Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

WiMax e il diritto alla conoscenza


conoscenza.jpg

Tra poco lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E’ il punto di non ritorno per il libero accesso alla conoscenza. Dopo non si potrà più tornare indietro. Il WiMax è una tecnologia che permette di trasmettere e ricevere segnali senza fili a distanze di decine di chilometri. Elimina l’ultimo miglio e il pedaggio di Telecom Italia. Le comunità locali potranno rendersi indipendenti e collegarsi a Internet.
Se il WiMax finisce in mano agli avvoltoi delle compagnie telefoniche, come ho detto nel mio intervento di Rozzano a Buora e a Ruggiero, verrà trasformato in una me..da ad alto costo. Peggio dell’adsl.
Ogni cittadino dovrebbe avere per nascita il diritto di accesso alla conoscenza.
Esiste una petizione on line che vi invito a firmare per il vostro futuro, per il diritto alla conoscenza e per non essere, almeno una volta, presi per il c..o.
La petizione chiede che almeno 1/3 delle frequenze venga riservato ai cittadini per associazioni senza fini di lucro, come i comuni e gli enti locali, e senza alcuna tassazione diretta o indiretta.
Firmate la petizione su: http://www.petitiononline.com/wmaxfree/


Scarica l'ultimo numero del magazine Scarica "La Settimana" N°23-vol2
del 11 Giugno 2007

15 Giu 2007, 23:47 | Scrivi | Commenti (968) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 


Vivo a Roma da circa un anno; e bene, nonostante i costi stratosferici e la sconvenienza in termini di quantitativo di dati offerto (visto che nessun operatore offre una flat mobile) l'Umts di Tim, è più lento di una 56K;> mi dice una loro addetta, mostrando un certo imbarazzo. Quindi, mentre la città di Roma così come tutte le reti nazionali (p.s. Termini è praticamente una "Stazione pubblicitaria Tim") mi bombarda con le convenientissime offerte "Tutto compreso" di Tim che per 24-30 mesi di vincolo contrattuale mi da una chiavetta HSDPA e un quantitativo di dati ridicolo solo a pensarlo, mentre anche john Lennon si rivolta nella tomba per capire come un motivetto del suo gruppo potesse finire a reclamizzare una TLC come Tim, mentre negli Usa si riesce a navigare praticamente ovunque.....a Roma, se non hai una connessione fissa, fai fatica a caricare una pagina di un blog navigando con operatori mobili.
Queste cose possono avere una solo spiegazione; questi "signori" si comportano così perchè non sanno cosa sia la concorrenza. Sono la morte della concorrenza. Potrà sembrare drastico ma è così. Noi ci stiamo a chiedere se sia giusto il Wi-Max o meno, ma la situazione reale è molto più arretrata di quello che sembra. Hanno paura della rete, perchè sono consapevoli che proprio la rete, se offerta a condizioni ragionevoli, li schiaccerebbe per sempre.

Roma 18.07.08 Giovanni C.

Giovanni Corbino 18.07.08 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Si parla tanto ti inquinamento, no al termovalorizzatore e tutto il resto...

Ma non credete che le onde radio del wimax possano essere nocive alla salute?
Sono sempre onde elettromagnetiche e se l'antenna te la mettono vicino a casa non credo faccia poi tanto bene.

In Francia c'è polemica perchè il wifi (molto meno potente del wimax) installato nelle bibilioteche sembra causare mal di testa ed altri effetti negativi.

Faccio un gran uso di internet e sono a favore della tecnologia, ma prima di cavalcare con entusiasmo questa novità credo sia necessario avere degli approfondimenti.

Sul web non ho trovato molto: in generale sembra che non faccia bene, però nemmeno tanto male ... quindi si può tollerare... mah non mi sembra molto chiaro.

Che ne dite?

MP

Massimiliano Poli 18.03.08 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Egreggio signor Beppe, le comunico con orgoglio (sigh) e immenso giubilo che da ieri data astrale 13/03/2008 il comune di Perfugas in provincia di Sassari è finalmente uscito dal terzo mondo perchè finalmente coperto dal segnale Wi-Fi, anche noi ora facciamo parte di quel mondo informatico che vedevamo così lontano sino a poco tempo fa! Ora anche noi potremo dire la nostra sul web! Comunque, zio Beppe vai alla grande, continua così!!!!

Luzzu Pietro Filippo 14.03.08 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna far qualcosa!!!!!!!!!!!!!!!!
Vedete non riguarda solo al non mettere il wi-max in mano a questi delinquenti, ma e un mezzo che da speranza.
Vedete questa e l'ultima possibilità di avere un informazione libera, quindi ultimo mezzo per proteggere le persone.Facciamo qualcosa.Se aspettiamo che lo stato o tutti i comuni si sveglino andiamo a picco per l'ennesima volta.

Perchè non ci uniamo e compriamo noi il wi-max poi chi è disponibile nel blog puo offrire casa sua per mettere un antenna.

Non so i termini legali di una cosa simile ma non credo sia posibile.

Perfavore pensateci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Andrea Ventura 02.11.07 07:51| 
 |
Rispondi al commento

Finita come sempre...
http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2086897
assegneranno le frequenze alle compagnie telefoniche con la benedizione del Ministro Gentiloni..che vergogna

andrea z. Commentatore certificato 28.10.07 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono anni che grido"Diritto alla conoscenza,softwear Libero!

Michele B. Commentatore certificato 23.10.07 21:38| 
 |
Rispondi al commento

quest avolta nn devono vincere loro fregandosene della gente ke gli dà da mangiare a questi 4 ladri di merda ed egoisti del cazzo.Mi pare ke il wimax esiste in america da un pò, ed libero per tutti come è libero in SVEZIA. sempre i solit magheggi italiani di cui mi sono rotto le palle dopo 25 anni.RAGA NN FACCIAMOCI FOTTERE PER L' ENNESIMA VOLTA........VAI BEPPE SEMPRE AL TUO FIANCO

vizzini angelo Commentatore in marcia al V2day 23.10.07 15:51| 
 |
Rispondi al commento

quest avolta nn devono vincere loro fregandosene della gente ke gli dà da mangiare a questi 4 ladri di merda ed egoisti del cazzo.Mi pare ke il wimax esiste in america da un pò, ed libero per tutti come è libero in SVEZIA. sempre i solit magheggi italiani di cui mi sono rotto le palle dopo 25 anni.RAGA NN FACCIAMOCI FOTTERE PER L' ENNESIMA VOLTA........VAI BEPPE SEMPRE AL TUO FIANCO

vizzini angelo Commentatore in marcia al V2day 23.10.07 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Non intendono concedere alcuna frequenza liberamente. Cosa ci aspettavamo??? Che le cose fossero andate diversamente una volta tanto??? Io sì!

Luca C. 20.10.07 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Cari Utenti della Vera Rete Unitevi e Facciamoci Sentire prima che ce lo Mettano nel CULO !!!!!!!!
Ho scritto a Gentiloni ma alla fin fine ha Capito alla Cazzo perchè ha travisato tutto quello che la gente aveva scritto e scrive ancora sul suo Sito del Cavolo e ha fatto un Bando che alla fine Farà Vicere I Soliti Quattro Delinquenti !!!!!!!! AIUTOOOOOOOOOO !!!!!!

Gino Pino 17.10.07 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Wi-Max in paese? Ma dovrebbero garantirci la fibra ottica, se volessero veramente aiutare il Paese!

L'opinione di chi non ha l'ADSL
http://minoranzesilenziose.splinder.com/post/14245037/Quelli+che+non+hanno+l%E2%80%99ADSL

Maria Di Siena 12.10.07 14:11| 
 |
Rispondi al commento

http://www.onemobile.it/03/03/2007/wimax-in-italia-non-sa-da-fare/

Una breve discussione su una mia preoccupazione\previsione del wimax in italia (quando se e come ci arriverà --- meglio trasferirsi in lituania?)

a id Commentatore certificato 11.10.07 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Egregio ed affascinante Beppe GRILLO,se ci tieni ad aggiungere qualcosa alla tua cultura su questa deteriore forma di politica basata,oltre che sull'impostura,sui teatrini e i girotondi sponsorizzati,burattinati e diretti dall'alto ad uso di un volgo credulo e marionettistico,Ti consiglio la lettura del libro dello scrittore l'"OSSERVATORE LATINO"dal titolo:"E'POSSIBILE EVITARE...IL NAUFRAGAR NON DOLCE IN QUESTO MARE?"Edito dalle EDIZIONI IL FIORINO di MODENA ed uscito nel mese di SETTEMBRE 2007,il cui sottotitolo recita testualmente:"RIFLESSIONI,CONSIDERAZIONI E OPINIONI PERSONALI A PROPOSITO DEL NOSTRO INFERNO TRIBUTARIO,TALE PER SOLIDA E RADICATA VOCAZIONE AUTOCTONA E COLLETTIVO INTIMO GAUDIO"Nell'augurarti una dolce,istruttiva e piacevole lettura,ti saluto e ti bacio con tanto ardore! Tua GALAIKA BALALAIKA

GALAIKA BALALAIKA 07.10.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
ti scrivo per la prima volta... e mi scuso, è stato solo per mancanza di tempo. Sono il responsabile dell'osservatorio Anfov per il WiMAX e dopo 17 anni di attività di consulenza nel settore TLC... conosco qualcosa del settore.

Come ben saprai l'Italia rimane una delle ultime nazioni a non aver ancora assegnato la licenza per questa tecnologia e, dopo un disciplinare pubblicato a Maggio '07 siamo ad Ottobre e ancora non è stato pubblicato il bando di gara (atteso comunque per la prossima settimana).

Circa 9 mesi fà avevo preparato una proposta di bando di gara (portato dall'anFov a conoscenza sia dell'Autorità Garante che del Ministero delle Comunicazioni) in cui erano presenti delle importanti misure asimmetriche alfine di garantire (o di cercare di ripristinare) un minimo di competitività nel settore evitando che i soliti noti (Gruppo Telecom e gestori di Telefonia Mobile) si appropriassero anche di queste licenze e chiedendo che il loro ingresso nel mercato fosse ritardato di circa 18/24 mesi.
Si noti che il WiMAX è una tecnologia di accesso (banda larga sull'ultimo miglio) e quindi (come il vecchio Fido- DECT) una estensione della rete fissa, segmento di mercato in cui sia Telecom che gli operatori mobili attraverso la parte dati dell'UMTS hanno una notevole forza di mercato.
E INVECE L'AUTORITA' CHE COSA HA FATTO?
Nel disciplinare di gara ha disposto che per due diritti d'uso possono partecipare tutti gli operatori e per uno (sezione separata) possono partecipare solo quelli che non hanno l'UMTS.
Considerando che l'assegnazione sarà attraverso un'asta ha rilanci multipli ha virtualmente consegnato 2 licenze agli incumbent.

Sono a tua disposizione per qualsiasi approfondimento e per qualsiasi tipo di aiuto tu voglia chiedere.

Stefano Festa


Stefano Festa 05.10.07 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Del bando per la concessione delle frequenze WI- MAX si è persa traccia.

" ... Nulla di nuovo su fronte occidentale ... "

Giorgio Resca Cacciari 04.10.07 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, caro Grillo

Del bando per le frequenze WI-Max se persa traccia.

Di chi la responsabilità?

Elettori e eletti: tutti quaqquaraquà!!!

Giorgio Resca Cacciari 04.10.07 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Wi-MAX: la definizione di diritto alla conoscenza penso sia quanto mai azzeccata e in primo luogo credo che preoccuparsi degli effetti dannosi di questa tecnologia sia ipocrita visto che viviamo in un italia tempestata da onde elettromagnetiche emesse dai ripetitori x i telefonini senza scordarci delle antenne di radio vaticana, preoccuparci di probabili effetti dannosi del wi-max è quantomeno inutile visto comunque che è una tecnologia già in uso in italia in esclusiva alle forze della difesa. certo l'utilizzo pubblico porterà ad un aumento dei ripetitori ma se tutti i paesi occidenteli la utilizzeranno non vedo xke noi dobbiamo essere sempre una voce fuori dal coro.
la libera informazione è il diritto di ogni persona e internet di conseguenza è un diritto di tutti perchè è il mezzo con cui ogni persona può arrivare a ciò che gli interessa senza ipocrisie. Il problema è che la poca fiducia che ho nel nostro governo mi porta a pensare che comunque non usciremo mai dalla prigionia di telecom e che l'asta per il wi-max verrà vinta da qualche compagnia telefonica (telecom o vodafone non cambia nulla) che renderà la wi-max la seconda umts e quindi inaccessabile ai più. senza considerare che a loro di montare 10 antenne per coprire un paesino non gliene frega un caxxo...vedi telecom con l'adsl!!!!siamo nell'ue e non rientramo neanche nella media di copertura del territorio nazionale di tutti i paesi d'europa. è una vergogna! ho firmato la petizione e la firmerei altre 2 milioni di volte se servisse a qualcosa, la totale sfiducia nel nostro paese mi porta a pensare che il nostro è solo un grido nel vuoto. ma beppe grillo ha riacceso la mia speranza, internet è il nostro mondo e il nostro potere d'azione..speriamo che non ci tolgano pure questo!!WI-MAX LIBERO!

adriano graziani 02.10.07 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Il WiMax è innocuo?
Salve,
so che questo suonerà molto impopolare, ma la mia coscienza mi impone di porre l'attenzione su un aspetto molto sottovalutato, riguardo alla vicenda WiMax: nessuno ha ancora dimostrato che sia una tecnologia innocua! Anzi, ci sono diversi studi che dichiarano il contrario. Vi riporto qui sotto la risposta che ho ricevuto dal Dott. Fiorenzo Marinelli, biologo del CNR, uno fra i massimi esperti a livello internazionale sull'impatto delle onde elettromagnetiche artificiali sulla salute:
"Il WiMax e' una copertura a larga banda ed alta potenza del territorio, funziona a frequenze radar 3,5 GHz. Promette di portare la connessione internet dove non si puo' arrivare con il filo (sic!) cosi' dichiara l'ing Falciasecca Fond Marconi, Ingegneria, elettra 2000). I progetti richiedono torri di emissione ogni 50 Km ed emettono un campo a banda larga dei cui effetti biologici non si sa molto ma si sospetta che siano genotossici."
Apprezzo e sostengo da sempre il lavoro di Beppe Grillo e mi ricordo, anni fa, di quando si metteva davanti ad un ripetitore di telefonia mobile con in mano un tubo al neon che (senza essere collegato ad alcun filo) si illuminava come per magia! Ricordo anche le sue parole: "Non so se questo ripetitore fa male, ma QUALCOSA FA...!!! Siete voi che dovete dimostrare che è innocuo, prima di montarlo sui tetti delle case!"
Non vorrei che, nella foga del momento, ci fossimo dimenticati di quelle sagge e sempre attuali parole. E' di questi giorni la notizia che la Germania ha lanciato l'allarme a livello nazionale sulla pericolosità dei telefoni cellulari. Qui c'è un forum sull'argomento, leggete a metà pagina: http://www.wimax-italia.it/forum/viewtopic.php?pid=545
C'è qualcuno che dice (comincio ad averne anch'io il sospetto) che sia in atto la più grande sperimentazione di massa di una nuova tecnologia (il Wireless) e che noi siamo le cavie...
Prima di buttarci a capofitto in una direzione, usiamo prudenza e buon senso.

Fabio Bottaini 30.09.07 02:09| 
 |
Rispondi al commento

Il WiMax è innocuo?
Salve,so che questo suonerà molto impopolare, ma la mia coscienza mi impone di porre l'attenzione su un aspetto molto sottovalutato, riguardo alla vicenda WiMax: nessuno ha ancora dimostrato che sia una tecnologia innocua! Anzi, ci sono diversi studi che dichiarano il contrario. Vi riporto qui sotto la risposta che ho ricevuto dal Dott. Fiorenzo Marinelli, biologo del CNR, uno fra i massimi esperti a livello internazionale sull'impatto delle onde elettromagnetiche artificiali sulla salute:
"Il WiMax e' una copertura a larga banda ed alta potenza del territorio, funziona a frequenze radar 3,5 GHz. Promette di portare la connessione internet dove non si puo' arrivare con il filo (sic!) cosi' dichiara l'ing Falciasecca Fond Marconi, Ingegneria, elettra 2000). I progetti richiedono torri di emissione ogni 50 Km ed emettono un campo a banda larga dei cui effetti biologici non si sa molto ma si sospetta che siano genotossici."
Apprezzo e sostengo da sempre il lavoro di Beppe Grillo e mi ricordo, anni fa, di quando si metteva davanti ad un ripetitore di telefonia mobile con in mano un tubo al neon che (senza essere collegato ad alcun filo) si illuminava come per magia! Ricordo anche le sue parole: "Non so se questo ripetitore fa male, ma QUALCOSA FA...!!! Siete voi che dovete dimostrare che è innocuo, prima di montarlo sui tetti delle case!"
Non vorrei che, nella foga del momento, ci fossimo dimenticati di quelle sagge e sempre attuali parole. E' di questi giorni la notizia che la Germania ha lanciato l'allarme a livello nazionale sulla pericolosità dei telefoni cellulari. Qui c'è un forum sull'argomento, leggete a metà pagina:[http://www.wimax-italia.it/forum/viewtopic.php?pid=545]
C'è qualcuno che dice (comincio ad averne anch'io il sospetto) che sia in atto la più grande sperimentazione di massa di una nuova tecnologia (il Wireless) e che noi siamo le cavie...
Prima di buttarci a capofitto in una direzione, usiamo prudenza e buon senso.

Fabio Bottaini 30.09.07 02:05| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo grillo,vorrei tanto sapere come fare per portare la mitica ADSL anche nel mio piccolo(me veramente piccolo)paese..l'amministrazione nn ne capisce una mazza di tecnologia e la telecom, beh tu ne sai molto più di me....
san grillo da genova aiutaci tu
p.s.: smettiamola cn la storia che le onde come Umts,wimax fanno male..vogliamo restare nell'800, vogliamo continuare ad essere gli ultimi in europa..??tutto fa relativamente male, ma ke dobbiamo fa????

Antonio Di Lascio 29.09.07 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho tovato questa notizia su un sito
Qualcuno ne sa di più
oppure è una BUFALA?

Andrea R. 29.09.07 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Roma - Sta alzando molta attenzione la tecnologia della svedese TerraNet, quella di un ambiente peer-to-peer per telefonini che apra le porte a tutto un nuovo modo (gratuito) di usare i cellulari. Una modalità che, racconta BBC, ha attirato l'interesse in Tanzania ed Ecuador, dove i primi progetti sono già partiti.

"Chiamate locali wireless gratuite - spiega l'azienda sul suo sito - messaggini gratuiti e chiamate VoIP a lunga distanza. La tecnologia TerraNet fornisce tutto ciò attraverso rete wireless peer-to-peer e senza alcun bisogno di stazioni base, installazioni di antenne o infrastrutture".

La funzionalità centrale sta nella possibilità di chiamare un certo cellulare passando per un dispositivo "ponte", ovvero il telefonino di un altro utente TerraNet. Il giochino è quello tipico di un ambiente P2P, nel quale gli apparecchi sono "nodi" che possono veicolare verso altri nodi dati e voce per conto di altri membri della rete. Il tutto evidentemente bypassando gli operatori tradizionali, e azzerando di conseguenza i costi delle chiamate, sfruttando la potenza di segnale dei singoli apparecchi, che può arrivare ad un chilometro.

Il fondatore dell'azienda, Anders Carlius, spiega alla BBC, che quando un telefono TerraNet viene acceso, inizia una scansione per verificare se nel suo raggio d'azione vi sono sistemi attivi dello stesso tipo: non appena lo trova attiva una connessione che estende la rete. Quando un certo numero viene chiamato - il cellulare verifica se si trova in un'area coperta e, in quel caso, fa transitare la chiamata".

L'idea, dunque, è quella di un mesh network che consenta di "chiamare o mandare messaggi a chiunque". "Ma quel che è più importante - sostiene TerraNet - è che puoi chiamare e mandare messaggi a chiunque nel mondo attraverso un access point Internet wireless di Terranet". In questo modo, via VoIP, gruppi di utenti di una rete TerraNet che si "colleghi" a un PC connesso ad Internet possono contattare utenti di altre reti

Andrea R. 29.09.07 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la tecnologia come il WiFi-Max sia una di quei strumenti un pò ambigui.
1.Xchè senz altro potrebbe essere reso pubblico e fatto diventare una delle tecnologie di spicco ma considerando il fatto che il mercato delle frequenze radio sia molto spietato, grazie all'introduzione di multinazionali,non vedo l'utilità
2.Conseguenza le comunicazioni saranno presto penalizzate.Infatti cio che sto capendo durante i mie studi universitari sono che se qualcuno ha il potere delle informazioni ha il potere di tutto
con questo voglio dire che non sempre tale tecnologia sia un vantaggio,si arriverà presto anzi prestissimo da parte dello stato a spiare tutte le comunicazioni,coem succede da molto tempo
Possiamo dire che le telecomunicazioni sono state iniziate a spiare quasi all'inizio della guerra fredda, con l'introduz del wi-max la violazione della comunicazione "privata" sarà violata quasi da subito.
3.Tecnologie come wi-max potrebbero creare malattie alle persone o cmq problemi di crescita ai bambini,come uno studio inglese ha dimostrato..
Lo studio è ancora in corso..non c nulla di certa.. ma comunque di radiazioni elettromagnetiche stiamo parlando

mario mario 28.09.07 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
questo è il primo commento che lascio su questo blog.
Sono d'accordo con quello che dice Giovanna, il wimax e, soprattutto, la gratuità degli accessi sono ottime cose, ma siamo sicuri che tutte queste onde siano innocue?

lorenzo brutti 26.09.07 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
questo è il primo commento che lascio su questo blog.
Sono d'accordo con quello che dice Giovanna, il wimax e, soprattutto, la gratuità degli accessi sono ottime cose, ma siamo sicuri che tutte queste onde siano innocue?

lorenzo brutti 26.09.07 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Pordenone ed il Wi-Fi gratuito: inizia la rivoluzione?

Wifi “La città sarà coperta da Wi-Fi. I cittadini di Pordenone potranno usare Wi-Fi gratuitamente ed entrare in internet gratuitamente, starci quanto vorranno. Si potrà iniziare a navigare in rete da fine febbraio 2008 in tutta la zona centrale di Pordene, in marzo sarà la volta di Rorai e poi progressivamente saranno toccati tutti i quartieri. Pordenone, dal 2008, sarà dunque la prima città totalmente coperta da Wi-Fi gratuitamente, con possibilità di accesso gratuito ad internet. Sarà il comune ad assumersi la spesa (importante) per questo servizio che però consentirà di fare un salto enorme alla vita sociale e culturale della città.

Per pura cronaca...

BG for president

Luther Krank 23.09.07 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ATTENZIONE AL WIMAX

Signori,

Da "Grilliano" convinto quale mi ritengo, mi sento obbligato a condividere con voi alcune riflessioni su lla tecnologia WIMAX che, purtroppo, non e' la soluzione a tutti i problemi di connessione del mondo.

1. come riportato sulle specifiche tecniche e da molti siti e giornali specilizzati la tecnologia WIMAX offre una banda di connessione di circa 70Mb ad una distanza di circa 50-60 km in linea d'aria e in visibilita di antenne. In aree urbane, dato il particolare ambiente che includono diversi ostacoli e intervengono svariati fenomeni che ostacolano la raggiungibilita' si riesce ad ottenere circa 10Mb (bidirezzionali) a circa 10 km in un caso medio. Per ulteriori info consulta il sito: http://en.wikipedia.org/wiki/WiMAX#Spectral_Efficiency

2. La banda resa disponibile da un sistema WIMAX (Antenna, rice-trasmettitore, multiplexer etc.. ) quindi nel caso medio e'intorno ai 50 Mb. Cioe' saremmo in grado di fornire connettivita' a 10 utenti fornendo una banda media di 5 Mb o a 50 utenti fornendo una banda media di 1 mb. Il caso di una connessione a 1 mb e' il minimo accettabile per avere una connessione video di bassa qualita'.

Se ne conclude che un sistema WIMAX, sebbene molto "appealing", non puo' essere universalmente conveniente. In aree rurali sicuramente rappresenta la soluzione per il superamento del "digital divide". Ma in aree urbane non e' economicamete sostenibile. (Costo per mb troppo elevato).
L'applicazione per i telefoni WIFI/WIMAX suggerita da Beppe e' senzaltro un idea interessante ma l'applicazione del WIMAX su larga scala per la connessione in rete non e' purtroppo perseguibile.

In conclusione, concordo con Beppe con la politica di "connessione, libera e gratuita per tutti", ma la soluzione con mio grande dolore non l'abbiamo in tasca.

Ciao da un addetto ai lavori.


Mariano L. Commentatore certificato 23.09.07 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Prima di partire in quarta sarebbe bene verificare la nocività di un prodotto: si parlava già anni fa del fatto che un cellulare UMTS potesse alterare il DNA delle cellule se veniva usato per più di dieci minuti. Il WiMax usa frequenze ancora più elevate ed ho il sospetto che i problemi di salute legati al suo utilizzo verranno fuori solo tra moltissimi anni, ma, come al solito, si darà la causa a qualcos'altro. Il vecchio progetto Telecom (Socrate) di portare le linee in fibra ottica nelle case era ottimo: certo, costava, ma era la soluzione meno inquinante. Il fatto è che sono i soldi a dettar legge e le persone in genere non hanno la cura di riflettere sul futuro.

Lo stesso problema si ripresenta con la produzione di energia elettrica o lo smaltimento dei rifiuti o il caro-benzina. Non dimentichiamo che le soluzioni veloci ed economiche andranno a scapito di chi resterà, i nostri figli, che dovranno non solo trovare nuove soluzioni, ma smaltire i rifiuti delle vecchie.

Eppure soluzioni ci sono: lo smaltimento completo delle immondizie e la loro trasformazione in energia può essere realizzato grazie a Luciano Patorno e Nancy Ho, due scienziati che hanno sviluppato un progetto innovativo che recupera praticamente tutto dalle immondizie, non inquina e che fa utilizzare anche gli scarti (in Canada stanno costruendo la prima centrale, in Italia il progetto è totalmente ignorato):
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=206400&START=0&2col=
Ci sarebbe tanto da dire, come sul dire stesso: se non ci si vuole rapportare allo stesso livello dei politici, si deve imparare anche a moderare il linguaggio, anche se si è arrabbiati. L'uso dei termini è importante e offre un segno evidente della cultura, della civiltà e della dignità delle persone. Altrimenti siamo solo bestie che danno aria ai denti, così come si usa dire, e nessuno ci darà peso, se non chi si arma dell'arroganza o della violenza.

Un cordiale saluto a tutti.

paolo t. Commentatore certificato 23.09.07 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Prima di partire in quarta sarebbe bene verificare la nocività di un prodotto: si parlava già anni fa del fatto che un cellulare UMTS potesse alterare il DNA delle cellule se veniva usato per più di dieci minuti. Il WiMax usa frequenze ancora più elevate ed ho il sospetto che i problemi di salute legati al suo utilizzo verranno fuori solo tra moltissimi anni, ma, come al solito, si darà la causa a qualcos'altro. Il vecchio progetto Telecom (Socrate) di portare le linee in fibra ottica nelle case era ottimo: certo, costava, ma era la soluzione meno inquinante. Il fatto è che sono i soldi a dettar legge e le persone in genere non hanno la cura di riflettere sul futuro.

Lo stesso problema si ripresenta con la produzione di energia elettrica o lo smaltimento dei rifiuti o il caro-benzina. Non dimentichiamo che le soluzioni veloci ed economiche andranno a scapito di chi resterà, i nostri figli, che dovranno non solo trovare nuove soluzioni, ma smaltire i rifiuti delle vecchie.

Eppure soluzioni ci sono: lo smaltimento completo delle immondizie e la loro trasformazione in energia può essere realizzato grazie a Luciano Patorno e Nancy Ho, due scienziati che hanno sviluppato un progetto innovativo che recupera praticamente tutto dalle immondizie, non inquina e che fa utilizzare anche gli scarti (in Canada stanno costruendo la prima centrale, in Italia il progetto è totalmente ignorato):
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=206400&START=0&2col=
Ci sarebbe tanto da dire, come sul dire stesso: se non ci si vuole rapportare allo stesso livello dei politici, si deve imparare anche a moderare il linguaggio, anche se si è arrabbiati. L'uso dei termini è importante e offre un segno evidente della cultura, della civiltà e della dignità delle persone. Altrimenti siamo solo bestie che danno aria ai denti, così come si usa dire, e nessuno ci darà peso, se non chi si arma dell'arroganza o della violenza.

Un cordiale saluto a tutti.

paolo t. Commentatore certificato 23.09.07 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo cercare tutti e dico tutti di svegliarci fuori!!!! Grillo dice delle cose giustissime ma siamo noi che DOBBIAMO agire (come per es. firmando la petizione online o firmando ai vari V-DAY).
Se non cominciamo a fare qualcosa il futuro non cambierà mai! E se non cambierà continueranno ad usarci come burattini in tutto e per tutto!

samir bisaro Commentatore in marcia al V2day 22.09.07 15:42| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

L'argomento wifi è da sempre molto complesso, sia dal punto di vista di impatto tecnologico che dal punto di vista di risorse impiegate. Parlare di WiMax senza sapere come lo si impiegherà è inutile.
Non esiste produttore infatti (ma questo vale per il wifi in generale) che rilasci documenti nei quali si attesti che le onde radio sono innocue, ma si potrebbe ovviare con una politica di impiego localizzato della tecnologia.
Per quanto riguarda l'impiego di risorse, un utilizzo "urbano" della tecnologia (palmari wifi con skype ad esempio) richiede una struttura in grado di supportare l'enorme flusso di dati che ne deriverebbe.
Indubbiamente i provider avranno già fatto i loro conti, sapranno "tagliare" la banda a dovere e presentarci bollette che inizialmente saranno sicuramente salate.
Dal mio punto di vista l'obiettivo non deve essere (sarebbe troppo bello) quello di avere frequenze libere, ma quello di ottenere che lo Stato si faccia sponsor delle infrastrutture per la copertura dei territori che ancora sognano la banda larga, ed in seconda battuta ottenere che lo Stato si faccia GARANTE di una reale concorrenza in modo da avere subito prezzi competitivi CON IL RESTO D'EUROPA (non come successo con le varie offerte Adsl).
A tendere, un impiego massivo della tecnologia potrebbe trasformare la bolletta in una più corretta tassa sulle comunicazioni, tassa che potrebbe andare a coprire i costi di gestione e impianto. Utilizzare la stessa tecnologia poi vuol dire trasportare voce, video, dati e applicazioni usando le stesse strutture, riducendo ulteriormente i costi collegati.

Andrea Ferrazzi Commentatore certificato 21.09.07 02:55| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Campania, Nola provincia di Napoli, tutti conosciamo ormai la realtà del CIS di NOLA, Interporto e tra pochi giorni "Vulcano Buono". Sono le uniche realtà positive dal punto di vista della logistica e del successo di aziende "reali" che operano nei settori abbigliamento, trasporti e servizi.
Bene, all'interporto non è possibile avere un'adsl od un contratto Fastweb perchè le centrali telecom non sono "DIMENSIONATE" !!
Si parla di lavoro al sud, di camorra.... belle parole, ma la realtà e che lo stato non può permettere oggi di pensare una realtà produttiva come quella di cui ho parlato senza obbligare la società che detiene la rete a portare una connettività "sufficiente" !

Maurizio Molinari 17.09.07 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Riusciremo scrollarci di dosso la tassa fissa dell'adsl??? Speriamo di farcela, firmate la petizione.
Vai Grillo!!!

Saverio Palmieri

Saverio Palmieri Commentatore certificato 17.09.07 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Riusciremo scrollarci di dosso la tassa fissa dell'adsl??? Speriamo di farcela, firmate la petizione.
Vai Grillo!!!

Saverio

Saverio Palmieri Commentatore certificato 17.09.07 09:37| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ma gentiloni se ne sbatterà le balle di questa proposta, è troppo impegnato a trovare escamotage e/o produrre leggi adoc per ribaltare o ritardare la messa in satellite di rete 4 ,decisa dalla corte di cassazione!!!!

Per una volta Gentiloni fai qualcosa di utile invece che fare provvedimenti anticostituzionali per leccare il cu*o a ber**sc**i.

BASTA CORRUZIONE, BASTA POLITICI SCHIAVI DEL POTERE

davide nespoli 15.09.07 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
il WiMax potrebbe, senza dubbio, essere la soluzione ideale per fornire una connessione, con costi relativamente bassi, a coloro i quali vivono in zone in cui l'ADSL è un miraggio. V'è da dire, per contro, che le frequenze utilizzate potrebbero essere fonte di nocumento per chi si avvale di tale tecnologia. D'altronde la stessa problematica viene discussa da anni in merito alla telefonia mobile. Perchè non si incrementa la ricerca relativa al trasporto di segnale mediante onde convogliate sugli elettrodotti? Se è vero che l'ADSL non arriva ovunque la fornititura elettrica si per cui si potrebbe puntare su questa tecnologia. Che ne pensate? Tornando al WiMax, per ridurre i presunti danni recati dalle frequente, potrebbe essere usato per portare il segnale nel paesino X non raggiunto dall'ADSL e poi distribuire il segnale mediante dei DSLAM. Le idee, così come le soluzioni, sono tante. Si tratta solo di avere la volontà, da parte dei gestori, di volerle realizzare.

Mario C. Commentatore certificato 14.09.07 13:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siamo alla resa dei conti...questo è un GRANDE PASSO verso la NUOVA e VERA TENCOLOGIA...senza finzioni e inganni...finalmente TUTTI potranno se lo VORRANNO...CONOSCERE...il WiMAX rappresenta il punto di inizio di una nuova era tecnologica..velocità di linea copertura assicurata...stabilità di connessione...e telecom a CASA!!!!!

un saluto dal nuovo iscritto MKKOY

ciao BEPPE sei un GRANDE!

Roberto mauro Commentatore certificato 14.09.07 12:50| 
 |
Rispondi al commento

credo che questa sia IL PUNTO DI PARTENZA per la nuova tecnologia...le VERA TECNCOLOGIA...senza menzogne e inganni...in questo modo tutti avremmo la possibilità di SAPERE e CONOSCERE....grande GRILLO...l'idolo di sempre!!!

Roberto mauro Commentatore certificato 14.09.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 17:38| 
 |
Rispondi al commento

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 17:22| 
 |
Rispondi al commento

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 17:16| 
 |
Rispondi al commento

nella mia zona si viaggia con il 56K, è dal 2002 che i dialer mi assalgono(670,00€)telecom prima mi manda una lettera di scuse e dice di non pagare poi però mi taglia il telefono senza preavviso xchè dice che sono stato io a collegarmi. visto che telecom non ha nessun interesse a portare l'adsl nel mio paese forse ha più interesse a far girare i dialer sulla rete?
Nella mia zona hanno da poco istallato una specie di rete wi-fi ma con scarsi risultati visti i costi (esagerati rispetto all'adsl)e anche perche ci sono molte zone d'ombra.
Si aspetta nell'arrivo dell'adsl (se si fa il controllo sul sito di alice ti esce quella bellissima frase "attualmente la sua zona non è coperta ma lo sarà a breve" quante cazzate) ma ormai nessuno ci spera più e forse sarebbe ora che si finisse col fare pubblicità dove si parla di adsl a 20 mega visto che ci sono zone che viaggiano ancora a 56k a noi basterebbe anche una 640k.
Ciao e forza GRILLO.

bruno donato 13.09.07 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma ho letto veramente un sacco di c...ate in questo blog. Visto che è così semplice creare una rete wi-fi / wimax, v'invito a farla voi stessi!! Vi assicuro che si guadagnano un sacco di soldi, naturalmente se siete veri esperti del settore, ma questo lo do' per scontato visto che parlate tutti come se la vostra lavatrice comunicasse con il pentagono utilizzando il wi-fi già 30 anni fa.
Ah, un altro consiglio, costruite anche una navetta spaziale, ho sentito che c'è un sacco di gente disposta a spendere per un viaggio spaziale.

Visio 84 12.09.07 16:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!
Assieme ad un mio amico installo reti wireless in friuli. Prima di tutto bisogna dire che il sistema WiMax deriva WiFi ma anche e sopprattutto dall'UMTS che utilizza un sistema di codifica collegato ad una SIM (o comunque qualcosa di analogo);premettendo questo compaiono le note dolenti...chi può avere delle attrezzature che gli permettano di fare ciò? Anche se un ente o una regione avesse la possibilità di acquistare queste apparecchiature potrà dare un servizio a basso costo? O i soliti operatori aventi già sistemi compatibili in mano (centrali,tralicci,ecc.) gli metteranno i bastoni tra le ruote? Questo è il problema! Ce da aggiungere il fattore distanza:il collegamento tra due punti attraverso un sitema wireless è possibile solo se i due punti si vedono! Se tra i due punti che un albero o peggio un edificio non si passa! Quelle mega offerte dove si dice kit wireless funzionante per 20-30km o sono bufale oppure si tratta di zone completamente libere (senza edifici) e di apparati sicuramente non convenzionali! E più si van in su con la frequenza di trasmissione e peggio è! Il Wifi per interderci lavora a 2,4GHz e più recentemete a 5GHz;il WiMax verrà utilizzato intorno hai 3,6GHz! Il ponte WiFi più esteso lo abbiamo fatto con apparecchiature non convenzionali a 5GHz (perchè c'erano meno disturbi che a 2,4GHz) ed è di 8km! Con un po' di fortuna si riesce a farne 10,ma stiamo parlando di una zona abbastanza libera e di antenne direzionali,che trasmettono il segnale in un'unica direzione! Con un'antenna omni-direzionale (che trasmette a 360°) è impensabile fare quelle distanze;ammenoché non si trasmetta con potenze assurde! Il collegamento senza fili è sensato (almeno per la tecnologia attuale) per brevi distanze,utilizzarlo dappertutto è un vero problema sia a livello di interferenze sia dal punto di vista degli apparati:in città ci vorrebbe un'antenna ad ogni incrocio. Ora che il rame costa più della fibra ottica ci farei un pesierino. Ciao a tutti!

Sandro Coceancigh 01.09.07 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Si è poi capito chi si è aggiudicato l'asta per il wiMax ? Devo iniziare a preoccuparmi sul serio che qualche scatola vuota di telecom se la sia aggiudicata per farci spendereun patrimonio in servizi che non vanno ?

Grazie

Igor Lessio 31.08.07 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Salve, lavoro in un'azienda leader nel settore delle telecomunicazioni, per intenderci, è uno dei principali fornitori di prodotti e servizi per gli operatori di telfonia mobile e fissa. Vorrei dare il mio contributo alla discussione aperta da Grillo.
Credo che ritenere di offrire gratuitamente alla popolazione il diritto all'informazione e alla conoscenza rendendo gratuito un servizio WiMax vada a discapito di chi deve accollarsi i costi: dei prodotti, dell'installazione, della manutenzione, dell'energia elettrica, delle infrastrutture etc...E' un concetto che va contro l'economia del paese e che nega ai lavoratori del settore uno stipendio.
Dietro WiMax c'è la ricerca, il lavoro e la dedizione di chi lavora già sul UMTS, GSM, ADSL. In Italia come nel resto del modo il settore TLC è fortemente di caduta; nella nostra azienda abbiamo dovuto ridurci gli stipendi, licenziare dei colleghi, adesso siamo il 20% di quelli che eravamo 5 anni fà. L'incontrollata guerra dei prezzi che fanno gli operatori sulla pelle degli utenti dei cellulari e dei telefoni mobili ne è la causa principale. Il problema del fatto che alcune persone pagano bollette salate per dei servizi lenti e stanno collegate delle intere ore su internet assegnando il concetto cultura a montagne di informazioni poco attendibili non mi sembra un problema bloccante!
Come utenti potremmo iniziare a pretendere dagli operatori dei servizi di più alta qualità, e limitarci nei collegamenti; passare alla Cultura, quella con la C maiuscola, leggendo dei libri e chiaccherando con le persone che hanno più esperienza di noi o che hanno studiato l'argomento. Non fermiamoci alle belle parole di chi per guadagnare non deve sperare che l'operatore telefonico accetti l'offerta ribassata e sotto-costo per non essere ceduti come ramo d'azienda. Paghiamo i servizi se tali servizi sono di qualità e non esageriamo nell'utilizzo indiscriminato!

Maria Bonaria Murtas 24.08.07 13:12| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di diritto all'informazione, segnalo questa iniziativa per l'Africa. Sarà la solita palla? Speriamo di no, le possibilità teoriche sono enormi

http://www.osageyfo.com/index.php?option=com_content&task=view&id=111&Itemid=51


Il WiMax è come un sistema radio cellulare più un sistema WiFi, quindi produce campi elettromagnetici dannosi.
Non si può realizzare, non deve essere installato.
Si devono attendere altre tecnologie, oppure si devono usare i sistemi via cavo, fibra ottica ad esempio.
Informatevi su cos'è l'elettro-iper-sensitività acquisita. Molta gente soffre di disturbi seri dovuti ai campi elettromagnetici come quello del WiFi, e molte malattie sono causate dai campi elettromagnetici artificiali.

Giovanni Del Colle 11.08.07 21:54| 
 |
Rispondi al commento

FIRMATO ! 115160
Grande come al solito Grillo !!!!!!!

Cesj Capri 11.08.07 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Grillo, nella mia zona si viaggia ancora a 56k.Salvaci te se sai cosa fare Mirko grazie

Mirko Belpassi 11.08.07 15:07| 
 |
Rispondi al commento

al responsabile ict di novara. Io sto a trento e qui il comune ha messo a disposizione gratuitamente il wifi alla cittadinanza (wilma).
Se volete avere un punto di riferimento per il vostro progetto prendete contatto con il comune di Trento, che magari vi può aiutare sulla legge antiterrorismo. Buona fortuna!

giacomo zampieri 31.07.07 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Non ho nulla di nuovoi da dire ma voglio comunque aggiugere la mia voce....sono anche io uno degli esclusi della ADSL (che deve pagare tra l'atro 10euro per la scadentissima56k flat a fronte dell'adsl che ne costa 19 ma almeno è nettamente superiore....) e ripone le sue speranze nel wimax visto che l'internet mobile flat ( veramente) e le soluzioni satellitari valide non esistono....speriamo bene, intanto firmiamo la petizione!

Dario Marziali 22.07.07 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono il funzionario responsabile dell'ICT a Novara. Il Ns Sindaco è entusiasta della proposta di dare Internet gratuitamente ai cittadini ....!! Come Servizio dobbiamo ora sperimentare questo nuovo servizio. Non sono particolari i problemi tecnici da risolvere , con WIFI e /o WIMAX sono disponibili un gran numero di apparati a costi "accessibili". Il problema più grosso da risolvere è la normativa in essere sulla sicurezza e sull'antiterrorismo leggi 196 e 155/05 che se non risolviamo al meglio porteranno i cittadini ad avere Internet Gratis e noi del CED al gabbio!. saluti e complimenti per gli spunti offerti .

alvaro canciani 16.07.07 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena letto i dati parziali della sperimantazione del WiMax in italia.
Le sperimentazioni stanno lavorando bene, nel senso che non vanno a potenziare le già privilegiate città con tutti i servizi internet a disposizione ma centri disagiati. E a vedere i test i risultati sono ottimi. Il WiMax è superato? Forse si ma in altri paesi europei lo usano da qualche anno e i benefici si sentono. Ovviamente abito in una zona disagiata riguardo l'adsl, al confine tra due comuni uno dei quali Viterbo è pure capoluogo di provincia. Abitanti in zona pochi accesso alla rete tramite Umts (caro ma appena suff. a leggere posta e aprire pagine internet) + Satellite (SkyDsl) che durante la notte!!! mi fa assaporare l'illusione dell'adsl. Apro e chiudo subito dicendovi che SkyDsl funziona bene solo il primo mese quando avete la possibilità di recedere dal contratto poi si blocca e va peggio della linea a 56k solo la notte va meglio. A parere mio il WiMax per chi abita in zone con pochi utenti interessati è l'unica speranza. Ho comunque riscontrato un rifiuto ostinato verso le nuove tecnologie da parte di chi non ne usufruisce quasi maniacale,lavoro a contatto con malati di tumori, le antenne avranno sicuramente un impatto negativo, ma l'eta delle persone che hanno questi mali da me sono per fortuna alte e hanno poca famigliarità con strumenti di comunicazione se non quello classico del telefono tradizionale. Mentre tutti mangiano sano e hanno l'orticello sotto casa. Cosa ottima ma se avessero saputo come diluire pesticidi o altre sostanze magari proprio mediante internet, o telefonando dal campo in cui erano al rivenditore per un consiglio, non avrebbero sovradosato i veleni e forse il cancro all'intestino che dalle mie parti supera quello al polmone(tutti fumatori o quasi)si sarebbe evitato.
Questo per dire che ovviamente ci sono problemi più gravi che avere accesso a internet a banda larga, ma la conoscenza sfoga in ambiti che a volte non consideriamo. La novità non è sempre male

Christian B. Commentatore certificato 15.07.07 11:57| 
 |
Rispondi al commento

nella mia zona si viaggia con il 56K, a dic 96 un dialer mi ha rubato 15 euri in 3 sec, sono molto attento, ho provato con wind ma la delusione è stata totale, sono ripassato a telecom (con linux) speriamo bene....grillo salvaci tu, libero accesso a tutti alle linee veloci.
lele

raffaele dondero 09.07.07 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Adsl miraggio irraggiungibile sulla Via Laurentina ben 150 mt fuori dal G.R.A. di Roma! Abito a Fonte Laurentina, quartiere nuovo di zecca o quasi, con tunnel "intelligenti" per cablature e quant'altro ma l' ADSL non c'è e pare che non ci sarà mai! Sembra che nessun provider possa raggiungerci e qundi viaggiamo tutti a 56k, in qualche condominio hanno installato l' antenna wi-fi e va un po' meglio, ma di poco. Nel quartiere abitano ormai almeno 3000 persone e
siamo a ROMA ...che speranze possono avere le "comunità locali" ?
Ho firmato, spero che almeno questa volta si riesca a fare qualcosa!

Stefania Varallo 09.07.07 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fatto:
firma numero 111527.
Commento: "La speranza è l'ultima a morire ... ma in questo momento, con i soliti politici sulle solite poltrone, non cìè molto di buono da aspettarsi."

Danilo Marcucci Commentatore certificato 07.07.07 00:57| 
 |
Rispondi al commento

FIRMATO !!! Grande Grillo

lorenzo fedrigo 05.07.07 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sto a (soli) due km da Roseto degli Abruzzi. Le linee telefoniche sono state posate dalla Wermacht durante la seconda guerra mondiale. L'adsl e' un sogno... la bolleta telecom invece e' perfettamente aggiornata, anche se la linea a 56k ??? cade ogni due minuti. Non prende nemmeno il telefonino.. Ci sono solo agricoltori ed allevatori. Che ne possono sapere loro di tutta questa tecnologia?? che se ne possono fare? Ogni doppino telefonico serve quattro utenze, con quattro bollette. Dicono che un investimento in zona sarebbe antieconomico. Aspettiamo notizie

Goran K. Commentatore certificato 03.07.07 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Il WiMax e nostro!!!!

bella zibi 30.06.07 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi tutti,
proprio in occasione delle licenze Wi-Max vorrei portare alla vostra conoscenza quello che sta intraprendendo una neonata società nata da alcune settimane dalla fusione di due colossi delle telecomunicazioni.
A pochi giorni dalla nascita ha già dichiarato di avere un esubero medio del personale pari al 15% e, subito dopo, di voler continuare nella sua politica di dismettere le "manufatturiere".
Cosa significa? Questo vuol dire che in Italia effettuerà un taglio di circa 450 dipendenti e, inoltre, cederà due stabilimenti produttivi -uno al Nord ed un altro al Sud- che impiegano un totale di circa 700 dipendenti; a questi dobbiamo aggiungere circa altre 1500 persone di indotto.
Queste due società in Italia hanno venduto e continuano a vendere apparecchiature per reti mobili (telefonia cellulare) e sono pronte ad entrare anche nel nuovo mercato del Wi-Max.

Oltre ai sistemi, una delle due -quella la cui politica è da tempo il non avere le manufatturiere- è presente nel nostro paese con circa 40 milioni di telefoni cellulari in attività!!! Sì, avete letto bene, circa 40 milioni!!!
Non lo sapevate? In Italia circolano circa 70 milioni di cellulari e più del 50% sono prodotti (commercializzati) da quella società.

E noi? Noi continuiamo a comprare oggetti di questa casa, prodotti per lo più nel Sud-Est asiatico, e permettiamo che oltre duemila nostri connazionali resteranno senza lavoro... BELLO SPIRITO NAZIONALISTA!!! I nostri vicini francesi col CAVOLO che avrebbero permesso un'azione simile!

Chiedo scusa delle "urla in maiuscolo" ma sono uno di quelli...

Spero che qualche animo si risvegli a questa voce che "urla a nome di tutti i colleghi", lavoratori che da anni remano in una barca che qualcuno ha deciso di affondare con tutto l'equipaggio.

Mario Orlando Commentatore certificato 30.06.07 07:15| 
 |
Rispondi al commento

TEMPO CHE LA FINE DELLA STORIA LA CONOSCIAMO GIA': come per l'adsl e il satellite anche il wimax finirà in mano ai soliti squali con il sorriso benvolente dei politici: non è giusto ma credo che sarà così
ho messo sul mio blog questo Tuo post per dargli nel mio piccolo risalto se ci fossero problemi basta farmelo sapere e lo levo ok?

gaetano gragnano 29.06.07 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, questo è l'ennesimo esempio lampante di battaglia persa prima di iniziare.
qualche anno fa, se ben ricordate, la frenesia della fibra ottica invase le nostre strade con buche e lavoratori addetti alla stesura dei cavi, poi qualcuno pronunciò la parola wi max e tutto si fermò, lasciando paesi montani lontanissimi (a volte anche "addirittura" 15 Km dal centro di Firenze) totalmente sprovvisti dell'adsl.
Ma lo sapete voi (probabilmente no perchè nessuno lo dice) che un cavo di fibra ottica (1, UNO) basta per coprire 500.000 utenze? Non so a voi ma a me sembra palese che i centri irraggiungibili siano rimasti tali per avere in futuro la necessità di gestire in regime di monopolio la nuova tecnologia wi max al fine di raggiungere finalmente questi avamposti della civiltà con un servizio che si poteva (doveva?) benissimo portare con la tecnologia di 10 anni prima.
Spero di sbagliarmi, ma secondo me è gia tutto andato a meretrici, e nessuno come al solito darà voce a chi vorrebbe protestare di queste situazioni.

simone paravelli 29.06.07 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Firmato!!!
Recentemente sono stato a Madeira e alle Canarie: anche li sono più avanti di noi, e ce l'hanno gia!
Vedere gente che tranquillamente naviga in rete utilizzando il portatile mentre aspetta il caffè fuori dal bar mi ha fatto provare invidia lo ammetto.

Francesco Bellesso 28.06.07 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Firmato!!!
Recentemente sono stato a Madeira e alle Canarie: anche li sono più avanti di noi, e ce l'hanno gia!
Vedere gente che tranquillamente naviga in rete utilizzando il portatile mentre aspetta il caffè fuori dal bar mi ha fatto provare invidia lo ammetto.

Francesco Bellesso 28.06.07 19:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Firmato!!!
Recentemente sono stato a Madeira e alle Canarie: anche li sono più avanti di noi, e ce l'hanno gia!
Vedere gente che tranquillamente naviga in rete utilizzando il portatile mentre aspetta il caffè fuori dal bar mi ha fatto provare invidia lo ammetto.

Francesco Bellesso 28.06.07 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe e carissimi tutti.
Non è proprio inerente questa mia risposta, ma pur sempre di PC e di soldi tratta.
Mi riferisco al SISTEMA OPERATIVO
Windows, windows 95, 98, 2000, poi NT, poi ancora XP home edition, XP professional fino ad arrivare all'ultima edizione, naturalmente ancora sperimentale, non stabile, con alcune incompatibilità... Sistemi operativi che costano sui 150 euro (forse anche qualcosa di piu) e che si possono installare SU UN SOLO COMPUTER! Così, se io posseggo due o tre pc, che voglio aggiornare ad un unico sistema operativo, devo comprare tre pacchetti! Assurdo! Come se il sistema operativo fosse di proprietà del pc...
E vogliamo parlare dei programmi? Il pacchetto office, Programmi di grafica da 300 euro, di disegno tridimensionale da 400 euro e oltre?
Quando esiste un sistema operativo ASSOLUTAMENTE GRATUITO, I CUI PROGRAMMI SONO TUTTI GRATUITI: mi riferisco al sistema operativo LINUX.

Anna Tosato Commentatore certificato 28.06.07 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e carissimi tutti.
Non è proprio inerente questa mia risposta, ma pur sempre di PC e di soldi tratta.
Mi riferisco al SISTEMA OPERATIVO
Windows, windows 95, 98, 2000, poi NT, poi ancora XP home edition, XP professional fino ad arrivare all'ultima edizione, naturalmente ancora sperimentale, non stabile, con alcune incompatibilità... Sistemi operativi che costano sui 150 euro (forse anche qualcosa di piu) e che si possono installare SU UN SOLO COMPUTER! Così, se io posseggo due o tre pc, che voglio aggiornare ad un unico sistema operativo, devo comprare tre pacchetti! Assurdo! Come se il sistema operativo fosse di proprietà del pc...
E vogliamo parlare dei programmi? Il pacchetto office, Programmi di grafica da 300 euro, di disegno tridimensionale da 400 euro e oltre?
Quando esiste un sistema operativo ASSOLUTAMENTE GRATUITO

Anna Tosato Commentatore certificato 28.06.07 15:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.....e del canone alle linee solo adsl ne vogliamo parlare? in questi giorni si sta profilando l'ennesimo abuso ai danni di della libertà e dei cittadini, e nessuno fa niente o dice niente,
in parole povere prima potevi avere una linea solo dati e ti risparmiavi il canone telecom ora sei costretto a pagare il canone come se avessi una linea voce. alla faccia della democrazia.

Alessandro Lo Bue 28.06.07 11:43| 
 |
Rispondi al commento

.....e del canone alle linee solo adsl ne vogliamo parlare? in questi giorni si sta profilando l'ennesimo abuso ai danni di della libertà e dei cittadini, e nessuno fa niente o dice niente,
in parole povere prima potevi avere una linea solo dati e ti risparmiavi il canone telecom ora sei costretto a pagare il canone come se avessi una linea voce. alla faccia della democrazia.

Alessandro Lo Bue 28.06.07 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un anno che navigo su internet usando un collegamento wi-max, come dicono loro, in via sperimentale.
Purtroppo, o firmavo questo contratto o mi dovevo accontentare del 56k (e non abito hai confini del mondo, ansi...).

Vi posso dire che la velocità è buona sia in download che in upload.

Un altro vantaggio che ho riscontrato è che essendo impostata come se fosse una rete locale, posso tranquillamente scambiare i file con altri utenti wi-max della mia stessa rete, senza passare su internet.
Ovviamente devo avere l'autorizzazione dall'altro utente.
Forse a qualcuno può sembrare una cosa banale, ma per me spesso è stato spesso utile.

Hanno avuto qualche problema nel mettere a posto la rete, ma lo ritengo un male minore se questo mi permette di navigare bene su internet.


Adesso c'è qualcuno che inizia a spaventare la gente dicendo che il wi-max inquina.
Io non sono un esperto, ma mi hanno detto che è più pericoloso un telefonino, che teniamo vicino alla testa, che avere un antenna wi-max.
Adesso non so se mi è stato detto cosi per tranquillizzarmi e farmi firmare il contratto, comunque io posso assicurarvi che fino ad oggi non ho avuto nessun problema ( c'è chi dice che ti fa venire l'emicrania, difficoltà nella respirazione, aritmia cardiaca).

Spero che chi di dovere farà (o ha fatto) tutti i controlli necessari per tutelare la nostra salute.

Mi hanno anche detto che le frequenze che vengono usate, sono frequenze che già venivano usate in passato, quindi se fa male adesso, significa che anche prima facevano male.

BUONA NAVIGAZIONE A TUTTI.

G. Santoro Commentatore certificato 27.06.07 05:25| 
 |
Rispondi al commento

beppe x president

matteo miai 26.06.07 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, ti ammiro perchè sei la voce di tutti quelli che si ribellano a fare i pecoroni che solo subiscono in questo paese così bello ma reso deludente da questa gente che ce le fà e da quella che ce le nasconde.
Grazie Beppe!!!

Piras Giovanni 26.06.07 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ragazzo di 18 anni e penso che una lotta del genere sia doverosa per noi giovani, sempre meno informati su ciò che ci circonda e sempre più influenzati da false promesse. Costruiamoci un futuro decente...
Michele

Michele Formica 26.06.07 09:42| 
 |
Rispondi al commento

FIRMATA!!!!!

camilla rasori 26.06.07 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Wimax è un grande passo avanti per il settore della comunicazione. Ma mi sembra ingiusto illudere la gente... come hai detto lei sign. Grillo di sicuro finirà in mano al tronchetto dell'infelicità.
Da anni noi per le aziende, e anke purtroppo per lo stato siamo numeri. Io non sono Carafoli Riccardo per lo stato. Io sono un cittadino ke versa tot contributi ke spariscono in qualce tasca. Altro ke Hudinì. Sono stanco! e non solo dell'italia. Sono stanco di sentire parlare di debiti, di omicidi, rapine, tasse (scusa se ripeto rapine), NON NE POSSO PIU'. Ho ventanni e sono già full. In questo momento non mi rivolgo a lei sign. Grillo. Lei è un comico (tra l'altro molto bravo!) non un leader. Mi rivolgo a chi ogni mattina si sveglia e cammina a gambe strette per paura che entrino senza bussare!! ma appena può è lui ke non bussa!! Basta con l'ipocrisia. Se la situazione è questa la colpa non è solo del governo o dell'opposizione o di sto stato del piffero ma è anke colpa nostra! E mia, per tutte quelle volte ke non rispetto l'ambiente, ke non faccio niente! qui in Italia si aspetta sempre ke si muova qualcun'altro come lei sign. Grillo.
Possibile ke la gente è in grado di lamentarsi ma non di reagire!(come faccio io in questo momento)
Non va il governo si va TUTTI QUANTI a Roma e si dice kiaro e tondo: "qui non va, o si cambia o fuoti dalle p...e" ma non fuori dal governo, proprio fuori dalla politica, non devi farti più vedere!! Troppi soldi girano!! Altro ke destra e sinistra lì son tutti d'accordo! 5 anni io 5 anni tu!! Si discute sui dico, sulle famiglie.... ma ke caz.. non si arriva a fine mese e questi parlano dei dico? c'è gente ke muore per la diossina nell'aria e questi parlano delle ricariche del cellulare! ma che vivano loro per qualche anno come un normale cittadino!! mi fermo qui sennò mi buttano in galera... tanto ormai funziona così... Parli male del governo e ti censurano, uccidi e c'hai taormina ke ti tira fuori!
In gamba sign Grillo A risentirci

Riccardo Carafoli 25.06.07 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
considerato che mi collego alla rete a 56Kps (grazie a TELECOM che si RIFIUTA (!) di portare l'ADSL al mio paese perche scarsamente interessante dal punto di vista economico, ti chiedo cortesemente di fare una versione "light" del tuo sito, altrimenti impiego almeno 15 minuti per aprire il tuo sito (a causa di immagini, link e varie). Permetteresti a quelli nella mia stessa situazione di risparmiare qualche soldino di telefono. Grazie

Andrea

Andrea Tavella Commentatore in marcia al V2day 25.06.07 09:57| 
 |
Rispondi al commento

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2025555

in Svizzera l adsl sara un diritto di tutti

dario de ascaniis Commentatore certificato 25.06.07 07:30| 
 |
Rispondi al commento

Sarà pure una tecnologia rivoluzionaria per quanto concerne il libero (forse) accesso alle informazioni senza cavi e problemi all'ultimo miglio, ma con certe frequenze bisogna stare attenti.

Cellulari e sistemi wireless agiscono a livello cellulare (neurale) in modo ancora poco chiaro. Gli effetti si sentono in qualche modo, ma il fatto che vengano più o meno avvertiti non è sufficiente a scatenare un'allerta generale... addirittura c'è che è allergico a livello cutaneo a certe frequenze 'sottili'.

A me preoccupa più la mia quello che succede all'interno della mia scatola cranica e che non percepisco direttamente.

Electromagnetic Hypersensitivity
http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs296/en/

Forse dovremmo metterci dei caschetti metallici quando siamo in prossimità di un ripetitore, anche casalingo. Immaginati tanti Maghi Merlini internettari... a chi invece gli si arrossa la pelle invece servirebbe una sorta di tuta spaziale magari.

Due esempi:

Electro-sensitivity, EMF and WIFI - one woman's saga
http://tinyurl.com/yv9f6c

WiMAX Use Causes Health Concern
http://tinyurl.com/25xv4w

Giovanni Vignoli 23.06.07 12:47| 
 |
Rispondi al commento

SPAMMING
che ne dici se con la forza del tuo blog combattiamo un pò lo spamming?
negli ulimi mesi sono sommerso da proposte di casinò on line !!!
e se ci mettiamo tutti d'accordo e ad una certa ora precisa tutti insieme apriamo il sito del casinò e provochiamo il crash del server? E magari l'operazione la facciamo tante volte forse se la smettono di rompere no?
oppure li sommergiamo di email sulla loro casella di posta...
ciao enzo

enzo vacalebre 23.06.07 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi, capisco dare informazione su tutte le vergogne dell'Italia, ma quando si comincia a fare veramente qualcosa per cercare di cambiare questo Stato che non ci rappresenta piu'? Dobbiamo smettere di coltivare ognuno il nostro orticello! Viviamo in un paese bellissimo,con grande potenzialità, e lo facciamo deturpare da una massa di cantastorie impunibili!

Enzo Presutti 22.06.07 23:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe leggevo che il futuro non sono le micro onde, perche il WI-FI dal quale il WIMAX deriva di fatto sono micro onde sopra ai 2Ghz..e le micro onde quando hanno una certa potenza come sappiamo bene fanno male.Già siamo invasi da alte frequenze con tutti i ripetitori cellulari ora ci mettiamo anche il WIMAX?

Il futuro dicevo sembra essere nell'infrarosso, un nuovo tipo di infrarosso a lunga distanza, non sono molto informato ma credo sia ora in fase di sperimentazione.
Dobbiamo ridurre le emissioni elettromagnetiche non aumentarle ancora di piu'.

Buffoni Energetici 22.06.07 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Otto mesi fa circa andava in onda sul canale Bbc (famosa per il suo giornalismo scomodo e dirompente) il documentario “Sex Crimes and Vatican” (per comodità di seguito lo chiamerò SCAV), preceduto da un forte battage pubblicitario: era stata trovata la pistola fumante riguardo ai tentativi del Vaticano di insabbiare i casi di Pedofilia nelle proprie file...
Vuoi per la copertura ISDN carente, vuoi per il pessimo costume tutto italiano del non saper parlare altre lingue se non quelle del proprio paesello (e forse un inglese scolastico), in Italia il documentario è per molti inaccessibile, sebbene sia visionabile tramite il portale della Bbc e poi tramite il portale video-streaming Youtube.
Passano 8 mesi e poche settimane prima dell'interessamento di Santoro, il documentario viene sottotitolato in Italiano (in modo maldestro...) e posto nuovamente su Youtube: è l'esplosione dell'interesse... in pochi giorni 2 milioni di italiani lo vedono. Santoro sniffa l'affare ed inizia la procedura (da tempo osteggiata) per l'acquisto del “famoso” documentario (comprato poi praticamente in saldo per soli 20.000 euro). Finalmente entra nelle case degli italiani tramite la Rai e... Le luci si abbassano, inizia la proiezione, inizia il processo....

Ma negli 8 mesi circa passati tra la messa in onda inglese e quella italiana, cosa è successo? Quanto effettivamente gli italiani sono in ritardo sul dibattito scaturito da questo documentario bomba?
Di molto... effettivamente lo scandalo è già stato smontato da molti giuristi e anche da uno dei diretti intervistati nel documentario stesso... ma andiamo con ordine e tracciamo quali sono le linee guida proposte nel documentario “SCAV”:

http://www.gifra.org/modules/news/article.php?storyid=4

Michele Spanu 22.06.07 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Lunga vita al waimax!

swperiamo bene!!!!

devo navigare x forza su rete telecom-ricottara?

che devo cliccare www.sitochevuoitu.xxx o www.ricottari.xxx?
spero sia stat compresa la battuta.....

Agostino Pedata (16:9) Commentatore certificato 22.06.07 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Forse oltre la petizionbe sara' il caso che ricordiamo hai nostri politici di qualsiasi schieramento che chi si oppone al wimax libero alle prossime elezioni perdera' molti voti questo vale sia per gente di sinistra che di destra.

alessandro motta 22.06.07 17:07| 
 |
Rispondi al commento

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 06/04/2005
SULLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE IN BANDA LARGA ATTRAVERSO LA RETE ELETTRICA
(Testo rilevante ai fini del SSE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,
vista la direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio,
del 7 marzo 2002, che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di
comunicazione elettronica (direttiva quadro)1, in particolare l'articolo 19, paragrafo 1,
considerando quanto segue:

http://www.costozero.org/normativa/europa/2005-04-06.pdf

... Dite che Tronchetti Provera lo sapesse già??

Antonino Di Bella Commentatore certificato 21.06.07 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Una raccomandazione della Commissione Europea promuove Internet su rete elettrica: gli obiettivi principali sono quelli di favorire la concorrenza del mercato d'accesso ad Internet ed di aumentare di un tasso tra il 5% e il 10% la penetrazione della larga banda negli stati membri. In Europa duecento milioni di edifici (e dunque anche quelli degli utenti che abitano o lavorano in aree ancora isolate dal punto di vista della telecomunicazione a banda larga) potrebbero disporre, grazie a questa tecnologia ed alla capillarità della rete elettrica sul territorio, di connessioni veloci al costo di circa 50 euro all'anno: è facile comprendere la contrarietà dei colossi delle telecomunicazioni, che cercano di ostacolare in ogni modo il decollo di una tecnologia così economica.
Pi in particolare, gli oppositori della tecnologia PLC sostengono che tali sistemi possono causare interferenze e rumore di linea, che deve necessariamente rimanere sotto il livello di emissioni consentito dalle attuali normative. In base alla raccomandazione della Commissione, per la quale i problemi a livello di interferenze sono molto inferiori rispetto a quelli che esistevano ai primordi di questa tecnologia, le autorità di regolamentazione nazionale devono assicurarsi che i fornitori di servizi PLC non siano tenuti a rispettare standard sulle interferenze pi severi rispetto a quelli imposti ad altri gruppi tecnologici, come, ad esempio, i produttori di apparati elettrici.
Auguriamoci che "Internet Elettrica", se realizzata, determini l'abbattimento degli attuali oligopoli e non rappresenti un'occasione per crearne di nuovi.

http://www.costozero.org/wai/a9.html

Antonino Di Bella Commentatore certificato 21.06.07 14:19| 
 |
Rispondi al commento

BRESCIA — Accesso a internet a banda larga attraverso le linee elettriche invece dei tradizionali cavi telefonici. È la nuova sfida lanciata da «Selene», società informatica del gruppo Asm. Si tratta — come spiegato durante la presentazione — del primo servizio con queste caratteristiche tecniche offerto in Italia a livello commerciale. Il punto di partenza è il mercato bresciano, iniziando dal «Villaggio Sereno», in città, dove sono già state raccolte le prime adesioni. «L'obiettivo — spiega Oreste Galasso, amministratore delegato di Selene — è arrivare a quota 12 mila clienti in tre anni e mezzo tra i 90 mila utenti già serviti di elettricità a Brescia da Asm».


CONTINUA > > >

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2006/07_Luglio/07/elettroweb.shtml

Antonino Di Bella Commentatore certificato 21.06.07 14:16| 
 |
Rispondi al commento


@adriano calzolaro 17.06.07 17:15


Al sig. Maurizio Antolini

Neanche con una signora, maurizio antolini, evita il turpiloquio e l'offesa. Anzi, denuncia seri problemi relazionali.
Ha ragione, ho sbagliato.
Non mi rendo conto che sui blog c'è proprio di tutto e che i loro problemi li vanno a sfogare sul prossimo, mancando di rispetto, offendendo e, forse, avendo molto da perdere...
Ho sbagliato, ma se vuole, sono solito consigliare nella mia vita, a quelli che sono nella sua condizione, specialisti molto bravi.
E da questo momento moderi i toni ed attento e agli epiteti.
Non avrò più comprensione.

=================================================

Altrimenti che fai ? BUFFONE ! a chi credi di minacciare pulce, e fissalo questo incontro invece di blaterare.
ora sei tu che mi stai stancando !


Maurizio A. Commentatore certificato 21.06.07 02:51| 
 |
Rispondi al commento

ma magari...:)

roberto licheri 20.06.07 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Tu non sei un uomo ma una forza della natura. Ti ammiro tantissimo per quello che fai.Un plauso anche ai componenti del tuo staff. Tutte persone degne di essere chiamate tali.Ma quanti Grillo ci dovrebbero essere in Italia per cambiare la situazione? Sono una mamma in apprensione non solo per i miei figli ma per tutti i giovani che si ritrovano a vivere in una societa' di m...da

carmela litrenta 20.06.07 19:27| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Secondo me è necessario che le licenze del wi-max vengano assegnate a chiunque ne faccia richiesta, anche a ditte individuali desiderose di gestire il bacino del proprio piccolo comune,..ecc..
Insomma, ok alle licenze agli enti, per me va bene anche i grossi Telecom, Wind, ecc..., ma la vera cosa importante secondo me è che il mercato sia ampio e, per il locale, sia gestito anche da aziende di piccola entità.

Questo è il mio pensiero.

Carlo Flora 20.06.07 18:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Inaudito! SPeriamo che non ci tolganop anche questo...

Ivan R. Commentatore certificato 20.06.07 16:03| 
 |
Rispondi al commento

rendiamo il wimax libero

GIOVANNI FLAUTO 20.06.07 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Un piccolo fuori tema (ma sempre dei nostri mezzi di informazione si tratta):
Ma è mai possibile che in alcune televisioni private continuino a trasmettere giochi truffa con cassette registrate, nonostante lo sputtanamento fatto da striscia la notizia con tanto di arrivo di volanti dei carabinieri (che volevano arrestare l'inviato di striscia)!!
Ma dove sono i censori cattolici, puristi, legalizzati? ma è possibile che non c'è un carabiniere che si senta preso per il c..o a vedere quelle trasmissioni deficenti ma che evidentemente truffano tanti poveri cristi e che non senta il prurito di andare a manganellare qualcuno???

giuseppe messe Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.06.07 00:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Sono convinto che la conoscenza deve essere LIBERA e aperta tutti. Perchè dobbiamo pagare svariati euro al mese per conoscere cosa succede nel mondo? Solo chi ha maggiori disponibilità economiche ha diritto di seguire un' informazione imparziale e non filtrata dagli scandalosi media italici? E gli altri?

Non sò se Wi Max sia il sistema migliore, so per certo che qualcuno (lo stato, gli alieni, Berlusconi in persona) dovrebbe iniziare a pensare di fornire, ogni casa in Italia, di una connessione online gratuita.

Nel paese dove non ci sono soldi per comprare la carta per le fotocopie nei tribunali sarà facilissimo!!!

Un utopia once a month...

saluti

Giacomo Robustelli 19.06.07 23:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanto scetticismo sull'inquinamento ambientale che potrebbe portare il wimax. Non sono un esperto in telecomunicazioni ma se non erro il segnale di un cellulare riesce a passare i muri di una casa tranquillamente mentre il wimax cosi come l'hiperlan funzionano a visibilita'. Ricercando su internet un antenna wimax sono 4w mentre un gsm mi pare di ricordarmi anche 25w.

Andriani Paolo 19.06.07 22:34| 
 |
Rispondi al commento

E' bello vedere che ogni 4-5 secondi le firme aumentano di 3/4 unità... tutti a firmare!!!!!!
Tanto per informare sono state raggiunte le 83744 firme con la mia.


http://s1.bitefight.it/c.php?uid=63551

Roberto Villa 19.06.07 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Dal momento che come amministratrice con delega all'innovazione tecnologica del comune di Mantova mi sta molto a cuore questa situazione posso aggiornarvi sullo stato di fatto. Insieme a Genova e Firenze abbiamo scritto una lettera al presidente dell'Anci (associazione nazionale COmuni Italiani). Ora questa lettera verrà ufficialmente inviata al nostro governo ed è un atto ufficiale che rappresenta tutti i comuni Italiani. Purtoppo non riesco a pubblicare il testo integrale per mancanza di spazio.COmunque riporto i punti contenuti in questa lettera ed indirizzati all'esecutivo.
Alla luce della delibera 209/07/CONS dell’AGCOM, che ha visto esclusi i comuni dal processo decisionale e confortato dalla comunicazione COM (2005) 400 della Commissione Europea del 14 Settembre 2005 chiedo che siano presi in seria considerazione nella predisposzione della procedura di asta pubblica alcuni punti di seguito indicati.
a)Assegnare le frequenze sulla base di un progetto di qualificazione e copertura delle aree assegnate (Beauty contest) e non in base al solo prezzo offerto.
Solo un progetto che riporti un’analisi costi/benefici sociali può consentire la migliore certezza che le risorse scarse dello spettro di frequenza siano utilizzate al meglio.
b)Assegnare la terza licenza prioritariamente sulla base delle necessità del pubblico interesse ed prioritariamente alla pubblica amministrazione.La PA si impegna ad utilizzare le frequenze per fornire servizi pubblici e ad aprire la rete ad operatori privati che potranno vendere i propri servizi di accesso ad internet al pubblico.
c)Chiediamo che l’assegnazione delle frequenze sia fatta su base regionale su tutto il territorio e che siano stralciate le città metropolitane prevedendo per esse la titolarità diretta.

Putroppo è solo uno stralcio piccolo...ma l'obiettivo è far capire che non possiamo permetterci che queste frequenze vengano in toto affidate ai "soliti noti" a danno dei consumatori e di tutti i cittadini Italiani!

Benedetta Graziano 19.06.07 17:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


In riferimento al WI-MAX la situazione è già compromessa; le frequenze saranno destinate ai soliti ignoti.......ma quello che è difficile credere è che una azienda come la nostra che ha coperto più di 2500 KMq di territorio con il WI-FI (cioè con tecnologia WI-MAX ma su frequenze libere 5.5/5.7GHZ) e stiamo dando sia Banda Larga sia VOIP ai nostri utenti ma nessuno ci da il giusto risalto.Tutta la nostra rete è stata costruita con fondi privati e tanta fatica e passione(miei e dei miei dipendenti/colleghi).Abbiamo abbattuto quasi tutto il digital divide presente sul territorio della provincia di Frosinone; più volte, inutilmente,abbiamo chiesto anche aiuto logistico ai nostri "rappresentanti Politici".Come sempre, le gare di appalto sono a bando 'a trattativa privata';le piccole aziende come la nostra, capaci di dare occupazione a circa 50 persone sono sistematicamente escluse da ogni finanziamento perchè sprovvisti di requisiti che loro dichiarono fondamentale:' la vostra azienda non può participare perche non fattura un milione di euro!!!!'
Spesso da amministratore della nostra azienda mi pongo una domanda: che fine faremo quando arriveranno queste iene con questo Fantomatico WI-MAX??? i nostri 16 dipendenti interni più i 36 consulenti esterni che fine faranno??Chi ci ripagherà di tutto il lavoro svolto e dell'obiettivo collettivo raggiunto??
Aldo Pironi
Amministratore Unico
HelloTel Telecomunicazioni SRL


Premetto: non sono informatissima sull'argomento, sto cercando di documentarmi meglio..
Un amico mi ha però fatto presente il link

http://www.disinformazione.it/wifi_allarme.htm

Visto che è buona cosa sapere quello che nessuno dice sia in un senso che nell'altro, forse è bene mettere un'altra pulce nell'orecchio a tutti(magari una pulce zoppa).
Ciao Miao

Sara S 19.06.07 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, sul sito non ufficiale di Marco Travaglio c'è un'altra petizione sulla cosidetta "LEGGE BAVAGLIO" pubblicizzala sul tuo blog per la raccolta firme sicuramente ne raccoglierai di più.

Donatella Ruggeri 19.06.07 16:04| 
 |
Rispondi al commento

... aggiungerei ...

Netsukuku nasce dall'idea di creare una rete pura, che sfrutta il caos, si crea e si mantiene autonomamente, e sopravvive adattandosi alle mutazioni delle connessioni in rete, come un frattale. L'unione degli algoritmi di gestione di una rete pura con algoritmi frattali e le teorie matematiche sul caos è una delle caratteristiche che permette a Netsukuku di poter creare una rete diffusa e distribuita, non centralizzata, anonima, anarchica, non controllabile, ed autonoma. Scopo di Netsukuku è far sì che chiunque, in qualunque luogo e in qualsiasi momento possa agganciarsi immediatamente alla rete senza dover passare attraverso adempimenti burocratici o contrattuali. L'indirizzo IP che identifica un computer è scelto casualmente ed in modo univoco (eventuali collisioni vengono risolte), quindi non è associabile ad una località fisica precisa, e le stesse rotte, essendo formate da un numero innumerevole di nodi, tendono ad avere una complessità e densità talmente elevata da rendere il tracciamento di un nodo un'impresa estremamente complicata. La velocità del trasferimento dei dati è limitata unicamente dalla tecnologia attuale delle schede o dispositivi di rete.

http://it.wikipedia.org/wiki/Netsukuku

Antonino Di Bella Commentatore certificato 19.06.07 15:26| 
 |
Rispondi al commento

@ BEA E DANTE

Ciao, il vostro intervento lo considero DAVVERO INTERESSANTE e merita tutte le attenzioni del caso.

Ho cercato in rete informazioni a riguardo ed ho trovato molte domande tra le quali le seguenti:
K.Hiei Says:
Maggio 29th, 2007 at 11:46 am
Non per essere tedioso,ma la velocità e la copertura non sono gli unici fattori determinanti per stabilire la qualità della connessione,ci sono infatti punti,che come mi immaginavo,non sono affatto chiariti!

Domanda 1 - Qual’è il Ping per una distanza di 300 Km??
Domanda 2 - Qual’è la sensibilità alle varie interferenze di questo segnale?
Domanda 3 - Qual’è la penetrabilità di questo segnale?(Può passare attraverso gli edifici o ha bisogno di spazi aperti?)
Domanda 4 - Che frequenza usa?,questa frequenza è già usata da altre applicazioni o istituzioni?(Come nel caso del WiMax,dove le frequenze erano usate dal ministero della difesa)
Domanda 5 - Quanti lotti di frequenza si possono usare?,quanti diversi ISP contemporaneamente possono fornire un servizio attraverso questo segnale?(Il WiMax ad esempio è stato suddivoso in soli 3 lotti per garantire una qualità decente).
Domanda 6 - Qual’è la VERA velocità di questa connessione per area?,una singola appplicazione si può collegare ad una velocità di 20 Mb al secondo,ok,ma cosa succederebbe se fossero 100 utenti in un’area di 1000 metri quadri?,qual’è l’effetiva capacità di trasmissione massima?

http://aghost.wordpress.com/2007/05/28/ixem-straccia-il-wi-max-con-un-collegamento-wireless-da-300-chilometri/

Sto ancora cercando risposte e mi sto documentando più che posso...

Finalmente qualcosa su cui varrebbe la pena indagare.

Saluti.

Antonino Di Bella Commentatore certificato 19.06.07 15:11| 
 |
Rispondi al commento

...Grazie Beppe ti avevo inviato la segnalazione e tu prontamente l'hai notificato...miticoooo!!!
P.S. io sono abbonato a Focus e questo mese si parla delle nuove tecnologie che arriveranno nei prossimi cinquantanni, spettacolo senonché alla fine dell'articolo l'Enel parla del suo nuovo sito per il carbone pulito, ma vi rendete conto accanto alle tecnologie per creare elettricità dal movimento delle maree o dal sole o dal vento enel parla di " CARBONE", se si potesse fare scriviamo a Focus per raccontare la "nostra"versione dei fatti e sputtanarli!!!
Ciao, Veleno.

Fabio Messineo (alcor) Commentatore certificato 19.06.07 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ TUTTI

RIPRENDIAMOCCI L'ENEL!!! (ed inglobiamo la telecom)


http://www.portel.it/news/internet/03-2006/cina-la-larga-banda-corre-sui-cavi-elettrici.html

Antonino Di Bella Commentatore certificato 19.06.07 14:26| 
 |
Rispondi al commento

MOLTI PENSANO CHE SIAMO UN PAESE AD ELEVATA TECNOLOGIA E CON FORTI RICHIESTE DALL' UTENZA. INVECE SIAMO IL PAESE CHE OSPITA IL PAPA, CHE ELEGGE PIU' VOLTE L' EMISSARIO DELLA MAFIA A CAPO DEL GOVERNO E CHE HA META' DEI PENSIONATI A 400 EURO AL MESE. MA SIAMO SERI!!!! SALUTI

Francesco Manfredi 19.06.07 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Internet "Gratis" non vuol sempre dire Internet "Libera". Sei disposto a cedere parte della tua Privacy per avere Internet Gratis?
Mi spiace se il link e' solo in inglese, ma e' molto interessante.

Saluti da Mountainview (terra di Google)

"Who Pays for Free Wifi?" from the program The California Report:

http://www.californiareport.org/domains/californiareport/archive/R706151630/c

Franco Moriconi 19.06.07 01:19| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Aiuto!Vorrei da te o dai tuoi collaboratori così attivi per ciò che riguarda la libertà ed il diritto ad una corretta informazione, un ragguaglio o almeno un parere su quella che mi auguro sia un'anomalia che si sta verificando in rete.
Io e altri ragazzi attivi in vari gruppi (es: Meetup Grillo, Greenpeace, Manitese, etc.) a tempo perso mettiamo in condivisione su Youtube video inerenti a fatti o informazioni passati sotto silenzio,un esempio su tutti le dichiarazioni di Brzezinski al Senato sulla Guerra in Iran. Arrivo al dunque: alcuni di noi sono in questi giorni si sono trovati di fronte ,al momento del login su Youtube, la scritta "your account has been suspended". Le voci sono tante e fioccano le leggende urbane,quello che vi volevo chiedere in soldoni è se anche in Internet è arrivata la censura. Nel panorama italiano ed estero questa è magari una piccola cosa ,ma per tanti miei giovani coetanei l'accesso a questo tipo di video/informazione è stata una chiave di svolta per sensibilizzarsi su alcuni temi ed attivarsi anche fisicamente nei sopracitati gruppi,per non precisare l'ovvio dicendo che ci viene preclusa una grossa fonte per la condivisione di idee e informazioni da una vergognosa e illiberale censura.
Vi ringrazio per l'attenzione e spero riusciate a rispondere al mio piccolo quesito
Cordiali Saluti Brugnolo Valerio

valerio brugnolo 19.06.07 00:41| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare più inziative del genere, petizione on line e cose simili, soprattutto mail a raffica a tutti perchè finalmente si occupino di cose serie e non solo delle tette rifatte della velina di turno!!!

Alessandro Rosetti 18.06.07 23:03| 
 |
Rispondi al commento

caro peppiniello!!!!!
ma cosa succede, nn ti interessa più il disastro ambientale, emergenza rifiuti, il tuo amico nonchè dipendente romano che detta leggi anticostituzionali e antidemocratiche.........
ariano irpino...... ma cosa è successo? e l'altro tuo amico bertolaso?
io un certo priodo di storia nn l'ho vissuto credo che con questo episodio abbiamo fatto qualche passo indietro.
REPRESSIONE PROPAGANDISTICA!
dopo l'episodio, la mattina successiva si sveglia quel porco di barile il procuratore, e indaga sulle persone che hanno distribuito volantini, coloro che giravano in auto col megafono ed invitavano la popolazione in piazza e nn solo.........
a questo punto mi auguro che tutti coloro che si sentano offesi, traditi e sopraffatti da questo governo ipocrita scendano giù in piazza e facciano sentire la propria voce, anche con la forza, perchè ciò ce è successo ad ariano irpino, va contro ogni forma di democrazia

romano mortadella 18.06.07 21:59| 
 |
Rispondi al commento

FORSE SONO RIUSCITA A FIRMARE LA PETIZIONE..
DI SOLITO NON CI RIESCO

bruna S. Commentatore certificato 18.06.07 21:01| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno,mi chiamo degiovanni danilo,ho 53 anni e ho studiato solo il francese:divento cretino tutte le volte che devo dare l'ok per un referendum via internet a causa dell'inglese;scusate l'ignoranza ma...l'italiano no?grazie e scusate.

danilo degiovanni 18.06.07 18:30| 
 |
Rispondi al commento

MOLTI PENSANO CHE SIAMO UN PAESE AD ELEVATA TECNOLOGIA E CON FORTI RICHIESTE DALL' UTENZA. INVECE SIAMO IL PAESE CHE OSPITA IL PAPA, CHE ELEGGE PIU' VOLTE L' EMISSARIO DELLA MAFIA A CAPO DEL GOVERNO E CHE HA META' DEI PENSIONATI A 400 EURO AL MESE. MA SIAMO SERI!!!! SALUTI INCAZZATI

Francesco Manfredi 18.06.07 18:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Io ci sarò. Non sono Italiana, ma amo Italia come se fosse la mia Patria. Dobbiamo renderci conto, l'Italia è sull'orlo di una crisi molto pericolosa e ho paura che non ci sarà più la via di ritorno. Ma avete visto chi ci sta al Governo? Italiani, svegliatevi!!Non basta essere dei patrioti solo quando vince la Nazionale di calcio o quando vince la Ferarri. Essere in piazza l'8 settembre...vorrà dire essere patrioti e soprattutto essere intelligenti e con certo senso civico-politico. Beppe for President!!!!!

Ana Busic 18.06.07 17:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao, Beppe, in riguardo alla tua battaglia, mi è venuto in mente una cosa e voglio dirtela, se magari si possa realizzare.

facciamo una s.p.a. per poter concorrere all'acquisto delle licenze.

non ho idea del costo.

ma ne siamo tanti, il piccolo sforzo di ognuno può trasformarsi in una grande cosa, importante per tutti.

io dico seriamente, valutala se vuoi. ciao

Abramo Ialongo 18.06.07 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sicuri che poi qualcuno non avrà qualcosa a che dire sulle emissioni elettromagnetiche delle antenne che, visto il flusso di dati da gestire, non potranno che essere molto più potenti di quelle dei telefoni cellulari ?
E' il classico rovescio della medaglia che potrebbe essere applicato a tanti bei ragionamenti che vedo pubblicati sul blog (vedasi l'utilizzo diffuso dei biocombustibili che porterà all'abbandono delle culture agricole di sussistenza nel paesi in via di sviluppo a favore delle culture da cui derivare i combustibili). Capisco l'onda dell'entusiasmo ma attenzione alle conseguenze.
Saluti
Cristiano

Cristiano De Vecchi 18.06.07 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Io ne avrei assolutamente bisogno, dato che vado avanti col 56ke qui da me l'ADSL neanche l'ombra....

Però credo che purtroppo un accesso gratuito ad internet in Italia sia impossibile, dato che Gratis è morto da un bel pezzo, ma in Italia non è mai nato!

Francesco Battistelli 18.06.07 15:57| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

La verità sul wireless:
Sono un imprenditore nel settore informatico, radioamatore che ha iniziato ad avere le prime esperienze nel settore delle comunicazioni digitali circa 15 anni fa.

Nel 2000 ho iniziato a dare la mia collaborazione ad una delle prime (Se non la prima) reti sperimentali wireless 802b in collaborazione con il CNR di Pisa. Tutto visitabile presso il sito http://radio-linux.isti.cnr.it. Con mezzi banali (300 €) riuscivamo a raggiungere distanze fino ai 20Km a velocità di 11mbit (Già sufficenti per metter su una rete VOIP GRATIS).Lo stato naturalmente ha continuato a ostacolare queste forme di comunicazione, ma stranamente solo quando erano privati cittadini ad utilizzarla. A pisa infatti, sono nate numerevoli società, che con l'appoggio dell'università (E vi farei vedere chi è socio di tali società)è riuscita ad arricchirsi impendendone comunque l'effettiva espansione pubblica.A riprova di ciò, un comune nella Provincia (Vicopisano. Cercate viconet su google) già dal 2002 (Fra i primi in italia) offriva internet gratis a tutti i suoi cittadini con tale soluzione; ebbene tali società sono riuscire a ostacolare in tutti i modi (Tecnici e non.)tale attività fino al punto di farla quasi morire. Da parte mia vi posso dire questo.Il wimax verrà bloccato in tutti i modi.. ma se ci organizziamo potremmo ottenere lo stesso risultato con il wifi normale.
Io metto a disposizione la mia esperienza per qualsiasi serio progetto a riguardo.
Beppe, mi rivolgo a te, il digital divide si può superare fregando anche questa volta lo stato.. sfruttiamo la logica del gruppo fon, ma in forma completamente gratuita.

Ciao

Amedeo Bruni Commentatore certificato 18.06.07 15:43| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aspettando il WIMAX vorrei segnalare FON, una azienda nata in Spagna, che vuole creare una enorme rete Wireless grazie alla condivisione tra i componenti della comunità dei foneri dell'accesso a Internet.

In pratica tutti i foneri permettono agli altri foneri che si trovino nelle vicinanze, di accedere alla propria rete WiFi di casa.

Ne parlo nel mio blog (http://www.antoniocattarossi.com/blog/it/category/web/)

Ciao a tutti

Antonio Cattarossi 18.06.07 15:00| 
 |
Rispondi al commento

WIRELESS?????

ESISTE GIA SENZA IL WI-MAX......

http://www.e4a.it/chi_siamo.html

http://www.infoe4a.it/forum/index.php

muahhahah....

GIORGIO G. 18.06.07 13:07| 
 |
Rispondi al commento

beh! cosa è questo entusiasmo da parte del grillo pirlante.

ma le onde Wi non fanno più male?

adesso la conoscenza vale anche l'inquinamento elettromagnetico?
ma buttati in un inceneritore!!!

maurizio bolzani 18.06.07 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile !!! Guardate cosa è stato capace di fare l'Ateneo di Torino ...
http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/wifi/record-collegamento/record-collegamento.html

Ettore E. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.06.07 12:02| 
 |
Rispondi al commento

@ francesca vigni

"le famose immunità parlamentari"

forse può interessarti...

http://www.antoniodipietro.com/2007/06/privilegi_dei_parlamentari_al.html#comments

jean bleu Commentatore certificato 18.06.07 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Achi piace investigare do questa traccia per vedere dove arriva il wi max
Celtech del Sig. Bensaja
Celtica Ambiente del Sig. Bensaja

http://es.camera.it/_dati/leg13/lavori/doc/xxiii/040/d040.htm

Sveglia, sveglia !!!

Marina Battilocchi 18.06.07 10:58| 
 |
Rispondi al commento

PAURA, EH?


un pensiero sulle radiazioni elettromagnetiche:

hanno tutti paura delle antenne per telefonini, che sparano il segnale di solito per qualche centinaio di metri, massimo per qualche chilometro.

Qualcuno che vive 24 ore su 24 coi figli ad esempio a milano o roma vicino ad antenne rai o mediaset sa che la potenza di quelle deve coprire mezza regione? se ne è mai interessato prima di urlare contro telefonini o wi-max? radio maria fa cantare i citofoni di roma (fuorilegge da anni) e voi vi proccupate del segnale wi-max?

io non mi preoccupo dell'inquinamento EM: fino a quando non si ammaleranno o non ci saranno 'rilevanze statistiche' di malattie per i residenti (adulti e bambini) succitati, difficilmente ne risenteranno gli altri.

PS. prima che qualche furbone mi accusi di cinismo irresponsabile: il mio è un sarcasmo amaro.

jean bleu Commentatore certificato 18.06.07 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aggiungiamo altro inquinamento elettromagnetico
a quello che già c'è. Le Api si stanno estinguendo a causa delle radio frequenze, al di la di chi assegna e achi forse è più importante parlare della salute.

Mario Bertoni

Mario Bertoni 18.06.07 10:42| 
 |
Rispondi al commento

PESSIMISMO

Come al solito ci sono molti pessimisti (a torto o a ragione) e boicottatori anche oggi, ma se la scusa del 'tanto non cambia niente' non vi fa aderire, la colpa del fallimento non sarà di 'questo marcio paese' o del 'governo ladro', ma VOSTRA.

jean bleu Commentatore certificato 18.06.07 10:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Alcune note sull'argomento:

- l'AGCOM (Garante per le Comunicazioni) ha già stabilito le regole per l'assegnazione delle frequenze:
http://www.agcom.it/provv/d_209_07_CONS/d_209_07_CONS.htm
- tralasciando la fattibilità tecnica di dare una frequenza agli enti locali (l'attuale Codice delle Comunicazioni lo vieta espressamente) c'è da considerare che realizzare una rete WiMAX costa molto; gli enti locali avrebbero i soldi per realizzare una rete ed operarla garantendo adeuguati standard di servizio e sicurezza?
- meglio forse obbligare i futuri assegnatari delle licenze a dare servizio in primis alle zone senza ADSL
- il WiMAX non sarà la cura definitiva al digital divide; lavoro in una delle 20 aziende che ha partecipato alla sperimentazione ufficiale del WiMAX in Italia e posso confermarvi che le prestazioni che qualcuno dichiara (70 Mbps a 50 Km) sono del tutto irreali; è vero che si possono raggiungere i 70 Mbps ma solo vicino alle stazioni radiobase; è vero che si potrebbe arrivare a 50 Km ma con velocità molto molto basse.

Mauro Cerboni Commentatore certificato 18.06.07 10:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Siamo a 60915 Dai! Dai!

Marco Fumetti 18.06.07 10:18| 
 |
Rispondi al commento

nelle petizioni direi che sarebbe più elegante togliere la pubblicità di google

fabio vale 18.06.07 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Firmato.
Vi invito a firmare altre petizioni presenti sul mio blog.
Grazie

www.stefanoscargetta.blogspot.com

Stefano Scargetta 18.06.07 09:42| 
 |
Rispondi al commento

anch'io noto un banner di forza italia sul sito per la petizione cosa significa?

roberto pardini 18.06.07 09:32| 
 |
Rispondi al commento

bravo beppe

manuel cesena 18.06.07 09:32| 
 |
Rispondi al commento

MI chiamo Francesca e scrivo da Siena: io vorrei sapere, seriamente, se sia mai possibile promuovere la raccolta di firme per arrivare ad un referendum che abbassi nettamente gli stipendi di questi cialtroni che noi abbiamo messo a derubarci e soprattutto un referendum che tolga loro le famose immunità parlamentari compreso il "tutto gratis" (visto che guadagnano 20.000 euro al mese!).
Riducendo i loro vergognosi guadagni...altro che finanziaria!
grazie

francesca vigni Commentatore certificato 18.06.07 09:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito del WiMax, leggetevi un po' questo!

http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/wifi/record-collegamento/record-collegamento.html

e questo

http://www.ixem.polito.it/index_e.htm

Il tutto a costi bassissimi e con resa incredibile.
Ma, come al solito, non se ne farà nulla, perché nelle cose che funzionano e che costano poco non ci si può guadagnare a sbafo...
Maledetti!!!

luca waldner Commentatore certificato 18.06.07 08:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

1) e' dannoso per la salute? vabbè che con tutti i telefonini che abbiamo...se le onde elettromagnetiche fossero dannose..AUGURI!

2) ma credete veramente che un business come il wimax possa essere ostacolato dalla nostra volontà? ci taglieranno tutte le possibilità di gratuicità e ci imporranno cio' che vogliono, le grandi imprese..

quindi piu' di tanto non me ne preoccupo...

Paolo S. 18.06.07 08:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Perchè nel link per la firma del WiMax appare la pubblicità di una rivista di Forza Italia??

Franco

Franco Lo Basso 18.06.07 08:37| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho trovato interessante quello che ha fatto il Politecnico di Torino con un prof. e alcuni studenti con con tecnlogie un pò vecchiotte ha battuto non di poco (circa 6 volte più potente) la tecnologia wimax. Il tutto a costi bassissimi quasi irrisori.La "solita" dimostrazione di capacità dei nostri atenei che come solito vengono snobbati dallo Stato e che come al solito vedrà questi fututri geni andarsene in america da dove ci rivendereanno la "loro" tecnologia!!!

Un bell'articolo molto interessante lo trovate su

http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/wifi/record-collegamento/record-collegamento.html

Buona lettura a tutti!!


Giorgio Ovani 18.06.07 08:13| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

gabriella B 17.06.07 23:10

Signora Gabriella se voleva mettermi al tappeto, complimenti c`e` riuscita, anche se deve
ammeterlo il suo e`stato un colpo basso, io non potevo certo immaginare che il mio intervento,
diciamo cosi`sanguigno la potesse in qualche modo ferire visto il suo problema, del quale me ne rammarico profondamente, e le chiedo umilmente scusa, se in qualche modo la posso aver offesa, mi creda mi dispiace veramente, io non sono un ipocrita sono una persona schietta e amo parlare in modo diretto, anche se a volte lo ammetto e questa ne e` la riprova faccio del male senza volerlo, ma quando sbaglio sono anche pronto ad ammetterlo.
Ma se mi permette vorrei anche che lei comprendesse il mio risentimento per quella che e` stata la causa della discussione, sappiamo tutti cosa e` oggi l`italia la rabbia impotente di fronte a ogni sorta di vessazioni,il clima di illibertà e di negazione dei diritti che vige all'interno delle istituzioni di questo paese, ha ragione sono arrabbiato, anzi sono furioso, e quando leggo interventi, E LO RIPETO, ANCHE SE RESTA PURSEMPRE UNA MIA OPINIONE, non provocatori ma superficiali allora reagisco, anche se il mio primo intervento non era offensivo ma solo irritato, se veramente voleva essere una battuta bastava dirlo e la cosa sarebbe finita li, ma no invece continuava quasi compiacendosi della sua insistenza, mi dispiace ma per quello che ho detto a quel signore non ritratto nulla, neanche una sillaba, per lei invece rinnovo le mie scuse sperando che lei le accetti, e le faccio sinceramente i miei auguri per una soluzione che le possa rasserenare la vita e risolvere definitivamente i suoi problemi.


Maurizio A. Commentatore certificato 18.06.07 02:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
sono un ragazzo di 27 anni di Prato. Sapevo dell'avvento di questa nuova tecnologia e me ne sono interessato ulteriormente da quando ho visto il tuo ultimo spettacolo a firenze dove ne ha parlato....Ho scritto al mio Comune Per sapere Prato a che punto sta e cosa pensano di fare i mie "Enti Pubblici" di questa nuova tecnologia....la mia domanda è ovviamente caduta nel vuoto.... Non per fare della retorica ma credo che il nostro mondo politico sia troppo distante da queste innovazioni..credo non sappiano di cosa stiamo parlando...non sanno che il mondo va più veloce di loro..molto più veloce!Ti seguo sempre. GRazie per quello che fai e che dici! AUGURI DI CUORE! e speriamo bene! CIAO

Matteo Tempestini 18.06.07 01:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

I dipendenti, al di là delle affermazioni teoriche rappresentano particolari interessi. Questo è evidente, l'architettura giuridica, economica, fiscale de servizi, dei controlli ... lo dimostrano. Quindi, mi chiedo, quali possibilità ha il cittadino di vedere salvaguardati i suoi diritti?
Utilizzzo parzialmente skype per telefonare, mi rendo conto che la comunicazione libera ed a basso costo è fondamentale per il rilancio italiano. Lo sforzo dovrebbe essere indirizzato anche nel diffondere il software e le banche dati libere come linux, wikypedia, Firefox. Se questo non succede, ho paura che le generazioni a venire pagheranno pesamtemente lo scotto. Chiedo quindi se le associazioni politiche ed economiche libere e progressiste possano per una volta coalizzarsi affinchè non avvenga il solito scippo lobbistico.

Tommaso Iacobellis 18.06.07 01:01| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

wimax è un grande passo avanti
http://s5.bitefight.it/c.php?uid=40163

dario carrari 18.06.07 00:28| 
 |
Rispondi al commento

Appena ho saputo di questa petizione l'ho proposta in diversi forum perchè la ritengo molto molto importante. Se riuscissimo a fare un grande passo come il WiMax sarebbe la prova che come persone siamo ancora in grado di dire la nostra, di prendere NOI le decisioni più importanti (visto che la telefonia gratuita la vedo come una cosa importantissima). Però, l'altro volto della medaglia, è la triste consapevolezza che in Italia (chissà perchè...) questo cose quasi mai funzionano, infatti con il successo dell'abolizione dei costi di ricarica sono rimasto veramente sorpreso. Speriamo bene anche in questa petizione, se passasse il WiMax le conseguenze sarebbero (nel bene) inimmaginabili. Come minimo la fine della Telecom come la conosciamo ora, almeno spero.

Davide Ambrosiani 18.06.07 00:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

L'etere è mio e me lo gestisco io

Izzo Umberto 17.06.07 23:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Vede sig M.Angiolini lei nuovamente ha sprecato tante parole trasudanti di rabbia ma senza esprimere un concetto.
Su una cosa sono d’accordo con lei, non sono nessuno..grazie a persone insensibili e che hanno fatto dell'ambizione l'unico principio di vita!e grazie a loro a 33 anni mi trovo con una patologia invalidante ...grazie a tutte quelle persone che basano la loro vita sulla superficialità.
Un mese fa Beppe ha pubblicato la mia lettera sul blog ..quella sull'immunopatia..e per la prima volta un mezzo di informazione(questo è il blog sul quale stiamo scrivendo, un mezzo di informazione LIBERO E DEMOCRATICO, nel quale ognuno di noi puo' esprimere la propria opinione senza prevalicare o limitare la libertà altrui!!e senza usare terminologie offensive!!)mi ha permesso di avere un sostegno concreto con 1300 interventi sul blog di solidarietà e giustizia per quanto accadutomi!!
Non so se visto le sue espressioni lei abbia avuto qualche buona parola per me!ma vede nella vita non bisogna escludere niente.....non si può dire ad un'altro io non avro' mai bisogno di te! non lo può sapere !!come io non avrei mai potuto immaginare di dover supplicare per il mio diritto di potermi curare di una patologia infida che agisce nell'anonimato togliendomi dignita' e liberta' (spesso non è tanto la malattia in se stessa che ci porta sofferenza quanto la malattia sociale che si intrinseca a questa!!)
ma non per questo io offendo o odio il mio prossimo!lei esprime troppa ira..ma la vita mi ha insegnato a non giudicare mai ..mi creda quella dell'8x 1000 era una provocazione .e mi creda Pebbe grillo con quello che fa ogni giorno per aiutare la gente non lo meriterebbe meno di altri e sicuramente li spenderebbe nell'interesse di chi ne ha veramente bisogno!io ho scritto una lettera chiedendogli disperatamente aiuto(stesso aiuto chiesto a medici e istituzioni per 5 lunghi anni) nel giro di 24 ore la mia lettera era sul blog
Lo stato dove era? Lo stato Non so ma Beppe era con me!!

gabriella B 17.06.07 23:10| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

avanti cosi' uniti ne daremo di spallate.

canio martiniello Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ho inserito il mio sito tra i trackback più di una volta ma non l'ho fatto apposta... Non volevo fare spam...

Giovanni Tonetti 17.06.07 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe! La penso proprio come te perché se le frequenze del WiMax se le prendono interamente le aziende telefoniche come la Telecom, difficilmente investiranno in luoghi per loro poco produttivi. Quindi il risultato sarebbe che le persone che non possono attualmente usufruire dei servizi a banda larga, continueranno a rimanere nella stessa condizione. Ho subito firmato la petizione e ne ho parlato anche sul mio blog e in particolare qui: http://ilparere.blogspot.com/2007/06/petizione-per-il-wimax.html

Continua con le tue battaglie!

Giovanni Tonetti 17.06.07 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Forse non tutto viene per nuocere, anzi, se ricordiamo tutto quello che è successo durante la precedente legislatura, possiamo ben dire che dalle nostre tasche non hanno rubato niente, o quasi (effettivamente non avevamo tanto), però, giustamente, un po' di leggi se le sono tirate a dovere..........
Oggi invece, di leggi nuove, a favore dei nostri dipendenti, non ne vedo...PERO' CI STANNO TOGLIENDO TUTTO DALLE TASCHE!!!!!!
A quando un golpe? Una sommossa? una battaglia SERIAMENTE LEGALE contro chi offende la nostra intelligenza?
Ma tant'è: hai voglia di gridare, hai voglia di protestare, qua non cambia nulla!

Emanuele Passaro 17.06.07 20:54| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Risposta ad una amica:

Cara margherita: sono effettivamente tante le cose importanti, ma credo che anche tu sia del parere che la maggior parte di esse possono essere cambiate solo con soluzioni che mai si realizzeranno firmando petizioni o liste di solidarietà. Questa proposta, data l'era in cui viviamo, sembra permettere in futuro di attingere a più informazioni da fonti diverse e diversamente libere, sugli stessi argomenti, attraverso una nuova tecnologia il cui sviluppo ancora non è totalmente acquisito, quanto definito, da e in alcun controllo se non che a grandi linee. Attendere non farebbe altro che aggiungere anche questa opportunità alle TANTE ALTRE CHE IN ALTRI CAMPI, ABBIAMO LASCIATO ALLA MERCE' DI DECISIONI DALLE QUALI CI HANNO ESCLUSO, FUORVIANDOCI APPUNTO, CON INFORMAZIONI PILOTATE E CONTRADDITTORIE, condannandoci così a subirne gli effetti dovuti a percorsi e vie poi non più controllabili dai popoli e in mano a poche persone anche senza troppi scrupoli.
Non sarà molto quello che si fa firmando ma è preventivo e non oneroso, farlo ORA, spero possa servire ad intervenire, prima che sia poi impossibile qualsiasi tentativo di incidere nelle decisioni circa le modalità di controllo oltre che di impiego di questa nuova tecnologia che come tutto ciò che è parte della comunicazione diviene veicolo immenso per la informazione troppo spesso canalizzata a scopi non proprio etici, ammesso che non sia già tardi. Diamoci una opportunità. Non sempre quello che oggi appare poco importante nel tempo rimane tale specialmente con la tecnologia, pensi all'energia, all'acqua, all'inquinamento, alla telefonia, i P. C., e non ultima la televisione, ecc per oltre TRENTA anni abbiamo sentito CASSANDRE E chiacchiere ora stiamo arrivando alle rivolte civili, ALLE REALTà DEI MERCATI E DELLE VITE VIRTUALI, COSE CHE SEMBRAVANO ESAGERAZIONI. Nel meglio dell’avanzamento tecnologico, andrà sempre peggio per l’etica dell’umano. Secondo me, ciao

Francesco

f.marletta 17.06.07 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Al Sig. Maurizio Angiolino:


Neanche con una signora, Maurizio Angiolino, eviti il turpiloquio e l'offesa. Anzi, denunci seri problemi relazionali.
Hai ragione, ho sbagliato.
Non mi rendo conto che sui blog c'è proprio di tutto e che i loro problemi li vanno a sfogare sul prossimo, mancando di rispetto, offendendo e, forse, avendo molto da perdere...
Ho sbagliato, scusami, ma se vuoi ti consiglio uno specialista molto bravo, sperando di riparare al danno arrecato.
Ma da questo momento, non avrò più comprensione per le offese e gli epiteti.

adriano calzolaro Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 17:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Al sig. Maurizio Antolini

Neanche con una signora, maurizio antolini, evita il turpiloquio e l'offesa. Anzi, denuncia seri problemi relazionali.
Ha ragione, ho sbagliato.
Non mi rendo conto che sui blog c'è proprio di tutto e che i loro problemi li vanno a sfogare sul prossimo, mancando di rispetto, offendendo e, forse, avendo molto da perdere...
Ho sbagliato, ma se vuole, sono solito consigliare nella mia vita, a quelli che sono nella sua condizione, specialisti molto bravi.
E da questo momento moderi i toni ed attento e agli epiteti.
Non avrò più comprensione.


adriano calzolaro Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

leggete Max Weber e Noam Chomsky

alex l. Commentatore certificato 17.06.07 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricordo ancora di un particolare tipo di cordless che avevo in ufficio. Dopo una decina di minuti di chiamata, arrivava il mal di testa. Ho dovuto sostituirli.

Ho trovato questo:
According to the UN's World Health Organisation, who in December 2005 agreed that "EHS [Electo-HyperSensitivity] is a real and sometimes disabling condition" (see www.who.int/mediacentre/factsheets/fs296/en), approximately 3% of the world's population suffer ill effects when exposed to high frequency magnetic radiation. Britain, Canada and Argentina have all taken on the WHO's report, and have begun to actively pursue public research into the effects of EM fields on people. The WHO's EMF taskforce is currently looking at allegations that major players in the wireless technology industry have been down-playing, obscuring or in some cases even tampering results of EMF studies so as to prove that wireless technology poses no threat to health.

Grazie Beppe. Contiamo su di te.

Marco Pagani 17.06.07 15:32| 
 |
Rispondi al commento

News - June 13, 2006

WiMAX Use Causes Health Concern
By: MarkJ @ 1:01 PM - [Submit News | Link | Comments]
Fingers are being pointed at WiMAX broadband wireless technology after a sudden outbreak of health problems swept the small Swedish town of Göten:

The week previously, the township of Göten had their first -- and hopefully last -- taste of modern wireless technology when their new WiMAX base-station was activated. Within hours, there were calls to the local hospital emergency service from residents near the base-station, ranging from sharp headaches to difficulty breathing, blurry vision, and even two cases of heart arrhythmia. All symptoms abated once the sufferer relocated away from the base-station.

Sweden was the first country to recognise electromagnetic hypersensitivity as a valid medical condition, and have set up a federal body to assist sufferers of EHS (www.feb.se). There has been a call for the Swedish government to close down the nation's WiMAX networks, pending further investigation into the claims.

To date we haven't read any similar reports from UK WiMAX trials, although the report is likely to cause some alarm among operators. More HERE.

Marco Pagani 17.06.07 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe, ma cosa me ne faccio della libera conoscenza che potrebbe portare in un letto d'ospedale?

Ma il dubbio che una antenna che porta un segnale leggibile a distanza di km possa essere potenzialmente dannoso alla salute?

Perché parlando del wimax non hai mai parlato dei dati medici attualmente conosciuti?

Confesso di saperne pochissimo, ma se affrontassimo il problema della salute pubblica prima di quello della conoscenza?

Marco Pagani 17.06.07 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Alla Sign.ra Gabriella B

Io sarei quello che ha limiti nella comprensione ?
chi ha deciso che era una battuta ? lei ? che fa` parla per conto del Sig. Calzolaro ? lo conosce? fa` l`assicuratrice ?
sul fatto che io rida o no molto nella mia vita questo lei non lo puo` sapere,

"faccia volontariato come facciamo noi",

ma chi la conosce, e cosa sa` lei di me per giudicarmi,

"faccia questo faccia quello", "Lei ha sete di affermazione ....lo cerchi sul blog se vuole........ma non a spese di chi nella vita ...............lavora solo per beneficio altrui cercando ogni giorno di aiutare chiunque venga oppresso e di qualunque etaà esso sia!!!"

Qui se c`e` qualcuno che soffre di protagonismo non sono certo io,
come si permette di dire a me vada a fare volontariato, lei non sa` nulla di me, e giudica ?
Per quanto riguarda l`esprimere i concetti in modo democratico e civile, lei non ha seguito tutti i post altrimenti si sarebbe accorta che il primo a offendere e ad andare fuori argomento non sono stato certo io.
Per quanto riguarda il rispetto e il sostegno che avrei dalla vostra parte, grazie non ne ho bisogno,

"RISPETTO!!! faccia di nuovo tesoro di questa Parola RISPETTO!!"

MA COME SI PERMETTE ! MA CHI SI CREDE DI ESSERE !

RILEGGA QUELLO CHE HA SCRITTO.... E RIFLETTA!!!!! PRIMA DI DELIRARE.

Maurizio A. Commentatore certificato 17.06.07 14:55| 
 |
Rispondi al commento

DA TEMPO PRODI, FA..SCINO, D'ALEMA DICONO:

QUESTO CLIMA, INTERCETTAZIONI ECC...ECC... NON FA BENE ALL'ITALIA! HA,HA,HA....................

NOI POSSIAMO SOLO DIRE CHE NON FA BENE A VOI, E A QUELLI COME VOI, PERCHE' ORMAI VI SIETE SCOPERTI
DI CHE CATEGORIA SIETE, "LA PEGGIORE"

SAPERE FA BENE E COME ALL'ITALIA.... PERCHE' HA CAPITO FINALMENTE CHE SIETE TUTTI UNA ZAVORRA AL PIEDE PER IL PAESE, E SPERIAMO PRESTO CHE INCOMINCEREMO DEMOCRATICAMENTE A PRENDEVI A CALCI NEL C...LO, E QUALCUNO DI VOI GIA HA CAPITO CHE ARIA TIRA, VI AUGURO PRESTO DI FARE LA FINE DI CRAXI!!!!!!!!!

AVETE ABUSATO DELLA PAZIENZA DEGLI ITALIANI, ECCO PERCHE' SIETE ARRIVATI FINO A QUESTO PUNTO, E SICCOME ANCORA NON ASCOLTATE IL GRIDO DEL POPOLO
PERCHE' DOVETE ASCOLTARE LE BANCHE ECC...ECC...
IO PREVEDO GRANDI GUAI PER VOI.

enzo nevio 17.06.07 14:28| 
 |
Rispondi al commento

DA TEMPO PRODI, FA..SCINO, D'ALEMA DICONO:

QUESTO CLIMA, INTERCETTAZIONI ECC...ECC... NON FA BENE ALL'ITALIA! HA,HA,HA....................

NOI POSSIAMO SOLO DIRE CHE NON FA BENE A VOI, E A QUELLI COME VOI, PERCHE' ORMAI VI SIETE SCOPERTI
DI CHE CATEGORIA SIETE, "LA PEGGIORE"

SAPERE FA BENE E COME ALL'ITALIA.... PERCHE' HA CAPITO FINALMENTE CHE SIETE TUTTI UNA ZAVORRA AL PIEDE PER IL PAESE, E SPERIAMO PRESTO CHE INCOMINCEREMO DEMOCRATICAMENTE A PRENDEVI A CALCI NEL C...LO, E QUALCUNO DI VOI GIA HA CAPITO CHE ARIA TIRA, VI AUGURO PRESTO DI FARE LA FINE DI CRAXI!!!!!!!!!

AVETE ABUSATO DELLA PAZIENZA DEGLI ITALIANI, ECCO PERCHE' SIETE ARRIVATI FINO A QUESTO PUNTO, E SICCOME ANCORA NON ASCOLTATE IL GRIDO DEL POPOLO
PERCHE' DOVETE ASCOLTARE LE BANCHE ECC...ECC...
IO PREVEDO GRANDI GUAI PER VOI.

enzo nevio 17.06.07 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In effetti non mi spiego molto bene l'accanimento di grillo contro la rete di accesso, non mi tornano i conti.In genere Beppe è un dicreto analizzatore di processi, scompone il problema, fa un bilancio dei pro e dei contro;questa volta mi sembra una crociata, un accanimento senza troppi scrupoli verso la rete telefonica inspiegabile.Dovrebbe anche rendersi conto che, se adesso decine di migliaia di utenti possono collegarsi al suo blog ed avere accesso alla "conoscenza", come la chiama lui, è proprio grazie alla rete preesistente (dalla fine dell 800).Prima di gridare slogan, firmare petizioni, gridare allo scandalo, fermiamoci un secondo a pensare.La rete dovrebbe essere ripubblicizzata e basta.Il wi-max non servirebbe più a nessuno.
Saluti a tutti.
paolo formicola

paolo formicola 17.06.07 13:54| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sinceramente di questo post non ho capito niente.
ciao

Mauro Bazzero 17.06.07 13:23| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

immagino che tu sia a conoscenza dell'ultima porcata fatta dalla Telecom con il nullaosta delle cosiddette autorithy di cui non si capisce lo scopo se non quello di favorire le grosse aziende invece che la comunita' di cittadini.
Avevo gia' visto come si era mossa l'AGCOM tempo addietro con l'arrivo di Sky che ha imposto un decoder con tecnologia proprietaria e bloccato che non permette di sintonizzare molti dei canali in chiaro di tipo fta (freetoair) disponibili. Tutto e' avvenuto mentre era ancora in vigore la legge del "decoder unico" che avrebbe vietato questa manovra e avrebbe dovuto incentivare possibilmente l'utlizzo di decoder common interface che permettono di abbonarsi a piu' provider senza necessariamente usare un decoder per ogni servizio.
Adesso l'ultima trovata e' l'introduzione di un canone di ben 10,2 € sulle ADSL "naked" cioe le linee nude solo dati che finora vengono usate spesso appoggiandosi al voip per la fonia (VoipStunt, EuteliaVoip,Squillo, Skype, Messagenet, Vira ecc). Questo balzello viene richiesto per la manutenzione del doppino da parte di Telecom a tutti i provider a cui il gestore monopolista vende le ADSL all'ingrosso (wholesale). E' dunque diventato nullo il risparmio economico rispetto al canone di Telecom sulla linea voce tradizionale. Insomma una vera manovra che avrebbe dovuto essere bloccata da Antitrust e Agcom che invece approvano questo nuovo "pizzo" ritenuto ingiustificato dagli esperti del settore. A parte che, considerata la qualita' delle ADSL in Italia e' chiaro che la manutenzione e' quasi inesistente (ricordate il servizio di Report sugli armadietti Telecom aperti?) mentre si calcola che il prezzo equo, secondo la media europea, sulla manutenzione del doppino dovrebbe aggirarsi sui 5 o 6 € al massimo.
Sarebbe utile alla causa, Beppe, che tu dedicassi un post sull'argomento e si monitorasse quanto stanno facendo AGCOM e le azioni legali dei provider internet sull'argomento.
Saluti

Alessandro Rossi 17.06.07 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Vivo a Francoforte in Germania e posso dire che il Wi-Max è stato proposto alla Deutsche Telekom che lo ha rifiutato (preferendo il più antico Wi-Fi) in quanto, si è letto sui giornali locali, le prestazioni non sono così eccezionali e c'è un certo rischio legato alla potenza delle antenne che dovranno trasmettere un segnale "corposo" a 10/12 km di distanza. Infatti la capacità del Wi-Max di supportare grosse quantità di dati per grosse quantità di utenti è tutta da verificare. I test effettuati finora, riporto, non sono stati esaustivi.

Andrea Gentilezza 17.06.07 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Spero per loro, che tutto ciò non avvenga... siamo tutti molto stanchi.

cora bonazza Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 12:46| 
 |
Rispondi al commento

1\3????
ma porca miseria io lo voglio totalmente libero!!! 1\3??? ma chi prendiamo per il culo? wimaz totalmente libero e che cazzo!!!

luca r. Commentatore certificato 17.06.07 12:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

VAL DI NOTO,I TEXANI RINUNCIANO

http://futuribilepassato.blogspot.com


>
Petizione giusta.Rimango scettico sugli effetti collaterali delle onde.Non so, sarò il solito fobico,ma preferisco il caro vecchio filo.
>

Luca . Commentatore certificato 17.06.07 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ho appena firmato la petizione che ritengo giusta....però vorrei focalizzare la tua attenzione e anche quella di chi ti legge su un'altra ingiustizia... cioè quella della maggiorazione di 0.77 centesimi se paghi la benzina con la carta di credito.
Non mi sembra giusto, anzi mi sembra un balzello iniquo. Ho potuto constatare che in altri stati come la Svizzera, la Francia e la Spagna non c'è. Anche questo è un problema solo italiano come i famosi costi di ricarica? Chiedo a te e a tutti se è possibile fare qualcosa. Ciao

Paola Angoli 17.06.07 12:00| 
 |
Rispondi al commento

-per trasmettere dati devi avere cavi efficienti per non confondere le informazioni per strada, meno sono "puliti" e "lineari" nella trasmissione più controlli di ridondanza devi fare meno dati puoi trasmettere.

-Mettere telefonate, internet, televisione o altro sulla linea ENEL sarebbe come fare una corsa di biciclette su un percorso di guerra con le mine, la maggior parte dei concorrenti morirebbe per strada.

-al massimo puoi usare quella linea per trasmettere la lettura del contatore ogni 2 mesi, tanto con qualche centinaio di tentativi arriva un messaggino comprensibile a destinazione.

Giovanni Ruggiero 17.06.07 00:35

COME SIAMO INDIETRO....
http://www.portel.it/news/internet/03-2006/cina-la-larga-banda-corre-sui-cavi-elettrici.html

CERCATE "INTERNET LINEA ELETTRICA CINA"
I cinesi ci sono riusciti, e noi ovviamente ancora ci guardiamo la punta dei piedi, scriviamo, commentiamo, MA QUALCUNO CHE OLTRE ALLA PROPRIA OPINIONE FACCIA ANCHE UNA PICCOLA RICERCA NO?????

Antonino Di Bella Commentatore certificato 17.06.07 11:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Cosa significa destinare una parte dello spettro "disponibile per la tecnologia a LIBERO USO da parte dei singoli cittadini anche in forma associativa SENZA FINI di LUCRO"?

Secondo me non significa niente.

Lo stato rende disponibili delle frequenze e poi le assegna.
Se il singolo cittadino, eventualmente associato in una organizzazione senza fini di lucro, avesse i capitali e la tecnologia per utilizzare la frequenza che gli fosse eventualmente assegnata, allora la cosa avrebbe senso.

Ma l'"assegnazione delle frequenze" è semplicemente la messa a disposizione di una risorsa fisica di trasmissione.
Poi l'assegnatario dovrà dotarsi di infrastrutture (la Base Station, la Subscriber Station, i Terminal Equipment, la Repeater Station: vedi la voce di Wikipedia citata da Grillo) per sfruttare la risorsa assegnata e offrire al pubblico servizi di accesso a Internet in banda larga via WI-MAX.
Il singolo cittadino o l'associazione senza fini di lucro degli "amici del cane e del gatto" possono sfruttare le frequenze eventualmente assegnate ed offrire servizi di connessione a Internet? Mi pare di no.

Riservare 1/3 delle frequenze a singoli cittadini o associazioni senza fini di lucro non vuol dire niente, e anzi significherebbe rendere quella parte di frequenze praticamente inutilizzabile.

Con questo non voglio dire che il mercato dei servizi di accesso a Internet non debba essere regolato verso la maggiore diffusione possibile dell'accesso a Internet.
Ma per farlo, secondo me, la strada è quella di una concorrenza regolata e vigilata in cui proprio la libera competizione degli operatori spinga questi ultimi a migliorare i servizi e ridurre le tariffe.
Mi pare che nessuno possa negare che con l'aumento del numero degli operatori telefonici i servizi all'utenza negli ultimi anni sono nettamente migliorati (nelle città navighiamo a diversi Mb/s) e le relative tariffe sono notevolmente diminuite.

Ciao,
Davide

Davide D 17.06.07 11:43| 
 |
Rispondi al commento

gentiloni_p@camera.it

paolo.gentiloni@comunicazioni.it

E poi trovate la mail del vostro governatore regionale e mandategli un messaggio affinche' faccia di tutto per comprare all'asta il wi-max, che deve essere libero e gratiss... FORZA!!

Matteo L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Salute a tutti!
Mi trovo in Gran Bretagna da circa un mese perche sto provando a lasciare il mio paese.
Dei motivi per cui lo faccio non mi pare che ci sia bisogno di parlarne.
Tra tutte le cose che qui sono diverse in meglio,vorrei segnalare il fatto, visto che il tema delle comunicazioni e in questo periodo di grande attualita,che qui in Gran Bretagna per esempio se uno si abbona ad una compagnia di telefonia mobile che poi piu o meno sono le stesse che abbiamo noi in Italia non esiste il fantomatico "scatto alla risposta" praticamente qui ti puoi fare un abbonamento mensile con 15 sterline al mese e pagare solo per quello che consumi.Ragazzi...quanti soldi che si stanno mangiano da decenni alle nostre spalle.
Ciao a tutti Teo!!!

teodoro polognese 17.06.07 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, allora adesso il problema e' un altro.. La petizione e' da mesi che c'e' e ringrazio Beppe che dopo molto tempo che gli rompevo con lettere ha deciso di appoggiare anche lui la suddetta, ma ora il problema e' un altro.. Sembra che il bando sia su base regionale per cui e' molto difficile che ogni singola Regione abbia i soldi necessari per prendersi la tecnologia e cio' e' tutto a vantaggio dei grandi gruppi telefonici, in primis Telecom. Ora tutti quanti dobbiamo rompere le balle al Ministro Gentiloni e ai nostri sindaci e governatori di Regione affinche' pubblicamente si coalizzino per trovare la somma necessaria per avere il WI-Max LIBERO come noi vogliamo e come e' scritto nella petizione.. Forza.. Fate girare il messaggio e scrivete al Ministro, a chiunque conosciate.

Matteo L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Al sig. Maurizio Antolini...........&C

Mi dispiaccio per lei....mi fa tenerezza ammettere che lei ha un limite davvero sottile di comprensione ..................si torna a precisare che era una battuta alla quale si doveva ridere.......ma temo che lei non rida molto nella sua vita!! Impari a esprimere i suoi concetti in modo chiaro e democratico e non in modo offensivo ed incivile!!
Lei ha sete di affermazione ....lo cerchi sul blog se vuole........ma non a spese di chi nella vita ...............lavora solo per beneficio altrui cercando ogni giorno di aiutare chiunque venga oppresso e di qualunque etaà esso sia!!!
Faccia meno retorica e se le stanno veramente a cuore gli anziani .......vada a fare volontariato come facciamo noi!!e se lei fosse anziano invece di esprimere rabbbia con chi non se lo merita.esprima i suoi disagi .......sicuramente avrebbe da questa parte sostegno e rispetto...RISPETTO!!! faccia di nuovo tesoro di questa Parola RISPETTO!!

Gabriella B 17.06.07 11:09

gabriella B 17.06.07 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non credo che irradiare con un'altra seria di antenne il territorio possa giovare alla conoscenza, all'economia, tanto meno alla salute del cittadino: 3,4GHz sono una bella batosta, per chi ha dei dubbi rimanga davanti un microonde(chiuso ovviamente)tutte le volte che lo usa, ne riparleremo a tempo debito; queste antenne irradieranno 24h su 24h, 365gg all'anno. Per creare progresso, conoscenza ed economia, ci sono i mezzi, ma serve impegno e lavoro, non quattro antenne, è difficilissimo che una comodità porti più progresso che danno... bisogna sapersi fermare, guardarsi attorno e raccogliere informazioni che ci permettano di dare un giudizio obbiettivo e non di comodo. chiedete a chi ha pagato le conseguenze delle antenne di radio vat....ano. Chiedete,chiedete a loro, ma noi siamo un paese serio, siamo nel paese dei balocchi, e dopo il gatto, governa la volpe... ciao a tutti

Postale Servizio 17.06.07 09:53| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

sul wimax i miei dubbi rimangono sulla pericolosita' delle radiazioni , ma se lasciamo che questa tecnologia cada nelle mani di chi si occupa di " business " , non saranno certo loro ad occuparsi della pericolosita' , cercheranno invece di capire come farlo rendere di piu', con doppia beffa per chi non potra' permetterselo : senza informazione e sottoposti eventualmente a radiazioni nocive .
bye bye

federico genipro 17.06.07 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena firmato la PETIZIONE, ftelo anche VOI...

Voglio solo dire che senza INTERNET non avrei potuto far conoscere ad oltre 10.000 visitatori (ad oggi...) l'ESTORSIONE che stà subendo la mia famiglia..., da esponenti delle ISTITUZIONI politiche, clericali, giuridiche, sembra quasi come se fosse la MASSONERIA...

Viva il WIMAX LIBERO ...

Se si trovasse a leggere il mio sito qualche GIUDICE LIBERO non mi farebbe dispiacere...

C'E' QUALCUNOOoooo...??? - www.luigiiovino.it

Luigi Iovino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.06.07 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
vorrei sapere......ma tutte queste onde non hanno effetti negativi sulla nostra salute(oramai siamo esposti quasi 24 ore su 24)???....appoggio l'idea della conoscenza per tutti....ma se il Wimax fa male allora...mi vien quasi da dire.....beata ignoranza!!!
Non ci sono studi ufficiali(..e non) che parlano di qualche "effetto collaterale" dovuto all'esposizione costante e prolungata ai campi elettromagnetici?
Sarebbe opportuno prima accertarsi di questo....non credi?
Grazie
Dav

D.DiMaio 17.06.07 08:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

conferma 43218
saluti a tutti

mastro ugo 17.06.07 07:47| 
 |
Rispondi al commento

@nicolò licheno 17.06.07 03:47

Lasciando perdere queste sciocchezze poi vorrei aggiungere che la possibilità di donare l'8 xmille a beppe grillo come a chiunque altro che si presti a riceverlo(associazioni no profit,siti non commerciali ecc.)sarebbe un grande traguardo giacchè non vedo perchè debba poterne beneficiare il vaticano, che problemi di risorse economiche non penso ne abbia,
------------------------
Perche Grillo ha forse problemi di risorse economiche ?
Ci sono persone anziane che vivono nell`indigenza con una pensione da fame di 300 euro al mese, e che devono persino umiliarsi a chiedere il pacco della caritas per sopravvivere, e lei parla di traguardi, ma dico il quoziente intellettivo di questo blog e` precipitato ? come puo giustificare un imbecille come quello che propone cose demenziali e offensive come questa, mi scusi ma adesso ci si mette pure lei ?
CAZZO MA QUI` NON DICE NIENTE NESSUNO, E POSSIBILE CHE NESSUNO SI SENTA OFFESO DA UNA PROPOSTA DEL GENERE ?

Maurizio A. Commentatore certificato 17.06.07 04:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei innanzitutto esprimere il mio stupore e la mia sconcertazione suscitati dalla lettura di queste squallide invettive che tali signori senza un nome e cognome si scagliano contro l'uno con l'altro,come se si fossero rubati la merenda.bambini.
Lasciando perdere queste sciocchezze poi vorrei aggiungere che la possibilità di donare l'8 xmille a beppe grillo come a chiunque altro che si presti a riceverlo(associazioni no profit,siti non commerciali ecc.)sarebbe un grande traguardo giacchè non vedo perchè debba poterne beneficiare il vaticano, che problemi di risorse economiche non penso ne abbia,e non altri soggetti persone giuridiche e non...Infine spero che un giorno l'accesso sia veramente libero e gratuito..

nicolò licheno 17.06.07 03:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe vedo che metti sempre il tuo solito impegno per le cose in cui credi. in questo caso il Wmax. ma ho un piccolo dubbio, mi ricordo quando andavi in giro con un neon che avvicinavi a un'antenna gsm e magicamente si illuminava e dicevi "non so cosa succede ma qualcosa succede ad essere irradiati 24 ore su 24"
viviamo ancora con questo dubbio purtroppo.
col wmax come la mettiamo? abbiamo qualche certezza...oppure no?
il mio dubbio nasce dal fatto che si tratta di frequeze radar liberate dall'esercito, mio cognato e stato di quardia a un'antenna radar militare per il periodo di leva e si è portato a casa un brutto male e non è l'unico.
c'è una causa di risarcimento in corso che non avra mai fine, perchè la causa-effetto non è dimostrata come al solito. poi se c'è di mezzo l'esercito tutto tutta si complica come successo in altri casi.
comunque mio cognato ora sta bene per fortuna.

emiliano spinozzi 17.06.07 03:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe vedo che metti sempre il tuo solito impegno per le cose in cui credi. in questo caso il Wmax. ma ho un piccolo dubbio, mi ricordo quando andavi in giro con un neon che avvicinavi a un'antenna gsm e magicamente si illuminava e dicevi "non so cosa succede ma qualcosa succede ad essere irradiati 24 ore su 24"
viviamo ancora con questo dubbio purtroppo.
col wmax come la mettiamo? abbiamo qualche certezza...oppure no?
il mio dubbio nasce dal fatto che si tratta di frequeze radar liberate dall'esercito, mio cognato e stato di quardia a un'antenna radar militare per il periodo di leva e si è portato a casa un brutto male e non è l'unico.
c'è una causa di risarcimento in corso che non avra mai fine, perchè la causa-effetto non è dimostrata come al solito. poi se c'è di mezzo l'esercito tutto tutta si complica come successo in altri casi.
comunque mio cognato ora sta bene per fortuna.


emiliano spinozzi 17.06.07 03:45| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe vedo che metti sempre il tuo solito impegno per le cose in cui credi. in questo caso il Wmax. ma ho un piccolo dubbio, mi ricordo quando andavi in giro con un neon che avvicinavi a un'antenna gsm e magicamente si illuminava e dicevi "non so cosa succede ma qualcosa succede ad essere irradiati 24 ore su 24"
viviamo ancora con questo dubbio purtroppo.
col wmax come la mettiamo? abbiamo qualche certezza...oppure no?
il mio dubbio nasce dal fatto che si tratta di frequeze radar liberate dall'esercito, mio cognato e stato di quardia a un'antenna radar militare per il periodo di leva e si è portato a casa un brutto male e non è l'unico.
c'è una causa di risarcimento in corso che non avra mai fine, perchè la causa-effetto non è dimostrata come al solito. poi se c'è di mezzo l'esercito tutto tutta si complica come successo in altri casi.
comunque mio cognato ora sta bene per fortuna.


emiliano spinozzi 17.06.07 03:42| 
 |
Rispondi al commento

FARE SPAM SUL SIGNORAGGIO, SUI CAMPI DI CONCENTRAMENTO, SU SCH-IETTI, HO VISTO DI TUTTO IN QUESTO BLOG, MA VI PREGO FATE QUALCOSA, LO SPAM PER FIRMARE UNA PETIZIONE PER DONARE L`8 X 1000 A BEPPE GRILLO E` TROPPO, PER FAVORE QUI` CI SI COPRE DI RIDICOLO, E ANDIAMO, MI SEMBRA ECCESSIVO.
CATALIZZATE LO SCEMO !

Maurizio A. Commentatore certificato 17.06.07 03:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/579.

I post di altri blog che fanno riferimento al post WiMax e il diritto alla conoscenza:

» WiMax da SEnzaseNSO
Che cosa è il WiMax? E' una tecnologia che consente l'accesso a reti di telecomunicazioni a banda larga e senza fili (BWA - Broadband Wireless Access)*. Nel caso particolare del WI-MAX, non stiamo parlando di tecnologie il cui costo in termini di inf... [Leggi]

16.06.07 00:28

» Wi_Max Libero! da [Structure]
Dal Blog di Beppe Grillo: Tra poco lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E’ il punto di non ritorno per il libero accesso alla conoscenza. Dopo non si potrà più tornare indietro. Il WiMax è una tecnologia che permette di trasmettere e ricevere s... [Leggi]

16.06.07 09:55

» WiMax rendiamolo Libero abbiamo diritto alla conoscenza - petizione da O.S. Revolution
Da tempo seguo il blog di Grillo da cui ho estrapolato questa notizia, abbiamo poco tempo prima che lo Stato italiano assegni le frequenze del WiMax, esiste una petizione per far si che una parte di esse venga destinata ai cittadini per associazioni ... [Leggi]

16.06.07 10:03

» Quando gli errori sono più di una coincidenza di Etleboro Emilia Romagna da etleboro italia
Il sistema di antenne imputato della generazione di microonde ELF e del DOR (Deadly Orgone Energy – energia orgonica morta o disorganizzante)... [Leggi]

16.06.07 13:27

» Baffetto Indispettito da matoli VS politics
Di fronte alla pubblicazione delle intercettazioni delle telefonate di D'Alema con Consorte tutti i politicos d'accordo: non s'ha da fare.Baffetto ha dichiarato che qualcuno dovrà pagare. Il procuratore di Milano gli ha risposto: se ha qualche problem... [Leggi]

16.06.07 16:05

» Wi-maximo dalema da matoli VS politics
Il movimento per il WI-MAX a basso costo o libero da tassazioni (per 1 terzo dedicato alle comunità locali) avanza: http://www.beppegrillo.it/2007/06/wimax_e_diritto_alla_conoscenza.html#comments E' una tecnologia che permetterà l'accesso a basso cos... [Leggi]

16.06.07 16:15

» WiMAX Libero! da g10co
La Rete collega i nostri interessi, le nostre idee, il nostro sapere, la nostra conoscenza. La conoscenza passa per la Rete. La Rete ci da voce e la conoscenza è la forza della nostra voce. In Italia solo il 40% dei comuni sono raggiunti dalla banda l... [Leggi]

16.06.07 16:18

» Wi-maximo dalema da matoli VS politics
Il movimento per il WI-MAX a basso costo o libero da tassazioni (per 1 terzo dedicato alle comunità locali) avanza: http://www.beppegrillo.it/2007/06/wimax_e_diritto_alla_conoscenza.html#comments E' una tecnologia che permetterà l'accesso a basso cos... [Leggi]

16.06.07 17:08

» Baffetto Indispettito da matoli VS politics
Di fronte alla pubblicazione delle intercettazioni delle telefonate di D'Alema con Consorte tutti i politicos d'accordo: non s'ha da fare.Baffetto ha dichiarato che qualcuno dovrà pagare. Il procuratore di Milano gli ha risposto: se ha qualche problem... [Leggi]

16.06.07 17:09

» WiMax e il diritto alla conoscenza. da Dragavide
A proposito del mio post precedente...Aderisco e sottoscrivo quanto riportato da Beppe Grillo nel suo inte... [Leggi]

17.06.07 01:10

» Importante: petizione pro Wi-Max Libero! da pulce84
Importante: petizione pro Wi-Max Libero! [Leggi]

17.06.07 15:01

» Petizione per il WiMax da IL PARERE di G.Tonetti
Chi oggi non può andare su internet ad alta velocità perché non raggiunto dai servizi Adsl, è fuori dal mondo. Ormai su internet c'è di tutto. Con un click si possono avere notizie, aprire un blog, ascoltare musica, vedere video attraverso siti come ... [Leggi]

17.06.07 21:59

» WIMax, ci siamo da sblogghiamo
Ormai ci siamo. Entro breve lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E’ la nostra occasione. Beppe Grillo parla di libero accesso alla conoscenza e non sbaglia. Questo è il momento di appropriarci di questo sacrosanto diritto. Ora o mai più! Se non... [Leggi]

18.06.07 14:42

» WiMax e il diritto alla conoscenza. da Dragavide
A proposito del mio post precedente...Aderisco e sottoscrivo quanto riportato da Beppe Grillo nel suo inte... [Leggi]

19.06.07 02:08

» WiMax e il diritto alla conoscenza. da Dragavide
[images=img/WiMax.gif popup=false]A proposito del mio post precedente...Aderisco e sottoscrivo quanto ripo... [Leggi]

19.06.07 02:13

» WiMax e il diritto alla conoscenza. da Dragavide
A proposito del mio post precedente...Aderisco e sottoscrivo quanto riportato da Beppe Grillo nel suo inte... [Leggi]

19.06.07 02:21

» Wi-maximo dalema da matoli VS politics
Il movimento per il WI-MAX a basso costo o libero da tassazioni (per 1 terzo dedicato alle comunità locali) avanza: http://www.beppegrillo.it/2007/06/wimax_e_diritto_alla_conoscenza.html#comments E' una tecnologia che permetterà l'accesso a basso cos... [Leggi]

20.06.07 11:16

» Petizione Europea per liberalizzare l’uso del WI-MAX da enetweb
WiMax libero ! WiMax e il diritto alla conoscenza Tra poco lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E’ il punto di non ritorno per il libero accesso alla conoscenza. Dopo non si potrà più tornare indietro. Il WiMax è una tecnologia che permette di ... [Leggi]

22.06.07 17:50

» OCCASIONI PERDUTE da Il Re è Nudo (o veste Prada?)
Ancora una volta hanno perso l'occasione per cambiare rotta. Palazzo Chigi si vanta dell'avvio della procedura di assegnazione delle frequenze WiMax, sembra quasi un servizio reso ai cittadini, un'innovazione per il Paese. A ben guardare invece, si t... [Leggi]

16.10.07 07:30

» WiMax e il diritto alla conoscenza da Partecip@TTIVA
Raccogliamo l’invito di Beppe Grillo per il diritto all’accesso delle frequenze WiMax http://www.beppegrillo.it/2007/06/wimax_e_diritto_alla_conoscenza.html “Tra poco lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E? il punto di non ritorn... [Leggi]

28.01.08 17:51

» WiMax e il diritto alla conoscenza da Partecip@TTIVA
Raccogliamo l’invito di Beppe Grillo per il diritto all’accesso delle frequenze WiMax http://www.beppegrillo.it/2007/06/wimax_e_diritto_alla_conoscenza.html “Tra poco lo Stato assegnerà le frequenze WiMax. E? il punto di non ritorn... [Leggi]

28.01.08 17:51