Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Manganellate alla romana per l'ALCOA


Alcoa_Roma.jpg
Migliaia di operai dell'ALCOA hanno sfilato questa mattina a Roma per la difesa del posto di lavoro. Nel passare di fronte all'ambasciata americana (ALCOA è una multinazionale americana) hanno trovato ad aspettarli le truppe antisommossa. Gli operai sardi (ma non solo) e i poliziotti sono ormai amici di vecchia data. Quando si incontrano volano subito cordiali manganellate. Qualche poliziotto gioca anche a rubabandiera. Non si capisce tutto questo astio dei licenziati nei confronti di una società che, come riporta nel suo sito alla voce personale afferma : "Lavoriamo in un ambiente che stimola il cambiamento, le nuove idee, il rispetto per l’individuo e le pari opportunità professionali."

26 Nov 2009, 16:12 | Scrivi | Commenti (80) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Se l'Alcoa chiude tutta la Sardegna insorgerà e nessun vip oserà più trascorrervi le vacanze come se niente fosse...
Se è guerra è guerra per tutti.

Luisa Usai 12.01.10 16:51| 
 |
Rispondi al commento

i manganelli non sanno stare a destra senza finire negli Italiani

Luigi Petix 30.11.09 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Gli Italiani non sanno stare a destra senza finire nel manganello.

Marco Guerrigno Commentatore certificato 30.11.09 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Gli Italiani sono sanno stare a destra senza finire nel manganello.

Marco Guerrigno Commentatore certificato 30.11.09 15:28| 
 |
Rispondi al commento

In uno stato dove la democrazia era un utopia anni fa e ora è solo un miraggio..questi atti violenti non possono che essere il nostro pane quotidiano..!!VERGOGNA..VERGOGNA perchè non si combatte per una futile causa, ma si combatte per un diritto: il lavoro, che accomuna ogni fascia di età, ogni classe sociale, ogni appartenenza politica, ogni lavoratore ad ogni poliziotto. Motivo per il quale i poliziotti non dovrebbero fare la guerra contro di noi, ma con noi..perchè tutti ci muoviamo verso uno stesso sogno, si ormai in Italia avere un posto di lavoro lo chiamiamo sogno, se non "calcio nel sedere perchè sei figlio di..o conosci Tizio o meglio se conosci Caio"!Un tempo avremo detto che "Il lavoro rende liberi", ora e prima pure ci ha reso e ci renderà schiavi di un sistema in cui fa più scalpore se questo o quel politico va a letto con questo o quello, meglio se dello stesso sesso!Per chi ancora, però, crede che il POPOLO possa avere ancora una voce in capitolo nella nostra democrazia, è arrivato il momento per non arrendersi e lottare sempre più numerosi, perchè il 9 Dicembre non ci sia un altro stupido contentino ma una risposta concreta, per testimoniare che se protestiamo possiamo ancora far valere i nostri diritti e contiamo ancora qualcosa!Sempre più numerosi!

Federica L., Cagliari Commentatore certificato 29.11.09 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul sito ANISN (associazione nazionale insegnanti di scienze naturali)
www.anisn.it (clikkare poi su IN DIFESA DELL'EDUCAZIONE SCIENTIFICA) è riportato un appello
elaborato dalla stessa associazione assieme alla Associazione degli Insegnanti di Fisica e alla Divisione Didattica della Società ChimicaItaliana.

Alla stessa pagina, sono anche visionabili tutti i documenti ufficiali con i
quali l'ANISN ha espresso al MIUR le proprie perplessità riguardo al
riordino della scuola secondaria e chiesto di fare un passo indietro
rispetto alla riduzione delle ore di scienze.

Crediamo che una riforma che porti ad una riduzione delle ore di scienze
possa avere ripercussioni anche sulle iscrizioni alle facoltà scientifiche,
che possono vanificare gli sforzi intrapresi, ad esempio, con il Progetto
Lauree Scientifiche. Esistono infatti lavori che dimostrano quanto sia
importante il come le scienze vengono svolte nella fascia d'età dell'obbligo
scolastico al fine di far sviluppare nei giovani un interesse verso la
scienza.

Due ore alla settimana di scienze (solo nel biennio dei professionali e degli istituti tecnici)

non consentono di "fare scienze"
utilizzando le metodologie didattiche basate sull'inquiry, così come
raccomandato dalla Commissione Europea e dalla ricerca a livello
internazionale. Con sue ore alla settimana l'insegnamento delle scienze
diventerà, ancor più di ora, un "fare lezione" raccontado la scienza, con
conseguenze negative sulle competenze e sull'alfabetizzazione scientifica
delle nuove generazioni.

Per cortesia, leggete l'appello e, se credete, firmatelo come hanno già
fatto molti docenti, ricercatori, personale amministrativo, medici, infermieri, genitori , studenti ecc.

Se potete, diffondetelo anche attraverso i vostri canali.
Le decisioni verranno prese in questo periodo e determineranno come sarà la
scuola secondaria a partire dal prossimo anno.
Presidente ANISN Anna Pascucci anna.pascucci@gma.com

colomba rosaspina 28.11.09 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Le manganellate le prendono sopratutto i manifestanti CentroMeridionali e isolani, a questi viene sminuito pure la portata degli eventi.con rispetto delle problematiche settentrionali almeno i loro vengono sbandierati, sopratutto se di zona leghista. L'italia non é mai esistita.

A. Varano 28.11.09 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Ancora bastonate agli operai. dopo che ho visto quel po' che hanno fatto vedere ad annozero (io ho visto solo quello)mi sono chiesto ma se chi va in piazza a manifestare con tutte le ragioni del mondo invece di andarci con le bandiere rosse falce e martello cgil e via cosi ci andasse, anche vergognandosi molto, con le bandiere del PDL le manganellate arriverebbero ugualmente? Scommetto di no

Luca Tonioli, Cento (FE) Commentatore certificato 27.11.09 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Non c'e' problema Beppe..., risolto il tutto:
ALLA PROSSIMA MANIFESTAZIONE INDETTA DALLA POLIZIA PER I "LORO PROBLEMI" SBARREREMO LA STRADA, NOI OPERAI, IN TENUTA ANTISOMMOSSA E GIU' MANGANELLATE!!!
VEDIAMO COSA NE PENSANO I NOSTRI CARI POLIZIOTTI? E AI MAGSTRATI DICHIAREREMO CHE SONO CADUTI DALLE SCALE......!!!!!!!
Ieri a Roma c'erano solo operai inermi e disarmati... solamente disperati per il lavoro a rischio da parte di padroni delinquenti e disonesti, e che devono prendere ancora manganellate oltre che a prenderlo nel... culo!!! Ma dove sta' la logica?
Le mandrie di bufali sono sempre piu' incazzate e chissa' se basteranno poliziotti antisommossa a fermarle.....non credo!!!!!!!

cubano cubano 27.11.09 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Chi sta affogando tira giù anche quelli che cercano di salvarlo.
Ma il sindacato potrebbe iniziare un processo per abuso di potere.
La Costituzione prevede il diritto di manifestare, non quello di manganellare.
Il PD potrebbe poi presentare una interrogazione in Parlamento e chiedere un dibattito.
Non lo fanno perché sanno bene che la rivolta planetaria è imminennte e non hanno interesse ad anticiparne lo scoppio.
Gli operai però potrebbero scendere in piazza tutti insieme. Mille poliziotti si guarderebbero bene dall'attaccare un milione di dimostranti in tenuta "da sommossa".

alessandro c., lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.09 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Lobby finanziaria/assicurativa e Barak Obama: nel 2008 crollano le banche USA dopo aver truffato milioni di esseri umani e migliaia di altre banche internazionali, 7 milioni di famiglie americane perdono il lavoro, l’intera economia mondiale va a picco, Italia inclusa. Obama firma un’emorragia di denaro pubblico dopo l’altra per salvare il deretano dei banchieri truffatori e per rianimare l’economia (dai 5 mila miliardi di dollari agli 11 mila secondo le stime), senza che neppure uno di quei gaglioffi finisca in galera. Anzi: il suo governo ha chiamato a ripulire i disastri di questa crisi globale gli stessi personaggi che l’hanno creata. Invece di farli fallire e di impiegare il denaro pubblico per la gente in difficoltà, Obama e il suo ministro del Tesoro Timothy Geithner gli hanno offerto una montagna di denaro facile affinché comprino i debiti delle banche fallite. Funziona così: questi delinquenti hanno ricevuto da Washington l’85% del denaro necessario per comprare quei debiti, mentre loro ne metteranno solo il 15%. Se le cose gli andranno bene, se cioè ritorneranno a guadagnare, si intascheranno tutti i profitti; se invece andranno male, essi ci rimetteranno solo il 15%, perché l’85% lo ha messo il governo USA e non è da restituire (i fondi così regalati si chiamano non-recourse loans). E’ il solito “socialismo al limone: le perdite sono dei contribuenti e i profitti sono degli investitori privati”. Non solo: il presidente propone nell’estate del 2009 una regolamentazione del settore finanziario che il Washington Post ha deriso definendola “Priva di un’analisi delle cause della crisi… e senza alcun vero controllo sugli hedge funds, gli equity funds, e gli investitori strutturati”, cioè nessun vero limite agli speculatori che causarono la catastrofe. Domanda: quanto denaro ha preso Obama in campagna elettorale dalle lobby finanziarie? Risposta: 38 milioni di dollari. Allora, chi comanda? Il Presidente o le lobby del Potere?

Dario Balmas, Pinerolo Commentatore certificato 27.11.09 15:00| 
 |
Rispondi al commento

chi si ricorda Genova? chi si ricorda di un certo ministro dell'interno chiamato Scelba? Beh! ci risiamo.

rocco matarozzo, bitritto Commentatore certificato 27.11.09 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Manganellate alla romana per l'ALCOA

Continua il sit-in a Palazzo Chigi. Barbato (IdV) alla piazza: «Berlusconi si sbrighi o lo butto dalla finestra»


(OCCHIO PER OCCHIO,DENTE PER DENTE)

EdoHard Commentatore certificato 27.11.09 13:05| 
 |
Rispondi al commento

PERCHè I DIPENDENTI ALCOOA DELLA SARDEGNA NON VANNO A VILLA CERTOSA?
...................................................

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.09 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah dimenticavo, come dice Beppe, il rumore degli zoccoli é sempre più assordante e vicino...loro si arrenderanno??????????

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 27.11.09 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Dove sono i big e i vip's italiani? Bella domanda! E dove vuoi che siano, non siamo mica in America, stanno quatti quatti cercando di non proferire parola, sai in italica parlare di politica é pericoloso, soprattutto se sei un'artista, ti potrebbero negare gli stadi, i teatri, vedi Beppe vedi Luttazzi etc. etc. e per quei pochi soldi che si fanno con la musica e quanto altro, vuoi che si diano la pena! Ragazzi eccovi un'altro pezzetto di italici buffoni, che sono semplicemente lo specchio del paese, qualcuno poi và nel salotto Radical-chic del paese a "Parla con noi", sbiascica due battute "politically correct" e via andare, si ripuliscono la coscenza , hanno fatto quello che potevano, si diranno fra se e se, però mentre facevano la loro marchetta, mai disinteressatamente, guai mica soh scemi!! Semplicemente sono big e vip's italici, il vostro specchio!!!!!!!!

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 27.11.09 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, ma dove sono i cantanti? gli artisti? i "big"? gli sportivi di grido?
i personaggi famosi?
in una parola:
dove sono i VIP??
tolti Franco BATTIATO, CAMILLERI e pochi altri che non mi vengono in mente, dove sono? cosa fanno?
tutti questi personaggi avrebbero la facoltà di influire sulle opinioni del popolo. Ma non fanno niente.
Appena appena qualcosa, tipo la Mannoia nei confronti di Fini.
Ma tutto il resto?
perché non li chiami all'appello?????
che ci diano una MANO una volta per tutte???
ci lasciano soli.
Quando sono testimoni di dichiarazioni e affermazioni coraggiose e veritiere "si dissociano".
VERGOGNA!!!!!!!
il Nano sta delirando e minacciando una guerra civile dando la colpa ai magistrati!
e nessuno dice - DICE (non: fa) ma dice - NIENTE!!!

per piacere comincia ad ospitare i BIG nel nostro blog: a cominciare dai più coraggiosi e dicendo loro che è la parte onesta del paese che glielo sta chiedendo.
Comincia da Franco Battiato:
ma stavolta le cose gliele fai dire senza rete:
che dica in chiaro il suo pensiero, perché anche lui è schifato di tutto questo.
digli che noi c'abbiamo gli avvocati se lui ha paura di essere eventualmente querelato.
Dai Beppe!

Paolo R., Padova Commentatore certificato 27.11.09 12:17| 
 |
Rispondi al commento

La prossima volta che i cellerini scioperano le altre categorie di lavoratori devono rendergli pan x focaccia. Non è ammissibile che le camice nere in divisa picchino degli onesti lavoratori o studenti inermi. Chiediamo,a chi ha il commando, che questi gentiluomini possano essere individuati tramite una matrice stampata nella divisa. Sono la vergogna delle forze dell'ordine.

Sergio Loddo 27.11.09 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Basta! Manifestare è un diritto! PER TUTTI!
Gli operai, in difesa del loro posto di lavoro, sacrosanto, legittimo, sancito dalla nostra Costituzione, sono scesi in piazza, ed NON hanno trovato i loro DIRITTI di liberi cittadini!!
Quando questo governo se ne andrà? Quando le persone che sono al Parlamento si occuperanno dei Cittadini? Quando inizieranno a fare il loro dovere? Gli operai sardi il loro dovere l'hanno fatto, con il loro lavoro. Chi si permette di impedire loro di manifestare? Esprimo, con questo mio breve post, tutta la mia solidarietà ai lavoratori.

marco ferialdi 27.11.09 11:16| 
 |
Rispondi al commento

"Avete faccie di figli di papà. / ... / Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte / coi poliziotti, / io simpatizzavo coi poliziotti! / Perché i poliziotti sono figli di poveri."


Forse è cambiato qualcosa dai tempi di Pasolini e di Valle Giulia...
Molti poliziotti con la divisa sono in realtà delinquenti e persone violente, che hanno trovato la sponda giusta per poter manifestare e sfogare impunemente la loro aggressività.

"Disarmare la polizia significa infatti creare le condizioni oggettive per un immediato cambiamento della psicologia del poliziotto. Un poliziotto disarmato è un altro poliziotto. Crollerebbe di colpo, in lui, il fondamento della falsa idea di sé che il Potere gli ha dato, addestrandolo come un automa.
"Da tale mutazione psicologica deriverebbe [...] la necessità di altre riforme: nascerebbe cioè, nel poliziotto disarmato, una nuova consapevolezza dei propri diritti civili. Ed egli stesso sarebbe il primo a pretendere un nuovo tipo di addestramento professionale, che non approfitti, così brutalmente, della sua innocenza e della sua povertà. Attraverso tale coscienza egli diventerebbe un poliziotto socialdemocratico, appunto, anziché fascista. Che non è poco."

Favole. Purtroppo.

margaretha Zelle 27.11.09 10:40| 
 |
Rispondi al commento

io sempre più mi vergogno di essere italiana, troppe volte in questi ultimi tempi mi sono vergognata, ma dove pensano di andare questi governanti, dove....
qui ci vuole una rivoluzione di pensiero, pacifica e inarrestabile...ormai questi governanti hanno i neuroni spacciati dagli spacciatori...una risata gli seppellirà!
Gli operai, i dipendenti di eutelia hanno tutta la mia solidarietà...
saluti
vincenza briscioli

vincenza briscioli, pisogne Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.09 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ormai la situazione è precipitata,le aziende o industrie,si prendono i contributi e poi chiudono a loro piacimento,dopo tre anni spostando le loro sedi nei paesi dell'est,licenziando tutti gli operai.Il guaio è che il governo glielo permette.VERGOGNA!!! Solidarietà a tutti gli operai.

g.m. 27.11.09 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Il diritto al lavoro à sacrosanto.
Purtroppo si stat restituendo con gli interessi quanto ottenuto/conquistato fino al 1975.
Poco ma sufficiente per vivere la dignità di lavoratore.
Ahime, verissimo che molti hanno approfittato di quello status di cose ottenute, ma questo non giustifica la resa incondizionata a cui stiamo assistendo ora.
L'eterno conflitto continua...
eppure è cosi semplice capire che se vuoi di più devi anche dare di più...

Carmelo Di Gregorio, Ferrara Commentatore certificato 27.11.09 08:00| 
 |
Rispondi al commento

MA QUESTI SONO GLI STESSI POLIZIOTTI CHE HANNO DIMOSTRATO PERCHE' NON E LA FANNO PIU' CON I POCHI SOLDI E CON LA MANCANZA DI RISORSE???.
PERCHE' NON MANGANELLANO QUELLI CHE LI AFFAMANO E LI UMILIANO, PERCHE' NON SI SCHIERANO UNA VOLTA TANTO CON I PIU' DEBOLI VISTO CHE ANCHE LORO NON SE LA PASSANO BENE?
CHIARI E SCURI

LUCIANA LAFRATTA 27.11.09 07:19| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sta arrivando il momento che spaccheremo il bus do gnao al bastardo pedofilo e tutto il suo seguito di delinquenti impuniti.Io,se avrò la fortuna di esserci,me ne voglio mangiare uno sano,crudo.Salvelox

Danilo M., Trapani Commentatore certificato 27.11.09 02:11| 
 |
Rispondi al commento

Poi ci meravigliamo se uno muore di percosse in carcere, con gentaglia come quella in divisa non c'è da meravigliarsi, ripeto gentaglia che, ultimamente, viene sempre pizzicata a delinquere, forse, non sono così angioletti come vogliono farci credere, e poi mi piace la loro vigliaccheria, BRAVI SBIRRI!!!!!!!

massimo p., Savona Commentatore certificato 27.11.09 01:47| 
 |
Rispondi al commento

in una giustizia dove chi ha il potere i soldi e le amicizie resta sempre impunito dove i giudici si vendono le sentenze il processo breve anche nella sua incostituzionalità ribadisce anche se parzialmente la famosa frase che nessuno ha mai messo in atto che la legge è uguale per tutti

sebastiano corvo 27.11.09 01:40| 
 |
Rispondi al commento

Votateli pure anche la prossima volta, che dopo vi ringrazieranno come hanno fatto oggi. Mamma mia ma in che stato viviamo?.Tutta la mia solidarietà a quei poveri lavoratori.

Massimo Scarin 27.11.09 01:13| 
 |
Rispondi al commento

Molti operai che si trovavano a Roma avranno votato Cappellacci che con le sue promesse promise anche di occuparsi dei problemi dell'Alcoa...questo è il risultato della politca di regime..degli slogan e di tutto ciò che fa fumo e basta..é ora di capire che questi signori che stanno al governo sono solo collusi con la mafia..anzi LA MAFIA sono propio loro e sta a noi combatterli con tutti i mezzi!!! vogliamo lavoro e non promesse e con queste manifestazioni che la gente deve far sentire la sua voce e le nostre ragioni!!!non vincerà il regime!!!HO UN GRANDE SOGNO NEL CASSETTO CHE ANCORA NON SON RIUSCITO A REALIZZARE.....POTERMI SVEGLIARE UN GIORNO ED ESSERE ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!!!! BEPPE UNO DI NOI!!! VIVA I LAVORATORI ONESTI E LIBERI!!!

Fabrizio S., Serramanna Commentatore certificato 27.11.09 01:08| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Orgoglio Sardo a Roma: "truncada e passada"
Un'altra esibizione negativa della polizia: cosa vogliono dimostrare non si capisce proprio, chi vogliono difendere ancora meno, dal momento che manganellano la gente onesta che lavora e che vuole tutelare il proprio posto di lavoro.

Salvatore Z., Essen Commentatore certificato 27.11.09 00:24| 
 |
Rispondi al commento

tg1, servizio sulle manifestazioni di roma degli operai sardi che rischiano di esser lasciati a casa.
Nel servizio si vede un poliziotto tirare una randellata con il manganello ad un manifestante. 2 secondi dopo la giornalista dice: "ha fatto sapere il prefetto che nessun poliziotto ha usato i manganelli"

ma chi gli crede?

Stefano M., provincia di MI Commentatore certificato 27.11.09 00:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste manganellate sono senza dubbio democratiche,anzi fanno parte del pluralismo democratico nel senso che vengono elargite senza risparmio e democraticamente a chi è in disaccordo col potere dei forti e prepotenti.Quando i poliziotti si rendereanno conto di pestare dalla parte sbagliata sarà l'ora della partenza degli elicotteri pieni di valige di soldi.Ieri sera mi hanno indicato un tizio che era finito in galera per una evasione di 50 milioni di euro ebbene dopo tre mesi, dico tre mesi o novanta giorni se preferite, è stato rilasciato ed ora passeggia ammirato per le strade della sua città,riverito ed invidiato.Se questa è la pena prevista per chi ruba all'erario dello stato lo stato è antistato ed i finanzieri dei poveri cristi perdenti.Per i tipi descritti sopra non ci sono manganellate anche in carcere sono riveriti ed ossequiati per primo dai secondini poi dalla teppaglia comune che grazie a loro può variare il vitto della prigione e fumare sigarette costose.Dio mio novanta giorni di carcere per 50 milioni di euro che fanno più di 500 mila euro al giorno,se è così datemi l'indirizzo che evado anch'io.

IL SICILIANO 26.11.09 21:17| 
 |
Rispondi al commento

ma quanta cocaina tirano ste guardie??????

Nello Squillante Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Gli operai del Sulcis, e quindi anche dell'alcoa,
alle ultime elezioni regionali Sarde si sono fatti abbindolare dal candidato figlio del commercialista di mr.B e da mr.B in persona durante la campagna elettorale.E hanno dato al PDL il voto in cambio della promessa che per il lavoro non c'era nessun problema.
Quindi siete dei coglioni, e vi stanno bene le manganellate.

Francesco Pinna 26.11.09 20:18| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'alcoa ha un bellissimo motto,solo per una operazione di facciata.non credo che far manganellare i propri dipendenti(che vogliono difendere il loro posto di lavoro)dimostrino "il rispetto per l’individuo e le pari opportunità professionali" come tanto decantano nel loro motto....
ps:perchè in questo paese "democratico" gran parte delle manifestazioni civili finiscono con una aggressione da parte dei polziotti?

devis q. Commentatore certificato 26.11.09 20:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenti al vecchio bavoso P2ista. Sente che il cerchio si sta stringendo intorno a lui e sente il fiato dei Giudici sul collo. Reagisce in modo rabbioso come un vecchio rincoglionito e paventa la GUERRA CIVILE....un "presidente del consiglio" che parla di GUERRA CIVILE, ...ma ne dobbiamo sopportare ancora di porcherie da questo scemo?
Riuscirà forse a raccattare 4 scemi come lui disposti a fare una guerra civile per difendere i suoi interessi e per tenerlo fuori dalla galera.
Non facciamoci intimorire da questo scemo che minaccia sfacelli di guerra civile, stiamogli addosso che è la volta buona che CE LO LEVIAMO DAI COGLIONI con tuttala sua corte di depravati.

dr. Hause 26.11.09 19:59| 
 |
Rispondi al commento

L'Alcoa? la lista dei crimini dell'Alcoa è talmente lunga che ci vorrebbero giorni per leggerla tutta. Mi dispiace moltissimo per gli operai Sardi e per tutti noi che ci stiamo impoverendo giorno dopo giorno. nelle stesso tempo penso che a lungo andare più lontano va l'Alcoa meglio è, preferibilmente su Marte con un biglietto di solo andata.

anna lord 26.11.09 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Beppe puoi togliere la parola "alla romana" riferita alle manganellate? Io sono romano e contrario alle maganellate, che non sono mai nè romane nè milanesi nè palermitane.
Lo trovo fuori luogo.

michele ripamonti 26.11.09 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Industria sarda: dopo promesse e bugie oggi la realtà è tragica

di

Ottavio Olita

Ogni giorno in Sardegna, la terra che si è fidata delle promesse elettorali di Berlusconi per cacciare Renato Soru ed eleggere al suo posto Ugo Cappellacci, il sogno rutilante di un nuovo sviluppo economico viene spazzato via da una crisi che solo i ricchi possono combattere “con l’ottimismo e pensando in positivo”.

Gli operai delle industrie, dal petrolchimico di Porto Torres, a quelli di Ottana e della Sardegna centrale, a quanti lavorano nell’area del Sulcis, stanno lottando disperatamente perché le loro fabbriche non chiudano.

L’ultima vergogna – ma qui si teme solo in ordine di tempo – è la vicenda “Alcoa”, la multinazionale che produce alluminio e che nella fabbrica di Portovesme, vicino a Portoscuso, e a Fusina, in Veneto, ha due capisaldi.

continua...

http://vendicari.blogspot.com/2009/11/anche-la-sardegna-e-stata-fregata-da.html

manuela bellandi Commentatore certificato 26.11.09 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Il crollo planetario del capitalismo è cominciato a Dubai.
Siamo alla resa dei conti. Non dovete permettere più di picchiarvi a un pugno di fascistelli.
I poliziotti non hanno niente più di voi, salvo il manganello. Ergo...
Manifestare è un diritto democratico. Non vi sembra strano che il partito democratico non difenda questo diritto?

alessandro c., lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 19:23| 
 |
Rispondi al commento

HO L'IMPRESSIONE CHE IL 5 DICEMBRE POTREMO FARE LA STESSA FINE!
I CELERINI AVRANNO ORDINE DI MANGANELLARCI TUTTI PER DARE ESEMPIO CHE IL POPOLO NON DEVE RIBELLARSI!

mario l 26.11.09 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Queste manganellate sono più alla padana che alla romana essendo il leghista Maroni ministro degli interni

Paolo Caorsi un garibaldino 26.11.09 18:25| 
 |
Rispondi al commento

chi?
l'ALCOA?

ma chi quei figli di puttana che hanno fatto comunella con la nostrana 'IMPREGILO' per devastare l'ISLANDA con una fabbrica di alluminio che ha distrutto fauna e flora di mezza isola?

ecco qua:

http://savingiceland.puscii.nl/?page_id=317&language=it

http://savingiceland.puscii.nl/?p=370&language=en

1) corruppero tutto il parlamento ISLANDESE
2) promiseo migliaia di posti di lavoro ai locali, salvo poi rimangiarsi la promessa e assoldare tutta manodopera a basso costo (è un eufemismo per dire schiavizzata) asiatica, rumena, polacca etc..
3) chiesero all'IMPREGILO di costruirgli la diga per la centrale che doveva alimentare la fabbrica...e di dotarsi di un esercito privato per manganellare per benino i riottosi islandesi che si rifiutavano di vedere devastata la loro terra senza nemmeno una contropartita in termini di occupazione.

etc..etc..

questa gente e queste multinazionali vanno ELIMINATE CON LA FORZA.
come eliminata va la classe politica corrotta che le sovvenziona con le risorse che appartengono ai popoli.

questo stato di cose non si cambia, si abbatte.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 26.11.09 18:04| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

La polizia italiana nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne…le manganella!

Care signore, signorine, ora vi raccontiamo ciò che vi ostinate a non conoscere, rendendovi complici.
Vi ricordate i CIE, quei luoghi nei quali, anche per proteggerci, hanno rinchiuso per sei mesi immigrati ed immigrate, rei di non avere il permesso di soggiorno, grazie all’approvazione del pacchetto sicurezza?
Vi ricordate che, anche a Milano ne esiste uno? (Per chi fosse un po’smemorata e non si orientasse un gran che ricordiamo che si trova in via corelli. )
Ebbene, in questi luoghi vengono rinchiuse anche delle donne. Donne che conoscete: spesso lavorano nelle vostre case, accompagnano i figli nella stessa scuola dei vostri, o magari battono sotto le vostre finestre. Sono accomunate dal reato di non possedere il permesso di soggiorno.
Solitamente, dopo un controllo dei documenti(che non hanno) vengono prelevate dalla polizia e rinchiuse nelle gabbie di qualche Cie. Sono quelle che, d’un tratto, spariscono.
E che vita conducono le donne nei CIE? Questa non la ricordate proprio mai: violenze, soprusi, stupri, botte e minacce.
C’è il caso di Joy ed Hellen, che quest’estate hanno respinto il tentato stupro compiuto proprio dall’ispettore capo nel CIE di via Corelli,Vittorio Addesso, il quale poi, in occasione di una rivolta, le ha arrestate e picchiate, insieme alle altre. Joy ed Hellen hanno denunciato la violenza: Massimo Chiodini, responsabile crocerossa nel CIE, ha coperto Vittorio Addesso e la PM ha chiesto di mettere agli atti le loro dichiarazioni per poter procedere ad una denuncia per calunnia. La giudice ha accolto la richiesta.
E poi c’è Daniela, tuttora rinchiusa nel centro di Corelli: l’ispettore capo Vittorio Addesso, finchè lei non cederà alle sue richieste, la terrà per tutto il tempo che gli è consentito. Daniela, qualche settimana fa, per farsi rilasciare ha tentato di darsi fuoco.
E ce ne sono altre, signore e signorine.

Renato Curcioni (bca) Commentatore certificato 26.11.09 18:03| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

voi non considerate che le forze dell'ordine sono il manganello del potere, viene detto che non hanno soldi, non hanno servizi, non hanno nulla, prendono 4 soldi e fanno turni massacranti, probabilmente è vero, ma avete mai sentito dire da una persona:" mi hanno aggredito e gli aggressori sono stati assicurati alla giustizia da le forze dell'ordine;"
oppure :" sono venuti a casa a rubare, dopo una settimana mi hanno ridato il maltolto;"
insomma questi non si sognano la notte di arrestare lo scippatore, o il rapinatore, dell'ordine pubblico non gli interessa una raspa, controllano noi che non si possa infastidire il timoniere, che non si metta in dubbio la giustezza del mercato e della grande borghesia ormai regnante.....

giovanni da penne 26.11.09 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Anche voi forze dell'ordine a breve sarete senza stipendio, che farete allora? Secondo me vi conviene fare le valigie ed andare via da questo paese altrimenti vi fanno la festa ricambiata proprio quelli che avete pestato fino ad adesso

Sabina M. 26.11.09 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito linkato da Beppe: "Siamo aperti, onesti e affidabili nei rapporti con clienti, fornitori, colleghi, azionisti e con le comunità ove operiamo". Faccio notare che i dipendenti sono esclusi.

Skelos Edilio 26.11.09 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sicuri che chi soffia sul fuoco sia migliore ?
Io penso che chi oggi sbandiera la libertà di pensiero e quella di manifestare come diritti inalienabili, una volta al potere ed in nome del bene comune s'intende, ci serviranno una sola libert : quella di pensarla come loro. Non mi piace Berlusconi, corrotto fino all'osso. Non mi piace il suo codazzo di accidiosi lustrascarpe.. Ma mi guarderei anche bene dal cavalcare la protesta dei "democratici", quelli che in nome del popolo si mettono il casco in manifestazione e straparlano di diritti e libertà con i san pietrini in mano. Impariamo dalla Storia: momenti come questi sono il trampolino di lancio per nuovi dittatori, ancorchè "democratci".Stiamo attenti a non scambiare per salvatori i nostri prossimi nemici.

nonsenepuo piu 26.11.09 17:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SCUDO FISCALE,DEPENALIZZAZIONE DEL FALSO IN BILANCIO,CORRUZIONE,COLLUSIONE CON LA MAFIA......
ABUSI EDILIZI,ABUSO D'UFFICIO,...............
........................
CACCIAMO I POLITICI A CALCI NEL CULO...........

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 17:27| 
 |
Rispondi al commento

MARIO PLACANICA: ASSASSINO E PEDOFILO....
POTEVA FARE SOLO IL CARABINIERE DI LAVORO....

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 17:16| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
IL RISPETTO SI DEL POSTO DI LAVORO A MANGANELLA TE E A SOPRUSI CONTINUI, DOVE E' FINITO IL RISPETTO PER CHI LAVORA? DOVE STANNO LE FORZE DELL'ORDINE, CON I CITTADINI O CON I MAFIOSI, PIDUISTI,SCHIZOFRENICI DI PALAZZO CHIGI??? DITEMELO.................
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 26.11.09 17:04| 
 |
Rispondi al commento

in questo video di manganellate nn se ne vedono proprio, solo un operaio a terra che se sentito male per qualkosa che pero nn si vede.

andando ben a vedere durante le manifestazioni i polizziotti sono sempre quelli ke ne escono peggio
ad esempio in questa manifestazione 2 a 1 per i polizziotti appunto

quindi a ben vedere le hanno prese loro

questi operai, che hanno tutto il diritto di manifestare, ma hanno cambiato il percorso che si era stabilito, questo nn conta niente????

Francesco Saverio di Donato (napoletano978), Napoli Commentatore certificato 26.11.09 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voglio vedere quando ci saranno milioni di italiani per strada!!!!
Sbirro cosa farai?

Antonio P., Bitonto Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 16:44| 
 |
Rispondi al commento

SON DURI STI SARDI MAREMMA MAIALA...........
(PENSERà UN CELLERINO)........
EPPURE ANCHE L'ALTRO GIORNO LO SORBATO BENE BENE,MA ANCORA UNN'HA CAPITO...................
NON C'è + NIENTE DA FARE........
VOI PROTESTATE PER IL VOSTRO VECCHIO LAVORO,
IO STO LAVORANDO..............
-------------------------------------------------
APPARTE GLI SCHERZI ,SPERO CHE IL POPOLO ITALIANO SI RIANIMI UN Pò.....

MA CAZZO IN SARDEGNA......ANDATE ALLA VILLA DEL PADRONE E METTETE A FERRO E FUOCO TUTTO....
IL BILIONAIRE,E TUTTO CIò CHE HA DETURPATO LA VOSTRA BELLISSIMA ISOLA......(HO DEI CARISSIMI AMICI SARDI,"MATTEO"PERSONE PERBENE)......
MA CIò CHE + MI IRRITA è VEDERE,CHE LA MALAVITA CI STA GOVERNANDO.............
PREFERISCO UN TERRORISTA,CHE COMBATTE PER I SUOI IDEALI,CHE UN POLITICO CORROTTO...........
.....................
IL PDL è UN'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE,
E IL P D DI BERSANI è COMPLICE.........
CHI TACE O Fà FINTA DI NULLA è LO STESSO COMPLICE DEL SISTEMA....O MAFIA,COSì DICE ROBERTO SAVIANO!

CHI TACE è COMPLICE,COME CHI Fà FINTA DI NULLA.....
FORZA RAGAZZI SARDI,PRENDETE PER LE PALLE STI POLITICI,FATELI CORRERE.................
-----------------------------
AL NORD EST: INVECE, SPERO CHE LA LEGA LI GOVERNI VITA NATURAL DURANTE........
MI IMMAGINO FRA QUALCHE ANNO IL FIGLIO DI BOSSI, DAL PALCO, MENTRE TUTTO TRAFELATO VI SPUTAZZA ANCHE ADDOSSO.........
(IL FEDERALISMO..........CHIEDETE CARI LEGHISTI,
INFORMAZIONI AI TRANS CHE FREQUENTATE,SE BRASILIANI,PERCHè IL BRASILE è UNA CONFEDERAZIONE DI STATI...VI DARANNO LUMI,OLTRE CHE A QUALCHE COLPO.........)..........
.......................
ANCORA UN Pò DI MANGANELLO PER SVEGLIARE LA SITUAZIONE.....

FACCIO UN'APPELLO ALLE FORZE DELL'ORDINE DI PICCHIARE ANCORA + FORTE,NOI ITALIANI SIAMO DURI DI COMPRENDONIO....................
PER FAVORE PICCHIATE DURO(MAGARI VOI IN CUOR VOSTRO PENSATE PROPRIO QUESTO MENTRE LO FATE)

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Non preoccuparti sbirro!!!!!
Tra un pò sarai anche tu un morto di fame come loro!!!!!

Antonio P., Bitonto Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 16:41| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Non capisco. Le forze dell'ordine sembrano nervose, agitate, senza controllo, manganellano prima ancora che ci sia una provocazione, non ascoltano quando la gente cerca di parlare, di ragionare, di fermarli, di calmarli. Attaccano senza motivo, alla cieca.

I lavoratori per di piú vorrebero una manifestazione pacifica, sono persone di una certa etá, non mi sembrano tipo giovane attivista col passamontagna e molotov.

Protestare non é un diritto democratico?

Pippilotta Långstrump, Stoccolma Commentatore certificato 26.11.09 16:41| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco quello che serve agli italiani per cambiare le cose, per mandare a casa i nostri pagliacci al governo... la fame, e poi vedi come i poliziotti volano in aria come fuscelli, (ma non sono loro che dovranno scappare).

Jena Freedens, Torino Commentatore certificato 26.11.09 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' uno schifo...da sardo mi vergogno della situazione nella quale ci troviamo, ci stanno togliendo anche l'aria per respirare...non per nulla sono emigrato già solo per fare l'università...figurarsi quanto siamo incoraggiati a rimanere nella nostra terra...pochi sono gli stabilimenti che danno lavoro ai sardi, in molti di essi gli operai ci muoiono dentro, e come se non bastasse i padroni si permettono il lusso di chiudere a loro piacimento, decidendo in questo modo della vita di tutti coloro che ci lavorano, e quindi delle loro famiglie...ho perso parecchia fiducia nel popolo sardo, nel momento in cui ha permesso al burattino di berlusconi di arrivare al governo regionale, ma credo sia il caso di fare qualcosa al più presto...

Carlo Maccioni, Mogoro Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.11.09 16:22| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori