Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Razzismo all'italiana

my_inner_beast.jpg
foto di hanneorla

Gli italiani non sono razzisti. Non vogliono essere razzisti. Non possono essere razzisti. Gli italiani sono brava gente, pizza e mandolino. Un italiano può accettare di essere chiamato in vari modi: evasore, mafioso, corrotto. Non fa una piega. Per lui sono complimenti. Ma se lo chiami razzista diventa una bestia. E più è di sinistra, più si incazza.
E’ una lotta con sé stesso. Una lotta che ha risolto con il razzismo all’italiana. Un razzismo che non c’è, ma c’è. Un razzismo che ci fa sentire tutti più buoni. Insomma, l’italiano ha rimosso il razzismo. Lo ha fatto con discrezione, dando il giusto peso alle notizie.
Se muore una bambina polacca sparata a Napoli, viene accoltellato un cingalese a Milano o interrati dei nordafricani in Puglia durante la stagione dei pomodori, la notizia si dà con discrezione. Per un giorno e in decima pagina. Se il morto è autoctono scatta la caccia all’omicida. Il morto extra si nota poco, il morto nostrano si nota molto di più.
Se vengono stuprate in massa per 30 euro delle minorenni extra, anche di dodici/tredici anni, nei viali di tutto il Paese è folklore. Se viene aggredita una ragazza nostrana va in prima pagina. Se i bambini extra sono buttati in mezzo a una strada a chiedere la carità o a vendersi è folklore. Se succede a un bimbo italiano, i genitori finiscono in carcere. L’omicida rumeno è un mostro, quello nostrano un delinquente.
I nostri extra sono equiparati agli extra che vivono a casa loro. Numeri, non persone. Chi dà peso ai cinquanta morti al giorno in Iraq o alle stragi del Darfur? Le carceri sono piene di extra che non hanno capito le regole. Regole che appunto non ci sono. Nel nostro Paese che non c’è, le leggi sono un optional. L’italiano lo sa, si arrangia, tira a campare, ad andare in prescrizione senza passare dal via. L’extra invece va direttamente in galera perchè crede che l’impunità in Italia sia uno stile di vita, non un reato.
Sarkozy ha vinto per il ripristino della legge. La legalità, ha detto Veltroni, è un diritto, senza specificare però per quale classe di reddito. Chi non è ancora diventato razzista in Italia lo diventerà. E’ il Paese che lo vuole.

8 Mag 2007, 19:53 | Scrivi | Commenti (1710) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | La Settimana | Trackback (2)

Commenti

 

salve :) mi piace questo articolo. lo condivido pienamente e vorrei aggiungerci una righa..ogni volta che accendo la tv e vedo il TG1 qualsiasi delitto succeda in Italia si va sospettando extracomunitari e stranieri..basta citare i casi recenti di cronaca da Cogne fino a Brembate..prima cosa si cercano sempre i responsabili di origine straniera, si forniscono identikit inesistenti..come se non si volesse mai ammettere la realta'..e da straniera che vive da tanti anni in Italia è una sensazione di umiliazione, di diversita' e inferiorita' continua.E' come se un italiano vivesse in Germania ..un giorno apre il notiziario e trova in prima pagina La Costa Concordia con un titolo irrisorio della serie L'Italia è piena di Schettini.. vorrei chiedere ad un ipotetico italiano, orgioglioso di essere tale come si sentirebbe in quel determinato momento? come vi sentireste quando per strada o al lavoro, a scuola qualcuno invece di chiamarvi per nome vi chiamerebbe marocchino o polacca..

tutto qui

jo 07.03.12 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Chi non si vergogna, dalle posizioni di responsabilità nelle amministrazioni pubbliche e fino all’ultimo dei cittadini, ad incitare al disprezzo verso immigrati, rom, romeni, islamici, crea un clima irresponsabile e irrespirabile di “caccia al diverso” che rischia di ammalare la convivenza nelle nostre città, dove la sequenza di atti di razzismo è impressionante ( Comunità Sant’Egidio)

Video Italians 27.11.09 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Vista dall’Australia la situazione sociale in Italia è davvero preoccupante: non posso non fare il confronto con la situazione a Melbourne, dove vivo.
Circa il 25% della popolazione è nata all'estero. Però, il tasso di criminalità tra queste persone è meno della metà della media. La polizia rispetta le culture, e cerca il dialogo non lo scontro. Nelle scuole si insegnano 'lingue comunitarie' come l'indonesiano e gli alunni rappresentano un mosaico di culture e tradizioni.
Appena eletto, il nuovo PM Kevin Rudd, chiese pubbliche scuse per le precedenti politiche nei confronti degli aborigeni. Recentemente, durante un viaggio in Cina, fece un discorso in mandarino all’Università di Beijing.
Per le strade di Melbourne si vedono negozi con abbigliamento islamico accanto ai pub; clienti che passano dal ristorante vietnamita alla pasticceria italiana; si vedono bar greci davanti a club turchi. Se mi viene voglia di cenare con feta greca, pasta e curry mi basta recarmi al supermercato.
Nelle vie, tra lo schiamazzo di ragazzi multicolori si vede anche qualche coppietta mista che non desta alcuna reazione, perché tutto questo rientra nella normalità.
Nei ristoranti, come nell'amore, va di moda la nouvelle cuisine dell'ibridità.
Se accendi la radio mentre guidi ti può capitare di ascoltare qualsiasi lingua dall'albanese allo swahili. Altrimenti le puoi ascoltare tutte in una volta salendo su di un tram. Nelle edicole trovi il Corriere accanto al Hurriyet turco, o al Neos Cosmos greco.
Negli annunci pubblici, nel linguaggio mediatico, nel gergo politico, vige un'attenzione al rispetto per ogni cultura, per i gay, per le donne.
I miei vicini di casa sono greci, indiani, e inglesi! Quando mi passano davanti con i figlioli a seguito mi salutiamo cordialmente.
Forse si potrebbe utilizzare parte del denaro pubblico per finanziare un soggiorno obbligato per politici italiani in Australia, non nei luoghi di villeggiatura, bensì nei sobborghi di questa grande città di Melbourne.

pino laricio Commentatore certificato 15.05.08 03:24| 
 |
Rispondi al commento

Vista dall’Australia la situazione sociale in Italia è davvero preoccupante: non posso non fare il confronto con la situazione a Melbourne, dove vivo.
Qui circa il 25% della popolazione è nata all'estero. Però, il tasso di criminalità tra queste persone è meno della metà della media. La polizia viene addestrata nel rispetto delle culture, e nel rapportarsi con lo straniero cerca soprattutto il dialogo e non lo scontro.
Non appena eletto il nuovo PM, Kevin Rudd, laburista, ha chiesto pubbliche scuse per le politiche sostenute nei confronti degli aborigeni dai suoi precessori. Recentemente durante un viaggio in Cina il PM fece un discorso in mandarino all’Università di Beijing.
Nelle scuole si insegnano 'lingue comunitarie' come l'indonesiano e gli alunni rappresentano un mosaico di culture e tradizioni.
Per le strade di Melbourne si vedono negozi con abbigliamento islamico fare affari accanto ai pub; clienti che passano dal ristorante vietnamita alla pasticceria italiana; si vedono locali greci con i loro avventori davanti a club turchi. Se mi viene voglia di cenare con feta greca, pasta e curry non devo fare altro che recarmi al supermercato. Questi non sono considerati più cibi “etnici” bensì australiani.
Tra lo schiamazzo di ragazzi multicolori nelle vie c’è anche qualche coppietta mista che non desta alcuna reazione, perché tutto questo rientra nella normalità.
Nei ristoranti, come nell'amore, va di moda la nouvelle cuisine dell'ibridità.
Se accendi la radio mentre guidi sulle larghe strade pulite ed ordinate ti può capitare di ascoltare qualsiasi lingua dall'albanese allo swahili. Altrimenti le puoi ascoltare tutte in una volta salendo su di un tram. Nelle edicole trovi il Corriere accanto al Hurriyet turco, o al Neos Cosmos greco.
Negli annunci pubblici, nel linguaggio mediatico, nel gergo politico, vige dappertutto un'attenzione al rispetto per ogni cultura, per i gay, per le donne, per tutte le credenze.
Abito in una strada dove i vicini di casa sono grec

pino laricio Commentatore certificato 15.05.08 03:16| 
 |
Rispondi al commento

Noi non siamo razzisti, il nostro governo incluso il Vaticano fanno finta di non sentire le urla di morte dei Palestinesi,mentre gli israeliani per l'ennesima volta massacrano donne, bambini,vecchi,demoliscono le case le strade rubano i loro poveri averi e rapiscono più di 400 persone al mese.Omicidi mirati con aerei missili e carri armati, bloccano anche quelle scarse forniture di viveri che mantengono in vita le persone rifugiate nei campi profughi.L'onu a le mani legate dagli USA e non fa rispettare a israele i diritti umani. Fate una cosa semplice come me, NON ACQUISTATE NESSUN PRODOTTO ISRAELIANO O AMERICANO.Moratoria per i criminali e per l'aborto, pero per fermare lo sterminio del popolo Palestinese nessuno dice un cazzo.Dove sono il papa,bertone,ruini,fisichella
ecc,la fratellanza degli esseri umani discendenti di un unico dio,se ci fosse un dio vi prenderebbe a frustate e vi manderebbe a lavorare.

gianni sonzogni 19.01.08 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Bravo! Dopo il disastro he hai combinato con il tuo post delirante sugli "zingari bomba a tempo" non l'aggiusti più! Sei un idiota irresponsabile, tu e il tuo staff. Impara a misurare le parole, non sei degno neanche dei villaggi turistici, testa di legno!

nonno ulisse 31.10.07 17:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

DARFUR... DARFUR... Perchè tutti se ne fregano?

Possibile che si possa consentire ancora oggi queste cose??

Scusatemi per lo sfogo.. un saluto a tutti !!!

Paolo Decanini 21.10.07 19:07| 
 |
Rispondi al commento

A un povero i d i o t a che si fa chiamare Massimo Bolli.

Ciao povero scemo,
mi spiace solo poterti rispondere così tardi ma i miei numerosi impegni me hanno impedito di starti dietro (cosa tra l'altro non grave visto il tuo misero livello intellettivo, di conseguenza parlarti è inutile, ma la buona volontà mi spinge a provarci!).

Innanzi tutto nel tuo post hai sparato più cavolate che altro. Probabilmente ti sei montato per benino frequentando una facoltà che ritieni "in alto" quale ingegneria (che poi altro non è che una facoltà come le altre) credendoti chissà chi, mentre, probabilmente, quello fuoricorso da 9 anni sei tu, ma non ti importa più di tanto perchè hai papino che ti copre il sedere e tu fai finta di studiare ma in realtà non sai quello che fai e rimani un benemerito ignorante.

Per quanto mi riguardo l'unica persona che mi farebbe schifo avere in casa è una persona come te. Ah, e per la cronaca, io e il mio ragazzo ce ne siamo andati a vivere per conto nostro, abbiamo degli splendidi vicini di casa che ci trattano con rispetto e gentilezza e i quali ricambiamo e ringraziamo. Il mio ragazzo lavora molto in teatro (e tu, uomo del paleolitico, sai cos'è un teatro?) e come volontario in corsia per i bambini (gesti di solidarietà di cui non conosci nemmeno il significato) ed entrambi (mentre io ancora studio, visto che sono al mio 3 anno) lavoriamo FISSI come assistenti in un centro ricreativo per bambini. Tu nemmeno conosci il significato della parola "lavoro" e quindi non devi nemmeno proferire parola a riguardo.

L'unico pezzente sei tu, vattene a casa e lavati la bocca che sputa troppa m e r d a!!!!

Con affetto a un povero ragazzo sotto sviluppato

Elisa Angelini 03.10.07 01:40| 
 |
Rispondi al commento

LIBRO,dei DVD

G H 15.08.07 22:20| 
 |
Rispondi al commento

s taff di T OPOLEGGIO A SSOCIATI,pronto a C ENSURARE spesso in tempo reale chi,come il sottoscritto,ne sa piu’ degli altri forse perche’anch'esso partecipe alla spartizione degli introiti del

G H 15.08.07 22:16| 
 |
Rispondi al commento

2. chiedero' via EMAIL all'esimio p r o F I CHINO di accettare il CONFRONTO con G RILLO in TV e non nella FOSSA DEI LEONI del V - D A Y con C ARUSO e compagnia bella,inviandogli in allegato tutti i miei messaggi relativi al suo ARTICOLO del C ORRIERE TAGLIATI sia qui che nel b log di DI P IETRO

G H 15.08.07 22:11| 
 |
Rispondi al commento

QUALCUNO RISPONDA A QUESTE DOMANDE:


1.SE L'ESIMIO p r o F ICHINO DIMOSTRA con dati alla mano che i PRECARI NON DIPENDONO DALLA LEGGE BIAGI,COME SOSTENUTO DA G RILLO nel suo libro a scopo di lucro SCHIAVI MODERNI(200.000 copie per un incasso pari a circa 2 MILIONI di EURO),chiedendo su questo un CONFRONTO PUBBLICO con GRILLO è un attacco a G RILLO sec voi?

G H 15.08.07 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Belin, sono in vacanza e la gente, quando mi riconosce, mi saluta con il segno della V.
V-day – V-day – V-day.

Beppe Grillo il 14.08.07 23:13


AH,AH,AH…

TRA QUELLE PERSONE che ti hanno salutato con il segno della V c'ero ANCH'IO a MARINA DI BIBBONA dove sei in vacanza nella tua seconda villa al mare e DOVE IO VADO AL MARE!

HAI PER CASO VISTO UN FIGONE CON GLI OCCHIALI SCURI "RICH" e un f ottuto GESSO al braccio sinistro?

EBBENE SAPPI CHE ERO IO,SOLO CHE IL MIO GESTO NON ERA RIVOLTO AL V - D A Y di BOLOGNA ma a te e a chi gestisce in modo CRIMINALE questo B LOG, pronto a C ENSURARE spesso in tempo reale chi,come il sottoscritto,ne sa piu’ degli altri forse perche’ anch'esso partecipe alla spartizione degli introiti del tuo LIBRO,dei DVD e degli incassi dei tuoi spettacoli.


RICORDA LE PAROLE DEL MIO MENTOR ICHINO:

“La cosa interessante è che questo libro raccoglie centinaia di testimonianze e proteste contro il lavoro precario, delle quali non una sola è imputabile a una situazione generata dalla legge Biagi (sfido Beppe Grillo a un confronto pubblico su questo punto)!”

ALLORA SE HAI VERAMENTE LE P ALLE DEVI ACCETTARE IL CONFRONTO CON ICHINO in TV e non nella FOSSA DEI LEONI del V - D A Y (too easy),ALTRIMENTI SPARISCI e/o RESTITUISCI I SOLDI CHE HAI GUADAGNATO A SBAFO CON IL LIBRO (circa 2 milioni di EURO)RACCONTANDO BAGGIANATE a MIGLIAIA DI EBETI con l’aiuto dello s taff di T OPOLEGGIO A SSOCIATI,pronto a C ENSURARE in tempo reale chi REMA CONTRO AI TUOI e loro INTERESSI.
DA QUESTA VICENDA,sfruttando la proverbiale IGNORANZA del popolo somaro,GRILLO ha GUADAGNATO PIU' SOLDI AUMENTANDO LE COPIE DEL SUO LIBRO ma ha PERSO PARECCHIO IN CREDIBILITA' e ORA AL V - D A Y ci ANDRANNO SOLO IL SUO AMICO CARUSO e i NO G LOBAL dei MEETUP sparsi per l’ITALIA…e io GODOOOOOO…oh quanto GODO!

DUNQUE E' INUTILE CHE CHIEDI a ICHINO di ANDARE AL V - D A Y nel disperato tentativo di aumentare l'affluenza:il confronto s'ha da fare in TV!

G H 15.08.07 21:57| 
 |
Rispondi al commento

EBBENE SAPPI CHE ERO IO,SOLO CHE IL MIO GESTO NON ERA RIVOLTO AL V - D A Y di BOLOGNA ma a te e a chi gestisce in modo CRIMINALE questo B LOG, pronto a C ENSURARE spesso in tempo reale chi,come il sottoscritto,ne sa piu’ degli altri forse perche’ anch'esso partecipe alla spartizione degli introiti del tuo LIBRO,dei DVD e degli incassi dei tuoi spettacoli.

p.m 15.08.07 21:09| 
 |
Rispondi al commento

HAI PER CASO VISTO UN FIGONE CON GLI OCCHIALI SCURI "RICH" e un f ottuto GESSO al braccio sinistro?

p.m 15.08.07 21:05| 
 |
Rispondi al commento

AH,AH,AH…

TRA QUELLE PERSONE che ti hanno salutato con il segno della V c'ero ANCH'IO a MARINA DI BIBBONA dove sei in vacanza nella tua seconda villa al mare e DOVE IO VADO AL MARE!

HAI PER CASO VISTO UN FIGONE CON GLI OCCHIALI SCURI "RICH" e un f ottuto GESSO al braccio sinistro?

p.m 15.08.07 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Belin, sono in vacanza e la gente, quando mi riconosce, mi saluta con il segno della V.
V-day – V-day – V-day.

Beppe Grillo il 14.08.07 23:13

p.m 15.08.07 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Si parla di Razzismo.
Bene.
Alzi la mano chi non lo e'.
Ma io non parlo del razzismo nei confronti degli stranieri che vivono onestamente in Italia , ma di quello nei confronti di coloro che , ben conoscendo in che modo e da chi e' gestita la Giustizia nel nostro Paese , cioe' maldestramente e da gente senza attibuti , approfitta dell'italiano buono e caritatevole , per scopi personali poco edificanti.
E nel calderone ci metterei anche i delinquenti di casa nostra non meno animali dei primi.
Diciamo la verita', nessuno e' disposto ad essere comandato in casa propria.
Ci si impietosisce per le condizioni miserevoli di certi immigrati , per cui qualche politico ha anche proposto case per tutti , e poi ci si dimentica delle condizioni altrettanto critiche in cui versano famiglie italiane , dimenticate perche', forse , non portano VOTI pesanti a quei politici che fanno , della lotta al razzismo , una loro bandiera di civilita'.
Allora io dico SI agli stranieri ben integrati nel nostro sistema , ponti d'oro e calorose strette di mano per costoro e un CALCIO NEL CULO a quelli che , invece , credono di essere i padroni delle nostre vite che spavaldamente gestiscono e condizionano.
Mi auguro al piu' presto una societa' multirazziale , ma formata da gente onesta e lavoratrice che mandi avanti nel miglior modo possibile questa Nazione.
In egual modo spero che tutta la feccia umana straniera e non , che vive da parassita , vada a rompere le palle altrove.
Magari , cosa ne pensate se , con una fantascientifica Macchina del Tempo li mandassimo , con un salto indietro nel tempo di 60 anni a villeggiare ad Auschwits ?

michele girardi 14.08.07 14:42| 
 |
Rispondi al commento

abbaxo il raxismo!!!!!!!!e porcaccio dio!!!!!!

sapessi nn lo sò 24.06.07 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono di Verona, città considerata razzista anche per i molti fenomeni legati al razzismo nel calcio. L'ignoranza è razzismo: in non sapere chi sono gli altri, come vivono, cosa chiedono, chi sono. Di che colore sono le lacrime di un bambino nero che piange? La pelle è un vestito, ma sotto siamo tutti uguali. Gli extra rubano: ed i politici italiani che sono quasi tutti indagati o condannati? Eppure li votiamo lo stesso... L'italiano è bravo a scaricare i propri problemi sui più deboli. Andate a Londra e, perchè non capite la lingua, sbagliate percorso ed uscite da un magazzino con un pacchetto di caramelle ssenza averle pagate: " italiani tutti ladri, Mafia ", ecco cosa succede. Gli stranieri hanno bisogno di essere informati su ciò che il nostro vivere sociale chiede, e bisogna dargli il buon esempio. La guerra una volta era fra " terroni " e "polentoni", ma nel mondo c'è sempre qualcuno più "terrone" di noi, e quindi c'è sempre la possibilità di spostare il mirino. Se non si va a puttane, non ci saranno puttane. Se non ci si droga, la droga sparisce. Se i politici rubano e non vengono puniti, rubare è tollerato. E poi mi fanno ridere i buoni cristiani che escono di chiesa ed insultano la zingara sulla porta che chiede la carità. Siamo un paese di contraddizioni, e ci barcameniamo nella nostra mediocrità da sempre. Solo se saremo cittadini del mondo riusciremo a vivere in comunione. E per voi, stranieri, ricordate che siete diversi da noi italiani: andatene fieri e non cercate il livellamento, ma l'accettazione. Non globalizziamo le culture, ma integriamole

roberto padrini 20.06.07 05:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ma signori di nove secoli di schiavitù verso gli africani che ne pensate. vi permettete di credervi obbiettivi ma come considerste l'uomo bianco?
e vi permettete pure di sentirvi vittime voi che parlate di favole...

fabrizio roscioni 16.06.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, ho 29 anni e da 5 sono in Italia. Si sono una extra, ti dico quello che ho detto a mio marito che è italiano, a parte il fatto della criminalità e violenza gratuita portata dalla cultura dei valori diversi dai nostri, credo che abbiamo ancora leggi da contadini, si lo credo e per farti capire venga in Brasile (casa mia) a vedere cosa fà la polizia nei confronti della marginalità, per quanto corrotta possa essere la polizia brasileira. Quanto al razzismo credo che manchi un attimino guardare al di là delle frontiere, a vedere un mondo colorato o no, gay o no, ma un mondo tutto reale.

Tantissimi auguri!!! Quando vieni a Torino ci faccia sapere. Baci!!!

Renata Paiva 10.06.07 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Ascolta caro Beppe come lavoro faccio l'agente di polizia municipale (precario naturalmente) e ti posso assicurare che siamo un popolo di maleducati nei confronti di tutto e tutti. io rispetto chi rispetta, extra inclusi. Dobbiamo guardarci le spalle da noi stessi prima. Generalizzare il problema legalita come un problema di extra significa essere presuntuosi e non capire che siamo una societa irrispettosa,irriguardosa, e la cosa che fa più rabbia e che crediamo di aver ragione.

Giacomo Albanese 04.06.07 12:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ecco un articolo che riguarda le ultime elezioni a Verona ed il nuovo sindaco Tosi: http://uomoepotere.wordpress.com/2007/04/18/hello-world/#comments

Uomo e potere 31.05.07 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Signori, diciamocelo chiaro e tondo, la colpa dell'aumento dei crimini, dell'insicurezza e di tutti questi casini non è degli immigrati, loro ne sono solo uno dei tanti aspetti; la colpa è della nostra "giustizia" da due soldi che da più importanza al carnefice che alla vittima, la colpa è di quegli idioti che per farsi fighi affermano -Nessuno tocchi Caino- e ad Abele chi ci pensa?
gli extra arrivano qui in Italia e si trovano nel paese dei balocchi dove gli spacciatori stanno in galera tre giorni, i ladri due settimane, e gli assassini e gli stupratori di solito dieci anni (ma escono dopo cinque per buona condotta) e i corrotti stanno al governo. L'immigrato furbo allora inizia a delinquere perchè si rende conto che tanto non gli succederà niente, e quindi può fare un sacco di soldi e intanto i signori parlamentari pensano ad aumentarsi i loro schifosi stipendi.

Marco Bologna 31.05.07 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari signori.. in Italia non se ne può più!!!!
Si lo dico sono RAZZISTA! specie con albanesi, marocchini, rumeni(ora sono anche entrati nelle c.e.....) E non perchè mi sono svegliato male, ma solo per il buon motivo che vengano qui, non hanno un lavoro e si mettano a fare le peggio cose.
E poi sig. Grillo sveglia in Italia siamo in molti ad essere razzisti vieni a Lucca o a Montecatini poi me lo ridici!!!!!!!!! e poi non se ne può più di sopportare questi personaggi che vengano qua e rubano! si rubano! garantisco! Ci vuole UN PO' DI PULIZIA!!!!!!!

Simone Pellegrini 30.05.07 22:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diamo inmano sta cazzo d´italia in mano degli extra comunitari se gli italiani sono colpevoli di tutto quello che succede chisa forse si agiusta quolcosa. Non e detto che dove ce merda ci si deve buttare altra merda si deve cercare di pulire percio ben che vengano ma mquelli meglio di noi ciao

saverio no 25.05.07 18:14| 
 |
Rispondi al commento

l'italiano non è razzista, è infastidito, demoralizzato, nauseato, disgustato dall'incertezza della pena, dalla difficoltà di avere giustizia, dall'assenza di rispetto delle regole. l'italiano vorrebbe essere sicuro e tutelato nella propria casa e nei suoi affetti. tutta questa incertezza unita ad una incapacità delle istituzioni di controllare gli ingressi di persone provenienti da ogni dove, senza una storia personale che faccia capire se sono delinquenti o brava gente, senza la possibilità di rimandare in patria con celerità chi non rispetta la legge e nell'illegalità impera, proliera e guadagna, fanno degli italiani gente preoccupata ed anche un po incazzata; visto che le tasse le paghiamo ma se vogliamo una parvenza di sicurezza dobbiamo assoldare la vigilanza privata.

mario felici 16.05.07 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri sera per Tg2 10 minuti è stato detto che oltre il 33% dei reati è compiuto da stranieri quando questi sono poco più del 4% della popolazione residente. E'razzista affermare questo? Forse, però è vero.

Michele S. 16.05.07 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Siamo razzisti perchè il nostro pensiero è impostato così. E' una visione del mondo che ha radice nelle dinamiche della psiche italiana che tende a creare antinomie tra l'io e l'altro da sé.
Gli italiani sono il popolo che conciliano cristo e scissionismo. Come è possibile? come se cristo avesse detto: separatevi gli uni dagli altri.

angelo tatheo 16.05.07 09:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe credo che abbia preso un abbaglio nell'annoverare luoghi comuni ai bisogni primari di sopravvivenza di una collettività. L'uso demagogico della destra (e non solo) di fermezza con gli stranieri è dettata da una necessità di imporre regole che, spesso, non vengono rispettate causa costumi molto diversi, molte volte diametralmente diversi. Attenzione, però, che il fatto di stabilire regole "contrattate" in questo paese, trasformatesi molte in leggi, con anni di sacrifici dalla classe più oppressa con il potere non vuol dire abbandonare la guardia entrando in un tunnel senza ritorno della deregulation. Molti idioti, anche di sinistra, hanno abbracciato ciecamente la tesi del povero cristo "a prescindere", senza capire che l'evoluzione umano-intellettuale (scusate il bisticcio)è passata sotto le forche caudine storiche (non ultime le rivoluzioni francesi) consegnandoci un periodo contradditorio ma decisamnete più evoluto. La necessità primaria - dicevo - è determinata dal far rispettare regole banali per noi ma che sono la dimostrazione delle incomprensioni con molti stranieri. In Italia siamo i primi a parlare male del vicino di casa che butta la carta per terra e non ci accorgiamo che annaffiamo le piante sui balconi senza guardare chi passa sotto. Siamo stati abituati (e non è una scusante) a narcotizzare il senso autocritico per motivi diversi, le religioni non ci hanno dato certamente una mano anzi, molto spesso, hanno alimentato con i propositi di indiscutibilità data dalla fede, le scelte di cambiamento. Credo, quasi da convinto, che non bisogna avere timore dello straniero o lo straniero è discriminato "a prescindere" ma che si debba fare analisi sulle diversità cercando di eliminare le parti negative delle nostre tradizioni... non ultimo il razzismo. Mi scuso per la confidenza chiamandola Beppe rammentale che siamo figli di rivoluzioni serie che hanno proteso all'eguaglianza tra simili senza catene e senza padroni.

Walter Montella 15.05.07 20:29| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi la realtà è che gli stranieri sono qui perchè al nostro governo serviva carne da macello perchè noi non ne produciamo più, perchè abbiamo il culo sfondato da generazioni di tasse e logorio politico e sociale,ed allora l'alternztiva eccola, "carne" a buon prezzo da tutto il mondo ma serve al sistema non a noi!!!!!

hannibal lecter 15.05.07 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Cara bianca non ho detto che ever risposto ad una aggresione con l'ombrello finito in quel tragico incidente sia stato giusto. Dove hai letto tu che io abbia scritto cosi? Dicevo invece che i giornalisti ci danno delle notizie false per drammaticare le cose facendoci diventate razzisti. Io ho letto e sentito che si era trattato di uno scippo andato male cosi la rumena uso l'ombrello come una lancia infilzandola io non voglio stare da nessuna parte ma non e andata cosi... Prima di insultarmi potevi leggere meglio quello che ho scritto allora forse... capivi

Matteo Mantovanelli 15.05.07 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Giusto, la colpa è degli italiani razzisti e delinquenti.
Sono gli italiani che spacciano nei parchi travestiti da magrebini.
Sono gli italiani che sfruttano la prostituzione facendosi passare per albanesi o nigeriani
Sono gli italiani che mandano i loro cenciosi bambini a mendicare invece che a scuola e non i rom.
Sono gli italiani che assaltano le villette facendo finta di essere slavi.
Abbasso il razzismo, abbasso la delinquenza, abbasso gli italiani!

Abbasso l'Italia 15.05.07 08:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA QUELLI CHE SBAGLIANO SIAMO NOI...!!!
Io non sono perfetto anzi pero...Ci arrabbiamo con gli extracomunitari che spacciano IO NON MI DROGO se fosse per me gli spacciatori morirebbero di fame diamo la colpa alle prostitute se fosse per me anche queste morirebbero di fame! E invece...
Mi sono fatto un conto se una prostituta va con 5 italiani e se in un marciapiede ci ne sono 100 prostitute vuol dire che ci sono 500 Italiani CHE INCENTIVANO IL MERCATO!!!

Matteo Mantovanelli 15.05.07 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Basta con questo pietismo ipocrita,chi viene qua deve rispettare le leggi di questo paese, ha il DOVERE di integrarsi.
Nessuno respinge chi vuole venire a lavorare seriamente, quando e'possbile.
Se si entra in uno stato clandestinamente, senza ne arte ne parte, non si puo' pretendere di essere accettati con benevolenza, quando si commettono reati se ne pagano le conseguenze,quali che siano le storture del nostro sistema giudiziario (vedi indulto) che non riguardano chi, non invitato, arriva qui a delinquere e pretende di essere trattato diversamente da qualsiasi criminale.

eugeniopirisi del balzo 15.05.07 05:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://video.google.it/videoplay?docid=-8115929422992469889

Italiani brava gente!

Anna Zarillo 14.05.07 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordissimo con te, Beppe...se uno non è razzista lo diventa..è la società che porta a pensarlo! Purtroppo pero' non ce da fidarsi ne di Italiani e neanche di stranieri...è vero...Purtroppo le persone vengono in Italia e pensano di risovere i loro problemi economici e purtroppo rimangono delusi...e allora entrano nel giro della delinquenza per fare i famosi soldi facili...ma chi non lo farebbe...? Purtroppo noi siamo abbituati a giudicare molto e a riflettere poco...premetto che sono favorevole alla libera circolazione delle persone, ma che siano persone che rispettino il posto, le leggi del posto, gli usi e i costumi...
basta poco per andare d'accordo ...tutto il resto è fanatismo! IO RISPETTO TE E TU RISPETTI ME!scambi di idee...di INFORMAZIONI!solo scambi, pero', non costrizioni!

carmela montanaro 14.05.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so per voi,ma per me un morto è sempre un morto,di qualunque nazionalità o razza egli sia!
Per me una ragazza stuprata è una ragazza stuprata di qualunche cultura o religione egli sia!

Marco Vollaro 14.05.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Non è molto difficile per uno come me, extracomunitario da quindici anni, residente a Genova, l'argomento "razzismo". Credo di poter dire di esserne stato vittima in parecchie situazioni, nei diversi modi in cui si manifesta questo male. Inutile parlare di insulti, ingiurie, e altri comportamenti leggermente discriminanti che magari possono essere avvertiti solo da chi sa di poter esserne vittima. La cosa più triste e penosa è l'ipocrisia di chi ignorante non vuole essere chiamato. Avevo dodici anni la prima volta che sentii la frase tipica del non razzista italiano: "...io non sono razzista, però...". Però questi sì e questi no!
In Germania, paese che ha un'erronea quanto falsa nomea di paese razzista, tale fenomeno si manifesta in modo isolato; vale a dire che ci sono minuscoli movimenti, realmente attivi, che manifestano il proprio non-pensiero attraverso agressioni politiche, verbali, fisiche i cittadini non tedeschi. In Italia è un discorso diverso. Il razzismo è meno evidente, ma la poca evidenza non indica minore diffusione, assolutamente. Negli ultimi anni, ahimè, si è assistito ad una progressiva involuzione dell'opinione pubblica a riguardo. Si è istituzionalizzata una mentalità che vede gli immigrati come minaccia assoluta. La pensa così anche il governo, che, aiutato dal suo intrinseco problema esistenziale, ha emanato leggi sempre più inadeguate. La Bossi-Fini, per esempio, è il tipico caso di chi ragiona secondo la logica: "per salvare gli alberi, bisognerebbe uccidere i castori!".
Si sta cercando di cambiare la legge immigratoria, magari si riuscira ad averne una più umana, o magari no. Sicuramente non si cambia con una legge la mentalità collettiva.
La gente dovrebbe cercare di conoscere il problema, evitando di parlare per sentito dire, e votando per sentito dire.
Farei l'errore di essere razzista anch'io se dicessi affermassi che gli italiani sono tutti così. In effetti non è così. C'è chi ha aiutato molto noi, minoranza nella minoranza. BPQ.

Berner Panti 14.05.07 16:43| 
 |
Rispondi al commento

in un mondo dove se tutti criticano e non fanno un cazzo anche criticare e come danneggiare...

NICOLA BONGIOVANNI 14.05.07 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Stimato Rag. Grillo,

Ho appena letto la notizia attribuita al Ministro Amato di aver pensato di chiudere le Moschee perchè luoghi ove potrebbero alimentarsi idee di terrorismo.
Dato che la notizia proviene dal sito di 'Libero', a mio avviso lascia il tempo che trova ma, poichè tale notizia potrebbe essere o vera o strumentalizzata, mi chiedo se chiunque sia stato l'autore di tanta speculazione in senso filosofico, la scatola cranica di tanto genio contenga l'ombra di cellule colebrali oppure solamente acqua reflua.
Seguendo quell'ineffabile ragionamento allora, chiudiamo tutti i luoghi di culto compresi quelli del Cristianesimo??
Io credevo che a causa dell'effetto conservatore del non pensiero destrorso si fosse arrivati al fondo ma, evidentemente mi sbagliavo!!!!
Cosa vogliono costoro? La guerra civile???
Si rendono conto delle assurdità che vanno affermando oppure sono così succubi del Capitalismo (avversato persino dall'attuale Papa)da sragionare come ai tempi di Hitler e Mussolini?? Che sia uno dei prodromi ad una nuova Guerra globale??
Ma che andassero all'Inferno bruciati!!!!!!
E' mai possibile che in Italia ci siano così tanti scriteriati da credere pedissequamente alle smanie di potere di uno solo? Oppure quest'uno, anziano, piccolo, brutto, sgraziato, sgradevole col piglio da dittatore della Repubblica di Bananas è così ricattato dal Capitalismo Occidentale da pensare di portrarsi dietro l'intera Nazione purchè possa raggiungere i suoi piccoli, banali, vuoti scopi di forma mafiosa fino a riempire oltremodo la cassaforte di Paperoniana memoria?
Stimato Rag. Grillo, provi a far ragionare gli stolti!!!
Lo so che Ella non è uno sciamano ma almeno in parte qualcuno La ascolta.
Grazie!!!

Maurizio Bonardo 14.05.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento

beppe hai dimenticato una cosa, l' italia è il paese oiù famoso per le bestemmie.......

francesco radin 14.05.07 13:58| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono razzista
appartengo alla razza che non si ubriaca per strada, a quella che non imbratta i muri, a quella che non uccide e violenta, a quella che non ruba, a quella che lavora, a quella che non crede che tutto gli sia dovuto, a quella educata e rispettosa.
Io appartengo a questa razza e odio profondamente tutte le altre.

Andrea Nero 14.05.07 13:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe Io ho 33 anni ed abito in provincia di Ancona.Vado al mare vicino alla bella raffineria api di falconara la quale un mese e mezzo fa circa,ha riversato in mare bitume liquido,a causa di una falla in un condotto.Così chilometri di spiaggia sono stati "asfaltati gratuitamente".Ora stanno sostituendo (probabilmente a spese nostre)gli scogli che sono nelle vicinanze,ruspe in spiaggia,divieti di balneazione e di pesca.Nonostante gli ingenti danni alla costa i giornali della zona ne parlano poco ridicolarizzano l'accaduto e i nazionali non sanno nulla.Perchè?La stagione estiva è alle porte!?!?e i verdi??Non dicono e tantomeno fanno niente.Anche la magistrtura servirà a poco dato che il propietario è un intoccabile.Ah dimenticavo,senza dirlo la fuoriuscita ufficiale è inferiore alla soglia del disastro ambientale.Questo è quello che so da persone vicine alla raffineria.Caro Beppe ci sentiamo presi in giro.Volevo solo informare te,e tutti quelli che qui possono avere voce grazie al tuo blog.Come dici sempre tu...RESET!!!grazie ancora.Ciao!

YURI MARCHEGIANI 14.05.07 10:54| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

SIAMO VITTIME DI GIORNALISTI....!!! Non si puo il 33enne italiano che ha detto: vado a casa prendo la pistola e ti ammazzo GIURO CHE LO FACCIO torna e ammazza una bimba polacca con 2 colpi in testa e... Leggete su tutti i giornali si parla di (UN COLPO PARTITO ACCIDENTALMENTE....) Vanessa Russo mi dispiace veramente per lei pero... Come si fa a parlare di mostro a Doina Matei quello e stato un incidente piu di una testimone ha visto Vanessa aggredire la rumena per una frenata e ha visto Doina difendersi da uno schiaffo. I GIORNALISTI CI VOGLIO FAR DIVENTARE RAZZISTI...

Matteo Mantovanelli 14.05.07 10:34| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO VITTIME DI GIORNALISTI INFAMI!!! Non si puo il 33enne italiano che ha detto: vado a casa prendo la pistola e ti ammazzo GIURO CHE LO FACCIO torna e ammazza una bimba polacca con 2 colpi in testa e... Leggete su tutti i giornali si parla di (UN COLPO PARTITO ACCIDENTALMENTE....) Vanessa Russo mi dispiace veramente per lei pero... Come si fa a parlare di mostro a Doina Matei quello e stato un incidente piu di una testimone ha visto Vanessa aggredire la rumena per una frenata e ha visto Doina difendersi da uno schiaffo. I GIORNALISTI CI VOGLIO FAR DIVENTARE RAZZISTI...

Matteo Mantovanelli 14.05.07 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, che tristezza, vedere che pure dalla tua campana viene lo stesso suono...
Sono razzista, odio gli italiani, e sono italiano.
Capisco che qualcuno che arriva nel regno di coloro che si calano le braghe per servirlo e riverirlo non abbia colpa se più tira la cinghia più guadagna.
Io ho 27 anni, sono disoccupato e non POSSO mettere al mondo prole, sai, per noi italiani servono soldi (e tanti, e fissi) per farlo.
Sono della tua stessa città, Genova, sai quel piccolo angolo di mondo che forse in pochi conosciamo vivendo nell'era di Internet.
Sono quello che continua a SUE spese a tappare i buchi fatti nei muri da equadoregni ubriachi (e parlo dopo averli visti), per un quartiere che sene sbatte, ed inizio a capire chi sia peggio.
Ma fingere come i giornali che loro siano povere vittime è un atteggiamento stupido, ignorante e di comodo, per tenere gli occhi chiusi su un paese allo sfacelo, indotto da noi, certo, ma finchè lo storpio tenta di tenere in piedi l'ubriaco non credo proprio si possa risparmiare un capitombolo a nessuno.
Avrei voluto un minor coinvolgimento politico sul tuo blog ed una maggiore analisi del rapporto tra le informazioni della stampa e quelle della rete.

Hanno reso la nostra città invivibile, i nostri dipendenti (ITALIANI) ma l'hanno resa invivibile a NOI (italiani) non a coloro che costruiranno sulle nostre macerie (immigrati)

Non mi và bene, non mi vò bene per niente, ma i dipendenti sono inattaccabili e le informazioni vengono distorte, e, con sommo dispiacere, oggi ho scoperto che per qualche motivo, anche tu fai la tua parte.

Con Amarezza, un Don Chisciotte di nome Davide.

Davide (GE) 14.05.07 02:51| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordate le vignette contro Maometto? Un casino contro tutti gli occidentali senza distinzioni. Vi ricordate in Turchia i cattolici sgozzati? Cosa avremmo dovuto fare?Cosa abbiamo fatto? Nulla. Perchè loro sono autorizzati a questo comportamento preistorico? Basterebbe che leggessero questo blog per capire quanto siamo diversi uno dall'altro. Che cazzo vengono a fare nei nostri paesi se facciamo loro tanto schifo? Ci sono molte persone provenienti da paesi islamici che sono molto piu vicini alle nostre ideologie che a quelle dei loro paesi. Buttiamo fuori a calci in culo tutti gli altri.

giuseppe garibaldi 13.05.07 19:54| 
 |
Rispondi al commento

La frase preferita degli ultimi tempi, e che non è risultata sopra è: Io non sono razzista ma mi stanno costringendo a diventarlo!!

Alessio M. Commentatore certificato 13.05.07 10:52| 
 |
Rispondi al commento

La frase preferita degli ultimi tempi,è:> Trovo che sia una ca..ata sconcertante! Le ragione che moralmente non ti fanno sentire un razzista sono talmente forti e giuste,e profonde, che niente mai potrai cambiarti.Se realmente credi di non essere razzista non lo potrai mai diventare! Un assaaaino romeno o romano non sono differenti assassini. Sono solo appunto assassini. E' più facile ammettere che chi risponde con la frase virgolettata sopra, si uno che tira a campare guardando a se stesso. Giustificandosi dicendo che non importa se sei nero giallo verde o come ti pare, basta che tu non dia noia a me come io non do noia a te.Una persona che veramente non si ritienerazzista non ci pensa alle differenze.Perchè non le vede! Un'altra cosa che mi fa inca..are è che definiamo extra comunitari gli africani i cinesi, e qualsiasi altra tnia diversa da noi, mentre un americano o un canadese, sono solo un'americano e un canadese!! Un pò come da noi al mare chiamano marocchini quelli che vendono le collanine e gli accendini, quando la maggior parte è di etnia centro-africana, Senegal,Costa d'Avorio,Camerun ecc..
Prova a dare del bulgaro ad un italiano e vedrai...eppure sono molto simili.

Alessio M. Commentatore certificato 13.05.07 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Come vedi caro Beppe hai toccato il tasto che la maggioranza degli italiani non vogliono si tocchi. Una domanda soltanto: come chiamare gli italiani che affittano una stanza senza servizi igienici per 300 euro al mese per farci dormire 6 immigrati e più? Ovviamente qualcuno si affretteràa a dire che questi non sono italiani ma extracomunitari e che comunque, nel malaugurato caso fossero italiani sono una esigua minoranza. Allora se gli italiani non sono razzisti perchè tutti i lavori più duri, umilianti e anche meno sono lasciati volentieri agli immigrati? Non è possibile definire gli italiani razzisti Beppe perchè avere tre televisori e vedere Sky, due cellulari e 1 frigofero pieno li pone automaticamente nel mondo "civilizzato". Per evitare che qualcuno ti accusi ancora di sparare cazzate non toccare più il tasto del razzismo parlando degli italiani: sono molto suscettibili. Guai a chiamare intollerante il Bel Paese con migliaia di anni di storia.

Mario Rossi 13.05.07 02:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sig Grillo,
mi sono iscritto al suo blog perché leggere di cose che normalmente non si trovano sul giornale (o magari solo con 2 righe in ultima pagina), che non sono affrontate alla solita maniera dei giornalisti, mi aiuta a pensare e a capire meglio.
Ma quando, come in questo caso, leggo delle affermazioni circa il razzismo degli italiani, mi sento il dovere di scriverle:
"LEI STA DICENDO DELLE STRONZATE" e alcune volte e meglio pensare anche come pensiamo noi che assieme a tanti EXTRA ci dobbiamo convivere anche troppo forzosamente assieme.
E poi, una ultima considerazione: i nostri delinquenti sono "nostri" e non possiamo certo incazzarci con qualche governo magrebino, ma quelli extra con chi ci dobbiamo incazzare, con noi stessi che cerchiamo di arrivare a fine mese sani e salvi e magari ?
Cordialmente.

mirko B. 12.05.07 23:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

grillo pensa probabilmente ai massmedia quando dice che gli italiani sono razzisti. anna maria fr.nzoni e una star dei massmedia, il bambino estracomunitario ammazzato per sbaglio però non interessa nessuno e non fa notizia.
dall'altro lato come si può supportare l'invasione da parte degli estracomunitari (con o senza residenza in italia )con le loro merci falsificate o pericolosi e di scarsa qualità (sigarette cinesi, abiti, scarpe, orologi, alimenti, droge, stupri, sfruttamento)in un mercato senza regole per loro e piena di leggi fassulle e contradittorie per gli italiani con maxi multi che hanno nessun risultato che essere un incentivo per la corruzione dei dipendenti pubblici. gli estracomunitari stanno distruggendo settori interi dell'industria e dell'artigianato della manifattura tradizionale italiana.
come si può non diventare razzista????
perchè non si alza finalmente qualche voce per dire no a questa politica e per mandare a casa almeno due terzi di questi politici corrotti e incapaci, che sono i più pagati e i piu numerosi dell'europa. speriamo che qualche giorno l'italiano cominci a dire no ai mille partiti delle mille opinioni che interessano a nessuno.

j.linda 12.05.07 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente mi sembri un po' confuso.
Prima parli della rivolta cinese a Milano, affermando che i cinesi in Italia non rispettano le nostre leggi;poi dici che gli extra comunitari a livello giuridico si trovano a un gradino più basso di noi italiani.
A me sembra che generalizzare sia quanto mai controproducente e populista!
Credo che in Italia sia vero il contrario e cioè che lo straniero goda di un trattamento paritario all' italiano.
Purtroppo chi applica le leggi non sempre è animato da buoni sentimenti ed equidistanza, e in molti casi capita che siano commesse ingiustizie,sia nei confronti degli stranieri che degli italiani. Che siano date notizie alterate sia per gli stranieri che per gli italiani.
Quindi invece di infiammare gli animi con questi temi, forse sarebbe meglio riflettere su altri e più impellenti problemi...o vuoi fare la fine dei nostri politici che non fanno altro che organizzare manifestazioni e contro manifestazioni pur di non affrontare la realtà?

Federica Zaninotto Commentatore certificato 12.05.07 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono un cittadino italiano ed abito in provincia di Ravenna, il nostro comune ha "accolto" moltissimi extracomunitari e la delinquenza è schizzata alle stelle, le strade non sono più sicure, spaccio di droga, ecc...
Purtroppo i politici devono fare favori a chi li tiene al governo (non a noi cittadini che li abbiamo portati al governo) e gli extracomunitari clandestini sono linfa per la mafia, tutti gli sbarchi che avvengono sono DOVUTI. Nessuno al governo ha il coraggio di dire quello che ormai tutti gli italiani pensano: BASTA!!!
Da almeno una decina d'anni a questa parte non si può più fare un giro in Viale Indipendenza (BOLOGNA) senza avere paura, paura di essere accoltellati, stuprati, rapinati o quant'altro... Abbiamo bisogno di un governo che ci tuteli, che faccia meno multe e che usi le forze dell'ordine per fare vera GIUSTIZIA sia per gli italiani che per gli extracomunitari. Abbiamo bisogno di semplici regole che vengano rispettate; ora invece se qualcuno sgarra dopo poco è fuori prigione (e buona grazia se ci va) ed è libero di ricominciare.
In un paese come il nostro che è governato da persone che guardano solamente il loro portafoglio e dove la gente fa fatica ad arrivare a fine mese, come potremo accettare ancora per molto questa situazione di decadenza?

Alberto Poletti 12.05.07 16:40| 
 |
Rispondi al commento

I migliori italiani vogliono gli extracomunitari se accettano di fare quello che gli italiani non vogliono fare e se accettano di riempire quelle caselle sociali dell'immaginario collettivo loro
assegnate: non possono muoversi da questi spazi predefiniti assegnati loro dalla nostra mente: questo è il razzismo all'italiana, secondo me, e gli immigrati lo sanno e si ribellano,
Grazie saluti per lei, Grillo E. Critelli

eugenio critelli 12.05.07 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto parecchie volte che l'immigrazione attuale di extracomunitari verso l'europa è la stessa cosa della "nostra" immigrazione in america di inizio secolo...

Sicuramente non si rendono conto della malafede o dell'ignoranza con cui dicono ste cose.

Abbiamo + di 6000 anni di storia e facciamo finta che l'umanità sia nata ieri e che tutto quello che è stato prima è sbagliato.

C'è una differenza importantissima e fondamentale in ogni emigrazione da ogni parte e da ogni quando in tutto il mondo, da 6000 anni ad oggi.

La Religione.

Religione in maiuscolo perchè è lei che in tutta la storia dell'umanità ha sempre fatto da padrona, tutto il resto è solo una conseguenza.

In questo blog ho letto alcuni commentatori accomunare senza distinzioni musulmani, induisti, cattolici etc etc...

Siamo tutti gli stessi...

Un pit bull e un pastore tedesco sono la stessa cosa? Un yorkshire e un'alano? (razza) faresti giocare tuo figlio allo stesso modo sia con un yorkshire sia con un pit bull? Secondo te un musulmano afgano o pakistano è uguale ad un cattolico? Gli daresti in sposa tua figlia?

Andate un po in giro su internet ed andate a vedere le lapidazioni di donne e bambine che giornalmente i CITTADINI (non sono terroristi) di alcuni paesi musulmani fanno alle loro figlie e alle loro mogli, fra gli applausi dei concittadini che probabilmente il mese dopo vi venderanno un'accendino o vi puliranno il vetro al semaforo.

NON SONO UGUALI A NOI

I veri razzisti sono chi li accomuna a noi.

Gaetano M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.05.07 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tutto ciao a tutti. Sono di Pisa e vorrei commentare questo articolo con lo svolgimento di una discussione che ho fatto con un mio amico qualche giorno fà. Come in molte città italiane, il centro di Pisa e la stazione sono stati invasi da cinesi, tunisini, marocchini, senegalesi e quant' altro.
Questo mio amico abita in Via Della Spina, una traversa vicino alla stazione. E' un mese che lo conosco e quando gli ho chiesto dove abita lui mi ha risposto così: "A Chinatown". A questa risposta ho iniziato a ridere. Quando sono andato a trovarlo a casa sua ho visto che i due edifici di fronte all' abitazione eranopieni di cinesi. Sono rimasto sconvolto. Ma come è possibile da parte del comune permettere una cosa del genere? Così vengono creati i ghetti anche involontariamente da parte degli immigrati. E così è per i senegalesi in un'altra zona di Pisa e via dicendo....Pisa stà diventando sempre più colma di immigrati e sempre più pericolosa. Sono aumentate le rapine e i furti ed è vero non è un mio discorso razzista. La sera in prossimità del centro uno deve avere paura di fare una passeggiata per la città. A mio avviso si deve evitare di creare dei ghetti perchè si rende più difficoltosa l'integrazione di questi popoli nella nostra società. Io non sono razzista ma quello che dice l'articolo è vero, questa situazione nel nostro paese è diventata pesante e i pensieri razzisti ti vengono eccome.

Alberto . Commentatore certificato 12.05.07 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un pò di autocritica. Parliamo tanto male dei nostri governanti e di chi sta al potere, per poi scoprire che molti (troppi) di noi ne ammirano soprattutto le qualità negative: la furbizia, l'aggressività, la pervicacia. A parole siamo tutti contro i poteri occulti criminali e non, per poi scoprire che se non siamo mafiosi, siamo massoni o siamo convinti che tutto ciò sia ineluttabile e ancora molti di noi nè subiscono il fascino.
Quando si parla dei lati negativi allora usiamo la terza persona: loro, quelli là. SVEGLIA ITALIANI, SIAMO NOI CHE ALIMENTIAMO QUESTA GENTE. NOI LI VOTIAMO, NOI LI PAGHIAMO, NOI ANDIAMO CON LE PROSTITUTE MINORENNI, NOI CI DROGHIAMO, NOI SIAMO COMPLICI CON L'OMERTA'. GUARDIAMOCI BENE ALLO SPECCHIO E PER UNA VOLTA FACCIAMO SCELTE COERENTI: LEGALIZZIAMO LA MAFIA. METTIAMO FUORI LEGGE L'ONESTA'!

Roberto Regina Commentatore in marcia al V2day 12.05.07 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Politici, Giornalismo (carta e TV) e Industriali
sono oggi in Italia il vero centro del MERETRICIO, basta vedere le conseguenze di questa condotta che sta trasformando Magistratura e organi di Polizia sempre più spesso coinvolti in eventi a dir poco scandalosi coperti da una assenza totale della Chiesa, quella Ufficiale, non quella dei Sacerdoti.
Siamo un grande popolo che non si merita questa marmaglia di approffittatori inetti.
E che dire di questo governo che vuol farci credere di essere di sinistra, quando non sa nemmeno lui che cos'è.
Sono disperato!


Fabrizio Calanchi 12.05.07 08:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi pure siamo e siamo stati immigrati.
C'è un libro che consiglio al riguardo
"L'ORDA - Quando gli albanesi eravamo noi"
Con documenti, date, nomi... molto interessante

Ci sono quelli che vengono a lavorare pure per due euro l'ora, così come ci sono i mascalzoni, i furbetti...
In modo analogo all'italiano medio.
Se persino noi siamo sfruttati e malpagati e pur di mangiare lo accettiamo, vogliamo fargliene a loro una colpa? Quindi non diciamo che ci rubano il lavoro, perchè questo non succederebbe se loro, e, noi prima di loro, fossimo più tutelati e ben pagati.

Alcuni di loro vengono da paesi che sono in guerra.
Altri vivono in paesi nei quali ci sono multinazionali che finanziano i governi spingendoli a fare politiche a favore di quest'ultime... evitando ogni possibilità di crescita sociale e civile...
facendo lavorare persino i bambini...
quindi diciamo che un pò di responsabilità è anche nostra...

Beppe nel post evidenzia come i media diano molto più peso quando a commettere un reato è un immigrato... in questo modo non si fa che peggiorare le cose.
Si continua a temere la persona di colore senza un motivo valido...
L'immigrato non è il pericolo!
I veri criminali sono altri!!!
RESET

Emiliano N 12.05.07 00:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,ti ringrazio,perchè sei l'unica persona che ha ricordato la morte di una bimba di cinque anni a Napoli.Mi aveva infatti indignato il modo in cui quella orrenda notizia era stata riportata dai media, compreso il nostro principale quotidiano(secolo xix), con un articoletto formale e niente più.Ho cercato nei telegiornali ma in pratica questo atroce fatto è stato letteralmente snobbato.Ne ho parlato in giro ma tutti sembrano anestetizzati, mi sono sentito solo ancor di più in questo mondo che francamente mi sgomenta.Ancora grazie comunque ,perche sapere che vi sono persone come te mi rinfranca.Ciao

giorgio ferrari 11.05.07 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sia una cosa normale,forse e' una specie di nazionalismo. Io personalmente non faccio distinzione fra nostrani e extra.I delinquenti meriterebbero pene molto piu' severe.quando qualcuno fa del male a dei bambini andrebbe massacrato,nn fatto uscire dopo poco o addirittura messo ai domiciliari.l'indulto poi e' la c....ta piu' grande del mondo

Cristian Padovani 11.05.07 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?"

questo lo ha scritto MICky maggio, l'ho ripetuto per farlo vedere meglio e per rispondere: io sto dalla tua MICky, e così, spero, molti altri italiani, ah... e se organizzate questa "ribellione all'anarchia degli extracomunitari" chiamatemi! che vengo anch'io!

CREDETEMI TUTTI: GLI IMMIGRATI NON CI SERVONO, TUTTO CIò CHE FANNO è IL LORO COMODO E MANDARE I SOLDI FUORI DAL PAESE!

Andrea Cini Commentatore certificato 11.05.07 19:07| 
 |
Rispondi al commento

ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?

MICky maggio Commentatore certificato 11.05.07 18:32| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe....come vedi vanno girando ancora queste ridicole catene di S.Antonio firmate da te su certi temi molto importanti come il carobenzina..io non so se sia vera o meno...di certo le fanno girare...sperando che qualcosa accada! Mah....io non so + in che credere...ti allego quanto su detto: Dal Blog di Beppe Grillo parte un'iniziativa. Provare non costa
nulla.......

COME AVERE LA BENZINA A META' PREZZO!!!!!!

Anche se non possiedi la macchina, per favore fai circolare il messaggio
agli amici.

Benzina a metà prezzo.....

Diamoci da fare....

Siamo venuti a sapere di un'azione comune per esercitare il nostro
potere nei confronti delle compagnie petrolifere.

Si sente assicurare che la benzina aumenterà ancora fino a 1,50 euro al
litro.

UNITI possiamo far abbassare il prezzo muovendoci insieme, in modo
intelligente e solidale.

Ecco come.

La parola d'ordine è "colpire il portafoglio delle compagnie senza
lederci da soli".

Posto che l'idea di non comprare la benzina in un determinato giorno ha
fatto ridere le compagnie (sanno benissimo che, per noi, si tratta solo
di un pieno... differito, perché alla fine n'abbiamo bisogno!), c'è un
sistema che invece li farà ridere pochissimo, purché si agisca in tanti.

I petrolieri e l'OPEC ci hanno condizionati a credere che un prezzo che
vari da 0,95 a 1 euro al litro sia un buon prezzo, ma noi possiamo far
loro scoprire che un prezzo ragionevole anche per loro è circa la metà.
I consumatori possono incidere moltissimo sulle politiche delle aziende;
bisogna usare il potere che abbiamo.

La proposta è che da qui alla fine dell'anno, non si compri più benzina
dalle 2 più grosse compagnie, SHELL ed ESSO, che peraltro ormai formano
un'unica compagnia. Se non venderanno più benzina, saranno obbligate a
calare i prezzi. Se queste 2 compagnie caleranno i prezzi, le altre
dovranno per forza adeguarsi.

Per farcela, però dobbiamo essere milioni di *NON CLIENTI di Esso e

Robbie B. 11.05.07 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, mi dispiace ma sul discorso che il nostro paese è pieno di raazisti non concorso.
E la nostra classe politica che ci fa diventare razzisti, perchè una persona onesta che lavora dalla mattina alla sera spezzandosi la schiena e rispettando tutte le leggi e regole della buona convivenza, vede derturparsi i propri risparmi da tasse, tassine, ecc. Poi in Italia, Sempre secondo i nostri cari politici, i problemi più urgenti sono:
- i dico
- l'indulto
- e altre castonerie.
Ma tornando al lavoratore che si spezza la schiena e che manda avanti l'italia chi ci pensa? Purtroppo nel nostro paese se non sei diverso (gay, drogato, delinguente, ecc.....) non vieni preso in considerazione. Perciò è questo scontento generale che ci fa diventare razzisti, perchè al "normale" non ci pensa più nessuno. Il "normale" deve solo pagare, pagare e pagare le tasse per far sembrare sempre più belli e bravi i nostri sporchi politici.
Poi è ora di finirla con il discorso ipocrita del razzista che c'è ma non c'è, noi rispettiamo le altre culture dandogli posti dove andare a pregare e riunirsi, prova andare nei paesi arabi e chiedere che ti costruiscano una chiesa, guarda cosa ti rispondono. Perciò la colpa non bisogna darla sempre al poveretto ma è lo stato che ci porta a diventare quello che siamo. Se inizziassero a far rispettare le leggi a tutti e non solo all'onesto le cose cambierebbero e si potrebbe convivere tutti in modo sereno. Invece questo casos fa in modo che tutti vogliano sopraffare sui più deboli e allo stato attuale i più deboli sono gli onesti, se permetti questo non mi sta bene perchè io per guadagnarmi da vivere lavoro dalla mattina alla sera. Perciò se un bel giorno mi trovo in casa un tutelato dallo stato che cerca di farmi un furto, permetti che cerco di fermerlo perchè mi sta prendendo ingiustamente cose che mi sono guadagnato sputando sangue e mandando giù magoni! Concordo in molte cose con te e ti stimo moltissimo, ma in questo discorso no!! Un saluto.

Lele Rossi 11.05.07 14:58| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Evviva gli extra che si integrano e lavorano onestamente. Gli altri a casa immediatemente con qualsiasi mezzo e ripeto QUALSIASI. Inoltre devono essere rispediti a casa il più presto possibile senza passare da nessun carcere. Forse inizialmente qualcuno subirà delle ingiustizie (ma non succede comunque di continuo in tutta Italia anche agli italiani ?) ma alla fine, prima di fare cazzate, gli extra disaddattati, ci penserebbero 100 volte.

Maurizio Moroni Commentatore certificato 11.05.07 13:27| 
 |
Rispondi al commento

... sempre quella di porta palazzo...
la scorsa settimana una manifestazione di quartiere, gente che ha affrontato la pioggia per dire di non ghettizzare il quartiere, e di mandare a casa questi delinquenti che infestano le nostre strade... e mi chidevo se non fossero indignati quando a loro che erano i "terroni" si mandavano le stesse maledizioni... niente più che imprecazioni come quelle che mandano allo schermo la sera alle otto... nessuna proposta... mandateli via e basta... ma nessuno si è mai premurato di instaurare un rapporto per capirsi. Se abiti a porta palazzo oggi è perchè ci sei capitato quando sei emigrato 30 anni fa e ci sei rimasto tuo malgrado oppure perchè ne sei innamorato, perchè oltre al degrado c'è la conoscienza, la possibilità di capire l'altro e farsi capire... di contribuire fino in fondo, nella vita quotidiana a cercare i punti in comune, e a comprendere le differenze, a combattere la paura e l'indifferenza con ogni gesto quotidiano. Quei 15 piccoli spacciatori davanti a casa fanno meno paura. Quello che fa paura, forse, è vedere quanto sta cadendo in basso la dignità di quella gente, italiana e non, che cede ai meccanismi del terrorismo mediatico, e non è più in grado di un proprio giudizio, che ha paura di tutto e odia, e non conosce più la solidarietà. Per fortuna c'è anche chi ti saluta con un abbraccio, anche se sei nero verde giallo o rosa... perchè ti sente come un fratello e un fratello non ha colore o perchè lotta ogni giorno contro le proprie stesse contraddizioni e paure. Di questa gente il mondo non può fare a meno, al diavolo la delusione a muso duro, preferisco l'indignazione con il volto limpido, anche quando è sofferente. La minaccia non arriva dall'extra e non è rivolta ai nostri interessi, la minaccia arriva da noi ed è rivolta al nostro cuore, al nostro pensiero, l'unico vero deposito di libertà.

anna m. 11.05.07 13:16| 
 |
Rispondi al commento

... vivo a porta palazzo a torino... qualcuno ne mai sentito parlare? era nei servizi di anno zero di santoro, una medina nel cuore della città dove vivono molti extra e dove ogni giorno si rincorrono sirene di ambulanze e qualche volta scatta la retata, la caccia al marocchino che spaccia, perlopiù ragazzetti, minorenni, che vivono in strada e non si sa dove e in che condizioni dormano... loro in galera non ci possono andare, stanno magari qualche ora e poi sono fuori... sono più veloci e più convinti perchè si sentono i padroni senza rendersi conto che sono propio loro gli sfruttati, magari dai fratelli maggiori... con buona pace di mamma e papà che stanno in a casa con la tv nuova convinti che i loro figli stiano gudagnandosi la pagnotta egregiamente... cosa li fa restare qua in condizioni penose a collezionare cicatrici sulla faccia? I soldi...? si i soldi e poi? quello che fa più gola è il senso di potere, potere su quel territorio e su quelle persone, potere perchè quello che per loro è la concezione della giustizia dello stato, è molto più crudele della nostra... "là" se ti beccano ti fanno fuori se non fisicamente, psicologicamente, marcisci in carcere per una vita a morir di fame e torture... qui si sta da dio, ragazzi! Non sia che manchino i diritti civili, ma nemmeno la giustizia. Magari un legge oculata sulle immigrazioni dovrebbe mettere in moto servizi che indaghino sulle tratte anche di questi schiavi... quelli che vendono la roba che la nostra mafia importa... e le impossibili condizioni di adattamento per cui quando non hai altre possibilità e ti trovi in un paese che non conosci, e non capisci, con addosso tutto il carico di responsabilità e aspettative della famiglia che aspetta il frutto della tua assenza, rischi pure di fare il servo delle mafie. Rischi.. xchè poi, a porta palazzo, convivo con un extra, in un condominio di extra onesti e spaventati,che campano e pagano,come noi,ma che nessuno ascolta se chiedono di poter uscire di casa + sicuri

anna m. 11.05.07 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ma che gente conosci?. le persone che conosco io, compresa la sottoscritta, si incazzano in egual misura se vengono chiamati, mafiosi, corrotti, evasori o razzisti. E poi finiamola con la storia che la società ci vuole per forza razzisti. E' la stessa storia che si usa per giustificare qualsiasi cosa accada nel paese. un delinquente, sia esso italiano o no, se uccide o è infermo di mente o è colpa della società. la società ormai è diventata la scusa ufficiale per giustificare tutto. Siamo stati creati con il libero arbitrio che ci permette di scegliere da che parte stare. puoi decidere di essere una persona onesta oppure te ne freghi di tutto e tutti. ma sono scelte che fai tu, non c'è nessuno che ti obbliga. non siamo burattini in mano a chi ci governa. siamo noi che li votiamo e li mandiamo a governarci. la responsabilità è dell'individuo. e questo vale anche nel caso specifico. se una persona non sopporta gli extracomunitari non lo fa perchè qualcuno (la società) glielo impone. E' una sua scelta e si prende la responsabilità delle sue azioni e parole.gli stessi extracomunitari ci marciano su questo.
non vi è mai capitato di essere in fila, ad esempio in posta. Trovi quasi sempre quello che fa il furbo e passa davanti agli altri. Però se lo fa un italiano viene fuori un casino colossale, se lo fa un extracomunitario nessuno apre bocca, perchè?. Perchè la maggioranza delle persone ha paura di essere chiamata razzista. perchè la parola razzista è il minimo che ti devi aspettare se provi a dire ad un extracomunitario che c'è la fila da rispettare. Quando invece è lapalissiano che non si tratta di razzismo ma semplicemente di rispetto.

Allegrini Mattea 11.05.07 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo aggiungere che non solo l'italiano è pacatamente razzista, ma fa anche razzismo tra Extracomunitari ed Extracomunitari.

Mia moglie è Svedese, quella di un mio amico Tunisina, secondo voi le due donne sono da sempr estate trattate ugualmente pur essendo fino a poco tempo fa entrambe extracomunitarie ?

No carissimi, mia moglie dopo pochi giorni di ricerca di un lavoro ha sempre ottenuto posti soddisfacenti mentre la moglie del mio amico pur rivolgendosi alle stesse aziene ha sempre dovuto affrontare una marea di difficoltà e non gli è mai stato prospettato un laovoro decente ma sempre e solo bassa manovalanza nonostante sia dotata di stessa cultura intelligenza simpatia e vitalità e professionalità.

Come mai un extracomunitario Svedese è meglio di un Extracomunitario Tunisino o Marocchino o Messicano o Argentino ecc.. ?

E quando noi saremo gli extracomunitari degli extraterrestri ?

Nel domani non v'è certezza... cari TERRAGNI !!

Ciao.

Umberto.

Umberto Morazzoni 11.05.07 12:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando ho fatto notare che il delinquenti ci sono anche fra gli italiani e che anche gli italiani che vivono all estero subiscono discriminazioni, qualcuno mi ha messo un voto scarso. Forse dovevo dire che gli italiani sono tutti santi, ammirati in tutto il mondo? Mi dispiace ma non sono ipocrita e nemeno buonista, giudico le persone in base a come si comportano, che siano italiani o stranieri per me non ce differenza.

Anna Zarillo 11.05.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un semplice concetto...gli stanieri in italia sono delinquent...semplice...si adeguano! seguono l'esempio....sembra dimostrato che gli "emgranti" in generale sono piu svegli....quindi...si adeguano piu in fretta.....come fa un paese con 24 condannati in parlamento a fare la morale a dei poveracci che non fanno altro che adeguarsi.....bohhhh

silvano brienza 11.05.07 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Vero che no piace essere razzisti ma se continua il aprire porte con la legge Ferrero-Amato e poi i giornali danno dati tali come:"... Il Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell'Interno ha reso noti i dati riguardo ai reati compiuti nel 2005, dai quali viene fuori che il 33,41% di questi è stato compiuto da cittadini non italiani (sopratutto clandestini)".Con lo che sembra a grossi numeri che siamo un straniero ogni 3 italiani e per di piu tutti delinquenti, se prima del 2010 no siete diventati razzisti sarete tutti depressi.Che poi mi sembrava che non italiani era solo il 4% dei residenti.MA!
Io credo che Italia può ricevere non eccedere; questo equilibrio e quello che no riuscite a determinare, integrarsi.. no ghettizarsi; rispettiamo e ci rispetteranno, altrimenti alla fine ci rimetteremmo tutti,voi perchè se no valutano, la capacita economico-sociale che ha Italia attualmente ,(i signori del governo). per continuare a ricevere un flusso migratorio che,
logicamente deve mangiare,bere,vestire e dovrebbe lavorare...ma qualcuno a Roma si rende conto che no ci sono posti di lavoro per voi altri compressi noi altri e quelli altri che verranno.

Qualcosa non torna meditate bene…

Controllati obbligatoriamente tutti e troverete i cinesi ripetitivi, gli rumeni rom-no rom, gli albanesi neo mafiosi, nordafricani regolari ed irregolari, cubani bravi e cattivi.
Ma no potete continuare a parlare solo di fatti cattivi e arricciare il naso, per parlare sempre ci sarà tempo anche per la semplice ragione che tutti siamo bravi a muovere la lingua, collegare cervello e lingua ad azioni concrete per migliorare la convivenza e IL PAESE quello è FATICOSO OGGI PER VOI

Hilda . Commentatore certificato 11.05.07 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Se in Italia il criminale che viene messo in carcere fosse punito con una pena adeguata, allora molte persone ci penserebbero due volte prima di commettere un crimine, e di conseguenza le carceri diventerebbero molto meno affollate...

Mauro Mazzero 11.05.07 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Per Romano P.: invece di fare indulti perchè ci sono troppi carcerati usa il "tesoretto" per ampliare o costruire carceri nuove. Oppure fai riaprire quelle come Pianosa che tu e Massimino "il baffo" avete fatto chiudere nel 98.
Vedrai che gli italiani stavolta saranno contenti di non risparmiare.

Michel S. 11.05.07 10:26| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come volevasi dimostrare il RAZZISMO IN ITALIA É UN TABÚ. molti commenti al post-it lo confermano.
ho viaggiato in diversi continenti e vissuto negli Stati Uniti, Francia e Spagna. Neanche nella foresta tropicale del Camerun ho trovato gente con mentalitá tanto provinciale e ristretta come quella della maggioranza degli italiani che conosco, anzi, lí ho avuto conversazioni interessantissime con persone cosmopolite e colte (cosa che succede di rado in Italia). Perché in italia non si puó nemmeno parlare di razzismo e discriminazione mentre é accettato come un fatto negli altri paesi? mah.....coda di paglia? Perché nessuno dice mai in televisione CHE TUTTI GLI ESSERI UMANI SONO UGUALI. Perché nessuno mette in discussione che il colore del passaporto o la nazionalitá di una persona non ne determinano le qualitá morali? Perché un mio amico italo-ivoriano non riesce a spiegare ad uno dei suoi "amici" che un cittadino italiano puó essere anche nero? Perché gli italiani sono tanto "orgoglioni" che non riescono ad ammettere che sono solo un puntino in questo pianeta, che non contano un cazzo. Perché non riescono a mettersi nei panni di un cittadino marocchino, rumeno, albanese che va a scoprire o tentare la fortuna in un altro posto come hanno fatto e fanno una marea di italiani? Perché, semplicemente, non riescono a paragonarsi ad un albanese o di un marocchino o di un ghanese perché li considerano diverrsi, di un'altra cultura o forse di un'altra razza. Bene il RAZZISMO significa credere nella divisione dell'umanitá in RAZZE. mi pare dai racconti dei miei amici albanesi, camerunesi, marocchini, nigeriani, argentini, venezuelani xhe gli italiani potrebbero dare LEZIONI DI RAZZISMO.
Tenetevi la pasta e il caffé ingozzatevici e fateci la doccia. Stranieri in Italia: SCAPPATE!!!
aggiungo un vocabolario x persone civilizzate:
MAROCCHINO: cittadino del marocco (non venditore)
EXTRACOMUNITARIO: non comunitario (non delinquente o poveretto)
IMMIGRAZIONE: fenomeno immortale

Stefania Carli 11.05.07 08:54| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Micky Maggio:
Scusa ma tu stai solo dalla parte delle vittime della delinquenza straniera? Io sto dalla parte delle vittime della delinquenza sia straniera che italiana. Un delinquente è pur sempre un delinquente, qualunque possa essere la sua nazionalità.

Anna Zarillo 11.05.07 08:33| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE PRODI, a nome delle famiglie che ultimamente hanno perso figli, genitori, conviventi, a nome di quei commercianti, che hai già immolato all’altare delle tue multinazionali e che come ciliegina sulla torta, hai consegnato nelle mani dei rapinatori dei ladri e degli extracomunitari a cui hai aperto le frontiere, senza nessuna garanzia di lavoro e che anche se non lo erano, nel paese di bengodi, sono diventati ladri autorizzati, poichè non rischiano niente.... mentre un commerciante o una ragazza che si difende, diventa il tuo capro espiatorio!!!
Tutto perchè tu dovevi “catturare i voti”, gli italiani onesti non ti votano più..... allora cerchiamo i voti tra i delinquenti, diamo diritto di voto agli extracomunitari residenti, alla faccia della Costituzione che da diritto di voto AI CITTADINI ITALIANI.....forse non hai letto la costituzione? Oppure non sai leggere, dato che la laurea te l’hanno regalata?
Grazie per aver trasformato un paese che non è mai stato razzista, in un paese che in conseguenza delle ingiustizie che subisce lo sta diventando.
E, grazie ancora, per quei genitori che hanno fatto sacrifici per far studiare i figli; i quali ora si sentono offrire da niente (con promessa di assunzione, da aziende da te protette, che truffano questi poveri ragazzi e CHE NON RISCHIANO NIENTE) ad un massimo di 400 € mensili!
POCHI LO SANNO, ma la legge autorizza le grandi aziende ad “ASSUMERE” ai minimi consentiti, che vengono poi RIMBORSATI in larga misura dallo stato CON I NOSTRI SOLDI.
Grazie ancora da parte dei commercianti, che invece hai costretto a dover licenziare i pochi dipendenti, perchè un dipendente costa ad un piccolo imprenditore dai 2000 ai 3000 Euro mensili!!!!! Grazie ancora, per quella mia amica, che essendo ragazza madre con un lavoro precario e italiana, si è spacciata per rumena (senza permesso di soggiorno), per poter ricevere cure, visite e medicinali completamente GRATIS, FACENDOSI PRESTARE UN DOCUMENTO DA UNA AMICA RUMENA

stefania brigiolini Commentatore in marcia al V2day 11.05.07 08:14| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Trovo questo discorso un pò troppo demagogico... E' facile dire che l'italiano è razzista, brutto e cattivo col povero immigrato...
Qui non si tratta di brava gente che emigra per lavorare, come ha fatto mezzo mondo e come abbiamo fatto anche molti noi italiani; si tratta di affrontare un numero elevatissimo di immigrati con i mezzi di un paese con mezzi economici e disponibilità lavorative ridottissime. In queste condizioni è molto piu facile che un immigrato si dia a delinquere piuttosto che alla affannosa ricerca di un lavoro.. Da qui a identificare l'immigrato come delinquente il passo è breve, ma io credo giustificato..

P.S. Domandina: "Un' italiana si reca in un paese mediorientale, inizia a prostituirsi (magari non si mette nemmeno il velo) e uccide una ragazza per una banale lite... Cosa pensate possa succederle?

Morale: ragazzi, prima di insultare il nostro paese, date sempre un'occhiata a quello che abbiamo intorno, e vedrete che non siamo poi così terribili...

Andrea Sperelli 11.05.07 02:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STRANIERI DETENUTI NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI ITALIANI (1990-2002)
Elaborazione su dati Ministero della Giustizia
• i livelli di sicurezza per il cittadino non sono migliorati e, anzi, a causa della devianza nel mondo della clandestinità, sono in alcune zone peggiorati. Come evidenziato da un'indagine dell'Eurispes, la responsabilità di questo stato di cose è, secondo la maggioranza degli intervistati, sì riferita all'invasione incontrollata di clandestini ma anche al "mancato intervento della Pubblica Amministrazione ed all'assenza del controllo sul territorio da parte dello Stato ". Lo Stato, di fatto, viene considerato non in grado di svolgere il compito di proteggere le frontiere e la sua società;
• nel prossimo futuro potrebbero, con l'integrazione nella società della prima generazione d'immigranti, nascere fenomeni dintolleranza razziale.
La convinzione, infine, di parte dell'opinione pubblica occidentale e di settori della vita politica, che il fenomeno possa ridimensionarsi spontaneamente non può che apparire utopistica. È ormai acclarato che il controllo del flussi migratori va "conquistato per poterlo gestire e contenere".
Pertanto il rapporto tra emigrazione clandestina/criminalità può essere in termini concreti affrontato unicamente:
• eliminando la condizione criminogena della clandestinità (con una progressiva trasformazione della irregolarità in regolarità, attraverso idonee misure di emersione/integrazione). Non bisogna, infatti, dimenticare che spesso è la condizione stessa di clandestino a spingere (se non a costringere) l'individuo a comportamenti illeciti. Il clandestino, se non è volontariamente inserito in una organizzazione criminale, è un perenne escluso. È colui che in ogni momento si scontra con il proprio "essere ombra", con il bisogno di essere "invisibile" in un mondo, come quello occidentale, dove qualsiasi inserimento sociale può avvenire attraverso una condizione di "visibilità";
• con una politica delle espulsioni E SELEZION

paolo carinci Commentatore in marcia al V2day 11.05.07 00:18| 
 |
Rispondi al commento

L'emarginato non è lo zingaro, ma il pendolare, schiacciato dall'alto dai banchieri mafiosi e amministratori delegati e vessato dal basso dalla feccia come gli zingari che gli rubano il portafoglio. Eppoi che vuol dire razzismo? Suddividere le razze per via del patrimonio genetico è assurdo, ma differenziare le genti dal punto di vista culturale è lecito e palese. Come è palese che immigrati che arrivano nelle stesse condizioni si comportano in maniera diversa, c'è una gran differenza di comportamento tra i popoli dell'africa nera-centro africa (poveri, ma ricchi culturalmente) rispetto a magrebini e slavi. Tutto il resto è aria fritta o demagogia o buonismo che si possono permettere coloro che viaggiano in macchina e di giorno come alcune maestrine e gente che si può permettere economicamente di essere buona. L'uomo del popolo è incazzato, e non se lo può permettere di essere buono, lui non torna da lavoro alle 13 col SUV, torna alle 20-21 col TAF, dove al piano di sopra e in fondo succede di tutto. Grillo, parla con il personale di trenitalia, ne sentirai di storie sui tuoi amici extra...

guido tarquini 11.05.07 00:07| 
 |
Rispondi al commento

In Italia la xenofobia verso l'uomo costretto ad emigrare da altre parti pechè vive in una terra o che non lo vuole o che non gli dà da mangiare si è istaurata molto presto, quando si è iniziato a vedere che alcuni degli extra hanno iniziato ad appartenere alla malavita....! mi sembra gisto criticare ciò!! però pensando al passato che abbiamo avuto dai primi dell'900 fino al 1960 circa dove quelli che emigravano verso una terra più ricca, più bellav eravamo noi italiani ed proprio in quegli anni abbiamo portato in America Cosa Nostra il peggior coplotto mafioso che sia mai esistito nel nuovo continente!!!!!! in quegli anni eravamo maltrattati,a volte anche puniti ingiustamente come Sacco e Vanzetti....tutte quelle sofferenze ormai finalmente passate non dobbiamo scortatle ma non dobbiamo nemmeno imitarle facendo sentire la "pecora nera" di tutti il paese gli extra.....io so cosa vuol dire fare un viaggio di 14 giorni pieni di speranza e di coraggio per abbadonare la propria casa e guadagnarne un altra da un altra parte, i miei nonni negli anni neri dell'Italia sono emigrati in Argentina mi hanno raccontato di esperienze come abbandonare la propria famiglia,fare un viaggio con la speranza che al di là di quello scuro mare ci sia uno spazio di vita anche per loro!!!!!! tutti gli uomini sono uguali e tutti gli uomini vanno puniti, aiutati e premiati allo stesso modo per ricordare che non siamo solo mafia spaghetti e mandolino ma anche un paese che vuole o per lo meno prova ad aiutare il prossimo... S.

Riccardo Sozzi 10.05.07 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?

MICky maggio Commentatore certificato 10.05.07 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se non lo si dichiara,un dose di xenofobia è insita in tutti noi...Non credo sia questione di"razzismo latente",ma di sfiducia nei confronti di chi vive secondo diversa cultura;lo straniero viene guardato con sospetto perchè spesso entra nei giri malavitosi,perchè abituato a pensare in modo differente...Ciò che si dovrebbe capire è che non è la diversa cultura che porta il soggetto ad agire in modo illegale,ma il bisogno di sopravvivenza,la reazione alla diffidenza ed all'emarginazione.Ciò non giustifica alcun reato(lo straniero non si dimentichi mai di essere un ospite,se no,FUORI DAI COGLIONI!!!),ma chiadiamoci il perchè profondo di tutto ciò che sta dietro ad ogni azione.
Con i nostri sguardi,con i nostri commenti,con le nostre selezioni,siamo i primi a calpestare la dignità altrui;ad allontanarli,a farli sentire diversi e sgraditi.Siamo un paese ospitale che applica il detto:"l'ospite è come il pesce...dopo3giorni puzza!"
Finquando non accetteremo l'identità altrui,non abbiamo armi per battere il pugno affinchè venga rispettata la nostra.Se siamo i primi a sbattere in ultima pagina un fatto di uguale gravità subìto da un extracomunitario ed a gridare allo scandalo quando la medesima azione tocca un nostro connazionale,dove pretendiamo di andare???


F.

filippo attinelli 10.05.07 20:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ipocrisia è lo sport nazionale insieme al calcio,noi italiani brava gente tolleranti,amabili,non competitivi,pacifici,ci definiamo buoni cristiani non praticanti,mettiamo la famiglia in pool position ben prima del Dio denaro: insomma dei novelli "San Franceschi"...peccato che sia l' avatar dell'italiano medio.Persino il no-global in Italia prende i contributi di qualche amministrazione pubblica e tutto finisce a tarallucci e vino.Amen

Klara Apolide 10.05.07 19:51| 
 |
Rispondi al commento

concordo pienamente. gli italiani nascono con l'idea che non devono dimostrare di essere razzisti, che nelle scuole bisogna fare campagne per accogliere i bimbi stranieri, che bisogna tendere una mano allo straniero, bisogna essere perfetti nella propria apparenza. la seconda parte è un razzismo di fatto, che ingigantisce tutto ciò che è extra. ma a questo punto vorrei allargare la discussione. non credete che lo stesso trattamento sia riservato anche a chi è omosessuale? avete mai notato che va tanto di moda dichiarare di avere "tanti" amici gay???? sono forse borsette e scarpe che si comprano in coppia?

giusi c 10.05.07 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma ragazzi! Molti di questi stupratori, ladri, ricattatori,ecc.. sono persone che si stanno integrando perfettamente nel nostro sistema, per coerenza dovremmo renderli eleggibili e nel nostro parlamento non sfigurerebbero affatto,in termini percentuali come condanne non sono ancora all'altezza dei nostri deputati ma se diamo loro qualche possibilità ce la potrebbero fare..

luigi scaglioni 10.05.07 19:41| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

non sono daccordo.... chi viene nel nostro bel paese deve comportarsi meglio dell'italiano, se vado a casa di altri cercherò sempre di comportarmi meglio che se stò a casa mia!
ciao.

roberto l. Commentatore certificato 10.05.07 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vivo in un paese (l'irlanda) dove per avere il diritto di essere cittadino devi trovare un lavoro........e qui a differenza della nostra bella italia si trova senza grossi problemi.................il razzista secondo me non e il singolo individuo, ma quello stato ,che non da gli strumenti per far si che avvenga una naturale e pacifica coesione socioculturale.Quindi stiamo molto attenti,,,,

Alessandro Nani 10.05.07 19:13| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:57| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:52| 
 |
Rispondi al commento

E' vero. Se un furto lo fa un italiano è un extra di m. se lo fa un'italiana è una cleptomane... P.c.

paolo cavasin Commentatore certificato 10.05.07 18:50| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:41| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:32| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giambattista P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Penso che gli italiani non siano razzisti..comunque non la maggioranza, probabilmente un percentuale molto piccola...il punto critico sta nella mancanza di un approccio culturalmente preparato alla convivenza con altre popolazioni straniere che anno dopo anno arrivano in Italia.
Il tutto aggravato dalla mancanza dello stato e dell'Europa in fatto di gestione di flussi d'immigrati sopratutto nel nostro paese ,visto il punto centrale geografico nel mediterraneo.
Purtroppo all'estero ci guardano (spacciatori, stupratori,mafiosi etc...etc...) come la terra promessa!!!....dove al massimo se ti beccano(e se ti beccano!!) ti fai 1/2 anni di galera e poi arriva l'indulto di turno e si ritorna a fare cio che era stato interrotto...così l'italiano che non s'incazza mai , che non si ribella mai, che si fà inc..........e dai suoi dipendenti da 50 anni capita che s'inc...i di più con gli stranieri in generale, con quelli che come lui lavorano onestamente, non invadono la libertà altrui, e che come lui vengono inc..........i dai suoi (nostri) dipendenti!...così per partito preso!!!.....no ragazzi , non è razzismo questo...è solo inc.......a che esplode quando non se ne può più!!!...cioè adesso!!!!!....Per poter convivere serenamente con tutte le popolazioni del mondo si dovrebbe partire da un punto, prima di tutto il resto, che è la conoscenza!!!..la conoscenza, l'essere informati su chi siamo, dove siamo , e chi sono le popolazioni che vivono come noi sulla terra...già questo sarebbe una gran cosa..ma il problema è sempre quello, o queste informazioni ognuno di noi se le PROCURA o nessun'altro ce le dara!!..tanto meno i nostri dipendenti!!!...perchè come sempre...sono c...i NOSTRI!!!!!!....VIVA INTERNET!!!....VIVA L'AUTOINFORMAZIONE LIBERA!!!!!..UNICA SALVEZZA IN QUESTO MOMENTO!!!!

El Ciula Commentatore certificato 10.05.07 18:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giamba P. Commentatore certificato 10.05.07 18:27| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giamba P. Commentatore certificato 10.05.07 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Penso che gli italiani non siano razziasti..comunque non la maggioranza, probabilmente un percentuale molto piccola...il punto critico sta nella mancanza di un approccio culturalmente preparato alla convivenza con altre popolazioni straniere che anno dopo anno arrivano in Italia.
Il tutto aggravato dalla mancanza dello stato e dell'Europa in fatto di gestione di flussi d'immigrati sopratutto nel nostro paese ,visto il punto centrale geografico nel mediterraneo.
Purtroppo all'estero ci guardano (spacciatori, stupratori,mafiosi etc...etc...) come la terra promessa!!!....dove al massimo se ti beccano(e se ti beccano!!) ti fai 1/2 anni di galera e poi arriva l'indulto di turno e si ritorna a fare cio che era stato interrotto...così l'italiano che non s'incazza mai , che non si ribella mai, che si fà inc..........e dai suoi dipendenti da 50 anni capita che s'inc...i di più con gli stranieri in generale, con quelli che come lui lavorano onestamente, non invadono la libertà altrui, e che come lui vengono inc..........i dai suoi (nostri) dipendenti!...così per partito preso!!!.....no ragazzi , non è razzismo questo...è solo inc.......a che esplode quando non se ne può più!!!...cioè adesso!!!!!....Per poter convivere serenamente con tutte le popolazioni del mondo si dovrebbe partire da un punto, prima di tutto il resto, che è la conoscenza!!!..la conoscenza, l'essere informati su chi siamo, dove siamo , e chi sono le popolazioni che vivono come noi sulla terra...già questo sarebbe una gran cosa..ma il problema è sempre quello, o queste informazioni ognuno di noi se le cerca o nessun'altro ce le dara!!..tanto meno i nostri dipendenti!!!...perchè come sempre...sono c...i NOSTRI!!!!!!....VIVA INTERNET!!!....VIVA L'AUTOINFORMAZIONE LIBERA!!!!!..UNICA SALVEZZA IN QUESTO MOMENTO!!!!

El Ciula Commentatore certificato 10.05.07 18:22| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giamba P. Commentatore certificato 10.05.07 18:21| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giamba P. Commentatore certificato 10.05.07 18:19| 
 |
Rispondi al commento

__________________________
C'è qualcuno che si chiede perchè non dovrebbe essere razzista, io una risposta ce l'avrei, ed anche semplice:
quanti italiani hanno rubato, ammazzato, truffato, ingannato, spacciato, stuprato in Italia e nel resto del mondo negli ultimi 3 giorni?!? e negli ultimi 3 secoli??
Il razzismo è una piaga alla pari della criminalità organizzata, se dobbiamo risolvere qualcosa le strade sono ben altre.
______________________________

Giamba P. Commentatore certificato 10.05.07 18:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,penso che molti extracomunitari vengano in Italia con l'illusione di un lavoro che gli procuri uno stipendio alto.
Si accorgono poi che non c'è lavoro per tutti e che i salari sono bassi (spesso in nero e sfruttati).
Molti allora prendono la strada della delinquenza,soldi facili,droga,prostituzione, sfruttamento dei connazzionali,mafia, finanziamenti con soldi sporchi.
Purtroppo la realtà non è facile neanche per gli italiani,a volte derubati del loro posto di lavoro,con solo la colpa di essere degli OPERAI o dei MANOVALI sostituibili spesso e volentieri con immigrati disperati disposti a fare anche il doppio delle ore lavorative giornaliere per 1/4 dello stipendio di un italiano. Il malessere è generale e di questo passo le cose andranno sempre peggio.......

Marina M. Commentatore certificato 10.05.07 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera

Aiutami a capire.
In una settimana 3 rumeni hanno amazzato 7 italiani; non mi devo sentire un pò razzista?
E meno male che non guardo il tg tutti i giorni.

BUONASERA

Luigi Ardau Commentatore certificato 10.05.07 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON VOGLIO POLEMIZZARE CON L'ON. VELTRONI CHE DICE E RICONOSCE CHE LA LEGALITA' E' UN DIRITTO PER TUTTI E NATURALMENTE ANCHE PER GLI ELETTI IN PARLAMENTO COME PREVITI PERO' NON MI E' CHIARA LA FUNZIONE DELLE RONDE PADANE. SONO O NON SONO PER IL RIPRISTINO DELLA LEGALITA'? CHE FUNZIONE HANNO VERSO I LORO LEADER QUANDO ACCETTANO TANGENTI? E LA LEGALITA' VALE ANCHE PER COLORO CHE LE TANGENTI LE HANNO ACCETTATE NEL PASSATO? QUAL E' LA FUNZIONE DELLE RONDE PADANE VERSO IL FALSO IN BILANCIO CHE TANTO SPAVENTA I NOSTRI POLITICI? MA C'E' PREVITI CHE LIBERA TUTTI E FA SEMBRARE TUTTI GLI ALTRI BRAVA GENTE CON L'UNICO DIFETTO DI ESSERE MAFIOSA.

CARLO DI CARLO 10.05.07 17:40| 
 |
Rispondi al commento

A me fanno schifo i razzisti (un conto è avercela con gli stranieri che si comportano male un altra è parlare male degli stranieri senza distinguere queli che lavorano onestamente da quelli che fanno i delinquenti), ma quelli che mi fanno ancora più schifo sono quelli che iniziano un discorso razzista dicendo: "io non sono razzista...." Cercate di essere meno ipocriti, almeno questo.

Anna Zarillo 10.05.07 17:39| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

...c'è solo la strada su cui puoi contare
la strada è l'unica salvezza...

bernardello simone 10.05.07 17:21| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo e sono anche molto arrabbiato,ogni volta che sento un telegiornale ...se telegiornale si può chiamare,mi viene l'acidità di stomaco,ormai gli argomenti sono sempre gli stessi,rapine,furti,stupri,omicidi e pedofilia sono arrabbiato perchè ormaisiamo al punto che a casa nostra non abbiamo più diritti,però abbiamo molti doveri,siamo obbligati ad ingrassare questi nostri stimati,corrotti,collusi politici che giorno dopo giorno ci spolpano e ci dicono che tutto va bene,poi invece scopri che loro guadagnano moltissimo e vanno in pensione presto e con un salario da faraone e dall'altra parte invece c'è gente che non vedrà mai la pensione e altri che non tirano la fine del mese,questi baroni che dovrebbero fare i nostri interessi,pensano solo ai loro businnes senza preoccuparsi invece dei nostri visto che li abbiamo messi al governo proprio per questo,invece ora ci vogliono cacciare dalla nostra terra e sostituire con gli schiavi che continuano a far entrare clandestinamente nel nostro paese che ormai saturo prima o poi esploderà,piano piano,tutti questi exstracomunitari ci stanno spingendo fuori da casa nostra,vedi i cinesi in paolo sarpi e tutti i mussulmani di via jenner e tutti quelli che i signori industriali sottopagano e sfruttano,lasciando a casa padri e madri di famiglia,ma quello che mi fa imbestialire sono proprio gli italiani,ormai sottomessi e senza palle per reagire,che schifo di mondo stiamo lasciando ai nostri figli e sopratutto che futuro avranno,per quanto ancora siamo disposti a farci prendere per il culo da questa gente,mandiamoli a casa a calci e finalmente riprendiamo il gusto della vita senza ansie e terrore .SVEGLIATEVI ITALIANI CHE ORMAI SIETE GRANDI,ORA E' IL MOMENTO DI DIRE BASTA,SE NON VOGLIAMO FARLO PER NOI FACCIAMOLO ALMENO PER I NOSTRI FIGLI CHE NON HANNO NESSUNA COLPA.

aldo giuttari 10.05.07 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando uno si dichiara di sinistra, poi descrive quanto ha visto e sentito, poi scrive "nessuno fa nulla per spegnere queste pericolosissime braci" e scarica un camion di razzismo su
800mila lettori potenziali, mi sa che la sinistra non la usi neanche sul volante. Con questa lettera, secondo me, ha alimentato quanto già
in tanti pensano. Ha dato alla destra un bel po' di benzina e ha
dato, a chi crede di essere di sinistra, la voglia di votare a destra. Se vuole
degli esempi di integrazione, mi sa che debba cambiare autobus.
Cesare

Cesare Pastarini 10.05.07 17:08| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto salve a tutti.Questa è la prima volta che intervengo a un blog in assoluto.Ma una volta entrato e letto quanto scritto non ho potuto fare a meno di intervenire.Personalmente penso che gli Italiani generalmente più che razzisti siano xenofobi.Il che da un certo punto di vista può essere anche peggio.Perchè se sei razzista non "sopporti" ad esempio il marocchino o l'abanese fermo a semaforo che ti lava il parabrezza e ti incazzi con lui mandandolo a fanculo (non fraintendetemi essere razzisti è sbagliatissimo questo è scontato).Ma essere xenofobo vuol dire essere insofferente di chiunque non rispetti determinati canoni di comportamento anche se Italiano (scusate il nozionismo).Come quando i Meridionali emigravano al nord e venivano disprezzati (ma diamine sempre Italiani erano).Questa FOBIA secondo me non è altro che il frutto della paura per (diciamo così) "l'UOMO NERO" misto ad una grande ignoranza e a una occlusione mentale non da poco.Con tutto questo voglio dire che il problema è più grande di quello che appare.Perchè non si tratta solo di quella bambina polacca uccisa a Napoli non si tratta solo delle agitazioni dei cinesi a Milano o del bando delle lanterne (sempre cinesi) a Treviso (notizia di oggi) non sono solo gli exstra ad essere vittime di maltrattamenti.Basta rivedere un po' i giornali.La strage di Erba, il video shock contro il ragazzo disabile in classe, la ragazza uccisa dal vicino per una banale lite e tanti tanti altri casi.C'è una insofferenza/intolleranza generalizzata nei confronti di tutto e di tutti.A prescindere dalla sua nazionalità.Secondo me associare tutto questo schifo al solo razzismo è un po' "riduttivo".E' la società che è MALATA!
Spero di essermi spiegato bene e scusatemi se ho fatto qualche errore.

Domenico Gesualdo 10.05.07 16:07| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

NO al razzismo, Si alla discriminazione sensata!

pesenti andrea 10.05.07 15:52| 
 |
Rispondi al commento

So che il problema dell'immigrazione è un gran problema e il razzismo altrettanto.
Io personalmente non mi considero razzista ma penso che il numero di crimini messi in atto da stranieri sia un po' troppo alto.
Non dico che sia colpa loro,che siano "criminali" perchè stranieri ma spesso le condizioni di povertà ed emarginazione in cui molti vivono possono portare all'esasperazione e quindi a commettere atti criminali.
Credo che sia compito del Governo in primis oltre che dei cittadini agevolare le condizioni di vita di tutte le persone che risiedono sul nostro territorio, stranieri o non(anche perchè pure volessero l'immigrazione non è frenabile)ed educare persone in difficoltà a risolvere problemi economici o culturali in modo da rispettare la legge.
Inoltre credo che la maggiore rilevanza che hanno furti e omicidi compiuti da stranieri non sia una volontà razzista degli italiani(non tutti siamo cechi e sappiamo che anche gli autoctoni possono compiure orrori)ma una trovata del sistema, della vendita delle informazioni:SE FACCIO SENTIRE"BUONO"VENDO DI PIU' e a forza di vivere in questo clima dove è il mercato di informazioni a comandare si viene influenzati

daniela morpurgo 10.05.07 15:33| 
 |
Rispondi al commento


rispondo a "Claudione MI"
la differenza tra te e me é che io vivo in francia e vengo in italia una due volte al mese da quando sono qui e che tu ricevi le informazioni da berlusconi e co., e si vede!!non mi va di difendere la francia sul razzismo...non ha bisogno di me per questo....,
inizi la tua frase con" come ti permetti"...tipicamente autoritario e segno dell'ignoranza dicui ho parlato nel mio commento; il resto é tutto da buttare...polemichi perché ti senti "offeso" ma non hai niente da rispondere sul fondo....infine a proposito di ipocrisia...IO...metto nome e cognome...tu??? resta dove e come sei ti va bene cosi!!

silvano brienza 10.05.07 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Ave...
Credo che questo blog stia recuperando la credibilità che aveva perso da un po'di tempo a questa parte.
Credo che questo post dica cose reali e giuste.
Credo che gli ultimi post siano molto più intelligenti e sensati di quelli politicizzati che venivano scritti un po'di tempo fa (e che mi avevano fatto allontanare da questo sito).
Complimenti.

Vito Antonaci 10.05.07 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, come dici tu il paese ci vuole razzisti, la società in genere, e questo mi fa venire i brividi. Intolleranze ed ignoranza sono pessime combinazioni, e quando leggi sui quotidiani notizie come quella apparsa alcuni giorni addietro, che diceva di un ROM che aveva falciato con l'auto cinque ragazzi, una notizia terribile, ma perché se straniero, in questo caso zingaro, viene classificato come tale? perché la cosa farà vendere più copie,è un messaggio di stampo leghista? Non è forse vero che un uomo che commette un gesto del genere rimane un disgraziato indipendentemente se ricco, povero, biondo o quant'altro? Un pensiero per quei ragazzi innocenti..

François Pinciroli 10.05.07 14:40| 
 |
Rispondi al commento

se in questo paese senza memoria,e mi riferisco a tutti quelli che si scordano che tutti noi discendiamo da qualcuno che era starniero e che sicuramente,anche se era un lavoratore indefesso,ha subito l'ignoranza e l'intolleranza di qualcuno;adesso,siccome abbiamo la memoria corta,gli intolleranti siamo doventati noi;per cui faccaimo tutti uno sforzo di memoria e se non conosciamo la storia del mondo e degli immigrati e dei migranti di tutto il mondo,sforziamoci tutti quanti di studiarla o almeno di leggerla.Sono convinto che il numero degli intolleranti ignoranti,inizierebbe a ridursi drasticamente.ciao

pasetti luciano luca Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 14:38| 
 |
Rispondi al commento

rispondo a MATTEO M.
la differenza tra te e me é che io vivo in francia e vengo in italia una due volte al mese da quando sono qui e che tu ricevi le informazioni da berlusconi e co., e si vede!!non mi va di difendere la francia sul razzismo...non ha bisogno di me per questo....,
inizi la tua frase con" come ti permetti"...tipicamente autoritario e segno dell'ignoranza dicui ho parlato nel mio commento; il resto é tutto da buttare...polemichi perché ti senti "offeso" ma non hai niente da rispondere sul fondo....infine a proposito di ipocrisia...IO...metto nome e cognome...tu??? resta dove e come sei ti va bene cosi!!

silvano brienza 10.05.07 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Razzismo in Italia? Il vero razzismo è stato quello in Sud Africa e non quello in Italia dove forse diventa intolleranza verso e soprattutto gli stranieri che delinquono che portano droga e violenza (chi ci dice che gli stati dei paesi di provenienza degli immigrati non abbiano a loro volta colto l'occasione irripetibile di svuotare un pò le loro carceri, obbligando i loro delinquenti a venire in Italia e in Europa?). Non tutti sono delinquenti, non dimentichiamocelo.
E mi viene da ridere quando leggo che "le carceri sono piene di extra che non hanno capito le regole". Perchè rubare o violentare o uccidere sono regole che esistono altrove? Casomai sanno che da noi c'è il "rischio" dell'impunità e ne approfittano e non esiste disparità di trattamento basta il caso dei vari mullah e del presunto terrorista che è stato ignobilmente rilasciato da un pm di dubbia coscienza. E l'italia non sarà razzista perchè i nostri figli che vanno ascuola con i figli degli immigrati hanno la possibilità di crescere insieme, di conoscersi e di rispettarsi: non c'è razzismo tra i bambini, tra i giovani ameno che non siano i grandi ad istigarli

Antonio Bellone 10.05.07 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La criminalizzazione dello straniero è sempre un buon argomento per fare audience e per spostare l'attenzione su eventi drammatici, sì, ma visti secondo ottiche distorte e faziose. Governa la Lega? Giù il matocchino in prima pagina e così via. Lo stupratore, il rapinatore italiano è un po' meno criminale perchè, comunque, è dei nostri. Su questi argomenti ci marciano in parecchi, ovviamente, non solo la Lega. In molti c'è l'interesse a creare nel paese un senso permanente di pericolo, di instabilità. Non che motivi più che validi per essere preoccupati non ci siano, anzi. Ma l'informazione "teleguidata" di oggi ha il compito di mettere in luce fatti brutti certo, ma forse meno brutti o comunque meno rilevanti per l'interesse collettivo di quelli che si consumano nelle "segrete stanze"...
Ritengo criminale il grosso dell'informazione che si fa oggi, soprattutto in Tv. Lo stesso tipo d'informazione che ha permesso la guerra all'Iraq e nefandezze del genere.

Alex Luke 10.05.07 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe, ma rimango sempre dell'opinione che se ognuno stesse a casa sua non esisterebbero questi problemi.... Ciao, Alessandro.

alessandro devecchi Commentatore certificato 10.05.07 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ti stimo molto, beppe, ma stavolta non sono per nulla d'accordo, in caso di delinquenza e di arresto, in galera ci finisce il veneto e l'immigrato, ed entrambi ne escono dopo pochi giorni ... vedi te se qst è razzismo, io la chiamo inefficienza e basta, impunità per tutti, onesti e disonesti.
e napolitano dice che sono stati COSTRETTI a fare l'indulto! io mi vergogno di essere italiano!

nicola nicola 10.05.07 13:26| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Io non sono razzista caro beppe,
Ieri mio padre è tornato dall'ospedale.
ringraziando Dio sta bene.
questa mattina mia mamma a fare la spesa,io alla provincia a spulciare qualche offerta(oh non ci vado mai;) )

Due donne dall'accento straniero secondo mio padre,hanno bussato alla mia porta di casa:fateci entrare hanno detto..meno male che mio padre è un ex carabiniere,e aggiungerei a modo,cercavano di spingere la prta ma mio padre non gli ha aperto...

ora vedi Beppe,io non sono razzista..
ma vedi però,la guardia sempre alta.

STEFANO CAIAZZA PESCARA

Stefano Caiazza 10.05.07 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Non c'entra niente ma e' importanante:

Firma su

http://www.italiaproperty.com/PETIZIONE/

Petizione Popolare

NOI, CITTADINI DELLA REPUBBLICA ITALIANA CHIEDIAMO

Un PROVVEDIMENTO URGENTE, in materia di spese, previste per le indennità, i gettoni di presenza, i rimborsi spese e qualsiasi altra forma di riconoscimento economico, a carico: Dello Stato e della sua struttura centrale e periferica, delle Regioni, delle Province e dei comuni al di sopra dei 5,000 abitanti, che PREVEDA, l’abbassamento del 50%, per i prossimi 3 anni, rispetto l’anno finanziario 2005, delle indennità, dei gettoni di presenza, di rimborsi spese e qualsiasi altra forma di riconoscimento economico devoluti ai sotto elencati soggetti:

Presidente della Repubblica e personale esterno o di consulenza o di nomina Politica, della Presidenza della Repubblica e di tutti i suoi Uffici.
Membri della Corte Costituzionale e personale esterno o di consulenza o di nomina Politica.
Membri del Consiglio Superiore della Magistratura e personale esterno o di consulenza o di nomina Politica.
Senatori a vita
Assistenti Parlamentari.
Componenti del Governo e del personale esterno o di consulenza o di nomina Politica della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di tutti i Ministeri.
Componenti eletti del Senato della Repubblica.
Componenti eletti della Camera dei Deputati.
Parlamentari Europei;
Componenti eletti delle Giunte e dei Consigli Regionali e del personale esterno di consulenza o di nomina Politica delle Giunte e dei Consigli Regionali e degli Assessorati.
Componenti eletti delle Giunte e dei Consigli Provinciali e personale esterno o di consulenza o di nomina Politica delle Giunte e dei Consigli Provinciali e degli Assessorati.
Componenti eletti delle Giunte e dei Consigli Comunali, nei Comuni al di sopra dei 5,000 abitanti, e del personale esterno o di consulenza o di nomina Politica.
Componenti eletti nei Municipi delle Citta’ e del personale esterno o di consulenza o di nomina Politica...............

DIEGO PASCALE 10.05.07 12:34| 
 |
Rispondi al commento

ma in chè ca..o di mondo viviamo e veramente scandaloso martedi15 maggio la saras festeggia a sarroch la giornata dell ambiente,ma come c..zo si permette,l unica festa chè possono fare è la sagra del tumore

gigi boi 10.05.07 12:23| 
 |
Rispondi al commento

a me questa storia degli italiani che non sono razzisti mi ha sempre fatto ridere, vivo in francia da venti anni e i problemi di razzismo qui mi sembrano veramente insignificanti quando vengo in italia.....gli italiani non sono stati razzisti finché c'erano che loro nel belpaese...poi...basta leggere i giornali....c'é un omicido?? la prima questione é: Italiano O Straniero??? i due....il morto e l' assassino....il semplice fatto di porsi la domanda é incredibile....un paese al di fuori del tempo...volgare e inefficiente.....la mia sola consolazione é di aver equattro stelle sulla maglietta!! bravo beppe ....ti aggiungerei sulla magletta della nazionale accanto alle stelle.....

silvano brienza 10.05.07 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

articoli del genere li sento per strada...da gente che non ha niente da fare...e che ha i paraocchi...non bisogna scrivere per forza qualcosa.se non avete idee...anzichè aizzare il fuoco della divisione parliamo della verita non degli individui altrimenti ci sono storie per ogni abitante di questo mondo

matteo mannozzi 10.05.07 11:57| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO NOI LA TERRA DI MEZZO!! NON C'E' INTEGRAZIONE SE NON C'E'EDUCAZIONE.
SINCERAMENTE OPTEREI PIU' PER LA DISINTEGRAZIONE.
I POLITICI CHE LI USANO COME SERBATOI DI VOTI,A NOI CITTADINI CI TRATTANO COME DELLE BISTECCHE CIANCIANO ,ELUCUBRANO STRONZATE A RIPETIZIONE,CI TEMPESTANO DI BALLE COME AD ESEMPIO SONO UN ARRICCHIMENTO, MA QUALE? CIAO,UNO DI SINISTRA RAZZISTA.

GIAN PIERO PEDERZANI 10.05.07 11:55| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Mi pare ovvio che ci sono gli stranieri che commetono crimini anche gravi e che devono essere puniti. Ma i razzisti sono talmente ciechi, o fanno finta di esserlo, che non vedono che ci sono anche gli stranieri che lavorano onestamente e che alcuni di loro vengono praticamente schiavizzati da ceri imprenditori italiani. Ci sono gli stranieri imprenditori che danno lavoro anche agli italiani. Che ci sono stranieri MINORENNI che vengono costretti a battere i marciapiedi perchè ci sono certi italiani schifosi e pedofili frustrari che con due soldi si sentono in diritto di approfitarsene di questi poveri disgraziati. E infine non vedono gli italiani che si danno alla mafia (cosa nostra, sacra corona unita, andrangheta, ecc. sono organizzazioni italiane se non sbaglio)

Anna Zarillo 10.05.07 11:53| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

articoli del genere li sento per strada...da gente che non ha niente da fare...e che ha i paraocchi...non bisogna scrivere per forza qualcosa.se non avete idee...anzichè aizzare il fuoco della divisione parliamo della verita non degli individui altrimenti ci sono storie per ogni abitante di questo mondo

matteo mannozzi 10.05.07 11:49| 
 |
Rispondi al commento

"Gli italiani non sono razzisti. "

Gli italiani, caro Signor Grillo, sono diversi tra loro, tanto che un benemerito signore, ovvero il Principe di Metternich, ha denominato l'Italia "espressione geografica".


" Gli italiani sono brava gente, pizza e mandolino. "

Essendo triestina, io sarà jota e gnocchi di susine (scelgo di non nominare porcina perchè sono vegetariana). Non mi sento pizza e mandolino. Questi sono stereotipi che vanno di moda all'estero.

"Un italiano può
accettare di essere chiamato in vari modi: evasore, mafioso, corrotto. "

E io pago le tasse bollette bolli regolarmente e mi faccio salassare, ho la stasi linfatica e l'insufficienza venosa ma la nostra sanità non mi aiuta: rifà il seno ai trans. Devo farmi trans?


"E più è di sinistra, più si incazza."

Io non sono di sinistra. Non sono di destra. Ma sono esasperata comunque. Non si può vivere in un paese dove i pedofili vengono graziati, dove si vive di spaccio di droga, dove in ospedale ai malati in fin di vita danno due bottigliette d'acqua al giorno, persone che devono curarsi di tumore, bambini con malattie rare e gravissime, malati di leucemia in fin di vita, e tutti questi anziani così scomodi di cui non parla nessuno vengono dimenticati e lasciati a mummificare per mesi nel loro appartamentino dopo il loro decesso, anche quando affidati alle AZIENDE di competenza.

"Se muore una bambina polacca sparata a Napoli, viene accoltellato un cingalese a
Milano o interrati dei nordafricani in Puglia durante la stagione dei pomodori,
la notizia si dà con discrezione. Per un giorno e in decima pagina. Se il morto
è autoctono scatta la caccia all’omicida."

E se muore un povero vecchio viene lasciato a marcire per tre mesi nel suo appartamento, e non ne parla proprio nessuno.
L'italiano va in galera, eccome! Per aver rubato uno yougurt. Invece il mafioso o il ricco è libero.
Non è questione di nazionalità! Ma di DENARO!

Soluzione: cambiare paese. saluti

Bianca Razza Commentatore certificato 10.05.07 11:29| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe ti invio un articolo di repubblica:http://www.repubblica.it/2007/05/sezioni/cronaca/sfogo-lettore/sfogo-lettore/sfogo-lettore.html
Lavorando al Quirinale ogni tanto vado a comprare un panino in piazza Fontana di Trevi: ho sventato 2 borseggi da parte delle zingarelle. Ad un turista di Palermo ho fatto recuperare tutto il bottino che gli era stato trafugato e, appena mi accorgo della loro presenza di branco in caccia, avverto la polizia che staziona alla fontana: nessuno si muove perché devono stare vicino alle moto o alle macchine. Ed allora capisco che Fontana di Trevi è terra di nessuno, tra decine di venditori di pistolette che fanno le bolle di sapone e di quegli aggeggi rumorosissimi che si lanciano in aria e fanno il verso dei grilli mentre le bande imperversano. Di fronte agli stupri che avvengono, troppo frequentemente, in varie città italiane, mi chiedo: e se io stuprassi una giovane araba alla Mecca o a Casablanca, se venissi preso dalla locale polizia a cosa andrei incontro? E se a Bucarest, in metropolitana, avessi accoltellato un giovane rumeno per una spinta ricevuta, che mi avrebbero fatto le locali autorità? Perché devo essere sempre buono ed accogliente con i nomadi, ahi tasto dolentissimo e pericolosissimo, quando questi rubano, si ubriacano, violano la mia casa e la mia intimità, quando rovistano nei cassonetti e buttano tutto fuori, quando mendicano con cattiveria e violenza, quando bastonano le immigrate che non vogliono prostituirsi, quando sbattono i bambini in strada o mandano i figli a scuola con i pidocchi? Perché se chiedo l'espulsione immediata dei clandestini violenti e ladri e meretrici e protettori di meretrici vengo immediatamente accostato a Eichmann? Io voglio spegnere quelle braci prima che si trasformino in un incendio di rancori e violenza, non voglio lasciare più il monopolio della legalità alla destra, perché dare il voto locale agli immigrati, dopo 5 anni di permanenza nel nostro Paese, quando non esistein europa

paolo carinci Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 11:27| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

già una persona che vuol "far ragionare i sinistroidi" parte col piede sbagliato.... bisona far ragionare tutte le persone che non capiscono quanto sia importante l'etica della vita che ci è stata pian piano tolta... io ho 23 hanni sono senza soldi pratico parkour(perciò potrei entrare in casa di chiunque senza nessun attrezzo oltre le mie gambe) ma non mi verrebbe mai in mente di fare una rapina, è questione di etica... nel loro paese se queste persone rubano gli tagliano le mani, nel nostro hanno visto come la fanno franca i nostri politici come pretendi che un extra-italianizzato abbia interpretato la nostra legge?? e cmq quando l'imputato è straniero nei nostri Tg vieen sempre gonfiato,(strage di erba??erano italianissimi!!!ma si pensava al padre che era straniero!!!) NON ABBIAMO UN REALEPOTERE GIUDIZIARIO!!!!!!!

marco bellia 10.05.07 10:29| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Qualche giorno fa ho letto da qualche parte che i depuratori "da cucina" che trasformano l'acqua dell'acquedotto in acqua potabilissima e addirittura frizzante, per ogni litro di acqua potabilizzata ne utilizza tre litri (quindi uno spreco di due litri). Se fosse vero, e soprattutto in un momento come questo dove l'acqua scarseggia ancor più del solito, non è un suicidio?

Massimo Mandich 10.05.07 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER MICHELE S. CHE SCRIVE:

Ma cosa dici mai, nessuno li obbliga a venire qui da noi, e poi cosa vuol dire "disperati"? In Albania, Marocco, Romania e Cina si muore di fame? Ci sono guerre? Apri gli occhi, quella gente viene qui quasi sempre solo per arrichirsi più velocemente perchè qui si guadagna di più. Non c'è nulla di male in questo, basta che lo facciano in maniera onesta e legale. E poi lascia perdere la storia del debito da cancellare, diglielo a chi ha perso i suoi risparmi in bond argentini.

In Albania, Marocco, Romania e Cina si muore di fame eccome. Altroche! Qui non si arricchisce nessuno, stai tranquillo, nemmeno i negozianti cinesi. Buona parte degli immigrati sta solo un po' meglio rispetto al suo paese. I più fortunati trovano lavoro in qualche fabbrica del nord oppure sopravvivono facendo gli ambulanti e mettendo qualcosa da parte per sfamare la famiglia rimasta nel paese di origine. Altri, tanti, non riescono ad inserirsi e molti son disposti a delinquere pur di mangiare. Perchè dove c'è fame c'è delinquenza. Vale anche per gli italiani. Prendi l'esercito di manovali delle mafie: non hanno altro punto di riferimento se non l'organizzazione criminale, di certo non lo Stato. I bond argentini non c'entrano nulla: si è tratta di una truffa perpetrata dalle Banche e da altri delinquenti, che stranamente non vanno in cella a fare compagnia all'extracomunitario di turno. STRANAMENTE. FINCHE I PAESI OCCIDENTALI, CHE BUTTANO TANTI ALIMENTI DA POTER SFAMARE MEZZA AFRICA, NON SARANNO DISPOSTI A SPARTIRE LA RICCHEZZA CON I PAESI DA LORO STESSI IMPOVERITI, AVREMO SEMPRE PIU FLUSSI DI DISPERATI, CHE NON FERMEREMO NEMMENO A CANNONATE. E BUONA PARTE DI QUESTI VERRA QUI A DELINQUERE, A RIPRENDERSI CIO CHE GLI E' STATO TOLTO, CON QUALSIASI MEZZO. E A TE RAZZISTA DI MERDA NON RIMARRA CHE ALIMENTARE ULTERIORMENTE IL TUO ODIO VERSO I DISPERATI. MA LA DISPERAZIONE AVRA LA MEGLIO SULLE FECCE COME SARKOSI.............................


Io sono razzista, non sopporto più i politici che grazie ai nostri voti portano a casa 25.000 euro al mese dei nostri soldi e se ne fottono di quello che pensiamo e vorremmo venisse portato a termine in questo disgraziato paese. Altro che gli extra comunitari!!!!!!!!!!

Oscar Scheffler Commentatore certificato 10.05.07 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Provo a far riflettere i sinistroidi più ingenui e buonisti (o peggio ipocriti):
l'identikit di chi compie reati che creano grave allarme sociale (tipo assalto di ville, stupri, aggressioni, scippi, furti, risse)
è: GIOVANE (20-35 anni), MASCHIO, POCO ABBIENTE. Penso che qui siamo d'accordo tutti, difficile trovare una banda di signore settantenni impellicciate che fanno una rapina a mano armata in ufficio postale. Guardacaso l'identikit di chi compie reati di questo tipo coincide con quello della maggior parte degli immigrati starnieri e non è un caso che la percentuale di popolazione carceraria di questi ultimi sia superiore a quella della popolazione in generale.
Con questo NON VOGLIO dimostrare che gli stranieri sono più delinquenti degli italiani, ma che L'IMMIGRAZIONE AUMENTA LA DELINQUENZA proprio perchè l'immigrato tipo ha le caratteristiche base del delinquente tipo e va ad aumentare il numero di quelli che hanno l'identikit di cui sopra. E' un DATO DI FATTO, poi ognuno può trarre le sue conclusioni.

Michele Savio 10.05.07 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli italiani sono razzisti. Solo si vergognano di dirlo. Girano intorno alle parole, non te lo dicono in faccia. Ma basta vedere come ci si comporta nelle strade e nei negozi. Nel nostro paese. Il nostro paese, mi spiace dirlo, è un paese di razzisti.

Mario Rossi 10.05.07 09:35| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ma quello che mi fa più paura è il vedere e sentire in tutti un antirazzismo sempre più tangibile, purtroppo anche in chi come me è stato sempre rispettoso, dai buoni principi;una brava persona (così dicono gli altri di me).La badante rumena che lavora a casa di mia suocera,regolarizzata contrattualmente, ha ormai acquisito la mentalità italiana e si vanta di non pagare l'assicurazione ed il bollo per il suo motorino e di non usare il casco tanto, dice lei, a Reggio Calabria nessuno è in regola.Caro il mio Beppe, tempi sempre più duri!!!

nicola gatto 10.05.07 09:34| 
 |
Rispondi al commento

un cittadino extracomunitario o comunque straniero per potersi integrare nella nazione che lo ospita necessita di fare un percorso, occorre del tempo. Non possiamo pretendere che dopo pochi anni si conceda permesso di soggiorno, cittadinanza e quindi diritto al voto,
costruzione di moschee per la propia religione ecc., costruzione di case popolari, e non pensare per esempio alle pensioni minime degli Italiani, o al problema della casa che per una nazione moderna deve essere insieme alla sanità
e all'ordine pubblico dei capi saldi. La gente diviene razzista quando il governo porge più attenzione agli extracomunitari che ai propi cittadini, questo lo fà certamente per propia convenienza, sperando una volta concessogli il diritto di voto di recuperare consensi politici.
Come si fà a non essere razzisti quando molti extracomunitari fanno lo spaccio di droga nei quartieri e dovunque e non c'è forza dell'ordine che può fare qulcosa.
Chi vive in uno stato deve vivere nel rispetto di chi ha trovato delle propie leggi, tradizioni e cultura e non sentendosi dopo poco tempo padre di fare ciò che vuole, appoggiato dalla latitanza dello stato.
Dorota Gasior

giuseppe m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.07 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Italiani- innanzi tutto intendiamoci bene sul significato della parola "razzista", le orde di gentaglia che invadono le nostre strade, i nostri uffici, il nostro spazio vitale sono per la maggior parte di altre "NON CULTURE", parlo e lavoro in un ufficio multiculturale - albanesi, ungheresi,tedeschi,italiani,francesi e strananmente tutti abbiamo le stesse idee nei confronti dell'ignoranza, della maleducazione, dell'arroganza e loro sono i primi a volersi allontanare da tutto questo.
Non permettete ai politici che vogliono mantenere un falso ordine di espropriare le risorse del nostro stato, i soldi che versiamo per i servizi che dovrebbero giungere a noi, adesso basta serve legalità. Insegnate ai vostri figli a difendersi da tutto questo.

mari cenni 10.05.07 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Leggete Corso Bovio su www.radiocarcere.com è capite che se il razzismo si combina con la sete di sangue dei mass media per la rumena c'è poco da fare.

F.L. 10.05.07 08:35| 
 |
Rispondi al commento

In parte credo di essere razzista. Credo che in parte ogni essere umano nel mondo lo sia. Forse non lo era madre teresa di calcutta, forse qualche altro santo, non lo so. So comunque che ogni gruppo etnico tende a riconoscersi come tale, non come essere umano tra alti eguali in tutto il mondo.

Detto questo credo che in italia ci siano milioni di italiani con cittadinanza, che sono palesemente ipocriti e opportunisti.

Credo anche che chi emigra da uno stato a un altro per stabilircisi definitivamente abbia problemi di qualche tipo nello stato di provenienza. Non ha lavoro, non ha titoli di studi, c'è la guerra, è un pregiudicato, si è rotto di stare tra quelli che parlano la sua lingua (e a volte questo è comprensibile anche per un italiano).
In ogni modo una persona extracomunitaria (PER FAVORE NON CHIAMATELI EXTRA, SEMBRA UNA PRESA PER IL CULO) è soggetta alle stesse leggi di chi risiede nello stato dalla nascita. Rimane però che lo stato italiano non riesce a far rispettare la legge ai nati in italia, figuriamoci a quelli non italiani.

Il vero problema è sempre alle radici.

Miglioriamo la mentalità italiana e l'immigrazione non sarà più un problema così grave, così come migliaia di altri problemimi tutti italiani.

mirko neri 10.05.07 04:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono un giovane insegnante di questa Repubblica, dei cittadini "non razzisti".
Ma, in realtà, la cosa non mi appare così certa...
Lo straniero è il capro espiatorio di qualsiasi preoccupazione e incertezza sociale, dal lavoro alla nostra sicurezza per le strade.
Lo straniero diventa colui che rende difficile l'esistenza altrimenti trascorribile armoniosa con i propri concittadini.
Si crede scontato il fatto che una persona venuta da fuori debba diventare rigorosa, pronta alla responsabilità del rispetto delle regole. Devono lavorare tanto e lamentarsi poco perchè altrimenti "che tornino da dove sono venuti".
Sono ampiamente visti come persone che non possono sbagliare e, a differenza di quelle appartenenti ai diretti discendenti dei Romani, non hanno il beneficio della disomogeneità al loro interno. Sono categorie, branchi responsabili in modo collettivo delle azioni di ciascuno.
Mi sembra quindi di poter dire che ci sia un trattamento diverso tra noi e loro.
Se i diritti e i doveri non sono gli stessi allora i cittadini appartengono a categorie diverse.
Questo, in molti casi, lo condurrei alla xenofobia che non coincide necessariamente con razzismo. Ma quando le categorie sono collegate alle razze si diventa razzisti.Il passo è breve...
Pochi si palesano razzisti ma quanti hanno già fatto il salto.
Aver paura è legittimo, confessabile in pubblico attraverso radio e televisioni. Discriminare ancora no.
L'italiano, sembra più dichiaratamente xenofobo, diventerà sempre più dichiaratamente razzistà? Si nasconderà dietro alla ""legittima"" paura che impedisce di considerare le persone in quanto tali?
Visto la scarsa propensione ad essere coerenti e coraggiosi molti continueranno ad occupare il nascondiglio, sempre più affollato....

Sebastiano Mandica 10.05.07 03:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto un commento ma è stato cancllato si puo sapere perchè? forse perchè ho detto che il costo di questo blog era ecessivo?

Gianluca Rettore 10.05.07 02:05| 
 |
Rispondi al commento

Non e' facile vivere in un paese straniero...

Detto questo, a me e' come sorto un pensiero: gli stronzi sono cittadini del mondo.

alessandra vona 10.05.07 00:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

L'Italia è un paese di razzisti. La maggior parte delle persone con le quali parlo di stranieri iniziano la frase cosi: "io non sono razzista, ma....". Questo è il tipo di razzista più pericoloso, quello che rimane ambiguo, che non vuole cedere niente a favore dei disperati, ma nel contempo vuole stare tranquillo con la coscienza, non solo quella politica! Preferisco invece il razzista schietto, il classico ignorante, il debole mascherato da duro, che pero considera gli extracomunitari cittadini di serie B e se cercano di "invadere" il proprio paese li affogherebbe tutti. Questo è il razzista da compatire, minoritario rispetto all'altro tipo, che invece prendere a schiaffi se potessi. IO PENSO CHE DI FRONTE AD OGNI IMMIGRATO DISPERATO CHE VIENE QUI DA NOI DOVREMMO INGINOCCHIARCI E CHIEDERGLI SCUSA. INTANTO PER AVERLO COSTRETTO A VENIRE IN UN PAESE DI RAZZISTI CONTRO LA SUA VOLONTA'. E POI PER AVERLO RIDOTTO IN MISERIA DEPAUPERANDO LE RISORSE DEL SUO PAESE. Si parla di debito dei PVS, ma quando riusciranno i paesi occidentali ad estinguere il debito millenario accumulato nei confronti dei Paesi poveri? Solo con l'estinzione del capitalismo ciò può accadere. Perchè il capitalismo si regge proprio su questa disparità tra nord e sud del mondo. La ricchezza di pochi è la causa della miseria di molti. TUTTO IL RESTO E' IPOCRISIA..........


Ho avuto la sfortuna di incrociare in auto un extracomunitario ubriaco. Ha preso male le distanze e mi è venuto contro ed è scappato. Poveretto, avrà avuto paura?, si sarà spaventato?
Ho preso il numero di targa e ho chiamato il 113. Successivamente ho scoperto che non era assicurato. Io ho fatto salti mortali per pagare la mia assicurazione, lui, poveretto aveva deciso di spenderli in alcolici. Morale. Io ora vado in giro con un'auto rovinata e quando lo incontro, lui mi sorride con aria da prendermi per il c..o.
I diritti sono di tutti, i doveri solo nostri.

mauro mamoli 09.05.07 23:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sta crescendo ogni giorno di più l'intolleranza, sta montando l'odio per lo straniero e nessuno fa nulla per spegnere queste pericolosissime braci. Centinaia di persone come me, che hanno sempre litigato con tutti per difendere chi entra in questo Paese, che si sono battute come leoni contro l'intolleranza e la violenza xenofoba, sono stremate e ridotte, ormai, alla schizofrenia. Io voglio spegnere quelle braci prima che si trasformino in un incendio di rancori e violenza, non voglio lasciare più il monopolio della legalità alla destra e quindi non capisco, perché dare il voto locale agli immigrati, dopo 5 anni di permanenza nel nostro Paese, quando in nessun grande Paese dell'Europa Occidentale questo avviene.

So benissimo, come tutti gli italiani, che in Italia, ogni giorno, mille e più reati, anche odiosissimi, vengono compiuti da miei connazionali, nessuno crede veramente che la sicurezza venga messa a repentaglio solo dagli immigrati, non voglio e mi opporrò con tutte le mie forze al dagli allo straniero. Ma voglio legalità, voglio la cultura della legalità in questo benedetto Paese, voglio che chi sbaglia paghi.

Claudio Poverini

Marco Giammari 09.05.07 23:57| 
 |
Rispondi al commento

Perché devo essere sempre buono ed accogliente con i nomadi, ahi tasto dolentissimo e pericolosissimo, quando questi rubano, si ubriacano, violano la mia casa e la mia intimità, quando rovistano nei cassonetti e buttano tutto fuori, quando mendicano con cattiveria e violenza, quando bastonano le immigrate che non vogliono prostituirsi, quando sbattono i bambini in strada o mandano i figli a scuola con i pidocchi?

Perché se chiedo l'espulsione immediata dei clandestini violenti e ladri e meretrici e protettori di meretrici vengo immediatamente accostato a Eichmann?
Perché lo schieramento politico che mi rappresenta, se io chiedo certezza delle pene e della detenzione, mi risponde con Mastella che nomina direttore generale del Ministero di Grazia e Giustizia quel Nuvoli Gianpaolo che, secoli fa ormai, ai tempi di Mani Pulite, ebbe a dire di Borrelli "se il procuratore fosse condotto alla forca sarei in prima fila per assistere all'esecuzione"?

Perché quando Fini, allora competitor di Rutelli a sindaco di Roma, propose di spostare i campi nomadi fuori dal Gra di Roma, tutti noi della sinistra (quindi me incluso ed in prima fila) gridammo "tutti i fascisti fuori dal raccordo" ed ora, a più di quindici anni di distanza, prevale l'idea del mio sindaco e del prefetto di compiere in tutta fretta questa operazione smentendo così, sostanzialmente, tutta la politica fin qui seguita dell'integrazione e dell'accoglienza solidale?

Perché devo sopportare lo strazio umano di vedere per le strade, di giorno e di notte, giovanissime prostitute schiave senza che a qualcuno, di destra prima e di sinistra ora, sia venuto in mente di vietare la prostituzione in strada cambiando semplicemente la legge in vigore? Però se i cittadini delle zone interessate scendono in strada e reclamano, con le ronde e con le fiaccole, un minimo di decenza ed anche di lotta alla schiavitù ecco subito le anime belle gridare al fascismo ed al ritorno delle camicie brune. [continua..]

Marco Giammari 09.05.07 23:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ma dai Beppe il razzismo in Italia? Non ci credo...(Ironico)
Ma come possiamo sperare di debellare questo fenomeno antico quando l'Italia prima di essere razzista con le altre nazioni lo è contro se stessa? Della serie Ricchi Vs "Poveri" oppure Politici Vs Popolo (che più o meno è lo stesso)...Sarebbe come dire che in Italia davvero la legge è uguale per tutti............................ah ah ah ah ah ah(questa era bella eh?)
Ma poi x il fatto che le notizie sugli extra siano gonfiate in Italia non è una novità...cioè l'informazione in Italia è così...è tutto un tarocco o non è vero? Poi Lo sappiamo tutti benissimo anche xkè il programma del tuo amico Antonio Ricci ossia Striscia La Notizia ce ne da prova tutti i giorni dei Telegiornali che si fanno concorrenza a ki tarocca di più le notizie, a ki le rende più o meno gravi...Ma è colpa nostra forse che continuiamo a guardare questa tv spazzatura...xkè in Italia la tv spazzatura sono proprio i Telegiornali in primis...

(Katartiko)

Mauro Cau 09.05.07 23:55| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Altro giro sul tram, affollato. Sale una vecchietta, si avvicina ad una ragazza di colore, la più vicina all'entrata e seduta tra altre 2 persone anziane e, gentilmente, le chiede il posto: prima non risponde e poi, all'insistenza dell'anziana biascica un "vaffanc.. vecchia puttana". Il vecchietto seduto si alza per darle il posto: io intervengo per dire che non è giusto, lei è giovane e può benissimo alzarsi per una vecchietta. Quella si alza, mi guarda, dice qualcosa e poi mi sputa la gomma americana che ciancicava: l'ho presa per il colletto e l'ho sbattuta fuori dal tram, alla fermata. Tutti ad applaudire ma io mi sono vergognato come un ladro per la mia reazione ed alla fermata successiva sono sceso.
Lavorando al Quirinale ogni tanto vado a comprare un panino in piazza Fontana di Trevi: ho sventato 2 borseggi da parte delle zingarelle. Ad un turista di Palermo ho fatto recuperare tutto il bottino che gli era stato trafugato e, appena mi accorgo della loro presenza di branco in caccia, avverto la polizia che staziona alla fontana: nessuno si muove perché devono stare vicino alle moto o alle macchine.
Ed allora capisco che Fontana di Trevi è terra di nessuno, tra decine di venditori di pistolette che fanno le bolle di sapone e di quegli aggeggi rumorosissimi che si lanciano in aria e fanno il verso dei grilli mentre le bande imperversano.
Di fronte agli stupri che avvengono, troppo frequentemente, in varie città italiane, mi chiedo: e se io stuprassi una giovane araba alla Mecca o a Casablanca, se venissi preso dalla locale polizia a cosa andrei incontro? E se a Bucarest, in metropolitana, avessi accoltellato un giovane rumeno per una spinta ricevuta, che mi avrebbero fatto le locali autorità? [continua..]


Dalla lettera di Claudio Poverini a Repubblica, ivi in data odierna:

Ho 49 anni, vivo a Roma, lavoro al Quirinale, ho studiato, leggo buoni libri (credo e spero), mi interesso di politica, leggo ogni giorno 2 quotidiani, guardo in tv Ballarò e Matrix e voto a sinistra, sono stato candidato municipale per la Lista Roma per Veltroni. Cerco di insegnare alle mie figlie i valori della tolleranza e della nonviolenza, dell'importanza dell'istruzione, delle buone letture e dello studio, l'etica del lavoro e del sacrificio per ottenere qualcosa di duraturo e vero nella vita.
Lotto ogni giorno, al loro fianco, contro la cultura del nulla e dell'apparire, contro i Tronisti e le Veline e i Grandi Fratelli.

Ma questo è un altro discorso e quindi torno subito a me ed alla mia richiesta di aiuto.
A 49 anni sto diventando un grandissimo razzista e non riesco a sopportarlo.

Non c'è stata una molla scatenante, un atto di violenza compiuto verso di me o la mia famiglia o amici, ma un continuo stillicidio di fatti letti, di violenza vista, di sicumera da impunità, di moralità calpestata, di identità violata e violentata, di fatti raccontati da persone sconosciute su un tram o una metropolitana.
Ad una signora anziana che ha tossito (forte e ripetutamente) sul tram la giovane ragazza slava seduta davanti a lei ha detto: "Se sei malata devi scendere, vecchia!!". Alle mie rimostranze sia la ragazza che il suo accompagnatore hanno semplicemente risposto: "Tu che c.. o vuoi, fatti i c.. i tua", proprio così tua, alla romana. [continua..]

Marco Giammari 09.05.07 23:51| 
 |
Rispondi al commento

l' uomo è sempre diviso fra il bene e il male...Il dualismo dell' uomo è il nostro vero nemico.
dimostrami scientificamente la differenaza fra te e un ebreo, nero, giallo, rosso......
Non lo puoi dimostrare perchè non c'è nessuna differenza a parte la quantità di melatonina nella pelle.magari si potrebbe additare una popolazione e dire

"Eccoli! Sono loro i malvagi del mondo! Uccidiamoli e staremo tutti in pace!!"

Magari fosse così.....invece sono simili a tutti gli uomini di questo pianeta, buoni e cattivi...non c'è una soluzione definitiva,nel mondo ci saranno sempre le ingiustizie,è il destino dell'uomo,l'istinto di prevalicare sull'altro per molti è troppo forte,il desiderio di avere di più,la voglia di soddisfare i propri vizi..questi sono i problemi..

andrea de martiis Commentatore certificato 09.05.07 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Cristina M. 09.05.07 13:44

Perdonate l'autocitazione.

Ho scorso i commenti successivi, ma noto con dispiacere che il mio appello agli immigrati che ci leggono perchè dicano la loro è caduto nel vuoto.

Forse il tono del post di Beppe era (volutamente) troppo aggressivo e polemico

Forse il clima teso alimentato da molti commenti scoraggia eventuali tentativi di esporsi

Forse cerchiamo il dialogo con persone che per dignità o timore non hanno l'abitudine a parlare di questi problemi

Forse...
Forse...

Forse non ve ne frega niente ?

Assumetevi però le conseguenze di questo ASSORDANTE SILENZIO. Se siete venuti in Italia per acquisire onestamente diritti, libertà, casa, lavoro, ebbene sappiate che verrete messi sullo stesso piano dei vostri connazionali delinquenti che riempiono le prime pagine dei giornali, perchè se non ve ne siete accorti il giochetto di moda è quello di spostare le malefatte degli italiani in secondo piano.E voi e i vostri figli subirete l'odio degli italiani.

Non volete questa guerra tra poveri? Allora reagite con dignità e siate i primi a condannare PUBBLICAMENTE gli errori dei vostri connazionali! La legge ha istituito le consulte per l'immigrazione a livello provinciale e comunale? Ebbene una volta tanto usatele non per denunciare chi vi discrimina ma anche chi tra voi vi danneggia e con il suo comportamento illegale alimenta l'odio xenofobo contro di voi.

L'omertà e il silenzio non pagano. Certo, detto da una rappresentante del paese culla della mafia vale quello che vale, ma NON AVETE ALTERNATIVE.

E non aspettatevi aiuti dalla politica. Quella gente vi vede SOLO come potenziali voti ; la sinistra vi blandisce e la destra alimenta il razzismo perchè sempre più italiani vi aderiscano e votino per loro.

Non fatevi illusioni. Siete costretti a dimostrarvi i MIGLIORI. Anche di noi se necessario (e spesso, credete, non ci vuole molto).

Cristina M. Commentatore certificato 09.05.07 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un semplice operaio..non sono razzista.Si organizzano raccolte fondi per tutto il mondo,per tutte le razze,per ogni sorta di ragione.Sono daccordissimo!!Ma cavolo!!!!!Le famiglie,le persone che non hanno casa,non possono mangiare,non hanno un lavoro,non possono comprare un paio di scarpe ai propri figli,GLI ANZIANI SOLI...di questo non si parla mai!! Si parla solo di Africa,terzo mondo,il medio oriente,MA DELLE FAMIGLIE ITALIANE PRIMA CITATE NON NE PARLA NESSUNO???VADIAMO ANCHE DI AIUTARE ANCHE I NOSTRI..LEONARDO

LEONARDO GRAVINA 09.05.07 23:06| 
 |
Rispondi al commento

di Sicuro è che la legge è uguale per tutti....tutti quelli con lo stesso reddito ovviamente.L'extra essendo extra sta in ofndo alla classifica percio subisce piu di tutti....alla faccia della legalita..

fabio c. Commentatore certificato 09.05.07 22:48| 
 |
Rispondi al commento

il problema è uno solo, consideriamo gli stranieri come stranieri e non come persone, si guarda all'etichetta e non alla sostanza. una situazione che secondo me è dovuta ad un fatto molto semplice, quando un rumeno o un magrebino viene descritto viene etichettato con il nome del suo paese, come uno straniero, in questo modo lo si depersonalizza e non avendo più una personalità diventa un possibile mostro...

Filippo C. 09.05.07 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Il diverso, lo sconosciuto, l'inclassificabile in tutti i campi, dalla vita sociale di tutti i giorni alla scuola, sono motivo di paura, ansia, scomodità.Così l'immigrato rumeno, albanese, polacco e via dicendo è visto a prescindere come uno da cui diffidare, SEMPRE.E' qui che dobbiamo fare lo sforzo di rompere le catene del pregiudizio e dell'ignoranza e aprire gli occhi.Dobbiamo capire, più in generale, che le nazioni, i confini sono stati creati dall'uomo, mentre sia gli albanesi che i tunisini come i tedeschi e gli inglesi posseggono la stessa struttura genetica e risalgono allo stesso genere, quello UMANO.


l'italiano è razzista! e ne ha combinate di ogni tipo...
bisogna resettare le nostre personalità e crearne di migliori, il resto verrà da sè

dario ravasi Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 22:04| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?

MICky maggio Commentatore certificato 09.05.07 21:59| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe

ma chi ti scrive sti post?

controlla almeno cosa si fumano....

Hari Seldon 09.05.07 21:56| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

consiglio a tutti di ascoltare BENE "Mi si esludeva"Vasco e pensateci un pò su

damiano pipitone 09.05.07 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

attualmente vivo a New York e generalmente vado online per cercarmi di ottenere quella meno alterata possibile di informazione che possiamo trovare.
Ti scrivo perche' l'argomento del razzismo e' un tema molto interessante ed a me caro. Io ti posso dire che generalmente dalle mie parti (Toscana) si c'e il razzismo, ma si limita in sciocchi commenti o apprezzamenti su persone che si vedono per strada. Perhce' l'italiano, in fondo in fondo non e' razzista, ma si mette in bocca frasi razziste per i piu sciocchi e vari motivi.
Qui, a new york, il razzismo c'e. Il razzismo e' un elemento necessario per vivere. Se vai per strada incontri imprenditori che fanno a gara a chi ha meno persone di colore nelle loro imprese. Qui, il razzismo non e' come il nostro, una frase e via. Qui il razzismo e' radicato dentro le persone. Qui non esiste una coesistenza pacifica, ma una calma prima della tempesta.
Ti racconto questo perche' pensavo che l'America fosse un paese libero ed integrato (da un punto di vista culturale) invece non e' cosi.

giulio cinelli 09.05.07 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nessuno è immune al razzismo, anche se non lo sà,
a partire dall'asilo quando nostro figlio è + bello degli altri, passando dal nostro paese che ha indubbiamente (e ingiustificatamente) ha qualcosa in + del paese vicino, giungendo all'essere italiano (francamente non mi vanto di essere tale, semmai....)che equivale a essere superiore agli altri, per arrivare all'essere occidentali, quindi evoluti, quindi acculturati, quindi superiori, quindi pensatori intelligenti, per non parlare del razzismo politico dove il centro è bello se Rutelli è un bell'uomo e la sinistra è magra perchè rappresentata da Fassino(almeno in minima parte).
Però qualcuno dovrebbe interessarsi anche dei carcerati "POVERI" che sono dell'Italia non abbiente, che valgono ancora meno di un MOSTRO RUMENO, il quale viene messo in galera con il minimo della pubblicità, al contrario del "POVERO" italiano che, essendo manovale, pastore, emarginato, non abbiente, non viene considerato x niente, quindi non meritevole neanche di disprezzo.
Onestamente riconosco di essere razzista, perchè dopo anni di civilizzazione e liberalizzazione, (se qualcuno vuole fare dell'ironia a riguardo ....)
non mi stà bene che un "EXTRA" arrivi qui e si beffi delle leggi e del valore della vita dei nostri figli e delle nostre donne,violentando il tutto come bere un bicchier d'acqua, e x punizione venga rispedito al suo paese quando tutti sappiamo che dopo un mese sarà un nuovo EXTRA clandestino.
A questo punto mi domando:
Ma il vero EXTRA è l'Italiano POVERO o L'EXTRA che poverino arriva da una diversa cultura dalla nostra quindi deve essere perdonato e capito??.
Andatelo a raccontare a quelle famiglie che hanno perso dei cari, giovani o meno giovani, grazie alla diversa cultura di certa gente che considera la vita poco + di una giocata al superenalotto, e la sessualità di una ragazzina di 16 anni, in quanto 'femmina' da prendere con violenza, perchè solo in Italia concedono agli EXTRA tutto questo quasi gratis.


bruno deligia Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 21:41| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Fatima
Non siamo tutti uguali.
C'è però chi non sa cosa significa essere uno straniero all'estero. Ed' essere capito perchè diverso e troppo difficile. Integrarsi e essere accettato per quello che sei o accettare quello che sono gli altri quando da te si aspettano sempre quello che gli fa più piacere a loro senza capire quel che ti farebbe piacere a te.
Alle volte non è rezzismo e solo difficoltà di dialogo, mancanza di conoscenza come dici, ignoranza, ma non tutti gli ignoranti sono intolleranti o razzisti semplicemente non conoscono non sanno come confrontarsi perchè gli mancano gli argomenti, bisogna ogni tanto cercare di non odiare tutto quello che ci circonda ma prendere anche i suoi lati positivi anche se pochi se no alla fine si fa una vita senza alcun senso e tutto diventa odio e rancore.
Non so se se mi sono spiegato ma conosco questa sensazione da Italiano all'estero e spesso o sofferto anche io. E difficile unire le nostre culture ma si può convivere comunque e comunque in pace se si vuole.
della serie, viavimo e lasciamo vivere.

E a cagare i razzisti e gli intolleranti.

Dettori Pietro 09.05.07 21:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Sono pronto a vendere le mie aziende, ad andare anche oltre il blind trust americano. Questa storia delle riserve personali su di me è diventata una barzelletta. Ho già detto che distinguerò con nettezza adamantina il mio ruolo di imprenditore, che peraltro è già alle mie spalle, e quello di leader politico. Ho messo fatti che pesano come macigni a suffragare questo impegno, dalle dimissioni dalle cariche sociali del mio gruppo al progetto di un blind trust e di dismissioni di attività economiche: la mia non è dunque 'parola di re', non è una promessa d'onore, ma una scelta di fatto. Tutta la campagna sul Signor Tv che si mangia il Paese per i suoi interessi è naufragata nel ridicolo di una sconfitta campale nelle urne".
(Silvio Berlusconi, Ansa, 7 aprile 1994).

"Le mie aziende o le congelo o le vendo. Voglio assolutamente dividere i miei interessi privati che ho come azionista Fininvest dalla mia attività pubblica che svolgerò nell'interesse di tutti. Credo che quella del blind trust americano sia la soluzione ideale".
(Silvio Berlusconi, 11 aprile 1994).

"Io per primo ho riconosciuto che la scesa in campo di un editore e del proprietario di un grande gruppo economico come la Fininvest era un'anomalia in sé nella complicata situazione italiana. Un'anomalia e una novità senza precedenti".
(Silvio Berlusconi, 29 luglio 1994).

"Stiamo approntando una soluzione seria al conflitto d'interessi, per separare nettamente la mia attività privata da quella pubblica: il blind trust indicato dai tre saggi".
(Silvio Berlusconi, 31 luglio 1994).

"Oggi vi annuncio che ho deciso di vendere le mie aziende, perché credo che qualcuno, quando si prende un impegno e dentro questo impegno ci sono certe condizioni che sono ostative allo svolgimento globale dell'impegno, deve avere anche il coraggio di sacrificarsi. Non sarà facile trovare un compratore, ma andremo in Borsa con la televisione e terrò una quota assolutamente non di maggioranza".
(Silvio Berlusconi

carlo contini 09.05.07 21:07| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

in italia...il razzismo c'è e tanto...strisciante,ovunque...è quello che fa più schifo è che lo si nota soprattutto nei giovani...gli anziani almeno hanno l'alibi di essere "anziani"...
il tutto alimentato schifosamente dai media,dove una bambina polacca uccisa da un'italiano non fa notizia,ma se la bambina fosse stata italiana e l'assassino polacco...la notizia avrebbe occupato le prime pagine di tutti i giornali e il primo posto delle notizie dei tg...
dove si parla di islam solo collegandolo al terrorismo,dove si parla di africa solo collegandola alla povertà,dove si parla di donne nigeriane solo riferito alla prostituzione,di albanesi solo se spacciano,di tunisini solo se rapinano...
un paese che vive,affoga nel pregiudizio,nei preconcetti,nell'ignoranza totale...

Fatima A. 09.05.07 20:50| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Errata corrige..volevo dire nazisti non razzisti

luigi scaglioni 09.05.07 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Tra gli immigrati c'e' di tutto, gente bravissima come i peggiori farabutti.
Gente in cerca di un futuro migliore come gente che fugge la giustizia del suo paese.
Certo, visto che mediamente c'e' piu' disperazione, la percentuale di criminali e' piu' alta che tra gli italiani.

Mi sembra pero' di vedere dai fatti di cronaca che alcune comunità causino molti piu' problemi di altre. (Sono razzista se lo dico ?) E' un problema di culture nazionali diverse? Di mentalità diverse ? Di organizzazione diverse delle varie comunità ?

Adesso che i Rumeni e i Bulgari sono nella comunità europea, si potrebbe far scontare la pena ai criminali di queste nazionalità nel loro paese ?
Esiste un patto di reciprocità in questo senso ?

Evitiamo di ritrovarci un' altra volta con le galere piene e di rifare un altro indulto, visto che di nuove prigioni non se ne costruiscono.

A questo proposito : Il 12% degli indultati e' già tornato in carcere.
Questo NON vuol dire come dice Mastella che il 12% ha di nuovo commesso dei crimini MA che il 12% ha ricommesso un crimine E si e' fatto beccare di nuovo.
Tutti gli indultati che hanno ricominciato a delinquere e non si sono fatti beccare non fanno parte di questo 12%.

Grazie ancora per questo regalo dell' indulto che davvero non mi va giu'... cari politici, parlavate di 12000 beneficiari, ce ne sono stati 26000 !!!
Ma come e' possibile che votiate un provvedimento come l' indulto senza neanche sapere la reale portata di quello che fate ?
Siete incapaci di contare o ci avete preso in giro dall' inizio ?

Joe Vanni 09.05.07 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi pare che esista da sempre uno scontro di culture, di tradizioni e di religioni tra tutti i popoli del mondo. Forse è razzismo, forse è semplicemente l'idea di sentirsi migliore che ogni etnia nei confronti delle altre. Ma non dimentichiamoci che ogni paese democratico oltre alle libertà (di culto e di tradizioni) ha anche dei doveri, morali e cicivi imposti dalle leggi e dalle regole non scritte. Un esempio? Uno straniero che chiede la rimozione dei crocifissi dalle aule scolastiche va ricacciato a pedate nel paese di provenienza. Nessuno si deve sognare di entrare un paese straniero e imporre le proprie idee invece di accettare quelle trovate sul posto. Se chiedessi di rimuovere delle icone mussulmane in qualche scuola libanese sarei trattato alla stregua di una strega del '500. Difendiamoci una volta per tutte. Basta con i soprusi, una persona italiana che da una vita paga le tasse (magari più di uno in famiglia) non potrà mai ottenere un alloggio comunale, prima vengono gli immigrati. Vi pare giusto? La miseria è brutta, ma anche le ingiustizie. Dopo per forza che si creano le "tensioni sociali". La gente non ne può più.

Andrea N. Commentatore certificato 09.05.07 20:46| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Nessuno è migliore degli altri, tra gli extracomunitari ci sono i buoni e i cattivi come tra noi. Mediamente fanno meno reati di noi perchè rischiano l'espulsione, a parte i delinquenti incalliti, che sono nella stessa percentuale degli italiani. Noi siamo stati profondamente razzisti con le conquiste coloniali, o forse qualcuno si illude che portavamo civiltà. In realtà è spesso solo questione di interessi economici, il razzismo vero è quello che si ritiene parte di una razza superiore come lo erano i razzisti e come lo sono gli ebrei, con buona pace delle straordinarie personalità che questi hanno e continuano ad esprimere. Forse dobbiamo cominciare a pensare il futuro del mondo in termini globali e cercare di eliminare le cause che portano alla disperazione e quindi all'emigrazione (non fa piacere a nessuno essere straniero). Ovviamente la sicurezza è un altro problema che non va sottovalutato, anzi..

luigi scaglioni 09.05.07 20:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
concordo ma solo in parte con il tuo intervento. Prima che di razzismo "all'italiana" sarebbe bene parlare di politica "all'italiana". Chi ha permesso (e continua a permettere) che le nostre frontiere siano dei colabrodo ha creato i presupposti per il nascere di un sentimento xenofobo, una reazione del tutto normale quando non esistono idonee politiche di integrazione. L'Italia non é mai stata la culla della multirazzialitá e non si puó pretendere che lo stato di cose muti in un lasso di tempo cosí breve.
Non é questo il tentativo di "scaricare" le colpe, di difendere gli italiani dall'accusa di razzismo: piú semplicemente, é il prendere atto di come ancora una volta la classe politica nostrana sia stata colta impreparata di fronte alle nuove esigenze.

Un altro punto sul quale discordo é il porre sullo stesso piano i massacri in Iraq o del Darfur (citati nel tuo post) con il razzismo italiano.
Quanti omicidi avvengono quotidianamente in Europa? O negli Stati Uniti? Le cifre sono "interessanti", siamo in presenza di vere e proprie stragi quotidiane. Ma ancor piú interessante puó rivelarsi la domanda: qual'é la copertura giornalistica di tali avvenimenti? A meno che non si sia in presenza di un massacro in qualche college, le informazioni non giungono; contrariamente alle notizie dall'Iraq, per esempio, che magari finiscono relegate in ultima pagina, ma che comunque esistono.

Colpa dei giornalisti in questo caso? Come dei politici nel caso precedente?

No, colpa nostra che non pretendiamo politici all'altezza ed un'informazione adeguata.

Massimo De Maria Commentatore certificato 09.05.07 20:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Buona parte di quello che dici Beppe è vero, ma non credo che il mostro sia solo l'omicida romeno. Chiunque uccida per rapina o denaro è un mostro e come tale andrebbe vivisezionato per verificare se all'interno è uguale alle persone che preferiscono farsi 10 ore di fabbrica piuttosto che accoppare un tabaccaio e rubargli l'incasso.

Andrea N. 09.05.07 20:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Buona parte di quello che dici Beppe è vero, ma non credo che il mostro sia solo l'omicida romeno. Chiunque uccida per rapina o denaro è un mostro e come tale andrebbe vivisezionato per verificare se all'interno è uguale alle persone che preferiscono farsi 10 ore di fabbrica piuttosto che accoppare un tabaccaio e rubargli l'incasso.

Andrea N. Commentatore certificato 09.05.07 20:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

non e questione di razzismo e' che in italia la legge non c'e la pena e sempre incerta e certi immigrati ne aprofittano. per come son stati trattati i ns emigranti in america (a parte al capone) ed in svizzera io ai reati degli stranieri radoppierei la pena. vado ache io spesso all'estero ma guardo di comportarmi ancora piu bene che qua poiche non sono a casa mia ,questo dovrebbe essere il principio.ciao

gino scapolan 09.05.07 20:13| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Gli immigrati sono :

Per alcuni politici solo potenziali voti che fanno gola.
Vorrebbero farne entrare un numero piu' alto possibile, regalargli la nazionalità italiana per farli votare (per loro) al piu' presto.
I politici non vivono nel nostro mondo ... basterebbe che prendessero la metropolitana la sera per capire meglio il paese che governano.


Per gli imprenditori sono mano d' opera usa e getta che garantisce margini di profitto piu' alti.
Una forza lavoro disposta ad accettare qualunque condizione e stipendio. Non sei contento della paga in nero ? Vattene !
Perdi una gamba in cantiere ? E chi ti conosce !
Pensione che cosa ? Basta pensare a quei poveracci di polacchi che sono stati "fatti sparire" perche' osavano protestare contro questa schiavitu'.
Gli immigrati fanno il lavoro che gli italiani non vogliono piu' fare ? ...aggiungerei.... che gli italiani non vogliono piu' fare ... a queste condizioni.
Alcuni lavoratori napoletani che pur guadagnando cifre ridicole devono subire la concorrenza cinese che lavora per ancora meno.
La guerra tra poveri nostrani e disperati di importazione ...


Per i proprietari di case, una possibilità di affittare a prezzi scandalosi. Se per me l' affitto di un piccolo appartamento e' troppo alto, non lo e' per 10 "extra" che dividono le spese vivendo ammassati. Ma attenzione pero' perche' molti dopo un po' l' affitto non lo pagano piu' e allora valli a cacciare !


Per i poveracci miseria che si aggiunge alla loro, concorrenza in piu' nella triste hit parade delle graduatorie degli aiuti sociali.


Non possiamo accogliere tutta la miseria del mondo ; facciamo entrare in Italia solo quelli a cui possiamo proporre un lavoro regolare e condizioni di vita dignitose e che desiderano integrarsi.
Dov'e' il buonismo nell' accettare tutti e poi farli vivere come bestie ? Spingendoli a campare di espedienti (spaccio, prostituzione, borseggi ecc ...)?

Giangi G. 09.05.07 20:13| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro giorgio vecchi,il mio commento era per commemorare vanessa,i 4 ragazzini di ancona e una mia conocsnte,non parlavo solo delle strage su strada!!!ma tu non puoi capire,sei un perbuonista ipocrita come tutta la stragrande maggioranza degli italiani,ma prima o poi anche la moda del perbuonismo passerà e forse riusciremo a dare una bella ripulita in giro!!!!

MICky maggio Commentatore certificato 09.05.07 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
questa volta hai preso lucciole per lanterne. Non sono gli italiani ad essere razzisti, ma gli stranieri che arrivano e ci vogliono imporre i loro usi e costumi, ignorando perfino le nostre leggi.
Troppo siamo tolleranti: scegli tu il paese e poi vatti a comportare lì nella maniera in cui molti stranieri fanno in Italia.
Prova e, quando sarai liberato, torna a riferirci le tue nuove opinioni.

Flavio Burroni 09.05.07 20:03| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

INTEVISTA AL GRADE B....E.
D: Vuole dire che personaggi dello spettacolo servono il male dei bankieri internazionali e..R: Si, è stata una mia idea. Mi è venuta in mente negli anni 50-60, quando si diffondeva la televisione.. "arma fine di mondo". Sai, tutti Voi siete talmente rincoglioniti dalla TV che non ve ne rendete più conto.. a me è bastato mettere un Pastore in TV, fallo conoscere alle masse e poi far finta di censurarlo come fosse veramente scomodo.
BRAVO BEPPE GRILLO SEI UNA CAGA.A UMANA!
NE VOLETE SAPERE DI PIU DELL'ITEVISTA ANDATE SU: http://www.signora..io.com/signora..io_condonotombale.html

antonio soru 09.05.07 19:52| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE, MI SA CHE STA VOLTA HAI TOPPATO.
IN UNA COSA PERO' HAI RAGIONE, GLI ITALIANI NON SONO RAZZISTI. NE HANNO TALMENTE LE SCATOLE PIENE DI ESSERE RAZZIATI CHE HANNO DA UN PEZZO PASSATO LA SOGLIA DEL RAZISMO. IO E' TUTTA LA VITA CHE LAVORO ALL'ESTERO, QUESTO COMMENTO TI ARRIVA DAL MESSICO DOVE SONO ATTUALMENTE, BENE IN TUTTI QUESTI ANNI IN TUTTI I PAESI NEI QUALI MI HA PORTATO IL MIO LAVORO SE NON STAVO PIU' CHE ATTENTO AD ADEGUARMI AGLI USI E COSTUMI E LEGGI DEL LUOGO, ERANO GUAI SERI. E NEI TANTO DECANTATI PAESI MUSSULMANI, LA SITUAZIONE ERA ED E' MOLTO MA MOLTO PIU' PESANTE PER IL CIBO, LE BEVANDE, LE CONSUETUDINI, IL LORO DANNATO KAREM, CHE E' IL DIGIUNO DEL RAMADAM, CHE HO DOVUTO FARLO ANCH'IO E CHI PIU' NE HA PIU' NE METTA.
QUANDO PERO' ARRIVANO IN ITALIA, MUSSULMANI IN PRIMA FILA E TUTTI GLI ALTRI A SEGUIRE, SIAMO NOI CHE DOBBIAMO ACCETTARE I LORO USI E COSTUMI E CI TROVIAMO LE RAZZIE IN VILLA, GLI INCIDENTI STRADALI DOVUTI A UBRIACHI CHE FINO A IERI GUIDAVANO LE PECORE SE VA BENE, LE FOLLE APPECORINATE IN MEZZO ALLA STRADA A ROMPERE LE P...., GLI SCALMANATI CHE VOGLIONO FARSI CURARE NEI NS OSPEDALI MA NON VOGLIONO VEDERE IN CAMERA IL CROCIFISSO E VIA DI QUESTO PASSO. LA GENTE NON NE PUO' PIU' STIAMO DIVENTANDO STRANIERI IN CASA NOSTRA E TUTTO QUESTO CON IL BENE PLACIDO DI QUEI CEREBRO LESI CHE PER PROCURARSI I PROSSIMI VOTI SPALANCANO LE PORTE A QUESTI ARROGANTI E MALEDUCATI CHE FINIRANNO PER SOTTOMETTERCI SE NON CI SVEGLIEREMO PIU' CHE ALLA SVELTA.

edo longhi 09.05.07 19:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione


L' immigrazione e' una questione di quote.

In bassa percentuale della popolazione l' immigrato e' fonte di ricchezza culturale e si puo' integrare facilmente dando un contributo positivo alla comunità.
E' il benvenuto perche' porta idee nuove, nuove tradizioni, diversità ... si ascoltano le sue ragioni e si e' felici di aiutarlo come si puo'.

Invece, in alte percentuali, l' immigrazione rovina gli equilibri di un paese fragile come il nostro e l' integrazione diventa impossibile.
L' Italia e' un paese già troppo popolato, dove la vita e' dura già per noi italiani

Come facciamo ad aggiungere alla notra miseria pure quella di importazione?
Come facciamo ad aggiungere alla notra criminalità pure quella di ospiti che nessuno ha invitato ?

In Francia pure il partito socialista, dopo anni, ha dovuto ammettere che oltre una certa percentuale l' immigrazione porta a tensioni sociali e scontri.
Se potessero tornare indietro non rifarebbero gli stessi errori. Noi invece il problema non ce lo poniamo, per adesso.
Dobbiamo aspettare forse di avere un partito di estrema destra xenofobo al 18% ?

Chi osa dire qualcosa viene bollato di Razzista e perde qualunque diritto di parola.
A me questo piu' che razzismo mi sembra buon senso...

Marco L. 09.05.07 19:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

"Quando emigravamo noi italiani, e lo dico da emigrante, il lavoro c' era ed era duro: miniere di carbone, costruzione, fabbriche...
non andavamo a chiedere la carità per strada o a lavare i vetri delle macchine
Non sbarcavamo da clandestini ma eravamo chiamati.

Rimboccandoci le maniche ci siamo creati una posizione e guadagnati il rispetto.
Molti nostri emigranti non hanno insegnato l' italiano ai propri figli per costringerli ad integrarsi.

Senza voler generalizzare, non mi pare che molti immigrati entrino (illegalmente) in Italia con questo spirito ..."

Per dire la revisione storica....

un paio di commenti:

a) La maggior parte di emigrati non hanno insegnato l'italiano ai figli, non per aiutarli ad integrarsi ma perché non ne erano capaci. Se no come mi spiegate il prelavere delle forme dialettali?

b) GLi italiani emigrati erano tutti bravi? Tutti chiamati? Per favore, non siamo ciechi....lo dico anch'io da emigrato e posso assicurare che delinquenti, assassini, mafiosi, stupratori italiani ecc ci sono stati negli altri paesi....

c) "Rimboccandoci le maniche ci siamo creati una posizione e guadagnati il rispetto." - Prego andare a vedere milioni di italiani nel resto del mondo che non ce l'hanno fatta. Non eravamo ne siamo migliori degli altri...ricordiamocelo

Samuel Beckett 09.05.07 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?

MICky maggio Commentatore certificato 09.05.07 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quante volte mi sono sentita io emarginata perchè non riescoi a condividere le culture che mi vengono imposte quotidianamente?io però devo tacere,altrimenti sono la cattiva razzista di turno,chi invece dice di essere il bravo personaggio di sinistra che ama tutti ed è per l'uguaglianza anche se sputa addosso alla religione che ha come principio fondamentale l'uguaglianza,ha sempre la meglio!cmq evviva il perbuonismo ipocrita degli italiani da centri sociali!!altro che regole,solo canne e fattanza

MICky maggio Commentatore certificato 09.05.07 19:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è così. E' l'informazione che cavalca i luoghi comuni del "popolino". Le parole d'ordine che escono quotidianamente dalle redazioni sono:
PAURA DEGLI EXTRACOMUNITARI
TEATRINO POLITICHESE (misto a morale vaticana)
MAL TEMPO

Forse perchè sono gli argomenti che gli italiani amano sentirsi raccontare.

Certo che se si pensa allo spazio che ha avuto l'omicidio della piccola polacca di Napoli, viene davvero da pensare che l'informazione in italia è diretta da un'unica logica, e che quindi è tutt'altro che libera.
POVERO IGNORANTE PAESE

Al Batos 09.05.07 19:25| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Kar 98k (7,92x57js) 09.05.07 18:38

*****=====
oltre alle waffen ecco un'altra caratteristica in comune: il sentire la "nostra" Patria altrove.
Di italico ho solo la residenza.

E...n
*****=====

In comune con chi? Mai ammirato le waffen SturmStruppen.

Deciditi un po'!

Ieri dicevi che nonostante tutto amavi l'Italia e gli Italiani, oggi affermi che di Italico hai solo la residenza, la tua patria e' altrove.

Capisco che hai il gene del voltagabbana, ma stai rasentando il ridicolo.

Dunque ho ragione, sei un rinnegato in patria.

Moretti Giovanni (sempresenzitalia) Commentatore certificato 09.05.07 19:24| 
 
  • Currently 2.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
non sono d'accordo con te. io sono di destra e sentirmi dire pizza mandolino e compagnia bella mi fa solo incazzare perchè noi NON SIAMO brava gente perchè Italiani,noi siamo una Nazione scomposta con pregi e difetti ma spero con ancora un orgoglio.Ciò che tu dici spesso lo condivido,ma oggi no:ti dico solo che io vivo nella jungla milanese e col cavolo che l'extra viene sfavorito,è pieno di negozianti EXTRA che non pagano le tasse e tutte le stronzate burocratiche che i nostri pagano,è pieno di persone che lavorano onestamente anche,ma se capita una sparatoria come capita sempre in via Padova la polizia e la gente dice"eh vabeh,sono stranieri,mica possiamo arrabbiarci",ed extra che girano ubriachi dalle 18 di sera con coltelli in mano e vivaci intenzioni verso fanciulle di qualunque nazionalità.A Milano fanno la multa a un extra lui spesso dice 'io no capisce' e dicono vabbeh vai...tutte scuse.Io pago il treno ogni mese e poi vedo che i venditori con le rose sono in 7 e il controllore li fa scendere dal treno perche senza ticket e loro risalgono fottendosene e nessuno chiama la polizia ferroviaria, quando mi capitò di essere trascinata in questura un giorno per non avere biglietto e documenti.e chi sarebbe il favorito?siamo noi a mandare i figli in strada? io no.e ti ricordo,caro Beppe,che Pincopalla finisce in carcere x omicidio quando a Verbania è appena successo che un EXTRA con precedenti penali pienamente ubriaco ha UCCISO una 17enne e si è preso 17 mesi di condizionale...è giusto?e a questo cosa mi dici?noi dobbiamo continuare a far i pizza&mandolino e accogliere tutti?NO
la migrazione è giusta e naturale.mettersi a 90 come stiamo facendo noi no. perchè i cinesi non pagano le multe?e io sì?di pigliarla la gente si stufa caro Beppe e reagirà,peggio di come stia reagendo. in un substrato scontento nascono male idee razziste.e fidati,stanno purtoppo proliferando.risolviamole invece di dire che son tutti malati,son troppi x essere solo malati.ciao!

annapaola rivolta 09.05.07 19:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Chi commette reati,sia italiano o straniero,deve essere condannato.Se i media mettono in risalto le malefatte degli stranieri è perchè sono più numerose in confronto a quelle commesse dagli italiani e a volte anche più violente.
Quella di prendere continuamente le difese degli extracomunitari sta diventando una moda.
Povate a viverci con loro e poi ne parleremo.

Giuseppe Vianello (libero) 09.05.07 19:08
================================================

C'era una volta...
Un re diranno i nostri piccoli lettori.
No, c'era una volta un pezzo di legno...

Sig. Vianello, ma crede ancora alle favole che raccontano i Media?

mario z. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 19:19| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

gli abitanti degli oltreversi,
il paese , nazione Italia esiste,
cose malate dal
VATICANO
TELEVISIVO
POLITICO O
PERSONALE non sono
problemi di questa splendida realtà STORICA,
UNA REALTà A CUI NON SI PUò RINUNCIARE

antonello tempiamaros 09.05.07 19:09| 
 |
Rispondi al commento

ogni giorno io passo davanti i mazzi di fiori lasciati a terra di fronte un lenzuolo bianco con scritto VANESSA SEMPRE CON NOI.vanessa è stata ammazzata barbaramente da 2 rumene ragazzine.andate a dire alla mamma di vanessa cosa ne pensa!2 settimane fa 4 ragazzini sono stati ammazzati da un furgoncino guidato da un rom,andate a chiedere ai loro genitori cosa ne pensano!il vero problema è che nessuno (per buonismo ipocrita) ha il coraggio di dire che dentro il nostro paese sono ben pochi gli "extra" che rispettano le regole,ma iniziano ad essere molti quelli che vengono colpiti direttaente,si arriverà prima o poi alla ribellione totale a questa anarchia degli extracomunitari!!!e basta con le solite palle che grazie a loro ci sono i muratori,perchè un italiano con famiglia e affitto e con tasse da pagare non accetta di fare il muratore a 500 euro,gli extra si dato che si accontantano di vivere dentro una casa in 10 e senza pagare tasse,mandando una parte dei soldi nel loro paese impoverendo il nostro!ma troppo lungo come discorso,io comunque starò sempre dalla parte di Vanessa,dei 4 ragazzini uccisi in motorino,della ragazza morta un anno fa mia conoscente a causa di un rumeno ubriaco!voi?da che parte state?

MICky maggio Commentatore certificato 09.05.07 19:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi commette reati,sia italiano o straniero,deve essere condannato.Se i media mettono in risalto le malefatte degli stranieri è perchè sono più numerose in confronto a quelle commesse dagli italiani e a volte anche più violente.
Quella di prendere continuamente le difese degli extracomunitari sta diventando una moda.
Povate a viverci con loro e poi ne parleremo.

Giuseppe Vianello (libero) Commentatore certificato 09.05.07 19:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma scusate, cosa intendete per "Razzismo"? Ammettere le differenze tra culture, stili di vita, religioni, è razzismo? Perchè dobbiamo per forza essere uguali? Perchè dobbiamo violentare il nostro modo di essere? Perchè devo accettare che le regole del Mio quotidiano vengano sovvertite? In nome di chi e/o di cosa? La pelle nera non mi fa né caldo né freddo, la religione musulmana non mi interessa (così quella cattolica del resto), i cibi arabi o indiani o russi non mi piacciono. Perchè non posso dirlo? Perchè non posso essere libero di dire che non mi piacciono certe culture, certe mentalità? I francesi stanno sulle balle a molti italiani e viceversa; dobbiamo parlare di razzismo? Gli inglesi sono guerrafondai e hanno uno stile di vita alquanto diverso dal nostro, quindi non sono amati quanto, al contrario, gli spagnoli; è razzismo? Mi affascina Istanbul e molti aspetti della Turchia, ma ho delle riserve in altri campi. L'Albania, la Romania, la Bulgaria le soffro perchè l'esperienza avuta sul Mio territorio, nella Mia realtà, non è positiva. Tendenzialmente, da noi arriva il peggio, quindi è alquanto fisiologico che nascano dei rancori e delle prevenzioni. Questo non significa essere razzisti, si tratta di una forma di reazione involontaria, che poi sparisce se si ha l'occasione di conoscere il bulgaro, l'albanese, il rumeno, e si scopre che sono persone positive, piacevoli, buone. Gli italiani non sono razzisti, semmai sono malfidenti e un po' provinciali e l'interesse maggiore suscitato dalle vicende italiane rispetto a quelle straniere è dato dal maggior coinvolgimento emotivo dovuto ad una sondivisione di mentalità, stile di vita, lingua, cultura. Se fossimo davvero razzisti, di extra in Italia non ce ne sarebbero. Beppe, troppo facile sparare sempre sulle istituzioni, sugli italiani. Un razzista, se davvero tale, non ti permetterebbe simili critiche. E tu, tu come ti senti? Italiano?
Fabrizio.

Fabrizio Pallotta 09.05.07 19:07| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Quando emigravamo noi italiani, e lo dico da emigrante, il lavoro c' era ed era duro: miniere di carbone, costruzione, fabbriche...
non andavamo a chiedere la carità per strada o a lavare i vetri delle macchine
Non sbarcavamo da clandestini ma eravamo chiamati.

Rimboccandoci le maniche ci siamo creati una posizione e guadagnati il rispetto.
Molti nostri emigranti non hanno insegnato l' italiano ai propri figli per costringerli ad integrarsi.

Senza voler generalizzare, non mi pare che molti immigrati entrino (illegalmente) in Italia con questo spirito ...

Giorgio Bui 09.05.07 19:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo
ti seguo con molto piacere e sono d'accordo su molto di quello che tu dice ma su questo punto proprio no.
E' molto semplice fare i buonisti dire che in realtà l'immigrato è vittima della nostra società, che non è tutelato e che finisci in galera perchè è un extra-comunitario. La pensavo anche io come te sino a un paio di anni fa, poi ci ho sbattuto violentemente il muso sulla realtà e ho visto di cosa si tratta.
Mio fratello è stato ucciso da un albanese nel 2005 a 28 anni, non hai idea di cosa non si è attivato attorno a questa persona a sua protezione la Caritas che gli ha subito trovato un ottimo avvocato il parroco che è venuto subito a cercare di spiegarci le ragioni di questo povero ragazzo albanese così giovane che per un gesto sconsiderato rischiava di finire tutta la sua vita in carcere e come noi da bravi cristiani avremmo dovuto comportarci per evitarglielo.
Sai come è finita, la mia famiglia è stata distrutta dal dolore, mia madre è uscita di testa e non si è più ripresa, mio padre non vede motivi per continuare la sua vita e questo povero immigrato vittima della società italiana come pena per aver ucciso un ragazzo di 28 anni deve presentarsi una volta ogni tanto a firmare un foglio in questura.
No Grillo mi spiace se mi vuoi parlare di cattiva giustizia mi trovi con te, ma non mi parlare di società italiana rivolta contro l'immigrato perchè stai solo raccontando un sacco di balle.

Alessandro R. (Udine)

Alessandro R. 09.05.07 19:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che qui dentro se ne vedono e "sentono" proprio di tutte!

Au plaisir, Monique :-)

Monique Arletti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 18:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Perchè sono un optional le leggi?
Perchè è vera la formula:
+ crisi economica - ordine sociale

Poi bisogna aumentare le ore a scuola di educazione civica, ma senza stipendi più alti la civiltà nel popolo andrà a farsi fottere.

lucA utopiA (vergognatevi.com) Commentatore certificato 09.05.07 18:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

@ David Cole (scrittore coraggioso) 09.05.07 18:18

Benissimo, vedi che se vuoi ci arrivi?
Sti Francesi, loro e la loro mania della grandeur.

Ora cambia anche le foto sul tuo sito, sarai piu' credibile....si fa' per dire!

Fatto questo, tira fuori il pallottoliere e comincia a fare qualche conto qui:

http://en.wikipedia.org/wiki/
List_of_concentration_camps_of_Nazi_Germany

Continui a non rispondermi!
I documenti sono validi oppure no?

Moretti Giovanni (sempresenzitalia) Commentatore certificato 09.05.07 18:51| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=YD5va_R3kAI


guardate il video....c è la spiegazione della maggior parte dei problemi italiani!!

MOSTRO MOSTRUOSO.. (nuovo mostro..) Commentatore certificato 09.05.07 18:49| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La legalita' deve essere rispettata da tutti, se lo fosse ci sarebbe meno razzismo.

luigi a. Commentatore certificato 09.05.07 18:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Hai ragione a proposito di razzismo.
Mi è capitato di dover discutere con una ragazza russa (al mare) la quale voleva a tutti i costi occupare l'ombra che il mio ombrellone legittimamente proiettava sulla sabbia, dicendo lei: "it's not your beach"- mica è la tua la spiaggia,( neanche la tua o pensato io),al che le ho spostato la sdraio e lei senza battere ciglio a detto " you fucking ITALIAN idiot".
Mi è toccato risponderle - just ME idiot, not the ITALIANS! Saluti...

Fabio Mellini 09.05.07 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non credo che esista il razzismo, esiste la paura, paura a volte giustificata. Mi spiego, ogni paese ha la sua storia, un paese come la Romania non ha mai conosciuto pace. Ma una vita di sofferenze ed atrocità non può essere una giustificazione nel ledere le libertà altrui. Sono scappato da Torino con l'arrivo massiccio dei Rumeni, accoltellamenti quotidiani, ragazze molestate sui pullman... invivibilità di una città stupenda. Ho conosciuto Marocchini, Senegalesi, Tunisini, Albanesi e spesso ho anche trovato persone intelligenti. Però come stimo i Senegalesi per la loro indole(molto simile a quella Italica), non posso mentire a me stesso e non provare disgusto per i troppi episodi che questo popolo disperato ha portato nelle nostre città. La giustizia in Italia non funziona, ci mancherebbe, ma questo è un problema grande e nascondersi dietro un "volemose bbbene" un gesto d'irresponsabilità enorme.

Valerio Bonasia 09.05.07 18:47| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro, caro Beppe che quelli che devono dare l'esempio di buona condotta morale, fanno il contrario, per giunta se la cavano evitando la condanna, (nostri dipendenti)ed è chiaro che tutti si sentono il diritto di delinguere.
Diciamo la verita caro Beppe, viviamo in uno Stato di anarchia, ognuno fa come gli pare, ed è normale, chi si impegna di contribuire a far rispettare le regole si sente demoralizzato, ed anche moralmente penalizzato, perchè questa nazione parla tanto di regole ma non sa il vero significato, le leggi come dici tu sono un optional.
E pur vero che si sta innescando un sistema alquanto anomalo di vittime di serie A e di serie B, ma viene dato in generale dalle fonti di informazione che ormai si sono "sputtanate" professionalmente.
Chi ha l'intelligenza di capire,il reato commesso rimane comunque indignato qualunque sia la vittima, sia italiana che straniera.
Comunque la sorpresa è stata ieri di sentire il Presidente della Repubblica, dicendo appunto, che i reati minori non devono essere punibili con il carcere!!!!
Sta forse spianando la strada ad i suoi "onorevoli" colleghi??????

fernanda d. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 18:43| 
 |
Rispondi al commento

il razzismo è UNA guerra tra poveri!!!

I PAPPONI POLITICI DALLE LORO VILLE FANNO SOLO PROPAGANDA...LORO STANNO NELLE VILLE IN CAMPAGNA E GLI EXTRA SONO IN CITTA'....SE DANNO FASTIDIO LO DANNO A NOI...A LORO AL MASSIMO SERVONO COME BADANTI O OPERAI SOTTOPAGATI...è INUTILE PER OGNI ARGPOMENTO...SI PUO TRANQUILLAMENTE TORNARE AL SOLITO PROBLEMA...


LA MERDA STA IN PARLAMENTO! e noi continuiamo a farci la guerra tra poveri!!!

MOSTRO MOSTRUOSO.. (nuovo mostro..) Commentatore certificato 09.05.07 18:41| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Praticamente un rinnegato in patria. WARUM?

Moretti Giovanni (sempresenzitalia) 09.05.07 17:58 |


@@@

Signor Moretti,

oltre alle waffen ecco un'altra caratteristica in comune: il sentire la "nostra" Patria altrove.
Di italico ho solo la residenza.

E...n

Kar 98k (7,92x57js) Commentatore certificato 09.05.07 18:38| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Dopo che l'elefante programma di governo, ha partorito il topolino delle dodici indicazioni programmattiche, ragionare con buona volontà è tempo perso.
Far credere che basta cambiare il nome di un prodotto perkè la qualità sia migliore è vecchiume.
La poesia, manca la poesia.
Qualsiasi tema è tecnocratizzato, anche i sentimenti.

simeone camporese 09.05.07 18:38| 
 |
Rispondi al commento

X MASSIMO RUSSO

Come vedi la tua risposta al mio post nel quale affermi che l'iniziativa deriva da un passaparola con una tua amica ungherese e che non ne sai niente di più è stata bannata.

Sono sicuro che sei in buona fede ma fammi la cortesia di ripostare la tua risposta e non all'interno dei commenti ma per tutti, così ognuno si regolerà di conseguenza.
Inoltre ti suggerisco di sottoporre l'iniziativa al Blog Beppe Grillo postando all'indirizzo:
http://www.beppegrillo.it/contattaci.php
che magari questo staff ridicolo una volta tanto può servire a qualcosa e aiutarti a fare qualche ricerca in più prima di dare n° di conti correnti.

Per il resto allo Staff dico solo che FATE PENA!!!

Fernando D'Avril 09.05.07 18:37| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

In un paese dove le certezze del diritto e della pena sono ormai latitanti, a meno che non sei uno di quelli che della certezza del diritto e della pena se ne sbatte le palle e la fanno sempre franca, come può definirsi stato civile?

Siamo ormai un porto franco di inciviltà.

lo straniero delinquente sbattuto in prima pagina?? serve solo a farci credere che c'è qualcuno più incivile di noi con cui prendersela.

additare il sassolino e nascondere la trave...

buona fortuna a tutti voi...

Mauro

Mauro Spreafico 09.05.07 18:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://nl.wikipedia.org/wiki/Auschwitz

http://en.wikipedia.org/wiki/Auschwitz_concentration_camp

http://fr.wikipedia.org/wiki/Auschwitz

http://www.itis-einstein.roma.it/cd/MAI%20PIU!/img_mostra/FOTO%20%20143.JPG

http://www.fpp.co.uk/ActionReport/AR14/images/AuschwFourMill.JPG

David Cole (scrittore coraggioso) Commentatore certificato 09.05.07 18:30| 
 
  • Currently 1.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

“CARAVANSARY” *

Noi…
noi gitani,
noi zingari di un viaggio
mai abbastanza lontano
da non sentirlo,
da non sentirci reciprocamente nostri…
Noi
su percorsi a fatica,
raccolti in lame di sole
avvolti in nubi di sabbia e sale…
per venti lontani
e per antiche nevi,
per passi di pietra dove l’ultimo
non ha lasciato ancora la sua impronta,
per villaggi di capanne
mattoni e tufo…
noi,
uniti nella musica dei nostri padri
sul percorso dei cuori…
Noi… Un lento mosso andare…
… Caravansary.

* Caravansary, (caravanserraglio):
albergo primitivo dove si accolgono
in oriente le carovane di cammelli. Caravansary è anche un bellissimo brano musicale di Kitaro, facente parte dell'opera "Silk Road"; la Via della Seta.

e. b.

Ermanno Bartoli (barlow) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento

A me mi sembra che il detto "Italiani brava gente" si usa solo in Italia. Ma è così in tutte le nazioni, basta andare in Francia o in Slovenia e chiedere che ne pensi della sua nazione o dei suoi connazionali. Nonostante le porcherie che nella Storia, ma anche attualmete, continuano a commettere Italiani, Francesi, Sloveni o altri popoli. Il problema è sempre per chi vive lontano dalla "propria terra": in base a cosa, poi, una terra è di un'etnia anzichè di un'altra? Tanta gente si crede sempre più furba dell'altra, anche (e soprattutto) del suo Fratello. Tanti altri venderebbero la propria madre per 4 soldi. Per poi dire in giro che sono troppo buoni.Se parli con un pappone ti dirà che lui è la persona più buona del mondo, perchè rischia la vita per proteggere 4 troje che non fanno che aspettare il momento migliore x fotterlo. E questo è il parere di un pappone. Tutti dicono che la Slovenia è un paese pieno di papponi e di puttane. Forse. Ma non è che lo sia anche l'Italia?

Valentina Vlahovic Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 18:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piccolo OT

COME I PARTITI VOLEVANO CIUCCIARE ALTRI SOLDI...

http://www.antoniodipietro.com/2007/05/stop_alle_fondazioni_politiche.html#comments

potete VERIFICARE (udite udite, ci sono le fonti) il testo di legge presentato qui:

http://www.camera.it/_dati/lavori/bollet/frsmcdin_wai.asp?percboll=/_dati/lavori/bollet/200701/0117/html/01/&pagpro=32n1&all=on&commis=01

pagine 32 e 33, se vi incuriosisce

jean bleu Commentatore certificato 09.05.07 18:16| 
 |
Rispondi al commento

racconto un episodio di vita vissuta.
eravamo nel lontano 1977 , a scuola (gesuiti) ma insegnanti laici , ora di religione. faccio un intervento e affermo nel mondo ci sono tante religioni e tutte vanno rispettate. la prof era giovane (all'epoca ora sarà anziana) senza ma o se , mi buttò fuori dalla classe . un'ora in corridoio.

e tu parli di razzismo. ..
da dove veniamo ? che destino abbiamo costruito ?

bye .

paco frangiese 09.05.07 18:15| 
 |
Rispondi al commento

"E' UNA GUERRA TRA FROCI"

qui

HTTP://GIANNIGUELFI.ILCANNOCCHIALE.IT/?ID_BLOGDOC=1476549

gianni guelfi 09.05.07 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è sempre stato così-Tutte le volte che un diverso delinque(sia egli extracomunitario, di colore, nomade, asiatico o omosessuale dichiarato)tutta o quasi tutta la tribù e' pronta a trovare delle aggravanti per questo crimine. Naturalmente se chi delinque è uno di noi ed è magari anche cattolico e ricco, ecco che questa tribù di coglioni è pronta a perdonarlo, ed anche ad assolverlo se il crimine compiuto è stato ai danni di un diverso. Pertanto se vogliamo fare i ns. porci comodi come tanti, dobbiamo essere italiani, ricchi, apparentemente etero, religiosamente osservanti, e sempre coadiuvati da buoni avvocati e da un autorevole padre spirituale. Poco importa che decine di migliaia di famiglie siano state per esempio rovinate dalle truffe della cattolicissima famiglia Tanzi, poco importa se tanti migranti sono costretti a vivere in tuguri pagando affitti da strozzinaggio e lavorando al nero in condizioni pietose. E poco importa che in questo caso chi delinque è uno di noi. Anche in questo caso la colpa è loro; se rimanevano a casa nessuno ne avrebbe approfittato

gianluigi sellari 09.05.07 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole più razzismo in Italia.
Non possiamo continuare a difenderli questi extracomunitari che vangano da noi a fare quello che gli pare.

E SE C'E' UN GOVERNO CHE GLI PERMETTERA' DI FARE CIO'E' DI SICURO QUELLO DI SINISTRA.

W l'italiani e - permessivismo!

Simone Pellegrini 09.05.07 18:12| 
 |
Rispondi al commento

racconto un episodio di vita vissuta.
eravamo nel lontano 1977 , a scuola (gesuiti) ma insegnanti laici , ora di religione. faccio un intervento e affermo nel mondo ci sono tante religioni e tutte vanno rispettate. la prof era giovane (all'epoca ora sarà anziana) senza ma o se , mi buttò fuori dalla classe . un'ora in corridoio.

e tu parli di razzismo. ..
da dove veniamo ? che destino abbiamo costruito ?

bye .

paco frangiese 09.05.07 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@@@@ A Milano non ci sono più coccinelle @@@@

Le coccinelle(Piccolo insetto rosso/nero) è stato sostituito dai "cecisbei"(piccoli e grandi rosso/neri berluskazziani)che si moltiplicano quotidianamente.
Sì,Milano ha perso alla grande.


Inoltre,pare,che a Milano perderanno anche le "lucciole".
Per "lucciole" non intendo quei piccoli insetti frequenti d'estate.Intendo quelle ragazze che la "danno senza fare tante storie":"basta pagare".
A pensarci mi vengono i "lucciconi agli occhi".
Joseph


P.s.
Ma andare a "pagamento" che peccato si fa? mica son Silvio che lui ha un partito e le ragazze,per tesserarsi,si siedono "GRATIS" sulle sue ginocchia.

joseph pane 09.05.07 18:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piccolo OT

COME I PARTITI VOLEVANO CIUCCIARE ALTRI SOLDI...

http://www.antoniodipietro.com/2007/05/stop_alle_fondazioni_politiche.html#comments

potete VERIFICARE (udite udite, ci sono le fonti) il testo di legge presentato qui:

http://www.camera.it/_dati/lavori/bollet/frsmcdin_wai.asp?percboll=/_dati/lavori/bollet/200701/0117/html/01/&pagpro=32n1&all=on&commis=01

pagine 32 e 33, se vi incuriosisce

jean bleu Commentatore certificato 09.05.07 18:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alcune precisioni :

1- Il razzismo si riferisce alla supremazia di una razza sull' altra, il termine piu' giusto mi sembra xenofobia che si riferisce alla paura dello straniero.

2- Il termine extracomunitario mi sembra ridicolo (di chi parliamo degli australiani, degli svizzeri ?) parliamo di immigrati.
Il termine immigrato non ha nulla di offensivo.

3- Il marocchino e' originario del marocco non dell' Algeria, Tunisia, Libia e Egitto.
Impariamo a distinguere, per rispetto. Cosi' come cinese non e' tutto quello che viene dall' oriente.

4 - L' equazione immigrato regolare=buono, irregolare=cattivo e' risibile.
La stragrande maggioranza degli immigrati regolari sono entrati da irregolari e hanno beneficiato di qualche sanatoria di massa.
La distinzione e' tra chi e' onesto e rispettoso e chi delinque.

5- Non e' vero che tutti gli immigrati muoiono di fame nel loro paese.
Molti cercano solo uno stipendio piu' alto.
Una badante senza qualifica in Italia prende molto di piu' che un neurochirurgo in un paese dell' Est.
Se pagassero 8000€/mese per raccogliere i pomodori in Svizzera voi non ci andreste ?

6- Gli immigrati sono spesso coloro che non hanno nulla da perdere partendo per cui non rappresentano sempre il meglio del paese di origine.
In Marocco e in Tunisia se sgarri vai in prigione alla velocità della luce. In Italia tutto e' permesso.

Joe Vanni 09.05.07 18:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

FUOCO AI RUMENI E SEMPRE
W L'ITALIA E W MUSSOLINI

GIUSTIZIERE FORZANOVISTA 09.05.07 17:26


W Mussolini... ma quale? Il Duce o quella vacca con due labbra che sembrano scoppiare da un momento all'altro. Ci credete che è laureata in medicina?
Voi vi fareste curare da una persona del genere?

Sarebbe meraviglioso se esistesse la macchina del tempo con la quale poter spedire nell'Italia del ventennio tutti i forzanovisti e i neofascisti del c..zo!
Loro starebbero molto meglio. E noi ancora di più.

Maurizio Scappapera 09.05.07 18:01| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

"E' UNA GUERRA TRA FROCI"

qui

HTTP://GIANNIGUELFI.ILCANNOCCHIALE.IT/?ID_BLOGDOC=1476549

gianni guelfi 09.05.07 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Ho acquistato il dvd di grillo ma non ho avuto conferme sulla posta elettronica. posso avere informazioni? grazie

giovanni maraone 09.05.07 18:00| 
 |
Rispondi al commento

@ David Cole (scrittore coraggioso) 09.05.07 17:21

*****=====
nella wikipedia francese alla voce auschwitz la targa è in francese
nella wikipedia olandese alla voce auschwitz la targa è in olandese
nella wikipedia inglese alla voce auschwitz la targa è in inglese

vi sono una sessantina di targhe,nelle lingue mondiali principali,tutte con lo stesso contenuto,tutte apposte dopo il 1990.
*****=====

Benissimo!

Allora posta anche i links a sostegno di quanto affermi!

Se vuoi essere creduto, devi mettere sul tuo sito la targa commemorativa di una qualsiasi lingua prima e dopo il presunto scambio.
Francese con Francese, Inglese con Inglese.

Non come hai fatto tu!

Tra parentesi, la fotografia della targa in Francese "Sembra" piu' recente di quella in Inglese, quindi si potrebbe pensare che anziche' al ribasso, il numero di persone gassate o comunque uccise in quel luogo siano state aggiornate al rialzo.

Allora, i documenti che ho postato nei giorni passati sono veri oppure no?

Non rispondi, tergiversi, mi dai dello yankee senza saperne il significato, mi chiami rinnegato quando sei li a sbavare dietro a quella feccia dei nazisti che di Italico non hanno niente.

Praticamente un rinnegato in patria. WARUM?

Moretti Giovanni (sempresenzitalia) Commentatore certificato 09.05.07 17:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito di razzismo il sindaco di Torino, Ciamparino, ha proposto il carcere per i tossicomani. Un'idea nuova e veramente rivoluzionaria! Tutti sappiamo che tossicomani sono dei malati cronici, basta chiederlo a qualunque medico. Propongo una tassa per ogni stupidaggine priva di fondamento detta in pubblico, da elargire alle vittime!

roberto mario mastelloni 09.05.07 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao blog. Volevo spendere due parole su questo problema che affligge non solo l'Italia ma l'Europa generale.
Secondo il mio parere razzismo non significa "W GLI IMMIGRATI".
Tu che vieni in Italia perchè non ne puoi più del tuo paese sappi che devi adattarti, imparare l'Italiano, imparare un mestiere, rispettare le regole.
Ed ogni volta che non rispetti l'Italia e le sue leggi sei tu il razzista e vai trattato da tale.

Sono curioso di sapere una cosa però: la cinese che prese la multa a Milano dalle vigilesse, l'ha poi pagata?

W la legalità e l'applicazione della legge!

Daniele Ferrari Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 17:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

I razzisti sono dei vigliacchi. Invece di mirare in alto verso il potere che gli umilia. Preferiscono puntare su gente povera e disperata che non ha sempre il piatto in tavola...
vergognatevi!

lucA utopiA (vergognatevi.com) Commentatore certificato 09.05.07 17:57| 
 |
Rispondi al commento

leggi l'articolo "servono i blog?" su www.bloggers.it/movimentolaureati/

Paolo Ares Morelli 09.05.07 17:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il prolema non sono le leggi ma il farle rispettare....in Australia se lavori in nero ti vengono a prendere (ti beccano velocemente) e ti mandano a casa (in modo civile!) e tu in quello stato non ci entri più!

*************************************************

E' tutto verissimo!!!
Hai solo dimenticato un piccolo particolare, dopo averti mandato a casa,(in modo civile), vanno a prendere quello che ti aveva assunto in nero,e (in modo non tanto civile) gli spaccano il culo.
Chissà forse funzionerebbe anche in italia non credi?

pasquale rezza 09.05.07 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Je regrette...je regrette.....

Due OT/OT al prezzo di uno...

"""Berlusconi: io al Family day? Vedremo.....""""

In realta' il mio problema e' quale famiglia portare!!!!!
Porto Carla?
Porto Veronica?
Ho ricevuto inviti anche da 147 amanti.....
In realta' vorrei portare le 5 "nipotine" che, gentilmente ho sollazzato sulle mie ginocchia a Villa Certosa......


Pio XII beato....la Curia dice si!

Dopo l'inizio iter per Calabresi.....finalmente una serie di degne prosecuzioni........
Pio XII, il cittadino Cikatilo, Jack lo Squartatore, il dottor Menghele, Augustino Pinochet.........

Ps.
Non dimenticate......Torquemada Santosubito......

Saluti sanguinosi bipartisan....

maurizio spina Commentatore certificato 09.05.07 17:54| 
 |
Rispondi al commento

sembrate tutti cani.
sbavanti di ossa.

invece siete solo uomini.

mi fate cagare.
nessuno escluso.

buonisti cattivisti neutralisti esterofilisti fascisti comunisti leghisti terroni maghrebini pakistani cinesi rumeni albanesi svizzeri negri bianchi gialli verdi marziani rockettari capelloni pelati vegetariani carnivori gelatieri gelatai precari artigiani amministratori delegati impellicciati ladri farabutti preti santi monaci terroristi partigiani senatori deputati opinionisti calciatori veline alcolizzati drogati sessuofobi froci trans lesbiche fottute casalinghe vecchi e bambini.

vi odio.

amo il mondo.


raffaello rossini 09.05.07 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Benedetto XVI:- "giusta la scomunica per i politici che sono d'accordo con l'aborto".
Per quelli favorevoli alla guerra??????????

Saletti Walter Commentatore certificato 09.05.07 17:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

BLIND TRUFF

"Sono pronto a vendere le mie aziende, ad andare anche oltre il blind trust americano. Ho già detto che distinguerò con nettezza adamantina il mio ruolo di imprenditore, che peraltro è già alle mie spalle, e quello di leader politico. Ho messo fatti che pesano come macigni a suffragare questo impegno, dalle dimissioni dalle cariche sociali del mio gruppo al progetto di un blind trust e di dismissioni di attività economiche: la mia non è dunque 'parola di re', non è una promessa d'onore, ma una scelta di fatto. Tutta la campagna sul Signor Tv che si mangia il Paese per i suoi interessi è naufragata nel ridicolo di una sconfitta campale nelle urne".
(Silvio Berlusconi, Ansa, 7 aprile 1994)

"Le mie aziende o le congelo o le vendo. Voglio assolutamente dividere i miei interessi privati che ho come azionista Fininvest dalla mia attività pubblica che svolgerò nell'interesse di tutti. Credo che quella del blind trust americano sia la soluzione ideale".
(Silvio Berlusconi, 11 aprile 1994)

"Oggi vi annuncio che ho deciso di vendere le mie aziende, perché credo che qualcuno, quando si prende un impegno e dentro questo impegno ci sono certe condizioni che sono ostative allo svolgimento globale dell'impegno, deve avere anche il coraggio di sacrificarsi".
(Silvio Berlusconi, 23 novembre 1994)

"Venderò le tv a imprenditori internazionali".
(Silvio Berlusconi, il Giornale, 1° aprile 1995)

"La legge sul conflitto d'interessi ha uno scopo ben preciso: vogliono impedirmi di tornare al governo. Il governo vuole escludermi dalla politica e nello stesso tempo ammazzare Mediaset. Sono rimasti gli stessi... Io sono sempre lo stesso. Anche quando vado al congresso dei Ds o della Margherita mostrando rispetto verso coloro che considero avversari politici e non nemici.
Se mi sento una vittima? Bè, quello che mi hanno fatto e che mi vogliono fare va oltre la sfida politica".
(Silvio Berlusconi a proposito della legge che gli impone il blind trust, "Libero", 6 maggio 2007)

Lorenzo Ordinelli 09.05.07 17:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono un'insegnante liceale di italiano e proprio oggi mi è capitato un episodio che vi voglio raccontare perché ha delle attinenze con l'argomento di oggi. Classe quarta, compito di italiano sulla legalità, si chiedeva di commentare un brano dove era citato Falcone. Un'alunna italiana mi chiede: "Ma questo Falcone chi è? Lo dovrei conoscere, prof?". Un'alunna moldava risponde prima che faccia in tempo io (ero rimasta allibita) spiegandole molto bene chi fosse "questo" Falcone. Ormai sono razzista solo verso l'ignoranza... e non mi dite che deve essere la scuola a debellarla, a scuola i ragazzi ci stanno 5 ore al giorno, le restanti stanno in famiglia!

Debora Moretti 09.05.07 17:10


====================================================================================================
Sig. moretti e lo posta pure ?
Si legga l'indagine PISA .
la scuola italiana è di una precarietà spaventosa, i nostri insegnanti lavorano la metà di quelli tedeschi ,ma la nostra istruzione costa il doppio chissà perchè.

Se non erro ,600 ore circa all'anno di media lavora un insegnante italiano ,1100 circa un insegnante tedesco :-)

lA PRECARIETA' è insita proprio tra il personale insegnante .
Negli stati uniti un particolare ente valuta l'operato degli insegnanti scolastici ,dirottando ad altre mansioni chi no è all'altezza del compito :-)

Qui in italia la scuola è diventato un enorme serbatoio per dare lavoro alla gente ,per lo più paraculati .

Ma è sufficente il colloquio con loro ,per pesare quanto valgono .

ARRIVEDERCI .


GINO SERIO :-) EXTRA LARGE 09.05.07 17:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

AL GIUSTIZIERE FORZANUOVISTA GLI AUGURIAMO DI FINIRE PER LA SRTADA IN UNA BARACCA..E POI..ANDIAMO A BRUCIARLI TUTTO..


CUORE NERO NON C'è PIU !!!!!!!!

CHE PECCATO


FABIO SARTI 09.05.07 17:50| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼
LA TERRA E' NOSTRA: SALVIAMOLA
▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲
ORMAI E' CHIARO CHE IL CLIMA E' CAMBIATO E CHE SE NON CAMBIEREMO LE NOSTRE ABITUDINI LA NOSTRA SOPRAVVIVENZA SARA' (E GIA' LO E') SERIAMENTE A RISCHIO.
INUTILE ALLARMARCI TANTO SE POI NON FACCIAMO NULLA PER CAMBIARE IL NOSTRO STILE DI VITA.
VI CHIEDO SOLO UN PICCOLO SFORZO: SU WWW.RISCALDAMENTOGLOBALE.NET, AL FONDO DELLA PAGINA, TROVATE UNA LISTA DI 10 SEMPLICISSIMI ACCORGIMENTI CHE POSSIAMO ADOTTARE PER SALVAGUARDARE IL NOSTRO PIANETA.
COPIATELA E INVIATELA VIA EMAIL AI VOSTRI AMICI. FACCIAMO QUALCOSA, ADESSO.
▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼
WWW.RISCALDAMENTOGLOBALE.NET
▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲

Grazie a tutti quelli che prenderanno sul serio questa iniziativa.

Luca Mauri 09.05.07 17:44| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe dirlo a quello del nuovo PD, che hanno già cominciato a litigare:

http://andreasacchini.blogspot.com/2007/05/la-lettera-scarlatta.html

andrea sacchini 09.05.07 17:44| 
 |
Rispondi al commento

RAZZISTA PER SEMPRE

FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG
FUORI I FASCISTI DALL'ITALIA
FUORI I BERLUSCONIANI DALL'ITALIA
FUORI MUTI DAL BLOG

FABIO SARTI 09.05.07 17:43| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

""""P.S. Pensa MAURIZIO SPINA...tu invece di SPINA potresti chiamarti V E S T R I o la MANUELA BELLANDI potrebbe chiamarsi M I L L di cognome oppure MAX STIRNER (alias FORREST GUMP) invece che MASSIMO FEDRICO poteva chiamarsi GIOVANNINO VOSTRINO... il mistero chiamato VITA ah, ah, ah, ah, ah...

L' avete mai fatto l'esame del DNA? Ah, ah, ah, ah...

Voulez-vous coucher avec moi ce soir ? 09.05.07 17:19 """"

Eeeeehhhh!!!

Come no!! Tutto puo' essere........magari anche tu potresti chiamarti Castro, benche', di solito, i Radicalonzi siano cloni di Pannella.....

Saluti razzisti bipartisan...

maurizio spina Commentatore certificato 09.05.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Italiani,vil razza malnata.Siete tutti razzisti, perchè non volete che tra venti anni 100 milioni di extracomunitari vi buttino a mare, non volete tra venti anni essere tutti musulmani,volete vivere come in Svizzera,dove nessun svizzero getta un pezzo di carta per terra.Vorreste che le leggi fossero fatte rispettare dalle FF.OO che oggi controllano gli italiani ma lasciano perdere gli stranieri,troppe rogne.Italiani fate schifo.

mario gregorio 09.05.07 17:42| 
 |
Rispondi al commento

io non lo so se son razzisto ma questo lo so..ad esempio il romeno/rumeno, i romeni/rumeni: gli dai lavoro a nero? gli affitti la ca? ti leccano il cu perché sei il figlio del parroco? allora gli vai bene..ce li hai mai avuti vicini di casa? quando arrivarono anni fa strisciavano fin contro il muro salendo le scale, lasciando la bava tipo lumacaccia contro la parete da tanto si cac_vano addosso x paura di tornare nella lercia rumania solo a dirgli buongiorno/buonasera, poi, quando il governo batardo e il vaticanaccio gli han dato il papiro ( invece di dare loro bastonate sulle corna e sulla gobba ) han cambiato sonata! e c’era del pericolo!! in quantità!! eh si! puzzolenti, tanti, unti, bruti e cativi, ‘gnoranti, ladroni, trafficoni, ricettoni, putanoni ahi ahi ahii ma stai tranquillo che il prossimo di quella specie che tenta di tirarmelo al cu la paga per tutti!! le paga tutte!! paga anche le pizze con la coca cola!! oh si! uet capi? se eravamo noi ‘ndare immigrati nella merdsa romania ci prendevano a bastonate nei denti appena facevi il confino! altro che andare in giro in macchina ciuc me ‘n rat a cilindrare i pedoni come fan loro qui, vero? Sig.ri NON RAZZISTI auguratevi che quella gente di porcaria lì non venga mai a prendervi/strapparvi del vostro perchè poi scusa 'n ve lo viene a chiedere nisciuno eh già oh sà e già. Per il Sig."Dica Duca" so' ancora io! so' il Poldo Mastaronehai capito? intardet! mameluc, mi sa che anche tu devi tornare a casa tua, torna a casa figlio di lessie, marcione tuonato come la medda! la vita non t’ha ancora dato qualche bel calcione nel tafanario ( e se te ne ha dati allora bene! te ne meriti altri ) ma vedrai che prima o poi tocca anche a te e allora vediamo dove vai a sbattere le corna brutto cattivo mangiamedda amico dei romeni/rumeni

Poldo Mastarone 09.05.07 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo il mio commento a questo blog con un pretesto - sono un immigrato a vita. Sono cresciuto in Inghilterra (a Londra) da immigrato italiano e ora vivo in Italia da immigrato inglese/indiano/pakistano/turco/iraniano (cancellare a voglia perché sono le varie cose che mi sento dire). Ho un lavoro che è superiore a quello della media dei miei coetanei, sono laureato da un'università di altissimo livello, vivo in un appartamento da solo e tutto sommato la mia vita è economicamente abbastanza tranquilla. La maggior parte di immigrati che conosco, e ne conosco tanti, vive così. Perché ci rifiutiamo sempre di parlarne? Solo vedendo questo aspetto dell'immigrazione e non soltanto la semplice dicotomia immigrato delinquente o immigrato che si è fatto il culo e "ce l'ha fatta" si potrà evitare il razzismo. Non siamo diversi, questo è da ricordare. Se l'Italia è razzista? In Inghilterra non mi è mai capitato di essere fermato dalla polizia, in Italia spessissimo (è diventato uno scherzo ricorrente tra i miei amici, che addiritura fanno scommesse su quante volte mi fermeranno in una settimana), né mi è mai capitato che le signore anziane attraversassero la strada quando mi vedevano. Direi che il tipo di razzismo che c'è in Italia è più pericoloso di qualunque altro tipo, perché gli italiani non lo riconoscono e non lo vedono in se stessi. Sinceramente preferisco quello esibito dei leghisti o del BNP, che almeno vedo, riconosco: loro almeno hanno la dignità di ammettere ciò che credono.
Fatte attenzione: non sto parlando della legalità, perché quello è un problema falso, se c'è la legge chi fa un atto criminale deve subirne le conseguenze, incurante della razza o del partito politico. L'immigrato dovrebbe semplicemente essere partecipe di questo sistema come gli italiani. La legge è una "sovrastruttura" dello stato che non ha a che fare con i suoi dettagli di composizione. Vi chiedo invece perché non c'è posto dove ci sia un integrazione decente? Perché?

Samuel Beckett 09.05.07 17:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

FORSE CI CREDIAMO MIGLIORI DI LORO PERCHE' IL NOSTRO DIO CI HA FATTO MEGLIO?!

Francesco Manfredi 09.05.07 16:39

__________________________________________________

Oh si, questo lo pensava più o meno anche Hitler:
"Il tedesco sarà agile e veloce come un levriero, forte come il cuoio e duro come l'acciaio Krupp."

Se il soggetto fosse stato più recettivo, avrebbe potuto ricredersi dall'enorme cazzata che disse già con le olimpiadi del '36, quando un nero salì sul primo gradino del podio, proprio a Berlino... :-)

Pace e Bene

Luca Popper Commentatore certificato 09.05.07 17:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono un'insegnante liceale di italiano e proprio oggi mi è capitato un episodio che vi voglio raccontare perché ha delle attinenze con l'argomento di oggi. Classe quarta, compito di italiano sulla legalità, si chiedeva di commentare un brano dove era citato Falcone. Un'alunna italiana mi chiede: "Ma questo Falcone chi è? Lo dovrei conoscere, prof?". Un'alunna moldava risponde prima che faccia in tempo io (ero rimasta allibita) spiegandole molto bene chi fosse "questo" Falcone. Ormai sono razzista solo verso l'ignoranza... e non mi dite che deve essere la scuola a debellarla, a scuola i ragazzi ci stanno 5 ore al giorno, le restanti stanno in famiglia!

Debora Moretti 09.05.07 17:10


====================================================================================================
Sig. moretti e lo posta pure ?
Si legga l'indagine PISA .
la scuola italiana è di una precarietà spaventosa, i nostri insegnanti lavorano la metà di quelli tedeschi ,ma la nostra istruzione costa il doppio chissà perchè.

Se non erro ,600 ore circa all'anno di media lavora un insegnante italiano ,1100 circa un insegnante tedesco :-)

lA PRECARIETA' è insita proprio tra il personale insegnante .
Negli stati uniti un particolare ente valuta l'operato degli insegnanti scolastici ,dirottando ad altre mansioni chi no è all'altezza del compito :-)

Qui in italia la scuola è diventato un enorme serbatoio per dare lavoro alla gente ,per lo più paraculati .

Ma è sufficente il colloquio con loro ,per pesare quanto valgono .

ARRIVEDERCI .


GINO SERIO :-) EXTRA LARGE 09.05.07 17:37| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo que cuando si parla di razzismo gli italiani cambiano, si trasformano si innalberano o zittiscono aspetando dove vuoi arrivare, e se per caso convieni que in realtà ce un certo razzismo e per di più se lo afferma un extra come me. spesso vedi tremare la mandibola del tuo interlocutore, sopratutto se sono di quella sinistra destra. stupisce la diferenza da come vengono presentati in tv gli ultimi due casi,voglio dire solo quello de la rumena perche di quel povero bimbo polaco se ne parlo cosi poco e in modo molto superficiale, e mancato poco di giustificarlo come colpa di una pallotolla vagante.
e come se a cualcuno gli sia venuto in mente in modo perverso di ritrovarsi lungo questo fronte, di unir quella bassa cultura de intoleranza e ignoranza a scapito di una quasi giusta italianità spesso complice giornalisti e mass media. ci sono in molti a vedere delincuenti extra dappertutto, e diventato il problema fondamentale da discutere. comodo vero! il popolo si deve distrare dei problemi veri.


José Manuel 09.05.07 17:36| 
 |
Rispondi al commento

http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:General_disclaimer


wikipedia ammette di essere un progetto costruito da dilettanti allo sbaraglio?

David Cole (scrittore coraggioso) Commentatore certificato 09.05.07 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Contro la legge porcata di Mastella, sulla limitazione della libertà di stampa, firma la petizione online:


www.petitiononline.com/bavaglio

Cristiano Marinelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.07 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Non so se si possa sempre e solo parlare di razzismo o se più semplicemente a volte si tratti solo di PAURA DEL "DIVERSO".
L'italiano (popolo, politici o giornalisti....che poi alla fine sono solo dei vassalli) non è più razzista di un americano o di un tedesco (sicuramente più di un inglese ma è anche una questione storico-culturale).
Forse bisognerebbe avere anche qualche dato in mano per commentare; forse (dico forse con una certa convinzione) qualche anno fa non c'erano tutti questi reati commessi (o forse non li sentivi in Tv).Ricordo solo che quando avevo 8 anni (1986) ad esempio i miei lasciavano tranquillamente l'auto aperta in piazza con le chiavi e non è mai successo nulla.....oggi non si potrebbe; allora mi chiedo cosa c'è oggi che non c'era una volta???
La risposta a voi.....io la mia me la sono già data!

Il prolema non sono le leggi ma il farle rispettare....in Australia se lavori in nero ti vengono a prendere (ti beccano velocemente) e ti mandano a casa (in modo civile!) e tu in quello stato non ci entri più!
E' anche una questione di civiltà però: sempre in Australia (dove sono stato nel 2000) a nord in mezzo al nulla ci sono delle baracche con frutta e verdura esposta e con il bilancino e il prezzo al chilo e nessuno che controlla...li la gente si ferma si prende la roba e la paga mettendo i soldi in una cassa.....proviamo in Italia?????

Sulla questione Nord Sud preferisco non entrarci ma preciso solamente che il problema è Roma e i suoi ministeri...gente (fatto relamente accaduto!) che si vanta di non aver mai timbrato in orario in 40 anni di lavoro dicendo che tanto ci sono i veneti polentoni che lavorano per loro (e capite che da veneto un pò mi da fastidio!).
Infine (forse sbaglio) una dose minima di razzismo (anche se è brutto chiamarlo così) secondo me è insita in ogni popolo.

Ma B. Commentatore certificato 09.05.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

FORSE CI CREDIAMO MIGLIORI DI LORO PERCHE' IL NOSTRO DIO CI HA FATTO MEGLIO?!

Francesco Manfredi 09.05.07 16:39

__________________________________________________

Oh si, questo lo pensava più o meno anche Hitler:
"Il tedesco sarà agile e veloce come un levriero, forte come il cuoio e duro come l'acciaio Krupp."

Se il soggetto fosse stato più recettivo, avrebbe potuto ricredersi dall'enorme cazzata che disse già con le olimpiadi del '36, quando un nero salì sul primo gradino del podio, proprio a Berlino... :-)

Pace e Bene

Luca Popper Commentatore certificato 09.05.07 17:30| 
 
  • Currently 4.2/5