Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Genchi sotto controllo


video_genchi.jpg
I Carabinieri del Ros stanno perquisendo la casa e l'ufficio di Genchi. Casa Rutelli non ancora. Ma forse è solo questione di tempo. "Pliz vizit mai haus. Cicciobello haus". Il presidente del Copasir è stato chiamato in causa da Genchi, ex consulente di Luigi De Magistris, poi rimosso. Pliz vizit Rutelli and Saladino hausis. Uai not?

13 Mar 2009, 22:48 | Scrivi | Commenti (105) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe, sono d'accordo con te. E'ora che le nostre star vengano allo scoperto, abbandonino la zona grigia di cui Calamandrei parlò. Io sono un musicista napoletano, non so se hai avuto il mio dvd che ti lasciai all'Augusteo,spero propio di si. Io e la mia band vogliamo esserci a dare il nostro assenzo alle tue iniziative di denuncia, d'informazione di lotta. Il nostro video e su you tube, basta cliccare il mio nome:claudio cimmino. Presto lo metto anche sul nostro blob, appena capisco come fare, sai, non sono un esperto navigatore...ma ci devo riuscire, voglio che la mia musica sia quì per noi tutti quanti sono incazzati come me, voglio sapere che cosa ne pensate tutti. Beppe, hai ragione, nessuno più tra gli artisti si tiene nettamente fuori dal coro, altro che America e Bruce con Obama, qui, a parte che non c' è neanche un alternativa Obama, gli artisti tutti tirano a campare temendo di perdere consensi, serate, passaggi televisivi, tutti sudditi di Raiset. Io no, noi vogliamo suonare live, chiamaci quando vuoi,sicuro vogliamo esserci a Napoli a sostegno della lista civica e per tutti i momenti in cui musica non è solo spettacolo, ma partecipazione, sdegno...condivisione di un'altra lettura della realtà, un'altra voce! Ciao, a tutti.

Claudio Cimmino 16.03.09 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Non e' anacronistico che si nomini alla presidenza della commissione che discute sull'operato di Genchi proprio uno dei personaggi che Genchi aveva sui tabulati perche' contattava il famoso Saladino? Solo in Italia puo' succedere. In effetti l'espressione di Rutelli non è piu' tanto sorridente...

luisa m. Commentatore certificato 16.03.09 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Egr. Dr Genchi, non sarò certo io a darLe consigli su come mettere al sicuro la Sua Mole di informative "riservate" che Lei ha messo assieme nel corso degli ultimi 20 anni, ma è ben consapevole di come Essa rappresenti la sua Polizza sulla vita per il futuro. Spero ne faccia buon uso soprattutto per il bene di quella parte di Paese che si ostina a credere che è ancora possibile vivere in un paese "Normale".
La cosa che non mi torna in tutta questa vicenda è: come mai se dal Luglio '92 (come Lei afferma) è al corrente di notizie importanti e forse determinanti per la Soluzione di tanti Misfatti che si sono succeduti da quegli anni, nulla è cambiato nella ricerca della Verità e dei Veri Mandanti di quelle "oscure vicende"? Dal mio pto di vista sono possibili tre diverse risposte.
a) le notizie raccolte non sono poi così determinanti per giungere ad una verità giudiziaria e storica sui fatti suddetti.
b) Lei si è scontrato contro un muro di gomma del potere legittimo, e non, delle istituzioni che nulla ha potuto, nemmeno con l'ausilio di qualche magistrato volenteroso.
c) Lei si è fatto parte in gioco della partita, forte della rendita di posizione derivante dal detenere informazioni sconosciute ai più, dove l'anelito di libertà e giustizia e la ricerca della verità non sono stati certo pensieri preminenti in tutti questi anni.
Chi vivrà vedrà ....! Forse!

La Sibilla 15.03.09 19:50| 
 |
Rispondi al commento

San Genchi, aiutaci tu!!!Smerdali tutti...poi ce la VEDIAMO NOI....

pasquale coluccelli, asti Commentatore certificato 15.03.09 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Come possiamo togliere di mezzo questi politici corrotti che ci stanno rovinando la vita? La mia paura è che buona parte della società non legga, non si informi e se ne freghi allegramente di tutto ciò che sta accadendo sotto i nostri occhi. Dobbiamo proteggere Genchi divulgando notizie a più persone possibili. Prima o poi bisogna svegliarsi.

Mara Pradetto, Genova Commentatore certificato 15.03.09 10:48| 
 |
Rispondi al commento

che analisi bella sono d'accordo sul pisci feti ra testa.loro credono di comandare sono il braccio armato di roma dei corrotti politicanti.la sicilia terra bellissima accogliente e da sempre multietnica, ci proverò
con il mio contributo a far risorgere il destino della sicilia e dei siciliani.

paolo casamento, monreale Commentatore certificato 14.03.09 22:49| 
 |
Rispondi al commento

INTERCETTAZIONI: GENCHI, ROS HA SEQUESTRATO ANCHE ATTI INDAGINI IN CORSO

Palermo, 14 mar. - (Adnkronos) - "Sono tranquillo.
Sto preparando con il mio legale, l'avvocato Fabio Repici, la mia difesa che presenteremo nelle sedi opportune".

Lo ha detto all'ADNKRONOS Gioacchino Genchi, il superconsulente informatico a cui ieri i Carabinieri del Ros, su disposizione della Procura di Roma, hanno perquisito gli uffici e l'abitazione.

Genchi, che ha lavorato a delicate indagini, tra qui 'Why not' della Procura di Catanzaro, e' indagato per violazione della privacy e abuso d'ufficio.
A poco meno di 24 ore dalla perquisizione dei locali di piazza Principe di Camporeale a Palermo e dell'ufficio della caserma della Polizia 'Lu'ngaro', dove Genchi presta servizio dopo avere fatto rientro nel corpo della Polizia di Stato, il consulente si dice "sereno" anche se battagliero.

Genchi, dalla sua abitazione palermitana, tiene a sottolineare "l'assoluta correttezza, garbo e professionalita' dimostrate dai Carabinieri del Ros durante la perquisizione degli uffici".

Pero', il superconsulente ribadisce che:

""""""non e' vero che sono stati sequestrati solo atti relativi all'inchiesta 'Why not', come e' stato detto.
I militari hanno sequestrato anche atti che riguardano indagini delicate tuttora in corso, ad esempio, su Palermo, Salerno e Catanzaro.
Hanno sequestrato tutto""""".

Silvanetta P. Commentatore certificato 14.03.09 19:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanto mi girano i coglioni.....

Paolo Cicerone, 'Ndranghetown Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Gaso Genchi: discussione parlamentare grottesca

Il dibattito che si è svolto martedì scorso al Senato sul cosiddetto "caso Genchi" che l'attuale capo del governo Silvio Berlusconi ha definito il "più grande scandalo della Repubblica" merita assai maggior interesse di quello minimo e insignificante che gli han dato i telegiornali e i maggiori quotidiani del paese.

Anche perché il presidente del Copasir, come è noto, è un importante esponente dell'opposizione e del Partito democratico, l'onorevole Francesco Rutelli, che in quel dibattito si trova in tutto e per tutto d'accordo con i rappresentanti della maggioranza parlamentare e viene criticato, invece, da un altro pezzo dell'opposizione presente in parlamento, cioè l'Italia dei Valori.

La questione è relativamente semplice
Nel suo intervento introduttivo, l'onorevole Rutelli attacca a fondo l'attività svolta dal vicequestore in congedo e parla a torto di "molteplici strutture tecniche dello Stato spogliate di attività importanti" senza rendersi conto che non da oggi i magistrati sono spinti e autorizzati a servirsi di periti regolarmente retribuiti tutte le volte che si tratti di compiti tecnici che non sono in grado di svolgere personalmente.

Peccato che il senatore Casson del Partito democratico, che è un ex magistrato, la pensi allo stesso modo del senatore Zanda.
E si scandalizza, come ha già fatto Berlusconi, e come fa nel dibattito anche il senatore Quagliariello dimenticando che il dr. Genchi svolge il suo compito da quasi venti anni e che il suo lavoro tecnico è stato prezioso e indispensabile per recuperare e riportare alla luce i dati cancellati nell'agenda elettronica del giudice Giovanni Falcone all'indomani della strage di Capaci.

segue nei sottocommenti


Silvanetta P. Commentatore certificato 14.03.09 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Adesso parlo io

13 marzo 2009
Gioacchino Genchi:

«Ma quali milioni di utenze tracciate, erano poco più di settecento».
«Massoneria non è solo compassi.
Consorterie massoniche possono chiamarsi Compagnia delle opere o Opus dei»

A Palermo fa freddo.
Anzi, c’è il gelo.
Non è solo un fatto climatico, anche se fino a pochi giorni fa nevicava alle porte della città, ma è la bomba virtuale esplosa sulla testa del procuratore capo Francesco Messineo cha ha fatto precipitare la temperatura di colpo.

Un articolo pubblicato su Repubblica ha ufficialmente riaperto la stagione dei veleni su uno degli uffici più delicati d’Italia.

«Il cognato del procuratore è un uomo d’onore», titolava venerdì 6 marzo il quotidiano.

E oltre all’inverno prolungato di quest’anno, a gelare le anticamere della Procura è sopraggiunta la memoria della “stagione dei veleni”, quella delle talpe e delle lettere anonime, quella dell’isolamento di alcuni magistrati, fra cui Giovanni Falcone, fra la fine degli anni Ottanta e l’estate delle stragi del Novantadue.

Ovvio, il Csm apre subito un’inchiesta.
Ovvio, i sostituti e i collaboratori di Messineo esprimono la propria solidarietà al capo.
Il ministro Alfano sembra voler inviare un’ispezione immediata al palazzo di Giustizia di Palermo.
Poi ci ripensa, gli ispettori rimangono a Roma.

Si comincia a pensare se non a una bufala intera a una “mezza” bufala, a una polpetta avvelenata a cui qualche cronista forse ha abboccato.

Certo che quel titolo rimane.
La carriera del procuratore di Palermo, dal 6 marzo, probabilmente è segnata.
Cosa è accaduto?

Qualcuno ha fatto pervenire alla stampa l’informazione sul fatto che l’Arma dei carabinieri aveva intercettato due anni fa il cognato del procuratore capo, Sergio Maria Sacco, marito della sorella della moglie di Messineo, gettando sul parente l’ombra di concorso esterno a Cosa nostra.....

Tutto l’articolo al sito
http://www.antimafiaduemila.com/content/view/13834/48/

Silvanetta P. Commentatore certificato 14.03.09 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ior....opus dei....

paolo piconi (madreitaliana), Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Onore a Genchi e disapprovazione e disonore a Rutelli e company. D'altra parte che ci dobbiamo aspettare dai radical-popolar-margheritin-pidimenoellisti? Forse che aggiungano la elle ai loro curricula!

Anto N. Commentatore certificato 14.03.09 16:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe,

per favore, non togliere questo mini post.

Potremmo tenerlo aggiornato raccogliendo e postando le ultime notizie sulla vicenda del dott. Genchi, i nostri commenti e quant'altro.

Sarebbe un modo per far conoscere, a chi si avvicina al blog per trarre informazioni, gli attacchi inauditi a cui viene sottoposta questa persona che ha sempre svolto con onestà il suo lavoro al servizio dello stato.

E per dare un segno a lui della nostra solidarietà e vicinanza umana.

Grazie!

Silvanetta P. Commentatore certificato 14.03.09 16:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dobbiamo testimoniare la nostra solidarietà a Genchi ogni momento che è necessario per far comprendere alle forze avverse che c'è chi lo ha a cuore! Che non è così semplice questa volta!

[Tenete d'occhio il neo "politicamente corretto" Fini! Son quelli che non compaiono i progettisti!]

Gennaro Esposito

gennaro esposito 14.03.09 15:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

GEnte, non so' cosa abbia o sappia Genchi, non so' quanta paura faccia e perche' abbiano deciso solo ora di colpirlo, come se non fosse mai esistito prima.
So' solo che lui fa parte di una lunga serie di persone colpite proprio perche' cercano di fare bene il proprio lavoro, senza farsi comprare o irretire.
Prima li ammazzavano adesso li fanno "saltare" in un altro modo, piu' subdolo ed efficace perche' non ci sono vittime e quindi non ci sono martiri.
Al potere abbiamo una MANDRIA di malfattori, sono nei punti di potere e riescono a fare cose immonde , la cui ricaduta e' spesso dannosissima su tutti noi.
Vanno fermati.
Visto che di andare giu' a massacrarli di schiaffoni non se ne parla proprio, agiamo dal basso con le liste civiche.
La mia paura e' che cerchino di infilare i loro PARASSITI anche all'interno delle liste, spero pertanto che siano sempre sotto controllo stretto.
Dobbiamo arrivare al punto che qualsiasi cosa si inventano, si schianti contro un muro!
Spero che vengano incarcerati per tutti i danni che hanno fatto, per le persone che anno fatto soffrire e per le devastazioni al nostro paese, sia economiche che ecologiche.
Hanno delle VITE STRONCATE sulla coscienza...ma loro non le sentono, se la sono VENDUTA!

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Genny Giugliano posta alle 12.07
*********************************
http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1170:la-profezia-di-salvatore-borsellino-su-gioacchino-genchi&catid=2:editoriali&Itemid=4

La profezia di Salvatore Borsellino su Gioacchino Genchi

Scritto da Benny Calasanzio
Sabato 14 Marzo 2009 00:31

Lo diceva Salvatore Borsellino, ma pochi lo ascoltavano. Lo diceva lui che Genchi non stava pagando per Why Not, ma per cose molto più grandi. Ma né io né lui potevamo sapere che in quell’indagine emergevano nomi che Gioacchino Genchi aveva già incontrato durante le indagini su Via D’Amelio coordinate dalla procura di Caltanissetta. Ma Salvatore questo lo diceva da tempo, come se lo sentisse, come se fosse certo che tutti i guai di Genchi venivano da quella via e da quella data: Via D’Amelio, 19 luglio 1992. Certo, in Why Not e nelle inchieste calabresi Genchi aveva scomodato dall’impunità di Stato alcuni intoccabili, aveva portato alla luce frequentazioni deprecabili e comitati d’affari protetti dai politici più insospettabili.Ma forse, come sentiva Salvatore Borsellino, la madre di tutti i mali viene da quella via e da quella data: Via D’Amelio, 19 luglio 1992. E ora arriva anche la conferma dello stesso Gioacchino Genchi, che a poche ore dalla perquisizione nei suoi uffici e presso la sua abitazione da parte dei Ros dei carabinieri (lo stesso reparto operativo che OMISE di perquisire il covo di Totò Riina dopo il suo arresto), ha dichiarato: "Il motivo della mia delegittimazione nasce dalle inchieste sui mandanti esterni della strage di via D'Amelio in cui morì il giudice Borsellino e gli agenti della sua scorta. Nell'inchiesta Why not, in cui ho collaborato con il procuratore De Magistris, ho ritrovato, senza volerlo, le stesse persone in cui mi ero imbattuto nelle indagini di Caltanissetta sui mandanti esterni di quella strage". E’ una conferma atroce che la dice lunga su quello che c’è di etc etc (segue al Link

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 15:08| 
 |
Rispondi al commento

I tanti collegamenti che esistono tra il lavoro di Gioacchino Genchi e la Storia di una martoriata parte del Paese

E chi e' in Parlamento non la rappresenta di certo..le fughe a Roma
****************

Lo Stato protegga Massimo Ciancimino

Scritto da Giorgio Bongiovanni-Silvia Cordella

Martedì 16 Settembre 2008 14:26

Il testimone della “trattativa” parla ma Cosa Nostra chiede la sua testa

Un’altra occasione da non perdere nella ricerca della verità su quella stagione di sangue che nel ‘92 portò alla morte dei giudici Falcone e Borsellino e che sancì una svolta epocale della nostra Repubblica.

Per questo le istituzioni non possono alzare le spalle in segno di abbandono di fronte a chi intende chiarire quegli episodi, anche se a parlare è Massimo Ciancimino, figlio di “Don Vito”, il noto sindaco del “sacco di Palermo”, condannato in primo grado a 5 anni e 8 mesi per riciclaggio, intestazione fittizia di beni ed estorsione.

Un personaggio che, al di là della sua vicenda processuale, è uno dei testimoni diretti della cosiddetta trattativa avviata nel ’92 tra Cosa Nostra e lo Stato

Segue al link copiato qui sotto

http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=652:lo-stato-protegga-massimo-ciancimino&catid=20:altri-documenti&Itemid=43

Buona Lettura


Ed . Commentatore certificato 14.03.09 14:27| 
 |
Rispondi al commento

LORO NON MOLLERANNO MAI E NOI NEPPURE.....

DA REPUBBLICA.IT

http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/cronaca/vizzini-ciancimino/vizzini-ciancimino/vizzini-ciancimino.html

Il figlio dell'ex sindaco sta collaborando con la procura di Palermo
Indagati il senatore Pdl e Saverio Omano, deputato Udc
Ciancimino jr accusa
"Così Vizzini riciclava il mio denaro"

grattaveltroni evinciberlusconi, perugia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Pieno sostegno a Genchi!!!!!

Callistene B., padova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 14:04| 
 |
Rispondi al commento

genchi ministro dell'interno !!!

grattaveltroni evinciberlusconi, perugia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Genchi sta seduto sopra un vero vulcano, che sta per iniziare una stagione di eruzioni a cui non credo che il NANO-SYSTEM (tm) e tutti gli appoggi che ha (nel Paese e Fuori), riuscira' ad OSCURARE

La tragedia tra le grandi tragedie nella Storia del nostro Paese, e' la totale mancanza di onesta' intellettuale di chi, tutti i giorni, compie esercizi di alta acrobazia circense, per nascondere fatti di enorme importanza, di cui si legge in tutto il Mondo..

Fatti di adesso...e di allora

L'Albero Italia va curato alle radici..come sta facendo il Nobile Genchi, vanno portate alla luce tutte le OMBRE che impediscono al Paese di funzionare come puo' e sa' funzionare

E chi decise per il NANO, che e' un omino al GUINZAGLIO di una assoluta poverta' esistenziale e professionale, deve capire che l'Italia esiste..che l'Italia, nella Storia, ha giocato un ruolo del tutto splendente..ed e' li' che iniziano i guai..esistenti nella natura delle cose

La natura delle cose ed il privilegio e condanna, di essere il Bel Paese..uno SLOGAN ma molto, molto piu', da chi lo vede e studia dal di fuori

Pessimi DIPENDENTI..il Craxi come viene narrato in un articolo dagli Archivi del CdS del 15 Febbraio 1993

Albania:
" togliete a Craxi la tessera del Ps di Tirana "
il giornale " Rilindja demokratike " organo del Partito democratico al potere chiede al leader socialista albanese Fatos Nano di togliere la tessera del Partito socialista d' Albania a Bettino Craxi

L'articolo completo al link qui sotto

http://archiviostorico.corriere.it/1993/febbraio/15/Albania_togliete_Craxi_tessera_del_co_0_9302155664.shtml

E si menziona (sigh, gia' allora...) CRAXI e NANO

(Nano Fatos era il Leader Socialista Albanese)

Buona Lettura

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Apparentemente sono questioni slegate. Ma non lo sono.

I procuratori di Palermo Ingroia e Di Matteo stanno ascoltanto Massimo Ciancimino sulla trattativa tra Stato e Mafia nel 1992. Coincidenza vuole che il Procuratore Messineo sia stato oggetto di pesanti attacchi e che sia iniziato a suo carico un procedimento disciplinare per il trasferimento d'ufficio, come per De Magistris ed Apicella.

I suoi PM lo difendono, sostenendolo che lo si vuole allontanare perché ha riaccorpato il pool e perché sta consentendo ai suoi di lavorare bene sui rapporti mafia-politica.

Quei magistrati hanno denunciato le loro "inquitudini" e chiedono l'attenzione massima dell'opinione pubblica.

Beppe: Se ti é a cuore la legalità e la democrazia tieni d'occhio continuamente la Procura di Palermo e quella di Catanzaro (mafia-ndrangheta e massoneria: l'intreccio é unico), tieni d'occhio il processo Mori di Palermo, di cui non parla nessuno: dai verbali pubblicati da Travaglio emergono fatti agghiaccianti in cui sarebbero implicati personaggi del ROS (Mori ecc.) e anche magistrati.

P.S. nonostante sia in serio pericolo per le sue confidenze, Massimo Ciancimino é tuttora privo di protezione, nonostante la richiesta dei magistrati d Palermo ...

P.S. Genchi é attaccato non solo e non tanto per Catanzaro, quanto per Palermo. I personaggi sono sempre quelli.

P.S. Risale al 1992 la nascita di un nuovo movimento politico le cui leggi, lo vediamo bene adesso, mirano ad annientare il sistema giustizia.

P.S. Credo che siamo in un momento molto delicato della vita di questa Repubblica.

P.S. invito tutti a frequentare il blog di Salvatore Borsellino e di Antimafiaduemila.

Non lasciamoli soli.

anna m., palermo Commentatore certificato 14.03.09 13:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
LA SENZAZIONE E' CHE CON GENCHI USCIRA' TANTO DI QUEL LETAME, MA TANTO CHE SOMMERGERA' L'ATTUALE CLASSE DIRIGENTE ED I NOSTRI DIPENDENTI. IL MALAFFARE DI PERSONE AL DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO STA' SEMPRE PIU' EMERGENDO E SARANNO CA... AMARI ANCHE PER LO PSICONANO E LE SUE PROTESI
Alvise

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 14.03.09 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Il grande PENTOLONE del Malaffare che, anche grazie alla Rete, si sta scoperchiando, ci mostra quanti orrori sono stati commessi da persone al DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO, se permettiamo alla disinformazione di continuare a giocare dietro ad un MURO di OMERTA' che intende rafforzare..

OMERTA': il perche'..si spiega in parte, guardandosi con cura una mappa dell'Europa ed aree limitrofe..ci si premunisce di un sommario dei grandi eventi storici, migrazioni incluse, che per secoli vedevano movimenti non sempre pacifici dal Nord al Sud..e' una forma di difesa anche giustificabile

**O Paese Do Sole..Il Bel Paese..O Paese E Pulecenella ed il resto** divennero BRANDS o SLOGANS, spesso usati con intenzioni viscide, un sottile sarcasmo diffamatorio o ridicolizzante..

Alla luce dei grossi problemi energetici e possibile scarsita' di cibo, se non si programma la gestione delle risorse naturali NON COME VUOLE MONSANTO o il RACKET dei Petrolieri Globali, e' evidente il VALORE INTRINSECO non REPLICABILE di un Paese verso l'altro

Il GRANDE AVVOLTOIO RAPACE ama (sui specis) l'Italia ed i BENI CULTURALI..uno dei piu' grandi Musei all'Aperto dell'intero Mondo...turismo da secoli..Industria di Qualita'

Il GRANDE AVVOLTOIO RAPACE **mina** il Paese per **colonizzarlo** meglio..

Le mine sono **Cavalli di Troia** che nella storia dell'ultimo secolo, sono stati installati da personaggi moralmente osceni e turpi

Occorre vedere il Rinascimento dell'Intero Paese come destinazione ed accettare il procedere a piccoli passi da bene informati..smascherarli questi **Cavalli di Troia** e **riportarli** al servizio SOLO ed ESCLUSIVAMENTE del Bene Comune dell'intero Paese..od ESILIO

E l'impegno del Nobile Genchi tocca proprio quei TORBIDI MONDI..inutili, pericolosi, rigettati dalla Storia della Civilta', dappertutto

WHY NOT, POSEIDON e tante altre distorsioni al cuore del Paese meritano il FIATO SUL COLLO costante

Buona Lettura

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 13:14| 
 |
Rispondi al commento

genchi insieme a de magistris dovrebbero essere eletti al parlamento europeo (ad es con di pietro) e la' cominciare a parlare e a esigere giustizia.
se ci vanno come parlamentari hanno l'immunita' (funziona per i maiali, facciamola funzionare anche per le giuste cause) e possono parlare a ruota libera, portare alla luce del sole le loro inchieste e fare nomi e cognomi.
in fondo si tratta anche di soldi che sono stati rubati alla comunita' europea.
oltre a quello, potrebbero denunciare il malaffare politico-mafioso-piduista che si sta impadronendo dell'italia.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 14.03.09 12:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Silvanetta P alle 23.37 di IERI
************************************************

Dichiarazioni dell'avv. Fabio Repici, difensore di Gioacchino Genchi

13 marzo 2009

"Accogliendo le reiterate richieste provenute dalla politica, la Procura di Roma ha provveduto agli odierni decreti di perquisizione.

Rendo volentieri atto ai militari del reparto tecnico del R.o.s. e della sezione anticrimine di Palermo di aver operato in modo ineccepibile.

Dalle acquisizioni di oggi trarrà giovamento l'accertamento della verità e si potranno così accantonare le abnormi incongruenze ed i marchiani errori contenuti nelle precedenti informative sottoscritte dal col. Angelosanto.

Prendo atto che c'è stata una duplicazione di procedimenti, per effetto di una segnalazione che sarebbe giunta alla Procura di Roma dal Procuratore di Marsala.
Anche questo, in fondo, è un dato che servirà a fare chiarezza, perché così oggi si possono capire meglio le ragioni che a suo tempo portarono all'avocazione dell'indagine "Why not" ed alla revoca dell'incarico al dr. Genchi.

Ciò che si sta compiendo è la prosecuzione di una strategia di delegittimazione del dr. Genchi, quale funzionario di polizia e consulente dell'A.g., che trova ragione nei fondamentali accertamenti fatti dal dr. Genchi sulla strage di via D'Amelio del 19 luglio 1992.

Quanto alle contestazioni avanzate oggi a carico del dr. Genchi, per constatarne l'infondatezza basta rileggere il decreto di sequestro emesso qualche mese fa dalla Procura di Salerno a carico di magistrati catanzaresi.

In quel documento c'è la prova della correttezza dell'operato del dr. Genchi e degli esorbitanti errori commessi dal funzionario del R.o.s. che ha operato prima su delega della Procura generale di Catanzaro e che oggi opera per conto della Procura di Roma.

La ripetizione di ulteriori accertamenti non potrà che confermare i risultati già acquisiti a Salerno".

Avv.Fabio Repici

http://www.antimafiaduemila.com

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, credo che ogniuno di noi debba indagare nella propria coscienza e non permettere ancora ai nostri Parlamentari inquisiti di restare seduti sulle comode poltrone governative.
Grande solidarietà ad un uomo corretto come Gioacchino Genchi, che se poco parlasse in una serata di Porta a Porta e dicesse tante scomode verità, le più grandi Istituziuoni repubblicane crollerebbero immediatamente.
Non si mettono più le bombe: fanno rumore mediatico; si persegue pian piano un'opera di disinformazione e distrazione di massa. Si cerca di screditare un uomo retto come Genchi, per poi, lasciato solo, ammazzarlo fisicamente o moralmente.

Nicola Ambrosino 14.03.09 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Un AVVISO per chi ha intenzione di creare gruppi di supporto su FACEBOOK -
(se si hanno informazioni, si possono evitare spiacevoli sorprese, sopratutto in Rete)

Copio il testo di una email, ricevuta questa mattina, da una Compagnia che si preoccupa di operare alla FIATO SUL COLLO su tutto cio' che succede in Rete..

E' un servizio che permette di verificare l'ONESTA' di tante offerte che giornalmente arrivano dalla Rete o riportare STRANEZZE
**************

Websense® Security Labs(TM) ThreatSeeker(TM) Network has received reports of spoofed Facebook email messages that contain malicious links. The messages look similar to legitimate Facebook messages and invite recipients to click on the link contained in the message to view a video.

Message subjects seen have been:

FaceBook message: Dancing Girl Drunk In The Pub- facebook Video (Last rated by Betsy Person)

FaceBook message: Dancing girl oriental dance ... (Last rated by Abdul Kay)

FaceBook message: Magnificent Striptease Dance (Last rated by Rosalind Lindsey)

FaceBook message: Watch the Oooh! Super Beautiful Girl Dancing (Last rated by Delores Tucker)

FaceBook message: Hot Girl Dancing At Striptease Dance Party

If recipients of this message click the link, they are taken to a malicious Web site that looks similar to Facebook and that prompts them to install a file called "Adobe_Player11.exe".

This file (SHA1 70456cd86d458452ee172a791cf1b9cfaf944ef0) has very little anti-virus coverage, according to Virustotal.

Websense Messaging and Websense Web Security customers are protected against this attack.

To view the details of this alert Click here

Protected by Websense Hosted Email Security

www.websense.com

Spoofing: e' una tecnica usata dai criminali virtuali, simile al clonare

Viene offerto un Link da cliccare..quello che succede dopo e' esattamente il contrario di cio' che uno vorrebbe che gli succedesse..chiedere ad amici competenti in materia

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Dal Blog dell'On Antonio Di Pietro
**************************************

13 Marzo 2009
Chi ha paura di Gioacchino Genchi?

La procura di Roma ha disposto la perquisizione dell'abitazione-ufficio del consulente informatico Gioacchino Genchi, nell'ambito dell'inchiesta in cui è indagato per abuso d'ufficio e violazione della privacy.
Ad eseguire il mandato i ROS.

Genchi, indagato per abuso d'ufficio e violazione della privacy, dopo 20 anni di collaborazione come consulente delle istituzioni, ad un tratto il suo nome viene pubblicato su tutti i giornali, passa su tutti i Tg come uomo a cui Luigi De Magistris affidava le intercettazioni nelle indagini Why Not e Poseidon.

I politici fanno quadrato contro De Magistris e Genchi, tutti, ad eccezione dell’Italia dei Valori.

In Senato Francesco Rutelli, presidente del Copasir, il “Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica”, nell’ambigua posizione di persona interessata dalle indagini sulle intercettazioni, come ha dichiarato lo stesso Genchi anche in un’intervista apparsa il 27 febbraio nel blog di Grillo e ripresa anche nel mio blog, relaziona sulle verifiche condotte sull’operato del consulente.

Relazione che descrive pericoli ed irregolarità con numeri da grandi occasioni: tra i 14 e i 18 milioni di righe di traffico telefonico archiviate in pochi giorni.

Il Sisde compare tra gli organi intercettati.

Inaudito, e scoppia la falsa indignazione del Parlamento.

Nessuno prendere in considerazione le parole del pm De Magistris che liquida le dichiarazioni di Rutelli ed "il caso Genchi" come "una grande bufala" per screditare la validità dei risultati nelle indagini a lui sottratte.

Segue al Link copiato qui sotto

http://www.antoniodipietro.com/2009/03/chi_ha_paura_di_genchi.html

Ed ai NICKS FINZIONE che attaccano vergognosamente l'On Antonio Di Pietro, credo sia giusto distinguere tra i FATTI che l'On Di Pietro affronta con coraggio, e la Persona

Difficile...?

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 12:17| 
 |
Rispondi al commento

RUTELLI sta facendo perdere un mare di voti al Partito Democratico. Io per esempio, che sono stato tra i fondatori nelle primarie del 2007, non lo voterò alle prossime europee. Voto IDV.

Vincenzo Bonomo 14.03.09 12:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

il salario minimo garantito è una rivendicazione datata 1977 nata dal movimento studentesco di guell'epoca,sembrava uno scherzo,ma se si pensa a ciò che siglifica ,è un mezzo per troncare il clientelismo clerico politico mafioso,il lavoro nero, la continua distribuzione di fondi alle imprese sfruttatrici ed assassine alla banche usurai legalizzati dalle politiche clerico fasciste e clericocomuniste alla continua costruzione di infrastutture inutili solo per potere pagare lo scambio dei voti.diamo questi soldi ai disoccupati creando un circolo virtuoso fatto di consumo produzione e quant'altro,come d'atronde succede nei paesi nord europei,cosi finalmente ci liberiamo del clientelismo elettorale.se condividete questo mio pensiero passate parola grazie ciao

paolo casamento, monreale Commentatore certificato 14.03.09 11:58| 
 |
Rispondi al commento

UDITE!! UDITE!!

GASPARRI, GENCHI ANCORA LAVORA? UNO SCANDALO - "C'é da augurarsi che risponda al vero la notizia diffusa dalle agenzie circa la perquisizione da parte dei Ros dei carabinieri nella abitazione e negli uffici di Gioacchino Genchi, il presunto consulente che ha devastato gli apparati di sicurezza italiani con attività palesemente illegali". Lo dice il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che chiede "quale incarico ricopra attualmente Genchi e come mai il capo della polizia e direttore del dipartimento per la pubblica sicurezza, prefetto Manganelli, non lo abbia ancora sospeso dal servizio". "E' uno scandalo - sostiene Gasparri - che una persona del genere lavori ancora all'interno dello Stato ed è una grave responsabilità di chi tollera una cosa di questa natura. Mi auguro non solo che la perquisizione sia vera, ma che vengano distrutte le illegali banche dati accumulate da Genchi e che lo stesso venga portato nell'unico luogo dove merita di essere portato attualmente".

RIDERE O PIANGERE?

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 11:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
ho guardato la puntata di Annozero e ho cercato un po' di informazioni su Renzi, la giovane promessa del PD. Attenzione! Renzi è vicino a Comunione e Liberazione, quindi avrà appoggi preso la Compagnia Delle Opere, che Genchi ha affermato avere parte nella rete di affari loschi. Secondo me si vuole soltanto mettere una nuova faccia ai vecchi affari, rafforzandoli.

michele del giudice 14.03.09 11:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

iés, uì chen.
plis visit the rutelli's haus.
quando il popolo italiano avrà il privilegio di vedere i veri delinquenti, e non la gente onesta che cerca di smascherarli, in galera?
Genchi Uber Alles.
Manteniamo alta l'attenzione sul Gioacchibo Nazionale.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 14.03.09 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Dal Blog di Gioacchino Genchi, un Grande e Nobile
*******************************
Martedì, 3 marzo 2009

Dopo Rutelli, Gasparri e Farina, la staffetta del mio linciaggio è ripassata a Cicchitto

Dopo gli attacchi di Rutelli, di Gasparri e di Farina, la staffetta del mio linciaggio è oggi passata oggi all’on. Fabrizio Cicchitto.

Proprio Cicchitto, forse tenendo fede alla sua prima "tessera", spinge la Procura di Roma ad agire contro di me, utilizzando ancora le colonne de “il Velino” (vedi, in basso, il testo dell’agenzia delle 13:21).

Proprio da “il Velino” - vedi caso – sono partiti con significativa coincidenza temporale i primi attacchi nei miei confronti e nei confronti del dr. Luigi de Magistris, con l’agenzia delle 18:29 del 03-10-2007, puntualmente ripresa il giorno successivo da Paolo Pollichieni su “Calabria Ora”, da Guido Ruotolo su "La Stampa" e da Renato Farina su "Libero" .

Segue al Link copiato qui sotto

http://gioacchinogenchi.blogspot.com/

Notare che il VELINO e' una agenzia di stampa quotidiana nazionale diretta da Daniele Capezzone, con una pagina web stupenda e PENNE del genere Lino Iannuzzi che cita la SUPERSTAR Onorevole Quagliarello (Urlatore in Parlamento) che sostiene:
***
E a proposito di un’intervista concessa da Genchi a Grillo e trasmessa in un filmato di ‘You tube’: “Quel video contiene insinuazioni, minacce, affermazioni gravissime, nel tentativo di denigrare lo Stato di diritto, facendolo scadere a mera formalità per occultare una sostanza fatta di delitti, di complicità, di connivenze inconfessabili.

In un gioco di detto e non detto si chiamano in causa magistrati, reparti di forze dell’ordine, giornalisti, protagonisti della vita pubblica di oggi e di ieri, fino allo stesso presidente del Copasir Francesco Rutelli.

Si chiamano in causa le stragi di mafia” (Quagliariello, Pdl).
***********

Caro Onorevole: stragi di mafia (ottimo SLOGAN)

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Genchi perquisito, sequestrato l’archivio titola il Corriere.it(http://www.corriere.it/cronache/09_marzo_14/genchi_sequestro_bianconi_0bc5fd60-1072-11de-a338-00144f02aabc.shtml).

Ma se Genchi è veramente, come riconosciuto da tutti, un esperto informatico… ma come possono pensare di farci credere che ha fatto trovare qualche traccia dei presunti archivi illegali nei suoi uffici?? Però occorre far passare questa operazione come fondamentale, occorre offrire lo spunto ai Gasparri, ai Cicchitto, ai Rutelli e a tutti i loro sodali per infamare, oltre che la propria (sprecata) intelligenza, il senso della misura.
I media (giornali e tv) sono complici in questo tentativo di convincere l’opinione pubblica che Genchi è il problema.
I giornalisti sono quelli che ci fanno la peggiore figura, perché gli editori, ovviamente, visto che con questo sistema si sono arricchiti servendolo, hanno interesse che questo regime imperversi, e possono essere compresi. La stragrande maggioranza dei giornalisti, invece, sono o incapaci o omertosi, e probabilmente hanno scelto questa professione perché, in fondo, è sempre meglio che lavorare…

La strada è ancora lunga, ma la Rete comincia a dare risultati: sono sempre di più le persone che cercano e che trovano.

http://iostocongenchi.wordpress.com/

Io sto con Gioacchino Genchi 14.03.09 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Boicottiamo i prodotti pubblicizzati da Medioset(la "o" al posto della "a", non è casuale). Ma per conoscere quali sono questi prodotti, devo vedere le reti di Medioset.
E IO NON LI VOGLIO VEDERE!
quindi, fatemi un elenco di detti prodotti e metteli in modo che chiunque possa vederli senza andare sulle reti di Medioset.

antonio d., carrara Commentatore certificato 14.03.09 11:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

speramm ca fann na fine e 'mmerd sti mafios e cammurrist r'oo cazz!!!
s'anna accattà sul medicine cu tutti i sold ca s'hann futtut' !!!!!

davide visentin, salerno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Dei dont visit rutellis aus bicos polis isily stend de smell of peipers...bat de smell of scit is tuu macce...Barbrui palombeli...vuld iu laik tugò for en aiscrim uit mi?

luca Ds 14.03.09 11:09| 
 |
Rispondi al commento

i have a dream...genchi for president e tutti quelli che lo combattono in galera

w falcone e borsellino
w de magistris

mandiamo a casa la casta alle prossime elezioni, basta votare chiunque non abbia già avuto cariche politiche, comunque nessuno potrà fare peggio di chi c'è adesso.

r b 14.03.09 10:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

GASPARRI, GENCHI ANCORA LAVORA? UNO SCANDALO - "C'é da augurarsi che risponda al vero la notizia diffusa dalle agenzie circa la perquisizione da parte dei Ros dei carabinieri nella abitazione e negli uffici di Gioacchino Genchi, il presunto consulente che ha devastato gli apparati di sicurezza italiani con attività palesemente illegali". Lo dice il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che chiede "quale incarico ricopra attualmente Genchi e come mai il capo della polizia e direttore del dipartimento per la pubblica sicurezza, prefetto Manganelli, non lo abbia ancora sospeso dal servizio". "E' uno scandalo - sostiene Gasparri - che una persona del genere lavori ancora all'interno dello Stato ed è una grave responsabilità di chi tollera una cosa di questa natura. Mi auguro non solo che la perquisizione sia vera, ma che vengano distrutte le illegali banche dati accumulate da Genchi e che lo stesso venga portato nell'unico luogo dove merita di essere portato attualmente".

MAGASPARRI E I SUOI COLLEGHI ANCORA PARLANO?
Tutti i deputati inquisiti e condannati ancora lavorano?

VAFFANCULO

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 14.03.09 10:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eh si... una visitina la casa/e di rutelli la merita anche dai carabinieri del NTPA magari...

Matteo P. Commentatore certificato 14.03.09 10:35| 
 |
Rispondi al commento

E' una vera vergogna la spudoratezza con la quale Rutelli ancora cerca di difendersi nel nome della libertà della Praivacy.
Il vero problema è che oramai Berlusconi ha lanciato un messaggio a tutti noi Italiani ... se sei potente non devi temere nessuno perchè nessuno potrà mai giudicarti.
Il Rutelli di 10 o 15 anni fa non si sarebbe mai e poi mai immaginato di difendersi passando al contrattacco in questo modo.
I danni che ha fatto e continuerà a fare Berlusconi in Italia ci vorrà perlomeno un cambio generazionale per annullarli.
Come stiamo messi male.

Ciro C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta, almeno questa volta, LA VERITA' deve venire a galla e spazzarli via tutti, tutti quelli coinvolti nelle inchieste scippate.
Mai come questa volta hanno fatto vedere quanta paura hanno, questi CRIMINALI DAL COLLETTO BIANCO e dalla coscienza pulita (mai usata).
Maledetti.

pietro r. Commentatore certificato 14.03.09 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Io suppongo che Genchi, per difendersi, disponga dei migliori avvocati sulla piazza...

Però pensavo una cosa, visto che Beppe dice sempre che i soldi degli spettacoli servono anche a pagare gli avvocati, Perchè non si chiede a Genchi se ha bisogno di una mano? l'unione fa la forza...

C'è molto di più della libertà di una persona in gioco!

C. Z. Commentatore certificato 14.03.09 09:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'inciucio Pd-Pdl appare ormai chiaro. Loro ci devono per forza rappresentare anche se non ci rappresentano, escludendo quasi il 40 per cento degli elettori. L'occupazione del Parlamento, della Rai, delle nostre risorse, deve continuare facendo fuori chi vuole fare chiarezza. ilgorgon.blogspot.com

Antonio ., Isola Gorgona - Livorno Commentatore certificato 14.03.09 09:35| 
 |
Rispondi al commento

E Gioacchino Genchi, UOMO informato, intelligente e conoscitore del "sistema", LI AFFOSSERA'!

DOTT. GENCHI, L'Italia dei giusti Le è a fianco!

Girasole di Giugno, Treviso Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 09:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Io chiedo al Dott. Genchi, onesto cittadino, onesto lavoratore, di fare nomi e cognomi di coloro che sono inìmplicati. E' ora di sputtanarli tutti.

Dietro ci sarà sempre l'ombra della P2. Maledizione di questo paese che non esiste se non come espressione geografica, enti comuni e moneta unica.

I piduisti: invece di fucilarli tutti alla schiena come traditori li hanno amnistiati, profumatamente ripagati e lasciati al loro posto, proprio come gli ex-fascisti dopo il 1946.
Ma la vendetta un giorno arriverà.
Chi avrà l'onere di ripulire questo paese in una seconda guerra civile, in una seconda Resistenza, si dovrà curare di non fare ancora errori del genere, di mandarne il più possibile sotto terra. Non sparire ma umanamente giustiziare.

future is unwritten 14.03.09 09:08| 
 |
Rispondi al commento

mi avete insultato quando avevo detto che questa era una lotta tra poteri dello stato?
guarda che roba...manco 15 giorni e lo stanno già piallando.

Marco F., Torino Commentatore certificato 14.03.09 07:39| 
 |
Rispondi al commento


Palermitaniiiiiiiiiiii
Non Lasciate Solo Genchi !
Andate sotto casa e fategli sentire il vostro
sostegno !!!!!!!!

edy s., milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.03.09 07:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ,
altro che prima repubblica , siamo nella " madre di tutte le repubbliche " temo proprio che il rischio di una rivolta sia dietro l'angolo . la crisi economica come può essersi generata se non per colpa di chi non h controllato l'Euro ? Certo se ci si ricorda che un bollettino postale costava circa 1000 Lire e con l'Euro subito 1 Euro ,una marca da bollo 20.000 Lire e con l'Euro subito oltre 14,00 Euro , e così via , come poteva lo Stato impedire l'aumento selvaggio dei prezzi e dare il via alla crisi che ci sta travolgendo ( solo noi poveri scemi ) ? Secondo me è stato tutto pianificato scientificamente per annebbiarci le idee ed impedirci la benchè minima reazione. Se si riflette, nessuno di noi è più padrone dello stipendio , della casa , o di altro, tranne i veramente ricchi. Che fare ? C.O.C.

Gaetano Monea 14.03.09 07:02| 
 |
Rispondi al commento

Stanotte ho sognato che Beppe grillo e Marco travaglio avevano fondato il PARTITO LAICO che tanti aspettano. Così sapevo per chi votare alle prossime elezioni.
Per prima cosa indicevano un referendum per abrogare la legge che permette ai medici di denunciare i clandestini. Poi le ronde, e cassavano il Ponte sullo Stretto, a prevenire future catastrofi come quella di Longarone, poi varavano una legge sul testamento biologico che desse libertà di decisione all'interessato senza imporre torture; poi si occupavano di cellule staminali e procreazione assistita decentemente, e lasciavano libere le donne di decidere se andare in pensione a 65 anni o no, ma offrendo loro più aiuti (asili, assistenza anziani, copertura assicurativa statale per infortuni); destinavano soldi all'edilizia scolastica, abolivano il maestro unico, diminuivano gli stipendi a deputati e senatori, colpivano i grossi evasori fiscali, non privatizzavano l'acqua e STABILIZZAVANO I PRECARI.
Nel frattempo, il papa si era preso una lunga vacanza, fra Cannes e Avignone.
Ma era solo un sogno.
Manca l'ossigeno!

Ludovica De Nava 14.03.09 06:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ed il sublime Maurice Le Beau, lancia una delle sue solite battute stile ZAMPOGNARO

****************

GASPARRI, GENCHI ANCORA LAVORA?

UNO SCANDALO -

"C'é da augurarsi che risponda al vero la notizia diffusa dalle agenzie circa la perquisizione da parte dei Ros dei carabinieri nella abitazione e negli uffici di Gioacchino Genchi, il presunto consulente che ha devastato gli apparati di sicurezza italiani con attività palesemente illegali".

Lo dice il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che chiede "quale incarico ricopra attualmente Genchi e come mai il capo della polizia e direttore del dipartimento per la pubblica sicurezza, prefetto Manganelli, non lo abbia ancora sospeso dal servizio".

"E' uno scandalo - sostiene Gasparri - che una persona del genere lavori ancora all'interno dello Stato ed è una grave responsabilità di chi tollera una cosa di questa natura.

Mi auguro non solo che la perquisizione sia vera, ma che vengano distrutte le illegali banche dati accumulate da Genchi e che lo stesso venga portato nell'unico luogo dove merita di essere portato attualmente".

Da ANSA NEWS

http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_906533526.html

Il Beau Maurice ci ha nascosto per lungo tempo un suo incarico, nell'Executive Board di una Compagnia nemmeno Italiana, attiva nelle Telecomunicazioni..

Al seguente Link, recente, le sue dimissioni, Febbario 2009

http://www.iii.co.uk/investment/detail?code=cotn:TCM.L&display=news&it=le

Sostituito dal fratello del Chairman, il noto CHICCO TESTA

Ed un articolo del Blondet

http://www.krol.it/forum/maurizio-gasparri-direttore-della-telit-t8522.html?s=c2a6b3feabbccf4c10c5bf4d457ad922&

Buona Lettura e tutto il supporto all'Uomo Genchi

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 03:51| 
 |
Rispondi al commento

L'aveva detto che si sarebbero scoperti alzando il tiro..
e aveva detto: a suo tempo sarà tutto chiarito, punto per punto.

Ron vedo l'ora che la cosa maturi per sentire cosa tira fuori dal cilindro quest'uomo, che fino a quando ha dovuto lavorare e stare zitto, nessuno sapeva chi era ma ora che deve difendere sé stesso non può far altro che alzare il coperchio e parlare chiaro...

Tanto lo avranno già minacciato in lungo e in largo.. e se solo credeva seriamente in quello che diceva quando ha affermato: 'è ora che l'Italia sappia' parlando delle stragi a questo punto deve parlare.

NESSUNO TOCCHI GENCHI.

SOLIDARIETA' TOTALE A CHI HA ANCORA IL CORAGGIO DI SFIDARE LA NUBE OSCURA CHE VIVE NELLA MELMA DI QUESTA ITALIA MARCIA FATTA DI MAFIOSI, CORROTTI E POLITICI SENZA SCRUPOLI.

Mr.R. è quanto di più viscido l'Italia potesse avere in un ruolo di potere (guardacaso QUEL ruolo)... è l'immischiato con la faccia buona e ha grande responsabilità in tutto questo, ma mai quanto Mr.B.

Mr.B. un giorno pagherà di persona per aver soverchiato la democrazia in favore del regime finanziario e di casta mafiosa, sulla pelle dei morti e sulle spalle dei vivi e forse Genchi aiuterà a fare il computo del conto.

forza gioacchino 14.03.09 03:30| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi non avete capito un cazzo, se non mettete una bomba agli studi di mediaset e un pò a qualche sede rai, l'italia sarà sempre sotto dittatura mediatica, e la gente continuera a vivere sempre nell'ignoranza piu buia come i caproni.

Guy Fawkes 14.03.09 02:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Strage di via d'Amelio
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Motivazione: Rappresaglia contro la lotta alla mafia

La Strage di via d'Amelio fu un attentato di stampo mafioso operato il pomeriggio del 19 luglio 1992 a Palermo in cui persero la vita il giudice antimafia Paolo Borsellino e la sua scorta.

L'attentato segue di pochi mesi quello contro l'altro giudice Giovanni Falcone, segnando uno dei momenti più tragici nella lotta alla mafia.

Copio il Link dell'intero articolo qui sotto

http://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_via_d'Amelio

Leggo anche della TORBIDA sparizione dell'Agenda Rossa e l'apertura di un fascicolo alla Procura di Caltanissetta..per accertarsi che, nell' esecuzione della Strage, per cui venne usata una auto-bomba, non ci fosse lo zampino di qualche NOSTALGICO o deviato da ambiente dei servizi segreti, per eseguire detta Strage

C'è, inoltre, un particolare più inquietante di tutti gli altri: l'agendina rossa di Borsellino non venne ritrovata, probabilmente sottratta da qualche investigatore giunto tra i primi sul posto.

A pochi giorni dal 15° anniversario dalla strage, la Procura di Caltanissetta ha aperto un nuovo fascicolo per scoprire se persone legate agli apparati deviati dei servizi segreti possano avere ricoperto un ruolo nella strage.

E' curioso notare come il metodo dell'auto-bomba sia molto simile al metodo usato in Iraq dai ribelli..molto curioso ed inquitante

Buona Lettura

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 02:42| 
 |
Rispondi al commento

Un'altro sassolino nelle scarpe...Frattini sembra che c'era...o ci faceva anche...?
**********************
L'inchiesta Poseidon

È un'indagine lanciata nel maggio 2005 per un presunto uso illecito di denaro pubblico legato agli aiuti comunitari per 200 milioni di euro.

Associazione a delinquere finalizzata alla truffa è il reato ipotizzato dalla Procura di Catanzaro nei confronti del generale della guardia di finanza Walter Cretella-Lombardo, consigliere del vicepresidente dell'Unione europea e commissario europeo alla Giustizia, Franco Frattini.

La Procura calabrese ha fatto perquisire l'abitazione romana dell'alto ufficiale ed il suo ufficio ad Ostia e sequestrato computer, cd rom e documentazione cartacea.

Le perquisizioni sono iniziate in seguito al ritrovamento a casa di uno degli indagati, Giovambattista Papello, ex subcommissario per l'emergenza ambientale della Regione Calabria, di un biglietto da visita dell'ufficiale, con sopra scritto a mano il suo numero del telefono cellulare.

A Papello furono trovate, tra l'altro, delle intercettazioni illegali di colloqui telefonici, risalenti al novembre 2004, dell'ex presidente dell'ANAS, Vincenzo Pozzi, con il segretario dei Democratici di Sinistra, Piero Fassino, e con Pietro Folena.

Tra il materiale, gli investigatori trovarono anche il biglietto da visita del generale Cretella-Lombardo che comanda la Scuola di polizia tributaria delle Fiamme gialle, che ha sede ad Ostia, ed all'epoca comandava il secondo reparto della guardia di finanza addetto alla collaborazione internazionale e all'interscambio con le polizie di altri paesi.

L'inchiesta Poseidon riguarda una serie di presunti illeciti nella gestione dei finanziamenti nella depurazione.

Tra gli altri sono indagati il segretario dell'UDC, Lorenzo Cesa, in qualità di socio di una società che avrebbe ricevuto un finanziamento per realizzare nel cosentino etc etc

http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_De_Magistris

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 02:30| 
 |
Rispondi al commento

Ao ma che ce frega di genchi a noi italiani ce piace la pasta, le partite, le veline i mecchiddonadd a cocacola e a pizza, e nun ce rompete i coioni co sto genchi ca stamm bene come stam. ce piace dormire, un ce frega un cazzo de genchi e dei suoi amici ca ndacanu intercettanu.. ma un ce rompete i ball. A noi ce piace essere ignoranti, e nun sveiatece.

Roberto pasanisi 14.03.09 02:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una mina vagante a cui credo che Genchi abbia dedicato il suo lavoro, da grosso professionsista
************************
L'inchiesta Why not

L'inchiesta, chiamata Why Not dal nome di una società di lavoro interinale la cui attività rappresenta uno dei filoni principali dell'indagine, ha registrato un momento di svolta il 18 giugno 2007 quando il pm De Magistris ha fatto eseguire dai carabinieri 26 perquisizioni nei confronti di altrettanti indagati. Tra loro anche Pietro Scarpellini, consulente "non pagato", come precisò all'epoca Palazzo Chigi, della Presidenza del Consiglio. Nell'inchiesta risultano indagati, inoltre, Luigi Bisignani, consulente della Ilte spa, ed il senatore Giancarlo Pittelli, di Forza Italia. Un ruolo centrale nella vicenda sarebbe stato svolto dall'imprenditore Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere della Calabria. L'inchiesta ruota attorno anche a presunti contatti tra Saladino e l'allora presidente della Commissione Europea Romano Prodi. Negli atti dell'inchiesta figurano anche alcune intercettazioni telefoniche riguardanti colloqui tra il ministro della Giustizia Clemente Mastella e l'imprenditore Antonio Saladino. Proprio Clemente Mastella ha chiesto il trasferimento di De Magistris e il CSM ha rimandato il trasferimento a dicembre 2007. Alla fine sia De Magistris che i suoi collaboratori sono stati rimossi dall'inchiesta creando un caso nazionale che ha fatto intervenire anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il pm De Magistris e il ministro Mastella, per motivi opposti, sono stati entrambi oggetto di minacce.

Altri indagati nell'inchiesta sono il generale Paolo Poletti, capo di Stato Maggiore della Guardia di Finanza, Nicola Adamo (Ds), in quella fase vicepresidente della Regione Calabria, Mario Pirillo (ex-Margherita, poi Pdm), assessore regionale all'agricoltura e un consigliere regionale dei Ds, Antonio Acri.

Segue al link

http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_De_Magistris

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 02:21| 
 |
Rispondi al commento

Da vecchi articoli apparsi sulla stampa internazionale, e pessimamente coperti dalla nostra, si deduce che RUTELLI, allora Ministro della Cultura, inizio' giustamente un numero grande di cause a Musei di Fama Internazionale nel Mondo..e vinse molte di quelle cause

Una, riportata dal TIMES

November 13, 2006

No love lost with Getty Museum as Italy cries foul over Aphrodite

http://www.timesonline.co.uk/tol/news/world/europe/article635274.ece

E si legge di altre cause contro il Metropolitan Museum of Art in New York ed il Museum of Fine Arts in Boston..stracolmi di SCIPPI di assoluto ed unico valore, SCIPPATI usando mezzi illegali

Al seguente Link, la storiella degli SCIPPI riguarda Il Museo d'Arte alla PRINCETON UNIVERSITY

http://www.princeton.edu/main/news/archive/S19/37/62Q26/index.xml?section=newsreleases

Scippi, pertanto, ma in questo caso l'Universita' ha firmato un impegno col Governo Italiano che riconosce la proprieta' dei TESORI al nostro Governo...in cambio Rutelli concesse a detta Universita' di tenere **in prestito** detti Tesori

Volando in area Genchi...questo e' un tipo di trattative che comporta molto lavoro al telefono ed altri mezi di comunicazione...che Genchi potrebbe aver avuto l'incarico di seguire

Rutelli non era nel NANO-SYSTEM (tm) allora, e pertanto chi ordino', eventualmente a Genchi, lavori di monitoraggio...?

Il prossimo post sara' per l'ambiente che ruota attorno al Saladino...sue **Opere** ed estensione delle sue attivita'

Buona Lettura

Ed . Commentatore certificato 14.03.09 02:04| 
 |
Rispondi al commento

se stanno perquisendo la casa e l'ufficio di Genchi la motivazione non può essere "per cercare...", questo lo capisce anche un bambino, saranno intenti alla costruzione di una qualche fandonia. il bello è che è fatica sprecata: noi non ce la beviamo, chi se la beve non sa neanche chi è Genchi. Quindi aspettiamo, senza ansia alcuna, la prossima porcata. Se Genchi gentilmente potesse trasferirsi all'estero e finire di sputtanarli, di nuovo non cambierebbe nulla ma altre nostre piccole curiosità sarebbero soddisfatte. Tutto quello che non sappiamo è vero.

Rossana P., Milano Commentatore certificato 14.03.09 01:59| 
 |
Rispondi al commento

YES, VIZIT!

Rossana P., Milano Commentatore certificato 14.03.09 01:52| 
 |
Rispondi al commento

Se pensiamo che queste cose dovrebbero stare sulle prime pagine di tutti i giornali.... che schifo di paese...

Francesco Simi Commentatore certificato 14.03.09 01:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GIOACCHINO GENCHI PATRIMONIO ITALIANO!!!

Non si tocca!

Forza Gioacchino facci sognare!

***********************************

Beppe!

Dicci cosa possiamo fare!

Dacci il là


Magari perquisissero Rutelli! Chissà cosa verrebbe veramente fuori.
Stanno cercando di insabbiare tutto, spostando l'attenzione su Genchi invece che sui veri indagati. E' folle questo paese.

Demo M. 14.03.09 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Prego i responsabili del blog di aggiornarci giornalmente sul caso Genchi.

Iniziamo un bel REALITY SHOW dal titolo:


la penisola dei famigerati,

oppure, il grande flagello, oppure, il pupo e

l'ascoltatore..............

Mi raccomando!

stevemax stevemax Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.03.09 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Dichiarazioni dell'avv. Fabio Repici, difensore di Gioacchino Genchi

13 marzo 2009

"Accogliendo le reiterate richieste provenute dalla politica, la Procura di Roma ha provveduto agli odierni decreti di perquisizione.

Rendo volentieri atto ai militari del reparto tecnico del R.o.s. e della sezione anticrimine di Palermo di aver operato in modo ineccepibile.

Dalle acquisizioni di oggi trarrà giovamento l'accertamento della verità e si potranno così accantonare le abnormi incongruenze ed i marchiani errori contenuti nelle precedenti informative sottoscritte dal col. Angelosanto.

Prendo atto che c'è stata una duplicazione di procedimenti, per effetto di una segnalazione che sarebbe giunta alla Procura di Roma dal Procuratore di Marsala.
Anche questo, in fondo, è un dato che servirà a fare chiarezza, perché così oggi si possono capire meglio le ragioni che a suo tempo portarono all'avocazione dell'indagine "Why not" ed alla revoca dell'incarico al dr. Genchi.

Ciò che si sta compiendo è la prosecuzione di una strategia di delegittimazione del dr. Genchi, quale funzionario di polizia e consulente dell'A.g., che trova ragione nei fondamentali accertamenti fatti dal dr. Genchi sulla strage di via D'Amelio del 19 luglio 1992.

Quanto alle contestazioni avanzate oggi a carico del dr. Genchi, per constatarne l'infondatezza basta rileggere il decreto di sequestro emesso qualche mese fa dalla Procura di Salerno a carico di magistrati catanzaresi.

In quel documento c'è la prova della correttezza dell'operato del dr. Genchi e degli esorbitanti errori commessi dal funzionario del R.o.s. che ha operato prima su delega della Procura generale di Catanzaro e che oggi opera per conto della Procura di Roma.

La ripetizione di ulteriori accertamenti non potrà che confermare i risultati già acquisiti a Salerno".

Avv. Fabio Repici

http://www.antimafiaduemila.com/content/view/13844/48/

Silvanetta P. Commentatore certificato 13.03.09 23:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.

GIOACCHINO GENCHI PATRIMONIO ITALIANO!!!

Non si tocca!

Forza Gioacchino facci sognare!

Beppe dagli uno spazio fisso sul blog che ci racconterà tente belle filastrocche.

Beppe teniamo vivo l'argomento per favore.

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.03.09 23:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"BOICOTTIAMO MEDIASET" questa è l'iniziativa che mi sento di proporre. Un'inizativa banale ma semplice da realizzare, l'unico e potente modo per ridimensionare il potere di Berlusconi. E'assurdo che gli italiani che da anni non ne tollerano il regime votando per i partiti oggi di opposizione continuino a ingrassarlo scegliendo le sue reti o peggio il digitale terrestre (quello che avrebbe dovuto garantire più concorrenza). L'informazione in Italia ha toccato dei livelli mai visti, su Mediaset ormai ci sono 3 Tg4. Berlusconi ha paura quando è toccato nei suoi interessi, guardate quanto ha tempo ha investito in sardegna, ha avuto il tempo di ricevere Fiorello prima che scegliesse Sky, ha aumentato l'iva per Sky....se vogliamo sconfiggerlo è sugli interessi personali che dobbiamo attaccarlo. Le manifestazioni, gli scioperi, i ballarò e l'anno zero non gli fanno più paura...QUESTA E' LA PROSSIMA GRANDE INIZIATIVA CHE DOVREMMO CALENDARIZZARE.

luca chighine 13.03.09 23:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

hanno paura di genchi

giuseppe f., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.03.09 23:20| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Peccato che Bunuel sia morto, ci avrebbe fatto un film, splendido come tutti quelli che ha girato!

fran cesca Commentatore certificato 13.03.09 23:10| 
 |
Rispondi al commento

In questo mondo in tempesta, qui in Italia si aggiunge anche il fatto che tutto funziona al rovescio, gli onesti vengono indagati e a volte anche arrestati, mentre i criminali stanno in parlamento e al governo.....

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.03.09 23:07| 
 |
Rispondi al commento

La cosa più tragicomica è che in rete ho letto di un comunicato della Procura di roma che assicuravano che non sarebbero stati manomessi e distrutti i materiali messi sotto sequestro ( praticamente si sono già dati la zappa sopra i piedi come si suol dire) Speriamo che vengano fuori tutti i nomi di questo schifo di sommerso che non hanno permesso venisse fuori bloccando le inchieste di de magistris.




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori