Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Brunetta e l'assenteismo dei parlamentari


video_fantozzi_assenteisti.jpg

Fantozzi, assenteismo e doppio lavoro

I dipendenti pubblici hanno una cattiva fama. Su di loro si dice di tutto. Assenteisti, con il doppio lavoro, raccomandati dai politici, scortesi con i cittadini. Il ministro della Funzione Pubblica Brunetta ha deciso di dare un giro di vite all’assenteismo. La visita del medico fiscale sarà sempre obbligatoria anche nelle ipotesi di prognosi di un solo giorno. Nessuno potrà più sgarrare. Brunetta chiarisce che il medico potrà piombare a casa del dipendente pubblico a qualsiasi ora “al fine di agevolare i controlli”. Ad ogni malattia si applica la decurtazione di “ogni indennità o emolumento, aventi carattere fisso e continuativo e trattamento economico accessorio” quantificabili nel 25-30% della retribuzione.
Brunetta mi piace, è uno tosto, che sa farsi rispettare, come Napoleone di cui ha la stessa statura. Le sue direttive, ne sono sicuro, colpiranno come la folgore anche i dipendenti pubblici per eccellenza, i parlamentari.
Da una elaborazione de Il Sole 24 Ore, con riferimento ai dati Camera e Senato a fine 2007, si può scoprire chi sono gli assenti alle votazioni parlamentari. Brunetta mandi subito un medico fiscale ad Arcore. Silvio Berlusconi è infatti il primo assoluto con il 98,5% di assenze alla Camera. Se non è primo non è mai contento. L’attuale portavoce del PDL, Capezzone, ha totalizzato il 67,6%. Nei primi 10 c’è Sandro Bondi, in settima posizione, con l’87,5% e in quinta l’ex piduista Cicchitto con l’89,9%. Tutti pidilellini in fuga dal lavoro. Brunetta li faccia pedinare, vorremmo tutti sapere dove vanno, cosa fanno, se incontrano Veltroni.
Al Senato per il PDL le cose non migliorano. La posizione numero uno è di Marcello Dell’Utri, 41,1% di assenze. Secondo assoluto il doppiolavorista Ghedini con il 38,7%. Un avvocato pagato dai cittadini con lo stipendio da parlamentare per difendere Berlusconi in tutti i tribunali d’Italia. Il re del doppiolavoro, un mito. Una soffiata per Brunetta: mandi subito un medico al tribunale di Milano, coglierà il Ghedini sul fatto mentre difende lo psiconano al processo Mills.
Se i dipendenti pubblici avessero le percentuali da desaparecidos dei parlamentari potremmo chiudere i ministeri e nessuno se ne accorgerebbe. Ma il Parlamento esiste veramente? Se un parlamentare non va a lavorare per un solo giorno Brunetta mandi il medico fiscale. Nel caso sia un condannato, un prescritto, un inquisito (quindi spesso) faccia accompagnare il medico dai Carabinieri (per proteggerlo).

Funari_inciucio.jpg
Clicca l'immagine

Scarica l'ultimo numero del magazine Scarica "La Settimana" N°28-vol4
del 13 Luglio 2008

18 Lug 2008, 14:33 | Scrivi | Commenti (1792) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sono una docente precaria, mi alzo tutte le mattine alle 5,00 per prendere il treno, viaggio più di due ore al giorno,sopportando freddo, caldo, ritardi e disagi vari, per prendere poche centinaia di euro al mese perchè non ho la cattedra completa e questa specie di ministro che si chiama Brunetta si accanisce contro gli insegnanti e gli altri dipendenti pubblici tassando le eventuali malattie, offendendoci impunemente, mostrando un'arroganza senza pari!
Vada a lavorare lui almeno una volta nella sua vita, impari a fare qualche sacrificio e soprattutto provi a prendere il misero stipendio che prendo io! Si vergogni lui e si vergognassero tutti quegli emeriti fannulloni che stanno al parlamento! Andate alla malora,via dall'Italia. Vergognanaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

maria siepe 31.10.09 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Credo che l'Italia sia veramente allo sfascio... Mi ha stupito davvero vedere nero su bianco la percentuale di assenze di berslusconi, addirittura il 98%! E Brunetta lancia queste crociate quando sono proprio i politici ad essere i primi assenteisti. Assurdo.
Mi ha fatto ridere anche la sua ultima proposta... Invece di far lavorare i giovani ha chiesto di alzare l'età pensionabile delle donne a 65 anni come gli uomini: certo, sarebbe una cosa giusta per essere davvero paritari, ma allora vogliamo mettere gli stipendi più bassi delle donne e le varie difficoltà che si trovano ad affrontare sul lavoro? Lasciamo perdere...
Brunetta dovrebbe andare a lavorare sul serio!

Jillian Doki 18.12.08 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Quelli che i diritti del bambino e del diverso li hanno contribuiti a scrivere. Quelli che non hanno potuto stare a guardare ma sono stati trascinati dietro, accanto, a volte avanti dai cambiamenti della società. Io sono stata maestra unica, ho fatto il doposcuola, il tempo pieno, le attività integrative, il modulo, l’insegnate prevalente … Ho valutato con numeri, lettere, annotazioni e commenti. Dai ministri che hanno l’età degli ex-alunni voglio rispetto, considerazione e ascolto perché nel rispetto della storia della scuola c’è il rispetto della storia del paese e della sua cultura. Non siamo tutti “cumunisti”, noi maestri. E’ un falso elettorale, un pregiudizio, una notizia generica, maligna e approssimativa. Intellettualmente disonesta. Abbiamo “servito” sotto ministri per lo più democristiani, in una struttura rigida che induce all’obbedienza e alla mediazione ben oltre le consuetudini del “mondo”. Ma siamo vigili e vivi, non abituati a raccontarci ma attenti alle sfumature. Vediamo molto, sappiamo molto delle storie quotidiane delle famiglie e della gente. Abbiamo contribuito a “fare gli italiani”, non contribuiremo a disfarli.
Una maestra.

Anna C., Genova Commentatore certificato 17.11.08 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Beppe
Se volete prendere in giro il ministro Gelmini dite che sembra una maestrina, Brunetta ci sospetta fannulloni, tutti ammettete che siamo sottopagati, noi maestri. Tra la gente la trovata pubblicitaria maestro unico – grembiule tira.. Per essere una categoria che non ha “immagine” ce ne state attribuendo troppe e di sbagliate.. In realtà, e per riassumere, siamo quelli che vi hanno insegnato a scrivere e a leggere. Quelli che sono stati spinti verso la diversità, in trincea, - e sia benedetto il Signore - quando ancora gli “altrimenti abili” erano definiti handicappati. Quelli che gli stranieri li hanno alfabetizzati fin dal giorno dopo il loro arrivo. Quelli che accettano in silenzio e con ansia trasferimenti e graduatorie, che giuravano fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione appena assunti in ruolo. (prima parte)

Anna C., Genova Commentatore certificato 17.11.08 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Perdonatemi se mi esprimo con un po' di calorosità, e forse con qualche imprecisione, ma sono inviperita. Ho saputo oggi da una collega dell'ufficio regioneria del comune nel quale lavoro che dal 1 gennaio 2009 (in realtà doveva già andare in vigore questa parte del decreto Brunetta) TUTTE le assenze, quindi ferie, permessi per gravi motivi etc. saranno decurtati di una somma a partire da € 5,00, a seconda degli inquadramenti. Non saranno toccate solo le assenze per maternità obbligatoria, cioè i 2 mesi prima e i tre mesi dopo il parto. Un esempio: ho diritto per contratto a 32 giorni di ferie, con la tassazione mi vedrò decurtare lo stipendio di circa 120 €. Ferie non pagate, come nel privato. E tutte le discussioni sull'adeguamento degli stipendi alla pressione fiscale? sulla gente che non arriva a fine mese? ci stanno togliendo tutti i SACROSANTI DIRITTI che come lavoratori avevamo. E se l'assenteista o il fannullone scandalizzano, perché non hanno attuato misure di controllo (attraverso anche i responsabili di posizione - che spesso dovrebbero essere controllati più dei dipendenti di inquadramento inferiore) piuttosto che di repressione??? Intervenire togliendo diritti sacrosanti piuttosto che adottando misure diverse è una conferma ulteriore del fatto che la nostra è una dittatura, e purtroppo decenni di tv di massa hanno appiattito le coscienze e inaridito la voglia di cultura della gente. Io sono angosciata, e ho paura per il futuro, non è mai stato così, mai, nemmeno nei periodi più bui della storia italiana. Io e i miei colleghi aderiremo in massa allo sciopero del 7 novembre, blocchiamo i servizi del comune, servirà? secondo me serve ben altro, e mi fa paura sentire tanta gente che, come me, sceglierebbe soluzioni più "drastiche".

Valeria Maranò 28.10.08 14:31| 
 |
Rispondi al commento

per il ministro brunetta
http://www.repubblica.it/2006/a/rubriche/piccolaitalia/dirigente-consulente/dirigente-consulente.html

max imo 25.10.08 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Salve.
Personalmente non ho nulla in contrario alla razionalizzazione del pubblico impiego, da sempre tacciato di sprechi, assenteismo ed inefficienza.

Ma un sistema "complesso" richiede un piano di riforma elaborato e concertato, non la pura demagogia che Brunetta sbandiera ai quattro venti.

Da lavoratore della P.A. ho assistito a casi di fannulloneria orridi, ed anche ad altrettante situazioni di disinteresse dei dirigenti, i quali sono investiti del dovere di denunciare queste distorsioni.

Vorrei anche far notare che la decurtazione dello stipendio derivante dalla malattia è una punizione bella e buona, che trascura l'ovvietà dell'ammalarsi dell'essere umano.
In questo modo se hai la febbre sei costretto a venire al lavoro, infettando facilmente colleghi ed utenti.
Emblematico il recente caso di decurtazione dello stipendio del militare in servizio fuori dall'Italia, ammalatosi dopo 24 ore al freddo sotto la pioggia.....ed umiliato con la riduzione di stipendio!

Una riforma corretta ed equa avrebbe potuto controllare dalle timbrature elettroniche e dai settori risorse umane chi si assentava spesso ed effettuare delle verifiche mirate su quelle persone, non vi pare?

Senza contare problemi più tecnici delle circolari di Brunetta:
- la disparità di trattamento sulla reperibilità dei lavoratori in casa in orari divergenti tra pubblico e privato (un possibile caso di incostituzionalità ex art. 3, direi....). E cosa fare per le patologie depressive per le quali il medico consiglierebbe uscite all'aria aperta e frequantazioni?
- il voler mettere bocca con documenti di prassi amministrativa su materie dove vige tuttorsa una riserva di legge (ipotesi di illegittimità).

Credo che i TAR avranno un bel po' da sudare per i prossimi tempi.....!

Davide.

Davide Ariozzi 26.09.08 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
ogni volta che sento nominare o leggo il nome di Brunetta non posso fare a meno di pensare a quei ferrovieri di genova (sono genovese anche io) che sono stati licenziati in tronco.
Io penso questo: Sig. Brunetta, se vuole dimostrarsi coerente, faccia la conta di tutti gli assenti di Camera e Senato e poi li mandi via, senza preavviso alcuno.
Non sto qui a sindacare se i ferroviari hanno sbagliato o meno, non so come sono andati i fatti e mi hanno insegnato a non giudicare prima di conoscerli; dico solo che se sono stati puniti in base ad una legge, ebbene, questa legge DEVE essere uguale per tutti... e pazienza se per 4 per Persone non è così.

Grazie

Roberto.

Roberto P 18.08.08 14:28| 
 |
Rispondi al commento

e i liberi professionisti che nn rilasciano ricevuta fiscale e guadagnano ciò che vogliono?????Loro sì che nn sono fannulloni......vero?????????Brunetta e company nn avevate nulla di meglio da fare che attaccare dei poveri cristi che percepiscono un magro stipendio e pagano inesorabilmente tuttte le tasse??????????????????????E che a differenza dei lavoratori privati nn percepiscono nè quattordicesima nè anticipo sulla liquidazione??????????????????????Sono felice di nn avervi dato il mio voto e penso che in futro migliaia di voti...quelli dei fannulloni statali...certamente..nn li prenderete più.....questo è poco ma è sicuro.
Firmato....una statale fannullona .

Giorgio Musinu 10.08.08 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Vi scrivo in merito ai famosi tagli che affosseranno i già magri stipendi del comparto pubblico.
Sul sito della funzione pubblica a questo link,
http://video.palazzochigi.it/innovazionepa/LA7_Omnibus.asx c'è la prova "provata" delle bugie del Ministro Brunetta, esattamente al minuto 43 circa, basta ascoltarlo.

Adesso tocca a voi rendere pubblico l'inganno e denunciare le bugie.
Metterlo alla gogna così come ha fatto con 3 milioni di impiegati pubblici, sindacati compresi, sarebbe la prima mossa di un "autunno caldo".

Mi aspetto il dovuto rilievo per questa vicenda.

salvo s. 07.08.08 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro dr. Brunetta, europarlamentare italiano fra i più assenteisti, ma quando Lei è in Italia, nel Parlamento italiano non avendo il dono della bilocazione risulta assente al parlamento europeo… ma il doppio stipendio lo prende lo stesso o glielo decurtano? Dichiara la Sua assenza ? E quando è presente al Parlamento Italiano e/o a quello europeo chi fa lezione agli studenti dell’Università di “Tor Vergata” dove lei risulta dipendente?
Con il massimo rispetto ma, come concilia tutti questi incarichi. Si mette in malattia????
Bello il plauso del popolo, bello e facile essere forte con i deboli e debole con i forti.
Facile fare la guerra al bidello ma lasciare la casta a dormire sonni tranquilli.
Nessun divieto di cumulo di incarichi per Deputati, Baroni (professori) delle università, Primari degli ospedali, Magistrati.
Chi manderà la visita fiscale all’Onorevole assente, che magari, con la sua assenza ha fatto cadere il Governo?
Chi manderà la visita fiscale al magistrato che, sicuramente, con la sua assenza fa saltare le udienze della giornata che verranno rimandate a data da destinarsi, magari fra un anno?
Chi andrà a controllare, magari nei loro studi privati, dove sono i Primari ospedalieri?
Chi decurterà alla casta lo stipendio per i primi dieci giorni di malattia?
Eppure anche loro sono dipendenti pubblici!

mario pol 06.08.08 13:10| 
 |
Rispondi al commento

(parte prima)
Quello che nessuno dice
L'avvento della meccanizzazione prima e dell'informatizzazione dopo ha decimato i posti di lavoro. Laddove occorrevano cento persone, adesso in teoria, ne bastano venti. In realtà ce ne vorrebbero cinquanta.
E questo con un enorme risparmio di danaro.
Come non bastasse, sono state abolite molte figure professionali: commessi, archivisti, telefonisti, sportellisti e adetti alla posta.
Prima l'impiegato, per fare una fotocopia o per mandare una pratica alla firma del direttore, bastava che suonasse un campanello, ar tarsi continuamente dal suo posto di lavoro per provvedere a queste cose. Né doveva scendere in archivio per cercare una pratica.
L'archivista sapeva bene dove mettere le mani e in breve trovava il documento richiesto.
L'impiegato invece deve perdere molto tempo per una ricerca.
E il commesso ben conosceva le funzioni di una fotocopiatrice e non solo, ma provvedeva al rifornimento della carta o alla sostituzione del toner o a mille altre cose : era il suo lavoro.
L'impiegato invece deve sempre barcamenarsi in questi adempimenti che gli sono stati imposti ma che non gli competono.
A turno l'impiegato deve provvedere allo smistamento della posta oppure a rispondere al centralino, lasciando così indietro il proprio lavoro. E' un impiegato tutto-fare la cui produttività è andata alle stelle....ma nessuno sembra accorgersene.
Ed esistevano, fra le figure professionali abolite, gli sportellisti. Ora invece, gli impiegati a turno devono ricoprire pure quel posto.
Dunque: fare fotocopie, inviare e ricevere fax, portare alla firma le pratiche, cercare in archivio i documenti, dividere la posta, rispondere al call center, stare allo sportello sono tutti adempimenti imposti a tutti i lavoratori il cui profilo professionale non contempla certe mansioni. In definitiva sono adempimenti che non competono all'impiegato e che lo distolgono dal proprio lavoro.

Antonioo Sutera Sardo, Firenze Commentatore certificato 03.08.08 22:12| 
 |
Rispondi al commento

(parte prima)
Quello che nessuno dice
L'avvento della meccanizzazione prima e dell'informatizzazione dopo ha decimato i posti di lavoro. Laddove occorrevano cento persone, adesso in teoria, ne bastano venti. In realtà ce ne vorrebbero cinquanta.
E questo con un enorme risparmio di danaro.
Come non bastasse, sono state abolite molte figure professionali: commessi, archivisti, telefonisti, sportellisti e adetti alla posta.
Prima l'impiegato, per fare una fotocopia o per mandare una pratica alla firma del direttore, bastava che suonasse un campanello, arrivava il commesso e provvedeva.
Così l'impiegato non doveva assentarsi continuamente dal suo posto di lavoro per provvedere a queste cose. Né doveva scendere in archivio per cercare una pratica.
L'archivista sapeva bene dove mettere le mani e in breve trovava il documento richiesto.
L'impiegato invece deve perdere molto tempo per una ricerca.
E il commesso ben conosceva le funzioni di una fotocopiatrice e non solo, ma provvedeva al rifornimento della carta o alla sostituzione del toner o a mille altre cose : era il suo lavoro.
L'impiegato invece deve sempre barcamenarsi in questi adempimenti che gli sono stati imposti ma che non gli competono.A turno l'impiegato deve provvedere allo smistamento della posta oppure a rispondere al centralino, lasciando così indietro il proprio lavoro. E' un impiegato tutto-fare la cui produttività è andata alle stelle....ma nessuno sembra accorgersene.
Ed esistevano, fra le figure professionali abolite, gli sportellisti. Ora invece, gli impiegati a turno devono ricoprire pure quel posto. Dunque: fare fotocopie,inviare e ricevere fax, portare alla firma le pratiche,cercare in archivio i documenti, dividere la posta, rispondere al call center, stare allo sportello sono tutti adempimenti imposti a tutti i lavoratori il cui profilo professionale non contempla certe mansioni. In definitiva sono adempimenti che non competono all'impiegato e che lo distolgono dal proprio lavoro.

Antonioo Sutera Sardo, Firenze Commentatore certificato 03.08.08 22:02| 
 |
Rispondi al commento

(parte seconda)
Inoltre vengono penalizzati, su tutto il territorio nazionale, tutti quei disoccupati che potrebbero bene ricoprire quelle figure professionali, che un tempo erano il primo gradino di una carriera. Un tempo si partiva dalla gavetta.
E la gran mole di danaro risparmiato, viene ripartito ? Viene reinvestito ? A beneficio di chi va, se non del datore di lavoro, pubblico o privato che sia !?
E tutto questo mentre i salari, congelati da decenni, per potere di acquisto, diminuiscono di anno in anno, vistosamente e i carichi di lavoro aumentano sensibilmente ogni giorno di più. Ci aiutava il misero premio di produzione. Ora l'illuminato Brunetta ce lo toglie. E questo mentre si parla di politica di sostegno ai salari.
A questo si aggiunga il fatto che vengono utilizzati programmi telematici molto discutibili, tante volte non all'altezza e spesso mal funzionanti o non funzionanti affatto. Così si diventa improduttivi per forza !!!
E che dire della formazione ? Possono i corsi di poche ore chiamarsi formazione ? Si viene gettati allo sbaraglio e non esiste l'affiancamento. Esiste invece l'arte di arrangiarsi..ma se per caso sbagli qualcosa o resti indietro nel lavoro..è te che vengono a cercare. E di tutto questo ne fa le spese soprattutto il cittadino comune che ignora cosa si nasconda dietro al cattivo funzionamento di alcuni uffici pubblici.
Questa è la situazione di coloro che vengono definiti fannulloni, e oggi penalizzati pesantemente dal ministro Brunetta, che tante cose non sa o finge di non sapere. E chi dovrà controllare se sono produttivo o no ? Quale ispettore super-partes, obiettivo e onesto, esperto del mio lavoro e consapevole delle mie condizioni di lavoro, verificherà la mia produzione ? Non è che si verrà a creare una specie di clientelismo in loco ?

Antonioo Sutera Sardo, Firenze Commentatore certificato 03.08.08 21:59| 
 |
Rispondi al commento

TU POLITICO,
che hai guadagni faraonici,che hai privilegi lussuosi e vergognosi,che navighi nell’oro,che fai il buono ed il cattivo tempo,tu che quando ti fai un graffio,vieni accolto a braccia aperte in lussuose cliniche private,tu che non sai cosa significa tentare di telefonare al CUP,tu che sei hai bisogno di un’ambulanza la trovi in 5 minuti,tu che non fai 12 ore di fila al pronto soccorso se ti fai male,tu cui tutte le porte si spalancano, tu che aumenti ogni anno il tuo stipendio da nababbo, zitto zitto, verso ferragosto,quando nessuno se ne accorge,TU MINISTRO,che ci metti gli uni contro gli altri, per meglio dominarci, tu che ci togli la scala mobile, tu che trucchi l’ISTAT,tu che quando hai guai con la giustizia non ti disperi, ma sai bene come fare,TU POLITICO, che ci rendi schiavi,TU CHE GUARDANDOTI ALLO SPECCHIO NON PROVI VERGOGNA, tu che hai ideato parametri di calcolo delle pensioni talmente vergognosi da potersi chiamare FURTO LEGALIZZATO, tu che congeli le pensioni, ma non i prezzi al consumo,tu che non conosci i problemi della vita, tu che per decenni siedi inossidabile in parlamento, tu che chiami suicidio il togliersi la vita di tante persone disperate per situazione economica e logistica e di salute,mentre si tratta di OMICIDIO VERO E PROPRIO, tu che vai in chiesa e ti fai il segno della croce e osi perfino fare la comunione,TU CHE NON HAI PROBLEMI,tu che sorridi davanti alle telecamere e spari le tue sentenze, tu che ti credi ONNIPOTENTE, tu che non hai coscienza alcuna, TU CHE CHIAMI BENE IL MALE E MALE IL BENE,tu di cui parla bene il salmo 12
“Solo falsità l’uno all’altro si dicono:
bocche piene di menzogna,
tutti a nascondere ciò che tramano in cuore.
Come rettili strisciano,
e i più vili emergono,
è al colmo la feccia.”
anche tu, tra pochi anni morrai,e non potrai portarti dietro tutti i tuoi tesori,ma solo il triste e pesante fardello delle tue infamità.Credimi, politico,non ti invidio affatto.Preferirei essere un barbone.

Antonioo Sutera Sardo, Firenze Commentatore certificato 03.08.08 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi 98,5% Capezzone 67,6% Sandro Bondi 87,5% e Cicchitto 89,9%.

Dio mio come sei caduto in basso Beppe!!!! Hai acquisito così tanta malvagità nei confronti della destra che hai citato 4 nomi di destra nei primi 10 assenteisti!! La cosa grave è che non hai citato i 6 mancanti!!
Come se non esistessero! Questo vuol dire avere gli occhi foderati di prosciutto!!
E pensare che una volta ti ritenevo una delle poche persone intelligenti rimaste!

paolo farnesi, cesena Commentatore certificato 31.07.08 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Silvio Berlusconi 98,5% Capezzone 67,6% Sandro Bondi 87,5% e Cicchitto 89,9%.

Dio mio come sei caduto in basso Beppe!!!! Hai acquisito così tanta malvagità nei confronti della destra che hai citato 4 nomi di destra nei primi 10 assenteisti!! La cosa grave è che non hai citato i 6 mancanti!! Come se non esistessero! Questo vuol dire avere gli occhi foderati di
prosciutto!!
E pensare che una volta ti ritenevo una delle poche persone intelligenti rimaste!

paolo farnesi, cesena Commentatore certificato 31.07.08 22:36| 
 |
Rispondi al commento

NAPOLI – Potare gli alberi a fine luglio. Una follia secondo Maurizio Fraissinet, uno dei maggiori esperti in Campania in tema di tutela del patrimonio arboreo e correlazione tra smog e alberature stradali. Eppure a Napoli, in particolare in via Altamura, alcuni alberi sono stati potati: tranciate tutte le chiome, gli alti fusti si ergono senza verde, senza vita nelle afose giornate d’estate. «Tecnicamente è una follia. – denuncia Frassinet – Nessuno si sognerebbe mai di potare le piante nel periodo vegetativo più rigoglioso, cioè fine luglio, quando donano ossigeno, ombra e assorbono anidride carbonica». Ricordando che si combatte l’inquinamento piantando gli alberi, la potatura fuori dal periodo ideale danneggia la pianta nonché le sue benefiche funzioni ambientali. Nel comune di San Giorgio a Cremano ad esempio, è vietato potare le piante fuori dal periodo idoneo autunnale invernale. Il dottor Frassinet infine, fa appello agli uffici comunali preposti al verde nel garantire più attenzione nella concessione dei permessi, e dichiara: «Se fossi un residente di via Altamura farei una denuncia al Comune per danno ambientale».

C. Attanasio (verdecologista), Napoli Commentatore certificato 31.07.08 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma gliel’avete detto , voi statali, che sono rivisti in diminuzione i contingenti fissati dalla Finanziaria 2007 per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e che non vi pagheranno più gli straordinari perché sono in bolletta e che vi sentite indifesi davanti a questa legge che sa di truffa come tante altre ?
Ci pensate , ancora, che gli autori del decreto-legge 112-2008 si sono fatti una legge-regalo che permette loro di lavorare 3 settimane e di riposare la quarta ?
Non me ne voglia l’uomo di chiesa, ma non fu Dio, con il dovuto rispetto, a riposare il settimo giorno dopo essersi accorto di aver fatto cosa buona ? E questi cos'han fatto ?
BRUNETTA,, ma perché non chiudi la baracca e mandi a casa tutti gli statali ? Cazzo, sai che figurone? Altro che tesoretto: il tuo amico ministro del tesoro ci fa una figura da belin…
Smettetela di blaterare ! Lavorate. Non sono uno statale ma ti pago anch’io, perché sono Italiano e tu e gli altri del teatrino siete nostri dipendenti.
Date voi il buon esempio.
Pagate il Fondo di produttività 2007 ai vostri impiegati che se lo meritano !!
Scandalosa l’informazione assente della tivù di stato !
Oggi e tutta UN ... BISCIONE.
Bei tempi quelli del mitico Enzo Biagi – cinque minuti di vera informazione , di sacrosanta cultura di cui nutrire la mente - che si è tolto di mezzo da solo, tanto l’hanno stressato.
O i contraddittori tra l’Onorevole Giorgio Almirante e l’Onorevole Giovanni Berlinguer, che costituivano materia d’interesse per gli esami universitari di diritto.
Che pena.

francesco tonellotto 31.07.08 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Sono una fannullona della sanità pubblica, altro spauracchio italiano. Secondo il nanerottolo nel bimestre maggio-giugno 2008 le malattie sono diminuite del 74(?)% negli enti da "loro" controllati. Facile non ammalarsi d'estate, vedremo da settembre in poi.....sinceramente spero di non ammalarmi mai piu, vivo sola e se mi servono dei farmaci diventa un serio problema. Eventualmente telefono al Brunetta e mi faccio portare da lui i generi di prima necessità (ahahah).........

cinzia m 29.07.08 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Andate avedere questo sito:

http://it.youtube.com/watch?v=4XTDB-nJww0&NR=

e digitate sul motore di ricerca :

Interviste al caminetto. Renato Brunetta

luca Bena 27.07.08 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè la parola GIUSTIZIALISMO viene pronuniciata con disprezzo dalla bocca dei parlamentari come se fosse una bruttissima cosa?? che è?? volere un pò di giustizia è diventato un reato per caso???

silvia b. Commentatore certificato 27.07.08 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Basta siamo stufi di avere addosso l'etichetta di fannulloni, non facciamo di tutta un'erba un fascio, io personalmente mi sento offeso, in 20 anni non ho mai preso un solo giorno di malattia se veramente non ero ammalato, ora le cose cambiano non si ha più il diritto di ammalarsi e questo è vergognoso, in un intervista rilasciata dal Brunetta dice a chiare note che i sindacati non hanno fatto nulla per evitare questo suo decreto, ma ad essere sincero non mi meraviglio visto che per loro era importante che il Ministro non arrivava a toccare i permessi sindacali, VERGOGNATEVI SINDACATI e a voi Italiani se questo è vero risulta essere molto grave e allora CANCELLIAMOCI da questi pagliacci che dicono di rappresentaci.

luca Bena 27.07.08 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Forza a tutti e coraggio sta arrivando il LIBRO VERDE, finalmente qualcosa di nuovo che ci renderà tutti contenti e felici.

Fabio Fozzer 25.07.08 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Te lo dico io il perche': la gente ha voglia di solidita'. Pensa: prendero' meno soldi ma almeno sono "sicuro di non essere licenziato se al capo salta il grillo". Beh, ora avremo uno stipendio da fame e la possibilita' di essere licenziati.
E gli statali che lavorano, migreranno nel privato vero lasciando il pubblico alla malora. Almeno e' cio' che faro' io.
N.B. Ringrazio il presente governo per aver scatenato la guerra dei poveri privati contro i poveri pubblici, sviando abilmente l'attenzione dai ricchi privati e pubblici!
Non vi fate fregare dai mass media!

Enrico B. Commentatore certificato 25.07.08 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualcuno sa spiegarmi il motivo per cui se in italia si cercano persone per lavori tipo edilizia,agricoltura,panificazione,pizzaioli/e,salumieri ecc ecc nessuno risponde,tranne gli extracomunitari,concorso per 6 dipendenti pubblici corrono in 40.000.forse è chè tutti vogliono rompersi la schiena nel pubblico invece di grattarsi, evadendo il fisco, nel privato.rasegnatevi,credo sia semplicemente finita.

gigi boi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.07.08 13:39| 
 |
Rispondi al commento

PER DAVID BATTISTEL

...il punto è che questo cosiddetto "giro di vite" non risolve un bel nulla... io sono una statale e lo sono per forza di cose, nel senso che essendo bibliotecaria (laurea in conservazione dei beni culturali ad indirizzo librario) non avrei potuto fare la professione per cui ho studiato se non nello stato, visto che le biblioteche sono al 90% appartententi ad enti pubblici).
...ti assicuro che mi son sbattuta non poco per fare questo lavoro (che ti ripeto, è la cosa per cui ho studiato) tra traslochi, cambiamenti di città e di vita dovuti ai vari contratti a termine... e l'ho sempre fatto con passione...
Ho sempre pensato (sia quando ero a tempo determinato che ora che sono fissa) che fosse necessario rivedere un po' le cose nell'ambiente, perchè è vero, che uno lavori o che uno non lavori qui è uguale: uguale lo stipendio e uguali le possibilità di avanzamento di carriera... e allora spesso uno sceglie di non lavorare... di solito siamo noi new entries che ci facciamo un bel mazzo, un po' perchè siamo allenati da anni di cococo, un po' perchè non arriviamo a una data professione per caso ma per scelta e quindi per passione.
E' per questo che mi girano le palle...lavoro, lavoro per me e per la collega assenteista ma chi viene punita da questa riforma? solo la mia collega assenteista? no, vengo punita anch'io...

Fabiana G Commentatore certificato 25.07.08 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Il mio primo intervento non è legato all'argomento del giorno, ma ho un pensiero che mi gira da un pò per la testa e vorrei un consiglio, un aiuto, magari anche solo la consapevolezza che è una cavolata. Ho comprato una pomata per un orzaiolo all'occhio, usata due volte non mi è sevita più, è nuova, ho altri farmaci appena usati nel cassetto che non mi serviranno più...non si possono raccogliere questi farmaci generici che non si utlizzano fino in fondo e ridistribuirli gratuitamente? Metti anche la pasticca per il mal d'aereo,se so che non mi sevirà più e nel frattempo scadrà, perchè non farla utilizzare a qualcun'altro, così non spreco nulla? Fatemi sapere se è possibile, la mia mail: giafne@alice.it

Dafne P. Commentatore certificato 25.07.08 12:01| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mamma mia che schifo... ma non Brunetta, il blog di Beppe Grillo. Che mi pareva "indipendente" quando al governo c'erano gli amici di bottega (oscura), perché sparava contro il PDL (ovvio!) ma anche contro il governo (seppure con minor gusto). Ora i commenti che leggo mi sembrano degni di una festa dell'unità dei bei tempi andati, di quelle con con tanto di bandieroni falceemartelluti e di baffoni girovaganti. Bè, finalmente è venuta a galla (e occhio a ciò che galleggia...) la vera natura del blog. Possibile che anche il SACROSANTO giro di vite contro l'assenteismo e il menefreghismo di una parte (non dico tutti, ma una parte...) dei dipendenti statali sia tacciato come l'ennesimo atto vessatorio di un governo che sta rovinando l'Italia? Attenzione, ché quello che l'Italia l'ha rovinata veramente è stato mandato a casa alle scorse elezioni! Avanti popolo...

David Battistel 25.07.08 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Adesso è giunto veramente il momento di dire basta!

Come lavoratori pubblici non ne possiamo più: criminalizzati, mal pagati, messi quotidianamente alla gogna dai mezzi d'informazione, esposti senza alcuna difesa, senza alcun contraddittorio al pubblico ludibrio!

Nessuno ci difende più!

CGIL CISL UIL hanno troppi interessi con i governi e mai e poi mai potranno fare i nostri. I POLITICI hanno altro a cui pensare e non hanno certamente tra le loro priorità quella di arrivare a fine mese!

Ribelliamoci e rialziamo la testa!

Sta per nascere un nuovo movimento politico:
il nostro partito!

I tempi sono ormai maturi per dare vita alle aspettative del popolo delle buste paga.
Un popolo fatto di gente che campa di stipendio e che non ha la possibilità di adeguare autonomamente le proprie entrate al costo della vita.
Un popolo che non si sente adeguatamente rappresentato in parlamento da questa classe politica nè sufficientemente tutelato sul posto di lavoro da questi sindacati che dovrebbero difendere il potere d’acquisto di salari e pensioni.
Un popolo che ha più volte palesato su queste pagine la necessità di un nuovo soggetto politico.
Ebbene, adesso, il momento è arrivato!
Ma come sempre, prima di prendere qualsiasi iniziativa, vogliamo sentire anche il "tuo" parere circa la scelta del nome e del simbolo da dare al partito della nostra categoria.

>>> TI ASPETTIAMO SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM



Ti invio questo link molto interessante in cui Anne Leonard ci spiega la "storia delle cose", tradotto in italiano. Dura circa 20 minuti ed è molto esaudiente riguardo il nostro modo di vivere. Qualcuno più sensibile ha già inteso il problema, ma sono ancora molti quelli che non si rendono conto di come vivono: http://altrabrescia.ning.com/profiles/blog/show?id=2041463%3ABlogPost%3A1663
Mi auguro che gli dedichi lo spazio necessario per propagandare questa iniziativa del sito "altrabrescia".
Non ho niente a che vedere con questo sito, ci sono capitato per caso è ho trovato la cosa molto interessante soprattutto per come viene spiegata.
Buona serata.
Pietro Atimere.

Pietro Atimere 25.07.08 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Scosse di terremoto e impianto di stoccaggio gas a Rivara (San Felice sul Panaro).
Scrivo qui perché sono sicura che qualcuno potrà fare mente locale e magari, indagare, sugli sviluppi degli esperimenti dell'impianto di stoccaggio i gas a Rivara.
Mi riferisco agli episodi sempre più frequenti di scosse di terremoto che si sono avvertite negli ultimi tempi (da marzo a stamattina presto) con epicentro San Felice e la zona del Modenese. Mi chiedo se, mentre le proteste continuano, non stiano continuando anche le prove e si stia già stoccando del gas. Qualcuno è in grado di poter verificare lo stato dell'arte. Non nascondo la mia preoccupazione.

Romina Fossati 24.07.08 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Ho da mettere in risalto una cosa.. senza chiamarla "mobbing".. mi piace più SOPRUSO, SOPRAFFAZIONE, da parte di un "direttore sanitario" nei confronti di un'Assistente Sociale.
L'A.S. è una laureata anche lei, ha molta esperienza e.. l'ufficio che occupa attualmente, gli sta davvero stretto, ma tantè.. non riesce a fare quasi nulla perchè non ha nè i dovuti strumenti nè la dovuta considerazione.
Vengo al punto, che poi riguarda l'ultima di tante situazioni avvenute. Un "barbone" viveva trascinandosi nell'Ospedale e, quindi, viene avvertita l'A.S. per verificare un attimo la situazione. Trattavasi di un uomo sulla cinquantina, non messo malissimo,con problemi fisici non esagerati, i problemi riguardavano più che altro la sfera psicologica (non psichiatrica) - L'A.S. si impegna a trovare un ricovero per l'individuo e contatta una casa di "cura, soggiorno" la quale si impegna ad occuparsi del soggetto. La pensione non bastava per pagare la retta necessaria, pertanto l'A.S., dopo aver stilato una dettagliata relazione, appronta un fax da inviare al comune di residenza dell'individuo che, in ottemperanza alla legge, doveva ottemperare alla mancante parte della retta da pagare. Quest'ultima operazione "il Fax" doveva essere vagliata dal Direttore Sanitario e trasmessa dal suo personale ufficio. L'A.S., quindi, ritenendo l'operazione di "routine", fa sì che il soggetto si sistemi nella struttura suddetta. Passa il primo mese e.. sorpresa, non vi sono soldi, nè notizie nè comunicazioni a riguardo.. sapete perchè? IL FAX DALL'UFFICIO DEL DIRETTORE NON E' MAI PARTITO, IL COMUNE E' ALL'OSCURO COMPLETO sia dell'individuo, che della sua sittuazione. Che succederà - Il pover'uomo verrà SBATTUTO PER STRADA! MENDICHERA', VAGABONDERA' NEI PRESSI E DENTRO L'OSPEDALE - E QUESTO, PER L'INCURIA DI UN "DIRETTORE SANITARIO" PRONTO SOLO ALLE INTERVISTE E ALLE MANIFESTAZIONI A FAVORE DELLA CASTA DEI "DOTTORI" DEI "PROFESSORI" e poi nega all' A.S. anche la linea telefonica diretta! niente

andrea vergalito Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.07.08 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Gentile signor Grillo scusi se scrivo qui ma non saprei dove! Ho visto in TV un programma che parlava della condanna inflitta ad un "signore" che ha ucciso una ragazza di 20 anni (Jennifer Zacconi) in modo brutale e cruento, e non solo...la piccola portava in grembo il figlio di questo essere che non ha esitato a seppellirla viva...Chiedo nella mia ignoranza: come si fa, in quello che viene definito dai nostri così bravi governanti un paese civile, a non condannare questo tizio per duplice omicidio? Perchè se una donna abortisce fuori tempo consentito è infanticidio e se il padre prende a calci la futura mamma in procinto di partorire e la seppellisce viva (quindi toglie la possibilità di vita anche al feto) non è infanticidio? Perchè un feto è un essere vivente quando gli pare a chi gli fa comodo e a pochi giorni dal parto (quindi respira, vede, beve, si nutre...indirettamente ma VIVE) non lo è più? Ma chi legifera si rende conto dell'incongruenza? Dell'assurdità? Della discriminazione? Qualcuno di questi geni della legge mi potrebbe rispondere o/e spiegare ciò? Tramite Lei intanto porgo le condoglianze ad una famiglia che si è vista portare via una figlia e sorella di 20 anni e che non ha mai conosciuto il sorriso del nipote, Hevan. Con il cuore e con la mente condanno una persona che di umano non ha proprio nulla e permettetemi di chiedere di non definirlo "bestia" perchè nessun animale uccide gratuitamente come invece noi esseri umani siamo così bravi a fare. Si può invitare qualcuno di "importante" a promulgare una qualche legge o simile in casi come questo? Ripeto rimango allibita davanti a tanta crudeltà non punita, e soprattutto davanti al fatto che costui non si farà certo i 30 anni di pena che gli sono stati inflitti; hanno mai pensato i legislatori o chi di dovere che queste cose potrebbero succedere ai loro cari? Dovrebbero rifletterci, se ci penso io mi viene voglia di strozzare il colpevole senza il benché minimo rimorso. Grazie per l'ospitalità Lory

Loredana Franchi 24.07.08 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno,
chiedo se potete aiutarmi sul fatto che il comune di Venezia ha variato la CARTA VENEZIA, senza avvertire personalmente, ogni possessore di detta carta.
Questa carta permette di avere sconti vantaggiosi per i trasporti pubblici all'interno del comune di Venezia, per tutti i cittadini Veneti che la posseggono.
Ho già inviato una richiesta all'ACTV, il 01/07/2008, cioè il giorno che me lo hanno fatto notare ai botteghini, dove fanno i biglietti per il vaporetto.
La carta Venezia in mio possesso, doveva durare 5 anni, invece l'hanno fatta scadere, ed ora, nonostante io abbia pagato per averla, sarei costretto a rifarla (PAGANDO!), altrimenti pago i prezzi da turisti (molto alti), per spostarmi, per lavoro, con gli automezzi pubblici, all'interno del comune di Venezia.
Ringraziando anticipatamente per la Vs. cortese attenzione, porgo cordiali saluti.

Cristiano Martini Commentatore certificato 24.07.08 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Adesso è giunto veramente il momento di dire basta!

Come lavoratori pubblici non ne possiamo più: criminalizzati, mal pagati, messi quotidianamente alla gogna dai mezzi d'informazione, esposti senza alcuna difesa, senza alcun contraddittorio al pubblico ludibrio!

Nessuno ci difende più!

CGIL CISL UIL hanno troppi interessi con i governi e mai e poi mai potranno fare i nostri. I POLITICI hanno altro a cui pensare e non hanno certamente tra le loro priorità quella di arrivare a fine mese!

Ribelliamoci e rialziamo la testa!

Sta per nascere un nuovo movimento politico:
il nostro partito!

I tempi sono ormai maturi per dare vita alle aspettative del popolo delle buste paga.
Un popolo fatto di gente che campa di stipendio e che non ha la possibilità di adeguare autonomamente le proprie entrate al costo della vita.
Un popolo che non si sente adeguatamente rappresentato in parlamento da questa classe politica nè sufficientemente tutelato sul posto di lavoro da questi sindacati che dovrebbero difendere il potere d’acquisto di salari e pensioni.
Un popolo che ha più volte palesato su queste pagine la necessità di un nuovo soggetto politico.
Ebbene, adesso, il momento è arrivato!
Ma come sempre, prima di prendere qualsiasi iniziativa, vogliamo sentire anche il "tuo" parere circa la scelta del nome e del simbolo da dare al partito della nostra categoria.

>>> TI ASPETTIAMO SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.07.08 09:39| 
 |
Rispondi al commento

BASTA CON QUESTA VERGOGNOSA CAMPAGNA DENIGRATORIA NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO IMPIEGO!

BASTA CON LA CACCIA ALL'IMPIEGATO STATALE!

BASTA STIPENDI DA FAME NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE!

SIAMO CITTADINI EUROPEI E PRETENDIAMO SALARI EUROPEI.

Come risolvere il problema salariale?
Dove reperire i fondi per equiparare la retribuzione del pubblico impiego alla busta paga dei travet "europei"?


Siamo sì entrati in Europa, ma lo stipendio di un impiegato ed il suo potere d’acquisto è stato dimezzato dall'entrata in vigore dell'EURO!

* Un lavoratore dipendente che prima guadagnava 2.400.000 LIRE, oggi percepisce una busta paga di 1.200 Euro!

* Un chilo di pane che prima costava appena 500 LIRE, oggi costa 5 EURO!

Con l'EURO si è registrato un caro prezzi incontrollato, ingiustificato ed in continua escalation: il costo della vita è raddoppiato se non triplicato o addirittura quadruplicato, come in moltissimi casi!


Alcune categorie, quelle delle "buste paga", si sono impoverite, ma "altre" si sono arricchite!
Non se ne può davvero più!

I rinnovi contrattuali - proposti dalle organizzazioni sindacali di concerto con i vari governi che di volta in volta si susseguono alla guida del Paese - sono a dir poco "ridicoli"!

Ma come ridare dignità ai dipendenti della Pubblica Amministrazione senza mettere le mani in tasca agli italiani e senza incidere negativamente sul bilancio dello Stato?


Ecco la nostra proposta per portare lo stipendio di un dipendente pubblico (posizione economica di riferimento B3) dagli attuali 1.200,00 euro ad una retribuzione di 1.800,00 euro.

Per un salario al passo con il costo della vita e secondo gli standard comunitari vieni a scoprire le nostre proposte e le nostre iniziative su
>>>> http://statali.blogspot.com

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.07.08 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Sono andato in un commisariato della Capitale per fare un documento di riconoscimento per mia figlia minorenne. Dietro il bancone A METTERE TIMBRI SU MODULI VARI c'erano poliziotti in divisa (almeno 4) di età non superiore ai 35 anni che alla domanda : "Quando sarà pronto?" ci hanno risposto che era in funzione delle visite di stato o ordine pubblico a cui erano comandati. Mi viene da pensare.. Questi "ragazzi" sono stati "formati" per fare i poliziotti, con corsi i cui costi gravano sulla comunità e non per fare gli impiegati dietro uno sportello a mettere timbri o riempire moduli, in un momento in cui gli organici sulla strada sono insufficienti( mancano 3.000 tutori dell'ordine) e Brunetta prende di mira il pubblico impiego. Come al solito qualcosa non mi torna!!!!

Giacomo Pugliese 24.07.08 00:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

LO SCOPO DI BRUNETTA E SOCI NON E' MICA AUMENTARE L'EFFICIENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, MA SOLO TOGLIERE UN PO’ DI SOLDI DALLE TASCHE DEI DIPENDENTI PUBBLICI!
Ma come si può pensare di aumentare l'efficienza eliminando tutti gli incentivi economici legati al miglioramento dei servizi? E rinunciando completamente a prendere risorse fresche? (un dipendente nuovo ogni dieci che vanno in pensione !).
Poiché non sono in grado di trovare e colpire quelli che evadono le tasse (o più probabilmente non li vogliono trovare) spremono i pubblici dipendenti, tanto se lo meritano, visto che sono TUTTI fannulloni !!! Seguendo la stessa logica generalizzatrice e propagandistica perché non multare TUTTI i commercianti, visto che sono TUTTI evasori?

Mariano Marinelli (echest'è) Commentatore certificato 23.07.08 18:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

"Sono stanco di sentire lamentele, anche se a ragione.Ogni persona ha il
dovere morale e civile,almeno per una volta nella sua vita,di smettere di
lamentarsi,di aprire gli occhi,di guardare in faccia la realtà e di agire
con fatti concreti.Mi rivolgo anche a Beppe Grillo per dirgli che è
arrivato il momento di dire basta e agire con i fatti e con la stessa
moneta di questi parlamentari.I nostri parlamentari fanno uso e abbuso di
carta e penna e dall'oggi al domani ti piazzano una legge senza alcuna
possibilità di confronto democratico e sociale con le varie forze presenti
sul territorio italiano.
Allora tocca a noi unirci e utilizzare la loro stessa arma,quale carta e
penna,e promuovere dei referendum seri e non alla "Pannella maniera".
Referendum tali da far tremare la classe politica intera e che
assicurerebbero all'ITALIA il risanamento del deficit pubblico.
A conti fatti un risparmio di ben 40-42 miliardi di euro all'anno con tagli
a privilegi e privilegiati.
Veniamo al dunque:caro Beppe,se davvero non vuoi perdere consensi ed io ti
stimo,agisci con fatti e non più con parole;non è proprio il momento.
Illustro brevemente i referendum:
1)Abolizione senato.
2)Riduzione da 630 onorevoli a 330 tutto.
3)Abolizione province.
4)Riduzione delle auto blu da 540.000 a 2000.
5)Abolizione pensione agli ex parlamentari.
6)Adeguamento stipendio dei parlamentari italiani a quelli europei.
7)Abolizione comunità montane.
8)Riduzione su tutto il territorio nazionale per le giunte comunali e
regionali del 35% di assessori.(Esistono assessori inutili e scaldasedie).
9)Abolizione circoscrizioni comunali.
10)Abolizione enti inutili e costosi.
Questi sarebbero i referendum primari da promuovere per garantire il
risanamento pubblico.
Resto a disposizione per l'ennesima volta anche per te caro Beppe se vuoi
delucidazioni dettagliate sui vari referendum.
Chiunque voglia contattarmi il mio numero telefonico è il
seguente:3339319797 SILVANO PENNA


SILVANO PENNA Commentatore certificato 23.07.08 18:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASTA CON QUESTA VERGOGNOSA CAMPAGNA DENIGRATORIA NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO IMPIEGO!

BASTA CON LA CACCIA ALL'IMPIEGATO STATALE!

BASTA STIPENDI DA FAME NEL PUBBLICO IMPIEGO!

SIAMO CITTADINI EUROPEI E PRETENDIAMO SALARI EUROPEI.

Come risolvere il problema salariale?
Dove reperire i fondi per equiparare la retribuzione del pubblico impiego alla busta paga dei travet "europei"?


Siamo sì entrati in Europa, ma lo stipendio di un impiegato ed il suo potere d’acquisto è stato dimezzato dall'entrata in vigore dell'EURO!

* Un lavoratore dipendente che prima guadagnava 2.400.000 LIRE, oggi percepisce una busta paga di 1.200 Euro!

* Un chilo di pane che prima costava appena 500 LIRE, oggi costa 5 EURO!

Con l'EURO si è registrato un caro prezzi incontrollato, ingiustificato ed in continua escalation: il costo della vita è raddoppiato se non triplicato o addirittura quadruplicato, come in moltissimi casi!


Alcune categorie, quelle delle "buste paga", si sono impoverite, ma "altre" si sono arricchite!
Non se ne può davvero più!

I rinnovi contrattuali - proposti dalle organizzazioni sindacali di concerto con i vari governi che di volta in volta si susseguono alla guida del Paese - sono a dir poco "ridicoli"!

Ma come ridare dignità ai dipendenti della Pubblica Amministrazione senza mettere le mani in tasca agli italiani e senza incidere negativamente sul bilancio dello Stato?


Ecco la nostra proposta per portare lo stipendio di un dipendente pubblico (posizione economica di riferimento B3) dagli attuali 1.200,00 euro ad una retribuzione di 1.800,00 euro.

Per un salario al passo con il costo della vita e secondo gli standard comunitari vieni a scoprire le nostre proposte e le nostre iniziative su
>>>> http://statali.blogspot.com

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.08 15:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

BASTA STIPENDI DA FAME NEL PUBBLICO IMPIEGO!

SIAMO CITTADINI EUROPEI E PRETENDIAMO SALARI EUROPEI.

Come risolvere il problema salariale?
Dove reperire i fondi per equiparare la retribuzione del pubblico impiego alla busta paga dei travet "europei"?


Siamo sì entrati in Europa, ma lo stipendio di un impiegato ed il suo potere d’acquisto è stato dimezzato dall'entrata in vigore dell'EURO!
* Un lavoratore dipendente che prima guadagnava 2.400.000 LIRE, oggi percepisce una busta paga di 1.200 Euro!

* Un chilo di pane che prima costava appena 500 LIRE, oggi costa 5 EURO!

Con l'EURO si è registrato un caro prezzi incontrollato, ingiustificato ed in continua escalation: il costo della vita è raddoppiato se non triplicato o addirittura quadruplicato, come in moltissimi casi!


Alcune categorie, quelle delle "buste paga", si sono impoverite, ma "altre" si sono arricchite!
Non se ne può davvero più!

I rinnovi contrattuali - proposti dalle organizzazioni sindacali di concerto con i vari governi che di volta in volta si susseguono alla guida del Paese - sono a dir poco "ridicoli"!

Ma come ridare dignità ai dipendenti della Pubblica Amministrazione senza mettere le mani in tasca agli italiani e senza incidere negativamente sul bilancio dello Stato?


Ecco la nostra proposta per portare lo stipendio di un dipendente pubblico (posizione economica di riferimento B3) dagli attuali 1.200,00 euro ad una retribuzione di 1.800,00 euro.

Per un salario al passo con il costo della vita e secondo gli standard comunitari vieni a scoprire le nostre proposte e le nostre iniziative su: http://statali.blogspot.com

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.08 14:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

IMPIEGATI STATALI: carne da macello!

Ai suoi “amici-sindacalisti" del pubblico impiego, che si dicono tanto “agitati” per le risorse destinate al contratto, il governo manda a dire che non ci sarà nessun taglio per i rinnovi contrattuali del pubblico impiego e di restare calmi: i fondi restano quelli stabiliti nel Documento di programmazione economica e finanziaria.
E lì c’è scritto che i rinnovi si faranno tenendo conto dell’inflazione programmata, che è fissata all’1,7 per quest’anno e all’1,5 nel 2009.
Toccherà poi alla legge finanziaria quantificare e finalizzare le risorse necessarie, insomma definire la cifra che equivale a quegli obiettivi di inflazione.


Così, dopo l’ennesima beffa (apprestiamoci a ricevere in busta paga 40euro netti!!!), lo sberleffo finale: il governo invita i sindacati a sedersi al tavolo per avviare la “riforma” del modello contrattuale del lavoro pubblico.

...un sindacato serio, un sindacato degno di questo nome, un sindacato fatto realmente dai lavoratori e non da aspiranti parlamentari, neanche immaginerebbe un tavolo negoziale con questi presupposti!

In busta paga i lavoratori e i pensionati si aspettano un incremento di 700/1.000 euro al mese e non la questua dei 40euro previsti in finanziaria!


Ma oggi lavoratori e pensionati, non hanno difesa, non hanno armi per tutelare il potere d'acquisto delle proprie retribuzioni.


E ALLORA MEGLIO NIENTE!

MEGLIO NESSUN CONTRATTO CHE QUESTA "VERGOGNOSA" ELEMOSINA!!!

BASTA STIPENDI E PENSIONI DA FAME IN ITALIA!

>>> sostieni anche tu la nostra battaglia su: http://statali.blogspot.com


IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.08 08:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ho letto che Oliviero Di liberto, a conclusione del congresso del Partito svolto da poco, ha detto che per non dare l’impressione di essere divisi - gli iscritti non potranno più contestare sui mass media le decisioni prese dal partito- ……………………PICCOLI LENIN A VOLTE RITORNANO
Cosa si poteva sperare con certe persone al governo (2°)

leo R. Commentatore certificato 22.07.08 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Io sono esterrefatta dalla stupidità umana, o forse vuole esser il solito attacco allo stato per accativarsi il commmenti dei soliti leccapiedi berlusconiani????!!!!!
Mi riferisco alla fiscalità del brunetta che non si preoccupa di chi si spaccia per lavoratore (es.loro parlamentari) che parlano parlano parlano e non fanno un minimo sforzo per far produrre il nostro paese!!!!!!!!!!!!!
Perchè non si preoccupa dei suoi colleghi che stanno al telefonino e si scmbiano magari sms con l'amante???????!!!!!!!!!!!
Perchè non si preoccupa invece di coloro al parlamento che scaldano la sedia o quella del loro studio privato ( poveri hanno un doppio lavoro perchè non riescono ad arrivare alla fine del mese???????!!!!!!!!!!!!!!)
perchè non si preoccupa di controllare quelle effettive categorie che appoggiate dai dirigenti pubblici, vedi nella scuola tirapiedi di direttori/trici come psipedagogisti, segretarie e bidelle che, quest'ultime sono aggiornate più di noi insegnanti(passano ogni santo giorno a spulciarsi il quotidiano)... oHHHHHHHH per non parlare di ciò che sanno fare benissimo col RICAMO, altro che vigilanza e produttività...
e chi ne piange????????????????????
i soliti imbecilli degli insegnanti che oltre a combattere con l'arroganza di chi si appropria del potere, combattono con le bidelle che non ci sono, le segretarie arroganti, le fotocopiatrici che no n funzionano, LE ASSENZE DEI DIRIGENTI e...muri della scuola e annessi e connessi che cadono a pezzi............
PERCHE' IL CARISSIMO BRUNETTA NON SI FA UN BEL PERIODO DI TIROCINIO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E CONTROLLA, INVECE, CHI LAVORA E CHI SI GRATTA???????????????????????

INOLTRE MI CHIEDO: DOVE DIAVOLO SONO I SINDACATI????????????????????????????????????????
CISL, CGIL E UIL COME MAI NON VI SI SENTE MAI IN QUESTI MOMENTI COSI' IMPORTANTI SPECIE QUANDO SI VOGLIONO FARE DEI MANAGER I DIRIGENTI SCOLASTICI???????????????????????????????????

sponky s. 22.07.08 18:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa mattina ad Omnibus si La7,si parlava di federalismo fiscale e ho sentito l’ex Ministro Ferrero fare un giro di parole che si può sintetizzare così: “non si può fare perché le regioni del sud si sa che sono poco produttive (lavorano poco), quindi non avranno le risorse di cui necessitano.
Secondo lui c’è una insuperabile differenza antropologica tra Nord e Sud che non potrà mai essere superata; poverino !!!!
Cosa si poteva sperare con certe persone al governo.

leo R. Commentatore certificato 22.07.08 18:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

...un sindacato serio, un sindacato degno di questo nome, un sindacato fatto realmente dai lavoratori e non da aspiranti parlamentari, neanche immaginerebbe un tavolo negoziale con questi presupposti!

In busta paga i lavoratori e i pensionati si aspettano un incremento di 700/1.000 euro al mese e non la questua dei 40euro previsti in finanziaria!


Ma oggi lavoratori e pensionati, non hanno difesa, non hanno armi per tutelare il potere d'acquisto delle proprie retribuzioni.


E ALLORA MEGLIO NIENTE!

MEGLIO NESSUN CONTRATTO CHE QUESTA "VERGOGNOSA" ELEMOSINA!!!

BASTA STIPENDI E PENSIONI DA FAME IN ITALIA!

>>> sostieni anche tu la nostra battaglia su: http://statali.blogspot.com

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.08 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Come diceva il compianto Fabrizio De Andre',"un nano è una carogna di sicuro, perchè ha il cuore troppo, troppo vicino al buco del culo". Ci sono persone che si vendicano del loro stato anche in questi modi. Io sono un dipendente enti locali, ed é dal 1980 che mi faccio un culo tanto, con una media di cinque otto giorni all'anno di malattia.Già che é nano e si nasconde bene, che andasse a vedere nei bar e negozi nei pressi dei ministeri e degli stessi palazzi di governo quanti "nostri" dipendenti vi trova e, se più lontano, con quali mezzi ci vanno (di colore blu). Che facesse una media degli stipendi, suo e suoi simili, con quelli di pari grado del resto d'Europa e il confronto con lo stipendio degli statali e parastatali ed i loro pari grado europei. Scoprirebbe che sono: i loro i più alti ed i nostri i più bassi. Come al solito cambiano le facce, cambiano i nomi dei partiti ma tutti fanno mille promesse che poi non mantengono e sempre sulla pelle della povera gente, quella che alla fine tira la carretta e loro sopra a farsi trasportare nei migliori alberghi, nei migliori ristoranti ecc. e i muli fuori a sognare "che bello sarebbe".
VERGOGNA!!!
VITTORINO

Vittorino Londero 22.07.08 15:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Brunetta, razza di handicappato, comincia a diminuirti lo stipendio tu e gli altri fannulloni tuoi pari. La visita fiscale comincia a mandarla al tuo padrone, lo schizopsiconano.

Attenzione perchè così rischi grosso, assieme ai tuoi compari!

Giuliano R. Commentatore certificato 22.07.08 14:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ma guarda 'sto figlio di puttana..

"...Sarà perché il buon vino (dice scherzosamente lui stesso), sta nella botte piccola; sarà perché ha conosciuto da piccolo la povertà (vendeva con il padre le gondoline di vetro ai turisti di Venezia come souvenir) e, quindi, non ama da sempre le spese pazze, ma Brunetta sta davvero bruciando le tappe. E avverte: ho ancora tante cartucce da sparare."

Non credo proprio perchè non arrivi a Natale pezzo di merda!!

Giuliano R. Commentatore certificato 22.07.08 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Voglio esprimere in modo forte e chiaro un bravo a chi a pensato e scritto questa lettera, sul serio ed il faceto (mica tanto); abituiamoci tutti a questa lettura, in particolare sui temi che riguardano tutto cio che si dice di fare e di volere, ma che di fatto, guarda caso, ognuno razzola e rema contro (ed in modo sistematico). Ancora grazie. Ennio Colletti.
E-mail: enniodrcolletti@libero.it

ennio colletti Commentatore certificato 22.07.08 12:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Voglio esprimere in modo forte e chiaro un bravo a chi a pensato e scritto questa lettera, sul serio ed il faceto (mica tanto); abituamoci tutti a questa lettura in particolare sui temi che riguardano tutto cio che si dice di fare e di volere, ma che di fatto, guarda caso, ognuno razzola e rema contro (ed in modo sistematico). Ancora grazie. Ennio Colletti.
E-mail: enniodrcolletti@libero.it

ennio colletti Commentatore certificato 22.07.08 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe legare lo stipendio dei deputati alle presenze in aula sepre chè si riesca a debellare lo scandalo dei pianisti

Antonio Peletti (chipaga) Commentatore certificato 22.07.08 11:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

BELLISSIMO, STUPENDO, STREPITOSO:
"FANTABUROCRATICO"!!!

L'amico dello Psico-nano - il nanerottolo brunetta - con la sua circolare relativa alle malattie del pubblico impiego, ha scatenato la fantasia di tutta la più "alta" dirigenza pubblica!
Ha mobilitato tutti i più "alti" vertici ministeriali che hanno commissionato sondaggi e statistiche in tutti gli uffici e richiesto l'aggiornamento dei programmi per l'inserimento delle malattie: distogliendo il personale dai compiti di istituto!

Dai voglia e tempo all'utente-cittadino per aspettare che la sua pratica venga evasa: gli impiegati sono tutti indaffarati a contare i propri ed altrui giorni di malattia!!!

>>> HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.08 11:27| 
 |
Rispondi al commento

mah mah mah

Torino Centro Commentatore certificato 22.07.08 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe un paio di cose.
Italiani dovete sapere che i Professori Univeristari come Brunetta, Ichino, Bassanini fanno 120 ore all'anno pari a 20 giorni all'anno ed hanno pure gli assistenti. Guadagnano il doppio se non il triplo, possono fare consulenza, avere un'altra attività. Altrimenti come si spiega che Ichino è professore, scrive i libri, è consulente del governo, ecc Abbiamo trovato i veri superfannulloni. E pensare che c'è gente che pensa che Brunetta stia facendo bene. Pensate che nello scandalo della monezza vede coinvolti professori come Vanoli e anche se non inquisito il Professore Cesarano. Se pensate che adesso si rifanno i consigli di amministrazione e altri professori sostituiranno i vecchi. Vorrei vedere se uno dicesse: guarda professore Tu hai avuto l'opportunità dallo stato di studiare adesso fai il consulente gratis per lo stato. non si capisce perchè i professori Universitari non debano essere paragonati ai professori di scuola che tralaltro lavorano di più.

samuele testi Commentatore certificato 22.07.08 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Conclusioni. Non proprio a metà. Prevale il partito dei destrorsi. Come alle elezioni. Anche quelli sinistrorsi finiscono per ammettere la ragione di Brunetta. E finiscono male. Non perchè non si tratti di un fenomeno da combattere, ma perchè con la persuasione occulta e le varie retoriche non si rendono conto che abboccano e danno ragione a lui su tutta la linea. in politica non si può sposare solo parte di una persona. Se gli dai anche una minima ragione, sei fottuto del tutto, su tutta la linea e prevale lui. Prevale anche sulle cose sbagliate, che dovrebbero, al contrario, buttare sotto sopra tutta la sua sparata contro l'intera categoria. Bisogna dire invece che Brunetta ha sparato sulla folla. E non lo ha fatto per necessità, ma per incapacità e menefreghismo. Nessuna capacità di affrontare il problema nel suo dettaglio e nessun interesse profondo nei confronti del problema stesso e delle sue basi. Mi chiedo perchè non si fa la stessa cosa anche per risolvere l'evasione fiscale degli sbruffoni che credono di essere la colonna portante dello stato mentre in realtà perseguono il loro misero interesse privato e sfruttano il lavoro di qualcuno per farlo. Ma forse non sarebbe giusto, anche nel privato, sparare nel mucchio. Voglio dire che i problemi si risolvono con interventi specifici, di riorganizzazione, di lavoro sugli sprechi, di incentivazione, di riqualificazione professionale ecc. Bisogna impegnarsi nei loro dettagli, nella loro genesi, non lasciarsi andare ad epurazioni e stupide punizioni collettive. E vale per tutti, anche per liberi professionisti ed imprenditori, alcuni dei quali, rarissimi, pagano tutte le tasse ed evitano di fare i bastardi truffatori fuorilegge sboroni e generalisti.

Piero Spinelli Commentatore certificato 22.07.08 10:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Però si pensa bene a demolire la figura del pubblico dipendente agli occhi dell'opinione pubblica, e solo per continuare ad agire indisturbati:

criminalizzando il pubblico dipendente, per finire di svendere come pubblica amministrazione, ma acquistare come privato cittadino imprenditore;
si annulla ogni articolo Costituzionale, discriminando una parte del mondo del lavoro;
però si pensa bene a non togliere le giornate di malattia a coloro che (purtroppo) devono curarsi con terapie salvavita, che guarda caso, si riducono solo al giorno della terapia ospedialiera, il resto della malattia è considerata malattia e basta, e chi lo dice a chi stà morendo di cancro che è un lavativo fannullone, e che per questo gli verrà trattenuta una parte di stipendio?;
Potrei starvene ad elencare tante, perchè è dalla gente che campa con €.1000,00 al mese che dovreste imparare, perchè non eliminate un po', e dico solo un po' dei benefici che avete? In fin dei conti siete miei dipendenti, superpagati, ma sempre miei dipendenti.

Non voglio anoiarVi oltre, ma Vi ringrazio se siete arrivati a leggere fino qui.

Susanna De Carli

Susanna De Carli 22.07.08 09:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

E adesso veniamo a noi, visto che non si possono usare le mail delle Istituzioni, per scopi non attinenti al lavoro che le stesse Istituzioni svolgono, vorrei chiederVi di riflettere su alcuni punti essenziali della manovra correttiva di questo Governo, e cioè come si possa parlare di aumento di produttività......... chi la comprerà tutta questa produttività?
I salari sono sempre più risicati dall'inflazione, le pensioni (per i fortunati che ci arrivano) sono irrisorie;
manca una politica seria della CASA;
manca un piano occupazionale che non è certo stato risolto con la detassazione degli straordinari e che a proposito facendo due conti, non si risparmia poi molto a lavorare di più, all'incirca sono €.0,90 l'ora......;
manca il rispetto nei confronti della gente comune, che è quella che non evade, per certo, le tasse.
Però si pensa bene alla sicurezza dei cittadini:
inserendo l'immunità Parlamentare per le 4 più alte cariche dello Stato;
annullando i Processi che non superano condanne oltre i 10 anni;
prevedendo di prendere le impronte digitali, senza con questo abolire la ridicola Legge sulla Privacy;
coinvolgendo l'esercito nella difesa del cittadino, e mi chiedo quando arriveranno i carrarmati in strada, ma forse qualcuno già ci ha pensato;
impedendo alla Magistratura, ma solo quella che contesta, di fare Legalmente il Suo lavoro, perchè Politico significa Integerrima Onestà.

Susanna De Carli 22.07.08 09:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

******************************************************************************
GLI STIPENDI SEGNANO IL PASSO, EPPURE IL NUMERO DEI DIPENDENTI PUBBLICI E' IN CONTINUO AUMENTO!
******************************************************************************

"Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa". Art. 36 della Costituzione


Ridurre le dimensioni e i costi dell'amministrazione pubblica italiana riducendo il numero dei dipendenti pubblici: è "il finto obiettivo" dei diversi governi che si sono avvicendati negli ultimi anni, dal momento che, nonostante i flebili tentativi per decentralizzare le competenze, il personale pubblico negli ultimi dieci anni è ancora cresciuto, sia negli enti locali sia nell'amministrazione centrale.

A metterlo nero su bianco è la corte dei Conti nella sua Relazione sul rendiconto generale dello Stato.

Tra il 1997 e il 2007 l'apparato statale è cresciuto di 126 mila unità (+3,6%), di cui 106 mila nelle amministrazioni centrali e 21 mila in quelle locali (Regioni, Province, Comuni).

Nei ministeri si è poi rafforzata la presenza di personale e uffici di livello dirigenziale, con un aumento tra il 2001 e il 2005 del 21%.

Da questi dati si evince che la politica - che spesso, troppo spesso sputa nel piatto in cui mangia, denigrando continuamente i suoi “dipendenti” al grido di fannulloni! - considera ancora il pubblico impiego una discreta fonte di potere!

Gonfiare gli organici, aumentare a dismisura il numero dei dirigenti per “sistemare” gli amici degli amici vuol dire però collassare le retribuzioni del settore pubblico e paralizzare la vita amministrativa di questo paese, un paese geneticamente burocratizzato.

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.08 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Dio creò l'uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò;
maschio e femmina li creò.

Dio li benedisse e disse loro:

"Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra;
soggiogatela e dominate
sui pesci del mare
e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente,
che striscia sulla terra".

Poi Dio disse: "Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde". E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno.

Poi........ il settimo giorno Dio si riposò, stanco per il troppo lavoro svolto, tolse il Suo Divino sguardo dalla creazione, e si addormentò........... ignaro e fiducioso che tutto il creato procedesse e crescesse secondo il Suo volere..........

ma ecco!

Non si era accorto, che dalla costola di Adamo, era sfuggita una piccola scheggia........ che furba furba, aveva pensato bene di nascondersi ai Suoi occhi e ai Suoi pensieri..........

ed è da quella scheggia che nacque una nuova stirpe........... anomala.........

la stirpe dei "berluschini"...........

ahimè! Fù una grossa distrazione quella! Ma non possiamo dare colpe a Dio, dopo tutto il grande lavoro svolto.

La stirpe dei "berluschini", cominciò a crescere e moltiplicarsi, e visto che era sfuggita anche agli occhi di Dio, credette di essere "Onnipotente"!

Oggi! A distanza di secoli, il discendente della stirpe anomala, iniziò a far valere il Suo potere, conquistato con capricci e vittimismo, e si eresse sul Trono emanando Leggi proprie e che tutelassero la Sua stirpe.

Come il Pifferaio Magico, ma senza flauto, produsse parole melodiose per ingannare i topi, che come nella favola, poi......... finirono nel profondo burrone, d

Susanna De Carli 22.07.08 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei raccontare al Signor Brunetta quale è stato il mio percorso nell'amministrazione pubblica, vorrei raccontare al signor Brunetta che da quando sono assunto nell'ammistrazione pubblica ho sempre fatto cose da due livelli superiori senza mai una pacca nelle spalle vorrei raccontare che prendo uno stipendio da fame che a 50nni sono costretto a chiedere soldi in prestito a mia madre per tirare avanti e vorrei raccontare ancora al signor "si fa per dire" Brunetta tanti altri rospi che ho dovuto ingoiare nell'amministrazione pubblica, ma sono talmente incazzato che potrei dire cose troppo grosse quindi mi fermo quì... è meglio... chiedo solo a tutti i dipendenti pubblici di mollare la tessera sindacale che a nulla serve ormai....

io eio 22.07.08 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Gli stipendi segnano il passo, ma il numero degli impiegati è in continuo aumento.
Ridurre le dimensioni e i costi dell'amministrazione pubblica italiana riducendo il numero dei dipendenti pubblici: è "il finto obiettivo" dei diversi governi che si sono avvicendati negli ultimi anni, dal momento che, nonostante i flebili tentativi per decentralizzare le competenze, il personale pubblico negli ultimi dieci anni è ancora cresciuto, sia negli enti locali sia nell'amministrazione centrale.

A metterlo nero su bianco è la corte dei Conti nella sua Relazione sul rendiconto generale dello Stato.

Tra il 1997 e il 2007 l'apparato statale è cresciuto di 126 mila unità (+3,6%), di cui 106 mila nelle amministrazioni centrali e 21 mila in quelle locali (Regioni, Province, Comuni).

Nei ministeri si è poi rafforzata la presenza di personale e uffici di livello dirigenziale, con un aumento tra il 2001 e il 2005 del 21%.

Da questi dati si evince che la politica - che spesso, troppo spesso sputa nel piatto in cui mangia, denigrando continuamente i suoi “dipendenti” al grido di fannulloni! - considera ancora il pubblico impiego una discreta fonte di potere!

Gonfiare gli organici, aumentare a dismisura il numero dei dirigenti per “sistemare” gli amici degli amici vuol dire però collassare le retribuzioni del settore pubblico e paralizzare la vita amministrativa di questo paese, un paese geneticamente burocratizzato.

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.08 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta è un povero demente che non ha la più pallida idea di cosa lo circonda il suo metodo è colpire tutti per colpa di uno, pensate un po che cervello, è possibile che si permetta di governare a questo tipo di persone vi rendete conto che sono solo provvedimenti punitivi e per fare notizia?!?!? e i sindacati????? spariti!!!! IO CREDO SIA LA PRIMA VOLTA CHE A UN LAVORATORE GLI SI DECURTI LO STIPENDIO PERCHE SI AMMALA, MA QUESTO è MATTO......
io chiedo gentilmente a tutti i dipendenti pubblici che hanno una tessera sindacale di qualsiasi tipo di andare al sindacato e tirarla nel muso al primo "così detto SINDACALISTA che si trova davanti" LASCIATE TUTTI LA TESSERA SINDACALE CAZZO.....

sulla testa 22.07.08 08:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

****************************************************************************
Art. 36 della Costituzione
****************************************************************************

"Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.

La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi."

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.08 08:40| 
 |
Rispondi al commento

TU POLITICO,
che hai guadagni faraonici,che hai privilegi lussuosi e vergognosi,che navighi nell’oro,che fai il buono ed il cattivo tempo,tu che quando ti fai un graffio,vieni accolto a braccia aperte in lussuose cliniche private,tu che non sai cosa significa tentare di telefonare al CUP,tu che sei hai bisogno di un’ambulanza la trovi in 5 minuti,tu che non fai 12 ore di fila al pronto soccorso se ti fai male,tu cui tutte le porte si spalancano, tu che aumenti ogni anno il tuo stipendio da nababbo, zitto zitto, verso ferragosto,quando nessuno se ne accorge,TU MINISTRO,che ci metti gli uni contro gli altri, per meglio dominarci, tu che ci togli la scala mobile, tu che trucchi l’ISTAT,tu che quando hai guai con la giustizia non ti disperi, ma sai bene come fare,TU POLITICO, che ci rendi schiavi,TU CHE GUARDANDOTI ALLO SPECCHIO NON PROVI VERGOGNA, tu che hai ideato parametri di calcolo delle pensioni talmente vergognosi da potersi chiamare FURTO LEGALIZZATO, tu che congeli le pensioni, ma non i prezzi al consumo,tu che non conosci i problemi della vita, tu che per decenni siedi inossidabile in parlamento, tu che chiami suicidio il togliersi la vita di tante persone disperate per situazione economica e logistica e di salute,mentre si tratta di OMICIDIO VERO E PROPRIO, tu che vai in chiesa e ti fai il segno della croce e osi perfino fare la comunione,TU CHE NON HAI PROBLEMI,tu che sorridi davanti alle telecamere e spari le tue sentenze, tu che ti credi ONNIPOTENTE, tu che non hai coscienza alcuna, TU CHE CHIAMI BENE IL MALE E MALE IL BENE,tu di cui parla bene il salmo 12
“Solo falsità l’uno all’altro si dicono:
bocche piene di menzogna,
tutti a nascondere ciò che tramano in cuore.
Come rettili strisciano,
e i più vili emergono,
è al colmo la feccia.”
anche tu, tra pochi anni morrai,e non potrai portarti dietro tutti i tuoi tesori,ma solo il triste e pesante fardello delle tue infamità.Credimi, politico,non ti invidio affatto.Preferisco essere un barbone !

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 21.07.08 19:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono un appartenente alle forze dell'ordine.
Desidero replicare da potenziale fannullone al Sig. ministro Brunetta, quando si vanta delle riduzioni di malattia avennute in seguito al suo decreto legge.
Sig. Ministro, mi chiedo, ha pensato da dove deriva quel 20% in meno di malattie da lei monitorate? e di cui si vanta tanto?
avrà mai pensato che in quel 20% in meno ci sia qualche povero disperato costretto ad andare a lavoro "ammalato" per non vedersi decurtare il misero stipendio.
Sig. ministro ci ha pensato a questo? Pensi a quanti delle forze dell'ordine sono dediti a garantire la sicurezza in Italia e provi ad immagginare alcuni di loro, nonostante la malattia si presentano in servizio. Che sicurezza possono garantire?
Io come tanti altri ho dato fiducia a questo governo, non fate che mi penta.

Vincenzo Falvo 21.07.08 18:30| 
 |
Rispondi al commento

IMPIEGATI STATALI: carne da macello!

Ai suoi “amici-sindacalisti" del pubblico impiego, che si dicono tanto “agitati” per le risorse destinate al contratto, il governo manda a dire che non ci sarà nessun taglio per i rinnovi contrattuali del pubblico impiego e di restare calmi: i fondi restano quelli stabiliti nel Documento di programmazione economica e finanziaria.
E lì c’è scritto che i rinnovi si faranno tenendo conto dell’inflazione programmata, che è fissata all’1,7 per quest’anno e all’1,5 nel 2009.
Toccherà poi alla legge finanziaria quantificare e finalizzare le risorse necessarie, insomma definire la cifra che equivale a quegli obiettivi di inflazione.


Così, dopo l’ennesima beffa (apprestiamoci a ricevere in busta paga 40euro netti!!!), lo sberleffo finale: il governo invita i sindacati a sedersi al tavolo per avviare la “riforma” del modello contrattuale del lavoro pubblico.

...un sindacato serio, un sindacato degno di questo nome, un sindacato fatto realmente dai lavoratori e non da aspiranti parlamentari, neanche immaginerebbe un tavolo negoziale con questi presupposti!

In busta paga i lavoratori e i pensionati si aspettano un incremento di 700/1.000 euro al mese e non la questua dei 40euro previsti in finanziaria!


Ma oggi lavoratori e pensionati, non hanno difesa, non hanno armi per tutelare il potere d'acquisto delle proprie retribuzioni.


E ALLORA MEGLIO NIENTE!

MEGLIO NESSUN CONTRATTO CHE QUESTA "VERGOGNOSA" ELEMOSINA!!!

BASTA STIPENDI E PENSIONI DA FAME IN ITALIA!

>>> sostieni anche tu la nostra battaglia su: http://statali.blogspot.com

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sempre addosso agli statali: ormai è la "gogna"!

Il ministro della Funzione Pubblica Brunetta ha firmato «la scoperta dell'acqua calda!!!»: la circolare che fornisce indicazioni circa l'applicazione della "nuova" disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti.
Vale la pena ricordare che prima del... lodo-brunetta gli statali avevano tutti un secondo lavoro e quando si ammalavano non ricevevano la visita fiscale dall'Amministrazione, ma un bel mazzo di rose!

Nel Paese dei condoni, dell'evasione, dell'elusione, della corruzione, della spazzatura, delle leggi ad personam, dell'assenteismo parlamentare, dei secondi-terzi-quarti-lavori di deputati, senatori, capi di governo e delle continue ed impunite "grandi ruberie", forse la Guardia di Finanza andrebbe impiegata... diversamente! In un tale scenario la circolare di Brunetta suona come il "controcanto" del cigno!

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Beppe rilancia sull'assenteismo dei parlamentari, e fa bene. Ma non centra l'argomento. Il fatto è che quell'assenteismo non fa scandalo nella stessa misura. I Parlamentari ne fanno di ben peggiori e quindi le assenze interessano poco. Anzi, stessero sempre a casa sarebbe meglio per tutti. Gli statali sono dei morti di fame e non hanno niente da offrire al massacro pubblico, se non la questione di gran moda del loro assenteismo. Finora si è usata una sorta di compassione nei loro confronti, proprio perchè si è sempre saputo che guadagnano pochissimo. Il cosiddetto patto scellerato, di Cassese, era in fin dei conti risaputo. Ma adesso i gaudenti evasori, i santi imprenditori e le vittime delle tasse, mai pagate, prevalgono. Sono loro i giusti. Teste vuote e grossi occhialoni da sole su occhi senz'anima, ma prepotenti e sparati sul video HD come persone attendibili. Cioè non interessa a nessuno se io, collega dipendente pubblico, divento sempre più povero: interessa se una percentuale dei miei colleghi è di basso profilo e rende un quinto, ad esempio, dei colleghi francesi. Costiamo il doppio e rendiamo un quinto. Ma la gente non sa perchè si è arrivati a questo. Anche Brunetta se ne frega dei motivi. E le colpe ricadono solo su di noi dipendenti. Se poi, come me, sei nella Giustizia, giù ancora più duro. Per Pdl è un Ministero da eliminare, un pò come l'aglio per le streghe o la croce per i vampiri. Loro, tutti evasori, truffatori e delinquenti, ma è di moda e se non lo sei anche tu non hai capito nulla della vita. Ma, così come gli americani hanno avuto il Bush che si meritavano, anche gli italiani hanno la pdl che è stata votata. Votata col cervello sovrascritto dalle televisioni, votata seguendo istruzioni dettate dalla chiesa, votata da corpi con l'anima ormai venduta per un posto, votata per paura, per presunta mancanza di alternative. Ma votata, votata e basta. Sembra impossibile. Questa è l'Italia ora, lo capite? Non ancora. Nessun dipendente sciopera ancora.

Piero Spinelli Commentatore certificato 21.07.08 16:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

E' tempo di abolire gli onorevoli... stipendi!
E' tempo di abolire gli "onorevoli" stipendi!
E' tempo di abolire i faraonici assegni mensili dei dirigenti statali che non "sanno" dirigere proprio un bel nulla!
E' tempo di abolire le disuguaglianze di trattamento economico nell'ambito della pubblica amministrazione!

Ci sono impiegati dello stato che a parità di qualifica percepiscono stipendi con "escursioni economiche" che vanno dai 300euro ai 3.000euro al mese, dettate soltanto dalla... "sede di servizio"!

E' UNA VERGOGNA!!!!!

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

In Italia salari fermi a 15 anni fa.
"Contrastare l'inflazione per difendere il reddito disponibile delle famiglie". A dirlo non siamo soltanto noi, che da tempo lo gridiamo da queste pagine, ma addirittura il Governatore della Banca d'Italia. L'aumento dei prezzi, ricorda Mario Draghi, "erode il potere d'acquisto, abbassa il valore reale della ricchezza finanziaria, contribuisce al rallentamento dei consumi e della crescita". Il numero uno di Via Nazionale mette l'accento sulle ripercussioni della corsa dei prezzi. "Valutiamo che nel nostro Paese l'accelerazione dei prezzi osservata dall'estate del 2007 abbia portato fino ad oggi a una minore crescita del reddito disponibile di oltre 1 punto percentuale, che sale a 3 se si tiene conto delle perdite di valore reale della ricchezza finanziaria; potrà ridurre i consumi di circa 2 punti entro il prossimo anno", afferma. ''La stabilità dei prezzi - insiste - è prerequisito per la ripresa della crescita''. I salari in Italia sono fermi a quindici anni fa ma il costo della vita aumenta più che negli altri Paesi europei, osserva Draghi. Le retribuzioni unitarie medie dei lavoratori dipendenti, spiega, "non sono oggi molto al di sopra del livello di quindici anni fa. Il divario - sottolinea - fra la capacità di spesa dei lavoratori e la capacità competitiva delle imprese riflette la stentata crescita della produttività, la mancata discesa della elevata imposizione fiscale; è alla base della stagnazione della nostra economia''.

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU: HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:08| 
 |
Rispondi al commento

LO SCIOPERO DELLA SPESA!
Salari bassi, troppo bassi, per far fronte ad un caro prezzi che cresce ogni giorno a dismisura.
Pane, pasta, latte, frutta, verdura, tra un pò li troveremo in vendita non più nei supermercati, ma direttamente da Bulgari!
Rincari del tutto ingiustificati se è vero, come è vero, che le materie prime vengono pagate pochissimo, ma poi sul mercato i prodotti che ne derivano vanno alle stelle. Non si spiega, ad esempio, come, alla stabilità, negli ultimi anni, dei prezzi del frumento, si sia arrivati a far pagare il pane 3 euro al chilo rispetto ai 50 centesimi di pochi mesi or sono.

Per non parlare, poi, del caro bolletta!
Benzina, gasolio, luce, gas: ormai è una continua gara al rialzo!

Non tocca qui a noi dire di fonti di energia alternativa, di recessione, di globalizzazione, di liberismo spinto oppure se sia meglio che al governo vada la destra, la sinistra o il centro!

A "noi" interessa soltanto la vita di tutti i giorni!
A "noi" interessano soluzioni concrete, rapide ed efficaci!
A "noi" interessa arrivare “dignitosamente” a fine mese!

Ma chi pecora fa… il lupo se la mangia!

E allora… su la testa!

E’ giunto il momento di far sentire la nostra voce: una ferma opposizione agli aumenti indiscriminati di beni e servizi.

Contro l’aumento del costo della vita occorre difendersi, far sentire il peso e la forza dell’Esercito delle “BUSTE PAGA”!
"NOI" NON POSSIAMO AUMENTARCI DA SOLI LO STIPENDIO!
"NOI" NON POSSIAMO REAGIRE AL CARO VITA AUMENTANDO LA RETRIBUZIONE DELLE NOSTRE PRESTAZIONI!
"NOI" NON POSSIAMO EVADERE IL FISCO!

Ma anche "Noi", nel nostro piccolo, possiamo e dobbiamo fare qualcosa:
LO SCIOPERO DELLA SPESA!
Uno sciopero fermo, costante, lento come una goccia d’acqua, ma capace di scavare anche la roccia più resistente!

Da questo spazio lanciamo un appello:

*NON FACCIAMOCI MANCARE LE COSE ESSENZIALI!
*RIDUCIAMO IL SUPERFLUO!
*LIMITIAMO I CONSUMI DI UN MONDO CHE PRODUCE TROPPA SPAZZATURA!

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:07| 
 |
Rispondi al commento

A mio parere dare dei fannulloni anche a chi lavora sicuramente non incentiva alla produzione (se tutti i privati che, anche qui, si scandalizzano al solo sentire nominare pubblico impiego avessero un capo che a fine giornata gli dicesse "non hai fatto un cazzo" anche se hanno lavorato, magari tanto contenti non sarebbero)

La lotta di Brunetta non è ai fannulloni, ma al pubblico impiego in generale; la presenza dei fannulloni non è, come ho letto in qualche post, colpa dei loro colleghi che non li denunciano (se un fannullone è il tuo capo lo denunceresti? e a chi?), ma dei sindacati che li coprono e/o dei medici (che in teoria avrebbero l'obbligo di visitarti prima di farti stare a casa e invece spesso van sulla parola)che hanno i certificati facili.

La legge è la classica legge semplicistica che colpisce nel mucchio senza cercare di risolvere il problema (convenienza in ciò? incompetenza? decidete voi..). Suglio orari di visita dei medici fiscali niente da dire, in quanto se sto male sto a casa. Sulle modalità di controllo sono poco convinto che mandare il medico al controllo subito, visto quel che costa, e non è poco, porti a tutto sto risparmio (in teoria si dovrebbe fare anche per risparmiare questa riforma)
La decurtazione delle integrazioni e compagnia varie se ti ammali è una cosa allucinante. Se ti ammali le possibilità che hai sono o andare a lavorare e infettare tutti colleghi, oppure non arrivare a metà mese con lo stipendio (lo stipendio base è da terzo mondo, per chi non lo sapesse).

Il fatto è che bisogna fare una legge seria riguardo gli sprechi e il malcostume della pubblica amministrazione, e sparare sul gruppo serve solo ad esasperare gli animi

peace & love

bfc 1909 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Gli stipendi segnano il passo, ma il numero degli impiegati è in continuo aumento.
Ridurre le dimensioni e i costi dell'amministrazione pubblica italiana riducendo il numero dei dipendenti pubblici: è "il finto obiettivo" dei diversi governi che si sono avvicendati negli ultimi anni, dal momento che, nonostante i flebili tentativi per decentralizzare le competenze, il personale pubblico negli ultimi dieci anni è ancora cresciuto, sia negli enti locali sia nell'amministrazione centrale.

A metterlo nero su bianco è la corte dei Conti nella sua Relazione sul rendiconto generale dello Stato.

Tra il 1997 e il 2007 l'apparato statale è cresciuto di 126 mila unità (+3,6%), di cui 106 mila nelle amministrazioni centrali e 21 mila in quelle locali (Regioni, Province, Comuni).

Nei ministeri si è poi rafforzata la presenza di personale e uffici di livello dirigenziale, con un aumento tra il 2001 e il 2005 del 21%.

Da questi dati si evince che la politica - che spesso, troppo spesso sputa nel piatto in cui mangia, denigrando continuamente i suoi “dipendenti” al grido di fannulloni! - considera ancora il pubblico impiego una discreta fonte di potere!

Gonfiare gli organici, aumentare a dismisura il numero dei dirigenti per “sistemare” gli amici degli amici vuol dire però collassare le retribuzioni del settore pubblico e paralizzare la vita amministrativa di questo paese, un paese geneticamente burocratizzato.

>>> FAI SENTIRE ANCHE TU LA TUA VOCE SU : HTTP://STATALI.BLOGSPOT.COM

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Sempre addosso agli statali: ormai è la "gogna"!

Il ministro della Funzione Pubblica Brunetta ha firmato «la scoperta dell'acqua calda!!!»: la circolare che fornisce indicazioni circa l'applicazione della "nuova" disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti.
Vale la pena ricordare che prima del... lodo-brunetta gli statali avevano tutti un secondo lavoro e quando si ammalavano non ricevevano la visita fiscale dall'Amministrazione, ma un bel mazzo di rose!

Nel Paese dei condoni, dell'evasione, dell'elusione, della corruzione, della spazzatura, delle leggi ad personam, dell'assenteismo parlamentare, dei secondi-terzi-quarti-lavori di deputati, senatori, capi di governo e delle continue ed impunite "grandi ruberie", forse la Guardia di Finanza andrebbe impiegata... diversamente! In un tale scenario la circolare di Brunetta suona come il "controcanto" del cigno!

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Sempre addosso agli statali: è la "gogna"!

Il ministro della Funzione Pubblica Brunetta ha firmato «la scoperta dell'acqua calda!!!»: la circolare che fornisce indicazioni circa l'applicazione della "nuova" disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti.
Vale la pena ricordare che prima del... lodo-brunetta gli statali avevano tutti un secondo lavoro e quando si ammalavano non ricevevano la visita fiscale dall'Amministrazione, ma un bel mazzo di rose!
"Le amministrazioni dovranno inoltrare obbligatoriamente la richiesta di visita fiscale anche nel caso di assenza per un solo giorno". E' quanto prevede la circolare firmata dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta insieme ad ''un regime orario più ampio per la reperibilità al fine di agevolare i controlli''. Il testo è indirizzato a tutte le pubbliche amministrazioni al fine di fornire indicazioni circa l'applicazione della nuova disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti contenuta nell'art. 71 del decreto legge n. 112 del 2008. La circolare, che è stata inviata alla Corte dei Conti per la registrazione, chiarisce il nuovo regime delle assenze per malattia introdotto dal provvedimento, sia dal punto di vista della retribuzione spettante in caso di assenza sia per le modalità di certificazione. La decurtazione della retribuzione "si applica ad ogni evento di malattia, a prescindere dalla durata, e riguarda i primi dieci giorni di assenza". Più precisamente, "in caso di assenza per malattia, per i primi dieci giorni di assenza, è corrisposto al dipendente il solo trattamento economico fondamentale (stipendio) con esclusione di ogni altra indennità o emolumento.

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 15:52| 
 |
Rispondi al commento

In pratica - precisa il ministero della Funzione Pubblica - la decurtazione della retribuzione per i primi dieci giorni di assenza riguarderà solo il trattamento accessorio, che varia a seconda dei contratti collettivi di comparto e che può essere mediamente quantificata in un 25-30% della retribuzione complessiva". Per quanto concerne le modalità di certificazione della malattia, si specifica che "il terzo evento di malattia nell'anno solare e le assenze superiori a dieci giorni debbono essere giustificati con la presentazione all'amministrazione di un certificato medico rilasciato dalle strutture sanitarie pubbliche o dai medici convenzionati, in quanto parte del Sistema sanitario nazionale". Non solo. I dipendenti della pubblica amministrazione che saranno "beccati" a svolgere un secondo lavoro in nero potranno essere licenziati. Brunetta spiega che sono in via di definizione "una serie di programmi di collaborazione" con la Guardia di Finanza e la Corte dei Conti che dovranno fornire "utili strumenti". Il ministro aggiunge quindi che la funzione della Gdf, in particolare, sarà quella di stanare chi svolge un secondo lavoro non in regola: "Punteremo sull'evasione fiscale operata dai pubblici dipendenti. Se svolgono un secondo lavoro in nero evadono fiscalmente e quindi saranno soggetti alle conseguenze".



Nel Paese dei condoni, dell'evasione, dell'elusione, della corruzione, della spazzatura, delle leggi ad personam, dell'assenteismo parlamentare, dei secondi-terzi-quarti-lavori di deputati, senatori, capi di governo e delle continue ed impunite "grandi ruberie", forse la Guardia di Finanza andrebbe impiegata... diversamente! In un tale scenario la circolare di Brunetta suona come il "controcanto" del cigno!

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Sempre addosso agli statali: è la "gogna"!

Il ministro della Funzione Pubblica Brunetta ha firmato «la scoperta dell'acqua calda!!!»: la circolare che fornisce indicazioni circa l'applicazione della "nuova" disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti.
Vale la pena ricordare che prima del... lodo-brunetta gli statali avevano tutti un secondo lavoro e quando si ammalavano non ricevevano la visita fiscale dall'Amministrazione, ma un bel mazzo di rose!
"Le amministrazioni dovranno inoltrare obbligatoriamente la richiesta di visita fiscale anche nel caso di assenza per un solo giorno". E' quanto prevede la circolare firmata dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta insieme ad ''un regime orario più ampio per la reperibilità al fine di agevolare i controlli''. Il testo è indirizzato a tutte le pubbliche amministrazioni al fine di fornire indicazioni circa l'applicazione della nuova disciplina in materia di assenze dei pubblici dipendenti contenuta nell'art. 71 del decreto legge n. 112 del 2008. La circolare, che è stata inviata alla Corte dei Conti per la registrazione, chiarisce il nuovo regime delle assenze per malattia introdotto dal provvedimento, sia dal punto di vista della retribuzione spettante in caso di assenza sia per le modalità di certificazione. La decurtazione della retribuzione "si applica ad ogni evento di malattia, a prescindere dalla durata, e riguarda i primi dieci giorni di assenza". Più precisamente, "in caso di assenza per malattia, per i primi dieci giorni di assenza, è corrisposto al dipendente il solo trattamento economico fondamentale (stipendio) con esclusione di ogni altra indennità o emolumento.

IMPIEGATI STATALI su la testa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 15:48| 
 |
Rispondi al commento

caro Grillo, trovo che i media stia facendo, al solito, confusione e sensazionalismo oltre a mettere zizzania fra i cittadini.Sono sicuro che Brunetta non intendesse criminalizzare la "classe statale" ma fare chiarezza in certi settori, infatti: è dal CCNL 1994-1997 che la visita fiscale è obbligatoria e dal 1° giorno di malattia, che il certificato è obbligatorio anche per le cure termali o in alternativa si prendono ferie, che i permessi retribuiti sono 18 h annuali (si poteva scegliere di prenderli anche in giorni nel numero di 3), che il salario accessorio viene decurtato fino al 14° gg di malattia (ora sarà fino al 10°, quindi si và in meglio), che il Fondo Produttività è a progetto e legato alle presenze...Basta leggere i contratti, informarsi, cosa che i giornalisti dovrebbero fare + spesso, o forse è + interessante gonfiare le notizie e gridare al "mostro statale" causa di tutti i mali sociali?Infine voglio ricordare che l'ex (per fortuna) ministro Padoa-Schioppa non ha previsto fondi per gli statali nell'ultima finanziaria, per cui non c'è copertura per i Fondi e i contratti di quest'anno....ne vogliamo parlare?Spero che la prossima finanziaria ci metta una toppa, o andremo tutti a vendere fiori ai semafori, che mi pare + remunerativo.Segnalo che il decreto Brunetta colpisce i dipendenti pubblici, ma non i militari, che sono cmq dipendenti statali...date un'occhiata al loro contratto cari giornalisti, e scoprirete cose interessanti.Non sono tutti eroi o che rischiano la vita all'estero, ci sono anche quelli statalizzati a tutti gli effetti, ma per loro non è prevista la visita fiscale, è a discrezione del Comandante...e fatta solo da medico militare..ormai mosche bianche...nessuna detrazione stipendiale...Informatevi e informate anche Brunetta

grillo forever 21.07.08 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Sarà come dici Beppe,un sacco di gente pagata da noi non fa il suo lavoro e va a far la spesa invece;o in vacanza come medico pagato in un villaggio turistico mentre figura in ospedale...Per dire:
ho necessità di un holter pressorio:nella grande Firenze della grande Toscana mi hanno detto solo da novembre a Borgo San Lorenzo -a 25 +25 km a/r- (e a parte che nel pomeriggio stesso avrei pouto averlo -pagandolo-a due isolati da casa mia). Sono sicuro -è evidente- che qualcuno in città si trova meglio nelle cliniche private che non negli ospedali/università-dove tra l'altro i primari non si vedono mai (potrei scrivere dei romanzi al riguardo).
Quindi ,se Brunetta -deputati o meno-riuscisse solo di poco a far capire a questa gente che è finita l'ora dei parassiti - perlopiù incapaci se si va a vedere- ben venga. Sennò si finisce come ha detto Cofferati, una delle poche persone intelligenti di sinistra (e per questo relegato a fare il sindaco),al "benaltrismo":siccome cioè ci sono problemi "ben" più importanti non si fa nulla. La farraginosa, bizantina, demenziale pubblica amministrazione italiana è una delle più grandi sciagure del nostro Paese,insieme a coloro che l'hanno pensata e attuata, e a coloro
che ancora più stoltamente la applicano alla lettera (tipo richiedere -Agenzia delle entrate 0.22cts di Euro pagandone 60 di francobollo...):se Brunetta -che io non avrei mai votato (forse sbagliando?)-ce la fa giuro che gli regalo dei tacchi d'oro.

Claudio Fantuzzi Commentatore certificato 21.07.08 14:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ma perchè non riesco a scrivere?

samuele testi Commentatore certificato 21.07.08 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono una statale (personale tecnico amministrativo università)... con
laurea e specializzazione e sono inquadrata come una diplomata (non mi sto
lamentando, lo so che vale per me come per tutti i neo assunti) e guadagno
circa 1000 euro al mese. Sono stata assunta a tempo indeterminato nel 2005 in virtù di un
concorso vinto nel 2003, e sono stata precaria (sempre a minimo 400 km da
casa...il che significa che buona parte di quei 1000 euri sono destinati all'affitto) per circa 4 anni.
Sono anni che mi sbatto per fare questo lavoro
al meglio delle mie capacità, compatibilmente con la costante diminuizione
di risorse, economiche ed umane.
E' vero, statali fannulloni ce n'è... purtroppo basta una mela marcia per
rovinare tutto il cesto... ma questa logica di punirne 100 per educarne uno
non servirà a nulla... i furbetti troveranno sempre un'alternativa valida
ed a pagare continueranno ad essere solo coloro che già pagano.
Amo il mio lavoro, ma sto inziando a pensare che forse è ora di voltare
pagina...

PS: Beppe... le Università pubbliche probabilmente diventranno fondazioni
private... chi potrà permettersi una laurea se ciò accadrà?

Fabiana G Commentatore certificato 21.07.08 12:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Ma come è possibile inviare la visita fiscale il primo giorno di assenza per malattia?
Come fa l'INPS a sapere dal primo giorno che il lavoratore è assente. Se non erro bisogna inviare il certificato di malattia all'INPS entro 48H dalla sua emissione (a mezzo raccomandata A/R o portandolo personalmente).
Ci vorrebbe un pò di cognizione di causa prima di dire certe cose. D'altra parte Brunetta è un nostro dipendente, ma visto che non credo che i parlamentari abbiano bisogno del certificato medico per le loro assenze, dubito che sappia cosa si fa in caso di malattia.

Silvia Baschino 21.07.08 12:40| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

...cercano di attaccarsi alle briciole dei poveracci, ma i loro panieri ricchi di ogni ben di Dio, presto ma molto presto (il tempo vola)bruceranno all'inferno con loro!

ottavia barisiello 21.07.08 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Sto un pò sfarfallando nel modo di scrivere, e perchè ieri non ho trovato un punto internet e perchè mi sono auto confuso con l' idea che non bisogna cadere nelle provocazioni di questo ministro, sbagliando, sia nel dire che non bisogna reagire e sia nel mio modo di scrivere che sembra fatto con i piedi, guarda caso per il troppo lavoro che ho da fare, considerato che oggi e per tutta la settimana, ho tutta la segreteria in mano da solo perchè sono l' unico che può fare tutto.

alfonso cannoletta Commentatore certificato 21.07.08 09:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sbagliato a dire che non c'è niente da fare con questo coglione e vi racconto un aneddoto che mi è capitato, per motivi di stress da lavoro, avevo subito un infarto soli a 36 anni. Dopo circa un anno, stavo cercando di sopportare un ulteriore attacco senza spostarmi dal posto di lavoro, ma costretto poi ad essere accompagnato in pronto soccorso, la cardiologa mi ha chiesto: ma perchè non sei venuto subito? ed io gli ho risposto che facendo altra malattia, mi decurtavano lo stipendio e lei ha esclamato: "Povera Italia!". c'è anche un grosso problema che riguarda gli incentivi, anche se io non ne ricevo da 2 anni per via di un direttore da denuncia alla procura della repubblica che non mancherò di indicare, appena mi arriva la ricevuta di ritorno, della delega fatta ai COBAS SCUOLA, vista la troppa pacatezza della C.G.I.L. che ho congedato, il problema rimane collegato anche all'aneddoto in cui ho spiegato la mia impossibilità ad essere vittima di decurtazione perchè un impiegato statale, non credo possa scioperare con molta facilità, visto che per un giorno di lavoro ci danno 30 euro e per uno di sciopero ce ne tolgono 100, ma il problema và risolto o con le buone o …, ho sbagliato a non dare importanza al tappo Brunetta, ma non è lui il problema, lui per risultare popolare, stà dando voce all' opinione pubblica, della serie che anche chi non ha voce in capitolo che alza una polemica per invidia, vista la dignità che caratterizza un dipendente statale (non economicamente, solo di diritto), a differenza di uno privato (che guadagna di più ma è uno schiavo), che non vuole raggiungere la condizione ottimale dello statale, ma preferisce che lo statale perda diritti, per divenire schiavi tutti. Ma Marx scrisse 160 anni fa, sul manifesto del partito comunista che schiavi lo si è, solo se lo si permette, per cui, delegittimiamo Brunetta, questo bifolco pieno di rancore per la sua ex povertà e come Brunetta di ex morti di fame che si vogliono vendicare, ne abbiamo ovunque

alfonso cannoletta Commentatore certificato 21.07.08 09:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, sono una dipendente della P.A. e non ne posso più di questi attacchi.Siamo i capri espiatori di tutti. Ma perchè i parlamentari possono svolgere il doppio lavoro? llaE con i loro favolosi stipendi avrebbero bisogno di svolgere un secondo lavoro? Io lavoro da 26 anni e guadagno 1.200 euro. Con questi stipendi "da fame" si può mantenere una famiglia? brunetta taglia anche sulla malattia! ma lo sa che esistono "veri malati"?

fiorella amendola 21.07.08 09:01| 
 |
Rispondi al commento

inutile che i lavoratori statali abbiano la coda di paglia
certo non saranno tutti uguali ma molti lo sono perche' ne ho conosciuti e ne conosco
poi vogliamo ricordarci i filmati di striscia...
cominciate a denunciare i colleghi che si comportano male , noi che lavoriamo nel privato lavoriamo anche per voi... non e' un luogo comune e' una verita'da sempre...

miriam m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.08 08:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Quello di Brunetta è un flop, come scritto su un messaggero di ieri o di ieri l'altro in prima pagina, è un ministero che non ha mai avuto nessuna importanza, senza portafoglio e di una inutilità che raggiunge quasi le proposte che fà il ministro perchè che la visita fiscale si debba mandare a chi si assenta anche per un giorno, era già previsto, il problema è che il medico non la effettua, mandando puntualmente la comunicazione che attesta la mancata disponibilità di personale. Rispondendo alle cazzate che dice questo coglione di Brunetta, stiamo dimostrando di essere dei cretini che stanno dando importanza a cose completamente irrilevanti, Brunetta con il suo ministero, vale quanto una barca in campagna. Questa è la mia ultima replica a questo ministero e a qualsiasi interrogazione che lo riguardi.

alfonso cannoletta Commentatore certificato 21.07.08 08:24| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Lettera aperta all. on. Silvio Berlusconi - Presidente del Consiglio

e p. c.

all' on. Maurizio Sacconi - ministro per il Lavoro, Salute e Politiche sociali;
all' on. Renato Brunetta - ministro per la Pubblica amministrazione e l'innovazione;
all' on. Roberto Maroni - ministro per l'Interno;
all' on. Claudio Scajola - ministro per lo Sviluppo economico;
All' on. Roberto Calderoli - ministro per la Semplificazione normativa

*********************************************************************************************

Mi chiamo Siniscalchi Raffaele, sono farmacista e titolare di una farmacia in Cagnano Varano, un piccolo paesino del promontorio del Gargano in provincia di Foggia, terra meravigliosa, con paesaggi invidiati e conosciuti ai più, ma non priva di problemi.

L'entroterra foggiano, nonostante sia una terra generosa, è arido di lavoro, con molta disoccupazione e, per contraltare, fiorente di microcriminalità e delinquenza organizzata.
Non tutti i centri abitati godono del bene prezioso del turismo (stagionale o religioso) poiché non tutti sono sul litorale marino e uno solo ha avuto il privilegio di ospitare Padre Pio.
Cagnano Varano vive prevalentemente di pesca e pastorizia e delle consuete attività di contorno, ma principalmente di emigrazione.
Infatti, molti sono coloro che partirono per la Germania e il Nord Europa, negli anni cinquanta, alla ricerca di un futuro migliore.

Fin qui nulla di nuovo rispetto ad altre realtà del Sud Italia.
Quindi poco lavoro e quello che c'è mal pagato, delinquenza, soprusi, lentezza della pubblica amministrazione locale, ecc.

Un bel giorno (marzo 2008) il maresciallo della locale stazione dei Carabinieri, con il quale vi è un inevitabile rapporto di conoscenza e stima, mi notificava, su richiesta della Prefettura di Foggia, un articolo del giornale “Il Sole24Ore” in cui si ventilava la possibilità, anche per le farmacie, di usufruire di benefit fiscali per l'installazione di impianti

Raffaele Siniscalchi 20.07.08 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Padre Zanotelli, un prete grandissimo, spesso citato o protagonista in questo blog, ci suggerisce questo salmo....per chi crede, ovviamente. Ma anche per chi non crede, mi pare molto appropriato ai nostri tempi, in Italia e nel mondo.

SALMO 12

Salvami, Signore! Non c’è più un uomo fedele;
è scomparsa la fedeltà tra i figli dell’uomo.
Si dicono menzogne l’uno all’altro,
labbra bugiarde parlano con cuore doppio.
Recida il Signore le labbra bugiarde,
la lingua che dice parole arroganti,
quanti dicono "Per la nostra lingua siamo forti,
ci difendiamo con le nostre labbra
chi sarà nostro padrone? ".
"Per l’oppressione dei miseri e il gemito dei poveri,
io sorgerò - dice il Signore -
metterò in salvo chi è disprezzato".
I detti del Signore sono puri,
argento raffinato nel crogiuolo,
purificato nel fuoco sette volte.
Tu, o Signore, ci custodirai,
ci guarderai da questa gente per sempre.
Mentre gli empi si aggirano intorno,
emergono i peggiori tra gli uomini.

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 20:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

TU POLITICO,
che hai guadagni faraonici, che hai privilegi lussuosi e vergognosi,che navighi nell’oro,che fai il buono ed il cattivo tempo,tu che quando ti fai un graffio, vieni accolto a braccia aperte in lussuose cliniche private,tu che non sai cosa significa tentare di telefonare al CUP,tu che sei hai bisogno di un’ambulanza la trovi in 5 minuti,tu che non fai 12 ore di fila al pronto soccorso se ti fai male,tu cui tutte le porte si spalancano, tu che aumenti ogni anno il tuo stipendio da nababbo, zitto zitto, verso ferragosto,quando nessuno se ne accorge,TU MINISTRO, che ci metti gli uni contro gli altri, per meglio dominarci, tu che ci togli la scala mobile, tu che trucchi l’ISTAT, tu che quando hai guai con la giustizia non ti disperi, ma sai bene come fare,TU POLITICO, che ci rendi schiavi,TU CHE GUARDANDOTI ALLO SPECCHIO NON PROVI VERGOGNA, tu che hai ideato parametri di calcolo delle pensioni talmente vergognosi da potersi chiamare FURTO LEGALIZZATO, tu che congeli le pensioni, ma non i prezzi al consumo, tu che non conosci i problemi della vita, tu che per decenni siedi inossidabile in parlamento, tu che chiami suicidio il togliersi la vita di tante persone disperate per situazione economica e logistica e di salute…mentre si tratta di OMICIDIO VERO E PROPRIO, tu che vai in chiesa e ti fai il segno della croce e osi perfino fare la comunione, TU CHE NON HAI PROBLEMI, tu che sorridi davanti alle telecamere e spari le tue sentenze, tu che ti credi ONNIPOTENTE, tu che non hai coscienza alcuna, TU CHE CHIAMI BENE IL MALE E MALE IL BENE, tu di cui parla bene il salmo 12
“Solo falsità l’uno all’altro si dicono:
bocche piene di menzogna,
tutti a nascondere ciò che tramano in cuore.
Come rettili strisciano,
e i più vili emergono,
è al colmo la feccia.”
anche tu, tra pochi anni morrai,e non potrai portarti dietro tutti i tuoi tesori,ma solo il triste e pesante fardello delle tue infamità.Credimi,politico "povero di tutto",non ti invidio affatto!

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono un fannullone ! Un dipendente pubblico ! La mia vita ? Mi alzo ogni mattina alle sei. Alle sette sono già sul posto di lavoro. Il mio orario inizia alle 07,30. Non mi schiodo mai dal mio posto. A pranzo non vado a mensa, ma mi mangio un panino davanti al terminale. L'utente che mi telefona mi trova sempre, durante il mio turno. Non riesco mai a fare 15 giorni di ferie continuate, perchè al mio rientro troverei un arretrato di lavoro ingestibile. Sono fortunato però: ho una casa propria, sono single, non ho mutui, ma solo un prestito che mi costa 250 euro al mese fino al 2014. Arrivo a fine mese senza lussi. Ci rientra qualche pizza, ma non di più. Il mio guardaroba è sempre lo stesso da molti anni ormai. Ma non mi lamento.Ho colleghi con moglie e figli a carico e sono disperati. Colleghi sempre presenti, non fannulloni, ve lo garantisco! Anche perchè il personale è ormai dimezzato, senza nuove assunzioni....e il lavoro è ripartito fra i superstiti. Nonostante ciò l'utenza rimane soddisfatta, per l'alto senso di responsabilità dei lavoratori. CERTO CI SONO SACCHE DI VERO ASSENTEISMO...DAVVERO SCANDALOSE, SPECIE AL SUD. Ma se esistono, io dico: dove sono i responsabili ? I direttori ? I capo-reparto ? Se i "gatti" non ci sono..."i topi" ballano. Allora perchè sparare sulla folla e penalizzare tutti. CI VOGLIONO TOGLIERE 600 EURO AL MESE DALLO STIPENDIO...LORO...CHE NAVIGANO NELL'ORO...FRA SCANDALOSI PRIVILEGI E MENSILITA' PARI A DUE ANNI DI LAVORO DI UN OPERAIO. Ci stanno mettendo gli uni contro gli altri: "DIVIDE ET IMPERA", e intanto smantellano la pubblica amministrazione, in vista di privatizzazioni a tappeto, tipo quella delle ferrovie.Quanto costa oggi un biglietto del treno ?? Ecco, ciò che oggi la pubblica amministrazione offre gratis al cittadino, domani il privato te lo farà pagare salato. Non ci credi ? Aspetta e vedrai. Stamani a Firenze si è manifestato per il centro.LE TV tacciono!
E intanto io devo sentirmi dare del fannullone! Che tristezza !

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 20:24| 
 |
Rispondi al commento

C'è nessuno capace di rinunciare per sempre all'auto ? Alla colazione al bar ? Alla pizza del sabato sera ? Ai viaggi ? Alle ferie ? Ad alzarsi da tavola con ancora un pochino di appetito (tra l'altro fa bene alla salute) ? C'è nessuno capace di rinunciare ai dvd, al cinema, agli oggetti inutili ? C'è qualcuno che quando fa la spesa, si attiene al minimo indispensabile ? SI TRATTA DI RINUNCIE PESANTISSIME...ma E' LA SOLA RISPOSTA CHE INTANTO POSSIAMO DARE SINGOLARMENTE, SENZA ASPETTARE NESSUN INPUT DA NESSUNO ! Se non si è capace di fare questo...allora non si è capito in che razza di emergenza ci troviamo. Allora è inutile parlare. Io lo sto facendo. Spero di non essere il solo. Qui non stanno facendo solo la guerra agli statali: la stanno facendo alla nazione intera, e nessuno lo capisce. E ci mettono gli uni contro gli altri. Un gioco vecchio come il mondo, per meglio dominarci. Ma se scrivi una lettera come questa ad un giornale, anche di sinistra, non te la pubblicano. Vi dice niente questo ? Pensateci...!

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 19:51| 
 |
Rispondi al commento

mi viene un dubbio. ma quanto ci costeranno i controlli dei medici? e chi li pagherà? se tutti i malati verranno controllati il primo giorno quante visite verranno effetuate giornalmente? l'amministrazione pubblica avrà un vero risparmio??????

PIER LUIGI CARRANO 20.07.08 19:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Brunetta è l'unico che appoggio di questo governo!
Vuole pubblicare su internet tutte le ore di lavoro dei dipendeti pubblici! Grande!
Qualcuno del governo, finalmente si è accorto dell'esitenza della RETE!

Adriana P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 18:29| 
 |
Rispondi al commento

MA AVETE SENTITO LE PAROLE DI QUEL MORTO VIVENTE DI UMBERTO BOSSI? MA QUESTO E' UN PAZZO DEGNO DI ESSERE RINCHIUSO IN UN MANICOMIO

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 18:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' pur vero che molti dipendenti pubblici si adagiano sugli allori e al primo starnuto mandano malattia. Io sono uno degli idioti che va a lavorare anche con la febbre e se accumulo 4 gg di malattia all'anno è pure troppo. Non trovo giusto però che chi è malato debba percepire meno soldi. Ma chi và a lavorare senza mandare malattia prende più soldi??E tutti gli assenteisti politici,(e sarei curioso di vedere anche le assenze del sig.Brunetta)! e tutti questi soldi risparmiati a chi andranno? Anche questi ai governatori delle regioni? Ripeto trovo giusto il tentativo di arginare i furbacchioni, che quelli cisono ovunque, ma così finiscono con il penalizzare, come al solito, chi ha effettiva necessità!!! PS non ho ancora sentito che per risparmiare i politici si riducono il numero o lo stipendio o le scorte o le auto blu e molto etc.

Massimiliano Di Ianni Commentatore certificato 20.07.08 17:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Quando il pesce e marcio tutto intero, questi iniziano sempre dalla coda e mai dalla testa a tagliare, cosi fanno col risanamento, adesso sto ex dipendente Partitocratico(PSI)il sig. Brunetta, se ne esce con la lotta all'assenteismo, dicendo addirittura che la sua eliminazione vale 1 punto di pil,invece di fare la guerra ai lavoratori, come del resto questo governo e uso fare,magari se punissero anche le assenze (quelle si molto alte in percentule) dei parlamentari, allora potrebbe dire qualcosa al publico impiego, poi c'e da dire che i risparmi si possono trovare facendo una tabella del prezzo delle forniture ai ministeri indicando sempre il prezzo a cui si deve comprare la fornitura.E proprio li che si annida il grosso del magna magna che c'e in italia, allora il Sig. Brunetta prima pensi a queste cose appena elencate, e poi una volta agito in positivo su questi temi, si potrà rivolgere ai lavoratori, altro che punto di pil.

Sandro Forte Commentatore certificato 20.07.08 17:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Ho letto un po' di testimonianze di lavoratori pubblici che LAVORANO.La mia piena solidarieta'!!!
Ma cmq non mi aspettavo che chi sia giusto che venga colpito dalla scure di Brunetta si autocelebrasse.
Quindi chiedo a Voi sopracitati,e' utile sforzarvi a inveiere contro il ministro? Se foste proprio Voi, le vere vittime di tutto questo a fare in modo che Vi fa apparire come una classe di paraculati,fannulloni ecc ecc...?

Marco perboni Commentatore certificato 20.07.08 16:41| 
 |
Rispondi al commento

OT
Esistono delle case editrici che pubblicano dietro compenso (book on demand) qualsiasi stronzata venga in mente di scrivere all'aspirante scrittore senza talento.
Fanno prezzi anche abbastanza modici.
Naturalmente si tratta di libri che non sono destinati ad essere venduti, (non se li compra nessuno)
ma solo regalati a parente ed amici.
Al contrario dei veri scrittori, quelli che si servono di questo servizio dovrebbero essere chiamati in modo diverso, che so... scarabocchiatori, per esempio.

Oggigiorno lo scarabocchiatore moderno dispone di un nuovo strumento, molto più economico del “book on demand”, per diffondere le sue cazzate: il blog.

Il blog, infatti, oltre ad essere gratis, permette anche di raggiungere (ed angustiare) un pubblico molto più vasto di quello della cerchia familiare.
Lo scarabocchiatore si riconosce subito perché scrive ossessivamente sempre le stesse cose tratte con il copia-incolla dal suo HD, nel quale conserva gelosamente ogni pezzo postato, faticoso frutto delle sue ridotte capacità di espressione.
La scarabocchiatore non va confuso con lo spammatore o con il provocatore, (che agiscono per fini diversi), ma si combatte nello stesso modo: con un semplice click su “Segnala commento inappropriato “

marcello antonicelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 14:37| 
 |
Rispondi al commento

è un infierire continuo su le già lese capacità di sopportazione ,sta coprendo d'infamia l'ITALIA,
sentir dire che questo ci meritiamo ...,
non è così,a conti reali ,la maggioranza degli italiani non l'ha votato ed è drammaticamente indignata per questo concentrato di leggi infamanti in soli tre mesi ;

potrà liberarsi da tutti i processi ,potrà sfuggire alle condanne , ma non si salverà dal verdetto del tempo, come si dice ,il tempo è galantuomo e corretto,e saprà trascrivere senza errori e tramandare le pagine che sta imbrattando

"non bisogna essere forti, bisogna essere fortissimi "

a.ch. 20.07.08 13:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

SI VUOLE FAR CREDERE CHE IL CANCRO DELL'ITALIA SONO I DIPENDENTI PUBBLICI, IL MALE ORIGINALE DA ESTIRPARE. SONO D'ACCORDO CHE CI SONO SACCHE DI ENTI PUBBLICI CHE ANDREBBERO CHIUSI PER INATTIVITA'. MA RICORDIAMOCI CHI RAPPRESENTA QUESTO GOVERNO...LE IMPRESE E GLI INDUSTRIALI!! NON CERTO GLI IMPIEGATI. GLI INDUSTRIALI DETTANO L'AGENDA POLITICA ED ECONOMICA. CONFINDUSTRIA DICE CHE I DIPENDENTI PUBBLICI NON LAVORANO? BRUNETTA FA IL DECRETO ANTIFANNULLONI E METTE ON LINE I DATI DELLE ASSENZE E DEGLI STIPENDI DI DIPENDENTI E DIRIGENTI PUBBLICI. VORREI LANCIARE UNA PROPOSTA A BRUNETTA. SEMPRE PER LE SOLITE ESIGENZE DI "TRASPERENZA" PERCHE' NON METTERE ONLINE ANCHE TUTTE LE IMPRESE CHE A QUALSIASI TITOLO ABBIANO RICEVUTO CONTRIBUTI PUBBLICI DA STATO, REGIONI COMUNI (VEDI PER ES. I CONTRIBUTI PER LA L. 488)? PER OGNI IMPRESA SI SPECIFICA IL QUANTUM E IL TITOLO. COSI' CI SAREBBE PARITA' DI TRATTAMENTO TRA PUBBLICO E PRIVATO. COSI' COME I CITTADINI POSSONO TENERE SOTTO CONTROLLO I DIRIGENTI "FURBETTI" ALLO STESSO MODO SI POTREBBE CAPIRE COME E' STATA UTILIZZATA EFFETTIVAMENTE QUELLA MONTAGNA DI SOLDI PUBBLICI CHE OGNI ANNO VENGONO VERSATE NELLE CASSE DELLE IMPRESE. IN FONDO STIAMO PARLANDO SEMPRE DI SOLDI DEI CONTRIBUENTI.

mimmo de luca Commentatore certificato 20.07.08 12:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

L'altra sera in un servizio del TG1 (servizio indecente come al solito) c'era il mitico Brunetta, che, invitato a questa assemblea dove si parlava, credo, di intercettazioni, DORMIVA! lui che vuole mandar via i fannulloni sul lavoro, non riusciva nemmeno a stare seduto ad ascoltare, ma dormiva. dormiva come un bimbo e il cameraman del tg1 gli ha dedicato splendidi 5 secondi. Caro Beppe, segnalala come immagine se ti va, è carina da far vedere a questa gentaglia del parlamento. ti mando un caro saluto
marco

marco balzano 20.07.08 12:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Il furore degli ex-socialisti
Brunetta contro “alcuni” statali…
Sacconi contro “invalidi e pensionati”
Tremonti contro “tutti” ………( COLPA DEL DESTINO CINICO E BARO)

E’ in sostanza la vendetta postuma dei superstiti seguaci PSI molto impegnati nella CDL ad applicare il testamento politico di Craxi
Da un giornale : ……DOPPIO LAVORO STATALI ….basti pensare ai professori universitari - anche Brunetta lo è - che infatti non si contentano del doppio lavoro ma arrivano al triplo e al quadruplo, con le consulenze, gli articoli, la politica, non si capisce perché il doppio lavoro porti lustro e credito sociale al professore universitario e al barone accademico che tanto più è stimato quanto meno si fa vedere all'università, porta in cattedra moglie, figli e parenti vari, ma si deve perseguire l'operaio comunale che, terminato il normale turno, sale sulla sua Ape carica di attrezzi e gira per le case di campagna, e ora aggiusta un rubinetto, ora monta un lampadario ecc. ecc. Insomma, mille professori politici, come è Brunetta, e mille intellettuali ministri come è Brunetta - oziosi nel senso latino - hanno devastato il pubblico impiego…………… Brunetta finge di stupirsi perché i dipendenti pubblici che vogliono fare il doppio lavoro non accettano il part-time che corrisponde, più o meno, al dimezzamento dello stipendio e dunque della pensione.: ma quale impiegato sano di mente sarebbe disposto a rinunciare metà dello stipendio ????
Ma ad esempio un docente universitario, tipo Brunetta : quante volte gli studenti hanno goduto del privilegio di assistere ad una sua lectio? E se fosse stato assente ? Era Permesso non retribuito, aspettativa, malattia ??? Sarà ' passato un medico fiscale congo- belga a visitarlo ??????
SI POTRA’ CREDERE A BRUNETTA QUANDO AFFONDERA’ IL BISTURI NELLE UNIVERSITA’


n s 20.07.08 12:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

830.598 assenze retribuite nella P.A. si legge nella relazione del Ministro Renato Brunetta.

Si parla di introdurre l’obbligo per l’Amministrazione di inviare anche per un solo giorno di malattia, la visita fiscale a casa.

Ci sarebbe da dire, che è sempre esistita la facoltà di inviare la visita fiscale anche per un solo giorno di malattia e se non è stato sin qui attuato ovviamente sarà per motivi contingenti ed economici.

Tali visite infatti, comportano un costo e se debbono essere attuate nella loro totalità (830.598 annuali corrispondenti a circa 2.670 visite giornaliere), oltre ai costi (per ciascuna circa euro 25,00 x 2.670 giorni = euro 66.750 giornalieri, per un totale annuo che supera i VENTIMILIONI di euro), bisogna valutare pure il problema contingente di recuperare medici fiscali per espletare tale servizio e ciò comporterebbe altri costi da aggiungere ai predetti.

E’ vero che una percentuale di “ammalati” potrebbe sentirsi scoraggiata se questa norma sarebbe attuata e scenderebbe il numero delle assenze annuali con un presunto risparmio per la P.A., ma è altrettanto vero che altri “ammalati” dovendo sottoporsi a visita fiscale o dopo esservi stati sottoposti per un solo giorno di malattia, allunghino di altri due, tre o più giorni, la loro convalescenza, con un aggravio di spese per la P.A., che supererebbe il presunto risparmio.

Con ciò non si vuol dire di lasciar stare, ma di cercare di trovare altre soluzioni per scoraggiare il ricorso alla “malattia”.

Un’alternativa potrebbe essere quella di sollecitare i buoni rapporti di connivenza fra i tutti i livelli del personale dipendente, in modo da eliminare contrasti, invidie, gelosie, ripicche, soprusi, vessazioni o mobbing (alcuni dei motivi che possono indurre taluni ad andare dal medico per farsi dare giorni di convalescenza).

www.ignaziosaglimbene.blogspot.com/2008/07/visite-fiscali-unalternativa-invece.html

Ignazio G. Commentatore certificato 20.07.08 12:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Simona Franceschi, ragazza 18enne. Se i tuoi genitori fanno una vitaccia come dipendentri pubblici perchè non prononi loro di cambiare lavoro? Per esempio in un'impresa edile o in una carozzeria per tuo papà? in un ristorante o un hotel o una camiceria per mamma? Oppure iniziano un'attività autonoma, perfino un negozietto? Magari con l'aiuto dei figli? O FORSE UNO STIPENDIO FISSO, MALGRADO TUTTO, E' PIU' COMODO E MENO RISCHIOSO??? E voi figlioli, da grandi, a cosa aspirate? Cara Simona, a parte il Berlusconi di cui mi importa molto poco, la DITTATURA in Italia c'è per davvero. QUELLA BUROCRATICA A CARICO E SPESE DI CHI LAVORA E RISCHIA.
Carmelo Miragliotta, lavoratore autonomo.


Son figlio di un dipendente statale della Scuola, quindi di riflesso conosco bene l'andazzo del settore; vi posso assicurare che ci sarebbe da dare una bella sfoltita: troppi bidelli (devono pulire una media di 2/3 aule a testa,professori che avendo un'altro lavoro fanno numerosissime assenze con conseguenti danni per la didattica etc..);tutti soldi nostri che si potrebbero utilizzare per altri scopi.
I sindacati hanno rovinato l'Italia,tanto di cappello a qualcuno che ha il coraggio di iniziare ad affrontare il problema.Certamente con errori ma, solo chi agisce rischia di sbagliare.

leo R. Commentatore certificato 20.07.08 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

leggendo i vari commenti dei dipendenti pubblici ho scoperto che sono tutti lavoratori integerrimi,sempre presenti.a chiiii!!!, avete la faccia come il culo! siete gia preoccupati per le prossime malattie (possibilmente in vista di ponti ferie ecc ecc.)guadagnate troppo poco? andate a vedere quanto prende un operaio che si fail culo tutti i giorni,senno cambiate mestiere.vi lamentate dei parlamentari? loro sono mille,è vero piu della meta inutili. voi siete 4 milioni e mezzo, la meta inutili (e sempre nei settori dove si lavora meno).io non so se brunetta ce la fara nel suo intento (ne dubito fortemente)di cambiare le cose,ma almeno abbiate il pudore di dire che siete dei privilegiati.

ciottoli marco 20.07.08 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(parte prima)
Quello che nessuno dice
L'avvento della meccanizzazione prima e dell' informatizzazione dopo ha decimato i posti di lavoro. Laddove occorrevano cento persone,adesso in teoria, ne bastano venti. In realtà ce ne vorrebbero cinquanta.E questo con un enorme risparmio di danaro.Come non bastasse, sono state abolite molte figure professionali: commessi, archivisti, telefonisti, sportellisti e adetti alla posta.
Prima l'impiegato, per fare una fotocopia o per mandare una pratica alla firma del direttore, bastava che suonasse un campanello, arrivava il commesso e provvedeva.
Così l'impiegato non doveva assentarsi continuamente dal suo posto di lavoro per provvedere a queste cose. Né doveva scendere in archivio per cercare una pratica.
L'archivista sapeva bene dove mettere le mani e in breve trovava il documento richiesto.
L'impiegato invece deve perdere molto tempo per una ricerca.
E il commesso ben conosceva le funzioni di una fotocopiatrice e non solo, ma provvedeva al rifornimento della carta o alla sostituzione del toner o a mille altre cose : era il suo lavoro.
L'impiegato invece deve sempre barcamenarsi in questi adempimenti che gli sono stati imposti ma che non gli competono.
A turno l'impiegato deve provvedere allo smistamento della posta oppure a rispondere al centralino, lasciando così indietro il proprio lavoro. E' un impiegato tutto-fare la cui produttività è andata alle stelle....ma nessuno sembra accorgersene.
Ed esistevano, fra le figure professionali abolite, gli sportellisti. Ora invece, gli impiegati a turno devono ricoprire pure quel posto.Dunque: fare fotocopie, inviare e icevere fax, portare alla firma le pratiche, cercare in archivio i documenti, dividere la posta, rispondere al call center, stare allo sportello sono tutti adempimenti imposti a tutti i lavoratori il cui profilo professionale non contempla certe mansioni.In definitiva sono adempimenti che non competono all'impiegato e che lo distolgono dal proprio lavoro.

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 11:09| 
 |
Rispondi al commento

parte seconda)
Inoltre vengono penalizzati, su tutto il territorio nazionale, tutti quei disoccupati che potrebbero bene ricoprire quelle figure professionali, che un tempo erano il primo gradino di una carriera. Un tempo si partiva dalla gavetta.
E la gran mole di danaro risparmiato, viene ripartito ? Viene reinvestito ? A beneficio di chi va, se non del datore di lavoro, pubblico o privato che sia !?
E tutto questo mentre i salari, congelati da decenni, per potere di acquisto, diminuiscono di anno in anno, vistosamente e i carichi di lavoro aumentano sensibilmente ogni giorno di più. Ci aiutava il misero premio di produzione. Ora l'illuminato Brunetta ce lo toglie. E questo mentre si parla di politica di sostegno ai salari.
A questo si aggiunga il fatto che vengono utilizzati programmi telematici molto discutibili, tante volte non all'altezza e spesso mal funzionanti o non funzionanti affatto. Così si diventa improduttivi per forza !!!
E che dire della formazione ? Possono i corsi di poche ore chiamarsi formazione ? Si viene gettati allo sbaraglio e.non esiste l'affiancamento. Esiste invece l'arte di arrangiarsi..ma se per caso sbagli qualcosa o resti indietro nel lavoro..è te che vengono a cercare. E di tutto questo ne fa le spese soprattutto il cittadino comune che ignora cosa si nasconda dietro al cattivo funzionamento di alcuni uffici pubblici.
Questa è la situazione di coloro che vengono definiti fannulloni, e oggi penalizzati pesantemente dal ministro Brunetta, che tante cose non sa o finge di non sapere. E chi dovrà controllare se sono produttivo o no ? Quale ispettore super-partes, obiettivo e onesto, esperto del mio lavoro e consapevole delle mie condizioni di lavoro, verificherà la mia produzione ? Non è che si verrà a creare una specie di clientelismo in loco ?

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 11:05| 
 |
Rispondi al commento

egregio Ministro Brunetta io penso che prima di prendersela giustamente con gli impiegati bisognerebbe accertarsi cosa fanno i capi e i dirigenti che se telefoni non si trovano mai e sapendo del assenteismo dei loro subalterni se ne fregano, io ministro avrei prima licenziato i dirigenti quelli sono la vera causa saluti sergio

sergio zerial 20.07.08 11:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

BRUNETTA, MA TI RENDI CONTO DI QUANTO FAI SCHIFO, MA VAI A CONTROLLARE I TUOI COLLEGHI DI MERDA CHE SONO I PRIMI ASSENTEISTI, VAI DENTRO GLI OSPEDALI DOVE I DOTTORI FANNO IL DOPPIO LAVORO E NON SONO PRESENTI IN OSPEDALE, VAI A CONTROLLARE A LORO INVECE DI ROMPERE IL CAZZO A NOI POVERI CRISTI. OVVIAMENTE SEI UN SADICO IN QUANTO SCOPI POCO, E NON AVENDO IL CORAGGIO DI INCULARTI A LORO IN QUANTO UOMINI POTENTI TI VUOI INCULARE NOI CHE SIAMO PICCOLI. PERCHE' NON PROVI A FARE UN CONTRONTO IN TELEVISIONE E VEDIAMO A CHI DICI FANNULLONE E ASSENTEISTA. VIGLIACCHI

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 10:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

TU POLITICO,
che hai guadagni faraonici, che hai privilegi lussuosi e vergognosi,che navighi nell’oro,che fai il buono ed il cattivo tempo,tu che quando ti fai un graffio, vieni accolto a braccia aperte in lussuose cliniche private,tu che non sai cosa significa tentare di telefonare al CUP,tu che sei hai bisogno di un’ambulanza la trovi in 5 minuti,tu che non fai 12 ore di fila al pronto soccorso se ti fai male,tu cui tutte le porte si spalancano, tu che aumenti ogni anno il tuo stipendio da nababbo, zitto zitto, verso ferragosto,quando nessuno se ne accorge,TU MINISTRO, che ci metti gli uni contro gli altri, per meglio dominarci, tu che ci togli la scala mobile, tu che trucchi l’ISTAT, tu che quando hai guai con la giustizia non ti disperi, ma sai bene come fare,TU POLITICO, che ci rendi schiavi,TU CHE GUARDANDOTI ALLO SPECCHIO NON PROVI VERGOGNA, tu che hai ideato parametri di calcolo delle pensioni talmente vergognosi da potersi chiamare FURTO LEGALIZZATO, tu che congeli le pensioni, ma non i prezzi al consumo, tu che non conosci i problemi della vita, tu che per decenni siedi inossidabile in parlamento, tu che chiami suicidio il togliersi la vita di tante persone disperate per situazione economica e logistica e di salute…mentre si tratta di OMICIDIO VERO E PROPRIO, tu che vai in chiesa e ti fai il segno della croce e osi perfino fare la comunione, TU CHE NON HAI PROBLEMI, tu che sorridi davanti alle telecamere e spari le tue sentenze, tu che ti credi ONNIPOTENTE, tu che non hai coscienza alcuna, TU CHE CHIAMI BENE IL MALE E MALE IL BENE, tu di cui parla bene il salmo 12
“Solo falsità l’uno all’altro si dicono:
bocche piene di menzogna,
tutti a nascondere ciò che tramano in cuore.
Come rettili strisciano,
e i più vili emergono,
è al colmo la feccia.”
anche tu, tra pochi anni morrai,e non potrai portarti dietro tutti i tuoi tesori,ma solo il triste e pesante fardello delle tue infamità.Credimi: la tua "miseria" è peggiore della nostra !

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 10:41| 
 |
Rispondi al commento

scusa te se proseguo il mio cpmmento iniziato precedentemente e non concluso per mancanza di spazio. dicevo che i parlaemtasri dopo qualche settimana dalla prova tmpone cutaneo fstta dalle iene non trovarono di meglio di emnare una norms in cui alcune cagtegorie di lavorstori (piloti autisti di camio, bus e treni ecc. ma stramente non per molti operatori sanitari come quello delle dale operatorie) venivano costretti periodicamente a dei controlli antidroga. La norma di fatto è rimasta inattuata in quato fu fatta come molte altre in fretta e furia e quindi piena di lacune tanto da non permettere di emananrne la circolare appliocativa a seguito delle numerose contrattizioni contenute nella norma stessa. La mia conclusione è quindi che se per la maggior parte dei lavoratori viene richiuesta giustamente una perfetta condizione psicofisica come mai tale principio non vale per i parlamentari? forse temono che se prima di avee il pass per votare dovessero dar conto della loro perfetta condizione psichica non si avrebbe mai il numero legale......

serafino gardoni Commentatore certificato 20.07.08 09:47| 
 |
Rispondi al commento

vedere le discussioni in parlamento e una cosa comica, gli scranni deserti, perchè i "nostri politici" hanno il loro doppio lavoro e vanno a votare alla chiamata del CAPO, brunetta sa dove trovare gli assenteisti, cominciasse da loro
grazie beppe

peppino lorusso 20.07.08 09:32| 
 |
Rispondi al commento

assenteismo dei parlamentari
oltre al problema dell'assenteismo vvorrei far presente l'altro serio problema e cioè che molti di loro quando sno presenti spesso è come se non lo siano in quanto sono in uno stato psicofisico tale da aver difficoltà a capire se devono schiacciare il tasto verde o rosso (infatti ogni grupo parlamentare designa dei colleghi denominati questori con il compito di aiutare i colleghi a schiacciare il tasto giusto).Un paio di trasmissioni del programma le Iene non hanno fatto altro che evidenziare quello che già di fatto si sapeva infatti le due trasmissioni più famose riugurdavano la prima una seria di domande di cultura generale fatte ai parlamenzri a brucia pelo dove si ebbero delle risposte disarmanti (sarebbe bello poter rigurdare tale trasmissione su youtube prima di ogni elezione) a mio parere gli errori clamorosi erano dovuti solo in parte ad ignoranza ma in buona parte al fatto che molti di loro eranoin condizioni psicofisiche (alcool ed altro) disastrose. La seconda trsmissione più famosa e mai trasmessa rigurdava la prova tampone fatta in modo anonimo ad alcuni parlamentari anche in questo caso il risultato fu disastroso poichè un numero elevatissimo del campione risultò positivo. Per correttezza va precisato che il sistema del tampone cutaneo è molto dubbia in quanto evidenzia l'assunzione di sostanze stupefacenti nei cinque giorni precedenti quindi aver assunto una sostanza stufacente 4 giorni prima non significa che uno al momento del test sia ancora sotto l'effeto di tali sostanze che normalmente vengono smaltite dal sangue e urine nel giro di 12-24 ore. purtroppo tale sistema che per i motivi sopraesposti è di dubbia efficacia viene normalmente utilizzato per i comuni automobilisti i quali per una "canna" fatta qualche giorno prima e quindi interamente samaltita finiscono nei guai. Il paradoddo infine fu che dopo questa situazione assolutasmente paradossale il parlamento alcune settimane più tardi varò una norma in base

serafino gardoni Commentatore certificato 20.07.08 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono statale MERIDIONALE da 27 anni e la mattina cerco d'essere lì pronta
alle 7,30, non sapendo quando ne uscirò. Ho famiglia e mio marito lavora.
Per me entrano 1200 euro al mese. Mio marito è fondamentale per consentire
ai figli di studiare, università e liceo.Entro il 30 la 2a rata
dell'università di 460 euro.
Il mio lavoro è : da terzo piano scendo al sottopiano, regno
di blatte, gatti e topi, per recuperare carte marce, sporche e piene di
insetti, chiuse in faldoni fetenti, che devo portarmi nella mia stanza, di
solito a piedi, l'ascensore c'è ancora, ma la manutenzione costa cara e
l'amm.ne non se la può permettere sempre. Arrivata su, mi tolgo mascherina
e guanti, che mi compro, visto che ormai ho una violenta allergia da acari
della polvere, e corro a lavarmi con il mio sapone, da me comprato all'iper
insieme ad un rotolone per asciugarmi ed alla carta igienica. Gli utenti
che servo meritano il rispetto e l'attenzione che dedico, sono almeno
ottantenni, tutti. Per emanare il loro decreto e farlo controllare
dalla Rag. prov. stato e poi Corte dei conti, devo fare copie delle
scartoffie, con carta che MI compro allo stesso iper di prima insieme al
toner. Mio marito non deve saperlo! I "miei vecchietti" spesso vanno via
dicendo:"grazie SIGNORINA" nonostante i miei quasi 50. Lavoro e fatico in
loro funzione e così dò un senso a quelle giornate che è giusto smarcare
fino alle ferie. Vorrei dire a quel ciuccio di un "certo Brunetta" che il
contr. nazion. dei fannulloni prevede già le stronzate che crede
d'inventare e che dal 1996 il mio ufficio le rispetta. Solo per ricoveri o
lungodegenze non si detrae dal periodo di malattia il 20% giornaliero.
Inoltre ammalarsi enon andare in ufficio da noi è vergognoso, per cui
sempre presenti. Ah, già! Circa emolumenti aggiuntivi: io ho un credito di
80 ore di riposo compensativo, che so che non farò mai e che continuo ad
accomulare, sapendo chenon mi saranno valutati MAI.I miei vecchietti sono OK.

cinzia cata 20.07.08 09:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

TU POLITICO,
che hai guadagni faraonici, che hai privilegi lussuosi e vergognosi,che navighi nell’oro,che fai il buono ed il cattivo tempo,tu che quando ti fai un graffio, vieni accolto a braccia aperte in lussuose cliniche private,tu che non sai cosa significa tentare di telefonare al CUP,tu che sei hai bisogno di un’ambulanza la trovi in 5 minuti,tu che non fai 12 ore di fila al pronto soccorso se ti fai male,tu cui tutte le porte si spalancano, tu che aumenti ogni anno il tuo stipendio da nababbo, zitto zitto, verso ferragosto,quando nessuno se ne accorge,TU MINISTRO, che ci metti gli uni contro gli altri, per meglio dominarci, tu che ci togli la scala mobile, tu che trucchi l’ISTAT, tu che quando hai guai con la giustizia non ti disperi, ma sai bene come fare,TU POLITICO, che ci rendi schiavi,TU CHE GUARDANDOTI ALLO SPECCHIO NON PROVI VERGOGNA, tu che hai ideato parametri di calcolo delle pensioni talmente vergognosi da potersi chiamare FURTO LEGALIZZATO, tu che congeli le pensioni, ma non i prezzi al consumo, tu che non conosci i problemi della vita, tu che per decenni siedi inossidabile in parlamento, tu che chiami suicidio il togliersi la vita di tante persone disperate disperate per situazione economica e logistica e di salute…mentre si tratta di OMICIDIO VERO E PROPRIO, tu che vai in chiesa e ti fai il segno della croce e osi perfino fare la comunione, TU CHE NON HAI PROBLEMI, tu che sorridi davanti alle telecamere e spari le tue sentenze, tu che ti credi ONNIPOTENTE, tu che non hai coscienza alcuna, TU CHE CHIAMI BENE IL MALE E MALE IL BENE, tu di cui parla bene il salmo 12
“Solo falsità l’uno all’altro si dicono:
bocche piene di menzogna,
tutti a nascondere ciò che tramano in cuore.
Come rettili strisciano,
e i più vili emergono,
è al colmo la feccia.”
Anche tu, tra pochi anni morrai,e non potrai portarti dietro tutti i tuoi tesori,ma solo il triste e pesante fardello delle tue infamità.Credimi,"povero" politico,non ti invidio affatto!

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 08:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

(parte prima)
Quello che nessuno dice
L'avvento della meccanizzazione prima e dell'informatizzazione dopo ha decimato i posti di lavoro. Laddove occorrevano cento persone, adesso in teoria, ne bastano venti. In realtà ce ne vorrebbero cinquanta.E questo con un enorme risparmio di danaro.Come non bastasse, sono state abolite molte figure professionali: commessi, archivisti, telefonisti, sportellisti e adetti alla posta.Prima l'impiegato, per fare una fotocopia o per mandare una pratica alla firma del direttore, bastava che suonasse un campanello, arrivava il commesso e provvedeva.
Così l'impiegato non doveva assentarsi continuamente dal suo posto di lavoro per provvedere a queste cose. Né doveva scendere in archivio per cercare una pratica.L'archivista sapeva bene dove mettere le mani e in breve trovava il documento richiesto. L'impiegato invece deve perdere molto tempo per una ricerca.
E il commesso ben conosceva le funzioni di una fotocopiatrice e non solo, ma provvedeva al rifornimento della carta o alla sostituzione del toner o a mille altre cose: era il suo lavoro.
L'impiegato invece deve sempre barcamenarsi in questi adempimenti che gli sono stati imposti ma che non gli competono.A turno l'impiegato deve provvedere allo smistamento della posta oppure a rispondere al centralino,lasciando così indietro il proprio lavoro. E' un impiegato tutto-fare la cui produttività è andata alle stelle....ma nessuno sembra accorgersene.Ed esistevano, fra le figure professionali abolite, gli sportellisti. Ora invece, gli impiegati a turno devono ricoprire pure quel posto.
Dunque: fare fotocopie, inviare e ricevere fax, portare alla firma le pratiche, cercare in archivio i documenti, dividere la posta, rispondere al call center, stare allo sportello sono tutti adempimenti imposti a tutti i lavoratori il cui profilo professionale non contempla certe mansioni. In definitiva sono adempimenti che non competono all'impiegato e che lo distolgono dal proprio lavoro.(segue)

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 07:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Sono un fannullone ! Un dipendente pubblico ! La mia vita ? Mi alzo ogni mattina alle sei. Alle sette sono già sul posto di lavoro. Il mio orario inizia alle 07,30. Non mi schiodo mai dal mio posto. A pranzo non vado a mensa, ma mi mangio un panino davanti al terminale. L'utente che mi telefona mi trova sempre, durante il mio turno. Non riesco mai a fare 15 giorni di ferie continuate, perchè al mio rientro troverei un arretrato di lavoro ingestibile. Sono fortunato però: ho una casa propria, sono single, non ho mutui, ma solo un prestito che mi costa 250 euro al mese fino al 2014. Arrivo a fine mese senza lussi. Ci rientra qualche pizza, ma non di più. Il mio guardaroba è sempre lo stesso da molti anni ormai. Ma non mi lamento.Ho colleghi con moglie e figli a carico e sono disperati. Colleghi sempre presenti, non fannulloni, ve lo garantisco! Anche perchè il personale è ormai dimezzato, senza nuove assunzioni....e il lavoro è ripartito fra i superstiti. Nonostante ciò l'utenza rimane soddisfatta, per l'alto senso di responsabilità dei lavoratori. CERTO CI SONO SACCHE DI VERO ASSENTEISMO...DAVVERO SCANDALOSE, SPECIE AL SUD. Ma se esistono, io dico: dove sono i responsabili ? I direttori ? I capo-reparto ? Se i "gatti" non ci sono..."i topi" ballano. Allora perchè sparare sulla folla e penalizzare tutti. CI VOGLIONO TOGLIERE 600 EURO AL MESE DALLO STIPENDIO...LORO...CHE NAVIGANO NELL'ORO...FRA SCANDALOSI PRIVILEGI E MENSILITA' PARI A DUE ANNI DI LAVORO DI UN OPERAIO. Ci stanno mettendo gli uni contro gli altri: "DIVIDE ET IMPERA", e intanto smantellano la pubblica amministrazione, in vista di privatizzazioni a tappeto, tipo quella delle ferrovie.Quanto costa oggi un biglietto del treno ?? Ecco, ciò che oggi la pubblica amministrazione offre gratis al cittadino, domani il privato te lo farà pagare salato. Non ci credi ? Aspetta e vedrai. Stamani a Firenze si è manifestato per il centro.LE TV tacciono!
E intanto io devo sentirmi dare del fannullone! Che tristezza !

Antonioo Sutera Sardo Commentatore certificato 20.07.08 06:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

INVITO IL MINISTRO BRUNETTA A VOLERMI CONTATTARE PER UN CONFRONTO TELEVISIVO SU QUALSIASI EMITTENTE TELEVISIVA CON ME, SI ASSICURA AUDIENS MINIMO 80% DI SHARE.
LO MORTIFICHERO' SOTTO TUTTI I PUNTI DI VISTA A PARTIRE DAL FATTO CHE E' STATO L'ASSENTEISTA DI MAGGIORANZA DELL'EUROPARLAMENTO

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 02:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Brunetta non prenderci per il culo....se ti inculi quell'assenteista di merda di capezzone,fulgido esempio di trasformismo all'italiana,vedi le due guerre mondiali,chissà poi quanto lo hanno pagato i pidiellini....dicevo che crederò a brunetta solo dopo ciò...anche ghidini altro bell'assenteista...se lo facessi io sarei licenziato in 2 secondi netti....attenti italici può essere solo fumo negli occhi...cordiali saluti

andrea c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.07.08 00:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

ono d'accordo con il post su Brunetta. Anche se francamente non capisco la necessità di offendere la statura o le caratteristiche fisiche di una persona, offendendole tutte.. i bassi, i grassi, i ciechi, gli zoppi.. non credo faccia ridere e neppure sia elegante, e soprattutto c'è molto materiale su qui discutere che non questo. Hai visto la vignetta di oggi di spryk.com? carina fa pensare. saluti caldi a tutti, ti seguo sempre.

erme negildo 19.07.08 06:47 | Rispondi al commento |
Vota commento

* Currently /5
* 1
* 2
* 3
* 4
* 5

(voti: 1)
|
Segnala commento inappropriato

BRUNETTA è MITICO! GUAI A CHI ME LO TOCCA! e' L'UNICO CHE FA SENTIRE ALTO BERLUSCONI, PER QUESTO LO HA FATTO MINISTRO

fausta c. Commentatore certificato 19.07.08 23:43| 
 |
Rispondi al commento

"Sono stanco di sentire lamentele, anche se a ragione.Ogni persona ha il
dovere morale e civile,almeno per una volta nella sua vita,di smettere di
lamentarsi,di aprire gli occhi,di guardare in faccia la realtà e di agire
con fatti concreti.Mi rivolgo anche a Beppe Grillo per dirgli che è
arrivato il momento di dire basta e agire con i fatti e con la stessa
moneta di questi parlamentari.I nostri parlamentari fanno uso e abbuso di
carta e penna e dall'oggi al domani ti piazzano una legge senza alcuna
possibilità di confronto democratico e sociale con le varie forze presenti
sul territorio italiano.
Allora tocca a noi unirci e utilizzare la loro stessa arma,quale carta e
penna,e promuovere dei referendum seri e non alla "Pannella maniera".
Referendum tali da far tremare la classe politica intera e che
assicurerebbero all'ITALIA il risanamento del deficit pubblico.
A conti fatti un risparmio di ben 40-42 miliardi di euro all'anno con tagli
a privilegi e privilegiati.
Veniamo al dunque:caro Beppe,se davvero non vuoi perdere consensi ed io ti
stimo,agisci con fatti e non più con parole;non è proprio il momento.
Illustro brevemente i referendum:
1)Abolizione senato.
2)Riduzione da 630 onorevoli a 330 tutto.
3)Abolizione province.
4)Riduzione delle auto blu da 540.000 a 2000.
5)Abolizione pensione agli ex parlamentari.
6)Adeguamento stipendio dei parlamentari italiani a quelli europei.
7)Abolizione comunità montane.
8)Riduzione su tutto il territorio nazionale per le giunte comunali e
regionali del 35% di assessori.(Esistono assessori inutili e scaldasedie).
9)Abolizione circoscrizioni comunali.
10)Abolizione enti inutili e costosi.
Questi sarebbero i referendum primari da promuovere per garantire il
risanamento pubblico.
Resto a disposizione per l'ennesima volta anche per te caro Beppe se vuoi
delucidazioni dettagliate sui vari referendum.
Chiunque voglia contattarmi il mio numero telefonico è il
seguente:3339319797 SILVANO PENNA

silvano penna 19.07.08 23:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

BRUNEEETTTTTTAAAAAAAA................................
........................................................
...........................!


SEI LA RADICE CUBICA DI BERLUSCONI!

BERLUSCONIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII......(STOP. MI HANNO MITRAGLIATO GLI EREDI DI MANGANO!)

fausta c. Commentatore certificato 19.07.08 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Il ministro Brunetta, ha fatto approvare il provvedimento atto a frenare il comportamento, estremamente dannoso per l'erario, di quei dipendenti che con certificati di malattia falsi, sono stati o saranno assenti dal lavoro per periodi più o meno lunghi, ma ugualmente retribuiti, con grave danno dell'Amministrazione da cui dipendono e quindi, di tutti i Cittadini, per la carenza dei servizi forniti.
Bene, come già da tempo suggerito da questo mio blog, adesso io, come molti altri Cittadini, aspetto che promuova un ulteriore provvedimento che
persegua anche quei dipendenti pubblici che, pur figurando presenti al lavoro, non sono efficienti poichè fanno solo...la presenza, quelli che durante le ore di presenza, vanno in giro a sbrigare le proprie faccende, quelli che pagati da un Ente o Amministrazione Pubblica, sono formalmente al servizio di qualche politicante mentre, in realtà, sono in tutt'altre faccende affaccendati per proprio conto ed in ogni caso non fanno il ns interesse!
La casistica sarebbe , anzi è, molto lunga, quindi per par condicio, il ministro apprezzato morigeratore dei pessimi costumi nel pubblico, ma anche nel privato, impiego, dovrà provvedere in ogni direzione!
Io ribadendo quanto già espresso, CHIEDO, ANZITUTTO, CHE IL MINISTRO BRUNETTA, VADA A CONTROLLARE LE PRESENZE DEI NS DIPENDENTI ELETTI E SUPERPAGATI POLITICANTI, ALLE SEDUTE DELLE CAMERE PARLAMENTARI E VERIFICHI I MOTIVI DELLE LORO ASSENZE REITERATE, FACENDOSI PROMOTORE D UNA LEGGE CHE PREVEDA LA RESTITUZIONE DEI PROVENTI, DI QUESTI NS "DIPENDENTI", PERCEPITI NEI PERIODI IN CUI ERANO ASSENTI DAL PARLAMENTO, ED INOLTRE, IN ANALOGIA CON QUANTO PREVISTO PER I DIPENDENTI PUBBLICI, IN CASO DI ASSENZE RIPETUTE E INGIUSTIFICATE O GIUSTIFICATE FALSAMENTE O CON MOTIVI NON SERI, LA LORO DECADENZA DALLA NOMINA PARLAMENTARE!
CHE IL MINISTRO SI DOCUMENTI SUL VERGOGNOSO COMPORTAMENTO ASSENTEISTA DI QUANTI, ELETTI PER FARE I NS INTERESSI, HANNO CURATO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE I PROPRI, RISULTANDO ...

Nicola . Commentatore certificato 19.07.08 22:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Risparmi
Una scuola di medie dimensioni con 120-130 dipendenti potrebbe avere la necessità di disporre non meno di 20 visite fiscali al mese, almeno per il periodo più critico (normalmente da novembre a marzo) per un totale di un centinaio di visite fiscali: spesa di massima, due-tremila euro all’anno, pari ad un terzo dei fondi che il Ministero assegna alla scuola per il funzionamento ordinario !
W BRUNETTA !!!

n s 19.07.08 21:37| 
 |
Rispondi al commento

NOTIZIA ANSA PUBBLICATA PROPRIO 5 MINUTI FA:
HANNO FATTO TAGLI ANCHE ALAL SICUREZZA OLTRE CHE ALLA SCUOLA, ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, A TUTTO CIO' CHE NON FA PARTE DEL LORO MONDO, LORO HANNO TUTTI I PROVILEGI DELLA TERRA E NESSUNO NE PARLA.
CARO BEPPE GRILLO ORGANIZZIAMO UNA MEGA MANIFESTAZIONE AD ALTISSIMO LIVELLO ATTRAVRSO IL TUO BLOG E VEDIAMO DI FARE UNA GRANDE MANIFESTAZIONE COME HANNO FATTO I FRANCESI, E VEDIAMO SE LORO SONO INTOCCABILI E POSSONO FARE QUELLO CHE CAZZO VOGLIONO E NOI INVECE DOBBIAMO SOLO E SEMPRE SUBIRE. LORO FANNO VACANZE IN MEGA YOCHT DA 30 METRI E NOI LI DOBBIAMO POI VEDERE SFOGLIANDO I GIRONALI LA VITA CHE FANNO. ANDIAMO A ROMPERGLI IL CULO A STI BASTARDI E VEDIAMO SE E' CORRETTO IL LORO COMPORTAMENTO. CI STANNO PORTANDO ALL'ESASPERAZIONE PIU' TOTALE.

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.07.08 21:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Sono un dipendente pubblico. Forse varrebbe la pena sottolineare che le parti piu' ODIOSE del DL Brunetta-Tremonti NON sono quelle realtive alle assenze e al modo di giustificarle ma:
1)il taglio indiscriminato del 10% del salario accessorio per TUTTO il pubblico impiego, cio' significa che mediamente ogni dipendente pubblico perdera' 1000 euro netti l'anno;
2)la norma per cui la quale se io sono malato e non mi viene corrisposto il salario accessorio lo stesso NON viene distribuito tra i miei colleghi ma torna al Datore di Lavoro.
Ora caro Brunetta e' evidente che tu non hai MAI lavorato, altrettanto evidente che di economia ne capisci ben poco:infatti quando io sono assente il mio lavoro RICADE INEVITABILMENTE sugli altri e non sul datore di lavoro il quale NON viene a sostituirmi nemmeno se si ammala tutto l'Ufficio, anzi in quel caso CHIUDE l'Ufficio.Poi debbo farti un'altra domanda: come mai io che percepisco 1300 euro al mese se mi assento per malattia vengo subito controllato dal medico fiscale, decurtato lo stipendio, mentre il mio Dirigente che di euri ne prende 3000 (TREMILA) NON ha obbligo di timbratura, quindi RISULTA PRESENTE anche quando e' alle Bahamas???

Mario P 19.07.08 21:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento
Discussione

a volte ho la sensazione che come ti giri ti giri, c'è il nulla, lo ricordate, quello della storia infinita di Ende..

valerio nicoletti Commentatore certificato 19.07.08 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Brunetta non conta il suo assenteismo, e quello dei suoi amici dipendenti
alvise

alvise fossa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.07.08 21:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

CARISSIMO MINISTRO BRUNETTA, LEI DI SICURO E' UNO DI QUELLI CHE NELLA VITA NON HA FATTO MAI UN CAZZO PER SUDARSI LO STIPENDIO CHE PRENDE DA PARLAMENTARE, LEI E' UN LECCACULO, PERCHE' PER ESSERE CANDIDATI SAPENDO GIA' DI ESSERE ELETTI, VISTO IL SISTEMA ELETTORALE, SI DEVE PER FORZA LECCARE IL CULO A QUALCUNO, E QUESTO LEI LO SA FARE MOLTO BENE. PERCHE' NON COMINCIA A LAVORARE SU COME FARE ARRIVARE UN DIPENDENTE A FINE MESE CON LO STIPENDIO DA MORTO DI FAME INVECE DI ROMPERE IL CAZZO CON IL DOPPIO LAVORO? IL DIPENDENTE PUBBLICO CHE FA IL DOPPIO LAVORO LO FA PERCHE' NON PUO' CAMPARE, NON PUO' FARE LA SPESA PER MANGIARE E MAGARI HA IL FIGLIO O LA FIGLIA ALL'UNIVERSITA' E PURTROPPO SI ARRANGIA A FARE QUALSIASI COSA PUR DI AVERE L'ORGOGLIO DI AVERE UN FIGLIO LAUREATO. VI SIETE MANGIATI L'ITALIA, AVETE ROVINATO L'ECONOMIA NAZIONALE ITALIANA, STIAMO MORENDO DI FAME TUTTI E LEI CI ROMPE LE SCATOLE. HO UN COLLEGA CHE SPESSO VA IN MALATTIA PER FARSI LA CHEMIOTERAPIA PER UN TUMORE ALLA TIROIDE, E QUINDI SI VEDRA' DECURTATO LO STIPENDIO PER CAUSA SUA, E LO SA COSA MI HA DETTO IL MIO COLLEGA? CHE SPERA CHE LO STESSO TUMORE ALLA GOLA VENGA A LEI, E COSI' VEDIAMO SE QUANDO VA IN MALATTIA SI DECURTA I SOLDI DALLO STIPENDIO. SI DIMETTA E VADA A FARE IL SUO LAVORO SE LO SA FARE.

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.07.08 20:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono una dipendente pubblica, una di quelle fannullone che prestano la propria vita al servizio del sociale, sono stata operata di un tumore, anzi 4 piccoli carcinomi, appena tornata a casa, ho avuto la "sorpresa" del decreto brunetta,11 ore in casa, nulla mi è permesso, neppure cercare di riprendermi psicologicamente,sono chiusa in 40 metri di spazio, così è il mio appartamento, neppure a trovare mio padre posso andare, mi è vietato ricominciare a vivere e pensare che fino all'ultimo giorno prima dell'intervento sono andata a lavorare, mi sento forse peggio oggi di quando " ho saputo", perchè mi sento lesa nella mia dignità di persona, non ho commesso nulla, nessun reato se non quello di essere ammalata di una grave patologia, ma ho una ora di libertà al giorno, e quando farò la terapia , sarò costretta ogni volta ad avvisare l'ufficio personale per giustificare la mia assenza in caso di visita fiscale, Non ho parole! Poi ognuno di noi ha il suo caso, penso a chi è solo, invalido, ecc. Sono schifata. Per favore uniamoci e attenzione a non metterci contro tra pubblici e privati.

liliana pipoli 19.07.08 20:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rispondo a Gianfranco C.
Ok!Prendo atto con piacere che si può diventare amici anche avendo opinioni diverse e senza trascendere in volgarità gratuite ed offese personali(non è stato il tuo caso,come purtroppo ne leggo molte sul blog. Non che io sia un puritano,tutt’altro,però cribbio(se non avessi espresso la frase precedente,avrei detto cazzo) c’è modo e modo! Mi piace precisare che non sono affatto presuntuoso,sono solo una persona dotata di buona ironia e… se darò seguito ai miei interventi su questo blog,sono certo che capirai.Come avrai notato nel mio intervento precedente ho detto“non è che dobbiamo mandarci affanculo da soli?“e non ho detto“andate affanculo",quindi mi sono incluso nel concetto, che ho ribadito in un altro intervento,
precedente a questo,che sicuramente leggerai.Mi ci sono incluso nonostante,per una scelta di protesta personale(detto chiaramente,con meno pudicizia,mi sono rotto i coglioni di un sistema che non funziona),mi sono astenuto dal voto nelle ultime tre elezioni.Nel citato post ho formulato un’ulteriore domanda:cosa sarebbe successo se nelle ultime elezioni avesssimo disertato tutti,ma proprio tutti,le urne? E concludo rimandandomi e rimandandoci affanculo( sempre con sana ironia ).
Ciao

adriano pisano Commentatore certificato 19.07.08 20:37| 
 |
Rispondi al commento

...ma perchè il ministro non indaga anche sui medici delle strutture pubbliche, che sono introvabili nei reparti mentre hanno tutti lo studio fuori o lavoranzo nelle cliniche private?

QUALCUNO GLIELO PUO' DIRE!?!?!?!?


federico svevo 19.07.08 20:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ILLUSTRISSIMO MINISTRO BRUNETTA, COME VEDI DAI MIEI DISCORSI TI AMO TANTISSIMO, AL PUNTO TALE DA AUGURARTI UNA LUNGA E AGONIZZANTE MALATTIA PER VEDERE SE TI FARAI DECURTARE LO STIPENDIO DALLA TUO MEGA BUSTA PAGA. SEI UN ESSERE INUTILE, LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E NON HO MAI PRESO MALATTIA TRANNE DUE GIORNI PER INTERVENTO DI CATARRATTA AGLI OCCHI. MI CHIEDO BERLUSCONI DOVE CAZZO TI HA SCOVATO, SE MI DOVESSE CAPITARE DI SENTIRMI MALE VADO IN UFFICIO E MI FACCIO VENIRE A PRENDERE CON L'AUTOAMBULANZA, E TI FACCIO CAUSA DI SERVIZIO, E COSI' VEDIAMO SE TROVI GIUSTO IL TUO MODO RAZZISTA DI COMPORTARTI. ALTRO CHE MARONI CONTRO I ROM, TU SEI MOLTO PEGGIO DI LUI. FORSE NON TI SEI MAI SPOSATO PER QUESTO MOTIVO, PERCHE' NON HAI TROVATO UNA IN ITALIA CHE APPROVI IL TUO MODO DI ESSERE. QUESTO GOVERNO SI STA COMPORTANDO DA VIGLIACCO, PER NON PARLARE DEI TAGLI ALLA SCUOLA, DOVE MIA MOGLIE DOPO 13 ANNI DI PRECARIATO QUEST'ANNO RIMANE A CASA GRAZIE A TE E AL TUO GOVERNO BERLUSCONI. DAL MESE DI SETTEMBRE PER I MIEI FIGLI VISTO CHE DIVENTO DI NUOVO MONO REDDITO ARRIVERANNO TEMPI DURI, QUINDI TI AUGURO CHE TUTTO CIO' CHE SOFFRIRANNO I MIEI FIGLI LO SOFFRA TU PER MILLE VOLTE IN PIU'. OVVIAMENTE LEI NON HA FIGLI E QUINDI NON SA NEMMENO COSA SIGNIFCA L'AMORE DI UN FIGLIO CHE PIANGE O E' TRISTE PERCHE' DESIDERA UNA QUALCHE COSA CHE OVVIAMENTE LEI CON IL SUO MEGA STIPENDIO DI MERDA SE AVESSE DEI FIGLI POTREBBE FARE. VAFFANCULOOOOOOOOOOOOOO

LUIGI L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.07.08 20:07| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

LEGGO IN RITARDO IL POST SUGLI STATALI CHE CONDIVIDO PIENAMENTE MA VOLEVO FAR CAPIRE UN PAIO DI COSE AGLI STOLTI CHE SI FIDANO DELLO STOLTO BRUNETTA. LA PUBBLICITA'E' L'ARMA PIU' EFFICACE DI QUESTO GOVERNO E LA BUGIA ANCHE,SAPPIATE CHE DOPO LO SCOMPIGLIO DELLE CERTIFICAZIONI FATTE SOLO DA UN MEDICO DELLA STRUTTURA PUBBLICA PER MALATTIE DI OLTRE I 10 GIORNI O PER LA SECONDA MALATTIA NELL'ARCO DELL'ANNO IL MINISTERO DELLA FUNZIONEPUBBLICA HA INVIATO UNA CIRCOLARE PER SPIEGARE CHE INDOVINATE UN PO' CHI E' IL MITICO MEDICO INFALLIBILE ATTO A CERTIFICARE LA MALATTIA DEL FANNULLONE? IL MEDICO DI BASE!!! DUNQUE NULLA DI NUOVO PER GLI STATALI SOLO OPPIO PER IL POPOLO CREDULONEISTIGATO ALLA GUERRA MA LA COSA CHE DOVETE CAPIRE E' CHE QUANDO SI RESTRINGONO LE AREE DEI DIRITTI PER UNA CATEGORIA SI PREPARA LA CORSA ALL'INDIETRO PER LE ALTRE! NON GIOITE DIPENDENTI DI DITTE PRIVATE, OPERAI ECC DOPO TOCCHERA' A VOI LA VISITA FISCALE A QUALSIASI ORA E ANCHE QUI SAPPIATE CHE LA VISITAFISCALE ERA GIA' OBBLIGATORIA DAL PRIMO GIORNO PER I MINISTERIALI QUINDI ANCORA UN BLUFF. BRUNETTA HA SPARATO NEL MUCCHIO INCAPACE DI SCOVARE IL FANNULLONE MA NCHE VOI SIETE UN MUCCHIO SONO GIA ABOLITI LA TRACCIABILITA' DELLE PRESENZE DEI LAVORATORI, I LIBRI MATRICOLA E NELLO STESSO DECRETO TREMONTI E' STATO ABOLITO IL MODULO DELLE DIMISSIONI IN BIANCO CHE TUTELAVA DALLA ARBITRARIETA' DEI PADRONI, E' STATO RIVISTO IL PERCORSO DI BERSANI CHE PERMETTEVA LA TRACCIABILITA' DEI PAGAMENTI CON ASSEGNI E CON ESSI LA VOLONTA' DI COMBATTERE L'EVASIONE QUINDI NON GIOITE SE NON SIETE COMMERCIANTI DENTISTI, AVVOCATI, IMPRENDITORI E NON POTETE EVADERE IL FISCO.SAPPIATE CHE LO STATALE NON VIENE MAI MESSO IN CONDIZIONI DI LAVORARE IN MANIRA EFFICIENTE ED EFFICACE E CHE GLI STIPENDI SI SONO RIDOTTI, I CONTRATTI NON HANNO MAI COPERTO NEANCHE L'INFLAZIONE,PER CUI CHIGIOISCE OGGI DOMANI NON SAPRA' A CHI VENDERE I PROPRI PRODOTTI E TANTI FINIRANNO NELLA CACCA COME TUTTI QUELLI CHE HANNO UN SALARIO STATALE O OPEAIO CHE SIA

DANIELA ROVEREDO Commentatore certificato 19.07.08 19:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

RISPONDO A EDEDEDED O.

Caro amico,
grazie per avermi risposto e grazie per avermi lasciato in purgatorio ad osservare, anziché avermi mandato all’inferno. Hai perfettamente ragione quando dici che l’informazione è falsa, su questo con me sfondi una porta aperta: io aggiungo che TUTTA ( capiscimi ) l’informazione non solo è falsa, ma pure tendenziosa.
Hai perfettamente ragione quando dici che sono disinformato, e te lo dico per mia convinzione e non con ironia, credimi!
Forse mi sono sbagliato quando ho detto che il “Nano”, come viene chiamato comunemente, io preferisco chiamarlo per nome, quindi dirò Berlusconi, perché sono abituato a chiamare chiunque per nome, anche il peggiore dei nemici, ha avuto un consenso che ha sfiorato un record storico. Io volevo semplicemente evidenziare che l’attuale maggioranza ( o se preferisci la coalizione di forze politiche ) ha vinto le elezioni ultime con uno scarto di voti nettamente superiore rispetto alla precedente ( coalizione ), che invece aveva vinto le elezioni per un pugno di voti.
Detto ciò, disinformato o meno, la sostanza di ciò che ho detto in precedenza non cambia: al governo questi signori ce li abbiamo messi noi. Allo stesso modo, ripeto il concetto già espresso: eravamo incazzati durante il precedente governo Berlusconi,eravamo incazzati durante il governo Prodi,siamo incazzati per questo governo,però in concreto, ripeto, al governo li abbiamo messi noi. In conclusione, poiché ( lo ammetto e lo ribadisco ) sono disinformato, non mi resta che porre delle domande: ma se non ci andavano bene ne gli ne gli altri,perché ci siamo dati la zappa ai piedi? La risposta più ovvia sarebbe di dire che sono mancate le alternative,che questo sistema ci impedisce di esprimere la nostra volontà ecc. ecc. Allora mi sovviene un'altra domanda: se non avesse votato nessuno, ma proprio nessuno,cosa sarebbe successo? Per mera autocritica mi ritorna, prepotente la domanda originaria:non è che dobbiamo mandarci affanculo da soli?

adriano pisano Commentatore certificato 19.07.08 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto ormai diversi forum e opinioni varie sul prob. Brunetta-Pubblici Impiegati. Mi sono reso conto che nessuno si è accorto o ha evidenziato quella che x me è una contraddizione grande quanto una casa. ‘Sti signori, di cui fa parte il Ministro per le Brunette all’estero, non sono gli stessi che vogliono il federalismo, il decentramento, il potere condominiale insomma? Non sono gli alleati di Bossi e padani vari? Quando si parla della Pubblica Amministrazione, io che ci lavoro da 20 anni, faccio sempre una distinzione (sommaria): lo Stato e gli Enti Locali. Dal mio personalissimo punto vista ho notato che, ormai da più di un decennio, lo Stato si è dotato di procedure amministrative molto rigide. Procedure di auto-controllo che riguardano sia la gestione del personale (software di presenze/assenze a cui niente sfugge..) sia la produttività (premi legati al raggiungimento del risultato). Gli Enti Locali sono invece quelli delle consulenze da 6 milioni di dollari, controllati direttamente dal potere politico (sarà questo il prob.?) che lavorano a progetto (se sei simpatico ti becchi un 10.000 euro l’anno…in più). Lo schifo sta presso i comuni. Proprio quelli che questo stesso governo (scritto con lettera minuscola..) vogliono politicamente premiare…

giorgio p 19.07.08 19:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 2)
 |
Rispondi al commento

Sempre x PISANO eppoi perchè dovrei mandarmici da solo visto che non l'ho votato? forse ci mando coloro che l'hanno voluto,non mi sento per nulla responsabile,ho fatto tutto il possibile per non volerlo.Si vede che per coloro che l'hanno voluto le motivazioni erano di rabbia,forse,per un governo precedente che ha tradito le aspettative degli stessi elettori facendo una politica non LORO.Io dò questa interpretazione,ce ne saranno altre che forse mi sfuggono,per me questa è la principale.......Saluti Gianfranco

gianfranco c. Commentatore certificato 19.07.08 19:47| 
 |
Rispondi al commento

X Adriano Pisano,certo che puoi chiamarmi amico,ci mancherebbe, ho scritto così perchè il tuo intervento mi sembrava molto presuntuoso( Grillo e Travaglio....) dovevamo noi con la ns.intelligenza...e poi non dici nulla,beh! non mi sembrava un bel modo di dialogare o di esporre un opinione ma solo mandare aff...( io la ritengo,esposta in quel modo, ancora un'offesa perchè gratuita). Come vedi ci si può ancora PARLARE o SCRIVERE,anche non condividendo le reciproche idee,in modo chiaro e civile cosa che il tuo ultimo intervento ha provveduto a fare. Cordialità. Gianfranco

gianfranco c. Commentatore certificato 19.07.08 19:23| 
 |
Rispondi al commento

mettiamo che io sia dipendente statale......... mettiamo che mi prenda un cocclone..............mettiamo che non ho nessuno che puo' andare in farmacia al posto mio ad acquistare i farmaci che devo assumere............... mettiamo che devo andare a farmi la spesa (posso mangiare o e' vietato pure quello?)....................... mettiamo che ho una ricaduta e sto malissimo, come ci vado in una struttura pubblica a farmi fare il "certificato"?................... METTIAMO CHE NON HO AMMAZZATO NESSUNO!!!!!!!!!!!!!!! DEVO STARE IN "CARCERE" CON L'ORA D'ARIA TUTTO IL GIORNO PER TUTTI I GIORNI DI MALATTIA???????????? BRUNETTA...... NON TI CI MANDO PERCHE' SONO SICURA CHE TI FAREI UN FAVORE........... PREGA IL SIGNORE DI STARE SEMPRE BENE DI SALUTE E COSI'DOVREBBERO FARE TUTTI QUELLI CHE RAGIONANO COME TE...

Feng shui (ch'i) Commentatore certificato 19.07.08 18:40| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON TOCCHERANO MAI NESSUN POLITICO PERCHE' LA MAFIA NON SI TOCCA. QUESTI DECRETI E QUESTE LEGGI SCHIFOSE RIGUARDANO SOLO I DISGRAZIATI SENZA VOCE IN CAPITOLO.. NESSUNO HA MAI RUBATO IN CASA DEI LADRI!!!!!!!!!!!!!! SIAMO IN UN PAESE SPAZZATURA E NIENTE MIGLIORERA' IN FUTURO, NESSUN V-DAY E NESSUNA MANIFESTAZIONE CAMBIERA' TUTTO QUELLO CHE CI CIRCONDA, POTREMMO STARE GIORNI SETTIMANE MESI A PARLARE PER TROVARE UNA SOLUZIONE MA ALLA FINE DECIDONO "LORO", SPOSTANO L'ATTENZIONE DEI BOCCALONI DA UN PROBLEMA ALL'ALTRO MA I VERI PROBLEMI QUELLI URGENTI: LE RAPINE IN APPARTAMENTI E VILLE, GLI STIPENDI DA FAME, LA DISOCCUPAZIONE, L'IMMIGRAZIONE CONTINUA DI DELINQUENTI E QUINDI LA NOSTRA SICUREZZA VANNO A FARSI FOTTERE GIORNO DOPO GIORNO... MA LORO HANNO COSE PIU' IMPORTANTI DA RISOLVERE, L'IMMUNITA' DELLE ALTE CARICHE POLITICHE, I FANNULLONI DA COMBATTERE, ECC... E INTANTO NOI GIORNO DOPO GIORNO CI GIOCHIAMO LA VITA CON GLI UBRIACHI AL VOLANTE, GLI ASSALTI NOTTURNI NELLE NOSTRE CASE ECC.. IO NON SO DOVE VIVETE VOI MA DOVE STO IO E' DIVENTATO UN FARWEST, QUESTA NON E' VITA E DOMANI SARA' PEGGIO DI OGGI....

Feng shui (ch'i) Commentatore certificato 19.07.08 18:11| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento

Brunetta, brunetta, del missipipì non far lo scontroso ma leggi fin quì...
Mon non credo che tu ti possa rendere conto delle realtà; tu sei per lo spot, quello che fa effetto sulle tue gerarchie. Qualcuno mi parlò di te un poco di tempo fa, descrivendoti come professore ad una facoltà universitaria; anche allora eri per l'osservanza gerarchica e la ragazza che me ne parlò, ti descrisse come un autentico testa di cazzo.!!!
Ciao, nè!!!

antonio TOSCANO (psicononno) Commentatore certificato 19.07.08 18:00| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vincenzo A. assunto in Comune, lavora al bar
Ogni mattina Vincenzo A. lo vedevi dietro al bancone del bar a riempire chicchere per i compaesani. Doppio, lungo, macchiato, corretto, oppure ristretto, con o senza cornetto: signora, la vulite 'na tazzulella 'e cafè? Profumo d'Arabica tostato e tutta una musica di cucchiaini. Sgobbava, nessuno lo avrebbe detto che fosse un fannullone. Eppure Vincenzo A, cameriere del bar, ufficialmente faceva l'impiegato al Municipio di Acerra, dove ovviamente non lo si vedeva mai. Al direttore del personale portava certificati medici che attestavano la sua cronica e antipatica asma bronchiale acuta. Una tosse col fischio da togliere il respiro, e da impedire il lavoro nei luoghi polverosi. Una frottola senza vergogna. Non per niente Acerra è il paese delle ecoballe. I giudici della V sezione penale della Cassazione lo hanno punito per truffa. Il ministro Brunetta sta facendo del suo meglio per liberarci dalla piaga.
MENO MALE.
Brunetta dovrà dire "Io speriamo che me la cavo" .

danieli g. Commentatore certificato 19.07.08 17:55| 
 |
Rispondi al commento

mitico brunetta,stangali questi parassiti bastardi! sono decenni che rubano lo stipendio e in piu con il doppio lavoro evadono pure,le regole come in fabbrica,chi non produce fuori dal cazzo!!

ciottoli marco 19.07.08 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....ma, stiamo scherzando o è vero? Non danno l'ok per una manifestazione, e noi ubbidienti accettiamo! Dunque non siamo persone dignitose e pensanti. Siamo niente, siamo nessuno.....
Quando si è in prossimità delle votazioni diventiamo importanti:"IL POPOLO CI HA ELETTI",così dicono. Poi diventiamo nuovamente nessuno...INFATTI NON POSSIAMO SCEGLIERE CHI MANDARE A GUADAGNARE 20.000 euro mensili, DECIDONO LORO, GLI" ELETTI ". Vi supplico fratelli italiani il 25 luglio ritroviamoci ugualmente a Roma Piazza Navona ore 10.
Mi prenderò un giorno di ferie:IO CI SARO'.

rosa sedda 19.07.08 17:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RISPONDO A DADDO D. E GIANFRANCO C.

Cari amici ( spero mi sia permesso di chiamarvi così ) io sarò pure un qualunquista e forse farò demagogia spicciola, può anche darsi che creda ancora a babbo natale,ma non ho nè la presunzione nè l'arroganza intellettuale di ritermi uno dei pochi che abbia capito tutto. Non amo fare discorsi enfatici, preferisco essere razionale, osservare e riflettere. Ciò premesso, ecco una mia breve riflessione.
Il precedente governo Berlusconi non ci andava bene, eravamo tutti incazzati e su questo blog abbiamo sparato a raffica.
Nell'aprile del 2006, chiamati al voto, abbiamo mandato al governo Prodi. Dopo pochi mesi, eravamo incazzati come prima e abbiamo continuato a sparare a raffica su questo blog.
Nell'aprile di quest'anno, richiamati al voto, abbiamo rimesso al governo Berlusconi, con un consenso che ha rasentato un record storico, e siamo ancora incazzati e continuiamo a sparare a raffica su questo blog.
Allora, col mio qualunquismo e la mia demagogia spicciola, mi domando: ma non è che dobbiamo mandarci affanculo da soli?

adriano pisano Commentatore certificato 19.07.08 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

G.; V.. E, S T ;R I detto SMIGOL

è arrivato lo sguattero. Se notate, entra nel blog sempre a quest'ora, perché è libero in attesa di andare a rigovernare la cucina della pensioncina in cui la mamma gli ha trovato un posto da sguattero, perché sua madre è stufo di mantenerlo.
Rientrerà nel turno del blog, alle 23:00 circa, dopo avere rigovernato la cucina.

Ciao SMIGOL

^__^


Mi raccomando, andare velocemente con

......."SEGNALA COMMENTO INAPPROPRIATO".....

Max Stirner

Max Stirner Commentatore certificato 19.07.08 16:49| 
 |
Rispondi al commento

"Nella Vigna dei coglioni ia-ia-o
dove regna Berlusconi ia-ia-o.

C'è Maroni,che,mica siamo scemi
glielo diamo volentieri in cambio dei Romeni;
Ciarrapico,che,da buon pregiudicato
ora splende alla grande tra le stelle del senato;
c'è Brunetta ,nano,amministratore
che si prende anche le brighe del moralizzatore;
c'è Schifani,che,lo dice il nome stesso;
c'è Castelli che dovrebbe andare al cesso;
ci sta Alfano-ano-a-a-ano;
c'è Cuffaro sulla giostra a garantire Cosa Nostra;
c'è Alessandra Mussolini che va da Bruno Vespa
un lacchè un poco bigio strisciante come un mocho
e dichiara senza paura rivolgendosi a Luxuria
che essere fascisti e meglio che esser frocio.

Nella vigna dei coglioni ia-ia-o.

Ma al di là di eventuali e onesti comprimari
ogni orchestra degna vuole il suo stradivari
lo diceva al suo duce l'ineffabil Galeazzo
che per governar coglion ci vuole
un Gran Testa di Cazzo...
(Dalla mia canzone"La Vigna dei Coglioni"che fa riferimento all'infelice uscita del Grande Clown
a proposito degli Italiani/Nicola Buffa)

Nicola Buffa 19.07.08 16:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

diceva un tale De Andre... che un nano e una carogna di sicuro...perche' ha il cuore troppo..troppo vicino al buco del culo...!

P. gesualdi 19.07.08 16:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Sì vabbè, ma io che faccio il medico ospedaliero, mi chiedo, ma se uno si spacca un femore, che fa? Gli decurtano lo stipendio??? Eppoi se la prendono con noi dipendenti pubblici che essendo praticamente gli unici a pagare le tasse per intero, visto che ce le salassano alla radice, alla fine saremo quelli obbligati a farci il doppio lavoro, ma non per arricchirci, ma per sopravvivere alla crescita progresiva del tutto e del mutuo di casa in primis, il mio in un anno e mezzo è aumentato di 400€ ma lo stipendio èrimasto identico 2240€ mensili. E chi vive con meno??? Ma sì pensiamo alla giustizia, effettivamente è una priorità... per lo psiconano e basta.

riccardo vassallo 19.07.08 16:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Caro Alessandro
ti dò perfettamente ragione
Questi pivelli sono ignoranti come capre e non conoscono né le leggi né il pudore.
Più' che inventare l'acqua calda non sanno.
E il loro è il governo delle "trovatine".
Pensa a quel somaro di Maroni che per dare ai padani il contentino di uno sgarro ai rom si è inventato la schedatura attraverso le impronte di un intero popolo come se fossimo tutti criminali, un paese di criminali governato da una cricca di santi impunibili! Una bellezza! Noi schedati contro ogni nostro diritto di onesti, loro improcessabili a vita contro ogni responsabilità di ladri! Il massimo dell'impudicizia!
Lo stesso Maroni, visto il coro di dissenso dalla Chiesa e dall'Europa contro le sue pratiche razziste contro i rom, tenta goffamente di dire che si trattava di provvedimenti "a favore dei bambini nomadi", e intanto in Padania i bambini zingari sono cacciati dalle scuole e i suoi colleghi spingono per vietare loro anche l'accesso ai pronto soccorso, sempre in nome della salvaguardia dei diritti.
Ora Maroni dice indecentemente che si studierà una pratica di "scolarizzazione" di questi bambini, ignorando, da quel somaro che è, che le scuole italiane sono già loro aperte, la scolarizzazione c'è già, e che esistono già pratiche di integrazione (Caritas e volontariato laico) a cui semmai il governo ha tagliato i pochi fondi, mentre lo stesso governo non risana i campi legali e li caccia da quelli abusivi come bestie da braccare, e sono proprio le scuole a conduzione padana che chiudono loro le porte
Insomma somaraggine, razzismo, incoerenza, ignoranza, disumanità, di tutto e di più.
E questi sono quelli che vorrebbero governare l'Italia, abbattere la magistratura e distruggere la Costituzione?
Che la tempesta li fulmini e il vento li disperda, loro e la loro genìa di malvagi senza cuore né competenza né cervello!
La sorte più dura per un paese è vedere il governo caduto nelle mani di gentaglia incapace e avida e non potersene più liberare

viviana v. Commentatore certificato 19.07.08 15:47| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Che barba che noia...

daddo d. Commentatore certificato 19.07.08 15:37| 
 |
Rispondi al commento

FORZA BRUNETTA DAGLI ALL’ASSENTEISTA :
I più assenti FONTE SOLE24ORE
1° berlusconi silvio forza italia 4623 98,5 2° verdini denis forza italia 4402 93,8 3° pezzella antonio an 4339 92,5 4° giordano francesco prc 4232 90,2 5° cicchitto fabrizio forza italia 4218 89,9 6° fassino piero ulivo 4178 89,0 7° bondi sandro forza italia 4106 87,5 8° boselli enrico rosa nel pugno 4058 86,5 9° siliquini maria grazia an 3874 82,5 10° de luca vincenzo ulivo 3731 79,5 11° chiaromonte franca ulivo 3183 67,8 12° capezzone daniele rosa nel pugno 3171 67,6 13° sircana silvio emilio ulivo 3013 64,2 ecc. ecc.
SEMBRA CHE ANCHE BRUNETTA FOSSE ASSENTEISTA AL PARLAMENTO EUROPEO MA LI' SI SA' CHE E' SOLO UN ORGANISMO CONSULTIVO.....

n s 19.07.08 15:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

per Adriana Pisano,
si certo, e tra l'altro gli alieni sono in combutta con i governi dei paesi industrializzati per metterci nelle scatolette e mangiarci tutti nei periodi di magra su marte. E il babau esiste davvero. E babbo natale non esiste...
Meno male che ci sei tu che hai capito tutto.
Che noia che barba...

daddo d. Commentatore certificato 19.07.08 15:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 1)
 |
Rispondi al commento


..e ripostiamo di nuovo...

Brunetta, che ha annunciato battaglia contro i fannulloni nella P.A, e' stato tra gli europarlamentari italiani piu' assenteisti. Nel Parlamento europeo stava al 611/mo posto come presenza, con una percentuale del 48,21%.
Notiamo pero’ una cosa curiosa: google era pieno di notazioni sulle assenze di Brunetta ma la maggior parte di queste ora non si apre piu’. Assente si’ ma che non si sappia in giro grazie a una bella passata di censura!


questo post continua a essere censurato
e io continuo a postarlo
si vuole eliminare la verità sostituendola con la propaganda? fate pure ma la figuraccia è tutta vostra
davvero pensate di cancellare la verità (e questa è anche una notiziola da poco) con un colpo di maus?
alla fine la verità censurata sarà una valanga che vi schiaccerà

viviana v. Commentatore certificato 19.07.08 15:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori