Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fiato sul collo a Cattolica


Fiato_sul_collo_Cattolica.jpg
Il sindaco del PDmenoelle di Cattolica si chiama Pazzaglini. Non apprezza le riprese del consiglio comunale. Un assessore ha minacciato una denuncia. La maggioranza del consiglio ha votato contro. Il pidimenoellino si presenta in campagna elettorale con lo slogan: "Sto con voi". L'amministrazione di Cattolica ha investito in fondi a rischio con la BNL. Se chiude il contratto perde 1,2 milioni di euro. Se non lo chiude può perderne più di 4. Ci credo che non vogliono essere ripresi! (Guarda Cattolica su Report).

26 Apr 2009, 19:21 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

lavoro alle scuole medie di cattolica da diversi anni mi occupo di handicap,per fare il mio lavoro a scuola mi dicono che non hanno i soldi neppure per comprare una colla ,la devo comprare io. dal mese di ottobre del2008 ancora la scuola aspetta i soldi dal comune per pagare il mio stipendio (progetto di collaborazione).sono rimasto scioccato da questo video su cattolica: so che il sindaco pazzaglini ad una festa per gli anziani in parrocchia ha organizzato un buffet con tanto di camerire pagati con i soldi del comune naturalmente. sono anni che tagliano continuamente i soldi per il sostegno all'handicap...ai genitori con figli problematici il preside facendo finta di dare un consiglio disinteressato dice di mandarli in altre scuole perchè in verità sono un costo.. questo lo dice a noi operatori naturalmente che dobbiamo fare buon viso a questo sporco gioco far finta di dare un consiglio di aiuto (a questi poveri genitori che hanno già i loro problemi) mascherato da una becera questione economica. diamo i soldi ai vecchi e togliamoli ai giovani tanto una persona con un grave handicap non va neanche a votare un anziano si è giusto...da 40anni il comune di cattolica è governato dalla sinistra questa gente mi fa vergonare di essere del pd.

simone cangiotti 29.04.09 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto questo cozzi con le regole basilari della Democrazia, confesso che fossi sindaco, anche io avrei difficoltà a tenere informata di ogni mia azione, anche se incomprensibile, la cittadinanza di un paese nella nazione che ha inventato il fascismo, ha creato la mafia, ospita il vaticano, s'è scelta per decenni una classe politica demokristiana e da 15 anni con grande maggioranza, manda alla Presidenza del Consiglio un delinquente comune. Saluti

ivan IV Commentatore certificato 27.04.09 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Lega ladrona, l' Italia non perdona

ivan IV Commentatore certificato 27.04.09 18:49| 
 |
Rispondi al commento

1.929 ISCRITTI!!!!

Vuoi aderire perché Banca d'Italia diventi di proprietà del popolo?

La seguente proposta é un invito alla riflessione per evidenziare il fatto che attualmente la Banca d'Italia é di proprietà delle banche stesse: infatti la Banca d'Italia é di proprietà al
45% circa di INTESA SANPAOLO;
30% circa di UNICREDIT CAPITALIA;
15% circa di ALTRE BANCHE E ASSICURAZIONI;
5% circa INAIL;
5% circa INPS.

Nel sito della Banca d'Italia c'é scritto che essa é un "istituto di diritto pubblico"!!!!
LA REALTA' E', INVECE, CHE IL CONTROLLATO E' IL CONTROLLORE E IL CONTROLLORE E' IL CONTROLLATO.

Aderisci all'iniziativa dimodoché la Banca d'Italia diventi di proprietà del popolo italiano: IN QUESTA MANIERA LE BANCHE VERREBBERO CONTROLLATE DA UN ORGANO ESTERNO COMPOSTO DIRETTAMENTE DAI CITTADINI.

Un vivo ringraziamento a quanti vorranno far circolare il contenuto di questo messaggio.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/

Giovanni A. Commentatore certificato 27.04.09 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Tentò la fuga in tram
verso le sei del mattino
dalla bottiglia di orzata
dove galleggia Milano
non fu difficile seguirlo

il poeta della Baggina
la sua anima accesa
mandava luce di lampadina
gli incendiarono il letto
sulla strada di Trento

riuscì a salvarsi dalla sua barba
un pettirosso da combattimento

I Polacchi non morirono subito
e inginocchiati agli ultimi semafori
rifacevano il trucco alle troie di regime
lanciate verso il mare

i trafficanti di saponette
mettevano pancia verso est
chi si convertiva nel novanta
ne era dispensato nel novantuno

la scimmia del quarto Reich
ballava la polka sopra il muro
e mentre si arrampicava
le abbiamo visto tutto il culo

la piramide di Cheope
volle essere ricostruita in quel giorno di festa
masso per masso
schiavo per schiavo
comunista per comunista

La domenica delle salme
non si udirono fucilate
il gas esilarante
presidiava le strade
la domenica delle salme
si portò via tutti i pensieri
e le regine del ''tua culpa''
affollarono i parrucchieri

Nell'assolata galera patria
il secondo secondino
disse a ''Baffi di Sego'' che era il primo
-- si può fare domani sul far del mattino –
e furono inviati messi
fanti cavalli cani ed un somaro
ad annunciare l'amputazione della gamba
di Renato Curcio
il carbonaro

il ministro dei temporali
in un tripudio di tromboni
auspicava democrazia
con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni
-- voglio vivere in una città
dove all'ora dell'aperitivo
non ci siano spargimenti di sangue
o di detersivo –
a tarda sera io e il mio illustre cugino De Andrade
eravamo gli ultimi cittadini liberi
di questa famosa città civile
perché avevamo un cannone nel cortile

La domenica delle salme
nessuno si fece male
tutti a seguire il feretro
del defunto ideale
la domenica delle salme
si sentiva cantare
-quant'è bella giovinezza
non vogliamo più invecchiare –

Pettirosso Da Combattimento 27.04.09 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questo sarà un po' 0T...
ma com'è che nella città di Cattolica appoggiate la coalizione arcobaleno con dentro verdi e rifondazione?
non lo sapete che quei verdi e quella rifondazione in provincia di Rimini hanno votato il POTENZIAMENTO DELL'INCENERITORE!!!per il solo
amore delle poltrone e alla faccia della salute pubblica?
(solo due consiglieri dell'area di sinistra
critica hanno votato contro, usciti da Rifondazione). Con che criterio date il vostro appoggio e le vostre "certificazioni" in queste amministrative??? Senza polemica. ciao

Agostina Rossi 27.04.09 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per quanto questo cozzi con le regole basilari della Democrazia, confesso che fossi sindaco, anche io avrei serie difficoltà a tenere informata di ogni mia azione, più o meno comprensibile, la cittadinanza di un paese nella nazione che ha inventato il fascismo, ha creato la mafia, ospita il vaticano e da 15 anni, con grande maggioranza, manda alla Presidenza del Consiglio un delinquente comune. Saluti

ivan IV Commentatore certificato 27.04.09 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,
si può chiedere al Garante della Privacy che si esprima in proposito?
Possiamo, inoltre, chiedere alla Corte dei Conti che, alla chiusura del contratto con la Banca, verifichi l'eventuale perdita subita dal Comune e chiami gli amministratori (e non i cittadini) a risarcire gli eventuali danni procurati alle casse del comune?

Anto N. Commentatore certificato 27.04.09 12:30| 
 |
Rispondi al commento

In quasi tutti i video che ho visionato, quelli in cui si cerca di vietare le riprese ovviamente, le reazioni di dei personaggi che si trovano dalla parte opposta alla videocamera sono pressoché identiche e possono essere riassunte in tre punti:
1)il coniglio comunale, con sistemi non sempre chiari, ha deliberato che non possono essere effettuare le riprese video;
2)la maggioranza o anche solo alcuni dei presenti invoca il proprio diritto alla privacy;
3)più o meno velate minacce di denunce o provvedimenti legali di altro tipo contro coloro i quali si protrarranno nel riprendere.
Ora mi domando:
1)il consiglio comunale ha il diritto di vietare le riprese video di un'assemblea pubblica? Per quanto ne so il comune non può emanare ordinanze (no sono sicuro che sia il termine esatto) che vadano in contrasto con leggi dello stato. Sarebbe bello potersi presentare innanzi al sindaco di turno e fagli notare, carte alla mano, che quella delibera ha valore nullo e che lui e i suoi colleghi possono deliberare quanto vogliono ma non hanno il potere di vietare le riprese. Sarebbe altrettanto soddisfacente ricordare le conseguenze legali di altri consigli comunali che in precedenza hanno perseverato nell'allontanare le videocamere dalle loro aule, ovviamente se tali provvedimenti esistono (io non lo so);
2)un personaggio pubblico nell'adempimento delle sue funzioni può invocare il diritto alla privacy? Il termine stesso di personaggio pubblico contrasta con il termine privacy. Esistono sentenze a riguardo? Come per il punto precedente, sarebbe interessante interrompere sul nascere qualunque discussione portando all'attenzione degli interessati qualche documento, siano leggi, regolamenti o sentenze passate in cassazione, dalle quali si evince che in quell'aula loro non possono invocare diritti alla privacy di alcun tipo.
Grazie a tutti, Valerio.

Valerio Gallo 27.04.09 12:07| 
 |
Rispondi al commento

LA BNL E' QUELLA BANCA COLLABORAZIONISTA DELLA BCCI AMERICANA CHE PRESTO' 5 MILIONI DI DOLLARI A SADDAM PER ACQUISTARE ARMI PRODOTTE DALLA FIAT ...TUTTO DETTO...

TESI VS ANTITESI= (sin.tesi), Atlantide Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.04.09 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l' ignoranza, ma questi personaggi strani che hanno funzioni pubbliche ed invece fanno interessi privati, hanno la facoltà di vietare le riprese di un consiglio comunale?
Esiste una legge, o una sentenza che regolamenta queste cose?

Marco L., Mestre - VE - Commentatore certificato 27.04.09 10:57| 
 |
Rispondi al commento

questi quando sono nati i medici hanno faticato per capire qual era la faccia e quale il sedere.

fabrizio scerrato 27.04.09 08:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dimostrazione classica che sono TUTTI UGUALI
e non solo la parte con la ELLE
sono uguali vogliono solo essere al posto di comando
PER LORO SONO SOLO LORO AFFARI
LE PROMESSE SONO SOLO PROMESSE E POSSONO NON ESSERE MANTENUTE


e questo anche per chi nelle passate elezioni ci accusava che era la colpa nostra che NON ERAVAMO ANDATI A VOTARE ...(LA SINISTRA) CHE AVEVA VINTO BERLUSCONI
la dimostrazione che e inutile andare a votare
votare per chi e chi votare???
per scegliere chi ci fotte????
bisogna invece e sotto le elezioni rispedirci al mittente tutte queste esternazioni o minacce di denuncie al mittente
E ANCHE AI loro capi di partito
loro minacciano denunceNOI INVECE NON MANACCIAMO DENUNCE MA NIENTE VOTO AI LORO PARTITI CON GENTE SIMILE
loro hanno bisogno di noi NOI INVECE POSSIAMO BENISSIMO FARNE A MENO


stefano b., rovato Commentatore certificato 27.04.09 05:20| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi! Altro comune sputtanato!

3my78

Emiliano R., Arezzo Commentatore certificato 27.04.09 03:22| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
DICONO "STO CON VOI" ED INVECE STANNO CON I BANCHIERI PERCHE' STANNO FALLENDO ALTRO CHE BELL'ESEMPIO DI DEMOCRAZIA, UN BELL'ESEMPIO DI PRESA PER I FONDELLI, PER NON AGGIUNGERE ALTRO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 26.04.09 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Pazzaglini non sarà candidato per il PD al comune, ma con alcune liste civiche visto che non si è presentato alle primarie del Partito Democratico, vinte da altro candidato.

my twocents 26.04.09 20:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tann a' ccide.

paolo piconi (madreitaliana), Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.04.09 19:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori