Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La linea rossa


linea_rossa.jpg

All’orizzonte c’è una linea rossa: la fine del petrolio. Dove si trova? A 15, a 30 anni? Sappiamo di certo che vedremo un mondo post petrolifero. Simile e diverso alle ipotesi del dopo bomba. Nessuno può dire con certezza quanto petrolio rimane, quasi tutti concordano che metà se ne è già andato. Il meno costoso, quello superficiale. Estrarre petrolio costa energia, se servono due litri di petrolio per estrarne uno non conviene. Il petrolio nella Fossa delle Marianne è antieconomico.
Cosa succederà dopo la fine del petrolio e, soprattutto, prima?
Gli Stati funzionano ad energia. Ad una pozza che si prosciuga si abbeverano solo gli animali più forti. Gli Stati armati berranno petrolio e, verso la fine, quando la pozza diventerà pozzanghera, si scontreranno tra loro.
Le energie alternative non possono, nel medio termine, sostituire il petrolio, ci sarà un periodo di transizione almeno di decenni. Prima dell’economia del petrolio eravamo un miliardo, oggi sei. Torneremo a uno? L’agricoltura va a petrolio, macchine e concimi; senza c’è la fame.
Intere zone del pianeta non sono auto sostenibili, senza trasporti chiuderanno i battenti. L’erba del vicino diventerà più verde e il vicino non vorrà condividerla. Il trasporto di beni diverrà un lusso. I pomodori dalla Cina e i cestini di latta dal Messico diventeranno un ricordo osceno. Le periferie cittadine senza supermercati, gas, petrolio, campi, acqua non saranno un bel posto in cui vivere. Se possibile, peggio di adesso.
Ci aspetta, dopo la linea rossa, un neo feudalesimo. La terra, le comunità, gli animali, le relazioni, le capacità individuali diventeranno importanti. In attesa di una nuova fonte di energia universale di cui, forse, faremmo volentieri a meno.


V-day:
1. Sostieni il V-day
2. Partecipa al V-day
3. Inserisci le tue foto su www.flickr.com con il tag Vaffa-day
4. inserisci tuoi video su www.youtube.it con il tag Vaffa-day
V_day_Forgione.jpg

21 Ago 2007, 16:05 | Scrivi | Commenti (926) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

vorrei un informazione se posso nel 1913 a Verrès in valle d Aosta in fondo a via Artifizi c era la nascita di una centrale che aveva una dinamo fatta girare con la forza dell acqua le fiume evancon , questa turbina aveva vicinissimo a se delle vasche dove due tubi di rame entravano creando elettrolisi , avrei bisogno di sapere visto esisteva un idrogenodotto qualche informazione in più , all epoca lo usavano per il concime , ce ne sono state altre in italia? e impossibile considerare una possibile soluzione per il fabbisogno del nostro paese queste centrali? Se al posto di mettere pietre con il nome del paese da 80000 euro di costo investissero sui fiumi e dighe si avrebbe qualche risultato in piu?
io mi chiedo solo da semplice ignorante , nel senso non conoscente di tutto questo qualcosa in più , mi farebbe piacere sapere oggi come funziona . Nel 1913 mi sembra avevano idrogenodotti e centrali , oggi non sono più fattibili troppo difficile o sconveniente?

paolo rubagotti 03.01.10 22:09| 
 |
Rispondi al commento

150$ al barile? Bazzecole rispetto a quello che ci aspetta tra breve.

http://random-pnc.blogspot.com/2008/07/verso-la-catastrofe-con-ottimismo.html

Leggete e dite la vostra,

Ciao!

Sergio Zeta Commentatore certificato 07.07.08 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Oggi siamo a 92$ al barile, tra poco useranno l'euro per stabilire i prezzi del petrolio.

Comunque non ci illudiamo, le guerre non finiscono. Vi ricordate di quel tizio che disse (credo alla fine degli anni '80) che la storia si era fermata, e che il mondo sarebbe stato diviso in due blocchi per sempre? Qualche anno dopo.....
la Storia non si ferma, le guerre come soluzione delle dispute internazionali possono pure essere ripudiate dalle costituzioni, ma continueranno ad esserci. E' una cosa inaccettabile, ma è nella natura umana. Anche nelle "nuove ere" dell'energia pulita ci saranno guerre, o credete che ci permetteranno di crearci l'energia in casa e sfuggire al controllo di un qualsiasi gruppo di potere?
Crearsi l'energia in casa è rivoluzionario come fare la Comune di Parigi. Vi ricordate come è finita?
Finchè è il paesino austriaco o tedesco che lo fa, o l'ingegnere col pallino delle energie rinnovabili, va tutto bene, ma proviamo a pensare a interi stati che si sganciano dalle centrali e i cittadini fanno da soli in casa con pannelli o altro...cosa pensate che facciano le multinazionali del petrolio e i gruppi che forniscono energia (dal nucleare, per dirne una) e le cricche al potere a loro legate? Cominceranno a parlare di "Comunismo Energetico", e via con la caccia alle streghe..........
in USA il presidente è un petroliere, in Russia Putin basa il suo potere sulla GAZPROM, in CINA il PCC basa il suo potere sul CARBONE...
Saranno disposti a perdere potere? Voi che dite?

Gianluca Tomassini 26.10.07 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Come dicevo prima, non ci sarà la "Terza Gueraa Mondiale" come nei film. Penso che ci sara' una Grande Guerra mediorientale, un "enorme vietnam" (qualcuno ha già paragonato l'Irak a al Vietnam), magari con qualche bombetta atomica e armi chimiche quà e là (per la gioia dei già disgraziati popoli del medioriente). Dopo di che sarà ridisegnata l'intera area, così come è stato per i balcani.

Di sicuro noi (con noi intendo l'occidente ricco, per primi gli statunitensi viziati, poi gli europei incerti e pavidi) non ne rimarremo fuori, saremo finalmente costretti a cambiare i nostri stili di vita (cosa che sta già succedendo, mi sembra) e le nostre fonti di energia.

Per favore, ditemi che mi sto sbagliando.

Gianluca Tomassini 26.10.07 20:32| 
 |
Rispondi al commento

Sto cercando di vedere le cose in prospettiva storica: la Storia non si ripete mai allo stesso modo, ma si può dire che usa le stesse modalità (è fatta dagli uomini, che non sono cambiati, nonostante la tecnologia e la cultura). L'altro giorno dopo aver visto "l'infedele" (titolo della puntata "verso la terza guerra mondiale?") mi sono ritrovato ad immaginare tutta la zona mediorientale (dalla turchia al pakistan) come un malato febbricitante. Il termometro più attendibile per misurare il livello di tensione in questo momento storico e' il prezzo del petrolio, e il fatto che continui a salire non è un buon segno (sono d'accordo che il prezzo sia anche conseguenza delle richieste in aumento, del raggiungimento del "picco" di produzione ecc. ecc., il che non fa che aggravare la situazione). Con le dovute distinzioni (la più importante differenza e' l'esistenza del deterrente atomico), assomiglia vagamente alla situazione che si è creata nella penisola balcanica all'inizio del secolo scorso, situazione che poi è sfociata nella prima guerra mondiale: un intricato incastro di interessi di potenze esterne all'area in questione, condito con nazionalismi e odi religiosi. Ho sempre pensato che il problema di israele e palestina, che si trascina ormai da più di 60 anni, si sarebbe risolto solo con una guerra devastante, come in genere si sono risolte le più importanti dispute dell'umanità. Visto che per ora si stanno solo facendo molte chiacchiere e pochissimi fatti sulle energie alternative e che la nostra dipendenza dal petrolio sembra continuare, ho l'impressione che i nodi stiano venendo al pettine. Penso che nel giro di qualche anno, al massimo entro un decennio la situazione sfocerà in "Qualcosa".

Non credo ad una terza guerra modiale come quelle che ci fanno vedere nei film, quella dopo la quale combatteremo con le clave, noi popoli ricchi non siamo più disposti a combattere "di persona", le guerre le facciamo fare agli altri e le guardiamo in televisione.

Gianluca Tomassini 26.10.07 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Non è da sottovalutare il raggiungimento del Peak-Oil, che è a tutti gli effetti ua realtà. Svegliamoci e diamoci da fare!

Michele Barone 18.09.07 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Negli ambienti finanziari circola un detto che recita: se a Pechino qualcuno apre la finestra a Buon Aires qualc'un altro starnutisce.
Questo per dire quanto sono in connessione i mercati, ce lo dice la crisi dei mutui americani di questi giorni. L'esplosione di una bolla speculativa è niente confrontata al crollo di comparti strategici come quelli legati alla plastica, alla gomma e ai derivati del petrolio: perché l'oro nero non è solo carburante. Immagino il panico in borsa che si diffonderà alla notizia che l'Arabia Saudita ha esaurito le scorte petrolifere: notizia che arriverà fra qualche anno. ho già auspicato in interventi precedenti la nascita imminente di una nuova cultura del mercato e dell'economia (nonché della società), che valuti la ricchezza prodotta nella completezza della sua analisi costi e benefici (compresi i costi ambientali), non l'attuale cieco PIL che premia chi produce disastri. Il tempo che ci rimane è poco e i politici non parlano di queste cose perché temono il caos. Non si potrà tacere all'infinito sulla verità del nostro prossimo futuro, perché ogni giorno che passa senza una inversione di marcia (che certamente avrà i suoi costi) è un giorno di speranza in meno. Ci stiamo comportando come il comandante del Titanic che visto l'iceberg decise di mettere i motori al massimo sperando di passare prima di lui. Questa volta però l'iceberg è un lungo muro di traverso di fronte al quale si può solo tornare indietro.

Sergio Sghedoni 07.09.07 18:11| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

senza dubbio doveva succedere prima o poi e sarà un bene senzaltro agli occhi di chi leggerà la storia nel futuro dei nostri nipoti o pronipoti.
certo è che chi come me ha 30 anni o meno la vivrà nel pieno questa rivoluzione forzata dalla natura e vi dirò sono proprio curioso di vedere se la scampiamo....non sono ottimista ma come si dice non potendo scappare saro in prima fila a guardare lo spettacolo....
sempre ammesso che nel 2032 (o 33 non ricordo bene)non arrivi il pericolosissimo asteroide che potrebbe distruggere tutto... anche in quel caso come si dice non potendo scappare saro in prima fila a guardare lo spettacolo....
viva la vita

domenico panc 05.09.07 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Finito il petrolio, finiranno anche le guerre! Magari...Forse...Di una cosa sono certo, finalmente tireranno fuori i mezzi ecologici per i quali ci sono i brevetti da anni.

Marco M. Commentatore certificato 04.09.07 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Leggete "Best Before - Preparati al peggio" di Eugenio Benetazzo, il libro parla proprio di queste cose.

Andrea Benedetti 02.09.07 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Per farsi un'idea proprio sul tema esposto da Beppe Grillo vi consiglio di leggere l'ultimo libro di Piero Angela "LA SCOMMESSA DEL SECOLO".
Si affrontano i problemi dell'energia sia da fonti classiche che rinnovabili; il tutto descritto con il tipico chiarissimo linguaggio di Angela che espone i fatti alla luce delle attuali conoscenze.
Guardatevi il grafico nelle ultime pagine del libro, solo quello dovrebbe bastare per far capire a chi governa che e' arrivato il momento di svegliarsi.

Marco D'Errico 30.08.07 17:31| 
 |
Rispondi al commento

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.V-day.it , OnLine dal 18 Giugno 2007.

Inseriti i Video segnalati dai visitatori nella sezione “ Video “.

Chiuse le votazioni x il logo piu' bello.
Vieni a vedere chi ha vinto, se qualche logo ti piace lo puoi prelevare per il tuo uso.

Pagina “ Press “ in questa pagina verranno inserite le info di tutto quello che ruota attorno al V-day, inviate i vostri contributi, verranno inseriti

Quindi, link a radio online in diretta x il V-day dalle piazze, video, link video stream della manifestazione, testi, link a giornali online che parlano del V-day, insomma, tutto sul V-day.

I vostri video fatti durante le manifestazioni che invierete o i link su internet verranno inseriti nella " Area Video " pagina " Arte & Cultura "

Segreterie telefoniche Nazionali e Internazionali + Mail Voce , per lasciare un tuo commento vocale, ti aspettiamo.

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) Sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione, ok Beppe va' a Bologna ma chi ha votato il sondaggio da' altre indicazioni

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it, le indicazioni votate al momento sono per indire il Referendum.

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 29.08.07 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Fa rabbrividire vedere gli sprechi della nostra classe politica.
ma ancor di più fa rabbrividire ciò che fanno...
dichiarano "incostituzionale" una norma che imponeva a ogni persona di dover essere in grado di giustificare le proprie disponibilità patrimoniali davanti all'autorità.
rendono una farsa il nostro sistema fiscale con normative inapplicabili o con obblighi di "prove diaboliche" del tutto irrealizzabili, e poi si lamentano per l'evasione fiscale?
Andate , o gente del V DAY, approfittando delle manifestazioni, presso i vari sportelli delle società di MONEY TRANSFER. ne troverete a centinaia in ogni città.
Controllate quanta gente vi transita, quantio soldi, quanta ricchezza prodotta lascia il paese, senza pagare tasse, imposte, e contributi...scoprirete un mondo nuovo, fatto di persone che possono disporre di somme incredibili per un italiano medio, che vivono serenamente, in una casa confortevole, usufruendo di tuti i servizi pubblici, dalla salute, all'istruzione per i figli, case popolari, sussidi...
e tutto ciò senza nemmeno sapere cosa siano irpef, iva , tasse, contributi e altro...
lavorando, si, ma senza pagare tasse...
abitando in una casa , magari popolare
e mandando gratis i figli all'asilo o a scuola...
gratis in ospedale, gratis sui mezzi di trasporto.
andate, o uomini, a vedere i fatturati di queste società di money transfer..
andate e vedrete dove sono i soldi del PIL che non si trovano..
e i soldi dello spaccio di droga, dello sfruttamento di prostituzione e di altro...
un'immensa struttura fatta per lavare i soldi del crimine, ben garantita e protetta dalle leggi dello Stato.
povera Italia.
aprite gli occhi.

chiara mangano 29.08.07 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fa rabbrividire vedere gli sprechi della nostra classe politica.
ma ancor di più fa rabbrividire ciò che fanno...
dichiarano "incostituzionale" una norma che imponeva a ogni persona di dover essere in grado di giustificare le proprie disponibilità patrimoniali davanti all'autorità.
rendono una farsa il nostro sistema fiscale con normative inapplicabili o con obblighi di "prove diaboliche" del tutto irrealizzabili, e poi si lamentano per l'evasione fiscale?
Andate , o gente del V DAY, approfittando delle manifestazioni, presso i vari sportelli delle società di MONEY TRANSFER. ne troverete a centinaia in ogni città.
Controllate quanta gente vi transita, quantio soldi, quanta ricchezza prodotta lascia il paese, senza pagare tasse, imposte, e contributi...scoprirete un mondo nuovo, fatto di persone che possono disporre di somme incredibili per un italiano medio, che vivono serenamente, in una casa confortevole, usufruendo di tuti i servizi pubblici, dalla salute, all'istruzione per i figli, case popolari, sussidi...
e tutto ciò senza nemmeno sapere cosa siano irpef, iva , tasse, contributi e altro...
lavorando, si, ma senza pagare tasse...
abitando in una casa , magari popolare
e mandando gratis i figli all'asilo o a scuola...
gratis in ospedale, gratis sui mezzi di trasporto.
andate, o uomini, a vedere i fatturati di queste società di money transfer..
andate e vedrete dove sono i soldi del PIL che non si trovano..
e i soldi dello spaccio di droga, dello sfruttamento di prostituzione e di altro...
un'immensa struttura fatta per lavare i soldi del crimine, ben garantita e protetta dalle leggi dello Stato.
povera Italia.
aprite gli occhi.

chiara mangano 29.08.07 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Fa rabbrividire vedere gli sprechi della nostra classe politica.
ma ancor di più fa rabbrividire ciò che fanno...
dichiarano "incostituzionale" una norma che imponeva a ogni persona di dover essere in grado di giustificare le proprie disponibilità patrimoniali davanti all'autorità.
rendono una farsa il nostro sistema fiscale con normative inapplicabili o con obblighi di "prove diaboliche" del tutto irrealizzabili, e poi si lamentano per l'evasione fiscale?
Andate , o gente del V DAY, approfittando delle manifestazioni, presso i vari sportelli delle società di MONEY TRANSFER. ne troverete a centinaia in ogni città.
Controllate quanta gente vi transita, quantio soldi, quanta ricchezza prodotta lascia il paese, senza pagare tasse, imposte, e contributi...scoprirete un mondo nuovo, fatto di persone che possono disporre di somme incredibili per un italiano medio, che vivono serenamente, in una casa confortevole, usufruendo di tuti i servizi pubblici, dalla salute, all'istruzione per i figli, case popolari, sussidi...
e tutto ciò senza nemmeno sapere cosa siano irpef, iva , tasse, contributi e altro...
lavorando, si, ma senza pagare tasse...
abitando in una casa , magari popolare
e mandando gratis i figli all'asilo o a scuola...
gratis in ospedale, gratis sui mezzi di trasporto.
andate, o uomini, a vedere i fatturati di queste società di money transfer..
andate e vedrete dove sono i soldi del PIL che non si trovano..
e i soldi dello spaccio di droga, dello sfruttamento di prostituzione e di altro...
un'immensa struttura fatta per lavare i soldi del crimine, ben garantita e protetta dalle leggi dello Stato.
povera Italia.
aprite gli occhi.

chiara mangano 29.08.07 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda l'ACQUA devi ricordare a quei "Gentleman" che in BOLIVIA hanno fatto una cosa del genere.Erano arrivati al punto di proibire la raccolta individuale dell'acqua piovana.La popolazione e`insorta;con qualche morto,ora,l'acqua e`di TUTTI. Adoro internet!!! SARA

aldini sara 29.08.07 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Quando il petrolio finirà credo che il rischio di una guerra nucleare non esista e per così dire alla fine rimarranno solo i paesi che hanno l'atomica con i loro alleati sotto il loro scudo nucleare(come l'italia)...
credo che l'unica soluzione a questo è creare delle grosse comunità autosufficenti dotate di generatori di energia puliti e incominciare a fare a meno dello stato...ragazzi nelle serre con le lampade si può coltivare di tutto..nn dovremo più neanche esposrtare ananas o zafferano!
prima bisognerà fare un tentativo per impadronirsi del potere andandoselo a prendere protestando..se non funzionerà l'unica alternativa è l'autogestione di grossi spazi facendo a meno dello stato.

Sebastiano Vai Commentatore certificato 27.08.07 23:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo, mi sembra ovvio che la moderna società globale, basata sullo sfruttamento indiscriminato di tutte le restanti risorse naturali, porterà l'umanità, o se preferite la specie dominante del piccolo pianeta miracoloso, che ci a permesso di giungere fino a qui, ad un brusco ridimensionamento. Per ridimensionamento intendo una catastrofe planetaria da qui ad un secolo. La favoletta la conosciamo tutti: se ce magnamo tutto, quelli che verranno dopo non avranno di che vivere, "quelli che verranno dopo" sono i nostri figli e i nostri nipoti. Mi rivolgo ai sub-quarentenni, cioè a quelle persone che hanno un aspettativa di vita di oltre 30 anni, pensano di mettere su famiglia e creare un futuro per i loro eredi....cosa gli lasciamo in eredità?

Gabriele Stroppa 27.08.07 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Così come la Terra, fatta in questo modo, ha permesso il miracolo della vita, così il petrolio è stato l'innesco del miracolo della nostra civiltà tecnologica. Così come la Terra sarà ingoiata dall' atmosfera esterna del sole, e i suoi oceani vaporizzeranno, fra 5 miliardi di anni, facendo scomparire la vita, così fra molto meno tempo si esaurirà il petrolio e scomparirà la civiltà così come la conosciamo. probabilmente in un tempo ancora inferiore si esauriranno quelle magnifiche macchine (altro straordinario miracolo) che ci tengono in vita, e sostengono i miei talenti, i tuoi, e quelli di ciascun bloggers. Tutta una spaventosa concatenazione di miracoli per supportare questa festa gioiosa d'intelletti, un unico gigantesco urlo d'orgasmo che il nulla ha lanciato all' Assoluto, ma ahimè tutto questo è solo di passaggio in questo freddo, spietato, e avaro universo, essa proseguirà altrove. Tu Beppe, così come altri scrittori del blog hanno dei figli di cui si preoccupano, e provo per voi compassione, ma non posso comprendere fino e in fondo i vostri sentimenti perchè io figli non ne ho, e nonposso averne avendo chiaro davati agli occhi quello che sarà il futuro prossimo. Per fortuna che il Sommo Fattore, mi ha dato un grande aiuto creandomi abbastanza brutto, se avessi avuto dei figli sarei morto dalla pena...

massimo esposito Commentatore in marcia al V2day 26.08.07 14:37| 
 |
Rispondi al commento

TOTALE ormai è il DISSENSO POPOLARE contro uno STERILE parlamento AVIDO e INGORDO che al popolo non riesce più a parlare. Inceppato dal MARASMA generale vogliono il POTERE mascherato da PRIMARIE inchinandosi all' AFFARE DOMINANTE al SERVIZIO della CASTA PADRONA. Nessuno può fare dichiarazioni estemporanee, tutto và concordato in modo collegiale. Il PROMESSO programma deve aspettare anche se il popolo ARRANCA e non trova lavoro e non hanno niente da mangiare. Faranno un altro sforzo perchè le tasse le devono pagare LORO il popolo senza protestare. NOI chiamati (da chì ?) a GOVERNARE non possiamo far paghare NIENTE alle rendite dell'AFFARE altrimenti ci dicono che a questo Governo spicca la mancanza di coraggio. IL PluriPresidente Luca Cordero di Montezemolo dice bisogna andare oltre il TFR (ormai quello è già preso) e affrontare con determinazione le riforme come abbiamo CONCERTATO noi della CASTA IndustrialPoliticoSindacale, è essenziale siglare un patto (SCELLERATO) della produttivita, lavorando come vogliamo NOI, selezionato e a tempo controllato (USA e GETTA) focus per la crescita del paese. Signori BARONI della CASTA PADRONA ormai è TARDI e indietro non si torna perchè il DISSENSO POPOLARE è TOTALE preparatevi a LASCIARE il POTERE di questo BARBARO SISTEMA e fatte LARGOaiGIOVANI talenti LIBERI e senza NODI che lavorino PERilBENEdiTUTTI per costruire il TEMPIO dei VALORI per diffondere Pace, Libertà, Lavoro.
Prima che i Signori della CASTA
IndustrialPoliticoSindacale
decidano il nostro destino FERMIAMOLI
PERilBENEdiTUTTI
DONNE,ONESTI, IMPRENDITORI, LAVORATORI,
PENSIONATI,DOTTI e SAPIENTI
OPERAI, PASTORI, CONTADINI,
GIOVANI TALENTI
COESI e LIBERI dai NODI
uniamoci perchè col nostro lavoro diventiamo
la forza che può salvare L'Italia, L'Europa,
la Terra, e tutti i popoli del Mondo da una
CATASTROFE.
VOI COLONNE PREPARATEVI perchè sarete chiamate a togliere le catene che rendono l'UOMO SCHIAVO LIBERATELO per preparare il NUOVO CAMMINO PERilBENEdiTUTTI.


V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.V-day.it , OnLine dal 18 Giugno 2007.

Inseriti i Video segnalati dai visitatori nella sezione “ Video “.

Chiuse le votazioni x il logo piu' bello.
Vieni a vedere chi ha vinto, se qualche logo ti piace lo puoi prelevare per il tuo uso.

Pagina “ Press “ in questa pagina verranno inserite le info di tutto quello che ruota attorno al V-day, inviate i vostri contributi, verranno inseriti

Quindi, link a radio online in diretta x il V-day dalle piazze, video, link video stream della manifestazione, testi, link a giornali online che parlano del V-day, insomma, tutto sul V-day.

I vostri video fatti durante le manifestazioni che invierete o i link su internet verranno inseriti nella " Area Video " pagina " Arte & Cultura "

Segreterie telefoniche Nazionali e Internazionali + Mail Voce , per lasciare un tuo commento vocale, ti aspettiamo.

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) Sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione, ok Beppe va' a Bologna ma chi ha votato il sondaggio da' altre indicazioni

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it, le indicazioni votate al momento sono per indire il Referendum.

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 26.08.07 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Davvero un bel problema. ho appena riletto "Entropia" di Jeremy Rifkin e sto preparando uno spettacolo teatrale su questo tema cercando fin dove possibile di non trasmettere allarmismo ma cercando di usare la chiave ironica. E' bene sapere queste cose? Più o meno, secondo molti, quanto sapere dal medico se quella macchia oscura apparsa nella TAC è benigna o no. Le alternative energetiche al petrolio ci sono, ma non hanno lo stesso potenziale e lo stesso basso costo. In più non danno tutta quella serie di prodotti derivati che dall'agricoltura alla farmaceutica fanno del petrolio una risorsa unica e insostituibile. In più il suo esaurimento (che sarà graduale quanto il declino che si porta aprresso) coinciderà con il crescendo dell'effetto serra. Il problema in fondo non è come fare funzionare nostre automobiline per andare in vacanza, ma come fare a far funzionare i missili, i carri armati, le navi, gli aerei e tutte quelle cosine dall'alto valore distruttivo e deterrente che servono per tenere la mano salda sull'ultimo barile oleoso e sull'ultima possibilità di sorreggere uno stile di vita che sta per perdere il suo piedistallo irrimediabilmente. Se saranno 15 o 30 anni a dividerci da quella data poco importa perchè in questo intervallo se non tentiamo di fare qualcosa ne vedremo di tutti i colori (dove il più chiaro sarà il grigio). La cosa migliore che posso dire al momento è: perfavore non fate figli! Fatelo sopratutto per loro, perchè coloro che nascono oggi conosceranno un mondo che nemmeno siamo in grado di immaginare. Capito questo possiamo cominciare a ragionarci sopra.
Buon futuro a tutti.


FORSE CI SONO UN PAIO DI NOTIZIE DA CLIMA NATALIZIO, LA PRIMA E' CHE LA PROVINCIA DI BOLZANO LICENZIA,(ANCHE SE C'E' GIA' CHI HA IL CORAGGIO DI POLEMIZZARE).LA SECONDA E' CHE L'AVVOCATO DEI DUE PRESUNTI PIROMANI SICILIANI HA DETTO CHE IN CASO DI MAGGIORI PROVE DI RESPONSABILITA' RIMETTEREBBE L INCARICO,NON SO IL SUO NOME MA DICO-BRAVO-DOVREBBE DIVENTARE LEGGE IL NON DIFENDERE GLI INDIFENDIBILI,E ANCHE QUALCHE MAGISTRATO,NEL SUO CAMPO,GIUDIZIO O ACCUSA CHE SIA, DOVREBBE AVERE LA COERENZA DI QUESTO AVVOCATO AL QUALE RINNOVO IL MIO-BRAVO-

alessandro ale 25.08.07 14:14| 
 |
Rispondi al commento

OT
#################################################

Per puro caso (ma solo per puro caso) notate qualcosa di strano in questi tre loghi?

#################################################
Clicca sul mio nome x rimanere a bocca aperta!

Sandro Buontempo 25.08.07 12:20| 
 |
Rispondi al commento

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.V-day.it , OnLine dal 18 Giugno 2007.

Inseriti i Video segnalati dai visitatori nella sezione “ Video “.

Chiuse le votazioni x il logo piu' bello.
Vieni a vedere chi ha vinto, se qualche logo ti piace lo puoi prelevare per il tuo uso.

Pagina “ Press “ in questa pagina verranno inserite le info di tutto quello che ruota attorno al V-day, inviate i vostri contributi, verranno inseriti

Quindi, link a radio online in diretta x il V-day dalle piazze, video, link video stream della manifestazione, testi, link a giornali online che parlano del V-day, insomma, tutto sul V-day.

I vostri video fatti durante le manifestazioni che invierete o i link su internet verranno inseriti nella " Area Video " pagina " Arte & Cultura "

Segreterie telefoniche Nazionali e Internazionali + Mail Voce , per lasciare un tuo commento vocale, ti aspettiamo.

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) Sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione, ok Beppe va' a Bologna ma chi ha votato il sondaggio da' altre indicazioni

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it, le indicazioni votate al momento sono per indire il Referendum.

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 25.08.07 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Nulla si muta nel tempo se nessuno lo tocca.Niente traspare alla luce se rimane nascosto. Nessuna idea si forma se non la si crea. Scuoti la mente e falla pensare. Esprimiti senza paura e dillo più forte che puoi . Sono i VALORI quelli che contano, Leggete, meditate, diffondete LARGOaiGIOVANI talenti LIBERI e senza NODI che lavorino PERilBENEdiTUTTI per costruire il TEMPIO dei VALORI per diffondere Pace, Libertà, Lavoro.
Prima che i Signori della CASTA
IndustrialPoliticoSindacale
decidano il nostro destino FERMIAMOLI
PERilBENEdiTUTTI
DONNE,ONESTI, IMPRENDITORI, LAVORATORI,
PENSIONATI,DOTTI e SAPIENTI
OPERAI, PASTORI, CONTADINI,
GIOVANI TALENTI
COESI e LIBERI dai NODI
uniamoci perchè col nostro lavoro diventiamo
l'unica forza che può salvare L'Italia, L'Europa,
la Terra, e tutti i popoli del Mondo da una
CATASTROFE.
VOI COLONNE PREPARATEVI perchè sarete chiamate a togliere le catene che rendono l'UOMO SCHIAVO. LIBERATELO per preparare il CAMMINO per costruire quel MONDO D'AMORE LIBERO e di PACE. IL destino del MONDO è nelle vostre mani SLEGATELO dalle CATENE.

Mario Flore 25.08.07 06:15| 
 |
Rispondi al commento

Iniziamo da subito allora!!! Cominciamo a far conoscere bene il cambiamento... senza allarmismi.. panico. Certo è una cosa urgente! Ma partendo ora (come con l'euro 2 anni prima mi sembra) forse potremmo veramente cambiare.. Ma a cambiare dovrebbe essere la gente tutta(o cmq la maggioranza +1” se è in questa democrazia..) e non i soliti pochi che urlano una volta ogni tanto sul telegiornale ma che poi il giorno dopo speso sono solo cronaca invecchiata e da buttare..
Allora la responsabilità sta prima di tutto a noi cittadini di fare scelte! ora in poi diverse..più ragionate… e seconda sta nello stato e nei mezzi di informazioni (due ambienti che però spesso sono la stessa cosa!!)
Io penso che, tramite i mezzi di informazione, far conoscere alla gente (e ripeterglielo aggiornandola: ATTENZIONE non manipolandola! anche se questo è molto indefinibile) la situazione, in un certo modo, che non è questo da strilloni, ma fatto lentamente, non in 2 titoli all’inizio del tg. sia la cosa più corretta..
Il fallimento dello stile di vita da petrolio ci sarà.. se tra 15 anni o 30 o di più o di meno penso che non sia importante..
Anzi.. penso che il primo passo per le tv e i giornali e internet sia quello di non dare termini…
Perchè tanto poi diciamo..(alcuni) bhè ce ne sarà per altri 15 anni o 30 o di più o di meno!!!

Per cambiare il riferimento Petrolio di oggi il primo passo sta a Noi comunque.. nella vita quotidiana..

riccardo seri Commentatore in marcia al V2day 25.08.07 02:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono convinto che da diverso tempo si potrebbe fare a meno in molti settori dell utilizzo del petrolio sostituendolo con energie alternative...ma il soldo e il potere fanno troppo gola...e pensare che poi si spendono soldi anche per riunire gente che dovrebbe riuscire a trovare una soluzione a tali problematiche che loro stessi non vogliono risolvere...

fabrizio gasparri Commentatore certificato 25.08.07 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Penso che questa analisia sia più tosto veritiera, ma vorrei osservare che in Brasile usano già energia alternativa, in Austria, in un paesino del Tirolo ho visto che il 70% delle abitazioni e il 100% degli alberghi hanno tutti i pannelli solari. La Mazda ha vinto per tre anni consecutivi il premio per il miglior motore, è un motore che adesso va a benzina ma può anche andare ad azoto. Loro dicano (qulli della Mazda ndr)che nell'arco dei prossimi dieci anni l'azoto sostituirà la benzina.
Ci sono oggi mezzi per soppiantare il petrolio, ma non vogliono gli stati tutti, perchè vivono con il petrolio. Ci siamo mai chiesti quanto il nostro stato ricava dalla benzina e gasolio e perchè appena ce un ponte festivo o delle ferie aumentano tutti i prezzi dei gestori? e le entrate aumentano...
I mezzi ci sono che sia azoto o barbabietole da zucchero ecc. ma finchè l'economia e gli stati si reggerà con la VENDITA dei derivati del petrolio non ci sarà scampo e allora vedo nel futuro quello che ho letto.
A presto

Mario Scali 24.08.07 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Non se ne può più di uno STATO in cui il potere è sempre nelle mani di stessi soggetti che siano o meno delinquenti,questo è un problema secondo il mio modesto parere che non sta a me dire, ci sono in Italia e nel mondo organi ben competenti a valutare tali responsabilità;Quello che secondo me conta del v-day è far comprendere ai cittadini Italiani che non si può avere un cambio di mentalità ovvero nuove idee,se chi dovrebbe rappresentare il progresso e tutti i cittadini def."NAZIONE" secondo l'art.67 cost. (giovani compresi) ha superato gli 80 anni di cui più di trenta attaccato a quella maledettissima poltrona, e così come fanno le sanguisughe si è ingrassato a nostre spese mostrando OPULENZA mista a STRAFOTTENZA che è davvero duro mandar giù,è ora di rimandarli a casa meglio se in mutande e con un bel calcio nel c..o!!!!lele

Emanuele Ruotolo Commentatore certificato 24.08.07 16:34| 
 |
Rispondi al commento

@Pierluigi Di Pietro:
> Ammetterai che questo [l'emivita dell'uranio]
> peggiora il problema [delle scorie].

Non ho mai detto che lo migliorasse, anzi ^__^

> ci andrei molto cauto con il prendere un mancato
> disastro (per un pelo!) come prova di
> affidabilità delle centrali

Non l'ho presa come prova di affidabilità, ho semplicemente detto che sarebbe stato comunque un singolo episodio a vero rischio dopo Cernobyl.

> Un singolo incidente grave in una nazione
> sviluppata è in grado, DA SOLO, di azzerare
> tutto il supposto guadagno di tutte le centrali
> nucleari del mondo.

Ma scusa, secondo quali dati? :D Se così fosse dopo Cernobyl i Russi non avrebbero più costruito le centrali. Dei morti penso se ne fregassero poco, ma dei soldi sì ;-)

> Il numero di incidenti nucleari subisce già una
> prima distorsione non ben quantificabile, per
> via di fattori politici, economici e militari,
> tesi a ridurne la portata. Poi, prendendo i casi
> noti, abbiamo almeno 1 incidente enorme, e
> decine di gravi/gravissimi! Ma soprattutto
> enorme è l'entità del rischio associato!

Su questo non c'è dubbio. Ma non esiste fonte di energia sicura. Attualmente il petrolio fa più morti, danni all'ambiente, spreco economico di quanto ne potrebbe fare un meltdown, e su questo non credo ci siano dubbi. Come per la politica, bisogna scegliere il male minore.

@luca rossi:
> L'ERA NUCLEARE di Carlo Rubbia [...]

Effettivamente Rubbia ha cambiato molto il suo pensiero, ma l'articolo è abbastanza decontestualizzato, direi <_< Rubbia certo evidenzia i problemi dati dalle scorie radioattive, ma non dice di chiudere la porta in faccia al nucleare:

http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsID=68237
http://www.repubblica.it/2007/03/sezioni/ambiente/energie-pulite/veronesi-rubbia/veronesi-rubbia.html

L'unica cosa con cui sono in disaccordo con Rubbia è aspettare la ricerca: la ricerca si finanzia solo con l'attuazione pratica. Niente ritorno economico, niente ricerca... purtroppo.

Lucas Malor Commentatore certificato 24.08.07 16:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dio bonino! Io non la vedo così disastrosa, certo il più forte banchetterà sempre sulla testa del più debole.. però c'abbiamo la tecnologia. Le fonti pulite di energia non mi sembra che non possano risolvere neanche la minima parte dei problemi, basta chiedere a un tedesco.

Pippo.
Grazie, ciaz.

Filippo Bigagli 24.08.07 14:20| 
 |
Rispondi al commento

l'alternativa al petroliio sicuramente non c'è ma ci sono altre forme di energia in natura ke dal mio punto di vista basta a tutti e sarebbero anche più econimiche se qualcuno no ci mettesse sempre il solito dito,vedi gli impianti fotovoltaici in mano a questi strozzini di petroliferi che ne alzano i prezzi; inoltre vi è l'eolico poi le centrali termodinamiche e porca miseri ma perchè nessuno mette in mezzo la canapa, la cara vecchia cannabis scartata ed eliminata sia prima che dopo per motivi economici.
beh per concludere credo alternative al petrolio ce ne sono e come!! ma sicuramente cambieranno un po il modo di vivere il problema reale è che con il petrolio si mangia bene visto che è in determinate parti del pianeta con le fonti alternative che sono nel mondo si mangia ben poco..ci vediamo a bologna al Vday olaz

bruno p. Commentatore certificato 24.08.07 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe c'e qualcuno che sa spiegarmi una volta per tutte come funzione questa cosa delle tasse .Io ringraziando il buon dio lavoratore dipendente turnista che lavoro anche di notte domenica ,natale e pasqua.sono sei anni che non vedo il mare e pure stò a 4km costiera salerno e via .non lo vedo perchè già penso alle spese da affrontare a settembre affitto,gas,luce e sopratutto scuola e indumenti per mia figlia per fortuna è unica,poi con l'arrivo di dicembre con la tredicesima non vado a fare la settimana bianca ma pagherò la tassa dell'acqua e dei rifiuti che come sai per colpa di qualcuno è la più alta d'italia.Sul mio pianerottolo abita un condomino e c'e ne sono parecchi che poverino è disoccupato.Poverino la moglie e tre figli devono prendere il sole cosi da maggio a settrmbre con i mezzi pubblici fa il pendolare,con i mezzi si perchè la macchina di 15.000euro sta in box.A settembre prende i bollettin di luce telefono acqua e rifiuti e và al comune perchè no riesce a pagare poverino lui èdisoccupato va in ospedale no paga il ticket perchè poverino e disoccupato mentre io l'ultima volta per una visita cardiologica ho pagato .72euro perchè io sono fortunato LAVORO.Allora il detto che dice caro compagno Bertinotti compagno tu fatic' e i magn'oppure si fatic'magn'ma si nu'fatic magn'due volte.Ripeto per favore c'èqualcuno che me lo sa spiegare.Una curiosità caro beppe a proposito del card. bertone sulle tasse come è finita la storia della tassa sulle acque sporche che il vaticano immetteva nel tevere allora sindaco Rutelli.Io penso che se succedesse il miracolo che proprio tutti pagassero le tasse cambierebbe qualcosa secondo voi,forse per prima cosa i nostri dipendenri si aumenteranno lo stipendio no ogni sei mesi ma una volta almese perchè l'inflazione vale solo per loro,i servizi rimarrebbero cosi come sono e costruiremo nuovi edifici per il pubblico e quelli che sono rimasti a metà lavoro cadrebbero per terra.Grazie per questo sfogo.

raffaele quaraniello 24.08.07 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Poi io credo che Rubbia (sostenitore del nucleare) andrebbe ascoltato! Lui propone un solare (non fotovoltaico) Termodinamico per produrre energia! Se solo i governi spendessero di più in ricerca!!!
Carlo Speranzon 24.08.07 11:13
****

Su questo punto perfettamente d'accordo.
Il fatto e che il nostro è un paese diciamo ridicolo.

Si è rinunciato a investire, 60 milioni di euro per realizzare la "Centrale Solare Archimede" da 28 MW, in quanto essendo la prima al mondo, si sta a li a pensare ma funzionerà o non funzionerà e nel dubbio non si fa nulla, la California già dagli anni 80 ne ha realizzato da 400 MW.

Per capire quanto importante siano 60 milioni di euro basta confrontarli col fatto che la Fiat solo per il lancio pubblicitario della nuova 500 ha speso 16 milioni di euro, che lo Stato pagherà nel 2007 per gli incentivi ad acquistare un'auto nuova la bellezza di oltre 1.000 milioni di euro.

Ora si è deciso di provare a realizzare 1/5 del progetto cioè investire +- 12 milioni di euro, pochi mesi fa sono stati firmati i protocolli d'intesa tra Stato, Enea ed Enel ma mi sa son ancora in una fase di stallo.

Il problema è che il Solare Termodinamico in Italia al massimo può funzionare solo nell'Italia dell'estremo sud, cioè Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna meridionale, non ha caso il sito per Archimede è stato individuato nel punto a più alta resa solare d'Italia circa 1,7 contro 1,1 del nord, 1,3 del centro e 1,5 del sud.

Comunque la soluzione esiste ed è stata prima proposta da Carlo Rubbia e poi fatta oggetto di studio da parte di un gruppo di Scienziati Tedeschi, su incarico del loro Governo, che ne hanno dimostrato la fattibilità.
Si tratta semplicemente di realizzare le "Centrali Solari Termodinamiche" nei deserti del nord Africa, cioè da dove oggi preleviamo il petrolio domani si può far arrivare direttamente l'energia elettrica.

Per l'articolo sullo studio dei Tedeschi con relativa mappa delle centrali clicca mio nome.

luca rossi 24.08.07 11:53| 
 |
Rispondi al commento

perchè non legalizzare la canapa e utilizzarla a scopo energetico? tatnto gente che si fà perchè si sente sola ne abbiamo anche in parlamento, quindi legale o no se ne fa largo uso in Italia

mattia f. 24.08.07 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Inoltre non so chi abbia detto che Rubbia è contro il nucleare,...
Lucas Malor 24.08.07 03:29 |
****

L'ERA NUCLEARE
di Carlo Rubbia
..
Si apre a questo punto grave problema dell'eliminazione dei rifiuti radioattivi. Con vari metodi sono inceneriti, triturati, macinati, pressati, vetrificati e inglobati in fusti impermeabili a loro volta disposti in recipienti di acciaio inossidabile, veri e propri sarcofaghi in miniatura.
Queste "vergogne" dell'energia nucleare vengono nascoste nelle profondità sotterranee e marine. Non abbiamo la minima idea di quello che potrebbe succedere dei fusti con tonnellate di sostanze radioattive che abbiamo già seppellito e di quelli che aspettano di esserlo. Ci liberiamo di un problema passandolo in eredità alle generazioni future, perché queste scorie saranno attive per millenni.
La sicurezza assoluta non esiste neppure in quest'ultimo stadio del ciclo nucleare. I cimiteri radioattivi possono essere violati da terremoti, bombardamenti, atti di sabotaggio. Malgrado tutte le precauzioni tecnologiche, lo spessore e la resistenza dei materiali in cui questi rifiuti della fissione sono sigillati, la radioattività può, in condizioni estreme, sprigionarsi in qualche misura, soprattutto dai fusti calati nei fondali marini. Si sono trovate tracce di cesio e di plutonio e altri radioisotopi nella fauna e nella flora dei mari più usati come cimiteri nucleari. Neppure il deposito sotterraneo, a centinaia di metri di profondità può essere ritenuto secondo me, completamente sicuro. Sotto la pressione delle rocce, a migliaia di anni da oggi, dimenticate dalle generazioni a venire, le scorie potrebbero spezzarsi o essere assorbite da un cambiamento geologico che trasformi una zona da secca in umida, entrare quindi nelle acque e andare lontano a contaminare l'uomo attraverso la catena alimentare. A mio parere queste scorie rappresentano delle bombe ritardate. Le nascondiamo pensando che non ci saremo per risponderne personalmente...

luca rossi 24.08.07 11:16| 
 |
Rispondi al commento

WOW! affrontare un argomento del genere in così poche righe è incredibile!

I commenti quando scrivo sono quasi 1000!!!!

Forse era meglio trattare la cosa in modo diverso... ma è utile a far riflettere come ogni provocazione. Ad una provocazione bisogna rispondere!! allora.....

Tanti parlano di nucleare andando pure ad infilarsi in cose troppo tecniche per essere trattate se non da un ingegnere nucleare....

Il fatto è che il petrolio finirà... si troveranno modi per estrarre anche quello più profondo e poi? di alternative pronte ce ne sono poche!

Sicuramente il problema principale è l'energia elettrica dove l'alternativa è e rimane solo il Nucleare salvo rinunciare ad avere l'energia e tornare indietro di circa 70anni. Nessuno vorrà rinunciare e il Nucleare inizierà a crescere nuovamente (per buona pace di chi non lo vuole e specialmente dei governi come l'Italia e la Germania che lo vuole vietare).

C'è da considerare poi che il petrolio è anche industria chimica: da esso si ricavano molti materiali plastici... cambieranno un sacco di cose: il riciclaggio diventerà sempre più utilizzato, ma non sarà sufficiente...

La Vita "occidentale" ma anche quella Cinese o Indiana subiranno un enorme battuta d'arresto... ma io CONFIDO nella ricerca di alternative che ora la tecnologia non ci sa offrire, ma che la scienza mostra.

Per l'energia elettrica la Fusione nucleare potrebbe ricevere un impulso molto forte dagli esperimenti del cosiddetto ITER. Il problema è il tempo in questo caso...
Poi io credo che Rubbia (sostenitore del nucleare) andrebbe ascoltato! Lui propone un solare (non fotovoltaico) Termodinamico per produrre energia! Se solo i governi spendessero di più in ricerca!!!

Poi molti materiali potranno essere ricavati da sintesi con materie prime diverse dal petrolio o mediante sostanze naturali.

ciao!

Carlo Speranzon 24.08.07 11:13| 
 |
Rispondi al commento

"Acqua ROCCHETTA"....sta prosciugando le sorgenti Umbre-Marchigiane!

I Meetup Amici di Beppe Grillo di PERUGIA, FABRIANO, ANCONA sono andati in piazza a Gualdo Tadino per Protestare civilmente alla Manifestazione MISS ROCCHETTA 2007.

ACQUA ROCCHETTA Asseta i cittadini di Gualdo, Nocera Umbra, Fabriano e Perugia e a rischio il RIO FERGIA!

Il filmato dei Meetup:

http://it.youtube.com/watch?v=pFqKyitbn_4

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.08.07 04:29| 
 |
Rispondi al commento

@Pierluigi Di Pietro:

> Con 300 anni di semivita mi riferivo non all
> U238, ma all' U235.

Che ha emivita 70 milioni di anni.... ;-)
Inoltre che senso ha prendere l'emivita dell'uranio, se il problema sono le scorie? ;-)

> Non bisogna mai farsi fregare dal ragionamento
> "se lo hanno fatto loro che sono esperti (i
> Giapponesi) allora vuol dire che si può fare
> sempre"

Bene, chiediamo pareri allora al fruttivendolo sotto casa. Il "buon senso" in questioni scientifiche non esiste. La scienza studia campi così lontani dalla vita comune.
Inoltre, intanto il Giappone è una potenza mondiale. Chiunque sta sfruttando il nucleare è una nazione economicamente invidiabile. In Italia siamo più furbi, sicuramente...

> Poi salta fuori che la centrale nucleare che
> rifornisce un quarto di elettricità del paese è
> stata fatta proprio sopra una faglia

Si, l'ha fatta l'Ingegner Cane... ma siamo seri!

> In Svezia, d'altra parte, si è evitato il
> meltdown di una centrale nucleare [a Forsmark]
> per soli 7 minuti [...] senno a quest'ora
> avremmo mezza Svezia radioattiva. :(

Il fattaccio c'è indubbiamente stato. Un incidente (che comunque è stato sventato) in quanti decenni?
Mezza Svezia è ridicolo. Credi che non avrebbero ricoperto la centrale con una bella colata di cemento? L'Europa non è certo la Russia della guerra fredda.

Ripeto, c'è una paura irrazionale per il nucleare. L'inquinamento per il petrolio fa un numero di vittime incalcolabile, solo che è silenzioso e non è spettacolare come le radiazioni.

Inoltre non so chi abbia detto che Rubbia è contro il nucleare, ma è la più grossa stupidaggine io abbia mai sentito, essendo Rubbia un grosso sostenitore del nucleare in Italia.

Per adesso l'unico metodo per staccarsi dai paesi mediorientali, risparmiare sui costi e abbassare l'inquinamento è il nucleare. Inoltre bisogna puntare anche sul microeolico e sul fotovoltaico, oltre a idroelettrico e geotermico.

Lucas Malor Commentatore certificato 24.08.07 03:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.V-day.it , OnLine dal 18 Giugno 2007.

Inseriti i Video segnalati dai visitatori nella sezione “ Video “.

Chiuse le votazioni x il logo piu' bello.
Vieni a vedere chi ha vinto, se qualche logo ti piace lo puoi prelevare per il tuo uso.

Pagina “ Press “ in questa pagina verranno inserite le info di tutto quello che ruota attorno al V-day, inviate i vostri contributi, verranno inseriti

Quindi, link a radio online in diretta x il V-day dalle piazze, video, link video stream della manifestazione, testi, link a giornali online che parlano del V-day, insomma, tutto sul V-day.

I vostri video fatti durante le manifestazioni che invierete o i link su internet verranno inseriti nella " Area Video " pagina " Arte & Cultura "

Segreterie telefoniche Nazionali e Internazionali + Mail Voce , per lasciare un tuo commento vocale, ti aspettiamo.

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) Sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione, ok Beppe va' a Bologna ma chi ha votato il sondaggio da' altre indicazioni

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it, le indicazioni votate al momento sono per indire il Referendum.

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 23.08.07 22:55| 
 |
Rispondi al commento

La fine del petrolio e dei combustibili fossili, congiuntamente all'utilizzo di energie alternative con tecnologie già disponibili sul mercato, è da aspettare con impazienza a mio modo di vedere nell'equilibrio globale dell'ecosistema terrestre.
Avremmo meno guerre, meno terrorismo (manderemmo a quel paese i petrolieri ed i loro lacchè), meno inquinamento, meno sconvolgimenti climatici.
Bisogna chiedersi: viene prima il denaro o il nostro habitat naturale?

raimondo g. 23.08.07 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Non sarei così pessimista.
Utilizzeremo le fonti energetiche rinnovabili con razionalità. Abbiamo tecnologie vecchie di oltre un secolo (idraulico), più recenti (fotovoltaico, eolico), per produrre energia elettrica. L'industria si riorganizzerà (i trasporti saranno solo su ferro ed in mare andremo a vela, se ne avremo voglia).
Con le tecnologie già a disposizione del grande mercato non moriremo di fame, nè di freddo.
Con l'esaurirsi delle riserve fossili ci saranno forse meno spunti per guerre, assalti terroristici, si ridisegnerà lo scenario globale delle politiche nazionali ed inernazionali, delle economie e delle società.
Se non ci spareremo addosso i missili a testata nucleare, continueremo tranquillamente a sopravvivere, non siamo tragici, basta volerlo.

raimondo g. 23.08.07 19:21| 
 |
Rispondi al commento

IL PICCO DI HUBERT

Per chi è interessato è stato aperto un post sul meetup Saluzzo- Savigliano

Il Tramonto dell'era del Petrolio
http://beppegrillo.meetup.com/287/messages/boards/view/viewthread?thread=3433165
Saluti
Carlo

carlo roggiero 23.08.07 16:40| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe oggi mi sono iscritto al tuo blog, per poter anch'io esprimere il disagio sociale in cui viviamo oggi in Italia e in particolar modo a Napoli.
Sono un praticante legale e solo adesso a 33 anni mi rendo conto che la nostra è una società malata in cui tutti i principi fondamentali sono stati capovolti.
Le mie libertà, costituzionalmente garantite, sono state tutte mortificate da uno stato connivente con la malavità e per lo più incapace di gestire la cosa pubblica.
Dove sono finiti i principi che dovrebbero garantire il diritto alla salute, il diritto alla felicità, il giusto processo, concorsi pubblici che garantiscano la vittoria agli effetivi migliori,sicuramente non alloggiano più nel vecchio stivale.
Vorrei cercare un modo per cambiare effettivamente un trend ormai rivolto al basso da troppo tempo, intanto posso solo sperare in un tuo intervento nella politica ma credo che la mia sia solo una vana speranza....

paolo arianetto 23.08.07 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe (scusa il "tu", ma siamo stati presentati una vita fa a Padova da una comune amica, tal Giuliana)questa che espongo è solo una pensata e quasi certamente è una boiata però non si sa mai. Si tratterebbe di una idea per costringere più gente a richiedere fatture, ricevute e scontrini vari a chi fornisce prestazioni (dal ristoratore al gondoliere, all'artigiano,etc.) aumentando di conseguenza le entrate fiscali. Con opportune modifiche al sistema del super enalotto si potrebbe accantonare una parte del montepremi (spesso assurdamente elevato) per indire una vincita (mensile?)in favore di uno scontrino o ricevuta o fattura estratti. Le macchinette della sisal potrebbero venire modificate in modo da poter inserire il numero relativo (dettato dal detentore della ricevuta in questione al "tabaccaio" del quartiere) ottenendo a riscontro una ricevuta di "giocata" (quindi gratuita). Altra vincita andrebbe destinata a chi tale fattura o ricevuta estratta ha emesso. Mi sembra che così facendo ci guadagnerebbero tutti (potenzialmente), ma sopratutto mi pare un buon incentivo per fare emergere parte del sommerso. Grazie per il tuo tempo e scusa per questa boiata. Sei bravissimo oltre che coraggioso e dovresti candidarti sul serio per la presidenza degli stati uniti d'america (tanto poi l'italia ubbidisce). Con grande ammirazione,Enrico Caine. Venezia cell. 347 7697988

enrico caine 23.08.07 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come si può investire in energie rinnovabili se, Tronchetti Provera, Moratti e i lore 4/5 amichetti hanno acquistato certificati verdi e producono energia RINNOVABILE con i scarti del petrolio e oltretutto vengono finanziati dallo stato tramite le nostre bollette, perchè per chi nn lo sapesse ogni bolletta di ogni famiglia italiana c'è compresa una mini tassa che è destinata al finanziamente per gli investitori su energie rinnovabili.... ENERGIA RINNOVABILE!!!!!! Il petrolio mi sembra che nn sia tanto rinnovabile intanto quei teste di c...o grazie all'aiuto del nostro ministro per l'ambiente Pecoraro Scanio si pappano tutti i nosti soldi... In italia sono arrivate aziende europe a investire sull'eolico e nostri politici che fanno??? Finanziano chi ci uccide. i Petrolieri... è questa la strada da prendere!!!!! Sveglia in Spagna hanno già pianificato il percorso d'istallazione fino al 2012... Gli Inglesi e Francesi ci comprano i nostri impianti e noi???? DORMIAMO anzi ci vogliono far DORMIRE... svegliamoci siamo in tanti salviamo la nostra l'Italia facciamo correre a gambe levate questi pezzi di M...A

CONTRO I POTENTI 23.08.07 15:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non vedo l'ora che accada.. sono qui gia' che gongolo al solo pensiero che molti merdoni fancazzisti sempre col sedere sulla macchina e il celluilare nelle recchie si ritrovino a pedalare per andare al lavoro.. eh eh ... magari bevendo l'acqua piovana se avremo la fortuna di vederne ancora, quando anche l'acqua diventera' importante e scarsa come il petrolio...

Tiziana Stanzani 23.08.07 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Video V-Day per l'ACQUA ROCCHETTA!!!

Contro gli Usurpatori d'Acqua i Meetup di Perugia, Fabriano e Ancona sono stati a MISS ROCCHETTA 2007

Ecco il Video:

http://it.youtube.com/watch?v=pFqKyitbn_4

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.07 12:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

E' comunque scientificamente provato che basterebbe impiegare un millesimo del territorio in pannelli solari, per ottenere l'energia sufficiente a soddisfare tutte le esigenze energetiche.
Saluti

aldo de luca 23.08.07 12:56| 
 |
Rispondi al commento

- DARFUR -

Alcuni considerano il conflitto in relazione con la questione degli approvvigionamenti petroliferi. Il Darfur e il Sudan in generale sono una delle zone col più basso reddito pro-capite dell'Africa, ma nel contempo fra le più ricche di materie prime. La China National Petroleum Company, CNPC di Pechino, compagnia petrolifera a controllo pubblico, importa dal 65 all'80% dei barili prodotti ogni giorno in Sudan, e una quota pari all'8% delle importazioni cinesi di petrolio (v. [1]).

La Cina ha avviato una politica di prestiti in dollari a tassi agevolati per finanziare lo sviluppo delle infrastrutture nei Paesi sudafricani quali Nigeria, Angola, Ghana, Sudafrica e Mozambico, ottenendo in alcuni Stati concessioni per lo sfruttamento delle risorse petrolifere.

gino pino 23.08.07 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Il petrolio 'droga' l'agricoltura, i trasporti, l'industria di materia plastiche e la produzione di elettricità.
L'economia capitalistica 'droga' la mente della classe dirigente con una smania di profitto che porta a visione strategiche di pochi anni.
I media ci 'drogano' con informazioni spazzatura.
Come per le 'droghe' normali, l'assuefazione è avvenuta poco a poco.
La crisi di astinenza sarà graduale o improvvisa? Avremo il tempo per traghettare un sistema economico verso un orizzonte sostenibile? I termini della questione sono tutti qui.
Non SE, ma COME.
A chi è dubbioso sul 'SE' consiglio di informarsi. Chi non vuole informarsi lo capisco, costa fatica e tempo, ma è ciò su cui qualcuno conta per continuare a fare i suoi porci comodi.

Dario Faccini 23.08.07 12:25| 
 |
Rispondi al commento

MILANO, 6 AGO - - Soluxia, società del Gruppo Sorgenia, che fa capo alla Cir della famiglia De Benedetti, ha avviato 2 nuovi impianti fotovoltaici in Sardegna. Lo si apprende da una nota. Attivi dallo scorso 1 agosto, i due impianti hanno potenza nominale di 1 Mw ciascuno.
Ammessi alla tariffa incentivante, i due impianti sono stati realizzati presso il Consorzio Asi di Villacidro (Cagliari) e coprono complessivamente una superficie di circa 4 ettari, con una produzione unitaria attesa di 1400 Mwh/anno, evitando l'immissione in atmosfera di 1700 tonnellate/anno di anidride carbonica, il principale responsabile del riscaldamento terrestre.
Gli impianti di Villacidro - spiega la nota - sono i primi di una serie di 15 installazioni, tutte della potenza nominale di 1 Mw, che Soluxia realizzerà con un investimento totale di circa 85 milioni di Euro. Il gruppo prevede l'entrata in servizio per i rimanenti 13 impianti tra settembre 2007 e marzo 2008.
(ANSA).

gino pino 23.08.07 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Nei commenti di questo blog appaiono un pò le preoccupazioni di tutti...ma le sole preoccupazioni non bastano, così come non bastano soluzioni ai limiti del ridicolo quale quello di trasformare il deserto del sahara in un immenso parco fotovoltaico...ma avete idea di quanti soldi sarebbero necessari? un impianto da 1 MW costa più di 3 milioni di euro! La realtà è un altra: chi monopolizza ora le risorse energetiche mondiali ha fatto sparire in passato le deduzioni del grande NikolA Tesla ( considerato un mago dal sinistroide ignorante, in realtà figura tanto importante che il suo nome viene usato per misurare il vettore induzione elettromagnetica). Tutti noi siamo circondati dalle invenzioni di questo grande ingegnere serbo: la corrente trifase, il trasformatore nel tubo crt del nostro televisore, ecc. ecc. Andate a vedere il film (compratevi il dvd o fate come credete) "il segreto di Nikola Tesla" del regista Kristo Papic.

Stefano Vinto


Stefano Vinto, sei un povero stolto. Primo perchè grossissime società energetiche hanno investito e stanno investendo miliardi di € in energia fotovoltaica e proprio a pochi Km da casa tua (vedere gli ultimi investimenti di Sorgenia, ad es.), secondo perchè i costi si ridurrebbero drasticamente se aumentasse la domanda (un pc non costa oggi quanto costava ieri), terzo perchè nessuno ha detto di usare il deserto unicamente per l'energia solare, ma anche per altre fonti di energia come il nucleare, a debita distanza da forme viventi, quarto perchè ti sei bevuto il cervello con la storia dell'FBI e dell'energia infinita.

Il mondo purtroppo non va avanti anche per gente come te.

Saluti

gino pino 23.08.07 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra un po apocalittica come visione.
La verita' e' diversa credo.
Col passare del tempo la crescita economica di paesi come la Cina e l'India, con le loro incredibili popolazioni spingeranno allo "scontro" per il petrolio molto piu' della fine del petrolio stesso.
Questo sia perche' ci sono limiti fisici sull'estrazione quotidiana di barili, sia perche' c'e' chi ha interesse a tenere quel limite (Opec in primis).

Non illudiamoci che il barile sia a 20 dollari piu' di qualche anno fa per la guerra in Iraq, e' alle stelle perche' la Cina e' diventato un grosso acquirente.

Per le piu' basilari leggi di mercato quando la domanda cresce e la produzione rimane invariata, un prodotto diventa piu' costoso.
Questo sara' un procedimento piuttosto lento, ma col passare del petrolio da $40 al barile a $200 al barile, il prezzo di diesel, hfo e benzina saliranno fino a 10-15 euro al litro.

Il problema? Nessuno, le macchine andranno a benzina ancora per decenni, ma i produttori spingeranno per fare macchine che consumano sempre meno e spingeranno per ibridi sempre piu' economici perche' e' quello di cui ha bisogno il mercato.

In america con la benzina a meno di 1.50 euro al gallone (circa 3.5 litri se non sbaglio) tutti i produttori stanno cominciando a vendere ibridi, e la boeing ha appena presentato il nuovo boeing 777 che consuma 20% in meno a parita' di passeggeri e distanze.

Quindi non preoccupatevi, gli aerei non cadranno dal cielo, non resterete a piedi, non morirete di fame e non ci saranno bande armate di punk su motociclette che girano per il deserto uccidendo per una tanica di benzina. Continuerete a fare la vostra vita, la benzina costera' sempre di piu' ma ne servira' sempre meno, e forse quando ormai costera' veramente troppo troveremo una valida alternativa.

paul

Paul Matteucci 23.08.07 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

il tuo articolo mi sembra una copia allungata con qualche commento di quello che l'irreprensibile Mario Tozzi ha pubblicato questo mese su una nota rivista... ( National Geographic).
Eppoi non essere così pessimista, vedrai che a breve l'energia elettrica verrà prodotta con metodi alternativi, a Taiwan hanno già pronto uno speciale vetro che produce 6 Kw per Mq2.
Per le auto e i mezzi di trasporto ci si attrezzerà, io sinceramente penso che ormai i giochi per la supremazia sugli ultimi pozzi di petrolio siano già fatto ( vedi Iraq, afghanistan, cecenia ecc.)

Marco Vendola 23.08.07 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Sta accadendo qualcosa. L'America ha fatto la guerra in Iraq per il petrolio. La Russia ha preso possesso di parte del Polo Nord per i suoi giacimenti di petrolio e gas.
I vertici delle nazioni sanno che il petrolio è agli sgoccioli e si comportano di conseguenza, ma lasciano all'oscuro di tutto i cittadini.

Marco Esposito 23.08.07 11:55| 
 |
Rispondi al commento

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Ciao a tutti, è stato aggiornato il sito www.V-day.it , OnLine dal 18 Giugno 2007.

Inseriti i Video segnalati dai visitatori nella sezione “ Video “.

Chiuse le votazioni x il logo piu' bello.
Vieni a vedere chi ha vinto, se qualche logo ti piace lo puoi prelevare per il tuo uso.

Pagina “ Press “ in questa pagina verranno inserite le info di tutto quello che ruota attorno al V-day, inviate i vostri contributi, verranno inseriti

Quindi, link a radio online in diretta x il V-day dalle piazze, video, link video stream della manifestazione, testi, link a giornali online che parlano del V-day, insomma, tutto sul V-day.

I vostri video fatti durante le manifestazioni che invierete o i link su internet verranno inseriti nella " Area Video " pagina " Arte & Cultura "

Segreterie telefoniche Nazionali e Internazionali + Mail Voce , per lasciare un tuo commento vocale, ti aspettiamo.

E' attivo il Blog su V-day.it, un altro spazio per farti sentire :-)

E' stata inserita l'area " Arte & Cultura " dove gli artisti possono esprimere il loro talento per il V-day.

Sono stati attivati 2 sondaggi;

1) Sondaggio x indicare agli organizzatori del V-day dove fare la manifestazione, ok Beppe va' a Bologna ma chi ha votato il sondaggio da' altre indicazioni

2) " Cosa fare dopo l' 8 settembre ? " Sondaggio creato con la collaborazione degli iscritti alla Mailing List di V-day.it, le indicazioni votate al momento sono per indire il Referendum.

Vieni anche tu a dire la tua.

Un saluto a tutti gli onesti e a chi e' orgoglioso di essere Italiano

Sigfrido

V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day V-day

Sigfrido-3 N. Commentatore certificato 23.08.07 11:53| 
 |
Rispondi al commento

se il petrolio finisce non è un male, ma un bene.
Nella mancanza e nella carestia, le persone devono collaborare se vogliono sopravvivere. E poi gli indigeni in africa e oceania vivono da sempre senza petrolio, e sono ancora vivi. Noi ci mangeremo il cemento, condito con un po' di olio, di sale e prezzemolo!!
Iniziate a sprecare di meno e portero piu in la questo scenario. Se dimezziamo i consumi, non compriamo cose inutili, centri storici di tutte le citta aperti solo a veicoli senza motore. forse non vedremo la fine del petrolio ma la vedranno i nostri figli e nipoti. Il problema è che dipende da tutti, pochi non fanno niente.

giacomo colli 23.08.07 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Tecnicamente la fine del petrolio si puo gia risolvere!!
Il problema è che le grandi multinazionali del petrolio prima di tutto voglono continuare a guadagnare col petrolio e in secondo vogliono mettere mani sulla gestione e dsitribuzione delle energie alternative senza permettere a nessun altro di fare altrettanto.
Per far ciò "vedi anceh corrompere il politico di turno" hanno bisogno di un certo tempo e in questo tempo la soluzione migliore è far si che l'alternativo sia antieconomico.

bruno bassi 23.08.07 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Allora se tutto è destinato a finire perché comunque l'impegno sulle energie alternative va troppo a rilento e non faremo in tempo a risolvere i problemi energetici del prossimo decennio,tanto vale ritornare all'energia nucleare.Riconvertiamo la centrale di Civitavecchia e facciamo altri impianti,tanto cosa importa delle scorie radioattive,state pronosticando l'imminente fine del mondo,e forse a ragione.

Mario Iacobelli 23.08.07 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, sei stato apocalittico ma neanche poi tanto.E' da tempo che dico, anche qui da voi, che stiamo andando "a ramengo".Il mondo politico fa sempre piu' schifo.Ricordo decadi fa, quando la sinistra (ed io ci appartenevo) diceva che durante il fascismo, tra le altre orrende cose aveva istituito che si dovesse fare la spia se qualcuno parlava male del fascismo poi i poveretti finivano a "vacanzare" al confino. Gli americani che sono molto piu' democratici dei fascisti, con Patriot Act hanno istituito obbligatoriamente di sbirciare e dire tutto a loro se qualcosa sembra "strano". Qui, dove vivo a DawnUnder, tutti i giorni inTV e per radio ed in tutte le lingue, invitano i cittadini ad osservare e riportare, solo cosi' sono considerati perfetti cittadini. Ora io dico, ma i compagnucci degli anni 60-70 quando canzonavano,si fa per dire, in malo modo il passato fascista,dove vigeva la spiata,e giustiziare come criminale e appenderli come salami era la giusta paga che meritavano. Invece, guarda caso, i cari nostri padroni americani fanno lo stesso apertamente e piu' massivanemente. Ogni tanto sento parlare alla radio o in TV qualche eminente giornalista che osa ancora dire che, si', forse l'America ha fatto qualche sbaglio, ma e' pur sempre la piu' grande democrazia del mondo. Il filosofo greco, migliaia di anni fa, quando teorizzo' il governo perfetto chiamandolo "democrazia", si stara' rivoltanto nella tomba, perche' questo che viviamo ora, non e' altro che il piu' criminale ma in camicia bianca, fascismo che possa esistere. Non ci scandalizziamo piu', pero', non appendiamo piu' come salami, non mandiamo nessuno a farsi processare a Norimberga. La democrazia HA VINTO!!!!!
Che mondo di merda e' quello in cui viviamo, per cui, se finisce il petrolio, se ci saranno le carestie, se scoppieranno bombe atomiche, ben vengano. Dopo, forse nascera' un mondo migliore. Ad majora Delfi from DawnUnder

Delfi Marigo-Spitaleri Commentatore certificato 23.08.07 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Il petrolio (a basso costo) è destinato a finire entro 4-5 anni...l'america stà razziando il pianeta per ottenere tutto il petrolio possibile... poi??
la civiltà umana industrializzata è destinata a finire nel peggior modo : guerre e carestie... e non tra 100 anni (!) ma entro pochi anni.. in bocca al lupo a tutti!

andrea Zeni 23.08.07 03:11| 
 |
Rispondi al commento

Video V-Day per l'ACQUA ROCCHETTA!!!

Contro gli Usurpatori d'Acqua i Meetup di Perugia, Fabriano e Ancona sono stati a MISS ROCCHETTA 2007

Ecco il Video:

http://it.youtube.com/watch?v=pFqKyitbn_4

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.07 02:46| 
 |
Rispondi al commento

Video V-Day per l'ACQUA ROCCHETTA!!!

Contro gli Usurpatori d'Acqua i Meetup di Perugia, Fabriano e Ancona sono stati a MISS ROCCHETTA 2007

Ecco il Video:

http://it.youtube.com/watch?v=pFqKyitbn_4

Massimo Michelini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.07 01:41| 
 |
Rispondi al commento

E uno scenario plausibile..probabilmente la Cina diverrà, nella fase post petrolio, potenza dominante, ormai noi Occidentali esprimiamo stanchezza e rilassatezza, accoccolati sulla montagna di rifiuti che produciamo giornalmente..tuttavia non é inevitabile..é possibile costruire nuove alleanze tra gli esseri umani..certo per fare ciò occorre cercare quel che unisce, nella comune umanità, anziché consolarsi della comune deficienza....naturalmente degli altri!

sandro venturoli 23.08.07 00:48| 
 |
Rispondi al commento

Leggo di continuo sul tuo blog, di questi scenari apocalittici,che si prospettano in un prossimo futuro, e continuo a meravigliarmi di come l'uomo, specialmente quello ricco, continui nella sua corsa a costruire (leggasi : distruzione dell'ambiente) case , seconde case, terze case e palazzoni vari - il tutto mascherato in nome dello SVILUPPO , ma quale sviluppo ? quello delle loro tasche ? Parafrasando la famosa frase di Capo Giuseppe : ma quando avrete costruito sull'ultimo fazzoletto di terra, dove coltiverete l'insalata e i pomodori ? ah già dimenticavo!in Cina ! purtroppo sto assistendo in diretta alla distruzione del territorio, vivo (pensate ) nel Parco Regionale dell'Alto Garda, ma se facciamo una gita sul lago o un tour panoramico non si vedono altro che cantieri edili ! e vi assicuro, la maggior parte non sono di persone in cerca di un tetto !
Ma vaff.......

davide ardigo' 22.08.07 23:31| 
 |
Rispondi al commento

In questi anni in cui eventuali ulteriori sviluppi industriali di aree non urbanizzate possono essere considerati in contrapposizione con le richieste sempre più pressanti di una parte della società, sensibile agli equilibri ecologici delle aree in questione, la presa di coscienza da parte dei giovani di questi problemi è necessaria.

Tuttavia, proprio perché questi temi possono e devono essere affrontati dai nostri figli, non bisognerebbe limitarsi alla predizione di future condizioni ambientali catastrofiche, ma spronare gli stessi a dare fiducia all’intelligenza dell’uomo, che, nel tempo, con il contributo di tutti, e soprattutto delle generazioni a venire, saprà trovare la soluzione anche al problema ambientale, senza abbandonare la strada dello sviluppo della tecnica e delle tecnologie, una volta che sarà definitivamente accantonato il modello attuale, basato principalmente sulla produzione di energia mediante l’utilizzo di combustibili fossili.

Una speranza c'è, ed è l'energia solare.

Su questo tema l'Umanità non è inattiva, ma sta lavorando da tempo, con l'impegno anche di scienziati come Carlo Rubbia:
http://newton.corriere.it/PrimoPiano/News/2004/01_Gennaio/05/Energia.shtml

Qualcuno, di recente, ha persino "catturato" la luce solare:

R. De Luca, F. Romeo, P. Zozzaro, Capturing sunlight, Eur. J. Phys. 27 (2006) 347-352.

Sono cosciente delle difficoltà che potrebbe incontrare un modello di sviluppo diverso dall'assetto produttivo della società attuale, ma anche fiducioso in questi esseri intelligenti che vedo adesso giocare per casa: piccoli uomini che un giorno sapranno liberarci dal giogo del petrolio e delle guerre, che sapranno dare acqua al deserto (non è difficile!) e far fiorire la vita (tutta) ovunque sul pianeta Terra.

Vostro,
Roberto De Luca
(ricercatore)

Roberto De Luca Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Romano Prodi svegliati !
e noi cantiamo " O sole mio"

La Spagna conquista un posto di primo piano a livello internazionale per la sua legislazione sull’uso dell’energia solare, tra le più avanzate al mondo. ?Con il nuovo Codice Tecnico Edilizio (Codigo Tecnico de la Edification , CTE), approvato il 17 marzo scorso, viene infatti introdotto l'obbligo di produrre dal 30 al 70% dell’acqua calda destinata ad usi domestici utilizzando l'energia termica solare.

La Spagna fino a questo momento non ha investito in modo massiccio sulla produzione di energia solare. I dati pubblicati da Eurostat, l'Ufficio di Statistica della Commissione europea, mostrano che nel 2003 la produzione di energia solare spagnola era pari a 48 TOE (migliaia di tonnellate di petrolio), mentre la Germania poteva contare su una produzione di 241 TOE, la Grecia di 105 e l Austria di 80. L’Italia non ne produceva che 11 TOE

Orlando Mistico 22.08.07 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Ho recentemente letto "I nuovi limiti dello sviluppo" ed. Mondadori , aggiornamento de "I limiti dello sviluppo" del 1972 e "Oltre i limiti dello sviluppo" del 1992.
Vengono aggiornati i vari scenari economici, ambientali, demografici, sociali per il XXI secolo, simulati attraverso un modello matematico che tiene conto della "impronta ecologica" del sistema "uomo" rispetto al sistema "terra" . Se non si cambia registro subito, doveva essere cambiato ancora negli anni '80 del secolo scorso, il collasso della società come la conosciamo oggi avverrà entro pochi decenni, forse meno.

Alessandro

Alessandro Comini 22.08.07 22:40| 
 |
Rispondi al commento

...tutto già detto da altri.
...tutto già sentito.
...che barba che noia

filippo aieie 22.08.07 22:38| 
 |
Rispondi al commento

bravo beppe

marco c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Finirà prima,quando finalmente sta benedetta meteora colpirà sto vespasiano chiamata terra

marco c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Finirà prima , quando finalmente sta benedetta meteora colpirà sto vespasiano chiamato TERRA

marco corbo Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 22:21| 
 |
Rispondi al commento

questo e' semplicemente il problema piu' sottovalutato di tutti i tempi e nonostante sia da temere per gli evidenti mutamenti geopolitifisicoeconomici forse e' l'unica cura per un mondo malato (quasi) terminale.

Saluti

Massi

P.S. Beppe l'otto io la mia firma la metto!!!!!!!! pero' stavolta DEVE cambiare la musica... potrei non reggere all'ennesima delusione....

Massimiliano Galli 22.08.07 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Mah... mi chiedo se qualche fesso legge quello che scrivo. Devo cominciare ad insultare gente a caso e a scrivere tutto in maiuscolo anche io?
Comunque:

@Tina Turnella: torno a ripetere, le calamite si magnetizzano tramite corrente elettrica. Quindi comunque il problema a monte su cosa produrra' questa corrente rimane.

@Pierluigi Di Pietro: a parte che magari l'uranio avesse emivita 300 anni! L'Uranio 238 ha emivita di qualche miliardo di anni. Le scorie prodotte dovrebbero avere "solo" una 20ina di migliaia di anni di emivita.

Il punto non e' questo. Il punto e' che questi materiali radioattivi vengono smaltiti in un modo a dir poco a prova di bomba. Il Giappone e' un paese funestato dai terremoti. I Giapponesi forse sono dei pazzi che non pensano alla salute dei cittadini? Diamine, gli hanno sganciato due bombe atomiche, e hanno piu' buon senso di noi...

Lucas Malor Commentatore certificato 22.08.07 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Azzo, che scenario apocalittico!

Quando finirà il petrolio troveranno sicuramente un altro combustibile. Io credo che sia già bello e pronto.
Se sarà la fusione fredda e il combustibile sarà l'acqua, staranno già studiando il modo di rendere necessario un qualche additivo per far funzionare il motore, in modo da venderci quello. Oppure ci saranno solo i motori a noleggio :)

Però spero che si sbrighino e che almeno questo additivo non inquini!

Forza e coraggio...

www.emanuelepreda.com

Emanuele Preda Commentatore certificato 22.08.07 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Quando il petrolio finirà,quando,quando,quando....
eh...signori???? ma forse non finiranno prima i fiumi,gli animali,l'aria?
l'uomo sarà sempre uno SFRUTTATORE fino alla
fine dei suoi giorni!
siamo polli-preda di allevamento che a loro volta
predano(animali-ambiente-risorse)
salve

carlo bragni 22.08.07 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Quando il petrolio finirà,quando,quando,quando....
eh...signori???? ma forse non finiranno prima i fiumi,gli animali,l'aria?
l'uomo sarà sempre uno SFRUTTATORE fino alla
fine dei suoi giorni!
siamo polli-preda di allevamento che a loro volta
predano(animali-ambiente-risorse)
salve

carlo bragni 22.08.07 21:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Rispondo al così gentile Sig.Verrès anche se la prima tentazione era di non farlo ma provo a cercare un contatto anche con una persona intellettualmente scorretta:vede Lei propina giudizi senza tener conto che gli stessi giudizi negativi che dà di noi li trova anche in persone del suo stesso paese o stato.Per mia cultura non giudico MAI gli altri ma solo me stesso e per permettersi di giudicare occorre essere limpidi,trasparenti ed integerrimi e Lei lo è??o il suo popolo lo è??Guardi bene in casa sua prima e cerchi sempre di essere Lei per primo moralmente e intellettualmente corretto e vedrà che forse ciò che ha scritto non ha poi in sé tutta la verità che Lei pensa sia.Rifletta bene prima di emanare sentenze così crude perché nella vita può capitare anche di aver bisogno proprio di quelle persone giudicate così male,di qualunque etnia esse appartengano.Cordialmente la saluto e sono a disposizione per qualunque risposta vorrà darmi Calderoni Gianfranco Forli

gianfranco calderoni 22.08.07 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VOGLIO DIRVI CHE COSA PENSO DEGLI ITALIANI, ALMENO LA MAGGIOR PARTE :
SIETE ODIATI IN TUTTO IL MONDO, PERCHE' ?
SIETE BRAVI A FAR FALLIRE TUTTO, SIETE BRAVI A RACCONTARE PALLE, SIETE BRAVI A METTERVI IN MOSTRA CON I FUORISTRADA, SIETE BRAVI AD AMMACCARE LE AUTO NEI PARCHEGGI, SIETE BRAVI AD URLARE INVECE CHE PARLARE, SIETE BRAVI CON I TELEFONINI ALL'ORECCHIO, SIETE BRAVI A FAR LE STRADE ( che tutto sommato sono eternamente piene di buche, di cunette, di dossi, di rotonde, di tombini concavi ) SIETE BRAVI A TERMINARE I LAVORI IN MOLTA FRETTA ( intanto gli anni passano ) SIETE BRAVI A FARE TUTTI LE STESSE COSE (2 hanno il cane e 1000 somari comprano il cane ) SIETE BRAVI AL GOVERNO ( Stan Laurel & Oliver Hardy facevano gli scemi x far ridere, i politici italiani sono scemi realmente ) SIETE BRAVI A TRUFFARE LE PERSONE, SIETE BRAVI A ODIARE GLI EXTRA COMUNITARI ( ma voi siete peggio degli zingari ) SIETE BRAVI A REGALARE SOLDI ALLA CHIESA, SIETE BRAVI A REGALARE SOLDI AI PARTITI, SIETE BRAVI A CREARE POSTI DI LAVORO PRECARIATO, SIETE BRAVI A FARE CORSI STUDIO IN 2/3 SETTIMANE, SIETE BRAVI A INVENTARVI LE NOTIZIE DEI TELEGIORNALI, SIETE BRAVI A DISTRUGGERE LA NATURA X COSTRUIRE CAPANNONI, SIETE BRAVI A CUCINARE (però mangiate solo pasta e pane) SIETE BRAVI CON LE VOSTRE CASE ANTIFURTO, SIETE BRAVI AD ANDARE A MESSA ( ma non siete devoti, scegliete solo tra fumare sigarette o andare a messa). SIETE VERAMENTE FORTI, ANDATE A VIVERE ALL'ESTERO E PORTATE LA MAFIA. APPENA VI MUOVETE FATE DISASTRI. SIETE GLI ESSERI GIUSTI DA FAR LAVORARE COME SCHIAVI E SPENNARVI BEN BENE. SIETE DELLE MERDACCE INUTILI AL MONDO. < ITALIANO... VAFFANCULOOOOOO

François Verrès 22.08.07 17:33| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che ne dite dell'idrogeno? è già disponibile (hanno presentato a Modena la macchina per ottenerne un uso domestico) costa poco e inquina meno del petrolio... ma quest'ultimo è un bel business...fin che ce n'è... eee...

V day!

Federico

Federico Camporesi 22.08.07 17:13| 
 |
Rispondi al commento

I governi di Centro-Sinistra non sanno fare di meglio che pensare a come accrescere a dismisura il saccheggio delle tasche degli italiani. In questo sono degli specialisti: non li batte nessuno. Ora stanno puntando l’inasprimento delle rendite finanziarie, e domani chissà a cos’altro ancora. Non si accontentano mai. Non gli basta la marea di entrate provenienti da una infinità di prelievi fiscali, grandi e piccoli e di ogni genere e grado, e il danno che ciò comporta per i cittadini e per l’economia, perché non saranno mai sufficienti a finanziare i costi degli sprechi e delle caste politiche. Anche in questo sono degli specialisti. E non servono a frenarli nemmeno le minacce folli come lo sciopero fiscale. Adesso anch’io dico: speriamo che se ne vadano al più presto dal governo.

Pasquale Messali 22.08.07 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo ad un commento limitatamente alla parte risposta... il mio precedente messaggio e' stato inopinatamente

cancellato... strano.

Lo stoccaggio delle scorie radioattive NON si puo' fare nelle zone carsiche! PROPRIO perche sono carsiche, l'azione

delle acque finirebbe per danneggiare il deposito e far finire le scorie nelle falde.

Qualcuno, anni fa, pensava di stoccare le scorie sotto mantelli di argilla pura, molto piu' stabile ed impermeabile,

ma ricordiamoci che per dimezzarsi l'uranio ci mette 300 anni, quindi per avere un centesimo del materiale di

partenza, punto arbitrario per ritenere le scorie non pericolose, ci vogliono circa 2000 anni. Un sito del genere,

che resista almeno 2000 anni, deve rivaleggiare con le piramidi, e non avere nemmeno una crepa. In 2000 anni ci sono

mediamente nel territorio italiano almeno 200 terremoti medi, almeno 10 terremoti molto forti, e almeno 2

fortissimi. Dimmi tu dove mai esiste un pezzo di italia, che e' tutta una faglia da nord a sud, che assicuri

sicurezza per 2000 anni. Ovviamente possiamo anche fregarcene delle future generazioni e buttarle nell'adriatico.

Ma c'e' un'altra questione, molto piu' fondamentale, a sfavore del nucleare. Ovunque siano costruite queste

centrali, in nazioni in cui si debbano rispettare strette norme di sicurezza, le societa' di gestione vanno

RIGOROSAMENTE in rosso, e devono essere finanziate con denaro pubblico sotto forma di incentivi. I francesi

andrebbero fuori di testa, se sapessero che una parte della corrente che comperiamo noi dal loro nucleare ce lo

pagano di tasca loro di tasse ;)

Il metodo piu' sicuro per azzerare le velleita' dei nuclearisti e' quella di dare loro mano libera per fare inpianti

nucleari finanziati privatamente, ma negare qualsiasi sovvenzione pubblica.
Se il nucleare e' davvero conveniente, di che aiuto hanno bisogno? :)


Saluti, e speriamo che non mi cassino ancora il messaggio ^^'

Pierluigi Di Pietro Commentatore certificato 22.08.07 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Vuoi che ci sia il prete, la perpetua, il vescovo, il papa?
bene, pagateli tu e non mi rompete le p.a.l.l.e con otto per mille, per voi ho solo il 100% dei calci in c.u.l.o.

i seminari dovrebbero bombardarli, per interrompere questa lobby di potere moral-materiale.

Vuoi la nicchia con la madonna, bene!!fattela in cucina.
Il mio paese non è il vatercano.


Vajont. per non dimenticare 22.08.07 15:22 |

Ma perchè non te ne vai a vivere in qualche bel paesino mediorientale? Vai sul posto ad insultare la loro religione come stai facendo qui con la nostra! Scommettiamo che non ti sarà permesso?
Impara l'educazione, ragazzino, che a quanto pare l'hai dimenticata! (cambia nick, fai una cortesia al Vajont)

Maria B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 17:08| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Senza alcun intento politico volrrei dirti che qualcosa e' in programma nell'ambito della produzione di energia tramite fusione nucleare.
A Carnac in Francia dovrebbe essere creato il primo reattore nucleare a fusione. La costruzione dovrebbe cominciare nel 2012 e ci dovrebbero volere 10 anni per ultimarla. Nei 20 anni di sperimantazione che seguiranno dovrebbe essere messa a punto la produzione di energia.
Ovviamente essendo un progetto sperimentale i condizionali sono d'obbligo!
Non so perche' l'avvenimento non sia stato pubblicizzato a dovere ma forse si volvevano evitare le critche dei comitati no Nuclear, molto numerosi in Francia.

Max Maletta 22.08.07 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Nei commenti di questo blog appaiono un pò le preoccupazioni di tutti...ma le sole preoccupazioni non bastano, così come non bastano soluzioni ai limiti del ridicolo quale quello di trasformare il deserto del sahara in un immenso parco fotovoltaico...ma avete idea di quanti soldi sarebbero necessari? un impianto da 1 MW costa più di 3 milioni di euro! La realtà è un altra: chi monopolizza ora le risorse energetiche mondiali ha fatto sparire in passato le deduzioni del grande NikolA Tesla ( considerato un mago dal sinistroide ignorante, in realtà figura tanto importante che il suo nome viene usato per misurare il vettore induzione elettromagnetica). Tutti noi siamo circondati dalle invenzioni di questo grande ingegnere serbo: la corrente trifase, il trasformatore nel tubo crt del nostro televisore, ecc. ecc. Andate a vedere il film (compratevi il dvd o fate come credete) "il segreto di Nikola Tesla" del regista Kristo Papic. Le invenzioni che vedrete nel film non sono frutto della fantasia dello sceneggiatore, ma ricostruzioni reali delle sue deduzioni. Lui aveva veramente trovato la forma di energia infinita, tant'è che tutte le sue macchine sono brevettate (potete reperire i brevetti sul p2p o sul sito www.uspto.gov). Solo che il loro "assemblaggio ed utilizzo" era scritto su documenti che l'FBI ha fatto bene a far sparire.
Pensate un pò come sarebbe il mondo che Tesla sognava; ora avremmo petrolieri arabo sauditi intenti al pascolo dei cammelli, Bush junior forse inserviente in un manicomio ed un mondo pieno di felicità e pulizia. A costo zero.

Stefano Vinto 22.08.07 17:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vuoi che ci sia il prete, la perpetua, il vescovo, il papa?
bene, pagateli tu e non mi rompete le p.a.l.l.e con otto per mille, per voi ho solo il 100% dei calci in c.u.l.o.

i seminari dovrebbero bombardarli, per interrompere questa lobby di potere moral-materiale.

Vuoi la nicchia con la madonna, bene!!fattela in cucina.
Il mio paese non è il vatercano.


Vajont. per non dimenticare 22.08.07 15:22 |

Ma perchè non te ne vai a vivere in qualche bel paesino mediorientale? Vai sul posto ad insultare la loro religione come stai facendo qui con la nostra! Scommettiamo che non ti sarà permesso?
Impara l'educazione, ragazzino, che a quanto pare l'hai dimenticata! (cambia nick, fai una cortesia al Vajont)

Maria B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 16:57| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Rispondo ad un commento limitatamente alla parte risposta... il mio precedente messaggio e' stato inopinatamente

cancellato... strano.

Lo stoccaggio delle scorie radioattive NON si puo' fare nelle zone carsiche! PROPRIO perche sono carsiche, l'azione

delle acque finirebbe per danneggiare il deposito e far finire le scorie nelle falde.

Qualcuno, anni fa, pensava di stoccare le scorie sotto mantelli di argilla pura, molto piu' stabile ed impermeabile,

ma ricordiamoci che per dimezzarsi l'uranio ci mette 300 anni, quindi per avere un centesimo del materiale di

partenza, punto arbitrario per ritenere le scorie non pericolose, ci vogliono circa 2000 anni. Un sito del genere,

che resista almeno 2000 anni, deve rivaleggiare con le piramidi, e non avere nemmeno una crepa. In 2000 anni ci sono

mediamente nel territorio italiano almeno 200 terremoti medi, almeno 10 terremoti molto forti, e almeno 2

fortissimi. Dimmi tu dove mai esiste un pezzo di italia, che e' tutta una faglia da nord a sud, che assicuri

sicurezza per 2000 anni. Ovviamente possiamo anche fregarcene delle future generazioni e buttarle nell'adriatico.

Ma c'e' un'altra questione, molto piu' fondamentale, a sfavore del nucleare. Ovunque siano costruite queste

centrali, in nazioni in cui si debbano rispettare strette norme di sicurezza, le societa' di gestione vanno

RIGOROSAMENTE in rosso, e devono essere finanziate con denaro pubblico sotto forma di incentivi. I francesi

andrebbero fuori di testa, se sapessero che una parte della corrente che comperiamo noi dal loro nucleare ce lo

pagano di tasca loro di tasse ;)

Il metodo piu' sicuro per azzerare le velleita' dei nuclearisti e' quella di dare loro mano libera per fare inpianti

nucleari finanziati privatamente, ma negare qualsiasi sovvenzione pubblica.
Se il nucleare e' davvero conveniente, di che aiuto hanno bisogno? :)


Saluti, e speriamo che non mi cassino ancora il messaggio ^^'

Pierluigi Di Pietro Commentatore certificato 22.08.07 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Nel caso impossibile (è una fantasia, non altro) che si riuscisse a goevrnare in pace e con intelligenza la grande moria con catastrofe, salvando cultura, tecnica, sviluppando le fonti alternative, alla fine del processo ci troveremmo con non più di 1MLD d'esseri umani con una pressione ambientale sostenibile, sempre aggiungendo i danni ambientali dati dall'uso passato dei fossili.

Ora chi lo va a dire a 5 esseri umani su 6: "tu devi morire per forza altrimenti non campa 1"?

Il caos è inevitabile, grazie capitalismo!

massimo guerra

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Tornato dalle ferie vedo!

Rinnovata energia e consueta sconclusionatezza, consueti paroloni e consueto vuoto cosmico dietro!

Conserverò questo tuo commento gelosamente e nel 2012 lo metterò in circolo sulla rete in modo tale che tanti MILIARDI di persone possano sbellicarsi dalle risate leggendo le cazzate che hai scritto.

"Caro Beppe ma buongiorno!
(del giudizio, del nostro folle modello di pensiero e sviluppo)

Ora ti rispondo su quando, su cosa accadrà non posso che tracciare ipotesi."

QUESTO INCIPIT DI STAMPO MACHIAVELLICO E' STRAORDINARIAMENTE ESILARANTE!

Ben tornato dalle ferie, mi mancavano le tue cazzate!

Roland Deschain 22.08.07 16:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

I governi di Centro-Sinistra non sanno fare di meglio che pensare a come accrescere a dismisura il saccheggio delle tasche degli italiani. In questo sono degli specialisti: non li batte nessuno. Ora stanno puntando l’inasprimento delle rendite finanziarie, e domani chissà a cos’altro ancora. Non si accontentano mai. Non gli basta la marea di entrate provenienti da una infinità di prelievi fiscali, grandi e piccoli e di ogni genere e grado, e il danno che ciò comporta per i cittadini e per l’economia, perché non saranno mai sufficienti a finanziare i costi degli sprechi e delle caste politiche. Anche in questo sono degli specialisti. E non servono a frenarli nemmeno le minacce folli come lo sciopero fiscale. Adesso anch’io dico: speriamo che se ne vadano al più presto dal governo.

Pasquale Messali 22.08.07 16:45| 
 |
Rispondi al commento

I governi di Centro-Sinistra non sanno fare di meglio che pensare a come accrescere a dismisura il saccheggio delle tasche degli italiani. In questo sono degli specialisti: non li batte nessuno. Ora stanno puntando l’inasprimento delle rendite finanziarie, e domani chissà a cos’altro ancora. Non si accontentano mai. Non gli basta la marea di entrate provenienti da una infinità di prelievi fiscali, grandi e piccoli e di ogni genere e grado, e il danno che ciò comporta per i cittadini e per l’economia, perché non saranno mai sufficienti a finanziare i costi degli sprechi e delle caste politiche. Anche in questo sono degli specialisti. E non servono a frenarli nemmeno le minacce folli come lo sciopero fiscale. Adesso anch’io dico: spero proprio che se ne vadano al più presto dal governo.

Pasquale Messali 22.08.07 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Il controllo assoluto in materia energetica è appannaggio degli U.S.A. che hanno sempre influenzato il mercato mondiale in maniera significativa.

E dev'essere proprio vero che l'estrazione di petrolio sta diventando antieconomica per l'esaurirsi delle scorte o per l'aumento dei costi di estrazione se è pur vero che gli Stati Uniti stanno profondendo le proprie energie nel reperimento di una nuova materia prima: L'ETANOLO estratto dal mais.

Il controllo del petrolio dell'Iraq (per il quale Bush ha scatenato una guerra convincendo i cittadini americani con una giusta dose di menzogne) non basta più ed egli sta già attuando una politica di impulso alla produzione di combustibili alternativi (etanolo e biodiesel) portando a termine accordi con il Brasile per la produzione di mais e stimolando i leader dell’industria automobilistica nazionale nella produzione di veicoli a combustibile alternativo.

Pare che i riflessi di queste scelte si stiano manifestando a livello mondiale con l'aumento del prezzo dei cereali.

Insomma, il grande Bush, la grande America, continuano la loro grande marcia verso la distruzione dell'ecosistema mondiale già gravemente danneggiato, dopo aver simpaticamente ignorato accordo di Kyoto & Co..

Sugli usi di combustibili alternativi da parte degli U.S.A., difatti, bisogna dire che:

- come combustibili sono altamente inquinanti;

- occorrono grosse quantità di cereali per la estrazione di quantità modeste di combustibile;

- favoriranno il disboscamento;

- provocheranno sempre maggiori difficoltà di sopravvivenza in quei paesi già poveri che di cereali si cibano e basta;

- creeranno sempre maggiore sperequazione tra il nord ed il sud del mondo.

E secondo me il paradosso sta proprio nell’idea di voler trasformare gli alimenti in combustibile preferendo la macchina all'uomo.

Come ha detto Fidel Castro: ora gli americani hanno deciso di nutrire le macchine e affamare l'umanità!

Lucrezia Parmigiani Commentatore certificato 22.08.07 16:33| 
 
  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL SAHARA UTILIZZATO PER PANNELLI SOLARI, IMPIANTI EOLICI, CENTRALI NUCLEARI E STOCCAGGIO NEL SOTTOSUOLO DI SPAZZATURA NON RICICLABILE E SCORIE RADIOADDIVE.

IL TUTTO GOVERNATO DA UN ENTE MONDIALE PER LA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA E PER LA LAVORAZIONE DEI RIFIUTI E LO STOCCAGGIO DELLE SCORIE RADIOATTIVE.
IL 20% DEI PROFITTI DESTINATO A RICOSTRUIRE L'AFRICA.

CHE NE DITE?

gino pino 22.08.07 15:02

OTTIMA IDEA!
IL SAHARA COME UNA SPECIE DI PATTUMIERA MONDIALE A PAGAMENTO. GLI AFRICANI SARANNO CONTENTISSIMI. LORO TI DANNO L'ENERGIA SOLARE E TU GLI RESTITUISCI LE TUE SCORIE RADIOTATTIVE.
COL 20% FAI FINTA DI COSTRUIRGLI QUALCHE CAPANNO QUA' E LA', DISTRIBUISCI LORO LE BANANE E QUALCHE FRUTTO, E TUTTO IL RESTO CE LO GODIAMO NOI.
PRENDETE IL NOME DI QUESTO QUA', VOGLIO CANDIDARLO ALL'OSCAR PER L'ECONOMIA.

Fabio Mantovano 22.08.07 15:16


Nessuno vuole sfruttare gli Africani, ma il deserto (che è vertiginosamente in aumento) è un territorio vastissimo che non è sfruttato da nessuno e che potrebbe esserlo. In particolare il SAHARA è grande quanto l'Europa. Vale a dire che le specie viventi potrebbero stare ad almeno 3000km di distanza dai siti "a rischio", un po' di più di noi Italiani o dei Francesi o dei Tedeschi o degli Inglesi, o degli Spagnoli, con una 50ina di centrali sparse per ogni stato.

Abbiamo bisogno di pensare al problema spazzatura/scorie/energia in una dimensione mondiale e non più statale. Non bisogna pensare agli africani come popolo di un'altra terra da sfruttare, ma come parte dell'umanità con le stesse nostre esigenze di sviluppo.

gino pino 22.08.07 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

governi di Centro-Sinistra non sanno fare di meglio che pensare a come accrescere a dismisura il saccheggio delle tasche degli italiani. In questo sono degli specialisti: non li batte nessuno. Ora stanno puntando l’inasprimento delle rendite finanziarie, e domani chissà a cos’altro ancora. Non si accontentano mai. Non gli basta la marea di entrate provenienti da una infinità di prelievi fiscali, grandi e piccoli e di ogni genere e grado, e il danno che ciò comporta per i cittadini e per l’economia, perché non saranno mai sufficienti a finanziare i costi degli sprechi e delle caste politiche. Anche in questo sono degli specialisti. E non servono a frenarli nemmeno le minacce folli come lo sciopero fiscale. Adesso anch’io dico: spero proprio che se nevadano al più presto dal governo.

Pasquale Messali 22.08.07 16:23| 
 |
Rispondi al commento

I governi di Centro-Sinistra non sanno fare di meglio che pensare a come accrescere a dismisura il saccheggio delle tasche degli italiani. In questo sono degli specialisti: non li batte nessuno. Ora stanno puntando l’inasprimento delle rendite finanziarie, e domani chissà a cos’altro ancora. Non si accontentano mai. Non gli basta la marea di entrate provenienti da una infinità di prelievi fiscali, grandi e piccoli e di ogni genere e grado, e il danno che ciò comporta per i cittadini e per l’economia, perché non saranno mai sufficienti a finanziare i costi degli sprechi e delle caste politiche. Anche in questo sono degli specialisti. E non servono a frenarli nemmeno le minacce folli come lo sciopero fiscale. Adesso anch’io dico: spero proprio che se ne vadano presto dal governo.

Pasquale Messali 22.08.07 16:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ma buongiorno!
(del giudizio, del nostro folle modello di pensiero e sviluppo)

Ora ti rispondo su quando, su cosa accadrà non posso che tracciare ipotesi.

Picco di Hubbert per i fossili: anno 2012, tra 5 anni.

Il prezzo dei fossili, e di conseguenza di tutti i prodotti, schizza alle stelle ancora prima che le riserve siano fisicamente esaurite.

Centinaia di milioni di persone, pardon, almeno un paio di miliardi abbondanti, come minimo, nel giro di pochi giorni non avrano + la possibilità di pagare l'energia, sia i carburanti che la corrente elettrica, a cui seguirà una crisi economica planetaria dalla dimensioni d'una piaga d'Egitto.

Disoccupazione dilagante, fallimenti, chiusure di fabbriche, mangiare e bere soppravvivendo senza luce, gas, benzina, acqua corrente, riscaldamento o condizionamento, diventerà il fine ed anche un lusso.

Tra 5 anni... .

Anche con un consiglio mondiale che affronti la cosa coi danni ambientali già prodotti e con l'attuale sovrapopolazione fondata su un modello distrutttivo ed autodistruttivo (Marx l'aveva previsto... quando il capitalismo vince si suicida) 6,5 MLD di esseri umani sono insostenibli.

Guerre, carestie, pestilenze, siccità, finchè non arriveremo a non più di mezzo miliardo di esseri umani, ovvero la capacità termodinamica autosostenente che il sistema pianeta offre alla nostra specie privata di fonti d'energia densa e modificata dall'uso dei fossili con effetto serra.

Nel caso impossibile (è una fantasia, non altro) che si riuscisse a goevrnare in pace e con intelligenza la grande moria con catastrofe, salvando cultura, tecnica, sviluppando le fonti alternative, alla fine del processo ci troveremmo con non più di 1MLD d'esseri umani con una pressione ambientale sostenibile, sempre aggiungendo i danni ambientali dati dal passato uso dei fossili.

Ora chi lo va a dire a 5 esseri umani su 6: "tu devi morire per forza altrimenti non campa 1"?

Il caos è inevitabile, grazie capitalismo!

massimo guerra 22.08.07 16:08| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Roland Deschain

MA COSA VUOI SPIEGARE A QUESTA GENTE? TU HAI FATTO UN DISCORSO PERFETTO, MA SPRECATO. A QUESTA GENTE NON INTERESSANO I DISCORSI LOGICI PERCHE' HANNO NEL SANGUE L'ANTI-STATO.
INOLTRE TEMONO CHE IL POPOLINO DIVENTI "FASCISTI" E PERCIO' PREFERISCONO NON GUARDARE CIO' CHE AVVIENE PER STRADA ED HANNO LA PRESUNZIONE E LA SFACCIATAGGINE DI DARE LEZIONI DI TOLLERANZA AGLI ALTRI.
E ABITANO TUTTI IN ZONE AL SICURO DALLA DELINQUENZA.

Fabio Mantovano 22.08.07 16:02| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe ma buongiorno!
(del giudizio, del nostro folle modello di pensiero e sviluppo)

Ora ti rispondo su quando, su cosa accadrà non posso che tracciare ipotesi.

Picco di Hubbert per i fossili: anno 2012, tra 5 anni.

Il prezzo dei fossili, e di conseguenza di tutti i prodotti, schizza alle stelle ancora prima che le riserve siano fisicamente esaurite.

Centinaia di milioni di persone, pardon, almeno un paio di miliardi abbondanti, come minimo, nel giro di pochi giorni non avrano + la possibilità di pagare l'energia, sia i carburanti che la corrente elettrica, a cui seguirà una crisi economica planetaria dalla dimensioni d'una piaga d'Egitto.

Disoccupazione dilagante, fallimenti, chiusure di fabbriche, mangiare e bere soppravvivendo senza luce, gas, benzina, acqua corrente, riscaldamento o condizionamento, diventerà il fine ed anche un lusso.

Tra 5 anni... .

Anche con un consiglio mondiale che affronti la cosa coi danni ambientali già prodotti e con l'attuale sovrapopolazione fondata su un modello distrutttivo ed autodistruttivo (Marx l'aveva previsto... quando il capitalismo vince si suicida) 6,5 MLD di esseri umani sono insostenibli.

Guerre, carestie, pestilenze, siccità, finchè non arriveremo a non più di mezzo miliardo di esseri umani, ovvero la capacità termodinamica autosostenente che il sistema pianeta offre alla nostra specie privata di fonti d'energia densa e modificata dall'uso dei fossili con effetto serra.

Nel caso impossibile (è una fantasia, non altro) che si riuscisse a goevrnare in pace e con intelligenza la grande moria con catastrofe, salvando cultura, tecnica, sviluppando le fonti alternative, alla fine del processo ci troveremmo con non più di 1MLD d'esseri umani con una pressione ambientale sostenibile, sempre aggiungendo i danni ambientali dati dall'uso passato dei fossili.

Ora chi lo va a dire a 5 esseri umani su 6: "tu devi morire per forza altrimenti non campa 1"?

Il caos è inevitabile, grazie capitalismo!

massimo guerra 22.08.07 15:59| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace aver postato tre volte lo stesso pensiero, mi scuso...
Il mio browser mi dava un errore, anche se in realtà tutto filava liscio...
Ancora scusa...

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:57| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Hei raga......L'8 settembre a Bologna ci sarò anche io!!!

Intanto invito tutti i trombatori D.O.C.
a visitarmi nel mio sito:

www.dinomartello.fan-club.it

Trombatori unitevi!!!!!

Dino Martello 22.08.07 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Un giorno un signore, geologo, di nome Hubbert, sentenziò che nel 1970 gli USA avrebbero raggiunto il peak oil "interno", ovvero la produzione sarebbe arrivata al max possibile per poi scendere. Da produttore-esportatore gli USA sarebbero diventati produttori/importatori. Mr Hubbert esperto petrolifero fu preso per il culo da tutti, economisti in testa, sbeffeggiato e costretto a parlare a platee risicate. Non esisteva internet Beppe. Nel 1971 gli USA "piccarono": Mr Hubbert già morto, aveva sbagliato solo di un anno i conti.
Per fortuna c'era ancora il Medio Oriente e gli amici Sauditi da strizzare.
Ciò che successe agli USA, succede a tutti gli stati produttori del mondo, anzi per molti è già successo. Per altri sta accadere. E' un fatto naturale. Allora è chiaro che ci sarà un picco di produzione mondiale. Forse ci siamo già dentro. Quando ce ne accorgeremo sarà come guardare un evento dallo specchietto retrovisore. Cosa stiamo facendo? Niente. Noi tutti pensiamo che nel 2020 la domanda di petrolio sarà nel mondo di circa 110 milioni di barili/giorno. Oggi è di 86 milioni circa. Ma se come molti dicono 86 è il massimo gli altri dove li prendiamo?
Mi spiego meglio 3 dei 4 più grandi giacimenti al mondo Ghawar, Burgan, Cantarell (Arabia, Kuwait, Messico) hanno piccato. I pozzi del Mare del Nord producono ogni hanno il 5-7 % di petrolio in meno dall'anno precedente. Si calcola che per effetto della deplezione dei pozzi in essere mancheranno circa 2 ml di barili al giorno. Inoltre 2 ml di barili di petrolio in più è la domanda agguintiva. Morale ogni anno servono 4 milioni di barili in più al giorno. Ogni due anni 8 ovvero ogni 2 anni una nuova Arabia. Preparate una nuova missione sulla luna. Ora sono più chiari gli scenari in medio oriente, IraQ, Iran, etc. Speriamo solo che in molti accettino l'idea della "decrescita" come unica via di uscita. Meno merci e più beni. Un PIL calcolato in modo diverso. Bisogna che tutti noi ne prendiamo coscienza al più presto.

Giuseppe Fioretti 22.08.07 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Come tutti i funesti predicatori di sventure anche Grillo è destinato ad essere sbugiardato dai fatti, apocalittiche visioni bibbliche catastrofiche previsioni di imbonitori ( vedi Nostradamus ad esempio ) 1000 ma non più 1000, il baco tecnologico del millennio, TUTTE PREVISIONI REGOLARMENTE SMENTITE DAI FATTI.

Se amate crogiuolarvi nel pessimismo e nell'autocommiserazione fate pure, non aiuterete certo a migliorare lo status delle cose, le scoperte le fanno i pensatori positivi non le cassandre!

Qualcuno diceva che la terra era piatta e che oltre i "confini" ( tracciati da qualche antico Grillo ) c'erano demoni e mostri, invece la terra era rotonda e con meraviglie da mostrare e scoprire!

IL PENSIERO POSITIVO E' PROGRESSO, IO LA PENSO COSI', VOI PENSATE COME VOLETE!

Sarà sicuramente come dite voi e come dice il Grillo, conti alla mano però, e fino a prova contraria, un litro di greggio costa poco più di un litro d'acqua comprato in negozio!

1 barile = 158,99 litri

1 barile = 67$

67$ = €.49,70

1 litro = 0,312 €.

Secondo voi questo è il prezzo di un bene irrinunciabile in via di estinzione?E' il prezzo di un bene per cui non sono pronte alternative??

I casi sono due:

1) Le scorte non sono al lumicino e si continuerà ancora lungo con i veicoli affumicatori!

2) Le scorte stanno finendo ma c'è già pronta l'alternativa e nessuno vuole correre il rischio di affossare in modo definitivo l'economia mondiale con un cambio repentino.

Cambiare carburante significa cambiare i motori, le macchine industriali e costringere ad investimenti pesanti il mondo industriale.

L'unica fonte energetica su cui puntare in modo potente è l'energia elettrica, si può ricavare in mille modi diversi eolico, solare, meccanico, idrico, ed è l'unica fonte energetica veramente naturale, basti pensare che il corpo umano ( in particolar modo il cervello ) funziona grazie a stimoli elettrici.

Roland Deschain 22.08.07 15:47| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

...vuoi una chiesa, fattela dentro casa tua e a spese tue, e non rompere a chi non la vuole!

Vuoi che ci sia il prete, la perpetua, il vescovo, il papa?
bene, pagateli tu e non mi rompete le p.a.l.l.e con otto per mille, per voi ho solo il 100% dei calci in c.u.l.o.

i seminari dovrebbero bombardarli, per interrompere questa lobby di potere moral-materiale.

Vuoi la nicchia con la madonna, bene!!fattela in cucina.
Il mio paese non è il vatercano.


Vajont. per non dimenticare 22.08.07 15:22

============================================

IL TUO PAESE è L'ARABIA SAUDITA.
Lì FANNO PROPRIO QUEL CHE VUOI TU.
VOTA MUHAMMAD!

Marco R. Commentatore certificato 22.08.07 15:46| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

C'è qualcosa che mi spaventa, oltre a questo ed alle possibili guerre intendo...
Chi non ha mai sentito parlare della colza?
Nessuno mediamente informato credo...
Ecco, pensate ad un mondo in cui estrarre petrolio sta diventando troppo costoso, e dove per ovviare parzialmente a questo problema si fa uso di queste fonti alternative...
Cosa accadrebbe se la gente per far funzionare la casa gli automezzi e quant'altro facesse ricorso in massa a queste materie?
Non voglio pensarci...
Tutto d'un tratto fare il contadino sarebbe uno dei lavori più redditizi, e allora chi vorrebbe più coltivare carote e insalata?
Io nei panni di questo contadino del "futuro" (o già del presente?) se coltivo carote ed insalata lo faccio perchè ho un ritorno, quanto dovrei far pagare la carota e l'insalata perchè possa competere con la colza e i suoi derivati?
Pensateci perchè in alcuni stati stanno già legiferando a proposito, e vi assicuro che non sono belle leggi...
Per concludere poi cosa sarebbe dei paesi che non hanno l'acqua? E che quindi non potrebbero coltivare un bel niente?
Io penso questo...
Il petrolio sta finendo.
Il mondo come è adesso, come lo viviamo adesso, senza l'oro nero non c'è, non esiste...
C'è qualcosa che possiamo fare? Non so...
Dipende da noi, ma quanti di noi conoscono qualcuno disposto a sacrificare veramente quello che abbiamo adesso per un mondo migliore?
Io dico pochi...
Anche perchè sfido i più motivati a vivere diversamente, non ne siamo capaci...
Analizzate come vivono gli animali nella catena alimentare, non c'è spreco, nessuna risorsa viene sciupata, tutto ritorna...
Provate a pensare a quante risorse noi sprechiamo singolarmente ogni giorno, moltiplicatelo per 6 miliardi...
Non è solo questione di petrolio ma anche di tutte le altre risorse, che a loro volta finiranno e senza la possibilità di essere sostituite, useremo i sassi per fabbricare lo spazzolino da denti?
Riflettete gente, e buona giornata a tutti!

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Un giorno un signore, geologo, di nome Hubbert, sentenziò che nel 1970 gli USA avrebbero raggiunto il peak oil "interno", ovvero la produzione sarebbe arrivata al max possibile per poi scendere. Da produttore-esportatore gli USA sarebbero diventati produttori/importatori. Mr Hubbert esperto petrolifero fu preso per il culo da tutti, economisti in testa, sbeffeggiato e costretto a parlare a platee risicate. Non esisteva internet Beppe. Nel 1971 gli USA "piccarono": Mr Hubbert già morto, aveva sbagliato solo di un anno i conti.
Per fortuna c'era ancora il Medio Oriente e gli amici Sauditi da strizzare.
Ciò che successe agli USA, succede a tutti gli stati produttori del mondo, anzi per molti è già successo. Per altri sta accadere. E' un fatto naturale. Allora è chiaro che ci sarà un picco di produzione mondiale. Forse ci siamo già dentro. Quando ce ne accorgeremo sarà come guardare un evento dallo specchietto retrovisore. Cosa stiamo facendo? Niente. Noi tutti pensiamo che nel 2020 la domanda di petrolio sarà nel mondo di circa 110 milioni di barili/giorno. Oggi è di 86 milioni circa. Ma se come molti dicono 86 è il massimo gli altri dove li prendiamo?
Mi spiego meglio 3 dei 4 più grandi giacimenti al mondo Ghawar, Burgan, Cantarell (Arabia, Kuwait, Messico) hanno piccato. I pozzi del Mare del Nord producono ogni hanno il 5-7 % di petrolio in meno dall'anno precedente. Si calcola che per effetto della deplezione dei pozzi in essere mancheranno circa 2 ml di barili al giorno. Inoltre 2 ml di barili di petrolio in più è la domanda agguintiva. Morale ogni anno servono 4 milioni di barili in più al giorno. Ogni due anni 8 ovvero ogni 2 anni una nuova Arabia. Preparate una nuova missione sulla luna. Ora sono più chiari gli scenari in medio oriente, IraQ, Iran, etc. Speriamo solo che in molti accettino l'idea della "decrescita" come unica via di uscita. Meno merci e più beni. Un PIL calcolato in modo diverso. Bisogna che tutti noi ne prendiamo coscienza al più presto.

Giuseppe Fioretti 22.08.07 15:43| 
 |
Rispondi al commento

C'è qualcosa che mi spaventa, oltre a questo ed alle possibili guerre intendo...
Chi non ha mai sentito parlare della colza?
Nessuno mediamente informato credo...
Ecco, pensate ad un mondo in cui estrarre petrolio sta diventando troppo costoso, e dove per ovviare parzialmente a questo problema si fa uso di queste fonti alternative...
Cosa accadrebbe se la gente per far funzionare la casa gli automezzi e quant'altro facesse ricorso in massa a queste materie?
Non voglio pensarci...
Tutto d'un tratto fare il contadino sarebbe uno dei lavori più redditizi, e allora chi vorrebbe più coltivare carote e insalata?
Io nei panni di questo contadino del "futuro" (o già del presente?) se coltivo carote ed insalata lo faccio perchè ho un ritorno, quanto dovrei far pagare la carota e l'insalata perchè possa competere con la colza e i suoi derivati?
Pensateci perchè in alcuni stati stanno già legiferando a proposito, e vi assicuro che non sono belle leggi...
Per concludere poi cosa sarebbe dei paesi che non hanno l'acqua? E che quindi non potrebbero coltivare un bel niente?
Io penso questo...
Il petrolio sta finendo.
Il mondo come è adesso, come lo viviamo adesso, senza l'oro nero non c'è, non esiste...
C'è qualcosa che possiamo fare? Non so...
Dipende da noi, ma quanti di noi conoscono qualcuno disposto a sacrificare veramente quello che abbiamo adesso per un mondo migliore?
Io dico pochi...
Anche perchè sfido i più motivati a vivere diversamente, non ne siamo capaci...
Analizzate come vivono gli animali nella catena alimentare, non c'è spreco, nessuna risorsa viene sciupata, tutto ritorna...
Provate a pensare a quante risorse noi sprechiamo singolarmente ogni giorno, moltiplicatelo per 6 miliardi...
Non è solo questione di petrolio ma anche di tutte le altre risorse, che a loro volta finiranno e senza la possibilità di essere sostituite, useremo i sassi per fabbricare lo spazzolino da denti?
Riflettete gente, e buona giornata a tutti!

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:32| 
 |
Rispondi al commento

E` vero, il petrolio finira` e nessuno sa quando.
Pero` ci sono altre risorse. I biocarburanti gia` oggi si possono usare nei diesel che sono in vendita: se ti compri l'olio di colza al supermercato lo puoi mettere insieme al gasolio nel diesel (ma commetti il reato di evasione fiscale). Un impianto a metano nell'auto lo possono fare tutti, anche domattina (e di metano ce n'e` tanto, tanto piu` del petrolio).
Il punto non e` questo, non finiremo il petrolio, ma l'aria per bruciarlo, l'acqua per raffreddare le centrali, i nostri polmoni soffocati dal catrame.
Non c'e` bisogno di diminuire di numero di persone, basta smettarla di usare le auto: questi mostri che uccidono persone qui in Italia e, a distanza, in Iraq.
Il treno possiamo usarlo tutti.
Aumentiamo le tasse sul petrolio! Aumentiamo le tasse sulle automobili! Brava Moratti: tasse su chi vuole entrare in centro!

Arcangelo Malvi 22.08.07 15:32| 
 |
Rispondi al commento

gli scienziati foraggiati dalle lobbies petrolifere mondiali, pagati per fare dell'ottimismo un cavallo di battaglia contro l'obbiettività, danno la fine del petrolio economicamente estraibile non prima del 2070 ma considerando la situazione attuale, le tenzioni fra superpotenze e l'enorme sviluppo di paesi come cina e india bisognosi di energia ergo di petrolio i sostenitori (economisti, geologi, giornalisti ecc.) non schierati datano la fine dell'era del greggio addirittura prima del 2020...cosa succederà dopo è facile immaginarlo; chi avrà scorte di petrolio non vorrà condividerle con nessuno, chi avrà bisogno di energia (praticamente tutti) ma sarà sprovvisto di materie prime muoverà guerra ai paesi ancora energeticamente autosufficenti, insomma una sostanziale terza guerra mondiale dalla durata imprevedibile ma che potrebbe finire con la razza umana.


stefano fiocchi 22.08.07 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Tre mesi fa hanno fatto una retata ed arrestato per spaccio, strozzinaggio e detenzione di armi 13 persone tutte "italianissime" tra cui diversi commercianti.
E tutto questo non in condizioni disperate quali si trovano spesso gli immigrati.

Se sostieni che la nostra gente sia davvero migliore di questi immigrati, sei davvero disonesta.

Vajont. per non dimenticare

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Il punto non è l'essere migliori o peggiori, è altrettanto lapalissiano il fatto che esistono anzi abbondano anche italianissimi delinquenti, appunto per questo nessuno sente la necessità di un numero imprecisato di extracomunitari clandestini che, statistiche alla mano, pur essendo soltanto il 5% rispetto alla popolazione italiana hanno il triste primato di commetere circa il 40% dei crimini.

Senza voler aprire la caccia all'immigrato si può anche cercare di valutare la situazione come sarebbe a parti invertite, dubito che nei paesi di provenienza di questa gente noi riceveremmo lo stesso trattamento che il nostro stato riserva loro in nome di non si sa quale volontà.

Un delinquente lo è a prescindere dalla cittadinanza!

Chi vuole mettere la testa sotto la sabbia e non vedere quello che succede ogni giorno è libero di farlo, il crimine non va tollerato nè da parte degli italiani e a maggior ragione da parte degli immigrati!

Roland Deschain 22.08.07 15:14
.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.
Nulla da dire, perfettamente daccordo.

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 15:27| 
 |
Rispondi al commento

C'è qualcosa che mi spaventa, oltre a questo ed alle possibili guerre intendo...
Chi non ha mai sentito parlare della colza?
Nessuno mediamente informato credo...
Ecco, pensate ad un mondo in cui estrarre petrolio sta diventando troppo costoso, e dove per ovviare parzialmente a questo problema si fa uso di queste fonti alternative...
Cosa accadrebbe se la gente per far funzionare la casa gli automezzi e quant'altro facesse ricorso in massa a queste materie?
Non voglio pensarci...
Tutto d'un tratto fare il contadino sarebbe uno dei lavori più redditizi, e allora chi vorrebbe più coltivare carote e insalata?
Io nei panni di questo contadino del "futuro" (o già del presente?) se coltivo carote ed insalata lo faccio perchè ho un ritorno, quanto dovrei far pagare la carota e l'insalata perchè possa competere con la colza e i suoi derivati?
Pensateci perchè in alcuni stati stanno già legiferando a proposito, e vi assicuro che non sono belle leggi...
Per concludere poi cosa sarebbe dei paesi che non hanno l'acqua? E che quindi non potrebbero coltivare un bel niente?
Io penso questo...
Il petrolio sta finendo.
Il mondo come è adesso, come lo viviamo adesso, senza l'oro nero non c'è, non esiste...
C'è qualcosa che possiamo fare? Non so...
Dipende da noi, ma quanti di noi conoscono qualcuno disposto a sacrificare veramente quello che abbiamo adesso per un mondo migliore?
Io dico pochi...
Anche perchè sfido i più motivati a vivere diversamente, non ne siamo capaci...
Analizzate come vivono gli animali nella catena alimentare, non c'è spreco, nessuna risorsa viene sciupata, tutto ritorna...
Provate a pensare a quante risorse noi sprechiamo singolarmente ogni giorno, moltiplicatelo per 6 miliardi...
Non è solo questione di petrolio ma anche di tutte le altre risorse, che a loro volta finiranno e senza la possibilità di essere sostituite, useremo i sassi per fabbricare lo spazzolino da denti?
Riflettete gente, e buona giornata a tutti!

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Se sostieni che la nostra gente sia davvero migliore di questi immigrati, sei davvero disonesta.

Vajont. per non dimenticare

MAVAFFANCULO, FROCIO.
SCUSATE MA A QUESTA GENTE BISOGNA DIRE PANE AL PANE E VINO AL VINO.

Fabio Mantovano 22.08.07 15:24| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Inoltre il punto è che facciamo subito ad erigerci a baluardo democratico, ad indignarci per le pratiche effettivamente barbare di certe culture, e poi incitare al rogo delle baraccopoli, al linciaggio dei rom, allì abbattimento delle moschee.

Vajont. per non dimenticare 22.08.07 14:55

VUOI UNA MOSCHEA? FATTELA COSTRUIRE NEL TUO CORTILE E NON ROMPERE L'ANIMA A CHI NON LE VUOLE.
LE BARACCOPOLI DEI ROM SONO DACCORDO CON TE: NON SI DOVREBBERO BRUCIARE, MA RADERE AL SUOLO CON I BULDOZER SENZA NEMMENO AVVISARE CHI VI STA' DENTRO.
VUOI UNA BARACCOPOLI ROM? FATTELA COSTRUIRE NEL CORTILE DI CASA TUA SENZA TRITURARE LE PALLE A CHI NON LE VUOLE.
AVETE TUTTI GLI "AMICHETTI" ARABI DA DIFENDERE?

Fabio Mantovano 22.08.07 15:05
.*.*.*.*.*.*.**.*.*.*.
ok, allora, seguiamo il tuo sistema.
allora vuoi una chiesa, fattela dentro casa tua e a spese tue, e non rompere a chi non la vuole!

Vuoi che ci sia il prete, la perpetua, il vescovo, il papa?
bene, pagateli tu e non mi rompete le p.a.l.l.e con otto per mille, per voi ho solo il 100% dei calci in c.u.l.o.

i seminari dovrebbero bombardarli, per interrompere questa lobby di potere moral-materiale.

Vuoi la nicchia con la madonna, bene!!fattela in cucina.
Il mio paese non è il vatercano.

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 15:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è qualcosa che mi spaventa, oltre a questo ed alle possibili guerre intendo...
Chi non ha mai sentito parlare della colza?
Nessuno mediamente informato credo...
Ecco, pensate ad un mondo in cui estrarre petrolio sta diventando troppo costoso, e dove per ovviare parzialmente a questo problema si fa uso di queste fonti alternative...
Cosa accadrebbe se la gente per far funzionare la casa gli automezzi e quant'altro facesse ricorso in massa a queste materie?
Tutto d'un tratto fare il contadino sarebbe uno dei lavori più redditizi, e allora chi vorrebbe più coltivare carote e insalata?
Io nei panni di questo contadino del "futuro" (o già del presente?) se coltivo carote ed insalata lo faccio perchè ho un ritorno, quanto dovrei far pagare la carota e l'insalata perchè possa competere con la colza e i suoi derivati?
Pensateci perchè in alcuni stati stanno già legiferando a proposito, e vi assicuro che non sono belle leggi...
Per concludere poi cosa sarebbe dei paesi che non hanno l'acqua? E che quindi non potrebbero coltivare un bel niente?
Io penso questo...
Il petrolio sta finendo.
Il mondo come è adesso, come lo viviamo adesso, senza l'oro nero non c'è, non esiste...
C'è qualcosa che possiamo fare? Non so...
Dipende da noi, ma quanti di noi conoscono qualcuno disposto a sacrificare veramente quello che abbiamo adesso per un mondo migliore?
Io dico pochi...
Anche perchè sfido i più motivati a vivere diversamente, non ne siamo capaci...
Analizzate come vivono gli animali nella catena alimentare, non c'è spreco, nessuna risorsa viene sciupata, tutto ritorna...
Provate a pensare a quante risorse noi sprechiamo singolarmente ogni giorno, moltiplicatelo per 6 miliardi...
Non è solo questione di petrolio ma anche di tutte le altre risorse, che a loro volta finiranno e senza la possibilità di essere sostituite, useremo i sassi per fabbricare lo spazzolino da denti?
Riflettete gente, e buona giornata a tutti!

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:22| 
 |
Rispondi al commento

E il progetto Archimede di Carlo Rubbia dove sta'?
Ho saputo che dopo il rifiuto italiano lo ha portato in Spagna.
Io non lo so' ma se funziona abbiamo risolto almeno la meta' dei nostri problemi energetici.
se qualcuno ne sa' qualcosa......

bruno genn 22.08.07 15:20| 
 |
Rispondi al commento

IL SAHARA UTILIZZATO PER PANNELLI SOLARI, IMPIANTI EOLICI, CENTRALI NUCLEARI E STOCCAGGIO NEL SOTTOSUOLO DI SPAZZATURA NON RICICLABILE E SCORIE RADIOADDIVE.

IL TUTTO GOVERNATO DA UN ENTE MONDIALE PER LA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA E PER LA LAVORAZIONE DEI RIFIUTI E LO STOCCAGGIO DELLE SCORIE RADIOATTIVE.
IL 20% DEI PROFITTI DESTINATO A RICOSTRUIRE L'AFRICA.

CHE NE DITE?

gino pino 22.08.07 15:02

OTTIMA IDEA!
IL SAHARA COME UNA SPECIE DI PATTUMIERA MONDIALE A PAGAMENTO. GLI AFRICANI SARANNO CONTENTISSIMI. LORO TI DANNO L'ENERGIA SOLARE E TU GLI RESTITUISCI LE TUE SCORIE RADIOTATTIVE.
COL 20% FAI FINTA DI COSTRUIRGLI QUALCHE CAPANNO QUA' E LA', DISTRIBUISCI LORO LE BANANE E QUALCHE FRUTTO, E TUTTO IL RESTO CE LO GODIAMO NOI.
PRENDETE IL NOME DI QUESTO QUA', VOGLIO CANDIDARLO ALL'OSCAR PER L'ECONOMIA.

Fabio Mantovano 22.08.07 15:16| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://img118.imageshack.us/my.php?image=schermata7na3.png

roob nonsolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Tre mesi fa hanno fatto una retata ed arrestato per spaccio, strozzinaggio e detenzione di armi 13 persone tutte "italianissime" tra cui diversi commercianti.
E tutto questo non in condizioni disperate quali si trovano spesso gli immigrati.

Se sostieni che la nostra gente sia davvero migliore di questi immigrati, sei davvero disonesta.

Vajont. per non dimenticare

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Il punto non è l'essere migliori o peggiori, è altrettanto lapalissiano il fatto che esistono anzi abbondano anche italianissimi delinquenti, appunto per questo nessuno sente la necessità di un numero imprecisato di extracomunitari clandestini che, statistiche alla mano, pur essendo soltanto il 5% rispetto alla popolazione italiana hanno il triste primato di commetere circa il 40% dei crimini.

Senza voler aprire la caccia all'immigrato si può anche cercare di valutare la situazione come sarebbe a parti invertite, dubito che nei paesi di provenienza di questa gente noi riceveremmo lo stesso trattamento che il nostro stato riserva loro in nome di non si sa quale volontà.

Un delinquente lo è a prescindere dalla cittadinanza!

Chi vuole mettere la testa sotto la sabbia e non vedere quello che succede ogni giorno è libero di farlo, il crimine non va tollerato nè da parte degli italiani e a maggior ragione da parte degli immigrati!

Roland Deschain 22.08.07 15:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

C'è qualcosa che mi spaventa, oltre a questo ed alle possibili guerre intendo...
Chi non ha mai sentito parlare della colza?
Nessuno mediamente informato credo...
Ecco, pensate ad un mondo in cui estrarre petrolio sta diventando troppo costoso, e dove per ovviare parzialmente a questo problema si fa uso di queste fonti alternative...
Cosa accadrebbe se la gente per far funzionare la casa gli automezzi e quant'altro facesse ricorso in massa a queste materie?
Non voglio pensarci...
Tutto d'un tratto fare il contadino sarebbe uno dei lavori più redditizi, e allora chi vorrebbe più coltivare carote e insalata?
Io nei panni di questo contadino del "futuro" (o già del presente?) se coltivo carote ed insalata lo faccio perchè ho un ritorno, quanto dovrei far pagare la carota e l'insalata perchè possa competere con la colza e i suoi derivati?
Pensateci perchè in alcuni stati stanno già legiferando a proposito, e vi assicuro che non sono belle leggi...
Per concludere poi cosa sarebbe dei paesi che non hanno l'acqua? E che quindi non potrebbero coltivare un bel niente?
Io penso questo...
Il petrolio sta finendo.
Il mondo come è adesso, come lo viviamo adesso, senza l'oro nero non c'è, non esiste...
C'è qualcosa che possiamo fare? Non so...
Dipende da noi, ma quanti di noi conoscono qualcuno disposto a sacrificare veramente quello che abbiamo adesso per un mondo migliore?
Io dico pochi...
Anche perchè sfido i più motivati a vivere diversamente, non ne siamo capaci...
Analizzate come vivono gli animali nella catena alimentare, non c'è spreco, nessuna risorsa viene sciupata, tutto ritorna...
Provate a pensare a quante risorse noi sprechiamo singolarmente ogni giorno, moltiplicatelo per 6 miliardi...
Non è solo questione di petrolio ma anche di tutte le altre risorse, che a loro volta finiranno e senza la possibilità di essere sostituite, useremo i sassi per fabbricare lo spazzolino da denti?
Riflettete gente, e buona giornata a tutti!

Massimiliano d. Commentatore certificato 22.08.07 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Inoltre il punto è che facciamo subito ad erigerci a baluardo democratico, ad indignarci per le pratiche effettivamente barbare di certe culture, e poi incitare al rogo delle baraccopoli, al linciaggio dei rom, allì abbattimento delle moschee.

Vajont. per non dimenticare 22.08.07 14:55

VUOI UNA MOSCHEA? FATTELA COSTRUIRE NEL TUO CORTILE E NON ROMPERE L'ANIMA A CHI NON LE VUOLE.
LE BARACCOPOLI DEI ROM SONO DACCORDO CON TE: NON SI DOVREBBERO BRUCIARE, MA RADERE AL SUOLO CON I BULDOZER SENZA NEMMENO AVVISARE CHI VI STA' DENTRO.
VUOI UNA BARACCOPOLI ROM? FATTELA COSTRUIRE NEL CORTILE DI CASA TUA SENZA TRITURARE LE PALLE A CHI NON LE VUOLE.
AVETE TUTTI GLI "AMICHETTI" ARABI DA DIFENDERE?

Fabio Mantovano 22.08.07 15:05| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Beppe!
Mi ero quasi alzato allegro stamattina!!!Si, chissà cosa accadrà. La cosa mi tormenta: mi è passata la voglia di mettere al mondo un figlio, pensa te.
Comunque mi sento pronto a zappare la terra!Perchè non apri un agriturismo enorme e poi mi prendi a lavorare là?!

Fabrizio Lonzini 22.08.07 15:03| 
 |
Rispondi al commento


IL SAHARA UTILIZZATO PER PANNELLI SOLARI, IMPIANTI EOLICI, CENTRALI NUCLEARI E STOCCAGGIO NEL SOTTOSUOLO DI SPAZZATURA NON RICICLABILE E SCORIE RADIOADDIVE.

IL TUTTO GOVERNATO DA UN ENTE MONDIALE PER LA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA E PER LA LAVORAZIONE DEI RIFIUTI E LO STOCCAGGIO DELLE SCORIE RADIOATTIVE.

IL 20% DEI PROFITTI DESTINATO A RICOSTRUIRE L'AFRICA.

CHE NE DITE?

gino pino 22.08.07 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Intere zone del pianeta non sono auto sostenibili, senza trasporti chiuderanno i battenti.
Postato da Beppe Grillo alle 16:05

ANCHE LE ZONE MOTOSCAFO-SOSTENIBILI, GRASSONE LARDOSO. PERCHE' NON TI COMPRI UN MOTOSCAFO AD IDROGENO? COSI' QUANDO VAI A SCHIANTARTI CONTRO GLI SCOGLI CI REGALERAI LA VISIONE DEL FUNGO DELL'ESPLOSIONE.

Ad una pozza che si prosciuga si abbeverano solo gli animali più forti.
Postato da Beppe Grillo alle 16:05

E' PER QUESTO MOTIVO CHE STAI RASTRELLANDO DANARO A PIU' NON POSSO, EH? TOPO OPPORTUNISTA, IN QUESTO SCENARIO TI MUOVI BENISSIMO TU.

Ci aspetta, dopo la linea rossa, un neo feudalesimo.
Postato da Beppe Grillo alle 16:05

CI ASPETTA ??!! A "NOI" CI ASPETTA.
A "TE" TI FARA' UN BAFFO CON TUTTI I SOLDI CHE HAI. MA PRIMA CHE ARRIVI IL NEO FEUDALESIMO SARAI MORTO ANCHE TU, CICCIONE GENOVESE, E I SOLDI NON TI SERVIRANNO A NULLA. NE A TE E NE AL TUO FRATELLONE PALAZZINARO.

Fabio Mantovano 22.08.07 14:58| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CODACONS vuole aprire una indagine sull approdo a LIPARI dello yacht dell impenditore Diego Della Valle in compagnia del ministro C. Mastella. Infatti hanno ormeggiato in un posto dedicato ai traghetti pubblici. UN BEL ESEMPIO PER TUTTI.

Pietro Cittadino Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Da sette miliardi a un miliardo? MAGNIFICOOO!!!
Ho un bambino piccolo, se serve per far stare comodo lui sono anche disposto a togliermi di mezzo subito!

Marco Rosi 22.08.07 14:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se la smettarà di credere in falsi miti, capendo che tra lei e uno mussulmano, o ateo se preferisce, non c'è e non ci deve essere alcuna differenza di diritti, e che se voi cristiani avete diritto ad avere chiese nelle quali rifugiarvi per acquistare indulgenze, allora anche un mussulmano ha diritto ad avere una moschea, vedrà che nessuno tenterà di murarla.


Vajont. per non dimenticare 22.08.07 14:26

ti assicuro che in questo periodo storico molti mussulmani se potessero ci murerebbero vivi...a parte che già lo fanno in alcuni loro paesi tra l'indifferenza generale...ti sei mai chiesto perchè se un israeliano, tanto per fare un esempio, gli capita in un'azione militare di uccide un bambino palestinese susciti tanta indignazione tra gli ipocriti nostrani e l'uccisione dei cristiani per intolleranza religiosa nei paesi mussulmani invece passa tra l'indifferenza generale? qualcosa non funziona nella nostra società annoiata...è un bruttissimo segno!!!saluti!

marco aurelio 22.08.07 14:44

.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.
in questo hai perfettamente ragione, ma credo che la soluzione non sia quella di diventare come loro(e onestamente mi sembra proprio questa la strada inrapresa), ma di rispettare ed esigere rispetto.
Inoltre il punto è che facciamo subito ad erigerci a baluardo democratico, ad indignarci per le pratiche effettivamente barbare di certe culture, e poi incitare al rogo delle baraccopoli, al linciaggio dei rom, allì abbattimento delle moschee.

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
parecchi anni addietro hai fatto una eccezionale trasmissione sulle auto a idrogeno.
Perchè non la riproponi nei tuoi blog?
Ho sentito dire da numerosi eminenti studiosi che la produzione di idrogeno è impraticabile perchè richiederebbe il consumo di altro petrolio.
Ora io non sono uno scienziato e quindi non conosco esattamente quanto petrolio sia necessario per produrre un litro di idrogeno.
Ma supposto che il rapporto sia di 1/1, ti chiedo: che cosa aspettano a produrlo, visto che le riserve petrolifere prima o poi si esauriranno?
Tra poco sarà troppo tardi, senza petrolio, niente idrogeno e sarà un disastro di immani dimensioni.
Se tale rapporto dovesse essere invece superiore, siamo già nei casini; se inferiore abbiamo ancora qualche speranza.
E, inoltre, quanto idrogeno sarà necessario per riprodurre un litro di idrogeno stesso?
Se il rapporto è di 1/1, siamo ancora in tempo; se superiore è già un grave problema; se inferiore è questa la soluzione più semplice che abbiamo per risolvere sia il problema energetico mondiale che quello dell'inquinamento ambientale.
In altre parole,basterebbe produrre una quantità sufficiente di idrogeno, perchè essa possa riprodurre se stessa.
Mi sembra un ragionamento banale. Se siamo agli sgoccioli, perchè nessuno si impegna a produrre con urgenza idrogeno?
A causa dei petrodollari?
Una meschina giustificazione difronte alla crisi energetica mondiale.
Perchè nessuno investe nella ricerca tecnologica per migliorare la produzione di idrogeno?
Non capisco, continuo a non capire.
Con affetto

Bebi La Rosa

Bebi La Rosa 22.08.07 14:46| 
 |
Rispondi al commento

SI SCRIVE LADY MARY...MA SI LEGGE SILVIA BADA!!

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:43| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

ERA sfuggito due volte alla cattura e si era conquistato la fama di pusher imprendibile. Dopo 3 mesi di latitanza è finito in manette il latitante algerino che spacciava droga nel ternano. A mettere i «braccialetti» ai polsi del 38enne, gli uomini della polizia di frontiera in servizio all’aeroporto di Fiumicino. Era ricercato dalla sezione narcotici della Squadra Mobile della Questura di Terni per spaccio di droga. B.A., queste le iniziali dello spacciatore che ieri è stato bloccato mentre scendeva da un volo di linea proveniente da Algeri.

lady mary 22.08.07 14:30

Napoli, 22 ago. (Adnkronos) - Un marocchino di 47 anni, del quale non e' stata resa l'identita', e' stato arrestato dalla Guardia di finanza lungo la strada statale che collega Caivano (Napoli) con Marcianise (Caserta). L'uomo e' stato sorpreso in flagranza di reato mentre stava dando fuoco alla sterpaglia lungo la striscia d'asfalto. Il piromane e' stato bloccato dalle fiamme gialle che hanno poi avvertito i vigili del fuoco. Gli investigatori non hanno ancora chiarito i motivi per i quali l'extracomunitario stava dando fuoco alla sterpaglia

lady mary 22.08.07 14:27

.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.**.*.*.*.
Ma che caxxo di notizie sono.
Vicino casa mia due anni fa è bruciata un' intera collina, protetta dal vincolo paesaggistico, ora ci sono diverse palazzine ed il proprietario "italianissimo" è miliardario.

Tre mesi fa hanno fatto una retata ed arrestato per spaccio, strozzinaggio e detenzione di armi 13 persone tutte "italianissime" tra cui diversi commercianti.
E tutto questo non in condizioni disperate quali si trovano spesso gli immigrati.

Se sostieni che la nostra gente sia davvero migliore di questi immigrati, sei davvero disonesta.

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:39| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non conta che il petrolio stia finendo, ma conta il fatto che le nostre economie sono state basate sulla "merda nera" altro che oro nero.
Se l'8 settembre 2007 sarà ricordato a lungo possiamo anche cominciar a far a meno di questa "merdanera", un pò alla volta ma tutti.
Loro sono i governi noi siamo la massa, impareranno ad ascoltarci e noi dovremo imparare a parlare, ad alzare la voce.
Sta finendo tutto....l'ambiente è sporco e l'agricoltura va a finire.
Cos'è dovremo mangiar la vostra merdachimica per sempre? Vi piacerebbe sostituirvi alla natura?
Vaff****lo!
Noi possiamo far i modo che qualcosa cambi, migliori, ma dipende da noi perchè i nostri governi remano dall'altra parte, in una direzione dove l'avidità, la corruzione la fanno da padroni, dove tu sei solo un numero, un essere da spremere per gonfiar i loro guadagni....finchè morte non ti separi.....dalla vita che ti è stata tolta.
L'indifferenza è un male!!!
Non lasciare che accada ancora!

Giuliano D. Commentatore certificato 22.08.07 14:36| 
 |
Rispondi al commento

boh

Maurizio f. Commentatore certificato 22.08.07 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare come Marcus Friedli ,e' l'unico modo ,e' inutile che mettiamo i pannelli solari per dare energia all'enel, che usa gli utili per comperare centrali nucleari,e non per abbassare il prezzo dei pannelli stessi .

Moreno M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:29| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

anche la monaca di monza è stata murata... murata viva da chi non vuole murare una madonnina di cemento... le incongruenze di cui i credenti manco si accorgono...

roberto brianza 22.08.07 13:53


continua a difendere i barbari, che se un giorno ti troviamo cementato da qualche parte, e sei ancora in vita, aggiungeremo altro cemento sopra

lady mary 22.08.07 14:02
.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.
se la smettarà di credere in falsi miti, capendo che tra lei e uno mussulmano, o ateo se preferisce, non c'è e non ci deve essere alcuna differenza di diritti, e che se voi cristiani avete diritto ad avere chiese nelle quali rifugiarvi per acquistare indulgenze, allora anche un mussulmano ha diritto ad avere una moschea, vedrà che nessuno tenterà di murarla.

Vajont. per non dimenticare Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.08.07 14:26| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Consiglio il libro:
Jeremy Rifkin "economia all'idrogeno"

oppure andate al link:
http://it.wikipedia.org/wiki/Economia_all%27idrogeno_%28libro%29

Christian Vanetti 22.08.07 14:23| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

"anche la monaca di monza è stata murata... murata viva da chi non vuole murare una madonnina di cemento... le incongruenze di cui i credenti manco si accorgono...
roberto brianza 22.08.07 13:53 "

E bravo Roberto Brianza, come il caro buon vecchio cane di Pavlov, a difendere qualunque cosa sia rossa.
Si tira fuori pure la Monaca di Monza, nientemeno che 400 anni fa ( e pure lei qualche casino l'aveva combinato, o no ? )

nicola menti 22.08.07 14:18| 
 |
Rispondi al commento

esiste alternativa ma la strada è in salita
http://www.digital.sm/piel-ilt/autoidrogeno/ita/entra.htm
ciao Beppe sei grande!

V-day

Mirco Baiocco 22.08.07 14:18| 
 |
Rispondi al commento

PROGRAMMA DELLA BRAMBILLA DA OGGI IN LIBRERIA

qui

http://gianniguelfi.ilcannocchiale.it/post/1589076.html

gianni guelfi 22.08.07 14:17| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Avevo ragione sulle parole dette dal Cardinale Bertone. Oggi al TG1 delle ore 13.30 i primi esponenti di sinistra affermano che a pagare le tasse deve essere anche la chiesa...ahahahahahahah E ora se ne vengono loro che le tasse devono essere giuste...cominciare a pagare prima di predicare poi vediamo...

Pagare tutti 22.08.07 13:56 | Rispondi al commento |

Comincino a pagare le coop comuniste, compagno, che ci facciamo quattro risate.

ettore muti 22.08.07 14:15| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Un dubbio amletico mi attanaglia in questi giorni di Agosto:
Seguire il consiglio di Gigi Buffon, che mi invita a non bere prima di guidare comunque con prudenza o seguire il consiglio di Loris Capirossi che mi invita a guidare l'auto come un pilota di rally tra tornanti di montagna?

Gli spot di questi giorni, sulla preoccupante situazione degli incidenti stradali, non servono un cazzo se in mezzo a quegli spot, ci sono pubblicità di auto potenti da guidare al massimo della velocità e quelle di alcolici e superalcolici da bere sempre attorniati da supergnocche. Mettiamoci anche qualche servizio ai TG di come faccia bene bere qualche bicchiere di vino, con moderazione...

Segui il consiglio di grillo e prenota una copia del suo libro, casomai dovessi perdertelo, sai che dramma.

gillo pontenuovo 22.08.07 14:09| 
 |
Rispondi al commento

un SCOPERTA!!!!..dell'acqua calda dirà qualcuno...
ma per l'autenticazione delle firme del V-Day..i consiglieri,assessori,parlamentari...(politici!!!) rastrellati sono sono quelli di sinistra????..( a quale prezzo?)
meglio pagare un notaio????..molto meglio

Tonino Silvestri (antonio silvestri) Commentatore certificato 22.08.07 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Come tutti i funesti predicatori di sventure anche Grillo è destinato ad essere sbugiardato dai fatti, apocalittiche visioni bibbliche catastrofiche previsioni di imbonitori ( vedi Nostradamus ad esempio ) 1000 ma non più 1000, il baco tecnologico del millennio, TUTTE PREVISIONI REGOLARMENTE SMENTITE DAI FATTI.

Se amate crogiuolarvi nel pessimismo e nell'autocommiserazione fate pure, non aiuterete certo a migliorare lo status delle cose, le scoperte le fanno i pensatori positivi non le cassandre!

Qualcuno diceva che la terra era piatta e che oltre i "confini" ( tracciati da qualche antico Grillo ) c'erano demoni e mostri, invece la terra era rotonda e con meraviglie da mostrare e scoprire!

IL PENSIERO POSITIVO E' PROGRESSO, IO LA PENSO COSI', VOI PENSATE COME VOLETE!

Sarà sicuramente come dite voi e come dice il Grillo, conti alla mano però, e fino a prova contraria, un litro di greggio costa poco più di un litro d'acqua comprato in negozio!

1 barile = 158,99 litri

1 barile = 67$

67$ = €.49,70

1 litro = 0,312 €.

Secondo voi questo è il prezzo di un bene irrinunciabile in via di estinzione?E' il prezzo di un bene per cui non sono pronte alternative??

I casi sono due:

1) Le scorte non sono al lumicino e si continuerà ancora lungo con i veicoli affumicatori!

2) Le scorte stanno finendo ma c'è già pronta l'alternativa e nessuno vuole correre il rischio di affossare in modo definitivo l'economia mondiale con un cambio repentino.

Cambiare carburante significa cambiare i motori, le macchine industriali e costringere ad investimenti pesanti il mondo industriale.

L'unica fonte energetica su cui puntare in modo potente è l'energia elettrica, si può ricavare in mille modi diversi eolico, solare, meccanico, idrico, ed è l'unica fonte energetica veramente naturale, basti pensare che il corpo umano ( in particolar modo il cervello ) funziona grazie a stimoli elettrici.

Roland Deschain 22.08.07 14:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Errata corrige: ritiro il sospetto di bufala sullo sfruttamento del vento ad alta quota :) Anzi, sembrerebbe un progetto abbastanza interessante.

Scusassimo! :D

Lucas Malor Commentatore certificato 22.08.07 14:02| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori



Trackback

Qui sotto puoi visualizzare altri blog che stanno scrivendo di questo post.

Se hai un blog e hai pubblicato una tua opinione relativa a questo post puoi utilizzare il trackback per segnalare il tuo intervento perchè venga inserito in questo spazio. In molti blog puoi infatti inserire il link che trovi qui sotto in uno spazio apposito durante la pubblicazione del tuo post.

Indirizzo da utilizzare per il Trackback di questo post:
http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/647.

I post di altri blog che fanno riferimento al post La linea rossa:

» La linea rossa - Beppe Grillo ed il Petrolio. da I miei pensieri!
L'Energia Atomica ci aiuterà nel periodo di transizione! [Leggi]

21.08.07 17:22

» Potere alla Terra da TigullioVino.it Weblog Network
Leggevo oggi un post di Beppe Grillo sulla relativamente breve distanza che ci separa dalla dead line del petrolio. "Ci aspetta - scrive Grillo - dopo la linea rossa, un neo feudalesimo. La terra, le comunità, gli animali, le... [Leggi]

21.08.07 17:32

» Spia rossa per il petrolio da Meglio un uovo oggi
Mentre la spesa per le famiglie cresce in Italia, anche a causa della dipendenza energetica dall'estero e dagli idrocarburi, si continua a dibattere sul petrolio e a chiedersi: quanto ce n'é ancora? Di seguito alcune stime basate su dati OCSE e BP. [Leggi]

25.08.07 17:16

» Forza, un pò più di energia! da Pazzia Umana
Spreco energetico e fonti alternative sono molto argomenti molto in voga ultimamente. Ognuno dice la sua e propone diecimila alternative e soluzioni. Mi va una volta tanto di seguire la moda ^____^ Come fonti alternative per la produzione di energ... [Leggi]

28.09.07 14:56

» Adesso è tutto chiaro da Energy is life
Roma, giorno x del mese x dell’anno 20xx. Sono le ore 07:30. Ancora intorpidito dal sonno mi affaccio al terrazzo di casa e sento l’aria frizzante e stranamente pulita della città. Non si sente nessun rumore provenire dalla strada sottosta... [Leggi]

15.11.07 00:02