Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Licenziati per il funerale di Stato


Fantozzi_funerale.jpg
120 lavoratori della Santa Croce di Canistro, azienda delle acque a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, hanno chiesto un’ora per partecipare al lutto nazionale per le vittime del terremoto. Per questo sono stati licenziati. Il datore di lavoro non ha concesso il permesso alla fermata della produzione. I lavoratori hanno deciso di rendere comunque omaggio alle vittime. Dopo pochi giorni hanno ricevuto un telegramma con il licenziamento. Il padrone dalle belle braghe bianche ha anche sporto denuncia contro il segretario generale della Flai Cgil dell’Aquila, Luigi Fiammata, con l’accusa di associazione a delinquere.

1 Mag 2009, 21:45 | Scrivi | Commenti (84) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

licenziati???
****************
ciao a voi vorrei INNANZITUTTO spiegare a voi tutti che io ITALIANO licenziato non ho mai sdegnato nessun lavoro ma solamente ho constatato che con gli spiccioli che questi PADRONI mi danno non copro le TASSE che altri PADRONI mi chiedono, quindi non è l'EXSTRACOMUNITARIO che fà il mio lavoro malpagato, è lo stato che non tutela il lavoro in generale dando spazio a questi NUOVI NEGRIERI DI AGIRE LIBERAMENTE.
NEL FRATTEMPO HO ANCHE CONSTATATO CHE L'AUMENTO DELLA CRIMINALITà E DOVUTO A QUESTI ATTEGGIAMENTI LEGALIZZATI,
QUINDI NON LAMENTATEVI QUANDO TROVERETE IL LADRO DENTRO CASA, CON STUPRI E ASSASSINI, SE NEL FRATTEMPO NON RIUSCITE A VEDERE OLTRE IL VOSTRO NASO.
CHI SEMINA VENTO RACCOGLIE TEMPESTA, ED IO STO A GUARDARE.
FABIO

fabio n., lecce Commentatore certificato 04.05.09 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Fate bene a seguire il blog di Beppe Grillo,ma non limitatevi a sentire una sola campana !
Il caso della Santa Croce non e' solo come si legge,ma c'e' ben altro !
l'ora di astensione per i funerali era stata autorizzata,ma un sindacalista (licenziato e poi dovuto riassumere dalla Societa') ha istigato i lavoratori ad uno sciopero ad oltranza.Al rifiuto di molti lavoratori,e' scoppiata la rissa. Da qui le decisioni di chiudere l'Azienda.Non era la prima volta che questo personaggio agiva in tal senso.
Provate a commentare adesso che avete sentito anche l'altra campana. Ma sopratutto sentitela sempre !

guido piano 04.05.09 09:53| 
 |
Rispondi al commento

ALLORA....
Mi spiace ma non sapete (e lo capisco) come sono andate le cose.
La stragrande maggioranza degli ex-dipendenti della Santa Croce S.p.A. erano persone assunte solo perchè "parenti di" o perchè "promettevano il voto a" in questo caso al marito politicante dell'ex proprietaria (Premetto che Canistro dove è locato l'azienda è un paesino di neanche 1000 persone). A molti quindi non era richieso di lavorare più di tanto, senza contare che il nuovo proprietario si è trovato montagne di ebiti e un esubero di non so quanti lavoratori (assunti per i motivi vedi sopra).
Quando questi lavoratori hanno visto che con Colella (nuovo proprietaio di dubbia professionalità per fama...) dovevano lavorare veramente, si sono fatti rodere forse perchè non sanno che la maggior parte delle persone nel mondo lavora veramente e non ha tanta confdenza con il suo capo.
Gli atti di sabotaggio che cita Colella ci sono stati, e il licenziamento di quelle persone non è certo dovuto alla rissa di cui si parla...

IO LO SO PER CERTO.

EBBENE SI 03.05.09 23:02| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,e carissimi tutti voi,vedo con pia cere che finalmente a qualcuno cominciano a girare fortemente le balle,era quasi ora.pero' per capire come si e' ridotta l'italia cioe' uno dei paesi piu' corrotti esistenti dobbiamo fare uno sforzo a capire chi siamo noi SENZA GENERALIZZARE.E' avanzata una generazione sballata,convinta da pochi furbi che avevano capito questo,di essere personi importanti,solo per avere un telefonino di merda,e lavorare dietro ad una scrivania a girare tutto il giorno con un cazzo di foglio in mano senza ne arte e ne parte.Questa generazione sballata ha creato dei figli a loro volta suonato come delle campane,ignoranti e cafoni e presuntuosi.Per cui ci troviamo genitori,che non avrebbero nulla da eccepire se la propria figlia si facesse scopare da un personaggio importante,basta che possa metterla oltre che sotto la scrivania ogni tanto anche dietro ad una scrivania.abbiamo gente che si lamenta che non ha lavoro:io ho provato a vedere gli elenchi negli ospedali delle persone che fanno la notte agli ammalati;il 98% sono extracomunitari,siamo un popolo che i nostri anziani per essere accuditi, dopo una vita di sacrifici dobbiamo ricorrere a persone che provengono da altri paesi come se da noi fossero tutti dottori e avvocati i nostri e le nostre non si vogliono abbassare a fare certi lavori.per concludere senza GENERALIZZARE siamo un paese di merda per cui non scandalizziamoci se siamo un paese dei piu' corrotti.io i forconi oltre che servirmene contro i corrotti amministratori locali e nazionali,li adoprerei volentieri nel fondoschiena a questi italiani e italiane .Franco

leandro corradino Commentatore certificato 03.05.09 17:28| 
 |
Rispondi al commento

....purtroppo, l'Italia, non è solo quella che si è vista nei giorni dopo il terremoto, che si è unita intorno alle famiglie dei terremotati....ripeto, anche questa è l'Italia!!!!
ai tempi in cui ero i fabbrica, un datore di lavoro di questo genere(direttore o responsabile che sia) lo si attendeva nelle vicinanze della ditta e dopo avergli messo un bel sacco in testa, riempito di sacrosante legnate, credetemi, serviva!!....a oggi mi dicono sia reato "picchiare" il bel padrone dalle belle braghe bianche....allora teniamocelo!! e magari RI-diamogli il nostro voto alle prossime elezioni...

antonio curra 03.05.09 17:08| 
 |
Rispondi al commento

A questa gente basta sparagli a vista,verificate bene prima di andare via che sia morto e non spendete per i fiori sono soldi sprecati.Se non avete un arma tirategli tutto quello che vi capita per mano quando passa a tiro. è ora di reagire con questi criminali legalizzati.

paolo muzzi 03.05.09 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Io invece dico che ha fatto bene,e spero che per le europee vadino a votare ancora.
Bravi servetti,votate votate votate..
e beccatevi un bel calcio in culo...
fanno solo che bene..

Andrea Cantelli, Belluno Commentatore certificato 03.05.09 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi è questo esecrabile individuo, indegno di far parte della famiglia umana??!!

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 03.05.09 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Che vergogna, che vergogna.
A questo datore di lavoro gli si può augurare solo una cosa.....di rimanere un uomo solo, senza amici, senza famiglia...e soprattutto il giorno del suo funerale di non avere persone presenti. Tanto vale buttarlo in una fossa.

Angela Maria Sturniolo 03.05.09 12:50| 
 |
Rispondi al commento

qst è veramente assurda,qst essere dovrebbe essere messo alla gogna nn solo x aver licenziato i suoi dipendenti, ma anke xke nn ha avuto rispetto x i caduti del terremoto

Jacopo Cicatiello (jackynet), mazara del vallo Commentatore certificato 03.05.09 12:00| 
 |
Rispondi al commento

OMAGGIO ALLE VITTIME DEL TERREMOTO.

Alla Ditta che ha licenziato i 120 Lavoratori che si sono fermati nell'ora dei Funerali, se fossimo in uno Stato Civile, una sola risposta : REVOCA DELLA LICENZA!

Ma siamo in uno Stato Civile ?

alessandro S., SELARGIUS Commentatore certificato 03.05.09 10:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao beppe io penso che un datore di lavoro non puo' mai licenziare 120 operai x non essersi presentati al propio posto di lavore al max un richiamo con raccomandata........Ma che fine stiamo facendo.................e' uno schifo e' questo grazie al berlusca.....

gian d., montichiari Commentatore certificato 03.05.09 10:11| 
 |
Rispondi al commento

.... e già perchè come credete che stiano andando le cose nel settore pubblico?
A TARANTO nella ASL locale succede che se sei un precario della sanità e sei legato ai soliti infami di politici locali ti vedrai riconfermare il contratto altrimenti niet, oppure te ne torni da dove sei venuto....
E la cosa più interessante è che non stiamo parlando di rinnovi di contratti di medici o dirigenti, perchè quelli si sa che devono essere amici degli infami, ma persino di qualifiche più modeste, come gli infermieri.
Cari amici altro che loro non si arrenderanno mai!

LORO diventano sempre più forti e potenti.

UN VERO COLPO DI STATO DEI PARTITI NELLE ISTITUZIONI.

Questo è quello che hanno fatto e noi parliamo di liste civiche o certificate ecc. ecc.
Prima che questi bei progetti saranno realizzati saremo degli zombi mummificati, sarà troppo tardi e i nostri figli il bel paese che eravamo potranno solo immaginarlo dalle storie dei dissidenti trapassate verbalmente.
Questa è la VERITA'!
Quanti di voi hanno perso il loro lavoro per raccomandati spinti dagli infami che spingono i dirigenti a chiamare gli stessi raccomandati.
E qui ci si arrovella su quanto sian cattivi i datori di lavoro privati.

QUI OGNUNO FA QUEL CHE VUOLE.

FUORI DA OGNI LOGICA MERITOCRATICA I PARTITI FICCANO IN OGNI POSTO SOLO I LORO AMICI.

E' UNA GRANDE MAFIA NAZIONALE

QUESTA E' L'ITALIA.

E IO VORREI UNA VOLTA PER TUTTE VEDERE I FORCONI IMBRACCIATI DA NOI A RINCORRERE QUESTI INFAMI E I LORO AMICI CHE NON CI CONSENTONO DI COSTRUIRCI UNA VITA NORMALE.
QUESTO E' QUELLO CHE CI STANNO FACENDO: CI STANNO LEVANDO PERSINO LA NORMALITA', CI COSTRINGONO AD UNA CONTINUA E LENTA TORTURA PSICOLOGICA CHE DISTRUGGE OGNI NOSTRA SPERANZA E CI LASCIA IN UN ETERNO LIMBO DI IMPREVEDIBILITA'.
DAI RICERCATORI AGLI INFERMIERI AGLI OPERAI CHE ESPRIMONO SOLIDARIETA' ALLE VELINE CANDIDATE ALLE EUROPEE.
DA QUALE ALTRA PROVA ABBIAMO LA NECESSITA' DI FARCI SCHIACCIARE?
LORO VINCONO E NOI?

giuseppe petrachi 03.05.09 09:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ma nessuno è andato a rasare quel titolare d'azienda???
Ma come si può rimanere inerti a una denucia del genere??

bernardo g., Modena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.05.09 09:21| 
 |
Rispondi al commento

e magari questo imprenditore e la sua azienda hanno preso e prendono soldi dallo Stato perchè poverino non ce la fà ad arrivare a fine mese, mettendo i suoi ben al sicuro usando le classiche scatole cinesi .
Ma non è ora di dire basta a questi soprusi??????
Sono d'accordo con Tinazzi .
Lavoratori Italiani è ora di dire basta svegliamoci che ci stanno prendendo per i coglioni.

Gigio1953

Remigio Garbin, Breda di Piave Commentatore certificato 03.05.09 09:13| 
 |
Rispondi al commento

E' stranissimo che un imprenditore licenzi 120 dipendenti in tronco con tutto il tempo che ci vorrebbe per assumerne subito altrettanti ed addestrarli a dovere oltre al problema che si creerebbe con i sindacati e con l'opinione pubblica. Sicuramente c'è sotto qualche altra cosa, tipo chiusura dell'azienda già programmata da tempo o cose simili.Se però fosse veramente un puro licenziamento per ritorsione la cosa sarebbe veramente lunare.

Giuseppe N. 03.05.09 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei mai del male a nessuno ma spero che il prossimo edificio (penso sicuramente a villa singola almeno lo spero) sia proprio il suo a cadere. Morire è poco per certe persone ci vorrebbe la tortura. Che si vergogni a nome di tutte le vittime e parenti dei defunti d'Abruzzo.
Ma il nostro Presidente della Repubblica, uomo d'onore e di stima non stia a guardare!

camilla pesce, Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.05.09 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Secondo voi in un mondo dove ci fanno concorrenza 1 miliardo di persone che vivono con poco più di 100 euri al mese che futuro ci aspetta?

- fallimento (ottima soluzione direi dato che chi ci rimette è chi ci ha fatto credito)

- richiusura alla svelta delle barriere doganali e pagamento salato dei debiti

- riduzione progressiva dei nostri stipendi fino a 100 euri..


AnDong da Shanghai 03.05.09 05:11| 
 |
Rispondi al commento

Il licenziamento dei 120 lavoratori della ditta Santa Croce di Canistro, dimostra come la crisi economica consenta ad un qualsiasi imbecille che si fregia del magico titolo d'imprenditore, di scacciare via come una mosca il dipendente che non si adegui ai volubili chiari di luna del proprio - più che datore - detrattore di lavoro. Meno male che sui mass media, il coro dei pavidi e servili cronisti-giornalisti-analisti di turno, cantava un aria, leggiadra e trascinante, dal titolo "L'Abruzzo riprende la vita di tutti i giorni e si riprende finalmente a lavorare". Si vede che lo spartito era scritto in deroga ai 120 licenziati - e mi pare sacrosanto scriverlo a chiare lettere - SENZA GIUSTA CAUSA. Stiamo riproponendo, con questi metodi alla Bava Beccaris, un modello di rapporto tra dipendente ed imprenditore che è fuori tempo massimo; un incontro di boxe non può e nè deve essere la sublimazione di quest'inciviltà appalesatasi in Abruzzo, la quale non è estemporanea ma sistemica, palpabile seppur latente, crescente anche se invisibile. E' quella rabbia vetero-padronale, chiusa da più di 30 anni nel vicolo cieco della democrazia - che non è notoriamente un sistema politico particolarmente amato dagli "sciur parun" dello stivale -; è quella frustrazione di chi spremerebbe i subalterni fino a fargli sputare sangue in cambio di un misero tozzo di pane indurito; è quell'odio atavico di chi possiede qualcosa - spesso arbitrariamente, senza nessun merito e con l'inganno - nei confronti di chi è stato meno fortunato di lui e non ha nulla di che sfamarsi, offrendo quindi le sue nude mani per ricavarne la sopravvivenza. E' la nuda e cruda disequazione della modernità. Andare a tributare il rispetto dovuto a chi non è più fra noi, partecipando indi al funerale, è un atto più atavico del concetto di lavoro di per sè; è un'irrinunciabile atto d'amore che momentaneamente soppianta, estirpa e cancella ogni forma - più o meno legale - di prestazione lavorativa.

ALESSANDRO PINTUS, CASTELFIORENTINO Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 23:26| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

scommetto che il datore di lavoro della Santa Croce di Canistro in tempi non sospetti ha usufruito di contributi asgevolati a fondo perso per costruire ampliare gli impianti; contributi di tutti gli italiani soldi di quei 120 Aquilani .
questo è il peso di riconoscenza
questo imprenditore ha sempre sete
maahh!! mettetelo in black list fatelo fare la fame vedrete come cambierà tono e attegiamento verso gli operai.

Maverick. Ita Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 22:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Acque minerali italiane = MAFIA

Paolo Cicerone, 'Ndranghetown Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 21:56| 
 |
Rispondi al commento

penso che questo sia il risultato di quando si manda al potere gente come Berlusconi. Questi sono i risultati. Siamo tornati a come eravamo prima della seconda guerra mondiale, intendo a livello sociale. Spero di cuore che coloro (ma non è vero) che subiscono questa vessazione, abbiano tutti votato PDL e Berlusconi, così che raccolgono quello che hanno seminato, ma in realtà sono "poveri cristi" che devono sopportare quello che non hanno mai deciso. Queste parole mi ricordano il periodo storico di quando in Italia governava Mussolini e il fascismo. Meditate gente, meditate.

Mario Frontini 02.05.09 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il risultato del libero mercato, della globalizzazione, del mercatismo, della legge del più forte.

L'uomo trattato come un oggetto e, al contrario, gli oggetti, che sono aziende, macchine, soldi e produzione, sono considerati soggetti.

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci credo...non può essere successa una cosa simile...non così come è stata presentata suvvia...se fosse che sono stati licenziati per quel motivo sarebbe pazzesco...a quel punto se uno deve prendersi una denuncia e gli altri sono stati licenziati in tronco in questo modo terroristico...se la giustizia ordinaria non interviene deve intervenire la giustizia parziale...e se la devono fare i licenziati...tanto sarà solo un anticipo di quello che accadrà in più ampia scala...è inevitabile...

Torno Ogni Tanto Commentatore certificato 02.05.09 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

un problema, qui, è che non sappiamo cosa sia successo veramente; l’altro, è che la gente non ha più la pazienza di leggere articoli che siano più lunghi di una qualche decina di righe.

Questo caso che hai citato in tutta la sua drammaticità, è un caso anomalo, così come è anomala la lettera che il proprietario della suddetta azienda ha rilasciato ad alcuni giornali (mooolto più lunga di una decina righe).
Lettera che credo che Ti convenga recuperare al più presto poiché una lettura attenta della stessa potrebbe aiutarTi a ricordare quali sono i problemi che non solo gli operai hanno, qui al SUD. Infatti, quotidianamente, anche molti proprietari di aziende hanno problemi, ed a bizzeffe, dovendo affrontare politici locali superpotenti, sindacati squillo e sindacalisti mercenari, amministrazioni locali condotte a livello familiare, … e chi più ne ha più ne metta!

Il reale problema, secondo me, è che non c’è la possibilità di avere una GIUSTIZIA (quella ONESTA, in mano a gente ONESTA, che sia uguale per tutti) che sia rapida ed efficace e che possa condurre liberamente indagini su tutti i presunti responsabili - mafiosi, sindacalisti, politici, imprenditori, ma anche eventuali operai disonesti – e punirli in relazione al crimine commesso ed alle conseguenze dello stesso (in questo caso 120 operai licenziati).

Ferma restando la drammaticità dell’accaduto, credo sia presto per pronunciarsi assumendo a priori un solo colpevole. L’unica cosa che si può dire con certezza, secondo me, è che questo è un altro di quei casi tutto italiano.

Voglio concludere questa lettera aggiungendo un colpevole troppo spesso dimenticato, IL VOTO di scambio che va ad incrementare il pacchettino di voti di coloro che troppo spesso rovinano le vite di coloro che non si nutrono alle tavole dei vari potenti squillo-mercenari-abbuffoni.

V.P.L.F.

V. P. L. F. 02.05.09 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Perché qualcuno dei 120 licenziati non si arma di coraggio e tra il chiaro e lo scuro lo va a prendere pe dargli una bella ripassata ?
Dai coraggio, in fondo è solamnte un coglione |

Azzz . Commentatore certificato 02.05.09 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Guardatevi Tg La7 alle ore 20.
Una mia amica giornalista è andato ad intervistare sia i lavoratori che l'imprenditore Colella.
Cmq sia, sembra che nella denuncia della Cgil ci sia del vero.
Ovviamente lui continua a negare....
Guardatevi il servizio.

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 18:18| 
 |
Rispondi al commento

X Luca Scarcia.
Mi scusi una domanda, ma lei è un socio o un dirigente della ditta Santa Croce di Colella?
Da come difende l'azienda sembra di si.
Non credo sia un operaio.
Attendo una risposta.

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 18:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON C'E' CHE DIRE, SICURAMENTE UNA PERSONCINA "PERBENE".
E NOI DOVREMMO ANCHE CHIEDERGLI.
LUI PUO' FARE QUANTI COMUNICATI VUOLE, MA IO CREDO CHE AVER VOLUTO PARTECIPARE AI FUNERALI DI STATO PER LE VITTIME DEL TERREMOTO, SIA STATA LA GOCCIA CHE HA FATTO TRABOCCARE IL VASO.
SICURAMENTE LA PARTECIPAZIONE AI FUNERALI C'ENTRA SICURAMENTE CON LA IL LICENZIAMENTO COLLETTIVO, CHE LUI HA VOLUTO FAR PASSARE COME CESSIONE DI ATTIVITA'.

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Colella cita "atti di sabotaggio" ("tentativi di inquinamento
dell'acqua") e lanci di pietre durante picchettaggi.
La segretaria generale della Flai-Cgil, Stefania Crogi, ha
invitato "tutte le istituzioni nazionali e abruzzesi ad
adoperarsi" contro Colella perché, invece di "puntare alla
ricostruzione del tessuto sociale ed economico di un territorio
messo così a dura prova dal terremoto, ha pensato fosse lecito
licenziare chi aveva semplicemente chiesto che fosse rispettato
il lutto". Inoltre ha rivelato che Colella ha denunciato il
responsabile aquilano dell'organizzazione, Luigi Fiammata, con
l'accusa di "associazione a delinquere".
L'imprenditore peraltro ha esperienza di vicende giudiziarie:
fu arrestato per una quindicina di giorni nel giugno 2007 per
riciclaggio di denaro nell'ambito di un'inchiesta su una truffa
alla Banca di Roma. E' in attesa di processo ma si considera
vittima di un raggiro.
La goccia che ha fatto traboccare il vaso, si sottolinea a
Monteroduni, è stata un'assenza plateale della Cgil ad una
riunione di un tavolo di concertazione creato dalla Provincia
dell'Aquila. (ANSA).


Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 17:14| 
 |
Rispondi al commento

TERREMOTO: CGIL, 120 LICENZIATI SOLO PERCHE' IN LUTTO /ANSA

L'IMPRENDITORE NEGA, IO VITTIMA DI SABOTAGGI E DEL SINDACATO



(dell'inviato Rodolfo Calò)
(ANSA) - L'AQUILA, 30 APR - Il lutto per le vittime del terremoto dell'Aquila è finito al centro di una vertenza del lavoro attraverso una denuncia-shock della Cgil: 120 lavoratori
sarebbero stati licenziati nell'aquilano solo perché hanno fermato la produzione per un'ora durante i funerali di Stato di tre settimane fa. L'accusa viene respinta dalla società che
considera l'annunciato licenziamento collettivo come la reazione al "disegno criminoso" di potentati economici locali che avrebbero affossato la fabbrica anche con sabotaggi e
picchettaggi violenti fomentati proprio dal sindacato.Al centro della vertenza c'é uno stabilimento di acque minerali abbastanza noto: la Sorgente Santa Croce spa, che da Canistro Terme vanta (dati 2007) il 15% del mercato nel
Centro-Sud d'Italia. La Flai, la Federazione lavoratori agro industria della Cgil, in una nota ha sostenuto che quattro giorni dopo il terremoto che il 6 aprile ha causato quasi 300 morti gli operai della Santa Croce avevano chiesto "di fermare per un'ora la produzione in occasione dei funerali di Stato e del lutto nazionale". La richiesta avrebbe "scatenato le ire del datore di lavoro": pur senza permesso, i lavoratori
abbandonarono la fabbrica "per rendere ugualmente omaggio alle vittime" e "per questo sono stati licenziati".Fonti del gruppo Colella, che controlla al 100% la Santa Croce, hanno definito l'accusa "assolutamente falsa" e rimandano ad una lettera in cui, proprio ieri, era stato
spiegato l'annuncio di licenziamento collettivo. Camillo Colella, capo del gruppo con sede a Monteroduni(Isernia), aveva denunciato il "disegno criminoso" di "alcune
note famiglie del luogo" che, con un l'appoggio del sindacato, vorrebbero "riappropriarsi della gestione dell'azienda"----

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 17:11| 
 |
Rispondi al commento

TERREMOTO:ACQUA S.CROCE;CGIL,120 LICENZIATI PERCHE' IN LUTTO

MA AZIENDA HA DENUNCIATO 'DISEGNO CRIMINOSO' AI SUOI DANNI



(ANSA) - PESCARA, 30 APR - La segreteria generale della
Federazione alimentaristi della Cgil e la Cgil dell'Abruzzo, con
due note distinte, hanno sostenuto che il titolare della "Santa
Croce" di Canistro Terme ha annunciato il licenziamento di
tutti i 120 dipendenti dello stabilimento di imbottigliamento
dell'acqua minerale solo perché, nel giorno del lutto
nazionale, gli operai hanno fermato brevemente la produzione in
segno di lutto per le vittime del terremoto dell'Aquila.
Ieri il legale rappresentante della società, Camillo
Colella, aveva invece spiegato il licenziamento collettivo
denunciando un "disegno criminoso" di "famiglie del luogo"
che, con l'appoggio proprio della Cgil, vorrebbero
"riappropriarsi della gestione dell'azienda" di Canistro
Terme.
Il sindacato, in una nota, sottolinea che i lavoratori
"avevano chiesto al datore di lavoro di fermare per un'ora la
produzione in occasione dei funerali di Stato e del lutto
nazionale per le vittime del terremoto in Abruzzo e per questo
sono stati licenziati". La "richiesta, dettata dal buon
senso", avrebbe "scatenato le ire del datore di lavoro, che
non ha dato il suo permesso": i lavoratori "hanno deciso
allora di abbandonare la fabbrica e di rendere ugualmente
omaggio alle vittime del terremoto" subendo però il
licenziamento. (ANSA).

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo riprodotto sul nostro blog la notizia, ovviamente indicando la fonte. Allo schifo non c'è mai fine, in questo benedetto e sfortunato Paese. Resta da vedere quanto gli Italiani riusciranno a sopportare oltre. Cosa fare, poi, è altro discorso. Intanto, potremmo ricominciare a pensare. E a difendere la Costituzione che, se non ce l'hanno già sostituita, parlava di una Repubblica fondata sul Lavoro... E non sugli egoismi assurdi di un padronato di tipo medievale. Che tristezza!

misteritalia.myblog.it 02.05.09 16:57| 
 |
Rispondi al commento

La produttività è un crimine contro l'umanità.

Massimo Greco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 16:43| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO... L'ARMA PIU' ARMA CHE POSSEGGO SONO LE CESOIE PER TAGLIARE I RAMETTI... AZZ... HO ANCHE IL COLTELLO PER LA CARNE, OLTRE AL TAGLIAUNGHIE... MA SE MI INCAZZO... TRE PAROLACCE TE LE TIRO CON LA FIONDA...

rob m., como Commentatore certificato 02.05.09 16:13| 
 |
Rispondi al commento

NOOOOOOOOOOOOOOOOOO.... DITEMI CHE NON E' VERO... DITEMI CHE STAVOLTA GRILLO HA TOPPATO... DITEMELO OPPURE E' ARRIVATO IL MOMENTO DI IMBRACCIARE I FUCILI...

rob m., como Commentatore certificato 02.05.09 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

veramente il licenzito è 1 solo. cazzo che informazione libera in questo blog di minchia

carlos w Commentatore certificato 02.05.09 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui si legge la lettera del Colella:

http://www.abruzzo24ore.tv/news.php?id=10926

frap 1964 02.05.09 15:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non si capisce più niente...

http://nicoladituri.blogspot.com

Nicola Di Turi, Civita (Cosenza) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 15:23| 
 |
Rispondi al commento

E' interessante leggere l'ultima news sul sito dell'azienda:

06/04/2009
SORGENTE SANTA CROCE SI STRINGE NEL CORDOGLIO ALLE VITTIME DEL SISMA

Sorgente Santa Croce Spa si stringe nel cordoglio alle vittime del disastroso terremoto che ha investito la provincia dell'Aquila. Acqua Santa Croce risponde tempestivamente alle richieste di solidarietà della protezione civile impegnata nei soccorsi alle vittime del sisma. Sono partiti i primi 4 autotreni carichi d’acqua diretti verso le aree colpite dal terremoto. Con la massima tempestività l’azienda si è messa a disposizione per cercare di dare un apporto materiale e concreto alla macchina organizzativa dei soccorsi. All’interno dello stabilimento di Canistro in provincia dell’Aquila già dalle prime ore del mattino si sono organizzate le spedizioni in accordo con la Protezione Civile Regione Abruzzo per far arrivare nel minor tempo possibile l’acqua presso le zone terremotate. Inoltre l’elicottero del Gruppo Colella sarà messo a completa disposizione della Protezione Civile per le attività di soccorso e monitoraggio. Il tutto nel segno della più sincera solidarietà per una tragedia che tocca da vicino l’azienda con sede a Canistro anche perché il gruppo molisano facente capo all’Ing. Camillo Colella proprietario di Sorgente Santa Croce Spa, non dimentica la tragedia del 2002 che ha colpito il Molise con la strage della Scuola Jovine di San Giuliano di Puglia dove persero la vita 27 bambini e la loro maestra a causa di un tragico crollo della struttura scolastica.

frap 1964 02.05.09 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Se la gente si informasse di più prima di sputare sentenze addosso alla gente sarebbe meglio.

Pare che ci siano altri motivi dietro al licenziamento di massa e, ricordo, alla CHIUSURA della ditta! Perché sì, quelle acque minerali non le troverete più sul commercio con quel marchio perchè la ditta ha cessato definitivamente la sua attività.

Ieri qualcuno aveva postato dei link ad articoli sul caso specifico. E vorrei rivedere quei link perchè mettevano l'intera vicenda sotto una luce molto differente. Inoltre, ci sta sempre la ANSA che ha trattato il caso qualche giorno fa (non è stato Beppe il primo a parlarne).

Invito quindi a tutti di meditare prima di parlare, perché, associare il licenziamento di massa alla partecipazione ai funerali (cosa FALSA stando alle fonti ufficiali) è diffamazione.

Jaa ne

Luca Scarcia (elei-mi-shill), Trieste Commentatore certificato 02.05.09 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Il padrone è sempre cattivo, il lavoratore è sempre la vittima.
Ma i lavoratori avevano il diritto di sospendere arbitrariamente l'attività lavorativa?
I padroni sono sempre degli arrobanti; invece il dipendenti che fanno quello che gli pare violando leggi e regolamenti sul lavoro cosa sono?
Bene ha fatto, se legalmente consentito, a licenziarli tutti.
Il rispetto delle leggi vale per entrambe le categorie.
P.S.:prima di insultarmi, sappiate che non sono un padrone ma un dipendente.

Fabio DS 02.05.09 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come mi mancano gli anni settanta quando i PADRONI filavano diritti ...

Carlo Gambizza 02.05.09 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, credo che l'"imprenditore" di cui stiamo parlando sia una creatura viscida e merdea.
Ha approfittato del momento per liberarsi di 120 operai di cui non sapeva piu' bene cosa fare.
Non so' se l'azione intrapresa sia possibile, non so' se questo licenziamento sia realmente possibile, altrimenti vedremmo in Italia gente licenziata ogni secondo.
Quello che credo e' che certe cose non dovrebbero assolutamente succedere e l'"imprenditore" di cui sopra dovrebbe essere punito pesantemente per la mossa che ha fatto.
Boicottare le acque minerali che vende servira' solo a rovinare altre famiglie.
Si deve colpire LUI..e soltanto LUI.
Se avessimo delle leggi ben fatte e sopratutto dei governanti DECENTI certe cose non accadrebbero.
Adesso possiamo solo mettere alla pubblica gogna questo IMPRENDITORE....

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la situazione non la conosco pero spero che non ci sia la nostra situazione di fabbrica

la nostra azienda a accumulato diversi milioni di debiti e per risanarlo sta pensando di mettere in mobilita molti operai
nonostante ci abbia provato molte volte
oggi sembra che stia tentando la carta del fallimento
e sembrerebbe che la soluzione SIA di rifare una nuova societa alla modello della alitalia
la vecchia societa va via con i debiti e E GLI ESUBERI e la nuova societa riparte pulita e con un numero ristretto di operai scelti da loro

DAL SINDACATO ABBIAMO APPRESO CHE LA BANCAROTTA FRAUDOLENTA E STATA DEPENALIZZATA (INDOVINATE DA CHI????)
spero che non sia un caso analogo

stefano b., rovato Commentatore certificato 02.05.09 10:36| 
 |
Rispondi al commento


Ecco cosa succede quando le logiche del consumismo, della produzione a tutti i costi, del fatturato, portano all'essenza.

Succede che non siamo più uomini liberi ma ricattabili per sopravvivere.

La prima azione che si dovrebbe fare in quel comune è liberalizzare l'acqua attribuendone la gestione ad un'azienda totalemnte statale e certificarla come si fà con la minerale sulle bottiglie.

E poi boicotterei l'acqua santa croce a livello nazionale.

Ma dovrebbe essere un'azione organizzata.

Maurizio Longo 02.05.09 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Da quello che sembra le tensioni tra lavoratori e proprietà hanno origini diverse, la proprietà aveva anche denunciato, in tempi non sospetti, picchettaggio violento e tentativi di inquinamento delle acque.

Beppe, non è che stai iniziando a fare formazione "di parte" alla Berlusconi? Fai una ricerchina su google e approfondisci prima di scrivere o perlomano dai una visione più analitica e meno populista.

Claudio E. Commentatore certificato 02.05.09 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Io ho mandato una mail alla santa croce, informandoli che preferirò morir di sete che comprare una loro bottiglia d'acqua......

sergio salvia 02.05.09 09:45| 
 |
Rispondi al commento

L' unica cosa per cui si ha rispetto è il denaro, la vita e i sentimenti delle persone sono divenuti solo degli intoppi al raggiungimento del risultato!!! Che schifo

giorgio germinario 02.05.09 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma non è da oggi, o dall'inizio della crisi, che il mondo del lavoro e i diritti che vi gravitano sono minacciati...

http://www.opinionlead.com/index.php?option=com_content&view=article&id=13:delitto-di-sciopero&catid=3:archivio

Opinion Lead (opinionlead.com) Commentatore certificato 02.05.09 08:51| 
 |
Rispondi al commento

messaggio per dario brigni:sardus portas conchddu mannu,po domu dua.a chini pigada pigada.

gigi boi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.05.09 05:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma basta, quello che ha licenziato ha un nome e cognome e due gambe: spezzategliele. Non ne posso più di sapere che esistono sopraffazioni continue di questo genere, è una violenza quotidiana che fa male e non dovremmo più permettere. Cristo.

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 02.05.09 01:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, non ti dico d'andare affanculo, come tu insegni ma semplicemente:Ma mi faccia il piacere..nonche SALUTAMI ASSORDA!
Ciao ne'

dario brigni 02.05.09 01:43| 
 |
Rispondi al commento

è interessante perchè l'azineda ha chiuso i battenti. Cioè, contestualmente al licenziamento è arrivato un atto di cessazione dell'attività della suddetta (almeno stando alle fonti rilevate da Internet).

Quindi pare che il licenziamento non sia legato ai funerali di stato (cosa che, fosse stata vera, avrebbe portato grossi guai al titolare).

Beppe, perché non fai una bella indagine APPROFONDITA e non scopri qual é la verità dietro questa brutta faccenda?

Jaa Ne

Luca Scarcia (elei-mi-shill), Trieste Commentatore certificato 02.05.09 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Con l' aria che tira in sto paese di DEMENTI che votano in massa un vecchio pagliaccio rincoglionito P2ista plurindagato da almeno 15 anni c'è da aspettarsi che un qualche tribunale di DEMENTI dia ragione a quel barbablù de noantri.
Prima o poi verrà il momento che ci si incazzerà senza sì e senza ma e si prenderanno a legnate sul groppone quella massa informe di pagliacci tremebondi che ci governano e che stanno in parlamento a nostro libro paga a farsi i cazzi loro e a pigliarci per il culo.

Dr. Hause 02.05.09 01:06| 
 |
Rispondi al commento

Invece è proprio perchè pubblicato nel blog di Beppe Grillo che è da ritenersi attandibile! Di fatti se vi andate a leggere i commenti riportati prorpio nei siti citati nel post si ci rende conto di che personcina deve essere questo titolare dell'azienda!

Guerino Veggian 02.05.09 00:31| 
 |
Rispondi al commento

no scusa beppe qualcosa non quadra.
basta fare una banale ricerca su web.

http://www.google.it/search?hl=it&q=Santa+Croce+di+Canistro&btnG=Cerca+con+Google&meta=&aq=f&oq=

http://www.abruzzoitalia.it/quotidiano/primo-piano/annuncio-chiusura-santa-croce.html

http://www.abruzzoliberale.it/index.php?option=com_content&task=view&id=7278&Itemid=37

marco nqd 01.05.09 23:46| 
 |
Rispondi al commento

attenzione! questa notizia sembra cosi incredibile da sembrare falsa, e dal momento che siamo nel sito di grillo probabilmente... lo è!

marcello antonicelli 01.05.09 23:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me,deve esserci qualche altro motivo.
Un imprenditore,non può essere così stupido da licenziare 120 dipendenti per un ora di permesso,oltretutto giustificatissimo.quanto tempo dovrà impiegare per sostituirli?Quanto gli costerà questa bravata in termini di produttività,e di esborsi per liquidazioni e quantaltro?Oltretutto può sempre arrivargli tra capo e collo una denuncia collettiva in grado di farlo pentire amaramente della cazzata fatta ;quindi,o ci sono altre motivazioni, o siamo proprio alla follia.Poi,che motivo c'era di tirare in ballo i sindacati per una pretesa legittima,e per niente esosa?

moreno p. Commentatore certificato 01.05.09 23:22| 
 |
Rispondi al commento

bisognerebbe capire perchè questo imprenditore sanziona il diritto al sentimento di cordoglio in una circostanza così straordinaria di lutto. che cosè: un dispetto una ripicca o la speranza di poter poi assumere o riassumere con contratti di lavoro "più economici" o cosa?. un'azione così cattiva dovrebbe essere giudicata male e criticata innanzitutto dal mondo imprenditoriale che si dovrebbe dissociare da tanto cinismo. o si abbia il coraggio di dire che al di sopra del profitto non ci può essere niente!

giulia genito 01.05.09 23:22| 
 |
Rispondi al commento

Lavoratore,

tu ti lamenti, ma che ti lamenti?
piglia lu bastuni e tira fori li denti!!



nano Furfante Commentatore certificato 01.05.09 23:14| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
L'IMPORTANTE E' IL DENARO, IL GIOCO DEL DENARO SOPRATUTTO DEI SINDACATI, SOPRATUTTO, CORROTTI ANCHE DAI CAPI AZIENDA. IL NON DIRITTO IN ITALIA E' DI REGOLA NEL NOSTRO PAESE. PRESTO LE PORTE DEGLI INFERI S'APRANNO E NELLE BOGIE E NELLE FIAMME CADRANNO LE ANIME DI CORROTTI E CURRUTTORI............PER LA GIUSTA PUNIZIONE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 01.05.09 22:26| 
 |
Rispondi al commento

lo specchio dell'italia dei berluscones.
l'arroganza del potere e del denaro.
ma la vendetta di classe arriverà presto.
spietata.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 01.05.09 22:19| 
 |
Rispondi al commento

quando ero imprenditore ed avevo dipendenti venivo considerato troppo buono verso i miei"sottoposti"(e forse avevano ragione xchè alla fine ho chiuso l'attività ma non me ne pento)adesso lavoro come precario(agenzie e cooperative varie) e lo sfruttamento che c'è diventa ogni giorno più assurdo.ma questa del licenziamento in massa x motivi cosi seri(x i lavoratori)è una grande stronzata.nemmeno i fascisti facevano cose del genere,ci voleva giusto la scuola dello psiconano x portare a questo livello di merda
la vita della gente.non sarebbe ora di una bella rivoluzione?

luca ana 01.05.09 22:09| 
 |
Rispondi al commento


Ma facciano come in Francia ...

In 120 lo vadano a prendere , lo portino di peso in azienda...e a calci in culo...fino alla 120ntesima lettera di riassunzione con premio di produzione a testa di 2 euro.....

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.09 21:54| 
 |
Rispondi al commento


BOICOTTARE QUESTO "PADRONE"!

l antidemagogo Commentatore certificato 01.05.09 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori