Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'acqua non è una merce

  • 1081


acqua_denaro.jpg

L’acqua non è una merce.”
Ripetetelo allo specchio ogni mattina: vi darà consapevolezza.
I numeri parlano e ci sussurrano dati che non vogliamo ascoltare. Un miliardo di persone non ha acqua potabile. Un milione e ottocentomila bambini muoiono ogni anno per malattie causate dall’acqua inquinata. Dove va l’acqua? Una tazza di caffè richiede 140 litri di acqua, un paio di jeans 11.000 litri, un’automobile 400.000 litri. E solo il 3% dell’acqua del pianeta è potabile.
In Italia l’acqua è una risorsa finanziaria e, quindi, viene privatizzata. Dove prima c’era una sorgente, una fontana pubblica sono arrivati gli imprenditori. I mercificatori dell’acqua. Un bene primario si è trasformato in azioni, in asset, in profitto. L’acqua deve restare in mani pubbliche, le nostre mani. Se non funzionano gli acquedotti pubblici, se sono bucati, vanno riparati, anche a calci nel c..o. I privati devono starne fuori.

Pubblico parte della lettera ricevuta dal presidente di Greenpeace Italia.

“La Direttiva 60/2000 dell’Unione Europea recita: “..l’acqua non è un prodotto commerciale, bensì un patrimonio che va protetto“. L’incultura dell’acqua in Italia, porta a consumare 170 litri di acqua imbottigliata per abitante all’anno, contro una media europea di 85 ed una mondiale di 15, equivalenti a 5 miliardi di contenitori plastici che si trasformano in 100.000 tonnellate/anno di rifiuto urbano.
L’acqua imbottigliata, assoggettata a regimi di controlli spesso lacunosi, ha un costo tra 30 e 50 centesimi, cui si sommano i costi di smaltimento del contenitore, mentre 1.000 litri di acqua da acquedotto, più controllata sul piano chimico-batteriologico, non costano più di 1 euro. Gli italiani dichiarano che alla base di questo paradosso c’è la convinzione che l’acqua imbottigliata sia più sicura ( 51% ), più “buona” (35%), meno “dura” (14% ).
Il nostro Paese è ricco di acquiferi sotterranei, tra i 5 e i 12 miliardi di metri cubi. Ciò nonostante, la crisi idrica è alle porte in tutto il Paese, anche come effetto del cambiamento climatico globale, che vedrà l’aridificazione nel Centro-Sud e la sub-tropicalizzazione nel Nord.
L’origine di questa scarsità annunciata?
- decennale incuria e mancata manutenzione delle reti con un livello di dispersione variabile tra il 30% della Emilia-Romagna e più del 50% dell‘ Acquedotto Pugliese
- inquinamento dei fiumi da parte di insediamenti industriali, attivi e dimessi, ed urbani, in spregio ad ogni normativa, anche per la totale aleatorietà dei controlli ambientali
- insostenibile idroesigenza di un settore primario caratterizzato per decenni da monocolture intensive e da tecniche irrigue (es. a pioggia) dissipatrici di oltre il 30% dell’acqua erogata
- mancata generalizzazione di apparati per la minimizzare i consumi a parità di prestazione, a livello dei consumi domestici. L’eccellente esperienza condotta al riguardo a Bagnacavallo in Emilia Romagna ha mostrato come questa sola misura, il cui bassissimo costo (2-3 euro/abitante) si ripaga con i certificati bianchi per la minore spesa energetica del servizio idrico, consenta di ridurre i consumi familiari di almeno il 10-12 %.”
Walter Ganapini, Presidente Greenpeace Italia

23 Mar 2007, 19:02 | Scrivi | Commenti (1081) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 1081

| La Settimana | Trackback (7)

Commenti

 

E l'acqua delle piscine. Sapete che ogni piscina con filtri a sabbia spreca almeno 3000 litri a settimana. La mia piscina blumarine adotta filtri speciali senza controlavaggio. Zero spreco d'acqua. Io sono le aziende eco.

Federico P. Commentatore certificato 06.10.16 22:06| 
 |
Rispondi al commento

salve, abito in una ridente cittadina alle falde del kilimangiaro" ( alatri - lazio - italia )non ho acqua a sufficienza per usare la lavatrice tutti i giorni della settimana, il problema si accentuta nei fine settimana essendo una donna lavoratrice ( per fortuna)è dal mese di aprile 2010 che interpello acea ato5, i politici di zona e perfino l'illustrissima presidente della regione lazio,ma aimè senza avere una risposta concreta.oggi sono le ore 11.15 e l'acqua non è ancora arrivata, stavo pensando non è che mi potete aiutare per fare una sottoscrizione per costruire i pozzi come si fa per l'africa così risolvo il problema!!!!!!!!!resto in attesa di una vs. celere risposta

cinzia como 07.08.10 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Egregio sg. Grillo

Ho avuto modo di apprezzare il suo blog, e posso garantirle che è veramente un vero luogo dove poter dire la propria.

Sono un cittadino residente a Sant'Anastasia comune limitrofo a un altro paese, Pomigliano D'Arco, cui sono nativo e reputo in tutto e per tutto il mio paese d'origine. Si parla molto spesso di acqua negli ultimi periodi, di renderla pubblica o meno, ma cosa principale si fa poco per eliminare gli sprechi. L'amministrazione comunale del mio paese ha speso (con i soldi dell'unione Europea, soldi malamente investiti) denaro per "abbellire" la cittadina sostituendo le comuni e pratiche fontane pubbliche con innesto meccanico e valvola apertura/chiusura con dispendiose opere architettoniche (quella sita nella piazza principale è costata centinaia di milioni, con l'aggravante che somiglia tantissimo a un bidet) che hanno il flusso a getto continuo, e per altro scomodissime.
Il mio pensiero è che bisognerebbe iniziare quantomeno a risparmiare su questo bene prezioso a cominciare dall'eccessivo spreco di quella pubblica.
Inoltre proporrei di incentivare o almeno spingere sostituire le nostre comuni fontane (da bagno, cucina, doccia) con quelle a infrarossi che si accendono solo quando occorre. Ho fatto un paio di calcoli e ne è uscito fuori un risparmio del 70%.. non male non trova?

Grazie per la sua campagna di informazione,
la prego continui cosi.

Sinceri saluti Antonio

Antonio Mele 29.01.10 01:22| 
 |
Rispondi al commento


Rispettate l’acqua
Rispettate la Natura

L’acqua è importante
L’acqua è vita

Vorrei pregarvi di fare un esperimento:

Immaginate solo per un giorno
Che l’acqua non esista
Che tutta l’acqua del mondo sia esaurita
Che sia imbevibile a causa di una perdita di cianuro
Da una fabbrica di sostanze chimiche della zona.
Avete finito anche l’acqua minerale in bottiglia
E anche i supermercati ne sono sprovvisti perché la gente
Ne ha fatto razzia per lo stesso motivo.
Non c’è acqua su tutto il pianeta
L’acqua piovana non è utilizzabile perché altamente acida e corrosiva.
Ed ora provate a fare le cose che fate sempre ma
Senza mai usare l’acqua di nessun rubinetto, senza mai berla,
senza tirare lo sciacquone, senza potervi lavare i denti,
senza poter cuocere la pasta o dare da bere ai fiori.
Provate solo per un giorno.
2007EmilianaDeFortis

Emiliana De Fortis, Europa Commentatore certificato 03.03.09 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a Tutti,
mi sono sentito in dovere di fare un post trascrivendo un articolo di Rosaria Ruffini
"Mentre nel paese imperversano annose discussioni sul grembiulino a scuola, sul guinzaglio per il cane e sul flagello dei graffiti, il governo Berlusconi senza dire niente a nessuno ha dato il via alla privatizzazione dell'acqua pubblica.
Il Parlamento ha votato l'articolo 23bis del decreto legge 112 del ministro Tremonti che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalistica.
Così il governo Berlusconi ha sancito che in Italia l'acqua non sarà più un bene pubblico, ma una merce e, dunque, sarà gestita da multinazionali internazionali (le stesse che già possiedono le acque minerali). Già a Latina la Veolia (multinazionale che gestisce l'acqua locale) ha deciso di aumentare le bollette del 300% Ai consumatori che protestano, Veolia manda le sue squadre di vigilantes armatati e carabinieri per staccare i contatori.
La privatizzazione dell'acqua che sta avvenendo a livello mondiale provocherà, nei prossimi anni, milioni di morti per sete nei paesi più poveri. L'acqua è sacra in ogni paese, cultura e fede del mondo: l'uomo è fatto per il 65% di acqua, ed è questo che il governo italiano sta mettendo in vendita.
L´acqua che sgorga dalla terra non è una merce, è un diritto fondamentale umano e nessuno può appropriarsene per trarne illecito profitto.
L´acqua è l'oro bianco per cui si combatteranno le prossime guerre.
Guerre che saranno dirette dalle multinazionali alle quali oggi il governo, preoccupato per i grembiulini, sta vendendo il 65% del nostro corpo.
Acqua in bocca."
C'è una fine alla corsa al denaro e all' impoverimento globale?

Marco Solcia 23.10.08 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Beppe magico

Braschi Finoc.. 29.11.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho letto la tua sull'acqua e la lettera che ti ha inviato il presidente di Greenpeace e devo dire che approvo tutto quello che scrivete. Abito a Milano e da mesi (inizio 2007 per la precisione), sto facendo una battaglia per ridurre lo spreco di acqua potabile nella mia città, partendo dalle fontanelle pubbliche che non hanno uno straccio di stupidissimo rubinetto e quindi disperdono milioni, o forse miliardi di ettolitri di acqua potabile! Ho interpellato tutti, compresi due quotidiani "autorevoli"(Repubblica e Corriere online) e anche Striscia ma da nessuno di questi è giunto un riscontro qualsiasi. Mi sono iscritta anche al forum di Milano, sperando in una lettura di qualche assessore, ma in cambio mi sono stati forniti solo un po' di elenchi di questi "nostri dipendenti comunali" e una misera scarna risposta dall'Assessore Croci inviata di default a tutti coloro che gli mandano mail. Forse sarò matta, ma come ex iscritta ad un sito di consumatori opinionisti quale ciao.com ho scritto anche una mia opinione personale sul problema. Partendo, ne sono consapevole da una piccolezza, che però nel mare dei problemi ad essa relativi, potrebbe in parte cominciare a risolvere il problema di spreco ignobile di un bene così prezioso. Ti posto il link di quello che è diventato un tormentone nel sito di ciao, con un riscontro altissimo di letture e ben più di cento commenti arrivati da altri iscritti al sito e che spero, finalmente, arrivi anche alle orecchie giuste della gente e di chi potrebbe davvero risolvere il problema. Anche oggi, girando per Milano ne ho incontrate sulla mia strada ben tre, di quelle "maledette fontanelle pubbliche" e mi prende male, ti giuro! Se non fosse che potrebbero prendermi per matta, andrei a comprarli io i rubinetti e a metterli! Si può fare niente!? Spero di sì. Grazie per l'attenzione. Ciao. Anna (anika55)
90. http://www.ciao.it/Acqua_e_siccita__Opinione_809585

Anna . Commentatore certificato 19.11.07 22:30| 
 |
Rispondi al commento

ma chi lo dice che l'acqua non è una merce?
L'acqua è una merce, peraltro sempre più rara.
E bisogna pagarla per quello che costa.
Fra 50 anni il problema sarà risolto, perchè
a quell'epoca il pianeta dovrà dissetare non
più di 500-600 milioni di esseri umani. Per il momento, la privatizzazione o comunque una
gestione di tipo privatistico è assolutamente
l'unica soluzione, qualunque sproloquio verdi,
verdastri e verdolini possano impapocchiare.
Si potrà obiettare che ai prezzi veri l'acqua diventa un lusso per molti, e non più un diritto.
A parte il fatto che neanche il diritto alla
vita è gratis, perchè per vivere bisogna che qualcuno o qualcosa donino energia, la soluzione
non è complicata. Ai riccastri verrà imposta una
tassa sul consumo idrico volontaria obbligatoria,
nel senso che chi non paga verrà svergognato
perchè "avevo sete e non mi avete dato da bere"
Una sorta di "sharia" cristiana insomma. Sembra
medioevale, ma quello che ci attende è un
medioevo con gli Ipod. In buona sostanza, l'idea
è di provare a ridurre i danni sfruttando la Bibbia per creare e se necessario imporre una società eco-sostenibile, che comunque potrà svilupparsi pienamente solo dopo quella che gli storici ricorderanno come la Grande Potatura del
XXI secolo.
Potatura

Mauro G. Commentatore certificato 15.11.07 20:19| 
 |
Rispondi al commento

non capisco perchè ganapini quando parla di acqua ignora sempre le grandi opportunità legate al risparmio idrico come consegenza del riuso agricolo o industriale di acque affinate.
eppure se tutti i reflui municipali venissero recuperati si renderebbero disponibili il 20% del totale delle risorse consumate per i vari usi. in particolare il riuso agricolo rappresenta una strategia da perseguire in quanto tali acque nel rispetto dei limiti tabellari previsti dal D.Lvo 185 sono acque di sicura ed eccellente qualità e supercontrollate.
Il succeso della strategia dipende:
Dal controllo e dal rispetto delle caratteristiche qualitative (obbligatorie per legge) degli scarichi in pubblica fognatura.
Dall'adozione di tecnologie e di precessi di affinamento per il riuso ad alta efficienza ed a basso costo ormai disponibili.
Da una visione integrata della gestione delle risorse idriche.
Dalla valutazione ed estensione dei pochi casi di successo.
in particolare in alcune regioni del sud piuttosto che pensare a dissalatori, a grandi invasi e ad altre opere faraoniche si pensi concretamente a perseguire il vero obiettivo del risparmio che è da ricercare nel riuso in agricoltura e nello scarico zero.

nino santoro 25.10.07 19:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dobbiamo opporci con tutte le forze a questo scandalo della privatizzazione dell'acqua.un deputato,mi pare,stava facendo una proposta di legge per proibire la privatizzazione dell'acqua.è vero?

marcello . Commentatore certificato 16.10.07 14:16| 
 |
Rispondi al commento

ho letto l'articolo sull'acqua scritto dal presidente di green peace e sono daccordo con lui
il quadro è sconfortante, davvero è giunto il momento di unirci tutti insiecme per fare qualcosa diconcreto.

laura zanetti 09.10.07 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti sono Daniele 27 anni, padre di 2 figli,sognatore idealista e semi-disoccupato con tante preoccupazioni.
Da qualche tempo ho fondato un circolo Legambiente a Sora e insieme a qualche amico abbiao deciso di darci da fare per provare a migliorare , nel nostro piccolo , quello che non va nella nostra città.
Vengo al dunque, da oramai molti mesi, dalle ore 13:00 alle 19:00 l'acqua non viene più erogata.
I tubinetti sono a secco e solo chi ha l'autoclave riesce a sopportare questo disagio.
Abbiamo deciso di informarci e siamo riusciti a reperire il "Disciplinare tecnico" della Società che gestisce il servizio idrico(A.C.E.A. ATO 5).
--------------------------------------------------
AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.5
LAZIO MERIDIONALE FROSINONE
DISCIPLINARE TECNICO
Allegato alla Convenzione-Tipo con il Gestore
Legge N°36/94 e L.R. N°6/96
--------------------------------------------------

Chiedo quindi di aiutarmi per capire se è attualmente in vigore e se è vero che le lamentele effettuate dai clienti, se registrate, comportino una diminuzione della bolletta.
Vi prego di rispondere presto grazie.
legambientesora@libero.it

Daniele Conflitti 05.10.07 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti sono Daniele 27 anni, padre di 2 figli,sognatore idealista e semi-disoccupato con tante preoccupazioni.
Da qualche tempo ho fondato un circolo Legambiente a Sora e insieme a qualche amico abbiao deciso di darci da fare per provare a migliorare , nel nostro piccolo , quello che non va nella nostra città.
Vengo al dunque, da oramai molti mesi, dalle ore 13:00 alle 19:00 l'acqua non viene più erogata.
I tubinetti sono a secco e solo chi ha l'autoclave riesce a sopportare questo disagio.
Abbiamo deciso di informarci e siamo riusciti a reperire il "Disciplinare tecnico" della Società che gestisce il servizio idrico(A.C.E.A. ATO 5).
--------------------------------------------------
AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.5
LAZIO MERIDIONALE FROSINONE
DISCIPLINARE TECNICO
Allegato alla Convenzione-Tipo con il Gestore
Legge N°36/94 e L.R. N°6/96
--------------------------------------------------

Chiedo quindi di aiutarmi per capire se è attualmente in vigore e se è vero che le lamentele effettuate dai clienti, se registrate, comportino una diminuzione della bolletta.
Vi prego di rispondere presto grazie.

Daniele Conflitti 05.10.07 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono con te nella lotta che stai portando avanti per la salvezza del nostro amato pianeta. Sono in una biblioteca pubblica con tre ragazzi che si annoiano a morte ma spero che un giorno sappiano trovare la felicità.

mauro paolucci 28.09.07 17:58| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe!!!
premetto che e davvero scandaloso cio che avviene sulla vendita e sullo spreco dell'acqua pero' non vedo nessuno al governo disposto a proporre un decreto quale io adesso proporro'cosi semplice ma che diminuirebbe lo spreco della stessa !!!
io dico:
il governo dovrebbe incaricarsi a spese dello stato di installare in ogni appartamento un contatore dell'acqua digitale come quello della corrente,in modo che ogni cittadino sia cosciente dello spreco che fa della piu' importante risorsa del nostro pianeta e pagarne personalmente le conseguenze (cio' vorrebbe dire avere una bolletta sul consumo netto dell'acqua per famiglia).
mi permetto di dire cio' vedendo nella mia quotidianita'spreco di acqua incredibile.
metti una legge che se non la rispetti paghi di tasca tua?
ci pensano bene.......

ROBERTO GILETTA 26.09.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Quel che fa arrabbiare è che l'acqua in Italia c'è quasi ovunque in abbondanza.Solo che invece di correre a riparare gli acquedotti si continuano a spendere soldi in innumerevoli cazzate,scegliete voi quali eliminare per prime.E poi eccovi un piccolo sogno.L'Italia è per lo più collinare e tra le tantissime colline ci sono altrettante piccole valli che con un semplice terrapieno(senza cemento) si potrebbero trasformare in tanti laghetti da far invidia alla Finlandia.Anche a fianco dei principali corsi d'acqua se ne potrebbero fare molti,deviando un pò d'acqua d'inverno per avercela d'estate.E con quest'acqua non potabile si potrebbe non solo irrigare i campi e spegnere più facilmente gli incendi,ma anche risparmiare quasi metà dell'acqua potabile.Infatti quasi metà dell'acqua potabile che usiamo nelle nostre case la usiamo per il wc,per il quale anche della semplice acqua piovana non potabile andrebbe benissimo.Una linea di acqua non potabile per ogni casa farebbe risparmiare anche tanta acqua che,anche se vietato,viene utilizzata per annaffiare giardini o altri usi ancora.Nel mio sogno le pompe per distribuire l'acqua sarebbero alimentate da pannelli fotovoltaici risparmiando all'ambiente e alle nostre tasche le linee elettriche per raggiungere posti magari un pò fuori mano.Se la parola laghetto vi fa pensare a poca acqua pensate che un laghetto grande come un campo da calcio può contenere tranquillamente 30000mq d'acqua o più(30.000.000 di litri).Senza pensare che in molti posti l'acqua così raccolta non sarebbe così impossibile da potabilizzare.Certo,le grandi imprese cementificatrici non ci guadagnerebbero niente,e questo rende il mio sogno forse troppo utopico.Ma per me un'utopia resta sempre e solo una cosa ancora da fare.

Remo Angelini Commentatore certificato 24.09.07 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Quel che fa arrabbiare è che l'acqua in Italia c'è quasi ovunque in abbondanza.Solo che invece di correre a riparare gli acquedotti si continuano a spendere soldi in innumerevoli cazzate,scegliete voi quali eliminare per prime.E poi eccovi un piccolo sogno.L'Italia è per lo più collinare e tra le tantissime colline ci sono altrettante piccole valli che con un semplice terrapieno(senza cemento) si potrebbero trasformare in tanti laghetti da far invidia alla Finlandia.Anche a fianco dei principali corsi d'acqua se ne potrebbero fare molti,deviando un pò d'acqua d'inverno per avercela d'estate.E con quest'acqua non potabile si potrebbe non solo irrigare i campi e spegnere più facilmente gli incendi,ma anche risparmiare quasi metà dell'acqua potabile.Infatti quasi metà dell'acqua potabile che usiamo nelle nostre case la usiamo per il wc,per il quale anche della semplice acqua piovana non potabile andrebbe benissimo.Una linea di acqua non potabile per ogni casa farebbe risparmiare anche tanta acqua che,anche se vietato,viene utilizzata per annaffiare giardini o altri usi ancora.Nel mio sogno le pompe per distribuire l'acqua sarebbero alimentate da pannelli fotovoltaici risparmiando all'ambiente e alle nostre tasche le linee elettriche per raggiungere posti magari un pò fuori mano.Se la parola laghetto vi fa pensare a poca acqua pensate che un laghetto grande come un campo da calcio può contenere tranquillamente 30000mq d'acqua o più(30.000.000 di litri).Senza pensare che in molti posti l'acqua così raccolta non sarebbe così impossibile da potabilizzare.Certo,le grandi imprese cementificatrici non ci guadagnerebbero niente,e questo rende il mio sogno forse troppo utopico.Ma per me un'utopia resta sempre e solo una cosa ancora da fare.

Remo Angelini Commentatore certificato 24.09.07 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Quel che fa arrabbiare è che di acqua in Italia ce n'è tanta quasi ovunque.Solo che invece di correre a riparare gli acquedotti si spendono fiumi di soldi in cazzate,lascio a voi la scelta su quali eliminare per prime.Ce ne sono così tante!E ora un piccolo sogno da realizzare.L'acqua non è solo potabile,ma anche con l'acqua non potabile si potrebbe diminuire,e di molto il consumo di quella potabile.Basti pensare che quasi metà dell'acqua potabile che si usa nelle case se ne va per sciacquare il wc.Una linea d'acqua non potabile per ogni casa oltre che per il wc servirebbe anche per tanti altri usi come annaffiare giardini o altro che oggi spesso si fa,anche se vietato,con acqua potabile.L'Italia è per lo più collinare e tra queste colline ci sono innumerevoli piccole valli che con un semplice terrapieno(senza cemento)si potrebbero trasformare in altrettanti innumerevoli laghetti per la raccolta di acqua piovana.Se ne potrebbero fare anche a fianco dei principali corsi d'acqua per deviarne un pò d'inverno e avercela d'estate.Se la parola laghetto vi fa pensare a poca acqua pensate che un laghetto grande come un campo da calcio può contenere tranquillamente più di 30000mq d'acqua(30.000.000 di litri).Fate il conto con la vostra bolletta per capire quante case servirebbe.Nel mio sogno le pompe per distribuire quest'acqua localmente sarebbero alimentate da pannelli fotovoltaici risparmiando sulle linee elettriche che servirebbero a raggiungere posti magari un pò fuori mano.Potremmo dimezzare i consumi di acqua potabile e avere acqua per l'agricoltura e per spegnere gli incendi un pò dappertutto.Creando oltretutto tante oasi per un'infinità di esseri viventi.Solo un'utopia?L'utopia è solo qualcosa che si deve ancora fare.

Remo Angelini Commentatore certificato 24.09.07 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Quel che fa arrabbiare di più per quanto riguarda il problema dell'acqua è che ce n'è in abbondanza quasi ovunque in Italia.Per quanto riguarda l'acqua potabile la situazione è semplicemente scandalosa.Più di un terzo di tutta l'acqua potabile che va buttata e invece di correre a riparare gli acquedotti si spendono un mare di soldi in cazzate,lascio a voi la scelta su quale eliminare per prima.A me vengono in mente per prime le missioni militari all'estero o le innumerevoli auto blu,ma nessuno le può sapere tutte.Ma l'acqua non è solo quella potabile.L'agricoltura è a secco e per spegnere un incendio nei boschi spesso si usa acqua di mare che tanto bene ai boschi non fa,oltretutto spendendo un altro mare di soldi per far volare elicotteri e canadair.Io un sogno per risolvere tutti questi problemi ce l'avrei,oltretutto neanche tanto costoso.Tutta l'Italia peninsulare è collinare con le ovvie valli fra una collina e l'altra.Molte di queste piccole valli si potrebbero trasformare in PICCOLI invasi per la raccolta di acqua piovana,senza cemento,con un semplice terrapieno.Ce ne potrebbero essere centinaia di migliaia di laghetti così.E con reti di distribuzione locali anche senza potabilizzarla si potrebbe dimezzare il consumo di acqua potabile.Come?Basta pensare che quasi la metà dell'acqua potabile viene usata per sciacquare il WC.Una linea per lacqua non potabile in ogni casa permetterebbe di risparmiare non solo l'acqua del wc ma anche l'acqua per giardini e tanto altro che ora è spesso presa dagli acquedotti potabili.Se la parola laghetto vi fa pensare a poca acqua pensate che un laghetto grande come un campo da calcio può contenere tranquillamente più di 30000 metri cubi d'acqua(30.000.000 di litri).Fate i conti con le vostre bollette per capire quante case potrebbe servire un laghetto così.E l'energia per le pompe me la immagino fotovoltaica risparmiando sulle linee elettriche che si dovrebbero fare per arrivare a posti magari un pò fuori mano.Lo so, solo un sogno

remo angelini 24.09.07 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Aiuto!! Nelle città di Chieti e Pescara e buona parte delle rispettive aree interne, siamo da gioni a secco. L'acqua viene erogata per poche ore al giorno e ciò a causa della chiusura di due pozzi di approvvigionamento, sequestrati dato l'elevato tasso di inquinamento dovuto al percolato della discarica abusiva di Bussi!!! La Montedison ha sotterrato per anni rifiuti tossici provenienti da gran parte degli stabilimenti di produzione!!!
Perchè nessuno ne parla????

Franco Corradi 05.08.07 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Per quelli che cercano il filtro per acqua potabile da bere, ecco il sito.www.purityitalia.com la società che lo commercializza è TEAM PRESTIGE srl
Spero di avervi fatto cosa gradita.

paolo gagliano Commentatore certificato 03.08.07 18:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Acque Minerali di S.Stefano Quisquina: i nuovi conquistadores nella terra di nessuno.

"Sanpellegrino sposa Santa Rosalia”, con questo cinismo molto da prosa finanziaria, l’articolo di Repubblica-Palermo del 7 giugno, ci da lo stato dell’arte dell’operazione-Nestlè nel cuore della riserva naturale orientata della Quisquina. Ci parla apertamente di un programma di “conquista” delle acque siciliane, ci dice, per voce soddisfatta dell’amministratore delegato dalla società, che gli attuali 30 milioni di bottiglie annui prelevati e distribuiti sul mercato si moltiplicheranno presto in un programma decennale di 250 milioni di bottiglie che equivalgono a 500 milioni di litri!
Alla fine, “rassicura” che quest’acqua made in Sicily non varcherà i confini dell’isola altrimenti «si rischierebbe di esaurire in pochissimo tempo la risorsa idrica a disposizione...». Cioè: “è solo questione di tempo”.
Non ci dice, però, che quella risorsa idrica è parte integrante dell’unico bacino (l’acquifero della Quisquina) esteso per 48 Kmq che alimenta anche le sorgenti che danno l’acqua al paese e alle molte altre stazioni della sete agrigentina, coinvolto il bacino.
Per la verità non è stato reso noto nessuno studio alternativo, non di parte, che dicesse il contrario.
In pratica: la Sanpellegrino si è attaccata ai nostri rubinetti!
Anzi, continuano a dire che il loro è un insediamento perfettamente legale! E allora? Anche sotto il nazismo era legale sputare sugli ebrei e magari gasarne un po’ di milioni. C’è voluta una guerra per comprendere l'orrore.
Con le dovute distinzioni: quanto e cosa dovremo aspettare per conoscerel’entità del danno di queste pratiche “legali” assistite dalla Regione siciliana sotto gli occhi conniventi di quelli dei governi nazionali?


Acque Minerali di S.Stefano Quisquina: i nuovi conquistadores nella terra di nessuno.

"Sanpellegrino sposa Santa Rosalia”, con questo cinismo molto da prosa finanziaria, l’articolo di Repubblica-Palermo del 7 giugno, ci da lo stato dell’arte dell’operazione-Nestlè nel cuore della riserva naturale orientata della Quisquina. Ci parla apertamente di un programma di “conquista” delle acque siciliane, ci dice, per voce soddisfatta dell’amministratore delegato dalla società, che gli attuali 30 milioni di bottiglie annui prelevati e distribuiti sul mercato si moltiplicheranno presto in un programma decennale di 250 milioni di bottiglie che equivalgono a 500 milioni di litri!
Alla fine, “rassicura” che quest’acqua made in Sicily non varcherà i confini dell’isola altrimenti «si rischierebbe di esaurire in pochissimo tempo la risorsa idrica a disposizione...». Cioè: “è solo questione di tempo”.
Non ci dice, però, che quella risorsa idrica è parte integrante dell’unico bacino (l’acquifero della Quisquina) esteso per 48 Kmq che alimenta anche le sorgenti che danno l’acqua al paese e alle molte altre stazioni della sete agrigentina, coinvolto il bacino.
Per la verità non è stato reso noto nessuno studio alternativo, non di parte, che dicesse il contrario.
In pratica: la Sanpellegrino si è attaccata ai nostri rubinetti!
Anzi, continuano a dire che il loro è un insediamento perfettamente legale! E allora? Anche sotto il nazismo era legale sputare sugli ebrei e magari gasarne un po’ di milioni. C’è voluta una guerra per quantificare l’entità del danno inferto alle risorse idrogeologiche comuni, quelle pratiche legali della Nestlè, così amorevolmente che quelle pratiche legali erano devastanti. Paradosso? Certo, ma con le dovute distinzioni: quanto e cosa dovremo aspettare per conoscerel’entità del danno di queste pratiche “legali” amorevolmente assistite dalla Regione siciliana sotto gli occhi conniventi dei governi nazionali?

Alfonso Leto 27.07.07 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Acque Minerali di S.Stefano Quisquina: i nuovi conquistadores nella terra di nessuno.

"Sanpellegrino sposa Santa Rosalia”, con questo cinismo molto da prosa finanziaria, l’articolo di Repubblica-Palermo del 7 giugno, ci da lo stato dell’arte dell’operazione-Nestlè nel cuore della riserva naturale orientata della Quisquina. Ci parla apertamente di un programma di “conquista” delle acque siciliane, ci dice, per voce soddisfatta dell’amministratore delegato dalla società, che gli attuali 30 milioni di bottiglie annui prelevati e distribuiti sul mercato si moltiplicheranno presto in un programma decennale di 250 milioni di bottiglie che equivalgono a 500 milioni di litri!
Alla fine, “rassicura” che quest’acqua made in Sicily non varcherà i confini dell’isola altrimenti «si rischierebbe di esaurire in pochissimo tempo la risorsa idrica a disposizione...». Cioè: “è solo questione di tempo”.
Non ci dice, però, che quella risorsa idrica è parte integrante dell’unico bacino (l’acquifero della Quisquina) esteso per 48 Kmq che alimenta anche le sorgenti che danno l’acqua al paese e alle molte altre stazioni della sete agrigentina, coinvolto il bacino.
Per la verità non è stato reso noto nessuno studio alternativo, non di parte, che dicesse il contrario.
In pratica: la Sanpellegrino si è attaccata ai nostri rubinetti!
Anzi, continuano a dire che il loro è un insediamento perfettamente legale! E allora? Anche sotto il nazismo era legale sputare sugli ebrei e magari gasarne un po’ di milioni. C’è voluta una guerra per quantificare l’entità del danno inferto alle risorse idrogeologiche comuni, quelle pratiche legali della Nestlè, così amorevolmente che quelle pratiche legali erano devastanti. Paradosso? Certo, ma con le dovute distinzioni: quanto e cosa dovremo aspettare per conoscere assistite dalla Regione siciliana sotto gli occhi conniventi di quelli dei governi nazionali?

Alfonso Leto 27.07.07 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Acque Minerali di S.Stefano Quisquina: i nuovi conquistadores nella terra di nessuno.
"Sanpellegrino sposa Santa Rosalia”, con questo cinismo molto da prosa finanziaria, l’articolo di Repubblica-Palermo del 7 giugno, ci da lo stato dell’arte dell’operazione-Nestlè nel cuore della riserva naturale orientata della Quisquina. Ci parla apertamente di un programma di “conquista” delle acque siciliane, ci dice, per voce soddisfatta dell’amministratore delegato dalla società, che gli attuali 30 milioni di bottiglie annui prelevati e distribuiti sul mercato si moltiplicheranno presto in un programma decennale di 250 milioni di bottiglie che equivalgono a 500 milioni di litri!
Alla fine, “rassicura” che quest’acqua made in Sicily non varcherà i confini dell’isola altrimenti «si rischierebbe di esaurire in pochissimo tempo la risorsa idrica a disposizione...». Cioè: “è solo questione di tempo”.
Non ci dice, però, che quella risorsa idrica è parte integrante dell’unico bacino (l’acquifero della Quisquina) esteso per 48 Kmq che alimenta anche le sorgenti che danno l’acqua al paese e alle molte altre stazioni della sete agrigentina, come già studiato e descritto nel corso degli anni da univoci studi geologici condotti dal prof. Livio Trevisan ordinario di geologia dell’Università di Pisa (1963), dai proff. Rosario Alaimo (Docente di geochimica) e Antonio Daina (Docente di geologia applicata) dell’Università di Palermo(1988 e 1990), del dott. Francesco Martorana, geologo e studioso del bacino in questione (1999 e 2000). Studi di cui sono sempre stati a conoscenza tutti gli enti, per via di ben note altre vicende che hanno storicamente coinvolto il bacino.
Per la verità non è stato reso noto nessuno studio alternativo, non di parte, che dicesse il contrario.
In pratica: la Sanpellegrino si è attaccata ai nostri rubinetti!
Saremmo tutti (in parte) consolati se qualcuno che riveste pubbliche funzioni amministrative, comunali o regionali, di tutela del territorio, o perfino

Alfonso Leto Commentatore certificato 27.07.07 19:31| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua è il bene più prezioso che abbiamo insieme all'aria che respiriamo, percui volevo chiedere a chi
se fosse possibile fare una petizione affinchè vengano messe fuorilegge le piscine grandi o piccole in plastica o muratura che ogni anno d'estate vengono o costruite da privati per il proprio refrigerio personale, per poi essere svuotate magari dopo una giornata d'utilizzo. Ho un conoscente che ne ha acquistata una che contiene 10000 liri d'acqua, vi giuro che mi sono i capelli dritti quando me l'ha detto. Ma possibile esistono i parchi acquatici, le piscine pubbliche, non dimentichiamoci che esiste anche l'acqua del mare, e la gente che fà? si mette la piscina del cazzo in giardino per rinfresfarsi i coglioni. Percui facciamo una petizione per LA MESSA FUORILEGGE DELLA VENDITA E COSTRUZIONE DI PISCINE PRIVATE. BOICCOTTIAMO LO SCEMPIO D'ACQUA

Claudio G. Commentatore certificato 23.07.07 00:04| 
 |
Rispondi al commento

C'è stata questa mattina una manifestazione civica in difesa delle acque del fiume Rio Fergia.

Togliere l'acqua dalle case per concedere il prelievo alla società Rocchetta/Idrea RAPPRESENTA UNA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 2 DELLA CARTA FONDAMENTALE DEI DIRITTI UMANI!

Questa è la politica italiana, destra sinistra centro, tutti in violazione dei diritti umani!

Claudia Burgio 21.07.07 12:08| 
 |
Rispondi al commento

O Beppe ma oltre a sistemare gli acquedotti potremmo incaricare i nostri dipendenti (a calci nel didietro=raccolta firme) di espropriare il 51% delle acque minerali private e farne buon uso o no? Potremmo ripagare le multinazionali con un po' delle proprietà statali in disuso (come le caserme abbandonate, anche se si risparmierebbe a usarle come carceri: sono gia parzialmente attrezzate).

Leonardo Bellini 20.07.07 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Sabes dónde tirar el aceite de las frituras hechas en casa?
Aunque no hagamos muchas frituras, cuando lo hacemos, Tiramos el aceite usado en la pileta de la cocina o en algún otro sumidero, ¿verdad? Ese es uno de los mayores errores que podemos cometer. Siendo así, lo mejor que podemos hacer o recomendar hacer es el colocar el aceite usado en alguna de esas botellas de plástico de refresco, cerrarlas y colocarla luego en la basura normal. Un litro de
aceite contamina cerca de un millón de litros de agua. Cantidad suficiente para el consumo de agua de una persona durante 14 años.
De nada sirve criticar a los responsables de la polución de los ríos, si no hacemos nuestra parte, que no parece ser muy difícil.
Obs.: Si tú eliges, reenviar esto para tus amigos, el medio ambiente quedará muy agradecido. Al final, es bueno para todos.

Ale Chessa 09.07.07 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Acqua, mai stata prima d'ora una parola cosi secca.
Forse per ora riguarderà soltanto i deserti e alcune zone del sud del mondo, ma se non ci fermiamo in tempo arriverà a colpire anche noi.
L'Italia è da sempre un paese con molte risorse idriche sia sotterranee che superficiali.
Anche se negli ultimi decenni ci siamo fortemente impegnati, per spianarci la strada verso un futuro sahariano.
A questo proposito, un giorno passeggiando per un parco di Roma con un il mio amico Valerio, ci è saltato davanti agli occhi uno strano fenomeno; "nasoni" che perdevano!
Per i non romani, i nasoni sarebbero le migliaia di fontanelle comunali disseminate per la città che ogni giorno fanno sgorgare dalla loro protuberanza milioni di hl di acqua totalmente sprecata!
Il problema ci ha assalatito come un lupo in una foresta. Subito ci siamo cominciati a chiedere il motivo per cui il comune non fornisca ogni "nasone" di una personale scorta di fazzoletti! ma pensandoci, anche un più semplice rubinetto andrebbe bene.
Ma a questo siamo riusciti a dare solo risposte poco soddisfacenti: costa troppo fare una manutenzione ad una fontanella con un rubinetto? oppure l'acqua per motivi igenici deve scorrere e non depositarsi ferma in tubature?
putroppo io e il mio amico Valerio non siamo degli esperti, e quindi siamo rimasti "a bocca asciutta".
Però lo schiribizzo di fare qualcosa, per arrestare questo mega raffreddore che assale la nostra città, ci è venuto in mente.
Il pensiero c'è, la volonta anche, mancano le conoscenze e le tecniche, e magari qualche centinaia di migliaia di firme.
Se questo blog ci potesse aiutare a iniziare questa nuova cura contro il raffreddore dei "nasoni", la nostra gratitudine sarebbe infinita, e forse anche quella dei romani: vecchi e giovani!

Spero di non aver fatto un buco "nell'acqua", perchè mi sembra che sia davvero importante fare qualcosa.
L'acqua è fonte di vita, non sprechiamola per un raffreddore.

con amicizia e gratitudine Marco D'Ottavi

Marco D'Ottavi 05.07.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Ho comprato i regolatori/riduttori di flusso. Sono una bomba!Ho speso solo 15 euro e li ho applicati a tutti i rubinetti di casa,doccia compresa. Costano 2.50 euro circa l'uno,e dimezzano istantaneamente il consumo di acqua.
So che molti di voi li hanno già, ma so anche che altrettanti non sanno cosa siano di preciso.
Scriverò al mio sindaco invitandolo a distribuire gratuitamente almeno un regolatore di flusso per famiglia (magari nell'arco di un anno).
Ciao a tutti.

Mattia D. 02.07.07 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ho pensato che era ora di smetterla di alimentare il mercato dell'acqua in bottiglia e ho cercato un'alternativa.Nel negozio biologico della mia città ho trovato un filtro da applicare al rubinetto facilissimo da usare.Si chiama aquasan, costa 18 EURO.Io l'ho provato...tutto va bene se impediamo che l'acqua diventi un bene elitario!

serenella massidda (sererory) Commentatore certificato 25.06.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei comunicare subito una notizia: Domani alle 19,30 in piazza Municipio di Castellammare di Stabia, ci sarà una manifestazione di CITTADINI, per protestare la privatizzaqzione dell'acqua, voluta fortemente dalla Giunta Bassolino, per creare ulteriori carrozzoni politici di Enti inutili e doppi, tripli ecc.
Per invitare i piu a riflettere sull'argomento, non vi tedierò con il solito l'acqua è di tutti, non è possibile privatizzarla ecc. ecc. Non che non ne sia convinto, ma vorrei fare un passo avanti. L'acqua di STABIA, serve oltre che i comuni limitrofi, anche tutta la penisola Sorrentina e Capri, è un affare da miliardi di euro, che noi regaliamo alla GORI spa, in più gli diamo anche la possibilità di spesa dei soldi pubblici provenienti da fondi europei. Quindi gli regaliamo l'acquedotto, l'acqua, i soldi da investire nelle infrastrutture (che saranno da loro decise) e poi, come è giuisto (?) pagheremo anche le bollette al prezzo di mercato.....quale mercato? quello drogato dai finanziamenti pubblici.
Ora per venire ad un punto, vi invito a leggere un articolo di una rivista specializzata: INQUINAMENTO, numero 90 di febbraio 2007, l'articolo è: Verso una nuova politica europea delle acque. Assurdo, il giornalista sa tutto sull'argomento, si capisce chiaramente da quello che scrive, le conclusioni? sono assolutamente sbalorditive. Parte dalla direttiva 2000/60/CE, parla di distretti idrografici, parla delle Autorità di Bacino, ginge alla conclusione che l'Italia ha adempiuto alla direttiva con il DLgs 152/06. Falso, l'Italia non ha adempiuto un bel niente, visto che il titolo II del DLgs 152, sull'ambiente è ancora non vigente.
Questo sarebbe solo una nuova procedura di infrazione, il fatto è che quando ho letto la direttiva 2000/60/CE, per una volta ho sorriso, abbiamo già fatto tutto, partite le Autorità di Bacino, individuato gli ambiti ottimali, creati gli ATO.......Allora perchè siamo ancora inadempienti?finito lo spazio se ne volete sapere contattatem

Achille Del Pizzo 18.06.07 12:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho letto tutto l'articolo, ma semplicemente volevo segnalare una incongruenza
mi spiego:
sono un residente di Arona (NO, se vi venite a fare un giro sul lungo lago noterete che diverse Fontanelle Pubbliche con acqua potabile, sono PERENNEMENTE,CONTINUAMENTE APERTE, con uno spreco d'acqua non indifferente considerando che si parla spesso di "emergenza idrica".
Consiglio a tutti gli abitanti dell' italia del sud di venire con Camion, vagoni ecc...e rifornirsi dalle fontanelle di Arona,,,il comune nonostante sia stato avvisato a quanto pare a deciso di essere "generoso".
Ho solo un dubbio essendo io residente li non è che per caso mi toccherà pagare in qualche modo questo sperco d'acuqa?

io sono Ignorante nel senso corretto della parola, se qualcuno mi potesse spiegare il motivo di questa scelta comunale, gliene sarei grato.
grazie e ciao

dario

dario zucchelli 13.06.07 12:41| 
 |
Rispondi al commento

@ oddio, 'sta serp,entina! ma qualcuno l'ha prodotta? se si, dove sta? ci si può dare un'occhiata? a me 'sta storia puzzzzzzza di leggenda metropolitana. possibile che in garage privato, nessuno, dico NESSUNO, l'abbia prodotta? siamo seri. l'indirizz ce l'hai. dammi notizie.
un abbraccio...

TESTA DI CAZZO LA VENDONO IN TUTTI I NEGOZI DI ELETTRODOMESTICI, ENTRI CHIEDI DI UN DEUMIDIFICATORE E TE NE FANNO VEDERE DI ALMENO QUINDICI MARCHE DI OGNI PREZZO, POI CHIEDI UN BOLLITORE E TE NE FANNO VEDERE ALMENO 50 TIPI

CON 200 EURO TI PORTI A CASA BOLLITORE E DEUMIDIFICATORE

CE L'ABBIAMO GIà IN MILIONI DI PERSONE

SE NO DOVE LO VEDEVI IL PALO ?

IL PALO è FATTO DALLE TRECENTO MILIONI DI PERSONE CHE HANNO GIà LA SERPENTI,NA E SPINGONO DENTRO NEL CULO DI ZANOTELLI E DEI NEMICI DELL'UMANITA'

Francesca Torella 09.06.07 20:57| 
 |
Rispondi al commento

sentite gente spero non vi incazziate ma questa cosa la devo scrivere anche se non centra nulla, sperando che beppe la legga e ci dia una mano per quello che puo.
visitate il sito www.rigacase.com ( è in inglese )è un tema molto caldo, si tratta di alcuni ragazzi( studenti) amici che sono andati in lettonia e per una ragazzata( hanno preso delle bandiere lettoni in giro per strada ) la polizia gli ha presi e ora sono accustai di vilipendio alla bandiera a furto premeditato,rischiano 6 anni di galera!!!!
vi prego date uno sguardo e aiutateci con la petizione online che ttrovate sul sito che vi ho appena lasciato.
ciao.

Mauro Vallieri 08.06.07 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno sono Luigi, vi volevo rubare solo due minuti chiedendovi se, presso i vostri comuni sono arrivati i materiali
riguardante la raccolta delle firme per la proposta di legge d'iniziativa popolare, al fine di poter riportare il controllo delle
acque (sia potabili che nere) sotto la gestione dei comuni.
In caso vogliate maggiori informazioni questo è il sito di riferimento per la campagna, dove spiega tutto quello che serve sapere
Per info: www.acquabenecomune.org

NB. vi chiedo di sostenere questa iniziativa che ormai stà per concludersi a fine mese, realizziamo finalmente quello che, fino a poco tempo fà, era solo una delle tante segnalazioni del mal funzionamento del sistema Italia.


Grazie.

luigi l. Commentatore certificato 07.06.07 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Anche in Sardegna come nel resto d'Italia è in piena attività il partito della privatizzazione dell'acqua con l'unica differenza, rispetto alla penisola, che l'incapacità di chi governa male la regione si è manifestata anche nel processo di riforma del servizio idrico regionale. Oggi in Sardegna beviamo acqua targata Abbanoa spa, ad un costo medio circa doppio rispetto alle vecchie gestioni pubbliche, ma con un deficit finanziario, di bilancio e un peggioramento del servizio che ha del disastro annunciato. Fino a ieri esistevano una miriade di gestioni che andavano certamente razionalizzate ma non disintegrate come invece è avvenuto. L'Esaf (ente regionale che gestiva 280 comuni su 377), la Sim di Cagliari, la Siinos di Sassari e la Govossai di Nuoro, aggiunti ad oltre 100 comuni gestiti in economia, gestivano l'idrico e il fognario a costi decisamnete minori e con servizi al pubblico nettamente superiori. In più vi è la triste vicenda delle questioni realtive al personale, tra precari trombati e lavoratori di ruolo ghettizzati solo perchè figli di un contratto di lavoro migliore rispetto all'odiato federutility scelto unilateralmente da Abbanoa. Abbanoa è come una nave che affonda inesorabilmente a cento metri dal varo, ma tutti i protagonisti fanno finta che non sia così. Abbanoa non paga i fornitori da molti mesi per un debito di diverse decine di milioni di €, detierne una esposizione bancaria altrettanto pesante ed in più paga poco e male i propri dipendenti, ai quali, in alcuni casi, non versa i contributi previdenziali. Ora grava sul gestore una doppia sentenza, TAR e Giudice di pace, per i quali sono illeggitimi gli aumenti tariffari a carattere di retroattività. In pratica Abbanoa con le prossime bollette dovrebbe restituire il maltolto ai prori utenti con un danno economico che potrebbe rappresentare la mazzata definitiva al gestore. La Sardegna fino al 2005 aveva i suoi gestori pubblici; che senso ha avuto tutto ciò? Chi ne ha tratto vantaggio? Nessuno!!!

Massimo Todde 05.06.07 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Boicottate l'acqua ROCCHETTA che RUBA l'acqua di Gualdo Tadino
Boicottate la SAN PELLEGRINO che paga 600 euro all'anno di concessione per rubare miliardi di litri d'acqua e creare profitti altissimi
BOICOTTATE TUTTE LE ACQUE MINERALI CHE RUBANO UN BENE DI TUTTI PER UN PROFITTO (E CHE PROFITTO) DI POCHISSIMI

Dario Levissima 05.06.07 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Il 50% della acqua del pianeta viene usata negli allevamenti di animali che poi vengono macellati. Il 70% delle terre coltivate serve per alimentare queste povere vittime. Per produrre 1 kg di carne servono da 12 a 25 kg di cereali: se tutti fossimo vegetariani si potrebbero alimentare fino a 40 miliardi di umani e il petrolio durerebbe altri 70 anni. Se tutti fossimo carnivori il petrolio durerebbe altri 7 anni. In un momento in cui le terre coltivate saranno usate per produrre etanolo e biodiesel e per continuare a produrre bistecche, cosa mangeranno i popoli oppressi del terzo mondo? Il vegetarismo diventa allora strategico per la lotta dall'oppressione, per la liberta e la giustizia sociale. Diventare subito vegetariani per una nuova forma di internazionalismo! Autogestisci la vita subito! Salva te stesso, gli animali e il pianeta!

massimo andellini 03.06.07 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti qui a Bari abbiamo fatto un indagine (potete guardare il video al link: http://fotoalbum3.aruba.it/fotoalbum_verdedirabbia_it//photos/Puntatechr322007/Peppinochr32chr38chr32Savino/movies/PeppinoSavinosprecoacqua.wmv)con la nostra trasmissione "Verde di rabbia" e abbiamo scoperto che per ogni fontana aperta si sprecano oltre 4500 litri di acqua potabile al giorno! Non è possibile che nessuno abbia pensato di metterci un rubinetto e poi l'acquedotto invia lettere invitando i cittadini ad un consumo consapevole! fateci sapere. ciao

ALBERTO DE GIGLIO Commentatore certificato 01.06.07 12:25| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

abito a torino da 28 anni e vorrei che qualcuno mi spiegasse perchè i torelli (le fontanelle che si trovano per strada) erogano acqua 24 ore al giono che finisce nelle fogne. Non è possibile applicare un rubinetto? A Torino non è piovuto per mesi, non era possibile raccogliere questa acqua e usarla per bagnare i prati, i giardini, i parchi? Si parla tanto di emergenza acqua ma questo spreco vergognoso mi fa pensare che forse tutta questa emergenza non c'è (a parte che, anche se non ci fosse un'emergenza è da criminali sprecare così l'acqua).

milena pacini 29.05.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Non e` cosi` difficile...se tutti, e sottolineo TUTTI, imparassimo a chiudere il rubinetto mentre ci laviamo i denti, a preferire la doccia al bagno (per dire) gia` si risparmierebbe acqua.
per quel che riguarda la privatizzazione, oddio, quella e` un'ingiustizia pura e cruda. non si puo` dipendere da una sola persona per poter bere l'acqua! deve essere un bene comune di tutti!


Gentili Signori,
abituatevi ad un uso razionale dell'acqua. Risparmiate l'acua potabile che sgorga dai Vostri rubinetti. Non crediate che sia un'azione svilente recuperare l'acqua in esubero. E' un'azione molto intelligente e matura. Vogliate bene al Vostro pianeta. Usate intelligentemente i Vostri sciacquoni e l'acuqua potabile delle Vostre docce. Interrompete il flusso di acqua potabile mentre lavate i Vostri denti e le Vostre mani. Abbiate cura di questo grande privilegio. Insieme possiamo fare tanto.

Mattia Dumdam 26.05.07 04:16| 
 |
Rispondi al commento

Se guardate questa foto

http://www.liberaassociazioneilpopolo.it/4/news-photos-images-pics/2005/08/una-donna-prende-acqua-da-una-pozza-in.html

capite forse perchè c'è tanta bisogno della Serpent,ina per rigenerare fino a 5000 litri di acqua al giorno anche in mezzo al deserto.

E' una bella foto, chiarisce bene il problema e a cosa servirebbe la Serp,entina.

Francesca Torella 25.05.07 23:58| 
 |
Rispondi al commento

In 50'anni di storia siamo riusciti a fare danni come 150 anni. L'umanità va troppo veloce,e chi non riesce a starle dietro,ne paga le conseguenze. Per questo ci sono UN MILIARDO di persone senza acqua potabile.
Se noi,uomini che "stiamo al passo" ,riuscissimo a renderci conto seriamente del problema,forse le cose cambierebbero.
Purtroppo in Italia vige un sistema capitalistico,dove tutto si basa sul guadagno.
Quindi aspettarsi che la consapevolezza nasca dall'alto,è una cosa molto improbabile(anche se ci sono le eccezioni).
Al nord italia,questa estate,non avremmo acqua. Bisogna che la gente se ne renda conto!!! Ma perchè la consapevolezza deve arrivare solo quando il problema tocca da vicino?E' da anni e anni che il sud italia è senza acqua,perchè non ce ne siamo mai interessati più di tanto?
Forse perchè è sempre stata cosiderata una cosa normale(che normale NON E'!).Al sud sono molto più "al passo" di noi,anche se non ce ne rendiamo conto,perchè hanno un sistema di raccolta e depurazione di acque piovane nelle case(a quanto mi hanno riferito),ad una certa ora spengono l'acqua e fino alla mattina non la riaccendono...proviamoci anche noi,nel nostro piccolo!Perchè tutte le cose,in questa bell'Italia,devon e dovranno sempre partire dal basso.
saluti

gaia mazzola 20.05.07 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Ho installata un depuratore d'acqua ad osmosi inversa. Trovo l'acqua più digeribile e finalmente non butterò altra plastica in discarica.

gabriele livelli 18.05.07 19:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao,lavoro come operaio in una azienda del porto di Genova,settore riparazioni navali e spesso mi ritrovo a svolgere le mie mansioni nei bacini di carenaggio. L'azienda per la quale lavoro si occupa di costruzione e riparazione navale e sovente collabora con altre aziende,le quali sono specializzate in altre "materie". Per esempio,una delle tante che si occupa del lavaggio delle carene delle navi,nonostante lavori quasi sempre con noi e per noi(e non solo),adopera materiale scadente. Cosicchè usando per esempio manichette dell'acqua usurate,c'è uno spreco di acqua indecente. Inoltre i lavaggi della pavimentazione dei bacini,dovrebbe essere fatta con acqua di mare,ma puntualmente non è così. Se ne battono le balle,in primis gli stessi gestori dei bacini e poi i medesimi operatori che usano macchine vecchie che sprecano metri cubi di acqua dolce.. Ma non c'era la crisi idrica nazionale,con i fiumi a secco e gli acquedotti aridi?? Grazie saluti umidi..

davide r. Commentatore certificato 16.05.07 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Un voce fuori dal coro.
III parte.

------------------
"ciao beppe, sono una laureanda in ingegneria per l'ambiente e il territorio.
ho scoperto con mio divertito stupore che l'arpa-lazio,l'ente regionale preposto per la salvaguardia delle acque sicuramente,e sinceramente non so se dell'ambiente in senso più generale, non mette a disposizione a NESSUNO E PER NESSUN MOTIVO i risultati delle proprie ricerche...pertanto ho dovuto ripiegare su un'altra tesi.E' normale tutto questo??"

Vedo che hanno risposto in tanti(nessuno praticamente mah!)
Ma dai di che ci lamentiamo le fanno queste analisi, i non adetti ai lavori che pretendono, si fidino e basta!
Quello che hai toccato con mano credo sia la "Normalità Italiana", Auguroni per la Laurea.
----------------------

Ho sentito spesso dagli organi preposti al controllo dell'acqua del rubinetto "in questo periodo l'acqua ha un odore particolare ed colore sul giallo, dipende dalla sostanza che oggi usiamo in sostituzione del Cloro, ma non c'è da preoccuparsi l'acqua è potabilissima".

Eppure quando, si progetta un Depuratore Fognario si deve garantire che l'acqua d'uscita del depuratore che chiaramente può essere utilizzata per solo uso irriguo, oltre a non contenere Organismi Patogeni sia INODORE ed INCOLORE.
Ora mi chiedo com'è possibile che per l'acqua in uscita da un impianto di depurazione e potabilizzazione per uso Alimentare sia tollerata un'acqua NON INODORE e NON INCOLORE ?

A parte che dovrebbe soddisfare ben altri requisiti.

Il fatto è che quando c'è da spendere soldi per realizzare o rifare Nuove Piazze e Nuovi Impianti Soprtivi, in quanto Opere Appariscenti i Soldi ci arrivano, quando si deve investire nella Salute i Soldi non si trovano.

Gli impianti di Depurazione dell'Acqua dovrebbero essere al Top e non limitarsi a rispettare semplici Parametri di Legge, le Analisi periodiche andrebbero fatte in Diga e nelle abitazioni e pubblicate in rete.

Matteo T. 14.05.07 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Una voce fuori dal coro.
II parte.

Nel mio mondo sino a pochi anni fa capitava che nel mentre ti stavi lavando i denti usciva improvvisamente acque marrone, e la storia è durata per 3 o 4 anni, con cadenza anche bisettimanale, l'acqua del rubinetto e proprio sempre purissima levissima e con le bolliccine!!!!

Non parliamo della quantita di cloro che in quel periodo anzi diciamo per una decina d'anni l'acqua conteneva azz se erano presenti le bollicine.
Tanti sono convinti che il Cloro è un ottimo amico dell'uomo.
V'invito ad una prova prendete un lombrico(spero qualcuno ne sia capace) mettetelo in secchio d'acqua diciamo circa 10 litri d'acqua versate una 1 sola goccia di Cloro(varecchina) e state ad osservare che succede(viene immediattamente squagliato), e poi pensate alla flora batterica che popola il nostro stomaco senza la quale non potremo digerire, pensate alle nostre cellule che sono fatte all'80% di acqua H2O pura senza Cloro Cl, dite di voler combattere gli enti privati che in base ad una legge nazionale stanno prendendo in carico gli acquedotti pubblici, be se volete veramente questo battetevi perchè gli acquedotti siano realmente pubblici ad iniziare dalle analisi chimiche che pur essendo effettuate tante volte al giorno(a me risultano siano fatto così tante volte quando ci sono seri problemi di beccarsi brutte malattie) un acqua va controllata anche in tutto il resto delle sue qualità, non è che perchè si sono distrutti gli elementi patogeni che ci spedirebbero in pochi giorni all'ospedale che un acqua può definirsi pura, essa sarà anche potabile a norma di legge, come giustamente ha scritto e detto il Dottor Montanari a proposito del particolato rilasciato delle diesel euro4 sotto il PM 10, ma a me interessa un'acqua pura non un'acqua potabile, col concetto di potabile basta elevare la soglia di potabilità(come già fatto) e tutto s'aggiusta, e no non ci stò PRETENDO un ACQUA PURA.

Matteo T. 14.05.07 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Una voce fuori dal coro.
Sta storia dell'acqua, proprio non mi convince, come spesso accade si mischiano tante cose diverse in unico calderone.

Si parla parla, ma poi di concreto poco si fa, che la plastica inquini credo sia fuori discussione.

Ma poi si mischia privatizzazione acquedotti pubblici con multinazionali dell'acqua minerale, comunque esistono anche tante piccole ditte che offrono acqua migliore e più sicura a prezzi migliori.

Sul discorso che l'acqua in bottiglia sia privata, credo non ci piova, ciò che mi preoccupa e che si pensi che per garantirne la sicurezza debba finire tutta in mani delle multinazionali(così sembra pubblica), (che magari promettono più occupazione, e poi spesso creano povertà, facendo salire alle stelle i prezzi delle case ed altri beni simili) questo mi spaventa ma purtroppo vedo che la strada intrapresa è quella, i singoli soggetti continuano ad essere visti come un ostacolo al progresso, dalle stesse persone che dicono di voler combattere la globalizzazione selvaggia, spesso in certe battaglie ed sopratutto in certi combattenti c'è tanta confusione, ipocrisia e superficialità.

Ma tornando al discorso dell'acqua in bottiglia si o no?
Credo che il problema vada affrontato diversamente, vadano realmente confrontate l'acqua in bottiglia con l'acqua che esce dal rubinetto, non a caso solo da pochi anni le Asl hanno fatto predisporre un piccolo rubinetto nel punto di allaccio alla rete pubblica.

Io non so in che mondo di bengodi vivano tutti quelli che hanno l'acqua purissima altissima con le bolliccine dal rubinetto.

Nel mio mondo se prendo e riempio una bottiglia d'acqua dal rubinetto, la conservo per un mese al buio ed al fresco poi la ritrovo con una coltre scura depositata sul fondo.
L'acqua in bottiglia che compro(a buon prezzo) sottoposta alla stessa prova dopo anche tre mesi risulta ancora limpidissima.

Tra le due mi sembra il problema della scelta non si ponga proprio.

Matteo T. 14.05.07 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono un ragazzo di 15 anni che, in quanto molto interessato al tema ambientale, si vorrebbe complimentare con voi riguardo all' articolo "L' acqua non è una merce".
Concordo pienamente, come voi, il fatto che spesso le poche sorgenti di acqua potabile sono 'depredate' dai privati che ne abusano a scopo di lucro... mica scemi! Si sa benissimo che tra meno di 50 anni l' acqua sarà più preziosa e rara del petrolio per via del surriscaldamento globale che ci sta lentamente distruggendo.
Proprio per questo motivo, se non per altri, io e la mia famiglia beviamo esclusivamente acqua del rubinetto e cerchiamo il più possibile di evitare il consumo d' acqua (seppure la mia famiglia è composta da cinque individui). E' proprio a queste consuetudini che dovremmo basarci tutti! Infatti, 'boicottando' l' acqua in bottiglia, si potrà far si che questi veri e propri ladri vedano precipitare le loro quote in borsa per far sì che l' acqua torni ad essre un bene pubblico.
Detto questo, colgo l' occasione per porgere i migliori saluti e per invitarmi a rispondere così da poter creare un bel discorso.
Salve a tutti!

matteo hoo 11.05.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Domenica 6 maggio ero in "piccionaia" al DATCH FORUM di Milano per il tuo spettacolo e oggi eccomi qui a capire di + circa la privatizzazione degli acquedotti!
Avevo capito che stavate raccogliendo firme per una petizione ma non ho trovato nulla al riguardo....mi aiutate???
Grazie mille
Francesca

Francesca Gibertoni 10.05.07 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se mi intrometto...a proposito di acqua
..non ne posso piu di vedere ovunque le bottiglie da mezzo litro dell'Acqua San Benedetto. Quando vado al distributore delle macchinette a lavoro non posso scegliere,alla stazione,all'aeroporto..ovunque. Me la sogno la notte. Come si puo fare a sbarazzarcene,è mai possibile che abbia il monopolio su tutte la acque?E poi quella rondine disegnata...Voglio un altra acqua.
nicola
grazie!
Nicola

nicola messina 09.05.07 17:21| 
 |
Rispondi al commento

ciao, dove si raccolgo le firme per la petizione contro la privatizzazione degli acquedotti?

grazie
ilaria

ilaria de bartolomeis 08.05.07 17:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

@@@Nel caso un edificio in costruzione non volesse collegarsi all'acquedotto ed utilizzare una Serpentina di Sc,hietti, quale sarebbe il risparmio?--

Allora, per un villino monofamiliare, ci sarebbero diecimila euro di risparmio per le tubature dell'acquedotto , più altri diecimila euro per il risparmio di tutto l'impianto di riscaldamento, del boiler e dei caloriferi.

Quindi 20 mila euro di risparmio. Il costo dell'energia per far funzionare la Serpentina per 20 anni.

La Serpentina andrebbe posta sul tetto e l'acqua si distribuirebbe automaticamente nelle condutture di tutto l'edificio.

Credo che in un condominio con 20 appartamenti, il risparmio potrebbe essere di oltre 400 mila euro.

E' proporzionale al numero delle stanze, dei caloriferi, delle caldaie, del costo dell'acqua pubblica e deei consumi di acqua in bottiglia.

Comunque il risparmio garantisce almeno 20 anni di funzionamento gratis.

Se poi adottate un motore di Schie,tti, il risparmio è ancora maggiore.

Stefania Casini 07.05.07 14:36| 
 |
Rispondi al commento

@Ciao vivo in una zona molto arida africana vicino al Marocco, come faccio ad aumentare la resa della mia Sepentina?--

da http://domenico-schi,etti.blogspot.com/

Devi usare le dispersioni di corrente delle Celle di Peltier per fare la piastra di cottura della tua Serpentina.

L'acqua che hai usato per lavarti o pulire i piatti o l'acqua sporca con cui hai lavato i vestiti la metti a bollire dentro una pentola sulla piastra di cottura vicino al bocchettone della Serpentina e farla bollire.

Il deumidificatore te la riprende fino all'ultima goccia.

In Niger in questa maniera abbiamo quasi quadruplicato la resa portandola agli stessi valori delle zone umide amazzoniche.

@@Hai un altro trucco per aumentare la produzione della Serpentina?--

Certo, tenere molte piante in casa, sui davanzali e sul balcone e tenere aperte le finestre.

@@Qual'è il costo di un litro di acqua prodotto dalla Serpentina di Schie,tti all'attuale costo dell'energia elettrica in Italia?--

Con una Serpentina di Schi,etti da 30 litri al giorno a basso consumo a norme CEE cat A, circa un euro per 30 litri, cioè 3 centesimi a litro.

Dieci volte meno dell'acqua in bottiglia.

E' acqua ottima per farci la pastaciutta, per l'igiene personale, per cucinare, per lavare i pavimenti, per lavare i panni, per qualsiasi utilizzo.

E' ottima anche da bere se miscelata alle bustine di the, camomilla o caffè solubili, o anche pura, però se bollita per precauzione contro possibili presenze batteriche.

Il costo di una Serpentina da 30 litri a basso consumo è circa di 300 euro.

Oltre all'acqua avrete ambienti freschi, areati e deumidificati.

Se siete bravi potete fare delle modifiche e dalle dispersioni delle celle di peltier ottenere anche frigorifero, acqua calda, piastra di cottura, e corrente elettrica per altri utilizzi ...

E' l'acqua ideale per piccole coltivazioni, orti e piante casalinghe

Stefania Caasini 07.05.07 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“ RICICLARE L’ACQUA “

Vista la presente e futura penuria di acqua, perché dato che oggi si tende a riciclare di tutto, non si prova a riciclare anche l’acqua. Creando un circolo vizioso ( tipo fontane che riutilizzano la propria acqua ), evitando che l’acqua dei fiumi, una volta utilizzata dalle utenze, come scarico ritorni nei fiumi per finire in mare. Magari per riprenderla e desalinizzarla.
Esempio riciclo Arno Firenze :
L’acqua dell’Arno, che proviene a monte di Firenze, viene presa e trattata dall’Acquedotto potabilizzandola. poi viene immessa nel circuito Fiorentino, per l’utilizzo civile e industriale dell’utenza, dopo l’utilizzo dell’acqua, lo scarico di dette acque e delle fogne viene avviata al Depuratore per la sua depurazione. Una volta depurata, oggi viene reimmessa in Arno a valle di Firenze, dove si avvia persa verso il mare. Invece l’acqua depurata va rimandata a monte di Firenze, in Arno o in un invaso, o direttamente all’Acquedotto, per poi essere di nuovo potabilizzata e reimmessa nel circuito cittadino.
Ovviamente questo sistema, dovrebbe essere ancor più utilizzato, nel riciclo di acqua utilizzata per il raffreddamento delle Centrali Elettriche e gli Impianti Industriali.
Quanto sopra, così da creare un circuito di giro all’infinito, salvo aggiungere l’acqua bevuta o dispersa, mancante per ritornare al livello ottimale.
Lanciando questa piccola idea, non credo di aver esaurito tutta la materia, del riciclo e riuso dell’acqua, ma visto le alte tecnologie di cui oggi disponiamo, credo sia necessario aprire un dibattito su questo progetto, che sarebbe esportabile in qualsiasi altra situazione di carenza acqua.

Francesco Scaffei 27.04.07 15:45| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti sono uno studente di Scienze Ambientali della facoltà di Genova; scrivo questo post per esprimere la mia perplessità circa le cifre, del tutto italiane, riguardo al consumo di acqua in bottiglia! Vi do alcuni motivi per cui non ha davvero senso comprare l'acqua in bottiglia:
1) L'acqua in bottiglia viene controllata chimicamente circa 2 volte all'anno. Mentre quella degli acquedotti almeno 1 o 2 al GIORNO!
2) Le bottiglie di plastica inquinano!Si formano montagne di rifiuti di plastica che probabilmente finiranno in qualche discarica insieme a vetro, metalli, carta ecc...
3) I cestelli d'acqua pesano! Perchè farsi venire il mal di schiena senza motivo?
A volte vedo per strada persone anziane sfiancate dal cestello dell'acqua che trascinano fino a casa, su per le scale... Per non parlare del momento drammatico dell'apertura del tappo! Credo che a volte siano costretti a buttare intere bottiglie ancora piene perchè non riscono a togliere il tappo!
BASTA! Beviamo l'acqua degli acquedotti e piuttosto cerchiamo di fare qualcosa per un sistema idrico italiano che perde il 50% d'acqua potabile per strada!!!


e si caro Beppe ci sono aquedotti e reti idriche colabrodo e rompono le palle ai cittadini quando devono lavarsi i denti o fare la doccia..
ma a chi caz. vogliono prendere per il c..o

enzo rossi 24.04.07 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una proposta... far pagare l'acqua nei paesi industrializzati 10 (DIECI) volte tanto, così la gente (noi conpresi) sta molto più attenta a come la usa, e utilizzare tutti i soldi ricavati in più (9 parti) per far avere l'acqua a chi non ce l'ha.
magari è un'idea un po' strampalata ma chissà...!
Luca

luca piovesan Commentatore certificato 23.04.07 18:10| 
 |
Rispondi al commento

guardate alla pag.136/137 di questo pdf europeo di cosa sono inquinati i maggiori fiumi europei,questo prodotto lo fa una azienda di proprieta'
di un pezzo molto in alto di una associazione industriale,una donna che si vanta di essere alla avanguardia nel rispetto ambientale.
http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2004_2009/documents/am/631/631286/631286it.pdf

al johnson 20.04.07 23:15| 
 |
Rispondi al commento

guardate alla pag.136/137 di questo pdf europeo di cosa sono inquinati i maggiori fiumi europei,questo prodotto lo fa una azienda di proprieta'
di un pezzo molto in alto di una associazione industriale,una donna che si vanta di essere alla avanguardia nel rispetto ambientale.
http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2004_2009/documents/am/631/631286/631286it.pdf

al johnson 20.04.07 23:14| 
 |
Rispondi al commento

guardate alla pag.136/137 di questo pdf europeo di cosa sono inquinati i maggiori fiumi europei,questo prodotto lo fa una azienda di proprieta'
di un pezzo molto in alto di assolombarda,una donna che si vanta di essere alla avanguardia nel rispetto ambientale.
http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2004_2009/documents/am/631/631286/631286it.pdf

al johnson 20.04.07 23:11| 
 |
Rispondi al commento

guardate alla pag.136/137 di questo pdf europeo di cosa sono inquinati i maggiori fiumi europei,questo prodotto lo fa una azienda di proprieta'
di un pezzo molto in alto di assolombarda,una donna che si vanta di essere alla avanguardia nel rispetto ambientale.
http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2004_2009/documents/am/631/631286/631286it.pdf

al gigi 20.04.07 23:07| 
 |
Rispondi al commento

guardate alla pag.136/137 di questo pdf europeo di cosa sono inquinati i maggiori fiumi europei,questo prodotto lo fa una azienda di proprieta'
di un pezzo molto in alto di assolombarda,una donna che si vanta di essere alla avanguardia nel rispetto ambientale.
http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2004_2009/documents/am/631/631286/631286it.pdf

kark dustin 20.04.07 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Paradossalmente ll commercio di acqua è più inquinante di qualsiasi altro tipo di commercio, il peso-volume dell'acqua trasportata per essere poi venduta è di gran lunga superiore a quella di qualsiasi altro prodotto.....

------le tubature sono perfette per il trasporto di acqua, ma non si guadagnava abbastanza-----

_________________________________________________

la società è schiava del denaro,
il valore delle cose viene dato solo attraverso il prezzo che il mercato gli assegna,
a tutta la gente in commercio non gliene frega nient'altro che del tuo denaro,(parola di commerciante)
per questo è anche disposta a vendersi il pianeta di cui fa parte.
quando ci ritroveremo tutti senza più niente in preda a mille malattie senz'acqua e con la gente che cade come mosche in un microonde sarà tardi_

money = problem

mino maio 18.04.07 20:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, Ci hanno espropriato di tutto nel paese del capitalismo del C...O, ma almeno l'acqua ed il pane dovrebbero essere a gratis ossia nella razione giornaliera per una persona.
E invece privatizzano ??? Ma vanno a fare in C..O. Italiani sempre C......I, si credono furbi ma sono C......I . Ciao a tutti.

Salvatore Di Salvo 08.04.07 19:58| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ecco il video di Beppe Grillo a Annozero:

http://www.youtube.com/watch?v=dW_YpsZO-94


Ci siamo....ci siamooooo!!!

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.04.07 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Ho sognato !
vedo gente che beve pumblea acqua,
e muore.
Sogno: vedo il nucleare che nuota nell'acqua, un tempo liquida, ora quasi allo stato solido... o gassoso: fate voi ?
Vedo gente che si è abituata a bere il piscio proprio, e, con con i pochi millilitri che rimangono, spedirli alle nazioni del mondo...
15 Euro: spese di spedizione.
Vedo: vedo le grandi potenze che piangono: devono farlo per raccogliere le lacrtime, ivi verranno anch'esse spedite chissà dove, ovviamente con un incremento del 7,8 % sulla provvigione... e ci saranno guerre, parola (guerra) che perde il suo significato e che diventà normalità quotidiana e le edizioni strordinarie dei telegiornali riporteranno solo notizie del genere: E' NATO UN BAMBINO... e tutti: .

Sogno...ma ancora due minuti e gli occhi si schiuderanno...

- 2 m

-1.30 m

-1.00 m

-0.30 m

Mi sveglio:
ore 10.30 a.m. --- 7/04/20027

mi affaccio fuori la finestra...
oh no ! ancora quel sogno.

ALOUDFREEDOM

Dario S. Commentatore certificato 07.04.07 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe, non so se la cosa possa essere utile, ma ciriosa lo é senz'altro.
Ho letto infatti che il problema della privatizzazione dell'acqua è legato alle regole dell'economia neo-liberista e ad una certa riflessione sul significato della parola diritto. Ho letto infatti che secondo tale modello economico, qualunque cosa soddisfi un "bisogno" primario, può essere trasformato in merce, cioé in qualcosa che può essere venduto e comprato.Quando questo avviene il "diritto" viene negato. Cosi si arriva alla privatizzazione delle risorse e dei mezzi. Nel 3° Forum mondiale dell'acqua del 2003, l'acqua è stata dichiarata "bisogno" e NON diritto, pertanto in base a quanto sopradetto, la sua soddisfazione può essere lasciata al libero mercato.Quando l'acqua fosse invece definita un "diritto"(cioé riconosciuto dalla legge)rientrerebbe nella sfera degli impegni pubblici che gli organismi statali ed internazionali dovrebbero assumersi. Alla linea finora prevelente della privatizzazione si é fortunatamente opposto Kofi Annan che ha parlato esplicitamente dell'acqua in termini di "diritto" e non di merce.
Non vorrei che per un cavillo terminologicocostituisse il fondamento per la giustificazione di una politica immorale come quella della privatizzazione delle acque ... mah!

LUCIANA CEPICH 04.04.07 22:40| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Mi sono appena iscritta al blog, abito a Roma e sento mie tutte le cause che Beppe Grillo porta avanti. Ora, visto che non sono competente o informata in tutti i settori, l'unica cosa che posso fare è mettermi a disposizione per qualsiasi cosa; dare il mio contributo. Se fate una petizione, la firmerò; se fate una manifestazione ci sarò; se bisogna far girare l'informazione, lo farò. Diamoci da fare! E' ora di reagire, con tutte le dovute maniere, per salvaguardare noi e i nostri figli.

Spero di essere contattata quanto prima per dare il mio apporto. Ho visto lo spettacolo di iere a Roma e, pur avendo vissuto questo evento con estremo piacere, devo dire che sono molto preoccupata. Ma finalmente è rinata la speranza di poter impegnarsi nel sociale, per il bene di tutti - cosa che per me era morta 15 anni fa -, vedendo il menefreghismo dilagante. Finalmente ho ritrovato un gruppo di persone sensate che si danno da fare e non hanno paura di mettersi in discussione. Finalmente, posso insegnare ai figli, che ora sono piccoli, che ci sono degli ideali e dei valori ancora vivi e c'è gente che li condivide come noi. Finalmente è rinata la speranza in me, mio marito e cosa che più importa per i miei figli. Insieme sono sicura che riusciremo a cambiare un bel po' di cose.

Grazie a Beppe Grillo (di cui ho sempre avuto stima fina da giovane) e grazie a voi.

Lucia

Lucia M. Commentatore certificato 04.04.07 16:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

a proposito di acqua privatizzata, venite da Enna, dove hanno REGALATO la municipalizzata ad un gestore privato (la prima ATO in Sicilia), con una gara a dir poco discutibile, e controllate gli amministratori ed ex amministratori dell'ATI, i direttori dell'ATO acque e dell'ATO rifiuti, tutto gestito da una provincia monopolita.

sergio Lo Presti 03.04.07 17:37| 
 |
Rispondi al commento

il problema dell'acqua è annoso e gravissimo se ne parla da molto tempo ma senza il giusto risalto tanto che la maggior parte della gente non ha ancora la giusta percezione della serietà dell'argomento. me ne accorgo parlando con le persone guardando le loro facce le loro espressioni i loro commenti, e mi accorgo di essere guardata come una catastrofista,come una che esagera e parla di cose che se e quando si verificheranno non ci riguarderanno perchè saremo morti da un pezzo. ma in fondo come dargli torto se i mass media, le amministrazioni locali, gli organi competenti non si decidono a promuovere una seria campagna di sensibilizzazione? io abito a roma i nostri nasoni continuano a sgorgare acqua potabile 24 h su 24 da sempre e francamente non ho mai capito perchè il comune non ha mai pensato di dotare queste fontanelle di un sistema di erogazione più razionale. quella è acqua potabile perduta, sprecata inutilmente. come si può parlare di emergenza, di bene prezioso se la gente non ha la più pallida idea della serietà del problema? l'unica cosa che si sa fare è aumentare i costi ma questo oltre a rendere sempre più povera la gente , non modifica la sensibilità delle persone ne i loro atteggiamenti. c'è una enorme contraddizione in tutto questo e c'è chi ci specula. la gente tende a tirare a campare su questo purtroppo non ci sono dubbi, ma siamo sicuri che si sia fatto tutto il possibile per informare e tentare di educare la gente al problema? a me pare proprio di no. grazie. lorena

lorena maccagli 03.04.07 11:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
a proposito dell acqua. Andate a dirlo all aereoporto di Monaco di Baviera:
Data 31.03.2007
Gates G

Bar: Arana o qualcosa del genere
Inviero' copia del ticket
Chiedo bicchiere di acqua con gas, che mi viene servita non dalla bottiglia ma da un distributore:
Chiedo il conto e istantaneamente svengo

3,30 Euro per un bicchiere d'acqua da 25 cl.
Faccio una breve moltiplicazione ed ottengo che al litro, l'acqua, costa in aereoporto, esattamente 13,20 Euro x litro.

Non ho figli e mia moglie era a casa, ma se avessimo viaggiato in due, e nello stesso tempo avessimo avuto molta sete ( Visto che normalmente in aereo si perdono liquidi a causa della pressurizzazione ) andavamo falliti.

E' una grande vergogna, una grande vergona.
Ho anche provato a fare un commento al barista, ma mi ha allargato le braccia come per dire::::c...i tuoi....

Che vergogna.
Un saluto a tutti.
Antonio Pezzali

Antonio Pezzali 02.04.07 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve beppe sono un cittadino che abita nel mugello un luogo fino a qulache anno fa bellissimo...putroppo la TAV per l'alta velocità con i suoi tunnel e gallerie che hanno forato le mie montagne ha seccato di fatto le fonti di acqua potabile e quasi tutti i pozzi della zona(circa 120). in un momento co,me questo dove la gente sta prendendo coscienza del valore dell'acqua io ne vedo circa 36000 litri al min andarsene nel fiume pompata via dalle gallerie che tristezza!!! il tutto per far passare un treno che va a bologna in circa 15 min in meno!!!
per questo sostengo la lotta dei cittadini della val di susa che andrebbe incontro alla solita sorte!!!! non fatevi ingannare! noi abbiamo strade nuove e tanto inquinamento in più....peccato che ci manchi l'acqua!

mirko v. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.07 18:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Avanti con la battaglia delle acque in tal senso volevo far presente dell' associazione Progettoh2o per le acque sociali

www.progettoh2o.org

Luca Rossi 02.04.07 13:34| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe
sono laura, una ragazza di reggio calabria che avrebbe tanta voglia di sfruttare la sua laurea -scienze dell'educazione - ma che purtroppo non lo può fare poichè nella nostra Nazione codesta laurea non è ben inquadrata.
Ma come dobbiamo fare?
.....eppure è dal 1977 che esiste una legge (L.517/77) che istituisce la costituzione di equipe psicopedagogiche a servizio della scuola.....
Ora, con tutto il casino che ci sta proprio nelle istituzioni scolastiche non sarebbe il caso di applicare codesta legge e immettere tutti coloro che possiedono una laurea come la mia....?!?
Mah.....aspetto notizie.
Grazie
Laura :-)

Laura Maria Croce 01.04.07 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, scusa se ti scrivo e ''uso'' il tuo blog x chiedere aiuto ma, credo tu l'abbia costruito anche x qusto.Sono praticamente disperata e non so' che fare..Non ho una lira e automaticamente mi mancano i mezzi per risolvere questo problema.Il mio ex marito con cui ho un buonissimo rapporto, e' affetto da ATASSIA SPINOCEREBBELERE SCA1 e, pur avendo solo 38 anni e' ridotto male.Io dopo la separazione(lui stava benissimo allora)mi sono trasferita a Roma cosi' lui e' rimasto giu' in calabria(vibo valentia).Oggi sta veramente male e la cosa piu' triste e' che e' praticamente solo e con una miseria di pensione.Da 4 anni lotta x il 100% d'invalidita' e l'accompagniatore ma puntualmente l'istanza gli viene bocciata.Noi abbiamo un figlio di 12 anni e io vorrei portarlo qui a roma in modo da farlo stare accanto al suo ometto il piu' possibile ma non so' da dove iniziare ...vi prego potete aiutarmi???.Grazie in anticipo per ogni piccolo aiuto che mi darete.

seda s. Commentatore certificato 01.04.07 17:35| 
 |
Rispondi al commento

.

stefano b. Commentatore certificato 01.04.07 16:49| 
 |
Rispondi al commento

TROVATO!

http://www.youtube.com/watch?v=vbJc2T6Qq5w

Complimenti pubblicitari, vergognatevi :|

I AM PREXURE 01.04.07 07:23| 
 |
Rispondi al commento

ho appena visto la pubblicità della Audi in TV.
Qui su questo link la descrivono.
http://www.pubblicitaitalia.it/news.asp?id_news=40601

Perchè segnalo? ..

Alla fine la macchina ribalta una bottiglia d'acqua e la cosa mi fa pena pkè c'è gente che MUORE di SETE! Purtroppo su youtube nn ho trovato il video.

Ma sti c***o di pubblicitari come studiano le cose, sotto la doccia? :|

Buona Giornata..


Io bevo acqua di rubinetto, uno dei pochi vantaggi dati dal vivere in un comune di 800 abitanti.

Frank Morris 01.04.07 03:23| 
 |
Rispondi al commento

disgusto totale!

stefano b. Commentatore certificato 31.03.07 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Abito in un piccolo paesino vicino Rimini, questa mattina abbiamo manifestato in piazza contro la privatizzazione dell'acqua dove c'è hera (una società privata) che vuole prendere in mano la gestione dell'acquedotto pubblico per guadagnarci e farci pagare molto più del doppio di quello che paghiamo adesso, senza togliere che quei soldi al mio comune sono "oro" per fare investimenti nelle infrastrutture.
Continua così

mauro grandi 31.03.07 19:57| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Anche io bevo l'acqua del rubinetto(buonissima),penso che la maggior parte delle persona abbia oramai il cervello anestetizzato da troppa publicità,svegliaaaaaaaaaa ,ciao Beppe sei grande.

giò @. Commentatore certificato 31.03.07 18:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Io sono romagnola e da sempre bevo l'acqua, BUONISSIMA, dell'acquedotto di Ridracoli, tra i più efficienti d'Europa. Quando il mio ragazzo, lombardo, mi ha visto prendere un bicchiere di acqua dal rubinetto è sbiancato. Pensava che avessi contratto in questo modo chissà quali malattie..l'errore è prima di tutto nella mentalità della gente. Perchè comprare l'acqua in bottiglia se quella che circola in casa è altrettanto buona, sana e in più costa meno?

Silvia C. 31.03.07 16:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, spendo qualcuno dei 2000 caratteri disponibili per farti i complimenti di cuore x quanto stai facendo. Ti seguo sempre sul blog e sono di recente venuto a vederti dal vivo a Reggio Emilia.
Volevo parlare di una cosa che poco ha a che vedere con i sopprusi e le tragedie, quelle vere, verso cui ci sta portando questa società malata e che normalmente denunci... si tratta semplicemente di telefoni cellulari.
E' possibile che Wind mandi un sms che dice che dal I° maggio la mia tariffa diventerà wind 12 da wind 10, che io li chiami dicendo che non possono cambiarla così, unilateralmente, e che loro mi rispondano belli belli dicendomi che non si tratta di un cambio ma di una "rimodulazione"??!! Alla faccia del significato delle parole!!
Comunque mi hanno detto che sono ANCHE libero di cambiarla la tariffa se lo ritengo opportuno, ma che di lì in poi sarei solo scontento perche da rilevazioni statistiche effettuate si è riscontrato che wind12 è comunque la più economica sul mercato. Giustifico la povera ragazza del call center che mi ha risposto... non ha colpe e le avranno detto cosa dire, quindi ritengo che queste siano le c....te che hanno propinato a tutti quanti.
Io spero che ora Bersani abbia le palle per vietare che le tariffe possano ESSERE RIMODULATE, ma solo chiuse. DAL CLIENTE. Com'è possibile che in un momento in cui ci stiamo accorgendo che fra un pò potremmo anche fare senza cellulare (Grillo docet!!) questi se ne escano con simili prese per il c..o?
Immagino che in tanti ti abbiano scritto per questa cosa e che tutti ti abbiano chiesto consiglio... quindi anche per me la domanda è: "POSSIAMO FARE QUALCOSA OLTRE A MANIFESTARE IL NOSTRO DISSENSO SCRIVENDO AL "FAX VERDE" DELLA WIND?"
Grazie in anticipo, so che se anche non mi risponderai in qualche modo mi darai voce.
Ciao e continua cosi!!
Nicola

nicola scanavacca 31.03.07 16:47| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

io penso ke se questo problema fosse stato preso seriamente ora non ci troveremo cosi. dicono che molto sicuramente tra pochi anni l'acqua sarà un bene di lusso...quando invece dovrebbe essere un bene alla portata di tutti.Non capisco il perchè di questi sprechi, fontane che perdono litri d'acqua al giorno, quelle fontane x bellezza...non riesco proprio a capire..

daniela rizzi 31.03.07 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma perche quando ci sono dei problemi si da sempre la colpa agli altri e si aspetta sempre che vengano risolti da altri?
Io, personalmente, per ridurre l'arricchimento ingiusto di chi sfrutta un bene comune e per arginare l'inqueinamento provocato dai camion trasportari, sono anni che bevo acqua del rubinetto.
sono di Roma e fortunatamente qui è distribuita una tra le migliri acque del mondo. E' gratis, buonissima, pulitissima e mi fa sentire anche con la coscienza a posto.
cominciate a bere acqua del rubineto invece di chiedere ad assessori e politici vari di risolvere i vostri e i n ostri problemi.

Claudia Spani 31.03.07 09:48| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, sono una laureanda in ingegneria per l'ambiente e il territorio.volevo metterti al corrente della mia esperienza:qualche mese fa avevo deciso,con il mio prof dell'università,di scrivere una tesi sperimentale sull'inquinamento da arsenico delle acque sotterranea nel litoarale laziale.L'università, e stiamo parlando della sapienza,non mi ha (ovviamente) messo a disposizione i fondi per poter fare queste particolari(???) analisi(che poi tramite un servizio fatto dal programma "le iene", dove hanno analizzato il contenuto di arsenico nelle acque nepalesi, ho scoperto essere solamente 2pasticche da miscelare con l'acqua che reagendo col composto nocivo la colorano in maniera diversa in base alle quantità presenti di arsenico) ho scoperto con mio divertito stupore che l'arpa-lazio,l'ente regionale preposto per la salvaguardia delle acque sicuramente,e sinceramente non so se dell'ambiente in senso più generale, non mette a disposizione a NESSUNO E PER NESSUN MOTIVO i risultati delle proprie ricerche...pertanto ho dovuto ripiegare su un'altra tesi.E' normale tutto questo??

fenia altese 31.03.07 09:33| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe fare una trasmissione televisiva dove invitare i vari assessori comunali ed alcune rappresentanze di cittadini per discutere in TV su come risolvere al meglio lo spreco dell'acqua ed a insegnare a tutti come non sprecare questa preziosa risorsa; Dobbiamo pensare che con tutto quello che succede in Italia, non c'e' da stupirsi se tantissime persone involontariamente sprecano acqua, elettricità, gas, o altro.

marco franco Commentatore certificato 30.03.07 22:26| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe fare una trasmissione televisiva dove invitare i vari assessori comunali ed alcune rappresentanze di cittadini per discutere in TV su come risolvere al meglio lo spreco dell'acqua ed a insegnare a tutti come non sprecare questa preziosa risorsa; Dobbiamo pensare che con tutto quello che succede in Italia, non c'e' da stupirsi se tantissime persone involontariamente sprecano acqua, elettricità, gas, o altro.

marco franco Commentatore certificato 30.03.07 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe fare una trasmissione televisiva dove invitare i vari assessori comunali ed alcune rappresentanze di cittadini per discutere in TV su come risolvere al meglio lo spreco dell'acqua ed a insegnare a tutti come non sprecare questa preziosa risorsa; Dobbiamo pensare che con tutto quello che succede in Italia, non c'e' da stupirsi se tantissime persone involontariamente sprecano acqua, elettricità, gas, o altro.

marco franco Commentatore certificato 30.03.07 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Lo strappo del Correntone è fatto
Mussi, Berlinguer, Grandi, Salvi, Folena, Crucianelli, Vita, Nerozzi.. Bene
I Ds non hanno fatto che spostarsi a dx e inciuciarsi con essa (vd il vergognoso Governo D'Alema e la bicamerale), mentre si deve salvare i valori della sx che non può disfarsi in una pappa immonda rinnegando ogni radice storica per confondersi con la neonata Balena bianca o sciogliersi in UE nel PPE addirittura accanto a B
Il Correntone nasce dalle prime avvisaglie congressuali nella Quercia dopo la sconfitta elettorale dell'Ulivo, sconfitta che è stata bypassata senza alcuna discussione interna, tenendo poi al potere quelli stessi che l'avevano prodotta, si precisa nel 2003 quando si sceglie la guerra in Iraq, unisce chi non ha mai approvato le disastrose scelte Fassino-D'Alema ed è più della minoranza del 20% individuata già nel Congresso di Torino del 2000 quand'era segretario Veltroni
Le scelte D'Alema-Fassino hanno dimezzato i DS portandoli dal 36% al 18%, le sciagurate decisioni successive contrarie al loro stesso DNA storico e alle richieste dei loro elettori li porteranno alla definitiva scomparsa di quello che è stato il maggiore partito della sx europea. Ora che il nascituro PD sia guidato da uno come Prodi che di sx non è stato mai è la mazzata finale
Troppe cose abbiamo sopportato che di sx non erano: l'ambiguità sulla pace, le cessioni a B e al Vaticano, l'apertura al precariato e le restrizioni dello stato sociale, le falsificazioni delle primarie, le imposizioni delle segreterie sui candidati, il silenzio sulla Bolkestein e la privatizzazione dei beni pubblici come l'acqua, il piano di un premierato forte, gli attacchi all'autonomia della Magistratura, la mancanza di democrazia interna, lo scollamento supponente dalle piazze e ora la corsa folle al riarmo e la megalomane politica estera
Speriamo ora in un UPS, Unione Partiti della Sinistra, con Verdi, RC, PCI, Correntone
Peccato per Di Pietro che preferisce gente come Rotondi

viviana. vivarelli (viviana. vivarelli) Commentatore certificato 30.03.07 09:10| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

che dire, l'italiano medio è un uomo che si arrabatta alla meglio e non si muove finchè l'acqua non gli tocca il culo (scusate il gioco di parole e la metafora).
Mi occupo di acqua da molto tempo, di depurazione delle acque, di rispetto dell'acqua, di accessibilità all'acqua.
Ciò che vedo è che non solo i politici e gli amministratori sono totalmente ignoranti in materia mal'opinione pubblica al completo è legata solo al buon "bhe che lo facciano prima gli altri e poi vedremo". L'inquinamento imperversa, comuni interi senza depuratore che sversano su acque pubbliche e ovviamente cittadini ciechi che se ne fregano.
L'acqua è un bene di tutti ed è legata alla nostra educazione ed a quella dei nostri figli. L'acqua infatti non sarà tanto un problema per noi, ma un grattacapo per le generazioni future di certo.

mauro lajo 29.03.07 18:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Comprate i filtri ( tipo Brita), in germania si trovano dappertutto, a Conegliano dove vivo l'ho visto in vendita in un negozio dove vendono prodotti biologici.E' una specie di caraffa con un filtro all'interno che si cambia circa una volta al mese ( purtroppo quì li ho visti cari, ca. 17€, ma in germania li ho visti a ca.12€ alle volte).L'acqua e' buona, sana( dove vivo e' molto calcarea e sarebbe imbevibile direttamente dal rubinetto), si elimina fatica, si eliminano rifiuti. La puoi usare anche come acqua distillata per il ferro da stiro.
ciao da conegliano

livio battistuzzi 29.03.07 18:04| 
 |
Rispondi al commento

E c’è ancora chi sospetta che ci faranno pagare pure l’aria!

E c’è l’aviaria, ma persino Bulgarov ne scriveva.

Le uova di Berlusca per pasqua …..vorrei …

Acqua minerale al gusto maiale arrosto.

Vorrei sopravvivere a tutto questo e arrivare in agosto

Senza dover sciare a Milano

Oppure bruciarmi in Alaska.


Bevo il vino per protesta, ciao Grillo ti ho inventato io ( e per una volta Baudo è OUT )


dARIA Marusic 29.03.07 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Il 22 ed il 23 Marzo ha Bruxelles ha avuto luogo la Water European Conferance(http://ec.europa.eu/environment/water/water-framework/2007conference/index_en.htm), nella quale si discusso in particolar modo della Direttiva 60/2000 dell’Unione Europea altrimenti conosciuta come Water Framework Directive (vi prego di andare a vedere quale é lo stato dell'arte al momento per quanto riguarda il recepimento di questa Direttiva in Italia). Io che vivo e lavoro qui a Bruxelles ne ho preso parte, e vi giuro che é stato decisamente frustrante. Erano presenti tutti ma dico tutti i Ministeri del'Ambiente...tranne uno, indovinate quale??
Certe volte mi domando come sia possibile continuare a far finta di nulla..forse non c'é soluzione fintanto che questi cazzo di media che continuano a fracassarci le palle con i loro Corona o i loro Moggi del momento!!!!

Axel Donzelli 29.03.07 14:23| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Errata:

Giusto per puntualità.. i dati riportati nel commento riguardo ai regolatori di flusso riguardavano certamente i "risparmi sul consumo", e non i "consumi". Ciao
Luca

luca minardi 29.03.07 00:56| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia fa veramente acqua da tutte le parti. Forse non tutti sanno però che per contenere i consumi dell'acqua di casa (a parità di prestazioni) esistono i riduttori di flusso, un equivalente idrico alle lampadine a risparmio energetico..
Un progetto della Regione Emilia e di LegaAmbiente ne ha fatto un test esteso sui cittadini di Bagnacavallo (Ravenna) tra il 2003 e il 2005, riportando consumi medi del 10% con picchi fino al 25%.

http://www.commercioetico.it/ecologia/ridutflusso/index.html

Sarà poco? Almeno questo è alla portata delle nostre mani. Ciao

luca minardi 29.03.07 00:50| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Di sicuro ci vuole, e non solo per l'acqua, un po' più (!) di senso civico, ma credo anche che il continuo allarmismo sulla imminente catastrofe idrica serva appunto ad allargare i sentieri tortuosi che si vanno costruendo ai fini della privatizzazione. Inoltre vorrei dire che il senso civico si costruisce, quando lo si vuole e infatti nessuno si sogna nemmeno lontanamente di parcheggiare l'auto davanti a Palazzo Chigi! Allora smettano di distribuirla l'acqua in bottiglia oppure impongano un prezzo di 5 cent alla bottiglia, insomma rendano "l'affare ACQUA" poco appetibile e vedrete quanto senso civico si sviluppa! Comincino a risparmiare l'acqua al Magic Word alle porte di Napoli che in estate lascia senza acqua potabile mezza Campania, controllino quante industrie anziché utilizzare acque non destinate agli usi idropotabili si allacciano abusivamente agli acquedotti pubblici e non solo usano acqua non prodotta per loro ma manco la pagano! Poi, noi staremo anche attenti a chiudere il rubinetto mentre ci laviamo i denti, a non buttare via l'acqua di lavaggio delle verdure e ad usarla per innaffiare le piante, ma vi chiedo: com'è possibile che non esista alcuna norma edilizia che imponga l'installazione di sistemi per la raccolta dell'acqua piovana in cisterne da cui prelevarla per innaffiare orti e giardini, lavarsi l'auto alla domenica o fare il bagno al cane? E allora non mi va di sentirmi colpevole perché compero l'acqua in bottiglia, non mi va perché la ragione per cui lo faccio è che non mi fido dello Stato in cui vivo che mi dice "bevila, è buona e più controllata di quella in bottiglia" e poi rilascia licenze di prelievo alle mille Ferrarelle di questo mondo e ne ospita la pubblicità nelle sue televisioni e la regala a chi ne fa mercimoni nei Parchi divertimento o nelle industrie che intanto la usano per ributtare nei fiumi e nel mare le scorie delle loro produzioni.

sandra marta Commentatore certificato 28.03.07 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Cronaca ambientale/articolo blog:

ADDIO AI 10 FIUMI CHE DISSETANO IL PIANETA

http://futuribilepassato.blogspot.com/

Luke T 27.03.07 21:04| 
 |
Rispondi al commento

io propongo da ora la TRIPLICAZIONE della tassazione dell'acqua consumata per gli autolavaggi e parchi acquatici di divertimento, e dal 2008, la QUINTUPLICAZIONE.

Per quanto riguarda l'acqua per l'uso domestico, propongo una tassa del 10% ad alimentazione di un fondo per la messa in funzione di impianti generatori di energia PULITA (fotovoltaico, termico , eolico, ecc.).

Emanuele Angeletti 27.03.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo al risparmio di acqua potabile vorrei sapere se esiste già uno strumento installabile sugli autoveicoli che consenta di recuperare l'acqua piovana in modo che possa essere utilizzata per lavare il parabrezza ed il lunotto.
Mi pare una cosa talmente semplice ed ovvia che dovrebbe esistere già,però non si sa mai.
Se qualcuno sa rispondermi gliene sarei grato,se voleste saperne di più sono a vostra disposizione.

E-mail ristorotoscano@hotmail.com

GRAZIE a tutti,ma a Beppe di+...ci vediamo il 12 a Sanremo...Ciao.

Vladimiro Viano 27.03.07 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, rispondo in qualità di cittadino, prima di tutto, e poi anche come tecnico di una società multiutility che gestisce il sevizio acquedottistico. A differenza di altre risorse naturali, l'acqua è solo apparentemente inesauribile. Più precisamente la sua disponibilità teorica è infinita, ma la possibilità di utilizzarla è legata alla presenza di una serie di infrastrutture -gli acquedotti, comprensivi di reti e impianti- la cui gestione e manutenzione ha un costo che deve necessariamente essere recuperato con la tariffazione. Da notare che tra i costi c'è anche quello della depurazione (legge Galli).
Quindi per contenere le tariffe bisogna ottimizzare la gestione, limitando gli sprechi.
Esempi non banali di contenimento di sprechi:
1)Investire in "buona" progettazione e direzione lavori delle nuove infrastrutture acquedottistiche, aumentandone così la vita media media utile. Quello di recuperare lo spirito autentico della vecchia legge Merloni dovrebbe riguardare l'intero scenario dei lavori pubblici.
2) Pianificare e finanziare le opere veramente necessarie, evitando la tentazione di perseguire a tutti i costi l'obiettivo "grandi opere" che spesso nasconde finalità speculative.
3) Educare la cittadinanza a contenere lo spreco di risorsa. A tale proposito, non sono contrario ad esempio da una tariffa a fasce di consumo (tenendo conto del numero di inquilini), che penalizzi, a partire da un prefissato (in modo ragionevole) valore soglia di consumo, gli utenti "spreconi".
Qualcuno pensa che dove falliscono le società pubbliche di gestione, possa far meglio il privato. Ci si appella a tale proposito alla circolare comunitaria sulla liberalizzazione dei servizi.
Io però penso che prima di far questo si debba tentare di rendere più efficienti le società pubbliche. Sembra banale, ma a volte basterebbe poco, come introdurre logiche di gestione più trasparenti e meno legate alla politica. Un pizzico di meritocrazia poi non guasterebbe.
Forse utopia.

Andrea De Pieri 27.03.07 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, lavoro in una azienda costruttrice di pozzi. Porto la mia testimonianza brevemente, in quanto il problema lo inserisco nelle zone non servite da acquedotto.
I pozzi vengono costruiti per fornire acqua ad abitazioni o usi industriali. Hanno bisogno di una pratica sia per uso abitativo -potabile. Per usi diversi da quest'ultimo serve una concessione speciale, in quanto l'acqu viene usata per produrre, per lucro. Il problema che se da noi vengono richieste in quanto obbligatorie per legge, molti non le fanno. Le stesse ditte tacciono su questo, sono costi, servono degli impiegati per far questo..."meglio far finta di nulla con il cliente". Molti clienti hanno paura delle "tasse" cosa che su l'suo privato non esiste. Gli altri non hanno paura delle tasse , è che non le vogliono pagare!!. La nostra azienda ha un impiegata solo per svolgere queste pratiche. Costi..certo, ma si è linea con la legge.
Un altro problema è che piccole aziende o piccoli privati con produzioni agricole, dalle quali l'uso dell'acqua è indispensabile per le colture non ricevono finaziamenti per la costruzione del pozzo. Usano l'acqua dei fossi ( inquinata dagli scarichi), o acqua piovana ( acida) su ortaggi che poi vendono e noi mangiamo. "Circolo vizioso". Che succede quindi? che faranno il pozzo a totale spesa loro, ma per non spendere due volte, alcune volte si costruiscono un unico pozzo, uso potabile ed uso agricolo. L'acqua dolce per le piante!!! Non è del tutto colpa loro, dato che la legge vincola e restringe la costruzione di pozzi ad uso agricolo, impedisce la costruzione, anche in casi in cui si necessita. Paradossi, ma soprattutto far west, e alla fine come nelle più belle fiabe italiane, gli onesti che seguono per il bene pubblico e ai fini di legge lo svolgimento delle pratiche ( necessarie anche per tracciare le zone di falda) sono costretti a perdere parte dei lavori poichè si preferisce la ditta che non ci infastidisca con la burocrazia! Abusivismo dell'acqua.

desi chinellato 27.03.07 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, spero vivamente che leggerai questo commento perche' sono ancora incazzato nero per quello che un nostro dipendente di m...a ha potuto insinuare nel corso della trasmissione "dieci minuti" un paio di sere fa. Ha detto che, siccome noi Italiani sprechiamo l'acqua, l'unica soluzione che lui vedeva era farla pagare di piu' in modo da ridurre gli sprechi. Io gli direi che deve andare a fare in c..o lui e che ce lo ha messo a rappresentarci un mentecatto di questa portata. Dico mentecatto perche' voglio essere buono e non mi va di investigare sul fatto che potrebbe essere un venduto verso aziende che hanno interessi a prevatizzare un bene che non ha mai avuto padroni da quando esiste il mondo.
Nel mio piccolo glie la do io una possibile soluzione sicuramente piu' fattibile e sensata della sua (e senza che nessuno mi pagli fior di quattrini per dire stronzate come ha fatto il nostro dipendente in questione: Basterebbe razionarla. Se uno ha un serbatoio pieno e sa che gli deve bastare per tre giorni si fa la doccia e non il bagno e sta bene attento a chiudere il rubinetto mentre si lava i denti.

Ciao Beppe
Ing. Gabriele Pulsoni

Gabriele Pulsoni 27.03.07 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
è mai possibile che milioni di persone non dispongono dell'acqua potabile, e noi che forse pensiamo sia una risorsa eterna, la usiamo come acqua di scarico del wc?
dobbiamo per forza scaricare la m...a con l'acqua potabile?

cristina bacchin 27.03.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe, a proposito della scarsità e dell'importanza che la risorsa acqua rappresenta, volevo farti presente che a ravenna (e non parlo solo del centro!!!) tutte le fontane pubbliche (presumo sia acqua potabile che proviene direttamente dalla Diga di Ridracoli, ma non lo posso affermare con certezza) hanno i rubinetti aperti dalla mattina alla sera (mi sono trasferita da poco in questa provincia ma è da quando sono arrivata che noto questo particolare che mi fa venire i nervi, considerato che tantissime persone muoiono x mancanza di acqua potabile...). Puoi fare qualcosa per fermare questa cosa, o contattare qualcuno che metta un rubinetto VERO e che quindi si chiuda se non c'è nessuno che beve???!!! ti ringrazio moltissimo. Sonia

sonia gori 27.03.07 11:16| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
sono di Latina e come ben sai noi abbiamo grossi problemi con l'acqua dato che nel nostro comune ce l'ha in gestione una SPA...
...mandiamoli tutti a quel paese questi balordi.
VIVA L'ACQUA LIBERA!!
Fantastico spettacolo a Latina ieri sera...speriamo che qualcuno come ho fatto io,pur essendo giovane, apra gli occhi e combatta per i nostri diritti!!1

Claudio Junior Bevilacqua 27.03.07 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, fan cu l a tutti quanti i produttori di imbottigliamento d'acqua... mi sono preso un bel filtro a osmosi inversa, purifico l'acqua del rubinetto, e sono apposto...

Detto questo... giù le mani dall'acqua!!!

Maurizio B. 27.03.07 10:43| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere come vi permettete di censurare i miei interventi. non offendo nessuno, non scrivo cazzate, non scherzo, non ho trasgredito alle regole che sono scritte in questo blog. solo critico la sinistra quando va criticata. vorrei sapere xké e se avete il coraggio e la correttezza di spiegarmelo.
non mi tapperete mai la bocca. la veritá si deve sapere, e si saprá. qui o da altre parti. tutta


Acqua azzurra, acqua cara!

Cosa vuol dire privatizzare l'acqua?. Sedna, il magazine di scienza di radio Fragola (Popolare Network), si è immersa tempo fa nell'oro blu del pianeta.
Ai microfoni di Sedna, sensibile al tema, avevavmo parlato dell'argomento con Riccardo Petrella, coordinatore del Contratto Mondiale dell’acqua.

Riccardo Petrella ha spiegato perché negare l'accesso all'acqua significhi non salvaguardare il diritto alla vita.
Abbiamo parlato anche con l’idrogeologo Roberto Mazza dell’Università di Roma che ci ha illustrato perché secondo le stime delle Organizzazioni delle Nazioni Unite, circa 1 miliardo e 400 milioni di persone non hanno accesso all'acqua anche se di acqua sulla Terra ce n'è tanta; e ha parlato di modelli di sviluppo capaci di salvaguardare le risorse idriche e di garantirne un'equa distribuzione.

Ancora Riccardo Petrella ci ha raccontato i significati della privatizzazione e il processo di "cocalizzazione" dell'acqua che, come ha affermato Paolo Rizzi, del Comitato Italiano per il Contratto Mondiale sull'Acqua e responsabile della Campagna acque minerali, trova la sua punta di diamante nell'acqua minerale in bottiglia che finisce sulle nostre tavole.

La puntata è nell'archivio online della trasmissione e potete trovarla a questo indirizzo
http://ulisse.sissa.it/scienzaEsperienza/radioSE/Uesp060621s003

Simona Regina Commentatore certificato 26.03.07 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe

Molti fanno il bagno tre volte il giorno, il numero delle piscine è in continuo aumento.Quando ero piccolo si usava fare il bagno completo il mercoledì e il sabato.Oggi è un continuo lavarsi il capo. Infatti la caduta dei capelli è in aumento e cosi lo sono le malattie della pelle.Bisogna ritornare al rispetto dell'acqua, considerarla una cosa viva , una cosa preziosa senza la quale la nostra vita cessa.Quindi individualmente iniziare a fare opera di cambiamento delle nostre abitudini, evitando inutili sprechi. Quando si lava l'insalata l'acqua può essere utizzata per annaffiare le piante o per buttarla nel bagno evitando di tirare lo sciacquone, oppue se uno ha l'orto di gettarla in un contenitore come riserva d'acqua. Piccoli accorgimenti grande risparmio d 'acqua.L'acqua è del popolo guai a chi la tocca!

saluti Roberto

roberto lombardo 26.03.07 22:04| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, sono d'accordo sul paradosso dell'acqua in bottiglia, anche perchè c'è la data di scadenza, ma nn c'è la data di imbottigliamento, praticamante io la chiamo acqua morta. se volete avere notizie molto precise leggete "qualcuno vuol darcela a bere" di G. Altamore. Io vivo a roma e bevo acqua di rubinetto ma ho anche un ottimo purificatore che ne migliora gusto e sapore, eliminando il cloro, i suoi derivati ma anche virus e batteri. se volete dei consigli gratuiti contattatemi pure.

Forza bebbe sei il migliore

marco ronco 26.03.07 19:19| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

la bufala dell'acqua
Lo imbastisco solo, poi lo finisco, ma ritorno sul mio cruccio che già ho espresso molte volte.
PERCHE' NESSUNO DICE LA VERITA'?

Il problema acqua esiste, il problema si vede anche da noi, da quando le centrali elettriche sono passate nelle mani di società a cui non interessa niente di svotare un po i bacini d'estate per mandare acqua nei fiumi Italiani (buisnesssss), non sto contestando il problema, ma come vengono proposte soluzioni magiche o peggio da incompetenti irrazionali.

qualche pennellata ....
perchè nei nostri nobili bagni scarichiamo acqua potabile con i nostri escrementi?
Non potremmo fare (come all'estero) una condotta di acqua non potabilizzata e usare quella per usi meno nobili?

Perchè quando hai un pozzo di acqua tuo (fatto realmente accaduto) e usi quest'acqua non potabilizzata per far sciaquare gli zoccoli alle vacche che vanno in mungitura, il comune ti tartassa fino a quando , economicamente, è PIU'CONVENIENTE PER TE ALLACCIARTI ALL'ACQUEDOTTO E LAVARE GLI STESSI ZOCCOLI SPORCHI DI STALLATICO CON L'ACQUA POTABILE

perchè non ripariamo gli acquedotti che perdono acqua (viene venduta illegalmente senza farla passare dai contatori)?

Siamo circondati dal mare, gli Italiani sono tra i più evoluti negli impianti di desalinizzazione e potabilizzazione dell'acqua del mare, E ABBIAMO UNA NAVE CHE QUOTIDIANAMENTE a portare l'aqua potabila a un isola in meridione?

adesso mi fermo devo andare poi lo riprendo...... con più calma!

allora riprendiamo gli ultimi pozzi di acqua fatti nella mia metropoli si sono spinti fino a circa 200 metri di profondità perchè negli altri pozzi, tutti classificati come potabili dalle ASl ARPA USL e altri distaccamenti del circo Togni (con tutto il rispetto per il circo..), c'era una massiccia presenza di nitriti (non abbiamo i cavallio nei pozzi) di nitrati e amoniaca....

tutto questo era stato denunciato da un privato che aveva fatto analizzare l'acqua di casa a sue spese in un laboratorio privato

daniele ardigò 26.03.07 19:09| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Io proprio non ti capisco! Il 5 Novembre 2006 i dipendenti pubblici erano tra i carcerati, la criminalità organizzata, gli evasori ed i falsi invalidi. Il 27 Agosto 2006 il male del paese erano TREMILIONITRECENTOSETTANTASETTEMILANOVECENTODICIOTTO dipendenti pubblici. Adesso, visto che l'acqua non bisogna darla in gestione ai privati, chi ci mandiamo a riparare le condotte che perdono? I comici?

lorenzo manfredi 26.03.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
è in corso una petizione su internet affinchè il governo dia sostegno alla ricerca della 'fusione fredda'

http://www.progettomeg.it/fusione-fredda-petizione.htm

Stefano Lovisetto 26.03.07 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Forse se ne sarà già parlato, in tal caso mi scuso. Tanti anni fa sulla rivista del WWF ho letto di un sistema per consumare meno acqua: basta riempire d'acqua una bottiglia di plastica da mezzo litro e metterla dentro la cassetta dello scarico del wc. La cassetta si riempirà di meno, ma comunque il flusso rimane sufficiente; e se si pensa a tutte le volte che si usa lo scarico ogni giorno --- Capisco che è una goccia nel mare, ma forse potremmo contribuire anche così.

Teresa Pinto 26.03.07 18:53| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

ce ne facciamo nuova? l'italiano atutt'oggi preferisce l'acqua imbottigliata,magari tenuta per mesi a casse sotto il sole (tanto scade tra un anno....) che buona la xxxxxxx (no spam) a contatto con la plastica a 70 ° !!!!!!
altro esempio' tav bo-fi: sorgenti seccate sull'appennino e la "gloriosa" nestie? (si nestie' perche come ce lo mette didietro quella.....) che compra la sorgente d'acqua famosa del mugello...
ah dimenticavo arezzo ha privatizzato la distribuzione d'acqua potabile .... chiedete che fatture sono arrivate....

pini gabriele 26.03.07 16:22| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

SI ma dicci anche cosa possiamo fare, ai bambini delle scuole insegno una canzoncina che dice "Sono una goccia d'acqua pulita...." e racconta tutta la strada fatta da una goccia d'acqua "fino all'uscita" e cerca di spiegare il valore di una singola goccia.
A casa i consumi sono bassissimi in confronto alla media, ma non basta, non è niente.
COSA POSSIAMO FARE....

Giordana Restuccia 26.03.07 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Una forma di risparmio d'acqua potrebbe essere quella di ri-utilizzare l'acqua con cui ci laviamo le mani, quella con cui facciamo la doccia, quella utilizzata dalla lavatrice ecc.al posto dell'acqua (pulita e quindi utilizzabile) dello sciacquone! può sembrare un'idea stupita e un pò naif, ma è proprio dal piccolo risparmio che si comincia per avere, si spera, una sociatà meno consumista e rispettosa(impresa piuttosto ardua) dell'ambiente!

Michela Marucci 26.03.07 15:13| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Consiglio vivamente la lettura del libro

ACQUA S.p.a.

di Giuseppe Altamore.

Fotografia nel dettaglio di ciò che è accaduto con i nostri acquedotti nazionali.

Siamo nella merda!!!


B U O N A H 2 O L I B E R A A T U T T I

ALESSANDRO PARODI 26.03.07 12:43| 
 |
Rispondi al commento

visto che siamo in argomento, ci terrei ad affrontare un'altra questione comunque sempre legata all'uso dell'acqua: tutti questi allevamenti intensivi di animale da "carne" quante risorse idriche assorbono? quanta acqua ci vuole per coltivare foraggio per l'alimentaziopne di animali destinati alla macellazione ovvero quanta acqua ci vuole per trasformare proteine vegetali (cerelai ecc..) in proteine animali? E poi quanto inquinano questi allevamenti? Dove vanno a finire gli escrementi di tutti questi animali? Ovviamente nei fiumi ed in mare. E che dire dell'inquinamento dovuto all'allevamento intensivo dei pesci? Ma non è che mangiamo troppo e sopratutto molto male? Non è che ci inducono a mangiare tanta carne e derivati perchè a parte l'industria del cibo e tutto l'indotto ad essa collegato, le multinazionali della chimica farmaceutica hanno già deciso di cosa ci dovremo ammalare e dunque CURARE nei prossimi decenni? Non è già successo per le malattie cardiovascolari, obesità ecc.. ec...?? Ma è possibile che non si possa uscire da questo circolo vizioso? Perchè non cominciamo a rifiutare una cultura di morte a partire da quello che mangiamo? Avete mai visto come viene trasportato il bestiame nei camion? Certo è molto comodo girare la testa, tanto al supermercato troviamo tutto confezionato, porzionato ed anche cucinato e non ci sentiamo colpevoli di nulla...nè di aver contibuito all'inquinamento ambientale, nè a quello delle acque, nè allo sperpero di tante risorse ed infine non ci frega niente delle sofferenze di questi animali che sencondo noi esisterebbero solo per farci ingozzare!!!! Qualcuno mi accuserà dicendo che interrompendo questa "catena" (..di morte) andrebbero a spasso tanti lavoratori esempio ne è quella persona che per la crisi della vendita dei polli durante la paura dell'aviaria, si è suicidato..... E poi andrebbero in crisi le nostre amate Cooperative ecc.. ecc.. Io comunque sono diventata vegetariana!!!!

lea magistri 26.03.07 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io persolmente uso la "Brita" qui in California, e come me milioni di persone. Il mercato dell'acqua imbottigliata e' limitato alle bottigliette da mezzo litro. La Brita (una caraffa con filtro intercambiabile a carboni attivi, non so se sia arrivata in Italia, so esistere in Germania), mi consente di usare l'acqua dell'acquedotto, e il filtro elimina residui solidi, oltre che abbassare il livello di cloro. Costo? 20 dollari, piu' 3 per ogni filtro che dura 2/3 mesi.

Trovo alquanto stupido spendere soldi in acqua impbottigliata. Primo per l'impatto ambientale, poi per lo spazio che mi occupa e la fatica che devo fare per portarlo a casa (io vado a fare la spesa in bici).

Spero che gli italiani si sveglino e scelgano soluzioni piu' ecologiche, nonche' piu' sensate.

Nicola Ferralis 23.03.07 21:15 | Rispondi al commento |
Vota commento
Currently 5/5 1 2 3 4 5 (voti: 2)

Chiudi discussione
Discussione

Sicuramente non te ne pentirai.

Nicola Ferralis 23.03.07 23:56

Ciao Nicola, scrivo per dirti che stavo scorrendo i commenti dopo aver letto il post, sono arrivata al tuo e mi son detta ma perchè non provarla, sta Brita, dato che a casa mia l'acqua del rubinetto non piace a nessuno, e così ho cercato su internet e ho trovato chi la vende on line, e l'ho comprata. Ora la proviamo, e se funziona addio all'acqua in bottiglia per tutta la vita, che in effetti questa faccenda dei camion che vanno su e giù per le strade della povera Italia a portare acqua fa davvero pena. Saluti.

Monica Cocchi 23.03.07 23:01

Chiudi discussione
Discussione

-----------------------------------------
ciao nicola.
io vivo in italia e sono 3 anni che uso la brita!!!
purtroppo qua' si sanno i cazzi di berlusconi e non ti fanno sapere come vivere meglio.
Ho visto che negli states la brita la vendono al supermercato (insieme alle altre marche di brocche filtranti), da noi devi andare in farmacia!!!!!

alberto rossi Commentatore in marcia al V2day 26.03.07 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
lo slogan che recita "privato è meglio" lo sentiamo continuamente, è stato ed è lo slogan scellerato che ha accompagnato la caduta della 1^ Repubblica. E' stato coniato dai politici-tangentisti degli anni '90 (e dagli annessi servi), per chiudere il capitolo "tangentopoli". I più grandi fautori e attuatori delle privatizzazioni sono stati gli stessi burattini delle lobbies che oggi, con qualche capello bianco in più (e qualche milione di euro in saccoccia anche), sfilano in parlamento e in tv. Rutelli, per es., è quello che ha privatizzato l'acqua a Roma! (e pure la luce!). A proposito di Roma, forse non tutti sanno che gli scarichi inquinanti e illegali nel fiume Aniene sono tutti censiti! Cioè si sa da anni dove e chi è che avvelena l'Aniene (che poi, gettandosi in Tevere, continua ad avvelenare). Nessuno blocca gli avvelenatori perchè sono coperti da una rete di intimidazione e ricatti: MAFIA (come per il fiume Sarno in Campania)!!!! E c'è chi ancora asserisce che "acqua privatizzata impedisce il malaffare"!!! Ma perchè, forse il privato ha la sua "polizia personale"??? .. Però, in effetti i mafiosi potrebbero essere assimilati ad una forma "impropria" di corpo di sicurezza...

BEPPE FOR PRESIDENT!!!

Carlo Sca 26.03.07 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
lo slogan che recita "privato è meglio" la sentiamo continuamente, è stato ed è lo slogan scellerato che ha accompagnato la caduta della 1^ Repubblica. ed è stato coniato dai politici-tangentisti degli anni '90 (e dagli annessi servi), per chiudere il capitolo "tangentopoli" hanno coniato lo slogan di cui sopra. I più grandi fautori e attuatori delle privatizzazioni sono stati gli stessi burattini delle lobbies che oggi, con qualche capello bianco in più (e qualche milione di euro in saccoccia anche), sfilano in parlamento e in tv. Rutelli, per es., è quello che ha privatizzato l'acqua a Roma! A proposito di Roma, forse non tutti sanno che gli scarichi inquinanti e illegali nel fiume Aniene sono tutti censiti! Cioè si sa da anni dove e chi è che avvelena l'Aniene (che poi, gettandosi in Tevere, continua ad avvelenare). Nessuno blocca gli avvelenatori perchè sono coperti da una rete di intimidazione e ricatti: MAFIA (come peril fiume Sarno in Campania)!!!!

BEPPE FOR PRESIDENT!!!

Carlo Sca 26.03.07 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono stata sempre molto sensibile al problema dell'acqua e faccio del mio meglio per non sprecarla. Per quanto riguarda l'acqua da bere ammetto di acquistare acqua minerale in bottiglia (di plastica...il vetro costa troppo ed è pesante...). Ho provato a bere l'acqua del rubinetto, tempo fa ho acquistato anche uno di quei depuratori a filtro ma il problema è che da me (casalecchio di reno) l'acqua è molto pesante e non ha un buon sapore. In quel periodo mi sono accorta di bere molto meno di quanto avevo bisogno proprio perchè l'acqua non mi piaceva, e così sono tornata alle bottiglie. Altro problema, nella mia precedente casa le tubature erano marce, venivano giù dal rubinetto anche granelli di ruggine. Se stavo fuori anche un paio di giorni quando tornavo e aprivo i rubunetti veniva giù dell'acqua marrone!!!! tanta gente è in queste condizioni, ed è anche per questo che in Italia si vende tanta acqua minerale. Bisogna tenerne conto.
Angela

Angela Canelli 26.03.07 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Mio padre è proprietario di una casa in riva al lago di Monate (VA).
Da sempre, comne fatto da tutti i vicini, è stata utilizzata l'acqua del lago per i soli fini irrigui del giardino e degli orti, prelevandola con delle pompe.
Premesso che i consumi erano, comunque, contenuti e che l'acqua attinta ritornava, per capillarità del terreno e per evaporazione naturale, al lago, ora non è più possibile farlo e se si vorrà bagnare l'orto od il prato lo si dovrà fare con l'acqua potabile dell'acquedotto.
Ciò si è reso obbligatorio in quanto la Provincia di Varese ha imposto a coloro che volessero prelevare acqua dal lago l'obbligo di espletare un iter burocratico inimmaginabile ed a costi improponibili.
Quindi, al posto di usufruire di una risorsa naturale perfetta per i fini specifici, conviene utilizzare l'acquedotto, peraltro, a costi irrisori, con buona pace dell'inevitabile aumento dei consumi che ovviamente ciò determinerà.
Quando si dice "cecità assoluta" dei nostri dipendenti ......
Franco Taborelli

Franco Taborelli 26.03.07 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Beppe gli avvoltoi li hai vicino a casa, in garfagnana e lunigiana è arrivata GAIA, la nuova associazione a D.di S.M. finalizzata alla sodomizzazione dell'utente terminale. Hanno più cause in piedi loro che l'intero tribunale di Torino. Ma purtroppo non ne hanno colpa alcuna, erano solo ad aspettare che i comuni cedessero tutto questo ben di Dio ad un amministratore serio e competente. Loro erano lì, passavano per caso e li hanno tirati per la giacchetta imponendo il pacchetto. C'ero anch'io a passare di li, ma non ho sentito strattonare nessuna giacca, o maglione, o maglietta. Mi sono sentito sfilare pian piano le mutande e mi sono trovato cosparso di unguento miracoloso.

andrea petrolini 26.03.07 09:00| 
 |
Rispondi al commento

ho una casa in montagna:
ho fatto un pozzo scavando nella dura roccia per una profondita' di diverse decine di metri.
Una spesa non indifferente.
Ora ho acqua a sufficienza per tutte le necessità domestiche.
Per sprecarla non ne ho..
I tecnici privati che mi hanno fatto il pozzo mi hanno caldamente consigliato di NON ostentare il fatto che ho acqua in abbondanza (senza sapere poi cosa significasse per loro "abbondanza"..a seconda come gli gira ai tecnici comunali) altrimenti è molto probabile che il Comune arrivi e mi sequestri il pozzo. Che tra l'altro è sulla mia proprietà.
Senza rimborsi. Hai capito i Comuni?? aspettano che il privato investa in zone disagiate e costose da perforare, poi loro arrivano, ti sequestrano il pozzo e ti danno un rimborso ridicolo perchè l'acqua è un bene primario.
Devo stare attento ad innaffiare un orto..perche' se troppo ampio dicono che ce ne per tutti.
Pero' non lo era quando io ero senza. Non sono venuti loro, a loro spese a fare un pozzo per me e per loro, in comunione di uso.
A ma belli!!...cosi' è comoda...

Paolo S. 26.03.07 08:41| 
 |
Rispondi al commento

L'immagine, con il dollaro "acquatico" tende a creare ilsolito immaginario, dove gli Stati Uniti sono i maggiori privatizzatori dell'acqua. Invece, questa volta tocca alla Francia, questo primato. Sarebbe stato giusto mettere la E dell'euro.

Nataniele Paghini Commentatore certificato 26.03.07 08:41| 
 |
Rispondi al commento

Ciao.
Sono d'accordo in parte con Molino e in parte con Grillo.Questo Governo dovrebbe fare qualcosa di concreto per l'acqua.L'acqua è un bene di tutti ma è una risorsa in esaurimento.Queste due caratteristiche non permettono più di rendere tale risorsa gratuita ma sono d'accordo con Molino che deve essere garantita ad personam una certa quantità d'acqua (stabilita da una commissione di sicenziati e dal ministro Tozzi che mi sembra una persona competente ad esempio).Al buon senso delle persone non credo più ormai e l'unica cosa che temono tutti sono le Tasse, a parte 'I soliti grandi Evasori cronici'; quindi io renderei gratuita la quantità necessaria pattuita dalla commissione e TASSEREI tutto l'esubero (così certi personaggi ci penserebbero due volte a lavare l'auto con l'acqua potabile fra l'altro atto sanzionabile, ma non ho sentito mai nessuno aver ricevuto multe per quello...). Dare incettivi per chi annaffia l'orto con l'acqua piovana, utilizzare acqua non potabile per lo 'sciaquone' dei nostri WC (manda il messaggino per aprire pozzi in Africa e poi preso dalla felicità corri a far pipì e tutte le volte tiri l'acqua del cesso,perchè se no che incivile sei?!...)Questo per quanto riguarda i consumi privati. Poi altra cosa è l'acqua utilizzata in agricoltura e nell'industria.Per questi settori occorrerebbe, a parer mio,una commissione QUADRATA per analizzare la situazione.

Sonia G. Commentatore certificato 26.03.07 07:59| 
 |
Rispondi al commento

tho....vedete di che parla "report"....

samuele m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.03.07 22:23| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua è un bene comune di prima necessità così come l'elettricità, come i trasporti, come gli idrocarburi, come la sanità. Questo insieme di beni è lo Stato stesso. Chi ha scelto di noi la politica delle privatizzazioni? Chi lo poteva fare visto che destra e sinistra la pensano allo stesso modo? Si sono venduti beni che percentualmente erano di ciascuno di noi. Si sono vendute le Nostre proprietà, le nostre fabbriche per incapacità nel dirigerle. Se il privato può ottenere degli utili da una società ex statale perchè lo stato non c'è riuscito? Che fiducia devo avere in una classe politica che nel concetto stesso di liberalizzazione ammette la propria incapacità a governare? Nel concetto di aziendalizzazione del sistema sanitario c'è l'esempio massimo di fallimento politico. Noi non possiamo eleggere un direttore generale di una USL, quindi di fatto non possiamo controllarlo. La politica si è disfata di tutti i suoi obblighi primari. Di fatto non governa la polis, di fatto esiste solo per perpetuare se stessa. Senza il governo sui beni primari non c'è politica. Senza i beni primari (che soddisfano le necessità della gente) non esiste lo Stato.

gianni pivetta 25.03.07 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Nell'africa sub sahariana si muore di sete ( ma in reatà i bambini muoiono di sete per gastroenteriti dovute ad acqua infetta). Una piccola storia... Ho sempre avuto la curiosità di ascoltare la storia da chi gli eventi li ha vissuti. Parlando con i vecchi contadini veneti che all'epoca colioniale si erano trasferiti nel Corno d'Africa ho sentito questo racconto: " Quando arrivavamo lì ci affidavano venti ragazzi del luogo. La terra era fantastica ed i pozzi scavati davano acqua a sufficienza per irrigarli. Erano stati costruiti trattori molto grandi perchè gli spazi coltivabili erano immensi. Con i ragazzi Si lavorava duro ma il raccolto era certo. Avevamo preparato tutto, il terreno era pronto per la semina, poi arrivò il blocco di Suez ed i semi non arrivarono mai." Che fine fecero i pozzi e tutti i macchinari? "Se li portarono via gli inglesi". E' il racconto di un contadino veneto che dopo la guerra aveva accettato di rimanere lì. Non so quanto sia vero ma ve lo riporto. Nella biblioteca di Biologia di Padova ci sono centinaia di riviste dell'epoca (naturalmente di regime, ma anche cattoliche) per verificare questo racconto. Il contadino assicurava che di acqua sotto terra ce n'era " fin che se ne voleva". Adesso lì muoiono di fame.

gianni pivetta 25.03.07 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,capisco cosa intendi dire e sono d'accordo,ma nn dare i numeri!Se scrivi che per fare un'automobile servono 400000 litri d'acqua dacci uno straccio di spiegazione altrimenti la comicita'di cui sei maestro rischia di ritorcersi contro di te!Ciao!

Marco Casadei 25.03.07 20:41| 
 |
Rispondi al commento

si è tutto giusto e bello.ho scritto questo solo per vedere se me lo invia quindi non me ne vogliate!

filippo gentile 25.03.07 20:27| 
 |
Rispondi al commento

E' il solo vecchio problema i potenti devono controllarci perchè dobbiamo rendere a loro il profitto. Come meglio ci possono controllare se non facendo leva su un bene primario come l'acqua? Per conto mio utilizzo bottiglie di vetro che vado regolarmnte a rienpire ad una fontana alimentata dall'acquedotto delle Langhe, acquedotto che non arriva in casa mia.
Ciao.

Valter Sottile (valter63) Commentatore certificato 25.03.07 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Che dire:VERGOGNA!!!
Che fare: ATTIVIAMOCI!!! Siamo noi lo Stato in...ziamoci veramente,facciamo sentire la nostra voce...

martina s. Commentatore certificato 25.03.07 19:05| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE,
TI STAI ACCORGENDO CHE I PROVVEDIMENTI DELLE AUTORITA' SONO TUTTI RIVOLTI A CERCARE UN PROFITTO FUTURO?
SI VUOLE PRIVATIZZARE L'ACQUA PERCHE' SI DICE CHE SOLO I PRIVATI HANNO I MEZZI PER RIPARARE LE PERDITE. I COSTI DI OGNI OPERAZIONE DA FARE CRESCONO A DISMISURA TANTO... "PAGA PANTALONE"- LA SITUAZIONE ISPERATA E' CHE NON RIUSCIREMO MAI E POI MAI A FARE UN VERO E GENERALE RESET. IL CITTADINO ESISTE SOLO PER PAGARE.

VADO FUORI TEMA, ORA: PER GOVERNARE, DICONO, SERVE LA MAGGIORANZA.
MUSSOLINI, FRANCO, SALAZAR . . . AVEVANO LA MAGGIORANZA. HANNO GOVERNATO BENE?
MEDITIAMO.

Giovanni Rossi 25.03.07 18:01| 
 |
Rispondi al commento

volevo lasciare una mia osservazione,per quanto riguarda lo spreco di acqua a Roma .A ROMA ci sono i famosi nasoni(fontanelle) quanta acqua viene sprecata e inutilizzata,che potrebbe essere risparmiata riadottanto il sistema del rubinetto? mi chiedo perchè non si adotti piu questo sistema .Mi chiedo se non la pensate come me,gia sarebbe un bel risparmio di acqua con questo sistema

daniele camilletti 25.03.07 17:20| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
alcuni di noi non sanno che E' IN CORSO UNA RACCOLTA FIRME per portare in parlamento una legge di iniziativa popolare sull'acqua. Qui sotto è riassunta la legge in 10 punti:
1. L’acqua è un bene comune e un diritto umano universale, la disponibilità e l’accesso all’acqua potabile sono diritti inalienabili e inviolabili della persona.
2. L’acqua è un bene finito, da tutelare e da conservare perché indispensabile all’esistenza di tutti gli esseri viventi della presente e delle future generazioni.
3. Ogni territorio deve definire un bilancio idrico che preservi la risorsa e la sua qualità.
4. Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico privo di rilevanza economica, sottratto alle leggi del mercato e della concorrenza e finalizzato ad obiettivi di carattere sociale e ambientale.
5. Il servizio idrico integrato deve essere gestito esclusivamente attraverso enti di diritto pubblico.
6. 50 litri per persona è il quantitativo minimo vitale giornaliero garantito e gratuito.
7. Entro tempi certi devono terminare tutte le gestioni affidate a privati, a società miste pubblico-privato e a società a totale capitale pubblico.
8. I lavoratori del servizio idrico e gli abitanti del territorio partecipano attivamente alle decisioni sugli atti fondamentali di gestione del servizio idrico integrato.
9. Un fondo nazionale finanzia progetti per l’accesso all’acqua potabile nel sud del mondo.
10. Il servizio idrico è finanziato con la riduzione delle spese militari, con la lotta all’evasione fiscale, con tasse ambientali di scopo.
INVITO TUTTI AD ADERIRE ALLA CAMPAGNA ED A METTERE LA FIRMA
http://www.acquabenecomune.org/index.php

Gianluca Molino 25.03.07 16:00| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io vivo a Roma, dove l'acqua del rubinetto è una delle più buone che ci sono in europa tanto che è quasi l'unica grande città al mondo che l'acqua del rubinetto non subisce potabilizzazione, ossia la sorgente principale di approvigionamento del "Peschiera" ha un acqua purissima. Il "problema" che però molti gli attribuiscono è il fatto che abbia molto calcio (calcare) dicono che fa male e fa venire i calcoli.
Per questo ho chiesto a un mio carissimo amico urologo se tutto questo fosse vero, sapete quale è stata la risposta... che è solo una leggenda metropolitana inventata da chissachì, perchè l'acqua più è ricca di calcio meglio è per i reni ovvero permette di smaltire meglio i sali in eccesso, e poi ciliegina sulla torta, se il calcio contenuto nell'acqua facesse male, il famoso bicchiere di latte la mattina porterebbe ad un epidemia di calcolosi considerando che un bicchiere di latte ha molto più calcio di un bicchiere di acqua.
A questo punto allora io mi domando, ma perchè le persone bevono il latte e non l'acqua di Roma pernsando che il calcio in essa contenuto faccia male?.
Continuate a spendere centinaia di euro l'anno di acqua minerale, io la mia piccola parte la faccio.. sono 40 anni che bevo acqua del rubinetto (naturalmente dove so che è buona).

mario rossi 25.03.07 15:58| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

se privatizzano l'acqua, io compro il Fucile!

mauro mauri 25.03.07 15:26| 
 |
Rispondi al commento

forse è molto meglio che questo blog si occupi di altri argomenti in modo da non costituire un pericolo per le tasche degli italiani.
Un esempio le ricariche telefoniche!
grazie mille per aver indotto l'abolizione del costo di ricarica , peccato che questo si sia tradotto in un aggravio di spesa per gli utenti!!!
ho due schede una wind e una vodaphone , windio mi obbliga a cmbiare piano tariffario passando da un costo chiamata di 10 cent al minuto a 12 cent al minuto , per me che faccio un uso intensivo del cellulare si traduce un un costo molto maggiore rispetto a quello di ricarica , vodaphone ha per adesso solo fatto sparire dalla circolazione i tagli di ricarica più piccoli costringendo a ricaricare di almeno 25€ a volta.
per favore non fare altri danni .

massimo cammei 25.03.07 13:17| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella della dispersione degli acquedotti è una cosa di cui si parla da anni ma pochissimo è stato fatto per porci rimedio. E pensare che siamo stati fra i primi nel mondo a fare acquedotti e che ce ne sono di quelli che ancora funzionano dopo 2 millenni. Avremo dimentica qualche cosa su come si progetta e su come si eseguono i lavori???

arturo terragni 25.03.07 13:09| 
 |
Rispondi al commento

..vedi Beppe tu sei ancora convinto che il Pubblico, cioè la gestione pubblica delle cose primarie sia una ancora una cosa positiva, invece non è così. Lo dimostranoi fatti che tutto ciò che è stato nele mani dello stato ha generato inefficienza, clientelismo, e perdite economiche, vedi Alitalia, ANAS,per esempio e molti altri. Quello che a mio avviso lo Stato dovrebbe fare in modo rigoroso, è svolgere una funzione di rigorosissimo controllo sui beni primari di fruizione di massa e senza i quali la gente non può andare avanti. La gestione invece perchè funzioni, e non ci siano sprechi o falle come vedi per l'acqua ad esempio deve essere affidata ai privati i quali ne traggono un ragionevole compenso ed un pezzettino di utile per l'opera fatta nel gestire le falde, nel manutenere gli acquedotti, e nel fare si che l'acqua non subisca infiltrazioni inquinanti e nocive per la salute. Il privato, se opportunamente stimolato, ed assieme rigorosamente controllato, può svolgere il suo compito con molta più efficienza del Pubblico, e se guadagna il giusto, che cosa è di fronte agli attuali sprechi dovuti agli acquedotti bucati, alle falde trascurate o malgestite o addirittura sotto il controllo della delinquenza che ne fa uso impropio e le utilizza come potere da eseritare sulle comunità da sottomettere. Come vedi questi ultimi sono efficientissimi, e non sprecano nulla, e anche se si tratta di malavita, purtroppo bisogna prenderne esempio su come gestiscono le risorse idriche, vedi per esempio in Sicilia, dove l'acqua c'è ed è abbondante, ma è gestita come ti dicevo sopra...non nascondiamoci dietro ad un dito, ma lo Stato deve recuperare il suo vero ruolo...QUELLO DEL CONTROLLO e non quello della gestione che nelle sue mani è sempre fallimentare.
Il recupero di efficienza nei controlli, farebbe indebolire ogni posizione monopolista, e di predominanza sul Cittadino, che deve essere messo al centro di ogni priorità per ogni sua primaria necessità

marco penazza 25.03.07 12:54| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dimissioni Cuffaro- Alfonso Sciangula (IdV)

"Di Pietro batti un colpo se ci sei"

Palermo, 24 marzo 2007- "E' a dir poco inquietante il silenzio dell'ex PM e
degli altri esponenti IdV sulla situazione del presidente della regione
Sicilia Salvatore Cuffaro, indagato per concorso esterno in associazione
mafiosa. Il ministro, o chi per lui all'interno del suo partito, ne chieda
almeno le dimissioni, se non l'arresto.
Ai tempi di tangentopoli bastava un capello fuori posto per far scattare il
"tintinnio di manette", sopratutto se eri della DC o del PSI.
Ma si vede che per l'ex PM l'UDC è un'altra cosa" così dichiara l'esponente
IdV Alfonso Sciangula


Per Davide Ferrari
Ciao Davide L'amianto è pericoloso se lo respiri e non se lo bevi assieme all'acqua. Sembrerà strano ma è così. l'asbestosi viene per le particelle d'amianto che arrivano nei polmoni, mentre l'apparato digerente non ne risente per niente. Bevi tranquillo l'acqua dell'acquedotto di bologna

Gianluca Molino 25.03.07 10:58| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Pensate che uno che conosco ha brevettato un sistema per risparmiare 50 l. di acqua al giorno a persona, ma non ha potuto vendere il brevetto perchè nessuno lo voleva. Trattasi di bacinelle salva sanitari, rivestimenti dei sanitari in plastica che impediscono, se si usano,la perdita dell'acqua quando ci si lava e poi si riusa per il WC.
Saluti.

Paolo Rossi 25.03.07 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Sè un diritto aquisito non si tocca non dimenticate che una rette (RAI 2) che già si pagava è statta tolta senza chiedere il consenso del popolo che per tanti anni si è pagato il CANONE ho ci ridate RAI 2 Ho il decoder deve essere GRATIS per chi è ABONATO e rimborso a chi ha già dato.

Mario Flore 25.03.07 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che quando spariscono le mail (e purtroppo siamo in un momento in cui postare è proprio difficile)sia per censura
Credo piuttosto che questo blog abbia dei periodi di forti attacchi (hackers) e che ora siamo sotto uno di questi
Hackers di Stato, Hackers dei servizi e anche hackers idioti
Lo credo fortemente, visto che lo stesso identico post riesco a postarlo dopo parecchi tentativi senza cambiarne una parola, mentre constato che molti blogger autenticati da tempo e da tempo frequentatori di questo blog hanno perso ogni autenticazione e non possono nemmeno rifarla
Che ci siano dei malvagi che aggrediscono in tutti i modi possibili questo blog per boicottarlo e farlo chiudere mi pare più che fisiologico. La democrazia, la libertà di parola, il libero confronto e la controinformazione sono sempre stati odiati dai nemici della libertà sia da destra che da sinistra e non parliamo poi del centro che con queste gerarchie è più protervo che mai e pià che mai nemico dell'uomo che pensa

Spero solo che la loro malvagità gli si ritorca contro e li possa strozzare

Per cui, se avete qualcosa di intelligente da dire, non vi stancate subito e non pensate subito a censure fantasmatiche, ma ritentate, come faccio io, che con pazienza, prima o poi, a forza di ritentare riesco sempre a farmi pubblicare tutto

viviana vivarelli 25.03.07 08:47| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Politica religione scienza arte
clicca il nome

Ale Tommolini 25.03.07 04:54| 
 |
Rispondi al commento

Mah, dipende da dove abiti.
A Firenze l'acqua del rubinetto la prendono direttamente dall'Arno che non so quanto sia pulito....a Bologna invece, le tubature sotterranee che portano l'acqua sono rivestite per il 90% di amianto cementificato, in Lombardia finiscono parecchi pesticidi usati x l'agricoltura, così come in Veneto.
L'acqua in bottiglia è forse migliore ma ha un prezzo incredibile considerando che alcune ditte (dipende dalla Regione) la pagano pochissimo:
L'acqua in bottiglia viene presa dal sottosuolo italiano. Lo sfruttamento del sottosuolo, anche per quanto riguarda l´acqua, è tuttora regolato da un Regio Decreto del 1927. Che tra le altre cose calcolava il prezzo dovuto allo stato per lo sfruttamento di un bacino non in base ai litri d´acqua presenti, ma alla superficie. Il risultato per le casse dello Stato [o meglio, delle Regioni] è desolante. Per fare qualche esempio, la Ferrarelle paga alla Campania 506 euro all'anno; la San Benedetto all'Abruzzo 555 euro!!!!

Davide Ferrari 25.03.07 04:44| 
 |
Rispondi al commento

STASERA IN ATTO I CONTROLLI SULLE STRADE ALLA GRANDE..IO FERMATO PER 2 VOLTE NEL GIRO DI 2 ORE...MA ALLO STESSO TEMPO MACCHINE CHE MI SORPASSANO DA DESTRA, GENTE VISIBILMENTE SU DI GIRI..INSOMMA IO SONO STATO FERMATO 2 VOLTE MA STI STRONZI DROGATI E IPERCASINISTI LI BECCANO MAI O NO...BUONA NOTTE BLOG

MOSTRO MOSTRUOSO Commentatore certificato 25.03.07 03:14| 
 |
Rispondi al commento

ANIMALI SQUOIATI VIVI

OT OT

IL 24 e il 25 marzo la Lav, Lega anti visezione, sarà presente in oltre 350 piazze in tutta Italia per raccogliere firme a sostegno delle proposte sulla revisione della direttiva europea sulla vivisezione.
-----------------------------
SE AVETE IL CORAGGIO GUARDATE QUESTO VIDEO
E POI FIRMATE E DATE UNA MANO CA CHI FA DAVVERO QUALCOSA CONTRO QUESTO SCONCIO

... E PURE VOI FATE QUALCOSA: niente pellicce, niete capi con inseri in pelle e pelo ecc ecc

http://www.youtube.com/watch?v=18dh_7r_JS8

Roberto Stagni Commentatore certificato 24.03.07 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Senza ombra di dubbio l'acqua è la nostra,su questo non ci piove....!Firmerò la petizione.Penso però,come un tarlo ossessivo che mi logora per l'impotenza che sento di fronte all'indifferenza,alla pelosità di questi politici,verdi,ambientalisti e quant'altro,che tutto il disastro "ecologico" mondile dipenda da un gesto solo:l'aver segato per anni,anni ed anni,..alberi!Nei G8,G9,dovrebbero aver vietato l'abbattimento degli alberi,veri polmoni del mondo,ed ora morte dell'ecosistema.Con più alberi meno particolato,più salute,meno polveri cancerogene nell'aria,e la stessa acqua sarebbe inprivatizzabile!Riflettiamoci.Mica potranno condannarci i nostri figli se avessimo consegnato loro più foreste e meno torri,grattacieli,case popolari?

stefano masetti 24.03.07 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato in internet una bellissima opinione sull'acqua minerale... leggetela tutti.. e poi l'acqua minerale non la berrete mai più ! (il libnk l'ho messo sul mio nome).
Ciao Beppe e Complimenti !

Maurizio Monti 24.03.07 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Ormai tutte le fontanelle si sono seccate (gli abruzzesi mi capiscono).
Sarebbe interessante fare una statistica di quante vite sono salvate dai bar o (bene che vada) dai distributori automatici.
Per chi si muove fuori da casa sua, la privatizzazione è già totalmente operante.
Con il tasso di inquinamento che ci ritroviamo, neanche vivere sotto i ponti garantisce dalla disidratazione.
Un giorno impareranno a gestire le nuvole .....

Andrea Giovannini 24.03.07 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Ecco allora rientrare dalla finestra il quarzo che era stato espulso dalla porta. Osserva un acuto utente del forum di www.sciechimiche.org : “Le scie chimiche sembrano correlate con la progressiva diminuzione delle piogge. Aumentando a dismisura i nuclei di condensazione (cristalli di quarzo, granelli di silice, ossia sabbia), aumenta il numero dei cristalli di ghiaccio che, poi, sciogliendosi, formano gocce di pioggia piccole e leggere, con poche possibilità di precipitare al suolo. Peraltro la distribuzione di ioduri d'argento si praticava già negli anni Settanta del XX secolo con aerei come i pipers, proprio con funzione antigrandine, sfruttando questo principio dell'incremento dei nuclei di condensazione”. (1)

Ricordiamo che l’acqua è destinata a diventare il petrolio del futuro: chi controllerà le risorse idriche, sempre più scarse e preziose, dominerà il mondo. Non è un caso se in questi giorni, oltre a lanciare i soliti ipocriti allarmi sulla siccità causata da chi, a parole, sostiene che occorre prendere delle precauzioni, gli “esperti” hanno dibattuto sulla possibilità di privatizzare le aziende che distribuiscono l’acqua “potabile”. Varie multinazionali esercitano forti pressioni in tal senso: in alcuni comuni d’Italia dove, con la connivenza di politici barattieri, le aziende municipalizzate sono state acquisite da società private, le tariffe dell’acqua sono aumentate fino al 3000 per cento! È palese: le multinazionali, che già monopolizzano il mercato delle acque minerali, intendono allungare le grinfie anche su acquedotti ed impianti di distribuzione pubblici per incrementare i loro già astronomici fatturati.

Opponiamoci con ogni mezzo a tale diabolico progetto, di cui i disinformatori e gli “scienziati” servi del sistema, con la loro ignobile condotta, sono di fatto complici.

(1) La caduta della pioggia avviene quando la temperatura del vapore acqueo diffuso nell’atmosfera si abbassa notevolmente, ma non sotto 0 gradi C.

Antonio Marcianò 24.03.07 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Absit iniuria verbis

In questi due anni abbiamo ventilato varie ipotesi sugli scopi delle scie chimiche e formulato delle predizioni sugli sviluppi dell’attività di irrorazione. Stando alle reazioni dei disinformatori, squallidi e ributtanti personaggi la cui ignoranza è crassa, siamo pressochè sicuri di aver colto nel segno: infatti i maggiordomi dei potenti sono stati in grado solo di insultare e di diffamare, non potendo in nessun modo, con il loro “metodo scientifico” confutare, anzi tentare di confutare i dati e le conclusioni degli studiosi che si sono occupati e si occupano delle scie tossiche. Tra l’altro, il loro non si può definire metodo scientifico, dal momento che prescinde aprioristicamente ed in modo assoluto dall’osservazione dei fenomeni, pietra angolare di qualsiasi indagine, senza la quale ogni ricerca che ambisca ad acquisire anche solo una parvenza di scientificità, è destinata ad abortire miseramente.

Dalle informazioni raccolte e dagli studi condotti, si deve quindi concludere che le ipotesi sugli obiettivi delle scie chimiche non sono state ancora falsificate (Popper docet). Resta da stabilire con maggior precisione il ruolo del quarzo (SiO2): non si può escludere che questo minerale, assai diffuso in natura, sia impiegato per le sue proprietà piezoelettriche, ma, a tale proposito, mancano ancora riscontri. Tuttavia, ammesso che le proprietà piezoelettriche del quarzo non rivestano alcun ruolo nella criminale operazione, si tratterebbe solo della evangelica pagliuzza, perché la trave è lì, enorme. Fuor di metafora, è dimostrato che le scie chimiche non sono scie di condensazione; è acclarato che contengono metalli, composti, virus, viron, batteri e funghi etc. nocivi alla salute ed all’ambiente; è assodato che uno degli scopi per cui vari elementi chimici vengono sparsi con gli aeroplani è quello relativo alla modificazione delle condizioni meteorologiche. Ecco allora rientrare dalla finestra il quarzo che era stato espulso dalla porta.

Antonio Marcianò 24.03.07 22:13| 
 |
Rispondi al commento

partendo da acque salmastre (l’acqua di mare, più salata, dà una resa inferiore).

Stefano Bis 24.03.07 20:29 |
------------------------
Ho già postato più volte questo articolo , ma pare non interessare a nessuno, cosa che succede spesso quando si preferisce "ciarlare" anzicchè documentare o prospettare soluzioni possibili. Pensa che si fanno oleodotti e gasodotti, per fare, quattrini per l'energia e l'industria. Fare condotte per l'acqua desalinizzata del mare per fertilizzare zone dove la siccità ammazza le persone e rende impossibile l'agricoltura manco per niente chi paga? la vita non ha valore in quei posti ma ci riempiamo la bocca di parole come civiltà e progresso. Secondo me è un tantino vergognoso, o no? ciao

Francesco


«Desalinizzare l'acqua, prenderla dal mare e renderla dolce. In Arabia lo fanno da anni, idem molte città italiane del sud. L'impianto ha le dimensioni di un Tir o poco più, costa circa un miliardo di vecchie lire, è in grado di fornire 200 litri al secondo. Non mi risulta che ci siano problemi di impatti ambientali o ecologici. Conosco aziende del posto, Mondolfo o San Costanzo, che sarebbero capaci di realizzarlo. L'unico problema...».
L'unico problema?
«Verrebbe fuori una bolletta più pesante. Perché sono alti, in termini di energia elettrica, i costi per mantenere l'impianto attivo».
Ma a tutte queste soluzione, perchè non ci avete pensato prima?


Da un articolo di Alessandro Mazzanti (il resto del carlino)

f.marletta 24.03.07 22:01| 
 |
Rispondi al commento


Cortigiano: Oh mia Regina Marie Antoinette vengo a portarle la notizia che il popolo è insorto! Sono in piazza e gridano perchè non hanno pane da mangiare!

Marie Antoinette: Bene! Che mangino le Brioche!

***************************************************
Qualche secolo dopo!

Lekkakulo: Mio esimio mortadellone Brodi,vengo a portarle la notizia che il popolo è insorto! Sono in piazza e gridano perchè non hanno acqua da bere! La bolletta è salatissima e le multinazionali alle quali noi (DI SINISTRA) abbiamo dato le concessioni, non vogliono saperne di abbassare i prezzi! Dicono che qui in Italia anche se non utilizzano la vasellina i popolani schiavizzati sono disposti a riceverlo in k..o anche di dimensioni triple rispetto ad altri paesi!

Brodi: Bene! Che si bevano la minkiercola!

Marco Presti (the original) 24.03.07 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
alcuni di noi non sanno che E' IN CORSO UNA RACCOLTA FIRME per portare in parlamento una legge di iniziativa popolare sull'acqua. Qui sotto è riassunta la legge in 10 punti:

1. L’acqua è un bene comune e un diritto umano universale, la disponibilità e l’accesso all’acqua potabile sono diritti inalienabili e inviolabili della persona.

2. L’acqua è un bene finito, da tutelare e da conservare perché indispensabile all’esistenza di tutti gli esseri viventi della presente e delle future generazioni.

3. Ogni territorio deve definire un bilancio idrico che preservi la risorsa e la sua qualità.

4. Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico privo di rilevanza economica, sottratto alle leggi del mercato e della concorrenza e finalizzato ad obiettivi di carattere sociale e ambientale.

5. Il servizio idrico integrato deve essere gestito esclusivamente attraverso enti di diritto pubblico.

6. 50 litri per persona è il quantitativo minimo vitale giornaliero garantito e gratuito.

7. Entro tempi certi devono terminare tutte le gestioni affidate a privati, a società miste pubblico-privato e a società a totale capitale pubblico.

8. I lavoratori del servizio idrico e gli abitanti del territorio partecipano attivamente alle decisioni sugli atti fondamentali di gestione del servizio idrico integrato.

9. Un fondo nazionale finanzia progetti per l’accesso all’acqua potabile nel sud del mondo.

10. Il servizio idrico è finanziato con la riduzione delle spese militari, con la lotta all’evasione fiscale, con tasse ambientali di scopo.

INVITO TUTTI AD ADERIRE ALLA CAMPAGNA ED A METTERE LA FIRMA
http://www.acquabenecomune.org/index.php

Gianluca Molino 24.03.07 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Usare il vento per desalinizzare l’acqua
Un progetto di ricerca che coinvolge la General Electric e l’Università della Tecnologia del Texas intende utilizzare turbine a vento per alimentare gli impianti di desalinazione, utilizzando una tecnologia eco-compatibile per un’applicazione ad elevato consumo energetico.


In questo modo, zone povere d’acqua potrebbero ottenere acqua potabile in modo ecologicamente sostenibile. A loro volta, gli impianti eolici otterrebbero un luogo dove utilizzare l’elettricità in eccesso, prodotta nei giorni di vento forte. Tuttavia, il progetto è difficoltoso: l’osmosi inversa, utilizzata per desalinizzare l’acqua, funziona ottimalmente a velocità costante, difficile da ottenere se l’approvvigionamento di corrente non lo è. L’obiettivo è di sviluppare una centrale di controllo in grado di tenere l’impianto di desalinazione in condizioni più stabili possibile, immagazzinando l’energia prodotta in alcuni momenti, vendendone agli utenti nei momenti di picco e pompando l’acqua secondo le necessità. I ricercatori sperano di sviluppare un impianto eolico da 1.5 megawatt, in grado di alimentare una stazione di desalinazione per produrre acqua sufficiente per la città di Seminole, Texas, con circa 10000 residenti. Una turbina di questa potenza potrebbe produrre circa 1500 metri cubi d’acqua all’ora, partendo da acque salmastre (l’acqua di mare, più salata, dà una resa inferiore).

Stefano Bis 24.03.07 20:29| 
 |
Rispondi al commento

O.T. ma non tanto

Vorrei entrare in contatto con qualcuno piu' qualificato di me (INGEGNERE CIVILE O MECCANICO)per mettere a punto un sistema su scala industriale di desalinizzazione di acqua MARINA a bassissimo costo.
Il processo ( di una banalita' incredibile)

E' GIA' USATO DA ANNI DAI PILOTI DELLA MARINA STATUNITENSE IN CASO DI AMMARAGGIO PER OTTENERE ACQUA POTABILE,

e' stato calcolato su carta e con piccolo esperimento per curiosita' personale ma ho bisogno di un confronto con qualcun altro.
Sono un Perito chimico industriale.
Grazie e saluti ai partecipanti del Blog.

Matteo Salvia 24.03.07 20:24| 
 |
Rispondi al commento

sono molto amareggiato per ciò che il ligure geppe brillo, ha commesso nei confronti di Piero Ricca.
"A grillo, ma razzoli male cazzo!! e magari vai pure a 160 in autostrada?!".
e 'sto gianroby ha scritto due libri per il sole 24 ore, e dal suo sito http://www.casaleggio.it/cvGC.asp
si legge che dedica più tempo alla rete che alla famiglia, è proprio una brava persona!
"A grillo, ma chi cazzo di gente hai intorno!!!"

augurandoti di risolvere la situazione,
ettore callegari
(ho letto su un libro che a forza di fare cazzate si diventa impoteni!)

Ettore Callegari 24.03.07 20:17| 
 |
Rispondi al commento

@@@ Dal Diario di Deaglio @@@

Diario descrive l'autoriduzione che gli abitanti di Aprilia(LT) stanno attuando nei confronti del gestore privato(dal 2004):"Aqualatina".
L'aumento degli ultimi anni pare sia anche del 300(trecento)%.
Minchia,se notate mangiano talmente tanto che si son mangiati anche la "C di acqua".
@@@@@@@@@

Ma il vero scoop di "Diario" è questo che segue.

Sono andati a spulciare nel "decreto per l'Afghanistan" ed hanno scoperto che vi sono finanziamenti,oltre ai cento semafori per Nassirya,anche a dei sottomarini.
Questi sottomarini,così c'è scritto nel decreto,devono dare la caccia a Bin Laden!
Joseph

P.s.
I semafori a cosa servono,si chiede Diario,ad evitare ingorghi di vetture kamikaze?

Io invece mi chiedo:"Nassirya" non è in Iraq?

joseph pane 24.03.07 20:15| 
 |
Rispondi al commento

The 2006 Human Development Report

"the global water crisis"

Throughout history water has confronted humanity with some of its greatest challenges. Water is a source of life and a natural resource that sustains our environments and supports livelihoods – but it is also a source of risk and vulnerability. In the early 21st Century, prospects for human development are threatened by a deepening global water crisis. Debunking the myth that the crisis is the result of scarcity, this report argues poverty, power and inequality are at the heart of the problem.

http://hdr.undp.org/hdr2006/

Marco Maggioni 24.03.07 20:09| 
 |
Rispondi al commento

l' acqua non e' un merce !
SONO UN IDRAULICO !!!!!!!!!!
Vorrei ricordare alcuni consigli sul risparmio
d' acqua ...IMPORTANTISSIMI E si puo' ridurre piu' del 50 % del consumo giornaliero procapite RIPETO PIU' DEL 50 % !!!! OLTRE AL RISPARMIO ECONOMICO UN RISPARMIO D' ACQUA SPAVENTOSO !!!!!
QUINDI .......prima cosa preoccupatevi di avere una cassetta del water che abbia il doppio pulsante o il pulsante STOP,,,ovvero : userete 3 litri per la pipi' e 6 per la cacca !!!
Pensate che ogni volta che fate pipi' senza questo accessorio, sprecate dai 6 agli 8 litri per una semplice pipi !!!! Pazzesco
Quando fate la cacca sprecate 8/9 litri di acqua ....quando ne bstano 6 e a volte su alcuni modelli anche meno ....pensate che i wc di nuova costruzione devono per normativa scaricare correttamente con 6 litri e non di piu'
POI....quasi tutti i miscelatori sono o possono essere dotati di un riduttore di portata ...che puo' ridurre fino al 60 % di erogazione ,,,,per lavarvi le mani basta la meta' dell' apertura totale del rubinetto con un risparmio quindi del 50 %......
POI,,,se dovete rifare l' impianto di riscaldamento o quello dell' acqua calda ....MONTATE PANNELLI SOLARI ...risparmiate tantissimo e anche d' inverno e lo mettete nel c.... a chi vi fornisce energia...
MEDITATE....................
SE VOLETE OFFRO INFORMAZIONI GRATIS SUGLI ARGOMENTI SOPRA CITATI ....SCRIVETEMI

vincenzo turri 24.03.07 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARISSIMI AMICI,sono un chimico,e da molti anni mi occupo con altri miei colleghi di medicina e cura delle malattie con metodi naturali(acido ascorbico,la cosidetta VITAMINA C)e bicarbonato di sodio(vedi anche terapia anticancro del Dott.Simoncini).Vi posso garantire che queste terapie funzionano ne l 99% delle malattie esistenti,compresi cancri e tumori!!SVEGLIATEVI!!
Molta gente continua a morire di cancro e tumori per colpa delle chemioterapie (pratiche assassine).
RIGUARDO L'ACQUA,ricordatevi che nelle acque minerali in bottiglia viene aggiunto un potente antimuffa,risultatoci anche CANCEROGENO.Avete mail letto le date di scadenza delle acque in bottiglia???Hanno durata anche di 2 anni!!

Bevete quindi l'acqua del rubinetto.Installate un buon depuratore a osmosi inversa o a carboni attivi.L'acqua che ne uscira' sara' molto migliore di quella in bottiglia,perche' oltre a non avere piu' residui di pesticidi,cloro,batteri,e' sempre sorgiva,e non conservata in bottiglie in PET (materiale tra l'altro derivato dal petrolio).

Boicottate le multinazionali dell'acqua in bottiglia!!! SVEGLIATEVI GENTE.

roberto mannillo 24.03.07 19:57| 
 |
Rispondi al commento

UNA FUTURO AUSPICABILE, FORSE?

Ci nascondiamo forse l'unica verità plausibile, madre di tutte le risposte, a tutti i quesiti irrisolti e plausibilmente non approfonditi da tanti, me compreso, in tanti casi per non pagare dazio con un impegno personale che va oltre le chiacchiere.
Manca, credo, la consapevolezza della necessità di una cosiddetta "COSCIENZA COLLETTIVA" e non solo nel nostro paese, ma nell’uomo verso l’uomo, dove in ragione del benessere comune, tutti controllano e riferiscono su tutto a tutti nel momento in cui accade, ove si ritenga avvenuto un sopruso, un errore, una svista, una disattesa attenzione alla regola, senza drammi ne per chi nota ne per chi commette ciò, senza che questo provochi inutili colpevolizzazioni o punizioni o emarginazioni, ma una semplice riconoscenza per aver evidenziato il fatto all'interessato senza far, come ora accade spesso, finta di non vedere, e ciò allo scopo che questo non divenga un precedente pericoloso sia come esempio che come danno per la collettività. Questo è, secondo me, quello che dovrebbe essere il vivere in una società civile, ove l'errore di comportamento e possibile in quanto involontario e prontamente segnalato e corretto prima che assuma la forma di un consapevole reato esso va rimediato, se è possibile insieme a colui che lo ha segnalato; dove il reato quando è tale ha come punizione la messa all'indice e non al bando dalla collettività che potrà tentare un recupero e alla quale si risarcirà il danno con il lavoro e non poltrendo in galera.
Lo so può sembrare ridicolo dire questo in un mondo dove vige la legge del più furbo oltre che quella del più forte, ma sperare che cambi è umano come il rassegnarsi a subire senza speranza. Il segreto è, secondo me, nel cominciare a instillare questa convinzione nei bambini a farla crescere come forma di coscienza alternativa se non immediatamente sostitutiva all’attuale. E' solo questione di tempo, volontà e metodo, credo. Ciao

Francesco

f.marletta 24.03.07 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di ACQUA!!!!!!!
Una norma per gli Amministratori di beni altrui impone il metodo "DEL BUON PADRE DI FAMIGLIA".
Gli Amministratori invece, prentendono gli emolumenti, i gettoni di presenza, l'auto di servizio, i biglietti gratuiti per aereo e treno ecc. ecc. ma per quanto riguarda l'impegno ad amministrare "TIE', MANICO D'OMBRELLO !!" e non vengono mai DICO MAI sanzionati e mandati a casa. E' scontata, di conseguenza, la cattiva gestione della cosa pubblica. Inoltre, i PUBBLICI AMMINISTRATORI, onde scanzare il culo dai problemi, hanno inventato la concessione in appalto della gestione e delle manutenzioni dei beni e servizi pubblici con responsabilità a carico degli appaltatori per cui NON GESTISCONO, NON HANNO RESPONSABILITA' E PRENDONO UN SACCO DI SOLDI E........ MARAMEO.. e noi li confermiamo e riconfermiamo negli incarichi e quindi........
FINTANTO CHE CONTINUEREMO SOLAMENTE A LEGGERE LE TUE CRITICHE (mi rivolgo a te BEPPE) RODENDOCI IL FEGATO E NON INCOMINCEREMO A FARCI SENTIRE, MA SENTIRE VERAMENTE E NON SOLO TRAMITE IL SENSO DELL'UDITO ...... e che ca..o pretendiamo. Continuiamo ad agire come le/i protagonisti di "GALLINE IN FUGA". A buon intenditore .....
Saluti e mi piacerebbe leggere commenti a questo commento (se c'è qualcuno che lege i commenti).

Renato Zotti 24.03.07 19:32| 
 |
Rispondi al commento

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

E giusto per rimanere in tema:
A mia moglie si sono rotte le acque!

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

Piero Lestingi Commentatore certificato 24.03.07 19:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NAPOLI:

il sindaco di Napoli non esclude alcun tipo di richiesta da fare a Giuliano Amato, compresa quella dell'esercito.
Ho sempre creduto poco alla presenza dei militari sul territorio - dice - ma in una situazione di emergenza nella quale siamo, non si deve escludere niente. La mia richiesta al ministro se la situazione dovesse aggravarsi non escludera' nulla a priori.
A Napoli ieri si e' registrato il 28 omicidio di camorra, tra l'altro di giorno e fra la folla del quartiere di Materdei. "Sono preoccupatissima, Amato viene per verificare il Patto per Napoli e dobbiamo capire cosa dobbiamo scriverci dentro per cercare di arginare questi fenomeni. C'e' necessita' di una ulteriore riflessione".

----

MILANO: purtroppo abbiamo 4 idioti compagni.

Marcia della Moratti del 26

Parole di fuoco da P. Mantini, parlamentare ulivista. Le recenti uscite del sindaco Moratti hanno scatenato la verve polemica del deputato, che ha dichiarato: «Mi spiace che il sindaco Moratti abbia scelto la strada populista e leghista dei cortei. La Moratti in questo modo sottolinea la propria impotenza e imita i cortei della Lega, la più bassa speculazione che possa farsi per propri interessi di parte.

Mantini attacca anche l’associazione dei commercianti, da sempre favorevole ad appoggiare iniziative volte alla legalità ma invece eccessivamente permissiva verso i suoi aderenti. Mantini sostiene che «Il pronto sostegno dell’associazione dei commercianti è anch’esso una strumentalizzazione

il parlamentare ulivista propone una sua soluzione. «Il giorno del corteo sarebbe più utile realizzare un’iniziativa di studio e di proposta sui temi della sicurezza e della prevenzione con il coordinamento dei comitati dei quartieri.

sic

< A stretto giro di posta Paolo Grimoldi, deputato leghista, risponde insinuando la possibilità che Mantini faccia uso di droghe.

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 19:18| 
 |
Rispondi al commento

VERO L'ACQUA E'VITA CERCHIAMO TUTTI INSIEME DI FARLO CAPIRE A QUEI SBRUFFONI POLITICI CHE SICURAMENTE NON SANNO NEMMENO CHE MOLTI IMPIANTI COMUNALI ORA PRIVATIZZATI,SONO PIENI DI BUCHI COME UN FORMAGGIO OLANDESE MA CREDO SIA PROPIO INUTILE CONTINUARE AD ILLUDERSI CHE QUALCUNO CI ASCOLTI SONO QUASI SENZA PIU' SPERANZE CHE BRUTTA COSAììììììì DITEMI CHE MI SBAGLIO E CHE ESISTA ANCORA QUALCUNO VERO E NON BURATTINI CHE SI CREDONO STATISTI MA CHE DEPRESSIONE CIAO SERENELLALILLA

serenella mazzanti Commentatore certificato 24.03.07 19:15| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, hai pienamente ragione, dovremmo tutti imparare a rispettare l'acqua che comodamente ci arriva nelle nostre case, a rispettare l'acqua dei fiumi, laghi, mari, a rispettare l'intero pianeta, perchè si voglia o no l'ambiente ci si stà rivoltando contro. incominciamo dalle piccole cose, per poi passare alle grandi. ciao

adriano tomelleri 24.03.07 19:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il portavoce governativo che va a femminelli, l'imbarazzo di Prodi, le bugie puerili di D'Alema, i finti buchi di Padoa Schioppa, lo spacchettamento dei ministeri per consentire a tutti di avere una poltrona(paghiamo noi), l'inconsistenza di un governo che non si può criticare, per i tempestivi censori di questo blog.

Vi è consentito però parlare di acqua, proseguiremo nelle prossime puntate con la terra, il fuoco, l'estinzione della foca monaca, la moria della vacche e poi c'è vita nell'universo?

Marco Stravaglio 24.03.07 19:11| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe siamo alla follia, in un noto ristorante di genova oltre la carta dei vini portano anche la carta delle acque minerali.
Si trova la Perrir a 8 euro a litro.
Poveri italioti.......
ossequi

bruno de ba 24.03.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento

PROBLEM SOLVING:
ACQUA PUBBLICA - NO CONSORZI DI BONIFICA.
CESSIAMO IL PAGAMENTO DELLE CARTELLE DELLA BONIFICA.

Per affrontare il probelma dell'acqua in Italia è necessario smantellare i consorzi di bonifica che hanno trasformato la soddisfazione di un bisogno primario e pubblico in un appaltifico e in un pozzo di san patrizio della spesa pubblica "privatizzando" l'acqua a scopi clientelari.
---
NON PAGATE LE CARTELLE DELLA BONIFICA: NON SONO OBBLIGATORIE
NON PAGATE LE CARTELLE EMESSE DAI CONSORZI DI BONIFICA: SONO RISCOSSIONI DIRETTE RECANTI CONTRIBUTI VOLONTARI.
---
ATTENZIONE, ATTENZIONE, AVVISO A TUTTI I LETTORI:
CESSATE IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA.
---
RIPRISTINIAMO LO STATO DI DIRITTO E LA LEGALITA' IN MATERIA DI ACQUA: CESSATE IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA.
---
Per sapere come fare andate su:
w-w-w-.-m-a-b-o-n-l-i--n-e-.-o-r-g

A. De Franco 24.03.07 19:08| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Vedi cara Milonga, la cosa che mi da fastidio, e':
Essere scelto a "caso"!!

Preferisco SEMPRE essere scelto di proposito!

Ciao

antonio ciardi 24.03.07 19:04

Chiudi discussione

BE' CIARDI,
LA VITA FUNZIONA COSI', OGGI TOCCA A ME, DOMANI A LEI. CHE CI VUOLE FARE. IO SONO FORTUNATA INVECE VEDE? MI SCELGONO SEMPRE DI PROPOSITO!

La_Verde_Milonga _Inquieta Commentatore certificato 24.03.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco come Vodafone "recupera" i costi di ricarica, dopo che il decreto Bersani del Governo li ha eliminati.

Dal 6 marzo 2007 Vodafone ha introdotto due nuove "funzionalità " ricezione SMS vocale e notifica ricezione vocale, una sorta di segreteria telefonica (al costo di 0,29
Euro a chiamata) attivato automaticamente a tutti coloro che non usano la segreteria telefonica (99% degli utenti).

Quando chiamerete un/a vostro/a amico/a e il telefono è spento sentirete una voce che vi dirotterà al nuovo servizio. Per disabilitare questa funzione è

E' vera questa storia?

giorgio galli 24.03.07 19:04| 
 |
Rispondi al commento

LA STRAGGRANDE MAGGIORANZA DELL'ACQUA DELL'ETNA FINISCE NEL MARE...
NON FATEVI DELLE IDEE....

giulio terraforte 24.03.07 19:03| 
 |
Rispondi al commento

usare la scusa del non funzionamento o peggio dell'inefficienza per reggere le braghe a lobby, corrotti e collussi e mafiosi per la cosiddetta libertà di accaparramento....
questo non può essere la soluzione, bisogna essere chiari.

Massimo Greco 24.03.07 15:54

E QUALE SAREBBE LA SOLUZIONE? AL CITTADINO DEVI COMUNQUE DARE UN SERVIZIO. O PRIVATO O PUBBLICO, SEI TENUTO AD ORGANIZZARE AL MEGLIO I SERVIZI.

Dario Mantova Commentatore certificato 24.03.07 18:32

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼

Meno Mafia dei Privati = PIU' VITA PER TUTTI.


Ancora sei li' che cerchi di giustificare la mercificazione dell'acqua a tutti i costi...

Sempre lo stesso chiodo batti...

La soluzione è COMBATTERE LE MANI LORDE DEI PRIVATI sull'acqua.

Sul perché ho già risposto in precedenza punto su punto.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.03.07 19:03| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Ripropongo il mio posto di oggi per K ER_WIN, si parlava di Israele che ha l'acqua e la Palestina no. Questo il mio commento.

GENTILE SIGNOR ESPOSITO,
E' PRASSI COMUNE FRA GLI EB_REI, QUELLO CHE HA APPENA DETTO, OVVERO TENERSI PER SE QUEL POCO CHE HANNO E NON (CON)DIVIDERLO CON GLI ALTRI.
L'UNICA COSA CHE HANNO CONDIVISO CON GLI ALTRI L'HANNO SBANDIERATA (CON LE RELATIVE MENZOGNE) PER TUTTO IL MONDO ED ANCORA OGGI NE FANNO BUSINESS MILIARDARIO.
QUANTO SAREBBE BELLA LA VERITA' MIO CARO ESPOSITO...
UN SALUTO.

La_Verde_Milonga _Inquieta Commentatore certificato 24.03.07 19:02| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

I commercianti dell`acqua sono riusciti a vendere
l`acqua minerale in Svizzera ! Vengono con dei
camion a portare l`acqua in Svizza ! Adesso trovi
in ogni Ristorante o Hotel S. Pellegrino.Io abito
da 35 anni vicino a Zurigo e vi garantisco che
l`acqua del rubinetto é buonissima, poi l`acqua
potabile nel Canton Ticino è per 80% sorgiva di
fonte!!! è una pazzia! La pubblicita`ci ha rincretini, scrolliamo via queto torpore mentale
reset!

gabriele fantoni Commentatore certificato 24.03.07 19:02| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Oggi 23 marzo 2007, nei territori dell'XI Municipio, come Centri Sociali, associazione e studenti abbiamo dato vita ad una giornata di mobilitazione in ricordo del 63° anniversario dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine. Dopo aver portato un fiore presso i luoghi dell'eccidio, nel pomeriggio in sessanta abbiamo deci
------------------------------------------------------
-Via RASELLA, non è un episodio quello di via Rasella, di cui la Resistenza possa andare fiera.

Si sapeva perfettamente che i tedeschi si sarebbero rivalsi sui civili, si sapevano anche i termini della rappresaglia. chi decise cionostatnet di mettere la bomba sapeva che stava condannando a morte certa civili inermi, tuttavia lo fece, pare contro opinione di alcuni e alla insaputa ( si dice) dei vertici. Comunque per lo scoppio della bomba perirono nel senso che vennere ASSASSinati ) due passanti, Antonio Chirotti e un tredicenne, mo pare si chiamasse Pietro Zuccheretti.

A me pare una operazione INDEGNA E VILE : chi Ha messo la bomba avrebbe dovuto farsi avanti, SENZA CONDANNARE A MORTE CIVILI INERMI CON AGGIUNTA DI DUE IGNARI PASSANTI. SE QUESTE "SONO LE RADICI DI CERTA SINISTRA", SE IN QUESTI ORRORI VI RICONOSCETE, la storia che ne è seguita diventa più chiara.

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 24.03.07 19:01| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

non ci sono parole a riguardo
sono coltivatore diretto,qundi sono un sostenitore dell'umanita insieme ai mie colleghi nel mondo
nella mia città hanno già avvistato che se continua la carenza di acqua sara vietata usarla per usi diversi dall'alimentazione
usi diversi si intende bagnare orti e giardini ed irrigazione agricola
per l'industria invece nessuna restrizione
mah non so proprio cosa dire
tra qualche anno ci sara più petrolio che acqua
molto probabilmente si userà il petrolio per l'alimentazione umana e l'acqua come carburante

un saluto a tutti quelli bel blog

gianni marcarino 24.03.07 18:59| 
 |
Rispondi al commento

ssssssstttttt, non ditelo a Gennarino che dopo ci prende per razzisti


nunzia cardone 24.03.07 18:

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Cara signora Cardone,

A prescindere che avete citato solo fatti avvenuti nelle provincie Meridionali, mentre è notorio che il fenomeno è diffusissimo anche in quel del Settentrione; dal fatto che una denuncia non è una sentenza; che ognuno è presunto innocente fino alla condanna definitiva,come stabilisce la nostra costituzione ed il codice di rito; voglio dirvi che io normalmente non mi arrabbio per queste cose.

Mi arrabbio quando esagerate contro i Napolitani, Meridionali, gli Zingari, i Rom, i coloured, Gli extra-comunitari, etc.

Ma c'è qualcuno che vi sta simpatico?

Ma voialtri, davvero volete vivere col fossato di coccodrilli e pescecani intorno casa?


Rino, Napoli


non ci sono parole a riguardo
sono coltivatore diretto,qundi sono un sostenitore dell'umanita insieme ai mie colleghi nel mondo
nella mia città hanno già avvistato che se continua la carenza di acqua sara vietata usarla per usi diversi dall'alimentazione
usi diversi si intende bagnare orti e giardini ed irrigazione agricola
per l'industria invece nessuna restrizione
mah non so proprio cosa dire
tra qualche anno ci sara più petrolio che acqua
molto probabilmente si userà il petrolio per l'alimentazione umana e l'acqua come carburante

un saluto a tutti quelli bel blog

gianni marcarino 24.03.07 18:58| 
 |
Rispondi al commento

SE SI DEVE MORIRE SI DEVE MORIRE
ANCHE IO SO PIU MORTE CHE VIVE
LU PESCE LU LAVE CULLE DETERSIVO
ANCHE LU PREZZEMOLU E' CATTIVE
GLI UCCELLI LI VEDIAMO NELLE DIAPPOSITIVE
LI ABBIAMO FATTI FUORI TUTTI QUI IN SICILIA
ANCHE QUELLI MIGRATORI

giulio terraforte 24.03.07 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Domandona: è utile risparmiare acqua?
prima di rispondere con insulti proviamo a pensarci un attimo: che fine fa l'acqua che non viene consumata da uno che lascia il rubinetto aperto mentre lava i denti?
ci sono enormi bacini che ne raccolgono una quantità infinita? o semplicemente viene dispersa nell'ambiente?

Daniele Renzoni 24.03.07 18:57| 
 |
Rispondi al commento

E' scomparsa una mia risposta a Marco nel mio commento delle 17:29.

Cio' il "bollino".
Non sono "specie" protetta? Ah!ah!

antonio ciardi 24.03.07 18:30 | Rispondi al commento |
Vota commento
Currently /5 1 2 3 4 5 (voti: 1)


Egregio ciardi,
Buonasera. Pure io c'ho il bollino ma vengo censurata di continuo, mi pare strano che lo sia anche lei...secondo me lo fanno apposta per far credere che bannino entrambi gli schieramenti. Allora ogni tanto prendono un "compagno" a caso e poi ZAC, tagliano tutto. Con me lo fanno piuttosto spesso, ma io il motivo lo conosco bene.
Mi auguro che questa censura finisca.
Per me e per lei.
La saluto Ciardi.

La_Verde_Milonga _Inquieta Commentatore certificato 24.03.07 18:56| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Istat: 72 pensionati ogni 100 occupati
Ogni 100 occupati, in Italia, vi sono
72 pensionati. E il 28,8% dei pensiona-
ti, più di uno su quattro, ha un'età
compresa tra i 40 e i 64 anni.E' questa
"la fotografia" della situazione previ-
denziale. I dati provengono dal Casel-
lario centrale costituito dall'Inps e
riguardano i trattamenti pensionistici
in essere al 31 dicembre 2004.

Emergono differenze fra il Nord e il
Sud. Nel Mezzogiorno ogni 100 occupati
ci sono ci sono 78 pensionati, al Nord
il rapporto scende invece a 69.

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:45

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼

E allora? Dei Pensionati cosa ne facciamo... crema da scarpe?

Portiamo l'imbroglio a 69 anni????

10 - 100 - 1000 Mediolanum?

Il debito pubblico NON esiste.

Se esiste un debito... esiste solo e soltanto verso l'USURA della MAFIA del denaro (e dell'iniziativa Privata....).


Questa è la mia interpretazione del signoraggio.

Per il resto... l'oggetto del post è la MERCIFICAZIONE.


INCREDIBILE NEL 2007 SI SCRIVE ABBIAMO PORTATO L'ACQUA DOVE PRIMA NON C'ERA AIUTANDO LE POPOLAZIONI PIU'DISAGIATE....!

DOMANDA: UN POZZO COL CRICCHETTO E IL SECCHIO DA RIEMPIRE E' LA RISPOSTA AD 1,5 MILIARDI DI PERSONE CHE MUIONO DI SETE?

GLI AIUTI INVIATI DAI PAESI SVILUPPATI (ALIMENTI,VESTITI,MEDICINALI)E' LA RISPOSTA AD UN INTERO CONTINENTE CHE MUORE DI FAME?

I CAMPI D'EMERGENZA, CON OSPEDALI DI FORTUNA, E LA RISPOSTA ALLE POPOLAZIONE SFOLLATE DALLE GUERRE O DALLE GRANDI CALAMITA'?

VERGOGNA! SIAMO NEL 2007 E NON ESISTE UN PIANO MONDIALE DI COSTRUZIONE E SVILUPPO SERIO NEI PAESI SOTTOSVILUPPATI! SI VA' AVANTI CON TENDOPOLI E AIUTI DAL CIELO!

Michele Altamore 24.03.07 18:55| 
 |
Rispondi al commento

HO LA SENSAZIONE CHE STIAMO ANDANDO ALLA DERIVA.
HANNO PRIVATIZZATO L'ASPORTO RIFIUTI CON IL RISULTATO CHE è PIù CHE TRIPLICATO IL COSTO PER LE FAMIGLIE, HANNO PIVATIZZATO IL GAS E L'ENERGIA ELETTRICA CON COSIDEREVOLI AUMENTI DEI PREZZI PER LE FAMIGLIE, HANNO PRIVATIZZATO MOLTI ALTRI SERVIZI CHE PRIMA VENIVANO GESTITI DAI COMUNI CON CONSIDEREVOLI AUMENTI DEI PREZZI PER LE FAMIGLIE, ORA MANCA L'ACQUA CHE, SECONDO ME, FARà LA FINE DEL PETROLIO, CIOè VERRà GESTITA DA QUALCHE MULTINAZIONALE CHE FARà QUELLO CHE VORRà E LO STATO STARà AL GIOCO PERCHé CI PIAZZERà UNA "BELLA" ACCISA E NOI SUBIREMO!
LA VEDO TORBIDA QUEST'ACQUA CHE PRENDERà IL POSTO DEL PETROLIO.
ORMAI IL SISTEMA è INQUINATO, LE MENTI DELLE PERSONE SONO INQUINATE, LA SOCIETà è INQUINATA. NON C'è UN GIORNO CHE NON NE SALTI FUORI UNA GRAZIE A STRISCIA LA NOTIZIA, ALLE IENE E AD ALTRI PROGRAMMI DI DENUNCIA, MA ORMAI SIAMO TALMENTE ABITUATI A PRENDERLO NEL C..O CHE NON CI FACCIAMO PIù CASO.
SIAMO UN PAESE SENZA PIù REGOLE, ANCHE SE NON è VERO PERCHé LE REGOLE CI SAREBBERO, SIAMO UN PAESE DOVE IL PIù DELINQUENTE HA RAGIONE ED OTTIENE LA GAZIA, MENTRE IL PIù ONESTO CONTNUA A PRENDERLA NEL CULO.
UN MIO COLLEGA SI è SENTITO RISPONDERE DA UNO DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE DI TV CHE è STATO MANDATO AL NORD PER INCU..RE GLI ARTIGIANI E LE AZIENDE... ORMAI LA SITUAZIONE STA SFUGGENDO DI MANO E LO STATO NE è LA CAUSA.

Gianpietro Colla 24.03.07 18:55| 
 |
Rispondi al commento

ricchezza etcnica

Due zingari dopo essersi avvicinati ad un bambino di nove anni, lo hanno afferrato per il cappuccio della felpa chiedendogli di andare con loro. E' quanto e' accaduto, oggi, davanti ad una chiesa di Torino.Il bambino stava entrando in chiesa dove avrebbe dovuto fare il chierichetto, quando e' stato avvicinato da due uomini, che hanno cercato di portarlo via. Il piccolo e' riuscito a scappare, entrando velocemente in chiesa. Il parroco che ha visto allontanarsi i due zingari ha avvertito la polizia ma i due uomini erano gia' spariti.Sull'episodio e' intervenuto il capogruppo della Lega Nord di Torino Arturo Calligaro che denuncia che "la situazione sicurezza a Torino e in provincia e' ormai evidentemente fuori controllo

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:54| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Genova è una bella città di mare con alle spalle dei monti. Ci sono 3 acquedotti gestiti dal comune di Genova.
Nel centro storico della città ci sono parecchi palazzi che hanno un sistema di alimentazione acqua chiamato a " bocca tassata ". Un sistema antico di errogare acqua nella vecchia città.
Per chi non è idraullico come mè, spiego come è fatto questo impianto.
Arrivano circa litri 500/600 per appartamento al giorno in un ripartitore nella parte alta del condominio.
Da questo ripartitore scendono dei tubi, uno per ogni appartamento, arriva dentro un serbatoio di accumulo, quando il serbatoio è pieno l'acqua va via da uno spandente che di solito va a finire nella cisterna che di solito è posizionata nei fondi o nelle cantine.
Questi condomini buttano via acqua potabile nelle fognature dal 30/40 per cento del fabbisogno.
Specialmente dove ci sono uffici con poco consumo d'acqua si raggiunge un 50% di spreco.
Eppure tutto questo il comune di Genova lo sa, continuiamo a buttare via acqua che è la più buona d'italia.

bruno de ba 24.03.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Nota Tecnica:
Scusate se divago dal post ma accedere al vostro sito è divenuta una cosa da dinosauri.
Iettate il server non funziona più. Ciao

alfredo pranzo 24.03.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

I poligami hanno tutte le ragioni per tenerla segreta, perchè è un reato aggravato dalla loro condizione di immigrati.

I matrimoni sono pertanto celebrati di nascosto, spesso con cerimonie religiose oltreconfine e mogli che vengono successivamente fatte entrare con visti ottenuti attraverso altri parenti.

"E' difficile, ma è la nostra religione" ha detto Doussou Traorè, "Le nostre madri lo accettavano, le nostre nonne anche. Perchè noi non dovremmo?".

Altre tuttavia esprimono rabbia e amarezza, dicendosi vittime di una cultura - quella di molti paesi dell'Africa musulmana - nella quale le donne vengono soggiogate, subiscono mutilazioni genitali e violenze domestiche. Una visione condivisa da varie ricerche sulla poligamia, inclusa una sulle comunità di immigrati dall'Africa occidentale in Francia dove, secondo le stime del governo, almeno 120 mila persone vivono in 20 mila famiglie poligame.

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:49| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

“Gli animali risparmiano l’acqua, gli esseri umani la fabbricano”.
Una giovane esponente del LYM è intervenuta ad una conferenza stampa a cui partecipava Danielle Mitterrand, ex first lady di Francia e ambientalista malthusiana di fama internazionale, e le ha chiesto: “Che cosa ne pensa lei dell’uso dell’energia nucleare per dissalare l’acqua marina, invece di proporre soltanto di risparmiare l’acqua? In Francia avete molto nucleare, non è che resterete indietro nelle tecnologie di dissalazione no?” Presa in contropiede Madame Mitterrand si è limitata a rispondere di non conoscere le tecnologie menzionate. Poi uno dei suoi accompagnatori ha avvicinato la giovane del LYM per dirle che loro stanno facendo il possibile per scoraggiare il nuclere e l’alta tecnologia in Francia.
Una sfida analoga è stata posta da un attivista messicano del LYM ad una conferenza stampa della delegazione della Banca Mondiale guidata dal direttore dello sviluppo rurale Kevin Clearer: “Che cosa ne pensate dei programmi nucleari per lo sviluppo delle nazioni, come quelli adottati da Russia, Cina, Brasile e Iran? E che cosa ne pensate delle tecnologie per dissalare l’acqua marina invece di dar fondo alle falde di origine fossile?” cioè acqua depositata nel sottosuolo in epoche geologiche remote. “La mia seconda domanda è questa”, ha continuato il giovane: “Che cosa ne pensate della possibilità di concordare un nuovo sistema finanziario, un nuovo sistema di Bretton Woods, come proposto dall’economista Lyndon LaRouche, vista la bancarotta completa delle istituzioni e del sistema?” Ricompostosi dalla sorpresa Clearer ha risposto: “Per la prima domanda, la Banca Mondiale non ha una politica energetica nucleare, dunque non posso risponderle. Per la seconda domanda, non discutiamo piani sofisticati, dunque non possono rispondere neanche a questa domanda”.

Stefano Bis 24.03.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Istat: 72 pensionati ogni 100 occupati
Ogni 100 occupati, in Italia, vi sono
72 pensionati. E il 28,8% dei pensiona-
ti, più di uno su quattro, ha un'età
compresa tra i 40 e i 64 anni.E' questa
"la fotografia" della situazione previ-
denziale. I dati provengono dal Casel-
lario centrale costituito dall'Inps e
riguardano i trattamenti pensionistici
in essere al 31 dicembre 2004.

Emergono differenze fra il Nord e il
Sud. Nel Mezzogiorno ogni 100 occupati
ci sono ci sono 78 pensionati, al Nord
il rapporto scende invece a 69.

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:45| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

I dati delle guerre nel mondo, IL FALLIMENTO DELLA CIVILTà UMANA:


http://www.vergognatevi.com/blog/articolo.asp?articolo=97

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 24.03.07 18:42| 
 |
Rispondi al commento

SI LA PRIVATIZZAZIONE SAREBBE UN GRANDE ERRORE
PERCHE' POI LE REGOLE LE FARANNO LORO
E LE INCULATE NON SI CONTEREBBERO PIU'....

giulio terraforte 24.03.07 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Abdallah Hurry, insegnante della scuola elementare di Musbat, nel Darfur settentrionale, sta perdendo i suoi allievi. Il perdurare del conflitto e la malnutrizione hanno causato e continuano a provocare immensi problemi, ma questa volta è la mancanza di acqua potabile ad allontanare gli alunni di Abdallah da scuola.

La sete estrema spinge i ragazzi di Musbat e di altre scuole nel distretto a passare le loro giornate attraversando in lungo e in largo il desolato panorama in cerca di acqua. Oltre alla disidratazione, i ragazzi corrono altri pericoli durante le loro escursioni: non ultimo, il rischio di aggressioni e violenze sessuali da parte delle milizie a cavallo dei Janjaweed - i responsabili della fuga delle popolazioni del Darfur.

In tutta la regione del Nord Darfur l'accesso all'acqua sta diventando sempre più difficile a causa delle scarse piogge degli ultimi mesi: decine di pozzi si sono prosciugati, altri sono avvelenati dalle carcasse di animali che vi sono caduti dentro. Inoltre, la negligente manutenzione da parte del Governo ha reso inutilizzabile circa metà delle pompe idrauliche dell'area.

"Quello che sta accadendo qui è un'emergenza nell'emergenza" afferma Keith Mackenzie, Rappresentante speciale dell'UNICEF per il Darfur. "Finora abbiamo assistito a spostamenti in massa dovuti alla guerra; ora ciò accade a causa della mancanza di acqua e cibo".

Per la serie: Tutto il mondo è paese, ma da qualche parte, un po' in più


Si allarga sempre più l'inchiesta di Potenza su vip, vallette e ricatti. Ora spunta un video misterioso di un festino hard a bordo di uno yacht a cui avrebbe partecipato un noto politico.


sic, pensare che questi divertimenti li paghiamo noi con il nostro sudore!!

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:37| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

A contribuire allo sfascio dell'Acms ci si mettono anche i lavoratori (si fa per dire). Questa mattina i carabinieri della stazione di Marcianise hanno effettuato un mirato servizio finalizzato alla repressione del fenomeno dell’assenteismo presso il deposito di pullman Dalle verifiche dei cartellini marcatempo nonche’ dall’identificazione dei lavoratori presenti e di quelli giunti solo successivamente all’inizio dei controlli, e’ emerso che almeno 6 dipendenti risultavano in servizio pur non essendo presenti sul luogo di lavoro, e pertanto nei loro confronti si ipotizza il reato di “truffa aggravata”.
**********
I Carabinieri di Ancona hanno denunciato un impiegato, indagato per assenteismo, per aver redatto 40 certificati medici falsi per un totale di 100 giorni di malattia.
L'accusa a carico dell'uomo e' di truffa aggravata ai danni della pubblica amministrazione.
*************
Le posizioni di alcuni dipendenti in forza presso gli ufici dell'amministrazione provinciale di Caserta sono al vaglio dei carabinieri di Caserta che ieri mattina hanno predisposto un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dell'assenteismo.
********
Entravano, timbravano regolarmente il cartellino, riuscivano. Chi per andare a fare la spesa, chi per continuare a portare a spasso il cane, chi per rinnovare il guardaroba in giro per boutique e mercatini rionali. E poco importava se davanti agli uffici comunali di Gallipoli e Nardò c’erano in fila ad attenderli cittadini bisognosi di ricevere informazioni o sbrigare pratiche. Ma ieri per 50 dipendenti delle amministrazioni comunale di Gallipoli e Nardò.........
********

ssssssstttttt, non ditelo a Gennarino che dopo ci prende per razzisti

nunzia cardone Commentatore certificato 24.03.07 18:36| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

usare la scusa del non funzionamento o peggio dell'inefficienza per reggere le braghe a lobby, corrotti e collussi e mafiosi per la cosiddetta libertà di accaparramento....
questo non può essere la soluzione, bisogna essere chiari.

Massimo Greco 24.03.07 15:54

E QUALE SAREBBE LA SOLUZIONE? AL CITTADINO DEVI COMUNQUE DARE UN SERVIZIO. O PRIVATO O PUBBLICO, SEI TENUTO AD ORGANIZZARE AL MEGLIO I SERVIZI.

Dario Mantova Commentatore certificato 24.03.07 18:32| 
 |
Rispondi al commento

E' scomparsa una mia risposta a Marco nel mio commento delle 17:29.

Cio' il "bollino".
Non sono "specie" protetta? Ah!ah!

antonio ciardi Commentatore certificato 24.03.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TU CENSURATI LA BOCCA E IL CULO
PORCA PUTTANA

giulio terraforte 24.03.07 18:25| 
 |
Rispondi al commento

SI COSI MORIRANNO DI FAME MA NON DI SETE

giulio terraforte 24.03.07 18:23| 
 |
Rispondi al commento

l'acqua è il bene più prezioso, riprendamolo ed esportiamolo gratuitamente ai paesi che ne hanno bisogno.Le sottoscrizioni , le raccolte, spot vari, sms e quant'altro sono castronerie....Italia for Africa? diamogli l'acqua senza chidere nulla , questa è generosità....e senza sponsor!!!

enrico corbucci Commentatore certificato 24.03.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ACQUE DI NEVAIO
O ACQUE DI MERDAIO

giulio terraforte 24.03.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento

GLI AMERICANI HANNO INVENTATO "L'ACQUA SPORTIVA"
ADESSO ARRIVERA' IN ITALIA
CI SARANNO DEL COGLIONI CHE LA COMPRERANNO DI SENZ'ALTRO.
L'ACQUA MIGLIORE D'ITALIA E' QUELLA CHE PROVIENE DALL'ETNA, HA UN PO' DI SAPORE DI CENERI, MA E' SEMPRE MEGLIO DEL SAPORE DI BENZINA DELL'ACQUA DEL NORD ITALIA.

giulio terraforte 24.03.07 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma quanta cazzo di roba e stata censurata in un botto solo

marco fiaschi (dangerchoice) Commentatore certificato 24.03.07 18:16| 
 |
Rispondi al commento

MA L'ACQUA PULITA IN ITALIA DOVE E'?
MI HANNO SEMPRE DETTO SIN DA BAMBINO CHE L'ACQUA DEL RUBINETTO NON SI DEVE BERE....
MA NON NE E' MAI MORTO NESSUNO NEL BERLA?
E' UNA BURLA?
MA CHE BEVIANO L'ACQUA DELL'ARNO DEL TEVERE NEL PO?
MA CHE CAZZO SI BEVE?

giulio terraforte 24.03.07 18:10| 
 |
Rispondi al commento

MA L'ACQUA DI RUBINETTO HA GLI STESSI EFFETTI DIURETICI DELLE ACQUE DELLA TV?

Dan Hussler 24.03.07 18:05| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

a firenze, siccome sono diminuiti i consumi di acqua con relativa riduzione delle entrate, hanno pensato bene di aumentare il prezzo del metro cubo,forse hanno paura di non riuscire a pagarsi gli stipendi faraonici per incarichi a politici incapaci di gestire qualsiasi cosa

alessandro giannini 24.03.07 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Eliminare per sempre “l’illusione” che l’uomo sia fatto ad immagine di Dio, e che come tale, abbia la capacità di compiere il bene. Piuttosto, sostiene Wells, l’uomo è un “animale imperfetto”: geloso, furioso, molto irrascibile, e “di cui non c’è fidarsi nell’oscurità”. “L’uomo è un animale malvagio”, afferma Wells, con una “comune disposizione ad essere stupido, indolente, abitudinario e protettivo”. Nell’uomo gli impulsi creativi sono ben più deboli “di quelli decisamente distruttivi”. Ribadendo che la natura umana è distruttiva Wells spiega: “Costruire è cosa lunga e laboriosa, comporta interruzioni e delusioni, mentre distruggere dà una forte eccitazione istantanea. Tutti sappiamo quanto piace il colpo risolutivo. Questi impulsi debbono essere controllati dal direttorato mondiale”.
H.G. Wells

Stefano Bis 24.03.07 18:04| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

GIORGIO SODANO,
ANTONIO CIARDI,
SCUSATE MA PUò DIPENDERE DALLA MIA CONFUSIONE
SE METTO GLI ALTRI IN FORSE,
FORSE GIANLUCA GRILLINO,
FORSE CHIP EN SAI,
FORSE UNA RAGAZZA DI NOME ANNA.
STO CERCANDO D'INDIVIDUARE
I MIEI SIMILI NEL BLOG.
CIAO A TUTTI DEVO ANDARE A DORMIRE.

renato piedimonte Commentatore certificato 24.03.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I dati delle guerre nel mondo, IL FALLIMENTO DELLA CIVILTà UMANA:


http://www.vergognatevi.com/blog/articolo.asp?articolo=97

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 24.03.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Ma non sarà colpa dell'acqua,se ultimamente il pane fa sempre più cagare?

pino mugo 24.03.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento

@ CAPITANO WILLARD

pensiero dedicato ad Alessandr alle ore 16:55
Controllare se l'evento coincide<

Max Stirner Commentatore certificato 24.03.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Nulla impedisce agli Stati di finanziare la propria spesa pubblica battendo moneta, ovvero emettendo moneta che invece di essere utilizzata per acquistare titoli di stato venga usata per pagare i costi dello stato. Tuttavia è universalmente accettato dagli economisti che tale pratica genera inflazione, con costi per la collettività, la cosiddetta “tassa da inflazione”, che la maggior parte degli stati preferisce limitare. Per tale ragione l'ipotesi di finanziare la spesa pubblica attraverso l'emissione di moneta viene considerata non praticabile. Non perchè essa non lo sia dal punto di vista teorico, ma perchè impraticabile dal punto di vista pratico.

MOSTRO MOSTRUOSO Commentatore certificato 24.03.07 17:04 |
..................................................

Resta comunque e sempre un disagio per i monoredditi, stipendiati fissi,
pensionati etc:, che vedono dimezzare il loro potere d'acquisto.
Il divario e' sempre a favore dei ricchi, che potendo investire, acquistano immobili etc:
Anche le libere attivita, commercianti, adeguando i prezzi, trovano scappatoie.
Il problema resta sempre e comunque per i "soliti".

antonio ciardi Commentatore certificato 24.03.07 17:29| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

DOMENICA REPORT

Gentili telespettatori,
Vi comunichiamo che domenica 25 Marzo alle 21.30 su RAITRE andrà in onda la puntata di Report dal titolo "Telecom: Debiti e Spie?" di Sigfrido Ranucci.

Segue sinossi:
Pensionati e politici, giovani in cerca di lavoro e uomini della finanza italiana e straniera, calciatori ed extracomunitari, veline: tutti spiati. Migliaia di dossier, decine di società d?investigazione,milioni di euro su conti esteri bruciati per attività illegali.
E Telecom? E' accusata di aver pagato le fatture agli spioni con i soldi delle bollette telefoniche degli spiati.
Il settore security della Telecom era stato trasformato in una struttura d?intelligence all'ombra del suo capo Giuliano Tavaroli. Complici gli amici d'infanzia Emanuele Cipriani, fiorentino, investigatore privato della Polis D'Istinto e Marco Mancini, il numero due del Sismi.
Due ex brigadieri dei carabinieri dalla carriera velocissima arrivati ai vertici di Telecom e del Sismi. Con loro un ragioniere che si trasforma in un investigatore privato capace di archiviare in un cd notizie e informazioni riservate su 5.000 persone e 600 aziende.
La rete degli spioni era in grado di avere informazioni riservate da tutto il mondo, aveva rapporti con ex uomini della Cia e di altri servizi segreti, riusciva ad intrufolarsi nei conti correnti italiani e esteri, fino a raccogliere dossier sulle società con sede nei paradisi fiscali. Perché tutti quei dossier? A chi servivano e come sono stati utilizzati? Le incursioni informatiche dentro le grandi aziende partono dagli uffici Telecom. Un momento difficile per la più grande azienda di telecomunicazioni italiana, sommersa anche dai debiti.

A Milano, con un mercato immobiliare alle stelle, non basta spaccarsi la schiena! Per fortuna c?é un?alternativa: costruirsi la casa dei propri sogni con ?l?autocostruzione? collettiva ed organizzata.

CONTINUA NEI SOTTOCOMMENTI


f.marletta 24.03.07 16:36
------------


la tua riflessione ha un dato inconfutabile e' da: malati mentali!!

il denaro certo e' necessario ma non con il si-gn-or-ag-gio privato, la moneta e' dei popoli non di banche private, e' come l'acqua.

PON.PIL
-------------

Non ti conosco, ma non è stato un piacere:

I veri malati mentali sono per lo più secondo me coloro che si ammantano di saccenza su cose ormai di dominio pubblico sputando sentenze a destra e a manca pensando di sembrare più originali e incapaci di tenere un fronte ideologico essendo solo capaci a ripetere ciò che hanno sentito o a riportare cose d'altri e non a sostegno di proprie personali ragioni o teorie, ma solo a documento inoppugnabile della propria incapacità alla riflessione, infatti mi chiedo: DOVE NEL MIO COMMENTO HAI LETTO CHE IO APPROVO QUANTO IN DISCUSSIONE. Auguri per la tua sanità di mente io preferisco la mia piccola semplice ma mia la tua non so dove, dopo, forse, andrai a verificarla, ciao secondo me,

Francesco

f.marletta 24.03.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@ Uno bianca/Uno nera....(la Uno è una Fiat) @@

Strano che nessuno,proprio nessuno,commenti del permesso premio che il giudice di sorveglianza, Maria Longo,ha concesso a Pietro Gugliotta.

Chi è Pietro Gugliotta?

Pietro Gugliotta era un poliziotto che apparteneva alla famosa banda della Uno bianca.

La banda della Uno bianca era composta da sei o sette uomini di cui cinque erano poliziotti "emeriti".

Dal Giugno del 1987 all'autunno del 1994 commisero
103 atti criminali finiti con 24(ventiquattro)omicidi e 102 ferimenti.

Bene il gugliotta ha chiesto e ottenuto(C'è contestazione in corso)un permesso di cinque giorni da passare in una struttura di un solito prete.

Perchè oggi non urlate contro le scarcerazioni facili?

24 persone non le hanno uccise neppure le brigate rossicce.
Ma i poliziotti "deviati" sono da perdonare?
Poverino,loro rubavano per arrotondare lo stipendio basso,perdoniamoli.
Gli extra che rubano una mela mettiamoli al muro.
Vai con il tango.
Joseph

P.s. per patty la ghera.
Davvero pensi che io sia incaxxato?
Ti sbagli.Non ostante non sia incaxxato:"le mura del Vaticano le farei saltare lo stesso".
Così,tanto per vedere come reagiscono i potenti quando rimangono "senza tetto" e senza..tettte.

joseph pane 24.03.07 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gianluca, ma come faccio a firmare la petizione? me lo scrivi a vvdmaster@gmail.com

Grazie ciao,

Martina

Martina B. Commentatore certificato 24.03.07 17:21| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

A quanto pare il blog di Beppe Grillo ha perso un ottimo collaboratore...

Leggete l'articolo:

http://www.pieroricca.org/

Simone B. Commentatore certificato 24.03.07 17:21| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Caro beppe ho già lasciato commenti in merito ai tuoi post sull'acqua. La questione mi sta molto cuore e ora ti spiego perchè. La Basilicata antica terra di boschi è piena anzi strapiena d'acqua.(abbiamo la diga in terra battuta più grande d'europa). Siamo pieni di PETROLIO forse uno dei giacimenti più pieni d'EUROPA!!!!!!Ora tu che sai certamente come funzionano queste cose ma può essere che noi lucani GRAZIE al governo locale ci dobbiamo far fregare tutto??????? Pensa gli abitanti della Basilicata sono circa 600.000 più o meno qnt la città di Bari.!!! Nei mesi estivi capita che i lucani rimangono senza acqua e se vai in puglia l'acqua scorre a fiumi!!!!!!( Io studio a bari e quindi conosco questa situzione)Estraggono il petrolio e i benefici sono per tutti tranne che per noi lucani???????? Anzi dulcis in fundo il governo per tutto tutto ciò ci fece anche un regalo!!!!!!!!!!!!!L'11/11/2003 SCORIE IN BASILICATA!!!!!!!!Cosa si può volere più dalla vita??????????
http://bud85.blogspot.com/2006/10/petrolio-in-basilica-laffare-del.html


Signoraggio e Inflazione
Nulla impedisce agli Stati di finanziare la propria spesa pubblica battendo moneta, ovvero emettendo moneta che invece di essere utilizzata per acquistare titoli di stato venga usata per pagare i costi dello stato. Tuttavia è universalmente accettato dagli economisti che tale pratica genera inflazione, con costi per la collettività, la cosiddetta “tassa da inflazione”, che la maggior parte degli stati preferisce limitare. Per tale ragione l'ipotesi di finanziare la spesa pubblica attraverso l'emissione di moneta viene considerata non praticabile. Non perchè essa non lo sia dal punto di vista teorico, ma perchè impraticabile dal punto di vista pratico.

MOSTRO MOSTRUOSO Commentatore certificato 24.03.07 17:04 | Rispondi al commento |

L'inflazione si genere se emetti una quantita di moneta superiore al pil (ammesso che esista) e in ogni caso anche le banche centrali possono causare inflazione emettendo una quantita di moneta superiore al pil dei paesi facenti parte dell'unita monetaria, esattamente come ha fatto l'america inflazionando il dollaro

marco fiaschi (dangerchoice) Commentatore certificato 24.03.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHE LO STATO DI MERDA MAFIOSO
STAMPI IL DOPPIO DELLE BANCONOTE!!!!
MA QUANDO MAI L'INFLAZIONE CI
TOCCA NELLA NOSTRA VITA PRIVATA!!!!
SONO TUTTE CAZZATE!!!
CHE STAMPINO PIù SOLDI
E CHE ANDASSERO AFFANCULO
LO STATO E LA SUA INFLAZIONE!!!

renato piedimonte Commentatore certificato 24.03.07 17:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

---- CRONACHE CITTADINE ----

24/03/2007
CARICHE DELLA POLIZIA CONTRO GLI ANTIFASCISTI A GARBATELLA

Oggi 23 marzo 2007, nei territori dell'XI Municipio, come Centri Sociali, associazione e studenti abbiamo dato vita ad una giornata di mobilitazione in ricordo del 63° anniversario dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine. Dopo aver portato un fiore presso i luoghi dell'eccidio, nel pomeriggio in sessanta abbiamo deciso di fare un murales in memoria di un compagno morto sul lavoro un anno fa: Antonio Salerno Piccinino. Mentre pacificamente completavamo il murales, posto a Largo delle Sette Chiese innanzi al monumento che onora la Resistenza Partigiana, si presentavano improvvisamente due blindati della celere e dei carabinieri. Da questi, con i manganelli in mano, sono scesi gli agenti che ci hanno caricato repentinamente, cercando di fermare invano alcuni di noi.
Dopo esserci ricompattati tra i lotti della Garbatella, siamo tornati a
Largo delle Sette Chiese decisi a finire il murales riprendendoci le nostre strade ed allontanando le forze dell'ordine.
Quest'ultime, allontanandosi dalla piazza, raggiungevano i fascisti della sezione di A.G. di Via G. Borghese per scortarli e permettergli di coprire uno striscione che recitava: "Contro ogni fascismo, non per odio ma per dignità".
Mentre in uno dei tanti quartieri popolari di Roma come Casalbertone si permette che i fascisti aprano la loro sede, la polizia (nel Municipio che vuole essere intitolato alle Fosse Ardeatine) li scorta come durante il ventennio scortava le camice nere nei quartieri a loro ostili. E' ora che tutte le istituzioni smettano la politica della equidistanza che lascia spazio ed agibilità alla destra intollerante e razzista.

CON ANTONIO E RENATO NEL CUORE

antifasciste/i Roma sud
-----------
A volte mi chiedo come fanno i filo israeliani a essere più fascisti dei fascisti istituzionali.
Quando la coperta è corta bisogna accoccolarsi ai compagni di viaggio.
Juan Miranda, beato te.

Alla prossima.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 24.03.07 17:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

qui la prospettiva politica e sociale dei prossimi 3 anni italiani:

Valletopoli verrà integrata come ministero della republica, nascerà un nuovo un articolo della costituzione riguardante le soubrette televisive. L'italia è una repubblica fondata sul lavoro e sulla figa.
Apposto all'ingresso di palazzo chiggi, un grande cartellone, che riporta i dati minuto per minuto: grandi labbra 30% penetrazione 80 % tette 26%. Le motivazioni del nuovo articolo verranno affidate a Gasparri che secondo indiscrezioni anticipa: "Il comunismo della sinistra vuole privare le donne delle grandi labbra " Bondi - Forza Italia "I comunisti, privano la libertà delle, grandi labbra, virgola, donne"
Manifestazione di massa delle porno-star a cui partecipa anche la lega con lo slogan "Grandi Labbra + Po" Nessuno scontro.
Polemiche insensate sul documentario di studio aperto "Prodi Cadavere".
Berlusconi va all'anagrafe per farsi cambiare il cognome con un asterisco.
Rutelli: il fatto che i caratteri ascii non siano integrati nella nostra anagrafe è un segno di antiamericanismo.
Ansa: Apporvata la legge per cui i cognomi diventano simboli matematici.


to be...

angeloabis@dataseq.it 24.03.07 17:13| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

X JOSHEP PANE

www.elicohen.org, leggiti questa storia, di come un agente del Mossad riusci' a diventare il numero 2 del governo siriano !!!

la propaganda e' una cosa i fatti un'altra.

Israele non permettera' MAI che l'Iran abbia l'atomica !! MAI !!!

Vi tengono completamente ignoranti, comunque con un po' di pazienza si possono avere informazioni reali anche da internet sulla situazione palestinese !! MA NE AVETE VERAMENTE VOGLIA DI CONOSCERE I FATTI, O VIVETE ANCORA DELLA PROPAGANDA ANTIISRAELIANA DELLA GUERRA FREDDA !!!

j.uan m.iranda 24.03.07 17:07| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Nobel per la Pace a Gi no Stra da

Peti tionOnline.com.

liliana pace Commentatore certificato 24.03.07 17:06| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signoraggio e Inflazione
Nulla impedisce agli Stati di finanziare la propria spesa pubblica battendo moneta, ovvero emettendo moneta che invece di essere utilizzata per acquistare titoli di stato venga usata per pagare i costi dello stato. Tuttavia è universalmente accettato dagli economisti che tale pratica genera inflazione, con costi per la collettività, la cosiddetta “tassa da inflazione”, che la maggior parte degli stati preferisce limitare. Per tale ragione l'ipotesi di finanziare la spesa pubblica attraverso l'emissione di moneta viene considerata non praticabile. Non perchè essa non lo sia dal punto di vista teorico, ma perchè impraticabile dal punto di vista pratico.

MOSTRO MOSTRUOSO Commentatore certificato 24.03.07 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In amicizia mettersi in discussione è,a parer personale,fondamentale.Per questo non ho più amici ma ne ho avuti Tanti. Potremmo avere la saggezza di Socrate,il coraggio di Gesù,la pace di Gandhi e l'amore di Paramhansa e quante altre virtù insieme che non servirebbero a molto se qualcosa non è il momento di cambiarla.E davanti al Signore pur con tutte le ragioni possiamo solo inginocchiarci se vogliamo,ed è meglio ma non obbligatorio,credetemi.Però è importante testimoniare anche quando le cose non sono mature per poter essere migliorate.Il potere orrizzontale non fa un metro che Dio non voglia e nell'indefinibilità della creazione il mistero può essere la gioia più grande o viceversa,con tutte le sfumature,ovviamente.Per quanto mi riguarda naqqui in acqua e ne sono grato.

gian Mario Lanfranconi Commentatore in marcia al V2day 24.03.07 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Beppe per vederti dal vivo devo aspettare la tua tappa a Roseto degli Abruzzi il 29 maggio!!! Troppo tempo! Se riesco vengo a portarti i miei soldi alle tappe Romane i primi d'aprile... te li meriti! Io voglio sentirti parlare!!!

Davide Cardelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.03.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento

J.uan,neppure il "Mossad" le spara così grosse.


joseph pane 24.03.07 16:06

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

SE WATCHWORLD HA MESSO I MEDIA ITAGLIANI FRA IL GABON E LA COREA DEL NORD UNA RAGIONE CI DEVE PUR ESSERE, O SONO MOSSAD ANCHE WATCHWORLD ?

j.uan m.iranda 24.03.07 16:59| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

come cazzo fate
fabio grillino 24.03.07 16:47
Chiudi discussione Discussione


con la certificazione senza non me lo passa servira ad alzare il numero degli iscritti

marco fiaschi (dangerchoice) Commentatore certificato 24.03.07 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I dati delle guerre nel mondo, IL FALLIMENTO DELLA CIVILTà UMANA:


http://www.vergognatevi.com/blog/articolo.asp?articolo=97

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 24.03.07 16:55| 
 |
Rispondi al commento

SIGNORAGGIO

MOSTRO MOSTRUOSO Commentatore certificato 24.03.07 16:52| 
 |
Rispondi al commento

PER VINCENZO ARACRI.

COSA SAI DI BASSOLINO? MANCO DA NAPOLI DA
7 ANNI. PER FAVORE DIMMI QUALCOSA.
IO HO AVUTO DEI CLIENTI DI NAPOLI
CHE MI HANNO DETTO
CHE SU DI LUI CI SONO
SOSPETTI DI... CAMORRA...
GIUSTO?
è QUESTO CHE VOLEVI DIRE? LO CONFERMI?

renato piedimonte Commentatore certificato 24.03.07 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori