Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le interviste del blog: Daniele Scaglione


Daniele Scaglione
Il genocidio in Rwanda non è stato un episodio incomprensibile di follia collettiva. E' stato piuttosto la realizzazione di un piano progettato con cura. Un grande progetto di comunicazione che attraverso un uso strategico dei mezzi di informazione più diffusi ha creato un nemico. E poi ha dato istruzioni puntuali per eliminarlo. Daniele Scaglione, direttore della comunicazione di Action Aid International Italia, ha scritto il libro "Istruzioni per un genocidio. Rwanda: cronache di un massacro evitabile". Il blog lo ha intervistato.
Per maggiori informazioni sul genocidio in Rwanda, visitate il blog dell'associazione Bene-Rwanda

7 Mag 2009, 18:48 | Scrivi | Commenti (6) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Bene possiamo anche dire che il Tutsi italiano potrebbe diventare il Napoletano. Il Napoletano che si oppone agli inceneritori,il Napoletano che si oppone alla discarica di chiaiano, il Napoletano ormai visto come un camorrista ,il Napoletano che ti fa il pacco a Piazza Garibaldi, il Napoletano che ruba...
Forse non sembra, ma i media con noi Napoletani fanno esattamente così : ci omologano come feccia dell'Italia,come un popolo di imbroglioni dove anche il più fesso ha una pistola in tasca.
Facciamo attenzione!!!

danilo de mattia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.05.09 16:52| 
 |
Rispondi al commento

che dio sia cone tè!...

william v., rovereto (TN) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.05.09 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Un MASTER di POCHI GIORNI con BRUNETTA e le VELINE e LETTERINE a vent'anni diventano SUBITO delle ESPERTE PARLAMENTARI con una GRANDE ESPERIENZA POLITICA ed ECONOMICA...
NO, QUESTA PROPRIO NON LA BEVO!!

rob roy 08.05.09 13:54| 
 |
Rispondi al commento

ma quella delle carrozze separate e il posto riservato ai milanesi è la solita barzelletta del premier ? ditemi di si.

non siamo mica come quelli del rwanda che hanno permesso se non voluto il genocidio? siamo mica alla frutta come la barbagia che spunta dalle fila occidentali? altro che paesi in via di sviluppo, siamo mica noi evolutissimi occidentali al capolinia?

ditemi che è la solita balla dei medium di massa.

Diego B. Commentatore certificato 07.05.09 23:52| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ITALIA COME RWUANDA, CI STIAMO ANDANDO MOLTO VICINI. STAIMO ARRIVADO ALLA XENOFOBIA PIU' PURA, TRAMITE I MEZZI DI DISINFORMAZIONE DI MASSA. NON DIMENTICHIAMO PERO' QUELLO CHE AVVENNE IN RWUANDA, NON DIMENTICHIAMOLO!!!!!!!!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 07.05.09 22:05| 
 |
Rispondi al commento

E' la prima forma di controllo. Inventi un nemico plausibile e aggreghi tutte le forze che normalmente non potresti aggregare contro di lui. E quindi diventi il leader di tali forze.

Non fu Hitler uno degli storici personaggi che usò questa tattica? Poi possiamo ricordare Milosevich, credo. Lo ha fatto anche Berlusconi con i comunisti e D'Alema/Ochetto/Prodi/Veltroni/Franceschini con Berlusconi. Lo fanno anche le guide religiose mussulmane che incoraggiano i terroristi suicidi.

Alla fine si riassume in una semplice frase: "dai loro un nemico e moriranno per te". Questo per dimostrare quanto noi esseri umani siamo facili da controllare.

Uh... ma lo sta facendo anche Grillo?

Luca Scarcia (elei-mi-shill), Trieste Commentatore certificato 07.05.09 20:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori