere umano, dando per scontato nuovi presunti valori che tutti devono avere o inseguire.
E' un fatto di cultura, di sensibilità che manca, non solo di pubblicità. Vale lo stesso per il calcio, la politica, il degrado ambientale, etc.
Ragioniamo prima di bere, aiuta a digerire.
Marco

marco Francesconi 01.03.07 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Noi esseri umani (soprattutto noi italiani) siamo dei grandissimi….
Vale per il codice della strada ma vale per tutto…Nel momento che viene stabilita una regola da rispettare ognuno di noi la interpreta alla sua maniera…limite 130 km/h…si…ma io sono un manico a guidare e quindi posso permettermi di andare anche più forte…rispettare le distanze di sicurezza?…ma scherzi io ho fatto un corso di guida sicura, faccio 150.000 km all’anno e so controllare la macchina in controsterzo…..mentre siete in autostrada….state guidando la vostra bella macchinina a 140-150 km in terza corsia…traffico sostenuto…siete a 40 mt di distanza dalla macchina che vi sta davanti… provate a immaginarvi se il ducato che sta alla destra della macchina che vi precede, per un’attimo di distrazione tocca la macchina che lo sta superando e sbanda….pensate che con il vostro kazzo di corso di guida sicura potreste cavarvela?….e poi il bello sai cos’è? è che se anche tu riesci a fermarti in tempo lo stronzo con gli occhiali scuri e il mercerdesaudibwmdelcazzo che ti sta lampeggiando a 40 cm dalla tua macchina ti fionda nel culo beatamente così come gli altri…tu me lo racconti nella prossima vita il tuo cazzo di corso di guida sicura…
Ma che kazzo vuol dire tanto ci si ammazza anche ai 60 km all’ora? Ma uno può anche ammazzarsi in casa inciampando sul tappeto di casa e battendo la testa sul tavolino….a 150 km/h si fanno quasi 42 mt al secondo…
Le regole? Sono per gli altri!!! 100.000 persone? 100.000 regole….così saremmo davvero in un paese libero…..

marco martelli 01.03.07 11:03| 
 |
Rispondi al commento

La vita è il bene fondamentale da tutelare. Una volta perduta .... niente ha più senso. Non è perche non capita a noi possiamo fregarcene. Ben vengano le discussioni sull'utilizzo proprio o improprio delle auto, dei motorini e di qualsiasi cosa che porti, con fatalità o meno, alla morte delle persone. Senza dubbio è questione di cultura, ma durante una certa fase della vita, in special modo quella giovanile, certe cose appaio scontate ... ed invece non è cosi.

diego ingrassia Commentatore certificato 01.03.07 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me hai ragione per quanto riguarda la pubblicità: le case produttrici di automobili NON devono sottolineare come stanno facendo sempre più spesso la potenza e la velocità dei veicoli; questo induce psicologicamente chi ascolta, anche se non ha quell'auto, a cercare di far vedere che "sa andare più forte" degli altri. Però non metterei nessun limitatore alle auto, ma tasserei molto più fortemente di ora quelle estremamente potenti e/o veloci (oltre 200 KmH di velocità o di 150 cv di potenza), e rimetterei il divieto di guidare mezzi potenti e veloci a chi non ha almeno 2 o meglio 5 anni di patente e magari anche l'obbligo di frequentare e superare un esame in più di guida sicura.
Però quello che manca o è insufficiente in Italia è la vigilanza ! Le pattuglie sono con gli autovelox nei tratti rettilinei e/o in discesa dove vige (per un tratto molto più lungo) un limite di 80 o 90 o 100 KmH in quasi assenza di traffico e nelle migliori condizioni meteo....
Se invece controllassero i comportamenti degli automobilisti (e dei camionisti e dei motociclisti) sarebbe di grande aiuto per la sicurezza stradale, più dei rilevamenti della velocità. Lunedì mattina ero sulla A21, e davanti a me avevo una macchina che si spostava da una corsia all'altra senza indicarlo con la freccia e senza curarsi degli altri che sopraggiungevano, viaggiando a circa 120 KmH. Poi mentre la sorpassavo ho capito perché: era una donna impegnata a conversare al telefonino tenuto all'orecchio con la mano sinistra (non poteva azionare la freccia quindi...), nonostante i kit vivavoce costino ormai pochissimo e siano anche senza installazione. E' molto più pericolosa quella che va a 120 in un tratto col limite a 130 che uno che va anche a 150 ma con la dovuta attenzione a quello che gli succede intorno e pronto a frenare (con ABS, EBD ecc.) !
Che ne dite ?
Saluti da Giorgio - Genova

Giorgio S. Commentatore certificato 01.03.07 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
il problema è nel cervello della gente. Quante volte avrai visto la scena: scatta il verde, tutti affondano l'acceleratore per guadagnare la "testa dello schieramento" magari dopo 100 metri c'è un altro semafore, ROSSO, per cui occorrerà frenare (si spera...). Spreco, spreco, spreco. Spreco di italioti che si nutrono di pubblicità italiota, parlando in italiota ai telefonini fabbricati in ASIA (su macchine quasi tutte fabbricate in ASIA o paesi dell'est).
E che dire di chi si compra il SUV (e fa pure i debiti!) per colmare le proprie frustrazioni ... L'italietta è piena di italioti/e frustrati/e SUV_muniti che combattono la loro "rivincita" sulle strade, ai parcheggi, ai semafori a colpi di arroganza e cafonaggine.

Beppe for President!!

Carlo Sca 01.03.07 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Morti, sangue, le "famose" stragi del sabato sera..
Io credo che tutte queste raccapriccianti parole "tanto coniate dai nostri telegiornali",non siano altro che il frutto nato da una serie di concause, di natura sociale e culturale.
Mi spiego: Dall'alcool, alla chiusura dei locali notturni entro un certo orario,dalle macchine di grossa cilindrata "guidate da persone di bassa cilindrata mentale" all'educazione stradale(che dovrebbe essere insegnata ancora dall'elementari!),alle istituzioni urbane che non vigilano sufficientemente le nostre strade..per arrivare infine a chi, ci propone in continuazione "Supercar" che sfrecciano a 250 km/h, da 0 a 100 in 2,6 sec???!!!! Chiaro che l'utente abbiente e "sprovveduto" provvederà subito a comprasene una..
Qui il cerchio si chiude. Il mercato automobilistico fa il suo gioco.E lo stato? lo lascia giocare.. Peccato che però gli errori commessi in questo strano gioco di società siamo sempre noi a pagarli.

Dellavedova Andrea 01.03.07 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Se si fa un salto indietro con la memoria si troverà che una cara vecchia panda costava 7-9 milioni, ed era una macchina ideale per i neopatentati, non andava neppure a spingerla ma la gente ci moriva uguale.
Ora con quei soldi si compera forse la tanto discussa minicar o uno scooter; e anche con questi la morte è sempre alla porta.
Ora in commercio si trovano macchine dai costi decisamente proibitivi, che ineviutabilmente richiedono delle finanziarie per l'acquisto, dato che ormai l'imprenditoria italiana è morta e con essa gli stipendi di tutti noi. Se poi ci si aggiungono le varie manovre finanziarie al dissanguamento collettivo il quadro è fatto. Da un lato debito, dall'altra l'ogettiva necessità, visto il fenomeno del mobile worker (sottopagato) e la scadente infrstruttura di trasporti di dover avere un mezzo di locomozione prorpio.
Cosa fare quindi di fronte al bivio dormo in piedi per andare al lavoro con i mezzi pubblici e mi indebito per comperarmi una macchina?
L'alternativa potrebbe essere compero una moto.... ma chi si fida di andare in giro per molti km in extra e in urbano in moto quando in italia ci sono troppe macchine, sempre più sicure per i loro occupanti (vorrei vedere visto i costri stellari), su strade sempre meno sicure per i loro fruitori? E allora uno si domanda come mai ci spremono di tasse, ci fanno macchine sempre più costose, sicure e veloci, e lo stato ci mette a disposizione strade sempre più fatiscenti e a rischio di morte (strade simili le ho viste solo nella vecchia Romania e in URRS).
Il problema non sono le macchine che corrono... io con la macchina e le moto ci corro in pista da ormai una vita e la non ci crepi così facilmente. Il problema è chi crea il proibizionismo (vedi patenti a punti) facendo dilagare l'ignoranza (patenti date a gente incapace o malata) e la fatiscenza delle infrastrutture di trasporto e di collegamento.
La mia domanda è sempre dove vadano tutti i soldi che lo stato tanto celermente richiede... boh

Michele Brissoni 01.03.07 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno sig.Grillo,non e' cosi facile secondo me trattare l'aqrgomento auto...
Io cambierei il sistema patenti,c'e' gente che sa' guidare e gente che l'auto la usa solo nei week end.
Faccio una media di 5/6.000 km al mese per lavoro (rappresentante per la mia societa')e per strada ne vedo di tutti i colori..in autostrada poi e' un disastro.
A parer mio il limite di velocita'deve essere rapportato a come uno sa portare l'auto,questo certamente non vuol dire che Fisichella o Valentino Rossi possono girare ai 300 orari in centro storico,ma se si differenziano gli esami per la patente inserendone anche una con un corso di guida in autodromo?Serve un totale non per andar forte per la strada ma per insegnarti a conoscere i tuoi limiti e quelli della tua macchina(l'ho fatto per divertimento ma mi e' servito un totale).
Sai una volta una mia amica mi disse:Mamma mia Mirco la tua macchina fotografica fa' delle foto stupende...Sai cosa gli risposi...se non cerco il momento e se non schiaccio il bottone..da sola non le fà...
Non ricordo chi fu il comico (penso tu),una volta lessi un'articolo sul giornale...Montagna assassina,muore alpinista che si era avventurato in una rischosa scalata...
Ehm....montagna assassina? o alpinista "furbo"?(il termine era un'altro ma mi sembrava irrispettoso nei confronti delle vittime,che in fin dei conti avevano tutti pochi anni in meno di me).
La macchina puo' andar piano o forte...sta nel conducente schiacciare il pedale del gas,diamo una eta' minima per questa superpatente (so che a volte ci son persone che la maturita' non la raggiungono mai ma si spera che qualcuno si salvi) e mettiamo un tetto di potenza alle auto per i giovanissimi,auto che pero' devono avere tutte le sicurezze del caso anzi un pò di piu'...
Grazie per questa opportunita' sig. Grillo e spero di rivederla presto in un suo spettacolo o in tv.

Mirco Costa 01.03.07 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Potrebbe non essere una cattiva idea quella di mettere limitatori di velocità obbligatori sulle auto, ma chi dovrebbe insegnare (soprattutto con esempio e buon senso) ai propri figli come tutelare la propria vita sono i genitori...magari potrebbero essere incriminati per omicidio colposo quelli che danno in mano ai figli macchine pericolose, ma soprattutto quelli che con il propirio esempio diffondono la subcultura del non rispetto per la vita, propria o altrui.

Federico Amianto 01.03.07 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Le auto sono e dovrebbero rimanere mezzi di trasporto..il problema è che non è così;ho letto che le auto rappresentano (per i maschi) l'estensione della virilità (Bah!!).Su una cosa sono daccordo c'è gente che guida con la testa che ha in mezzo alle gambe.

orso settantasette 01.03.07 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo con te, e' da tanto che sostengo che se la legge stabilisce un limite di velocita' le auto non dovrebbero andare oltre e a chi non va bene non rimane che andare a piedi o con i mezzi pubblici. Finiamola con il nasconderci dietro alla repressione degli autovelox o i punti della patente, eliminiamointanto il pericolo di impattare a oltre i 130 km orari e poi ben vengano i controlli con tutti gli strumenti possibili affinche' tutti si ripettino certe regole.La liberta' non e' di andare veloce, per questo ci sono gli autodromi, la liberta' e' di circolare senza essere un pericolo per gli altri.Ascoltiamo sempre piu' spesso di tragedie dove spesso a morire sono quelle persone che pur andando tranquille per la loro strada sono state investite da chi si crede un pilota, alla guida di bolidi a velocita' assurde, questo deve finire e l'unico modo e' non far circolare piu' vetture così potenti. Le case automobilistiche concentrino le loro ricerche non piu' sulla potenza e velocita' ma sulla sicurezza rendendo di serie tutti quei dispositivi di sicurezza che oggi in molti casi sono optional, e cosa non meno importante sul consumo di questo" benedetto petrolio".Sul fatto che l'industria non venderebbe piu' auto non sono d'accordo, perche' se tutte le vetture andassero alla stessa velocita' massima la scelta si indirizzerebbe verso altri parametri oppure come gia' detto una camminata fa sempre bene.

stefano paolicchi 01.03.07 09:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'unica cosa che si potrebbe fare per cercare di risolvere, o meglio, di arginare il problema delle stragi del sabato, del lunedi, del martedì e via dicendo, è quella di sensibilizzare le persone al problema. Finchè si pensa che non potremo essere noi i prossimi a finire a pezzi sull'asfalto con un lenzuolo sul viso, prede degli sguardi incuriositi degli automobilisti che in coda passano ad "ammirare" la scena dell'incidente cercando di carpire più particolari possibili, non si arriverà mai da nessuna parte.

Si acquista una macchina da 200 km/h? che problema c'è? l'importante è avere un cervello che funzioni e sapere come usarlo.
Bisogna sensibilizzare la gente sul fatto che di vita ce n'è una sola e vale pure parecchio, solo un demente se la giocherebbe con la facilità con cui si gioca una schedina del lotto...

Secondo me limitare le auto non servirebbe a niente, una persona è in grado di ammazzarsi anche a 60 km/h se, in preda ai fumi dell'alcool,di droghe o magari semplicemente per distrazione, imbocca lo svincolo della tangenziale in contromano (questo sempre ai fatidici 60 km/h e come è già successo.
Le limitiamo a 30 km/h o a 10? o le aboliamo addirittura?

Tempo fa lessi su una nota rivista scientifica che a velocità sostenute la soglia di attenzione aumenta esponenzialmente ( ovviamente in una persona che non abbia preso sostanze di nessun tipo) contro invece lo stesso esperimento svolto a velocità più limitate...sarà vero?

Finchè la vita di una persona varrà come una moneta da 1 cent...non si arriverà mai da nessuna parte...

vIper x 01.03.07 08:55| 
 |
Rispondi al commento

ABOLIAMO LA TV E LA SUA PUBBLICITA',LE SUE INFORMAZIONI FASULLE E PILOTATE...PRENDIAMOLA E GETTIAMOLA DALLA FINESTRA!!!SIAMO NEL 2007...LA TV E' OBSOLETA!!!!SI DEVE USARE SOLO INTERNET!

marco tiso 01.03.07 08:38| 
 |
Rispondi al commento

In giro c'è troppa gente che la macchina la dovrebbe vedere solo in fotografia!
Persone che in mezzo al traffico quotidiano diventano un PERICOLO per gli altri per il semplice fatto di non essere i grado di guidare (anche a basse velocità) in mezzo ad altri veicoli.

Luigi da Roma 01.03.07 08:18| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti,
farncamente mi sembra un po riduttivo. bisognarebbe insegnare alle persone ( di + ai giovani) che non siamo in videogame e che la vita è una sola,in altre parole ad apprezzare il valore della vita. poi bisognerebbe non dare a dei neo patentati delle auto che fanno i 230kh fermo restando che ti puoi ammazzare e ammazzare anche gli altri anche andando a 110 kh. in più c'è da dire che in italia oltre i 140 kh è molto pericoloso viaggiare a causa del manto stradale in ogni dove quasi sempre distrutto. la colpa non è sempre dei mezzi m,a dell'uso improprio che se ne può fare.

massimiliano m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.03.07 05:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avete voluto la bicicletta e mo pedalate....e so cazzi vostri....

Mesorott erca.. Commentatore in marcia al V2day 01.03.07 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Pur amando le auto, devo dire che hai perfettamente ragione.

canio martiniello Commentatore in marcia al V2day 28.02.07 23:49| 
 |
Rispondi al commento

scusate ma mi pare abbastanza ipocrita nonchè eccessivamente popolar-populist-semplicistico trovare sempre e sempre una giustificazione/causa esterna. addirittura sotto qualcuno ha scritto se faccio infrazioni al codice è colpa dello stato, non certo sua ( vittima permanetente)
non penso porti al suicidio assolutamente nessuno, al massimo porta qualche applauso a qualcuno.
l'auto fa i 180? il limite è 130? beh dovrebbe esserci una cosa detta solitamente CERVELLO che fa si che io non porti l'auto ai 180
non lo so usare?....peccato
ammazzo qualcuno? pago o mi fo un po di gattabuia

altrimenti arriveremmo a dire che certe pubblicita di coltelli istigano a tagliarsi le vene o alte di panettoni a diventare diabetici
tutte cose che se accadranno saranno sempre ovviamente colpa di qualcun altro

daniel spezzi 28.02.07 23:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, secondo il modesto parere la colpa non va attribuita solo alla pubblicità poco educativa (o meglio per niente educativa), per esperienza personale, siccome si parla di educazione stradale, i primi ad insegnarla ai propri figli devono essere i genitori...cosa che i miei genitori hanno fatto con me.

Maurizio Lobbia 28.02.07 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,

non ho capito perché scandalizzarsi se muoiono 9 persone in incidenti stradali un sabato sera ?

Due calcoli statistici (dati ISTAT ):

Nel 2005, sulle strade ci sono stati 225078 incidenti stradali .
Risultato : 5426 morti(praticamente 15 morti al giorno x 365 giorni !!!) e 313700 feriti. 313700 feriti !

In pratica le auto sono piu' sicure per cui il numero di morti globalmente diminuisce di anno in anno (di poco)e aumenta quello dei feriti.

15 morti e 860 feriti al giorno: un' epidemia alla quale ormai siamo abituati, assuefatti !!!
Davvero non si puo' fare niente ?


Se volete avere tutto il rapporto ISTAT cliccate sulla mia firma.

Distinti Saluti e massima prudenza.

Guido DImeno 28.02.07 23:17| 
 |
Rispondi al commento

SVEGLIA E' L'ORA DEI DIRITTI

Manifestazione nazionale per le unioni civili
10 Marzo 2007 - Roma- Piazza Farnese

Dopo l'affossamento dei DICO questo blog aderisce con forza alla manifestazione di Roma. Il riconoscimento dei diritti civili alle coppie gay rappresenta una conquista di civiltà e un punto di progresso nella lotta verso il riconoscimento dei diritti umani a tutti gli individui.

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

alessandro del monte 28.02.07 23:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ITALIA SEDE PER LO SVILUPPO DEL SUPERCACCIA F-35 DEGLI USA. PROPOSTA DI INTERROGAZIONE AL SENATO.

Il Governo Prodi informi il Senato sullo stato della partecipazione italiana al programma JSF che è stato caratterizzato dalla volontà americana di consentire ad altre nazioni di partecipare allo sviluppo, con vari livelli di “partnership”. Il Livello 1 è quello che consente la maggior voce in capitolo nelle scelte di sviluppo e commerciali, a fronte di un impegno economico pari a oltre 2 miliardi di dollari (corrispondente al 10 % dei costi di sviluppo inizialmente previsti). L'unico partner di primo livello è l'Inghilterra. Il Livello 2 consente una significativa partecipazione allo sviluppo, a fronte di un impegno economico pari a circa 1 miliardo di dollari (5% del costo di sviluppo previsto). Gli unici partner di secondo livello sono l'Italia e l'Olanda. Il Livello 3 consente una modesta partecipazione al programma di sviluppo (nell'ordine dell'1%) a fronte di un impegno economico nell'ordine di alcune centinaia di milioni di dollari. I partner di terzo livello sono il Canada, la Turchia, l'Australia, la Norvegia, la Danimarca.L'Italia, inizialmente interessata alla sola versione B (22 esemplari per sostituire gli Harrier della Marina), ha poi deciso di assegnare il caccia anche all'Aviazione Militare, per avere una prima linea basata sugli Eurofighter e sull' F-35, portando il totale di esemplari previsti a 130 circa, anche se non è stato ancora deciso come saranno ripartiti tra le varie versioni.
In Italia sarà anche allestita una linea di costruzione e assemblaggio che sarà responsabile per la produzione di buona parte degli F-35 destinati all'Europa e ad altre nazioni.
L' F-35A è un caccia monomotore, la cui pianta ricorda da vicino quella dell'F-22. Il costo di produzione per ciascun esemplare è valutato intorno ai 40 milioni di dollari. Il costo totale di sviluppo del programma, inizialmente previsto in 25 miliardi di dollari è oggi valutato in 40/50.

Nicola F. Commentatore certificato 28.02.07 22:27| 
 |
Rispondi al commento

sono una ragazza di 23 anni e studio "formatore multimediale" uno dei nuovi corsi di laurea in Italia. Le parole d'ordine in questo corso sono "comunicazione" e "media". Non riusciamo ad immaginare quanto la tv ci influenzi nei nostri comportamenti e quanto la pubblicità abbia anche,come in questo caso "effetti collaterali".
Mettere in rete (televisiva)spot che ci inducono a correre con le auto è controproducente se non mortale. Dovrebbere puntare sulla sicurezza stradale e sull' "educazione stradale" invece di rendere sempre più veloci le auto e indurci a provare tale velocità sulle stade, con il rischio di andare in contro alla morte e di causarla anche agli altri...
esser consapevoli è il primo passo che ognuno di noi può compiere dinanzi al martellante mormorio pubblicitario...

laura tripi 28.02.07 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao sono un ragazzo di 18 anni ke voleva ringraziare tantissimo quell' uomo speciale ke è Beppe Grillo,lui in qnt comico cerca di far ridere la gente ma le cose di cui parla sono cose estremamente serie che nn sarebbe lui a dover dire.. qst per far sapere che grazie a lui mi sento un ragazzo migliore sul serio perche vengo a conoscenza di cose che nn potrei mai sapere, si documentandomi ma perchè dovrei con un libro aperto come lui grazie Beppe!!!, da parte di un ragazzo ma anche dal mondo intero 6 il migliore!!!!!!!!!!

Marco Nastro 28.02.07 22:08| 
 |
Rispondi al commento

non sono per niente daccordo con il 90% dei commenti che ci sono! io ho 20 anni e non mi piace correre, ma non per questo sono per togliere dal mercato auto che corrono veloci! sta alle persone limitarsi e andare cauti! allora dovremmo togliere l'alcool, le sigarette, le discoteche, ecc ecc e torniamo cosi al caro proibizionismo! io non ci sto! bisogna insegnare ai ragazzi il metodo giusto per andare in strada e non lasciarli in balia della pubblicità!

redi kapidani 28.02.07 21:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi! Non credevo di sollevare un polverone del genere, è chiaro che forse dai miei commenti piuttosto espliciti mi avete bollato come delinquente, comunque sia, il sabato sera chi resta sobrio e riaccompagna gli amici a casa sono io; mi piace divertirmi un po' ogni tanto, ma di certo non sono di quelli che fanno violenza negli stadi, come QUALCUNO ha detto, e non devo dimostrare dimostrare niente a nessuno, il mio è un piacere personale.
HO SEMPLICEMENTE DETTO LA VERITA', QUELLA CHE TANTI RAGAZZI NON RACCONTANO AI PROPRI GENITORI PRIMA DI USCIRE DI CASA, E CHE LEGGIAMO SOLO DOPO SUI GIORNALI, A TRAGEDIA AVVENUTA.

Alessandro Bosticco 28.02.07 20:50| 
 |
Rispondi al commento

25 febbraio 2007: blocco del traffico in tutto il nord Italia.
Premetto che secondo me non è servito ad un cazzo, cosa vuoi che cambi un giorno (anzi qualche ora) di stop alle auto, quando per altri 10.000 giorni inquiniamo come dei porci?
Allora io dico: perché brutti stronzi che non siete altro (e voi sapete chi siete, perché ogni stronzo sa in che acqua galleggia), invece di rompere i coglioni sempre a noi che non abbiamo altra possibilità che usare le macchine di merda che ci fate usare perché avete accordi miliardari con le case automobilistiche, - dicevo - perché non tirate fuori le macchine ad idrogeno, perché non introducete su larga scala (ma soprattutto immediatamente!) l’uso del gpl, del metano e di quelle altre fonti alternative che ci sono invece di stare lì a farvi le pippe come degli idioti?
Chissà che poi magari possiamo finirla di leccare il culo a mezzo mondo solo perché abbiamo bisogno del petrolio. E per fortuna che c’è Giorgino Bush che fa le guerre per procurarcelo, altrimenti staremo qua a guardarci come dei poveri coglioni che non sanno più cosa fare. E’ per questo che i nostri cari comunisti di governo devono far finta di essere dalla parte degli americani, se non vogliono andare a piedi prima del tempo.
Ma questa ve la devo proprio raccontare. Chiamo i vigili urbani del mio paese per sapere fino a che ora dura il blocco del traffico e chiedo se a fine blocco sono libero di andare ovunque. Un vigile, con serenità, mi risponde “ Cosa ne so io?!? Ogni comune ha orari diversi”. Ma si può, dico io, essere così deficienti da mettere un blocco di queste proporzioni con orari diversi da un comune all’altro?
Chiamare i politici somari è poco. Non vi sembra, cari onorevoli, senatori o consiglieri e assessori o chi per voi, che sia l’ora di vergognarvi un tantino?
Spero solo che se insistete ad inquinarci così almeno siate voi i primi a morire…lasciate un po’ di soddisfazione anche a noi schiavi della vita di merda che ci fate fare!
Ciao

MORENO DAL TOSO 28.02.07 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono daccordissimo.
Ma chi glielo va a dire ai produttori che devono rinunciare a una leva pubblicitaria?
E se glielo dice qualcuno chi glielo spiega che devono smettere solo loro?
E le pubblicità agli psicofarmaci?
E le pubblicità rivolte a bambini ancora meno in grado di difendersi degli adulti?
E le pubblicità ingannevoli delle compagnie telefoniche?

La pubblicità, anima nera del commercio, è legale anche se immorale e anche se va contro la legge.

Risponde ad interessi superiori e di parte, non la ferma più nessuno.

Fabrizio Castellana Commentatore in marcia al V2day 28.02.07 20:25| 
 |
Rispondi al commento

no fermi,
dunque se io sono amante dei motori ma sono sano e non strafatto, allora una corsetta in collina o in montagna posso farla (in autostrada no, è tutta dritta e noiosa...)...
certo, se tu fossi l'unica persona al mondo, bene, fallo, corri e ama i motori, ma poichè vivi in una società e quel che fai ha ripercussioni sugli altri, non è molto sensato quello che dici..

mah

lorenzo andolfatto 28.02.07 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo con te Grillo.
E' pura ipocrisia avere dei limiti massimi di velocità di 130 km/h e permettere la vendita di automobili che vanno a 180, 200, 240 km/h.
Chi permette che ciò avvenga, politici o produttori che siano, ha le mani sporche di sangue.

Ritengo che sia egualmente ipocrita permettere la vendita di auto in una situazione di estrema crisi di parcheggi.
La politica permette ai produttori di spillarci migliaia di euro vendendoci le auto per poi vuotarci le tasche con l'IVA, la benzina, il bollo e massacrandoci con milioni di multe.

Se non ci sono i parcheggi le possibilità secondo me sono due: o lo stato costruisce parcheggi a sufficienza o vieta la vendita di auto.
Perché il problema non è quello di scegliere se commettere o meno un'infrazione. Non c'è scelta. Io non trovo da parcheggiare nemmeno in divieto di sosta.

Alessandro Valmont 28.02.07 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Ho fermato uno che correva con la macchina e gli ho chiesto dove andava cosi di corsa?
Ha risposto che non lo sapeva !!!!

LA PUBBLICITà CI STà RINCOGLIONENDO!!!!!!!

Forza Beppe.

Marco Toiani 28.02.07 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Più tempo passi in strada su un'auto è più è probabile che tu abbia un incidente... Morale: più vai forte e prima arrivi quindi rischi meno AH AH AH!

Dalle autoscuole esce gente che sa la differenza fra un autoarticolato e un autosnodato ma che appena gli sbanda la macchina in curvea non ha la minima idea di come si faccia un controsterzo, ne come si affronti un aquaplaning, ne come cambia l'aderenza del mezzo sul bagnato...

X me si dovrebbe fare come x le auto da gara, SI ELIMINA IL TACHIMETRO DALLE AUTOMOBILI e uno impara la SENSIBILITA' alla guida, a capire a che velocià andare e affrontrare le curve.

Saluti!

Matto Gilberri 28.02.07 18:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RESET!!!

Come ti dò ragione Beppe!

Ma non sono d'accordo con te per una cosa: il limite di velocità che proponi è troppo alto.

Se gli auto/moto veicoli andassero a 60 km/ora come massimo, si otterrebbero i seguenti vantaggi:

- con le macchine attuali si risparmierebbe un sacco di carburante;
- conseguentemente si inquinerebbe meno e si potrebbe pensare "veramente" a tecnologie alternative tipo auto elettriche;
- con le tecnologie attuali crollerebbero gli incidenti e i morti;
- si ammazzerebbero moltissimi animali in meno (e che cavolo? Chi ha detto loro di attraversare le strade? Non sanno leggere i cartelli?);
- si intaserebbero meno le strade poiché, per i trasporti nelle lunghe distanze si dovrebbero usare "obbligatoriamente" mezzi su rotaia o aerei; vietati i lunghi trasferimenti su auto; se necessario obbligatorio il noleggio di auto in loco (che andrebbero ovviamente sempre a 60 km/ora max);
- finirebbe l'era del "veloce è bello e fico": noi non ci siamo evoluti per essere veloci, ma per lavorare di "testa" (sebbene questa caratteristica la si stia perdendo).

Ps: le case automobilistiche dovrebbero rivedere le loro politiche pubblicitarie, ad esempio: comprate quest'auto perché è piena di tecnologia, va piano, dunque è sicurissima e parca nei consumi. Potresti lanciare una campagna per questo?

Ciao.

Valter Mura 28.02.07 18:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto il post, e devo dire che sono in parte d'accordo ma non fino in fondo, perchè secondo me in tutte le cose si sta perdendo di vista il fatto che siamo dotati di cervello, non possiamo pretendere che il governo, lo stato ci impomga sempre per legge tutto, la pelle è la nostra, ci deve imporre le cinture di sicurezza, il casco ma se abbiamo un'incidente non si fa male il governo ci facciamo male noi, ci devono regolamentare gli orari di apertura delle discoteche, ci devono vietare la vendita degli alcolici, il vero probblema è che non siamo più in grado di avere un'autocontrollo su noi stessi, portandoci a non avere neanche più rispetto per noi e per gli altri. non riusciamo più a dare valore alla nostra vita, figuriamoci a quella degli altri, ci si ammazza per un parcheggio, ma legge c'è che dice di non ammazzare.Si deve ritornare un passo indietro, e cercare di infondere dinuovo nelle persone i veri valori, il rispetto, il senso del dovere, la compassione il saper ascoltare gli altri e capirli, tutti vocaboli spariti dai vocabolari. Scusate lo sfogo saluti

ROSSANA FERRARA 28.02.07 18:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe,sono con te.Bisognerebbe pubblicizzare il mezzo pubblico,le passeggiate a piedi o in bici,invece i nostri figli non fanno un passo a piedi,se possono si fanno sempre accompagnare in auto evitando treni,bus e tram.Si parla d'inquinamento e continuano a fare pubblicità di auto,si parla di gioventù che muore sulle strade e si continua a costruire auto che vanno oltre i 200 km/h.E i cellulari?Abbiamo bisogno del contatto umano,di guardarci negli occhi,basta comunicare con sms o email.Incontriamoci!!!!!!

laura rosa Commentatore in marcia al V2day 28.02.07 18:09| 
 |
Rispondi al commento

sono pienamente d'accordo con te!
se esiste un limite di velocità che senso ha produrre e vendere macchine che lo infrangono?
quelli che corrono come pazzi per le strade e le autostrade non capiscono che non ha a che fare solo con la loro vita ma anche con quella degli altri?

é così semplice.

gabriella tundo 28.02.07 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Ma proibire la vendita di macchine che superano tot. velocità perchè in Italia il limite massimo è 130 non vi fa pensare che se uno la macchiana la usa in un'altro paese (Germania) possa permettersi di andare a 200,300...Km/h, dove è consentito...cos'è tutti usano l'auto solo per girare nelle ns. strade?

aldo pieguri 28.02.07 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho 20 anni e vado forte in macchina.....criminale! eresia! assassino!, ormai siamo considerati ragazzi immaturi, noi amanti dei motori, ma non me ne vergogno affatto, anche perchè quando sono al volante sono LUCIDO e non strafatto di ogni ben di dio come forse , erano quelle povere vittime dello scorso sabato; ho una vita per così dire piena, amici, scuola, palestra, ma quando voglio sentirmi veramente libero ho voglia di guidare la mia auto e basta, magari in montagna o in collina sul misto, l'autostrada non mi diverte molto, avessi i soldi andrei in autodromo tutti i giorni, come dicono certe persone "se vuoi andare forte fallo in pista", me li dai te i denari?
Ci sono modi modi per usare un'auto, ma soprattutto devi conoscerne il carattere, i suoi limiti, non si può passare da 80cv a 200cv di colpo senza esperienza e il padre di quel ragazzo doveva pensarci due volte prima di prestargli la sua macchina; per me sarebbe giusto reintrodurre di nuovo il limite di cilindrata per i neopatentati, per il bolide c'è sempre tempo.
Ma tieni conto Beppe, che anche 130km/h la gente si ammazza lo stesso; e in città?
Dovremmo fare auto limitate a 50Km/h?
Il nostro Paese ha già una situazione economica disastrosa, se gli togliessimo uno dei suoi punti fermi come può essere il mercato dell'automobile cosa credi che succederebbe.
IO UNA FERRARI CHE VA A 130 NON LA COMPRO DI SICURO,ma neanche una panda se è per questo, preferisco emigrare.

Distinti saluti

Alessandro Bosticco 28.02.07 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ITALIA PRIMA IN EUROPA
1,7 auto ad abitante!

Auto immatricolate mediamente ogni anno in Italia circa 2.300.000 costo medio auto facciamo circa 15.000 euro.

Spesa annuale per acquisto Auto (2.300.000 x 15.000)= 34.500.000.000 euro.

Nel 2005 il numero di auto circolanti in Italia è cresciuto di mezzo milione di unità, arrivando a 35.200.000, in pratica una vettura ogni 1,7 abitanti, un record in Europa. Lo rivela l'Automobile Club d'Italia nel suo rapporto statistico annuale, che indica in 1,7 milioni le radiazioni, a fronte di 2,2 milioni di immatricolazioni

ipotizziamo 12.000 km di percorrorenza annua
15 km a litro, ogni auto brucia 800 litri di carburante all'anno.

prezzo al litro 1,1 euro
(1,1 x 500) = 880 euro all'anno
720 euro assicurazione
200 euro manutenzione
totale spesa per auto (880+720+200)= 1.800 euro annue

spese gestione dell'intero parco auto italiano

1.800 x 35.200.000 = 63.360.000.000 euro

Praticamente in Italia tra acquisto e gestione si spende complessivamente per le auto circa 100 miliardi di euro e credo di aver sbagliato per difetto.

Un MW di fotovoltaico costa 7 milioni di euro
con 100 miliardi cioè 100.000 milioni si potrebbero realizzare

(100.000 : 7) = 14.286 MW di fotovoltaico all'anno

oppure 30.000 MW di Solare Termodinamico all'anno

I più ottimisti dei nostri politici ritengono un risultato molto positivo raggiungere i 300 MW annue, cioè un'investimento pari al 2% di quello che si spende per le auto.

CON QUESTI AUSPICI NON SI VA DA NESSUNA PARTE, LA CO2 IMPERA, E NON ABBIAMO ALCUN DIRITTO DI CHIEDERE A POPOLI CHE CERCANO DI EMERGERE DALLA MISERIA DI ESSERE AMBIENTALMENTE VIRTUOSI SE NOI PAESI AVANZATI E RICCHI NON DIAMO PER PRIMI L'ESEMPIO.

O SI ARRIVA AD INSTALLARE ALMENO 1.000 MW ALL'ANNO DI ENERGIE SOLARI O ALTRIMENTI E' SOLO ARIA FRITTA ED HANNO RAGIONE QUELLI CHE SOSTENGONO CHE IL SOLARE SON SOLO BRICIOLE ININFLUENTI.

Clicca mio nome per altre informazioni.
Saluti

matteo tocco 28.02.07 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe
i morti di sabato notte sono anche a carico anche delle strane usanze del popolo della notte: apertura delle disco verso l'una e poi musica a palla fino alle cinque. Ritorno a casa frastornati e stanchi e magari su di giri per alcol e droghe varie. Bisogna che le disco aprano prima e chiudano prima con divieto di alcolici dopo le 24.00.
Come genitore poi mi auguro che facciano delle auto con la possibilità di autolimitare la velocità: se mio figlio vuole l'auto la limito ai 90 km orari altrimenti niente.
Sono convinto che quelche tragedia si potrebbe evitare.
Come padre il sabato notte dormo sempre poco...... ci arriverai anche tu.
Sei grande e ti vogliamo bene
ciao

Sergio F. Commentatore certificato 28.02.07 16:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hai ragione ... e aggiungo ...
a volte si legge "strade assassine" ..
io progetto strade e per ogni tipo di strada (extraurbane e urbane, a 2 o 4 corsie, etc..)ci sono delle velocità di riferimento per verificare tutto ciò che riguarda visibilità, stabilità del veicolo, etc...
se io non verifico che le caratteristiche della strada rispettino tali condizioni, il mio progetto viene bocciato ...
a questo punto trovo giusto ... per lo stesso motivo, non immatricolare veicoli che superino tali limiti ...
secondo me inoltre manca la cultura del reale pericolo, si insegnano tutti i possibili segnali, ma nessuno ti spiega dove, ma soprattutto quando ci sono i pericoli (vedi fattori ambientali)...
la più grande causa degli incidenti mortali (come dimostrano tutte le statistiche) è la VELOCITA', e soprattutto se combinata a fattori ambientali quali: nebbia, pioggia, neve, etc...
- l'errore abbinato alla bassa velocità fa sicuramente meno danni -
un saluto a tutti e ... guidate attenti ...
Marcello

Marcello Giacomelli 28.02.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo che i minorenni non c'entrano con le stragi..almeno in parte. Quello che centra è l'educazione data ai minorenni. Una domanda: se tutti sappiamo che il esiste il pericolo della velocità perchè ci comportiamo come se non esistesse?Se nessuno scrive leggi in proposito abbiamo il diritto di andarci a schiantare?

orso settantasette 28.02.07 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo con te Beppe le auto che hanno cavallie velocità da vendere non andrebbero commercializzate, non servono a nessuno , solo in pista si dovrebbero utilizzare!!!!!
Salute a Noi

massimo fabbrini 28.02.07 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Il benessere economico delle nostre comunità ciniche e rapaci si regge sul consumo delle automobili. Le lamiere ambulanti vanno scartate come caramelle. Tanto per fare un esempio,
A me la pubblicità della bravo mi fa schifo. Trovo che l'associazione con la canzone della Nannini dimostra quanto sia enorme il cattivo gusto del capitalista. L'automobile è la meravigliosa creatura. La nannini o chi per lei si è prestata ad un'operazione squallida, per non dire disumana. L'arte è morta. L'umanità è zombificata ormai. Una lode a Vasco Rossi che invece ha scelto di non prestare più la sua voce alla promozione di prodotti commerciali. La bravo mi fa schifo. Non la comprerò e la sconsiglierò a tutti quelli con cui mi capiterà di parlarne.

angelo tatheo 28.02.07 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' esattamente quello che ho sempre sostenuto io.
E' perfettamente inutile mettere dei limiti di velocità di 110 o 130 Km/h qunado poi la maggior parte delle auto li superano ampiamente.
A questo và aggiunto che molte auto (specie quelle di fascia "alta" ) hanno tali livelli di comfort che spesso fanno perdere la "cognizione" della velocità. E' quindi molto facile (specie per chi, pur non essendo un guidatore esperto, si fà prendere la mano) raggiungere e superare i limiti di legge ma , soprattutto, i limiti di tenuta. Da qui salti di corsia, invasione di carreggiata e stragi del sabato sera ...... che tristezza !!

Marco Anselmino 28.02.07 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe! Ho sempre pensato che a limitare la velocità non dovessero essere i cartelli ma le case automobilistiche. Ovviamente il buon senso deve fare la sua parte. Non è detto che se hai una macchina che va a 300 Km orari, devi premere sull'acceleratore, ma la tentazione è forte e quasi inevitabile e i risultati li vediamo quotidianamente. Andare più piano giova alla salute nostra e degli altri...e spesso anche alla vita.

fiorella scappa 28.02.07 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
il 30% delle entrate dello stato deriva dalle automobili e dal suo indotto. Qual'è il governante suicida che danneggerebbe il mercato dell'auto quando poi dovrebbe inventarsi ailtre tasse per sopperire alle entrate che verrebbero a mancare?

Napoleone Pedrielli 28.02.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento

le macchine grosse ci possono anche stare, il problema è dare in mano a un ventenne inesperto una bmw serie 6 da 3.000 cc come quella che purtroppo si è schiantata l'ultimo sabato

http://2geez.blogspot.com

giuseppe gandolfi 28.02.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento

LA MIA MACCHINA PUO' RAGGIUNGERE I 230 KM/H.
IN AUTOSTRADA, PER ESEMPIO, CERCO SEMPRE DI MANTENERMI NEL LIMITE DEI 100/130 KM/H...CREDO SAREBBE FOLLE ARRIVARE AD UNA SIMILE VELOCITA' PER UN SACCO DI MOTIVI.
NON E' GIUSTO RITIRARE LE AUTO DAL MERCATO, ANCHE PERCHE' ANDREBBERO RITIRATE PRATICAMENTE QUASI TUTTE.
LA VELOCITA' CHE SI TIENE IN AUTOMOBILE, MOTOCICLETTA O QUALSIASI ALTRO MEZZO E' UNA QUESTIONE DI SENSO CIVICO, RISPETTO PER SE STESSI, PER GLI ALTRI E PER LA VITA IN GENERALE...

ENRICO ANTONIAZZI 28.02.07 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La verità, Caro Beppe, è che bisognerebbe capire perchè c'è differenza tra le stragi del sabato sera e quelle del lunedì mattina, a quanto mi risulta, non c'è poi troppa differenza, solo che al lunedì mattina muoiono camionisti, agenti di commercio, imprenditori etc etc, il sabato sera i "di Loro Figli". Se ti scoppia un pneumatico a 130\150 km all'ora, in pochi sanno come governare la macchina, in compenso nel nostro esame di guida è previsot che io sappia cambiare una ruota, o cambiare l'olio, o mettere mano al motore, anche se poi di fatto è vietato. La verità, e te lo dice uno che ha anche guidato anche mezi da competizione, è che lo stato delle reti stradali ed autostradali in Italia è patetico, che da quando il cellulare si diffuso NESSUNO e ripeto NESSUNO è più sicuro, battiti contro l'eccessiva presenza di dispositivi elettronici superflui all'interno delle nostre macchine, cellulari, navigatori, dvd, internet. Ieri ho fatto 4 ore di coda fra Modena e Bologna. appena ripartiti la ragazza che stava di fronte a me ha tamponato la macchina davanti. Perché? Semplice stava mandando un sms...Per il resto i morti al sabato sera ci saranno sempre, esattamente come il lunedì mattina (p.s. la distanza di sicurezza quanto meno il sabto sera la puoi osservare, se vuoi, il lunedì mattina inautostrada, è un pochino più complicato)

Andrea Mantovanini 28.02.07 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo, che macchina ha lei?
Io una toyota yaris 1.0, benzina da 69 cavalli e 20km/l.
Dicono lei abbia una ferrari...dicerto con piu' zeri ai cavalli..
Perchè invece di parlare e predicare non prova ad agire?Perchè nn si da seriamente alla politica?


Quale governo potrebbe limitare per legge il limite massimo degli autoveicoli? Forse la Svizzera, ma non certo da noi dove è il mercato dell'auto che governa (altro che centro-destra o centro-sinistra). Sospetto che sia nell'interesse dei costruttori d'auto anche l'introduzione delle "domeniche a piedi", sono gli unici a trarre vantaggio dalla sostituzione del parco macchine, l'aria delle città si risparmia 50 ore di traffico ma continua ad essere inquinata per circa 700 ore al mese!
Perchè non si impone la sostituzione delle caldaie per riscaldamento che inquinano più degli euro-0?
I produttori di caldaie non hanno i loro santi in parlamento come quelli di automobili?
Perchè non ci dicono quanto inquina il traffico automobilistico e quanto inquiniamo con gli impianti di riscaldamento?
Se qualche ministero commissinato la ricerca e conosce queste informazioni dovrebbe renderle note... in fondo il conto l'abbiamo pagato noi.

Un grazie a Grillo per questa valvola di sfogo.

Gessler M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.02.07 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Sei sempre il mio mito.

Quello che dici nell'articolo lo sostengo da anni e per questo sono considerato un vecchio decrepito dai miei amici.

Vado in giro solo in scooter estate e inverno e non possiedo una macchina anche se questo mese attiverò il carsharing.

Ciao a tutti .......... vi.

VINCENZO GULISANO 28.02.07 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe che Beppe facesse chiarezza sulla Ferrari che girerebbe per Genova...sennò mi crolla un mito...

Maurizio Pavoni 28.02.07 13:54| 
 |
Rispondi al commento

ma con la tecnologia già in nostro possesso attualmente,è un utopia pensare ad un marchingegno tipo telepass che legga elettronicamente il limite imposto su quel tipo di strada e elettronicamente faccia rallentare le auto.marcello

marcello montagner 28.02.07 13:43| 
 |
Rispondi al commento

curioso questo j'accuse fatto da chi gira in Ferrari per Genova. (col beneficio del dubbio, si "dice" che sia così)

M R 28.02.07 13:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.petitiononline.com/sms05it/petition-sign.html

Petizione x abbassare il costo degli SMS: il loro costo a monte (1 cent!) è in realtà molto più basso di quanto ogni utente è costretto a sborsare per ognuno di essi!

(vedi articolo su Punto Informatico:

http://punto-informatico.it/p.asp?i=50886

SMS, business gonfiato? Pagano gli utenti

Ecco come ci si spartisce la grande torta degli SMS. PI indaga sul prezzo dei messaggini più spediti dagli italiani. Le tariffe degli SMS sono stratosferiche se paragonate al costo del servizio per gli operatori)

http://www.petitiononline.com/sms05it/petition-sign.html

http://www.petitiononline.com/sms05it/petition-sign.html

http://www.petitiononline.com/sms05it/petition-sign.htm

Carlo Casella Commentatore certificato 28.02.07 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono un genitore,
datemi una modifica per limitare l'auto che do in mano a mio figlio e provvedrò a limitarla io.

Ma c'è bisogno che qualcuno metta a punto e distribuisca un sistema per limitarle.

Riccardo Marangone 28.02.07 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Cari pacifisti, i compagni vi hanno fregato! (parte III)

Si avvicina la caduta degli dei. Vi avevano detto, stradetto, promesso e strapromesso che i ricchi avrebbero pianto, e invece i ricchi-ricchi, quelli delle banche «turbo-capitaliste» e quelli delle aziende che privatizzano gli utili e socializzano le perdite, se la ridono allegramente sotto l'ala protettiva del presidente del Consiglio. Vi avevano garantito che chi ha di più avrebbe pagato di più, ma poi vi trovate col bollo auto alle stelle, con i treni che costano di più, e, se avete una casa, con l'Ici in aumento.
Come Maria Antonietta, che gettava brioches al popolo che chiedeva il pane per campare, invece che la giustizia sociale vi hanno regalato gli sgravi sulla palestra, le farmacie e i benzinai alla Coop e gli ecoincentivi.
Come bilancio di nove mesi non c'è male: la lotta proletaria sacrificata sull'altare del potere, la pace venduta per un piatto di lenticchie, la giustizia sociale barattata in cambio di una poltrona. Licenziateli e mandateli a casa, prima che lo «slancio rinnovato» con cui Romano Prodi torna al governo diventi l'ultima spinta verso il baratro, per lui, per voi e per l'Italia.
La caduta degli dei, è appena iniziata.

Non perdete la diretta web:

www.senato.it

Nicola F. Commentatore certificato 28.02.07 12:39| 
 |
Rispondi al commento

15 province in 15 anni
(http://www.aduc.it/dyn/macromicro/art/singolo.php)

Il numero dei "rappresentanti del popolo" in Italia tocca quota 150 mila: giudicato dai piu' eccessivo. Oltre ai quasi 1.000 parlamentari nazionali, si contano 78 parlamentari europei, piu' di 1.000 consiglieri regionali, oltre 3.000 provinciali, quasi 120.000 comunali e oltre 25.000 tra consiglieri circoscrizionali (nelle grandi citta') e delle comunita' montane.

A questi incarichi elettivi si aggiungono quelli di governo (assessori, ministri, ecc.) e una massa di consulenti. Una stima per difetto porta il numero vicino al mezzo milione di persone che percepiscono una retribuzione per la loro funzione politica: l'1% degli italiani, pagato dalla collettivita'. Una percentuale enorme, con costi che si aggirano sui 2 miliardi di euro all'anno, che i cittadini pagano versando tasse allo Stato o agli enti locali.

A cosa servono le oltre 350 comunita' montane che finanziamo (12.500 consiglieri)? A nulla. Hanno forse rivitalizzato i comuni montani? No. La popolazione in questi borghi continua a decrescere. Perche' non si aboliscono? Boh!??

Anche quando tutti concordano su: "le province sono enti inutili", nulla cambia, anzi aumentano di numero. Basta l'interessamento di un politico locale e la speranza di avere qualche posto di lavoro "sicuro" in zona per rendere quasi impossibile fermare la deriva.

Eppure il mantenimento in vita delle province rende impossibile governare il territorio nelle Aree metropolitane, previste da anni, ma mai decollate. Se occorre decidere il tracciato di una nuova arteria stradale attorno ad una citta' media come Firenze, hanno voce in capitolo ben 44 consigli comunali e il consiglio provinciale.

Una speranza c'e': che i cittadini si rendano conto che una parte di quei 2 miliardi di euro all'anno, potrebbe essere risparmiata con vantaggi per il portafogli e per l'efficienza del sistema.

Aboliamo le comunita' montane, aboliamo le province.

Carlo Casella Commentatore certificato 28.02.07 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
un piccolo esempio della cultura occidentale, basata sul mito della velocità, dei Grandi Fratelli, ecc.ecc.
Mi ricordo perfettamente un trasmissione di TG2 MOTORI di una domenica di luglio di quattro anni fa.
Il primo servizio ricordava l'entrata in vigore del nuovo codice stradale (quello dei punti-patente) e tutti i relativi limiti di velocità.
Ebbene indovinate cosa riguardava il secondo servizio?: la nuova Lamborghini, un missile da 340 km all'ora...

Stefano Ballarini 28.02.07 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io so solo che se tre giorni dopo aver preso la patente non avessi guidato una fiesta con soli 60cv, io e 2 miei amici forse non saremmo qui.

Dovrebbero introdurre il metodo "motociclistico" col quale un ragazzo a 18 anni che prende la patente A, deve guidare per 2 anni una moto con al massimo 34 cv per poter avere la patente "libera".

Poi anche li, le moto sono fatte per essere slimitate da subito e quindi siamo daccapo però l'idea è buona!

Ripeto se fossi stato un figlio di papà che per la patente avesse ricevuto in regalo una delle auto sportive così amate dai giovani mi sarei attorcigliato ad un palo il secondo giorno. E' stata la bassa potenza a salvarmi da un brutto incidente...

Quindi impediamo per i primi 2 anni di patente di poter giudare auto con più di 100 cv!


E la stessa cosa andrebbe fatta per le moto, ma sul serio! Attualmente un ragazzo compra una moto limitata a 34 cv, ma tagliando un filo della centralina la moto torna full power... E queste moto non sono solo le naked da 70 cv, ma anche alcune sportive da 120cv!

E poi ovviamente la domenica li troviamo abbraciati alle quercie sul lungolago...Per non parlare dei passi alpini, che durantre i we sono diventati impraticabili per la gente comune a causa di tutti quei "piloti" che hanno speso 15000 euro per la moto e non hanno 80 euro per farsi un giro in pista... e devono venire a rischiare la vita propria e altrui sulle strade comuni...


Vabbè ho divagato un po' però mi sono sfogato...

Ciao!

Davide B. 28.02.07 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari pacifisti, i compagni vi hanno fregato! (parte II)

Si giustificano dicendo che è il prezzo da pagare affinché le «destre» non tornino al governo, affinché gli anni passino e l'ombra di Berlusconi sulla politica italiana si faccia sempre più sfumata e impercettibile. Vi dicono così, ma intanto, per sopravvivere a se stessi e per non perdere la comoda cattedra ministeriale, parlamentare o presidenziale su cui poggiare le terga, imbarcano in maggioranza Follini il «centrista», quello che vorrebbe, in un futuro prossimo o remoto, dare vita a un «centrosinistra diverso», togliendo di mezzo voi e raccattando transfughi destrorsi bisognosi di accasarsi agiatamente dalle parti dell'Unione.
Se fossimo in voi, i vostri Franco Giordano, i vostri Fausto Bertinotti, i vostri Oliviero Diliberto li prenderemmo a calci nel sedere, gli consiglieremmo di tenersi a larga dalle manifestazioni con la bandiera arcobaleno, perché c'è un limite a tutto, anche all'ipocrisia e alle prese per i fondelli, tanto più se queste sono velate dal discorso sugli «ideali», sulle «lotte del popolo», sulla «importanza dei movimenti».
Vanno con il vostro voto in Parlamento, e appena prendono comodamente posto nel Palazzo si dimenticano di voi, salvo che nei casi di emergenza, quando torna utile ripetere lo slogan sulla «voce della piazza» che va ascoltata. Ma chi sa cosa direbbe ora, la «piazza», di quei sedicenti pacifisti che preferiscono il potere alla pace, al punto da sottoscrivere ciecamente un vero e proprio editto con cui Romano Prodi, fattosi «dittatore» come gli aveva chiesto Scalfari, li mette a tacere una volta per tutte, obbligandoli a votare, nell'ordine, per il rifinanziamento delle nostre missioni all'estero, per la Tav e le infrastrutture, per la riforma delle pensioni.
Vi rode il fegato, lo sappiamo. Vedere i vostri capi silenti e accomodanti di fronte a una manovra per metterli all'angolo e imbarcare centristi nell'Unione vi fa venire l'orticaria.

Nicola F. Commentatore certificato 28.02.07 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a Tutti...
ancora una volta si parla di velocità, droga, fumo, musica alta, macchinoni.. ecc ecc.
Il motivo??ancora una volta sono morti dei ragazzi.

A mio avviso... ci sono troppe variabili da considerare. Sono d'accordo che dare un'auto potente a un diciottenne... (o anche un moto... la questione è la medesima) sia fondalmentalmente stupido, per tutte le implicazioni che ci stanno sotto...
Ma io non credo che se quei ragazzi avessero avuto una punto 1.2 sarebbero andati più prudenti.
Il punto infatti sta sulla prudenza!! in Italia tutti parlano di prevenzione, formazione, proibizionismo (un po' anche tu Beppe.. con sta sparata del ritiro delle macchine potenti dal mercato sei stato un po' proibizionista!!).. ma nessuno parla di PRUDENZA.
uno si va ad ammazzare anche con la 600 se alla guida non è prudente.
Ma come al solito fa notizia il figlio di papa' che si ammazza con l'auto da 100.000 euri, mentre va a 200 all'ora pieno di alcool e chissà cos'altro nel sangue...
Non fa notizia invece l'ottantenne che sbatte contro un cassonetto alle 2 di pomeriggio... (senza droghe farmaci o alcol!!) alla guida di una ritmo 1.1 del 79, completamente fuori revisione ecc ecc.
Non fa notizia il pensionato che va a 50 all'ora la domenica pomeriggio nelle strade a lunga percorrenza....
Non fa notizia la segretaria che usa lo specchietto per mettersi il trucco mentre va al lavoro, che con una mano tiene il cellulare, con l'altra la matita per gli occhi, e guida con le ginocchia.

La velocità? problema risolvibile.. si fa come in USA.. lì sono gli automobilisti stessi che denunciano alla polizia chi va piu' veloce del limite.. (il ragionamento fila... chi cavolo sei tu per andare piu' veloce di me superando i limiti?? )
L'alcool? la droga? problema risolvibile.. chi viene beccato... ritiro patente a vita e galera per 2-3 giorni.. (se usi la patente per lavoro.. sono cavoli tuoi.. nessuno ti ha ordinato di bere o drogarti!!)
ciao Daniele

daniele bolzonella 28.02.07 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Germania e autostrade: sfatiamo dei miti

Per chiarire le idee a tutti coloro che citano la Germania e le sue mitiche autostrade senza limiti come esempio: vivo da diversi anni in Germania e le autostrade tedesche sono semplicemente invivibili (anche a detta dei tedeschi): imbecilli che si incollano a 50 cm dalla tua macchina e lampeggiano perchè vogliono superare a tutti i costi(anche quando si guida a 170km/h),pazzi che vogliono testare la loro macchinona alla massima velocità (anche dove il limite c'è), ignoranti che sorpassano a dx (e si: qui ci sono anche 3-4 corsie...), cantieri, incidenti stradali frequenti e conseguenti imbottigliamenti di kilometri...
e soprattutto sappiate che la parte senza limiti non arriva nemmeno al 40% della rete autostradale.Il resto è spesso 120km/h, ovviamente utopico: figurati chi rallenta sotto 140... a cosa serve la macchinona senno'?

Per quanto riguarda la città, i tedeschi guidano in generale meglio degli italiani in termini di semafori ed "irregolarità", ma se ne fregano dei limiti di velocità: gli autovelox infatti sono tantissimi e mietono vittime costantemente...tanto le multe se le posso permettere tutti, alla faccia degli streotipi.
la lobby delle auto tedesche è fortissima e negli anni ha imposto degli status symbol insostenibili e proprio in questi giorni ho visto un servizio sul principale telgiornale(tedesco) che piazza i produttori di automobili tedeschi agli ultimi posti in termini di emissioni CO2: non ce la faranno mai a scendere sotto 130g/km per il 2012... si sono troppo occupati di migliorare prestazioni e quindi potenza, alla faccia dell'ambiente.

io dopo i primi "naturali" entusiasmi senza limiti, mi sono autoridilenzionato a 130-140 km/h (guidare a 180km/h inquina tanto, è rischioso e costa circa 40% in più), e sono costretto a dribblare i camion e gli aspiranti piloti di F1...onestamente rimpiango i vecchi cari limiti di velocità... messi con giudizio naturalmente
Tanti saluti

Dario P 28.02.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento

(_\_\
O-o'-'

Cosa dite all'ora della SMART che e' limitata a 130 Km/h ? dovrebbero adottare tutti questa soluzione visto che circolano gia' le macchine AUTOLIMITATE. Ma poi i ragazzini tolgono questo limitatore per sfrecciare ad alte velocita'... Ma di chi e' la colpa ? Noi del Fans Club riceviamo moltissime mail da genitori che ci chiedono se una macchina cosi' piccola e' anche sicura Ma come si fa a far capire che non sono le macchine ma l'incoscenza di coloro che la guidano ? Abbiamo fatto anche una campagna sulla sicurezza in auto ALZA L'ACCELERATORE e ABBASSA IL GOMITO a causa di moltissimi incedenti dovuti alla stupidita' o meglio superficialita' di molti giovani.

(_\_\
O-o'-'

staff smartissimi 28.02.07 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che ci si può fare molto male anche andando a 80 all'ora. Se due auto si scontrano frontalmente a 90 all'ora è come se viaggiassero a 180 km/h.
Alcuni rimedi efficaci potrebbero essere:
1) Scuole guida che INSEGNINO a guidare. (ora sono dei patentifici e con la liberalizzazione forse peggioreranno ulteriormente, spero di no.)
2)Tutte le automobili dotate per legge dei dispositivi di sicurezza attiva e passiva più efficaci(va bene l'obbligo dell'euro-4 e dell'euro-10 per la salute dei nostri polmoni, ma anche un ESP può salvare la vita)
3)Segnaletica stradale più intelligente.

artemio z. 28.02.07 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Cari pacifisti, i compagni vi hanno fregato! (parte II)

Diffidate dai traditori e da coloro che in nome della ragion di governo stanno riconsegnando l'Italia all'autoritarismo...Si giustificano dicendo che è il prezzo da pagare affinché le «destre» non tornino al governo, affinché gli anni passino e l'ombra di Berlusconi sulla politica italiana si faccia sempre più sfumata e impercettibile. Vi dicono così, ma intanto, per sopravvivere a se stessi e per non perdere la comoda cattedra ministeriale, parlamentare o presidenziale su cui poggiare le terga, imbarcano in maggioranza (forse!) Follini il «centrista», quello che vorrebbe, in un futuro prossimo o remoto, dare vita a un «centrosinistra diverso», togliendo di mezzo voi e raccattando transfughi destrorsi bisognosi di accasarsi agiatamente dalle parti dell'Unione.
Se fossimo in voi, i vostri Franco Giordano, i vostri Fausto Bertinotti, i vostri Oliviero Diliberto li prenderemmo a calci nel sedere, gli consiglieremmo di tenersi a larga dalle manifestazioni con la bandiera arcobaleno, perché c'è un limite a tutto, anche all'ipocrisia e alle prese per i fondelli, tanto più se queste sono velate dal discorso sugli «ideali», sulle «lotte del popolo», sulla «importanza dei movimenti».
Vanno con il vostro voto in Parlamento, e appena prendono comodamente posto nel Palazzo si dimenticano di voi, salvo che nei casi di emergenza, quando torna utile ripetere lo slogan sulla «voce della piazza» che va ascoltata. Ma chi sa cosa direbbe ora, la «piazza», di quei sedicenti pacifisti che preferiscono il potere alla pace, al punto da sottoscrivere ciecamente un vero e proprio editto con cui Romano Prodi, fattosi «dittatore» come gli aveva chiesto Scalfari, li mette a tacere una volta per tutte, obbligandoli a votare, nell'ordine, per il rifinanziamento delle nostre missioni all'estero, per la Tav e le infrastrutture, per la riforma delle pensioni...

Nicola F. Commentatore certificato 28.02.07 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.petitiononline.com/ste11180/petition-sign.html

PER ABOLIRE I COSTI DI 'SCATTO ALLA RISPOSTA' DELLA TELEFONIA ITALIANA.

Il costo di SCATTO ALLA RISPOSTA e' assolutamente 'Italiano',ovunque in Europa si paga cio che si consuma secondo l'effettivo tempo di conversazione e SENZA IL COSTO FISSO DELLO SCATTO ALLA RISPOSTA che viene ADDEBITATO AL CHIAMANTE ALL'INIZIO DELLA CHIAMATA,INDIPENDENTEMENTE DALLA DURATA DELLA STESSA.

I FIRMATARI DELLA PETIZIONE RICHIEDONO L'ABOLIZIONE DI QUESTI COSSI FISSI CHE GRAVANO SU OGNI CHIAMATA.

http://www.petitiononline.com/ste11180/petition-sign.html

Carlo Casella Commentatore certificato 28.02.07 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Siamo veramente invincibili a bordo di una Mercedes con mille dispositivi di sicurezza?

Qualcuno parla di limiti in base al veicolo, se ho un BMW posso uccidere uno su una panda a 150 Km/H, mentre se ho una panda ho diritto di farlo solamente a 90Km/H?

Come decidiamo qual'è il limite per il modello di auto? Calcoliamo la probabilità di uccidere, non so, ad esempio sull'ipotetica distanza di frenata?

Bene! Visto che il mio mercedes ha il 90% di probabilità di uccidere a 200Km/h e la mia panda ha il 90% di probabilità di uccidere a 100Km/h allora ansiché garantirmi il 99% di probabilità di non uccidere con la mercedes, mi autorizzo un limite di velocità a 200Km/H?

Ipocriti tutti, me compreso. Vogliamo 100 airbag,abs,ecc... per darci un alibi e correre a più non posso.

Non usiamo la scusa delle lobbi e/o interessi superiori.
Le centraline delle auto oggi sono facilmente riprogrammabili, perché non proporre un'autolimitazione facendo produrre dei chip da sostituire nelle centraline, cosi da limitarle a poco più dei limiti di legge?

Riccardo Marangone 28.02.07 12:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/462.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Istigazione al suicidio:

» Io sto con i benzinai da The Greenhouse Effect
Il post esprime la propria contrarietà al decreto Bersani sulle aperture di nuove pompe di benzina, in quanto causerà un abbassamento dei prezzi che porterà la gente a un maggior consumo dell'automobile. [Leggi]

26.02.07 19:54

» Tutta mia la citààà: Sblocco del traffico ciclistico da pillosway
Il meetup degli Amici di Beppe Grillo è un forum dove i lettori del blog (www.beppegrillo.it) dell’omonimo comico si ritrovano per commentare gli articoli riguardanti ecologia, economia, energia, informazione, politica, salute e a discutere di possibil... [Leggi]

26.02.07 22:15

» La pubblicità sulle automobili va proibita? da SBLOOB
La domanda può sembrare provocatoria ma non lo è, prendo solo uno spunto dall’articolo pubblicato ieri da Beppe Grillo sul suo blog. Il noto “intellettuale” facendo riferimento ai recenti fatti di cronaca accaduti sulle strade lo sc... [Leggi]

27.02.07 04:53

» Ma che te corri? da E' un mondo pazzo
E' tutto un mondo che corre si corre la mattina per prendere un mezzo di trasporto anche in una città come Milano dove ce ne sono uno ogni 2/3 minuti nelle ore di punta si corre a piedi si corre in auto per guadagnare non più di qualche secondo e si mu... [Leggi]

27.02.07 10:13

» NEL WEEK-END 38 MORTI, 10MILA DAL 2002 da WWW.LOPSTER.IT
Un bollettino di guerra. Con morti, feriti, mutilati. Le strade che grondano sangue, sangue per lo piu' di giovanissmi. Trentotto morti solo in in questo fine settimana, sedici avevano meno di trent'anni. Gli incidenti mortali registrati nella fascia... [Leggi]

27.02.07 23:30

» Chi va piano... da Critica Costruttiva
In riferimento a quanto apparso sul blog di Beppe Grillo a proposito della pubblicità sulle prestazioni delle automobili come istigazione al suicidio inoltro una mia riflessione. Non credo che il problema sia la velocità (o meglio la massima velocità p... [Leggi]

28.02.07 12:15

» In loving memory: TOMMY da ivysoul2000
In loving memory: TOMMY [Leggi]

17.03.07 13:50