Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I sindacati scomparsi


sindacati.jpg
C'era una volta la gloriosa Triplice. Il sindacato di lotta e di governo. E' rimasto il governo senza il sindacato. I precari non hanno la tessera, ma sono figli di una legge avallata da un sindacato compiacente insieme al furto del TFR e alla mancanza di sicurezza sul lavoro. Le fabbriche chiudono, gli insegnanti sono licenziati a migliaia. Possono solo arrampicarsi sui tetti o salire sulle gru. Sempre più in alto...

2 Set 2009, 22:17 | Scrivi | Commenti (133) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

lo sapete che in una città del sud c'erano sindacalisti in nero e le iene li hanno scoperti, beh a Vicenza c'è un sindacalista di colore, rifugiato politico quindi ricavabile si chiama Rox Oliah, che lavora in nero per la uil dentro agli uffici del sindacato che ha in stazione dei treni, che schifo, questi della Uil dovrebbero difendere i lavoratori?????????????????

matteo pugliese 23.07.12 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Fin dai tempi dei romani i governanti hanno sempre cercato di dividere l'opposizione corrompendo i capi con denaro o promesse impossibile da rifiutare. Dividi et impera, tradotto: dividi e governerai. Sappiamo che ex sindacalisti hanno avuto posti di governo, Marini, Benvenuto, Bertinotti, Del Turco ecc.. Questo cosa vuol dire che quando erano sindacalisti sicuramente avevano un atteggiamento morbido con chi governava scambiando favori dando un colpo al cerchio e un colpo alla botte ma a descapito dei lavoratori. Guardate come sono divisi i sindacati adesso. Più si dividono e più il governo ne guadagna. Pensioni bassissime stipendi da fame e contratti da paura. Mi chiedo: come mai il governo ha autorizzato che i corsi sulla sicurezza li facessero associazioni di categoria come confesercenti ascom Confcommercio cna e sindacati? Dicono che i corsi sulla sicurezza RSPP, primo soccorso, valutazione del rischio , antincendio saranno frequentati da oltre 20 milioni di persone che spenderanno allincirca dai 250 ai 300 euro per corso. Soldi che andranno divisi anche coi sindacati. Ma queste associazioni e sindacati non dovrebbero esistere solo con le tessere degli associati? Il governo Berlusconi ha decretato questa norma a favore delle associazioni e sindacati e a descapito dei SOLITI NOTI. Se non vedrete alle manifestazioni di Termini Imerese o a Milano per Alcoa sappiate che sono impegnati a fare i corsi sulla sicurezza.
Con un governo esperto in mazzette cosa ci potevamo aspettare? ...... tante mazzette per dividere l'opposizione. DIVIDI ET IMPERA.

Paolo B., Parma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.02.10 07:48| 
 |
Rispondi al commento

qundo gli intaressi di classe dei lavoratori si dimostrano piu forti delle divisioni le lotte si vincono! e cosi per tutto. ricordatevi lavoratori che il sindacato siete voi e non viceversa.nella vita ci sono sempre piu scelte di quante crediamo ma nelle lotte bisogna essere uniti e non divisi la innse ci ha insegnato.

ivan maso 19.01.10 14:30| 
 |
Rispondi al commento

magari è ora di dare forza ai veri sindacati di base di cui l'unione sindacale italiana è epsressione storica(1912), il lamentarsi serve poco, lottare conta di più.

ciao

www.usi-ait.org

dino ariis 05.11.09 01:32| 
 |
Rispondi al commento

Si vantano di essere...per l'integrazione razziale...
Ma se fino a ieri odiavano i nappoletani(2P, sono istruti.. .oggi)e i siciliani...e i sardi, come puo' essere??!
..ahHHHH...li
pagano al nero...!!!...gli fanno comodo e gli fanno fare tanti bei soldini....!!!
Cosi' io dovrei sentirmi ...razzista...
Non ho parole per i preti...che si occupassero delle anime di questi scellerati, difendendoli non ci fanno bella figura....Lo sfruttamento e il togliere lavoro a chi e' Italiano e' un abominio!!!
Abbiamo importato per denaro e interesse, sotto gli occhi di tutti Mezza romania, bangladesh, india, africa....gioia e tripudio per palazzinari e massoni ed evasori ora condonati....
...ma l'Italia sta' piangendo...e' in miseria...!!!.......ci sara' qualcuno a cui ...dispiace un pochino?????
...siamo costretti ad andare alla charitas...non vi vergognate ad andare in giro a comprare l'oro delle famiglie...in difficolta'??...C'e' la reclame addirittura sugli autobus!!!!!!
Purtroppo pare che non interessi a nessuno, anzi chi si lamenta e'....RAZZISTA... o COMUNISTA,
in ambo i casi gli ridono dietro,.....loro hanno il culo al caldo , possono.....
Come credono di risollevare l'economia... importando anche gli eschimesi e gli abitanti dell'isola di papua???
Guardate che la situazione e' gravissima, e un giorno non avrete giustificazioni..e quel giorno sta' per arrivare...
Meritocrazie e universita? Hanno gia' i nuovi elettori, le cose in italia non cambieranno mai,
altro che riforme.... si cambia solo padrone.
Ci meritiamo davvero questi governicchi????

antonio . Commentatore certificato 29.10.09 07:31| 
 |
Rispondi al commento

E' dal '94 che sappiamo da che parte stanno i sindacati. Quando hanno accettato che gli stipendi non fossero più aumentati in base all'inflazione. Lì abbiamo perso "il basso" come piace dire a Beppe, abbiamo perso gli operai di tutta Italia piano piano, a percentuali d'inflazione ogni anno, facendo diventare sempre più difficile la vita degli operai e dei loro figli, che come me, si sono trovati per di più precari. Come tanti di noi giovani ho scelto di rischiare per cercare di avere una vita decentemente indipendente e di poter dare un pò di pace ai miei genitori, che tanti sacrifici hanno fatto per darmi un'istruzione decente ed una vita degna di essere chiamata tale. Ma oggi mi ritrovo con un pugno di mosche in mano, indebitato, ancora a casa dalla mamma, a lavorare senza uno stipendio. Fatico a sopportare questa vita, eppure non v'è soluzione alcuna. Che dire... cosa c'è peggio di un nemico dichiarato come Silvio? solo una cosa, un amico solo dichiarato come i sindacati.

Graziano Ferrero (redwolf83), Borgosesia Commentatore certificato 07.10.09 04:13| 
 |
Rispondi al commento

Ricevo da tempo i comunicati.
Il nostro paese come un iceberg dove la realtà da Grillo ivi descritta é come immergersi e scoprirne il voluminoso immondezzaio.
Gli ottimisti pensano che tutto il mondo é paese, beati loro. I pessimisti non hanno voce in capitolo perché geneticamente negativi. I realisti sono come le banderuole: se il vento é a loro favorevole tutto é accettabile, se é contro cambiano rotta: evasione fiscale, violenze ecc.
Trovo però che l'immondezzaio é solo secondo dietro....al "sistema paese". Quello che non fa funzionare giustizia, trasporti pubblici, scuole, ricerca e sviluppo, amministrazione pubblica. Tutto ciò che oltre a renderci socialmente inferiori agli occhi di paesi civilizzati, crea ricchezza sociale...sana.
Trovo che la nostra gente non ha comunque diritto a lamentarsi poiché ha esattamente quello che si merita.
Le classi forti (eufemismo) del nostro paese imperversano con tutte le nefandezze possibili poiché sanno a priori che tutto é loro consentito.
Una volta credevo che lottare non cambia nulla, ma che qualcosa cambiava. Ora non ci credo più.
Trovo Grillo sensazionale per il coraggio della sua azione e soprattutto per la facilità di cercare, appurare, descrivere con proprietà di linguaggio, ricerca delle informazione e .. preveggenza (skipe, parmalat ecc).
Pongo ora una domanda tecnico-informatica: come posso archiviare nel mio pc i blog più interessanti?
Antonio Negroni

Antonio Negroni 23.09.09 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarebbe forse da fare meno qualunquismo sul sindacato e fare sempre i nomi e cognomi di quali sindacati firmano cosa, perchè anche se sono un sostenitore di Beppe e del suo blog(anche economicamente),spesso sulle questioni sindacali spara un pò a vanvera!

Felter Fabrizio 15.09.09 01:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo schifo che sta succedendo nella scuola lo dobbiamo soprattutto grazie ai sindacati, perché altrimenti anche un decreto-legge potrebbe essere efficacemente contrastato. Accettato il fatto che il precariato nella scuola è roba vecchia di almeno 20 anni, va comunque sottolineato come questo Governo abbia aggravato la situazione e di parecchio. Gli abusi che sono stati fatti sono i seguenti: inosservanza delle più elementari norme di sicurezza scolastica, blocco del turn-over, mancata imissione in ruolo a chi lavora da più di tre anni oltre che, dulcis in fundo, per operare questi tagli la Mariastella Cadente, d'accordo con Tremorti, ha scavalcato e violato tutt'una serie di Leggi dello Stato, dalla composizione delle classi all'assunzione in ruolo dei docenti, che già solo questo sarebbe sufficiente a considerarlo un atto criminale. E i sindacati che fanno? Si ritengono soddisfatti sia per le esigue immissioni in ruolo (8000 docenti + altrettanti ATA) sia per la presa per il culo dei "contratti di disponibilità"... Si ritengono soddisfatti, cazzo! Soddosfatti di che cosa?!?!? Di come sta andando a puttane il nostro Paese???

Davide Amore (suley666), Motta Sant'Anastasia Commentatore certificato 09.09.09 15:29| 
 |
Rispondi al commento

ormai siamo al tutti contro tutti. mi chiedo che se le persone che hanno scritto un commento sotto hanno DAVVERO avuto a che fare con un sindacato serio, e chiaramente non mi riferisco a CISL e UIL, venduti a confindustria ed al governo per un piatto di lenticchie. esiste un solo sindacato, la CGIL, capace di tutelare e difendere i diritti dei lavoratori. Io sono una delegata e attivista della FIOM. E sfido chiunque ad affermare che la mia organizzazione sindacale non partecipa in maniera capillare sul territorio, andando nelle aziende, supportando i lavoratori in questo drammatico momento di contrazione economica, cbe drammaticamente viene pagato in maniera preponderante dai lavoratori dipendenti, per non parlare dei precari che neanche hanno diritto agli ammortizzatori sociali. facciamo una discussione vera, sugli assetti contrattuali, sullo strappo di CISL e UIL di gennaio scorso, con il quale stanno svendendo il CCNL per dare spazio ad una contrattazionedi secondo livello che scatenerebbe il far west nelle piccole e medie aziende. E' facile buttare merda sui sindacalisti in toto, cari signori mi preme fare un distinguo, perchè noi, parlo del territorio toscano, ci facciamo un culo cosi per sensibilizzare i lavoratori sull' importanza dei loro diritti e drammaticamente cui troviamo di fronte ad una non conoscenza delle più elementari informazioni sulla tutela e sui diritti che i lavoratori dovrebbero avere riguardo alle proprie situazioni lavorative. Ho la fortuna di lavorate con persone serie, competenti, che svolgono il loro impegno sociale con dedizione e passione e mi incazzo quando vedo buttare merda su compagni che davvero dedicano il loro tempo e la loro energia la servizio degli altri. I lavoratori è bene che ancora abbiano la voglia e la rabbia di salire sui ponteggi, ma non sono soli, se non sbaglio alla INNSE c'era un funzionario della FIOM in alto con gli operai e ci saremo sempre, finchè ci sarà un solo esponente della nostra categoria.

stefania favilli 09.09.09 01:49| 
 |
Rispondi al commento

vero9.il sindacato è morto...I paese più sindacalizzato al mondo,il meno pagato..e già...
E' che i rappresanet.sindacali come han nome fanno i politici...diventando amici.Dai politici,indistriali,padroni si han favori..l'operaioche da?nuna quota...Ci han venduto e son venduti...

giuliana rubino 08.09.09 11:41| 
 |
Rispondi al commento

quando ho visto che la marcegaglia e sacconi hanno stappato le bottiglie di spumante dopo la firma del nuovo modello contrattuale ho perso tutte le residue speranze.
cosa dite anche secondo voi i segretari firmatari si stanno preparando la carriera politica?

un povero comunista 07.09.09 09:50| 
 |
Rispondi al commento

PENSARE CHE BASTEREBBE POCO PER EVITARE LA GENTAGLIA, IN TUTTI I SETTORI........
BASTA GUARDARGLI GLI OCCHI, GUARDARLI IN FACCIA, CE L'HANNO SCRITTO IN FRONTE COSA SONO!!!!!!!!!
BRUTTI FUORI E DENTRO............

Anib Rome, Rome Commentatore certificato 07.09.09 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Ma ci rendiamo conto di come stanno le cose???!!
Prima non c'era nulla e quindi le persone si organizzaveno, ahimé sempre quando troppo esasperate, ma ore miei cari, siamo alla frutta, da ormai più di 20 anni i sindacati non hanno alcun valore, sono peggio dei "padroni", almeno loro sai che sono contro di te, ora invece sti quattro minchioni ti parlano di "non fare, di venire ad accordi pacifici" e la cosa più "ridicola" è che alla mia generazione sta bene e non sente il bisogno di scavalcare questi viscidi traditori_NON VORREI SENTIRE LE SOLITE PUTTANATE sul fatto che questi sono i tempi e bisogna adeguarsi, la verità è che se ognuno, ogni singola persona nel suo piccola, nella sua minuscola realtà non avesse ceduto al ricatto, ora non ci sarebbe gente come me costretta a dover stare in ferie forzate(senza ferie) e a chiedersi se è il caso dover andare a parlare con i "capi" DA SOLO, perché questo sono le persone "normali" come me, SOLE, piene di paure e rabbia, perché sò che ci vorrebbe un niente per non farsi piegare a questi ricatti, ma, come ho detto, siamo una generazione COMODA, chi non ha nulla da perdere ed è alla esasperazione SI INCAZZA, gli altri guardano, e a volte, ancor peggio, DERIDONO_QUESTO PAESE è LO SCEMPIO CHE è PERCHé è COLMO DI italiani E HA RELEGATO NEL BUIO DI QUESTA FINTA SOCIETA GLI ITALIANI_
Chi scrive è un uomo di 29 anni, operaio a somministrazione da tre in un' azienda che produce pale eoliche, con una splendida bimba e una splendida casa, che non può godersi, perché ogni mattina e sopratutto a ogni scadenza di contratto si chiede se potrà mantenerle(nel senso più bello e dolce del termine).
P.s. Nell' azienda dove lavoro 2 dei 3 sindacalisti sono capiturno_IL MASSIMO PER VEDERE GARANTITI I PROPRI DIRITTI!

Massimiliano Marasco, Taranto Commentatore certificato 06.09.09 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Finche' esisteranno CISL e UIL notoriamente moooolt accomodanti col governo di centro destra ed avendo perso di vista cio' che dovrebbero fare per i lavoratori( comprese atti di forza quando serve),non esistera' una tutela dei lavoratori.E quei diritti ottenuti faticosamente dai nostri padri/madri verranno resettati con tutte le conseguenze del vaso!!Grazie epifani cerca di tenere duro ancora un po,almeno finchè le masse si svegleranno da qst sonno perenne...

Pozzoli giovanni 06.09.09 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono un'argentino che ha vissuto in Italia per cinque anni con la mia famiglia. Feci l'operaio in una piccola azienda e di sera studiai per poter arrivare ad un futuro migliore. Tutti i problemi che ci sono in Italia riguardo al potere e la economia sono gli stessi che c'erano in Argentina quando ero là. Governi che non governano, la gente in una nuvola di fumo grazie alla disinformazione e futuro incerto per i giovani. Vedendo questo sono scappato in Francia da dove abito dal 2008 e per prima volta vivo in un paese dove ho obblighi ma anche migliaia di diritti; dove se lavoro bene vengo promosso; dove la gente non mi tratta come uno diverso perché vengo da fuori ma mi integra; dove ho un futuro quasi certo e possibilità di progredire secondo le mie capacità. I sindacati in Italia gli conosco, e fanno schifo. Mi informo molto sulla situazione italiana grazie al tuo blog ed a youtube dove vedo a marco travaglio ed altri e te ne sono molto grato per quello che fate, sinceramente. é una vergogna i salari che ci sono in Italia, per la maggioranza degli italiani che poi son costretti a pagare le tasse. Peggio ancora é la divisioni fra classi sociali fra impiegati e operai che non esiste da nessuna parte. Le differenze fra nor e sud. Disse Pasolini nel film "La rabbia": "Se vuoi distruggere un paese devi dividerlo" ed é quello che sotto false ideologie hanno fatto. So quel che succede in Italia, so quel che succederà perché lo ho già vissuto in pelle; lo so perché, vidi tutto dal basso, dalle strade, da semplice operaio, da normale cittadino. Vedi poco tempo fa' le vecende dalla INSEE, che giustamente difendevano i posti di lavoro ma, non ascoltai nemmeno una volta che si parlassi di autogestione o possibilità di acquisto e di gestione da parte dei lavoratori. In Argentina,é stata gestita la legge dell'autogestione che permette agli operai di prendere posseso della fabbrica che chiude per favorire la produzione ed il lavoro.
Un' affetuoso saluto

Andrés Lepore, Montbéliard (France) Commentatore certificato 05.09.09 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Chi mi sta di più sui coglioni è quella testa di cazzo pelata con i baffi ... ha la stessa faccia di Hitler!

Angelo S. 04.09.09 18:00| 
 |
Rispondi al commento

DOMANDA.....come fanno milioni di persone ( lavoratori) a farsi prendere per i fondelli da poche migliaia di persone ( datori di lavori) ????RISPOSTA.... comprati i sindacati e il gioco e' fatto!!!!!
ITALIOTI SVEGLIA ...BASTA FARSI PRENDERE PER I FONDELLI MA RIEMPITE I FONDELLI DI QUESTI SIGNORI CON CALCI BEN ASSESTATI .......AS VEGUM

giuseppe s., verbania Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.09.09 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per favore, chiedo a Beppe di mettere nella home page del blog le foto dei grandi della storia a cui si ispira: Leonida Breznev, Nicolae Ceausescu e Fidel Castro. E' un comunista: lavoro per tutti a tempo indeterminato, produttività zero e 300 euro di stipendio al mese. Io invece chiedo l'abolizione dello statuto dei lavoratori, la privatizzazione della scuola e della sanità con il LICENZIAMENTO immediato di tutti gli insegnanti italiani. Grillo svegliati. Valium non era Proddi sei tu....

Franc Zani, Bologna Commentatore certificato 03.09.09 22:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, questa volta mi dispiace ma devo contraddirti. Lavoro in una grande fabbrica, una multinazionale, ma purtroppo non è solo colpa dei sindacati, i nuovi giovani lavoratori oltre a non avere la tessera, quando c'è un'assemblea sindacale la disertano, sono fuori in cortile fumano la loro sigaretta, parlano al telefonino ma partecipare alle assemblee dire la loro, parlare dei loro problemi proprio non ci pensano, chi si espone sono solo i "vecchi" quelli a cui manca qualche anno alla pensione o i cinquantenni che sono preoccupati per il loro futuro ma i giovani.. niente.
A dimostrazione che i giovani sono amorfi lo dimostra il fatto che nella situazione attuale italiana non muovuono un dito, se non in qualche sporadica manifestazione.

paola zara Commentatore certificato 03.09.09 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per gli insegnanti non mi dispiace proprio, sono di più del nostro reale fabisogno e quelli che sanno fare realmente il loro mestiere si contano sulla punta delle dita. Per non parlare di programmi e corsi di studi preistorici e che non hanno riscontro con il mercato del lavoro. Io faccio ingegneria informatica e posso assicurarvi che le materie che studiamo, non hanno nulla a che fare con l'ingegneria del software. Per non restare indietro sono costretto a studiare di mia iniziativa quello che l'università non mi insegna, con il doppio di dispendio d'energia, perchè ovviamente le materie dell'uni devo darle lo stesso.

Davide . Commentatore certificato 03.09.09 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Precaria della scuola come collaboratrice scolastica da dieci anni, ho cambiato dieci scuole, ogni settembre ti ritrovi in un nuovo ambiente con regole e persone da imparare di nuovo, sono in una posizione abbastanza buona, non rischio di rimanere a casa.Da due anni che pronostico quello che oggi purtroppo sta accadendo, ma chi vive nel nostro ambiente non si è reso conto, il bello è che siamo nemici fra di noi, nella mia provincia, Macerata sono saltati 200 posti di collaboratore, silenzio assoluto da parte dei sindacati, mai una sola parola sulla catastrofe che si è abbattuta sulla scuola, non ho mai fatto una tessera sindacale, li ho attaccati come ho potuto, ma una sola voce non basta, perchè i miei colleghi preferiscono il lecchè per acquisire in posto dove si lavora di meno un giro perverso fra sindacati ed il responsabile del personale ata per sistemare i propriassistiti, parenti, figli escort, chi addirittura ricompensa con lavori gratis a casa o in alimenti. Dire schifata di questo è dir poco, sentirsi dire a un sindacalista lei ha la tessera, risposta negativa, allora non posso esserle di aiuto. Ora protestare mi sembra assurdo, il misfatto è stato compiuto, poi ritengo che la gente non è infomata sui fatti, l'importante è rompere le scatole al tuo collega che lavora con te. ma capire cosa questo governo schifoso sta manovrando non ha importanza- Non so quanti tuoi post ho distribuito, porto a scuola libri di Travaglio, informo su quello che leggo in rete, indovinate chi mi viene dietro quando lavoro alle superiori, i ragazzi, loro si che sono grandi, non ne danno l'impressioene, ma io che vivo nei corridio li conosco bene, anche quello che sembra il più deviato, se ti fermi e lo guardi dentro capisci la sua insicurezza che cerca di nascondere magari usando un atteggiamento sbagliato. Sono stanca di questa situazione di precariato. na la cosa che mi fa andare avanti è che ho lapossibilità di dialogare con il nostro futuro, i nostri figli ....

luisa francia 03.09.09 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi al parlamento europeo fece una gran figuraccia; diceva che l'Italia era fantastica x i suoi monumenti etc...etc...; propongo operai sulla torre di Pisa, sul colosseo, sul Duomo di Milano, ...etc...etc..., e di chiamare i media di tutto il mondo :-)

Elia Tamburella 03.09.09 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe

vuoi sapere chi è FELICISSIMO DEI SINDACATI?
Eccoti servito:

''Sono felicissimo se i sindacati si presentano unitariamente, ovviamente, alla luce del nuovo modello contrattuale. E mi piacerebbe che la Cgil partecipasse e firmasse il nuovo modello contrattuale''. A dirlo il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, riguardo all'orientamento delle sigle sindacali che potrebbero presentare un piano unitario per il rinnovo dei contratti nel pubblico impiego. Parlando con i giornalisti a margine del Summer school Magna Carta, in corso a Frascati, Brunetta ha detto che il nuovo modello contrattuale ''va implementato, sperimentato e ampliato subito. Gia' nel 2009-2010. Dentro questo ci sono anche i contratti ovviamente''. ''Pacta sunt servanda'', ha sottolineato Brunetta. ''Quanto alle risorse, andranno individuate alla luce di quello che c'e' scritto coerentemente con gli equilibri di finanza pubblica''.

Clandestino GB (mln) Commentatore certificato 03.09.09 18:32| 
 |
Rispondi al commento

AL FIANCO DEI PRECARI DELLA SCUOLA

(3 Settembre 2009)

comunicato stampa nazionale

AL FIANCO DEI PRECARI DELLA SCUOLA

Il PCL è a fianco della lotta di migliaia di precari della scuola contro un autentico licenziamento di massa.
Le falsità propagandistiche del governo sono sotto gli occhi di tutti. I drastici tagli operati sulla scuola pubblica e l’aumento del numero di alunni per classe hanno prodotto in tutta Italia a partire dal Sud una carneficina di posti di lavoro. Fatto tanto più intollerabile sullo sfondo dell’attuale gravissima crisi sociale. E tanto più inaccettabile nel momento in cui Berlusconi e Gelmini annunciano nuove scandalose regalie pubbliche alle scuole private confessionali, ( magari anche come prezzo della..”perdonanza” ecclesiastica verso le esuberanze del Cavaliere sultano ).
I precari fanno dunque benissimo a mobilitarsi e ad intraprendere azioni dirette nei confronti delle controparti istituzionali ( occupazione di provveditorati , uffici scolastici ...). E’ la lezione della INNSE: solo la lotta dura può strappare risultati.
Questa lotta non può restare isolata. E’ ora che tutte le organizzazioni sindacali intercategoriali e tutte le sinistre sostengano attivamente la lotta dei precari della scuola e le loro azioni combattive, respingendo ogni guerra fra poveri, e imponendo la loro piena assunzione.
Si conferma sempre più urgente l’apertura di una vertenza generale del mondo del lavoro, dei precari , dei disoccupati, che possa unificare tutte le lotte in corso in una vera prova di forza contro Governo e padronato.

info@pclavoratori.it

cane libero ca 03.09.09 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Tanto asserviti al potere da non aver MAI fermato il Mondo in occasione delle famigerate morti banche. Le hanno chiamate bianche e si sono lavati la coscienza. Ma non possono avere la dignità di vergognarsene. Politicizzati al punto che uno di essi fu oggetto di raccomandazione di 'papi' a Saccà, perchè "... io sto lavorando per far cadere il governo e quello mi porta tre senatori..."!
Ho 42 anni e 4 mesi di contributi previdenziali a sostegno della mia pensione! Pago le tasse come tutti nelle mie condizioni,ma non si scende più in piazza per le malversazioni di cui sono oggetto i salariati. Con la loro benedizione! Già con l'esempio di Bertinotti, il parassita che gode privilegi mai immaginati a suo tempo! E io gli devo pagare anche la scorta e forse pure a questi tre! Sindacalisti col colletto bianco. Non conoscono la vita dello spogliatoio o della mensa.
E stanno lì i meschini

Antonio Rolando Rossi (roj) Commentatore certificato 03.09.09 18:14| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE HA RAGIONE QUANDO DICE CHE MOLTE COSE STANNO SPARENDO E MOLTE ALTRE ANCORA SPARIRANNO SE NON AVVERRA' IL NUOVO UMANESIMO PREFIGURATO DA UN GRANDE INTELLETTUALE ITALIANO NON FAMOSISSIMO NEL NOSTRO PAESE MA CHE GLI ADDETTI AI LAVORI CONOSCONO BENE, UN INTELLETTUALE DEGNO DI QUESTO NOME CHE AVEVA GIA' PREVISTO TUTTO QUELLO CHE STA ACCADENDO NEL MONDO DA CIRCA VENT'ANNI E CHE PURTROPPO ANCORA DOVRA' ACCADERE, VI INVITO A CERCARE LA SUA BIOGRAFIA ALLA VOCE AURELIO PECCEI E A RILEGGERE QUANTO PIU' POTETE DELLE SUE INTERESSANTISSIME PUBBLICAZIONI, SICURAMENTE AVRETE NUOVI STIMOLI
DI PENSIERO.

" SOYLENT GREEN " 2022 Commentatore certificato 03.09.09 18:11| 
 |
Rispondi al commento

sindacati corrotti...viene lo schifo...sembrerebbe un ossimoro...le due parole messe accanto sembrano una barzelletta...

Vanessa M. Commentatore certificato 03.09.09 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono sconvolta. C'è in atto una protesta abnorme nel mondo della scuola e la maggior parte dei giornali la ignora. Il Corriere della Sega non dedica nemmeno uno straccio di titolo(che vergogna!!!). C'è gente che da giorni sta facendo lo sciopero della fame, il Codacons che fa causa al Ministero perchè con le nuove direttive di aumentare il numero di alunni per classe si rischia sulla sicurezza dei ragazzi in aula, insegnanti che dopo aver accettato una supplenza trovano che il loro posto in realtà è inesistente. Sono sconvolta...La scuola è una risorsa per il fututo di tutta la nazione, se viene demolita in questo modo non c'è alcun futuro possibile.
Vorrei essere come tanti in questo paese che semplicemente non sanno e in questa ignoranza vivono felici!!!

Dandina DM 03.09.09 17:36| 
 |
Rispondi al commento

leggo su www.satellitenews.net :
"RAIUNO SPEGNE I SEGNALI MA EUROPA 7 DECIDE DI NON PARTIRE
Una delle solite situazioni all'italiana con Raiuno costretta a lasciare alcune frequenze ad Europa 7 per permetterle di inziare i suoi programmi in analogico. Scelta antistorica e anche non corretta visto che era Retequattro del gruppo avversario Mediaset a dover lasciare le frequenze analogiche al gruppo di Di Stefano e seconda cosa assurdo un cambio di frequenze in analogico quando ormai tutta Italia passerà al digitale nell'arco di un paio d'anni.
In più, oltre il danno, la beffa. Non solo Raiuno ha perso delle frequenze ma Europa 7 ha deciso di non iniziare a trasmettere perchè visto il numero esiguo non è in condizione di poter fare un business plan tale da poter sopravvivere se non per un limite di soli 6 mesi.
Certo che se Di Stefano avesse reso note le sue posizioni prima di questa migrazione di giugno magari si poteva evitare di far trovare molti telespettatori in difficoltà con antenne e risintonizzazioni.
In ogni caso resta tragico, anche dopo i ripetuti richiami dell'Unione Europea, che l'Italia di Berlusconi (e di Mediaset) abbia giocato in maniera così sporca nei confronti di un concessionario autorizzato per legge al quale non è mai stato dato modo di poter svolgere la propria attività.".

Giuseppe Lazzarone 03.09.09 17:13| 
 |
Rispondi al commento

non era mia intezione di fare di tutta un erba un fascio....
se non considero sindacati ma semplici caf e centri di potere cisl e uil e la cigl, seppur con qualche distinguo quest'ultima, non altrettanto si può dire del sindacalismo di base.
Con questo non voglio dire che il sindacato di base è perfetto ,ma è quello che allo stato attuale tenta di porre un argine alla concertazione ad ogni costo....concertazione guarda caso sempre al ribasso ed in danno dei lavoratori. la cgl che fà; sembra a ruota del pd ,nonostante di dicano autonomi dalla politica ....di fatto si comportano come il pd una politica di contrasto alla politica del lavoro di questo governo fatta di comunicato ai quali non segue nulla, la grande manifestazione dell'aprile scorso al circo massimo di roma resa sterile dal silenzio attuato in seguito dalla cgil...
si parla di forti contrasti interni in seno alla cgil ma allo stato prevale all'interno di questa organizzazione uan politica attendista e auto-distruttiva se non per il sindacato certamente per i lavoratori, questa credo sia la cosa più importante...
Che fare; un lavoratore non sindacalizzato è un lavoratore solo...allora informarsi ,non dare deleghe in bianco e avvicinarsi al sindacalismo di base pretendendo di discutere punto per punto ogni politica sindacale sia locale che nazionale...mettersi in gioco lottare ...non vi è altra soluzione..l'alternativa è subire passivamente e credo che questo sia già avvenuto per troppo tempo!
CISL & UIL :traditori dei lavoratori e se conoscete iscritti a questi sindacati diteglielo senza remore...

paolo papillo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 16:47| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO, sono ancora qui che aspetto chiarimenti sul FURTO del microscopio elettronico alla NANODIAGNOSTICS...
Allora?Qui si dice che TU non solo non ci dici nulla, e me ne sono accorto anche da solo, ma che hai pure agevolato tale spostamento adducendo motivazioni ASSORDE e assolutamente false.
Qui non mi interessa sentire scuse...TU DEVI DARCI INFORMAZIONI SU QUESTA COSA E LO DEVI FARE SUBITO...perche' altrimenti risulti una persona IPOCRITA E FALSA.
Non voglio pensare che tu lo sia...voglio una spiegazione di quello che sta' accadendo..perche' e' una cosa davvero GROSSA e schifosa...
Grillo...o rispondi a tutti noi e ci spieghi o mi lasci davvero allibito e sconfortato...mi crolla un altro mito.
L'ultimo della mia vita...puoi giurarci.

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Giuseppe P. sarebbe bello e realmente interessante se pubblicassi un post sul REALE stato dell'inps/inail, quanti anni restano ancora prima che la bolla scoppi e quale scenario si aprirebbe dopo un eventuale crack con milioni di persone senza più sostentamento. Quali misure attuerebbe il governo per evitare il crack, su una barca che affonda quali sono i compartimenti dello stato che vanno salvati per primi? Come puo' uno stato indebitato tappare i buchi senza soldi? Sarebbe bello se mettessi numeri e cifre dal bilancio, la popolazione vuole sapere quanto la pensione sia affidabile.

grillino convinto 03.09.09 16:13| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio vero, i sindacati si sono venduti alle aziende.
Oltre a questo sfruttano anche la disperazione dei precari con la nascita di formatemp, cosi' non sono solo soci delle agenzie interinali ma si prendono anche i finanziamenti dallo stato per l'organizzazione dei corsi di formazione, in piu' succhiano il 4% lordo dalle retribuzioni dei lavoratori interinali. Che bella associazione.

www.ilmondointerinale.blogspot.com

JOHNNY D30 03.09.09 16:02| 
 |
Rispondi al commento

I Sindacati se ne stanno buoni ad incassare i tremila balzelli che direttamente o indirettamente finiscono nelle loro casse grazie a decine di leggine, commini, clusoline, accordini, contrattini, che hanno faticosamenti ottenuto in anni di scioperi dei lavoratori oggi precari. Oggi più che mai, il Sindacato chiagne e fotte...

nonsenepuo piu 03.09.09 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Lavoratori, fate un grande sciopero generale, contro i sindacati tutti,sono anni che stanno vendendo la vostra pelle.

francesco.l 03.09.09 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono un sindacalista a tempo pieno dal 2003 e mi sento parte coinvolta dalle esternazioni di Grillo. Beh, che dire... il sindacato come tutte le categorie politiche, sociali o di ambienti lavorativi e scolastici è fatto di uomini che hanno i propri limiti ed i propri difetti, ma generalizzare sparando sul sindacato mi pare ingeneroso e superficiale. E questo lo affermo con onestà intelletrtuale perchè conoscendo l'ambiente so che ci sono tantissimi sindacalisti che si rimboccano ogni giorno le maniche per cercare le migliori soluzioni soprattutto in momenti di crisi come l'attuale per salvaguardare i lavoratori coinvolti precari o meno. Poi ci saranno anche sindacalisti che pensano alle poltrone o deviati per interessi personali, non lo metto in dubbio, ma la stragrande maggioranza della categoria è composta di uomini e donne che credono nell'attività che svolgono, ripeto con i propri limiti. Molto più facile è sparare a zero contro tutti da un palco o da un sito internet, molto più complicato entrare in sintonia con le persone, perchè sono persone, e le loro difficoltà quotidiane, che a volte non fanno dormire la notte anche noi sindacalisti. Andrea.

andrea illustro 03.09.09 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, ci fai capire qualcosa riguardo a Montanari ed al suo microscopio?
Vorremmo veramente sentire la tua versione oltre alla sua.

silvana g. Commentatore certificato 03.09.09 15:26| 
 |
Rispondi al commento

(Terza parte)
Infine Beppe, una mia quanto personale considerazione.
Tra i problemi che dovrà affrontare la cosiddetta "Futura Costituzione Europea" sempre che si giunga attraverso un reale processo democratico ad un tale traguardo sarà proprio quello che finora l'Europa unita ha evitato di fare "affrontare il tema della tutela dei diritti e dei salari dei lavoratori" per una negoziazione più giusta e più etica, se vogliamo poi che la futura europa sia una "Repubblica democratica, fondata sul lavoro".
Un saluto,
Alessio

Alessio Bissoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 15:25| 
 |
Rispondi al commento

(Seconda parte)
Ecco che allora mai come oggi è importante per una maggiore uguaglianza economica e sociale che si ritorni a combattere nel concreto perchè il lavoratore riceva un salario "degno".
Come ho già più volte denunciato anche qui ai sindacati in Spagna, Beppe ti aggiungo che:
- Molti degli attuali convegni collettivi sono a rischio di violazione dell'articolo 23 della dichiarazione universale dei diritti umani "Tutte le persone che lavorano hanno diritto ad una remunerazione equitativa e soddisfacente, che assicuri al lavoratore come alla sua famiglia una esistenza conforme a la dignità".(Solo un dato, in Spagna si stima che i cosiddetti 1000 euristi siano pari al 60% della popolazione al lavoro).
- La remunerazione percepita attualmente tenendo in conto dell'attuale costo della vita è a rischio di violazione dell'articolo 103 della legislazione della contratazione del lavoro spagnola ovvero "inferiore al salario minimo vitale"
-La remunerazione percepita attualmente tenendo in conto dell'attuale costo della vita è a rischio di violazione di ciò per cui lotta l'organizzazione internazionale del lavoro (ILO) "garanzia di un salario minimo vitale adeguato"
- La remunerazione percepita attualmente tenendo in conto dell'attuale costo della vita è a rischio dei violazione oltre che dell'articolo 35 della costituzione spagnola " una remunerazione sufficiente per soddisfarre le necessità della persona e della sua famiglia" anche dell'articolo 36 della costituzione italiana " Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionale alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ada assicurarsi a sè e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa".
(fine seconda parte,continua...)

Alessio Bissoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
La situazione della contrattazione tra imprese e lavoratori in Italia è a dir poco disastrosa e vergognosa!!!
Ma non solo in Italia. Anche in altri paesi europei che si affacciano sul mediterraneo.
I sindacati in Italia sono scomparsi da tempo. Non adempiono più alla missione per la quale sono stati creati.
La situazione è analoga a quello che avviene nella politica in Italia, dove i partiti esistenti sono "autoreferenziali" e non rappresentano più nessuno. Così avviene anche per il sindacalismo.
Ma quello che mi sorprende è che non nascano dei movimenti che oltre a denunciare la cosa (a parte qualcuno...come te), si battano con azioni concrete per una "rifondazione" del concetto stesso di sindacalismo, partendo dall'idea originale per la quale sono stati creati i sindacati, ovvero per la difesa e la tutela dei diritti e dei salari dei lavoratori.
Questo implica anche azioni concrete volte ad isolare e sostituire i vertici degli attuali sindacati, oppure volte alla creazione di nuove organizzazioni sindacali con idee più moderne e meno legate ad antichi concetti politici.

Si è perso poi Beppe il concetto di "riscatto sociale".
E questo è un concetto che in economia in rete deve essere ben tenuto presente se non vogliamo ritrovarci come nell'antico Egitto dove pochi Faraoni gestivano una moltitudine di schiavi lavoratori assicurandogli il minimo vitale.
Si è ulteriormente perso anche il concetto di giustizia sociale, e questo deve essere di nuovo "riconquistato" dalle popolazioni, se non vogliamo che grandi istituzioni economiche controllino con le loro illimitate risorse anche il processo democratico-politico.
Oggi Beppe la verità è che il lavoro non viene più pagato!!!
E con esso la possibilità dei lavoratori di garantirsi una vita "Degna" di essere vissuta. Si preferisce remunerare di più il capitale.
(fine 1°parte, Continua...)

Alessio Bissoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Bhe, a loro che gliene frega... sono solo dei poveri sindacalisti!!

filippo f. (filippof) Commentatore certificato 03.09.09 14:57| 
 |
Rispondi al commento

E' strano quello che leggo in questo BLOG.

Tanti che criticano i sindacati, ma temo siano proprio quelli che invece di essere SOLIDALI con i propri colleghi, si fanno "contrattazioni private" coi datori di lavoro.

Sempre meno oggi si iscrivono ai sindacati perchè si ritengono più bravi degli altri, e si fanno "trattative private" con i datori di lavoro alla faccia dei colleghi.

Poi le critiche ai SINDACATI sono GRATIS.

MA riflettete quanti di voi parteciperebbero a uno SCIOPERO GENERALE al OLTRANZA???

Io ne conosco pochi che farebbero persino uno sciopero di 2 ore.

Perciò facile CRITICARE il sindacato, MA TU CHE FAI PER MIGLIORARE IL TUO MONDO, il MONDO DEI LAVORATORI????

Io sono iscritta a un sindacato.

maria grazia 03.09.09 14:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Degli altri due, non mi meraviglio, ma Epifani, proprio perchè avrebbe dovuto difendere gli interessi dei LAVORATORI, ( non dei nullafacentipoltronadotati, è il peggiore.

antonio d., carrara Commentatore certificato 03.09.09 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo,
si attendono con ansia risposte al perché delle tue scelte sul microscopio...

http://www.byoblu.com/post/2009/09/03/Il-microscopio-maledetto.aspx

Le accuse son precise. Che cosa succede?

Marco Bessone 03.09.09 14:38| 
 |
Rispondi al commento

La mia esperienza con i sindacati?
Quand'ero una co.co.co. per loro non esistevo.
Adesso che sono un dipendente so che se voglio perdere il posto di lavoro su una pmi basta che mi iscrivo ad un sindacato, che non è visto di buon occhio.
Ma se lavori in un impresa grossa e sei un sindacalista, arrivi alla poltrona molto più velocemente di chi ha titoli superiori ai tuoi...

Barbara B. Commentatore certificato 03.09.09 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Proletari di tutti i paesi unitevi!

Al G., Sulmona Commentatore certificato 03.09.09 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I sindacati faranno pure schifo, ma fanno molto più schifo quei lavoratori che per un tozzo di pane lo mettono nel c..o ad altri lavoratori. Fanno molto più schifo quella gente che per fare carriera e "distinguersi dalla massa" inveisce contro il sindacato e fa la spia al padrone.....fanno molto più schifo quegli imprenditori che per eludere la legge e massacrare i lavoratori fanno attività antisindacale con la compiacenza di alcuni lavoratori venduti e pagati dall' imprenditore, non venduti ai sindacati.....Caro Beppe la realtà sindacale sul territorio è molto più complessa di quella che potrebbe apparire e ci sono migliaia di "LAVORATORI" che costituiscono le rappreentanze sindacali che fanno "VOLONTARIATO" in maniera ONESTA e non accettano i compromessi che la gente crede di vedere nell' operato del sindacato. Conosco "sindacalisti Autonomi" ( e so che ne conosci anche tu) che sbandierano la loro indipendenza ai quattro venti ma che poi per i lavoratori fanno ben poco visto che se ne infischiano dei contratti nazionali e della sragrande maggioranza dei lavoratori. Un' ultima cosa: caro Beppe quanto credi che i lavoratori vogliano farsi rappresentare da un sindacato e vogliano essere trattati tutti alla stessa maniera? negli anni settanta se si stava in difficoltà si era solidali con i vicini; oggi è diverso: il vicino lo faccio fuori così mi accaparro le sue risorse.Non è così?

alessandro B., Guidonia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 14:25| 
 |
Rispondi al commento

...e io che devo dire? il sindacalista mi ha venduto per mettere al mio posto persone di sua compiacenza...premetto e qui chiudo, sono stato licenziato per avere detto ad un ragazzino mio superiore che aveva rotto i coglioni...di trattare male la gente,i miei ex-colleghi extracomunitari...e di urlare in faccia a una dipendente..."lesbica di merda infame di merda"..i sindacati non servono a niente..sono parte integrante...se non dipendenti addirittura dei cosidetti "padroni".
Un abbraccio a chi ne ha passate come me,se non peggio.

Alessandro A., forli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe ora che i sindacati indicessero uno SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA DI TUTTE LE CATEGORIE DEI LAVORATORI. Dopo qualche giorno di fermo completo dell'Italia, vedreste questo governo CAGATO ADDOSSO PERCHE' NON FAREBBE NEANCHE IN TEMPO A CALARE LE BRAGHE.
Ricordate lo sciopero degli autotrasportatori e di come iniziarono a mancare i generi di prima necessità dagli scaffali dei supermercati? Ricordate Lech Walesa e il sindacato Solidarnosc?
Un sindacalista qualche tempo fa mi disse che "non si può fare: si incorre nel reato di interruzione di pubblico servizio, è anticostituzionale." io gli risposi "qui è in corso l'interruzione della Libertà, della Democrazia e della Repubblica".
Pensate: 4 o 5 giorni per mandare a casa questa schifosa casta fatta di ladri, corruttori, impuniti, mafiosi e quant'altro.

Antonio C. Commentatore certificato 03.09.09 13:11| 
 |
Rispondi al commento

sono favorevole alla proposta di legge due legislature e poi a casa
anche per i sndacati
SE FAI UNA LEGGE O PROMUOVI .... E POI UN DOMANI QUELLA LEGGE TI SI PUO RITORCERE CONTRO ... LA FAREBBERO?????

stefano b., rovato Commentatore certificato 03.09.09 13:10| 
 |
Rispondi al commento

FUORI TEMA MA NEI SERVIZI DEI TG
C'ERA ANCHE LA PAGHETTA DEI CALCIATORI
ALTRO I 6 MILIONI DI BEPPE GRILLO CHE HANNO FATTO SCANDALO QUALCHE TEMPO FA
vediamo i moralisti quante discussioni ci saranno nei media ................
nei tg .....vediamo vediamo

stefano b., rovato Commentatore certificato 03.09.09 13:06| 
 |
Rispondi al commento

i sindacati sono importanti per il lavoro (O ALMENO ERANO IMPORTANTI)
HANNO PERMESSO GRANDI CAMBIAMENTI NELL MODO DI LAVORARE
ma sono anche grandi alleati di governo di ieri e di oggi
cosi mentre ieri la grande maggioranza dei sindacati che ERANO INVISI ALLO STATO E GOVERNO
abbiamo avuto i grandi passi in avanti
OGGI I GRANDI SINDACATI SONO AMICI DI QUESTO O QUELL ALTRO GOVERNO
IL SINDACATO A TRADITO IL LAVORATORE

LA LEGGE BIAGI
Oggi per noi che speriamo di lavorare anche domani LA CHIAMIAMO LEGGE BIAGI
LORO LA CHIAMANO LEGGE 30

COSI ..IN CAMBIO DI UNA POLTRONA OGGI STIAMO PERDENDO ANCHE I MINIMI DIRITTI

stefano b., rovato Commentatore certificato 03.09.09 13:01| 
 |
Rispondi al commento

I SINDACATI SCOMPARSI.

Magari!!!

Magari fossero scomparsi questi vermi!

Invece sono presenti nel panorama politico italiano e decidono pure!

Sono lì,seduti ai tavoli di contrattazione e mercanteggiano sulla sorte dei lavoratori.

E' vergognoso che chi dovrebbe tutelare il lavoro dei cittadini prenda accordi per svenderli!

Vogliamo parlare dei morti sul lavoro?

Vogliamo parlare della qualità del lavoro?

Vogliamo parlare dell'occupazione e di ciò che si fa?

VERGOGNATEVI,AVETE VENDUTO I VOSTRI FRATELLI PER 30 DENARI!!!

IL BELLO E' CHE VENITE DA UNA CARRIERA SINDACALE CHE NORMALMENTE PARTE PROPRIO DAI LAVORATORI!!!

Comunque vi è rimasto poco da fare gli stronzi,i lavoratori sono allo stremo e faranno di voi cibo per porci!

Qualcuno che non era neanche poi male è volato dal palco,per voi che avete passato ogni limite il volo sarà molto più alto e pericoloso!!!

NON VA ELIMINATA LA FIGURA DEL SINDACATO,VANNO ELIMINATE LE PERSONE CHE LO GESTISCONO!!!

BILANCI E PATRIMONI DEVONO ESSERE PUBBLICI,SUBITO!!!

Vediamo cosa gestiscono questi signori!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

p.s.

Paolino Papillo colpisce ancora!!!

p.s.1

Nando. Meliconi (in arte l'americano) Commentatore certificato 03.09.09 12:59| 
 |
Rispondi al commento

i sindacati trattano per sottometterci e renderci schiavi ma se fossi in loro rifletterei prima o poi giustizia sarà fatta.
io li definisco vermi del padrone

v.d. 03.09.09 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Che post del CAZZO !

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 12:48| 
 |
Rispondi al commento

che schifo, ancora a parlare dei sindacati che si sono venduti ai padroni accettando il precariato, rovinando così la vita a milioni di giovani senza futuro. guardate dove son andati a finire quelli che avrebbero dovuto difendere i diritti dei lavoratori. sarebbe bastato uno sciopero generale ad oltranza, e in 3 giorni questo governo del cazzo fatto da ladri e mafiosi sarebbe dovuto scappare in papuasia.

giuseppe Picchio, orvieto Commentatore certificato 03.09.09 12:41| 
 |
Rispondi al commento

RICCO SEMPRE PIÙ POTENTE E GENTE COMUNE SEMPRE PIÙ PEZZENTE.
QUESTO MODELLO DURERÀ ALL'INFINITO SE NON RIPRENDIAMO I FORCONI!

Giuliano C., latina Commentatore certificato 03.09.09 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non sarà che siamo governati da vecchi?
Sono vecchi i politici, sono vecchi i sindacalisti, sono vecchi i manager delle aziende, sono vecchissimi i proprietari delle aziende. Tutti coloro che prendono decisioni sono vecchi, non hanno un futuro, quindi neanche un astrategia per il futuro, pensano solo all'oggi, la loro realtà finisce oggi, devono solo sopravvivere oggi. Peccato che poi continuano a sopravvivere oltre le loro previsioni...

Paolo D. Commentatore certificato 03.09.09 12:24| 
 |
Rispondi al commento

I sindacati sono importanti. Sono stati importanti, molte cose che erano acquisite fino a poco tempo fa sono merito sopratutto loro. Ma adesso cosa fanno? Per difendersi da un attacco che avrebbe rischiato di eliminarli si sono ammorbiditi, hanno accettato cose che non avrebbero dovuto, hanno continuato a difendere solo i loro iscritti fregandosene dei lavoratori precari, quelli dei 'nuovi' contratti (che poi così nuovi non sono, ci sono sempre stati, ma prima si chiamavano nero). Non hanno capito che perdendo diritti questi lavoratori con i contratti 'flessibili' alla lunga avrebbero perso potere contrattuale anche i lavoratori tutelati ed ora c'è un livellamento verso il basso. Aggiungiamo le varie crisi (vere e/o presunte) che si sono succedute e per le quali sono sempre stati i lavoratori a doversi sobbarcare i sacrifici.
Il risultato è che oggi i sindacati contano sempre meno ed un numero sempre maggiore di lavoratori non sono rappresentati da loro.
Il bello è che oggi ne pagano le conseguenze anche le aziende, possibile che non abbiano ancora capito che non possono competere con i paesi emergenti al ribasso degli stipendi? L'unico modo sarebbe stato (ma oggi temo che sia già tardi), valorizzare le competenze, diventare sempre più bravi tanto da essere difficilmente raggiungibili, la nostra sola speranza sarebbe stata la qualità, ma si può puntare alla qualità con questi contratti? Con lavoratori che oggi ci sono e tra un mese non si sà? Se non si cerca di valorizzare i collaboratori, di farli crescere, ma di trovarne sempre a prezzo più conveniente? Se non si da loro la serenità sul futuro?
La nostra società di fronte alle sfide che arrivavano da fuori poteva scegliere tra investire (nelle risorse, nella conoscienza, nella ricerca, nella tecnologia) oppure raschiare il fondo, vivacchaire finché possibile.
Secondo voi cosa ha scelto? E quale scelta continua a fare ogni gorno?


Paolo D. Commentatore certificato 03.09.09 12:19| 
 |
Rispondi al commento

MANDATELI A LAVORARE QUESTI PARASSITI!!!
AI LAVORI FORZATI QUESTI FURFANTI
CHE HANNO
MANDATO ALL'ARIA L'ACCORDO AIR FRANCE-ALITALIA
DANNO: PIU' DI 3 MILIARDI DI EURO.
ANCORA UNA VOLTA: SONO PARASSITI SUCCHIASANGUE

Eduardo B. 03.09.09 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Quello che più sgomenta parlando dei sindacati, è che nessuno di essi, quando sono al tavolo di contrattazione, fa notare a Confindustria, che se i lavoratori odierni hanno paghe misere, è perché i lavoratori hanno già fatto la loro parte sul mercato da immemore tempo, permettendo agli industriali di essere competitivi sul mercato europeo e sono gli stessi famelici imprenditori che attualmente hanno spostato le fabbriche nell’est Europa o in Cina per pagare meno gli operai, se poi si considera, che anche lo Stato ha contribuito e contribuisce ad affossare il potere di acquisto, in quanto poi permette sempre loro, di reimportare lo stesso prodotto vendendolo allo stesso prezzo senza alcuna tassa di vendita, chi conosce il lavoro nota che il prodotto ha un valore assai più scarso dovuto alle materie prime usate che non sono della stessa manifattura Italiana, qualsiasi fruitore potrà constatare che i prodotti comprati e fabbricati all’estero, non hanno più quella durata che avevano quando erano fabbricati unicamente in Italia.

È il metodo di lavorare che ha fatto si che il marchio di impresa ha un valore, non il contrario.

Per fare un esempio: chi ha fatto ristrutturare casa da operai Rumeni ha sicuramente risparmiato, ma poi chi dopo pochi anni o peggio pochi mesi, ha scoperto che il lavoro svolto da queste persone non ha la duratura che avrebbe ottenuto con un muratore italiano, è questo dovuto al modo di lavorare, non certo per il lavoro in se.

In conclusione, sia il sindacato che l’imprenditore, oltre ad avere “assassinato” la contribuzione, hanno “assassinato” il prodotto messo in vendita, dimostrando spregio per il consumatore.

Memmo P., Rome Commentatore certificato 03.09.09 11:25| 
 |
Rispondi al commento

I sindacati ammesso e non concesso che facciano gli interessi dei lavoratori, in realtà non solo si occupano esclusivamente dei lavoratori a tempo indeterminato, ma sono i nemici numero uno dei precari, dato che tutto quanto ottengono o hanno ottenuto in passato si ripercuote sull'aumento del precariato e conseguentemente la diminuzione degli ideterminati. Spiace dirlo ma l'unica strada per risolvere il problema dei precari e di dare a loro quello che si toglie in termine di "privilegi" ai dipendenti. Solo aumentanto il costo per l'azienda che usa precari e diminuendo il costo per il lavoro subordinato si poteva sperare di risolvere il problema. Oggi con la crisi spaventosa è troppo tardi per salvare la situazione. Per cui saranno sempre di più quelli che saliranno sulle gru o faranno lo sciopero della fame, completamente ignorati dai media complici della casta quando non bastonati dalle squadre antisommossa o messi in carcere neanche fossero terroristi, (ovviamente all'insaputa di tutti nel segno "occhio non vede....").

aldo p., Milano Commentatore certificato 03.09.09 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I sindacati (confederati) sono uno degli strumenti del padronato per controllare la massa di lavoratori-salariati-schiavi. Lo schema entro il quale funziona ed opera il sindacato è il medesimo che usavano i nazisti con i Kapò nei Lager: far controllare i prigionieri da altri prigionieri. In cambio questi ottenevano un miglioramento del tenore di vita. Questo moello relazionale è un punto nodale, è lo schema entro cui si sviluppa il rapporto sociale ed economico fra sfruttati e sfruttatori nel nostro sistema.

pietro u., genova Commentatore certificato 03.09.09 10:38| 
 |
Rispondi al commento

attenzione comunque a sparare troppo addosso ai sindacati.
c'e' sempre il solito giochetto straabusato, il "dividi et impera".
i loschi personaggi governativi vorrebbero approfittare del malcontento dei lavoratori verso il sindacato per farlo sparire. e questo non e' bene.
ogni cosa va migliorata, i sindacati oggi per lo piu' fanno schifo, ma non per questo non deve piu' esistere una forma di aggregazione che difenda e lotti per i diritti della gente che lavora a stipendio.
sono da riallineare alla loro funzione, questo e' certo, ma devono esistere. i lavoratori, al momento di eleggere i loro rappresentanti, devono farsi furbi e portare avanti chi veramente vuol fare il sindacalista nel modo corretto.
i poteri forti si aggregano, confindustria, confcommercio, etcetc., poi pero' soffiano sul fuoco dei malumori dei lavoratori a stipendio verso i loro rappresentanti.
che non si caschi nella trappola.
migliorare si, eliminare le mele marce, pretendere, criticare anche aspramente, ma non fare l'errore che costerebbe la sparizione di una qualsiasi forma di difesa.
p.s. a sparare troppo addosso alla sinistra si sta ottenendo solo l'effetto di estinguerla. e questo non porta certo vantaggio.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 03.09.09 10:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'era un signore che diceva non ci sono poteri buoni.
E un'esempio tra i tanti è quello dei sindacati, che per pararsi il culo (poltrona e stipendio) non esitano a brandirlo (il loro potere) anche contro gli stessi lavoratori.
La 'cigielle' inoltre, come sta succedendo anche al pìdì (ma và?), non hanno più rappresentanza perchè sono spariti gli schemi fissi. Nel caso della cigielle ciò che è sparito è il lavoro a tempo indeterminato che per loro era più facilmente gestibile (leggi tesserabile).
Amen.

Alessandro F., Parma Commentatore certificato 03.09.09 10:17| 
 |
Rispondi al commento

... e i sindacalisti sotto fanno il tifo .... ormai fanno solo questo!! ..

Chiara Mente Commentatore certificato 03.09.09 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Quando arriveremo alle Brioches??. SOlo quando saremo alle Brioches il popolo affamato assalterà il palazzo.. Agli italioti importa solo la pancia. gli ideali,l'onestà, la morale, l'onore , la gloria l'umiltà non sono parte del genotipo italiota. L'italiota partorisce solo questi loschi figuri che infestano dalla fine delle signorie la penisola ; in lungo e in largo. Reali straccioni a capo di una armata brancaleone a depredare le terre di indigeni avulsi ad ogni tipo di appartenenza.

Maurizio Bonfa 03.09.09 09:15| 
 |
Rispondi al commento

ETICA MORALE ALLA CGIL
In un'azienda di Milano, in crisi (come quasi tutte, tranne quelle che vivono di bollette, pedaggi, ecc,) i LAVORATORI (quelli veri) per evitare i licenziamenti, stanno cercando di ottenere un accordo per dare il via alla cassa integrazione, soluzione che va bene anche all'Azienda; bene, i R.S.U. della Cgil si RIFIUTANO di siglare l'accordo, per una questione di "ETICA MORALE" non può SIGLARE L'ACCORDO se la maggioranza dei LAVORATORI NON FA LA TESSERA SINDACALE.
Siamo arrivati alla "tangente" anche nelle fabbriche.

Mario P., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 09:03| 
 |
Rispondi al commento

I fatti non stanno proprio come vengono qui strombazzati. La disgregazione sociale esistente è l'effetto di tanti fattori, compreso anche il ruolo del sindacato e la stoffa delle persone che ad esso appartengono. Per cui le regole, le situazioni ed i comportamenti sono validi per tutti. Se uniti si vince, come spesso si usa dire, allora occorre cercare questa benedetta unità. La CGIL, a cui appartengo come lavoratore e con molta sofferenza, deve per forza di cose coesistere, convivere e coordinarsi con le altre associazioni sindacali. Evidentemente le legittime critiche espresse in questo blog non tengono conto del fatto che da una parte ci sono i sindacalisti (cioé persone che per professione vengono pagate dal proprio sindacato)e dall'altra ci sono i lavoratori che vedono il sindacato come strumento di difesa dalle prepotenze e di conquista di diritti. Più si allarga la distanza tra queste due figure e più appare evidente il marcio della società. Ma per rilanciare la lotta è necessario che siano i lavoratori a farsi avanti e non i sindacalisti a dettare le regole. L'aumento del peso dei primi costringe i secondi a seguirli. (Se dovete spararmi insulti, mirate al cervello).

vincenzo t. Commentatore certificato 03.09.09 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

contro il governo ladro i sindacati dovrebbero essere i primi a scendere in piazza perchè non lo fanno???

BASTANO TRE GIORNI DI SCIOPERO GENERALE PER FAR CADERE QUESTO GOVERNO.

MA HANNO MOLTI SCHELETRI NEGLI ARMADI ANCHE LORO....E NOI STRONZI CHE PAGHIAMO LA TESSERA.

mario l 03.09.09 07:49| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I lavoratori o ex lavoratori (purtroppo, è ora che si organizzino da sè, si facciano rappresentare da persone elette al loro interno e che non stiano a sentire tutte le frignacce che vengono dette. Se i lavoratori si fermano il paese intero si ferma. Che ne dite? Non sarebbe una bella idea? Tnaot non si ha più nulla daperdere. A breve per lavorare in cambio si avrà un tozzo di pane e dell'acqua

Sabina M., Biella Commentatore certificato 03.09.09 07:45| 
 |
Rispondi al commento

Sindacati=mafiogoverno

Sabina M., Biella Commentatore certificato 03.09.09 07:42| 
 |
Rispondi al commento

Avevo 13 anni quando vidi il sindacalista che avrebbe dovuto tutelare mio padre, andare a cenare con il padrone. Non riuscivo a capire..

Massimo Savarese 03.09.09 06:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bei tempi in cui mio papà operaio poteva dire: i sindacati erano gli unici che ti aiutavano e ti spiegavano qualcosa e non ti fregavano... tempi andati, anni 70-80,quasi 90... poi è andato in pensione prima per fortuna di vedere come si sono ridotti...

Massimo Baldo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 02:23| 
 |
Rispondi al commento

È impossibile vivere con questi stipendi..1000 euro quando va bene.. fanno vivere con l'acqua alla gola senza prospettiva per il futuro..per tenerci sottocontrollo...e tra poco neanche quello!

matteo r., riolo terme Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.09.09 01:36| 
 |
Rispondi al commento

repetita iuvant :

All'operaio non far sapere dove il sindacalista sogna di sedere.
Fausto Bertinotti
-----------------
inizio carriera:
Nel 1964 entra nella CGIL, diventando il segretario della Federazione Italiana degli Operai Tessili (l'allora FIOT) di Sesto San Giovanni, e tre anni dopo diviene segretario della Camera del lavoro di Novara.
fine carriera:
Il 29 aprile 2006 Bertinotti è eletto Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana alla quarta votazione, superando con 337 voti la soglia dei 305 richiesti dal quorum.
Luciano Lama
--------------
inizio carriera:
È stato uno dei più importanti segretari della CGIL in tutta la storia del sindacato.
fine carriera:
Nel 1987 fu eletto deputato come indipendente comunista
Sergio Gaetano Cofferati
------------------------
inizio carriera:
segreteria nazionale della CGIL nel 1990, e nel 1994 succede a Bruno Trentin nel ruolo di segretario nazionale
fine carriera:
2004, Cofferati viene eletto sindaco
2007 è uno dei 45 membri del Comitato nazionale per il Partito Democratico
2009 Eletto al Parlamento Europeo
Franco Marini
-------------
inizio carriera:
segretario nazionale della CISL nel 1985
fine carriera:
Eletto senatore alle elezioni politiche del 2006, è stato scelto come candidato alla presidenza del senato
Ottaviano del turco
-------------------
inizio carriera:
segretario aggiunto CGIL durante la segreteria di Luciano Lama (1970-1986).
fine carriera:
Nelle elezioni regionali del 3 e 4 aprile 2005 viene eletto presidente della Regione Abruzzo, per la coalizione dell'Unione con il 58,1% dei voti, e lascia l'incarico di Strasburgo.
***********************
Penso che non ci sia da aggiungere altro...
STRAPPATE TUTTE LE TESSERE SINDACALI!

COBAS!


diciamocelo sinceramente,l'italia è lo zimbello d'europa e merita di esserlo

devis q. Commentatore certificato 03.09.09 00:50| 
 |
Rispondi al commento

gli insegnanti sono licenziati a migliaia = solo a migliaia ? io speravo a decine di migliaia.
Per Beppe il nostro futuro è l'economia sovietica: posto sicuro per tutti !! alè !!
Possono solo arrampicarsi sui tetti = si come quelli che si sono arrampicati sul colosseo; sembravano Carlo Verdone che fa l'imitazione dei dipendenti pubblici romani ... che buffoni.

Franc Zani, Bologna Commentatore certificato 03.09.09 00:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho mai dato soldi a costoro tesserandomi. Meno male.


Però il loro lavoro lo fanno bene: le aziende sono un ottimo salvadanaio dal quale attingere danaro ad abundantiam; anche lor signor dirigenti sindacali hanno famiglia. Il "poverello" che si batte per loro alle fondamenta della piramide vale come un due di picche in mezzo agli assi.

Altrettanto bene il loro "lavoro" lo fanno quelli del/nel pubblico impiego, che spesso difendono l'indifendibile; sovente in questo contesto è utile essere inutili, e se sei un fannullone o un insegnante incapace poco importa, vieni difeso ad oltranza da questi "paladini dei diritti": un (raro?) caso di simbiosi con un parassita e qualcuno che lo diventa.

tiz.m 03.09.09 00:32| 
 |
Rispondi al commento

GUARDANDO L'ITALIA DALL'ESTERO SI VEDE CHE è UN PAESE CHE HA FATTO IL SUO TEMPO NEGLI ANNI 60 E 70 ORA TOCCA AGLI ALTRI PAESI SVILUPPARSI,NESSUNO DEI POLITICI E SINDACATI HA AVUTO IL CORAGGIO DI DIRE LE COSE COME STANNO NESSUNO HA DETTO CHE I SIGNORI DEL NWO NUOVO ORDINE MONDIALE P2 ETC CHE HANNO ANCHE PIANIFICATO L'EUROPA COME POPOLO DI CONSUMATORI E SEMPRE PIU VICINI AL SISTEMA AMERICANO DEL DEBITO
IN VERITA VI DICO CHE NON DOBBIAMO LAMENTARCI PER CIO CHE CI STANNO FACENDO,DOBBIAMO ESSERE PIU INTELLIGIENTI DI QUESTI 200 RICCHI EUROPEI CHE VOGLIONO GUADAGNARE SOLO LORO, IL SISTEMA CREATO DA QUESTI PIDUISTI è FORTE MA HA ALCUNI PUNTI DEBOLI SE CI UNIAMO POSSIAMO DEMOLIRE IL LORO " P2" E PIANIFICARE IL NOSTRO FUTURO
BEPPE HA RAGIONE RACCOGLIENDO FIRME
PER L'ELEZIONE DIRETTA DEL RAPPRESENTANTE POLITICO,COME AVVIENE NEL PAESE DOVE VIVO,SE IL POLITICO NON RISPETTA IL PROGRAMMA E IL POPOLO ,A CASA!!! MEDITATE GENTE MEDITATE

mauro bosisio 03.09.09 00:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(V parte)
E a voi, uomini di Governo: diffondete la cultura della legalità del lavoro e vedrete che non avremo più bisogno d'immigrati in Italia per svolgere i lavori più umili. Non parlateci di disoccupazione quando poi i lavori veramente utili, che fanno crescere l'economia, sono svolti da cittadini non italiani a condizioni proibitive. Regolarizzate gli italiani, prima di tutto, e ci scorderemo di cosa sia l'immigrazione clandestina e la disoccupazione.

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:29| 
 |
Rispondi al commento

(IV parte)
Sindacalisti del cavolo, non c'importa più del vostro passato; solo che alziate i vostri sederi pesanti dalle sedie e vi rimbocchiate le maniche.

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(III parte) Andate via o tornate a lavorare sul serio con le persone che vivono sulle loro spalle, ogni giorno, le problematiche lavorative.

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Basta con le vostre bandiere rosse! Il fischietto sapete dove metterlo??? No, non nella bocca...

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Caspita ma sai che me lo stavo domandando proprio questi giorni.
Di fronte alle proteste sui tetti dicevo.... ma dove cazzo si trova ad esempio Epifanio...

Cesare C. Commentatore certificato 03.09.09 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Proposta=che il mandato di un sindacalista non duri piu' di otto anni.Io sono un rsu della gcil,ma non ho vita facile,anche nel sindacato non puoi andare contro le direttive(io lo faccio sempre)e sono sempre molto critico e cerco di cambiare molte cose.Risultato! Non vengo piu' convocato ai direttivi.Ci sono certi inconpetenti,ma l'importante è non criticare.Otto anni e poi che ritornino in fabbrica o in ufficio a rischiare il posto e lo stipendio come tutti noi....

Gino U., Foligno Commentatore certificato 03.09.09 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Che succede al blog?!?

- CI SCUSIAMO PER LA MOMENTANEA INTERRUZIONE
LE TRASMISSIONI SARANNO RIPRESE IL PIU' PRESTO
POSSIBILE

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:19| 
 |
Rispondi al commento

è ora di prendere un randello democratico e cominciare a prenderli tutti e 3 a randellate.
(da dx verso sx )

Giorgio.P 03.09.09 00:16| 
 |
Rispondi al commento

(I parte)
Parassiti dello Stato, ecco cosa siete voi sindacalisti! Basta! ...vedere le vostre brutte facce, in televisione, a fare finta di dialogare col Governo dei problemi dei lavoratori.

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco ad inviare il commento! :-/

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 03.09.09 00:01| 
 |
Rispondi al commento

ed è tutto pronto per passare alle maniere forti:
l'esercito è da tempo schierato nelle strade.
Quando ci saranno manifestazioni di protesta civile, saranno ca@@i per i manifestanti.
sarà vietato manifestare per la perdita del proprio posto di lavoro.
in caso contrario saranno manganellate (nel migliore dei casi).

Paolo R., Padova Commentatore certificato 02.09.09 23:58| 
 |
Rispondi al commento

bravo papillo !!

meetup664 grax Commentatore certificato 02.09.09 23:25| 
 |
Rispondi al commento

...perchè esiste ancora il sindacato? ed i sindacalisti? pensavo che se li era comprati tutti Berlusconi!!!

sergio barone, napoli Commentatore certificato 02.09.09 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra che abbiate solo ora scoperto l'acqua calda, questi sono solo parassiti che vivono sulle spalle di chi onestamente cerca di portare il pane a casa dove ci sono i figli che aspettano, penso sempre più di lasciare questo paese. Povera la nostra Italia, non hanno vergogna di vedere i nostri vecchi che cercano nella spazzatura dei mercati pur di racimolare qualcosa da mangiare, grazie, grazie a chi lo ha votato.

Ace scazzato 02.09.09 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono anni che in questo blog denuncio la totale scomparsa del sindacato e la stupidità di quei lavoratori che ancora pagano la tessera a quei sindacati che da molto tempo li hanno svenduti ai padroni. I salari dei lavoratori italiani sono i più bassi di tutta la comunità europea e paradossalmente i lavoratori italiani sono i più sindacalizzati di tutta la comunità europea. Qualche mese fa Angeletti e Bonanni hanno avuto un incontro segreto a palazzo Grazioli e dopo poco tempo hanno firmato un accordo sulle nuove modalità contrattuale che vanno tutte in culo ai lavoratori, assente la CGIL che in questa fase sta facendo un pò di resistenza. Ti segnalo che Bonanni e Sacconi sono culo e camicia il che la dice lunga sulla bomtà dell'operato della CISl. Era ora che anche tu te ne accorgessi. Consiglio una grande campagna per indurre i lavoratori a disdire l'iscrizione ai sindacati, altrimenti non avranno scampo. Il vero problema dei lavoratori non sono i padroni ma i sindacati. Non ho spazio per dipingere bene questo mondo che ho la presunzione di conoscere bene, ma spero che tu te ne occupi.

annunziato l. Commentatore certificato 02.09.09 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Di fronte ai problemi ed ai drammi familiari e sociali tutti scappano e fuggono: meglio stare alla larga.
E il cittadino meschino, privato del lavoro, il bene per la sua sopravvivenza,resta sempre SOLO.

maria . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.09.09 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Perdonate la mia scarsa informazione, la domanda è: 'sti tre viaggiano con la scorta per caso?

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 02.09.09 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La foto mi pare ottima, mi fa venire in mente un noto scrittore francese, sul letto di morte quando esclamò:" Le fiamme di già?"

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 02.09.09 22:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori