Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Cinque sorelle per me posson bastare...


video_gaza.jpg

Bombardamenti a Gaza


Jawaher 4 anni, Dina 8, Samar 12, Ikram 14, Tahrir 17 anni. Cinque sorelle palestinesi della famiglia Balousha. Vivevano a Jabaliya, vicino a Gaza City. Un campo profughi della striscia di Gaza. Una bomba le ha uccise. Un F16 israeliano è volato sulle case di Jabaliya e sulla moschea Imad Aqel, le ha sfiorate nella notte, il suo respiro le ha distrutte. Israele vuole combattere Hamas, ma uccide i bambini.
Si può dire, gridare che chi uccide i bambini, in modo deliberato, ovunque nel mondo, è un assassino? E che va giudicato per crimini contro l'umanità da un tribunale internazionale? Non ci sono giustificazioni. Lo scrittore Abraham Yehoshua, una voce tra le più importanti di Israele, ha detto: "Non avevamo scelta". Ma tra la vita di una bambina e qualunque altra cosa ci deve essere scelta. La bambina è sacra, il resto non conta.
Israele vuole creare un cordone di sicurezza intorno a sè con i bombardamenti, dal Libano a Gaza. Ma non saranno le bombe a portare la sicurezza. Per ogni civile ucciso, ci saranno cento terroristi in più. Per ogni bambino libanese, palestinese, arabo ucciso, mille terroristi in più. Israele si mette sullo stesso piano dei suoi nemici quando massacra i civili e, per questa ragione, potrebbe non avere domani più amici in Occidente. A Israele si chiede di essere non solo più forte di chi la vuole distruggere, ma anche migliore.

sorelle_Balousha.jpg

La fotografia delle cinque sorelle uccise ha fatto il giro del mondo arabo e del Medio Oriente. Una fotografia di rabbia di massa.

.......................................................................................................................
Il calendario dei Santi Laici 2009 è disponibile in download gratuito nel formato pdf o a prezzo libero, nella stampata su carta patinata.

Diffondi il calendario
.......................................................................................................................

FREE BLOGGER

freebloggers_go.jpg

Inviate le vostre foto con la scritta: "FREE BLOGGER":
Invia una mail a freeblogger@beppegrillo.it con:
- Oggetto: il tuo nome
- Testo: indirizzo del tuo blog
- Allegato: la tua foto con un cartello "Free Blogger"
Le foto appariranno nella barra superiore del blog.

Diffondi l'iniziativa

Scarica l'ultimo numero del magazine Scarica "La Settimana" N°52-vol3
del 28 dicembre 2008

3 Gen 2009, 12:45 | Scrivi | Commenti (1873) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe, bellissimo post. ma mi sei caduto sul finale.
Quando un padre perde 5, 8, 10 figli, la moglie, il negozio, il frutteto, cosa può fare se non diventare partigiano? certo la cultura sbagliata del kamikaze tra i civili non giova. Ma sai benissimo che Hamas è composta solo da PARTIGIANI, come i nostri nonni 70 anni fa. Solo un pò più tristi e senza speranza.
Riguardo ai razzi, quelli di hamas e delle altre fazioni arrivano a malapena al confine, facendo 2 o 3 morti ogni 10 missili. Vogliamo metterla a paragone con l'operazione piombo fuso? Non credo. Io come sempre, parteggio per i partigiani.

Matteo Casamonti 16.04.11 17:18| 
 |
Rispondi al commento

You tube ha eliminato il video VERGOGNA

Qualcuno sa dove posso trovare lo stesso video ??

Surace Diego 12.02.09 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Bravo! hai fatto bene Santoro!.....bravooooo! finalmente l'hai messa a tacere la vecchia cornacchia.....L'unica cosa che hai fatto di sbagliato...è averla invitata....è come se avessi invitato...LaRussa....Gasparri...Cicchito...oramai sappiamo come rispondono, io ti potrei anticipare tutte le lore risposte....sono persone tutte di un pezzo...come si dice e quindi hanno le idee chiare Perbacco!!La Lucia Annunziata voleva portare le ragioni degli israeliani perché aveva vissuto per un certo tempo In Israele ...che diamine!!!!e quindi conosceva le loro paure, le loro giuste rivendicazioni.
Mica era stata in quell'inferno della striscia di GAZA...dove gli Israeliani impediscono il passaggio dei rifornimentri e anche ai giornalisti di vedere come vivono da anni quella povera gente..bambini vecchi ecc......Nooooo!!!! casomai il mondo lo venisse a sapere si guasterebbe la festa...!!!!!
Quindi La Nostra lucia ha fatto bene ad accusarti di faziosità...tu che hai osato portare le ragioni di 1200 palestinesi morti di cui 300 bambini.. contro 5 o sei israeliani di cui la metà morti dal cosiddetto fuoco amico...
Invece tutti zitti,,,, li non esiste faziosità quando i nostri telegiornali ci hanno bombardato ,con la notizia della visita in Israele del nostro ministro degli esteri...tutto sorridente ( già cosa avrà mai avuto da ridere dopo più di 1200 morti) mentre stringeva la mano alla sua collega israeliana ..... poi ci siamo dovuti sorbire la commemorazione della morte di quel granduomo di Craxi ...pensa che la giornalista si soffermava sul fatto che c'erano più di 400 persone a piangerlo.....purtroppo la sinistra è anche questa!!!!!!!.........le ire di petruccioli!!!!!!! contro il povero Santoro!!!!SE CI TOLGONO ANCHE QUESTO PROGRAMMA.....NON STAREMO ZITTI....SE LO RICORDINO IN RAIIIIIIIIIIII

renato giannelli, firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.01.09 01:32| 
 |
Rispondi al commento

Ovvio, che queste cose scritte così fanno brutto: Ma molte cose sono taciute, tipo che Hamas rastrella la popolazione e la obbliga a stazionare nei siti dai quali i missili vengono lanciati(a volte anche legate), oppure ad esempio i camion della croce rossa che dentro invece degli aiuti portano divise per Hamas...o vogliamo parlare dell'ingerenza dell'Iran(che praticamente usa i palestinesi come carne da cannone per la loro guerra)? Noo! non si può, eh già caro beppe le tue parentele acquisite con l'Iran sono poco pubblicizzate. Già in passato hai attaccato il memri, perchè tuo suocero, ti aveva detto che erano cazzate...ora bisogna vedere se tu sei un credulone, se qualcuno ti paga, o se proprio non c'hai capito un caxxo di tutta la faccenda! Chissà sul diniego dei palazzetti fra qualche tempo potremmo leggere che te la prendi con il complotto PlutoGiudaicoMassonico...magari anche un po Catto...visto che ora va di moda!
Saluti Astiosi!

John Doe 17.01.09 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Guardando queste foto penso e se ci fossi io o mio figlio, crescere con il sottofondo musicale delle bombe che scoppiano, guardarti attorno e vivere in lagher avere sempre davanti al mio sguardo macerie e povertà. Pensare che tutti i giorni ti alzi e i beni di prima necessità sono per te un lusso. Pensare che se porti tuo figlio all'ospedale non hanno ne medicine solo la buona volonta di quegli eroi che lavorano in ospedale in condizioni limite causa una fantastice idea che si chiama embargo (questi per me sono gli eroi). Sono schifata da questo mondo che non ha il coraggio di guardare attentamente queste foto e mettersi una mano sulla coscienza e l'altra sul cuore, ma solo nel loro portafoglio. Stavo pensando perchè non vedo nei balconi delle città la bandiera della pace sono percaso morti diversi questi sono bambini diversi questi. Mah!!!! Facciamo vedere le bandiere manifestiamo per la pace non ci costa nulla, ma forse facciamo sentire la voce di chi si è stancato di vedere un mondo in fiamme. Poi proporrei di mandare il nostro premier insieme a quel criminale di guerra di nome Bush in viaggio premio fino alla fine dei loro giorni nel campo profughi di Gaza forse sorriderebbe meno. COGLIONI

miral miral 14.01.09 17:57| 
 |
Rispondi al commento


Scrivo perchè di me si parli
ma non di me come donna
Scrivo perchè di me un giorno si parli
dei miei ideali
degli abusi a me recati
certo non sarò io a cambiare il mondo
e nemmeno ho le capacità
per farlo
specialmente quella economica
ma sono qui per aprire il cuore di milioni di donne
che tacciono
perchè è stato imposto dalla nascita
Scrivo
affinchè donne che combattono per il loro io
si affianchino a questo piccolo esercito ,
che cerca di fondersi in una marcia
atta alla vittoria dedicata alla Dignità dell'essere umano
Qui al sud continua ancora ad essere calpestato
Aiuto

Ada Roggio 10.01.09 12:44| 
 |
Rispondi al commento


Perchè


Perché ! ,
Perchè l'unico vero padrone del mondo è il denaro
Perchè non possiamo vivere così come siamo
Perchè non c'è legge per tutti i soprusi
Perchè dobbiamo stare zitti
coi pugni chiusi
La schiavitù è abolita , ma in realtà non è mai finita
Ci sono i ricchi e i meno fortunati
I furbi poi!...ci son sempre stati
Da lontano ti hanno gia segnalata,
sei la loro preda predestinata
Tu ignara ti guardi intorno
nessuno il niente
tu e nulla più
solo loro è basta,
ti confidi a testa bassa
senti il calore ,
pensi per un po ,
che sia amore
Poi ti accorgi piano,
piano
che ti vedono da lontano
hanno ritirato la loro mano
Perchè il tuo conto è prosciugato
Perchè per i tuoi mille problemi li hanno stancato
Perchè sei diventata incandescente
Perchè non credi più alla gente
Si infilano il mantello
ti tolgo tutto,
non ti ridò più niente...
Perchè a loro tu così hai pagato
la pacca sulla spalla che ti hanno regalato
Allora mi son detta, Dio ha sbagliato !!!
Sicuramente lui ogni giorno
si mette le mani in faccia per non guardarsi intorno
guarda scruta e si inquieta
a nulla è valso il suo amore
Sicuramente l'uomo è stato un errore
Perchè!

Ada Roggio

Ada Roggio 10.01.09 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Aiuto , si è una donna che chiede AIUTO
Aiuto
GIUSTIZIA
C'E'
ALLORA AIUTATEMI


La legge a volte è davvero sbagliata che la mia storia come tante
Ada Roggio resti un numero e basta ! .
Scrivo affinchè non restino impuniti chi mi ha fatto tanto male solo perchè il mio vero io prese il sopravvento Artista
Separata consensualmente per poi ritirare la denuncia da me fatta contro chi tanto amai ma mi alzò la mano
Lasciata sola perchè qui una donna non può lasciare
I figli andarono via speravano in una riconciliazione

Restai sola sola sola

Avvicinata subito da gente che mi regalava la sua amicizia facendomi firmare ............ ora non ho più niente
Del bellissimo salone cosa ne rimarrà ?
delle mie opere quasi 4000 cosa ne resterà?
io sarò da domani NULLITA'
ecco cosa mi è successo
L'ho scrito in versi di poesie la mia storia
giudice guardi questa donna a cui non è rimasto nulla solo il gridare a gran voce l'abuso
Non voglio restare un numero
Sono un essere umano anch'io come te
Aiutami
Ada Roggio


Ada Roggio 10.01.09 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ciao,
visto che le "nostre" firme non sono state giudicate regolari... ri-firmiamo!!! ma stavolta in 1.000.000 o anche più, abbondiamo, sovrabbondiamo...vacciamogli vedere che siamo sempre di più e in ogni caso molti di più di quelli che vogliono far credere loro.

SALVATORE C., Caltanissetta Commentatore certificato 10.01.09 08:44| 
 |
Rispondi al commento

fusse che fusse

Max Stirner, http://StirnerMax.splinder.com Commentatore certificato 10.01.09 01:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chissà perché?

Max Stirner, @ Commentatore certificato 10.01.09 01:01| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente,non ho parole,non ci sono parole per dire la rabbia che ho quando la guerra tre soldati, si trasforma in vendetta su un popolo su dei bambini!
Ma in questa guerra chi ha ragione?Chi ha torto?E' una guerra infinita.Si parla di armi non convenzionali.Queste armi sono usate da Israele non su soldati ma su popoli inermi,bambini donne e anziani!
L'informazione in Italia parla di Israele e di Hamas ma non dice non pronuncia mai i governanti responsabili degli ordini!Al punto che non sappiamo chi sono questi uomini criminali di guerra.Solo tramite Internet abbiamo un informazione piu' completa e varia.

antonio b. Commentatore certificato 10.01.09 00:44| 
 |
Rispondi al commento

(continuazioni) Un altro particolare riguarda la relazione con il nazismo . Perché gli Ebrei hanno conosciuto l'orrore , sono proibiti moralmente di comportarsi da potenti . Devono essere eternamente vittime . Al popolo Ebreo tocca suscitare odio o pena , mai timore . Francesi , Tedeschi , Cinesi hanno commesso le loro ingiustizie e violenze, e tutti questi popoli sono riusciti a essere molto crudele in determinate occasioni e circostanze . Ma dagli Ebrei si aspetta la passività e la mansuetudine poco importando se sono presi come usurpatori o vittime . L'anti-semitismo ancora pulsa , questa é una verità senza sofismi . I critici di Israele non riuscendo a immaginare una soluzione per qualche milione di Ebrei che non sia il mare , e questa volta senza Mosé per aprirlo , mascherano l'odio a Israele con una serie di retoriche pacifiste , antimilitariste , reazione proporzionale , diritto a resistenza , eccetera ...
Sempre che si accusa Israele di genocidio, si pretende evocare la memoria del Olocausto . Si mette in piedi una farsa gigantesca :
-Massimizza la tragedia palestinese
-Minimizza la tragedia passata giudaica
-Esclude il fatto che Hamas é un aggressore e Israele un paese aggredito
- Si paragona gli Ebrei ai nazisti che volevano sterminarli diminuendo la colpa dei carnefici
-Si crea una domanda mostruosa : non sarebbe questo popolo vittima dell' olocausto, meritori di questo destino , considerando che è incapace di imparare dalla storia ?
Poco importa se quelli che parlano di genocidio hanno o no conoscenza di queste implicazioni . Il male che esce dalla bocca dei cinici non diventa virtù perché é nella bocca degli ingenui .
Scusandomi sempre per qualche sbaglio con la grammatica
vi auguro pace
Silvio d'Amico

silvio D'Amico 09.01.09 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Trascrivo una discussione che ho avuto in un Blog .(Bertani)
Deve scusarmi qualche sbaglio con la grammatica italiana . Sono Brasiliano e sto in Italia per lavoro Amo la vostra lingua e per questo la rispetto molto . Si o no all' esistenza di Israele ?
Questa é la questione . Io dico di " si"
Hamas rompe la tregua con Israele , a rigore mai integralmente rispettata , e quelli che ora gridano per la fine della reazione della vittima , e la vittima é Israele, hanno fatto un silenzio mortale . Ipocriti , censurano adesso quello che considerano una reazione smisurata degli Israeliti , ma non suggeriscono nessuna uscita dall' impasse che non sia il conformismo della vittima . É dovere di tutti i governi difendere il suo territorio e la sua gente.Ma , curiosamente , si vuoi cassare a Israele il diritto a reagire . Perché ? Quello che grida nella critica agli Israeliti é la voce tenebrosa di un silenzio: questa gente é contro l'esistenza dello stato di Israele e credono che la pace avverrebbe solo con l'estinzione di questo stato . Ma manca a questi il coraggio di dire chiaramente le sue pretese . In questo senso , una icona del fascismo islamico come Ahmadinejad, presidente del Iran , é più onesto . Lui non nasconde le sue pretese . Hamas nemmeno : la fine di Israele é il secondo punto del sua programma di governo , senza il quale il gruppo terrorista non giudica compiuto adeguatamente il primo: la difesa della fede islamica .
Gran parte della gente considera che la creazione di Israele sia stata una violenza , e vogliono che questo stato viva chiedendo scusa di esistere e mai reagisca . Sarebbe un specie di suicidio . Israele farebbe per conto proprio quello che innumerevoli nazioni islamiche hanno provato senza riuscire nel 1956 , 1967 e nel 1973 : eliminare il paese dalla mappa . Fa male all' orgoglio dei nemici di quel paese la constatazione che questo ha acquisito il diritto di esistere con la diplomazia e nel campo di battaglia ( continua)

Silvio D'Amico 09.01.09 15:18| 
 |
Rispondi al commento

“Privati della vista, a meno che
Gli occhi non ricompaiano
Come la stella perpetua
Rosa di molte foglie
Del regno di tramonto della morte
La sola speranza
Degli uomini vuoti”

(Thomas Eliot)

viviana v., Bologna Commentatore certificato 09.01.09 07:31| 
 |
Rispondi al commento

non è poi così difficile!

manuela bellandi Commentatore certificato 08.01.09 21:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci sono più parole.per nulla.per questo olocausto legittimato.per questo campo di concentramento a cielo aperto.per queste stragi legittimate e coperte dai media per la faziosità e la falistà delle notizie...Per l'occidente che sta con sti ebrei nazisti e folli e criminali, per l'america che li arma ed aiuta.per la violazione di tutti i trattati internazionali...per la prepotenze di questo popolo che ha deciso che quella terra è sua (???) e vuole cacciare chi ci abita da una vita.
per questo sterminio di massa che, se non siete deboli di stomaco, potete vedere qui:

http://www.thule-toscana.com/Documenti/Foto/umanita_degli_ebrei/umanita_degli_ebrei.htm

alice damiani 08.01.09 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono sempre chiesta perché non potessero risolvere la questione semplicemente lasciando la striscia di Gaza a Israele. Non ci sarebbero più stati morti né feriti. I due paesi si sarebbero lentamente ripresi economicamente, sopratutto la Palestina. La gente avrebbe vissuto nella pace.
Litigano da anni per un pezzo di terra grande quanto una provincia italiana.
E' una cosa assurda.
Ma c'è una cosa che ha impedito che la pace avvenisse...l'orgoglio. L'orgoglio è una brutta bestia e quando si comincia a dire "quella terra era stata data prima a noi" e "sì, ma nell'antichità era nostra" e così via, non se ne esce più.
Quando i cittadini palestinesi e israeliani si renderanno conto che i loro politicanti li stanno usando per i loro fini e che della religione o della questione di chi fosse il territorio non gliene frega niente, allora li andranno a prendere e gli faranno la festa, smettendo di combattersi per una cosa senza senso e arrivando alla pace.

sarita g. 08.01.09 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, perche' non provuomiamo un referendum per l'abbattimento degli stipendi e dei privilegi dei parlamentari e di tutta la classe dirigente statale "di elite" ? Credo che avrebbe un grosso impatto emotivo sulla gente e sarebbe cmq un atto di giustizia. Siti tipo facebook imperversano di gruppi favorevoli a questa battaglia e che promuovono anche delle petizioni on-line.

Spero in un tuo commento.

gian trop 08.01.09 09:18| 
 |
Rispondi al commento

ALLORA MIO PADRE ERA UN TERRORISTA! guerra di liberazione partigiana (poco più di sessantanni fa)

GAZA: 60 anni di OCCUPAZIONE!!!
60 anni di lotta e compromessi e promesse mai mantenute da parte NOSTRA! Si, perché NOI [occidente] siamo complici dei CAPI Israeliani e dei Governi che SEMPRE hanno sostenuto la loro causa di OCCUPAZIONE e violazione dei diritti umani, sbandierando continuamente, facendosi scudo con lo STERMINIO NAZISTA nei confronti del POPOLO EBREO!
Basta! non serve sprecare altro fiato e mi sento solo di dire che ognuno di noi sarà RESPONSABILE DI QUESTO MASSACRO e che OGNUNO DI NOI DEVE ORA PRENDERE POSIZIONE su questa SPORCA GUERRA ( di sterminio da parte di Israele) (partigiana, da parte dei PALESTINESI)

.. mio padre é stato partigiano, non c'é più ora... ma so che non é felice........

http://cultcornerinfo.blogspot.com/2009/01/gaza-italia-e-la-lotta-della.html

marco l., udine Commentatore certificato 08.01.09 06:04| 
 |
Rispondi al commento

Ecco due notizie (fonti ANSA e ATS, Agenzia Telegrafica Svizzera). Potete giudicare da soli.

Ernesto, ipocrita.ilcannocchiale.it

GERUSALEMME, 1 GEN (ats/ansa)
(...)Il ministro degli esteri israeliano, signora Tzipi Livni, è andata oggi a Parigi, dove è stata ricevuta dal presidente Sarkozy, per spiegare che Israele si oppone in questo momento a una tregua di 48 ore per permettere l´ afflusso di aiuti umanitari a Gaza.
Non c´é a Gaza una crisi umanitaria, ha sostenuto la signora Livni, poiché, a suo dire, Israele permette l´afflusso di aiuti umanitari e anzi questi sono pure aumentati (...)
Le riserve di generi alimentari, dicono abitanti a Gaza City, si stanno intanto esaurendo e da giorni interi quartieri sono senza acqua e elettricità. Anche oggi una settantina di autocarri di aiuti sono stati autorizzati a entrare a Gaza da Israele
-----------------------------------------------
GERUSALEMME/BERNA, 2 gen (ats)
La situazione nella Striscia di Gaza è "traumatizzante": a lanciare l'allarme è Suzanne Leuenberger, impiegata svizzera dell'agenzia dell'ONU per i rifugiati palestinesi (Unwra)(...) Interpellata oggi dall'ATS, la Leuenberger ha affermato che la popolazione è privata di tutto: solo un decimo degli aiuti umanitari necessari giungono a destinazione.
Ci vorrebbero quotidianamente 400 camion di aiuti umanitari e 200 di materie prime per garantire una vita normale agli abitanti di Gaza, ha affermato l'operatrice
(...)Per ora solo un valico è aperto, e ciò non consente un approvvigionamento sufficiente.
"La gente ha un enorme bisogno di cibo e di farmaci", sottolinea la Leuenberger: chi non possiede un generatore non ha quindi né elettricità né acqua, perchè le pompe funzionano tutte elettricamente. La popolazione soffre anche il freddo, in quanto i bombardamenti hanno frantumato tutte le finestre degli edifici. Si tratta di una situazione "traumatizzante", che le persone - soprattutto i bambini - "non potranno mai dimenticare" (...)

ernesto davide Commentatore certificato 07.01.09 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Pensavo che la democrazia fosse il modo migliore per emanciparsi, per progettare un futuro, per superare ogni disagio, per sentire e vivere il senso della giustizia, per affrontare nel miglior modo il difficile cammino a divenire "migliori" di prima...
Forse avrebbe dovuto veramente essere questo, non lo sò.
Ma disprezzo ciò che dicono e fanno oggi coloro che più la rappresentano.
Non credo più alla democrazia.

Stefano B. Commentatore certificato 07.01.09 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Buon Anno..........
buon anno a chi ha lanciato il missile che ha spezzato le ali di cinque angeli,
buon anno a chi in questo momento sta spezzando altre ali di altri angeli,
buon anno a chi non preme lo stop al bottone che continuerà a spezzare ancora migliaia di ali a migliaia di angeli,
buon anno al vaticano e al suo pastore tedesco che oltre a quattro frasi ovvie e scontate nulla fa per fermare questo massacro di angeli,
buon anno anche a me che di angeli ne ho due e che con il mio silenzio e la mia rassegnazione ho contribuito a spezzare le ali di tanti angeli.
Dio mi perdoni e perdoni chi non crede più negli angeli.

SILVIO C., Castellammare di Stabia Commentatore certificato 07.01.09 19:51| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO VITTIME DI UNA CULTURA CATTOLICA CHE CONDANNA OGNI ALTRA RELIGIONE FUORI DALLA NOSTRA (DEL NOSTRO TERRITORIO). LA CULTURA DELLA CONFESSIONE, DOVE IL PEGGIOR CRIMINALE PUO' MONDARSI DELLE SUE COLPE COL SEMPLICE RITO DELLA CONFESSIONE, PROTETTO DAL SEGRETO CONFESSORIO(GRANDE INVENZIONE) E REITERARE QUINDI IL SUO CRIMINE. ABBIAMO COSTRUITO UNA CULTURA ABERRANTE E ANCORA NON ABBIAMO COMINCIATO AD ESSERNE CONSAPEVOLI. OGNI CREDENTE E' UN ASSASSINO!!!!

ivan IV Commentatore certificato 07.01.09 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Quello che Israele sta facendo a Gaza è una semplice pulizia etnica, vogliono nasconderla come lotta al terrorismo ma è una vera e propria pulizia etnica. Dagli studi fatti si sono resi conto che fra pochi anni i Palestinesi Isrlaeiani saranno più degli Ebrei Israeliani e allora ci voleva un pretesto per la pulizia etnica ... HAMAS

Ciro C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.01.09 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Si inserisco....!!
Ogni volta che si attaccano gli israeliani, per il modo brutale che usano per risolvere la questione terra "santa", si rischia l'antesemitismo. Allora non dovremmo più filarci i portoghesi e gli spagnoli che hanno massacrato gli indios .. e i romani? Ed i tedeschi?Non avrebbero più il diritto di difendersi!!
Dico che gli Israeliani che stanno commettendo questo massacro non sono gli ebrei di mezzo secolo fa .. Quindi Israele : Vaffanculo!!

Fabri B. Commentatore certificato 07.01.09 17:19| 
 |
Rispondi al commento

ho un appello da fare a tutti gli israeliani, in particolare a quelli che hanno un arma in braccio o sono ai comandi di un veicolo di morte:
invece di fare ciò che state facendo vi prego:
pensate alla vostra donna, che al momento è sola...pensateci. Pensate se non sarebbe meglio, MOLTO meglio, che in questo momento foste a letto con lei, e che invece di sparare cartucce faceste dell'altro! invece di creare morte, creaste piacere, per voi, per la vostra donna, per la vostra gente, e un pò per il resto del mondo.
il detto 'fate l'amore e non la guerra' non rimanga solo uno slogan per i nostalgici di Woodstock

renato medini 07.01.09 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno tolto dalle campagne per produrre armi, automobili, detersivi, energia che ci hanno garantito una ricchezza che qualcuno sta pagando. Con la ricchezza dei nostri soldi per le armi stanno morendo i palestinesi con la richezza dei detersivi, automobili, inceneritori, centrali sta morendo il nostro ambiente e con la morte del nostro ambiente stiamo morendo anche noi. Da quando abbiamo lasciato la terra abbiamo iniziato la nostra strada verso l'auto distruzione.

Buona auto distruzione a tutti !

Alex The Great 07.01.09 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Non è possibile essere con il popolo palestinese e con hamas.
Dallo statuto di hamas cito:
Art. 7 "L’Ultimo Giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra o l’albero diranno: O musulmano, o servo di Allah, c’è un ebreo nascosto dietro di me – vieni e uccidilo; ma l’albero di Gharqad non lo dirà, perché è l’albero degli ebrei”.
Art. 8 Dio come scopo, il Profeta come capo, il Corano come costituzione, il jihad come metodo, e la morte per la gloria di Dio come più caro desiderio.
Art.11 Il Movimento di Resistenza Islamico crede che la terra di Palestina sia un sacro deposito, terra islamica affidata alle generazioni dell’islam fino al giorno della resurrezione. omissis. Questa è la regola nella legge islamica (shari’a), e la stessa regola si applica a ogni terra che i musulmani abbiano conquistato con la forza, perché al tempo della conquista i musulmani la hanno consacrata per tutte le generazioni dell’islam fino al giorno del giudizio.
Art.13 Di tanto in tanto, si sente un appello a organizzare una conferenza internazionale per cercare una soluzione al problema palestinese. omissis. Queste conferenze non sono nulla di più che un mezzo per imporre il potere dei miscredenti sui territori dei musulmani.
Art.31 All’ombra dell’islam, è possibile ai seguaci delle tre religioni – islam, cristianesimo ed ebraismo – coesistere in pace e sicurezza. Anzi, pace e sicurezza sono possibili solo all’ombra dell’islam, e la storia antica e quella recente sono le migliori testimoni di questa verità.
Art.32 Perché lo schema sionista non ha limiti, e dopo la Palestina cercherà di espandersi dal Nilo all’Eufrate. Quando avrà digerito la regione di cui si è cibato, guarderà avanti verso un’ulteriore espansione, e così via. Questo è il piano delineato nei Protocolli degli Anziani di Sion.
Testo integrale in www.cesnur.org

Marco Di Mattia 07.01.09 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Molto è stato detto pro e contro Ovadia, l’ebreo ingombrante, quello che ama più di ogni altro il proprio popolo ma che critica più di ogni altro il suo governo
Per capire questo paradosso, leggete la lectio magistris, veramente un’opera poetica,che Ovadia pronunziò a Pavia per la laurea honoris causa
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=120&id=23676

"Questo «popolo della domanda che rimane aperta anche dopo che la bocca si è chiusa» era un ingombro insopportabile per un mondo brutale posseduto dal demone dell’odio, del nazionalismo, animato da pulsioni di morte, dalla brama di risposte perentorie, di supremazia. È stato così facile annientarlo perché era solo e indifeso, era troppo per un mondo così infame e violento: «In ogni ebreo urla un Geremia, ruggisce un Giobbe disperato, in ogni piccolo ebreo un re scettico canta il suo canto d’Ecclesiaste» (Itzkhak Katzenelson, Canto del popolo ebraico massacrato, Canto IX, Ai cieli). Al loro ingombro inespresso carico di energia spirituale e poetica, ho dedicato gran parte della mia vita, convinto che essi ci abbiano lasciato in eredità la loro incessante interrogazione per costruire un futuro fondato sulla fragilità. Oggi l’ebreo ha perso questi statuti, li cede in cambio di certezze, di confini, di forza, di status sociale autorevole, anche se talora il suo ingombro pregresso riaffiora: come nel caso dei deliri di un dittatore squalificato in cerca di facili consensi ed è il caso del presidente iraniano Ahmadinejad
Un tempo l’ebreo era come lo zingaro, oggi lo zingaro è l’ebreo, porta l’ingombro che l’ebreo ha accantonato. L’antico ingombro dell’ebreo si specchia sempre più spesso negli occhi di un vecchio palestinese che infrange il suo sguardo contro un brutto muro di cemento elettrificato o guarda la sua casa abbattuta e i suoi ulivi sradicati in nome della sicurezza.
L’ingombro dell’altro è sempre lì per parlarci, sta a noi ascoltarlo!"

ripreso in masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 07.01.09 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Moni Ovadia
Ebreo pacifista

La tragica situazione di Gaza

Le immagini confuse di miliziani di Hamas che a Gaza si muovono con rapidità per armare i missili Qassam e lanciarli contro Israele, seguite dalle immagini più definite dei danni provocati da quelle armi rozze che tuttavia demoliscono, sbrecciano, feriscono e talora uccidono parlano il linguaggio della guerra. Gli israeliani non hanno dubbi al proposito e la stragrande maggioranza di essi e dei partiti che li rappresentano politicamente ritengono che la risposta ad un'azione bellica non possa che essere un'operazione militare. L'esercito ha ottenuto il via libera. L'intento è quello di fare pagare a caro prezzo a Hamas la sua aggressione contro i territori di confine dello Stato D'Israele. In questa situazione esplosiva, fa la sua timida comparsa qualche gesto di distensione: gli israeliani hanno autorizzato il passaggio di aiuti umanitari verso il devastato territorio, il premier Olmert si è rivolto al popolo di Gaza per sollecitarlo a ribellarsi al "comune" nemico Hamas. Nobile gesto quello di rivolgersi ai popoli, ma a quale popolo? Un popolo nella dignità delle proprie prerogative? Titolare legittimo del proprio futuro? il popolo di una nazione, dotato di un proprio stato? No! Un popolo che oggi vive in stato di assedio? Un popolo la cui maggioranza elettorale ha scelto Hamas in una delle elezioni più libere e democratiche che si siano viste negli ultimi tempi. Se questa è la realtà, il fervorino di Olmert è puramente demagogico ed è un ennesimo viatico per passare da un cul de sac ad un altro. Niente di nuovo sotto il cielo della Terrasanta, se non le ennesime sofferenze degli inermi. Sia Hamas che il governo israeliano potrebbero fare altro, ma da quelle parti sembra impossibile andare oltre la routine del nefasto status quo. Di prendere il problema dalla radice poi neanche se ne parla più se non per pura accademia.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 07.01.09 08:23| 
 |
Rispondi al commento

(A un assassino) Se avessi contemplato il volto della vittima
E riflettuto, ti saresti ricordato di tua madre nella camera
A gas, avresti buttato via le ragioni del fucile
E avresti cambiato idea: non è così che si ritrova un’identità.

L’assedio è attesa,
Attesa su una scala inclinata
Dove più infuria l’uragano.

Soli, siamo soli a bere l’amaro calice,
Se non fosse per le visite dell’arcobaleno.

Abbiamo dei fratelli dietro quella spianata,
Fratelli buoni, che ci amano. Ci guardano e piangono.
Poi si dicono in segreto:
"Ah! Se quest’assedio venisse dichiarato…"
Lasciano la frase incompiuta:
"Non lasciateci soli, non abbandonateci".

Le nostre perdite: da due a otto martiri, giorno dopo giorno.
E dieci feriti.
E venti case.
E cinquanta ulivi…
Aggiungeteci la perdita intrinseca
Che sarà il poema, l’opera teatrale, la tela incompiuta.

Una donna ha detto alla nube: copri il mio amato
Perché ho le vesti grondanti del suo sangue.

Se non sei pioggia, amor mio
Sii albero
Colmo di fertilità, sii albero
Se non sei albero, amor mio
Sii pietra
Satura d’umidità, sii pietra
Se non sei pietra, amor mio
Sii luna
Nel sogno dell’amata, sii luna
(Così una donna che dava sepoltura al figlio)

O ronde della notte! Non siete stanche
Di spiare la luce nel nostro sale
E l’incandescenza della rosa nella nostra ferita,
Non siete stanche, ronde della notte?

Un lembo di questo infinito assoluto azzurro
Basterebbe
Ad alleviare il fardello di questo tempo
E a spazzare via la melma di questo luogo.

Quando si è assediati, il tempo diventa spazio
Pietrificato nella sua eternità
Quando si è assediati, lo spazio diventa tempo
Che ha fallito il suo ieri e il suo domani.

Il cielo. E altre cose dai ricordi sospesi
Rivelano che questo mattino è potente splendore,
E che noi siamo i convitati dell’eternità.

Questa e’ una parte di una poesia scritta nel 2002 da Mahmoud Darwish, il massimo poeta palestinese, morto un anno fa

viviana v., Bologna Commentatore certificato 07.01.09 08:16| 
 |
Rispondi al commento

Il governo del Venezuela ha oggi espulso l'ambasciatore d'Israele a Caracas: lo ha reso noto la rete statale Venezolana de Television, che ha letto un comunicato del ministero degli esteri. La decisione è stata presa dopo gli ultimi avvenimenti nella Striscia di Gaza. 06/01/2009 22:12

nando carvalho 07.01.09 03:53| 
 |
Rispondi al commento

i governi nazi hanno ammesso lo sterminio con il gas a grappolo. oggi si chiama fosforo bianco! bastardi! miliardi di persone di tutte le popolazioni unite su internet qualsiasi lingua parlano!!
si sò incazzati gli arabi.

ieri su una serie di commenti parlo probabilmente con il nano in persona o un suo stretto vicino servo su questo blog:


NANO: A parte le esagerazioni filo qua filo là...
Io credo che si era molto vicini alla pace.
La Palestina ha capito che tutto il mondo la vuole, persino Arafat, negli ultimi anni, era ad un passo dalla pace con Israele!
Il vero problema, ora, è il movimento Hammas...
Possono avere anche le loro ragioni, però così non vanno da nessuna parte.
Anzi no, si va verso un tremendo conflitto se i Paesi arabi si alleeranno con la Plaestina e l'occidente con Israele.
Olmert la pace la vuole.
Olmert ha autorizzato Israele a intervenire.
I terroristi fanno più male alla propria causa che gli steesi israeliti.
Pensare che, ne sono arciconvinto, se facessero una pace seria, il mondo riempirebbe di soldi la Palestina e potremmo vederli vivere con più dignità, anche economica.
Voi che dite?

DANIELINO: loro, i palestinesi quelli che sono ormai musulmani sarà sempre uguale.
che poi sennò gli arabi protebbero arrabbiarsi. e ne avrebbe conseguenze non certo positive economicamente.
evita che gli arabi si interessino.
bè che sei arciconvinto della pace seria, anche io credo che la palestina potrebbe diventare bella come dubai per il petrolio che cè!

NANO: Grazie, amico, per la tua finesse...
ed in fondo mi piace, ho postato 10 volte che sono g*y.
Però non farei nulla con te.
Sento la tua puzza di fiato fin casa mia.
Hai bisogno del dentista amico e di un buon prete, meglio un esorcista.
Bacetti

DANIELINO: bella barzelletta.
per addolcirti un po' pensa de fà che se la occupano gli arabi quella terra. che vanno così tanto d'accordo con noi dell'occidente. economicamente.

Danielino R., Perugia Commentatore certificato 07.01.09 01:42| 
 |
Rispondi al commento

i partigiani che volevano liberare l'Italia dagli occupanti tedeschi, erano considerati terroristi dai Nazisti.. le ritorsioni naziste consistevano nell'uccidere 10-20-50-100 civili per ogni soldato tedesco ucciso dai partigiani.. la storia si ripete...

mr y 06.01.09 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli Israeliani quella terra non l'hanno ne invasa ne rubata: se la sono comperata. Ovviamente qualsisi deserto una volta annaffiato a dollari comincia a fiorire e prosperare ed ora questi signori vorrebbero cacciare via gli israeliani e prendersi le cose loro. E' vero la reazione di Israele puo sembrare sproporzionata ma a mio parere é difficile scendere a compromessi con chi é disposto a imbottirsi di esplosivo e farsi saltare in luoghi pubblici massacrando innocenti, e che per questi scopi é dispoosto a sacrificare donne incinte e bambini. Ed é anche vero che non é colpa degli israeliani se i militanti di Hamas si nascondono o nascondono vigliaccamente le loro armi in edifici dove abitano decine di civili tra cui moltissime donne e bambini.Se Israele uccide degli innocenti ha forse la possibile attenuante che si tratti di un'errore. Hamas lo fa con con cognizione di causa. Queste cose sono comunque spiegate molto meglio in un articolo di Gianni Pardo su www.affaritaliani.it. Consiglio ai tanti filopalestinesi che hanno scritto qui di andarselo a leggere...

Massimo F., Verona Commentatore certificato 06.01.09 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la situazionbe è questa: esiste uno stato di fatto ormai riconosciuto dalla comunità internazionale, chiamato Israele, creato con la forza,colonizzando una terra non disabitata, ma abitata dagli arabi palestinesi.. gli ebrei in palestina alla fine dell'800 erano 10.000 al massimo, adesso sono circa 7 milioni... chiaramente è stata tentata un'ancora non completata pulizia etnica: parte dei palestinesi uccisi, parte costretti in campi profughi in altri paesi, parte riciclati come cittadini di serie c nello stesso stato israeliano e.. più di 3 milioni rinchiusi in piccole riserve urbane sovrappopolate.. vedi Gaza e Cisgiordania..  nelle quali sono prigionieri, sottoposti alle continue vessazioni dei militari e spesso bombardati senza possibilità di scampo... perchè la comunità intternazionale non organizza una guerra come quella contro l'Iraq del 91 , che aveva invaso un'altro paese... Israele invade la Palestina da sessan'anni, stermina i palestinesi, ignora le decine di risoluzioni iternazionali, decide che Gerusalemme è la sua capitale,quando per l'ONU è un territorio occupato illegalmente/militarmente,compie crimini di guerra contro una popolazione civile inerme, in cui una minoranza di fanatici tenta una ridicola resistenza sparando razzi fatti in casa che iI SOLDATI ISRAELIANI chiamo petardi, a sottolineare quale minaccia costitutiscono... che si aspetta ad invadere Isralle e liberare i Palestinesi? ..già..dimenticavo che Israele è praticamente il cinquanutnesimo stato degli Stati Uniti e che possiede almeno 200 testate nucleari che non dovrebbe avere..

indipen dent 06.01.09 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non dimentichiamoci del resto. Ieri su Repubblica per l'attentato suicida a Baghdad (38 morti) sono state dedicate 5 righe!! Purtroppo nonostante i morti (300 civili solo a dicembre) questa guerra è passata di moda!! Ma sul mio blog ne parlerò in un post!! state vigili!!! buon 2009!!!!!!

Michele Agostini

http://maremmacinghiala.blogspot.com

michele agostini, firenze Commentatore certificato 06.01.09 12:45| 
 |
Rispondi al commento

io ho una unica arma democratica per combattere Israele non comprare nulla che provenga da quello stato e invito tutti a boicottare i prodotti israeliani

Albino Finotto 06.01.09 11:01| 
 |
Rispondi al commento

comunque la pensiate NESSUNO DEI DUE VUOLE LA PACE
hamas per nascondere un malcontento e inefficenza politica democratica
nel caso israele movimenti politici ed economici
GLI ANTICHI ROMANI DICEVANO
SE VUOI LA PACE PREPARA LA GUERRA
questi due sono stati alezione dai antichi romani

GHANDI E GESU CRISTO INVECE DISSERO
SE VUOI LA PACE PREPARA LA PACE
esssere disposti a riconoscere l'altro e a scendere a compromessi pur di far SCOPPIARE LA PACE
ma almeno oggi solo pochissimi ci hanno pensato E QUEI POCHISSIMI CI HANNO LASCIATO LA VITA

stefano b., rovato Commentatore certificato 06.01.09 10:46| 
 |
Rispondi al commento

e strano leggere di tutto contro israele e quasi tutti a favore della palestina
TENENDO CONTO CHE NESSUNO DEI DUE HA RAGIONE
E NESSUNO DEI DUE A TORTO
ok non vi sembra strano in un paese che DISCRIMINA FINO ALLA MORTE LE DONNE oggi piangono la morte di 5 bambine
un paese dove una donna stuprata viene poi riassassinata dalla stessa societa come ADULTERA
qui a brescia (concesio) una ragazza e stata assassinata dal proprio padre (caso hina )
E UN MIO COLLEGA PACKISTANO MI HAVEVA DETTO QUANDO ERANO STATI CONDANNATI
CHE IL PADRE AVEVA IL DIRITTO DOVERE DI FARLO....)
hamas non e'meno fondamentalista di questi
non voglio difendere il diritto a difendersi dei ebrei (che non mi stanno simpatici)
ma neppure gli islamici
CHIUNQUE USI LA RELIGIONE PER NASCONDERE I PROPRI CRIMINI......
in barba ai comandamenti della religione stessa
1) PER LORO BASTA ESSERE O ISLAMICI O EBREI E SI E SALVI A PRIORI............
2) se poi mettiamo anche il fatto che sono sistemi teocratici vien da se che chi comanda e il religioso ... non la religione
mettete assieme questi 2 punti e avrete il quadro delle cose

se poi mettete la questione in cultura religiosa popolare dove si dice che sia islam sia ebrei DIO HA CONCESSO A LORO IL DOMINIO DEL MONDO COME FIGLI DI DIO
tutto si chiarisce
sono due specie uguali che si contrappongono non sono avversari sono rivali
COMUNQUE STA LA SITUAZIONE L ATTACCO E DOVUTO AI LANCI DI RAZZI IN ISRAELE E ALLA COMPLETA VOLONTA DI NON VOLERE LA PACE DA PARTE DI HANMAS
riguardo alle vittime alestinesi ricordiamoci che israele e uno stato politico democratico con cittadini e esercito
mentre la DITTATURA RELIGIOSA DI HAMAS non ha un esercito MA SOLO CITTADINI CHE SI INQUADRANO NELLE MILIZIE POPOLARI
sparano dalle proprie case e percio le vittime civili sono inevitabili

stefano b., rovato Commentatore certificato 06.01.09 10:27| 
 |
Rispondi al commento

per chi non avesse le idee chiare che sono le armi al fosforo bianco

http://italy.indymedia.org/news/2005/11/922955.php

CHIMICHE!!

Danielino R., Perugia Commentatore certificato 06.01.09 04:26| 
 |
Rispondi al commento

per alberto levy

ancora una volta gli israeliani dimstrano con le loro stesse parole quanto siano razzisti,intolleranti verso altri popoli ed altri religioni,ignoranti e autolesionistici.
Se qualcuno non la pensa come gli ebrei ecco che subito la mettono sul piano religioso,politico e tirano in ballo sempre la persecuzione nazista.
L'hanno capito tutti che hanno ammazzato 6 milioni di ebrei e tutti condannano questo giustamente.
Ma stranamente ogni volta che gli ebrei commettono genocidi tiran sempre in ballo l'antisemitismo.
Qua nessuno e` antisemita ma siamo tutti antisionisti.COS'E` L`ANTISIONISMO?
E l'ostacolo alla formazione di una societa` che il trionfo degli ebrei su tutti e la formazione di uno stato unicament ebreo.
ALBERO LEVY non ti sembra questo un atteggiamento razzista?
Chi vi da il diritto di annientare i palestinesi?chi?dio?
Ma allora l'olocausto non le ha insegnato niente?
6 milioni di innocenti non le hanno insegnato la tolleranza?
Io non ci tengo ad andare di persona a vivere in israele.Mi basta guardare la rete.
Ci sono 8 miliardi di persone che osservanole vostre atrocita` e non la date a bere a nessuno.
Ma forse ALBERTO LEVY cose non le ha capite perche` magari e proprio ignorante.
Potrebbe almeno avere un po di rispetto per l'Italia che e` il paese in cui probabilmente ha mangiato visto che parla l`italiano.

nando carvalho 06.01.09 01:06| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe

Calderoli, ha detto ,in questo panorama demenziale,la cosa più ovvia, come l'uovo di Colombo."basta creare uno Stato Palestinese secondo le risoluzione dell'ONU e il terrorismo sparisce".Comunque chi ci guadagna in assoluto sono coloro che costruiscono armi.Per il resto i terroristi sono destinati ad aumentare in maniera esponenziale.Più bombardamenti,più morti innocenti, più terroristi, più commercio di armi,più desiderio di far scoppiare la terza guerra mondiale.

roberto lombardo, firenze Commentatore certificato 05.01.09 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Il nazista moderno Grillo mette la classica foto taroccata del bimbetto arabo contro il "cattivissimo" carro armato degli ebrei. Questo e' il moderno simbolo dell' odio neonazista, e vivendo in Israele so quanto esso sia falso e basato sulla propaganda piu' goebbelsiana esistente. Perche'? Perche' negli ultimi 4 anni nessun carro armato israeliano e' stato confrontato da nessun bimbetto arabo. Se invece di essere in balia della propaganda neonazista anti-israeliana, Grillo e altri come lui mettessero anche LE DATE vere (non quelle taroccate) delle foto, si renderebbero contro che tale foto e' stata scattata almeno 5 anni fa. Negli ultimi 4 anni nessun carro armato di Israele si e' trovato nella situazione rappresentata dalla foto. PERCHE' INVECE GRILLO NON METTE LE CASE DEGLI EBREI DISTRUTTE DAI 50 MISSILI GRAD QUOTIDIANI DI FABBRICAZIONE IRANIANA ? MA LO SAPETE CHE 6 MESI FA HAMAS AVEVA AUTOINDETTO UNA TREGUA E CHE IL 19 DICEMBRE LA VIOLO' PERCHE' A SUO DIRE ERANO PASSATI GIA' SEI MESI ? ISRAELE HA ASPETTATO PER 2 SETTIMANE, MA NOI SIAMO STATI COLPITI DA 60 MISSILI AL GIORNO, E COSA VOLETE CHE CE NE STIAMO FERMI E ZITTI A CORRERE IN 10 SECONDI NEI RIPARI OGNI VOLTA CHE SCATTA L'ALLARME ANTI-MISSILE ? NOI EBREI NON ABBIAMO SCELTA O DIFENDERCI O MORIRE, PURTROPPO VOI NON VIVETE QUI E NON POTETE CAPIRLE QUESTE COSE. SIETE IN BALIA DI UNA PROPAGANDA CHE USA I MORTI ARABI PER PUNTARE IL DITO ACCUSATORE CONTRO GLI EBREI D'ISRAELE CHE NON HANNO NESSUNISSIMA COLPA SE NON QUELLA DI VOLER VIVERE NEL LORO PAESE. ISRAELE E' IL PAESE DEGLI EBREI. CHI LO VUOLE DISTRUGGERE E' UNO SPORCO NAZISTA MODERNO, E GRILLO E' UNO DI QUESTI (COME LO SONO IN TANTISSIMI IN ITALIA). I palestinesi avrebbero da tempo potuto fondare il loro stato in Cisgiordania e a Gaza se fossero veramente interessati a vivere in pace, ma loro sono sotto l' influenza della Jihad fondamentalista e l'unica cosa che vogliono e' distruggere il meraviglioso stato di Israele, dove io vivo.

Alberto Levy 05.01.09 21:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco perchè ci si scandalizzi tanto per quello che succede a Gaza. Solo perchè certe cose vengono fatte vedere in tv non è il caso di indignarsi come fanno (quasi) tutti. Israele è uno stato fatto di deserti e rocce, che può al massimo allevare capre e con appena 7 milioni di abitanti. Un singolo caccia f16 costa dai 25 (vecchi modelli) a 60 milioni di dollari e quelli che usano loro sono stati pagati dagli americani e da noi europei! La loro forza economica dipende nella quasi totalità dalle esportazioni e quindi mi pare scontato che siamo noi a finanziare la loro guerra. Così come finanziamo i massacri africani dovuti ai diamanti, i contadini sudamericani che vengono uccisi dalle multinazionali che imbottigliano l'acqua che abbiamo anche nei supermercati italiani, le stragi di visoni e di ermellini dei paesi asiatici per fare pellicce per noi occidentali, le guerre del petrolio (in prevalenza americane per fortuna), le stragi della costa d'avorio e degli stati occidentali africani sempre per il petrolio, la mattanza che si fà in adriatico e nel mediterraneo dei pesci spada che VOI vi siete mangiati a natale e capodanno che provocheranno la perdita di un ecosistema intero nei nostri mari ecc. ecc. Purtroppo bisogna capire che siamo noi cittadini a cambiare il mondo anche solo decidendo di comprare un prodotto anzichè un altro, andando in ferie in un paese anzichè un altro e, su tutto, indignarsi per ciò che succede all'estero invece di preoccuparsi del nostro paese, prossimo candidato per guerre civili e stragi di bambini se non nel 2009 magari nel 2010. Stiamo perdendo il senso del giusto e lo pagheremo a caro prezzo. A malincuore bisogna ammettere che sono i soldi a fare la differenza nella nostra epoca, non i buoni sentimenti o la pietà per chi non vive una vita degna di essere vissuta. Ultima cosa: i commenti che fanno i nostri politici nei confronti di altri paesi sono "ingerenze" che chiunque può sentirsi libero di definire "inappropriato" .

Simone Callegaro 05.01.09 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Ho scritto 4 commenti pacatissimi ma sono stati tutti censurati. Vediamo con questo.IL 99% DELLE PERSONE CHE SCRIVONO QUI CONTRO ISRAELE SONO LA VERSIONE MODERNA DEL NAZISMO STORICO!!TUTTO QUELLO CHE SCRIVONO E' FALSO,VIVO IN ISRAELE E CONOSCO BENISSIMO LA SITUAZIONE E SO CHE QUELLO CHE SCRIVETE(COMPRESO IL PEZZO LURIDO E ASSOLUTAMENTE NAZISTA DI GRILLO,CHE E' UNA PERSONA LA QUALE IMPERSONIFICA LA VERSIONE MODERNA DEL NAZISMO PIU' DISGUSTOSO CHE ESISTA SULLA FACCIA DELLA TERRA).Nel suo pezzo infame e disgustoso Grillo demonizza gli ebrei d' Israele a causa della morte di 5 bambine.Non vive qui in Medio Oriente e non sa nulla della brutalita' di Hamas.Non sa che Hamas e' capace di averle ammazzate persino lui quelle bambine,per far girare le loro foto nel mondo islamico,al fine di attizzare un odio pari a quello nazista contro Israele e per galvanizzare milioni di islamici alla Jihad.Il primo giorno dell'attacco di Israele morirono 200 feroci terroristi che erano in riunione e che stavano programmando le prossime modalita' dell'assassinio di ebrei.Parlate di "territori occupati", questo e' nazismo sporco e schifoso di voi tutti italiani luridi e bastardi come Grillo ! BASTARDIIIIII!!!!GAZA NON E' TERRITORIO OCCUPPATO,AVETE CAPITO SPORCHI NAZICOMUNISLAMICI ITALIANI?GAZA E' TUTTA NELLE MANI DI HAMAS,CHE VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE CON L'AIUTO DEL RESTO DEL MONDO ISLAMICO,AMMAZZANDO IL NUMERO MAGGIORE DI EBREI CHE RIESCE.SPARA 50 MISSILI GRAD DI FABBRICAZIONE IRANIANA IN MEDIA AL GIORNO,E UN MILIONE DI ISRAELIANI DA 2 SETTIMANE STANNO NEI RIFUGI GIORNO E NOTTE.SONO DECINE LE ABITAZIONI DISTRUTTE DAI MISSILI DI HAMAS.NOI EBREI CI DIFENDIAMO E BASTA,SE GRILLO VENISSE ATTACCATO A GENOVA PER ANNI CON MISSILI,AVREBBE DA TEMPO RISPOSTO A TALI ATTACCHI.CHI STA DALLA PARTE DEGLI ISLAMICI STA DALLA PARTE DELLA NUOVA EDIZIONE DEL NAZISMO.SE IL NUMERO DI TERRORISTI MORTI E' MAGGIORE VUOLE DIRE CHE SONO LORO I BUONI?ALLORA ANCHE I TEDESCHI LO ERANO PERCHE' AVEVANO MAGGIORI PERDITE...

Alberto Levy 05.01.09 21:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero, la guerra fa schifo in ogni caso, 5 bambini innocenti uccisi è già troppo,l' abitudine e l' accettazione dell' orrore a cui i media ci hanno abituato in questi anni di propaganda è ancora più meschina: ma se le cifre e le proporzioni contano ancora qualcosa ricordare ad oggi il bilancio di quanto stà avvenendo (e che parte da molto lontano nel tempo ovviamente) è doveroso:

- 520 = palestinesi uccisi a Gaza dal 26/12/08 al 4/1/09

- almeno 2500 = feriti palestinesi dall’ inizio dei raid. Per mancanza di cure adeguate, medicinali, acqua e macchinari funzionanti , causa assenza elettricità decretata da Israele, si stima che un ferito ogni 6 morirà.

- 4 = israeliani uccisi dall’ inizio del conflitto a causa dei qassam lanciati dalle brigate di hamas.

- 2 = soldati israeliani uccisi durante incursione di terra.

- 290 + 700 = rispettivamente palestinesi uccisi e feriti in un solo giorno di raid israeliano (27/12/08). La cifra più alta mai raggiunta in un solo giorno dalla fondazione di Israele (1948).


http://it.peacereporter.net/articolo/10289/Le+abnormi+normalit%E0


http://it.peacereporter.net/articolo/10316/L'olocausto+promesso


Riccardo Damilano, Milano Commentatore certificato 05.01.09 20:40| 
 |
Rispondi al commento

@antony e ... dintorni:
L'acqua, la battaglia per l'acqua !
Viene in mente il bellissimo 'Le parrocchie di Regalpetra' di Leonardo Sciascia. A quell'epoca però non c'erano i rockets, i razzi, per fortuna.

E se l'Occidente temesse che quella 'striscetta' cada in mani (poco) affidabili ?
E' piccola ma importante: una sorta di baluardo ... a difesa dei Paesi Occidentali che già abbondano di potenziali 'terroristi'.

shelley keats Commentatore certificato 05.01.09 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Bombe al fosforo bianco (ben visibili in diretta sulla rete AlJazeera) usate dall' esercito israeliano a Gaza come dall' esercito americano in Iraq a Falluja, mini bombe nucleari tattiche da 5 chilotoni(anch' essa ben visibile a Gaza in diretta su AlJazeera nella sera tra sabato e domenica) utilizzata per la prima volta, secondo una rivelazione di un veterano USA colta da Rainews24 , dagli USA nella prima guerra del golfo, cluster bombs utilizzate nell' ultima guerra israeliana al Libano nel 2006, e probabilmente utilizzate durante l' attacco di terra in corso a Gaza (naturalmente made in USA).
Armi antiuomo a ricerca termica (ne vedremo la versione "light" negli anni a venire in sostituzione dei lacrimogeni, anch' essi derivati della guerra Vietnam , come dissuasore nei confronti dei manifestanti) sperimentati fin dal 2002 da Tshaal sui palestinesi di Gaza e in Cisgiordania (ben prima dell'avvento di Hamas)

E poi droni telecomandati in grado di sganciare bombe di devastante potenza, F16 e carroarmati che lanciano missili antiuomo... Il quassam è un cilindro di latta pieno di polvere da sparo o fertilizzante chimico (it.wikipedia.org/wiki/Qassam):la famosa fionda di Davide contro l' arsenale non convenzionale del gigante Golia (con sede a Washington e distretto a Tel Aviv). Se il diritto internazionale è calpestato, se ogni convenzione umanitaria che regolamenti l' uso della forza di uno stato nei confronti di un altro (e in questo caso l' altro stato non c'è ed è qui il vulnus dell' intera vicenda, al massimo il giardino ribelle della casa di David...)non viene rispettato. Se si può colpire con armi sperimentali e non convenzionali luoghi civili come scuole, mercati, moschee, ospedali, ambulanze senza dover neanche rendere conto a tribunali di guerra. Se veramente bisogna accettare tutta questa inimmaginabile violenza per avere la PACE, beh stiamo pronti perchè ogni volta che l' abisso è un pò più vicino tornare indietro è impossibile: Iraq e Afghanistan docet!

Riccardo Damilano, Milano Commentatore certificato 05.01.09 19:53| 
 |
Rispondi al commento

dopo l'invito dell'Onu al boicottaggio di Israele (censurato e ignorato dai media italiani) ecco una lista dei beni israeliani da evitare:

http://www.inminds.com/boycott-israel.html#list

Alessandro I. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.01.09 19:32| 
 |
Rispondi al commento

per chi avesse ancora dubbi


http://www.sabbah.blip.tv/#1637415

è schiacciante

Danielino R., Perugia Commentatore certificato 05.01.09 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo una cosa: ma se gli israeliani venissero a sapere che in un certo palazzo di una loro città c'è un terrorista cittadino israeliano (tipo da noi una brigata rossa), cosa farebbero?
Bombarderebbero il palazzo?

Io non credo. Cercherebbero di prenderlo in un altro modo anche a rischio di farlo scappare.

Mai si permetterebbero di ammazzare un tot di innocenti per "eliminare" un terrorista.


Allora perchè coi palestinesi lo fanno?


Non avranno mica l'idea che i palestinesi sono una RAZZA INFERIORE?

Fabrizio Castellana, SP Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.01.09 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema della contesa tra Palestinesi e Israeliani è politico, solo politico. Purtroppo c'è che vorrebbe farlo diventare religioso, ma non è così.
A.S. - Bologna

Alessandro Serafini 05.01.09 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Ammesso che Israele abbia sbagliato.
Ammesso che Israele dev'essere senza pietà bastonato da tutto il mondo per riportarlo alla prassi dell'occidente...
Forse il silenzio dei vari santi europei negli ultimi 7 anni davanti a borbardamenti continui da parte dei Hamas su città israeliane, è un motivo in più per la paranoia Israeliana.
Ovviamente, nessun altro stato al mondo non avrebbe mai reagito davanti a attacchi di questo genere, al contrario, alla maggior parte dei paesi dell'Occidente piace beccare 10 missili al giorno in media...
Solo per ricordare... Israele si ritirò dalla striscia evacuando colonie e coloni. in contraccambio ha ricevuto un governo Hamas che dichiara di voler cacciar via gli israeliani dalla terra di Palestina (loro da 9000 anni… come no…) , di voler uccidere più ebrei possibile, e poi piangono perche Israele non tiene con loro una politica di dogane aperte...
se volete veramente aiutare il maledetto Medio Oriente, cominciate a pensare in chiave di soluzioni, non di prediche...
Da 60 anni esiste in Israele una sinistra che combatte e abbraccia l’idea che il terrorismo non va risolto con le bombe purtroppo dall’altra parte non ci aspetta nessuno con questo buonismo, espresso nel vostro post.
La realtà è semplice e deprimente. Ma noi della sinistra israeliana non abbiamo più argomenti da contrapporre davanti al rifiuto assoluto dalla parte dei nostri nemici.

eitan lerer 05.01.09 17:03| 
 |
Rispondi al commento

i primi che hanno bisogno delle stragi innocenti sono i Palestinesi stessi, perchè il mondo intero si indigni contro Israele. Poi vorrei sapere cosa ne pensa Grillo se un missile Scub piovesse nel suo giardino.
La polpolazione palestinese è vittima non di Israele, ma dei suoi stessi fratelli che hanno troppo da guadagnare da un perenne stato di guerra. Almeno noi che cerchiamo di aprire gli occhi, non facciamoci prendere per i fondelli !!

danilo manieri 05.01.09 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Io non sò dove stà la ragione, però come padre di sicuro non avrei mai e poi mai fatto morire i miei figli con me solo per la mia causa, giusta o sbagliata che sia!!!!
Vi chiedo è meglio perdere un figlio per mano di un assassino o per mano di un padre?
é inutile non riusciamo ad inparare dai nostri ERRORI.

Sandro Baccarani 05.01.09 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Il film Schindlers List finisce con: "chi salva una vita salva il mondo". Non so se è tratto dal Talmut o dal Corano o dai Vangeli; mi sembra in ogni caso giustissimo e molto attuale. Sbaglia Israele a rispondere con la violenza alla violenza; mi sembra una miopia politica enorme dare il pretesto ad Hamas di riaccendere l'odio che si stava assopendo. Ma come in ogni controversia la ragione non sta mai solo da una parte. Ho letto che l'azione di Israele(di certo spropositata ma non inaspettata) è arrivata dopo uno stillicidio di lanci di razzi (qualcuno parla di qualche migliaio) da parte di Hamas negli ultimi mesi. Lo scopo militare di tali lanci è ridicolo, quello politico un po' meno: suscitare la rabbia e la reazione di Israele. Che è arrivata puntuale (e politicamente sbagliata). Ora non so se sia più disumano bombardare una famiglia o farsene scudo per poi gridare all'infamia se ciò dovesse accadere. Ognuno faccia le proprie considerazioni. Credo che più di ogni ragione valga quanto disse Golda Meyer: "la guerra finirà quando le madri Palestinesi ameranno i loro figli più di quanto odino quelli degli Israeliani"

Luciano Colletti G. 05.01.09 15:39| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dell' omicidio delle cinque bambine palestinesi ricordo le bellissime parole di Fernando Pessoa: "Non c'è impero che meriti che per esso venga rotta la bambola di un bambino. Non c'è ideale che meriti il sacrificio di un trenino di latta."

LUCIANO HAUSBERGHER 05.01.09 14:11| 
 |
Rispondi al commento

www.sabbah.blip.tv
www.simec.org

nando carvalho 05.01.09 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Sbaglio, o Hamas è stato eletto "democraticamente" dalla popolazione palestinese di Gaza?
Sbaglio, o i "gloriosi" TERRORISTI di Hamas hanno passato gli ultimi anni a lanciare colpi di mortaio, missili e Kamikaze vari su e dentro il territorio d'Israele?
Sbaglio, o ogni qualvolta un assassino di Hamas si becca il fatto suo TUTTA la popolazione "civile" di Gaza e dintorni si rovescia nelle strade a proclamare la sua "rabbia" promettendo altri missili e altri kamikaze a quegli sporchi ebrei che si permettono pure di difendersi, un accidente che se li pigli?!
Vi chiedo, a voi ipocriti cialtrono razzisti e antisemiti, di che POPOLAZIONE CIVILE andate cianciando quando parlate delle "efferatezze israeliane sui civili"?
Io di civili amanti della pace non ne vedo, a Gaza, e quei poveri piccini morti, che piango con tutte le mie lacrime, sono le vittime innocenti NON d'Israele, ma dell'odio che quelli di Hamas, e voialtri vilissimi ipocriti, suscitano quotidianamente contro il Popolo ebreo vilipeso, martoriato, seviziato, e perseguitato da SECOLI.
Non amo particolarmente gli Ebrei, ma la violenza inaudita delle vostre chiacchiere, che si fanno scudo della sofferenza dei bimbi per additare a colpevoli le vittime del vostro odio folle e criminale MI FA SCHIFO!
Capite? Siete delle immonde carogne senza cuore, senza cervello e pure MALEDETTAMENTE ignoranti, perchè, sappiate, quegli islamici che difendete come vittime degli usurpatori Israeliani, SONO STATI INTORNO AL 1000 d.C. I CONQUISTATORI SPIETATI della Palestina, che occuparono senza consenso, trasformando le fondamenta del Tempio di Salomone in pavimento delle loro moschee.
Questa è Storia, ma a voi che ve ne fotte? Continuate a seminare odio ingiusto e dimenticate gli onesti inviti alla pace e alla convivenza! Io vi ho capiti: è il vostro modo d'esprimere la miseria intelletuale che vi perseguita!
Mike di Conte.

Michele D., Rende Commentatore certificato 05.01.09 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apri e clicca due volte sull'immagine
Bombardamento israeliano di un mercato
Non si puo' continuare cosi'
Non si puo' continuare in questo modo
Non c'e' piu' alcuna possibilita' umana di giustificare quello che accade

http://sabbah.blip.tv/#1644310

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 11:58| 
 |
Rispondi al commento

se mi permettete, scrivo il mio pensiero su quel che succede a Gaza.
A Gaza succede quel che è sempre successo, da sempre. Il più forte si mangia il più debole, il più grande schiaccia il più piccolo. Gli israeliani, da degli eroici Davide si son trasformati in Golia, e presto si beccheranno una pietra in faccia da un nuovo Davide che diventerà un Golia e così via fino alla fine dei tempi. Noi ci illudiamo di essere migliori delle bestie, e non è vero neanche che siamo peggio delle bestie, noi abbiamo il permesso nè il diritto di offendere le bestie paragonandoci a loro. Perchè le bestie non uccidono coi fucili ne con i missili, non c'è bestia che abbia creato un arma per offendere, e quelle che hanno armi (denti, artigli, muscoli) gliele ha date la natura per vivere, o sopravvivere all'occorrenza. Noi siamo indefinibili, siamo la feccia della terra, il vero cancro, IL CANCRO. Sapete qual'è la definizione di Cancro ( o neoplasia)? Cellule amorfe, indistinguibili dalle cellule originali che si replicano in modo anomalo, anarchico, autonomo, senza un preciso scopo, e con la tendenza ad infiltrare i tessuti sani circostanti.
Ecco che cosa siamo. UN CANCRO, e dei peggiori pure. Ma nemmeno il cancro sa perchè fa quel che fa. Noi si. Siamo un cancro intelligente. Intelligente ma stupido. Quando distruggeremo tutto, rimarremo solo un cancro stupido e morente. E poi moriremo tutti stupidamente. La nostra stupida razza animale deve sparire, se la terra vuole vivere deve cancellarci dalla sua superficie. Addavenì il diluvio universale.

Luciano P., Sassari Commentatore certificato 05.01.09 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Israele è uno stato assassino foraggiato dell'america. l'america è il peggior stato-canaglia del mondo. dunque israele avrà sempre amici in occidente.

Steven Berton, Codroipo Commentatore certificato 05.01.09 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo con qualcosa di piccolo... ma, in questo mondo governato dal capitale, efficace:
quando andate al supermercato, nei negozi, nei mercati controllate la provenienza dei prodotti che acquistate.

Se il codice a barre riporta il numero 729 non comprateli.


Cominciamo a togliere qualche arma a chi ne sgancia a tonnellate sulla popolazione palestinese.

franco bianchi 05.01.09 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Questi qui sono peggio dei Nazisti... la legge del 1 di noi, 10 di voi, con gli Israeliti diviene 1 a 100 almeno... e questo non significa essere anti semiti, è solamente un dato di fatto... non c'è giustificazione che tenga per il massacro che sta avendo luogo a Gaza. Israele (con appoggio di Americani ed Inglesi) si è appropriata di una terra che, a detta loro, storicamente le appartiene.
Tutte le barbarità subite dagli Ebrei in 2000 anni (Diaspora, pogrom, ghetti...) non sono una attuante per scusare e giustificare il loro atteggiamento del presente. La loro politica discriminatoria, razzista e anti-palestinese, li mette sullo stesso piano dei loro aguzzini del passato. Mi vergogno della presa di posizione della UE, per fortuna ci sono i Francesi che almeno loro non leccano il c**o degli Americani come invece fa da sempre il nostro governo.
Usate Internet per informarvi e traete le vostre conclusioni!

Ale R 05.01.09 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo sapere perche’ succedono queste cose? Cerchiamo I colpevoli da condannare? Ma siamo tutti copevoli, chi direttamente e chi indirettamente, spesso sentiamo discorsi sulla brutalita’ dei nostri mafiosi armati, ma basta prendere esempio da loro per capire perche’ succede tutto questo nel mondo,se I mafiosi spesso si scannano tra loro per qualche milione di dollari in piu, per l’ingordizia di non essere mai sazi della loro avidita, cosi succede anche a livelli piu ampi come nazioni, continenti. E questa bramosia ci porta ad scontrarci fino alla soppressione della nostra stessa specie,combattere il terrorrismo non significa uccidere un popolo intero, possibile che non si riesce a sconfiggere il terrorrismo islamico? Si, che sarebbe possibile e anche in poco tempo, ma non c’e’ volonta politica di far cessare la guerra che e’ sempre stata bella per chi specula.
Mi chiedo sempre quando ci estinguiamo? Non siamo degni di vivere, forse neanche di morire

salvatore solaro Commentatore certificato 05.01.09 09:18| 
 |
Rispondi al commento

In Sudafrica la popolazione nera controllava il 13% della terra, in Israele gli oppressi ne controllano solo il 2%. Israele fa anche una brutale discriminazione delle acque. A Gaza, nel 1985, i coloni consumavano 2000 m cubi di acqua a testa, i palestinesi 120 Riconosciamo la segregazione quando la vediamo.Questa è una politica di segregazione: I blocchi che permettono ai coloni libertà di movimento ma la impediscono ai palestinesi, hanno causato la perdita del lavoro per 100.000 lavoratori. Alcune strade sono riservate ai coloni. Ci sono carte d'identità e targhe auto con codici colorati che restringono la possibilità di spostamento ai non-ebrei. Ai palestinesi della West Bank è impossibile spostarsi fino a Gaza. A nessuna attività industriale significativa è stato permesso di svilupparsi in West Bank e Gaza per cui i palestinesi possono fare solo i lavori peggio pagati per formano una forza lavoro super sfruttata per il capitale israeliano. I territori Occupati importano il 93% delle merci ma esportano solo il 7% di ciò che producono. Le esportazioni palestinesi in Europa sono bandite per impedire che competano con quelle israeliane. Il 90% dei lavoratori palestinesi devono spostarsi nelle città ebraiche per trovare impiego. Le leggi di Ap come quella del sistema dei pass e il controllo degli spostamenti, bantustan, lavori riservati, educazione separata e leggi che producono un'ineguale distribuzione delle risorse, lo dimostrano
Come ha scritto un giornalista sudafricano: "In Sudafrica e Israele razze subordinate sono state spogliate della loro terra e costrette in ghetti marginali, i loro movimenti sono stati impediti, l'accesso all'educazione e a lavori decenti,divieto di matrimoni misti e la segregazione della vita quotidiana in base alla razza hanno fatto ben poco per scacciare la paura e l'ignoranza che nutrono il fanatismo razzista."

Comitato sudafricano di Solidarietà con la Palestina

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:46| 
 |
Rispondi al commento

(segue)
Israele mantiene un sistema di violenza strutturale e di discriminazione istituzionalizzata che disumanizza un gruppo a vantaggio dell'altro, un elaborato sistema di discriminazione razziale, che prende corpo in un sistema legale che va addirittura oltre a quello del Sudafrica. Queste leggi includono la Legge di Entrata, la Legge del Ritorno, la Legge di Cittadinanza che sanziona legalmente il potere discriminatorio rabbinico e la Legge sul Servizio Militare. Ai palestinesi sono negati diversi benefici di Welfare, l'accesso a molti lavori e l'affitto di case e terre controllate dai corpi statali
Seppure i palestinesi che vivono dentro le frontiere del 48 possano votare, subiscono queste leggi discriminatorie e sono trattati come cittadini di terza classe. Elettricità, fognature, strade e fornitura d'acqua sono gratuite per gli israeliani mentre molte comunità palestinesi in Israele, senza considerare i territori occupati, hanno vissuto per decenni senza servizi adeguati. Il sistema di educazione israeliano è razzista nella pratica e nei contenuti. Non è trattata quasi nessuna parte della storia araba e non c'è nessun testo arabo nei programmi scolastici. I palestinesi affrontano poi notevoli barriere nell'accesso all'Università. In Sudafrica fattori simili a questi contribuirono alle Rivolte del 1976 e a quelle degli anni '80. Le leggi che governano la proprietà delle terre, la Legge per l'Acquisizione delle Proprietà degli Assenti e la Legge per l'Acquisizione della Terra discriminano chiaramente i palestinesi. Sebbene i coloni costituiscano una netta minoranza in West Bank, essi possiedono il 60% della terra. Molti di questi coloni provengono dagli USA, dall'ex Unione Sovietica e dal Sudafrica. A Gaza, 6000 coloni vivono tra una popolazione di un milione di palestinesi ma possiedono il 42% della terra. La proprietà della terra in Palestina è perfino più ingiusta di quella che c'era in Sudafrica
(segue)

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:37| 
 |
Rispondi al commento

(segue)
Non possiamo accettare gli assassinii di Stato degli attivisti, la tortura dei prigionieri politici, il massacro di bambini e le punizioni collettive. Noi, sudafricani che abbiamo vissuto decenni sotto governanti con una mentalita’ coloniale, vediamo l'occupazione israeliana come una strana sopravvivenza del colonialismo nel 21° secolo.
Solo in Israele sentiamo pronunciare le parole 'insediamenti' e 'coloni'. Solo in Israele soldati e civili armati prendono le cime delle colline, demoliscono case, sradicano alberi e distruggono coltivazioni, bombardano scuole, chiese e moschee, saccheggiano riserve idriche e bloccano l'accesso alla popolazione indigena, negandogli la liberta’ di movimento e il diritto a guadagnarsi da vivere. Queste violazioni dei diritti umani erano inaccettabili nel Sudafrica dell'Ap e sono per noi un affronto nell'Israele dell'Ap.
Noi sudafricani abbiamo affrontato l'Ap e lo sfruttamento, le pallottole e la prigione, non con mazzi di fiori ma con la resistenza e siamo orgogliosi di questo, la nostra storia. Questa e’ la storia di tutti i popoli oppressi. Perche’ dovrebbe essere diverso per i palestinesi?
Nati in squallidi campi profughi, vivendo nella poverta’ e pensando che la comunita’ internazionale non si interessa a loro, sempre piu’ giovani palestinesi vedono il loro futuro desolato, senza speranze e provano una profonda frustrazione. Il grande poeta afro-americano Langston Hughes domanda: "Cosa avviene ad un sogno sempre procrastinato? Si secca forse come l'uva al sole…o esplode?" Gli attacchi suicidi rispondono a questa domanda retorica. Israele dell'Ap ha creato una situazione in cui la gente sente di non avere niente da perdere. Questa pericolosa situazione potrebbe essere mutata se lo Stato israeliano e il paese che lo sostiene e lo finanzia incondizionatamente, gli USA, agissero in modo morale e giusto.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Dichiaraz. sei sudafricani

http://isole.ecn.org/asilopolitico/sito/palestina/bollettino/durban_02.htm

La ribellione palestinese viene da lontano. Più di trent'anni di occupazione sono solo una dimensione della loro tragedia. Cacciati dalle loro case originarie, dai loro villaggi e dalla loro terra mediante continue atrocità, condannati a vivere in campi miserabili, dispersi nella diaspora, soggetti a massacri come quello di Sabra e Chatila, dove furono uccisi più di 2000 rifugiati, perseguitati senza fine. La sofferenza in West Bank e Gaza è la continuazione della colonizzazione di tutta la Palestina. Le milizie sioniste si appropriarono del 75% della terra e cacciarono 800.000 palestinesi attraverso una serie di massacri tra il 47, anno della spartizione della Palestina e il 48, anno della formazione di Israele
385 delle 475 città, paesi e villaggi palestinesi furono rasi al suolo, scomparendo dalle carte geografiche
Le 90 rimaste furono spogliate della terra, confiscate senza indennizzo. La terra e’ stata rubata e oggi il Fondo Nazionale ebraico, un membro dell'Organizzazione Sionista Mondiale, amministra il 93% della terra in Israele. Per vivere sulla terra, affittarla o esserne mezzadro, una persona deve discendere per almeno 4 generazioni da ebrei, in senso matrilineare. In Israele questa discendenza e’ necessaria per poter fruire di diritti elementari. Non possiamo equivocare sul carattere essenzialmente razzista di tale Stato. Israele e’ uno Stato di Ap, fondato sul saccheggio e sull'esclusione.
I diritti provengono da identità etnica e religiosa. Noi sudafricani, che abbiamo vissuto l'Ap, non possiamo rimanere in silenzio quando un altro popolo nella sua interezza è trattato come non-essere-umano; un popolo senza diritti o dignità umana sta affrontando quotidiane umiliazioni. Non possiamo accettare uno stato spietato che usa aerei militari, elicotteri da guerra e carri armati sui civili. Non possiamo accettare gli assassinii di Stato (segue)

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:32| 
 |
Rispondi al commento

Scrive un docente universitario palestinese:
"L’Arciv. Desmond Tutu ha detto che le condizioni della Palestina occupata sono peggiori di quelle dell’ap sudafricano
Lo dice il rapporto imparziale dell’osservatore dell'ONU per i diritti umani John Dugard sulla situazione terribile dei diritti umani nei territori occupati o quello del ministro del Sudafrica Ronnie Kasrils dopo la sua ultima visita a Gaza e in Cisgiordania
Questi 3 uomini si sono distinti nella lotta contro il razzismo e contro l’ap
Le parole di Dugard sulla Palestina sono significative: “Certamente ho un senso di deja vu…La cosa triste è che Israele non vuole assolutamente imparare dal Sudafrica. Ap: Israele ha scelto quello che il Sudafrica ha abbandonato. La situazione dei diritti umani nei territori occupati continua a peggiorare, le condizioni sono “intollerabili, spaventose, e tragiche per i palestinesi comuni. Molti aspetti dell’occupazione israeliana superano quelli del regime dell’ap sudafricano. La distruzione su vasta scala, da parte d’Israele, delle case palestinesi, la distruzione delle terre agricole, le incursioni militari e gli omicidi mirati dei palestinesi oltrepassano ogni pratica analoga nel Sudafrica"
Il forum delle associazioni non governative del Convegno Mondiale contro il Razzismo di Durban 2001 ha detto: “Dichiariamo che Israele è uno stato razzista, fondato sull’ap, in cui il marchio dell’ap in quanto crimine contro l’umanità è caratterizzato dalla separazione e dalla segregazione, dagli espropri, dalle restrizioni sui terreni, dalla snazionalizzazione, dalla “bantustanizzazione” e dagli atti inumani”.
Purtroppo quando il mondo decretò l’embargo al Sudafrica razzista, solo Israele lo rifornì di armi per centinaia di milioni di dollari. Il Sudafrica faceva affidamento su Israele per convincere i governi occidentali ad abolire l’embargo
Edward Said auspicava: “ci vogliono pochi spiriti coraggiosi che comincino a sfidare lo status quo che peggiora ogni giorno

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Ap: la parola che secondo Grillo non si può scrivere
Il crimine impronunciabile
La segregazione razziale che esprime l'odio assoluto
Questo fa Israele nei confronti dei palestinesi.
Nulla di diverso da quanto Hitler perpetrò contro gli ebrei
Come nella pedofilia la vittima, fatta adulta, ripete su nuove vittime la violenza subita, diventando a sua volta violentatore, così Israele, vittima storica di persecuzione razziale, ripete su altre vittime le atrocità subite, vestendo i panni del carnefice e ripetendo lo stesso nazismo. Ma non sarà così che i danni della storia verranno sanati
Ap: pretesa di una razza di essere superiore a un’altra che viene considerata inferiore per cui può e deve essere schiacciata a buon diritto.
L’unico posto dove questo atteggiamento deve finire è la pattumiera della storia.
E che lo Stato che si erge a difensore della democrazia e a sceriffo del mondo abbia avallato un simile atteggiamento, identico alla pretesa superiorità ariana, è veramente scandaloso. Che poi politici nostrani striscino ai piedi di chi si crede un popolo eletto compiendo queste sciaguratezze è ancora più turpe. Davvero la storia non insegna niente. E le religioni o le ideologie o i nazionalismi sono solo luridi cenci che fanno da alibi al satanismo umano.
Ma in Israele l’AP è anche peggio che nel Sudafrica, nessun bianco avrebbe mai pensato a un piano di pulizia etnica (anche a causa dei numeri) ma gli israeliani sono arrivati anche a questo. Il loro odio è così radicale e profondo che 7 milioni di ebrei vogliono far sparire 4 milioni di palestinesi. Non solo negano loro uno stato, rubano loro terre, alberi, case, lavoro, non solo limitano l’acqua, la luce, le strade, negano loro gli autobus, le scuole, i diritti, ma vorrebbero estirpare loro anche la vita.
Non so quale Dio potrebbe considerare questo un popolo eletto ma se ci fosse potrebbe essere solo un dio del Male.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 08:02| 
 |
Rispondi al commento

ma che due palle questo blog
non si può scrivere il nome del pres della camera
non si può scrivere il nome del rermine inglese che sta per separazione razziale
non si può scrivere la parola che indica il luogo dove 6 milioni di ebrei sono stati ammazzati
non si può scrivere il termine di chi nega questo massacro
quali altre parole tabù avete individuato?
non si può scrivere il termine SS con cui viene indicato il capo della cristianità
queste parole fanno saltare il post

ma non è ridicolo?

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:38| 
 |
Rispondi al commento

Aharon Shabtai
uno dei maggiori poeti israeliani. Dissacrante e contestatore. Famoso per il suo libro “J’accuse” contro il governo del suo paese, con esso ha vinto il premio Pen American Center, una delle organizzazioni maggiori per la difesa dei diritti umani. Il titolo riecheggia il famoso editoriale di Emil Zola al Presidente della Repubblica francese che denunciava il carattere antisemita del governo e le illegalità del processo contro Alfred Dreyfus
Shabtai accusa il suo paese di crimini contro l’umanità, rifiutando di abbandonare la sua fede nei valori morali della società Israeliana e di tacere di fronte agli atti di barbarie e di brutalità dei suoi governanto
Shabtai rifiutò di partecipare al Salone del libro di Parigi perché dava a Israele la possibilità di farsi propaganda mostrandosi come portatrice di cultura e nascondendo i suoi crimini contro l’umanità.

Se mi chiedete
Di dare la caccia a un ragazzo
A 150 metri di distanza
Con un fucile a cannocchiale,
Se mi chiedete di sedermi in un tank e
Dalle altezze della moralità ebra. i. ca,
Fare penetrare un obice
Nella finestra di una casa,
Mi toglierò gli occhiali
E borbotterò cortesemente:
’No, signori!
Rifiuto di spogliarmi
Per sguazzare con voi
In un bagno di sangue’.
Se mi chiedete
Di tendere le orecchie
Perché voi ci cag. hiate dentro,
Scusandomi, dirò:
’no, grazie!
Le vostre parole puz. zano,
Preferisco sedermi
Sull’asse del mio ces. so!’
Meglio dunque che la smettiate,
Perché se vi ostinate,
Se continuate a insistere
Che io mi unisca alla vostra muta,
Per grug. nire insieme,
Perché insieme ci rotoliamo
E ci facciamo tutti crescere addosso
Setole di p. orco,
E insieme affondiamo
Le nostre narici di lupi
Nella carne cruda,
Perderò la pazienza
E risponderò con fermezza:
’Signor Primo Mini. stro,
Onorevole Generale
Sua Eccellenza Depu. tato
Sua S- ant. i. tà il Rab. bino,
Baciatemi il c. ulo!’

scusate i punti, vediamo se cosìpassa, uf

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti a questo bloG! bella civiltà!

censurano la parola ap. ar - t. . heid
"Separazione" in lingua afrikaans

politica di segregazione razziale istituita dal governo di etnia bianca del Sudafrica nel dopoguerra e rimasta in vigore fino al 1994 e usata dagli israelini contro i palestinesi per privarli dei loro diritti fondamentali
la stessa parola censurata non si dovrebbe dire per i leghisti nostrani che vorrebbero applicarla a migranti e gay
Si fa ma non si dice in virtù della morale puritana e ridicolo di questo blog
Questa cosa che non si può scrivere perché secondo lo staf "sta male"
è stata proclamato crimine internazionale da una convenzione delle Nazioni Unite, votata dall'Assemblea Generale nel 1973 e entrata in vigore nel 1976 (International Convention on the Suppression and Punishment of the Crime of Apa. rt. he. id) ed è stata recentemente inserita nella lista dei crimini contro l'umanità che la Corte penale internazionale può perseguire.

Questo fa Israele
A P .. A -- r. t. hei- d

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:24| 
 |
Rispondi al commento

il post su Mandela era bloccato da una parola non accettata, ed era il sininimo di segregazione
Ma non vi vergognate?
Volete parlare di Israele e censurate la parola
ap. art.. he. id?
ma siete proprio dei disgnaziati!!!!!
a cosa arriveremo a parlare di guerra ma censurando la parola a.. r. m . i?

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:18| 
 |
Rispondi al commento

Mandela
Ho combattuto contro il dominio bianco e nero. Ho vissuto con l'ideale di una società libera e democratica in cui tutti vivano in armonia e con uguali opportunità. Per questo sono disposto a morire
L'apar- t, heid non ha futuro. In Sud Africa è finito grazie all'azione delle masse, determinate a costruire pace e sicurezza. I palestinesi lottano per la liberta', l'indipendenza e l'uguaglianza, proprio come noi sudafricani
Israele non vuole restituire i territori occupati; gli insediamenti rimangono; Gerusalemme resta sotto la sua sovranità e i palestinesi non avranno mai uno stato indipendente, ma saranno sempre sotto il dominio economico israeliano per confini, terra, aria, acqua e mare
Israele vuole la separazione. Vuol mantenere ebreo lo stato ebreo, senza una minoranza palestinese che potrebbe divenire maggioranza. Se ciò avvenisse, Israele dovrebbe diventare una democrazia secolare o uno stato bi-nazionale o trasformarsi in una apart. he, id giuridica
I sondaggi dicono che 1/3 degli israeliani è preda di volgare razzismo
Il sistema giudiziario è pieno di discriminazioni. Nei territori occupati ci sono 2 diversi sistemi, uno per gli ebrei, uno per i palestinesi. E 2 diversi approcci alla proprietà ed alla terra. La proprietà palestinese non è vera proprietà perché può essere confiscata
Lo stato palestinese non può essere il sottoprodotto dello stato ebraico solo perché Israele mantenga la sua purezza. La discrim. inazione razziale israeliana pesa sui palestinesi. Gli ebrei godono di diritti speciali di cui non godono i non-ebrei. I palestinesi non hanno posto nello stato ebraico
L'apa. r. theid è un crimine contro l'umanità. Israele ha privato milioni di palestinesi della loro proprietà e della loro libertà. Ha imposto gravi discriminazioni. Ha incarcerato e torturato migliaia di persone, contro ogni legge internazionale. E ha sferrato una guerra contro una popolazione civile, specie bambini
Questo non è tollerabile

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:16| 
 |
Rispondi al commento

sto tentando da ieri di postare un discorso di Mandela
qualcuno vuole censurare anche Mandela?

2°post la poesia del maggiore poeta israeliano
nemmeno le poesie vanno bene?

non si sta esagerando?

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:11| 
 |
Rispondi al commento

di nuovo il blog in tillt?

viviana v., Bologna Commentatore certificato 05.01.09 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Il filmato del 3 Gennaio 2009
"Cinque sorelle per me posson bastare..."
è stato cancellato da YouTube!!!!

http://it.youtube.com/verify_age?next_url=%2Fwatch%3Fv%3DFgeqrs5ePLU

Sandro Centonze 05.01.09 03:32| 
 |
Rispondi al commento

E L'EUROPA TACE.

NON SA CHE FARE.
INEVITABILMENTE SCHIERATA CON I PIU' FORTI.

CHE CORAGGIO!!!!!

Marcello R. Commentatore certificato 05.01.09 00:48| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ha pensato di sistemare la questione palestinese prima che si insedi definitivamente Obama e gli dica ciccia. Non solo una guerra che non risolverà niente (anzi creerà nuovi disperati e nuovi terroristi a vantaggio di Hamas o qualsiasi altra etichetta) ma anche affrettata. Forse in israele dovevano risolvere qualche problema interno e la guerra è un diversivo.

Peter Amico 05.01.09 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Non mi interessa chi ha ragione o chi ha torto , chi ha cominciato prima , chi è terrorista o patriota , questo è un massacro , bisogna fermarlo al più presto , con l'embargo , il boicottaggio , tutte le forme di pressione internazionale possibili!

Max Legno 05.01.09 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe e bloggisti,
il dramma che da decenni sta vivendo il popolo pelestinese, è indescrivibile per la viltà degli USA a risoluzioni eque e per il progetto due stati per due popoli.
L'intento degli Israeliani è di buttar fuori i palestinesi perchè la Palestina è Terra degli Ebrei come dicevano le "Scritture Sacre" di 2000 anni fa.
La terra di Palestina era anche Romana 2000 anni fa...

Lascio il link ad un articolo di approfondimento sul piano israeliano "Dagan", e sul probabile piano congiunto con gli USa di una guerra in medioriente di più vaste proporzioni per avvicinarsi all'Iran, prima che Obama spenga i fuochi accesi...
http://www.unmondopossibile.net/articolo/art1347.htm

Saluti

tarcisio bonotto 04.01.09 23:37| 
 |
Rispondi al commento

bravo Beppe.

marie sanders Commentatore certificato 04.01.09 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Accendo un altro cero, per vedere la situazione di quel Paese, come da noi non ci viene permesso nemmeno di immaginare: ci viene venduta una **partita di calcio** con due squadre..una buona e l'altra cattiva, e via allo sfogo della TIFOSERIA..c'e' ben altro in quel conflitto che e' stato pianificato come **permanente**

Cui Prodest, direbbero i nostri avi...?

Non certo ad una squadra od all'altra...

Occorre cercare di evitare, in generale ed a mio modestissimo avviso, lo stabilirsi permanente in un Blog a Tema, di PAPPAGALLI che portano qui la disinformazione nella stessa maniera che da oltre 20 anni il non-buon NANO-SYSTEM ci propina alla **Gengis Khan** e senza vergogne alcune...e' obbligato da chi lo tiene al GUINZAGLIO, che poi e' lo stesso potere che teneva al GUINZAGLIO il Fu Luigi...vedasi BANCA RASINI

Buona lettura

http://it.wikipedia.org/wiki/Neturei_Karta

Ed . Commentatore certificato 04.01.09 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Fermate la guerra.
Comunicato stampa
FERMATEVI SUBITO, FERMIAMOCI TUTTI!
28 dicembre 2008 - Pax Christi Italia
"Quello in corso a Gaza è un massacro, non un bombardamento, è un crimine di guerra e ancora una volta nessuno lo dice". P. Manauel Musallam, parroco a Gaza, 27 dicembre 2008
Un inferno di orrore, morte e distruzione, di lutti, dolore e odio si sta abbattendo in queste ore sulla Striscia di Gaza e sul territorio israeliano adiacente.
A voi, capi politici e militari israeliani,
chiediamo di considerare che insieme ai 'miliziani' di Hamas state colpendo, uccidendo e ferendo centinaia di civili palestinesi. Non potete non averlo calcolato. Non potete non sapere che a Gaza non esistono obiettivi da mirare chirurgicamente. Non potete non aver messo in conto che da troppo tempo è la popolazione di Gaza a vivere sotto embargo, senza corrente elettrica, senza cibo, senza medicine, senza possibilità di fuga. Le vostre crudeli operazioni di guerra compiono opera di morte su donne, bambini e uomini che non possono scappare né curarsi e sopravvivere, essendo strapieni gli ospedali e vuoti i forni del pane. Ascoltate i vostri stessi concittadini che operano nelle organizzazioni israeliane per la pace: "Siamo responsabili della disperazione di un popolo sotto assedio. Hamas da settimane aveva dichiarato che sarebbe stato possibile ripristinare la tregua a condizione che Israele riaprisse le frontiere e permettesse agli aiuti umanitari di entrare. Il governo d'Israele ha scelto consapevolmente di ignorare le dichiarazioni di Hamas e ha cinicamente scelto, per fini elettorali, la strada della guerra".
FERMATEVI SUBITO!
A voi, capi di Hamas,
chiediamo di considerare che i vostri razzi artigianali lanciati verso le cittadine israeliane poste sul confine, sono strumenti ulteriori di distruzione e, per fortuna raramente, di morte, e creano inutilmente paura e tensione tra i civili. ..continua..

Giovanni Bombaci 04.01.09 23:25| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE NESSUNO VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE!!!!!!!!!!!
E' ISRAELE CON IL MONDO OCCIDENTALE E QUALCHE ARABO CHE SONO D'ACCORDO A CREARE GLI SCONTRI PER L'INDUSTRIA DELLE ARMI, PER IL PETROLIO,PER IL POTERE FINANZIARIO,PER DIVIDERE LE POPOLAZIONI E QUINDI DOMINARE (DIVIDI ET IMPERA....)E PERCHE' NON HANNO CAPITO UN C.... DELLA VITA.....
E NOI POI FACCIAMO LA NOSTRA PARTE, COL CONSUMISMO SFRENATO E INUTILE!!!!!!!!!!!
CIAO

luca cimillo 04.01.09 22:57| 
 |
Rispondi al commento

www.simec.org

nando carvalho 04.01.09 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Se inventassero una bomba in grado di distruggere tutta la vita umana sulla terra non saprei se augurarmi che venga usata oppure no. Mi meraviglio che ancora non siamo riusciti ad autodistruggerci.

Vittorio G. 04.01.09 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Certo deve essere davvero difficile ' ... porgere l'altra guancia ...' per chi nella propria storia ha subito - gli uni - le stragi delle sante crociate e - gli altri - della shoah.

In ambedue le situazioni storiche anche i bimbi hanno pagato prezzi altissimo !

Le armi sono sempre più sofisticatamente micidiali quasi a farci rimpiangere ... la clava!

l' homo sapiens ha nel proprio dna la 'guerra' come valore sacrale, costi quel che costi.

Ho casualmente digitato su google: 'pcnat.it'
poi ho digitato su 'parliamo di...' e - udite!udite! - ho trovato 'ESPERIMENTI DI GUERRA'.

Bèh, mi è venuta voglia della clava ...di CUI PARLAVA il geniale (e perseguitato) ALBERT EINSTEIN .

shelley keats Commentatore certificato 04.01.09 21:08| 
 |
Rispondi al commento

visto l'importanza che ha l'informazione,visto il numero dei frequentatori del blog,avrei una proposta da fare: autotassiamoci e creiamo una televisione libera che possa andare gratis sul satellite.

burgio g. Commentatore certificato 04.01.09 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

10 italiani per ogni tedesco ucciso.
100 palestinesi per ogni israeliano ucciso.
Le rappresaglie, quando ci vogliono sono necessarie in guerra, anche se purtroppo sono sempre gli innocenti a pagare. Le rappresaglie, del resto, sono ammesse dagli usi internazionali. Chi parla, a Mestre al processo del 4 marzo 1947 che lo vide imputato in un tribunale inglese per l’eccidio delle Fosse Ardeatine costato la vita a 335 romani, è il feldmaresciallo Albert Kesserling, comandante delle forze tedesche in Italia: suo l’ordine di fucilare 10 italiani per ogni tedesco ucciso. La rappresaglia di Kesserling fu la risposta alla strage di via Rasella del 23 marzo 1944, costata la vita (nell’immediato) a 33 soldati tedeschi, 2 passanti e al ferimento di altri 110 militari del terzo Reich (altri 9 morirono in seguito).
Quando il procuratore gli chiese quali altre rappresaglie avrebbe potuto adottare anziché giustiziare 335 innocenti, Kesserling presentò tre scenari apocalittici: lo sfollamento di Roma per due milioni di persone, riportare nella capitale le truppe tedesche esponendo così la cittadinanza ai bombardamenti aerei anglo-americani o dare alle fiamme l'intero quartiere di Roma.
Condannato a morte, la pena fu commutata in ergastolo, poi in 21 anni, ma nel 1952 era già stato scarcerato per un tumore che gli impedì di scontare più di 5 anni di carcere, ma non di divenire capo federale del movimento paramilitare degli Elmetti d’acciaio.
Dopo 9 giorni di rappresaglie israeliane nella striscia di Gaza, il bilancio di inizio gennaio 2009 è di 500 morti palestinesi. Le vittime israeliane, a partire dai primi missili di Hamas, lanciati contro Israele il 27 dicembre, sono state 5. Il rapporto della rappresaglia, è quindi oggi, di 100 palestinesi per ogni israeliano ucciso. Nella foto del quotidiano inglese Independent, le cinque sorelline colpite nel sonno da un caccia bombardiere F16 israeliano nella loro povera casa dentro il campo profughi di Jabaliya. www.robertobrumat.it

Roberto Brumat 04.01.09 20:18| 
 |
Rispondi al commento

La storia, che gli israeliani dovrebbero conoscere molto bene, racconta delle atrocità perpetrate durante la seconda guerra mondiale ad opera dei nazisti e dei fascisti nei confronti degli ebrei... Durante la guerra, in osservanza dei codici militari di guerra (quindi non commettendo formalente alcun reato se non quando "arrotondavano" per eccesso), i tedeschi applicavano la decimazione (cioè la fucilazione di dieci prigionieri per ogni soldato tedesco ucciso). Gli israeliani di oggi si son molto evoluti e hanno imparato bene. 4 morti israeliani contro più di 400 paestinesi... E' proprio vero che la storia insegna. E l'uomo impara. Ho una proposta. Molti di noi usano Skype. Israele è uno stato democratico. Negli stati democratici, quali pretendiamo di essere, i cittadini sono responsabili per le scelte dei loro legittimi rappresentanti. Cerchiamo contatti digitando "israele" e inviamo a tutti un semplice messaggio: "VERGOGNA"

Dennis Sebastiano 04.01.09 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Marcia funebre per un missile - (Francesco Cocco)

Rit. Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio verrà ricordato

Quanto eri bello, eri giovane e forte
Tre tonnellate di amore alla morte
Dal tuo cantiere sortisti d’inverno
Fuori era freddo, tu portavi l’inferno.


Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio verrà ricordato

“Strike” era in codice il tuo appellativo,
nome ben degno di un razzo esplosivo,
ma tu facevi la guerra al terrore
e ti chiamarono “Liberatore”.


Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio sarà ricordato

Fulgido orgoglio del tuo arsenale,
Sognavi una scuola o un ospedale,
ché più l’eccidio fa vittime e pianti,
più i diritti umani, sì, vanno avanti.


Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio verrà ricordato

Bombardamenti a futura memoria
Solo sui morti si scrive la storia,
Però il destino non fu a te propizio
Riuscisti solo a centrare un ospizio


Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio sarà ricordato

Fece contorno ai tuoi estremi tormenti
Carne di vecchi ormai senza parenti
E del massacro che tanto speravi
Neanche un frammento finì sui giornali


Ali d’argento nel cielo dorato
Il tuo sacrificio verrà ricordato

Quanto eri bello, eri giovane e forte
Tre tonnellate di amore alla morte
Dormi sepolto fra i sepolti di Gaza
Lieve ti sia questa tabula rasa.


E' ovvio, conoscere un minimo di sionismo era sottinteso. Per quel che mi riguarda, ne so abbastanza (fin da Moses Hess) per restarne inorridito......

D T 04.01.09 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Ehhhhhhhh cavolo quando avevo provato io a risolvere il "problema" ebraico mi avete fatto un mazzo così......adesso teneteveli con tutti i casini che combinano!!!

Saluti dal vostro affezionato

Zio Adolfo
in arte Fuhrer

Zio Adolfo 04.01.09 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe meglio conoscere tutta la storia,quindi cominciare dal 1897.Poi valutare la situazione !!

aldo vittorielli 04.01.09 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Per tutti quelli che ancora oggi credono nei "miti" storiografici sionisti o che non si spiegano la crudeltà di certe azioni, cercate su Google un po' di voci:

-Rudolf Kastner
-Chaim Arlosoroff
-Hillel Kook (Peter Bergson)
-Rabbi Weissmandl
-Affare Lavon
-Tom Segev ("Il settimo milione")
-Transfer agreement ("Ha'avara")
-Yonatan Ratosh


Queste voci aiuteranno a capire molti aspetti del sionismo, date retta.


D T 04.01.09 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Gli israeliani stanno facendo a Gaza quello che Hitler fece al ghetto di Warsavia.
Tra poco, dopo averli tenuti prigionieri nella loro terra, avranno sterminato tutti i palestinesi e così tutta la Palestina sarà diventata Israele.
Ed il Papa, i governanti di tutto il mondo e quelle marchette dei giornalisti se ne strafregano, come quando Hitler faceva il genocidio che nessuno vedeva, nessuno sapeva

sandro d., venezia Commentatore certificato 04.01.09 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono state guerre perse, elezioni nocive ed alleanze sbagliate per la Germania, la Palestina e l'Italia. Propongo di riportare tutto a prima della seconda guerra mondiale. In particolare l'Istria e la Dalmazia dovrebbero essere italiane.

giuseppe binis Commentatore certificato 04.01.09 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Proposta ITALIANA per Israele e Palestina:

Hamas deve smilitarizzarsi e diventare solo un movimento poltico e soprattutto riconoscere Israele, riconoscimento solo di un esercito ufficiale dello Stato Palestinese

Israele deve subire le conseguenze delle molte sanzioni ONU ad essa attribuita, a suo carico deve abbattere il muro, togliere l'embargo e tornare nei confini del 48, quelli antecedenti a qualsiasi conflitto

Rodiòn Romanovič Raskòl'nikov, San Pietroburgo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Desani e Cettina

Chiedo venia ad entrambi ma ieri sono dovuto uscire di fretta ed ho dovuto staccare la spina,così ho scritto quel post rabberciato alla meglio che avrei potuto sicuramente articolare meglio.

E' ovvio che tra cause del conlitto israelo-palestinese in corso da anni,c'è la religione,che fa da detonatore ma il mio post di ieri,(quello principale)a cui hai risposto,Cettina,mi riferivo all'ultima reazione israeliana,ed anche al potere politico che molti,non tutti, hanno esercitano da anni su quella situazione.
Ci sono le elezioni in Israele tra un pò.

Antonio forse la pensiamo allo stesso modo.
Se penso ad esempio a Marx,alcuni suoi principi sono identici agli insegnamenti di Gesù.
Eppure il socialismo scientifico,è stato rigettato dalla Chiesa perchè era un evidente ostacolo per l'accrescimento della sua influenza e potere e avrebbe vanificato il vivere nell'agio e nella ricchezza.

La religione esercitata da potenti prelati di qualsiasi culto,è politica,e quindi controllo delle masse di persone che,in buona fede credono in Dio (quello vero) e vengono controllate e dirottate per tutt'altri scopi.

Un esempio tutto italiano è stata la Democrazia Cristiana.

A volte penso che Dio non ha niente a che vedere con la Chiesa e con le religioni.
La Chiesa strumentalizza Dio, per imporre il suo controllo sulle persone facendo leva sulla loro coscienza e in qualche modo sfruttandole all'occorrenza.

Le crociate contro l'Islam nell'Alto Medioevo,sono un altro esempio: al grido“Dio è con noi” la Chiesa ha fatto massacrare,da ambo le parti,migliaia di persone,solo per conquistare il controllo della Terrasanta e allargare il suo predominio,convertendo quelle persone considerate “miscredenti” o “peccatori”in uomini “migliori” o “timorati di Dio”.
Capite cosa ha voluto Dio da loro?

Se non ci fosse stata la Religione che ha frenato il progresso e l'evoluzione umana,a quest'ora staremo fondando una ci

IL GENERALE () Commentatore certificato 04.01.09 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa preghiera era esposta nell’edificio della pubblica amministrazione israeliana della striscia di Gaza.
«Si’, e’ vero che odio gli arabi
e che voglio cancellarli dalla carta geografica.
E’ questo il mio lavoro
e passo la vita piacevolmente:
ogni pallottola che sparo vola via una testa.
Che gioia quando si fa centro!
Entra nella testa e la spacca.
Allora mi sento liberato
e provo grande gioia
A vedere come vola via la testa.
Nei territori ci sono tanti bei posti.
C’è il mare, ci sono le belle spiagge
e tanto palmizi…
Peccato che ci siano anche gli arabi…»

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
durante la guerra tra Russia e Georgia in cui centinaia di civili innocenti morirono da entrambi le parti, le Nazioni Unite si affrettarono a condannare la Russia per la sua 'risposta sproporzionata'. Una coalizione guidata dagli Stati Uniti si precipitò in Kosovo per proteggere le persone dal genocidio. Perché nessuno ora muove un dito? Ritengo sia un chiaro esempio di come si usino due pesi e due misure. Questa cosiddetta guerra è in realtà un massacro di civili da parte dell'esercito israeliano con il pretesto di uccidere un pugno di combattenti armati con dei piccoli lanciarazzi. Perché ci sia una guerra occorre infatti che ci siano due eserciti, ma qui ce n'è uno solo. Ed i media occidentali che parlano di "guerra in Medio Oriente" non fanno che della disinformazione, diventando complici in una terribile operazione di genocidio e pulizia etnica. Non c'è alcuna guerra in Medio Oriente, ma un massacro compiuto da un esercito contro una popolazione senza un esercito e senza reali difese. Israele ha il diritto assoluto di difendersi, ma non di uccidere civili innocenti in massicci bombardamenti. Gli israeliani dispongono della tecnologia per colpire esclusivamente le postazioni nemiche. Allora perché questo massacro di tanti civili innocenti? Questa situazione sta distruggendo il sentimento di solidarietà che tutto il mondo nutre verso il popolo ebraico e che nacque dopo la tragedia del genocidio nazista. Ora infatti tutti si chiedono come possa un popolo che ha sofferto così tanto all'epoca del nazismo infliggere le stesse pene ai loro vicini poveri. Come Paese confinante e causa storica del problema, Israele invece d'inviare missili e carri armati dovrebbe inviare dei camion pieni di viveri e collegare gratuitamente la rete idrica ed elettrica palestinese alle forniture israeliane. Oggi più che mai Israele ha bisogno di un Gandhi ebreo che rimpiazzi la violenza con l'amore e la compassione.

Carlo Nanni - Pubbliche relazioni Movimento Raeliano

Carlo Nanni 04.01.09 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Ariel Hirschfeld
poeta ebraico

Non siete diversi dai vostri predecessori
è tutto trito e ritrito non c'è novità
verrò con voi, fratelli
marciremo insieme fino a puzzare

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Dedicato a un bischero che storpia il nome di Francesco Storace (ognuno storpia quel che può)
altrimenti detto "fuori dai coppi"

"Ogni cosa al mondo ha il suo perché
ce l'ha la piattola, la vipera e lo scarafone
Ocché t'ho a dire?
ce l'avrai anche te!"

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Davvero, Grillo, hai sbagliato bersaglio.
C'è una guerra in corso e tu ti schieri dalla parte dei "poveri" palestinesi. Gli stessi che mandano la gente - usano la gente - per proteggere le rampe dei missili. Non c'è nulla che possa giustificare il massacro della propria popolazione civile. E poi, dire che per ogni palestinese ucciso nasceranno cento terroristi... bravo, davvero. Un inno alla pace.

Ivan Pezzei, Verona Commentatore certificato 04.01.09 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho capito come ragionano gli israeliani.
Quello che fanno è assurdo.
Ogni volta che uccidono un innocente il loro problema si ingrandisce, nuovi kamikaze nascono.

Non sono molto furbi, direi.
Oppure non si rendono conto di quello che fanno e di cosa comporta. Sono incoscienti.

Forse restituiscono al mondo quello che il mondo ha fatto loro, senza rendersi conto però che facendo così, in qualche modo è come se dicessero che Hitler aveva le sue giuste ragioni.

Fabrizio Castellana, SP Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANCH’IO TI HO TRADITO, PADRE MIO

Anch'io ti ho tradito, Padre mio,
Padre nostro.
Con le mani giunte, non era preghiera,
le lunghe dita rose da disumano egoismo.
E gli occhi erano chiusi per davvero.
Muori fratello mio, tra le mie braccia e il mio cuore di pietra, non sei nemmeno un ricordo, che’ non ti ho mai visto, e breve e nitore della mia sporcizia, la mia pieta’.
In un rettangolo Arcobaleno illumina
la Messa
e che la PACE , quella buona, sia, per una volta, dentro me.

masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, dovete sapere che i missili che Hamas lancia contro Israele vengono lanciati da posti abitati da famiglie Palestinesi e dopo i lanci si spostano in altre zone popolate da civili. LA REAZIONE israeliana é quella di colpire da dove sono partiti i razzi! Conclusione AMAS e il vero responsabile di questi assasinii.

Swoboda Elisabeth 04.01.09 17:03| 
 |
Rispondi al commento

IL COMPITO

Cosi’ Dio creo’ Adamo,
lo creo’ molti
perche’ Dio e’ moltitudine
lo creo’ Anima
perche’ sapesse dello Spirito
lo creo’ assetato e affamato
in tutti i livelli dell'essere
perche’ cercando Lo chiamasse
e lo volle bisognoso d'amore
perche’ creasse l'amore
E gli disse: "Io sono ovunque
ma soprattutto nel tuo simile.
Io sono il tuo specchio oscuro,
nella fame, nella sete,
nella mancanza di liberta’,
perche’ questo e’ il tuo giardino,
vai e rendilo splendente".
Porta la tua intelligenza
Porta il tuo cuore
Ma soprattutto porta
la tua voglia di pace.

Viviana Vivarelli


viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Non so se qualcuno ha gia’ detto queste parole: non importa, si possono
ridire
Non so se qualcuno le ha gia’ scritte: non importa, si possono riscrivere
Sono parole che a volte vengono cosi: dallo smarrimento, dalla soglia
della perdizione, dal vortice dell'incomprensione, echi, forse, dai quattro
orizzonti che crocifiggono il mondo
No, nessuno salvera’ se’ solo
Contro la cultura e la pratica delle bombe umane e degli umani carri armati
deve tornare la parola dei profeti minori o maggiori che siano e dei
sanfrazesch con o senza storia
Occorre quella scansione, quella estraneazione che fa universo
La parola delle scritture di sempre dell'uomo, di tutti gli uomini, anche
degli uomini che non sanno scrivere, quella parola viene dal tabernacolo che
e’ in ogni essere umano
Osare l'ordet, osare la parola, con tutte le sofferenze che essa comporta.
Osarla oggi
"In verita’', in verita’ vi dico"
nessun israeliano salvera’ se’ solo
nessun palestinese salvera’ se’ solo
nessun statunitense salvera’ se’ solo
nessun arabo salvera’ se’ solo
nessun europeo salvera’ se’ solo
nessun russo salvera’ se’ solo
nessun umano salvera’ se’ solo
nessun Dio salvera’ se’ solo
Ordet e’ la pace
Ordet e’ il silenzio
Io penso a prime pagine bianche
Io penso a telegiornali muti cosi’ che tutti possano
sentire la preghiera del mondo:
shalom salam peace paix paz pax pace.

IVAN DELLA MEA

masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rifacciamo il conto dei corpi,
se solo potessimo rimpicciolire i corpi,
il formato dei teschi,
potremmo far bianca di teschi un'intera pianura
al chiar di luna!

se solo potessimo rimpicciolire i corpi,
forse potremmo avere
davanti a noi su una scrivania la caccia di
un intero anno!

se solo potessimo rimpicciolire i corpi,
potremmo foggiare
un corpo in un anello, da tenere sempre per
ricordo.

Robert Bly

da Masada 852. Lo scannatoio
http://www.masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 16:56| 
 |
Rispondi al commento

....non saranno le bombe a portare la sicurezza... ma non saranno neppure le Tue ed altre stucchevoli lagne pseudopacifiste o peggio, sempre ex post a risolvere i problemi, dove sono i pacifisti quando nei mercati, sugli autobus.... criminali invasati fanno strage deliberatamente di persone innocenti??

eluberto eluberto 04.01.09 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Iran invoca boicottaggio
Dall'Iran è giunto un appello affinché i Paesi musulmani blocchino le esportazioni di petrolio agli Stati che sostengono Israele. Lo riferisce l'agenzia di stampa Iran. Il petrolio, ha detto il
comandante militare iraniano Bagherzadeh, è "uno dei più efficaci strumenti di pressione" sui paesi occidentali che sostengono Israele nella "guerra impari" affrontata dai Palestinesi a Gaza

Jimi Hendrix Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 16:49| 
 |
Rispondi al commento

15:28 Tank spara su auto, distrutta famiglia
I proietti sparati da un carro armato israeliano hanno colpito un'auto vicino a Gaza. Secondo fonti mediche cinque palestinesi, tutti membri della stessa famiglia, sono morti. Fra loro, una ragazza di 14 anni.

16:27 Gaza, uccisa un'infermiera
Tra le vittime di oggi, secondo il responsabile dei servizi di pronto soccorso palestinesi dottor Muawiya Hassanein, c'è anche l'infermiere di un'ambulanza inviata in soccorso dei passeggeri di un'auto colpita da una cannonata sparata da un blindato israeliano.

16:29 Città di Gaza, centrata la zona commerciale, decine le vittime, tutte civili, centinaia i feriti.


16:33 Gaza, centrata una casa. Uccisi madre e 4 figli Wadi At-Tuffah in Gaza City

Questi sarebbero i vostri obbiettivi?
Basta per dio!!

Jimi Hendrix Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Lo stato di Israele è il rospo che l'Europa ha vomitato alla fine della seconda guerra mondiale ed ora si cerca di far ingoiare agli Arabi"
Amos Oz

Poco si medita sul perchè gli Ebrei erano un problema in Europa nel 1938, tutti siamo concordi nel dire che il metodo per risolvere il problema fu terribile e non condivisibile.

Ebrei e Arabi potranno convivere solo quando rinunceranno alla Biblica Legge del taglione: occhio per occhio e dente per dente e la sostituiranno con Leggi più adatte alla convivenza, quando invecie di costruire muri si consentirà la formazione di nuove famiglie nate dall'unione di uomini e donne dei due popoli che si fonderanno in uno.

giacomo olivero 04.01.09 16:44| 
 |
Rispondi al commento

ad hamas non gliene frega niente dei palestinesi,la loro causa , giusta, è solo strumentalizzata, la logica ke nutre questi assassini si chiama Iran e fanatismo islamico, la responsabilità di quanto sta accadendo è di hamas e di chi li arma.

eluberto eluberto 04.01.09 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COME IL PRESIDENTE AMERICANO WOODROW WILSON FU RICATTATO PER FAR ENTRARE IN GUERRA GLI U.S.A.
(4)

Relying to a great extent upon the legal opinion of Justice Brandeis, (as well as fear of what Brandeis knew of Wilson’s illicit affair), President Wilson appealed to Congress to declare war against Germany. This Congress did, on April 6, 1917. The Declaration of War against Germany by the United States guaranteed the Jews throughout the world that Palestine would be turned over to them upon the defeat of Germany even though Britain had already promised it to Trans-Jordan upon the defeat of the Ottoman Empire.
Indeed, Congress declared war against Germany because of Wilson’s assertion that Germany had sunk the S.S. Sussex and that US citizens aboard had perished with the ship. But after General Pershing’s troops were fighting in Europe, the hoax was exposed. The S.S. Sussex had not been sunk and no citizens of the US had lost their lives.
But now the United States was officially at war in Europe. In this war, 115,516 American soldiers were killed and 202,002 were maimed for life. That is what the Anti-Christian Jews of the world conspired to achieve in their crooked diplomatic underworld.
http://www.realjewnews.com/?p=189

Per delle scopate, solo dalla parte americana 115,516 americani morti, e 202,002 feriti.

Fine.

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 16:18| 
 |
Rispondi al commento

COME IL PRESIDENTE AMERICANO WOODROW WILSON FU RICATTATO PER FAR ENTRARE IN GUERRA GLI U.S.A.
(3)
Untermeyer produced a packet of letters from his pocket written by President Wilson to his colleague’s wife when they were neighbors at Princeton University. These letters established the fact that an illicit relationship had existed between Wilson and the wife of his Princeton colleague. Wilson immediately acknowledged his authorship of the letters. Untermeyer then informed Wilson that his former sweetheart was in dire need of $40,000.
President Wilson informed Untermeyer that he did not have the $40,000 to pay his blackmailer. Untermeyer then volunteered to give Wilson’s former sweetheart the $40,000 out of his own pocket - but on one condition: that President Wilson promise to appoint to the first vacancy on the United States Supreme Court, the Zionist and Talmudic Jew, Louis Dembitz Brandeis.
Without further talk, President Wilson accepted Mr. Untermeyer’s generous offer. Then on
June 5 1916, nearly one year before Wilson asked Congress to declare war on Germany, Wilson appointed the Zionist Jew, Louis Demitz Brandeis, to the Supreme Court. Many were surprised that Wilson, the son of a Christian minister, would appoint to the highest court in the land the first Jewish Supreme Court Justice in US history.
President Wilson and Justice Brandeis became unusually intimate friends. Justice Brandeis knew the circumstances behind his appointment by President Wilson and Wilson feared Brandeis because of it.

Justice Brandeis, through the advice of his Zionist colleague, Rabbi Stephen Wise, volunteered his opinion to President Wilson that the sinking of the S.S. Sussex by a German submarine in the English channel with the loss of lives of US citizens justified a US Declaration of War against Germany.

Continua

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COME IL PRESIDENTE AMERICANO WOODROW WILSON FU RICATTATO PER FAR ENTRARE IN GUERRA GLI U.S.A.

(2)
Both of these political figures were under the influence of the Rothschild banking dynasty, of which the Zionist Jew, Walter Rothschild, was the head. It did not hurt Weitzman’s goals when in 1916 Lloyd George became the British Prime Minister and Arthur Balfour the Foreign Secretary.
It was through this connection that the Balfour Declaration granted “a Jewish homeland within Palestine.” The Balfour Declaration was officially written to Walter Rothschild in 1919. The Balfour Declaration was merely Great Britain’s promise to pay the Zionists what they had agreed upon for getting the United States into the war.
During this time period in America, President Woodrow Wilson was campaigning for his re-election in 1916 on his popular campaign slogan, “He Kept Us out of War.” But on April 2, 1917, President Wilson addressed both houses of Congress and pleaded with them to declare war against Germany. What made Wilson change his mind?
SHORTLY BEFORE PRESIDENT WILSON’S re-election, he received a Jewish visitor in the White House by the name of Samuel Untermeyer. The Jew Untermeyer was a prominent New York City attorney of the Law Firm, Guggenheim, Untermeyer, & Marshall.

The Firm had as one of its main clients, Kuhn Loeb Bank, of which Jacob Schiff, an agent of Walter Rothschild, was the head. Both Untermeyer and Schiff contributed generously to the National Democratic Committee that installed President Wilson in the White House in both of his elections.

Untermeyer informed President Wilson that he had been retained to bring a Breach of Promise action against President Wilson. Untermeyer’s client was the former wife of a professor at Princeton University at the same time that Wilson was a professor at Princeton University. Untermeyer informed Wilson that his client was willing to accept $40,000 in lieu of commencing the Breach of Promise action.
Continua

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 16:12| 
 |
Rispondi al commento

COME IL PRESIDENTE AMERICANO WOODROW WILSON FU RICATTATO PER FAR ENTRARE IN GUERRA GLI U.S.A.

WORLD WAR I BROKE OUT in the summer of 1914. Within two years Germany had won the war. The German submarines, which were a surprise to the world, had swept all the British convoys from the Atlantic Ocean and leaving Britain without ammunition and food for her soldiers.
At that time the French army had mutinied. They lost 600,000 of the flower of French youth in the defense of Verdun on the Somme. The Russian army was defecting. And the Italian army had collapsed.
Not a shot had been fired on German soil yet Germany was offering England peace terms. They offered England a negotiated peace on what the lawyers call a status quo ante basis which means: “Let’s call the war off and let everything be as it was before the war started.”
England, in the summer of 1916, was considering Germany’s peace terms. They had no choice. It was either accepting this negotiated peace that Germany was offering them or going on with the war and being totally defeated.

While that was going on, the Zionists in Germany, led by the Jew, Chaim Weitzman, who later became the 1st President of Israel, went to the British War Cabinet and said: “Don’t capitulate to Germany. You can win this war if the United States comes in as your ally. We can arrange this. But in return, you must promise us Palestine once the tide turns in your favor.”

THE ZIONIST JEW CHAIM WEITZMAN was a Russian born chemist who moved to England in 1904. By 1915, Weitzman had developed a chemical process of producing acetone from maize. Acetone was a vital ingredient in production of artillery shells which Britain and her allies had a short supply of in the beginning of World War I.

It was during this period that Weitzman, through the mediation of Walter Rothschild, met Sir Arthur James Balfour, the First Lord of the Admiralty, and David Lloyd George, Britain’s Minister of Munitions.

CONTINUA.

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco proprio ad addossare la colpa delle morti degli scudi umani, chei criminali terroristi arabi usano normalmente nell'indifferenza dei sinistrati, a coloro che si vogliono e debbono difendere dalle azioni dei delinquenti islamici; mi viene schifo e da vomitare leggendo i post ignobili di quelli che accusano Israele.
E' poi da rabbrividire pensando che questi dementi demagoghi supporters dei criminali, sono quelli che poi blaterano di legalità.

Doriano M., Verona Commentatore certificato 04.01.09 16:06| 
 |
Rispondi al commento

@viviana.
Ti faccio presente che l`unico organismo in grado difinanziare guerre sono le banche,soprattutto la banca mondiale(controllata dai rothschild,che sono ebrei)i grandi istituti di credito americani che sono al 99% fondati da famiglie ebree e guidate dai rothschild.
Questi finanziano sia gli israeliani sia i palestinesi ed hanno tutti gli interessi a far continuare questa guerra.E non dimenticarti queste famiglie di banchieri privati ebrei hanno fondi grazie al sigmoraggio che e in mano loro in america ed in europa(infatti il presidente della banca europea e` ebreo e lavorava per i rothschild).
L`unico modo per fermarli e`riprenderci la nostra sovranita` monetaria.
Informati su www.simec.org

nando carvalho 04.01.09 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I soldi comprano tutto si sa. Ma pare che alcuni indigeni di una striscia svizzera dove il colono Grillo si è insediato negli ultimi tempi, non gradiscano l'intrusione. Non stanno pensando a razzi, ma pare effettivamente che non abbiano gradito. La villa ha un grosso muro di protezione. Penso che basterà. I vicini svizzeri non sono certo poveri e disperati come quelli di Gaza. Altrimenti...

giuseppe binis Commentatore certificato 04.01.09 15:58| 
 |
Rispondi al commento

E poi sulla terra intera
di David Maria Turoldo

E poi sulla terra intera a innalzare
monumenti "AI CADUTI"!
cosi’ felici di essere caduti!
ma provate a fissare quei corpi squarciati,
a fissare la loro smorfia ultima
sulle facce frantumate,
e quegli occhi che vi guardano,
provate a udire nella notte
l'infinito e silenzioso urlo degli ossari:
uccideteci ancora e sia finita! -

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Anime candide
di Fabrizio De Andre’

A chi volete affliggere
coi dati sui bambini
caduti con le bombe
e sotto il fuoco dei cecchini
vogliamo playstation
il petrolio ci serve
e a voi poverelli
vi faremo a brandelli.
e a chi non muore
lo sai che faremo?
Non avete i grattacieli,
borsa, uffici finanziari?
Non avete dei banchieri
degli scudi planetari?
Nessuna top models
niente pargoli teppisti?
E non la potete fare la guerra
siete solo terroristi!
Siamo noi a dichiararla
quante bombe lanceremo
e a chi non muore lo sai che faremo?
Con le scarpe da ginnastica
noi siamo troppo belli
ma queste non ci bastano
vogliamo piu’ modelli
percio’ con la guerra
vi faremo capire
che voi del terzo mondo
ci dovete servire
da vivi o da morti
questo poi lo vedremo
e a chi non muore
lo sai che faremo?
Noi lo deporteremo!
We will dee-port you
Ci piangono i coglioni
con le storie delle mine
con gli arti strappalacrime
di bambini e di bambine.
Non hai piu’ una gamba?
La tua vita e’ rovinata?
La vendiamo alla CNN
nel tg in prima serata
lo sai che ti faremo?
Ti deporteremo!
We will dee-port you
Papa’ venne di notte
e disse corri, andiamo
arrivammo nel salone
tenendoci per mano
ed io e il mio fratellino
ci sentivamo grandi e grossi
mentre il cielo di Kabul
era verde agli infrarossi
eravamo tutti uniti
fu davvero bellissimo
un attacco mai visto
un momento dolcissimo
questo sara’ piu’ bello
quanti morti che vedremo
e a quelli che non muoiono
sapete che faremo?
Noi li deporteremo!
We will dee-port you

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ED
Ricambio i saluti lasciati
ieri notte. La buona Domenica
e buon proseguimento.

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:53| 
 |
Rispondi al commento

l`unico modo per sconfiggere l`arroganza israeliana e` quella di togliergli il potere monetario che hanno grazie al SIGNORAGGIO.Non dimenticatevi che il presidente della banca centrale europea e un EBREO,e che una volta che ci ha venduto i nostri soldi questi vanno a finaziare magari i rothschild e lo stato d`israele.informatevi su www.simec.org.
Riprendiamoci i nostri soldi

www.simec.org

nando carvalho 04.01.09 15:50| 
 |
Rispondi al commento

ma ki se li incula gli israeliani??hanno cominciato la loro battaglia senza un se ne un perchè...e ora sono odiati dai palestinesi, ma è un odio giusto, un odio che va rispettato tutti ci saremmo difesi da soprusi simili a quelli subii dagli ebrei. Non è una guerra civile, nè tanto meno una guerra di religione, è un guerra per il potere. Molti anni fa ci furono delle persone che decisero di ritornare dopo mille anni nella loro terra...ma in quei mille anni ci furono altre persone che decisero di stabilirsi nella medesima terra...allora bombe contro sassi..e così la giustizia israeliana??chi sono i terroristi?? Ci vuole informazione non parlare senza senso!

Raffaele Violante 04.01.09 15:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X pucci pucci sui palestinesi che non conoscevano l'acqua prima dell'arrivo degli israeliani.

----------------------------------------------------
i palestinesi, prima dell'arrivo degli israeliani, usavano la loro acqua per gli scopi e nella misura che a loro interessava.
nell'immaginario collettivo quello palestinese e' un popolo di subumani incapaci di prendersi cura di loro stessi e della loro vita senza l'aiuto dell'"uomo civile".
sapevano vivere ancora prima dell'arrivo degli israeliani.
piccolo esempio: mettono una centrale nucleare vicino a casa tua, questa abbisogna di molta acqua per lavorare, l'acqua la prendono dalle condutture dell'acqua potabile del tuo quartiere. tu protesti, ma loro ti rispondono: ma cosa vuoi, che
fermiamo il progresso per te, del resto dell'acqua te cosa te ne fai, la usi al massimo per farti il bide'.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 04.01.09 15:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Dopo quello a cui stiano assistendo voglio fare una provocazione...ma niente niente aveva ragione hitler?????

giuseppe fiore 04.01.09 15:38| 
 |
Rispondi al commento

La guerra è la lezione di storia che i popoli non imparano mai abbastanza. PACE

Alessandro D., Genova Commentatore certificato 04.01.09 15:34| 
 |
Rispondi al commento

68. Salameh Association (Palestine)
69. Secular Democratic State Group (Gaza, Palestine)
70. Union of Right of Return Committees (Syria)
71. Union of Women's Activity Centers, West Bank Refugee Camps (Palestine)
72. Union of Youth Activity Centers, Refugee Camps (Palestine)
73. Vanguard for the Popular Liberation War [Sa'iqa]
74. Women's Activity Centers (Gaza, Palestine)
75. Yaffa Charitable Fund (Jordan)
76. Yaffa Cultural Center (Balata Camp, Palestine)
77. Youth Assembly (Gaza, Palestine)
78. Youth Struggle Union (Lebanon)

Fonte:
www.alternativenews.org/news/english/letter-of-palestinian-r
efugee-organizations-to-president-mahmoud-abbas-20080925.htm ...

:: Article nr. s8482 sent on 06-oct-2008 09:27 ECT
http://www.uruknet.info/?p=s8482

Link: www.resistenze.org/sito/te/po/pa/popa8l01-003780.htm

fine

Salvatore.G. grazie.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:31| 
 |
Rispondi al commento

30. Islamic Resistance Movement [Hamas]
31. Istiqlal Youth Union (Lebanon)
32. Istiqlal Youth Union (Syria)
33. Ittijah: Union of Palestinian Non-Governmental Organizations (Palestine)
34. Jafra Youth Center (Syria)
35. Jimzo Association (Palestine)
36. Lajee Center, Aida Camp (Palestine)
37. National Assembly of of Palestinian Civil Society Organizations (Palestine)
Ahmad Al-Shuqairy (Jordan)
continua.

Salvatore.G.
39. National Nakba Commemoration Committee (Palestine)
40. Palestine Democratic Union [Fida]
41. Palestine House Educational and Cultural Center (Canada)
42. Palestine Liberation Movement [Fatah]
43. Palestine Remembered (USA)
44. Palestine Right of Return Coalition (Global)
45. Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (Palestine)
46. Palestinian Civil Society Coordinating Committee in Palestine and Abroad (Global)
47. Palestinian Liberation Front
48. Palestinian National Democratic Movement (Palestine)
49. Palestinian National Initiative
50. Palestinian People's Party
51. Palestinian Popular Struggle Front
52. Palestinian Refugee Rights Defense Committee (Balata Camp, Palestine)
53. Palestinian University Professors Union (Gaza, Palestine)
54. Palestinian Women's Grassroots Organization (Syria)
55. Palestinian Youth Democratic Union (Syria)
56. Palestinian Youth Organization (Syria)
57. Palestinian Youth Struggle Union (Syria Branch)
58. People's Assembly of the Towns and Villages Depopulated in 1948 (Palestine)
59. Platform of Associations in Solidarity with Palestine (Switzerland)
60. Popular Committees to Defend the Right of Return (Gaza, Palestine)
61. Popular Front for the Liberation of Palestine
62. Popular Front for the Liberation of Palestine – General Command
63. Refugee and Right of Return Committee (Syria)
64. Refugee Camp Popular Committees (West Bank & Gaza, Palestine)
65. Refugee Executive Office (Palestine)
66. Right of Return committee (Switzerland)
67. Ruwwad Cultural Center (Aida C

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Io non vedo l'ora che qualcuno faccia saltare Napoli, a prescindere.

pucci pucci
-----------------------------------------
Io scerzo, molte volte, sopratutto su Napoli (ricordo una mia battuta sul Vesuvio che non "piacette" a qualcuno).
Ma Napoli era una delle capitali d'Italia. Arte, cultura, musica. Era tutto un fermento, come tutto il sud. Chi dall'estero veniva in Italia sapeva di dover andare al sud. Basta guardare tutte le opere d'arte che stanno al sud. I teatri ecc ecc.
Certo è che non c'era nessun Iervolino a governarla, a quei tempi.
Cosa è accaduto?

Si sono spartiti il sud. Il sud è servito a qualcuno, sopratutto ai politici, per riversarci dentro oceani di inutili parole. Il sud è potenziale, è risorsa. E' stato depredato.

vito_ farina_ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 15:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il diritto dei rifugiati e dei deportati interni palestinesi al ritorno è un diritto collettivo che non è limitato ad uno o all’altro gruppo, ed è parte integrante del diritto palestinese all’autodeterminazione;
Il diritto dei rifugiati e dei deportati interni palestinesi al ritorno non è soggetto a referendum.
Che Lei possa rimanere saldo nella nostra lotta per la libertà e la dignità.

Agosto 2008

I firmatari:

1. 194 Association (Syria)
2. Abassiya Association (Palestine)
3. Abnaa Al-Balad Center for the Defense of the Right of Return (Syria)
4. Aidun Group (Lebanon)
5. Aidun Group (Syria)
6. Al-Awda Palestine Network (Holland)
7. Al-Awda Palestine Right to Return Coalition (North America)
8. Arab Cultural Forum (Gaza, Palestine)
9. Arab Liberation Front
10. Arab Palestinian Front
11. Association for the Defense of the Rights of the Internally Displaced (Palestine)
12. Badil Resource Center for Palestinian Residency and Refugee Rights (Palestine)
13. Beit Nabala Association (Palestine)
14. Bisan Association (Syria)
15. Coalition of Right of Return Defense Committees (Jordan)
16. Coalition of Right of Return Defense Committees (Jordan)
17. Committee for the Rights of Palestinian Women (Syria)
18. Confederation of Right of Return Committees (Europe: Denmark, Sweden, Norway, Switzerland, Greece, Germany, France, Holland, Poland, Finland)
19. Coordinating Committee of Palestinian Organizations Working in Lebanon (Lebanon)
20. Council of National and Islamic Forces in Palestine (Palestine)
21. Democratic Front for the Liberation of Palestine
22. Democratic Palestine Committee
23. Depopulated Towns and Villages Associations (Gaza, Palestine)
24. Farah Heritage Society (Syria)
25. Grassroots Palestinian Anti-Apartheid Wall Campaign (Palestine)
26. Higher Follow-up Committee on Prisoners (Palestine)
27. Higher National Committee for the Defense of the Right of Return (Palestine)
28. Inevitable Return Assembly (Syria)
29. Islamic Jihad Movement
continua

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Considerando che,Israele e gli Stati Uniti, secondo alcuni funzionari israeliani, stanno intensificando gli sforzi per giungere ad una soluzione accettabile da entrambi i loro paesi, e che sarà attiva a prescindere dal partito al governo;

Considerando che,la prima regola per la legittimità di ogni soluzione rimane il percorso che porta all'esercizio del diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese, incluso in primo luogo il diritto dei rifugiati palestinesi di poter scegliere di ritornare alle loro case e terre originarie nonostante l’attuale luogo di rifugio.
Noi ci avviciniamo a Lei con questa dichiarazione basata sul nostro forte desiderio di concepire un modo diretto, costruito sui più alti livelli di chiarezza e lealtà con il popolo palestinese; un modo diretto che mira a fortificare la posizione palestinese in questa fase delicata della lotta; un modo diretto che assicuri che qualsiasi modello di soluzione includerà i seguenti principi in un linguaggio chiaro ed immutabile:
I diritti dei rifugiati palestinesi e dei deportati interni al ritorno, alla restituzione e all’indennizzo sono diritti fondamentali per il Diritto internazionale e le risoluzioni dell’ONU – in particolar modo la Risoluzione 194 dell’Assemblea Generale dell’ONU e la Risoluzione 237 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Il contenuto di questi diritti non è negoziabile a prescindere dal modo in cui saranno esercitati;
Il diritto al ritorno è un diritto individuale di cui può godere ogni rifugiato e deportato interno palestinese. Questo diritto, passato da una generazione a quella successiva, è basato sulla scelta dell'individuo se ritornare o no, un inalienabile ed indivisibile diritto, che non può essere leso da alcun trattato, accordo bilaterale, multilaterale, o internazionale. Ciascuno di questi accordi deve rispettare i precetti fondamentali ed principi del Diritto internazionale;
continua.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Considerando che, è divenuto chiaro come l'amministrazione statunitense stia lavorando su altri fronti, per vendere questa sua costruzione oscura come una soluzione alla sessione di settembre 2008 dell’Assemblea Generale dell’ONU;

Considerando che, comprendiamo, come un risultato della lunga e difficile esperienza del nostro movimento con la politica israeliana, che gli attori politici israeliani cercano di risolvere la crisi politica interna israeliana distruggendo il fronte palestinese attraverso vari metodi e pratiche; tutti costoro lavorano per difendere l’occupazione israeliana, il colonialismo, e la segregazione razziale, e puntano a raggiungere il riconoscimento internazionale di Israele come "Stato ebreo";

Considerando che, i programmi elettorali Occidentali ed israeliani non devono essere impiegati per esercitare pressione sui negoziatori palestinesi, che non devono in alcun modo prendere parte alle manovre politiche dei candidati israeliani e statunitensi, per proteggere in particolar modo la legalità, la legittimità, e la sacralità dei diritti nazionali palestinesi a prescindere da chi uscirà vittorioso dalle elezioni straniere;

Considerando che, è percepibile il ripiegamento della posizione europea, una volta di saldi principi, e la sua trasformazione su linee conformi alle politiche degli Stati Uniti, di totale complicità e sostegno di Israele;

Considerando che,è chiaramente visibile la debolezza e l'incapacità dei paesi arabi ad agire o giocare un ruolo efficace;

Considerando che,siamo testimoni dell’acuto e doloroso deterioramento senza precedenti nella scena politica interna palestinese;

Considerando che,è divenuto semplice ed ovvio che le potenti pressioni esterne puntano ad annullare i diritti dei rifugiati palestinesi, particolarmente il diritto al ritorno alle terre e proprietà originarie e alla restituzione di queste terre e queste proprietà;

continua

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Non è un segreto che durante il cosiddetto "Processo di pace di Oslo" queste politiche hanno fatto ricorso a tattiche ingannevoli per annullare complessivamente tali diritti. Queste tattiche includono il tentativo di sostituire il ritorno e la restituzione delle proprietà con delle compensazioni monetarie; ridurre il numero di quelli titolati ad esercitare questi diritti da più di 7 milioni di palestinesi rifugiati e deportati interni, ad una piccola minoranza, inclusi i cosiddetti "casi eccezionali" che sarebbero arbitrariamente fissati da Israele; suggerire che i rifugiati ritornino in case localizzate nelle aree amministrate dall'Autorità palestinese; ed altre umilianti "scelte alternative" da cui ci si attende che i palestinesi rinuncino al diritto dei rifugiati al ritorno alle loro case, terre e proprietà di origine, in cambio di altri diritti e rivendicazioni, come l’autodeterminazione, i confini, il reclamo di Gerusalemme e la rimozione degli insediamenti coloniali illegali. La dirigenza palestinese ha rifiutato tali degradanti mercanteggiamenti nei negoziati passati, in particolare quelli noti come il secondo vertice di Camp David e la Clinton Initiative. Il passato Presidente, Yasser Arafat, rifiutò queste disposizioni, e pagò questa scelta con la libertà e la vita.

Considerando che, i diritti al ritorno, alla restituzione e all’indennizzo sono salvaguardati dal Diritto internazionale e sono specificamente ratificati dalla Risoluzione 194 dell’Assemblea Generale dell’ONU e dalla Risoluzione 237 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU;

Considerando che, vediamo aumentare la pressione statunitense che punta a costringere i negoziatori palestinesi ad accettare una costruzione oscura per una soluzione che sarà realizzata in qualche modo ed al più presto, e che tale struttura è in larga parte ad uso interno per gli Stati Uniti, nel contesto delle elezioni presidenziali;
continua

Salvatore.G.


salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:21| 
 |
Rispondi al commento

In questo contesto, siamo preoccupati in modo particolare per i diritti dei rifugiati e deportati interni palestinesi al ritorno alle loro terre e proprietà originarie, alla restituzione delle loro case, terre e proprietà e all’indennizzo per i danni incorsi negli oltre 60 anni passati. Sulla base del fatto che tutti questi diritti sono garantiti dal Diritto internazionale, e con la consapevolezza delle enormi pressioni che gravano sui negoziatori e sulle tattiche delle trattative, come la segretezza riguardo alle evoluzioni delle stesse, facciamo appello a Lei perché adotti una strategia di negoziato basata sulla trasparenza nei confronti dell’intero popolo palestinese - senza curarsi del loro attuale luogo di residenza - riguardo a tutti gli aspetti e i dettagli del processo negoziale. La realizzazione del diritto dei rifugiati palestinesi al ritorno era e continua ad essere lo scopo principale per cui fu stabilita l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), una finalità che rappresenta la colonna portante della legittimità dell’OLP come unico e legittimo rappresentante del popolo palestinese. La trasparenza e la lealtà dei nostri rappresentanti verso tutti i settori della società garantiranno una migliore difesa dei nostri diritti, e fortificheranno la nostra posizione di fronte a queste enormi pressioni.
È stato chiaro, in tutte le fasi delle trattative, che questo processo punta eliminare il problema centrale della lotta arabo-palestinese per la libertà e la giustizia: i rifugiati palestinesi ed il loro diritto al ritorno e alla restituzione delle proprietà. Infatti, l'eliminazione di queste richieste centrali arabo-palestinesi costituisce il nucleo di entrambe le politiche israeliana e statunitense.
continua
Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:19| 
 |
Rispondi al commento

@ Bo Duke

Non vedo l'ora che qualche padano faccia saltare in aria piazza plebiscito a napoli piena durante il concerto di Nino d Angelo.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
In clima di feste meriti un bel commento in versi.

STRUNZ

ch' ammuntunat' staj,
sott' a na' lenz e' mur,
c'a cap rint' e' rin',
c'a cap' cott e' sole.

Nù moscone t' ronza attuorn'
e t' canta na ninna nanna,
e tu ruorm',

STRUNZ.

(Salvatore Di
Giacomo)

Franco F. Commentatore certificato 04.01.09 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I diritti dei rifugiati palestinesi e le trattative per lo status finale
Lettera aperta al Presidente Mahmoud Abbas
Lettera aperta di organizzazioni e partiti politici palestinesi - Traduzione dall’inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

25 settembre 2008

La lettera che segue è stata presentata al presidente all’ufficio di Mahmoud Abbas a nome delle 78 organizzazioni palestinesi mercoledì 22 settembre 2008. Si noti che che TUTTE le fazioni politiche palestinesi hanno apposto la loro firma.


Lettera aperta al Presidente Mahmoud Abbas

Al Presidente Mahmoud Abbas
Capo del Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina
Presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese

I diritti dei rifugiati palestinesi e le trattative per lo status finale

Egregio sig. Presidente,

La salutiamo per il suo ritorno

Noi, le sottoscritte organizzazioni di rifugiati palestinesi, movimenti ed istituzioni della società civile nella patria palestinese ed in esilio siamo le organizzazioni nazionali che lavorano per difendere il diritto al ritorno. Noi ora facciamo appello a Lei perché siamo convinti che l'allineamento della posizione ufficiale palestinese con quella del popolo palestinese, riguardo ai problemi inerenti le trattative sullo status finale, sia la priorità più alta. Il primo di questi problemi è la causa dei rifugiati palestinesi.

Siamo convinti che l’allineamento delle posizioni popolari con quelle ufficiali sia la principale garanzia di una posizione palestinese forte nell’attuale processo negoziale, che sta avendo luogo in un contesto locale, regionale e globale e che mette in pericolo i diritti nazionali del popolo palestinese.

continua
Link: www.resistenze.org/sito/te/
/pa/popa8l01-003780.htm

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non vedo l'ora che qualche padano faccia saltare in aria piazza plebiscito a napoli piena durante il concerto di Nino d Angerlo.

Bo Duke
------------------------------------

Pazzo d'un dilettante.
Meglio aspettare quei concerti dove molti personaggi della canzone cantano assieme (tipo "ui' ar te uordl, ui' ar te cildren) cosi' oltre a Nino D'angelo becchi pure Gigi D'alessio, Apicella e tanti altri.

ps
se t'abbisogna esplosivo, dimmelo. Per cause cosi', è gratis.

vito_ farina_ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


"La nostra politica è quella di fomentare le guerre, ma dirigendo Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa ottenere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di più nel loro debito e, quindi, sempre di più sotto il nostro potere".
[Amschel Mayer Rothschild, 1773]

Roberto Vian 04.01.09 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Si parla sempre di ideali, di popoli, ma sta di fatto che c'è un giro immenso di soldi e anche i capi dell'OLP hanno tutto interesse a tenere in vita una guerra, non a contrattare una pace...
Già la morte di Arafat aprì un capitolo imbarazzante, non solo per il modo con cui era stato ammazzato, ma per il tesoro su cui aveva messo le mani, alla faccia degli ideali de decantava.
Ancora non sappiamo se qdi alcune centinaia di migliaia di dollari o di un miliardo ma certo non erano i risparmi di una vita.
Ad es. secondo l'accordo di Oslo del 93 tutte le somme raccolte dall'autorità israeliana sotto forma di dazi doganali e destinate alle casse palestinesi, finivano su un conto corrente di Arafat e del suo consigliere finanziario, Mohammed Rachid. Lo stesso Fayyad raccontò di essere stato testimone della consegna di un assegno firmato da Saddam Hussein e intestato ad Arafat, per un valore di 50 milioni di dollari, apparentemente destinati alla causa palestinese ma di fatto ritirati dal rais. A quanto ammontarono questi versamenti? E chi se li prese?
Un gruppo di ispettori nominati da Fayyad scoprì che Arafat trasferiva ogni mese 100.000 dollari su un conto corrente in Francia ad uso della moglie Suha, che viveva a Parigi tra lussi imbarazzanti, insieme alla figlia. Alle casse esangui dell'Autorità palestinese farebbe molto comodo recuperare oggi le centinaia di milioni di dollari che Suha Arafat si gode lontano dalla miseria del suo popolo. Ma è evidente che il problema è più complesso di una banale questione contabile. Recuperare quel tesoro, significa infatti scoperchiare un pentolone che nasconde almeno trent'anni di storia rivoluzionaria palestinese, molti dei cui protagonisti siedono tuttora ai vertici dell'Olp.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Non e' in corso nessuna guerra di religione o etnica o cazzate varie!!!!

Israele controlla tutte le sorgenti d'acqua palestinesi!
Tutte le condotte idriche palestinesi sono rivolte verso Israele!
Ai palestinesi vengono assegnate quote della "loro" acqua che non sono sufficienti nemmeno per i bisogni primari:
Viene lasciata loro acqua sporca e inquinata con conseguenti malattie che non possono curare causa embarghi!
Con l'acqua palestinese gli israeliani coltivano i "LORO" campi lasciando morire di fame i palestinesi che non ne hanno per coltivare i propri!
Con l'acqua palestinese gli israeliani hanno un'agricoltura fiorente con introiti di miliardi di dollari!
I palestinesi rivogliono la "LORO" acqua!!!

SANGUE PER L'ACQUA!
FINO ALL'ULTIMA GOCCIA!
LA GUERRA PER L'ACQUA!
Questo il titolo del video (in tedesco) che evidenzia le sorgenti, il perche' dell'insediamento e la fiorente coltivazione israeliana..con l'acqua palestinese!

http://www.youtube.com/watch?v=d7kp9vCVirU

Anthony C. Commentatore certificato 04.01.09 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NOTIZIA DELL'ULTIMA ORA !!!! ( aggiornata )

IL PAPA ( ...... ) E' PARTITO PER LA PALESTINA , NON RIUSCIVA PIU' A DORMIRE NEL SUO LETTO DI CILIEGIO DEL 1400 ,TROPPO IL TORMENTO PER CHI SOFFRE !!! E' PARTITO E FARA' SCUDO CON IL SUO PREZIOSO CORPO CONTRO L'INVINCIBILE ARMATA DEI PRODI ISRAELIANI CONTRO I BAMBINI PALESTINESI REI DI AVERE DEI GENITORI STUPIDI DA LANCIARE RAZZI CONTRO IL LORO GLORIOSO POPOLO !!!!
NATURALMENTE NON E' VERO , RATZINGER SE NE STRAFREGA E ORA STA GIOCANDO A TOMBOLA CON LE SUORE ............CON IL SOLITO CULO STA VINCENDO ......

andrea onesti 04.01.09 14:56| 
 |
Rispondi al commento

LE CAUSE NON GLI EFFETTI.

Come mai l'instabilità del Medio Oriente nasce con l'avvento del petrolio come fonte energetica principale?

I conflitti in quella parte del mondo fanno variare il prezzo del petrolio?

Dove si testa soventemente la tecnologia bellica[molto costosa,pensate a chi la produce]?

No,perchè altrimenti ho capito male io.

Secondo voi è solo un problema di religione?

Fino a 100 anni fa in Medio Oriente l'americani manco li conoscevano!!!

La zona è meglio se non rimane tranquilla,rende di più,se non ci fossero interessi se ne sbatterebbero di quella povera gente.

Appresso alle cause non agli effetti dobbiamo andare!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:54| 
 |
Rispondi al commento

La colpa è degli israeliani, dei palestinesi e del papa


Oltre ai popoli che subiscono la guerra, per fortuna, sembra che abbiamo in dividuato un altro nemico: il papa.
La colpa è del papa che non va in palestina! per alcuni, sarebbe molto opportuno.A fare cosa?
Naturalmente, la colpa sarebbe ancora più sua se ci andasse davvero!;)
L'intelligenza è un optional sempre meno richiesto! Sarà per via della crisi?
Siamo sempre più smaniosi di trovare colpevoli di comodo! Sarà perché abbiamo sempre di più orrore di noi stessi e di come siamo diventati?

sancho . Commentatore certificato 04.01.09 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dopo lo zucchero filato e la corsetta dello shopping...

Berlusconi maestro vetraio - Il premier a Murano mentre imita i celebri soffiatori nella vetreria di Archimede Seguso a Murano.(corriere.it)


MA TU GUARDA SE STO' SCEMO DEVE ANDARE IN GIRO A ROMPERE I COGLIONI ALLA GENTE CHE LAVORA!

Stefania .. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:49| 
 |
Rispondi al commento

una poesia da divulgare ai vostri amici ciao:
Preghiera dello sfaticato

Molto a sud della Padania
Tu trovi la Campania.
I campani alla sera
Dicon tutti una preghiera:
O Gesù se c’è un lavoro,
Fallo fare solo a loro.
Non perché la voglia manchi,
Ma perché siam nati stanchi.
Da noi il verbo lavorare
Si traduce in faticare,
A noi poco ce ne frega
Se in Padania c’è la Lega
Che grida con passione
Che vuol la secessione.
L’unità vogliamo avere
Per farci mantenere.
Ai padani noi diciamo:
Lavoro e soldi vi auguriamo.
Tanti soldi fate voi,
A goderli siamo noi!

ti basta?

perche' non mi rispondi sul meetup di milano godardo

non hai un cazzo da fare

mangiate con i nostri soldi

ANNA DI SCIPIO IN ARTE IDANEE UNA SALERNITANA
RINNEGATA LEGHISTA
=============================================

Quando scrivi si sente ancora la cadenza straniera,si dice codardo,no godardo!

CHI SPUTA SULLE SUE ORIGINI SPUTA SU SE STESSA!
Auguri, hai un futuro molto ma molto BAGNATO!

Capisc' a mme!

Rino Napoli Doc Commentatore certificato 04.01.09 14:48| 
 |
Rispondi al commento

GAZA: ITALIANO E ALTRI 7 VOLONTARI STRANIERI NON PARTONO

2009-01-02


Gaza, 2 gen. - Vittorio Arrigoni, l'unico italiano rimasto nella Striscia di Gaza, e altri sette volontari stranieri dell'International solidarity movement (Ism) hanno deciso di non abbandonare il Territorio palestinese, nonostante il via libera all'evacuazione dato dall'esercito israeliano. "Da qua non ci schiodiamo, invece di aprire i varchi per farci uscire perche', invece, non fanno entrare i medici internazionali? ", ha dichiarato al telefono Arrigoni. "Se restiamo qui - ha aggiunto - almeno possiamo testimoniare cosa accade e forse sara' un deterrente per l'esercito israeliano che da giorni assedia quest'area". I volontari dell'Ism scriveranno una lettera alle autorita' israeliane per chiedere l'apertura immediata dei valichi per tutti i residenti della Striscia. "Inoltre cominceremo a scortare le ambulanze per evitare che vengano colpite durante i bombardamenti". Oltre alla mancanza di beni di prima necessita' e di elettricita' nella zona comincia anche a scarseggiare l'acqua: "Alcune bombe hanno distrutto gli impianti idrici", ha spiegato Arrigoni. "Noi potremmo benissimo andarcene, ma pensiamo ai palestinesi che non avranno mai questa possibilita'".


Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Papa voleva andarci a Gaza ma ha poi preferito lasciare a Grillo l'onore di partire dalla villa in Svizzera, passare per l'Italia a chiamare a raccolta i suoi fedeli bisonti scalpitanti sulle tastiere, per poi raggiungere Gaza. E' Grillo che è più famoso su google, è Grillo che gode di maggior credito all'estero e che invece di implorare inutilmente scrive post sul blog. E' giusto che sia lui ad avere l'onore di lasciare gli agi svizzeri e non il Papa quelli laziali.

giuseppe binis Commentatore certificato 04.01.09 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma cosa volete pretendere da una nazione capace di generare figli come quel Re che, tenendosi col braccio la corona perchè non caschi, e con l'altro sollevandosi la gonnella ermellinata, scappa a gambe levate dall'Italia per paura di Mussolini, lasciando gli italiani in balia del loro destino.
Siamo tutti come quel Re.
E' finita l'epoca dei Cesari. Volevano fare di noi un popolo di guerrieri, come gli antichi romani, e siamo andati in Russia con le scarpe di cartone.

Cirino Pomicino, Rosa Russo Iervolino, Berlusconi, Bondi, Chicchitto... questi siamo noi. Magna magna, magna tu che magno io.
E' finita!

vito_ farina_ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:45| 
 |
Rispondi al commento

"All the current troubles in the world are all because of that shitty little country Israel"

- - French Ambassador to England Daniel Bernard - -
December 2001
http://www.aztlan.net/shittyisrael.htm

SONO D'ACCORDO CON L'AMBASCIATORE FRANCESE!!

Salvatore.g.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 14:40| 
 |
Rispondi al commento

NOTIZIA DELL'ULTIMA ORA !!!!

IL PAPA ( QUELLO VERO ) E' PARTITO PER LA PALESTINA , NON RIUSCIVA PIU' A DORMIRE NEL SUO LETTO DI CILIEGIO DEL 1400 ,TROPPO IL TORMENTO PER CHI SOFFRE !!! E' PARTITO E FARA' SCUDO CON IL SUO PREZIOSO CORPO CONTRO L'INVINCIBILE ARMATA DEI PRODI ISDRAELIANI CONTRO I BAMBINI PALESTINESI REI DI AVERE DEI GENITORI STUPIDI DA LANCIARE RAZZI CONTRO IL LORO GLORIOSO POPOLO !!!!

NATURALMENTE NON E' VERO , RATZINGER SE NE STRAFREGA E ORA STA GIOCANDO A TOMBOLA CON LE SUORE ........

andrea onesti 04.01.09 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Il mentitori di professione come il ns.ministro degli esteri devono essere sconfessati in pubblico.E'a burattini come lui che vanno indirizzate senza sosta le proteste.Coraggio Beppe fallo come lo faccio io.Saluti.

piersabatino deola 04.01.09 14:33| 
 |
Rispondi al commento

I bambini non dovrebbero morire per nessuna ragione ma sopratutto a causa di una guerra assurda e infinita dove non ci saranno mai nè vincitori nè vinti.
Ma prima di queste povere bambine,mi vengono in mente:
- i bambini mai nati perchè i genitori non se lo possono permettere;
- quelli che non provano la gioia dell'infanzia perchè nella loro famiglia ci sono troppi problemi e la gioia è un lusso troppo grande.
- quelli che nascono in famiglie numerose,figli di genitori che si affidano alla provvidenza (forse la bottegaia sotto casa si chiama provvidenza, la mia no e vuole essere pagata!);
-i bimbi vittime di porci pedofili, complici a volte degli stessi genitori che li vendono per qualche euro,rovinandoli psicologicamente e fisicamente per tutta la vita.
- i bimbi uccisi dalle stesse persone che li hanno generati, o per pazzia o per ritorsione verso il coniuge;
- i bimbi spariti nel nulla oppure sciolti nell'acido per motivi assurdi.
- i bimbi che passano la loro piccola esistenza nei reparti oncologici e che combattono contro malattie causate da impianti industriali costruiti e gestiti da imprenditori avidi e collusi.
Sarà cinico, ma le povere sorelline palestinesi tutto questo per loro fortuna non lo hanno provato.
Non mi ricordo in che libro l'ho letto ma (se c'è un dio) egli sarà spietato e inflessibile verso chi si è macchiato di delitti contro gli innocenti.
Ad un futuro migliore....

cristina s. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Le armi costano, I palestinesi sono dei morti di fame. Ma chi la paga questa guerra infinita?
Sapete che tutto il mondo contribuisce a questo acquisto di armi?
Sapete che la Comunità Europea finanzia la Palestina?
Anche il governo USA finanzia la Palestina.
L’Ue in genere finanzia la Palestina quando la politica USA tende un po’ più da quella parte (per es. con Clinton), sennò no
Solo da poco l’UE ha dato 371 milioni di dollari, la Lega Araba più di 316, gli USA 194
Poi ci sono i soldi raccolti dalle associazioni umanitarie : nel 1000 27 milioni, 100 nel 2001 e 97 nel 2002..
Persino Israele dà soldi alla Palestina anche se sono tasse indebitamente ricosse
Una grossa fetta di questi contributi se li mangia il Support Group, istituzione internazionale incaricata di aggiustare i danni fatti dagli israeliani.
Quasi un miliardo di dollari da dividere tra 4 milioni di palestinesi virtualmente senza reddito e che pagano le tasse agli israeliani. Circa 2500 dollari pro-capite che in realtà se ne vanno parte nel fiume di Ong spesso in guerra tra loro, parte per ricostruire le infrastrutture distrutte dagli israeliani e parte per il finanziamento del governo palestinese.
Un giro vizioso veramente infernale
Un rappresentante del FMI accusa il leader dell’Anp, di aver stornato su un suo conto segreto 900 milioni di dollari negli ultimi 5 anni, ma il tesoro di Arafat non era da poco
Berlusconi in inventò un piano Marshall per la Palestina con 5 miliardi di dollari da distribuire tra israeliani a palestinesi, non saranno dati mai perché dovrebbero servire alla ricostruzione a guerra finita

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 14:33| 
 |
Rispondi al commento

I padani doc sono come i palestinesi.... solo un po' piu' pasciuti e rosei.
La cosa che opprime il padano è Roma Ladrona, ma alla fine con Roma ce magnano pure loro, sopratutto i leader palest-padani, coi loro bei stipendiucci repubblicani sanciti dalla Costituzzzzione (che guai a chi la tocca, specie quando ti aggarantisce 3 pensioni d'oro).

Altra differenza tra i padani e i palestinesi:
il leader palest-padano giura fedeltà alla Repubblica italiotta... e magna, mentre il leader palestinese se lo beccano a fare il doppio gioco gli spaccano la rotula e l'ulna.

Come della questione medio-orientale... la stessa storia anche in Italia, con questo benedetto federalismo che tutti ne parlano dall'era paleozoica e nemmeno dopo 3 governi arriva mai.

vito_ farina_ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:31| 
 |
Rispondi al commento

IL MONDO CAPOVOLTO

"Bruciare la bandiera d'Israele e degli USA in piazza?Atto criminale ed intollerabile"
"Quella d'Israele è legittima difesa"
Ronchi PDL

Ecco, un altro esempio di mondo capovolto.
Bruciare un pezzo di stoffa è un crimine, bombardare una casa con 5 bimbe dentro è legittima difesa..

Mauro Maggiora, Genova(Prè-Molo-Maddalena) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono contrario a tutte le guerre. Anche a quelle mascherate come fa Hammas con il lancio di missili Kassam. Sento criticare per la morte di civili palestinesi e frasi inneggianti all'odio nei confronti degli Israeliani. Anch'io piango per le vittime innocenti palestinesi come piango le vittime innocenti israeliane (anche quelle che non ci sono state). Cosa pensate che possa fare un missile sparato su di uno stabile qualunque? La distruzione con tutto quello in esso contenuto, compreso le vite umane. Non trovo tanto diversa nella sua analisi i fatti che attualmente occorrono fra questi due popoli. SONO ENTRAMBI DA CONDANNARE. Nessuno ha più ragione dell'altro. Da una parte, si cerca di colpire per uccidere vigliaccamente, di sorpresa, n'do cojo cojo, dall'altra si avverte che si stà per fare una carneficina mirata chiedenbdo scusa per le involontarie vittime innocenti. MI FATE SCHIFO. Questo vorrei dire ad entrambe le parti. Come mi fanno schifo coloro che in qualche modo cercano di giustificare dall'una o dall'altra parte questa mattanza. MI FATE SCHIFO. Questo vorrei dirlo a coloro che sia al governo che all'opposizione trattano armi (direttamente od indirettamente) con tutti i popoli belligeranti. MI FATE SCHIFO quando NON sento la giusta attenzione per quei popoli che tutti i giorni vengono massacrati solo perchè di etnia diversa. MI FATE SCHIFO PUNTO E BASTA.

Marco A. Commentatore certificato 04.01.09 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono cifre che non ci daranno mai ma che sarebbe bene conoscere per valutare altri aspetti sostanziali di questa guerra così squilibrata.
Quanti soldi sono stati versati in 60 anni ai palestinesi dalla Comunità Internazionale, da singoli stati come la Russia, e perfino dal governo americano? Qualcuno si ricorda le immense ricchezze di Arafat?
Quanti di questi soldi sono stati usati per comprare armi e per comprarle dalle stesse multinazionali americane?
Quanti soldi sono stati versati allo stesso modo e con le stesse finalità belliche allo Stato di Israele?
Quanto è venuto a costare al mondo questo infinito conflitto?
Quante atrocità sono state abituali e consolidate per perpetrarlo?
Quante torture, morti, feriti, distruzioni, aberrazioni, stravolgimenti del diritto internazionale, negazioni di ogni verità e pace, finzioni dell'ONu, falsificazioni mediatiche, offese a ogni verità?
Quanto squilibrio ha recato al Medio Oriente e quanta ulteriore spesa in armi e difesa ha comportato tutto questo per il mondo? Chi in ultima analisi ha fatto grassi incassi da questa situazione volutamente e artamente destabilizzata e destabilizzante e volutamente e artamente protratta per più di mezzo secolo? Una vera fabbrica di 'death in progress'!
Chi infine ha un profondo interesse a far sì che tutto questo continui per altri 60 anni, così che Israele non si rafforzi troppo al punto da invadere, come ha già tentato di fare, i paesi vicini, e non si monti troppo la testa per non contrapporsi alla potenza americana e resti aggiogata al suo carro, ma d'altro canto non sia totalmente schiantata da quei paesi arabi con cui gli USA hanno sempre giocato a doppi tavoli, fingendo ostilità quando c'era collusione (basti vedere i rapporti con la famiglia Obama)e iniziando guerre che non finivano mai perché erano del tutto false e menzognere

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è uno schifo,i bambini non piangono in nessuna lingua..bisognerebbe appenderlo per i coglioni a quello che s'è giustificato con un "non avevamo scelta"l?unica scelta è che quell gran cagna di tua madre doveva prendere appena sei nato,lasciarti in mezzo alla strada..spero che tu muoia lentamente..

dante s., milano Commentatore certificato 04.01.09 14:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono padre di due figli di cui una bambina come quella nella foto,provo orrore e rabbia per tutti e due i governi,criminali, che da anni trascinano nella loro sporca guerra degli innocenti, siano maledetti loro e le loro stupide questioni geografiche,che non vogliono risolvere e nel nome delle quali si uccide, da ambedue le parti, senza nessuna pietà.

paolo t., Genova Commentatore certificato 04.01.09 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un buon pomeriggio a tutti, nessuno escluso.

pucci, sei al limite di parecchi vaffa... ma vedo con piacere che stai migliorando.
Meno prosopopea, meno assolutista.....

Ma non sei ancora guarito nèh.... vai che vai bene.
Bravo, bravo impari bene e parrebbe in fretta (solo quattro anni... non c'è male veramente niente male...)

francesco folchi, roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:14| 
 |
Rispondi al commento

sarà un'immane carneficina 1.500.000 di esseri umani indifesi contro una tecnologia criminosa...750.000 sono bambini...

mariluuu barbera, arzano napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Vomito un altro mio inutile pensiero e poi chiudo.
Sono profondamente convinta del fatto che siamo a uno stadio di evoluzione bassissimo, mi pare ultra palese, sono fatti e non punti di vista. E' propriamente di questo livello basso di coscienza andare a cercare il torto e la ragione, a un livello più evoluto l'atteggiamento sarebbe di rispetto e compassione, nella consapevolezza che gli effetti non si possono cambiare, vi sono leggi chiare e semplici che non vogliamo conoscere e accettare. La via dell'onestà si percorre a piedi nudi, non è agevole. Detto questo, io con quel livello di coscienza non ho molte frequentazioni, allora mi schiero:
sto dalla parte di chi muore, dove sono più morti, soprattutto se bambini, dov'è più sofferenza, dove più faccio fatica a porre attenzione, lì dovrebbero stare i cattolici, lì dovrebbe stare la sinistra, lì devo stare io

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 04.01.09 14:13| 
 |
Rispondi al commento

da una lettera di Pike a Mazzini

" ...La Terza Guerra Mondiale dovrà essere fomentata approfittando delle divergenze suscitate dagli agenti degli Illuminati fra sionismo politico e dirigenti del mondo islamico. La guerra dovrà essere orientata in modo che Islam (mondo arabo e quello musulmano) e sionismo politico (incluso lo Stato d'Israele) si distruggano a vicenda, mentre nello stesso tempo le nazioni rimanenti, una volta di più divise e contrapposte fra loro, saranno in tal frangente forzate a combattersi fra loro fino al completo esaurimento fisico, mentale, spirituale ed economico...."

sancho . Commentatore certificato 04.01.09 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dire che è una vergogna ormai fa quasi ridere. questo è il mondo che stiamo vivendo, qusti sono gli effetti di una politica mondiale palesemente corrotta e incentrata solo ed esclusivamente sul profitto.
Immagini come questa stanno diventando sempre più frequenti, e vogliono farci credere che tutto questo serve per combattere il terrorismo, ma pensano davvero che siamo tutti idioti?

mi fa schifo tutto questo, mi vergogno di stare qui davanti a un pc e non poter fare nulla.

Massimiliano Duranti (psydebian), Cagli Commentatore certificato 04.01.09 14:10| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA DI MANDELA - A THOMAS FRIEDMAN.

Soprattutto c’è da stabilire che esso ha sferrato una guerra contro una popolazione civile, in particolare bambini.
La risposta data dal Sud Africa agli abusi dei diritti umani risultante dalla rimozione delle politiche di apartheid, fa luce su come la societa' israeliana debba modificarsi prima di poter parlare di una pace giusta e durevole in Medio oriente.
Thomas, non sto abbandonando la diplomazia. Ma non saro' piu' indulgente con te come lo sono i
tuoi sostenitori. Se vuoi la pace e la democrazia, ti sosterro'. Se vuoi l'apartheid formale, non ti sosterro'. Se vuoi supportare la discriminazione razziale e la pulizia etnica, noi ci opporremo a te, ricordatelo. Thomas ricordatelo."tuoi sostenitori. Se vuoi la pace e la democrazia, ti sosterro'. Se vuoi l'apartheid formale, non ti sosterro'. Se vuoi supportare la discriminazione razziale e la pulizia etnica, noi ci opporremo a te, ricordatelo. Thomas ricordatelo."
Di Redazione del 12.05.2008 - 17:43

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 14:06| 
 |
Rispondi al commento

LA RETE IN PERICOLO?

"Attraverso la tv via etere e la carta stampata non esistono le persone, non ci sono i semplici cittadini, soltanto chi detiene lo scettro può apparire e primeggiare con argomenti programmati. Esistere non è per tutti, solo pochi eletti devono esistere e solo quei pochi eletti hanno il diritto di informare e il diritto di replica."

GUARDATE TUTTO L'ARTICOLO
CLICCANDO SUL COMMENTATORE

DICIAMOLATUTTA .TV Commentatore certificato 04.01.09 14:03| 
 |
Rispondi al commento

invece di fermare le guerre ecco di cosa si occupa FRATTINI e i suoi colleghi...
Europarlamentari birichini...
Il "j'accuse" della deputata liberale tedesca Koch-Mehrin: i deputati trascurano il lavoro per andarsene con le prostitute. Il presidente del gruppo popolare respinge l'insinuazione e riceve l'appoggio unanime dei colleghi

Chi pensava che il fenomeno della "Casta" fosse esclusivamente italiano si sbaglia di grosso. Al Parlamento europeo recentemente se ne sono viste di tutti i colori. Non sulla crisi bancaria o sulla recessione che sta colpendo i paesi membri dell'Ue. Macché, ci si accapiglia sul sesso. Soprattutto quando l'eurodeputata liberale tedesca Koch-Mehrin ha denunciato che «le strade che portano al Parlamento sono piene di lucciole», e che «i deputati trascurano il lavoro per andarsene con le prostitute».

L'immagine che si ricava dalle affermazioni della Koch-Mehrin è che nell'istituzione europea, oltre al lavoro si faccia la bella vita, soprattutto di notte. In una recente intervista al settimanale tedesco Bunte, l'europarlamentare tedesca ha raccontato papale papale che i deputati, quando vanno a Strasburgo per i 4 giorni della sessione mensile ci vanno «come a un campeggio estivo, come alle gite di classe. Pensano: qui nessuno mi conosce, posso fare ciò che voglio. La casa, la famiglia e gli amici sono lontani, non solo per i deputati, ma anche per i loro dipendenti, i lobbisti e i giornalisti. Dopo le sessioni, si mangia, poi si va in hotel. Oppure si festeggia nei bar». Poverini, forse si sentono soli e hanno nostalgia di casa!

mariluuu barbera, arzano napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Morgantini
Avete visto il muro che taglia strade e quartieri toglie terre ai villaggi e divide palestinesi da palestinesi, e annette territorio fertile e acqua ad Israele, un muro considerato illegale dalla Corte Internazionale di giustizia? Avete visto al valico di Eretz i malati di cancro rimandati indietro per questioni di sicurezza, in 19 mesi 283 le persone morte per mancanze di cure? Avete sentito il freddo che penetra nelle ossa nelle notte gelide di Gaza perché non c’è riscaldamento, non c’è luce, o i bambini nati prematuri nell’ospedale di Shifa con i loro corpicini che vogliono vivere e bastano 30 m senza elettricità perché muoiano?
Avete visto la paura e il terrore negli occhi dei bambini, i loro corpi spezzati? Certo anche i razzi uccidono ma almeno loro hanno dei rifugi dove andare e per fortuna non hanno mai visto palazzi sventrati o decine di cadaveri intorno a loro o aerei che li bombardano a tappeto. Basta un morto per dire no, ma anche le proporzioni contano: dal 2002 a oggi per lanci di razzi palestinesi sono state uccise 20 persone. Troppe, ma a Gaza hanno ucciso 3.000 persone con migliaia di case distrutte.
A Milano sono state bruciate bandiere israeliane e voi politici avete gridato la vostra condanna. Giusto. Io non brucio bandiere di nessun paese ma penso che Israele abbia il diritto di esistere come uno Stato normale, con le frontiere del 67.
Avrei voluto sentire la vostra indignazione, sentirvi urlare il dolore per tante morti e tanta distruzione, per tanta arroganza, per tanta disumanità, tanta violazione del diritto internazionale e umanitario. Avrei voluto sentirvi dire ai governanti israeliani: Cessate il fuoco, cessate l’assedio a Gaza, fermate la costruzione delle colonie in Cisgiordania, finitela con l’ occupazione militare, rispettate e applicate le risoluzioni delle Nazioni Unite, questo è il modo per togliere ogni spazio ai fondamentalismi e alle minaccie contro Israele.
Dio mio in che mondo terribile viviamo!

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 14:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che orrore, che pena. la foto di queste 5 innocenti, 5 fiori strappati, offesi.
Non è facile trattenere le lacrime.
Ma dov'è il Dio per cui succedono queste cose orribili? Perchè mai un tale Dio può permettere un simile orrore?
Non sento più la speranza.
Se la vita, come diceva il filosofo, è un eterno oscillare tra noia e dolore è perchè mostri acefali possono combattere in nome di un simile Dio.

nedestra nesinistra maidestra 04.01.09 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Il post di Grillo è corretto e doveroso


Il post di Grillo è corretto, sono i commentatori che hanno preso la scivola razzista!

sancho . Commentatore certificato 04.01.09 14:01| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA DI MANDELA - A THOMAS FRIEDMAN.

Il valore della separazione e' misurato in termini di abilita', da parte di Israele, di mantenere ebreo lo stato ebreo, senza avere una minoranza palestinese che potrebbe divenire maggioranza nel futuro. Se questo avvenisse, Israele sarebbe costretto a diventare o una democrazia secolare o uno stato bi-nazionale, o a trasformarsi in uno stato di apartheid.

Thomas, se vedi i sondaggi fatti in Israele negli ultimi trent'anni, scoprirai chiaramente che un terzo degli israeliani è preda di un volgare razzismo e si dichiara apertamente razzista.
Se controlli anche il sistema giudiziario in Israele, vi troverai molte discriminazioni contro i palestinesi. E se consideri i territori occupati nel 1967, scoprirai che vi si trovano già due differenti sistemi giudiziari che rappresentano due differenti approcci alla vita umana: uno per le vite palestinesi, l'altro per quelle ebree.
E inoltre, vi sono due diversi approcci alla proprietà ed alla terra. La proprietà palestinese non è riconosciuta come proprietà privata perché può essere confiscata.

Lo stato palestinese non può essere il sottoprodotto dello stato ebraico solo perché Israele mantenga la sua purezza ebraica. La discriminazione razziale israeliana è la vita quotidiana della maggioranza dei palestinesi.
Dal momento che Israele e' uno stato ebraico, gli ebrei godono di diritti speciali di cui non godono i non-ebrei. I palestinesi non hanno posto nello stato ebraico.
L'apartheid, ricordatelo Thomas, e' un crimine contro l'umanita'. Israele ha privato milioni di palestinesi della loro proprieta' e della loro liberta'. Ha perpetuato un sistema di grave discriminazione razziale e disuguaglianza.
Ha sistematicamente incarcerato e torturato migliaia di palestinesi, contro tutte le regole della legge internazionale.
Continua.

Salvatore.G.

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 14:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Luisa Morgantini-Vice Pres. Parlamento UE

Non una parola, un pensiero, un segno di dolore per le centinaia di persone uccise, donne, bambini, anziani e militanti di Hamas
Case sventrate, palazzi interi, ministeri, scuole, farmacie, posti di polizia. Dov’è finita la nostra umanità. Dove sono i Veltroni, con i loro "I care", come si può tacere o difendere la politica di aggressione israeliana?
La popolazione di Gaza e Cisgiordania, i palestinesi tutti, pagano il prezzo dell’incapacità della Comunità Internazionale di far rispettare a Israele la legalità e di cessare la sua politicale coloniale
Certo Hamas con il lancio dei razzi impaurisce ed è una minaccia. Bsogna fermarli
Ma basta con l’impunità di Israele e dei ricatti dei loro gruppi dirigenti!
Dal 67 Israele occupa militarmente i territori palestinesi, una occupazione brutale e coloniale. Furto di terra, demolizione di case, check point dove i palestinesi sono trattati con disprezzo, picchiati, umiliati, colonie che crescono a dismisura portando via terra, acqua, distruggendo coltivazioni. Migliaia di prigionieri politici, a cui sono impedite anche le visite dei familiari
Ma voi politici, avete mai visto la disperazione di un contadino palestinese che si abbraccia al suo albero di olivo mentre un buldozer glielo porta via e i soldati che lo pestano con il fucile per farglielo lasciare, o una donna che partorisce dietro un masso e il marito taglia il cordone ombelicale con un sasso perché soldati israeliani non gli permettono di andare all’ ospedale, o chi è cacciata dalla sua casa da fanatici ebrei che pensano che quella casa sia loro per diritto divino? Avete mai visto i bambini che per andare a scuola devono camminare un’ora e mezza per evitare un insediamento coi coloni che li aggrediscono, o i bambini, oppure i pastori di Tuwani che trovano le loro pecore avvelenate, o la città di Hebron ridotta a fantasma perché 400 coloni hanno cacciato migliaia di palestinesi

masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 14:00| 
 |
Rispondi al commento

NO COMMENT.

dire che non ho parole non rende nemmeno lontanamente l'idea.

sono completamente ammuttolito.

Paolo out of the blue (into the black) 04.01.09 13:59| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA DI MANDELA - A THOMAS FRIEDMAN.

"Caro Thomas, 
(Friedman)

ho combattuto contro la dominazione dei bianchi ed ho combattuto contro la dominazione dei neri. Ho vissuto con l'ideale di una società libera e democratica in cui tutte le sue componenti vivessero in armonia e con uguali opportunità. È un ideale che spero di realizzare. Ma, se ce ne fosse bisogno, è un ideale per cui sono disposto a morire". 


Oggi il mondo, quello bianco e quello nero, riconosce che l'apartheid non ha futuro. In Sud Africa esso è finito grazie all'azione delle nostre masse, determinate a costruire pace e sicurezza. Probabilmente tu ritieni sia strano parlare di apartheid in relazione alla situazione in Palestina o, più specificamente, ai rapporti tra palestinesi e israeliani.
Questo accade perché tu, erroneamente, ritieni che il problema palestinese sia iniziato nel 1967. Sembra che tu sia stupito del fatto che bisogna ancora risolvere i problemi del 1948, la componente più importante dei quali è il Diritto al Ritorno dei profughi palestinesi (nelle proprie terre). 


Il conflitto israelo-palestinese non è una questione di occupazione militare e Israele non è un Paese che si sia stabilito "normalmente" e che, nel 1967, ha occupato un altro Paese. I palestinesi non lottano per uno "stato", ma per la libertà, l'indipendenza e l'uguaglianza, proprio come noi sudafricani.


Qualche anno fa, e specialmente durante il governo Laburista, Israele ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di restituire i territori occupati nel 1967; che gli insediamenti sarebbero rimasti, Gerusalemme sarebbe stata sotto l'esclusiva sovranità israeliana e che i palestinesi non avrebbero mai avuto uno stato indipendente, ma sarebbero stati per sempre sotto il dominio economico israeliano, con controllo israeliano su confini, terra, aria, acqua e mare. 

Israele non pensava ad uno "stato", ma alla "separazione".

CONTINUA

http://www.dariofo.i

salvatore giuliano (samurai 1), manchester Commentatore certificato 04.01.09 13:59| 
 |
Rispondi al commento

vedere piazza del duomo piena di barbuti inginocchiati a pregare allah,con finti missili in spalla e bandiere bruciate,mi ha fatto una tristezza infinita....il duomo,il simbolo della chiesa cattolica,milano capitale del nord leghista,vergogna a chi ha organizzato la manifestazione e sopratutto a chi l'ha autorizzata,siamo un popolo senza le palle altrimenti non avremmo dovuto permettere questa vergognosa offesa alla nostra dignità di occidentali cristiani,
dio benedica israele e gli stati uniti perchè sono gli unici rimasti a difendere la dignita antica di secoli che abbiamo,l'unica cosa che ci è rimasta e che l'eurabia ha già messo in vendita,
auguro ad hamas di avere ciò che si merita,
GO ISRAEL.....GO!!!!!

ernesto s., milano Commentatore certificato 04.01.09 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' ormai dolorosamente , atrocemente dimostrato dalla Storia che: l' Oppresso di Ieri E' l' OPPRESSORE DI OGGI. Israele non fa eccezione. Chi è che non sa che con la violenza (fisica, psicologica ) non si ottiene nulla ma,anzi, si esasperano situazioni già di per se' quanto mai critiche? Beppe , Tu dici che per ogni palestinese ucciso vi saranno cento terroristi ( o patrioti, a questo punto? Cosa faremmo al loro posto?)e gli eserciti dei paesi che appoggiano Hamas e il Popolo Palestinese, non ce li metti, nel conto?
Ora vorrei passare alle lettere dalla rete. Della prima che parla di Berlusconi, non voglio neppure iniziare a trattare:ne ho le scatole piene di chi predica bene e razzola male (sempre che poi, predichi bene...!!!). Ma di quanto saputo dalla lettera di D.A. , quello si che mi ha fatto dispiacere...Oltre a farmi inviare a quel sindaco (chiunque esso sia...)tutti i possibili accidenti, vaff..., maledizioni varie...E si, che io, non sono parte coinvolta direttamente, in quello che D.A. ha riportato. Ma non posso non immedesimarmi e star vicino (purtroppo solo idealmente) a coloro che sono stati trattati cosi' ..."umanamente" da cotanto sindaco del cavolo. Anch'io sono lavoratore, statale (quindi privilegiato...)insegnante, per la precisione. Ovvero , operatore in un settore dove 'non si fa un c...o!!, secondo la mentalità comune. Eppure, anche per noi, si profilano a breve, situazioni nient'affatto simpatiche. La sicurezza del posto di lavoro , anche nello statale, non esiste più, se mai vi è stata. Ma Voi dipendenti , non dovete darla vinta, al sindaco e agli altri parassiti.Inoltre, siccome l'esempio vien dall' alto, sindaco e giunta, diminuiscano i loro ''magri stipendi e privilegi". I sacrifici, devono essere fatti democraticamente e non solo per i meno fortunati...
Ciao.

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 04.01.09 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le guerre di religione non avranno mai vinti e vincitori.
E' assurdo e inconcepibile comprendere come un popolo,quello ebraico,abbia nel suo dna una crudeltà cosi feroce.La storia recente,quella postindustriale, è stata scritta partendo dall'olocausto..La storia è una questione morale,non và messa in discussione,ma dovrebbe esser almeno letta.I palestinesi lanciano missili? Questo è quello che ci raccontano,nessuno però dice che Israele,ha costruito negli anni un muro di divisione,nella striscia di Gaza violando tutti i codici,della dichiarazione dei diritti umani.Stesso discorso può essere fatto,per la questione della Georgia,per alcuni,chiamata la seconda patria di Sion.
Il potere logora chi ce l'ha,ma logora anche, mettendo dubbi e ombre sul nostro passato,le società. Cosi la storia invece di essere una morale da seguire,una stella polare..diventa relatività..alla mercè di tanti pronti a rivendicare o rimettere in discussione quanto accaduto durante il nazismo,il fascismo,il comunismo..Ma tranquilli anche in questo caso nn ci saranno vincitori e vinti..ci saranno solo morti innocenti in nome di un DIO sovrano,utilizzato come unico motivo valido per sopprimere altri esseri umani. La religione è l'oppio dei popoli..Buona giornata

lele71 p. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Ho ascoltato il discorso di fine anno di Beppe Grillo e mi subito sbalordito la frase che commentava le elezioni in Puglia vantando una presunta maggioranza per il 50% degli aventi diritto che non sono andati a votare + Di Pietro.
Già mi sbalordisce questa pseudo alleanza con Italia dei valori,partito che come quelli dello psico nano,di fini,dei democristiani,sono proibizionisti sulle droghe,il che,come ormai tutti hanno da tempo capito,avvantaggia solamente la mafia,che fa della droga sicuramente il 1o introito di denaro,che riempie le carceri,che occupa numerosi agenti che noi tutti paghiamo.per concludere vantaggi enormi per la mafia e spese enormi per il cittadino,in + furti scippi,malattie,morti x overdose che solo in regime proibizionista avvengono.
Un solo dato:con il proibizionismo dell'alcool negli usa nel 1929 morirono 400.000 persone,non x cirrosi epatica ma avvelenati dall'alcool al mercato nero senza controlli.
E' proprio strano che una persona come Grillo metta in disparte un problema così importante.
Magari un domani,speriamo non troppo lontano,apra i propri occhi e li apra anche agli italiani che,anche in questo caso,subiscono una informazione deviata.
Grazie comunque x questo spazio e buon 2009 a tutti.

Tommaso Melloni 04.01.09 13:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T. di scuse fra commentatori:

***

Per Ace Gentile.

Ace non avevo letto nemmeno uno dei tuoi commenti precedenti.(Ma ti lessi con piacere in passato nèh)
Ora è più chiaro perchè "te la sei presa".

Ora è più chiaro il tuo primo commento al mio.
Se avessi letto i tuoi commenti precedenti avrei capito meglio.
Così a freddo era meno chiaro.

Se rileggi la mia risposta, però, vedi che non era così male come l'hai presa tu.
La seconda è, ovviamente, risentita poichè le intenzioni della mia prima non erano assolutamente bellicose, risentivano, come le tue affermazioni, di una cattiva conoscenza.

Sulle tue affermazioni precedenti mi trovi pienamente daccordo e ti avrei citato nel commento solo se ne avessi letta una.(Per quanto questo voglia dire qualcosa, se non simpatizzare con qualcuno).

Le incomprensioni capitano, spero tu voglia accettare le mie scuse se ti sono sembrato incomprensibilmente scortese.
Non era nelle mie inetnzioni (ma tu, ma però, rileggiti BENE (e non MAI) la mia risposta, fra la'ltro ti ho scritto che non mi sembri una che fa schifo... questo non è poi così male, non ti sembra?).

Ciao con simpatia.

francesco folchi, roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tank e le truppe israeliane hanno virtualmente tagliato in due il territorio in un'avanzata notturna, e alle prime luci dell'alba erano a Gaza City, riferiscono testimoni palestinesi.

I soldati e i combattenti di Hamas sono impegnati in battaglie a est della roccaforte di Hamas, Zeitoun.

"Sono venuti dove volevamo e presto riceveranno i nostri regali", ha detto un membro di Hamas vicino alla linea del fronte.

A Beit Lahiya 12 palestinesi sono rimasti uccisi, tra cui almeno due militanti, ma anche quattro membri di una famiglia la cui casa è stata colpita.

L'aviazione israeliana ha colpito oltre 45 obbiettivi, inclusi tunnel per il contrabbando di armi, depositi di armi e postazioni di mortaio.

"Durante gli scontri a fuoco nella notte, decine di operativi di Hamas sono stati colpiti", ha detto un militare israeliano in un comunicato.

Israele dice che 30 suoi soldati sono rimasti feriti dall'inizio dell'invasione, due in modo serio.

La situazione del milione e mezzo circa di residenti nella Striscia di Gaza si sta aggravando. La gente è chiusa in casa e le agenzie umanitarie avvertono che acqua, cibo e forniture mediche scarseggiano.

"NON SARA' BREVE"

Il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak ha detto che l'obiettivo dell'offensiva terrestre è proteggere il sud di Israele dai razzi di Hamas.

"Non sarà facile. Non sarà breve", ha detto in tv Barak, leader del Partito laburista di centrosinistra e candidato al ruolo di primo ministro.

Un portavoce del braccio armato di Hamas, le Brigate Izz el-Deen al-Qassam, ha detto che militari israeliani moriranno o saranno presi in ostaggio.

"Il nemico sionista deve sapere che la sua battaglia a Gaza è perdente", ha detto il portavoce Abu Ubaida.

Almeno un quarto dei circa 500 palestinesi morti in questi giorni erano civili, secondo un'agenzia dell'Onu. Altri 2.050 palestinesi sono rimasti feriti.

mariluuu barbera, arzano napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Noi possiamo scannarci con le simpatie personali ma c'è un solo punto fermo: la guerra è un mercato e chi chi si ingrassa non vuole che finisca
Se una guerra dura 60 anni vuol dire che ci sono interessi in gioco ben più forti di quelli dei popoli attaccati
Vedi la guerra afgana
http://www.aprileonline.info/notizia.php?id=10398
1/4 del valore di ogni convoglio USA (composto mediamente da 50 camion) viene versato ai talebani perché non lo attacchino. Dopo di che sul 1° sale un comandante talebano armato che assicura il passaggio nel territorio controllato dai suoi. Sono diversi milioni di dollari al mese con cui i talebani poi comprano le armi e le munizioni per continuare la guerra. Così gli occidentali finanziano la guerra per tutti, per se stessi e per il nemico, e si assicurano che non finisca mai
In Afghanistan si combatte da 7 anni. Le truppe Nato e USA si scontrano quotidianamente con i talebani, ma sostanzialmente ognuno tiene le sue posizioni: un giorno viene conquistato un villaggio da una parte, la settimana dopo viene riconquistato dall'altra. Scoppiano le bombe nei mercati, si assaltano caserme, si risponde con i missili dall'alto; da una parte e dall'altra si compiono incursioni. Nessuno controlla tutto il territorio, neppure il proprio. La coalizione occidentale e il governo afgano dovrebbero
controllarne 1/3, i talebani un altro terzo, per il resto ognuno fa quello che può. Ammazza e distrugge, soldati armati e civili inermi, e aspetta di vedere cosa succederà. Qualcuno spera in un accordo politico. I venditori di armi prosperano. Adesso che sono in difficoltà gli occidentali vorrebbero trattare, ma i talebani, che in questo momento si sentono più forti, non ci stanno. In futuro le parti potrebbero essere inverse
Nello scontro Palestina-Israele le sorti di 2 popoli non contano. Contano i diritti delle armi e della guerra. E' un mercato. Finché non saranno messi fuori gioco quelli che in questo mercato si arricchiscono, la guerra continuerà

viviana v., Bologna Commentatore certificato 04.01.09 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma avete sentito poco fà, circa alle 13:32, il servizio del Cazzo di Tg1 sulla guerra in Israele, c'era il commentatore inviato che parlava, quando l'ho sentito non ci volevo credere, a detto:
LA GUERRA CON GLI ATTACCHI DI TErRA HA FATTO UN SALTO DI QUALITA', E DI CONSEGUENZA MOLTE PIU' VITTIME!!!!
Ma vi rendete conto di quello che ha detto quel rincoglionito??
Non ho fatto in tempo a vedere il nome del cazzo di giornalista, ma vi rendete conto che ora le guerre fanno i salti di qualità!!
cioè più morti fai, più la guerra è efficace, ma qua stanno dando fuori di matto.
Poi come se nn bastasse ho sentito in Tv che in settimana faranno uno speciale per ricordare craxi...!!!
Nessuno parla più di Falcone e Borsellino perchè danno fastidio al nano, e fanno uno speciale su craxi???
Io nn riesco più ha sopportarli sti figli di puttana di politici, giornalisti, e servi, svegliamoci massa, prima che sia troppo tardi!!!

Marco.F 04.01.09 13:45| 
 |
Rispondi al commento

GAZA (Reuters) - di Nidal al-Mughrabi


Le truppe israeliane e i militanti palestinesi si stanno scontrando alla periferia di Gaza City oggi dopo che i militari e i tank israeliani hanno invaso l'enclave costiera.

Molti civili palestinesi, come pure combattenti di Hamas, hanno perso la vita o sono rimasti feriti mentre i proiettili israeliani colpivano le case e il principale distretto commerciale di Gaza, secondo quanto riferito da testimoni e fonti mediche palestinesi.

Le ambulanze tentano di raggiungere le vittime mentre la battaglia si intensifica nel territorio, popolato da un milione e mezzo di palestinesi.

L'invasione via terra, di cui si parlava da tempo, segue una settimana di bombardamenti israeliani da terra, mare e cielo che non sono riusciti a porre fine al lancio di razzi da parte di Hamas sul sud di Israele.

Circa 25 razzi sono stati sparati oggi contro Israele, e uno ha colpito una casa a Sderot ferendo una donna, riferisce l'esercito israeliano.

Quasi 500 palestinesi sono rimasti uccisi nei nove giorni della "Operazione piombo fuso". Quattro israeliani hanno perso la vita finora.

Fonti israeliane dicono che l'offensiva potrebbe durare diversi giorni.

Gli appelli a un cessate il fuoco da parte degli Stati Uniti, principale sostenitore di Israele, e da parte di altri governi e delle Nazioni Unite non hanno ottenuto nulla.

Oggi anche il Papa ha chiesto a Israele e Hamas "un'azione immediata per porre fine all'attuale tragica situazione".

E il ministro degli Esteri Franco Frattini, in una nota, esprime a nome del governo forte preoccupazione per la morte "di tanti civili innocenti", e chiede a Israele di fare "tutto il possibile per assicurare la protezione dei civili e l'invio di aiuti umanitari".

Frattini auspica inoltre che l'Europa dimostri una comunità di intenti "che la confermi protagonista nell'azione di mediazione verso quella terra martoriata".

"SONO VENUTI DOVE VOLEVAMO"

mariluuu barbera, arzano napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:44| 
 |
Rispondi al commento

...i cattolici in italia cominciano a dare fastidio al Club di Roma e' per quello che il papa ha detto che si dissocia dalle leggi italiane,vedrete che adesso cominceranno dinuovo le battaglie contraccettive...

TESI VS ANTITESI= (sin.tesi), Atlantide Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sinceri

Noi amiamo la guerra! Vogliamo un nemico da odiare e combattere! Non ce ne frega nulla delle vittime innocenti, ci servono per individuare meglio il nemico che, di volta in volta, ci viene assegnato dal manovratore!
Troppa fatica la ricerca del vero nemico, e troppo tempo ci vuole per individuarlo, troppo tempo per la nostra rabbia che preme ed ha bisogno di sangue!

sancho . Commentatore certificato 04.01.09 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la verità che dovrebbe essere la cosa più assoluta che esista, in quelle zone, è stata trasformata nella cosa più relativa... gli amici diventano eroi qualunque cosa facciano, gli avversari/nemici, diventano terroristi qualunque cosa facciano... la verità viene relativizzata proporzionalmente alla ricchezza delle forze in campo... Isaraele è ricca?... Israele è la verità... questa è la situazione... in un mondo sempre meno libero, dove sempre più abbiamo bisogno di avere un padrone, qual'è la soluzione se non quella di schierarci con chi vincerà???... ed il mondo dei servi si schiera.... IO NO !!!!... io voglio capire, pretendo di capire... ma in ogni caso quando a morire sono gli innocenti, I BAMBINI, ALLORA MI RIFIUTO DI CAPIRE E MI SCHIERO... israele, puoi comprare i governi di tutto il mondo, puoi comprare l'informazione dei servi, ma noi no !!!!| noi uomini liberi no !!! con noi stai dissipando quel patrimonio di simpatia che ti avevamo accreditato per quanto subito... ora ci sembri sempre più vicino a nazisti e fascisti.. stai facendo di tutto per farti odiare dagli uomini liberi... i servi comunque saranno dalla tua parte.... IO NON PIU' !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

roberto brianza

rob m., como Commentatore certificato 04.01.09 13:41| 
 |
Rispondi al commento

SILVIA lascia perdere. Non insistere. Sai d'avere torto, se insisti nel tuo atteggiamento perdi credibilità e prestigio. Pensa, piuttosto che TOTTI fra 20 giorni sarà in campo.

JONNY G. Commentatore certificato 04.01.09 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gaza, Papa: "Fermate la guerra"
"Imploro israeliani e palestinesi"

Accorato appello del Papa per la fine delle ostilità nella Striscia di Gaza.

RATZINGERRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!

ma che vuoi implorare????
Ma per che cosa ti accori??????
Ma con che coraggio lo dici????
Prenditi la tua mega scorta e vai giù!!!!
Non startene quì a dire sproloquiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

(porca puttana ho rotto un'altra tastiera!!!!

GERONIMO . Commentatore certificato 04.01.09 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si devono mettere in atto tanti atti terroristici da parte degli israeliani prima del 20 gennaio quando obama entrerà nella casa bianca...prima il trasferimento in tre banche israeliane dei 400 miliardi per far fallire la lehman brothers...poi accendere i conflitti per provare ad incendiare il conflitto con l'iran...le bombe gli armamenti i morti le ruberie sono le fondamenti degli ebrei...creare lager povertà miseria orrore violenza pestilenza sono fondamenti degli ebrei...che come sempre vivono di corruzioni calunnie e interessi bancari sono gli strozzini del mondo vermi di camposanto a spasso per le miserie della gente...

mariluuu barbera, arzano napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non volevo piu' esprimermi, ma tant'è son Difettoso.
Non siam piu' nell'ambito della Coscienza.
Il Tempio dello Spirito, ci ha lasciati Orfani in una Terra di Nessuno.
In cui il Comandamento di Fare agli altri quel che Vorremmo fosse fatto a Noi, s'è Estinto.
Or tutto è Realizzabile: è Notte!
Uccidere Bush, Berlusconi o calpestare una Merda.
Ha la Stessa Valenza, lo stesso Disprezzo.
Stamane, mi son svegliato piu' Solo, piu' cieco, piu' animale, quasi una Bestia.
Ho acceso il Pc e ne ho avvertito l'Odore, dai miei Simili.
Forse Bombarderemo il Qg della Lega: quei Terronisti, dalle Bandiere Verdi quasi come Hamas......
Quegli Scudi Umani fra Ghedi, Cameri, Treviso......
Non Uccidere: Comandamento per uomini, Disatteso.
Amatevi: Comandamento Nuovo, Abortito.....

enrico w., novara Commentatore certificato 04.01.09 13:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un po' d'ironia..

il nostro amato premier mentre si sforza di concentrare i suoi pensieri..

www.corriere.it/foto_del_giorno/home/index_20090104.shtml

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Benedetta la Rivoluzione Francese che ha spazzato via tutto il ciarpame secolare!
Che poi il potere del danaro sia stato più forte degli intendimenti di quei legislatori....E TUTTO SIA TORNATO COME PRIMA è un altro discorso.
mirto s., vicenza

è comodo dire che questo è un 'altro discorso, la verità è che la rivoluzione francese fu una rivoluzione borghese, per difendere e far proliferare i capitali borghesi, per sostituirsi ai nobili e non per eliminare i privilegi di questi, questa è storia non e retorica come la tua.
il vero sfruttamento dei lavoratori è iniziato con il potere dei mercanti, dei latifondisti ecc. con il proliferare delle banche. è vero che le prime rivolte anti nobiliari e la prima massonerei nacquero in inghiterra gia nel 600, ma la svolta definitiva ci fu con la rivoluzione francese ed il problema dell'occidente non è tanto l'aver abbracciato incondizionatamente quei valori che pure erano sacrosanti, ma averli trascinato fino ai giorni nostri con le conseguenze che tutti conosciamo, l'opposizione tra due fazioni destra e sinistra, il capitalismo a tutti i costi, il materialismo ad oltranza il finto socialismo e la finta democrazia, l'ipocrisia pacifista, la volgarità del mercato che hanno dato vita ad un mostro a due teste il liberalmarxismo.
vedi tu con le tue idee vecchie di 200 anni sei il nuovo "conservatore" ed è proprio delle tue idee vecchie e decrepite che bisogna liberarsi, o meglio di questa chiusura mentale da cui sei afflitto, mentre le idee dell'illuminismo vanno rivisitate e rimescolate con quanto di buono c'èra prima.
DESTRA E SINISTRA SONO DUE CONCETTI SUPERATI GIA DA CIRCA UN SECOLO MA CHE LE MASSONERIE ILLUMINISTICHE HANNO VOLUTO IMPORRE FINO AI GIORNI NOSTRI, IL VERO SCONTRO NON è PIù TRA PADRONI E LAVORATORI, TRA GUELFI E GHIBELLINI, TRA FASCISTI E COMUNISTI ECC. MA TRA MASSE DI MILIONI DI PERSONE E POCHI GRANDI BANCHIERI.
SE LA GENTE NON RIESCE A CAPIRE NEANCHE CHI è IL NEMICO NON VEDO COME LO SI POSSA ABBATTERE.


Noi chiediamo a Israele di esser migliori di chi? di uno pseudo stato governato ufficialmente da terroristi? e chi siamo noi per chiedere una cosa simile? Sono in "guerra" da 60 anni ormai e noi col nostro contributo non abbiamo risolto niente e visto che son passati così tanti anni mi sa che la colpa è anche nostra che cerchiamo di aiutarli. Ma come pretendiamo di trovare una soluzione per il loro enorme problema se non siamo neanche in grado di sistemara i nostri?

Fabio Gherardi 04.01.09 13:33| 
 |
Rispondi al commento

NEOCOLONIALISMO AngloAmerikano=Sionismo Israelita=Nazifascismo di Weimar=Komunismo di stampo Sovietico=Integralismo di Hamas e Iraniano

La PACE in Terra Santa e nel mondo NON sarà MAI possibile fin tanto che esisteranno queste IDEOLOGIE al comando del Nuovo Ordine Mondiale(ONU - NWO).
L'UMANITA' non sarà MAI libera di decidere COSA é BENE COMUNE per i POPOLI della terra fin tanto che esisteranno queste LOBBIES MASSONICHE RAZZISTE e SETTARIE che controllano le economie, i media e la politica nei paesi del mondo(occidentali, arabi, orientali, ecc).
PRIMA é necessario LIBERARSI da questi ASSASSINI e SPECULATORI, SPACCIATORI di ODIO e MORTE, AVIDI e SENZA SCRUPOLI .. PARASSITI dell'UMANITA'!!
PACE in Terra Santa, MAI più GUERRE nel nome di un Dio, uno Stato, un Messiah o un Duce, MILLANTATORI MENDACI e FALSI PROFETI che ABUSANO della BUONA FEDE di ogni CREDENTE e di ogni COMBATTENTE con le loro IDEOLOGIE FASULLE!!!

Marco (lui) B. 04.01.09 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Abu Mazen è l'unico che non merita sostegno. Mentre Hamas costruiva un sistema sociale, lui era negli Emirati a prendere il sole.

Jimi Hendrix
---------------------------------------------

Si, un sistema sociale col Corano in mano, da prendere alla lettera.
La Jiaad, la guerra santa, perchè Hamas della questione Palestina ha le idee chiare.
Nessun fazzoletto di terra deve essere in mano ai miscredenti. E' Allah che lo dice.
Con questi presupposti mi pare che vi sia poco materiale a disposizione per chi vorrebbe costruire una pace tra i due popoli.

A meno che non si approvi la distruzione di Israele, cioè la cacciata dei miscredenti.
Israele non ha alcuna intenzione di sparire dalla cartina geografica, e si difende come abbiamo visto.
Anche commettendo errori e profonde ingiustizie, questo lo sappiamo benissimo.

Odio chiama altro odio da entrambe le parti.

Cominciamo con l'allontanare Hamas, ed il cammino si farà piu' in discesa. Israele deve fare altrettanto allontanando i piu' esagitati nazionalisti. Sopratutto l'Europa puo' fare tanto.
Altrimenti è inutile pretendere di camminare una strada senza che nessuno abbia fatto nulla per stenderne le fondamenta.

vito_ farina_ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.09 13:30| 
 |
Rispondi al commento

A TUTTI I MAGISTRATI

Il Movimento dei Lavoratori

Chiede

Il controllo dei beni di tutti i politici.

Dai comuni alla presidenza della repubblica.

Gianni Zurlo Movimento dei Lavoratori www.patriaepopolo.org

Gianni ., castelgandolfo roma Commentatore certificato 04.01.09 13:29| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori