Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I giornali contro Google


I_vecchi_media_contro_Internet.jpg
L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, attivata dalla Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) in merito a Google News Italia, vuole: "verificare se i comportamenti della società, in considerazione della sua indiscussa predominanza nella fornitura di servizi di ricerca online, siano idonei a incidere indebitamente sulla concorrenza nel mercato della raccolta pubblicitaria online e a consolidare la sua posizione nella intermediazione di spazi pubblicitari". Google impedirebbe agli editori di scegliere le modalità di pubblicazione delle notizie su Google News e chi non vi vuole comparire per sua scelta sarebbe escluso dal motore di ricerca. Corrado Calabrò, presidente dell'Authority da maggio 2005 non si è ancora accorto della "posizione nella intermediazione di spazi pubblicitari" di Mediaset. Forse non sa che dispone di TRE frequenze nazionali per la cui concessione paga meno di una cippa allo Stato? E che lo psiconano possiede anche la Mondadori e come presidente del Consiglio influenza radio e televisioni di Stato? E che i giornali della FIEG vivono solo grazie ai finanziamenti pubblici dello Stato fregandosene di ogni legge di mercato? Diamogli tempo...

27 Ago 2009, 19:16 | Scrivi | Commenti (74) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

BEPPE OKKIO, ULTIMAMENTE SEI MOOOOLTO
"ATTENZIONATO" DA RAI UNO...........

GRANDE BEPPONE!

Anib Rome, Rome Commentatore certificato 07.09.09 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Prima o poi un dirigente a cui i politici italiani scassano i marroni per coprire i loro sporchi impicci farà pressioni su una qualche potenza capitalista perchè il signorino milanese finisca male......

Alessandro Cresto Miseroglio, Roma Commentatore certificato 02.09.09 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Condivido i commenti precedenti, di analogo tenore: GOOGLE è una realtà che funziona alla grande: non ci vuole un mago per capirlo (basta navigare su internet). Google contribuisce all'informazione in tutti i sensi. Lo dico da fruitore dei suoi servizi, uno fra centinaia di milioni di utenti sparsi nel mondo.
Sento dire che anche i dipendenti qui in Italia, sono trattati con il rispetto che si conviene alle risorse "umane" e non come dei numeri.
Tutto questo non sta bene ad un regime...
Un regime che si rispetti altro non può fare che cercare di piegare alle sue esigenze o tacitare ogni strumento d'informazione degno di questo nome, tanto più se di indiscussa efficacia ed efficienza globale.
Spero che GOOGLE mantenga ed accresca il suo approccio imparziale e che il regime si rompa i denti... come anche con Grillo.

Silvano P., Genova Commentatore certificato 31.08.09 22:18| 
 |
Rispondi al commento

...tutto questo mi fà venire in mente una bella canzone dei Beatles intitolata "Revolution"...

mario l. Commentatore certificato 31.08.09 15:54| 
 |
Rispondi al commento

non so nemmeno come commentare...

Federico S., Palermo Commentatore certificato 29.08.09 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Il solito cemmento dei perdenti, quelli che gridano "arbitro venduto!". Google si è presentato sul mercato forte di un sistema di algoritmi estremamente efficiente che ha portato il "browser" a conseguire gli eccellenti risultati che ha avuto. Non c'entra nulla la posizione dominante! I signori "giornalai" ignoranti non solo di sintassi ma, soprattutto, di matematica, forse neppure sanno che cosa sia un algoritmo. In un sistema dove la libera concorrenza è la regola, nessuno impedisce di mettere a punto algoritmi almeno altrettanto efficaci e di mandare in soffitta Google. Prima di scrivere certe idiozie informatevi!

Babila C. Commentatore certificato 29.08.09 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Ah, dimenticavo.
QUÍ VILLA CERTOSA É FAMOSA QUANTO LA PIZZA E LA COCA-COLA. Capisci 'a mme!

Giulio Tazza - Burgos - España 28.08.09 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, google é una impresa come un'altra e si avvale dei mezzi che ritiene opportuno allo svolgimento della propria crescita. I giornali italiani, imbavagliati, servili e "smemorati" (le notizie che potrebbero infastidire i loro "amici" le dimenticano) sono sempre in rosso, la gente li compra sempre meno, ad eccezione di quelli sportivi (credo). Su google trovi tutte le notizie che vuoi dalle angolazioni che vuoi. Cioé puoi verificare la notizia! Cosa che in Italia (pare) non sia più possibile. Su google trovi notizie come questa - che riporto pari pari per non si dire che si abbia fatto una traduzione faziosa - mi spiace per gli amiche che non conoscono lo spagnolo, ma con un pò d'impegno si capisce al meno il senso. "Las últimas noticias
ROMA, 28 (Reuters/EP) El primer ministro italiano, Silvio Berlusconi, se dispone a lanzar una campaña de acciones legales contra medios italianos, pero también de España, Francia y Reino Unido, por difamación en la cobertura de su
vida privada, según ha anunciado su abogado, Niccolo Ghedini." Che succede? Silvio vuol fare guerra a mezza Europa? Secondo Wikipedia, sulla diffamazione e diritto di informazione recita cosí: "perché operi la scriminante, è necessario: A) che vi sia un interesse pubblico alla notizia; B) che i fatti narrati corrispondano a verità; C) che l'esposizione dei fatti sia corretta e serena, secondo il principio della continenza." Allora mi chiedo, che possibilità ha Silvio, di vincere questa campagna dato che la notizia possiede questi requisiti? I periodici rischiano una multa di poco superiore ai 1000€. Vale la pena? Bhó? Comunque ringrazio google per le informazioni d'Italia che non tutti gli italiani hanno, compresa questa, condite da succulenti foto che , forse, in Italia non avete visto e che quí tutte le reti TV hanno dato e alla prima occasione danno e senza censure (si vede pure il fringuello e ben in evidenza del ministro polacco invitato. Qui l'informazione É INFORMAZIONE!!!!

Giulio Tazza - Burgos - España 28.08.09 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che secondo me queste notizie servono a fare in modo che la gente parli di questo e così lascia perdere altre cose più importanti.
Dico questo perchè e' una mossa astuta per far smettere l'opinione pubblica di pensare a cio che veramente conta il segreto è non perdere il filo e continuare per la stradache si era preso prima.
Ok psicoNANO sicuro tira al suo mulino, e può farlo come vuole ma noi (parlo dei comuni operai disoccupati), possiamo buttarci a capofitto su Google per contrastare lo psicoNANO SILVIO, QUELLO LA SA LUNGA OKKIO KE FA SCHERZI BRUTTI Ciao BEPPE SEI GRANDE

Gianluca Sessini 28.08.09 21:42| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA DA UN MORTO DI FAME (CLANDESTINO)
Mi chiamo Zibi e ho fame!
Ho fame di amore perché nessuno mi guarda se non con grande indifferenza. Ho fame di amore perché vivo solo e non ho accanto a me una compagna con la quale condividere momenti belli e meno belli.
Ho fame di gioia perché attorno a me tutti sembrano tristi, anche quelli che hanno tutto. Vorrei tanto vederli al mio posto…
Ho fame di cibo perché non riesco a provvedere al mio mantenimento…Tutto è così caro…
Talvolta ho così fame da pensare di non stare più in questo mondo…Allora mi metto a urlare forte, tanto forte da attirare campanelli di gente attorno a me…
Una presenza indesiderata che mi richiama alla mia triste condizione…
Ho fame di tutto!


sì diamogli il tempo di prendere qualche altra bustarella.

Fabrizio Castellana, SP Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Certo che hanno una bella faccia tosta...!

Roby B., Ferrara Commentatore certificato 28.08.09 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Guardiamo cos'è diventata Google Inc. in pochi anni, e guardiamo dove sono rimasti i nostri giornali dopo anni di esistenza.

tiz.m 28.08.09 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono una precaria della scuola statale..scrivo per fare sapere a tutti che quest'anno molti di noi resteranno senza lavoro! Dopo anche dieci anni di servizio, con laurea ,abilitazione e master post-universitari ,conseguiti con grandi sacrifici...poichè non esistono master gratuiti!
Ci stiamo organizzando ,come gruppo autonomo precari di novara, e presto protesteremo contro questo taglio indiscriminato di posti di lavoro!
Chiedo a tutti il sostegno umano alla nostra causa.Vi terrò informati sulle modalità della nostra protesta. Grazie a tutti

carmen m., novara Commentatore certificato 28.08.09 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHI DI VOI A MAI FATTO CASO MA SUL DOLLARO C'E UN SIMBOLO MASSONICO
e tutti sappaiamo che negli usa il vero dio e il DOLLARO
ma nonostante che l italia si vanti libera e democratica ... l italia e stata fondata dai massoni
E TUTTI SAPPAIAMO CHE IN ITALIA IL DIO DENARO e' TUTTO
LA NOSTRA SITUAZIONE ATTUALE E CAUSATA DA QUESTO MITO
le banche per soldi hanno causato migliaia di falimenti di bancherotte ha rovinato migliaia di italiani (parmalat bond argentini )
erano truffe colossali organizzate e pianificate con questo scopo
LO STATO DEL DIO ITALIANO DEL DENARO li sta ancora proteggendo
abbiamo il berlusca che fa ...denaro a nostre spese (la multa di rete 4 la paghiamo noi) la pubblicita di rete4 la prende lui
e un conflitto di interesse
abbiamo avuto un governo di sinistra che doveva essere di moralita e virtu ed e stato peggio
CI HANNO CHIAMATO EVASORI A NOI
E LUI HA CONDONATO 98MILIARDI DI EURO (DEI SUOI AMICI DS)
ma gli evasoori siamo noi
e il primo azionista della banca intesa
(quella dei bond argentini)
poi ci viene a parlare di moralita
(ma LA RESTITUZIONE.... NO NEANCHE A PARLARLE)
e anche lui ha il suo conflitto di interesse
quando fai una infrazione al codice .. prendi una multa
ma NON SAREBBE MIGLIORE ESSERE CONDANNATO A QUALCHE GIORNI DI SERVIZI SOCIALI......
no di certo la multa ...
negli usa chi ha il piede pesante col acceleratore ...viene anche condannato al servizio sulle autobolanze (per far vedere cosa sono gli incidenti
QUI E INACCETTABILE PER MOTIVI DI IMPRESSIONABILITA DI MORALITA' DEL SOGGETTO
tutte balle -incidenti - automobili nuove da vendere
percio pubblicita auto a 200 al ora
pubblicita alcoolici
ma
cosa centra tutto questo con google
semplice google e solo un concorrente potente che puo portare via la pubblicita =soldi
e un pericoloso rivale da abbattere
i soldi li terrebbe lui non loro...
e sempre una questione di interesse

stefano b., rovato Commentatore certificato 28.08.09 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Provate a scrivere correttamente in lingua italiana per favore, poi inserite tutti i commenti che volete! Io personalmente faccio fatica a leggerli, e poi basta parolacce, non sono necessarie! Grazie.

giacomo fontanesi 28.08.09 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Calabrò vaffanculo a te, alla Consob,a tutte le authorities e altri organismi di controllo che non fanno un cazzo e pure ci costano un occhio.

MICHELE C., MOGLIANO VENETO Commentatore certificato 28.08.09 16:07| 
 |
Rispondi al commento

se la prendono con google, ma dimenticano il monopolio della pubblicità in mano a papi-silvio tramite publitalia.

devis q. Commentatore certificato 28.08.09 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buffoni patentati.....e buffoni anche i giornali che danno risalto a queste emerite cazzate!!

alessandro B., Guidonia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Teorema P2
Informazione = Potere
Teorema P2
Informazione = Potere
Teorema P2
Informazione = Potere
Non viviamo + in uno stato di diritto
Io so come evitare tutto questo io
sotsengo Italia dei valori

V L. Commentatore certificato 28.08.09 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io trovo questa una cosa gravissima, inacettabile!
Con la situazione che c'è in italia dove banchieri e industriali siedono in tutti i consigli di amministrazione di tutte le società possibili, dove abbiamo un presidente del consiglio con la situazione in cui si trova, con vicende incredibili come alitalia regalata a qualche industriali e noi che dobbiamo pagare i debiti...
La concorrenza?????
Vorrei vedere la faccia di questo presidente dell'autority.
E che fare? Tutto questo è molto grave.
Diamogli tempo che vuol dire?

carlo riz 28.08.09 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe ma Calabro' dove viveva sino ad oggi?
Sono temi risaputi,trattati e ritrattati un po dappertutto.
DOVE CAVOLO VIVE COSTUI!?
Comunque sia GOOGLE fagocita tutto, e' da mettere sotto controllo sicuramente,questo pero' non implica che il movimento attuale contro google italia sia corretto.
La motivazione e' la solita:I SOLDI DELLA PUBBLICITA'.
Il Mondo puo' esplodere ma MAI prima dell'intermezzo pubblicitario...
QUesto e' il mondo in cui viviamo...uno schifo gestito da pochi per i loro interessi e se questi devono prevaricare giustizia, legalita',benessere e VITE ALTRUI, non c'e' probkema, avanti il prossimo.
E' gentaglia MARCIA DENTRO che trasforma in denaro le sofferenze e i bisogni della gente, rovinandu qualsiasi cosa pur di arricchirsi.
Se non gli diamo noi una regolata, questi mangiamorti andranno avanti sino a distruggere tutto quello che esiste...

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 12:54| 
 |
Rispondi al commento

google è una colossale multinazionale che non credo subirà grande danno da questa "verifica".
Sono d'accordo con chi dice che bisogna comunque tenere gli occhi aperti su google, piano piano si sta accapparrando tutta la conoscenza umana e la sta digitaliazzando e conservando nei suoi bit, internet è un grande mezzo di comunicazione e informazione accessibile e utilizzabile da tutti, ma google no...google è nato per fare soldi. il profitto è il suo obbiettivo....ora quando con il trucco della gratuiticità avrà a disposizione tutto ciò che culturalmente l'uomo ha prodotto è sarà l'unico a possedere questo immenso patrimonio...bhe credete ancora che sarà gratuito accedervi?
non siamo ingenui......

Luigi Randaccio Commentatore certificato 28.08.09 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Possono attacare la rete come vogliono, ormai sono come i pazzi che cercano di imbottigliare l'oceano. L'unica cosa che mi preoccupa e se riescono a far mettere i filtri come in cina.

Davide Lombardo 28.08.09 12:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cmq google fa cagare! il problema e che i giornali fano cagare lo stesso!

dragos cocolos 28.08.09 12:36| 
 |
Rispondi al commento

beh in fondo cmportamento molto italiota... del resto ieri ho visto il titolare di un bar far staccare il wifi perchè a un tavolo c'era 'uno che ha preso solo un caffè e si è pure attaccato per caricare la batteria' (?!)

Luca Postpischl 28.08.09 11:37| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE PSICONANO ALL'ATTACCO:
Berlusconi fa causa alle 10 domande
Chiesto un milione di risarcimento
Ma come un uomo RICCO come LUI chiede RISARCIMENTI. Mi SCUSINO i miei PATRIOTI, ma questo non era L'UOMO che doveva PORTARE BENESSERE E RICCHEZZA a questo STATO. Tra la PLEBE si recitava: "VOTATE BERLUSCONI, QUELLO HA SOLDI QUINDI NON CREERA' PROBLEMI DI TASSE".
IL MENO TASSE PER TUTTI ed il LIBERO MERCATO SENZA PIU' CASTE DOVE SONO?
FIEG e L'ANTITESI DELLA CASTA ITALIANA come TUTTE LE ALTRE. SOLO IN ITALIA ESISTONO "CLUB A DIFESA DELLE CASTE" ossia "GLI ALBI".
Vergogniatevi, ed in PARTICOLARE il PRESIDENTE della FIEG che rientra nelle AGEVOLAZIONI di PARACULISMO STATALISTA:
Vendita di prodotti ALLEGATI A:
QUOTIDIANI, MENSILI e SETTIMANALI esenti da IVA
AGEVOLAZIONI E FINANZIAMENTI ecc ecc
E hanno anche da LAMENTARSI QUESTI BUFFONI ALLA CORTE DEL RESIDENCE MONTECITORIO.
A dimenticavo, solo per ricordarvelo:

ANTEFATTO
http://www.antefatto.it/prenotazioni

questi si che sono soldi spesi BENE QUOTIDIANAMENTE.
Il resto è tutto andato all'aceto, come la nazione stessa con tutta la CLASSE DIRIGENTE.

TOMMASO REA, SOMMA VESUVIANA (NA) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 11:25| 
 |
Rispondi al commento

L'Autority in italia non ha mai risolto nulla e non risolverà mai nulla perchè non è una autorità forte. Anche se Calabrò si sveglia (ho i miei dubbi)lo sà benissimo che non conta un cazzo (scusate il termine ma è la parola azzeccata)

tore totorex 28.08.09 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera al Tg2 hanno dato la seguente notizia:
Il Segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone ha dichiarato che "non è corretto" attribuire alla Santa Sede o al Papa "la responsabilità di tutto ciò che accade nella Chiesa o di ciò che viene dichiarato da qualsiasi esponente o membro di chiese locali, di istituzioni o di gruppi ecclesiali". La precisazione in un' intervista all'Osservatore Romano, all'indomani delle aspre polemiche sull'immigrazione http://www.tg2.rai.it/default.asp?id_n=11579&id_r=1&id_c=16

Sarebbe stata uan delle tante dichiarazioni se i due giorni precedenti non avessero CENSURATO gli articoli dell'Avvenire. Senza sapere degli attacchi del giornale al governo, la precisazione di cui sopra non ha alcun senso.

Davide R., Varese Commentatore certificato 28.08.09 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe e cari amici, per quanto possiamo essere (giustamente) scontenti delle autorità di vigilanza e di garanzia italiane, credo che questa volta, almeno in linea di principio, stiano facendo la cosa giusta, e mi meravigliano un po' i vostri commenti a questa notizia...
Google si sta trasformando in un monopolio della rete, e ciò non è per nulla rassicurante. Quasi tutto quello che facciamo in rete, sia quando cerchiamo o consultiamo siti che quando ne facciamo, passa per le mani di google, che da un po' di tempo sta mettendo a punto dei criteri di ricerca personalizzati sulla base delle preferenze storiche degli utenti, e propone i risultati delle ricerche individuali con i criteri di un'agenzia di pubblicità e marketing, piuttosto che con quelli più o meno "scientifici" che ci aspetteremmo. Analoghi discori possono essere fatti per Youtube, che è un'appendice di Google...
Consiglio a tutti di leggere questi articoli:
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5964&mode=thread&order=0&thold=0
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=3021
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=2954

Alex Genet 28.08.09 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Peter Schaar, a capo dell'Article 29 Data Protection Working Party, organismo che affianca la Commissione Europea per le questioni che riguardano la privacy e i dati personali dei cittadini, mette però Google sull'attenti, anticipando il parere dell'Unione Europea in materia. "Paragonato alla precedente durata ""trentennale,"" il periodo di conservazione dei cookie sembra breve. Osservando però la questione nell'ottica della protezione dei dati, considerato che le abitudini di ricerca degli utenti sono registrate e possono essere analizzate con qualsiasi intento, questo periodo resta comunque troppo lungo".

http://punto-informatico.it/2043594/PI/News/biscotti-scaduti-google-non-piacciono.aspx

Alla base dell'accanimento verso Google sembra ci sia la volontà da parte di molti , Cia ,Cina e la stessa MIcrosoft, di accaparrarsi l'immenso data-base delle ricerche e parole digitate registrato da questo "cookie" trentennale.

Al Incline, milano Commentatore certificato 28.08.09 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Perchè?
Il governo, le leggi servono (devono essere a servizio - servire) la regolare convivenza nella società.
Se io, o chiunque altro, divento bravo, più bravo di tutti a fare qualcosa (fare=inventare+agire+eseguire+controllare+verificare)perchè qulacuno si può arrogare il diritto di pensare che quello che io,o chiunque altro, ho/ha fatto sia vietato perchè mi/ci mette in una posizione di dominanza. Scommetto che se da domani io aprissi un supermecato nel quale vendo di tutto al prezzo di "tutto gratis per tutti", nessuno mi denuncerebbe perchè ho assunto una posizione di dominanza.
E se per caso, da qualche parte, c'è scritto che fare questo è vietato, siccome l'ho fatto, perchè qualcuno non si è preoccupato di fermarmi prima.
Viviamo in un mondo riassunto dal seguente colloquio:
a) Signori, di che colore posso fare una sfera?
b) Di qualsiasi colore tu voglia!
a) E grand quanto voglio?
b) Certamente, falla come più ti pare e piace!
a) Ecco a voi, la sfera è servita, è gialla, pesa 234 kg ed ha 34 m di diametro
b) AH, no, cosi non va bene, devi farle diversa!
a) Ma allora come la devo fare???
b)Come vuoi, ma non così!

Antonio Tosoni


antonio tosoni 28.08.09 10:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto sommato beppe, mi fa piacere questa notizia, non fraintendere, è che questa gente ha così tanta paura della rete da muovere causa contro i colossi informatici, io ora non è che voglia polemizzare o mettere in dubbio tutto, ma penso che una causa del genere sia alquanto ridicola mossa da mediaset per quanti soldi possa avere è assolutamente, inconcludente cercare un precedente nei confronti di google per invitare a censurare determinati contenuti e successivamente rincarare la dose, anche perché se si tira troppo la corda alla fine si spezza e si spezzerà nel momento in cui tutti i nemici che si sta facendo fininvest si coalizzeranno contro la stessa fornendo un'embargo mediatico al gruppo di investimento, almeno penso si arriverà a questo, dato che le leggi del mercato sono spietate quanto un gruppo o una persona sia spietata nei confronti di queste leggi. E' la legge del Boomerang, si lo lanci ma alla fine ti ritorna. . .

Giovanni C., gianni.cpn@gmail.com Commentatore certificato 28.08.09 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Scoprono adesso che le vacche sono scappate fuori dal recinto. non serve a nulla chiudere le porte...
E' una sempre più veloce e inesorabile fine per la casta. Si stanno sciogliendo come neve al sole. La tv sta per scomparire e con quella tutti lor signori.

Maurizio Bonfa 28.08.09 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Sarei curioso di sapere, se per caso Google aprisse una TV, se le permetterebbero di arrivare dove è arrivata Mediaset, purtroppo per loro Google è arrivata prima in internet, sia nei confronti della TV che dei giornali, per cui cari (vigliacchi) imprenditori di testate, l'unica cosa che vi rimane da fare è dare tante "testate" sul muro di Google e smettere di rompere il famoso totem...

Memmo P., Rome Commentatore certificato 28.08.09 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma guarda un pò, ma allora stà internet dà davvero fastidio a stè merde clerico fasciste.
Tra Mediaset che muove guerra a youtube e a sky.
I giornali zerbino con l'antitrust a google, a sua volta proprietario di youtube.
Vuoi vedere che stò Berlusconi incomincia a star sulle balle ai grandi interessi globali?
Mi sembra di rivedere un'abbozzo di autarchia Mussoliniana in chiave moderna.

alessandro blasi Commentatore certificato 28.08.09 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Ma nun c'aemo un Wape pe sto Calabrò?


Si, diamogli e diamoci tempo, o, forse, l'esiguità dei commenti rappresenta la nostra impotenza relativamente al "problema dei problemi".
"A TUTTI GLI ITALIANI PORTA UN MURO. ALTO COME QUELLO DI BERLINO.
LUNGO COME LA MURAGLIA CINESE. PIU’ RESISTENTE DELLE MURA DI GERICO.
E FALLI SCHIANTARE CONTRO PER RISVEGLIARLI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI"
GRILLO.

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 28.08.09 09:07| 
 |
Rispondi al commento

L'AGCOM TRA TUTTE LE AUTORITà GARANTE IN ITALIA è LA PIù COMICA IN ASSOLUTO!

Beppe se hai occasione sarebbe caso approfondire chi ne fa parte e cosa hanno fatto in questi anni tal signori.

www.tanaliberatutti.wordpress.com

Luca Gianantoni, Assisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Semplicemente abbiamo un antitrust ridicolo, penoso, vergognoso. Indaga strombazzando ai quattro venti sui potenziali concorrenti del P2ista Silvio Berlusconi e non ha MAI avviato un' indagine su MEDIATET e PUBLITALIA nonostante le innunmerevoli sentenze di tribunali Italiani ed Europei.
L'Antitrust ITALIOTA è una clava nelle mani dello psicoNANO che usa a suo piacere contro i suoi potenziale "nemici" che minacciano i suoi affari privati.
L' ANTITRUST ITALIOTA è cosa ridicola.

dr. Jekill 28.08.09 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Caz,con tutti i soldi che prendono a sbaffo manca la ciliegina della publicità! fa bene google se vai in rete usi le nostre regole altrimenti pedala.

Giorgio.P 28.08.09 07:45| 
 |
Rispondi al commento

I giornali stanno cominciando a piangere.....comunque ci sono altri motori di ricerca non esiste solo Google,il quale ha un accordo con ebay per far comparire le inserzioni di vendita.
PAGARE!!!!!!!!!!

Antonio Salvagno, Fossano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 03:23| 
 |
Rispondi al commento

Qualcosa mi sfugge. Una grande parte dei quotidiani italiani riprende per la maggior parte le notizie (ANSA, Reuters etc.) e le riscrive, alcune volte solo aggiungendo qualche aggettivo, altre volte travisando liberamente il senso della notizia.
Google, come motore di ricerca, rimanda agli articoli come per ogni altro sito (con gli stessi PRO e CONTRO) e, per la sua sezione news pubblica un trafiletto di 2 righe che, se cliccato, rimanda al sito del giornale (che appare con i suoi sponsor). Il problema vero è che da tempo nessuno o quasi fa VERA informazione e tutti si limitano a commentare le agenzie solo ed esclusivamente per fini politici. Come mai il grarante non si è 'accorto' che la metà delle notizie dei TG sono pubblicità mascherata da cultura (I fim di Spielberg compaiono sempre tra la 'cultura' mentre, ad esempio, per Videocracy non c'è spazio nemmeno tra i trailers PAGATI).

Davide R., Varese Commentatore certificato 28.08.09 02:59| 
 |
Rispondi al commento

Sesso e potere.avi

M X (hall2001), versilia Commentatore certificato 28.08.09 01:08| 
 |
Rispondi al commento

Con l’urlo di battaglia lanciato nei mesi scorsi («tutti i contenuti a pagamento»), Murdoch ha provato a trascinare con sé un mondo che, a sedici anni dalla nascita del web, non ha ancora trovato la formula per fare i soldi con le notizie. Il magnate australiano sperimenterà i micropagamenti con cui si potranno comprare online articoli ed editoriali come oggi si acquistano le canzoni su I Tunes.
Funzionerà? Forse. Basterà? Difficile. Se nessuno seguirà Murdoch gli altri editori guadagneranno la pubblicità che lui ha deciso di perdere e tutti continuerà come prima. Internet è il mercato che avrebbe sognato Adam Smith: perfettamente orizzontale, molto competitivo, del tutto trasparente. Una buona idea è facilmente replicabile.
Da ieri sappiamo che anche gli editori italiani si sono mossi. Il timore è che dietro l’offensiva dell’Antitrust possano covare retropensieri più o meno legittimi. Per esempio la resa dei conti dei grandi gruppi editoriali contro i piccoli. L’effetto Google news è quello di mischiare alto e basso, di livellare le fonti, di rompere le gerarchie.
Ieri bastava digitare “Teddy Kennedy Robert Shrum” per trovare al primo posto l’intervista di Europa al più importante autore dei discorsi del senatore americano. Prima di quella di Time. “Disintermediazione” la chiamano quelli che masticano di queste cose. È il consumatore di notizie che sceglie. Google ti mette tutto sul piatto, tu puoi mangiare quello che vuoi. Tanto è gratis, per ora.

M X (hall2001), versilia Commentatore certificato 28.08.09 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Tutti lo paragonano alla formula della Coca Cola, della quale si può anche fare a meno, mentre non ho ancora conosciuto qualcuno che su Internet non sia mai andato su Google.
D’altra parte se si conoscesse l’algoritmo si troverebbe il modo di scalare le classifiche (ranking) del motore di ricerca. In realtà qualcosa dei criteri di ordinamento e gerarchia delle notizie si sa: che dipendono dai tag, dalla novità dell’aggiornamento, dai link che puntano a quel sito.
La seconda obiezione della Fieg forse è più fondata e pertinente, ma tocca il big problem con il quale si sta confrontando l’universo dell’editoria mondiale, Murdoch compreso. Google News è, in effetti, un parassita che sfrutta i contenuti prodotti dagli altri per vendere pubblicità (negli Stati Uniti già lo fa, in Italia lo farà).
In cambio offre quella merce che è alla base dell’economia della rete: visibilità, cioè traffico, cioè click.
Nient’altro. Ma con la grande crisi dei giornali i news aggregator sono ormai diventati quello che il barbiere untore era durante la peste del Seicento. Tra l’altro Google news non è nemmeno l’aggregatore di notizie più sfruttato al mondo. Prima di lui ci sono Yahoo news, Aol news o network come Msnbc Digital network o Cnn Digital Network (fonte Nielsen, dati 2009).

http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/112745/la_fieg_e_la_nuova_peste

M X (hall2001), versilia Commentatore certificato 28.08.09 00:16| 
 |
Rispondi al commento

COME BISOGNA FARE PER TOGLIERE I FINANZIAMENTI PUBBLICI ALL'EDITORIA E INDIRETTAMENTE AI PARTITI POLITICI CHE STANNO DIETRO ALLA FINTA INFORMAZIONE?...

TESI VS ANTITESI= (sin.tesi), Atlantide Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.08.09 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Se i Giornali facessero i Giornali quelli veri con tanto di concorrenza a dare le notizie.

1) Non ci sarebbe bisogno di dargli dei finaziamenti dallo stato.

2) Gli imprenditori vi farebbero pubblicità più efficaci perchè la crediobilità di una testata giornalistica da più forza al messaggio pubblicitario, che però non deve essere invadente.
(Quel prodotto è serio perchè si avvale solo di mezzi di informazione seri e fidati e non rompe le scatole).


Paolo R. Commentatore certificato 27.08.09 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono alla frutta,,,,,,,,

Gino U., Foligno Commentatore certificato 27.08.09 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
sta a vedere che il Governo si è accorto che esiste la Rete e che comincia a fargli paura (perchè così com'è non è ancora possibile controllarla!).

Secondo me è stato l'effetto collaterale dell'elezione di De Magistris e di Sonia Alfano...
Nessuno dei politici pensava che ce l'avrebbero fatta...
Poi, dopo aver visto la potenza di internet (De Magistris il deputato europeo più votato d'Europa; Sonia Alfano una "quasi sconosciuta" che prende 165.000 preferenze!), si sono dovuti ricredere su questo mezzo e adesso cercano di bloccarlo in tutti i modi!

Giorgio P. Commentatore certificato 27.08.09 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Libertà nella rete, libertà nell'informazione!!!!

Oliviero Bonetti 27.08.09 21:28| 
 |
Rispondi al commento

si caro beppe noi abbiamo come presidende,un grande liberista,che grazie alla sua presenza a reso l' italia peggio della romania di (nicolaceausescu)infatti questo era anche padrone del informazione:lo ha copiato, come ha copiato anche (la casa delle liberta)vedi haus of fredom.

giuseppe gagliardo 27.08.09 21:13| 
 |
Rispondi al commento

RETE LIBERA SIEMPRE !

Stanco_ Mavoglio (dallatoscana) Commentatore certificato 27.08.09 21:08| 
 |
Rispondi al commento

se toccano you tube scatenano una rivolta...lo sanno...quindi credo che per quanto avventati siano non lo faranno...almeno spero

Vanessa M. Commentatore certificato 27.08.09 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Questi pseudo-editori sono solo dei BUFFONI, nient'altro. Non cagateli nemmeno di striscio, lasciamoli morire nel loro inetto servilismo.

Diego B., Busto Arsizio Commentatore certificato 27.08.09 20:37| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
GOOGLE E' UN MOTORE DI RICERCA CHE DA' FASTIDIO AL REGIME, FACCIAMO IN MODO CHE AL FIEG CAPISCA A CHI HA INTERESSE NEGLI INTERESSI, COME LO PSICONANO, NEI SUOI INTERESSI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 27.08.09 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe possibile entrare un pochino più nello specifico.
Mi spiego, Google news è la mia principale fonte di informazione (dopo gli amici blog), e, sinceramente, non riesco a capire quale sia il problema, oltre a quello di ostacolare la diffusione dell'informazione giornalistica.
Mi rendo conto che leggere testate giornalistiche internazionali con facilità, sopratutto quando parlano di alcuni presidenti del consiglio dei ministri (in generale ovviamente), sia un dispiacere per qualcuno.
Dunque, al fine di formarmi un'opinione, sono a chiederVi, se possibile, di fare maggiore chiarezza.
PS. Sono un abbonato al "Fatto quotidiano".

Emanuele G., Robecco sul Naviglio (MI) Commentatore certificato 27.08.09 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Fortuna che la FIEG ha semplicemente contattato l’AGCOM, con i nostri potenti mafiusi, poteva finire in fiamme come è capitato oggi alla sede di Google UK.

Matteo B. Commentatore certificato 27.08.09 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe, ma a settembre la facciamo una bella manifestazione in tutte le piazze dei capoluoghi e gli facciamo vedere quanti siamo al motto di: PSICONANO DI MERDA VATTENE!

Francesco V. Commentatore certificato 27.08.09 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


GRAZIE MILLE BEPPE

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.08.09 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Abbasso alla casta dappertutto con le mani in pasta!

Francesco Mercuri Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.08.09 19:22| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori