Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Santi, navigatori e invalidi civili


Tempi_moderni.jpg

Un milione di infortuni sul lavoro all’anno, 27.000 invalidi senza una mano, una gamba, tre dita. 41 miliardi di euro di danno sociale nel 2006. Una corte dei miracoli. Stiamo diventando un Paese di navigatori, di santi e di storpi. La domanda è sempre la stessa: chi ci guadagna? E’ evidente che è un problema di soldi. Meno un’azienda investe in sicurezza più fa profitti perchè se rimborsa un invalido paga solo due lire. Se le paga. Questa imprenditoria ha però i suoi lati positivi. Può produrre mutilati da esportare nei Paesi più ricchi. Per chiedere la carità per la strada e mandare le rimesse in Italia.
Nella lettera di Marco Bazzoni, rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, una cosa però non mi torna. Che l’Inail guadagni circa due miliardi di euro all’anno sulle disgrazie dei lavoratori. Non ci voglio credere, non ci posso credere. Aspetto una smentita.

“Oltre alla mattanza quotidiana nei luoghi di lavoro ogni anno ci sono quasi un milione di infortuni sul lavoro. Di questi, 27 mila riguardano lavoratori che rimangono invalidi sul lavoro.
Molti di questi invalidi ricevono degli assegni da fame da parte dell'Inail, e questo assegno è l'unico sostentamento economico, perchè hanno perso la capacità di lavorare per la perdita di un arto di una mano, o perchè sono rimasti paralizzati o perchè hanno perso una gamba, ecc.
Voglio ricordare che l'anno scorso l'Inail ha avuto degli utili di quasi 2 miliardi di euro. Non sarebbe il caso di aumentare gli assegni agli invalidi sul lavoro?
Per quanto riguarda gli infortuni questi hanno un costo sociale altissimo, circa 41 miliardi di euro l'anno (quanto una finanziaria pesante).
E' un costo insopportabile.
Purtroppo gli infortuni sul lavoro stentano a calare (sono anni che siamo a sempre a questa soglia di un milione di infortuni l'anno). Bisogna che tutti si rimbocchino le maniche a cominciare da governo e datori di lavoro, fino ad arrivare a lavoratori e sindacati. Voglio concludere la mia lettera con la poesia 'Le morti bianche' di Michael Santhers:

'L'operaio capì che l'inferno è sulla terra e il paradiso sono quelle ali che ti fanno volare sopra le miserie.
Dall'ultimo piano, il decimo piano, guardò il cielo, fece per toccare una nuvola con un dito e precipitò nel vuoto.
Le chiamano morti bianche come avvenissero senza sangue.
Sono morti inopportune che spesso avvengono quando l'informazione è già impegnata in altri eventi.
Sono cadaveri con vite banali, sono numeri decimali che non incidono sul bilancio.
Sono cani che hanno abbaiato nel qualunquismo per mestiere, sono un nome nell'anagrafe che si cancella come un'impronta nel deserto in pieno vento, sono i ricordi sbiaditi del giorno dopo.'"
Marco Bazzoni - Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. bazzoni_m@tin.it

5 Mar 2007, 22:47 | Scrivi | Commenti (861) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Salve a tutti gli utenti del blog.
Vi invito a guardare il cortometraggio "Antonio Ferroviere", che parla del gravissimo infortunio sul lavoro che ha avuto il capo treno Antonio Di Luccio (che ha perso entrambi gli arti delle gambe).
L'avevo inviato per email a Beppe Grillo e al suo staff, ma evidentemente hanno considerato che non era il caso di inserire un post per parlare di questa vicenda.
Saluti.
Marco Bazzoni-Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

P.S Il link è il seguente:

http://www.macchinistiinformati.it/sito%20web/antonio_ferroviere/antonio_ferroviere.htm


UN INFORTUNIO SUL LAVORO GRAVISSIMO.


Giovedì 9 marzo 2006 il capo treno Antonio Di Luccio, 48 anni nato ad Agropoli e residente a Castelmaggiore, alle 8.15 era in servizio su un treno intercity proveniente da Rimini e diretto a Milano. Nella stazione di Piacenza aveva appena dato il segnale di via libera al macchinista e a un collega in coda al convoglio. Proprio nel momento in cui stava salendo, lo sportello del vagone (il secondo dalla testa) si è chiuso automaticamente bloccandogli il braccio destro. Di Luccio ha tentato di mantenersi in equilibrio per qualche istante, mentre il treno prendeva velocità e il predellino si richiudeva. Pochi istanti dopo, il convoglio lo ha trascinato sotto per diversi metri provocandogli l'amputazione del piede destro e gravissime lesioni alla gamba sinistra. Per salvare l’arto i medici, nella stessa giornata di giovedì, hanno eseguito un delicatissimo intervento chirurgico. Il lavoratore è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Piacenza. La Procura della Repubblica sta indagando e il vagone resta sotto sequestro nella stazione di Piacenza.


9 marzo 2006.

Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 04.11.07 19:14| 
 |
Rispondi al commento

la Malattia Professionale:COS'E'?
chi scrive è un ex-carrellista che mentre inbucava bancali di pasta barilla "in cielo" veniva colpito da una fitta atroce al collo.
lo sfigato di turno sono io, e non ho accentuato il danno(come qualche disonesto mi consigliava). Imbottito di antidolorifici continuo a lavorare anche xchè,certi imprevisti fanno parte del mestiere.
ma dopo 2mesi la situazione era cambiata, e non riuscendo + a lavorare son passato dalla padella alla brace, mettendomi nelle mani della SANITA', che da un malato (diagnosi sbagliate,medicine controproducenti,esami & terapie"MILIONARIE"inutili), sono forse riusciti a trasformare un MALATO in un INVALIDO.
E qui viene la parte migliore di questa Odissea,
in quanto(e con il solo disinteressato aiuto del medico di famiglia)DOPO 4 MESI dal fattaccio, mi viene diagnosticata una TRIPLA ERNIA CERVICALE.
andato dal medico di famiglia per i gg di malattia, questo mi compila un certificato a me, fino ad allora sconosciuto:MALATTIA PROFESSIONALE,
da spedire non a INPS ma ad INAIL: non l'avesse mai fatto: dopo 2mesi INAIL ha fatto sentire la sua voce, con la ditta di cui ero dipendente, dapprima bocciando il certif. del medico, e dopo il referto del Primario di NEUROCHIRURGIA che attestava la malattia CAUSATA dalla postura lavorativa. INAIL aggiunse però che avrebbe comunque fatto gli accertamenti medici del caso
...E CHI GLI HA MAI VISTI E\O SENTITI? L'unica cosa che hanno fatto è scrivere A ME una lettera che mi DIFFIDAVA dal presentare cerificati all'INAIL, (come se fossi stato io E NON I MEDICI a redigere i suddetti od i referti), indicandomi che dopo AVERMI VISITATO(?)sono arrivati alla conclusione che si tratta di malattia comune e non professionale.
DOPO AVERMI VISITATO?e quando? mentre dormivo?
Ed ora sono "cornuto e mazziato",xchè il medico del lavoro mi ha proibito di riprendere l'attività, e sono a casa(SENZA PAGA) ad aspettare un MIRACOLO.
XFAVORE datemi UN CONSIGLIO
Giorgio
giorgetto68@email.it

giorgio m. Commentatore certificato 28.09.07 06:53| 
 |
Rispondi al commento

Un video,sotto la musica e le parole di Working Class Hero di J.Lennon, che denuncia le morti bianche e cerca di rendere onore agli eroi della classe operaia

http://it.youtube.com/watch?v=kdOIG7_STGQ

Saluti


Ispettori del lavoro in Italia? Hahaha,fa veramente ridere.Vivo a Parigi da due anni ed ho assistito a dei controlli fatti nei locali pubblici.Lavorando come cameriere in un ristorante italiano gestito da tunisini(come circa il 70% dei ristoranti italiani a Parigi),senza contratto e con degli orari fuorilegge,mi imbatto in un gruppo di persone che pensavo volessero un tavolo per mangiare.Il gruppo,composto da 2 donne e 4 uomini,aspetta fuori tra i tavoli si parlano e si sparpagliano controllando ognuno una zona del ristorante,uscite comprese.Capisco che si tratta di una ispezione solamente quando una delle due donne entra nella cucina dove io ero andato a prendere dei piatti da servire e,qualificandosi come ispettrice del lavoro,mi blocca in cucina chiedendomi di fornirle le mie generalità,da quanto tempo fossi li e quali fossero gli orari di lavoro.Nel frattempo ci sono state due fughe:una dalla cucina ed una dalla sala.Due ragazzi tunisini non in regola sono riusciti ad uscire dal ristorante.Non sono pero' sfuggiti agli occhi degli ispettori che hanno intimato al proprietario la chiusura del ristorante in 10minuti se i due non avessero fatto ritorno.Il proprietario ed i responsabili sono riusciti a guadagnare tempo,ma qualche giorno dopo è arrivato un avviso di contravvenzione per circa 20.000 euro.Che poi lo abbiano contestato o discusso in tribunale è un'altra storia;perlomeno gli ispettori a Parigi svolgono il loro lavoro correttamente e con serietà,e non si lasciano certo sedurre da una cena offerta,da una busta di alimenti in regalo o da somme di denaro.Ho lavorato in alcuni mercati ed in alcuni ristoranti a Roma,posso assicurare che funziona cosi',con il coinvolgimento di ispettori del lavoro,ispettori sanitari,agenti della Guardia di Finanza e Vigili Urbani in primis, seguono poi, in numero notevolmente minore,i Carabinieri del Nucleo Anti Sofisticazioni,in quanto effettuano dei controlli a squadre di 5 o 6 elementi,e gli agenti della Polizia di Stato

Simone Gisoni 07.08.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Barbara Bado, ho letto la tua lettera.
Sono Marco Bazzoni l'autore della lettera del post.
Vorrei mettermi in contatto con te.
Mi dispiace davvero tantissimo per tuo fratello Luca.
Scrivimi a:

bazzoni_m@tin.it

Cari saluti
Marco Bazzoni-Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Marco Bazzoni 28.07.07 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 17.07.07 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 17.07.07 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 17.07.07 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 17.07.07 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 16.07.07 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 16.07.07 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Mio fratello Luca si è ammalato di silicosi a 24 anni, a 29 ci ha lasciati dopo aver sofferto per 5 anni: lavorava in una ditta di microfusioni completamente sprovvista di qualsiasi impianto di depurazione.
Abbiamo subito denunciato l'ex datore di lavoro ma nel momento in cui quel bastardo sfruttatore è stato accusato di omicidio colposo è ricorso al patteggiamento (di norma applicato solo ai reati minori)quindi la pena prevista,già esigua, è stata ridotta ad un terzo :morale,non ha trascorso nemmeno un giorno in carcere.
Come se non bastasse mentre Luca entrava e usciva dagli ospedali in attesa del trapianto di cuore e polmoni (costo dell'operazione 125 mila dollari), il suo ex datore di lavoro aveva già trasferito tutti i suoi beni (mobili e immobili)sia alla moglie che alla madre, risultando un nullatenente agli occhi della legge ed evitando così il risarcimento per danni morali.
E non è tutto: a distanza di qualche anno dalla prima udienza gli hanno permesso di adottare un bambino!Come si fa ad affidare una creatura ad un assassino, ad un uomo accusato e colpevole di omicidio,che disprezza la vita degli altri, cosa può insegnare un uomo del genere a suo figlio?
Sono trascorsi dieci anni da quando mio fratello è mancato, dieci anni di continue sofferenze,promesse mancate, delusioni, ingiustizie:i miei genitori stanno soffrendo tanto, troppo fisicamente e moralmente.Perdere un figlio è già un trauma insostenibile se poi l'assassino rimane impunito e libero di continuare a sfruttare altri giovani
per il proprio lucro...non posso avere stima del sistema giudiziario.
Perchè non può esistere una legge che ammette il patteggiamento in caso di omicidio colposo: se ammetti la colpa ti diminuisco la pena di un terzo!Non è necessario che l'accusato ammetta la colpa, in questo contesto,è lampante che sia lui il colpevole!Ma chi ha deciso che l'ammissione è un'attenuante!?

Barbara Bado Commentatore certificato 16.07.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Le posizioni della Chiesa in
materia di DICO confermano, se
mai ce ne fosse ancora bisogno,
che non è cristiana, se non
nell'origine. Gesù non ha mai
difeso l'istituto della famiglia,
anzi, a chi gli diceva che sua
madre e i suoi fratelli lo
stavano cercando, rispose: "chi
è mia madre e chi sono i miei
fratelli? chiunque fa la volontà
del Padre mio mi è fratello,
sorella e madre". Quante
famiglie "secondo natura" fanno
la volontà del Padre? e quale
natura? in materia la Chiesa è
sempre stata, ad essere molto buoni,
poco aggiornata, e la scienza
dimostra che l'omosessualità è
diffusa tra gli animali.
Ma ciò che la Chiesa dimentica
è l'insegnamento di fondo di
Gesù, l'amore per l'uomo:
"il Sabato è fatto per l'uomo,
non l'uomo per il Sabato".
La Chiesa invece proclama i suoi
Sabati ignorando il cuore
delle persone. Essa ha esaurito
il suo iter storico e non è più
degna di proclamarsi erede di
Cristo, né il papa è, se mai
lo è stato, il suo vicario.
La Chiesa deve vergognarsi della
sua storia passata e presente.

Franco Certi 13.03.07 21:08| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ve la do io una risposta?
Troppi enti che controllano ed in modo parziale e frammentato!! Noi SPRESAL controlliamo la sicurezza e l'igiene, l'ispesl fa ricerca non è solo demandato a pochi controlli su macchine e impianti, la direzione provinciale del lavoro dovrebbe controllare la regolarità dei contratti ( ma dove sono gli ispettori.. pochi in cantieri facili e soprattutto soli!!! gli corri dietro te a quelli che scappano???) Noi isp.ri dell'ASl non siamo demandati al controllo della regolarità contributiva perche della Direzione provinciale del lavoro) quindi si controlla a frammenti. Sono di una Asl di Roma vuoi farti due risate?? 10 ispettori su un territorio enorme, vastissimo, di queste dieci non tutte sono preposte al controllo a tempo pieno!! mancano le auto per girare ed a volte si usano quelle personali. Manca La volonta politica di aumentare i controlli perchè fa comodo che sia così altrimenti finirebbero i loro giochi assurdi. Sai quanta gente c'è che lavora utilizzando manodopera in nero. tanta tanta tanta e noi non abbiamo gli strumenti per fermarli io non posso toccarli gli corri te dietro?? possono farlo le forze dell'ordine che inqualche caso vengono se chiamati in altre occasioni gli rode pure un pochetto. E poi ci entri te in un cantiere rischiando di essere menato gratuitamente quando glielo stai sequestrando perchè sono dei cani che lavorano??? Io lo faccio perchè la mia coscienza me lo impone, è il mio lavoro non scaldo una sedia, lo stipendio me lo guadagno tutto a fine mese, ma sappi che rischio tutti i giorni. Bisogna mettere più gente al controllo ma non vengono stanziati i soldi. Siamo in sei in due stanze e abbiamo una sola stampante in bianco e nero, ed andiamo a fare le pulci a chi sta meglio di noi!!!.
E per finire: quanti ispettori sono stati assunti negli ultimi dieci anni???????
una miseria!!!
La politica non è cieca.. ci vede benissimo!!
Sono stufo di vedere MORTI BIANCHE
SIAMO SOLO UNO SCOGLIO IN MEZZO AD UN OCEANO.

Isp. Asl 13.03.07 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un mio amico mi chiede: con che cosa si pensa di produrre l’idrogeno e quanto si inquinerebbe nel produrlo, come si pensa di immagazzinarlo in una automobile, quanto deve essere grossa la bombola per garantire un’autonomia decente, diciamo paragonabile a quella delle attuali a gas metano, cosa succederebbe se si parcheggiasse l’auto al sole a luglio (e magari a Catania o Bari o Palermo...) e via discorrendo.
Potreste aiutarmi a rispondergli?
Grazie,
Elisabetta

elisabetta di pietrantonio 13.03.07 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto, vorrei semplicemente un recapito telefonico o altro per info sui suoi spettacoli, in particolare il 14/04 di GE e quello di CN. GRAZIE ANGELO.

Diotti Angelo 13.03.07 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Per risolvere il problema degli infortuni sul lavoro basterebbe che il danno fosse risarcito da assicurazioni private invece che dall'INAIL, infatti l'assicurazione avrebbe interesse a far si che i controlli o meglio ancora l'attuazione di quanto previsto dalle norme sulla sicurezza fosse attuata in modo da ridurre il pagamento di danni. Qui, dove i controlli vengono attuati da enti che più infortuni o peggio ancora decessi ci sono e più soldi ricevono per campagne di controlli o meglio (intendendo peggio) incentivare il personale, capite bene che mai nulla potrà cambiare se non si interviene ad interrompere questo meccanismo. Mi dispiace che la materia sulla medicina del lavoro è nata in via delle Botteghe Oscure. Fatemi sapere cosa ne pensate su quanto ho affermato.

manlio papanti 12.03.07 22:41| 
 |
Rispondi al commento

LA VITTORIA FINALE DELLA VERA LIBERTA'

Autore: Giacomo anatno MM ontana


Si dice che la religione è principio della libertà. Ognuno attraverso di essa trova lo spazio per potere vedere illuminati i doveri, passando attraverso l'angelo che abbiamo in noi, se lo lasciamo nel mondo naturale: LA COSCIENZA.


Ma allora se è così, facendo due riflessioni, ci si potrebbe chiedere quante persone davvero credenti in Dio ci sono rimaste nel mondo, se ne succedono di tutti i colori. Non si capisce più dove sono i benefici del cristianesimo, dell'ordine sociale, se è in aumento il fascino di rincorrere per simpatia la criminalità e i più sporchi criminali. Io ho sempre creduto nel cristianesimo, come garante dell'avvenire, mentre oggi vedo che si critica il riconoscimento dei Dico, contrastandoli e non si guarda al vero marciume, che distrugge e uccide esseri umani.


Si vede la pagliuzza e si nascondono le grosse travi. Tutto questo è sconcertante e umiliante, soprattutto se si pensa che oggi viene distrutta anche la sovranità dell'opinione della gente comune, occupando tutto lo spazio democratico per conto dei personaggi politici e giù di lì.


La libertà anche in Italia la si potrà limitare più o meno sempre. Elementi voluti o accidentali potranno interromperne lo sviluppo, ma qualsiasi cosa si faccia, si pensi di fare o si dica, ad essa non può essere mai negata una brillante vittoria vera finale. Un grande esempio di falsa libertà lo si può vedere visitando i seguenti blob


http://oltreilbuio.blogspot.com

Giacomo anatnoMMontana 12.03.07 13:59| 
 |
Rispondi al commento

CIAO A TUTTI , CIAO CARO BEPPE, L'ALTRO GIORNO ERO SUL BALCONE E VEDO UN CANTIERE APERTO ( STANNO FACENDO UN CENTRO COMMERCIALE MOLTO GRANDE) E DISCUTEVO CON MIA MOGLIE E UN AMICO, SU COME GLI OPERAI LAVORAVANO A 10, 20 METRI DA TERRA SENZA NESSUNA PROTEZIONE, (PREMETTO CHE AVEVO I BRIVIDI A VEDERLI PASSARE E SALTARE SU QUELLE TAVOLE SULL'IMPALCATURA). MA LA COSA CHE MI HA FATTO RESTARE VERAMENTE MALE E' STATO IL COMMENTO DEL MIO AMICO CHE MI RACCONTA , CHE UNA VECCHIETTA VICINO CASA SUA CHIAMA UN ELETTRICISTA PER RIPARARE UN LAMPADARIO, QUESTO ARRIVA E COMINCIA AD IMBRACARSI E A COSTRUIRE UN PONTEGGIO PER CAMBIARE UNA LAMPADINA E ALLA FINE ALLA VECCHIETTA GLI CHIEDE 86€ ( OTTANTA SEI EURO)?????? TEMPO DI CAMBIAMENTO DELLA LAMPADINA FULMINATA - 13 SECONDI- TEMPO PER IMBRACARSI E MONTARE L'IMPALCATURA - 32 MINUTI- ?????? L'ELETTRICISTA DICE ALLA VECCHIETA CHE SECONDO LA LEGGE 626 PER 45 CENTRIMETRI DI ALTEZZA DAL SUOLO OCCORRE CASCO E IMBRACATURA. Vi giuro Amici miei..... non ci capisco piu' niente in questo mondo.......

Edoardo P. Commentatore certificato 11.03.07 23:46| 
 |
Rispondi al commento

MA CARO BEPPE, SI DEVE ESSERE ORGOGLIOSI DI APPARTENERE A QUESTA SOCIETA' OCCIDENTALE -CHE SI PROPONE COME FARO PER I DIRITTI UMANI E NELLA SALVAGURDIA DI OGNI PERSONA - CHE CRITICA ALTRE CIVILTA' QUANDO VI E' UN SIMILE ECATOMBE ???
IO SENTO UN CERTO ODORE DI MERD -COME DICONO I FRANCESI- E DI FIGLI DI P......A. CIAO A TUTTI.

Salvatore Di Salvo 11.03.07 19:49| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono un apprendista elettricista.Volevo intervenire a proposito degli infortuni sul lavoro.il mio Lavoro si svolge per cantieri civili che in quanto a norme di sicurezza sono privi.un cantiere in particolare è situato dietro una caserma dei carabbinieri i quali sono venuti solo una volta a controllare assieme all ispettorato del lavoro e per casualita i lavoratori non regolari se la sono filata.ma è possibile una cosa del genere?come mai i muratori sanno sempre quando stanno arrivando i controlli?comunque anche noi lavoratori non siamo tutelati perche nel mio particolare caso la ditta per cui lavoro non mi fornisce di nessun sistema individuale di protezione perche costa troppo anche se per legge mi dovrebbe essere fonito.Io vado sopra i tetti a montare antenne senza parapetti e imbragature perche anche se le chiedi non te le forniscono.una volta il responsabile della sicurezza del cantiere ci ha fatto scendere dal tetto e appena è andato via siamo ritornati su come se nulla fosse.è inutile lamentarsi degli infortuni perche al giorno d oggi per lavorare bisogna ache rischiare perche se no fanno presto a trovare altra gente che lo fa al posto tuo.un altra grande invenzione è stata il tesserino di riconoscimento per chi lavora per cantieri.se vengono i controlli e magari te lo sei dimenticato a casa o in macchina hai una multa di500euro tu e la tua ditta.il mio stipendio di questo mese è stato di530 euro se me lo dimentico mi tocca fare la carità!!!e i padroni per tutelarsi mi hanno fatto firmare una carta che me l hanno consegnato cosi se mi beccano sono c...i miei!quest italia non puo andare avanti cosi solo tu beppe ci puoi dare una mano per cambiarla perchè come dici sempre sei un comico e per noi plebei è tutto ridere con la disperazione che ogni giorno ci affligge!!!!grazie sei un grande!!!!Nicola Deiana

Nicola Deiana 11.03.07 14:00| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Aiutate i meno fortunati con sistemix presente su ebay e google.

Riccardo Ferrandino 10.03.07 15:55| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ho letto la lettera sugli invalidi del lavoro e del fatto che INAIL abbia un guadagno di €2 miliardi. Questo è principalmente perchè INAIL è partecipata della Banca d'Italia con 2000 quote pari a 8 voti nel CdA. Se non lo sapete la Banca d'Italia è interamente privata ed i profitti sono enormi e sia INPS che INAIL sono partecipate per mantenere segreto il fatto che Banca d'Italia è interamente privata con capitale in mano alle principale banche Italiane.
Ecco spiegato il fatto del guadgno di INAIL e tutte le ns. banche.

Doris Vettoretto 10.03.07 11:22| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

L'INFORMAZIONE DETURPATA E CENSURATA

Autore: anat noMMon tana

Le notizie vengono pubblicate se non urtano la suscettibilità di qualche personaggio politico. Oggi il lavoro del giornalista in molti casi è il "mestiere del furbo". Ci sono notizie che vengono date alla gente, senza più che ci sia la doverosa connessione con i doveri di imparzialità, dignità professionale, verità, lealtà e buona fede.

Personalmente ho notato che c'è la tendenza che l'informazione debba rispecchiare solo una parte di ciò che la gente dovrebbe sapere, Continua sotto inSisu....

Giacomo anatnoMMontana 09.03.07 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Continuazione...inSisu...

....tanto che per questo si fa strada l'ipotesi che in Italia abbiamo un sistema di circolazione dell'informazione viziato, sleale, non veritiero.

Sovente l'informazione contiene mezze verità e persino spudorata mala fede laddove si permettono sporche censure verosimilmente per far meglio proteggere certi delinquenti, a cui oltretutto paradossalmente vengono fatte svolgere persino funzioni di comando e di dirigenza nelle più insospettabili istituzioni del Paese.

Da questo sistema ingannevole, a chi è più attento, non può sfuggire la grave problematica della sgretolata fiducia tra stampa e lettori, tanto che ne fanno le spese anche tematiche quali il rapporto informazione - pubblicità e l'informazione - finanziaria.

Argomenti molto delicati e importanti che vengono lasciati senza doverosi interventi e come in balia del vento, forse persino sperando che comunque vada, ci siano sempre dei cittadini "allocchi" che credono a tutta l'informazione che viene sciorinata.

Internet, giustamente, è annoverato tra gli strumenti con maggiori indici di crescita e di evoluzione, nonché il più complesso sulle implicazioni sociali e globali anche perché tra i nuovi strumenti è quello che potrebbe dare sempre un valido contributo per raggiungere il risultato di fare sapere alla gente le verità mantenute sistematicamente nascoste.

Per me, per quanto attiene al simulacro delle informazioni giornalistiche che ci vengono "dosate" e quindi ingiustamente "limitate", sino ad oggi non mi è mai sembrato che ci sia stato qualcuno che sia riuscito ad opporre forti resistenze e obbiezioni fattive, che tengano sul serio conto dei nostri giorni di crisi nazionale, nella loro nuda e drammatica realtà.

L'accento di verità col sapere nel concreto in che paese viviamo, c'è quindi da attingerlo dalle nuove tecnologie, prive di isole di linguaggio e colme di maggiore completezza nell'informazione.

Giacomo anatnoMMontana 09.03.07 21:27| 
 |
Rispondi al commento

CIO' CHE RESTA DI UNA DEMOCRAZIA E DELLA LIBERTA' DI OPINIONE SULLA POLITICA DI OGGI
Autore: Giacomo an atnoMMonta na

Non si può affrontare lo studio della politica, completamente deviata, fuori dal suo campo di appartenenza per cercare di porvi rimedio, se non si sono prima chiariti dei punti.
Esistono anomalie comportamentali del soggetto politico, sia come variante abnorme del personaggio in sé (disideologizzazione), sia come sequele di disonestà vera e propria a sé stante per una sfrenata corsa all'arricchimento privato (spoliticizzazione). Ogni cittadino continuerà a vedere tali persone e a considerarle per abitudine ancora dei personaggi politici, anche quando la loro portata, nel senso della sostanza del loro lavoro, è quasi completamente scomparsa. La nozione di politica resta ancora segnata sulle carte e per questo esse sono e saranno valide in sé, ma sostanzialmente più nulla è dominato da un'ideologia, ovvero dal quel complesso di idee Continua sotto....

Giacomo anatnoMMontana 09.03.07 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Continuazione:
.....che si possono riconoscere in un sistema politico legittimo e connesso ad un senso logico positivo per il bene pubblico. Se andiamo a vedere il campo di azione delle ideologie, esso lo si legge solo sulla carta ma nei fatti di ideologia non ve ne rimasta neppure l'ombra. Tale osservazione viene posta all'attenzione della gente, perché, sebbene certe cose siano subito possibili, mentre per altre occorrerà un dato periodo di tempo, ci sono anche cose che, per quanto può saperne l'uomo, appaiono impossibili. Tendenzialmente dai signori che si presentano alla gente come lavoratori della politica, relativamente alla soluzione dei problemi nazionali, si noterà una estrema inerzia, come se il tutto appartenesse alle cose impossibili da risolvere e realizzare. Molti di questi signori, per quanto riguarda ai meriti, vivono di rendita su quello che di positivo i politici hanno fatto o hanno tentato di fare in passato per i cittadini. In tale scabrosa situazione però, per i soggetti politici c'è contestualmente un grosso ostacolo: quello dell'istruzione sempre più diffusa e che rende i cittadini ben consapevoli della relatività delle ideologie. Ecco che allora la politica la si rende più complessa e confusa, tirando molto di più in campo la politica estera, per farla fungere da coltre di nebbia e da paravento e così nascondere al popolo parecchi ulteriori danni economici con fiumi di danaro che escono dal Paese con un'infinità di nuovi motivi (?).
In questo modo, tra la gente, viene creata enorme confusione e paura, distogliendola il più possibile dalla politica nazionale, sino ad ottenere, su quanto riguarda i diritti dei cittadini, una grande DISINFORMAZIONE.
Questo è l'ultimo atto del ciclo al quale viene fatto ricorso, per coprire, nascondere e insabbiare crimini inimmaginabili. Ecco come le ideologie politiche, nate nel passato, non svolgono più un suo ruolo legittimo.

Giacomo anatnoMMontana 09.03.07 13:58| 
 |
Rispondi al commento

E' una vergogna che non si investa adeguatamente per la sicurezza sul lavoro.

Le aziende non investono perché poi in caso di incidente tanto paga lo stato!

Maria Cafasse 09.03.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

IN MEZZO A UNA MAREA DI BUGIE, SILENZI E GRIDA

"Beppe ogni volta che togli i post che parlano di verità, perdi di fama, di simpatia e di credibilità! Sono i fatti che contano e non le critiche che sei abituato a fare contro quel mondo di sudiciume immorale e fuorilegge".

In mezzo a una marea di bugie silenzi e grida di aiuto di una donna torturata e danneggiata da 15 anni sul posto di lavoro, oggi il quotidiano IL MERIDIANO a pagina 9 ha pubblicato il caso atroce criminale fatto ancora subire a quella donna. http://www.ilmeridiano.info/articolo.php?Rif=7927

Oggi è la festa della donna e così le è stata allietata un poco la giornata. Grazie Beppe per la tua volontà di volere fare riconquistare la democrazia in Italia.

Purtroppo non si può fare a meno di ossigenare la circolazione del sangue delle risorse morali della gente, della sua ripresa di coscienza, del suo nuovo apparire responsabilizzato contro il crimine. A causa di vili giochi di potere, oggi assistiamo allo scollamento spaventoso tra classe politica e classe civile.

Chi viene pagato per lavorare per la giusizia mentre si vende al crimine, non è assolutamente degno di stare nel mondo del lavoro perchè è il peggior delinquente che possa esistere sulla terra e che oltretutto ruba lo stipendio e qualsiasi altro compenso onesto a padri di famiglia disoccupati che ne avrebbero il vero meritevole diritto.

Nell'endemico arrivismo e nella sfrenata corsa del "fregaggio" e di espansione immorale, oggi un quotidiano ha preso le distanze dalla sporca omertà e oggi si è distinto dimostrando di essere il migliore: IL MERIDIANO. Auguri a tutte le donne. Giacomo Montaana

R._a.-spu.t-in 08.03.07 21:23| 
 |
Rispondi al commento

VEDIAMO PEZZI DI KALASHINKOV AGLI AFGANI ?

Caro Beppe,

nel servizio RAI del TG1 andato in onda appena qualche minuto fa, scopriamo che in una bottega artigiana dell'Afghanistan si producono fucili mitragliatori del tipo "AK-47". Nel servizio si nota anche che su un'arma, appena "sfornata" da un maestro armaiolo, è chiaramente leggibile la dicitura "Italy".
Incredibile ma vero: forniamo noi italiani i pezzi agli afgani per costruire queste micidiali armi?

Nicola F. Commentatore certificato 08.03.07 20:22| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IN MEZZO A UNA MAREA DI BUGIE, SILENZI E GRIDA


In mezzo a una marea di bugie silenzi e grida di aiuto di una donna torturata e danneggiata da 15 anni sul posto di lavoro, oggi il quotidiano IL MERIDIANO a pagina 9 ha pubblicato il caso atroce criminale fatto ancora subire a quella donna. http://www.ilmeridiano.info/articolo.php?Rif=7927

Oggi è la festa della donna e così le è stata allietata un poco la giornata. Grazie Beppe per la tua volontà di volere fare riconquistare la democrazia in Italia. Purtroppo non si può fare a meno di ossigenare la circolazione del sangue delle risorse morali della gente, della sua ripresa di coscienza, del suo nuovo apparire responsabilizzato contro il crimine. A causa di vili giochi di potere, oggi assistiamo allo scollamento spaventoso tra classe politica e classe civile. Nell'endemico arrivismo e nella sfrenata corsa del "fregaggio" e di espansione immorale, oggi un quotidiano ha preso le distanze e si è distinto: IL MERIDIANO. Auguri a tutte le donne.

R._a.-sp-u.t-in 08.03.07 19:11| 
 |
Rispondi al commento

si investe poco in sicurezza, gli ispettori del lavoro sono pochi e devono operare in aree troppo ampie, la gente ha bisogno di lavorare a qualunque costo perchè senza soldi nn puoi neanche permetterti di respirare...è un cocktail esplosivo. soprattutto se le continuiamoa chiamare morti bianche...sono morti nere, nerissime come la coscienza di chi specula su di esse. Però se ogni tanto ci rifiutassimo di accettare certe condizioni, forse qualcosina cambierebbe!!!!

antonietta c. Commentatore certificato 08.03.07 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dire sull'euro.
Ho ascoltato mille tesi per quanto riguarda la svalutazione dell'euro.Intanto non si tratta di svalutazione(la svalutazione sarebbe quella ufficiale dl 2% annuo uguale 12% in sei anni). Trattasi di speculazione nel modo peggiore della accezione, rasenta la rapina di ceti di potere nei confronti di altri.Reddito fisso sfruttato e autonomi,quest'ultimi si chiamano fuori perchè dicono che subiscono gli aumenti.
Ammesso e non concesso che sia vero il problema è di sapere dove sono andati a finire questa enorme massa di denaro che da sei anni tzumama dalle tasche di impiegati e operai?
Ma che cosa sarebbe acccaduto se non fosse entrato in vigore l'euro e si fossero verificati questi aumenti?La guerra civile?Tumulti in piazza? La rivoluzione? Forse tutt'e tre insieme..invece.. Nulla.. e nessuno degli addetti non solo non indica cosa fare ma non riesce ad analizzare il fenomeno..Occorre capire a chi vanno a finire i soldi e costringerli a retituitre con tassazioni o altro.. Francesco

pirrello francesco 08.03.07 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Grazie alle catastrofi climatiche gli invalidi si decuplicheranno. Aprite la mente se gli occhi li avete già aperti: guardate e diffondete il video di 90 minuti di Al Gore "una scomoda verità". Parla di quello che sta succedendo al clima. Non c'è politica solo scienza. No ai reality si alla diffusione di questo video. Mamma rai e mediaset cosa aspettate a diffonderlo? Ha appena vinto 2 oscar ci sarà una ragione. Mettete da parte le banalità e guardate cosa stiamo facendo ai nostri figli.

Anna De Giovanni 08.03.07 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa, per l'inesatezza...leggendo su Wikipedia, sembra che la disgrazia, sia stata presa dopo come manifesto significativo della festa delle donne.

http://it.wikipedia.org/wiki/Festa_della_donna

Scusate l'errore.

Gabriele Martelli 08.03.07 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Per ricordare cosa e' la festa delle Donne.


Ma se vogliamo parlare di storia allora diremo che in Italia la festa della donna è diventata una celebrazione regolare a partire dal 1946 e che le origini della festa dell’8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, a pochi giorni da questa data, a New York, le operaie dell’industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni di lavoro a cui erano sottoposte. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l’8 Marzo il proprietario, Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Fu lì che avvennero i terribili fatti che ci riconducono oggi all’8 Marzo: alla fabbrica venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all’interno morirono in modo atroce. Fu successivamente che questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, proprio in ricordo della tragedia.

Gabriele Martelli 08.03.07 10:56| 
 |
Rispondi al commento

OGGI 8 MARZO GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA
Autore: Giacomo anat noMMon tana


Oggi si vedranno circolare mazzetti di mimose, in quanto scelte come rappresentative della Festa della donna. Nel 1946 a Roma, l'Unione donne italiane (U.D.I.) per ricordare le ingiustizie subite dalle donne organizzava per la prima volta del dopoguerra la festa dedicata interamente alle donne. In questo modo si intendeva soprattutto promuovere un vero riconoscimento dei loro diritti sociali, economici e politici, unitamente alla libertà nella maternità, autonomia con il lavoro e protagonismo nella società. Nacquero così anno dopo anno anche tanti slogan come per esempio: "La metà del cielo è l'altra faccia del mondo", "La vita di tutte può cambiare se la prendiamo nelle nostre mani", "Solidarietà tra donne", "Autodeterminazione", "Tra uccidere e morire c'è una terza via: vivere", "Riconoscere i segni della nostra identità per una politica delle donne, oggi" ecc....

Oggi però quegli anni detti: "con la punta di diamante" per la giusta presa di posizione delle donne, sono finiti ed è rimasta solo la festa. Io credo che siamo giunti ad un livello di civiltà nel quale la donna dovrebbe essere rispettata, quasi a livello di analogo festeggiamento ogni giorno dell'anno e non maltrattata nei posti di lavoro e in famiglia (mobbing) e poi vedersi dedicare attenzione, rispetto e festeggiamento solo un giorno all'anno: l'8 marzo. La solidarietà tra donne e le loro conquiste non avrebbero dovuto sgretolarsi, Continua sotto in 1Sisu...

Gi ac omo J.M on ta n a. 08.03.07 07:55| 
 |
Rispondi al commento

Continuazione1Sisu... avrebbero dovuto proseguire il cammino contro ogni ignominia e abuso con l'unità tra donne. Invece se ne sentono dire di tutti i colori e ognuno pensa solo per sé, senza prestare orecchio alle donne violentate, abusate e torturate in mille modi diversi. Una volta un altro slogan delle donne così recitava: " Parliamo noi di liberazione, di vita, di pace contro la violenza, la morte, la guerra" Dov'è stata cacciata oggi quella voce, la parola, il diritto delle donne? Oggi i partiti politici sono tornati ad essere invisibili per le loro inerzie croniche e di riflesso anche la figura della donna si è sbiadita o arenata e ha fatto inconfutabilmente dei "passi" indietro. Per sfuggire ai rischi della più crudele ingiustizia, per essere al tempo stesso liberi anche nel mondo femminile, in una società politica vera e quindi civile, penso che la donna dovrebbe riorganizzarsi e ritrovare l'unità, il rispetto e l'emancipazione che per diritto merita, confrontando il giusto cambiamento che dovrebbe andare di pari passo con le esigenze d'una società civile. L'esperienza storica deve proseguire il cammino da dove è stato interrotto, perché, anche in tale ambito, possa consentire di attenersi alla realtà concreta dell'onda del progresso e così recuperare davvero il significato di ciò che di più valido ha prodotto l'esperienza storica sull'emancipazione della donna. Continua sotto a poca distanza.....

Per un esempio di vili ABUSI sulla donna che dura da 15 anni: basta visitare http://www.48agimurad.blogspot.con

Resoconto in breve:
1.)---circa tre anni di lavori in ambiente contaminato in ospedale e privata anche dei più elementari mezzi di protezione per proteggersi dai contagi e infezioni le è stata fatta contagiare la tubercolosi in servizio e per causa di servizio; Continua sotto in2Sisu...

Gi ac omo J.M on ta n a. 08.03.07 07:52| 
 |
Rispondi al commento

Continuazione2Sisu.....
2.)---Dopo nove anni di vana attesa di un regolare processo penale per lesioni colpose gravissime e dopo vari rinvii del processo, i quattro imputati di lesioni colpose gravissime, dirigenti dello stesso ospedale, sono riusciti ad ottenere la prescrizione dei reati perché è stato fatto passare tanto tempo senza che mai sia stato celebrato il processo;

3.)---Da parte dell'Ente datore di lavoro, sono state calpestati persino i diritti invocati da due sentenze del Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia per mezzo dei quali due giudici di quel Tribunale hanno dato ragione in PIENO alla donna torturata;

4.)---Alla stessa donna, successivamente al contagio, per non concederle il riconoscimento della causa di servizio le sono stati fatti subire questi altri seguenti reati: omissione di atti di ufficio, falso ideologico e violenza privata da mobbing senza che il tribunale di Milano intervenisse benché formalmente informato anche di questi altri reati;

5.)---La donna vittima di questo orrore si è così indotta ad ammalarsi anche per quanto attiene l'apparato cardio-respiratorio ed oggi vive in malattia grave da anni in ossigeno-terapia domiciliare per dispnea da sforzo a bassa soglia e è rovinata anche economicamente da non potersi persino curare al meglio i postumi della tbc.

6.)---Più di una volta con il mio lavoro di volontariato da infermiere l'ho accompagnata in tempo in pronto soccorso degli ospedali per farle ricevere le relative cure a causa del peggioramento della sua salute con cianosi al volto.

7.)---I governi italiani che si sono succeduti hanno sempre pacificamente lasciato subire tutte le conseguenze delle violazioni di legge alla povera donna, verosimilmente anche per non ammettere che alla dirigenza di quello stesso ospedale c'è anche qualche delinquente che oltretutto è venuto anche sempre profumatamente stipendiato! http://www.48agimurad.blogspot.con

Gi ac omo J.M on ta n a. 08.03.07 07:51| 
 |
Rispondi al commento

7 Marzo 2007
La legge elettorale e i condannati

dal blog dell'Italia dei Valori-Di Pietro: www.antoniodipietro.it
che vi invito a vedere.

Non me ne sono dimenticato. In campagna elettorale avevo inserito nel mio programma la seguente frase:
"Impedire la candidatura alla Camera, al Senato e al Parlamento Europeo di persone condannate in via definitiva."
In questi giorni si discute della nuova legge elettorale, se fare un referendum, se fare le larghe intese o accordi a geometrie variabili. Gli stessi esperti faticano a capire esattamente di cosa si sta parlando. Io vorrei partire dalla testa e non dalla coda del problema: dai parlamentari, dalle donne e dagli uomini che rappresentano i cittadini. Persone che sono pagate per fare gli interessi della Nazione, non i loro, nè tanto meno quello dei partiti di provenienza.
Nelle prossime elezioni devono essere garantite soprattutto due cose:
- la rappresentatività del parlamentare che deve essere eletto dai cittadini e non inserito per meriti partitici in una lista chiusa
- la moralità del parlamentare che non deve avere condanne in via definitiva
Come possiamo presentarci di fronte al Paese con un plotone di persone condannate elette in Parlamento?
L'Italia dei Valori ha presentato una proposta di legge, sia alla Camera che al Senato, per impedire nel modo più assoluto la presenza di persone condannate nelle liste elettorali. Su questa proposta è necessario un forte supporto da parte dell'opinione pubblica, di tutti voi.

nico renzi 08.03.07 00:46| 
 |
Rispondi al commento

sono geometra e ora studente di architettura... nelle varie lezioni si passa anche attraverso la sicurezza nei cantieri... voi non avete idea di quante minch**te ci sono scritte sui libri di testo... io non so chi è che si occupa di scrivere queste leggi.. ma ci vuole poco intuito per capire che è una persona che non ha mai lavorato in un cantiere (mi riferisco a cantieri edili)...
queste leggi impediscono di lavorare.. sicuramente lavori in sicurezza ma vorrei vedere voi lavorare come lavavetri con 18.000 corde che ti si aggrovigliano attorno ... allora io credo che serva una revisione di queste leggi... e poi credo anche che .. i mezzi per fare certi lavori in un altro modo li abbiamo...mi è capitato di vedere dipendenti dell'Enel credo che erano arrampicati su per un traliccio... quando a fianco di esso.. spento e inutilizzato c'era un carrello elevatore.. ma cos' questa .. una barzelleta!!

non è possibile andare avanti così!! RIBELLIONE RIBELLIONE RIBELLIONE, RIBELLIONE, RIBELLIONE, RIBELLIONE, RIBELLIONE RIBELLIONE, ....

Andrea Gilioli Commentatore certificato 07.03.07 23:02| 
 |
Rispondi al commento

ALLA CORTESE ATTENZIONE DI PIERO LI PERA:

CORTESE PIERO LI PERA, HO VISTO CHE FINALMENTE L'HAI FINITA DI INSULTARE (MI HAI DEFINITO QUEL CA...NE DI SINDACALISTA).
VENIAMO ALLE SPIEGAZIONI:

1)VOGLIO RICORDARTI CHE L'INAIL HA AVUTO (ANNO 2006) UN AVANZO DI BILANCIO DI 2 MILIARDI DI EURO.DALLE MIE PARTI (NON SO DALLE TUE) SI DICE CHE QUANDO UN'AZIENDA HA UN AVANZO DI BILANCIO, HA UN UTILE, E QUELLO DELL'INAIL è ABNORME.

2)QUELLO CHE HO POSTO è UN FALSO PROBLEMA.COSì L'HAI DEFINITO NO?
Il mio voleva essere un modo per far capire, che non è giusto che l'Inail con un avanzo di bilancio così enorme, dia degli assegni da fame agli invalidi del lavoro.Non è giusto che l'Inail tagli le tabelle di risarcimento per le menomazioni che un lavoratore può subire sul luogo di lavoro (sono state tagliate rispetto al decreto 38 del 2000).
Anche questi sono falsi problemi?

3)Gli infortuni sul lavoro sono un falso problema?!Gli invalidi del lavoro sono un falso problema?!.Inoltre mi hai chiamato responsabile per la sicurezza, quando non lo sono.Forse hai le idee un pò confuse.C'è una grossa differenza tra rappresentante dei lavoratori e Responsabile dei lavoratori per la sicurezza ( che è una figura che non esiste nella 626).Forse ti riferivi al RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione).
Poi sarei io la persona non informata.Inoltre la lettera dell'imprenditore l'avevo presa solo perchè si riferiva agli utili Inail, non perchè la condividessi.Quelli che ho posto sono problemi reali, non falsi problemi.Ogni anno ci sono quasi 1300 morti sul lavoro, 1 milione di infortuni e 27 mila invalidi.
MA TI ASSICURO CHE SONO MOLTI DI PIù, PERCHè MOLTI INFORTUNI NON VENGONO DENUNCIATI PERCHè FATTI PASSARE DA MALATTIA, MOLTI MORTI SUL LAVORO NON VENGONO DENUNCIATI, PERCHè LAVORAVANO IN NERO.SE CI SONO RLS CHE VOGLIONO SCRIVERMI (QUALCUNO L'HA FATTO), O LAVORATORI QUALSIASI, ASPETTO LE VOSTRE EMAIL.SALUTI.MARCO BAZZONI-RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA.

Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 22:55| 
 |
Rispondi al commento

8 MARZO GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA
Autore: Gi ac om oJ.Mon tana


Domani si vedranno circolare mazzetti di mimose, in quanto scelte come rappresentative della Festa della donna. Nel 1946 a Roma, l'Unione donne italiane (U.D.I .) per ricordare le ingiustizie subite dalle donne organizzava per la prima volta del dopoguerra la festa dedicata interamente alle donne. In questo modo si intendeva soprattutto promuovere un vero riconoscimento dei loro diritti sociali, economici e politici, unitamente alla libertà nella maternità, autonomia con il lavoro e protagonismo nella società. Nacquero così anno dopo anno anche tanti slogan come per esempio: "La metà del cielo è l'altra faccia del mondo", "La vita di tutte può cambiare se la prendiamo nelle nostre mani", "Solidarietà tra donne", "Autodeterminazione", "Tra uccidere e morire c'è una terza via: vivere", "Riconoscere i segni della nostra identità per una politica delle donne, oggi" ecc.....Segue in bassoSisu...

Gi ac omo J.M on ta n a. 07.03.07 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Seguito-diSisu...Oggi però quegli anni detti: "con la punta di diamante" per la giusta presa di posizione delle donne, sono finiti ed è rimasta solo la festa. Io credo che siamo giunti ad un livello di civiltà nel quale la donna dovrebbe essere rispettata, quasi a livello di analogo festeggiamento ogni giorno dell'anno e non maltrattata nei posti di lavoro e in famiglia (mobbing) e poi vedersi dedicare attenzione, rispetto e festeggiamento solo un giorno all'anno: l'8 marzo. La solidarietà tra donne e le loro conquiste non avrebbero dovuto sgretolarsi, avrebbero dovuto proseguire il cammino contro ogni ignominia e abuso con l'unità tra donne. Invece se ne sentono dire di tutti i colori e ognuno pensa solo per sé, senza prestare orecchio alle donne violentate, abusate e torturate in mille modi diversi. Una volta un altro slogan delle donne così recitava: " Parliamo noi di liberazione, di vita, di pace contro la violenza, la morte, la guerra" Dov'è stata cacciata oggi quella voce, la parola, il diritto delle donne? Oggi i partiti politici sono tornati ad essere invisibili per le loro inerzie croniche e di riflesso anche la figura della donna si è sbiadita o arenata e ha fatto inconfutabilmente dei "passi" indietro. Per sfuggire ai rischi della più crudele ingiustizia, per essere al tempo stesso liberi anche nel mondo femminile, in una società politica vera e quindi civile, penso che la donna dovrebbe riorganizzarsi e ritrovare l'unità, il rispetto e l'emancipazione che per diritto merita, confrontando il giusto cambiamento che dovrebbe andare di pari passo con le esigenze d'una società civile. L'esperienza storica deve proseguire il cammino da dove è stato interrotto, perché, anche in tale ambito, possa consentire di attenersi alla realtà concreta dell'onda del progresso e così recuperare davvero il significato di ciò che di più valido ha prodotto l'esperienza storica sull'emancipazione della donna. Per un esempio di vili ABUSI sulla donna: cliccare sul nome sotto.

Gi ac omo J.M on ta n a. 07.03.07 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Io ho perso una metà della mia gamba in una grossa azienda vinicola, che mi ha trattato come un' animale che può creare dei problemi perchè ha avuto l' ardire di reagire per dimostrare che la colpa non era del sottoscritto.
Il sottoscritto ha provato a chiedere aiuto a tutte le forze politiche, ho detto TUTTE, comprese quelle che si fanno chiamare sindacati...risultato?
Ho lottato da solo per 8 anni per un risarcimento economico, ottenendo il 50% rispetto al valore richiesto e facendo guadagnare un po' di soldi anche all' INAIL(a forza di migliaia di Euro altro che miliardi ti fai, caro Grillo!!)
Il tutto si è limitato ad un procedimento civile, mentre il penale, grazie a qualche Santo (soldo e/o politico), è stato chiuso senza nemmeno ascoltare la mia testimonianza....
La mia conclusione?
Non serve l' INAIL se non ci sono dei sindacati che lavorano per migliorare la qualità del lavoro, che non significa solo lo stipendio, ma sopratutto la organizzazione e la valorizzazione del lavoratore come colui che deve eseguire in modo ottimale un servizio per se stesso e per la società in cui lavora.
CIoè, se tutti lavorano bene ed in buone condizioni avremo un' economia dinamica se avremo storpi,furbi ed incapaci in quantità superiore al resto del Mondo rimarremo un Paese del Terzo Mondo.
IO ho lottato, per ottenere poco, ma spero che altri riescano a fare di più....

Carlo Grava Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,la sicurezza sul lavoro??????????
La settimana scorsa in un noto cantiere di
nautica e' morto un ragazzo di 24 anni.
LA piu' grossa preoccupazione dei responsabili??
PEr quanti giorni sarebbero dovuti stare fermi,visto che il luogo dell'incidente e' stato messo sotto sequestro, per le dovute indagini da parte delle autorita'.....!!!!!
Vogliamo continuare????????????????????????????
NO,mi viene solo da portare il dovuto rispetto a
questo ragazzo e a tutti quelli che hanno perso la vita in modi..............................

Ciarlini Fabio

Fabio Ciarlini 07.03.07 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Beppe come sei all'antica!
Aggiornati.
La sicurezza, nei cantieri e non solo, è un costo, la mancanza di sicurezza invece un risparmio. Questo è moderno!
Fa parte del moderno modo di pensare il lavoro, in linea col lavoro nero legalizzato ( la cocopro-stituzione), la fine dell'era delle pensioni, e la flessibilità contronatura.

Se un'azienda può guadagnare di più ci rinuncia?
Non credo.

Allora guardiamo avanti invece che indietro.
Lo statuto dei lavoratori è sparito, come per incanto, e ora dobbiamo pensare in modo nuovo questo radioso futuro che ci si prospetta.

Per esempio, non si potrebbe pensare a una forma di proprietà del lavoratore da parte dell'azienda?
In questo modo se un uomo perde la vita sul lavoro, l'azienda non dovrà preoccuparsi di regolarizzarlo postumo, o addirittura di risarcirlo, ma potrebbe invece trasformare la cosa in una forma di profitto.
Potrebbe per esempio vendere gli organi che non sono rovinati. In questo modo il lavoratore sarebbe riciclato: concetto moderno, appunto.

Poi se frutta bene magari si potrebbero prendere i lavoratori per trasformarli direttamente in organi da vendere, senza passare per la fase produttiva, che rende meno e usura.
Ma a questo arriveremo solo in futuro, e ci penseranno gli scienziatoni del governo.
Per ora accontentiamoci, e gioiamo, che la nostra economia prospera.

Fabrizio Castellana Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 18:37| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Eh si caro Beppe, questo è un argomento che scotta!
Purtroppo per chi è in questo campo,la realtà è fatta di Leggi complicate (etica delle buone intenzioni), fondi e personale insufficiente per l'ottemperanza di leggi e controlli, imprese disorganizzate, datori di lavoro improvvisati, e chi più ne ha più ne metta!!
Chi sta leggendo ed ha la disgrazia di assistere ai lavori in cantieri sa di cosa sto parlando.
E pensare che ci sarebbero davvero tutti i mezzi per diventare un paese civile come tutti gli altri anche in questa materia.
Il problema è che le Leggi e le norme vengono sempre pubblicate per le grandi opere dientando complesse, tralasciando il fatto che l'Italia è fatta da microimprese che operano nei cantieri come dei veri e propri Kamicaze!!
Nelle opee pubbliche come in quelle private la grande impesa subappalta, i subappaltatori subappaltano ad imprese ancora più piccole, e queste imprese si rivolgono ad artigiani (4 livelli che devono ricavare utile d'impresa!!).In cantiere si trovano spesso 50 artigiani pagati a cottimo, con l'acqua alla gola per la precarietà del lavoro!!
Il sistema deve cambiare dal basso...basta con le grandi Leggi per le Grandi opere!!
Se a casa mia viene un elettricista a fare un lavoro deve prendere le giuste precauzioni come se andasse all'ultimo piano di un grattacielo in costruzione.
E i progettisti...solo questione di budget...se i soldi su un progetto non bastano sai quali fondi saltano?...Quelli sulla sicurezza!!Tanto chi li vede?
La situazione per gli addetti ai lavori è davvero pazzesca, salvo poche eccezioni!
Ciao Beppe e speriamo in qualche miglioramento!

Andrea A. Commentatore certificato 07.03.07 18:12| 
 |
Rispondi al commento

sante parole:

Il guaio più grave nella vita non è quando parole quali: falsità, odio, schiavitù, guerra, slealtà, ingiustizia…ti si ritorcono contro, poiché ciò è… “normale”.
Il guaio più grave nella vita è quando a ritorcersi contro di te, sono parole quali: Verità (o Sincerità),Amore, Libertà, Pace, Lealtà, Giustizia. Poiché ciò… non è normale.
"Beati coloro che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno giustiziati". Così, vanno le cose..

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 07.03.07 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Probabilemente non ha senso lasciare il 900esimo commento, ma lo faccio lo stesso.
Sul tema della sicurezza sul lavoro sta uscendo un libro, che ricorda un fatto grave.
E' scritto da un amico ma vale leggerlo.
A questo link, le informazioni.
http://buionave.splinder.com/
Ciao


Daniela Patanè 07.03.07 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Anche ieri tre morti bianche, solo in Lombardia.
...intanto si scopre, ma chi è attento lo sapeva già da tempo, che i portaborse dei Parlamentari lavorano in nero, spesso senza contratto.
Ovviamente la cosa viene scoperta da una trasmissione televisiva "comica" (Le Iene). Mi chiedo: ma i sindacati che c...o esistono a fare?
E' possibile che non sapessero niente? Io non credo, penso però che abbiano preferito non toccare i politici, chissà come mai...

Andrea Varisco 07.03.07 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Leggo solo adesso e rispondo.
Confermo che il contenuto della lettera servita a Grillo per porre un falso problema è del tutto non veritiero proprio alla luce di quanto affermato nella sentenza della Corte di giustizia.
Quello che sbalordisce è che un sindacalista utilizzi per replicare la lettera di un imprenditore che è chiaramente favorevole al superamento dell'impostazione solidaristica in materia di assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro.
E' quella che Marx definiva "alienazione" nel senso di non coscienza dei propri interessi di classe da parte dei proletari che si ritrovano a difendere interessi ostili.
Nel merito ha replicato benissimo la lettera che mi precede.
Il grande problema delle rappresentanze sindacali è lo spaventoso deficiti di conoscenze giuridico-economiche rispetto a quelle politico-ciarlatanesche.
Questo porta ad eleggere il "compagno" che la spara più grossa rispetto a quello più preparato.
Ripeto auguri per i lavoratori che non sono messi tanto bene con tanto "rappresentante".


Voglio pensare che il Signor Paris sia semplicemente non informato, comunque non è assolutamente vero che l'INAIL non tenga conto dell'andamento infortunistico favorevole. I tassi oscillano tutti gli anni in base all'andamento infortunistico osservato. Rispetto al tasso medio l'oscillazione può arrivare - in più od in meno - anche al 35%. Prendendo anche solo le piccole ditte - che hanno andamenti infortunistici statisticamente meno significativi - l'oscillazione arriva al 22%. A questa, calcolata d'ufficio per tutti i datori di lavoro, si aggiunge l'oscillazione a domanda per le aziende che hanno investito in sicurezza. Qui si parla di uno sconto del 10% per le ditte medio piccole e del 5% per le grandi che si somma algebricamente con l'oscillazione calcolata d'ufficio. Un'azienda virtuosa normale può quindi arrivare ad uno sconto del 32%. Di tutto questo nella lettera non c'è la minima traccia.

PIERO LI PERA 07.03.07 14:12| 
 |
Rispondi al commento

LA CRISI DELLA COSCIENZA ITALIANA
Autore: Gi acomoMo nt ana


Ogni giorno si verificano innumerevoli incidenti, gran parte di essi si verificano sui posti di lavoro. Non si tratta solo di eventi gravi, ma di ciò che in gran parte si potrebbe benissimo evitare con la prudenza, l'attenzione, la prevenzione. E' esattamente la vasta varietà di questi incidenti, e il loro progressivo moltiplicarsi, che ci sottolinea la portata della complessità dell'aggressione spesso fatale che viene subita da parecchi cittadini. Una riflessione di questo genere però, per vari interessi più o meno noti, ...Segue sotto...

Gi ac omo J.M on ta n a. 07.03.07 13:58| 
 |
Rispondi al commento

LA CRISI DELLA COSCIENZA ITALIANA
Autore: Gi acomoMo nt ana


Ogni giorno si verificano innumerevoli incidenti, gran parte di essi si verificano sui posti di lavoro. Non si tratta solo di eventi gravi, ma di ciò che in gran parte si potrebbe benissimo evitare con la prudenza, l'attenzione, la prevenzione. E' esattamente la vasta varietà di questi incidenti, e il loro progressivo moltiplicarsi, che ci sottolinea la portata della complessità dell'aggressione spesso fatale che viene subita da parecchi cittadini. Una riflessione di questo genere però, per vari interessi più o meno noti, ...Segue sotto...

Gi ac omo J.M on ta n a. 07.03.07 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Seguito...provvedimenti fattivi che tutelino seriamente tante vite umane. Sempre più spesso vengono del tutto ignorate! Per accorgersi di questo basta che si rifletta sulle notizie riportate sui quotidiani o comunicate dalla radio o dalla televisione. Ma non meno significativa della strafottenza si presenta la maniera con la quale spesso gli incidenti vengono comunicati alla gente. Si liquida l'informazione in poche parole, in modo da produrre scarsa attenzione o interesse. Se ogni morto in un incidente potesse parlare di questo immenso complessivo squallore, sicuramente esporrebbe la più inimmaginabile e drammatica disapprovazione. Peccato che questo non è possibile farlo accadere e ci dobbiamo accontentare dell'immaginazione. Ogni sistema impostato in modo fuorviante, che causa superficialità, disattenzione e egoismo, è anch'esso un sistema decisamente criminale, perché facilita il perdurare di questa piaga sociale, trascurando l'urgente necessità di intervento preventivo-fattivo. Si da troppa importanza a notizie politiche di poco conto e si insabbia subito quello che dovrebbe rafforzare il progresso. Succede questo, perché, oggi più che mai, noi cittadini veniamo privati illecitamente dell'eguaglianza! Se per esempio muore un operaio padre di famiglia con un incidente sul lavoro, alla notizia del triste evento, gli si può dare poco spazio, perché viene considerato meno grave di quando muore di morte naturale qualche noto personaggio. Questa è vera disumanità! L'uguaglianza dovrebbe essere parte integrante della democrazia, altrimenti che razza di democrazia è? A mio parere la libertà e la democrazia finiscono laddove non c'è uguaglianza. Non si può più parlare di democrazia ove questa non è combinata con l'uguaglianza, perché in tal caso si ha una finta libertà, una finta giustizia e una finta politica.

R._a.-spu.t-in 07.03.07 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Seguito...provvedimenti fattivi che tutelino seriamente tante vite umane. Sempre più spesso vengono del tutto ignorate! Per accorgersi di questo basta che si rifletta sulle notizie riportate sui quotidiani o comunicate dalla radio o dalla televisione. Ma non meno significativa della strafottenza si presenta la maniera con la quale spesso gli incidenti vengono comunicati alla gente. Si liquida l'informazione in poche parole, in modo da produrre scarsa attenzione o interesse. Se ogni morto in un incidente potesse parlare di questo immenso complessivo squallore, sicuramente esporrebbe la più inimmaginabile e drammatica disapprovazione. Peccato che questo non è possibile farlo accadere e ci dobbiamo accontentare dell'immaginazione. Ogni sistema impostato in modo fuorviante, che causa superficialità, disattenzione e egoismo, è anch'esso un sistema decisamente criminale, perché facilita il perdurare di questa piaga sociale, trascurando l'urgente necessità di intervento preventivo-fattivo. Si da troppa importanza a notizie politiche di poco conto e si insabbia subito quello che dovrebbe rafforzare il progresso. Succede questo, perché, oggi più che mai, noi cittadini veniamo privati illecitamente dell'eguaglianza! Se per esempio muore un operaio padre di famiglia con un incidente sul lavoro, alla notizia del triste evento, gli si può dare poco spazio, perché viene considerato meno grave di quando muore di morte naturale qualche noto personaggio. Questa è vera disumanità! L'uguaglianza dovrebbe essere parte integrante della democrazia, altrimenti che razza di democrazia è? A mio parere la libertà e la democrazia finiscono laddove non c'è uguaglianza. Non si può più parlare di democrazia ove questa non è combinata con l'uguaglianza, perché in tal caso si ha una finta libertà, una finta giustizia e una finta politica.

R._a.-spu.t-in 07.03.07 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
quello degli infortuni sul lavoro è sicuramente uno dei più grandi problemi del nostro Paese, che chissà perchè fa meno notizia degli incidenti stradali, e hai fatto benissimo a sottolineralo. Lavoro all'Inail e mi permetto di fare qualche precisazione.
In caso di infortunio il datore di lavoro non corrisponde nulla al lavoratore che viene totalmente indennizzato dall'Inail, mentre la rendita in caso di invalidità viene calcolata sulla base delle retribuzioni dei 12 mesi precedenti e viene ogni anno rivalutata.
Per quanto riguarda l'Inail non trovo affatto scandaloso che un ente pubblico (forse l'unico caso) chiuda un bilancio in attivo; semmai quello che l'istituto dovrebbe fare è investire questi utili nella prevenzione (cosa che lo distinguerebbe dalle assicurazioni private) incentivando e se necessario obbligando i datori di lavoro ad adottare misure idonee a prevenire gli infortuni, con interventi maggiori e diversi da quelli finora utilizzati che evidentemente danno scarsi risultati. Poichè è l'imprenditore a beneficiare dei frutti del lavoro è giusto che sia questi e non lo Stato (cioè tutti noi) a sopportare i costi che il lavoro comporta.
Ciao e continua così.

giuseppe b. Commentatore certificato 07.03.07 13:35| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ma quante cose dobbiamo chiedere a quei 158 scapestrati? Quelli che ci(?) rappresentano?
Ad Andreotti, Pinifarina, nonno Felice &co.?

E quando arriverà (dite di no?) il governo degli appaltatori-costruttori-abrogatorididiritti? Come gliele chiederemo, con i blog?

Prepariamoci a dipingere il muro. Stanno per metterlo su di nuovo.

Io vado a comprare i colori.
Qualcuno porti una scala.

riccardo iorio Commentatore certificato 07.03.07 12:53| 
 |
Rispondi al commento

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼
S
A
L
V
A
L
E
.
B
L
O
G
.
T
I
S
C
A
L
I
.
I
T
▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼
S
A
L
V
A
L
E
.
B
L
O
G
.
T
I
S
C
A
L
I
.
I
T
▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼
S
A
L
V
A
L
E
.
B
L
O
G
.
T
I
S
C
A
L
I
.
I
T

VIENI A PRENDERMI! TI STO ASPETTANDO! 07.03.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Lili Milli 07.03.07 11:34

PER UNA VOLTA NELLA VITA SONO ALMENO IN PARTE D'ACCORDO CON TE SE NON FOSSE CHE SONO UN CONVINTO ANTIFASCISTA E ANTINAZISTA MA NON RIESCO PIU'A SCRIVERE NULLA CHE DOPO UN PO'PUFF!SPARISCE URGE UNA TREGUA CHIARIFICATRICE.CHE NE PENSI?

SERGIO M. 07.03.07 12:18

Se è per questo sono anti-comunista/fascista/nazista! Il problema è però che - mentre i commenti anti-fascista/nazista non li censurano - censurano invece e con metodo quelli anti-comunista. Strano direi.

Lili Milli 07.03.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Due morti bianche in parlamento? Quelli vivono fino a mille anni!

Paolo Schena 07.03.07 12:30| 
 |
Rispondi al commento

L'AUSTRALIA SFRUTTA L'ENERGIA DELLE ONDE

Http://futuribilepassato.blogspot.com

ragazzi qualche commento tenetelo anche per il mio bloggetto!

Luke T 07.03.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Windows VISTA, un pericolo alla tua libertà!

VISTA pone seri problemi per quanto riguarda la liberta' dell'utente e l'interoperabilita' tra i vari sistemi.

E' giusto che le persone meno informatizzate ne vengano a conoscenza per evitare che l'acquisto inconsapevole ricada poi su loro stessi e su tutti gli altri.

Pubblicizzato come innovativo e rivoluzionario, assieme a qualche bell'effetto grafico e funzionalita' di sicurezza migliori, include anche molte restrizioni per l'utente !!!

Restrizioni che Microsoft, Stampa e Negozianti cercheranno di tenervi nascoste il piu' possibile.

Avete mai sentito parlare di Trusted Computing detto anche TC ? Palladium ? DRM ?

Un'anticipazione sono le attuali tecnologie DRM che vi impediranno di copiare i cd audio o dvd, ma anche di vederli su pc diversi o guardarli su tutti i lettori.

Il DRM permette a Microsoft ed alle aziende dei media di:

- Decidere quali programmi tu puoi o meno usare sul tuo computer

- Decidere quali funzionalità del tuo compuuter o software tu puoi utilizzare in ogni momento

- Forzarti ad installare nuovi programmi anche se tu non vuoi (e, ovviamente, pagando per tale privilegio)

- Limitare il tuo accesso a determinati programmi e perfino ai file di dati tuoi

Tu provi a fare qualosa ed il tuo computer ti dice che non puoi.

Per renderlo possibile, il tuo computer deve controllare costantemente cosa stai facendo.

Tale controllo utilizza potenza di calcolo e memoria ed è in buona sostanza il motivo per cui Microsoft ti invita all'acquisto di hardware nuovo e con prestazioni più elevate per poter far funzionare Vista.

Vogliono farti acquistare nuovo hardware non perché ne hai bisogno, ma perché ne ha bisogno il tuo computer per essere più efficiente nel limitare ciò che tu puoi fare.

Poiché esse sono progettate per fare in modo che il tuo computer smetta di aver fiducia in te ed inizi ad aver fiducia in Microsoft.


www.no1984.org/Fermiamo_Windows_Vista%21

www.no1984.org 07.03.07 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,il problema in questione,purtroppo è molto attuale.
Quello che hai scritto,l'ho condivido pienamente,ma gli anni passano e la situazione cambia poco,per non dire nulla.
I datori di lavoro,vogliono sempre risparmiare sulle misure di sicurezza e quando decidono di spendere qualche spicciolo è sempre per evitare multe salate.
Il bello è che ogni volta che succede un infortunio sul lavoro,subito c'è sempre una commissione,per stabilire l'eventuale responsabilità,da parte dell'operaio,o se ha agito secondo le norme sicurezza.
Purtroppo a volte può capitare,che ci possa essere una distrazione,da parte del lavoratore.
Ma la gente si è mai resa conto delle ragioni di queste,chiamiamole distrazioni?
Ogni giorno sul lavoro,la produttività è alta,all'operaio si richiedono dei ritmi pazzeschi,a volte insostenibili,insomma c'è sempre da pedalare,da camminare come dei treni ed è ovvio che in queste condizioni,l'errore è dietro l'angolo.
Allora a quel punto i padroni ti vengono a dire:
non sei stato attento,ti sei distratto,dove hai la testa?
Ma porca miseria,l'ho vogliono capire che questi ritmi sono insostenibili?
I padroni seguono sempre la logica della produzione e delle condizioni del lavoratore,se ne fregano altamente.
Per loro l'importante è avere la produzione,poi se a l'operaio gli chiappa un colpo,non importa.
A volte c'è appena il tempo,per andare in bagno a fare una pisciata.
Ormai siamo ridotti a macchine a schiavi,ma che dico peggio degli schiavi.
A me per esempio è capitato di infortunarmi,circa dieci anni fa,procurandomi accidentalmente un taglio alla mano,quando lavoravo in un calzaturificio.
Andai agli infortuni e all'ospedale mi soturarono il taglio con dei punti.
Ebbene,il giorno dopo il padrone mi telefonò a casa arrabbiatissimo,dicendomi che sarei dovuto rivolgermi alla mutua,anzichè all'Inail.
Vi rendete conto?
Ma i sindacati,cosa ci sono a fare a grattarsi le scatole?
Per cui,se nn cambia la mentalità,saremo sempre a lamentarci

Claudio Pellegrini 07.03.07 12:06| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE VORREI TANTO CAPIRE COME FUNZIONA QUESTO BLOG,SE C'E'QUALCUNO CHE COME ME VUOLE RICHIAMARE L'ATTENZIONE SU ALTRI TEMI DI DIVERSA IMPORTANZA (NON DICO MIGLIORI ME NE GUARDEREI BENE).POSSIBILE VENGA "TACCIATO"PERCHE'FUORI TEMA? SCUSATE L'INTRUSIONE ATTENDO RISPOSTE.

sergio magis 07.03.07 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Grillo e Staff di Grillo inclusi i noti Stirner, Bellandi, Bassi & Co.

Ragazzi adesso si fa sul serio. Volete giocare censurando commenti inoffensivi ma scomodi perché anti-comunisti? Bene, i giochi sono aperti, dopo però niente lamentele !

Come funziona il vostro gioco?

Dopo aver censurato (anche durante la notte) fate apparire il blog "allineato", ovvero con una maggioranza di consensi per le pattumate che avete scritto.

Ebbene, questa storia finisce, non lo farete più così spesso !

Ai bloggers: chi di voi ha fatto le stesse esperienze?

Lili Milli 07.03.07 11:34| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Convinciamo Beppe a candidarsi alle prossime elezioni.

Per la "par condicio" potrà cosi finalmente accedere alle tribune elettorali in TV e dire finalmente la sua (la nostra) attraverso i media, e non potranno impedirlo.

www.petitiononline.com/bgfpres/petition.html

Firmate, firmate, firmate!!! E mandate il link a tutti i vostri amici!!!

e tu, Beppe, URLA!!!

Massimiliano Monopoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 11:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Vorrei un funerale di stato con tanto di onori per ogni morto sul lavoro, come per ogni morto in divisa, dall'Iraq agli stadi passando dai mercenari vari che "servono la patria". forse quello dei cantieri e delle miniere delle officine e dei campi non è un lavoro abbastanza dignitoso, forse non basta essere cittadini per essere morti e ricordati. Dumont

Luca Delmonte 07.03.07 10:57| 
 |
Rispondi al commento

hanno sequestrato una spia italiana i TALEBANI.

POPOLO c'è un mondo sotterraneo di spie e sottospecie di demoni .
pRODI e D'alema sono in allarme .
secondo me il 50 % dei giornalisti in italia sono spie assoldate dai servizi segreti .

trash !!!

romualdo s. Commentatore certificato 07.03.07 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Gente: in pochi giorni abbiamo superato quota 91.000 firme!!!

Vediamo quanti minuti ci mettiamo a raggiungere le 92.000!
E divulgate la notizia!

PETIZIONE: AUTO AD IDROGENO SUBITO! (sito di appoggio alla petizione www.automobileidrogeno.com)

Indirizzato alla: COMMISSIONE EUROPEA (DIPARTIMENTO PER L’AMBIENTE)

Noi Italiani vogliamo essere i primi nel mondo a creare una legge che obblighi le multinazionali petrolifere ad installare distributori di idrogeno accanto ai convenzionali distributori di benzina?

CON QUESTA PETIZIONE CHIEDIAMO UNA LEGGE CHE OBBLIGHI LE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO AD INSTALLARE DISTRIBUTORI MULTIENERGY (METANO, IDROGENO) IN OGNI STAZIONE DI SERVIZIO ITALIANA E A PRODURRE IDROGENO UTILIZZANDO ENERGIE ALTERNATIVE! FIRMA PER L’INDIPENDENZA ENERGETICA!

http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html

Carlo Casella Commentatore certificato 07.03.07 10:00| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno,
ieri ho provato ad inserire commenti su alcune lettere, non ho ricevuto alcuna risposta dai mittenti.
sarà anche giusto così, ma se sul post è scritto commenta , e poi discussione, io che scrivo vorrei avere pareri contrari e favorevoli, altrimenti che discussione è?
in passato ho scritto lettere, ed ho sempre risposto ai commenti, creando delle piccole discussioni.
quindi se scrivete lettere, e vi rispondono, abbiate la compiacenza e l'educazione di rispondere.
saluti
bruno

bruno gualdi Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 08:37| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ITALIA HA RECEPITO LE DIRETTIVE CEE SULLE PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO.(D.Lgs 626/94, D.Lgs 494/96) E NON DA IERI, SAPETE?!Queste direttive prevedono tutta una serie di figure, di responsabilità, di formazione e informazione dei lavoratori (che cmq E' OBBLIGATORIAMENTE A CARICO DEL DATORE DI LAVORO).ABBIAMO L'ISPETTORATO DEL LAVORO, ABBIAMO L'ISPESL, L'INAIL E TUTTA UNA PLETORA DI ENTI CHE DOVREBBERO VIGILARE SULL'APPLICAZIONE DI QUESTE DUE LEGGI.EH OK, POSSO CAPIRE CHE A LORO SFUGGA IL CONTROLLO SU UN CANTIERE IN NERO MA CAXXO, GLI INFORTUNI MORTALI E NON MORTALI GRAVI ACCADONO ANCHE NEI CANTIERI PUBBLICI.CI SARA' QUALCOSA CHE NON VA????? NON DO TUTTA LA COLPA AGLI ENTI DI VIGILANZA PERCHE' è VERO CHE SPESSO è IL DATORE DI LAVORO IL PRIMO CHE NON FORMA E INFORMA IL LAVORATORE SULLA SICUREZZA ED E' PURE VERO CHE IN QUALCHE CASO POTREBBE ANCHE ESSERE IL LAVORATORE CHE VOLUTAMENTE NON SI TUTELA CON LA SICUREZZA. PERO'... CARI ENTI DI VIGILANZA, CARO ISPETTORATO DEL LAVORO, CARA INAIL, MA VOI CHE CI STATE A FARE? SCOMMETTO CHE MOLTI LETTORI DI QUESTO BLOG LA RISPOSTA LA CONOSCONO.
con amicizia.

skellig . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.03.07 07:51| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

una poesia per tutti noi...

IL COLMO
dedizione al lavoro
devozione alla compagnia
ripagate con licenziamento
con malattia terminale

Aurelio Bertolino 07.03.07 07:29| 
 |
Rispondi al commento

ringrazio per aver postato la mia poesia :LE MORTI BIANCHE...michael santhers


Incentivi euro4 ecologici od inquinanti?

Meglio incentivi per l'auto o incentivi per il fotovoltaico?

Facciomo due conti:
s'incentiva l'acquisto di nuove euro4 per la rottamazione di euro0 ed euro1, questo al beneficio della rottamazione contrapone, oltre l'inquinamento per produrre una nuova auto, lo spreco di risorse per l'acquisto di un'auto nuova, e cioè circa 15.000 euro, con quella cifra si realizza un impianto fotovoltaico da 2 kw compreso il pannello solare per l'acqua calda.
Forse sarebbe stato più positivo sia economicamente che ecologicamente dare l'incentivo per l'acquisto di auto usate euro3 ed euro4, almeno diminuiva il numero di auto in circolazione, ma sembra non ci basti ancora avere il più alto numero di auto pro capite d'europa.

L'incentivo costerà circa 1 miliardo di euro all'anno.

CONFRONTO CON IL FOTOVOLTAICO
L'incentivo per il fotovoltaico ha un costo per unità di MW installati pari a:
1 Kw produce mediamente circa 1.300 kwh all'anno che vengono pagate 0.44 euro
quindi (0.44 x 1300)= 572 euro
1 MW equivale a 1.000 KW

di conseguenza per ogni MW installato vengono pagati (572 x 1000)= 572.000 euro
cioè 0.572 milioni di euro

l'incentivo rottamazione costa circa 1.000 milioni di euro all'anno

con quella cifra si pagano per un anno gli incentivi a (1.000 : 0.572)= 1.750 MW di fotovoltaico

1.750 MW
con impianti medi di 3 Kw equivalgono a:
(1.750.000 : 3)= 583.000 impianti per altrettante unità abitative.

Chi può utilizzi il Nuovo Conto Energia, per conoscerlo meglio, testo, presentazione ed altro materiale clicca mio nome.
Ciao

marco bianchi 07.03.07 02:16| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento


************************************************
Ad enti statali o parastatali, come l'INAIL, non dovrebbe essere permesso PER LEGGE di accumulare UTILI, e nel caso si producessero comunque in un determinato anno, dovrebbero essere subito utilizzati per abbassare le tariffe applicate od aumentare e/o migliorare le prestazioni fornite (economiche e/o dei servizi) per cui tali enti sono stati istituiti.

Impedendo l'ACCUMULO DEGLI UTILI per altro si renderebbe più arduo a politici ed amministratori disonesti il poter effettuare strane transazioni fraudolente, che in Italia rappresentano un'attività tutt'altro che OCCASIONALE ...
*************************************************

Renato G. Commentatore certificato 07.03.07 01:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, hanno lottato tanto i nostri nonni e padri per ottere quei diritti che danno dignità e sicurezza a una persona e che oggi li vedo svanire piano piano rendendo la persona una nullità.

luciano v. 07.03.07 00:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

a como il lavoro nero è facile,si fa venire gente da milano e la si fa lavorare come muratori in luoghi ove il comune di como ha rilasciato permessi talmente falsi da essere inesistenti,i danni poi sono a carico del contribuente italiano.facile no?

gae rossi 07.03.07 00:19| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Non una manifestazione di protesta, non una marcia della pace contro i barbari talebani, contro i terroristi estremisti islamici dell'oriente e dell'estremo oriente.
Non uno sciopero, non un corteo o un'assemblea studentesca, in un comune d'Italia, contro questi barbari dell'11 settembre. Che però cercano aiuti, pretendono aiuti dall'occidente.
Invece, registriamo in Europa e in Asia solo manifestazioni contro gli Usa e la Nato, contro l'Onu e l'occidente e i suoi valori. Le nostre bandiere vengono bruciate nell'indifferenza dell'Eurabia.
Signori, se perdiamo la guerra in Afghanistan e in Iraq contro lorsignori padroni dell'oppio, del fanatismo, delle donne in burka e della guerra, l'Europa - ho ragione di credere - farà la fine dell'Afghanistan e di Bagdad.
La guerra entrerà nelle nostre città come mai avremmo potuto immaginare.
Vinciamo presto questa guerra, vinciamola sui campi di battaglia, vinciamola per i nostri figli, per la nostra civiltà, vinciamola sui giornali, perchè se dimostramo di avere paura l'abbiamo già persa.

Nicola F. Commentatore certificato 06.03.07 23:38| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro è stata la prima assicurazione sociale del nostro paese (1898), proprio per la gravità ed il senso di ingiustizia che genera il danno che il lavoratore subisce per arricchire il proprio datore di lavoro. Il fenomeno ha ancora dimensioni importanti, ma negli ultimi anni sono stati fatti importanti passi avanti. Ormai dal 2002 siamo sotto il milione di infortuni denunciati, con cali sempre più marcati. Nel quinquennio 2001 - 2005 gli infortuni sono diminuiti del 8,2% in termini assoluti e del 12,1% tenendo conto delle variazioni nel numero totale dei lavoratori occupati. Sono risultati importantissimi tenendo presente l'oggettiva difficoltà di aggredire le tante sfaccettature del fenomeno. Dal punto di vista degli "utili", è chiaro che l'INAIL è un ente pubblico e non ha senso parlare di utili. Per motivi che sarebbe troppo lungo spiegare, legati alle modalità di finanziamento delle rendite (le "pensioni" degli infortunati con grado di invalidità a partire dal 16%)è normale che vi sia un surplus, che l'ente, dovrebbe investire per costituire le riserve con cui pagare nel corso degli anni e decenni le rendite. Questo meccanismo è tuttavia saltato già da tempo sia per la voracità del nostro debito pubblico (l'avanzo dell'INAIL deve essere tenuto su un conto infruttifero del Tesoro) sia per l'ansia del potente di turno di utilizzare quei soldi (il cosiddetto "tesoro dell'INAIL") per accontentare qualche frangia del proprio elettorato di riferimento. In questo panorama sembra che a nessuno venga in mente di dire che 1) il surplus dovuto al particolare meccanismo di finanziamento deve essere messo a reddito a garanzia delle rendite; 2) l'ulteriore surplus deve essere utilizzato in modo equo, per abbassare i premi dovuti dai datori di lavoro, per migliorare le prestazioni e per investire sulla prevenzione - specie delle piccole e medie imprese - che è l'unica politica in grado di combattere il lavoro che storpia ed uccide

Raniero Col Commentatore certificato 06.03.07 23:12| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Se vogliamo davvero essere d'aiuto diamo i soldi a emergency.
Del resto lo scrivi anche tu nel tuo post: i militari ci vanno per il beneficio proprio e di quello della loro famiglia, in altre parole per soldi.
Mario Angelino Commentatore certificato 06.03.07 21:25
-------------------------------------------------------

I militari sono dipendenti dello Stato, hanno una famiglia da mantenere, fanno un lavoro non proprio semplice, a volte pericoloso, non cantano canzonette, nè corrono in mutande dietro ad un pallone. E non sono loro a scegliere per esempio di restare in Afganistan in un momento come questo, ma hanno un lavoro da fare e lo fanno, e restano, rischiando la vita, quindi e' giusto che il rischio venga ricompensato. Per esempio, l'operaio grafico che ha da lavorare con i macchinari, prende sensibilmente di più del grafico disegnatore, per ovvi motivi, e nessuno dice niente, per ovvi motivi.

Quanto alla bislacca idea che si debbano dare altri soldi a quei multimiliardari snob di emergency, non so chi te la abbia messa in testa, ma credimi, i soldi vanno dati a chi ne ha bisogno. E non mi venire a raccontare delle meraviglie che fanno, a me quelli che della povertà degli altri fanno un mestiere , non ispirano fiducia. Comunque informati bene.

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 06.03.07 23:06| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E singolare che i media ci bombardino con emergenze come il terrorismo (quante morti ci sono state in questi ultimi anni in italia per terrorismo? intendo sia BR che islamico), dedichino migliaia di ore di trasmissione a Cogne, ci abbiano ossessionato con l'aviaria (esiste ancora?); mentre toccano solo marginalmente argomenti come gli incidenti sul lavoro, circa 1300 morti l'anno, gli incidenti stradali, circa 6000 morti e 300mila feriti l'anno, o l'alcool con oltre 40.000 morti correlate l'anno.
La maggior parte degli infortuni sul lavoro è dovuta alla distrazione o imperizia dello stesso lavoratore; ma se anzichè creare emergenze dal nulla i media facessero una campagna di informazione sui veri problemi, si potrebbero salvare molte vite e molti invalidi. Se un giorno si e l'altro pure sentissi in televisione i dati disarmanti sugli infortuni nel lavoro, e le principali precauzioni da adottare per evitarli, al lavoro starei molto più concentrato.
I continui allarmi sul terrorismo non hanno mai salvato una vita

Gianluca S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


ATTENZIONE ATTENZIONE ATTENZIONE ATTENZIONE

CHI MI SEGUE DA TEMPO ANCHE SU ALTRI BLOG SA CHE HO SEMPRE CERCATO DI GUARDARE IN FACCIA LA REALTA' E DI NON CREARE FALSI ALLARMISMI, MA DEVO DIRE CHE QUESTO SITO RAPPRESENTA, PURTROPPO, IN TOTO LE MIE PAURE, OVVERO QUELLE DI UN'ITALIA SULL'ORLO DEL DISASTRO ECONOMICO-FINANZIARIO. I SEGNALI SONO TROPPO EVIDENTI.

VI SUPPLICO DI LEGGERE ATTENTAMENTE PERCHE' QUI C'E' VERAMENTE POCO DA SCHERZARE!

UN ABBRACCIO A TUTTI GLI ITALIANI!
VI VOGLIO BENE!

http://www.fottilitalia.com/resistere.php

Marco Presti (The original)) 06.03.07 22:32| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

X PIERO LI PERA.

DATO CHE QUEL CA... DI SINDACALISTA (COME MI HAI DEFINITO) CONFONDE GLI UTILI CON IL PROFITTO.
LEGGITI LA LETTERA DI QUESTO IMPRENDITORE.
INOLTRE SONO UN RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA, E NON RESPONSABILE PER LA SICUREZZA.

Caro Beppe,
purtroppo le cose stanno proprio cosi; l'Inail è un ente statale che macina utili, lo scorso anno non meno di 1miliardo500milioni di euro. La cosa gravissima è che questi "utili" sono retrocessi al tesoro italiano. Questo è assolutamente impossibile, perchè l'inail è un ente e non può distribuire utili. Ho posto più volte questo problema: se l'Inail è un azienda che distribuisce utili, allora il settore dell'assicurazione sugli infortuni sul lavoro deve essere liberalizzato, ed aperto alla concorrenza. L'inail è nato come un ente, e non può distribuire utili, perchè i soldi dovrebbero rimanere nel circuito, aumentando certo gli assegni per gli infortuni più gravi, e diminuendo i premi per le aziende più virtuose, che magari non hanno mai avuto infortuni nelle loro sedi. Ovviamente non è cosi: i soldi sono adoperati per gonfiare le tasche dei dirigenti Inail, e per ripianare i debiti dello stato italiano. Ho tre aziende in famiglia, due delle quali mai avuto infortuni da 30 anni a questa parte, e nonostante la finanziaria 2007 abbia imposto una piccola diminuzione dei premi per le aziende più virtuose, comunque si paga una cifra superiore a quella che potrei pagare in una qualsiesi compagnia assicurativa. Normalissimo che nessuna azienda è incentivata ad investire sulla sicurezza dei lavoratori, tanto il premio non diminuisce, e si scarica il pericolo sulla collettività e quindi sull'inail. Le procedure per i piani di prevenzioni inail e relativi finanziamenti sono cosi complicate e lunghe, che si preferisce non investire e fregarsene. E vogliamo parlare delle proprietà immobiliari dell'Inail? Il vero scandala in italia non è l'Inps, ma l'Inail.
In abbraccio

emanuele

emanuele paris


Marco Bazzoni Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 22:20| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ringraziamo questi governi uno di destra e laltro finto sinistra che sono riusciti ad incularci rubbandoci il tfr.

pisapia stefano 06.03.07 22:18| 
 |
Rispondi al commento

....

Gianluca S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 22:12| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo questo e' un tasto che tocca da vicino i padroni , percui e' meglio che le cose tacciano cosi.
ogni giorno sui cantieri muoiono tanti lavoratori e pure i telegiornali non mettonomai in risalto cio' che succede realmente ,ne danno solo un piccolotrafiletto .
guardate (con tutto il rispetto della sua morte e della sua famiglia)la morte di quel poliziotto come e' stata per giorni sulle pagine dei giornali con le foto della famiglia in lacrime ,collette adestra e a sinistra rammarichi dei nostri dipendenti , mentre quando muore un operaio finisceli e magari lascia una famiglia con tre.quatro, cinque figli e pure nessun telegiornale e nessun politicante veramente prende provvedimenti.

pisapia stefano 06.03.07 22:02| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ma non vi fa incazzare uno stato assurdo come questo??????

Lorenzi Paolo 06.03.07 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo for President!!!!!!!!!!!!!!!

Lorenzi Paolo 06.03.07 21:38| 
 |
Rispondi al commento

come si può vedere dai commenti, questo argomento non tira tanto, sarà forse perchè chi frequenta questo blog non è poi tanto abituato a fare lavori manuali, dove bisogna stare attenti a dove si mettono le mani le gambe o gl'occhi insomma in cantiere o in officina. come ho già avuto modo di dire sui vari post schiavi moderni. è pressochè inutile fare leggi leggine per la prevenzione, bisogna che chi fa determinati lavori sia coscente di quello che fà ci vuole attenzione e fare esperienza gradualmente, quando ho iniziato ad andare in cantiere circa 23 anni fà non c'erano tutti i regolamenti che ci sono ora, ma c'erano sicuramente più persone disposte a farti capire il mestiere, (e poi rubare sempre con gl'occhi)certamente un minimo di sicurezza ci doveva essere, ma oggi si esagera per esempio ci metterei chi a pensato la 626 tutto il giorno magari di luglio in officina a saldare e molare con:occhiali mascherina cuffie e magari anche grembiule in cuoio, per vedere come si sente a fine giornata minimo cambia lavoro. Anch'io sono invalido ho un acufeme bilaterale non ci sento un caz o ma non ho fatto domanda per l'invalidità, primo perchè mi hanno detto che non è stato il rumore a farmi diventar sordo secondo non mi piace andare a perdere tempo al'inail con tutta la burocrazia che c'è non la sopporterei, e terzo come dice forrest gump invalido è chi l'invalido fa. Secondo me chi a veramente avuto incidenti sul lavoro sono le persone che meno sono assistite, mentre chi prende fior di milioni dalle casse del'inail sono tutte persone intrallazzate che non ne avrebbero diritto.

Maurizio f. Commentatore certificato 06.03.07 21:37| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Un bel sito sui cimiteri virtuali in cui riposano le stars di hollywood http://www.seeing-stars.com

Fabrizio Neri 06.03.07 21:19| 
 |
Rispondi al commento

aspirazione divano....

matteo cecchi 06.03.07 20:32| 
 |
Rispondi al commento

IO PENSO CHE DIETRO AD UN INFORTUNIO CI SIA IL 50%
di responsabilità fra il lavoratore ed il datore.
io mi sono infortunato nel 1999 mi è caduta la sponda posteriore del cassone del camion a causa
della rottura di uno dei 2 perni di sostegno.
Ora dove sta il 50% ? il titolare non ne voleva
sapere di sostituire i perni perchè (diceva lui)
fermare il mezzo aveva dei costi.
da parte mia dovevo rifiutarmi di lavorare con un
mezzo in quelle condizioni. fatto sta che probabilmente se non lo guidavo io magari lo faceva un altro.....giudicate voi

gianpiero lampis 06.03.07 20:09| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

XXXX Fernanda Denni

dite che i militari vanno per i soldini, come fosse un peccato, a parte che non per tutti è così . Comunque anche quello del Militare è un lavoro, pericoloso e faticoso. E spesso lo fanno proprio i figli dei meno fortunati, quelli che non hanno il padre che gli può fare trovare il posto dal partito o non gli può permetter di giocare all'intellettuale in giacchetta rossa.E se un padre di famiglia che indossa la divisa, va a rischiare la pelle per fare strada e mantenere i suoi con più tranquillità, non mi sembra da disprezzare come fate con inutile arroganza.Questo sprezzo per le persone che fanno un lavoro cui non è stato dato il "PASSI" dai vostri "DATORI di PENSIERO e' davvero meschino e irrazionale.
Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 06.03.07 19:51

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 06.03.07 19:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema grave e dal taglio tragicomico è che i cretini sono sempre più ingegnosi di qualsiasi norma di sicurezza.
Senza fare della polemica gratuita e facilmente fraintendibile, sono personalmente convinto che il 50% degli infortuni accadono per negligenza, eccesso di confidenza e scarsa visione di insieme.
Molte persone vanno a lavorare "già scazzate" e pertanto non dedicano l'attenzione che si dovrebbe a ciò che fanno e a ciò che accade nell'ambiente circostante. Ho visto una persona fratturarsi un braccio su un carrello elevatore perchè andava in retromarcia con il braccio fuori dalla cabina come se andasse a farsi una "vasca" in centro e ha preso un pilastro. Ora, con tutta la 626 che vogliamo, questo infortunio non lo si può imputare a nessuno se non all'infortunato. Ho visto una persona "svestita totalmente" da un giunto cardanico di un trattore perchè invece di girare attorno al mezzo ha scavalcato il cardano impigliandocisi dentro. Insomma, come sempre la ragione sta nel mezzo. Comunque, leggendo i commenti mi rendo conto che c'è un sacco di gente che pretende sicurezza, ma da come risponde la pretende scesa dal cielo senza rendersi conto che uno è fautore della propria sicurezza.

Alberto Rosso (rossocinque) Commentatore certificato 06.03.07 19:52| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

C'è qualcuno che mi può dire cosa devo fare per non pagare più il canone RAI? Ci è sempre stato imposto, ma se a me non interessasse di vedere la RAI? Devo mandare una raccomandata? E se sì, a quale indirizzo? E se non lo pago più, cosa può succedermi?
Grazie per la Vs. cortesia.

luca nardelotto 06.03.07 19:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://img185.imageshack.us/img185/9161/vigndisoccupatilow2gh6.jpg

...tanti cafoni.

Uto P.I.A. D'Elica Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Trovo esilarante che qualcuno possa prendere Paola (o chi per essa) sul serio.
Sono buontemponi che si divertono, tutto qui.

Mario Angelino 06.03.07 19:40

Sì ma hanno ugualmente rotto i co..ioni

Marino B. Commentatore certificato 06.03.07 19:44| 
 |
Rispondi al commento

CREDO CHE QUESTE MORTI SIANO VOLUTE CHE C'E' UNA POLITICA MACABRA E PERVERSA A CUI FANNO GIOCO.
IN ITALIA SEMBRA CHE LE COSE AVVENGANO PER CASO MA NON E' COSI' TUTTO VIENE CALCOLATO DAGLI UOMINI DI POTERE SEMPRE NATURALMENTE A DISCAPITO DEGLI ONESTI.

anselmo califano 06.03.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Jacopo della Quercia

Io penso che la sinistra abbia truffato molte persone anche non gay perchè un gay si senta rappresentato da una classe politica come quella che sta alla maggioranza. Si vuole giocare la carta dei gay, che peraltro siamo molto più acuti di tanti beceri votanti, ma non si tiene conto che ormai la sinistra ha mostrato la sua vera faccia. La solidarietà mostrala ai tuoi compagni di partito perchè ne hanno più bisogno.

Sinceramente
Bartolo

bartolo bartolini 06.03.07 18:35


Non sono mai stato un compagno e non sono mai stato iscritto ad un partito, in compenso tu non hai capito un c@..o del mio post che non voleva parlare di politica degli schieramenti ma di valori laici che prima della conversione cattolica della CDL erano condivisi da un ben più ampio arco costituzionale, da destra a sinistra.

Leggiti questa lettera, poi ne riparliamo.
http://www.danielepriori.net/articoli/scritti060207.html

Saluti
JdQ

Jacopo della Quercia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 19:38| 
 |
Rispondi al commento

È tutta li la questione, tutta lì la questione. Guarda-ascolta-inginocchiati-prega! La pubblicità! Non produciamo più niente, non serviamo più a niente. È tutto automatizzato, che cazzo ci stiamo a fare allora? Siamo dei consumatori, Jim! Ah... ok, ok, compri un sacco di roba da bravo cittadino. Però se non la compri che succede? Se non la compri che cosa sei, ti chiedo! Che cosa. Un malato! Mentale

Marco Maggioni 06.03.07 19:36| 
 |
Rispondi al commento

CICCHITTO: SU AFGHANISTAN GOVERNO AUTOSUFFICIENTE O VADA A CASA

"Non sono in grado di fare previsioni pero’ la mia valutazione e’ assai netta: il governo o e’ autosufficiente su un tema cosi’ importante di politica estera quale e’ l’Afghanistan oppure si deve dimettere. Mi viene il dubbio che alcune raffinate esercitazioni sulle maggioranze variabili tengano conto di questioni assai prosaiche quali l’Afghanistan, la Tav, i Dico e le pensioni, sulle quali, appunto, il governo rischia". Cosi’ si è espresso il vicecoordinatore nazionale di Forza Italia Fabrizio Cicchitto, intervistato dal quotidiano online Affaritaliani.it. "Non c’e’ dubbio che se si determinasse una situazione di non autosufficienza del governo la Casa delle Liberta’ non potrebbe fare a meno di investire il Presidente Napolitano di un problema gravissimo. Infatti, un governo che procedesse lungo il percorso delle maggioranze variabili dimostrerebbe di non avere una maggioranza stabile e quindi dovrebbe, come suol dirsi, andare a casa".


Nicola F. Commentatore certificato 06.03.07 19:25| 
 |
Rispondi al commento

MARTINO: RAPIMENTO GIORNALISTA "REPUBBLICA" CONFERMA CHE DOBBIAMO RESTARE IN AFGHANISTAN

Il rapimento dell’inviato di ’Repubblica’, Daniele Mastrogiacomo, "conferma la gravita’ della situazione in Afghanistan e quindi deve rafforzare la convinzione di chi crede che quella missione deve continuare a avere successo". Lo ha affermato Antonio Martino per il quale la missione in Afghanistan "non sara’ ne’ breve ne’ facile, ma e’ necessario per l’intera comunita’ internazionale che abbia successo".


Nicola F. Commentatore certificato 06.03.07 19:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La frase: "Una grande civiltà viene conquistata dall'esterno solo quando si è distrutta dall'interno" W. Durant.
Questa frase, come molti di voi sapranno è riferita al Film di Mel Gibson, attualmente in proiezione nei Cinema di tutto il Mondo! Bene, ho voluto postarla perchè CREDO sia esattamente ciò che stà avvenendo per l'Italia!
A meno che io sia il solo ad aver percepito questa sensazione ma ho la netta impressione che:
1) Sfascio della Famiglia con incremento esponenziale del numero dei "Single" nella società!!! (dati statistici PAUROSI alla mano)
2)Americanizzazione del sistema compreso i Politici a braghe calate e vasellina!
3)Sfascio dei credi religiosi
4) Tentativo di sfascio delle tradizioni Storico -culturali ed appiattimento delle tradizioni culinarie con riduzione della dieta mediterranea (si riesce in questo innalzando i costi di frutta e verdura e cereali nei supermercati ed abbassando i prezzi di bomboloni alla panna e merdate varia)
5) Mass Media a braghe calate! Film, Telefilm, Documentari,Riviste, Talk Show, Quotidiani sotto le redini del potere dettante le regole della presa sulla società Italiana!
6) "Iron Point" = Sfascio della struttura sociale archetipa Latina-Mediterranea ovvero Maschio (duro) e Donna (accogliente e Femminile) SOSTITUITI dal modello Anglo-Americano imperante di Maschio (insicuro e volubile), Donna (cogli..ta ed Aggressiva/Androgina)
7) Indebolimento Psico-Fisico della società con induzione al Debito di Massa!!!
Potrei continuare ma mi fermo qui! Ci siamo capiti!
AIUTIAMOCIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Marco Presti (The original)) 06.03.07 19:21| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

........DALLA............ RETE...............

Chi è contrario alla guerra è diventato un "estremista radicale". Chi denuncia i crimini come la tortura è un "antiamericano". Viene messo sotto processo chi avversa le guerre, e non chi le organizza.
Nello stesso telegiornale (Tg2, ma anche gli altri erano pressoché uguali) del 17 febbraio appariva Prodi in posa accanto al presidente afghano Hamid Karzai, come se quest'ultimo fosse un vero rappresentante politico del popolo afghano e non un personaggio foraggiato da Washington.

I fondi occidentali che avrebbero dovuto contribuire alla ricostruzione sono stati usati per costruire le residenze lussuose delle élite locali. Nell'Anno Secondo dell'Occupazione americana in Afghanistan le case sono state l'oggetto di uno scandalo gigantesco. I ministri del governo si sono concessi, per sé e per i propri amici fidati, immobili di pregio. A Kabul i prezzi dei terreni hanno raggiunto un picco dopo l'occupazione, perché gli occupanti e i loro tirapiedi dovevano vivere nello stile a cui si erano abituati. I colleghi di Karzai si sono costruiti le loro grandi ville, protette dalle truppe Nato, sotto gli occhi dei poveri.

Si aggiunga a questo che il fratello minore di Karzai, Ahmad Wali Karzai, è diventato uno dei più grandi signori della droga nel paese. A un recente incontro con il Presidente del Pakistan, quando Karzai si è messo a frignare sull'incapacità del Pakistan di fermare il traffico di frontiera, il generale Musharraf gli ha suggerito che forse dovrebbe dare il buon esempio richiamando all'ordine suo fratello.

Karzai, per gli ignoranti, è l'attuale presidente dell' Afghanistan.

andrea de meo 06.03.07 19:20| 
 |
Rispondi al commento

MORTO CHE PARLA
MORTO CHE PIRLA
MORTA-DELLA
MORTACCI BRUTTI
MORTARIOLI
MORTAIO
LI MORTACCI TUI
MORTAME

giulio terraformica 06.03.07 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Molti dei prototipi di S.c.hietti sfruttano questo principio e alcuni sono simili anche nell'ideazione , per esempio il famoso modello 1000 palle, che però funziona anche con altezza superiori per via dello spazio intermedio denonimato Chubanga che a seconda dell'apertura dei tappi è una volta a pressione ambiente e una volta a pressione della base del cilindro


Paoola Dootti (paola dtt)

Decisamente non puoi essere una ragazza. Le ragazze che ci capiscono o che fingono di capirci di queste cose non perdono il proprio tempo qui dentro. Solo omosessuali maschi latenti e non, qui dentro. E qualche ragazza pseudo giornalista.

Erminio Tuletti 06.03.07 19:11| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE E' VERO QUESTO COMMENTO DI PIERO LIPERA QUESTA VOLTA GRILLO L'HAI FATTA DAVVERO GROSSA
Il sindacalista che ha scritto la lettera pecca di demagogico semplicismo e di colpevole ignoranza.
Parlare di "utili" per un ente pubblico come l'Inail significa non avere la minima idea del sistema assicurativo vigente.
Il carattere mutualistico, cioè di solidarietà dell'Inail, è stato riconosciuto con sentenza della Corte di Giustizia europea in data 22 gennaio 2002 perchè:
-il regime assicurativo è finanziato mediante contributi che non sono correlati automaticamente al rischio assicurato perchè l'aliquota non può superare un massimale anche se l'attività esercita comporta un rischio elevatissimo(è come se per l'assicurazione dell'auto si facesse uno sconto a chi è più povero);
-i risarcimenti pagati non sono correlati allo stipendio(il che vuol dire che, entro certi limiti, il ricco ed il povero infortunato sono pagati alla stessa maniera- il che non succede per l'ordinaria responsabilità civile)
-l'inail ha per scopo non il raggiungimento di utili ma di garantire le prestazioni assicurative a tutti gli infortunati- anche a quelli che non pagano- mediante premi fissate in maniera autoritativa dallo stesso ente.
E' sulla base di queste riconosciute caratteristiche che la Corte europea ha salvato il monopolio pubblico dell'Inail ed impedito che entrassero in campo le assicurazioni private che hanno - quelle sì- come unico scopo l'utile.
Spero che i lavorato si trovino un altro responsabile della sicurezza e Grillo controlli meglio il contenuto delle lettere che pubblica

SALVO LAMAZZA 06.03.07 19:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT Mal d'Africa

Pensa te!!!! Gli occidentali in Africa sono lo 0,1%...e comandano TUTTO!!!

antonio ciardi 06.03.07 18:02
___________________________________________________
Sostanzialmente sono notizie vecchie e non più veritiere, che fanno parte di quel folclore anti-occidentale, che si serve anche della pornografia del dolore per incamerare ingenti capitali con la generosità dei cittadini.
Premesso che bisognerebbe parlare delle responsabilità delle classi politiche africane ,consiglio un testo in tedesco "BananenRepublik" che spiega anche del mito antibianco e del suo sfruttamento (è scritto da un autore di sinistra)
Comunque direi che la Cina si avvia ad essere il primo capitalista/imperialista
http://www.affarinternazionali.it/articolo.asp?ID=467
e si tratta di un link "pubblicabile", con facilità si possono trovare link sulle condizioni dei minatori nelle miniere gestite dai Cinesi (visto quello che accade in patria, non credo freghi molto delle condiizoni dei minatori africani),la penetrazione cinese in Africa è molto più sentita dagli addetti ai lavori.
Americani ed Europei credono di essere ancora il centro del mondo...

P.Revere 06.03.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi accetta l'anomalia italiana diventa per forza delle cose un anomalo, dopodiché - tolta di mezzo la dignità - tutto è possibile.

Hugo Kolion 06.03.07 18:56 | Rispondi al commento

====================================================================================================

MUNIRSI DI MUTANDE DI FERRO può essere una soluzione :-)


GINO SERIO( 49ERS :-) 06.03.07 19:06| 
 |
Rispondi al commento

...come si fa ad autenticarsi per votare i commenti?

Geronimo Del Baldo Commentatore certificato 06.03.07 19:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A PROPOSITO DI MORTI ....intervista al gen.Giulio Fraticelli (ex capo di stato maggiore dell'esercito). Questo signore ci dice che " C'è da tremare la popolazione è sempre più ostile".Le ragioni? Non avvertono cambiamenti se non nel colore delle divise.La sua intervista la conclude con queste parole" Adesso c'è da stare molto attenti.Speriamo solo che arrivino i rinforzi in tempo."

Pacifisti, ma lo leggete il giornale? I morti Afgani non vi smuovono? Tutto bene? Sicuri?
Le Bandiere Arcobaleno stanno ancora nei cassetti, il bollino ONU LAVA IL SANGUE? Un bollino magico, cambia tutto, i morti spariscono come neve al sole. Va da se che dei rischi che corrono i nostri militari non frega un tubo a nessuno, se comanda Berlusconi, si inneggia alla loro morte, se comanda la sinistra, si tace SENZA VERGOGNA

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 06.03.07 19:05| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho seguito il tuo spettacolo del 06/02/2007 a Reggio Emilia Beppe!
Scusa se abbiamo partorito una mente ancora "verde" (acerba) come "il mortadella". Ho deciso di iscrivermi agli amici di Beppe di Modena!
Ho visitato anche un sito: www.giorgiobongiovanni.it.
ciao

Martoni Piero 06.03.07 19:05| 
 |
Rispondi al commento

"...l’Inail guadagni circa due miliardi di euro all’anno sulle disgrazie dei lavoratori. Non ci voglio credere, non ci posso credere. Aspetto una smentita"?!...

Io aspetterei una conferma!... per chiedere... poi... che fine ha fatto... fa e farà il guadagno annuale!

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 18:58| 
 |
Rispondi al commento

A maggio si sveglieranno i dormienti ed inizieranno le produzioni in grande stile in vista del grande evento

Schietti dirottò delle persone verso business redditizi alcuni anni fa (turbine eoliche in Danimarca, riserve di pesca artificali Torre e mercato del pesce, biomassa, ristrutturazione case di campagna, ecc ecc) con l'incarico di accumulare più soldi possibili.

A maggio metteranno in produzione su grande scala il Motore di Schietti.

Entro quest'anno vogliamo organizzare in Piazza Irnerio e in tutte le zone limitrofe, a Milano una grande manifestazione con oltre 15 milioni di persone in cui regaleremo i primi 200 mila esemplari di motore di Schietti.

Suoneranno i Dire Straits

Aiutaci ad uscire dalla clandestinità e ad iniziare le produzioni sotto scorta della polizia e dell'esercito!

salva il sito e comincia ad autorganizzarti con i tuoi amici per portare Motori di Schietti da regalare a tutti
http://domenico-schietti.blogspot.com/2007/02/detersivi-chimici-petrolio-oro-e.html

Paoola Dootti (paola dtt) Commentatore certificato 06.03.07 18:57| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pensa te!!!! Gli occidentali in Africa sono lo 0,1%...e comandano TUTTO!!!

antonio ciardi 06.03.07 18:02

-----------

..... tu non sei mai stato in Africa eh?

silvia bada 06.03.07 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

... A proposito di morti per le multinazionali...

La compagnia farmaceutica Novartis ha fatto causa al Governo Indiano perché permette la produzione di farmaci generici dai costi contenuti. Se vincerà, milioni di persone in tutto il mondo potrebbero perdere l'unica fonte di medicinali a prezzi accessibili.

Chiediamo a Novartis di fermarsi e di rinunciare all'azione giudiziaria contro il Governo Indiano!

link dei medici senza frontiere: http://www.msf.org:80/petition_india/italy.html

Grazie

Roberto Caprai (bob caprai) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Mi associo al tuo v,a,f,f,a,n,c,u,l,o

GINO SERIO( the original :-) 06.03.07 18:42 | Rispondi al commento | Vota commento
Currently 5/5 1 2 3 4 5

====================================================================================================

Cavolo !!!!

Non credevo di avere un indice di gradimento così alto :-)

Grazie per la solidarietà :-)

GINO SERIO( 49ERS :-) 06.03.07 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Un atto di solidarietà tra individui liberi nonostante tutto, secondo me e per quel che vale sento di doverlo non soltanto a te:

Caro. JACOPO DELLA QUERCIA,
In questo luogo sono conosciuto per essere un difensore a vario titolo del presidente di F.I. che stimo come IMPRENDITORE corretto e leale negli affari, in quanto mantiene gli impegni in tale veste. Poi, come uomo ho più volte detto, non ne ho una conoscenza tale da potermi permettere alcuna esternazione valida per conoscenza diretta, salvo che quella che mi suggerisce l'esperienza, che mi dice che chi è corretto negli affari di solito non differisce coerentemente di molto in altre manifestazioni della sua vita. Pertanto sono convinto che, avendo sentito la motivazione e la ragione da lui stesso chiarita, per la quale è nato l'equivoco sulla sua frase interpretata e riportata come sempre scorrettamentre da certa stampa, non vi fosse alcun reale preconcetto offensivo in quelle parole. Comunque per quel che vale e per quel che ti conosco nei tuoi scritti hai tutta la mia solidarietà e sarei pronto ad affermare insieme alla tua, la mia disapprovazione per un così grave, se fosse stato realmente intenzionalmente proferito, discredito. Come la penso io sui gay è noto , non vedo alcuna differenza sul piano umano e sui diritti civili oltre che sul dovuto rispetto della persona in quanto tale. Per le coppie credo che i patti tra individui non abbiano bisogno di riconoscimenti, dalla società ma di leggi valide e adeguate a garantire i diritti dei singoli per consentire patti e accordi tra loro, coppie o non coppie. La famiglia è per me un'altra cosa. Con stima e amicizia in ogni caso, Ciao

Francesco

f.marletta 06.03.07 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe a propositp degli invalidi sul lavoro voglio raccontarti una cosa che mi è venuta in mente proprio mentre leggevo questo articolo sul tuo Blog.Sono una pensionata che ha lavorato come operaia alla Ducati Energia di Bologna.Negli ultimi due anni prima di andare in pensione noi operaie e operai venivamo chiamati in assemblea dove un responsabile dell'Inail ci spiegava come evitare gli infortuni sul lavoro. In fabbrica dovevamo stare attenti a camminare perchè se cerano dei buchi e avessimo inciampato la colpa sarebbe stata nostra se un muletto ci investiva mentre camminavamo la colpa era nostra perche non guardavamo dove andavamo insomma in poche parole qualsia cosa ci fosse capitato la colpa era sempre nostra così L'Inail risparmiava e ora sono in attivi per tanti milioni di Euro.Questa è la politica dei datori di lavoro per lavarsene le mani la colpa è sempre di chi lavora se uno muore o rimane invalido. cia o Beppe continua così e per piacere quando vi deciderete ad andare voi al governo al posto di questi buoni a nulla . mando un saluto speciale anche a Marco Travaglio di cui sto leggendo l'ultimo libro e mentre l9o leggo mi sale una rabbia contro questi politicanti corrotti che pensano sol a salvare il proprio culo e lo stipendio e se ne fregano del popolo coglione come me che li ho votati ma col fischio che se cadono io ritorno a votare tanto anno dimostrato di essere tutti uguali , pensa se possono tenere in piedi un governo con il voto al senato di qel mafioso di Andreotti. Ora basta perche sono troppo errabbiata . saluti FRANCA E FAMIGLIA

franca ferrari 06.03.07 18:49| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Pensa te!!!! Gli occidentali in Africa sono lo 0,1%...e comandano TUTTO!!!

antonio ciardi 06.03.07 18:02

***************

Ad esempio? Cosa comanderebbero?

Gian Gianni Poli 06.03.07 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fuori le voci ragazzi, coraggio !
Qui abbiamo elementi come Stirner, Bellandi e Bassi che ci castrano i commenti quando non sono allineati !
Stesso discorso vale per lo staff di Grillo !

Bloggy Blogger 06.03.07 14:36 |
====================================================================================================


I miei post tempo fa venivano sistematicamente cancellati :-)

Ora posso scrivere di tutto :-)

Strano !!!!!!

GINO SERIO( 49ERS :-) 06.03.07 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

commento al post....

in Italia, la maggior parte degli "incidenti", che non provocano morti sul lavoro, avviene durante gli spostamenti per andare a lavorare o per "servizio esterno"....

dietro di questi si celano però, a volte, dei "trucchetti" che fruttano a chi li fa un assegno ed una indennità MOLTO PIU' ALTA DI QUELLE "CIVILI".....

e così un legamento crociato rotto durante una partita di calcetto la domenica mattina.... una gamba spezzata bighellonando in motorino o un collo lussato volando da una scala durante un "doppio" lavoro di qualche bidello col sabato libero.....

si trasformano in una corsa al pronto soccorso il lunedì mattina...

queste cose si possono FACILMENTE dimostrare semplicemente controllando la statistica dei traumatizzati nei pronto soccorso....

ai datori di lavoro STA BENE, all'INAIL sta bene, chi ci rimette sono i DISABILI GRAVI che a fronte di un ESERCITO DI FALSI INVALIDI, TRUFFATORI, ISPETTORI DEL LAVORO CORROTTI, DIRIGENTI PUBBLICI CONSEZIENTI, MEDICI SENZA SCRUPOLI e politici completamente idioti, VIVONO UN DRAMMA NEL DRAMMA, poichè il "welfare" tutto italiano, lascia a questi poveri diavoli soltanto briciole e immondizia varia....

... che Dio ve furmini!, davvero davvero!

silvia bada 06.03.07 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Il sindacalista che ha scritto la lettera pecca di demagogico semplicismo e di colpevole ignoranza.
Parlare di "utili" per un ente pubblico come l'Inail significa non avere la minima idea del sistema assicurativo vigente.
Il carattere mutualistico, cioè di solidarietà dell'Inail, è stato riconosciuto con sentenza della Corte di Giustizia europea in data 22 gennaio 2002 perchè:
-il regime assicurativo è finanziato mediante contributi che non sono correlati automaticamente al rischio assicurato perchè l'aliquota non può superare un massimale anche se l'attività esercita comporta un rischio elevatissimo(è come se per l'assicurazione dell'auto si facesse uno sconto a chi è più povero);
-i risarcimenti pagati non sono correlati allo stipendio(il che vuol dire che, entro certi limiti, il ricco ed il povero infortunato sono pagati alla stessa maniera- il che non succede per l'ordinaria responsabilità civile)
-l'inail ha per scopo non il raggiungimento di utili ma di garantire le prestazioni assicurative a tutti gli infortunati- anche a quelli che non pagano- mediante premi fissate in maniera autoritativa dallo stesso ente.
E' sulla base di queste riconosciute caratteristiche che la Corte europea ha salvato il monopolio pubblico dell'Inail ed impedito che entrassero in campo le assicurazioni private che hanno - quelle sì- come unico scopo l'utile.
Spero che i lavorato si trovino un altro responsabile della sicurezza e Grillo controlli meglio il contenuto delle lettere che pubblica.

PIERO LI PERA 06.03.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Salve Sig. Giavelli,

dopo aver letto il Suo commento non potevamo fare a meno di risponderLe che la membership dà diritto a 250 minuti di conversazione gratuita tutte le settimane, verso le destinazioni gratuite elencate nella nostra Home Page, oltre 48 paesi in tutto il mondo. Inoltre si ha accesso al nostro sistema che consente di usare il VOIP anche con un vecchio gsm, il Suo telefono di casa o un cellulare di ultima generazione, fin'anche il telefono pubblico oltre a conversare e telefonare a tutti gli altri utenti LEVOIP, gratis, per sempre. Il Mac non è 'out' perchè esiste un software che consente di accedere al nostro sistema anche con un Mac. Spero di poterLa annoverare presto tra i nostri utenti più soddisfatti.

LEVOIP è GRATIS, TUTTO GRATIS fino al 30 marzo del 2007, lo provi senza alcun impegno.

LEVOIP Corporation

Gian Piero Lombardi Commentatore certificato 06.03.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Ma quelli col cappello che quando ci vai a fare le denunce su come si lavora nei cantieri e in fabbrica fanno orecchi da mercante, ti prendono per visionario e vanno a fare i controlli (quando ci vanno) dopo una settimana alle 7 di sera quando non c'è più nessuno, esci dagli uffici colle carte bollate e ricevute di denunce che non servono a niente se non a pulircisi il culo, ma questi qua, operatori amministrativi e giudiziari, non li prende mai di petto nessuno?
Beh, di pezzi di carta simile ne ho una vagonata, ma la risposta è sempre la stessa: mmm... da solo è un po difficile.
Fregnacce! Migliaia di denunce in fondo agli archivi, grazie ai colletti bianchi, quelli istruiti con le mani senza calli.
MaVaffanculo!!!

Giorgio Sodano (giorgio sodano) 06.03.07 15:38 |

====================================================================================================

Hai mai avuto a che fare con codesti individui Giorgio ?

Delle vere e proprie ZECCHE ,Gente che non produce na segha e non sa un c,a,z,z,o di sicurezza nei cantieri :-)

A loro interessa solo la bustarella ( cospiqua )e il tuo cantiere è in ordine :-)

Se poi si inpunciano a volerla per forza la bustarella ,anche se il tuo cantiere è un OROLOGIO ,qualcosa che non quadra lo trovano sempre :-)e la mazzata è forte di solito .

Questa si chiama "BUROCRAZIA"

In italia un inprenditore alle prime armi deve subire delle ,umiliazioni e ricatti, da dei veri e propri farabutti ,almeno che non sia un paraculato figlio di papà ,però, se hai la scorza per sopravvivere poi ti togli soddisfazioni immense :-)

Mi associo al tuo v,a,f,f,a,n,c,u,l,o

GINO SERIO( the original :-) 06.03.07 18:42| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Chi pensa alla salute delle persone???
Nessuno.
E' una cosa vera, per soldi tante persone muoiono e soffrono e non dovrebbe succedere.
Con la sanatoria che il governo a fatto nel 2006 350.000 lavoratori dovranno esere regolarizzati , il 90 % già è in italia e allora perchè rispedirli nel proprio paese per avere il visto?? PER SOLDI, 350.000 X 500 EURO COSTO DEL BIGLIETTO MEDIO , SONO 175.000.000,00 DI EURO CHE ENTRANO NELLE TASCHE DELLE COMPAGNIE AEREE A DISCAPITO DEI POVERETTI COME SEMPRE.bella la vita per qualcuno e?!!!!!!!

ragni filiberto 06.03.07 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Chiudiamole tutte!

ROMA (Reuters) - La Guardia di Finanza di Ancora ha sequestrato 401 agenzie del circuito Money Transfer per il trasferimento del denaro all'estero, nell'ambito di un'inchiesta della direzione distrettuale antimafia anconetana. Lo ha riferito oggi un portavoce del comando provinciale della Guardia di Finanza di Ancona.


Le agenzie di questo tipo sono tra le più losche in circolazione. Tutti sanno che non c'è modo di rintracciare i pagamenti che passano tramite queste agenzie, eppure continuano ad esistere e a proliferare. L'Italia è seconda solo agli USA per il volume dei dindi che passano per queste mani, e nessuno se ne preoccupa. Nessuno trova questo fatto, per lo meno, curioso.
L'anno scorso si scoprì che quasi il 90% delle agenzie italiane erano illegali. Oggi stanno riaffiorando. Ma in cosa non sono legali?
In teoria, non adempiono alle normative italiane, non tracciano per benino che strada fanno i soldi.
In pratica, loro garantiscono l'anonimato delle transazioni. Fanno l'occhiolino a criminalità e truffatori per trarre guadagni che altrimenti non avrebbero.
Ora mi chiedo: se tutti conosciamo la vera funzione di queste agenzie, perchè non le facciamo chiudere tutte? Perchè continuare a facilitare le attività illecite?
Altra domanda: perchè non vengono fuori i nomi dei gestori? Quel "non autorizzate" non facilità una certa confusione? Non autorizzate da chi? Dallo Stato o dai grandi gestori che cedono il marchio?

http://noiparlamentari.blogspot.com/

K T. Commentatore certificato 06.03.07 18:37| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

SE TI CONSOLA a me sono stati cancellatti tutti i msg da tutti i post 2 volte tra la prima e la seconda sono stato bannato :D

Marco F,i.a,s.c.h,i. 06.03.07 14:24

Stiamo preparando degli articoli a proposito, articoli che andranno alle maggiori redazioni italiane e non.

Fuori le voci ragazzi, coraggio !
Qui abbiamo elementi come Stirner, Bellandi e Bassi che ci castrano i commenti quando non sono allineati !
Stesso discorso vale per lo staff di Grillo !

Bloggy Blogger 06.03.07 14:36 | Rispondi al commento | Vota commento
Currently /5 1 2 3 4 5

IUCCU ITALO 06.03.07 18:36| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

IL VOSTRO NUOVOO MODO DI TELEFONARE:

www.levoip.it

Provate ora anche perchè è tutto GRATIS. Scaricate il software (GRATIS), scegliete l'username, ed il nostro server le regalerà del credito per provare la nostra qualità, che senza tema di smentite dichiaro superiore a chiunque sul mercato. Regalo per tutti coloro che si vorranno registrare durante il periodo di promozione.

NON Ricaricate più il Cellulare, usalo con:

www.levoip.it

migliore di tutti...un vero telefono a costi minori di skype... e lo usi anche dal tuo vecchio telefono di casa o GSM.... PROVATE è GRATIS e sarà presentato al CeBIT di Hannover il 15 marzo.
Scarica il programma, scegli il nominativo e password, su tools scegli language e vai su Italiano. Il resto è facile e soprattutto gratis fino al lancio ufficiale e garantito come il meno costoso da tutti i siti web di confronto. Vi aspetto numerosi. Anche tu Beppe, FORZA!!!
COSA ASPETTI A PROVARLO?

Gian Piero Lombardi Commentatore certificato 06.03.07 18:31| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

vota commento!? ma dove siamo al festival di sanremo

andrea ravizza 06.03.07 18:25| 
 |
Rispondi al commento

invece di parlare di auto ad idrogeno non è meglio parlare di centrali ad idrogeno in luoghi sicuri (per esempio cinque chilometri fuori costa)?
in più perchè non cominciare a parlare di impianti che sfruttano l'energia delle correnti marine?

antonio b. Commentatore certificato 06.03.07 18:24| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

La CDL ha ammainato i valori laici, questa lettera ne è una conseguenza. L'unica cosa che posso fare è esprimere la mia solidarietà
( SEGUE TESTO DEL GAY DELLA CDL)

JACOPO DELLA QUERCIA

****************************************************************************************************

NON DIMENTICHIAMOCI MAI DEI VECCHI DETTI POPOLARI...... UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA EH???

nick name 06.03.07 16:57 | Rispondi al commento |

****************************************************************************************************

Cioè ?

Non credo siano pochi i gay che votano il centrodestra, se vuoi andare a vedere il sito di questa associazione è www.gaylib.it

Jacopo della Quercia

****************************************************************************************************

SI PERò DA QUI A DIRE CHE LA CDL HA AMMAINATO ...... CE NE VUOLE DAI.!!
nick name

****************************************************************************************************

Perché, chi è rimasto in CDL a difendere i diritti dei laici ?

Del Pennino ?
Martino ?
Della Vedova ?
Grossi nomi ...

Io credo che il centrodestra perderà non solo i voti dei gay suoi simpatizzanti, ma anche di molti laici che credevano in un'Italia a debita distanza dal cattolicesimo, mentre si stanno ricredendo sull'onda dell'allineamento della CDL in toto sulle posizioni della Chiesa.
Saranno voti persi una volta soltanto se si asterranno, ma varranno doppio se voteranno per l'altra parte.
Da simpatizzante di centrosinistra mi farebbe anche piacere, ma lo cosa di cui più mi dispiaccio è che i valori laici di questo Paese sono ormai appannaggio di una sola parte politica, ne perdiamo tutti, secondo me.

Jacopo della Quercia

Jacopo della Quercia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 18:21| 
 |
Rispondi al commento

vogliamo il servizio civile nazionale obbligatorio, retribuito in euronazionali, di un anno, al compimento della maggiore età per suddividere fra tutti i lavori che non vuole fare nessuno

e il servizio civile volontario retribuito in eurocomunali

e il Motore di Schietti da pagarsi in eurocomunali o nazionali

A questo link un video in cui si sfrutta la forza di gravità attraverso l'horror vacui per ottenere energia gratis

http://www.youtube.com/watch?v=gxnHJoyrQpM

Da migliaia di anni si conosce questo trucco per estrarre acqua dai pozzi.

Molti dei prototipi di Schietti sfruttano questo principio e alcuni sono simili anche nell'ideazione , per esempio il famoso modello 1000 palle, che però funziona anche con altezza superiori per via dello spazio intermedio denonimato Chubanga che a seconda dell'apertura dei tappi è una volta a pressione ambiente e una volta a pressione della base del cilindro

http://www.free-people.org/fotos-photos/1000-palle-chubanga.jpg

Paoola Dootti (paola dtt) Commentatore certificato 06.03.07 18:20| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma l'INAIL è l'Ente che paga meglio !
Conviene fare finta di essere caduti dalle scale ....sul posto di lavoro .
L'infortunio sul lavoro è previsto anche per i precari o i co.co.co ..la malattia no!!
Poi L'INAIL Paga anche altro ...credetemi ...
Grazie.

Elisabetta Patti. 06.03.07 18:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E chi siete!!!!In mezz'ora avete firmato in 1000: superata ora quota 81.000 firme!!!

Coraggio, gente! E ricordate di divulgare la notizia!

PETIZIONE: AUTO AD IDROGENO SUBITO! (sito di appoggio alla petizione www.automobileidrogeno.com)

Indirizzato alla: COMMISSIONE EUROPEA (DIPARTIMENTO PER L’AMBIENTE)

Noi Italiani vogliamo essere i primi nel mondo a creare una legge che obblighi le multinazionali petrolifere ad installare distributori di idrogeno accanto ai convenzionali distributori di benzina?

CON QUESTA PETIZIONE CHIEDIAMO UNA LEGGE CHE OBBLIGHI LE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO AD INSTALLARE DISTRIBUTORI MULTIENERGY (METANO, IDROGENO) IN OGNI STAZIONE DI SERVIZIO ITALIANA E A PRODURRE IDROGENO UTILIZZANDO ENERGIE ALTERNATIVE! FIRMA PER L’INDIPENDENZA ENERGETICA!

http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html?

Carlo Casella Commentatore certificato 06.03.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento


Mi piacerebbe sapere come stà andando la storiella delle intercettazioni telefoniche a tappeto nel feudo Italico!

Marco Presti (originale) 06.03.07 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Io non sono un operaio ma un artigiano (chissà perchè c'è molta differenza forse che noi non lavoriamo!!) e qualche anno fa ho subito un infortunio al dito indice della mano sinistra con conseguente impossibilità di lavorare correttamente per ben 3 mesi..... Sapete quale è stata la risposta dell'Inail alla mia richiesta di infortunio?? "Visto che l'arto interessato all'infortunio è quello sinistro riteniamo che lei possa tranquillamente continuare il lavoro con la mano destra" CAPITOO??? Per fortuna ho un'assicurazione privata.....Si vede che ci sono lavoratori di serie A e di serie C.....

Marino B. Commentatore certificato 06.03.07 18:12| 
 |
Rispondi al commento

LA TECNOLOGIA HA VINTO, NON SERVE PIU' LAVORARE PER VIVERE

Se riuscite a capire questo da stasera siete liberi e potete dedicarvi a ciò che preferite, ai vostri passatempi, e a godervi la vita

- Se i negozi di tutto il mondo sono pieni di oggetti e miliardi di persone non hanno i soldi per comperarli:
a) manca il lavoro
b) mancano gli oggetti
c) mancano i soldi

- Se i ristoranti sono vuoti e buttano via frigoriferi pieni di cibo:
a) manca la fame
b) mancano i cuochi
c) mancano i soldi per andare a ristorante

- Se centinaia di migliaia di dentisti non hanno pazienti:
a) ci sono pochi malati
b) ci son troppi dottori
c) mancano i soldi per curarsi

EUROCOMUNALI PER TUTTI !!! Ora subito!

A sufficienza per vivere, curarsi, istruirsi, muoversi e anche divertirsi!

UN TRATTORE FA IL LAVORO DI MILLE CONTADINI, UN PC DI DIECIMILA IMPIEGATI

UNA SOLA FABBRICA PUò PRODURRE FAZZOLETTI PER TUTTO IL MONDO

Vanno suddivise fra tutti le mansioni che nessuno vuole più svolgere attraverso il servizio civile obbligatorio retribuito.

EUROCOMUNALI PER TUTTI !!! Ora subito!
http://domenico-schietti.blogspot.com/2007/02/detersivi-chimici-petrolio-oro-e.html

Paoola Dootti (paola dtt) Commentatore certificato 06.03.07 18:10| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un operaio operatore di macchina nella PENN. Enginnering. in irlanda. Qualche mese fa e venuta l ispettore della sicurezza, una bella ragazza molto gentile. Durante la visita ha visto che alcune macchine non era a norma di sicurezza, alla fine della visita ha segnalato al director manager, che lei sarebbe tornata tra un paio di settimane, e se le macchine non era a norma, faceva chiudere il reparto. L azienda a speso la bellezza di 120000 euro per mettere a posto le macchine. La stessa ispettore al sud del irlanda ha fatto chiudere 3 fabbriche perche non si sono messe in regola. In Italia l ispettore se pure passa si mette d accordo con il principale, si prende qualche mazzetta contento io contento lui, e quel fesso che si fa male, so cazzi sua.

marco ruzza 06.03.07 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito della costruzione della casa comune dei riformisti, democratici e liberali e a proposito della competizione elettorale per la conquista di spazi di potere, vorrei dare il mio contributo alla riflessione generale. Non si tratta di fare una battaglia perché nella "stanza dei bottoni" ci vada Tizio al posto di Caio perché il primo è più bravo del secondo e magari è pure amico nostro, né si tratta di escogitare ed affermare una formula magica che risolve tutti i mali del nostro paese. Il problema è, secondo me, che ci sono istanze nella società che non trovano riscontro e i partiti rispetto a queste sono "muri di gomma". Allora non basta mettere insieme gli uomini di buona volontà che credono nella democrazia liberale, nel riformismo e nella equa ridistribuzione del reddito prodotto se poi si riproduce quel modello partito, comune ormai a tutte le sigle, che assomiglia di più ad una azienda privata che ad uno strumento della democrazia (in qualche simbolo di partito c'è addirittura il nome del leader!). Non si può escludere che gli uomini e le donne che ci governano siano i migliori in circolazione e allora che senso ha impiegare energie per sostituirli? Al massimo si può ottenere il risultato di mettere al loro posto persone altrettanto valide. E non è fatica sprecata? Forse vale la pena di pensare a strutture che senza avere mire di governo si propongano l'organizzazione di quelle istanze della società che non hanno voce. E la battaglia dovrebbe essere, invece che per posti in parlamento, per la conquista di spazi televisivi perchè è là che si formano le opinioni ed è con la televisione che si costruisce e si controlla il consenso.

Danilo Di Mambro
Roma

Danilo Di Mambro 06.03.07 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Roma,15 Dicembre 2003 h 9:00
Percorro la solita strada con il lio solito scooter per andare al solito lavoro.La routine.Vengo abbattuto da un'automobile e finisco contro un bus.Nulla di grave,solo un omero fratturato,chirurgia e tre lunghi chiodi nell'osso.Telefono ad uno dei miei responsabili al lavoro spiegando l'accaduto.All'epoca lavoravo presso il Gambero Rosso Channel in qualità di attrezzista di studio sotto contratto con la Unione Professionisti Cinetelevisivi(U.P.C.) con sede a Milano.Il capo del personale era ed è tuttora un funzionario RAI in pensione a circa 2500 euro al mese,romano,riciclato per l'occasione.Quando ho inviato i certificati medici all'INPS mi accorgo che non dovevo farlo,il piano era di "arrangiare"tutto tra di noi.Il capo dice che non ho diritto ad un "infortunio in itinere",avendo un contratto su chiamata,nel senso che il capo ogni mattina dovrebbe chiamare la troupe televisiva composta da circa 20 ,senza ferie o malattia.Ve lo immaginate?Mi rivolgo all'INAIL,che dopo qualche mese mi invia un assegno di 2000 euro e manda un'ispezione negli studi TV.I responsabili negano di avermi contattato quella mattina(non lo facevano mai,a dire il vero),ma alcuni tra i miei colleghi parlano.A detta del "capo" l'incontro con i temibili ispettori INAIL si è concluso con un pranzo da 500 euro,una multa di 500 euro.Non mi hanno mai piu' chiamato a lavorare,come non mi hanno mai inviato lettere di licenziamento(scadenza del contratto a tempo determinato che veniva rinnovato ogni 3,4,5 mesi).Viva la Rai,quanti geni lavorano solo per noi...Viva il Gambero Rosso Channel,viva l'U.P.C.,ma soprattutto viva l'Italia.A proposito, vivo a Parigi da un anno e mezzo e quando vado a Roma mi viene da vomitare.Saluto gli amici,i parenti,guardo il Colosseo e,dopo neanche una settimana torno a casa mia,a Parigi.Ogni volta.

Simone Gisoni 06.03.07 18:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe ormai il mondo lavora a rovescio c'è Totò Cuffaro che ti vuole fare concorrenza il prossimo post è obbligato un comico(?)Presidente della regione a maggioranza mafiosa
Vai mordilo ai polpacci!

Ulderico E 06.03.07 18:05| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

.... che tenerezza ieri il buon servo "sansonetti" che difendeva a spada tratta frollino-follini......

che caro frollino-follini...uno che definiva senza pudore una porcata la stessa legge elettorale che LUI STESSO HA VOLUTO mettendosi di traverso, SUL CAMMINO DEL GOVERNO E DEL PAESE, ..... DIMENTICANDOSI o fingendo di dimenticare che LUI stesso, da VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO del berlusconi-ter, VOLLE A TUTTI I COSTI L'EMENDAMENTO che imponeva la PORCATA del premio di maggioranza rapportata ai voti dati ALLA COALIZIONE e non ai singoli partiti

e che "bella" la tesi sulle maggioranze variabili del "compagno" beVtinotti..... sempre più APPICCICATO ai principi morali dell'immischione "amato"-da chi?.....

le "maggioranze variabili" sono come le "convergenze parallele".....

una c.g.ta pazzesca.....

buone solo a nebulizzare quel poco di intelletto che è rimasto tra i cogghion's....

chissà se serviranno al PAESE per garantire un futuro ai nostri anziani, ai giovani e ai nostri figli..... o se è solo un espediente per tirare a campare e raggiungere l'agognata "meta" del sospirato vitalizio.....

...SARA'un caso..... ma proprio dalle FILE DEL "COMPAGNO" "fausto" sò partite le PURGHE per chi voleva goveRnare da RivoluzionaRio e contRo il SISTEMA.....

...E INVECE è finito puVgato dal goveVno pVoletaVio del VivoluzionaVio in cachemiVe....

che fine grama....!

c'aveva ragione sodano c'aveva....

...moriRETE tutti democristiani morirete....

.... e vai popi....

(quanto sto a gode!)

silvia bada 06.03.07 18:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di che ci meravigliamo?...
Siamo il paese che negli anni '70 e '80 ha vinto la gara tra i paesi del capitalismo occidentale con più morti per droga, in proporzione alla popolazione; abbiamo battuto di gran lunga Germania, Inghilterra e Francia.
Siamo il paese europeo con la più lunga storia di terrorismo interno.
Siamo l'UNICO paese con una "strategia" di stragi eseguite per il solo motivo di distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica da altri pensieri.
Siamo il paese del conflitto generazionale che ci è entrato ormai a pieno diritto nel DNA.
Siamo il paese in cui chi evade il fisco è un furbo da invidiare e magari imitare... e non un LADRO. Mentre chi paga è un fesso, non uno che contribuisce al bene comune.
Siamo il paese dove la mafia è un sistema, un regime, un modo di pensare pernicioso ormai a livello endemico e popolare.
Siamo il paese dove il morto - ammazzato o per incidente sul lavoro - HA SEMPRE TORTO.
Siamo il paese dove chi ammazza è come se conseguisse una laurea all'insegnamento.
Siamo il paese dove non c'è soltanto il disprezzo per la vita, ma l'OSTENTAZIONE DEL VANTO DI TALE DISPREZZO.
Di che ci meravigliamo?
(Barlow)


santi, navigatori e EXTRACOMUNITARI.

La percentuale è ufficiale, siamo al 7% di immigrati, siamo finalmente alla società multiculturale (da noi).
Tra dieci anni, state tranquilli, con il tasso demografico sommato a quello migratorio il multiculturalismo non ci sarà più.
Già sono prepotenti adesso che sono in minoranza. Finalmente dopo avrò il tempo di starmene in piazza tutto il giorno a urlare.
Che strarazza di straco.......ni.

stefano franceschelli 06.03.07 17:57 |
.................................................

Il 7%? E non contano un cazzo?

Pensa te!!!!
Gli occidentali in Africa sono lo 0,1%...e comandano TUTTO!!!

antonio ciardi Commentatore certificato 06.03.07 18:02| 
 |
Rispondi al commento

cara zia carmela,
...ed anche assassino.
l'on. D'Elia è stato condannato a 27 anni di reclusione per l'omicidio del sindaco di Firenze Lando COnti.

PIERO LI PERA 06.03.07 18:01| 
 |
Rispondi al commento

santi, navigatori e EXTRACOMUNITARI.

La percentuale è ufficiale, siamo al 7% di immigrati, siamo finalmente alla società multiculturale (da noi).
Tra dieci anni, state tranquilli, con il tasso demografico sommato a quello migratorio il multiculturalismo non ci sarà più.
Già sono prepotenti adesso che sono in minoranza. Finalmente dopo avrò il tempo di starmene in piazza tutto il giorno a urlare.
Che strarazza di straco.......ni.

stefano franceschelli 06.03.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento

E allora? Abbiamo dei vantaggi? Niente affatto! Affermammo prima, infatti accusando, che destra, centro e sinistra, sono tutti sotto il dominio del peccato, come sta scritto:
("Non esiste giusto, neppure uno,
non c'è chi comprende,
non c'è chi cerca la Verità;
tutti furono fuorviati, tutti si sono corrotti;
non c'è chi fa del bene, nemmeno una persona;
sepolcro spalancato è la loro gola,
tramano inganni con la loro lingua,
veleno di aspidi sta sotto le loro labbra;
lo loro bocca rigurgita
di maledizioni e di acidità maligna;
i loro piedi corrono veloci a versare il sangue,
strage e lamento sono sul loro cammino
e non conobbero la via del bene.
Non c'è timore di Dio davanti ai loro occhi.)
Ho apportato solo leggere modifiche al testo.
A chi perfettamente si adattano queste parole?
A voi l'ardua sentenza.


silvano o. Commentatore certificato 06.03.07 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Afghanistan, i Talebani:
«Arrestato giornalista di Repubblica».
Il quotidiano non ha notizie di Daniele Mastrogiacomo da domenica 4 marzo. Si trovava nel sud dell'Afghanistan.

"KABUL - Ore di ansia per l'inviato di Repubblica in Afghanistan Daniele Mastrogiacomo di cui non si hanno più notizie da domenica 4 marzo. Il giornalista, che si era recato a Kandahar per intervistare leader talebani, è probabilmente uno dei tre rapiti dagli stessi guerriglieri afghani. I talebani hanno infatti annunciato di aver «arrestato un britannico che lavora per il quotidiano La Repubblica» nel sud dell'Afghanistan. Secondo il pm Ionta, che ha aperto un'inchiesta a Roma sul rapimento, la rivendicazione è «attendibile».
«Ci hanno detto che erano giornalisti, ma noi riteniamo che siano spie», ha detto all'Afp il portavoce dei guerriglieri, Yussuf Ahmadi. Il fatto che i rapitori parlino di Mastrogicomo come di «un britannico» potrebbe essere dovuto al fatto - riferiscono fonti di Repubblica - che l'inviato è nato a Karachi, in Pakistan.

«SE SPIE, LI UCCIDEREMO» - Se fossero identificati come spie, i due afghani e Mastrogiacomo «sarebbero trattati secondo la sharia», ovvero uccisi mediante decapitazione. Lo afferma in una dichiarazione raccolta da Aki-Adnkronos il comandante talebano delle province dell'Afghanistan sud-occidentale, Mullah Dadullah.

«Situazione incerta e timori dopo l'annuncio dei Talebani» dall'inviato a Kabul Francesco Battistini.

VERIFICHE E INFORMATIVA ALLA CAMERA - La Farnesina sta compiendo delle verifiche attraverso l'ambasciata italiana a Kabul e l'Unità di crisi del ministero. La zona di Kandahar, nel sud del Paese, è un'area ormai completamente in mano ai talebani. Immediatamente attivate le autorità. Il viceministro degli Esteri Ugo Intini ha riferito nell'Aula della Camera sulla sparizione di Mastrogiacomo".

www.corriere.it

Nicola Facciolini 06.03.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Bravi: superata poco fa quota 80.000 firme!!! E in pochi giorni!!!

Avanti così, gente! E divulgate la notizia!

PETIZIONE: AUTO AD IDROGENO SUBITO! (sito di appoggio alla petizione www.automobileidrogeno.com)

Indirizzato alla: COMMISSIONE EUROPEA (DIPARTIMENTO PER L’AMBIENTE)

Noi Italiani vogliamo essere i primi nel mondo a creare una legge che obblighi le multinazionali petrolifere ad installare distributori di idrogeno accanto ai convenzionali distributori di benzina?

CON QUESTA PETIZIONE CHIEDIAMO UNA LEGGE CHE OBBLIGHI LE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO AD INSTALLARE DISTRIBUTORI MULTIENERGY (METANO, IDROGENO) IN OGNI STAZIONE DI SERVIZIO ITALIANA E A PRODURRE IDROGENO UTILIZZANDO ENERGIE ALTERNATIVE! FIRMA PER L’INDIPENDENZA ENERGETICA!

http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html?

Carlo Casella Commentatore certificato 06.03.07 17:51| 
 |
Rispondi al commento

MI CHIEDO...ORA SI PARLA DI TALEBANI, DI ATTACCHI NATO DI MORTI E ATTENTATI E TUTTO MI SEMBRA UNA SPECIE DI COMPLOTTO, COME SE SI DOVESSE DISTOGLIERE L'ATTENZIONE DALL'IRAQ COSI' COME A SUA VOLTA E' STATO FATTO PER L'AFGANISTAN...LA DOMANDA E':SONO IO CHE ORAMAI VEDO MARCIO OVUNQUE O INVECE E' PROPRIO COSI',I MEDIA E "LA POLITICA" CONTINUANO A MANIPOLARE L'INFORMAZIONE?E SOPRATTUTTO E' GIUSTO PENSARE (CON ENORME TRISTEZZA) CHE TUTTO E' MANOVRATO DAGLI AMERICANI? E' VERAMENTE BRUTTO NON POTERSI FIDARE DEL PROPRIO STATO.

LAURA CALISTI 06.03.07 17:45 | Rispondi al commento |
Vota commento

Perchè, non sei capace di leggere e ricordare due notizie differenti? non sei capace di seguire due vicende differenti?

Allora curati.

federico filini 06.03.07 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo è uno scorreggione

Gian Gianni Poli 06.03.07 17:51| 
 |
Rispondi al commento

e poi gennariello con tutto il rispetto
napoli sarà stata anche un importante città europea ...ma ora come ora e' una città brutta e sporca e viene visitata dai turisti stranieri con indicazioni turistiche sulle guide che danno la città sicura come le grosse città del sud america (in pratica pericolosa come rio de janeiro)

maria coppola 06.03.07 16:51

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Per cortesia, Io mi chiamo Gennaro oppure Rino: non mi storpiate il nome.

Quanto a Napoli è una città sicura, pulita e sempre bellissima.

I turisti vegono accolti bene e trattati meglio. E ovvio che come in tutte le grandi città ci sono dei quartieri che è meglio evitare.

E Napoli è tuttora una delle più antiche ed importanti metropoli europeee, dove tutti si possono tranquillamente considerare di casa.

Venga a veder di persona. sarò lieto di farle da cicerone.

Ossequi.

Rino

Gennaro Esposito (rino) Commentatore certificato 06.03.07 17:50| 
 |
Rispondi al commento

SUPER..O.T...................................

Il sistema bancario occidentale, diversamente da quello islamico, si basa sul profitto ricavato dal denaro stesso. Le guerre contro i popoli arabi devono la loro ragione d'essere, oltre che al saccheggio delle risorse energetiche, anche al timore che il sistema bancario arabo possa essere riconosciuto come migliore di quello occidentale.
La cultura islamica non accetta il sistema bancario di tipo occidentale. I musulmani accettano l'idea del profitto che proviene dal proprio lavoro, ma rifiutano l'addebito degli interessi. La Shari'ah proibisce di guadagnare denaro sul denaro.
Dato che anche i musulmani hanno bisogno dei servizi bancari (per finanziare nuove imprese commerciali, per comprare una casa, per comprare una macchina, ecc.), è stato creato il sistema bancario islamico, che oggi ha oltre 100 banche in 40 paesi. Questo sistema è in espansione in Medio oriente, in Arabia Saudita e in molti altri paesi del mondo.

Le banche islamiche esigono principi di trasparenza e di rispetto dei principi etici. Ad esempio, viene proibita la speculazione con un alto margine di incertezza, per proteggere i risparmiatori più deboli. Quindi speculazioni azionarie o futures sono considerati non-islamici. Inoltre vengono banditi commerci considerati immorali, come il commercio di alcol o la costruzione di casinò. Le banche islamiche non concedono prestiti per attività considerate immorali dal Corano.

Sistema Finanziario e Potere
di Antonella Randazzo per www.disinformazione.it - 5 marzo 2007
Autrice del libro "DITTATURE: LA STORIA OCCULTA"

IL GOVERNO AMERICANO DI BUSH ATTACCA I PAESI ISLAMICI PER PUNIRE I RESPONSABILI DELL'11 SETTEMBRE ????????????????????????????????????

FATE VOI......................................

andrea de meo 06.03.07 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Afghanistan, i Talebani:
«Arrestato giornalista di Repubblica». Il quotidiano non ha notizie di Daniele Mastrogiacomo da domenica 4 marzo. Si trovava nel sud dell'Afghanistan. Farnesina: verifiche STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

"KABUL - Ore di ansia per l'inviato di Repubblica in Afghanistan Daniele Mastrogiacomo di cui non si hanno più notizie da domenica 4 marzo. Il giornalista, che si era recato a Kandahar per intervistare leader talebani, è probabilmente uno dei tre rapiti dagli stessi guerriglieri afghani. I talebani hanno infatti annunciato di aver «arrestato un britannico che lavora per il quotidiano La Repubblica» nel sud dell'Afghanistan. Secondo il pm Ionta, che ha aperto un'inchiesta a Roma sul rapimento, la rivendicazione è «attendibile».
«Ci hanno detto che erano giornalisti, ma noi riteniamo che siano spie», ha detto all'Afp il portavoce dei guerriglieri, Yussuf Ahmadi. Il fatto che i rapitori parlino di Mastrogicomo come di «un britannico» potrebbe essere dovuto al fatto - riferiscono fonti di Repubblica - che l'inviato è nato a Karachi, in Pakistan.

«SE SPIE, LI UCCIDEREMO» - Se fossero identificati come spie, i due afghani e Mastrogiacomo «sarebbero trattati secondo la sharia», ovvero uccisi mediante decapitazione. Lo afferma in una dichiarazione raccolta da Aki-Adnkronos il comandante talebano delle province dell'Afghanistan sud-occidentale, Mullah Dadullah.

«Situazione incerta e timori dopo l'annuncio dei Talebani» dall'inviato a Kabul Francesco Battistini.

VERIFICHE E INFORMATIVA ALLA CAMERA - La Farnesina sta compiendo delle verifiche attraverso l'ambasciata italiana a Kabul e l'Unità di crisi del ministero. La zona di Kandahar, nel sud del Paese, è un'area ormai completamente in mano ai talebani. Immediatamente attivate le autorità. Il viceministro degli Esteri Ugo Intini ha riferito nell'Aula della Camera sulla sparizione di Mastrogiacomo".

www.corriere.it

Nicola Facciolini 06.03.07 17:49| 
 |
Rispondi al commento

www.nonrassegnatastampa.it

Amici del blog, andate a vedervi le gags di questi 2 bravissimi comici visibili solo on line sul loro sito www.nonrassegnatastampa.it.

Sono pungenti, arguti, divertenti... e bravi!

Diamogli una mano: facciamoli conoscere a tutti e regaliamogli la popolarità che si meritano.

Buona visione: www.nonrassegnatastampa.it

Carlo Casella Commentatore certificato 06.03.07 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Comprare l'oppio afghano, cose da pazzi, si stanno facendo ridere dietro da mezzo mondo. pure l'onu dice che è una cazzata, pure Arlacchi lo dice.
Pecorari si nasce!!!

italo balbo 06.03.07 17:46| 
 |
Rispondi al commento

MI CHIEDO...ORA SI PARLA DI TALEBANI, DI ATTACCHI NATO DI MORTI E ATTENTATI E TUTTO MI SEMBRA UNA SPECIE DI COMPLOTTO, COME SE SI DOVESSE DISTOGLIERE L'ATTENZIONE DALL'IRAQ COSI' COME A SUA VOLTA E' STATO FATTO PER L'AFGANISTAN...LA DOMANDA E':SONO IO CHE ORAMAI VEDO MARCIO OVUNQUE O INVECE E' PROPRIO COSI',I MEDIA E "LA POLITICA" CONTINUANO A MANIPOLARE L'INFORMAZIONE?E SOPRATTUTTO E' GIUSTO PENSARE (CON ENORME TRISTEZZA) CHE TUTTO E' MANOVRATO DAGLI AMERICANI? E' VERAMENTE BRUTTO NON POTERSI FIDARE DEL PROPRIO STATO.

LAURA CALISTI 06.03.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento

FONTANA: SENZA MAGGIORANZA SU AFGHANISTANA PRODI SI DIMETTA

Nella approvazione parlamentare del decreto di rifinanziamento delle missioni militari all’estero, governo e maggioranza "dovranno calcolare i propri voti al Senato al netto di quelli dell’opposizione e dei senatori a vita". Lo ha affermato Gregorio Fontana, deputato azzurro, nel corso del dibattito in aula a Montecitorio sul provvedimento che riguarda tra l’altro la missione in Afghanistan.
Forza Italia voterà a favore del ddl, ha spiegato Fontana, che ha osservato: "essendo il governo caduto sulla politica estera", se nel voto sulla conversione del decreto il rifinanziamento "dovesse passare solo grazie al voto indispensabile dell’opposizione e dei senatori a vita il governo dovrà essere considerato nuovamente in crisi". In quel caso, per Fontana "Prodi dovrebbe ammettere di non essere più sostenuto da una maggioranza, non avere la fiducia e dimettersi. Questa volta spero definitivamente".


Nicola Facciolini 06.03.07 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema e' vecchio, lo Stato non sa' imporsi, ha perso il controllo del territorio, ognuno fa quello che vuole certo dell'impunita'.
Perche' dovrebbero investire milioni di euro in sicureza quando nessuno controlla prevevntivamente nei cantieri, e anche se scoprono iregolarita' le multe unflitte sono ridicole.Quindi continuano a fare quello che vogliono. Solo se ci fosse un inasprimento delle pene, ma certe e veloci, riusciremo a risolvere questo annoso problema. Che costa al paese 11 milioni di euro di pensioni di invalidita' annui.

luigi romano 06.03.07 17:44| 
 |
Rispondi al commento

google news
digitate: marocchino, rumeno, tunisisno, rapine in villa, slavi

vi accorgerete di quanta ricchezza ha l'italia grazie ai sinistroidi buonisti.

133 sono arrivati ieri, chi li mantiene ? e chi manterra' tutta la famiglia fino al terzo grado di parentela ? chi manterra la squadra di calcio che a 30 anni gia' possiedono ?

buonisti: mi fate ridere, siete qui a lamentarvi che vi manca il lavoro e vi state giocando il futuro per il vostro finto buonismo: almeno non venite a piangere che il lavoro scarseggia!!!

nota: vergogna, con vostro buonismo state distruggendo il lavoro di nonni e genitori per voler essere cittadini del mondo.

sic, come se girassero il mondo dalla mattina alla sera.!!!

laura montani 06.03.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao beppe,
concordo pienamente con la lettera, ma mi permetto di aggiungere ( ANCHE PERCHè HO CHIESTO PER CAPIRE), che l'unione europea da delle direttive sulla sicurezza sul lavoro, che la nostra politica, non vuole recepire o che recepisce troppo tardi, per poi arrivare agli imprenditori. Ma la cosa non mi sorprende, in quanto siamo su un medioevo moderno, dove, almeno qui nel ( cosidetto ricco nord-est),su 360.000, 280.000 chiuderanno in quanto i genitori imprenditori, non hanno appassionato i loro figli al loro lavoro. E'a mio parere un chiaro segnale di decadenza del nostro paese, mezzi di disinformazione in testa.
Alvise

Alvise Fossa Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 17:40| 
 |
Rispondi al commento

cos'è il s..i..g..n..o..r..a..g..g..i..o?

Beppe Curì 06.03.07 17:40| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Bazzoni, hai tutta la mia ammirazione e stima

Davide Marchiani Commentatore certificato 06.03.07 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Comprano sedi megagalattiche e stanno bene attenti ai conti. Hanno lo stesso atteggiamento delle compagnie private, ma i clienti e gli introiti sono garantiti dalla legge.Ma che vadano... in pareggio!!!

beppe lipurghi 06.03.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

BISOGNA RIAPRIRE I CASINI!!!
BOICOTTATE WINDOWS VISTA!!!
BISOGNA RIAPRIRE I CASINI!!!

Roberto Giorgi 06.03.07 17:37| 
 |
Rispondi al commento

BERTOLINI: NO A ITALIA MERCANTE DI OPPIO

"No al narcotraffico di Stato. No all’Italia mercante di oppio. Dopo Caruso che pianta marjuana nelle fioriere della Camera e la Turco che aumenta i quantitativi legali dell’uso di cannabis, questa maggioranza irresponsabile sponsorizza l’Italia come finanziatore dei Talebani produttori di oppio".

Cosi’ si è espressa Isabella Bertolini, vicepresidente dei deputati di Forza Italia, commentando l’ordine del giorno che verra’ presentato da Verdi, Rosa nel pugno e Rifondazione comunista, in occasione della discussione alla Camera del decreto di rifinanziamento delle missioni internazionali all’estero. "Come del resto sta gia’ avvenendo, per aiutare l’Afghanistan a stimolare crescita e sviluppo, occorre riconvertire i campi di oppio, non favorirne l’estensione. Del resto, la stessa Onu si e’ detta decisamente contraria all’acquisto dell’oppio a fini terapeutici per i pericolosi rischi collegati. Questa proposta ci da la misura, ove ve ne fosse bisogno, della politica estera come la concepisce il Governo Prodi. Mandiamo i nostri ragazzi in Afghanistan a rischiare la vita per comprare la droga che poi lo Stato provvedera’ a ’piazzare’ sul mercato italiano. È veramente desolante ma soprattutto diseducativo per tutte le nostre nuove generazioni".


Nicola Facciolini 06.03.07 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono cifre da guerra civile.

Francesco Zurlo 06.03.07 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Per paradosso i paesi che godono piu' diritti e servizi, dove il senso civico
e civile e' piu' sviluppato, i cittadini, pur vivendo una realta' sociale migliore che la nostra, sono meno disposti
a farsi prendere per il culo!

Al contrario, in quei paesi come il nostro, dove lo stato e' assente o latitante
lo sdegno e la reazione dei cittadini e' pressoche' sterile.
I disagi e le ingiustizie dovrebbero motivare e incoraggiare le proteste
della gente comune,
invece c'e' una sorta di assuefazione alla precarieta':In tutti i sensi!

La disoccupazione giova ai poteri, facendo accettare ai lavoratori
qualsiasi impiego: A qualsiasi retribuzione. A qualsiasi rischio!

La disoccupazione e' una forma di ricatto che tiene prigionieri
milioni di persone!

antonio ciardi Commentatore certificato 06.03.07 17:30| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che non si va da nessuna parte ma è bene ricordare che per 62 anni hanno retto il gioco. Purtroppo c'è chi ha la memoria o la data anagrafica troppo corta.

meglio ricordare e divulgare

liberi sempre 06.03.07 17:17

Ricordare implica una storia vera e quindi non fasulla come la nostra. Togliere i miti e le leggende che sorreggono in piedi la versione ufficiale della nostra storia, equivale ad una MEGA-riforma ... un piccolo ma GRANDE passo verso un futuro reale perché non più intriso da menzogne di tutti i colori!

Abbasso i fascio e abbasso i comunisti, il resto lo facciamo da noi, con moderazione perché finalmente liberi da ste zecche!

Lili Milli 06.03.07 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO SONO IO E VOI NON CONTATE UN CAZZO
_____________________________________+
+
"La Sicilia.it" ha chiuso le "Registrazioni" al Forum sul Calcio, al termine degli innumerevoli tentativi di Ricostruire di postare un pezzo su quel Forum: sistematicamente cancellato e bannato, ora sin nella HomePage. Sembra sotto assedio nella strenua difesa del bottino cumulato negli anni. Tutto denaro sottratto alla Città: non sa più dove investire: dopo avere comprato una parte consistente di Telecom, tra l'altro, sta realizzando i parcheggi sotterranei di
Piazza Europa, un bel bottino da diversi miliardi. Oltre la gestione trentennale dei parcheggi, infatti, è spuntata una inopinata area commerciale in riva al mare, vanificando quello che con tanta pomposità chiamano ancora "Fronte a mare" (Water front")uno scempio, che grida vendetta e altri miliardi sottratti alla Città. Delle due l'una: o i parcheggi sotterranei o l'area commerciale. Dove sono i "Diversi & Superiori morali", che ci hanno scippato il Ponte? Torni presto Berlusconi e ci liberi di queste merde tossiche.
____________ www.ricostruire.it ___________

Salvo B. Commentatore certificato 06.03.07 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Certo che su questo post ci sono scritti dei dati
pensabili e ragionevoli. Ma alcuni in cui ho
forti dubbi. È sicuramente vero che nell'anno
passato ci siano stati 27000 invalidi. Questo
un milione di infortunati lo posso anche far passare. A mio parere tutto è nell'ordine giusto. Ma caro Beppe: Fai bene a non credere che l'INAIL abbia raggiunto un utile di 2 miliardi di euro. Secondo me Beppe, dovresti informarti meglio. Com'è possibile che su tutti
questi mutilati l'INAIL abbia un profitto così alto. Se qualcuno di voi nel blog avesse la conferma o mi sapesse spiegare il motivo di
quest'incredibile fatto, mi potrebbe per favore
rispondere. Io cercherò di informarmi comunque.
Grazie

T. Marco Commentatore certificato 06.03.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Eccoti l'Inno del Proletariato:
INNO DEL PROLETARIATO:
"Poichè hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dall'albero, di cui ti avevo condannato: Non te ne devi mangiare,maledetto sia il suolo per causa tua!Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita.Spine e cardi produrrà per te e mangerai l'erba campestre.Con il sudore del tuo volto mangerai il pane;finchè tornerai alla terra,perchè da essa sei stato tratto :polvere tu sei e in polvere tornerai!"Genesi 3,17.

Salvio Visconti Commentatore certificato 06.03.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Se la qualità della vita non è abbastanza varia... sembra esserlo quella della morte!...
Forse per questo i discorsi funebri sembrano meno noiosi di quelli che si fanno in sala parto!


Incredibile: stiamo raggiungendo già quota 80.000 firme in pochi giorni!!!

Avanti così, gente! E divulgate la notizia!

PETIZIONE: AUTO AD IDROGENO SUBITO! (sito di appoggio alla petizione www.automobileidrogeno.com)

Indirizzato alla: COMMISSIONE EUROPEA (DIPARTIMENTO PER L’AMBIENTE)

Noi Italiani vogliamo essere i primi nel mondo a creare una legge che obblighi le multinazionali petrolifere ad installare distributori di idrogeno accanto ai convenzionali distributori di benzina?

CON QUESTA PETIZIONE CHIEDIAMO UNA LEGGE CHE OBBLIGHI LE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO AD INSTALLARE DISTRIBUTORI MULTIENERGY (METANO, IDROGENO) IN OGNI STAZIONE DI SERVIZIO ITALIANA E A PRODURRE IDROGENO UTILIZZANDO ENERGIE ALTERNATIVE! FIRMA PER L’INDIPENDENZA ENERGETICA!

http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html?

Carlo Casella Commentatore certificato 06.03.07 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che su questo post ci sono scritti dei dati
pensabili e ragionevoli. Ma alcuni in cui ho
forti dubbi. È sicuramente vero che nell'anno
passato ci siano stati 27000 invalidi. Questo
un milione di infortunati lo posso anche far passare. A mio parere tutto è nell'ordine giusto. Ma caro Beppe: Fai bene a non credere che l'INAIL abbia raggiunto un utile di 2 miliardi di euro. Secondo me Beppe, dovresti informarti meglio. Com'è possibile che su tutti
questi mutilati l'INAIL abbia un profitto così alto. Se qualcuno di voi nel blog avesse la conferma o mi sapesse spiegare il motivo di
quest'incredibile fatto, mi potrebbe per favore
rispondere. Io cercherò di informarmi comunque.
Grazie

T. Marco Commentatore certificato 06.03.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un comunista e un fascista rimangono due poveri deficienti

stella massimo 06.03.07 16:56

Quoto, abbasso ai sottosviluppati che dal dopoguerra ad oggi ci hanno sempre e solo limitati in tutto!

Lili Milli 06.03.07 17:15| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

@ andrea de meo

'Azz!!!
Mi sono dimenticato le pensioni!!!

LOTTA DI CLASSE (la classe politica)!!!!!!!
............‚O
.........././\\...ƒ‾\
‗‗¸—–\.\––‛/../‘-‘
....\.../._įĻ...../˛
......‘/..‘/...‾‘/‗\\
......\\.\\...//

Geronimo Del Baldo Commentatore certificato 06.03.07 17:10| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo, ma che continui a scrivere queste cose.

Agli italiani si deve parlare con qualsiasi argomento che non sia la razionalita'.

Cercare di convincere un italiano della necessita' della giustizia sul lavoro, come in altri luoghi e' come pretendere che un fan di Wanna Marchi venga convinto su basi razionali che la Wanna lo ha fregato.

E' come convincere un italiano con gli argomenti piu' razionali e inconfutabili che in nessun paese europeo voterebbero un miliardario con 3 televisioni. Non ti crede, non ti crede...

Augen Thaler 06.03.07 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Il POTERE è COME UNA PIANTA
non la si può strappare la pianta perchè la radice è troppo ramificata e infossata nel terreno....
...allora bisogna semplicemente smettere di dargli nutrimento per farla seccare!
NON PRODURRE PER IL POTERE
NON CONSUMARE PER IL POTERE
NON COLLABORARE PER IL POTERE

PIU' CI ALLONTANIAMO DAL POTERE PIU' LO INDEBOLIREMO E SOLO DOPO POTREMMO PROPORRE NUOVE PROPOSTE PER IL FUTURO!

+ parliamo di politica e + vedremo soltano loro, + avranno potere e + le cose rimarranno tali!
.....ci sono altre alternative e nuovi sistemi che possono darti la possibilità di essere tu il protagonista del tuo futuro!
...come si è passati dalla pietra alla ruota...
...come si è passati dalla monarchia alla repubblica...
...perchè il tuo tempo non dovrebbe essere parte di un cambiamento radicale?????
...dobbiamo credere nelle nostre potenzialità!
...Invece di una violenta guerra civile, indeboliamo il potere con l'intelligenza rifiutando le illusioni e le tentazioni che ci fornisce...
Chiediamo a persone come Grillo di diffondere questi concetti!

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 06.03.07 17:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SISTEMA PERFETTO

DUNQUE UNO POSTA, E METTI CASO NON E' ALLINEATO COL GRILLO-BERTINOTTI-PECORARO-DIPIETRO PENSIERO.

L'ALTRO TI RIBADISCE CHE SEI UN FAS.CIS.TA DEL CAXZZO E CHE NON CAPISCI NIENTE.

TU POI ARGOMENTI E RENDI NOTO CHE LE COSE NON STANNO COSI'E CHE POTRESTI AVERE RAGIONE.

MA POI CHE SUCCEDE'?? BANNANNO IL NON-ALLINEATO, SPARISCONO I SUOI POST E LE SUE RISPOSTE E COSI' CHI LEGGE DOPO, VEDE CHE LA RAGIONE E' SEMPRE DI QUELLO ALLINEATO.

BRAVI !!

nick name 06.03.07 16:43

Hanno* sempre agito in questo modo!

*= i comunisti

E siccome ha sempre funzionato (ma solo da noi) il giochetto continua, solo che ... ci sono i fantasmi del passato che bussano alla porta della storia! I fascio sono già out, i comunisti non sono ancora out! Gran bel giorno sarà, quando verranno sepolti dalle loro stesse menzogne! Sono 62 anni che tengono in giogo il paese, nessun paese occidentale ha permesso tutto ciò!

Ma nel frattempo non andremo da nessuna parte con questi estremismi da sottosviluppati … purtroppo!

Lili Milli 06.03.07 17:04| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Per non parlare delle auto. Questo articolo è apparso qualche giorno fa nell'home page di GoogleNews:

http://andreasacchini.blogspot.com/2007/03/autogoogle.html

andrea sacchini 06.03.07 17:01| 
 |
Rispondi al commento

DAI CONTINUIAMO a vivere come zombi e ad indignarci per procura

SICURAMENTE verrà un messia che ci libererà

ASPETTIAMO E TACIAMO e diventiamo complici di questo stato di cose

SICURAMENTE verrà un messia che ci libererà

filippo russo 06.03.07 17:00| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

RISANARE I CONTI DI QUESTO PAESE E' IMPOSSIBILE

qui:

HTTP://GIANNIGUELFI.ILCANNOCCHIALE.IT/?ID_BLOGDOC=1390387

gianni guelfi 06.03.07 16:57| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

cari amici del blog avrei un grande desiderio che la smettiate di apostrofarvi con parole quali comunista,e fascista. Siamo nel 2007 ed e'ora che iniziamo ad usare il cervello (io compreso).Un comunista e un fascista rimangono due poveri deficenti fin quando non si uniscono e capiscono che c'e' qualcuno che ha voluto che diventassero comunista e fascista solo per il suo interesse .Volete scoprire chi e' questo 'Qualcuno'? Volete cambiare prospettiva alla vostra vita? Adesso vi dico il modo. basta sapere il significato della parola '''S I G N O R A G G G I O ''''' (WWW.SIGNORAGGIO.IT WWW.SIGNORAGGIO.COM) FATELO VI PREGO VI PREGO VI PREGO VI SUPPLICO VIPREGO VI PREGO VI PREGO

stella massimo Commentatore certificato 06.03.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Amici, sono convinto che non è Grillo ad attuare questa feroce censura, ma quei quattro scemi che si credono i detentori del Grillo pensiero e hanno fatto di questo blog la loro unica ragione di vita.

Andate in pizzeria stasera, mentecatti!!!

italo balbo 06.03.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento

mi consenta etichettare Grillo comunista mi sembra eccessivo

lanata achille 06.03.07 16:43

Guarda caso appena si tocca l'argomento comunismo zac! Guarda caso ...

Lucio Grispini 06.03.07 16:55| 
 |
Rispondi al commento

se vuoi discutere con me

http://stefanolovisetto.spaces.live.com/

Stefano Lovisetto 06.03.07 16:54| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

La CDL ha ammainato i valori laici, questa lettera ne è una conseguenza. L'unica cosa che posso fare è esprimere la mia solidarietà.

----------

LETTERA APERTA DI UN GAY DI DESTRA A SILVIO BERLUSCONI

Carissimo Presidente,

Eccomi qua, a sei mesi dalla mia prima lettera aperta, costretto a scriverle di nuovo dalla mia piccola tribuna di vicepresidente dell'unica associazione dichiaratamente gay e dichiaratamente di centrodestra.
Sì, ora glielo dico a brutto muso. Che Lei lo voglia o meno ci siamo anche noi. Qui. Nella Casa delle Libertà. Noi come quelle tante donne non avvenenti o, peggio, che hanno voglia di dire la loro, di fare politica come ha fatto in maniera forse discutibile ma certo non equivocabile sua moglie Veronica.
Molte donne si sono rifatte a lei e come lei, citando Catherine Dunne, hanno fatto capire a troppi uomini che nelle loro vite, più spesso del dovuto, si sono sentite La metà di niente.
Così noi. Purtroppo e con una tristezza che non immagina siamo costretti a farle sapere che ci sentiamo addirittura meno della metà di niente. E' vero. Nel centrodestra i gay sono meno che nel centrosinistra o forse, semplicemente, meno visibili perché meno assidui ai gay pride, più attaccati a quegli ideali e a quei valori di destra come la famiglia e il rispetto di un certo pudore nel porsi di cui, invece, Lei magari ci immagina privi.
Stiamo vivendo, glielo dico, un periodo se possibile ancor più sconcertante di quello in cui Lei ha governato. Cinque anni durante i quali anche noi, gay attivisti della Casa delle Libertà, avevamo bene in mente che programmaticamente non potevano esserci speranze. In quei cinque anni, però, così come lo scorso 2 dicembre a piazza San Giovanni non abbiamo smesso di sentirci parte di quel popolo delle libertà al quale con il cuore e con la mente apparteniamo convinti, credendo nella possibilità di trovare, senza esibizionismi o azioni eclatanti, almeno qualche forma di collaborazione possibile.

(continua nei commenti)

Jacopo della Quercia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ugo...ughino...ma che senso dell'umorismo strano che hai...sarà mica per gli abusi sessuali che hai subito da bambino..
ugo ughino 06.03.07 16:44

GLi economisti la sanno usare la calcolatrice? Ma sanno usare i linguaggi di programmazione?
Ugo Toti 06.03.07 16:39

Staff!!! Esigo che prendiate le generalità internettiane di codesto volgarissimo utente!!! Costui offende non solo un bloggher onesto ed allineato, ma anche tutti i bambini che subiscono ed hanno subito abusi durante la propria vita!!!
STAFF!!!!

Ugo Toti 06.03.07 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Pero' calcola un 30% dei cosiddetti invalidi godono ottima salute! (vedi furbetti)

sciarretta alfredo 06.03.07 16:47| 
 |
Rispondi al commento

..................O.T................

IN ITALIA

Spogliarelliste di un locale notturno perdono un cane, Gianni. A chi lo ritrova promettono dieci sexy show in premio.
Repubblica e corriere.it rilanciano l'appello e pubblicano le foto.
No, non di Gianni: delle spogliarelliste...

IN INGHILTERRA

Cinque donne britanniche si sono inventate uno spettacolo sexy per raccogliere i fondi per aiutare la bimba autistica di una di loro.
Tre mamme, un’agente immobiliare e un’operatrice sociale, hanno unito le forze per raccogliere circa 25 mila euro, necessari per far operare la piccola Rosie, che soffre di autismo e di epilessia.

...................MAH.................

andrea de meo 06.03.07 16:47| 
 |
Rispondi al commento

MA IO NON VI CAPISCO SE UN ENTE PUBBLICO NON VA IN DEFICIT COME L'IMPS VI LAMENTATE, SE FA DEGLI UTILI VI LAMENTATE, è OVVIO CHE I 2 MIGLIARDI DI GUADAGNI ANNUI PRIMA O POI FINIRANNO CON IL FINIRE NELLE TASCHE DI QUALCHE PENSIONATO, MAGARI DI ANZIANITà VISTO CHE IMPS HA BEN PIù DI 2 MIGLIARDI DI BUCO OGNI ANNO DA SANARE.


Ieri la notizia che il 92% dei portaborse dei parlamentari lavora in nero.
Quando lo stipendio mensile dei parlamentari è di decine di migliaia di euro.
Ecco, mentre sentivo queste informazioni, che già sapevo perchè ogni tanto qualcuno ce le ricorda, mi veniva da piangere, vi giuro che era un pianto disperato anche se questo susciterà commenti ironici dai molti golardici che frequentano il blog.
Veniva da piangere a me che faccio un lavoro precario da 8 anni ma almeno sono seduta dietro una scrivania.
E penso invece a chi, oltretutto, rischia anche di perdere un braccio sotto un macchinario per un migliaio di euro (se va bene).

lola kanetti 06.03.07 16:43| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno. Dati aghiaccianti ma già divulgati sugli infortunii sul lavoro. Anche il governo penso che conosca bene sia le cifre che riguardano gli invalidi sia la cifra che percepiscono. Il muro di omertà che cè tra il popolo e la perenne e giustificata paura di perderlo il posto di lavoro. Avete idea di quante persone tra i 40/50 anni lavorano in aziende sicuramente non a norma e che non si sognano neanche di denunciare le mancate norme della legge sulla sicurezza e vivono come il medesimo la paura che possa accadermi qualcosa o la paura che l'ennesima azienda lasci a casa 8/20 dipendenti, a casa!!! x l'inagibilità della stessa. Un occhio di riguardo anche al datore di lavoro, vi sembrerà strano, ma si fa il culo forse di più di noi dipendenti o liberi professionisti. bisogna dire ai nostri "dipendenti" che per evitare di spendere 42 mil. di euro, il prossimo anno x gli ennesimi disabili, prenda questi soldi e li investa, mettendo "loro" in regola tutte quelle aziende che necessitano sistemi di sicurezza, facendo si che le aziende e i dipendenti continino l'avanzata alla pensione e vivere del gruzzolo del TFR o degli utili acumulati da anni di lavoro (titolare).X concludere, auguriamoci che domani sia il giorno con meno infortuni. Buonasera.

Luigi Ardau 06.03.07 16:42| 
 |
Rispondi al commento

OT

leggo spessol'incipit del blog, raramente i commenti, è preoccupante come l'accesso ad una quantità di informazioni non attendibili e non mediate da un minimo bagaglio culturale produca mostri. Tracimano nel blog tematiche di ordine mondiale e caxxxxate varie nelle quali è facile che abbocchino i più sprovveduti (perchè spesso i più disperati e arrabbiati).
Il blog è pieno di esortazioni a grillo che si metta a capo di un movimento che faccia finalmente piazza pulita.
Sarebbe bello trovare la soluzione, il bnadolo della matassa, la soluzione a tutti i mali: fatevi un giro nei siti che producono il back ground culturale di molti frequentatori del blog, sono loro stessi a fornire i link invece di vcergognarsi della loro pochezza. Io comincerei a preoccuparmi.

nicola p. 06.03.07 16:31 | Rispondi al commento |
Vota commento

Specialmente quelli che si firmano con il nome di qualche grande filosofo o pensatore. L'ignoranza li rende arroganti e presuntuosi.

vanni la perla 06.03.07 16:39| 
 |
Rispondi al commento

L'italia è il paese delle contrapposizioni:
chi lavora viene punito. Già per ottenere un
posto fisso bisogna fare salti mortali, una
volta ottenuto se ti succede qualcosa invece
di essere tutelato sei trattato come una larva.
Il mio lavoro mi ha portato a conoscere, dei
calciatori di serie A e B:sono pochi quelli
si far per dire normali,a quelli bisognarebbe dare una pensione di invalidità mentale permanete!
e son pieni di soldi, e la gente fa loro dei
regali, ai ristoranti non pagano e tante altre agevolazioni del genere.Pu0' andare bene il mondo?

rivoluzione in vista 06.03.07 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo portaci un economista!!
E fagli portare la calcolatrice.
............‚O
.........././\\...ƒ‾\
‗‗¸—–\.\––‛/../‘-‘
....\.../._įĻ...../˛
......‘/..‘/...‾‘/‗\\
......\\.\\...//

Geronimo Del Baldo Commentatore certificato 06.03.07 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lili Milli 06.03.07 15:57

"Cultori di uno stalinismo esasperato", bum! Cioè Stirner e la Bellandi, i kulaki anzichè nei gulag li metterebbero direttamente a morte? O vorrebbero dei piani quinquennali troppo ambiziosi?

Andrea Brizzi 06.03.07 16:14

Puoi scherzarci su, ma puoi anche domandarti come nel 2007 (in una democrazia) possano ancora esistere individui che hanno sposato certe idee balorde. Come loro tanti altri in questo paese. Da qualche parte qualcuno li ha istruiti a dovere, il che significa che la nostra società è malata.

Lili Milli 06.03.07 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Il problema più grave sono i contratti a progetto o cococo di collaborazione occasionale. Non può avanzare una società con queste "toppe". Questi contratti, fasulli, servono soltanto per agevolare le aziende, le quali ai limiti della legalità abusano e speculano verso i dipendenti. Questa flessibilità non produce ricchezza alla popolazione, anzi creano precarietà impedendo alle giovani generazioni di realizzarsi e procreare. Questi contratti distruggono valori indiscutibili come la famiglia. Il futuro dipende sopratutto da questo. Se questi contratti non verrano eliminati l'italiano rischierebbe di sparire, sostituito dall'extracomunitario, la nuova schiavitù del secolo.

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 06.03.07 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Piccolo OT per Napoli:

«Parto. Non dimenticherò nè la via Toledo nè tutti gli altri quartieri di Napoli; ai miei occhi è, senza nessun paragone, la città più bella dell'universo.»
(Stendhal, Roma, Napoli e Firenze)


SCUSATE SE LO RI/POSTO MA PURTROPPO I MIEI COMMENTI SONO NEVE AL SOLE…

Ma se proprio ieri sera il programma delle iene ha fatto un servizio su i collaboratori dei politici che, per primi loro sono assunti quasi tutti “regolarmente” in nero… perché allora ci dovremmo stupire se il mondo del lavoro in questo paese funziona esattamente nello stesso modo?


Caro Grillo, non sarebbe forse il caso di cominciare a piantarla di fare sempre la solita demagogia, come facciamo da due anni a questa parte facendo finta di stupirsi sempre dell’ovvio?


Non ti sei accorto che su certi argomenti “dei quali in due anni ti sei già occupato svariate volte” la gente si sta stancando di ripetere noiosamente sempre le stesse cose, e comincia a non risponderti neanche più?


Dove sono finite tutte quelle belle iniziative che prendevi all’inizio, quando il tuo blog si faceva sentire anche all’esterno della sua piccola nicchia, pubblicando inserzioni denuncia su importanti giornali nazionali?

ps: un sentito grazie di cuore allo staff che ieri sera ha lasciato il mio post per più di 2 ore prima di censurarlo regolarmente....

Dissi Dente 06.03.07 16:30| 
 
  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

5˙486 € mensili +
4˙000 € mensili +
3˙300 € mensili +
4˙190 € mensili +
3˙000 € annui =
_________________

206˙712 € annui

630 + 315 + 7 = 952

206˙712 moltiplicato 952 =
__________________________

196˙789˙824 € annui
(centonovantasei milioni settecentottantanovemila ottocentoventiquattro).


INDOVINA INDOVINELLO:
DI CHI STIAMO PARLANDO?

............‚O
.........././\\...ƒ‾\
‗‗¸—–\.\––‛/../‘-‘
....\.../._įĻ...../˛
......‘/..‘/...‾‘/‗\\
......\\.\\...//

Geronimo Del Baldo Commentatore certificato 06.03.07 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema più grave sono i contratti a progetto o cococo di collaborazione occasionale. Non può avanzare una società con queste "toppe". Questi contratti, fasulli, servono soltanto per agevolare le aziende, le quali ai limiti della legalità abusano e speculano verso i dipendenti. Questa flessibilità non produce ricchezza alla popolazione, anzi creano precarietà impedendo alle giovani generazioni di realizzarsi e procreare. Questi contratti distruggono valori indiscutibili come la famiglia. Il futuro dipende sopratutto da questo. Se questi contratti non verrano eliminati l'italiano rischierebbe di sparire, sostituito dall'extracomunitario, la nuova schiavitù del secolo.

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 06.03.07 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Lili Milli 06.03.07 15:57

Non sostengo Signora che quello che lei afferma sia falso, è altrettanto vero che talvolta sono spariti anche i miei post, pensi uno che ricordo era per la chiusura della birreria Pedavena, che per onestà devono molto a Grillo se il birrificio ha ripreso la produzione e sembra che adeso stia andando molto bene quindi non spariamo addosso a Grillo
talvolta leggere sempre le stesse cose ripetute all'infinito danno fastidio a chi a quelle faccende(senz'altro giuste) non è interessato.
Saluti Achille

lanata achille 06.03.07 16:11

Le due cose, censura e meriti di Grillo, non castrano per niente.
E' come dire, Vanna Marchi ha rubato ma ha fatto anche della beneficenza.

Quello che conta è che Grillo ha sempre denunciato le censure d'altrui, mentre poi agisce allo stesso modo.
Più falso di così!

Parla di diritti e di democrazia, mentre è uno stalinista per convinzione o per lucro.
Più falso di così!

Quindi va allineato ad un Berti-Kashmirino o Skipper-Barcone-Baffetto, tutta gente che sfrutta l'adepto di turno.
Più falso di così!

Lucio Grispini 06.03.07 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo, i dati che ti hanno fornito sono parzialmente falsi. In realtà gli infortuni sul lavoro sono più del doppio di quelli che ti hanno riferito. L'altra metà sono di tutti quei lavoratori non in regola con la legge. Oltre tutto a questi il datore di lavoro pur di non avere rogne, suggerisce al lavoratore di dire al pronto soccorso di essersi fatto male a casa, o per i cavoli suoi, se dopo essere vuole ritornare a lavorare. Non è vero anche che l'assegno della rendita è misero. E' misero solo per quei operai che hanno uno stipendio da fame, perchè viene calcolato in base alla retribuzione, ma quelli che prendono i stipendi doro anche se sono senza un'unghia ci navigano sopra. Comunque l'Inail, è un barraccone, un'istituto che dovrebbe prima a saper rispettare la gente, i lavoratori ed imparare l'educazione. Per prima cosa dovrebbe essere soppressa dall'Inps come tanti anni fà era stato proposto, in secondo luogo dovrebbe essere rivista a livello previdenziale, terzo ed ultima cosa, i vecchi dirigenti, i fossilizzati impiegati, gli stessi e tanti falsi invalidi del lavoro dipendenti di questo istituto,dovrebbero andare in pensione e lasciare spazio ai giovani.
Magari anche agli stessi figli disoccupati.
Te lo dice un ex dipendente che si è licenziato perchè mi vergognavo di fare nulla tutto il giorno.

Claudio Gattolin 06.03.07 16:25| 
 |
Rispondi al commento

"Un milione di infortuni sul lavoro all’anno"?!...

Penso che questo numero si ridurrebbe sicuramente ... se si riducessero le ore di lavoro!...
Dato l'alto numero di incidenti mortali sulla strada... non si vorrebbe forse ridurre il limite di velocità?!...

A ben vedere... le due cose non sarebbero proprio da considerarsi allo stesso livello!...

Infatti... nel secondo caso non cambierebbe molto... dato che a moltissimi piace non rispettare il limite di velocità!...
Nel primo caso... invece... difficilmente qualcuno infrangerebbe il divieto di lavorare più di un certo numero di ore!

Speriamo che prima o poi si trovi un ministro anche per il primo caso... la cui soluzione "qui proposta"... a prima vista... sembrerebbe assicurare un risultato migliore!

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 16:21| 
 |
Rispondi al commento

CHI SIAMO NOI PER GIUDICARE??? COSA DOBBIAMO DIRE ALLORA DI QUELLI CHE ABBANDONANO I CANI IN AUTOSTRADA???

l.dibitetto 06.03.07 16:21| 
 |
Rispondi al commento

TUTTI noi cittadini siamo "impronte nel deserto", :
-quelli che muoiono per infortuni sul lavoro,in nero
-quelli che muoiono per disfunzioni della sanità
-quelli che muoiono sulle strade, maltenute non
sorvegliate.
- quelli che muoiono per insicurezza delle città
- quelli che muoiono perchè le famiglie devono tenere i malati di mente in casa e ne divengono ostaggio e vittime.
-quelli che vengono ammazzati dai terroristi

- quelli che si ammazzano perchè usurati , anche dalle Banche.
-quelli uccisi dalla malavita
-e chi sa quante altre "categorie" , fino a
-QUELLI CHE MUOIONO UN POCO PER GIORNO, consumati nei sogni e nelle aspettative, TRADITI, SFRUTTATI e ABBANDONATI, eroi dimenticati del viver comune , inutili marionette, che uno STATO ormai distante, avido, spesso rappresentato da poco edificanti personaggi, considera solo utili idioti che votano e pagano balzelli di sapore medioevale.

Marista Urru (marista urru) Commentatore certificato 06.03.07 16:21| 
 
  • Currently 1.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Afghanistan, i talebani: "Abbiamo preso un giornalista di Repubblica"

Italia, gli italiani: non abbiamo soldi per il riscatto, tenetevelo pure !!

pasqualina la rosa 06.03.07 16:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NOI SIAMO LO STATO E NOI DOBBIAMO CAMBIARE LE COSE!

michele reina 06.03.07 09:08

chissà quanti sono consapevoli di questa banalissima verità

filippo russo 06.03.07 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Un bambino di tre anni, che lo scorso 26 febbraio ha mandato al’ospedale l’insegnante di sostegno di un compagno di classe, è stato allontanato dalla scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo “Cesare Battisti” di Messina perché “aggressivo”.

Il piccolo qualche giorno dopo aveva colpito anche la maestra. Il dirigente scolastico, Tindaro Sparacio, ha invitato la madre a non riportarlo a scuola ma la donna, che oggi ha chiesto l’intervento della polizia, vuole che resti in classe con gli altri bambini. Lei ammette che è “un pò vivace”

è stato iscritto alla “Cesare Battisti” solo il 26 gennaio ed un mese dopo, ha già mandato in ospedale l’insegnante di sostegno Margherita Donato, lanciandole una scarpa, colpendola con una testata al fianco e prendendola a calci e pugni alle gambe. L’insegnante è ricoverata al Policlinico. Appena qualche giorno dopo è toccato alla maestra Anna Nuzzo: l’ha presa a calci e le ha tirato adosso il primo oggetto che gli è capitato tra le mani.

peppino garibaldi 06.03.07 16:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo al tempo della censura, dell'inquisizione spagnola, Tomaso de Torquemada, dove viscidi vermi limitano la libertà di espressione solo perchè non sempre la pensiamo come loro...allora uniformatevi al ribasso, bravi lecchini della sinistra (se quella di oggi la si può chiamare sinistra)!

...e per fortuna che garantite la libera espressione a tutti, altro che democrazia questa è grillocrazia!

Chi è bressan, col nome da prociutto doc, che muove la mano velenosa della censura? Oppure qualcun altro?

Avevo letto alcuni commenti di persone che erano deluse da questi accoltellamenti ideologici e comunicativi, ma non ci volevo credere, invece...quoque tu beppe...quoque tu...

GRILLO SEI UGUALE A TUTTI GLI ALTRI POLITICANTI E TI INCAZZI QUANDO TI DICIAMO CHE DIFENDI LE BR, COMPLIMENTI!

Questo commento quanto la fate durare? 5 minuti?

www.progettosparta.splinder.com


L'auto ecologica, documento pubblicato in televisione

http://www.vergognatevi.com/blog/articolo.asp?articolo=74

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 06.03.07 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è nulla di male a voler guadagnare, guadagnare per sè vuol di re farlo per il paese, perseguire il proprio profitto coincide spesso con il fare del bene anche alla società.
Però ci deve essere, è di fatto c'è, anche un'etica del fare profitto. I soldi ottenuti con il sacrificio di altre persone (magari col loro sangue) fanno schifo e i ricchi che vestono abiti insanguinati, vivono in case insanguinate, si crogiuolano del lusso insanguinato di questo sangue fanno schifo...non sono da ammirare o da invidiare, perchè hanno venduto la propria anima.

Federico Amianto 06.03.07 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Se un'azienda oggi, durante un controllo, risulta avere in forza un lavoratore in nero, l'azienda si becca una bella maxisanzione, che può comportare una grave crisi all'interno dell'azienda stessa.

La legge è giusta ed è giusta anche la sua severità, ma devono rispettare tale norma tutti.

Cosa succede però se i fautori di tale norma sono i primi a non rispettarla?

Cosa succede se i primi a non rispettare le leggi in vigore sono proprio le persone che dovrebbero dare l'esempio?

Che razza di paese di m...a sta diventando l'Italia... ogni giorno che passa aumenta questo mio disgusto, e pensare che è la mia patria, la mia amata terra, violentata ogni giorno da un miserabile gruppo di cialtroni.

Sono stanco di parlare di democrazia e libertà, tanto qui in Italia sono solo illusioni in una realtà che non ci appartiene. Siamo stati espropriati dei nostri diritti, ma ci vengono ricordati per bene ogni giorno quali sono i nostri doveri.

Se non devo avere diritti allora non voglio nemmeno doveri, gli unici doveri che voglio rispettare fino alla morte sono quelli verso la mia famiglia. Credere in questo Stato così strutturato è pura follia, hanno ucciso la democrazia.

Democrazia significa che il popolo è suddito di se stesso, ma se la democrazia viene annacquata o eliminata il popolo è suddito di chi? Di chi diventa schiavo? Chi è il suo vero e nuovo padrone?

Io sono libero fin dalla nascità, non sono suddito di nessuno se non di me stesso, l'unica forma di sovranità che condivido è quella del popolo, la democrazia, senza di essa, il nulla.

salvatore d'urso Commentatore certificato 06.03.07 15:59| 
 |
Rispondi al commento

f.marletta 06.03.07 15:35
----------------
n’è n’è da correggere in né né
accesamente non è italiano
nò da correggere in no

nel complesso idee confuse e male espresse
voto 5-

viva l'italiano 06.03.07 15:43
----------
Adesso che il professore, IGNOTO PERO' PECCATO - senza nome - ha sentenziato, mi sento appagato, uno in più che per correggere uno sguardo ha dato, Grazie sono estasiato dall'aver avuto, sia pur per un istante, una così "dotta" attenzione, PECCATO, PER TE, CHE IO ALMENO PER QUANTO NON BENE HO ESPRESSO UNA OPINIONE, LA TUA è SOLO UNA OSSERVAZIONE, E GLI ARGOMENTI? ...pochi vero? ciao

Francesco

f.marletta 06.03.07 15:55

f.marletta 06.03.07 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lili Milli 06.03.07 14:59

Spett. signora Lilli
il mitico prof G.I.O.V.A.N.N.I. da me ribatezzato "Melenso" in risposta alle sue reiterate e gratuite offese nei miei e altrui confronti nei propri deliri notturni si è spesso affannato a inserirmi nello staff di Grillo io non sò neanche usare la tastiera scrivo ogni tanto e cmq inerente il post e tant'è gli insulti arrivano copiosi e puntuali se qualcuno fà piazza pulita dei vari prof Silvie Bade e quantaltro non è censura è buon senso
Saluti da Achille

lanata achille 06.03.07 15:32

Ad ogni modo non c'è alcun dubbio che personaggi come per esempio Stirner, Manuela Bellandi o Paola Bassi hanno dei contatti con lo staff di Grillo. Anzi, oserei dire che ne fanno parte.

All'occorrenza (per esempio quando si parla di comunismo) fanno togliere o tagliare commenti, a volte bloccare l'IP e/o nickname dell'utente.

Ci sono anche tanti altri casi, dove interviene lo staff in diretta, esempio quando a commentare è Pa-sc-uc-ci o qualche altro soggetto tipo Hugo Kolion, Ernesto Scontento, Giulio Cesare e tanti altri …

Qui parliamo di soggetti che non usano il linguaggio offensivo, ma che sanno ragionare a tal punto da mettere in difficoltà i cultori di uno stalinismo esasperato … ovvero sudetti Stirner, Bellandi o Bassi.

Lili Milli 06.03.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

beppe,ho letto tutto sul nuovo ordine mondiale e ora mi sembra tutto vano...manifestazioni,petizioni...far sentire la nostra voce perchè?tutto è gia deciso..

tina mar 06.03.07 15:48

non ti sembra lo è !
basta lottare, i risultati non li vedremo subito però lottiamo anche solo con la rete con l informazione

Stefano Z. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.03.07 15:57| 
 |
Rispondi al commento

NON LASCIATEVI TRARRE IN INGANNO...

www.petvideo.eu

Luca Vosci 06.03.07 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Il problema più grave sono i contratti a progetto o cococo di collaborazione occasionale. Non può avanzare una società con queste "toppe". Questi contratti, fasulli, servono soltanto per agevolare le aziende, le quali ai limiti della legalità abusano e speculano verso i dipendenti. Questa flessibilità non produce ricchezza alla popolazione, anzi creano precarietà impedendo alle giovani generazioni di realizzarsi e procreare. Questi contratti distruggono valori indiscutibili come la famiglia. Il futuro dipende sopratutto da questo. Se questi contratti non verrano eliminati l'italiano rischierebbe di sparire, sostituito dall'extracomunitario, la nuova schiavitù del secolo.

Gianluca Grilllino (www.vergognatevi.com) Commentatore certificato 06.03.07 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto «W l’Italia» su Rai 3, argomento elezioni a Catanzaro?
Si capiva molto bene come funziona la politica, con capi che fanno accorciare le file in ospedale o danno una mano per gli esami universitari!
Pazzesco, andiamo tutti in Brasile, almeno sono tutti allegri!

antonio mastellone 06.03.07 15:50| 
 |
Rispondi al commento

.
.
.
.
.GLI INCIDENTI SUL LAVORO SONO TANTI E QUESTO ANCHE PERCHè GLI ORARI DEL LAVORO SONO SEMPRE PIù ASSURDI, GUARDA L'ULTIMO POST SUL MIO BLOG E COMMENTA DELLA MORTE AVVENUTA IERI DEL POLIZIOTTO ITALIANO SU UNA MINA IN CROAZIA..
.
.
.
.
.
.


beppe,ho letto tutto sul nuovo ordine mondiale e ora mi sembra tutto vano...manifestazioni,petizioni...far sentire la nostra voce perchè?tutto è gia deciso..

tina mar 06.03.07 15:48| 
 |
Rispondi al commento

DATE UN' OCCHIATINA ! ! !

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

www.comincialitalia.net
www.comincialitalia.net

Carlo Clementoni 06.03.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
il fatto che l' INAIL, nonostante l' enorme numero di infortuni, sia in utile e non in passivo è dovuto anche al fatto che appena viene deciso il grado di invalidità dell' infortunato e la rendita mensile da erogargli, l' INAIL fa un semplice calcolo finanziario e si rivale sul datore di lavoro, facendogli causa in tribunale.... facendogli pagare anche le spese processuali e legali. Questo atteggiamento è sistematico e se pensiamo che nessun datore di lavoro è a posto al 100% con le innumerevoli normative sulla sicurezza è facile capire come vanno a finire tali cause. Penso che siamo l' unico paese in europa che ha una assicurazione obbligatoria pagata dal datore di lavoro che, se avviene un incidente, si rivale sul datore di lavoro stesso. Cosa serve pagare l' INAIL allora se poi mi chiede i soldi indietro per pagare l 'infortunio del mio operaio?!!
RESET!!
CIAO

Lorenzo Callerio 06.03.07 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Grillo dacci una mano: portaci un economista.
Cosa siamo noi? Niente! Semplici cittadini, tutt'al più un numero nelle statistiche dei contatti. Eppure siamo tanti, molti di più dei parlamentari, e, storicamente sono proprio quelli che non contano niente coloro i quali potrebbero fare quello che i potenti non vogliono.
Allora, se non cerchi solo i click che catapultano il tuo blog tra i primi in europa, e se non vuoi entrare in politica in prima persona, portaci un economista (meglio ancora ALCUNI economisti) cui sottoporre delle proposte, delle soluzioni ai problemi del paese, qualcuno con le giuste competenze per vagliare le nostre semplici idee.
Qualcuno che, ogni tanto, RISPONDA alle nostre domande.
............‚O
.........././\\...ƒ‾\
‗‗¸—–\.\––‛/../‘-‘
....\.../._įĻ...../˛
......‘/..‘/...‾‘/‗\\
......\\.\\...//

Geronimo Del Baldo Commentatore certificato 06.03.07 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, hai ragione ci sono aziende che non ci pensano minimamente ad investire nella sicurezza dei lavoratori, ma in alcuni casi a fronte degli investimenti effettuati, i dipendenti non ne vogliono sentire di indossare DPI o tenere comportamenti sicuri in funzione delle attività lavorative svolte.
Massimiliano (consulente qualità/ambiente/sicurezza)

massimiliano calcagno 06.03.07 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti.
Vi sono ancora categorie lavorative che grazie alla chiesa ed alla sua morale,oscurantista,non godono di alcuna tutela di legge sul lavoro.
Tipo le prostitute ed i gigolò(Notare l'accento sulla o finale)
Il gigolò,che come le meritrici svolge opera più che meritoria,ha le tutele di legge o è proprio un lavoratore del caxxo?
Non sto scherzando.E' ora di prendere in considerazione anche queste due categorie di lavoratori.
Se davvero vogliamo combattere il lovoro nero,bisogna riaprire i casini.Fare fare le marchette con tanto di ricevuta fiscale da scaricare.Ne più ne meno com farsi fare le ricevute dagli enti cattolici.

I casini vanno riaperti:Il sesso non è violenza.
La violenza è violenza,specialmente quella dei soldati in "missione di pace eterna".
(Evitate i voti,da forzati cattolici,sareste alquanto ingiusti nei miei confronti)
Joseph

joseph pane 06.03.07 15:44| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

le "maggioranze variabili" sono come le "convergenze parallele".....

una c.g.ta pazzesca.....

buone solo a nebulizzare quel poco di intelletto che è rimasto tra i cogghion's....

c'aveva ragione sodano c'aveva....

...moriRETE tutti democristiani morirete....

.... e vai popi....

silvia bada 06.03.07 15:41| 
 |
Rispondi al commento

***


Mi chiedo quali siano le vere intenzioni.
Ma, il popolo, non c'entra per niente?
Nemmeno il tempo di far il presidente,
che si riparla delle nuove elezioni.

Forse, il vero problema è solo loro?
Sì, occupar poltrone ed attinger nel tesoro.

*

E poi mi chiedo: perché stanotte
è stata censurata?
Eh!
*

Ziio Gianni 06.03.07 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Mettiamo pure che l'imprenditore sia un po paraculo e per risparmiare traccheggia...
Mettiamo pure che l'operaio si sente un padreterno e affronta inconsciamente situazioni a rischio senza le dovute precauzioni...
Mettiamo pure che altri operai soccombono a un regime di ricatto...

Ma quelli col cappello che quando ci vai a fare le denunce su come si lavora nei cantieri e in fabbrica fanno orecchi da mercante, ti prendono per visionario e vanno a fare i controlli (quando ci vanno) dopo una settimana alle 7 di sera quando non c'è più nessuno, esci dagli uffici colle carte bollate e ricevute di denunce che non servono a niente se non a pulircisi il culo, ma questi qua, operatori amministrativi e giudiziari, non li prende mai di petto nessuno?
Beh, di pezzi di carta simile ne ho una vagonata, ma la risposta è sempre la stessa: mmm... da solo è un po difficile.
Fregnacce! Migliaia di denunce in fondo agli archivi, grazie ai colletti bianchi, quelli istruiti con le mani senza calli.
MaVaffanculo!!!

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 06.03.07 15:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

a voi non sembra strano che l'inail abbia utili? chi se l'è comprata?

giorgia della seta 06.03.07 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Lili Milli 06.03.07 14:59 |
----------

Tutti abbiamo un EGO piccolo o grande che sia vile o spavaldo che si voglia, ognuno esprime se stesso o ciò che di se stesso vuole mostrare sia in chiaro che sotto falso nome. I MOTIVI SONO SOLO DI CONOSCENZA SEMPRE STRETTAMENTE PERSONALE. Non vedo n'è trame n'è possibili forme, o scopi privatistici di particolare speculazione, salvo che l'individuare, credo con non poche difficoltà l'umore di una % di risposte assai eterogenee attinenti AD UN ARGOMENTO, quando ci sono.
Tutte le interpretazioni di ciò, nel pensiero di ognuno, sono tanto legittime quanto però, per lo più, campate in aria più delle nuvole del cielo, ogni supposizione ha dignità di verità, fino a prova contraria, come il suonar falso di una moneta contraffatta, in quanto non comprovata da alcunchè che sia tangibile.
Tutto questo per dire che io per esempio MI DIVERTO NEL POSTARE quello che mi pare, anche quando mi scaldo per commenti, NON SE AVVERSI MA, PURTROPPO, OFFENSIVI CIRCA LE MIE TESI, in fondo DIALOGANDO sia pure accesamente, senza da me usare epiteti, con capacità dialettiche, a volte buone ed altre nò, nell'argomentare con uno stile che è soltanto mio, che piaccia o no ad altri. L'unica vera cosa che mi infastidisce è l'inceppamento del postare e il non capire a volte per quale ragione un commento non passa o esce due o più volte tutte insieme causa appunto l'inceppamento oppure si perde. Tutto quì secondo me, ciao

Francesco

f.marletta 06.03.07 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I M P O R T A N T E !!!

SCUSATE L'INTRUSIONE!
BASTA UN MINUTO !!!!

Riguarda i "costi della politica"

Date un occhiata a questo:

http://www.comincialitalia.net/petizioni_mailto.asp?id_petizione=3 [copia e incolla]

Signori, partì così anche con i costi di ricarica...Coraggio datevi da fare !!!

carlo clementoni 06.03.07 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma scherzi?? Fai sul serio o tiri i sassi??
elisabetta voce 06.03.07 15:17

MIca marx diceva che se le tasse superano il 30% è giusto frodare lo stato e rispramiare come si può?

Terenzio Capino 06.03.07 15:28| 
 |
Rispondi al commento

La privacy che non c'è
Dossier su web e riservatezza

di GIANCARLO MOLA

Nel mondo reale ci sono le telecamere nascoste, sulla legittimità delle quali si è molto discusso nei giorni passati. Ma anche il mondo virtuale è pieno di occhi che guardano. Si tratta di meccanismi ben più insidiosi: perché sono il frutto delle più moderne tecnologie. Ma soprattutto perché utilizzano in modo improprio meccanismi del tutto legittimi e sono difficilissimi da individuare. Repubblica.it ha provato a dare la caccia ai cacciatori di informazioni. Il quadro che ne è venuto fuori è sorprendente: quando siamo su Internet, infatti, la nostra privacy può essere continuamente minacciata, le nostre abitudini monitorate, le nostre identità telematiche drammaticamente nude. E tutto questo per qualcuno è diventato un grande business. Ecco i risultati di questa prima indagine su web e riservatezza.

http://www.repubblica.it/online/tecnologie_internet/track/presentazione/presentazione.html

Lili Milli 06.03.07 15:27| 
 |
Rispondi al commento


Che blog di sfigatoni.
Andate a fare una passeggiata, che è una bella giornata.

fulvio bernazza 06.03.07 14:20 | Rispondi al commento |
Vota commento

In assoluto il miglior intervento della giornata. lo voto subito.

dario de bonis 06.03.07 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma che bravo questo Ministro degli Esteri che con la faccia contrita parla, come fosse al BAR, del massacro di qualche decina di civili afghani. E come lo definisce? UN INCIDENTE!! capite un semplice incidente! Ma DALEMAAAAA un incidente è quello he fai con la macchina non dove della gente armata fino ai denti bombarda o mitraglia dei disperati disarmati! Quello si chiama omicidio, al limite "massacro". Non sarà che in fondo in fondo c'è l'idea che questi disgraziati poi in realtà non sono così umani come noi? Che in fondo poi ne possono morire a grappoli e tutt'al più diventano un "problema" per la discussione di domani sul rifinanziamento a questo schifo? E poi perchè tanto stupore? mi fate schifo anche voi, avvoltoi di qualunque colore che per portare acqua alle vostre tesi adesso fate gli inorriditi per questo massacro: ma che, non lo si sapeva prima che la guerra è questa? che la guerra è questo massacro continuo e assurdo che ogni giorno fa sparire persone senza alcuna spiegazione? Domani chi voterà per il finanziamento non farà altro che dare il proprio piccolo contributo a questo massacro. Chi domani vota a favore è colpevole di favoreggiamento. Complice in omicidio volontario. E poi dire che Karzai il fantoccio ha ragione a sostenere una commissione indipendente vuole dire prenderci per il culo, caro Dalema. Dove cazzo sono gli "indipendenti" in questa logica merdosa che stai sostenendo? Dalema, io spero vivamente, con tutto il cuore che qualche persona a te cara subisca un "incidente" analogo a quello di quelle donne e di quei bambini massacrati da uomini che riscuotono il tuo appoggio. Dalema, poi ne riparliamo! OK?

Piero Cavina Commentatore certificato 06.03.07 15:24| 
 |
Rispondi al commento


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Video della telefonata di Berlusconi a Dell'utri


CLICCA SUL MIO NOME PER VEDERE IL VIDEO

Nicola Cellamare (pensierarte) Commentatore certificato 06.03.07 15:23| 
 |
Rispondi al commento

La privacy? E cosa c'entra? Se uno è così attaccato alla propria privacy può anche starsi tranquillo a casuccia invece che fare affermazioni anonime sui blog. Non è una questione di privacy è una questione di serietà. Di essere UOMINI, per l'appunto. Tu, poi, pensala come ti pare. Io non ho alcun prblema di privacy nel sottoscrivere ciò che affermo. Scusa comunque. Sei liberissimo di mantenere tutta la privacy che ti pare.

Rino Porrovecchio 06.03.07 15:17

E poi ci chiediamo perché il nostro paese non avanza d'un passo :-/

Lili Milli 06.03.07 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GLI IMPRENDITORI SONO TROPPO TASSATI: LA LORO MANCANZA DI RESPONSABILITA' E' IN REALTA' DIFESA DEL LORO POSTO DI LAVORO E DEI LORO DIPENDENTI!!!!

Terenzio Capino 06.03.07 15:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per chi avesse perso la puntata de le iene di ieri, sentite questi parlamentari DATORI DI LAVORO NERO,fantastico quello che si giustifica con il classico "questa è l'Italia",da apprezzare la sincerità... http://www.iene.mediaset.it/video/video_2406.shtml?wmv

davide c. Commentatore certificato 06.03.07 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio entrare nel merito (anche perchè non sono un assiduo frequentatore di questo blog, preferisco girare e dire la mia dove mi capita), ma ... perchè in molti non avete il coraggio di firmarvi con nome e cognome? Io l'ho sempre fatto. Dovunque. Io sottoscrivo sempre ciò che affermo e me ne assumo ogni responsabilità in prima persona. Questo, secondo me, signica essere UONINI e non quaquaraqua.

Rino Porrovecchio 06.03.07 15:06

Un discorso superato il tuo, almeno qui in rete. Aggiornati sulla privacy, che ha ben poco a che fare con l'essere uomini ...

http://www.google.it/search?hl=en&q=privacy+in+rete&btnG=Google+Search

Lili Milli 06.03.07 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma chi manda il post si può dare il voto da solo?
Così, per farsi un curriculum...
E poi, veramente, parliamo di questa globalizzazione che non funziona,di questa dittatura della globalizzazione finanziaria! Ora che'è troppo tardi è il momento giusto!!!
C'è tanta confusione!

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 06.03.07 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oddio un blog degno di Orwell...

Non non voglio finire a Goli Otok anch'io per favore risparmiatemi....

Credo che ognuno qui dentro sia maggiorenne e vaccinato in grado di discernere il sapere secondo quanto ritiene opportuno...

Pierangelo Gritti 06.03.07 15:10| 
 |
Rispondi al commento

ciao. apparentemente le aziende si occupano di ottemperare ai criteri alla legge 626. meglio se questo costi poco (o nulla...)con la connivenza di taluni rappresentanti della sicurezza.
si fa poco o nulla per la prevenzione. si usano macchinari malfunzionanti con molta disinvoltura.
all'inizio c'era più attenzione (preoccupazione...), poi, come ogni cosa italiana... si fanno corsi di formazione e di informazione, ma si è carenti nelle applicazioni.

saluti

enrico mattioli 06.03.07 15:08| 
 |
Rispondi al commento

"""nick name 06.03.07 14:55"""

Ok Nick.

Se la questione e' di mero copyright d'accordo....

Se mi vuoi dire che, dietro cio', c'era un disegno di future tutele dei lavoratori in genere e non di privilegi a chi era a lui vicino sei totalmente fuori strada....

Ovvio, la mia e' una opinione quanto la tua...

Saluti privilegiati bipartisan

maurizio spina 06.03.07 15:06| 
 |
Rispondi al commento

INDOVINA UN PO' CHI HA INTRODOTTO L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI, LA MALATTIA E LA MATERNITA'????
nick name 06.03.07 14:08 |

No! Ma non mi dire che è stato il fascismo! Ma allora il fascismo è stato una cosa buona, ripetiamo l'esperienza, dai!
Andrea Brizzi 06.03.07 14:17

NO NO ASSOLUTAMENTE ! CHE ESPERIENZA?
MA LA VERITA' ANDAVA DETTA !
nick name 06.03.07 14:35 |

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Mi dispiace, ma siete in errore, Il primo in assoluto è stato Carlo III di Borbone a Napoli, nel 1730

Gennaro Esposito (rino) Commentatore certificato 06.03.07 15:04| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

LA VERITA' SUL BLOG DI GRILLO
===============
«..Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti..» [dal blog del comico]
• E' palesemente falso perché nei messaggi da inserire non è possibile scrivere la parola «tascucci» (t sta per una p). Provare per credere. Già in passato (11set2005) vietò la parola «tignoraggio» (t sta per una s).
======================
LA VERITA' SUL BLOG DI GRILLO:
======================
ci sono cani da punta, cani da riporto, cani da tana e da cinghiale.. esistono anche cani da.. "pesca" (giuro!) e, da quando c'è il blog di grillo, cagnacci da depistaggio..

nel blog di grillo opera un brankozzo da depistaggio che ha il compito di svilire, offendere, minacciare, ridicolarizzare, arginare e depistare chiunque si prodighi nell'affrontare le tematiche odiate dal grillo.

I componenti la muta foraggiata sono: R. Leo, giampiero puddu, liliana pace, Raffaella Biferale, Paola Bassi.

Controllate ogni intervento. Loro rispondono sempre e mai in tono col post a cui rispondono. Uno dei sei c'è sempre per distrarre o chiudere l'argomento con polemica.

Poi non mancano pantomime da chat, con decine di post inutili ma mai cancellati dallo staff sempre attento, invece, a censurare messaggi di chi si ribella a tali sopprusi.

C'è una linea editoriale ben chiara: OMOLOGARE il pensiero dei potenziali ribelli al PENSIERO UNICO MONDIALE.

grillo ha attirato a se le persone potenzialmente
più propense ad una ribellione e le tiene sotto controllo.

Lili Milli 06.03.07 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...privato è meglio.
...è il mercato.
...ci sono lavori che gli italiani non vogliono più fare.
...troppi vecchi.
Penso che se l'INPS e l'INAIL si trasformassero in generosi prìncipi azzurri la situazione non cambierebbe.

Riappropriarsi dei mezzi di produzione, è l'unica alternativa.

Giorgio Sodano (giorgio sodano) Commentatore certificato 06.03.07 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I dati in Italia sono scandalosi. Per capire meglio quanto siano inaccettabili invito tutti a dare una breve occhiata alle statistiche in Inghilterra paese dove vivo e lavoro:

http://www.hse.gov.uk/statistics/index.htm

sono un architetto e quindi parte della catena dell'industria delle construzioni. In Inghilterra per legge Architetto, Cliente e Impresa sono tutti responsabili della sicurezza per chi svolge il lavoro sul campo. Chi progetta valuta i rischi e cerca di ridurli, l'impresa mette in pratica le procedure, il cliente esegue controllo in veste di datore di lavoro, insomma la sicurezza sul lavoro e' un lavoro di squadra dove ognuno fa la sua parte, altrimenti va in galera!

PS ovviamente ci sono incentivi per chi mantiene un track record eccellenti, con awards all'Impresa con meno incidenti ecc... in modo da attrarre l'attenzione del pubblico e datori di lavoro..

Carlo Benigni 06.03.07 14:51| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

X il simpatico Name Nick...


Sicuramente esistevano PRIVILEGIATI anche a quei tempi, non stento a crederlo.

Le parole pesano caro Nick......se i PRIVILEGI di pochi si estendono, potremmo iniziare a parlare di DIRITTI che, beninteso, arrivarono ben dopo il ventennio......

Potresti chiedere al tuo genitore CHI POTEVA ACCEDERVI. Ho l'impressione che potessero solo alcuni eletti (potrei chiamarli paraculati).....

Il mio non aveva accesso, se non raramente, nemmeno al suo stomaco......

Ps.
In ogni caso se vuoi, per il Mascella, il copyright dell'Inail, fai pure......

Mio padre gli assegna volentieri il copyright per la fame e il lavoro minorile.......

Saluti famelici bipartisan.....