Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli scaloni non finiscono mai


infine_stairs.jpg
di LMDocherty

Lo scalino, lo scalone e compagnia scalando sono una di guerra di parole tra il Governo e i sindacati. Ammuine. Ai giovani interessano poco, loro sono schiavi moderni e la pensione non l’avranno. Moriranno prima. Nel frattempo pagano quella dei pensionati. E’ giusto che chi non ha altri mezzi di sostentamento abbia una pensione minima dignitosa. E’ invece una presa per i fondelli che milioni di pensionati percepiscano una pensione più alta rispetto a quello che hanno versato. E che la differenza la mettano i giovani.
Pubblico una lettera del prof. Gallegati sulla riforma Prodi

A seguire riporto l’ennesima testimonianza dal libro Schiavi Moderni (150.000 copie scaricate).

“Caro Beppe,
la riforma Maroni stabiliva l’età di pensionamento a 60 anni per i lavoratori in pensione dal gennaio 2008; la Dini la revisione decennale dei coefficienti di trasformazione, che determinano l’ammontare delle pensioni con il nuovo sistema contributivo, tenuto conto dell’allungamento della vita.
Prodi ha riformato le riforme. Vorrei invitare i lettori del blog a riflettere su una domanda: che ne sarà delle pensioni dei giovani e dei cosiddetti lavori usuranti (schiavi moderni inclusi?).
A causa di lavori più “discontinui” e dell’invecchiamento della popolazione, le giovani generazioni (i pensionati dal 2025), realizzeranno di essere più poveri dei genitori e non potranno andare in pensione a 60 anni, ma dovranno lavorare fino a 70 anni per sopravvivere. Per evitare tale dramma, dovremmo aumentare l’età di pensionamento e rivedere i coefficienti di trasformazione: sarebbe un elemento d’equità intergenerazionale non spostare l’onere dell’invecchiamento sulle generazioni future. In una società in cui si vive ormai più di 80 anni, non è equo lavorare 35 anni per poi trascorrerne altri 20-25 sulle spalle dei giovani.
Il rapporto tra lavoratori e pensionati è diminuito notevolmente (è passato da 4 a 1 in 40 anni). A sfavore dell’Italia, ci sono due elementi:
- livelli di fecondità più bassi e di longevità più alti rispetto agli altri Paesi sviluppati: l’invecchiamento della popolazione è più accentuato che altrove,
- il numero dei lavoratori non cresce a sufficienza, a causa di un progressivo ristagno dell’economia: il PIL nel promesso “miracolo economico di Berlusconi” è cresciuto del 2.2% in 4 anni, la stessa percentuale che il “miracolo economico degli anni Sessanta” registrava in poco meno di 4 mesi, e della più bassa partecipazione lavorativa di donne e giovani.
Vie alternative al pensionamento degli over 50 sono un obiettivo importante, ma sono prioritari meccanismi alternativi alla legge Biagi che favoriscano l’entrata stabile dei giovani nel mercato del lavoro ed aumentino la partecipazione femminile al lavoro con una riforma del welfare.
L’occupazione giovanile in Italia è tra le più basse dei Paesi sviluppati, i tempi d’accesso al primo lavoro sono aumentati, il tutto con bassi salari di ingresso ed un sistema di welfare che non fornisce protezione sociale per i giovani e produce il tasso di partecipazione femminile più basso d’Europa. Dovremmo adottare misure che combattano il ritardo nell’entrata di giovani e donne nel mercato del lavoro (e condizioni lavorative di inizio carriera meno precarie) insieme alla riforma del sistema di welfare e di coefficienti di trasformazione equi tra le generazioni.” Mauro Gallegati.

240 contratti prima della pensione
“Dal 2000 mi trovo a lavorare nel campo dell’aviazione civile. Prima in una compagnia in cui qualcuno si è riempito ben bene le tasche e poi è, ovviamente, fallita (il falso in bilancio lascia a casa centinaia di lavoratori: non è solo un reato patrimoniale, è un dramma sociale).
Poi anche le altre compagnie sentono il peso della crisi, un quarantenne con un cv invidiabile si guarda intorno e non trova che posti di lavoro a 900 euro al mese per due mesi massimo di contratto. Io dovrei lavorare, con le nuove norme, altri 20 anni? Devo mettere in conto 240 contratti? Non posso più fare progetti, ricevere prestiti? Ha senso vivere così? Non è vita, è sopravvivere per far arricchire qualcuno. Mi domando se non sia il caso di rinunciare anche a sopravvivere.”
B. C. 12.03.2006 09:21

Ps: Scarica il libro Schiavi Moderni.

V-day:
1. Partecipa al V-day
2. Scarica il volantino
3. Inserisci le tue foto su www.flickr.com con il tag: Vaffa-day
4: inserisci tuoi video su www.youtube.it con il tag Vaffa-day
Guarda il video


Scarica l'ultimo numero del magazine Scarica "La Settimana" N°28-vol2
del 16 Luglio 2007

21 Lug 2007, 21:40 | Scrivi | Commenti (874) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La settimana scorsa abbiamo votato per ratificare un accordo che i sindacati avevano già fatto con Governo e Confindustria sulle nostre Pensioni senza preventive assemblee. Le assemblee le hanno fatte col senno del poi e persino il messaggio di posta interna che avvisava le consultazioni è arrivato il giorno successivo alle schede e a votazione avvenuta... Ma, a parte tutto, chi ci garantisce il controllo sugli scrutini ? Credete davvero che l'80% ha votato favorevole ?

Gabriella Paris 15.10.07 22:41| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di tasse SUI REDDITI DA LAVORO dipendente, l' unico che NON può essere EVASO.
Ho scoperto sulla pelle di una giovane lavoratrice, mia figlia, che guadagna circa 725 € al mese di lordo perchè part-time godendo per fortuna di qualche detrazione fiscale che dopo due anni di lavoro alle sue dimissioni ha percepito un TFR lordo di circa 1.143 € ma su questo INGENTE valore l' hanno tassata tranquillamente al 23% e cioè le hanno tolto ben 263 € in quanto questa è l' aliquota minore possibile
MA STIAMO SCHERZANDO???
RICORDO A TUTTI che il TFR quando era nato era addirittura esente da tassazione poi successivamente era tassato su una media di tassazione avuta negli anni precedenti sugli stipendi e adesso sempre più sempre più
Che ve ne pare?
Magari il legislatore si è SBAGLIATO
CHI GLIELO DICE???
ciao a tutti i tartassati alla fonte!!!
Brunella

brunella gardini 04.10.07 12:38| 
 |
Rispondi al commento

in questi gionri ne sto sentendo di tutti i colori
adesso i sindacati si vogliono parare i c..o
proponendo un referendum con un ricatto di far cadere il governo se non si vota si.
dove erano quando il psico nano e soci legiferavano in merito???a pesca?????
la sostanza non cambia e il risultato si vede.
IN POCHE PAROLE STANNO SCARICANDO LE LORO RESPOSABILITA'SUGLI OPERAI!!!!dopo il danno la beffa andate AAAFAAAAA IN C..O

lamberto cazzanti 02.10.07 14:48| 
 |
Rispondi al commento

PER OGNI FRASE DETTA O PER OGNI TERMINE PRODOTTO, QUESTA MAGGIORANZA VIENE MESSA AL MURO DELLE ESECUZIONI SOMMARIE, DALLA CASA DELLE (SUE) LIBERTA'. "SCALONE" E' UN TERMINE INVENTATO DA MARONI, TOCCARLO O MODIFICARLO SIGNIFICA LA GOGNA PER CHI LO FA. CHIARO CHE SE NE DISCUTA, ANCHE SE A SPROPOSITO. QUESTA CULTURA BIGOTTA E MORALISTA NN E' CERTO NATA OGGI. SALUTI ANTIBROGLIUSCONIANI

Francesco Manfredi 21.08.07 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti,

ho 25 anni e so che la pensione non la vedro' mai, pero' ho un'idea: Pensione da giovane.
Il nostro paese difende cosi bene la nostra salute costruendo inceneritori, centrali a carbone pulito...servizi sanitari invidiabili (da chi..non lo so)...permette che vengano vendute auto con velocita' molto al di sopra dei limiti (c..zo io non riesco a capire, quando chiedi :"perche' vengono vendute auto che raggiungono 200 Km/h?" loro rispondono: "Perche' chi la compra puo andare in una pista e raggiungere le velocita' che vuole" BENE! Che vengano utilizzate solo sulle piste queste auto non per la strada. Le autostrade e le S.S. non sono dei circuiti di F1!!!)
Tornando alla mia proposta, poiche' dunque tengono tanto a cuore la mia salute e sono anche orgogliosi della speranza di vita del nostro paese, io propongo quanto segue:
se sono cosi sicuri che io campo 75 anni, che mi diano la pensione adesso che ne ho 25, voglio 5 anni di pensione, non ne voglio di piu', a queste condizioni mi bastano! Inizio a lavorare a 30 anni, poi lavoro finche' non schiatto! almeno me la godo la pensione!
Potrebbe essere una soluzione!
Che ne pensate?

Ciaooo,
Nicola

PS
so che e' impraticabile..pero' immaginatelo per un attimo ;-)

Nicola Cimitile 13.08.07 11:40| 
 |
Rispondi al commento

mi domando sempre piu' spesso ..... se non pago i contributi ,tecnicamente cosa mi succede? visto e considerato che la pensione non verra' da me percepita , almeno mi godo i soldi !!!!!
Io sarei favorevole ad una petizione per non pagare piu' i contributi. E un altro furto legalizzato .

roberto . Commentatore certificato 09.08.07 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Spero solo che al mondo ci sia qualche pazzo che riesca a piazzare una bomba in parlamento!!

Alessandro Leoni 02.08.07 01:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, vediamo di sfatare alcuni punti
Non è vero che chi va in pensione senza aiuti clientelari grava sui ns.giovani. Per esempio il sottoscritto ha versaro per + di 35 anni (430 mesi) circa 430.000 euro (in euro attuali) pertanto per + di 25 anni il sottoscritto potrà gravare sul proprio tesoretto e su quello dei lavoratori deceduti prima di maturare anche il diritto alla reversibilità
Chi può assicurarci che la durata della vita continuerà ad aumentare? I ns. padroni stanno trasformando il mondo in una mega merda climatica, presto scarseggeranno i prodotti alimentari ed energetici, presto ci sarà difficile respirare. Ma i nostri capi non si interessano perchè per un Ratzinger, un Berlusconi, un Bush, un Putin ed altri 100.000 ricchi/potenti ci sarà sempre un paradiso terrestre.
E' vero invece che:
tanti soldi sono stati prelevati dall'inps per finanziare pensionamenti anticipati, privilegi scandalosi a tante categorie, in primis i ns. parlamentari, servi infedeli e spesso pregiudicati

i nuovi provvedimenti pensionistici ai danni dei ns. figli non garantiranno una pensione perchè molti di questi giovani non riusciranno a maturare il diritto alla pensione proprio a causa dei contratti di precariato ruffianamente concessi ai ns. padroni (chiamarli imprenditori mi sembra fantascientifico)

tanti soldi sono stati regalati alle imprese perchè il rigore riguarda solo i salariati

I ns. servi infedeli (parlamento) continuanto a pararsi il culo e a garantirsi di tutto e di più
prelevando dalla fiscalità generale; In questi casi Ambulanza Nazionale, Forza Ladri per i furbetti del quartierino, Partito per la rifondazione di Vanna Marchi, DS per Consorte, UDC/UDR per Tanzi trovano subito un accordo per estorcere danaro ai danni dei lavoratori.

Arrivederci Beppe l'8/9 al VF day.

gianluigi sellari 29.07.07 19:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo372903.shtml

Politico pizzicato con due squillo
A Roma spunta una storia da Dolce Vita
Una giovane ragazza squillo si sente male (forse per aver abusato di cocaina o alcol), viene portata al pronto soccorso dove salta fuori il nome di un suo cliente, un parlamentare. Il politico, la cui identità non è stata rivelata, secondo l'agenzia di stampa Ansa avrebbe trascorso una serata brava in compagnia di due prostitute d'alto bordo in un noto hotel di via Veneto, a Roma. La Questura non si è mossa: nessun reato, nessuna denuncia.

Forse è stata la cocaina o qualche bicchiere di troppo a far finire la giovane prostituta al Pronto Soccorso dell'ospedale San Giacomo. La ragazza era agitata e parlava di qualcuno che l'aveva costretta a prendere qualcosa. Per questo, sono scattate le indagini proprio a partire da uno dei più famosi hotel della Dolce Vita: così è entrato nella scomoda vicenda l'ignoto parlamentare, che aveva pagato la camera.

Dopo qualche ora la ragazza si è ripersa e ha spiegato che nessuno l'aveva costretta a fare nulla, anzi "il cliente" aveva pagato il prezzo concordato per una notte in compagnia. ''Non c'è reato, nessuna denuncia'', ribadiscono gli investigatori. Non risulta che l'altra ragazza sia stata sentita, nè che sia stato interpellato il parlamentare.


PER LORO NON E' REATO... ANZI E' UNA STORIA DA DOLCE VITA!!!!!!!!!

Giacomo berligi 29.07.07 11:30| 
 |
Rispondi al commento

che meraviglia. è la mia prima volta. da drammaturgo, regista teatrale quarantenne è una emozione inaspettata. dire che sono incazzato è poca cosa. forse sto sbagliando il modo e il luogo..aiutatemi. caro beppe..e la cultura, il teatro, il cinema, la scuola: mi sento di vivere in un paese morto da qualche settimana che troppo lentamente si decompone. va bene parlare d'energia, alta velocità, finanziamenti a giornali posticci ma la base è l'istruzione, la formazione. ti prego rispondimi

gaetano lembo Commentatore certificato 29.07.07 05:22| 
 |
Rispondi al commento

I nostri Giovani TALENTI devono lavorare in Italia con contratti a tempo INDETERMINATO e non andare in altre Nazioni. Per diffondere le loro IDEE dei VALORI PERilBENEdiTUTTI facendo LARGOaiGIOVANI talenti LIBERI senza NODI. AIUTIAMOLI a RIMANERE in Italiaper svolgere ogni uno il proprio compito con CONSAPEVOLE ARMONIA senza nervosismi che ti creano tensione fisica e nervosismo che a lungo andare ti fanno venire l'esaurimento e FRONZOLI DECADENTI. L'Ideale mondo del LAVORO sarebbe quello senza SERVI e senza PADRONI, tutti rispettosi del proprio RUOLO. (rispondo ai MALIGNI che giustamente se lo chiedono) A secondo della VOGLIA e delle CAPACITA fisiche e psichiche senza distinzione di CASTA e di apartenenza. TUTTI INDISPENSABILI e fare bene il proprio compito senza prevaricare l'uno sull'altro facendo naturalmente LARGOaiGIOVANI - PERilBENEdiTUTTI. E' L'Italia sarà quella GRANDE Nazione CAPITALE dei VALORI della Pace Libertà Lavoro.

Epifani non firmi e dica di NO. Presidente Prodi non INSISTA e AMBEDUE rispettate il PROGRAMMA che forse è meglio ricordare NO alla Guerra, NO alla legge Biagi che è completamente da ABROGARE. NOI OPERAI vogliamo andare con una degna PENSIONE e sia ben CHIARO a VOI DUE PRESIDENTI che chi fà lavori PESANTI e mattura 35 anni di contributti versati VA' a casa con LODE indiferentemente dall'età anagrafica.E pronunciatevi con CHIAREZZA e dite al popolo con chi volete stare, con NOI che vi abbiamo eleto e pagato la tessera sindacale o con la CASTA PADRONA perchè siamo stanchi dei vostri continui MUTAMENTI.PERilBENEdiTUTTI rispetateci e fatte LARGOaiGIOVANI talenti LIBERI e senza NODI che aspettano il lavoro fisso a tempo INDETERMINATO che avete PROMESSO. Altrimenti TUTTI a CASA.

Mario Flore 28.07.07 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
vogliamo parlare di come il Comune di Roma procede con le multe ai cittadini?
Hanno trovato l'uovo di Colombo.
Prendi una una strada della città, possibilmente molto trafficata, ad un certo punto(verso i 2/3 dell'intera strada) ci fai un 50/60 metri di corsia preferenziale per autobus, così, improvvisamente, a mo' di trappola, sai quelle dei film nella jungla.
Poi ci piazzi, possibilmente dietro gli alberi, o in un punto strategico, due vestiti da autisti dei trasporti che con dovizia e cura trascrivono le targhe dei malcapitati caduti in trappola, ovvero di quelli che non fanno neanche intempo a capire che hanno commesso un'infrazione: il gioco è fatto e dopo un po' ti arrivano 81,05 euro di multa (ti fanno lo sconto perchè non hanno potuto accertare l'infrazione di persona, altrimenti sarebbero 285,00 euro).
Tra me e mio figlio, giriamo in motorino, ce ne sono arrivate 15 nell'arco di tre mesi.
Il bello è che dove invece dovrebbero esserci gli accertatori di reato,( via Nomentana con parecchi Km di preferenziale, regolarmente intasata dalle auto blu dei nostri dipendenti,) non ci sono.
Hai idea di quanti soldi riesce il COMUNE di Roma ad estorcere ai cittadini in questo modo?
Evviva le corsie preferenziali, ottima cosa, ma questo è furto con destrezza.

Luigi De Benedictis Commentatore certificato 28.07.07 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.v-day.it.

Dal 28 Luglio puoi votare il logo sul V-day che ritieni piu' bello pubblicato sul sito www.V-day.it

Un nuovo servizio " La tua voce su V-day.it " Cosa e'? Vieni a scoprirlo sul sito

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione,

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it

Possibilità di lasciare commento dopo il voto, si chiede correttezza . Tnx

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 26.07.07 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Collegati a
http://www.ildenaro.it/sondaggi/
e vota Beppe Grillo

Alberto Fontanella Solimena (fons) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.07 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Collegati a
http://www.ildenaro.it/sondaggi/
e vota Beppe Grillo


Alberto Fontanella Solimena (fons) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.07 15:00| 
 |
Rispondi al commento

E' inutile che parlate, che parlate a fa.

Non lo sapete che i contributi sono una presa in giro per dare buone pensioni a chi ha lavorato poco o per niente.

Sarebbe stato più giusto se lo stato avesse detto:

i contributi non li versate ma ve li mettete da parte lungo il vs periodo lavorativo così ognuno riceverà a tempo debito i propri soldi risparmiati.

E invece no, perchè si sa, con le casse comuni è più facile inventarsi dei privilegi (solo per alcuni).

Angelo Di Blase 26.07.07 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.v-day.it.

Il nuovo servizio " La tua voce su V-day.it " Cosa e'?

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione,

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it

Possibilità di lasciare commento dopo il voto, si chiede correttezza . Tnx

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 26.07.07 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Rischiando il qualunquismo dico che al di la' dei conti economici,degli scaloni, dell'età pensionabile,dei versamenti e dei fondi integrativi trovo veramente poco logico e concepibile che a decidere sulla pensione di milioni e milioni di lavoratori sia un manipolo di persone che non solo si permette di non presentarsi in parlamento senza alcun rischio di essere licenziati,che svolge tranquillamente doppi lavori e sporattutto che va in pensione dopo soli cinque anni di lavoro con indennità molto alte.E questi poi si mettono a parlare di lavori usuranti,di diritti dei lavoratori....mah....

fabrizio torella 25.07.07 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo alle ultime modifiche in tema di lavoro & pensioni laavete saputa l'ultima? Pare che le ore di lavoro straordinario siano state detassate, arrivando a costare meno del lavoro ordinario.Non ho parole! A quanto pare nemmeno Epifani........(sic!)

dario c. Commentatore certificato 25.07.07 20:12| 
 |
Rispondi al commento


Mi sorge spontanea una semplicissima considerazione:

In un paese dove la costituzione sancisce che il lavoro é un diritto(perché non un dovere?Mah!!!)perché i Geni che l'hanno scritta si sono dimenticati di indicare anche chi dovrebbe crearlo???

Saluti

Ferruccio Gandolfi 25.07.07 16:55| 
 |
Rispondi al commento

La risposta ai problemi del mondo del lavoro e' semplice: liberismo totale.

Liberta' di fare, creare, confrontarsi, inventare intraprendere per TUTTI senza vincoli burocratici. Intraprendere e' bello, e' bello e' bellissimo da soddisfazione e produce un'automoltiplicazione dei posti di lavoro.

Allo Stato pochissimi compiti ma svolti bene, primo fra tutti quello della giustizia, del rispetto delle regole.
Non sono dalla parte del padrone bensi' di chi padrone lo vuole diventare.

Lo so, attira le ire della gente ma non mi sembra che il garantismo gia' presente crei posti di lavoro o impedisca i licenziamenti. Se una azienda va male, chiude e licenzia. Basta leggere i posts del blog. A meno che naturalmente non si sostenga la tesi ammazza assunzioni che e' necessario ancora piu' garantismo. Fate voi.. e' meglio dipendere da un unico datore di lavoro o averne molti che si chiamiano clienti?

rob zava 25.07.07 14:48| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe,
l ultima volta che ho preso in mano la penna per scrivere qualcosa è stato per la stesura della mia tesi di laurea.quindi pensa quanto profonda è l indignazione che mi spinge adesso a raccontare quella che pensavo fosse un esperienza personale ma che in realtà è la quotidianità di molte persone, di molti altri schiavi moderni. In gennaio dell anno scorso lascio a malincuore il mio lavoro all interno di un sindacato: il calore del contatto con la gente, la soddisfazione nel risolvere i loro problemi non sono purtroppo sufficienti a colmare la trasformazione di un organizzazione che non è più al servizio dei cittadini ma di sè stessa.Trovo lavoro in un azienda che ad ottobre dello stesso anno chiude i battenti e mette tutti in mobilità. Ci dicono che siamo dei fortunati , abbiamo appena perso un lavoro, lo stipendio da circa due mesi non lo prendiamo, ma siamo fortunati perchè siamo in mobilità, abbiamo una corsia preferenziale per rientrare nel mondo del lavoro. In effetti una corsia preferenziale ce l'ho aperta, peccato che la destinazione sia la precarietà più totale . balzo quindi da un azienda a un altra, partendo dalla prima con 900 euro mensili a quella attuale dove almeno arrivo ai mille e a festeggiare il natale con una busta paga visto che il contratto ovviamente a tempo determinato scade a dicembre, poi, cosa vuoi, anno nuovo, lavoro nuovo. Non mi sono rassegnata a questa situazione , ho provato a cercare lavoro nell'ambito della laurea ma le proposte di andare a lavorare gratis per 3-6 mesi, il famoso stage, non mi sono piaciute e quindi cercando di dimenticare che forse ho studiato per 19 anni della mia vita per niente ho trovato un 2 lavoro per integrare lo stipendio del 1: morale della favola, ho un lavoro diurno a tempo determinato, un lavoro nel fine settimana a chiamata . da aggiungere un 3, tipico della condizione femminile: le faccende domestiche, il mandare avanti la casa. alla fine flessibile sono diventata pure io.

cristina d. Commentatore certificato 25.07.07 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Ho 33 anni, separato, una figlia di 4, vivo in uno Stato che di Stato ha solo il nome. E mi vergogno. Mi vergogno di essere Italiano (anche se amo il mio paese perchè è il più bello del mondo). Perchè?
I° Il mio paese è stato rovinato da una classe politica incapace, ministri senza competenze, pregiudicati in Parlamento (ma scherziamo?), stipendi alle stelle, favoritismi vergognosi, portaborse (portaborse? Ma cosa siete focomelici? Non avete le manine? Ah, avete i parenti da sistemare, capisco.. però uno stipendio da 3.000 €. mi sembra troppo), auto blu e scorte anche alle signore del politico per fare la spesa, pensioni dopo una legislatura, e che pensioni.. E chi più ne ha più ne metta.. VERGOGNATEVI!
II° Il mio paese (perchè è mio.. non è una succursale dell'Est Europa) è stato rovinato dall'immigrazione (fenomeno ormai inarrestabile), ma facciamoli venire, poverini.. Hanno bisogno, loro salveranno il paese.. Salveranno un cazzo! Non hanno rispetto per niente e nessuno, hanno tutte le agevolazioni possibili (case popolari, affitti rimborsati, scuole e asili ecc..). Quando vado all'estero cerco di rispettare ancora di più il paese dove mi trovo perchè sono un ospite, e devo tenere alto il nome del paese da cui provengo dimostrando rispetto.. ma forse sbaglio io.. Dovrei cagare per strada e pisciare contro gli angoli delle case.. Come fanno questi che ci cagano in testa..
III° Dovrò lavorare fino alla morte, non per pagare la pensione ai vecchi (un anziano prende dai 600 ai 1000 euro al mese), ma ai politici ladri maledetti, che prenderanno la pensione e continueranno a rompere il cazzo in parlamento! Siete vecchi, andate a casa..
IV° Mia figlia dovrà studiare almeno fino a trent'anni, per poi fare cosa? Trovare un lavoro? Ma dove? In Italia? Patria del precariato, dei contratti a termine, dei favoritismi solo a chi è figlio di una persona importante.. Meritocrazia? Ma vaffanculo..
E la lista potrebbe andare avanti all'infinito..
CHE SCHIFO!!! VAFFANCULOOOOO!

Daniele S. 25.07.07 12:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno, a tutti.
Non sono uno degli schiavi moderni, ma lo sono stato e forse lo sarò ancora. ho 22 anni lavoro da dopo la scuola. Ho svolto lavoretti saltuari poi, da un anno sono entrato in una fabbrichetta dove dopo 3 mesi mi hanno assunto a tempo indeterminato grazie alla legge 407. Prendo mille euro al mese e non ho di che lamentarmi. Tuttavia non mi trovo bene nella mia città e pur di cambiare aria ho continuato di ser a fare il mio vecchio lavoro di grafico (per il quale ho sostenuto uno stage ovviamente a mie spese a roma) tempo fa facendolo piu per il curriculum che per guadagnare. Oggi con una buona esperienza alle spalle ho iniziato a cercare lavoro sul web.Ho consultato centinaia di offerte: Il risultato è sconcertante! Viene richiesta una giovane età (23 25 max 30 anni) un' esperienza vastissima (in media una decina di programmi in tutto di cui 3-4 abbastanza complessi oltre a anni di esperienza, una spiccata creatività, spesso lingua inglese e in un caso anche esperto nel bricolage!).Il tutto viene ripagato alla voce "contratto offerto" da "stage non retribuito". Non è capitato una volta ma almeno il 30 per cento, un altro trenta per cento di offerte parla di stage genericamente e il restante 40 per cento o non specifica o sono contratti a progetto. Cosa devo fare secondo voi? tenermi quello che oggi sembra essere un tesoro o seguiree le mie ambizioni? Ma soprattutto è giusto che per lavorare io debba rinunciare alla mia dignità? Tanto valeva fare il politico!
Se questi argomenti non toccano lorsignori è perche i loro figli il posto non se lo sudano. allora se è una materia che riguarda il popolino regolamentiamocela da soli.

LORO NON SONO I NOSTRI DELEGATI
LORO NON CI RAPPRESENTANO
SONO NOSTRI DIPENDENTI, LICCENZIAMOLI CON GIUSTA,GIUSTISSIMA CAUSA.
Distruggiamo la legge 30, ridiamo dignità al lavoro, ridiamo un futuro alla mia generazione

Dino speca
Avezzano

Dino Speca Commentatore certificato 25.07.07 12:29| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che da fastidio è che per rovinare la pensione a chi lavora onestamente si fanno scudo dei giovani.
I nostri dipendenti lo sanno che se tutto va bene andranno a lavorare verso i 40 anni.
Vaffanculoooooooooooooooooooooooooooooooooooo
ciao Michele

Michele Terrin 25.07.07 10:54| 
 |
Rispondi al commento

il mio pensiero sulla riforma delle pensioni è semplice:chiedo ai signori con la cravatta indaffarata di darmi la possibilita' VERA di gestire i miei contributi di unirmi con gente che la pensa come me!!la mia ignoranza economica e commerciale mi farebbe guadagnare di piu', quanto meno darei i miei SOLDI a persone diverse.Sono stufo di pensare che i miei soldi se li fumano sempre i soliti vorrei far godere qualcun altro anzi mi -ci,costerebbe meno!Non e' solita demagogia e' semplice sfogo e voglia di cambiare .Aiuto, come si cambiano le cose ?

angelo nasso 24.07.07 20:50| 
 |
Rispondi al commento

finalmente un argomento serio.

l. Commentatore certificato 24.07.07 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Solo per rispetto della matematica:

mettiamo che un lavoratore medio lavori per 35 anni in questo paese e che l'imponibile inps si aggiri sui 30.000 euro annui, pari a 27.000 euro lordi irpef; consideriamo che l'aliquota aziendale inps per la quota previdenziale è di oltre il 30% che vuol dire accantonare quasi 10.000 euro annui; moltiplichiamo per 35 anni e abbiamo raggiunto i 350.000 euro circa; ora consideriamo la rivalutazione, anche solo il 3% annuo sulle somme accantonate (diciamo investendoli in titoli di stati poliennali) ecco che l'importo che il lavoratore ha messo da parte per la sua previdenza è di circa 500.000 euro; ora volendo si potrebbe investire la somma sempre al 3% ed ottenere una rendita DAI SOLI INTERESSI di circa euro 15.000 pari a 1.250 al mese, SENZA TOCCARE IL CAPITALE.
A questo punto vorrei che qualcuno mi spiegasse perchè dopo aver messo da parte 500.000 euro non avrei diritto a 1.250 euro al mese e il capitale VE LO TENETE VOI!!!!!!!!!!!
Ma forse io di matematica non me ne intendo....................


fulvio maraviglia 23.07.07 21:40


nei tuoi calcoli non hai tenuto in nessuna considerazione l'inflazione che c'e stata negli ultimi 35 anni e sappiamo com'era negli anni '70. (!) Inoltre una rendita NETTA e' data da tasso d'interesse al netto delle imposte MENO il tasso di inflazione. Da notare che il tasso ufficile d'inflazione e' sempre inferiore a quello reale (che dipende dalle circostanze individuali) se si arriva a 1% effettivo si e' fortunati.

Il tuo calcolo sarebbe corretto per i PROSSIMI 35 anni supponendo tassi invariati, paghe invariate, inflazione pari a zero. Impossible :-)

In poche parole non e' tutt'oro quel che luccica

rob zava 24.07.07 18:45| 
 |
Rispondi al commento

io sono un pensionato dopo avere lavorato per ben 40 quarant'anni e dalla fine degli anni 50 e tutti gli anni 60 si lavorava il sabato e a volte anche la domenica, io ho versato tutti i contributi e tutte la tasse perchè come dipendente mi era impossibile non pagarle perciò la mia pensione me la sono pagata io ed è ora di finirla che tutti dicono che sono i giovani a pagarmela; durante questi quarant'anni i miei vrsamenti li hanno usati per darli agli industriali i quali chiedevano sempre soldi per la varie casse integrazioni ( ed io fortunatamente non ne ho mai avuto bisogno ), e allora non incolpate sempre noi pensionati metalmeccanici ma tutti i vari partiti che hanno governato male la nostra povera Italia.
scusa lo sfogo ma sono stanco di sentirmi in colpa per colpa di altri.
Gianfranco

labanti gianfranco 24.07.07 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo questa volta sono quasi totalmente in disaccordo con quanto il prof. sostiene. Il discorso è lungo e non si può risolvere per PC. Ci facciamo prendere in giro su tutto e si nota anche in varie riflessioni di amareggiati (e quindi nel giusto rispetto allo schifo della società )che anche se in disaccordo in fondo sostengono le eresie del potere.
Intanto non è vero affatto che la vita media è allungata,siamo di più ma il maggiore incremento demografico se vedete è nei paesi del sottosviluppo e non nei nostri paesi "civili".
Le pensioni da pagare sono di più è vero: hanno fatto sparire quasi del tutto il piccolo artigianato,il piccolo e medio commerciante e così via. E' logico che poi bisogna pagare le pensioni! I tanto ben amati supermercati, le fabbriche, l'industrializzazione in genere hanno indebolito e molto impoverito l'individuo. Quindi bisognerebbe lottare contro il nostro sistema e non contro pensionati che si sono pagati profumatamente la loro pensione.(Premetto che ho 45 anni e che non difendo le pensioni perchè un giorno la prenderò: io purtroppo faccio un lavoro strano e la pensione non la vedrò mai!!) Ora comunque la faccio finita di scrivere perchè con il PC è quasi impossibile fare dei discorsi esaudienti cmq ho voluto puntualizzare.
Cmq Grillo sei fantastico continua così , ed anche se a volte dissento sono entusiasta del tuo blog e di molte tue idee.

Andreas Paganelli Commentatore certificato 24.07.07 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe,
caro prof. Gallegati,
a me sembra che qui nessuno capisce un cazzo e TUTTI (compresi voi ke siete dalla nostra) prendono per il culo TUTTI (cioè noi).
sono un 21enne studente universitario, ormai sicuro di lasciare l'Italia una volta laureato, e di economia e simili sinceramente non ci capisco nulla; ma mi chedo sempre una cosa, e mano a mano che vado avanti nel percorso, che vedo cosa succede intorno, che vedo come gira il mondo e chi ci mangia, la domanda diventa sempre più ossessiva e pesante:
MA COSA CAZZO LAVORIAMO A FARE??????
dove dobbiamo andare????
qual'è lobiettivo ultimo dell'umanità????
la risposta è: x NIENTE! da NESSUNA parte! NESSUNO!
siamo a crescita zero!!!! oh mio dio!!! come faremo!!! meglio!!!!
stiamo diventando sempre di più, siamo sempre più avanzati tecnologicamente, andiamo sulla luna, spediamo pezzi di ferro nello spazio, abbiamo raggiunto un livello sorprendente di civilizzazzione.
QUALCUNO MI SPIEGA PERCHE' NONOSTANTE CIO' SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO??
ve lo dico io!!!! CI PRENDONO PER IL CULO!!
ci fanno credere che lavorare è indispensabile, quando NON E' VERO!!
i giovani lavorano per i vekki ke prendono la pensione comunque troppo tardi e i giovani non andranno n pensione perchè bla bla bla bla BLA BLA e ancora BLA!!
parole parole parole.
siamo il popolo più civilizzato del mondo e siamo anke il più stupido, se si raccontasse cosa fa un impiegato del 2007 a un contadino 1500, il contadino direbbe: ma siete scemi?? ma chi cazzo ve l'ha fatto fare?? avete investito denaro, tempo, vite umane, risorse ambientali, vi siete rotti la schiena, avete distrutto un pianeta. e per cosa?? per farvi sempre più sbattimenti!! x vivere stressati, infelici, ammalati di tumori e ipertensione, sempre di corsa, SEMPRE A LAVORARE.
sempre a lavorare...
ma il valore aggiunto che si crea che fine fa se il turno dura sempre 8 ore??
da secoli dura 8 ore.
avevamo cominciato bene con le rivoluzioni, ma abbiamo fatto la cazzata di distrarci...

stefano erreni 24.07.07 12:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

propongo che ogni ragazzo/a alla ricerca del primo lavoro emigri e vada in Europa per ono fare più ritorno....così noi avremo il lavoro e ci toglieremo la soddisfazione di metterlo in quel posto a chi ci ruba la vita per avere soldi.....

antony diaz 24.07.07 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello della riforma pensionistica è proprio uno stramaledetto imbroglio con cui si cerca di risanare i conti dello Stato attraverso provvedimenti vergognosamente asimmetrici, calando la scure su una delle categorie più deboli come quella dei pensionati e allegramente sorvolando sul fatto che il dissesto deriva da ben altre e ben più strutturali cause !! I giornali sono pieni di tabelle di raffronto con i sistemi pensionistici degli altri stati europei, ma non ho visto nessuna tabella da cui risulti che in Italia gli stipendi ed i salari sono mediamente inferiori che nel resto d’Europa, che la tassazione delle rendite finanziare è al 12,50 % mentre altrove e del 20%, che l’evasione fiscale ed i redditi esentasse derivanti da lavoro nero e da attività più o meno criminali risultano superiori di quattro volte la media europea etcc. !! Nessuno dice queste cose e si preferisce far passare i pensionati come una insaziabile piovra dai mille tentacoli che succhia senza sosta le magre risorse del Paese o come i capofila di un branco agitato da un bieco egoismo generazionale, che per comprarsi SUV, ville a Cortina e barche di 25 metri non esita a compromettere e sacrificare il futuro di figli e nipoti sull’altare del più sfrenato consumismo !!

Max Vinella 24.07.07 12:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da tempi non sopsetti ho sempre parlato di precari, e di schiavi del 3° Millennio...ma aggiungo ora una considerazione.Tutte le leggi sino ad oggi realizzate quale soluzione per l'occupazione hanno intenzionalmente scelto la via del mezzo....cioè il pagamento dei Tickets elettorali a Confindustria ed ai Sindacati....!Con la Legge Treu primo inzio della fine, si introdusse a creazione del precariato, allora denominato CO.CO.CO, a qualsivoglia categoria, con il beneplacito dei sindacati che si premunivano di accoglierla per far si che per i loro rappresentati non cambiasse nulla o quasi!Poi Dini, Poi MARONI/BIAGI...insomma al peggio non v'è fine.Allora i Giovani che aspettavano lavoro ebbero solo i contratti truffa, da allora sono trascorsi dieci anni e questi stessi, sono sempre meno giovani, e le loro ritenute previdenziali sono l'anticostituzionale tassa che si paga a chi la pensione l'ha già maturata...insomma serve per fare cassa! Pagare le fallimentari gestioni, nonchè, le protezioni sociali previste per i dipendeti...di Parmalat, FS, ALITALIA...!
Ad oggi si ripete l'eterno ritornello che bisogna trovare soluzioni per i Giovani - di oggi quelli di ieri oramai sono bruciati in quanto hanno fatto il favore alla classe politica di diventare vecchi...a 35 anni sei vecchio in Italia -.Soluzioni che non soluzionano; ma cosi i Governi vanno avanti, riuscendo però nel dare soluzione al loro personale, e dei loro amici, sostegno economico...!
Ma è colpa nostra, dell'"Italiano medio", che vuole ciò! Ci si sente indivdualmente più furbi degli altri...ma è una strada di non ritorno...al giungere del livello di guardia dei cosi detti furbetti o "coronari" - frutto/figli del Corona simbolo di questa ns. Società....dove i media tendono ad esporre in vetrina che diventare ricchi si può in qualsivoglia modo -, tutto ciò si rivolgerà contro i loro "maestri"...quelli che ora da dipendenti si fanno onorare quale onorevoli e senatori...!
O sbaglio?

FABIO C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.07.07 11:59| 
 |
Rispondi al commento

forse arrivo tardi, ma avete visto questo link?

http://arnolfospezzachini.blog.kataweb.it/spezzachini/

un altro da aggiungere alla lista del V-Day

Carla Morghen 24.07.07 11:46| 
 |
Rispondi al commento

@@ Scusate ma,Maria Novella lo merita @@@

======================================
L’indifferente (di Maria Novella Oppo)
======================================

Non è facile per nessuno capire quale giudizio dare sulla riforma delle pensioni approvata venerdì scorso.
Ed è doloroso sentire a che punto di durezza arrivino le critiche dall’interno stesso del centrosinistra.
Ieri mattina ne abbiamo avuto un esempio durante il dibattito di Omnibus,dove il sindacalista Angeletti è stato costretto ad ascoltare Rizzo (del Pdci)che pretendeva di insegnargli il mestiere.
Ma sui due litiganti che cercavano di rappresentare gli interessi dei lavoratori,si segnalava la solare indifferenza,anzi l'insofferenza di Della Vedova(ex radicale in Forza Italia)per i destini dei lavoratori stessi. Una totale indisponibilità a capire i diritti di chi ha pagato tutti i suoi debiti e ha,anzi,un forte credito nei confronti della società.
Per questo era disumana (come la definì Cofferati,che non è stato mai un estremista)la pretesa di questi sedicenti liberali,di abolire l’articolo 18,per consentire ai padroni di licenziare senza giusta causa.
Maria Novella Oppo(L'Unità on line:24/07/07)

camillo sesmoulin 24.07.07 09:08| 
 |
Rispondi al commento

PENSIONE: UN'ALTRA TRUFFA AI DANNI DEGLI ITALIANI

Dopo la criminale idea di depenalizzare la frode alimentare, dopo l’indulto, dopo l’abbattimento di ogni ostacolo all’invasione degli immigrati oggi arriva questa ennesima truffa di questi otto deficienti… LA RIFORMA DELLE PENSIONI !

DISTRUGGONO OGNI COSA CHE TOCCANO E RIESCONO A PEGGIORARE ANCHE LE COSE PEGGIORI !

Ieri, con quella faccia da @#£?!, il prete di oratorio ci ha riferito dell’ennesimo “successo” del suo “sgoverno” : praticamente con la peggiore legge “Maroni” si poteva andare in pensione raggiunti i 40 anni di contributi oggi, con quest’accordo, si dovrà aspettare 60, 61, 62 anni di età.

QUESTI 8 DEFICIENTI HANNO DI FATTO INNALZATO L’ETÀ PENSIONABILE E CE LA STANNO SVENDENDO COME UNA CONQUISTA SOCIALE.

Ovviamente di Cimoli, di Scaroni, di tutti i miliardi di miliardi di denaro pubblico bruciati tra tangenti e sprechi di Stato, di tutti i loro schifosi, vergognosi, inauditi e immeritati privilegi, della barca miliardaria del “Facci sognare !”, del fiume di soldi che ci sta costando questa follia chiamata “immigrazione” non se ne parla e il cetriolo continua ad andare….

QUINDI E’ L’ENNESIMA TRUFFA AI DANNI DEI CITTADINI.

Tutti d’accordo, compresi sindacati e sinistra “estrema” la quale ora, come sempre, abbozzerà una protesta ma poi si appecoronerà ragomitolandosi su quella paludata e comodissima “poltrona”.

Anche se non c’è ne bisogno, oggi abbiamo un motivo in più per sostenere, per partecipare al V-Day organizzato per l’8 settembre da Beppe Grillo (http://www.beppegrillo.it/vaffanculoday/) !

PS: Ho ascoltato il TG 3 della 14,30 di oggi, praticamente non c’è stato il minimo accenno agli “scalini” condizionati all’età, ma hanno parlato esclusivamente dei benefici che riceveranno i giovani.

Questa è ancora una DEMOCRAZIA ?

Paolo EMILI 24.07.07 08:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pirla chi ha iniziato presto a lavorare.
Ho 50 anni: a 16 studiavo e lavoravo nel commercio per mantenermi ,nemmeno i soldi per il bus.A 19 le prime supplenze e poi precariato come maestra per alunni ‘speciali’,professione non usurante( poveri operai intellettuali..)
33 anni e 4 mesi di salario fuori confronto con altri paesi europei e trattenute alla fonte compreso l'investimento per la vecchiaia (inps). Scuola:un’opportunità per stare nella storia degli uomini del mio tempo prendendomi cura dei loro cuccioli soprattutto per quelli in difficoltà.
Orientare lo sviluppo dei saperi alla costruzione di un mondo solidale e vivibile per tutti non permette ad un insegnante di rimanere estraneo ai processi sociali,economici,politici ,sindacali e io me li sono fatti tutti.
I ‘diritti acquisiti ’ vengono da fatiche e sofferenze collettive.Tutto perso? Dimenticato? Effetto deterrente da G8? Il puzzo pungente del giorno della Diaz mi ha ricordato vecchi scontri di piazza per i trasporti , il diritto alla casa, i salari...
I giovani e i fatti del mondo?
Muti...Tutti a studiare per poter entrare in questo modello di sviluppo fatto per uomini forti,ricchi,eternamente sani e giovani?Liberismo,velocità trasformativa,informatica e tecnologia hanno già estromesso dalla comprensione degli eventi, rendendola meno autonoma, buona parte della 3 e 4 età: altro che patto generazionale.
A 60 anni(investimenti in formazione: maestra fresca e flessibile) potrò vivere; non lamentatevi se mi dovrete mantenere almeno per 20, io, per 42, l'avrò fatto per i vostri nonni,per gli invalidi e chissà per che altro illudendomi di farlo anche per me.
Voi solidarietà ‘no’?
Vorrei le dichiarazioni dei redditi di tutta la media che sugli 80 salta a miglior vita.
Ci vogliono fregare… servono: il vostro coraggio, pazienza , creatività, solidarietà,speranza, ma anche la storia e l'esperienza dei vostri vecchi per diventare e rimanere uomini tra gli uomini.

elena tribia 23.07.07 22:38| 
 |
Rispondi al commento

seguito di "pensioni: un maledetto imbroglio"
Il nuovo sistema si applica ai nuovi iscritti. L’INPS rimane sia per gestire i diritti acquisiti che come ente erogatore dell’assegno sociale.
Il maggior vantaggio sarebbe quello di disinnescare il conflitto sociale tra generazioni, conflitto su cui oggi sta soffiando la destra per catturare il consenso dei giovani, imbrogliandoli, poiché, sia con la legge Maroni che con l’accordo governo-sindacati di Prodi, milioni di giovani restano a casa.
Questa riforma è possibile, a costo zero, anzi ridurrebbe passaggi burocratici e contenziosi, darebbe certezza di vita a tanti precari ed esclusi e, soprattutto, ci libererebbe dai “grandi vecchi” al potere.
Paolo De Gregorio

paolo de gregorio 23.07.07 22:33| 
 |
Rispondi al commento

segue: Pensioni, un grande imbroglio
Il nuovo sistema si applica ai nuovi iscritti. L’INPS rimane sia per gestire i diritti acquisiti che come ente erogatore dell’assegno sociale.
Il maggior vantaggio sarebbe quello di disinnescare il conflitto sociale tra generazioni, conflitto su cui oggi sta soffiando la destra per catturare il consenso dei giovani, imbrogliandoli, poiché, sia con la legge Maroni che con l’accordo governo-sindacati di Prodi, milioni di giovani restano a casa.
Questa riforma è possibile, a costo zero, anzi ridurrebbe passaggi burocratici e contenziosi, darebbe certezza di vita a tanti precari ed esclusi e, soprattutto, ci libererebbe dai “grandi vecchi” al potere.
Paolo De Gregorio

paolo de gregorio 23.07.07 22:28| 
 |
Rispondi al commento


- pensioni: un maledetto imbroglio –

Quasi tutti i ragionamenti sentiti in questi giorni sul tema delle pensioni hanno un carattere ragionieristico e ci danno ad intendere che è possibile mettere insieme capra e cavoli, ossia l’aumento dell’età per andare in pensione e il futuro dei giovani.
Se invece si guarda il problema onestamente e si dissocia il bilancio dell’Inps dal futuro lavorativo dei giovani, il punto fermo che si può mettere è che l’aumento della età pensionabile lascia i vecchi a lavorare e i giovani a grattarsi.
Se la cosa ci ripugna e pensiamo che la gerontocrazia diffusa sia un male da correggere, ecco che un sistema pensionistico nuovo potrebbe essere profondamente riformatore. Non ingegneria finanziaria ma problema posto su basi etiche.
Il numero magico è 60. Chiunque svolga un lavoro dipendente deve lasciare, al compimento del sessantesimo anno, la sua attività, anche se magistrato o generale o giornalista, per legge e non per “libera scelta”. Può restare fuori solo il lavoro autonomo: artigiani, coltivatori diretti, commercianti, piccoli e grandi imprenditori, professionisti.
Il sistema non deve essere più contributivo, ma a carico della fiscalità generale che a sessanta anni mette a disposizione di tutti, dalla casalinga al disoccupato, al dipendente pubblico un ASSEGNO SOCIALE, personale non reversibile, di importo vicino a quello di una pensione media attuale (circa 750 euro mensili). Gli autonomi hanno diritto a tale assegno quando cessano l’attività.
Due coniugi o due conviventi, anche senza altri redditi potrebbero contare su una prospettiva di vita dignitosa
L’attuale quota di contribuzione delle aziende per le pensioni è di circa il 24% conteggiato sulla retribuzione lorda, rimarrebbe invariata, ma versata alla fiscalità generale.
La trattenuta ai fini pensionistici a carico del lavoratore è di circa il 9%, va eliminata e l’importo messo in busta paga per consentire la costituzione di una pensione integrativa

paolo de gregorio 23.07.07 21:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo per rispetto della matematica:

mettiamo che un lavoratore medio lavori per 35 anni in questo paese e che l'imponibile inps si aggiri sui 30.000 euro annui, pari a 27.000 euro lordi irpef; consideriamo che l'aliquota aziendale inps per la quota previdenziale è di oltre il 30% che vuol dire accantonare quasi 10.000 euro annui; moltiplichiamo per 35 anni e abbiamo raggiunto i 350.000 euro circa; ora consideriamo la rivalutazione, anche solo il 3% annuo sulle somme accantonate (diciamo investendoli in titoli di stati poliennali) ecco che l'importo che il lavoratore ha messo da parte per la sua previdenza è di circa 500.000 euro; ora volendo si potrebbe investire la somma sempre al 3% ed ottenere una rendita DAI SOLI INTERESSI di circa euro 15.000 pari a 1.250 al mese, SENZA TOCCARE IL CAPITALE.
A questo punto vorrei che qualcuno mi spiegasse perchè dopo aver messo da parte 500.000 euro non avrei diritto a 1.250 euro al mese e il capitale VE LO TENETE VOI!!!!!!!!!!!
Ma forse io di matematica non me ne intendo....................

fulvio maraviglia 23.07.07 21:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco una mia canzone dedicata a mastella:

Tanti voti - Arraffella Carrà

Se per caso cadesse Prodi io mi sposto un po' più in la
e mi accordo con Casini che di regole non ne ha
le urne sono una roulette, i miei numeri tu li sai
la mia faccia è una moquette dove tu ti ci siederai

ma girando la mia terra io mi sono convinto che
non c'è destra nè sinsitra se al senato il mio posto c'è

com'è bello prender voti da trieste in giù
come'è bello prender voti io son pronto e tu

tanti posti a chi a Ceppaloni sta
tanti posti al comune e alla sanità

com'è bello prender voti da trieste in giù
l'importante è stare sempre con chi poi va su
e se cadiamo allor sai che si fa
formi un altro governo che problemi non ha


tutti dicono la politica è corruzione ed ipocrisia
ma per uno che ce magna tutto il resto che vuoi che sia
tante volte il trasformismo è la strada per la virtù
governare governare e guadagnare sempre di più

ma girando la mia terra io mi sono convinto che
non c'è destra nè sinsitra se al senato il mio posto c'è

com'è bello prender voti da trieste in giù
come'è bello prender voti io son pronto e tu

tanti posti a chi a Ceppaloni sta
tanti posti al comune e alla sanità

com'è bello prender voti da trieste in giù
l'importante è stare sempre con chi poi va su
e se cadiamo allor sai che si fa
formi un altro governo che problemi non ha


com'è bello prender voti da trieste in giù
come'è bello prender voti io son pronto e tu

tanti posti a chi a Ceppaloni sta
tanti posti al comune e alla sanità

com'è bello prender voti da trieste in giù
l'importante è stare sempre con chi poi va su
e se cadiamo allor sai che si fa
formi un altro governo che problemi non ha

Claudio M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 20:13| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

la vera riforma per le pensioni sarebbe ottenere una pensione uguale per tutti i lavoratori a fine carriera INDIPENDENTEMENTE dal lavoro svolto. non metto in discussione le responsabilità di un manager aziendale o di un medico durante gli anni del lavoro, ma una volta raggiunta l'età pensionabile non essendoci alcun onere non è necessaria una pensione elevata. 1000-1200 euro per tutti!!!

moreno p. Commentatore certificato 23.07.07 19:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lavoro a progetto per un ente Provincia, da due anni, faccio l'operatore di strada.

Questa è la mia testimonianza.

Il lavoro prevede un numero variabile di ore la settimana, a seconda dei finanziamenti che trovano. Ora siamo al massimo storico delle ore lavorative: 16 ore la settimana. L'anno scorso erano circa 4. L'anno prossimo ridiminuiranno.

La maggior parte delle ore si lavora la notte ed all'aperto, per strada appunto. In estate ed in inverno.
Nelle ore libere si è a disposizione eventuale. Se ci sono delle urgenze (capita + volte la settimana) ti chiedono la disponibilità ad accorrere, anche per impegni limitati (un'ora, due ore..), naturalmente senza che venga pagato il tempo per recarsi al lavoro, nè la spesa per il trasferimento.
Ma questa quando i lavoratori avevano diritti non si chiamava reperibilità?
Ora si chiama elasticità.
Naturalmente niente ferie, malattie, tredicesime, pensione a 200 anni...

Inizialmente la Provincia ha stabilito 11,29 euro l'ora lordi, a abbiamo accettato. Ci pagavano quella cifra meno circa il 20%.
Alla fine dell'anno si sono accorti però che oltre alle trattenute il lavoro aveva dei costi aggiuntivi, qualcosina per il TFR e non so che altro: circa un altro 20%. Non se ne erano accorti. Ci hanno anche detto che il contratto lo diceva, anche se in modo non così chiaro, ma è una balla.
Ormai ce lo avevano pagato. Soluzione: l'hanno rivoluto indietro, sotto forma di ore di lavoro da fare in più non pagate! Sì, capito bene.

Ora finalmente è arrivata la sinistra (ma da noi la città è rossa da sempre), e ha aumentato i contributi a carico dell'azienda per i lavoratori cocopro.
quindi l'Ente, trovandosi aumentati gli oneri che ha fatto? Semplice: ha abbassato ulteriormente il nostro netto! Li ha fatti pagare a noi!

Io in pensione non andrò MAI, ma ora ho l'onore di contribuire col mio netto a quella degli altri.
Mi da soddisfazione.

Fabrizio Castellana Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 18:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TANTO PER RIFLETTERE....

Un datore di lavoro che assume un dipendente versa in contributi il pari dello stipendio.Ora mettimo una base di 1000.00 euro per 40 anni.La domanda sorge spontanea...
perche quando vado in pensione non posso riavere la mia parte versata???ossia i 1000.00 euro al mese??? oltre tutto non vivro sicuramente i 40 anni che ho lavorato...altra domanda che viene di riflesso...
perche devo mantenere dei pensionati??? dove sono finiti i loro versamenti???? vale il medesimo principio... si lavora per 40 anni e se ci dice bene la prendiamo per 20(ho esageraro in eccesso)??????? tutti questi soldi dove vanno a finire???????????????????????????????

ciao a tutti....

massimo fofi 23.07.07 18:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro grillo caro prof. gallegati quello che ho letto a me sembrano solo belle parole di un bravo tecnico della finanza o economia, perchè non ci mettiamo un pò di cronaca spiccia e sana emotività? Come è possibile chiedere di allungare l'età pensionabile a un lavoratore che si è fatto 35 anni di cantiere navale o muratore ecc..?? Chi cazzo è legittimato a legiferare su questo? I nostri attuali governanti? A quanto ammonta l'evasione fiscale? Dove sono i soldi dell'alitalia e delle ferrovie? Tutto questo non c'entra niente? Ho 46 anni e pago tasse e do soldi all'imps da quando ne ho 22. Cosa dovrei dare oltre i 60 anni anche una fettina di culo vicino l'osso?

fabrizio latini 23.07.07 17:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

poveri sindacati: senza berlusconi non sanno con chi rifarsela e accettano tutti gli propinati dal governo inciuci.

RESISTETE!!!
presto tornera' lui e potrete scioperare liberamente di nuovo contro quei fascistacci di confindustria!!!

saluti

alberto rossi Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Io lo so che non vedrò mai la pensione, lo so che c'è da morire lavorando e ormai coltivo solo una speranza... Lavorare per Giove.
Voglio un lavoro che sia vero, che non veda i quadri o i dirigenti della mia azienda cambiare SUV ogni anno e a me non permetta di andare in ferie perché sono un lap da 6 anni dico 6 anni, e se chiamo i sindacati mi dicono che più che mandare lettere non fanno, chiamo gli ispettori e sono pochi (fior fior di uffici di pubblica amministrazione con gente che si fa le seghe e dove serve non c'è mai nessuno).
Allora voglio proporre pure io una manifestazione di piazza per tutti i precari cazzo.
Volete il motto? VOGLIAMO MORIRE LAVORANDO, fanculo alla pensione mia e di tutti voi, io voglio morire lavorando, voglio potermi ammalare tre giorni per una cazzo di influenza e non perdere 150 euri lordi, voglio fare una settimana di ferie e non pagare la vacanza + 250 euri lordi per i 5 giorni di assenza facoltativa dal lavoro non pagata.
Voglio che la mia azienda mi corrisponda almeno la metà di quello che da ad ognuno di voi fortunati di stipendio, ad un ente privato, che lo dia pure al nano e alla sua banca circolare, che ci pensino i privati sotto stretto controllo dello stato a pagare le pensioni dopo aver speculato tutta la vita sui risparmi che il datore di lavoro mi versa.
Voglio solo lo stretto indispensabile, voglio risparmiare 3.50 euri al giorno per mangiare visto che non posso tornare a casa che lavoro in culo al mondo, voglio che l'azienda dia a me, il minimo indispensabile per non tornare a casa da mia figlia e sentirmi un fallito solo perché sono troppo pezzente per permettermi il calcio nel culo, non è colpa mia se ho il coccige ancora sano, sicuramente è colpa mia che non sono un genio super ricercato, è colpa mia se ho una moderata intelligenza che mi annovera nel gradino sociale dell'italiano medio, ma basta veramente poco cazzo.
Non pretendo appiattimento, ma equilibrio, se il Suv ve lo cambiate ogni 4 anni? E' volgare?

Simone S 23.07.07 17:24| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno mi spieghi come un commerciante è riuscito a realizzare nella sua vita 3 appartamenti a Cagliari e 2 locali commerciali sempre a Cagliari e la casa al mare però pover'uomo oggi ha una pensione di € 400,00 al mese ...I contributi non si versano in base al reddito e quindi la pensione è in proporzione al reddito dichiarato. Caro commerciante perchè anzichè costruirti le case non ti sei versato i contributi ...perchè non facevi gli scontrini fiscali quando vendevi . Oggi a questo truffatore gli aumentano la pensione perchè è da fame e a mio padre che ha lavorato onestamente tutta la vita (certo non ha così tanti immobili....anche perchè lavorando onestamente non si diventa multiproprietari)si tiene la pensione che ha € 750,00 . LA LEGGE DIFENDE SEMPRE I TRUFFATORI E FA FINTA DI AVVANTAGGIARE GLI ONESTI

Paola Sanna 23.07.07 16:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

E' il sistema previdenziale che è sbagliato! perché i lavoratori di OGGI devono, con i contributi da essi versati , pagare i pensionati di OGGI? Non sarebbe più corretto che ogni generazione versi i contributi per la propria futura pensione?

Ps. Mio padre (operaio) andò in pensione a 54 anni CON 40 ANNI DI CONTRIBUTI, dopo aver trascorso una vita in officina. il lavoro era usurante e l'ambiente non molto salubre (anche per la presenza dell'amianto nelle strutture dell'edificio).A causa di tutte le schifezze che ha respirato durante questi anni ha rischiato un cancro (alcuni suoi colleghi non ci sono più.....). Ha sbagliato ad andare in pensione per godersi la famiglia? Secondo me no e chi la pensa diversamente andasse a cagare!

Francesco Speranza 23.07.07 16:37| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

programma per non aumentare l'età pensionabile:
1 ridurre stipendi e privilegi infiniti di parlamentari, senatori, e spese della presidenza della repubblica
2 ridurre pensioni faraoniche (anche quelle che già stanno riscuotendo) di parlamentari, senatori
in specialmodo dell'onorevole Dini che tanto si da' pena per aumentare "la nostra" età pensionabile
3 dividere la previdenza dall'assistenza (non ne parlano neanche più, compreso Bertinotti e il suo partito) in poche parole la cassa integrazione che ha arricchito la FIAT viene pagata dalla fiscalità
4 caccia grossa SERIAMENTE al lavoro nero, ai pensionati che riscuotono stipendi a nero anche in organizzazioni o enti, ai doppi lavoristi
5 chi non vuole andare in pensione paga i contributi come tutti e non come adesso che praticamente autorizziamo il lavoro a nero. Un pensionato che lavora in un azienda ha l'incentivo ma l'azienda non versa all'INPS i contributi
6 far andare in pensione chi vuole andare - si libereranno tanti posti di lavoro per i giovani e finirà il precariato
consigli utili
fate il conto di tutte queste voci e salteranno fuori miliardi di miliardi
non credete alle baggianate che vi propinano giornalmente per farvi il lavaggio del cervello;
oggi si vive di più
il fumo passivo fa male
i grassi sono un costo per la socità non hanno diritto alle cure
Tutti divieti e imposizioni che ti rendono innocuo. Il mondo e in mano a 7/8 imbecilli che hanno da piazzare i loro prodotti farmaceutici per smettere di fumare, per dimagrire, le loro assicurazioni, le loro banche. Però in Africa devono morire di denutrizione e AIDS. E ti abbattono la foresta amazzonica per darti la soia magari geneticamente modificata,così ti ammali e loro ti curano. Perché dobbiamo far continuare a far fare la bella vita a quei 7/8 privilegiati, o a tutti i nostri dipendenti parlamentari, e noi schiattare? Cominciate a pensare con il Vostro cervello non fatevi incantare dai discorsi.contiamoci quanti siamo e ribelliamoci

emiliana carifi Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 16:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'età pensionabile si allontana per motivi che noi,bene o male,comprendiamo,ma non condividiamo, perchè dalla parte "giusta" della barricata.
Il furto del lavoro,della stabilità,ma soprattutto della dignità umana sono all' ordine del giorno.Ma la forza di reagire è smorzata dalla voce dei padrone (stampa e "telegiornali" in primis)che ostenta una ripresa imminente, un benessere ormai prossimo all'acquisizione,quando non se ne vede nemmeno l'ombra in lontananza(quanto pecora è la maggior parte della gente,che dice solo sì...!!!).La colpa,per lo meno tutta la colpa,non è da imputare solo a chi muove i fili di questo sistema corrotto fino all'osso,ma è da ricercare anche più vicino,tra di noi che non combattiamo quando la scuola tiene nell'ignoranza la nostra futura generazione per girarla come vuole a suon di reality e veline,quando la burocrazia affossa l'idea imprenditoriale,quando pretendono le tasse indipendentemente dal tuo reale reddito (studi di settore),quando spostano il rischio di impresa sul lavoratore,quando nessuno ha più il coraggio di scendere in piazza a protestare come ha fatto mio padre durante il '68.
Spero che il V-Day sia il preludio ad una nuova rivoluzione "culturale" perchè è la cultura del rispetto per il prossimo che dobbiamo portare avanti:quando rispetti l'altro lo fai studiare come deve essere,gli permetti di aprire velocemente una impresa che porta ricchezza a lui, la sua famiglia e la tua terra,gli chiedi il giusto perchè i servizi per la comunità funzionino ,lo fai lavorare ma gli permetti di gioire serenamente del sorriso dei nipoti....

matteo plazzi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 16:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Vogliono la previdenza integrativa per i loro affari sporchi, ti hanno preso il TFR, ti hanno già dato la sanità a pagamento. Chi ha i soldi si cura chi non li ha muore. Già adesso se hai necessità di una analisi urgente telefoni al CUP e ti danno l'appuntamento dopo sei mesi se ti va bene.. se chiedi: e a pagamento c'è posto? Ti danno l'appuntamento il giorno dopo!! Capito? Provate a fare questa indagine e pregate di non avere mai bisogno!! Le cose sono cambiate sotto gli occhi di tutti.. silenziosamente, alla faccia di noi tutti. Costretti a correre e a lavorare, a star dietro ai figli e alla burocrazia, non abbiamo il tempo di elaborare e nel frattempo ci hanno fatto e seguitano a farci il c..o !!! Muoviamoci riprendiamoci l'Ialia !!!

emiliana carifi Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 15:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo solo portare la mia piccola testimonianza di "impiegata", quindi appartenente ad una categoria considerata "non usurante"... Ma chi lo ha detto? Io lavoro nel settore marittimo e più precisamente in una compagnia di navigazione alla quale appartengono navi mercantili che, ahimè girano il mondo 24 h ore al giono, per 365 giorni all'anno. Lavoro in ufficio per circa 10/12 ore e poi ho la reperibilità per tutto ciò che rimane di una giornata e/o notte, 7 giorni su 7 (probabilmente è meno impegnato un chirurgo). Ho 43 anni e ho già accumulato 28 anni di lavoro, dato che ho cominciato quando ne avevo 15 (eh già, sono una dei privilegiati che, data la condizione familiare non proprio agevole, studiava e lavorava allo stesso tempo per portare il proprio contributo a casa), faccio pochissime ferie, e, pur avendo patologie varie, mi ammalo ancora meno (tutto questo è facilmente riscontrabile ovviamente) e, credetemi, oltre ad aver perso completamente la mia adolescenza e gioventù spensierate, mi sento molto, ma molto stanca, perciò, quanti anni di scalini devo ancora fare per poter andare in pensione? Avrà mica ragione il mio capo che ripete tutti i giorni che "di lavoro non è mai morto nessuno"...?

Cristina Trivellato 23.07.07 15:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

aggiungo che tutto questo è per far entrare le assicurazioni e i fondi in gioco MA NESSUNO LO HA CAPITO?? NELLA SPARTIZIONE DELLA TORTA SONO ENTRATI IN GIOCO TUTTI SINDACATI IN TESTA CHE HANNO FATTO IL LORO BEL FONDO E ASPETTANO TIPO AVVOLTOIO SULLA SPALLIERA CHE TU LAVORATORE GLI VERSI I TUOI BEI SOLDINI... POI MAGARI FALLISCONO E TI ATTACCHI AL LILLERO E LALLERO E FAI TARZAN !! CAPITO MI HAI !!! TROPPA GENTE RASSEGNATA IN GIRO.. NESSUNO SI RIBELLA. ORMAI VIENE ACCETTATO DI TUTTO QUALSIASI IMPOSIZIONE E PRIVAZIONE DI LIBERTA' E' PROPRIO QUELLO CHE SI ASPETTANO I GOVERNANTI...RIDURRE LA POPOLAZIONE AL SILENZIO, ALLA RASSEGNAZIONE E MAGARI RINGRAZIARE FELICEMENTE. SVEGLIA !!!

emiliana carifi Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 14:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

al vaffa day glielo diciamo ad alta voce che basta che loro si riducono privilegi e pensioni e abbiamo già trovato i soldi per tutti vecchi e giovani...senza contare la famosa divisione fra assistenza e previdenza.. si continuano a pagare la cassa integrazione dall'INPS !! anzichè dalla fiscalità!! E poi mancano i soldi !! Comunque se i cinquantenni continuano a lavorare non si libereranno mai i posti per i giovani.. quindi ci raccontano tutte str....Cosa fanno in Europa a noi non interessa - ogni paese è diverso dall'altro. In Europa non hanno avuto i mangiasoldi al pari dei nostri!! E noi seguitiamo ad averli!! Fuori tutti non solo gli inquisiti !!

EMILIANA CARIFI Commentatore in marcia al V2day 23.07.07 14:21| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL PROBLEMA NON VA RISOLTO ALLUNGANDO IL PERIODO LAVORATIVO, MA ELIMINANDO I PENSIONATI!!!
Che la pensione sia garantita dalla famiglia: che i vecchi siano a carico esclusivamente della propria prole!!! SE SEI VECCHIO E SOLO... CHE COSA CAMPI A FARE???
NO ALLA PENSIONE!!!!!!!

G.Liberato 23.07.07 14:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un ingiustia grande quanto una casa che un lavoratore che ha 35/40 di contributi regolarmente versati percepirà una pensione poco più alta rispetto ad un pensionato senza nessun contributo all' attivo. Nondimeno l' errore da evitare è quello di fare la guerra tra poveri. E' vero che fortunatamente l'età media aumenta, ed è quindi giusto andare in pensione più tardi. Ma il beneficio di questo provvedimento deve ricadere pienamente sulle tasche di quel lavoratore che con 35/40 di contributi possa ricevere una pensione degna prossima a quella dell' ultimo salario.

Massimiliano Puccio 23.07.07 14:01| 
 |
Rispondi al commento

> ma la soluzione giusta non può essere solamente quella di punire i giovani innalzando l'età pensionabile, abbassando i coefficienti di rendimento e allo stesso momento rendere il lavoro flessibile al limite dello sfruttamento.

hai le idee un tantino confuse, innalzare l'eta' pensionabile andrebbe a favore dei giovani perche' qualunque scalone prima o poi convergera' nell'aumento dell'eta' persionabile per un giovane e quindi tanto vale farlo subito risparmiando centinaia di miliardi di euro.

L'unica soluzione per noi giovani e' la contribuzione volontaria cioe' avere uno stipendio del 30% (in media) piu' elevato e gestirci da soli il risparmio

michele serra 23.07.07 13:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, non vorrei dire un'inesattezza, ma credo che in altri paesi europei si vada in pensione a 60 anni o 65 anni, non prima.
Qualche buon anima mi può spiegare perchè in Italia non è così?

francesco rossi 23.07.07 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Va bene la struttura della piramide della popolazione é cambiata, ci sono troppi pensionati rispetto a quelli che lavorano, ma la soluzione giusta non può essere solamente quella di punire i giovani innalzando l'età pensionabile, abbassando i coefficienti di rendimento e allo stesso momento rendere il lavoro flessibile al limite dello sfruttamento.
In questo modo che speranze e che futuro diamo ai nostri figli?
Lo scalino va bene, ma deve essere al contempo varata una manovra che elimini i privilegi pensionistici, dei politici, dei manager pubblici,
di tutte quelle categorie professionali che con gli appoggi politici si sono creati privilegi in questo campo.
Occorre fare una riforma dell'Inps, con i contributi pensionistici si debbono pagare solo le pensioni dei lavoratori e non l'assistenza.
Infine io dico che un ente pubblico non deve pagare pensioni privilegiate e comunque fino ad un massimo (ad. es. 3000 euro),ciò può valere per i piloti, i manager i parlamentari oppure le loro grandi pensioni se le facciano pagare dalle assicurazioni private!!

Alfredo Roncaccia 23.07.07 13:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ormai possiamo dire basta all'imps è ora di smettere di pagare. Per gli anziani già in pensione ci pensino i nostri parlamentari. Una piccola toccatina al loro più che cospicuo stipendio ed ecco pagate le pensioni. Noi giovani dobbiamo essere liberi di investire i nostri risparmi come e dove vogliamo. Lavoro da 19 anni ed ogni volta ch edevo pagare iva ed imps mi vien da bestemmiare....soldi buttati via!!!

Armando Ruggiero Commentatore certificato 23.07.07 13:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

beppe, anche io sono una schiava moderna... ho 35 anni e da 7 non riesco a trovare uno straccio di lavoro definitivo...sono rimbalzata da un posto all'altro, in balia dei vari Adecco, Manpower, Kellyservice, obiettivo lavoro, che hanno in mano TUTTO (non è + possibile fare un colloquio direttamente tra il lavoratore e l'ipotetico datore di lavoro, devi prima passare dalle agenzie, compilare i loro merdosi questionari e poi ti faranno sapere...)
ho lavorato gli ultimi 3 anni per una grande e importante multinazionale americana (quella dei post-it, x capirci..) mi hanno fatto fare 4 (QUATTRO) sostituzioni maternità in 3 anni, lavorando pero' sempre allo stesso posto, anche se le persone che sostituivo erano in altre posizioni, sperando che alla fine mi assumessero... se richiamano sempre me vorraà dire che vado bene, vorrà dire che mi assumeranno prima o poi, no? pensavo...speravo... ho lavorato come un somaro, mai una malattia, ho fatto di tutto...a ottobre, quando ormai sarebbe stato imbarazzante darmi un'latra maternità da sostituire.... mi lasciano a casa. Non fa una piega!
5 mesi disoccupata, con la promessa dei sindacati interni dell'azienda che sarei rientrata, che stavano lottanto x me e x altre nella mia stessa situazione per farci assumere... fatto sta che a febbraio finalmente rincomincio a lavorare, e conosco la realtà dei call-center .
mi hanno fatto un contratto con adecco x 5 mesi, e il 27/07 sarà il mio ultimo giorno di lavoro, poi di nuovo alla ricerca.
ma io sono stanca beppe.
ho 35 anni, vorrei un figlio ma come faccio?
vorrei compare casa, ma come faccio?
non ho + sogni, costano troppo...
cmq grazie per ascoltare tutti noi, almeno tu!
e al v-day saremo in tantissimi!!!!!

natascia dimodugno 23.07.07 12:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

quindi perchè si vive di più dovremmo lavorare fino alla morte?
quelli che parlano di allungare l'età pensionabile sono persone che non hanno mai fatto un c***o nella loro vita.
e poi chi la detto che i giovani arriveranno a 80/90 anni come gli anziani d'oggi(visto le schifezze contenute nel cibo, nell'aria etc.)

attenzione che na volta allungata l'età pensionabile se in futuro la gente camperà meno col c***o che si tornerà indietro.

marco ranna 23.07.07 12:31| 
 |
Rispondi al commento

EX COMUNISTI, "IL MALE ASSOLUTO"!


.......E SE NON BASTASSE .....

MAMMA LI TURCHI ! 23.07.07 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

REGGIO EMILIA 1.500.000 € SPESI DAL COMUNE
PER SISTEMARE I NOMADI !!!!!!!!!!


VAFFANCULO!

MI GIRANO I COCONES 23.07.07 12:20| 
 |
Rispondi al commento

ci stanno prendendo in giro di nuovo, i parlamentari vogliono avere diritto alla pensione dopo soli 5 anni di mandato, ma che cambiamento è questo? signori parlamentari nostri dipendenti non avete capito un tubo!
aprite le orecchie e state bene a sentire: gli italiani si aspettano che questo scandaloso privilegio venga abolito del tutto e non in minima parte!
mi appello ai parlamentari onesti: si cancelli questo privilegio feudale.

filippo bianco 23.07.07 12:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

UN'ALTRA COSA CHE MI VIENE IN MENTE, E A QUANTO LEGGO SUL BLOG NON SOLO A ME, E' INIZIARE A ROMPERE LE SCATOLE ALL'ISTITUZIONE PIU' RICCA AL MONDO (CREDO) OVVERO ALLA CHIESA. MA CI RENDIAMO CONTO CHE QUESTI NON PAGANO NIENTE DI NIENTE, SONO STRARICCHI E AGEVOLATISSIMI DAL PUNTO DI VISTA FISCALE, POSSIEDONO BENI IMMOBILI INESTIMABILI, RICCHEZZE ANTICHE DI INCREDIBILE VALORE.... IL PROBLEMA E' CHE LA MAGGIOR PARTE DI QUESTE RICCHEZZE E' STATA IN PARTE RICEVUTA COME DONAZIONE E IN PARTE, IN TEMPI LONTANI, PRESA CON LA FORZA A POPOLI NON CATTOLICI.. CHE CON LA STESSA FORZA SONO STATI PRIMA ASSOGGETTATI E DEPREDATI E POI CONVERTITI ALLA RELIGIONE. MA CI RENDIAMO CONTO CHE GLI ATTUALI ESPONENTI DELLA CHIESA VANNO PREDICANDO DI PORTA IN PORTA L'ONESTA' E LA POVERTA'!!?? MA CHI CREDONO DI PRENDERE IN GIRO QUESTI IMPRENDITORI DELLA FEDE?
ALLORA IO SUGGERISCO PER IL V-DAY DI FARCI SENTIRE DA LORO, E DI CHIEDERE A LORO UN PO' DI SOLDI... VISTO CHE OGGI LA SITUAZIONE SI E' RIBALTATA E SIAMO NOI AD AVERE BISOGNO DELL'ELEMOSINA, NON LORO!!!!

Alessandro Giustini Commentatore certificato 23.07.07 12:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe, è vero che si si vive di più e che quindi sarebbe giusto andare in pensione più tardi, ma ciò è valido solo per i vecchi di oggi che in pensione già ci stanno!
poca natalità? portare a termine una gravidanza non è usurante? senza asili oltretutto! si diano 2 anni di anzianità per ogni figlio vivente (non malvivente)alle madri lavoratrici!
e quando si fanno i paragoni con il resto dell'europa si guardino pure le differenze sui servizi che fanno poi la qualità della vita: qui' si pagano gabelle assurde come l'iva sulle bollette e la tassa di circolazione, il canone rai e l'ici sulla prima casa a fronte di servizi inesistenti o pessimi (vedi l'efficenza dei siti internet pubblici, la rete stradale, la gestione dei controlli di qualsiasi ordine e grado! che senso ha parlare di lvisto che ne sono stati esclusi troppi e comunque ciò che usura di più è la percezione del futuro dei nostri figli.

daria . Commentatore certificato 23.07.07 11:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA C'E' E RIMARRA' PER PARECCHIO PERCHE' TUTTI I MILIARDI GESTITI MALE CHE L'INPS HA INCASSATO DALLE GENERAZIONI PRECEDENTI ORMAI SONO PERSI. IO PROPORREI DI SMETTERE IMMEDIATAMENTE DI PAGARE "TUTTI" I CONTRIBUTI MENSILI E DIROTTARE QUESTA FETTA DI STIPENDIO CHE VI VIENE IMPUNEMENTE RUBATO PER PROVVEDERE A FARSI UNA PENSIONE ALTERNATIVA, IN BASE ALLE POSSIBILITA' E ALLE SITUAZIONI PERSONALI. SAREBBE UNA COSA SEMPLICE DA FARE MA COME AL SOLITO PERDONO TEMPO PER GUADAGNARE SOLDI!!!

Alessandro Giustini Commentatore certificato 23.07.07 11:51| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ho letto qualche racconto di "schiavi moderni", ma tutti al call-center vanno a lavorare?Capisco i problemi dei precari, ma sapete che esistono altri lavori che nessuno vuol più fare? Secondo me non esiste la volontà di sacrificio, tutti vogliono il bel posto di lavoro subito senza dimostrare cosa sanno fare! Un pezzo di carta non serve se non dimostri impegno e voglia di lavorare.Porto un esempio personale:abbiamo ditta artigianale settore edilizio, mio marito lavora senza orario, io segretaria impazzisco dalla burocrazia che c'è, 5 operai che sanno bene i loro diritti ma, a volte, non i doveri (capita che la mattina alle 8 ti telefonano che non possono venire perchè stanno male poi lavorano da un'altra parte). Ferie per noi?Cosa sono? Tanti pensieri e poche soddisfaziioni.
Secondo me non dobbiamo cadere nell'inganno di metterci operaio contro capo perchè è il gioco che vuol fare chi governa per tenerci occupati intanto se la spassano. V-Day a chi se lo merita!
Buona giornata agli altri.

lory 72 Commentatore certificato 23.07.07 11:48| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il problema in Italia in generale sono i nostri politici che hanno fatto gli interrssi propri e non deò paese questo ancora dagli anni 70 come minimo. nessuna politica di sviluppo del paese in caso di crsi aiuti a pioggia nelle loro tasche, per le famiglie disincentivazione alle nascite tante leggi non applicate per il lavoro part-time e nessuna sicurezza di ottenerlo ma anzi incentivando ke donne madri a lasciarlo il lavoro utilizzando anche subdoli espdienti, una donna che lascia il lavoro se ha figli in tenera età non lo trova più un posto di lavoro se non paraculata!!!
percui ora si preoccupano di chi pagherà non i danni da loro causati, ma la loro buona uscita e il loro mantenimanto e lo si travisa dalle loro dichiarazioni dei giovani delle loro pensioni non gliene frga un emerito cazzo!!!! l' importante che qualcuno pagni le loro due/tre pensioni che percepiscono da 5-6 mila euro l'una

marco s. 23.07.07 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL PROBLEMA NON VA RISOLTO ALLUNGANDO IL PERIODO LAVORATIVO, MA DIMINUENDO I PENSIONATI!!!
Non credo faccia piacere a nessuno sapere di essere un peso, una falla, una zavorra... UN CANCRO... UN PARASSITA!!! LOTTIAMO PER UN MONDO MIGLIORE!!!
NO ALLA PENSIONE!!!!!!!

G.Liberato 23.07.07 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

******SOLUZIONE IMMEDIATA AL PROBLEMA PENSIONE:

DIROTTARE L'8 PER MILLE E FAR PAGARE SUBITO DA QUEST'ANNO L'ICI PER TUTTI GLI IMMOBILI CHE IL VATICANO POSSIEDE ALL'INTERNO DELLO STATO ITALIANO.
CIFRA TOTALE: 12 MILIARDI DI EURO
PRESUMO CHE BASTI PER PORTARE TUTTE LE PENSIONI AL DI SOTTO DEI MILLE ALLA SOGLIA MINIMA DI SOPRAVVIVENZA...
POI SE ABBASSIAMO DRASTICAMENTE GLI STIPENDI DEI FAGNAN IN PARLAMENTO SI POSSONO AGGIUNGERE ALTRI MILIARDI AL BOTTINO DI GUERRA PER UNA VITA PIU' DIGNITOSA...****

AUTOVELOX hai proprio ragione!!! Perchè la Chiesa che è stato straniero in italia non deve pagare l'ICI mentre lo si impone ai cittadini italiani??

Qui x compiacere tutti i loro amici e accattivarsi simpatie politiche e voti stanno distruggendo NOI.

Mi spiagate come fa un sistema pensionistico come l'INPS a non riuscire + a pagare le pensioni? Che fine hanno fatto i SOLDI che i nostri genitori e nonni hanno pagato al sistema previdenziale per una vita intera? Chi li ha toccati?????

E come facciamo noi giovani a pagarci la pensione se non abbiamo neanche uno straccio di lavoro??

Ci hanno ditrutto!

V-DAY, non mi rimane altro in cui sperare..

S DG 23.07.07 11:44| 
 |
Rispondi al commento

SIIII, IL PROBLEMA NON VA RISOLTO ALLUNGANDO IL PERIODO LAVORATIVO, MA ACCORCIANDO L'ETA' DEI PENSIONATI!!!
che si stabilisca un limite... - 80 ANNI - poi si muore!
:D viva la famiglia PADRI-FIGLI piuttosto che NONNI-NONNI

G.Liberato 23.07.07 11:39| 
 |
Rispondi al commento

la colpa va cercata nell'italia di trenta anni fa. già nel 1975 un politico economico avvisava gli italiani che un welfare allegro avrebbe impoverito i giovani (questa citazione mi è stata suggerita dalla giornalista padoa schioppa)ma alle formiche si è preferito le cicale, i nostri genitori e nonni hanno preferito una classe politica che dava tutto subito ad una più attenta non solo alle pensioni ma anche all'ambiente allo sviluppo all'istruzione. tutt'ora gli anziani vivono con l'ansia del tutto subito e mio, forse perchè sono cresciuti con un valore quello economico e basta.anche pasolini nei suoi scritti del 1975 aveva questa opinione dell'italiano passato da contadino povero a operaio con i diritti sindacali solo che non sono stati posti i paletti ai diritti e quindi tutti hanno arraffato più che potevano baby pensioni invalidità presunte e l'inps ha sempre pagato.
secondo me la soluzione sta nell'attesa dell'eredità da parte dei giovani piuttosto che della pensione. secondo modelli macro economici l'eredità non esiste si muore quando il conto in banca è finito. poichè i nostri nonni e genitori molto spesso hanno una pensione ricca e quasi mai pagata un conto in banca inesauribile il riequilibrio avverrà solo quando si redistribuiranno queste fortune in modo equo tra figli e nipoti che non avranno bisogno di acquistare la casa ad esempio perchè avranno quella di nonno o papà
trovo giusto stigmatizzare nonsolo cli errori della vecchia classe dirigente che per un voto.....ma anche l'egoismo di nonni e genitori nei confronti di figli e nipoti
patrizia

PATRIZIA GEATTI 23.07.07 11:37| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

METTETEVI TUTTI IL CUORE IN PACE : "DOVREMO MORIRE TUTTI DEMOCRISTIANI !!!!!"

A MENO CHE.......

mauro maggi 23.07.07 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è bisogno di primarie e tanto meno di aspettare questo è ALTO TRADIMENTO di un PROGRAMMA a noi NEGATO tutto un popolo an FREGATO e alla CASTA an regalato un pacchetto di proposte che per noi sono la sorte di continuare a lavorare fino a CREPARE per la CASTA DOMINANTE. Hanno ceduto alle LUSINGHE di chi ci ha sempre DISSANGUATO Noi per niente abbiamo datto la fiducia a questi FALSI DIFFUSORI di IDEALI e di VALORI. Non rimane che sperare un cambiamento RADICALE e dire a JOSTO preparati e ASPETTA il SEGNALE perchè il tempo è IDEALE al RISVEGLIO di AMSICORA prepariamoci al RICHIAMO a RASTUeMESU per innalzare le COLONNE e costruire il TEMPIO dell' ORMA CENTRALE PERilBENEdiTUTTI i popoli del MONDO credetemi perchè si può REALIZZARE usando la RAGIONE facendo LARGOaiGIOVANI talenti LIBERI dai NODI per mandare a casa questi FALSI DIVULGATORI della CASTA IndustrialPoliticoSindacale perennemente INSAZIABILI.

Mario Flore 23.07.07 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma la soluzione a questo problema è LAMPANTE, i LIVELLI DI SOGLIA SONO GIUSTI, anzi erano PIU' GIUSTI QUELLI PRECEDENTI!!!!!
IL PROBLEMA NON VA RISOLTO ALLUNGANDO IL PERIODO LAVORATIVO,
MA ACCORCIANDO L'ETA' DEI PENSIONATI!!!
che si stabilisca un limite... - 80 ANNI - mi sembra una buona età.... poi si muore!
In questo modo si favorisce il ricambio generazionale, non avremo dinosauri in parlamento (e neanche al volante per strada) e i giovani non dovrebbero lavorare per pagare una vita di ozio agli anziani...

G.Liberato 23.07.07 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Forse il Professore ha ragione, ma se lui ha ragione vuol dire che io dovrò lavorare almeno altri 25 anni, e ne ho già lavorati 14, e vuol anche dire che quando avrò(?) la pensione, dopo aver lavorato tutta la vita per averla, non avrò nemmeno il fiato per dire "Era ora". Molti miei collechi sono morti entro i dodici mesi dalla data del pensionamento, sarà stata l'emozione? O sarà che veniamo considerati come bestia dai nostri dipendenti che prima di ritoccarsi l'onorario preferiscono spremerci come limoni fino all'esaurimento totale? Ho sempre trovato giusto lavorare per mantenersi e per vivere, ma trovo aberrante vivere per lavorare, dare metà del mio stipendio in contributi (più la pensione integrativa) quando essi vanno ad ingrassare pochi e niente arriva a chi davvero ne ha bisogno; ho letto ora un commento dove si diceva che i ns dipendenti hanno una pensione di 3000euri dopo 5 anni di lavoro e conosco persone che devono campare con 500euri al mese dopo 40anni di lavoro lievemnte più impegnativo fisicamente, con tanto di magagne salutari correlate, persone che hanno svolto il loro lavoro coscientemente al meglio delle loro possibilità e onestamente ogni giorno con impegno e dedizione, non pensando solo a loro e alla convenienza; Persone punite dalla società per questo. Mi chiedo solo una cosa, se siamo così tanti a capire e non voler accettare la situazione perchè non facciamo niente per cambiare le regole? Non deve esserci per forza una rivoluzione basta non farsi trascinare dalla corrente, non accettare le ingiustizie solo perchè accadono ad altri. Se iniziamo un movimento dal basso arriverà anche in alto, iniziamo non accettando le piccole ingiustizie nel quotidiano (anche se capitano ad altri), isolando i furbi, cercando di dare una coscienza sociale ai nostri figli, e poi non sò. Servisse solo a farci dormire tranquilli, almeno noi ci guadagneremmo in salute. Baci a chi ha avuto il tempo di leggere questo sfogo logorroico ed anche agli altri. Daga

Daniela M. Commentatore certificato 23.07.07 11:16| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ECCO LA MIA IDEA DI RISANAMENTO:
percepire la pensione per gli anni in cui sono stati versati i contributi. Esempio:
“lavoratore” statale in pensione dopo 19 anni 6 mesi di stipendi e contributi versati da noi, andato in pensione a 38/40 anni: percepisce pensione per 19 anni e 6 mesi. Terminato tale periodo………… va di nuovo a lavorare (e non solo in nero) oppure….. sono tutti suoi

LAVORATORE VERO:
DI DIRITTO : pensione senza tanti rompimenti di leggi e leggine, a 55 ANNI

Ora, facendo due conti:
baby pensionati statali: 1 MONDO DI GENTE (ma non ne parla mai nessuno, come mai? Saranno mica voti sicuri?)
Siamo l’unico stato al mondo a mantenere tali benefici (considerando che lavorare nei vari ministeri è già un beneficio, non vedo per quale motivo debbano essere ancora agevolati e anche se adesso non lo sono più, perché nessuno fa i numeri di quanti sono attualmente?)
Pensionati veri, di quelli che si sono fatti un c…. Così: MOLTO MENO
p.s. importante per chi mi legge e ha la coscienza pulita: sono figlia di operaio (di quelli al punto 2) e lavoro nel privato da una vita.
Mi farebbe molto piacere avere anche una risposta a questo quesito:
quale differenza c'è tra un lavoratore privato e un pseudo lavoratore (statale)?
grazie. saluti e buona cistifelia a tutti

emilia ottonello 23.07.07 11:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche i nostri ineffabili politici sono ostaggi nelle mani del bieco capitalismo. Non riescono MAI a decidere qualcosa autonomamente perchè subiscono pesanti pressioni da parte delle lobby di un capitalismo bieco e gretto (almeno, in Italia)e dei famosi "poteri forti" o "poteri occulti", non ultima la CIA USA che condiziona totalmente il nostro intelligence.
Cosa possiamo pretendere? Nulla in cambio! Siamo obbligati a dare il nostro voto a quelli che ci vengono imposti, perchè il popolo bue non ha spirito critico e vede le cose fino a un palmo dal suo naso. Questi sono gli schiavi del 2000 e comunque c'è poco da fare! Destra e sinistra sono manovrati da ambo i lati dai potentati politici che fanno capo ai Berlusconi, Ferrero, Boroli ecc. oppure ai vari De Benedetti, FIAT, ecc. che sono sempre lì a sorvegliare che tutto avvenga come "LORO" desiderano. ...
i politici: ..... bastoni da pollaio!!!

beppe franchi 23.07.07 11:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il ragionamento del prof. Gallegati potrebbe anche essere corretto, se non fosse che l'aspettativa di vita di un operaio non coincide con la vita media della popolazione; infatti mediamente un operaio non vive fino a 80 anni ma arriva a 67.
E'già abbastanza ingiusto che chi ha lavorato 40 anni, rinunciando ad una parte dei suoi soldi per pagarsi la pensione, possa godersela solo per 7 anni.

Secondariamente è bene ricordare che l'operaio che va in pensione, la pensione se l'è già pagata da solo durante la vita lavorativa e contributiva, se ha iniziato prima ha versato più contributi e quindi ha una pensione più alta, in caso contrario ce l'ha più bassa: non sono i giovani a pagargliela.
Sono i politici che per pagare le loro e quelle delle categorie che vivono veramente oltre gli 80 anni (dirigenti, tecnici, ecc.) devono attingere ai soldi versati dai giovani operai; e fomentano queste guerre generazionali tra poveri per distogliere l'attenzione dalla vera causa dei problemi, cioè il fatto che l'amministrazione del denaro è fatta male e in modo complesso VOLONTARIAMENTE per attingere ai fondi senza che il popolo se ne accorga.

Marco Malinverno 23.07.07 10:39| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e cari tutti,
pongo alla vostra attenzione l’articolo di Repubblica “Camera-Senato scontro sui tagli”.
Considerando tutta la discussione in corso sullo scalone e aumento dell’età pensionabile di noi comuni cittadini leggo che: “in base alle nuove norme avranno diritto alla pensione solo dopo un’intera legislatura (5anni) e non più dopo metà mandato”.
Noi dobbiamo lavorare dai 20 ai 40 anni per avere uno straccio di pensione e mantenere centinaia e centinaia di ex parlamentari con 5 anni di contributi e 3.000 euro al mese di pensione.
Delle 2 una: o la legge è uguale per tutti e quindi sia distribuito a tutti i cittadini la stessa condizione: 5 anni di contributi e 3.000 euro di pensione;
o venga abolita immediatamente tale norma e ridistribuite le mancate pensioni per aumentare le esistenti e le future.
Ti chiederei di raccogliere firme per una petizione popolare di abrogazione di tale norma , può essere incostituzionale? O discriminante rispetto ai cittadini italiani? O solamente immorale!
Considerando che siamo i loro datori di lavoro avremmo pure diritto di decidere come e quando andranno in pensione o no?
Un abbraccio a tutti.
Lu

luciana pellegreffi Commentatore certificato 23.07.07 10:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, per le scalinate come si può non essere d'accordo?? Ma c'è sempre una cosa che mi infastidisce: la mancanza di verità. Domanda? Come mai si é arrivati a questo dramma per cui i giovani devono pagare le pensioni dei vecchi in aumento invece di considerare la pensione come un mezzo di risparmio da godersi in vecchiaia?
Neanche tu che sei la bocca della verità.. lo vuoi dire? Chi é stato, come in tante altre cose il farabutto? Orbene si dovrebbe ricordare che con la legge Mosca furono date pensioni a chi aveva contribuito zero lire.. erano miriadi di personaggi di partito, portaborse, guardaspalle, capicellula e simil lordura!
Poi si inventò la legge comunista sull'equo canone! I privati cercarono di salvarsi con fitti in nero o vendendo le case. Gli enti pubblici che avevano investito i capitali assicurativi in beni immobili videro i loro proventi svanire per incanto. Il 3% consentito come affitto era inferiore alle spese di manutenzione e di amministrazione. Così il capitale accumulato in oltre 50 anni svanì come nebbia al sole.
Ricordo bene la INVENZIONE dei contributi dei giovani usati per pagare le pensioni (non essendoci altri proventi). era l'inizio degli anni '70.. Io, pur lontano dalla pensione, mi chiesi siamo matti? Si siamo matti! Non basta..
Gli "scivoli" per mandare in pensione anticipata dipendenti inutili per ridurre il personale?? Chi ha voluto, accettato o permesso questo ulteriore "vulnus" alle pensioni? Non basta ancora.. Chi paga la "cassa integrazione" delle aziende dissestate se non l'INPS?
Insomma l'Italia é oberata dal debito pubblico e dal buco previdenziale non per merito degli italiani ma dei farabutti del governo sotto schiaffo del partito comunista. Allora come Adesso.. la sinistra radicale e comunista che con la scusa di farsi passare per organizzazione umanitaria, ci ha disastrato.. e questo con la complicità della D.C. Vogliamo ricordarlo? L'ulivo sempre e comunque, il male peggiore: turatevi il naso e fottetevi!!

franco dauria 23.07.07 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
alcune domande:
ma chi ha dilapidato i soldi dell'INPS?
Abbiamo mandato in pensione lavoratori del settore pubblico dopo 16 anni sei mesi ed un giorno di lavoro. Il sindacato dove era?
Ho sentito in TV un onorevole dell'opposizione ed un ministro della Reppublica confrmare che i costi di gestione del nostro Paese sono uguali alla somma di quelli di Francia, Germania, Spagna messi insieme. Dove va a finire il denaro? Dal momento che il Welfare non esiste ( pago ogni visita ospedaliera, l'asilo nido dalle mie parti costa 600- 700 € il mese, paghiamo di tutto e di più ...) a chi va la mole ingente di denaro che enttra nelle casse dell Stato? Solo dalle accise sui carburanti si preleva una quantità di denaro incredibile! e parliamo di costruire la TAV ?? ma a chi serve? Quanto ci costa? Quando e da chi verrà ripagata? Sono venti o trenta anni che aspettiamo un collegamento stradale serio tra Cuneo e Asti : ci hanno rifilato una autostrada ( non finita!! e a pagamento) tracciata in modo vergognoso! Cosa ce ne facciamo di venti governi Regionali che ci costano l'ira di Dio e producono cosa? Anzichè accorpareo eliminare le Amministrazioni locali queste continuano a crescere . Per che cosa ? Per distribuire prebende?
Saluti

Aldo G. Commentatore certificato 23.07.07 10:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Al mondo siamo in troppi !!!!
Questo è l'unico vero incontrovertibile problema.
Che qualcuno si adoperi per una campagna a tappeto a favore del controllo delle nascite:
Fra i nuovi immigrati nei paesi "evoluti", nelle baraccopoli delle gradi metropoli e i paesi del terzo mondo sommergiamoli di profilattivi, poi cibo e quanto loro necessita.

Paolo Rossi 23.07.07 08:59 |
.
QUELLO CHE HAI SCRITTO E' LA PURA VERITA'.

Angela Levi Commentatore certificato 23.07.07 10:20| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ma si... ma dai... lavoriamo fino a che le quoia non le tiriamo sulla scrivania dell'ufficio...
Sarebbe una gran cosa... così i giovani (ho 35 anni e mi dovrei sentire vecchia???) assunti con i contratti da schiavismo finto-moderno potranno non avere sulle (s)palle la mia dannata vecchiaia, così i mei figli vivaranno meglio (cosiderando il fatto che mi sto strangolando per dargli una casa dignitosa un po' di pensione potrebbero anche pagarmela... così, per ringraziarmi... ma vabbe...). ma poi... SIAMO COSI' SICURI che le cose andranno così? o è solo l'ennesimo sproloquio di gente che non ha niente da perdere e tutto da guadagnare sulla nostra pellaccia? Qui vorrebbero farci lavorare fino a 70anni. Le aziende accettano i 70enni slo se sono consulenti (strapagati) e direttori generali (strapagati), gli altri sono pregati di accomodarsi al cimitero e non rompere. Le aziende mal ci sopportano a 40anni figuriamoci poi a 70 come ci amerebbero. Ci sono aziende che pagano di tasca propria le buone uscite a gente con 7 anni ancora prima della sospirata pensione (gente di neppure 60anni). Pensate che sarebbero felici di pagare lo stipendio a gente rimbambita e malata (la vita si allunga, ma non è detto che sia una vita piena di salute). Non sarebbe meglio tagliare i costi della politica, tagliare qualsiasi cosa vi aggrada hai bastardi che evadono, eliminare gente che vive alle nostre spalle (e non mi riferisco agli anziani, ma hai dirigenti di aziende pubbliche che guadagnano palate di milioni e affossano le aziende che controllano), eliminare le finte pensioni di invalidità tanto care agli italiani, ristrutturare la cassaintegrazione usata da certi imprenditori per guadagnare a più non posso... insomma iniziamo a sistemare gli sprechi. Le pensioni integrative NON sono la soluzione se non per le assicurazioni che si ritrovano a guadagnare ancora (vedi assicurazioni auto) sulla pelle degli italiani.

Pace

Mari.G. 23.07.07 10:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

io,credo che questi innumerevoli siti di incontri,favoriscano,come sempre,i racchi,i malati di sesso,e siano totalmente inutili.Al fine di far incontrare due persone.

Bene,veniamo a me. Sono una bella ragazza,perciò ho sempre avuto molta difficoltà a trovere qualcuno,infatti,lo stò ancora cercando.

lavoro,sono oggi,a casa,per riposarmi.

odio parecchi colleghi a alvor,e sono ricambiata.

sono laureata,ma non mi chiedere in cosa. non mi piace conoscere persone in questo modo,ma,passo il tempo,per non intristirmi,quando non ho voglia di uscire.

in generale,con amici:
odio i moralisti,i sapientoni,e quelli che pensano di essere più furbi di me,odio i brutti,gli ignoranti che sparaqno a zero ,giudicando solo dall'aspetto esteriore,i depressi,i mostri,e quelli che dalla vita hanno avuto tutto,lavor,amore,soldi.

nel contesto di coppia:
odio quelli che bombardano di sms,quelli che pensano di essere al mio livello,solo perchè respiro come loro.
odio gli infedeli,i falsi,quelli che giudicano dopo che li hai visti,quelli che ripetono scimmiescamente le cose che scrivi via mail,che puntualizzano .odio quelli che dopo quattro volte che li vedi,si buttano a pesce per baciare.


non mi aspetto che tu ti scervelli per scrivere cosa pensi tu,oggi ero ispirata.

ciao sono molto riservata,non mi piacciono anche quelli che fanno il 3° grado per sapere che fai dove vivi e dove lavori.

se PENSATE CHE SIA PAZZA: 1.PERFINO I CANI HANNO BISOGNO DI UN AFFETTO CONTINUO,STABILE,SICURO.

IO,NON L'HO MAI TROVATO. QUANDO LO TROVERò INIZIERò A RAGIONARE,AD OCCUPARMI DI POLITICA E TUTTE QUELLE STRONZATE CHE OCCUPANO LE MENTI DEGLI OZIOSI MODERNI.

mapensi cheloscrivo 23.07.07 10:12| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sapevate che gli extracomunitari dopo 5 anni di lavoro possono vantare il diritto alla pensione?

questa si che è bella e noi paghiamo come sempre ma se noi andiamo in altri paesi ci danno la pensione noi dobbiamo sempre lavorare e pagare qui e in qualsiasi paese che andiamo per andare in un altro paese se non abbiamo documenti soldi e permessi ci caciano subito.

agenziasg annunci gratis 23.07.07 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi domando solo perché io devo lavorare 40 anni (sperando che basti) arrivando a 60 di età (la Laurea l'ho presa da studente lavoratore e non posso riscattarla, il milite mi è costato 14,5 mesi di vita per far giocare alla guerra degli sboroni che dopo 16 anni 6 mesi e un giorno vivevano alle mie spalle)per pagare la pensione (e che pensione) a dei signori che non so da chi siano stati messi in aula alla Camera o al Senato datosi che non ho potuto scegliermi il candidato e a tanti altri che di anni di lavoro ne han fatti ben pochi ... la difesa del diritto dove è andata a finire????
W il v-day!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Giorgio Persi 23.07.07 10:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

dicono che mancano i soldi, ma nessuno mi ha mai detto chiaramente dove vengono spesi tutti quelli che prendono fra tasse iva ici e tutto il resto che neppure bene conosco....forse magari dico (mio punto di vista,magari anche sbagliato)come fanno tutte le famiglie guardando bene dove vanno spesi sicuramente i conti andrebbero in ordine.l'età pensionabile non dovrebbe nemmeno esistere, 30 \35 anni di contributi e dopo vai in pensione tenendo conto che si incomincia a lavorare ai20 anni piu o meo ci siamo,i ho degli amici che fino a 28 30 anni sono stati all'unniversità, bon per loro, ma adesso si ritrovano che a 58 anni possono andare in pensione, (ma allora danno ancora le beby pensioni) insomma ho una grande confusione in testa mi piacerebbe che qualcuno spiegasse bene a me a a tanti altri (almeno spero non essere l'unico) come funziona in questo momento questa nostra italia

massimo collareda 23.07.07 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Al mondo siamo in troppi !!!!
Questo è l'unico vero incontrovertibile problema.
Che qualcuno si adoperi per una campagna a tappeto a favore del controllo delle nascite:
Fra i nuovi immigrati nei paesi "evoluti", nelle baraccopoli delle gradi metropoli e i paesi del terzo mondo sommergiamoli di profilattivi, poi cibo e quanto loro necessita.

Paolo Rossi 23.07.07 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Analisi superficile, disinformata e qualunquista, come spesso capita al signor grillo.
Io, che lavorerò altri 8/10 /15 anni, nata in quell'anno maledetto predestinato a pagare per primo 50 anni di sprechi ho pagato nei circa 30 anni di lavoro:
la pensione dei miei nonni che avevano fatto la guerra ma non avevano versato una lira di contributi
la pensione dei miei genitori che avevano versato pochissimo (artigiani, commercianti)
le pensioni di invalidità delle clientele politiche
le baby pensioni di quelli che hanno l'età di Grillo
la cassa integrazione degli errori industriali
la pensione dei dirigenti aziendali che è passiva
la scuola e la sanità di questi poveri giovani verso i quali non ho solidarietà sociale (io sono nata in casa sul tavolo di cucina, loro in una clinica pagata da me. Io ho lottato perchè l'università fosse di libero accesso -quando l'ho fatta io non era così- e poi l'ho pagata a loro).
Io andrò in pensione: oltre 10 anni dopo quelli nati 10 anni prima di me. 5 anni dopo quelli nati 4 anni prima di me. due anni dopo quelli nati 2 anni prima di me. E questo per ora, erchè come chiede Grillo sicuramente mi alzeranno ancora l'età pensionabile.
io mi sono occupata gratis di figli, marito, genitori anziani, figli dei figli producendo un reddito pari a quello che mi guadagno lavorando come la quasi totalità delle donne in Italia, lavoro di cura necessario a tutta la società ma che nei conti si evita accuratamente di nominare
gentile signor grillo, poichè sono insegnate di matematica e fisica si lasci dire che Lei di proeizioni statistiche non capisce un'0stia e si lascia infinocchiare dalla propaganda dei proprietari di assicurazioni mdiolanum e unipol.....le previsioni ecomiche le lasci a vanna marchi
I giovani alle cui spalle conto di vivere per 20 anni vivono alle mie spalle da 30, insieme ai loro nonni! S i soldi che io ho versato allo stato italiano in 35 anni di lavoro li avessi investiti, oggi non avrei bisogno di pensione

maura r. 23.07.07 08:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

.....10 anni fa a mio fratello che allora di anni ne aveva 49 la telecom (allora si chiamava sip)gli hanno dato 70 milioni per togliersi dalle scatole!!!!! beppe, da dove pensi che li abbiano presi questi soldi ....mio fratello prende la pensione da 5 anni (beato lui) .....diciamo che dobbiamo lavorare finoa 70anni ???.....ma hai mai visto un camionista di 60 anni ...e' un rincoglionito!!!!...bye andrea

andrea veronesi 23.07.07 08:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Bene....
facciamo lavorare "sti vecchiacci" come me (64 anni)
fino a 70.
A parte il fatto che l'aggiornamento tecnico a questa eta' non e' facile per svariati motivi, e visto che si parla molto dei giovani che ci devono mantenere, vediamo cosa succedera' nei prossimi 5 anni se succedesse quamto sopra.
Visto che in Italia il PIL non lo ha mosso Berlusconi, e NON LO MUOVE PRODI, quindi non si creano posti di lavoro, mi spiegate come nei prossimi 5 anni un giovane potra' trovare lavoro, se "sti vecchiacci" non se ne vanno ?
Tutti sti ca..i di soloni si sono mai posta questa domanda ?
Assolutamente no.
La tecnica e': (non sapendo dove trovare i soldi) adesso mandiamoli in pensione piu' tardi, poi quando vien fuori il bubbone dell'occupazione dei giovani, diremo che bisogna che i giovani studino di piu', che dopo l'universita' dovranno fare un master ( a pagamento ) e che comunque prima dei 30 anni non si puo lavorare.
Disoccupazione risolta per legge. !
GRANDE.
Vedete ... potrei fare anch'io il politico.
Saluti pensionabili.
bruno f.
Allego la seconda strofa del Canto degli Italiani (Mameli) che nessuno canta.... guarda caso.
Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un'unica
Bandiera, una speme:
Di fonderci insieme
Già l'ora suonò

bruno f. Commentatore certificato 23.07.07 08:27| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio.

Franco Vagge 23.07.07 08:20| 
 |
Rispondi al commento

E' una gigantesca bugia! I giovani stanno a casa perchè lavorano al posto loro i genitori e anche i nonni, perchè la buonanima di Biagi e la nonancorabuonanima di Treu si sono inventati il mercato flessibile, hanno stappato la fogna del precariato e mia figlia è dispoccupata e io devo lavorare finchè Alzheimer me lo permette! Non cadiamo in questa ignibile trappola del conflitto generazionale. Pensiamo ad abbattere le pensioni d'oro, i vitalizi immeritati dei parlamentari, i privilegi dei sottopancia dei politici, il poppulismo industrial-chic di Lucacorderodimontezummolo! Basta con queste ridicole balle dei giovani che moriranno di fame per colpa dei loro genitori, che sono costretti a fare enormi sacrifici per mantenerli. A mia figlia, maestra d'asilo, hanno proposto 4 euro LORDI l'ora per guardare un branco di bambini piccoli. E che se dovrebbe magna'????? Beppe, non alimentiamo ancora di più questa vergognosissima farsa.

angela bernardini 23.07.07 08:07| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Invito tutti a leggere il bilancio dell'INPS!
I soldi che versiamo per le pensioni sono più che sufficienti per pagare le stesse se non fosse che dalle casse si prelevano i soldi per:
cassa integrazione (cosa c'entra con le pensioni?)
invalidità (cosa c'entra con le pensioni?)
assegno di 1000 euro per i neonati ,caro il nostro Berlusca, (cosa c'entra con le pensioni?)
e tanto, troppo ancora.
E' come se pagassimo un'assicurazione sulla vita e l'assicuratore desse i nostri soldi in beneficenza.
Per quanto riguarda la cassa integrazione, poi, posso garantire che viene erogata senza alcun controllo, a cani e porci, anche se l'azienda non ne avrebbe alcun diritto.
Siamo un gran colabrodo, cari miei e, soprattutto, chi ci sta facendo tirar la cinghia scialacqua alle nostre spalle, si riempie la bocca di belle e false parole e la notte dorme sonni tranquilli.
W il Vday!

Stefania Bianchi Janetti 23.07.07 08:07| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Salve, penso che ad una cosa del genere non c'e' rimedio - anche perche' sara' quasi impossibile lavorare fino a 70 anni in quanto le aziende quando arrivi a 50 anni ti cacciano via.Penso che a questo punto convenga non versare piu' i contributi e gestirci da soli questa pensione del ca22o cosi togliamo ogni problema al governo e forse qualcosa avremo da parte!!!

Francesco Rondinelli 23.07.07 08:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè non si comincia a sparare ? Se perdi il posto di lavoro e ti rendono un disadattato secondo me è più che lecito uccidere quello che reputi il responsabile. E se sono di più buona carneficina. Potresti avere addirittura le attenuanti genereche se togli dai coglioni tre politi, non importa il partito, tanto sono uguali. Le stronzate di Maroni, del nano e di biagi devono essere cancellate. In una famiglia se i soldi mancano mancano per tutti e non esistono i diritti acquisiti. Se non ce la fanno a vivere sono cazzi loro. Io devo pensare alla mia famiglia e a non farmi calpestare dalla feccia polica nulla facente. Saluti a tutti.

Cassio Mignani 23.07.07 00:50| 
 |
Rispondi al commento

è una vergogna voler aumentare l'età pensionabile di un lavoratore come si evince dal dibattito sui media ed in parlamento.
se si guarda bene in giro gli onorevoli dopo 2 anni e qualche mese di parlamento possono percepire la pensione " e che pensione". Sono per caso unti dal Signore?
sarebbe interessante sapere nelle voci che l'inps eroga quante di queste non hanno nulla a che vedere con l'erogazione della pensione ai lavoratori.
tolte queste voci dal bilancio di spesa i soldi per le pensioni dei lavoratori dovrebbero essere sufficienti e lo scalino o scalone potrebbe essere eliminato.

raffaello barberi 23.07.07 00:35| 
 |
Rispondi al commento

la fecciaparlamentare parla di pensioni,scalette scalinoni,60,61anni,non parlano di ki prende pensioni da capogiro ,non si toccano quelle,noi dobbiamo parlare di ghigliottinapalinculo per i politici ke non fanno gli interessi dei cittadini ma solo gli interessi LORO E degli aristocratici,vero ??!!bertinotta,diliberta,mastellina,dalemina,fassina, prodina e i sette ladroni dell'opposizione sempre d'accordo quando c'è da portare a casa e mangiare a sbaffo vero silvia?RIPRISTINARE LA SEDIA ELETTRICA PER 1 MESE.....EHHH LE PULIZIEEE???!!!CI VUOLE ALMENO 1 MESE X I LADRONES.

renato luccon Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.07 23:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PENSIONE: UN'ALTRA TRUFFA AI DANNI DEGLI ITALIANI

Dopo la criminale idea di depenalizzare la frode alimentare, dopo l’indulto, dopo l’abbattimento di ogni ostacolo all’invasione degli immigrati oggi arriva questa ennesima truffa di questi otto deficienti… LA RIFORMA DELLE PENSIONI !

DISTRUGGONO OGNI COSA CHE TOCCANO E RIESCONO A PEGGIORARE ANCHE LE COSE PEGGIORI !

Ieri, con quella faccia da @#£?!, il prete di oratorio ci ha riferito dell’ennesimo “successo” del suo “sgoverno” : praticamente con la peggiore legge “Maroni” si poteva andare in pensione raggiunti i 40 anni di contributi oggi, con quest’accordo, si dovrà aspettare 60, 61, 62 anni di età.

QUESTI 8 DEFICIENTI HANNO DI FATTO INNALZATO L’ETÀ PENSIONABILE E CE LA STANNO SVENDENDO COME UNA CONQUISTA SOCIALE.

Ovviamente di Cimoli, di Scaroni, di tutti i miliardi di miliardi di denaro pubblico bruciati tra tangenti e sprechi di Stato, di tutti i loro schifosi, vergognosi, inauditi e immeritati privilegi, della barca miliardaria del “Facci sognare !”, del fiume di soldi che ci sta costando questa follia chiamata “immigrazione” non se ne parla e il cetriolo continua ad andare….

QUINDI E’ L’ENNESIMA TRUFFA AI DANNI DEI CITTADINI.

Tutti d’accordo, compresi sindacati e sinistra “estrema” la quale ora, come sempre, abbozzerà una protesta ma poi si appecoronerà ragomitolandosi su quella paludata e comodissima “poltrona”.

Anche se non c’è ne bisogno, oggi abbiamo un motivo in più per sostenere, per partecipare al V-Day organizzato per l’8 settembre da Beppe Grillo (http://www.beppegrillo.it/vaffanculoday/) !

PS: Ho ascoltato il TG 3 della 14,30 di oggi, praticamente non c’è stato il minimo accenno agli “scalini” condizionati all’età, ma hanno parlato esclusivamente dei benefici che riceveranno i giovani.

Questa è ancora una DEMOCRAZIA ?

Paolo EMILI 22.07.07 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Tutto quello di cui si discute in questi giorni è già preesistente, come l’anima…
Ecco un piccolo assaggio della Legge Dini (altro che Legge Maroni…):

Art. 19, della Legge 8 agosto 1995 n. 335 (LEGGE DINI), “…Pensioni di vecchiaia, di vecchiaia anticipata, di anzianità sono sostituite da un’unica prestazione denominata “pensione di vecchiaia”.

La babele linguistica ha colpito ancora. Sotto questa unica voce si potranno perpetrare i peggiori danni ai lavoratori onesti. Ci saranno di nuovo “figli e figliastri”. Ottimisticamente: tutti avranno la pensione di vecchiaia, anche i giovani! Sic!

Art. 25, lettere a), b), c), della Legge 8 agosto 1995 n. 335, in cui si trovano già le “quote” descritte da Prodi nella sua immaginifica trovata, per es.: quota 92= 35 + 57, (art 25, lettera a) “Il diritto alla pensione di anzianità…si consegue…al raggiungimento di un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni in concorrenza con almeno 57 anni di età anagrafica”.

Lavori usuranti:
Art 34, comma 3, 4 e 5 della medesima legge, ci sono 3 categorie:
A, per i lavoratori del settore privato,
B per i lavoratori autonomi assicurati presso l’INPS, e
C, per i lavoratori del settore pubblico.
Su proposta delle organizzazioni sindacali o di categoria maggiormente rappresentative sul piano nazionale, sono individuate per ciascuna categoria le mansioni particolarmente usuranti.
art. 35, Legge Dini, “viene ridotto il limite di anzianità contributiva di un anno ogni dieci di occupazione…, fino ad un massimo di ventiquattro mesi”
etc.
Cari saluti

Chiara Bianchi 22.07.07 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Su proposta delle organizzazioni sindacali o di categoria maggiormente rappresentative sul piano nazionale, sono individuate per ciascuna categoria le mansioni particolarmente usuranti.
art. 35, Legge Dini, “viene ridotto il limite di anzianità contributiva di un anno ogni dieci di occupazione…, fino ad un massimo di ventiquattro mesi”
etc.
Cari saluti


Chiara Bianchi 22.07.07 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Mi chido ma i politici a quanti anni vanno in pensione.... e quanto prendono, e dopo quanti anni
di contrbuti versati......

giovanni marigliano 22.07.07 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare …
Ho visto stuprare la parola “Lavoro” (con la L maiuscola)
Ho visto Lavoratori con la schiena piegata su un badile, e poi quella schiena rompersi (nel vero senso della parola ) portando sacchi di cemento… “ma il loro non è un lavoro usurante” …
Ho visto scioperanti per il “microclima” in giacca e cravatta e … “il loro è un lavoro usurante”
Ho visto parlamentari ottenere la pensione dopo alcune presenze in aula
Ho visto dipendenti pubblici ottenere la pensione dopo 19 anni 1 mese 1 giorno di presenze
Ho visto dipendenti Telecom andare in mobilità (pagata INPS) senza una crisi aziendale o una crisi di settore (anzi le aziende di appalto lavorano 12 ore al giorno)
Ho visto imprenditori/delinquenti con enormi yacht ed auto lussuosissime, autorizzati ad arricchirsi sulle spalle dei giovani precari
Ho visto “eminenze grigie” dichiarare che, per lasciare posto ai giovani, chi Lavora deve prolungare gli anni della sua attività
Ho visto dipendenti pubblici autodeterminarsi i propri stipendi (e di conseguenza le proprie liquidazioni e le proprie pensioni)
Ho visto aziende portate al fallimento senza che i loro manager venissero incolpati di nulla … anzi per loro c’è sempre un’altra “stipendiatissima” poltrona pronta
Ho visti enti pubblici creare enti semipubblici dove i guadagni sono privati
Ho visto l'ente INPS, dove i contributi previdenziali versati da pochi servono anche a chi non li ha versati (e dovrebbe venire messo a carico della collettività), chiudere i propri bilanci in attivo … “ma l’allarme arriva dall’Europa”
Ho visto il silenzio dei media su queste cose, denunciate solo da comici e “terroristi”

Ho 51 anni, 35 anni di contributi versati e … non ho ancora capito quando il mio replicante potrà andare in pensione

P.S. ho visto inserire post che centrano NULLA con l’argomento, non capendo che così vengono soppesati come cretini

giovanni boscolo 22.07.07 22:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
a me sembra che si stia discutendo di una “guerra tra poveri”. Il governo ed i sindacati si danno un gran da fare (poverini lavorano anche di notte), ma la decisione era stata già stabilita. Si fanno troppe chiacchiere e giri di parole intorno alla riforma delle pensioni.
Il paradosso di tutto questa situazione è la facilità con cui sono state concesse ai dipendenti pubblici, in passato, le famigerate “pensioni baby”, percepite da “anziani” di quaranta anni di età. Questo e non solo (vedi l’esorbitante spesa pubblica, il diritto alla pensione degli “onorevoli”, dopo soli 2 anni e mezzo di legislatura, etc.) ha determinato il collasso della previdenza pubblica, che proprio al collasso non è, visto che l’INPS è in attivo.
Con la Riforma Dini le pensioni sono state legate al tasso di crescita del PIL ed alla durata media di vita residua all’età del pensionamento. Non voglio dilungarmi sul Prodotto Interno Lordo, che tu hai già spiegato nei tuoi spettacoli, quanto sia LORDO! Ma parliamo della durata media della vita dopo il pensionamento: i medici, questa classe eletta a numero chiuso, benedetta dal Signore, stabilirà l’aspettativa della nostra sopravvivenza alle tempeste lavorative in base a ricerche inutili e strapagate. Vorrei far presente che già nell’antichità esisteva una durata media della vita notevole: Platone morì ad 80 anni, Socrate a 70, ma chissà quanto sarebbe vissuto se non gli avessero fatto bere la cicuta, Ippocrate lasciò questo mondo alla veneranda età di 83 anni, Euclide ad 84, ecc.
E che dire dei numerosissimi ultracentenari della Sardegna e del sud dell’Italia, che i suddetti medici-benedetti-dal-Signore si accingono a monitorare per carpire loro il segreto della lunga vita?

Chiara Bianchi 22.07.07 22:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Professore,

le do' un' idea di una possibile radicale e definitiva Riforma delle Pensioni che cerca di coniugare i diritti acquisiti con l' allungamento della vita e la cassa:
Basta capovolgere il problema e riformare la parte terminale della vita del pensionato e non quella iniziale !!

1) Fissiamo una volta per tutte l' età minima !! diciamo 60 !!

2) Rispettiamo i diritti acquisiti, quindi uno va' in pensione con la determinazione dell' ammontare della sua pensione secondo i normali criteri (non un centesimo di piu' ne' uno di meno)

3) Dopodichè sistema "contributivo ad esaurimento" vincolante per tutti;
il che significa calcolare il montante dei suoi passati contributi e con questo fissare la data alla quale si esaurirebbe, ed a partire dalla quale (se è ancora in vita !!) passa ad avere la pensione sociale minima che non si nega a nessuno.

In questo modo, uno non avrebbe di più di quello che ha dato se non nella misura minima
uguale per tutti e potrebbe vivere quanto gli pare senza sentirsi troppo in colpa di pesare
sulle spalle di qualcuno !! Certo, qualcuno ad un certo punto, si ritroverebbe a fare qualche
sacrificio !! ... ma trovare qualcuno che si sacrifichi è lo scopo della Riforma ... o no?

Immagini poi, per un attimo di farla valere anche retroattivamente per le pensioni gia' in essere !! Beh' certo !! con una Riforma del genere, a qualche baby-pensionato o superprivilegiato potrebbe venire un ... coccolone ... ma .... è la vita !! .... risparmiamo anche la minima !!

In ogni caso, abbiamo forse definitivamnte risolto il problema pensioni con giustizia ed equilibrio ! Forse ci ritroviamo più ricchi e con i soldi per gli ammortizzatori sociali per giovani e donne !! ....... No ??! dice che non si può fare ??!! perchè !!??

Attilio S. Commentatore certificato 22.07.07 22:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera, ho letto l'articolo solo fino a "....sono una di guerra di parole tra il Governo e i sindacati. Ammuine. Ai giovani interessano poco, loro sono schiavi moderni e la pensione non l’avranno. Moriranno prima. Nel frattempo pagano quella dei pensionati. E’ giusto che.....".
Data l'ora tarda completerò la lettura di merito domani con interesse, come sempre.
Al momento mi limito a segnalare un particolare che ho sullo stomaco da molto tempo.
Sono un pensionato ENPLAS che ha pagato per 38 anni, ogni mese, contributi piuttosto salati.
I commentatori, come in questo caso, continuano a sostenere che i giovani pagano le nostre pensioni.
Ma cosa stiamo dicendo ? Non facciamo confusione. La mia pensione me la sono pagata profumatamente (verificare i contributi pagati). Ne varrebbe sostenere che ho pagato la pensione a chi mi ha preceduto. Che modo è di fare i conti? Quando inizia l'attività lavorativa si fa un contratto: paghi questi contributi e avrai una pensione proporzionata agli anni e il valore dei medesimi.
Questo vuol dire che, conti alla mano, pareggio i conti tra dare e avere solo quando avrò compiuto 87 anni abbondanti (se ci arrivo, adesso ne ho 65). Per favore non facciamo altra confusione.
Voglio vedere se qualcuno risponde alla mia casella postale.
Grazie e buonanotte.

Giovanni Ficco 22.07.07 22:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

qui mi si deve spiegare perchè se io lavorassi fino a 65 anni (in totale 50 anni di lavoro su 65 di vita) favorirei l'occupazione giovanile spiegatemelo perchè proprio non riesco a capirlo

walter vergani 22.07.07 22:30| 
 |
Rispondi al commento

sono rassegnato, ma penso sia accettabile per sostenere le future pensione, al fatto di dover lavorare 40 anni,poco male...... illusione.... avrò diritto alla pensione dopo 10 mesi oltre i 40 anni di contribuzione.. naturalmente con il massimo di 40 anni.
oltre al fatto di dover versare quasi 41 anni.
non riesco a capacitarmi, forse è solo un mio problema, il fatto che i miei contributi pensionistici vengano utilizzi per pagare pensioni per contributi mai versati...pensioni sociali....mi domando: la solidarietà negli assegni di pensione è a carico di chi versa contributi pensionistici all'INPS o a carico della comunità?
perchè la solidarietà non viene messa in carico al fondo della categoria che dopo due anni sei mesi ed un giorno matura il diritto alla pensione?
altra cosa che mi disturba molto è che quando ero giovane "ero giovane", dovevo solo tacere e sperare, piu' avanti sarei stato ripagato.. adesso ci sono i giovani...ma quando tocca a me?

non voglio entrare in merito ai lavori usuranti......penso che tutti i lavoratori dipendenti( non dirigenti con stipendi che gratificano abbondantemente l'usura ) rientrino in tale categoria...ogni lavoro ha la sua...personalmente conosco sia impiegati che operai usurati, in questo sistema economico sfido chiunque ha trovare lavoratori non usurati.

per la cronaca son nato in ottobre del 1951 ed ho iniziato a lavorare e versare i contributi in settembre del 1969.


'

'

flavio m. Commentatore certificato 22.07.07 22:23| 
 |
Rispondi al commento

E’ ormai una costante del modello sindacale concertativo, i peggiori accordi contro i lavoratori la burocrazia sindacale li firma appena prima della chiusura delle fabbriche e degli uffici, a luglio. Una modalità di comportamento che mira a bloccare una risposta operaia adeguata alla truffa messa in atto. L’accordo sulle pensioni del 20 luglio 2007, tra governo Prodi e Cgil, Cisl e Uil si inserisce in questa dinamica storica.

I termini dell’accordo
Lo scalone di Maroni viene diluito in tre scalini, nel periodo gennaio 2008-gennaio 2011, andando anche oltre: dal 1 gennaio 2008 l’età minima di anzianità è di 58 anni, dal 1 luglio 2009 di 59 anni e quota 95, dal 1 gennaio 2011 di 60 anni e quota 96, dal 1 gennaio 2013 di 61 anni e quota 97. Per chi ha maturato i quaranta anni di contributi ci saranno quattro "finestre di uscita", lo stesso vale per le pensioni di vecchiaia, che non decorrono più al compimento dell’età minima, determinando un reale aumento dell’età pensionabile, anche per le donne, di alcuni mesi.
Accanto all’aumento dell’età pensionabile l’accordo prevede, in linea con la riforma Dini, un meccanismo automatico, da attuare entro il 2008, che determinerà il valore dei coefficienti di rendimento previdenziale sulla base di parametri esterni al bilancio dell’Inps (finanziato con i contributi dei lavoratori e oggi in attivo), quali le dinamiche delle grandezze macroeconomiche, l’andamento demografico, l'aspettativa di vita, gli obiettivi di bilancio statale. Sulla base di queste valutazioni, il governo ogni tre anni, autonomamente e senza obbligo di contrattazione, stabilirà a quali coefficienti di calcolo la pensione dovrà fare riferimento, con apposito decreto ministeriale. Pertanto con questo accordo la pensione del lavoratore esce definitivamente dalla categoria del salario differito e contrattato, mentre il governo si appropria definitivamente della cassa dell’Inps.

fausto torri 22.07.07 22:22| 
 |
Rispondi al commento

I giovani sono schiavi moderni, proprio vero! Ma volete sapere veramente che cosa pensano i giovani della pensione e della riforma delle pensioni?
Alla pensione cantano la buonanotte, come un tempo De Gregori faceva con "fiorellino"!

Buonanotte, buonanotte pensioncina,
buonanotte tra uno scalone e le quote.
Mi tormento per averci sperato,
per avere sperato di averti.
Il Governo è cotto, è maturo
ed ha tanto bisogno di te,
un miliardo trovato, la Maroni è mutata...
…Buonanotte questa notte è per te.

Buonanotte, buonanotte pensioncina,
buonanotte tra le stelle e la stalla,
per sognarti mi sono “usurato”,
e usurato non è ancora abbastanza.
Ora un banco di nebbia si è fermato
proprio sopra il mio contratto precario.
Tra i miei sogni di sole, la pensione non c’è…
..Buonanotte, il massacro è per te.

Buonanotte, buonanotte mutuoncino,
buonanotte tra un pianto e la pioggia,
la tristezza resterà domattina
e l’elemosina farò sulla spiaggia,
i ministri cadendo non si fanno male,
hanno un culo più grande di me
e dall’alba al tramonto son solo nel sole.
Buonanotte questa notte... perché?

Il testo l'ho preso da www.stivalebucato.it Sul sito c'è anche l'audio!

Andrea Giulietti 22.07.07 22:17| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi sembra esagerato, dire che i giovani lavorano per noi.
Diciamo che si sono rubati i nostri soldi.
ne ho piene le balle di sentire le solite coglionate.
I contributi li ho pagati e come,
votate sempre i soliti di destra o sinistra, sono quelli che spendono i nostri soldi , sperperando risorse e prendendoci per il culo.
APRITE GLI OCCHI E NON FATE I COGLIONI
grazie di tutto .mandiamoli a fanculo tutti

Angelo Marzullo 22.07.07 22:08| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il professore che scrive ha ragione solo su una cosa:cambiare la legge Biagi.
ricordo che l'assistenza non va pagata con i soldi dell'inps (in attivo di 7,5 mld di euro)ma con la tassazione,se anche i soloni non dicono queste cose cosa ci dobbiamo aspettare dal futuro se non parole al vento di gente che dovrebbe amministrare e consigliare politicanti che non conoscono le leggi che hanno scritto?

vladi fabris 22.07.07 21:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Il problema delle pensioni è talmente assurdo che potrebbe essere inutile parlarne.
Il vero problema secondo me è quello di ricominciare a far girare l'economia
Forse come diceva qualcuno questa è demagogia.
viva la demagogia
notte a tutti

costantino grimaldi 22.07.07 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho 26 anni di contributi e fin dal primo giorno non mi sono mai illuso di poter percepire la pensione.
Perchè?
Troppi motivi per sole 2000 parole, troppe analisi complesse per spiegarlo a tondo.
Farò una sintesi di massima.
Che avevo ed ho ragione è fin troppo evidente.
Il sistema pensionistico si fonda su una piramide a base infinita.
Non è reale.
Infatti sta crollando e non potrà che peggiorare con l'avanzamento del numero dei pensionati con il progressivo aumento dell'età media, il progressivo calare dei poteri d'acquisto di salari e pensioni, il progressivo calare demografico tipico dei sistemi ricchi a welfare, il progressivo cadere dell'economia globale con l'impossibilità del mantenimento dei livelli occupazionali di 30 o 50 anni fa.
Non tornavano i conti, non tornano i conti, non torneranno i conti.
Ogni correttivo è un palliativo, uno spostamento del problema che restringe sempre più il tempo di pensione e l'importo erogato.
Fino a renderlo ridicolo, infatti non s'è fatto altro negli ultimi 20 anni e non si può cambiare direzione.
Ogni riforma ha tolto perchè le pensioni per tutti i lavoratori sono e saranno sempre un'utopia in cui i primi prendono e poi gli altri vedranno sempre più calare fino a che non avranno nulla pur avendo dato.
L'integrativa col TFR è uno spostamento del problema che ingrandisce il problema.
Ti leva il TFR e non garantisce un cavolo, garantisce solo chi si prende il tuo TFR per farci finanza coi tuoi soldi e t'appoggia dei costi per i tuoi soldi.
Le rese non sono garantite, quando lo sono sono ridicole, oltre al fatto che il mezzo finanziario è sempre e solo speculativo con quello che consegue, ammazza l'economia reale, quella produttiva, quella d'investimento, spostando il capitale dove fa soldi coi soldi e in sostanza fa inflazione da cui solo i ricchi traggono vantaggi.

DISCUTERE DI TUTTO QUESTO SERVE SOLO A DILANIARSI PERCHE' NON C'E' SOLUZIONE A TALE ERRORE.

massimo guerra 22.07.07 21:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

PEPPE PENSA ALLA PENSIONE DEI TUOI FIGLI!!!!!!!
MICA GLIELA STAI GIÀ INTEGRANDO TU??????

Federico Steno 22.07.07 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Sono un precario di 38 anni, mi è appena scaduto il contratto di 3 mesi con la coop, sono stato assunto e formato dalla Coop stessa per l' apertura del centro commerciale Ipercoop della mia città!
Vorrei incominciare con il dire che i contratti che ci sono stati fatti ad ognuno di noi differivano per durata e scadenza...taluni hanno un cotratto da 4 anni ( i più fortunati ) altri di 1 anno e i più sfortunati ( compreso il sottoscritto ) di soli 3 mesi con nessuna garanzia per il rinnovo, ma solo con la speranza di averlo....previo buon andamento dell' ipermercato!
Aggiungo inoltre che non tutti erano assunti coop, qualche mio collega era stato mandato dalle agenzie iterinali!
Ma veniamo al punto, giunge il giorno della scadenza del mio contratto ( io sono stato assunto dalla coop ) e mi viene detto che sfortunatamente, per il non buonissimo andamento dell' iper, non gli è stato possibile rinnovarmi il contratto ( siamo al 22 di luglio e i parcheggi dell' iper sono pieni )...mi è stata letta la valutazione sul mio lavoro..e si è rivelata essere medio/alta....vale a dire che ero adeguato per il tipo di lavoro che svolgevo ( mi occupavo del tecnostore: vendita,assistenza clienti,attivazioni telefoniche ecc. ecc. )...perchè hai miei colleghi, assunti da agenzie iterinali, il contratto è stato prolungato?!
Vorrei solo dire, che sono stufo di sentire la sinistra battersi per il precariato, ed essere la prima ad usufruire dei suoi vantaggi...è arcinoto che io assunto coop, costo di più di un iterinale...ma i miei diritti? non dovrei essere avvantaggiato, perchè sono stato assunto dalla coop e hò fatto formazione in un' altro iper ( non della mia città )?
Ringrazio il Sig. Bersani che offre gli strumenti e i mezzi a queste persone..che si possono permettere di lasciare a casa un loro dipendente con moglie e figlio di 2 anni a carico....solo per poter risparmiare gli spiccioli!
Scusa Per lo sfogo Beppe!!
V Day anche per questa gentaglia!!!!

mauro novarese Commentatore in marcia al V2day 22.07.07 21:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Ora, dato che il modello di sviluppo è dato dai capitalisti borghesi ed ha aumentato a dismisura la produzione d'energia con le conseguenze prevedibili sulla popolazione, quando la domanda d'energia supererà l'offerta sarà patatrac.

massimo guerra 22.07.07 20:12

La grandezza del mercato sta nel fatto che è duro a morire. Si evolve. Troverà il sistema per sopravvivere. Non fare la Cassandra. Il tempo gioca a suo favore. Il mercato è vincente perchè sceglie sempre la via piu' corta. Il petrolio sarà sempre piu' difficile estrarlo, e intanto si trovano altre fonti alternative.

A questo patatrac s'aggiunge il patatatrac da devastazione ambientale
massimo guerra 22.07.07 20:12

Meglio, io odio le foreste, luoghi malsani e poco adatti all'uomo.

Gaudenzio De Porcellis

Eh, eh, eh, che bello leggere tali cazzate. :-)
Povero cocco non si viola la termodinamica.
La seconda legge della temodinamica per chi dice cose come quelle che hai scritto è una vera sentenza di condanna.
Chi ti difende da essa?
Ti ci voglio vedere a dire che la temodinamica ha un atteggiamento di presunta superiorità culturale. :-)
Che fa politica con toghe rosse.
O altre cazzate tipiche della tua genia.
Non è mercato, come hai provato a dire, è temrodinamica pura.
Così il tuo dire è patafisica ottimista=sega mentale.
Quando arriva il patatrac, ed è imminente, a chi pensi chiederemo il conto?
Tu sei solo cibo.
Pagareeeeeeeeeeeee!

massimo guerra 22.07.07 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Pensioni: Bonanni, Accorpamento Enti Previdenziali Affermazione Vuota

(ASCA) - Roma, 15 giu - Condivisione da parte del segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, su molte cose prospettate dal Governo alle Parti sociali per il prossimo Dpef, come l'innalzamento delle pensioni piu' basse e gli ammortizzatori sociali, un po' meno sull'ipotesi di superare lo scalone attraverso l'accorpamento degli enti previdenziali. Tale operazione rappresenta per Bonanni, ''un'affermazione vuota. Non e' corretto nel metodo, perche' non si fa una cosa del genere - ha detto il sindacalista nella conferenza stampa al termine dell'incontro Governo-Parti sociali - scavalcando i lavoratori e non e' corretto nel merito perche' non c'e' uno straccio di ipotesi. E' la sublimazione di un pensiero, molto, molto nascosto''.

*****************

no coment

manuela bellandi Commentatore certificato 22.07.07 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Siamo pieni di caserme che servivano per i ragazzi di leva. Ma ora che non esiste più il servizio militare che cavolo ce ne facciamo?

diego d. Commentatore certificato 22.07.07 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FACCIAMO LE PULCI ALL'INPS

Quanti sono i Lavoratori? (operai, impiegati, artigiani, coltivatori)

Quanto hanno versato complessivamente?

Quanti pensionati delle medesime categorie?

Quant'è la spesa annnuale per questi pensionati?

Facciamo i calcoli e verifichiamo se ci sarebbe la copertura o no se a gestire la loro pensione sono i LAVORATORI.

Grazie a chiunque possa collaborare.

Italiani Sveglia

La maggioranza dei pensionati italiani è in pensione con un calcolo di tipo contributivo.

Non retributivo come l'attuale.

Non ci sono i soldi, rasseganti.

Le pensioni sono un'utopia in cui i primi prendono il massimo e poi si cala sempre + fino a non erogarle anche a chi ha pagato tra gli ultimi, cioè quando si arriva per forza di cose ad ammettere che sono solo un errore perchè insostenibili dato che il modello è irreale.

massimo guerra 22.07.07 20:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

####################
QUIZ - numero 1!####
####################
In quale nazione il ministro della giustizia
usa fare il testimone di nozze a noti camorristi
che invece, dato il proprio ruolo, dovrebbe fare
arrestare?
####################

Mauro Clementi Commentatore certificato 22.07.07 20:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sapete quanti immobili pubblici sono sfitti o all'abbandono? se si fittassero o convertissero in case popolari sarebbe comunque un rientro di capitali.

www.rifondazioneborbonica.splinder.com

diego d. Commentatore certificato 22.07.07 20:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Secondo me non pochi di quelli che postano qui hanno la pensione baby.

F U R B A C C H I O N I . . .

E scrivete pure...

andrea de meo 22.07.07 20:52| 
 |
Rispondi al commento

OT Sintetico...

1)FORLEO FACCI SOGNARE! (by Marco Travaglio)
2)MASTELLA VAFFANCULO! (by Io Me)

Matteo Gilberri 22.07.07 20:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

"Riguardo i contributi che in passato sono stati utilizzati per pagare le pensioni di chi era in pensione dovrà essere trovato il modo di raccogliere gli importi necessari per sanare tale situazione ed iniziare pertanto ora a pagare le pensioni di chi è attualmente in pensione con nuove risorse finanziarie che nulla abbiano a che vedere con i contributi di chi è attualmente in pensione."
Ops chiedo scusa della distrazione mentre scrivevo, ovviamente intendevo dire : "......iniziare pertanto a pagare le pensioni di chi è attualmente in pensione con nuove risorse finanziarie che nulla abbiano a che vedere con i contributi di CHI E' ATTUALMENTE IN SERVIZIO (non "in pensione" come erroneamente scritto!).
Certo sarebbero necessarie somme enormi per colmare questo baratro ma se l'istituto della "cartolarizzazione" fosse stato usato per far confluire denaro nelle casse dello stato e non in quelle di intermediari di turno forse oggi saremme in una situazione differente che probabilmente ci consentirebbe di affrontare la questione con un minimo di serenità. Invece tanti, tantissimi beni sono stati alienati in fretta e furia ed ho forti anzi fortissimi dubbi sull'equità delle innumerevoli operazioni così realizzate e che spesso hanno visto partecipare i medesimi intermediari nelle pur svariate situazioni e svariate località della penisola.
Anche su questo ci vorrebbe una commissione parlamentare d'inchiesta!!!!

Giovanni Funaro 22.07.07 20:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/615.

I post di altri blog che fanno riferimento al post Gli scaloni non finiscono mai:

» Il nuovo ordine mondiale da La Mia Notizia - Citizen Journalism in Italy
IL “NUOVO ORDINE MONDIALE” (ovvero come sfasciare e governare il mondo)I nuovi padroni e gendarmi del mondo escl... [Leggi]

21.07.07 22:36

» Bertinotti bacchetta il Gip Forleo "La fuga di notizie e' un problema" da La Repubblica
L'ordinanza del gip milanese Forleo non e' ancora giunta alla Camera Quando arrivera' sara' inviata alla giunta competente e seguirà l'iter... [Leggi]

21.07.07 22:59

» Intercettazioni, il gip Forleo: «Politici complici non tifosi» da La Mia Notizia - Citizen Journalism in Italy
Pesanti accuse del magistrato nelle ordinanze inviate alle camere. Ci sono D'Alema, Latorre, Fassino e tre di Forza Italia... [Leggi]

22.07.07 03:52

» Lorenzago, il papa prega per la pace da La Repubblica e You Tube
LORENZAGO - "Una speciale preghiera per la pace nel mondo" e' stata rivolta questa mattina dal papa Ratzinger... [Leggi]

22.07.07 13:33