Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Grecia è vicina


Atene_incidenti.jpg
Quanto manca alla mezzanotte del debito pubblico italiano? Non possiamo svalutare perché siamo agganciati all'euro. Entro l'anno avremo superato i 1.800 miliardi di debito. Siamo un treno in corsa verso il default. La Grecia è vicina.
"IL DEFAULT SI AVVICINA E I MAFIO LEGHISTI NE SONO I RESPONSABILI. La Grecia ha un rapporto debito/Pil del 110 per cento quest’anno e 120 per cento il prossimo, l’Italia ha un rapporto del 115 per cento e 117,3 per cento il prossimo anno. E’ vero che la Grecia spende di più dell’Italia, ma quando gli investitori hanno iniziato a vendere i titoli greci contemporaneamente hanno venduto anche quelli italiani." va' pensiero, scorzè ve

7 Dic 2009, 22:35 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Cosa credevate ? Vi siete dimenticati che malgrado la copertura (si fà per dire) dell'euro, noi non abbiamo cambiato se non in peggio, rispetto alla mediocre classe politica
che ci governava nel 1992 (l'epoca del governo tecnico di Amato e di Ciampi come governatore della Banca d'Italia), quando per evitare di essere sbattuti fuori dallo SME dovemmo implorare e elemosinare da i ns. Partners europei
affinche ancora una volta ci permettessero di svalutare del 22 % la nostra Lira. Oggi quello in teoria non è possibile ...... Ci resta soltanto nell'immediato futuro una Chance: cambiare una volta per tutte una classe politica
di incompetenti, disonesti, fannulloni e figli di Papà. Largo per Dio a chi merita e fuori per sempre i Parassiti. Non sono degni di governarci !!!!!!

edoardo Pironi 28.01.10 13:21| 
 |
Rispondi al commento

La finta caduta del comunismo :
Di tanto in tanto ci si può permettere di correggere la storia. Quello che succede , i fatti , possono essere valutati da altri punti di vista. Dalle ceneri può rinascere l'araba fenice oppure valutare che un qualche fatto non è mai successo ma tutti si credeva il contrario. Il comunismo è crollato? credo di no perchè se si guardano i fatti scopriamo che la Cina è rimasta comunista in tutti questi anni , forse l'ultimo baluardo. La crisi economica , non quella finanziaria del mondo occidentale è stata creata proprio da questo stato comunista che ha tolto importanti fette di mercato e rese obsolete vecchie fabbriche che producevano beni da molti decenni. Quei beni che ora produce la Cina. Ormai il debito pubblico americano è sotto stretta sorveglianza cinese e l'occidente è sotto scacco ,che tra poche mosse sarà inevitabilmente matto. Gli stati occidentali aumentano il proprio debito , le banche o chiudono o sono costrette a tagliare posti di lavoro per correggere in positivo i propri bilanci. Sembra proprio che questi comunisti abbiano trovato il modo per creare le premesse al fine della caduta dell'imperialismo capitalista.
Se poi ci mettiamo anche il clima di mezzo la frittata è pronta. Questo imperialismo occidentale ha sempre fatto credere che bastasse una crescita del pil per risolvere tutti i problemi , indipendentemente dalle emissioni prodotte.
E così , per decenni siamo andati avanti producendo debito e aumenti di pil , ma per cosa?
Per nulla perchè ora bisogna ripartire da zero. Bisognerà ripensare il modo di creare delle case che riducano i consumi , di creare energia in modo pulito , di ripensare il welfare , di non creare debito. Come fare tutto questo? Il primo stato ad abdicare è stata l'argentina che ha dichiarato fallimento qualche anno fà. il secondo potrebbe essere la Grecia..
Se parte un domino di questo tipo sarà difficile fermarlo per evitare il cappotto.
Quest'ultma crisi non è risolta ma solo sospesa.

Giampaolo S., Belluno Commentatore certificato 08.12.09 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione Va Pensiero, siamo con te, se vuoi unirti a noi ti aspettiamo!
Grilli a Scorzè

Davide P. 08.12.09 16:09| 
 |
Rispondi al commento

....l'unica cosa che mi preoccupa e che i greci sono i greci i francesi sono i francesi!.... e gli italiani sono collusi all'attuale governo...o peggio ancora...COGLIONI!!!!

sergio barone, napoli Commentatore certificato 08.12.09 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Per la cronaca, secondo voi per quale paese gli investitori internazionali si sono assicurati di piú rispetto al rischio di Default (bancarotta):

http://www.economist.com/markets/indicators/displaystory.cfm?story_id=14972951

Ronnie Damonte 08.12.09 12:45| 
 |
Rispondi al commento

cavoli amari!ce ne per tutti gente!!il lavoro manca.le banche ti uccidono e la crisi la porteremo avanti ancora 5 o 7 anni!!!!

pasquale ., torino Commentatore certificato 08.12.09 12:05| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
OGNI ANNO I NOSTRI DIPENDENTI CI SORPRENDONO SEMPRE DI PIU', OGGI STIAMO SFORANDO IL DEBITO, BRAVISSIMI,ANZI ECCEZZIONALI, CON LA VOSTRA DISINFORMAZIONE CHE MENTE SPUDORATAMENTE OGNI MADELEDETTO GIORNO, PER CUI: EXSTRA OMNES, TUTTI FUORI DAI CO......,COME DICEVA GIANFRANCO FUNARI DATO CHE SAPETE FARE I VOSTRI INTERESSI, A DISCAPITO DEI NOSTRI ANDATE FUORI DALLE BA.... NO PARTITI DAY, NO PARTITI DAY............
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 08.12.09 10:54| 
 |
Rispondi al commento

ANCHE SE RIMASTO INASCOLTATO LO RIPOSTO CHISSA


http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Flash&d_op=getit&id=12270


LA RINASCITA DEL SIGNORAGGIO SU SCALA INDUSTRIALE

Uno dei tanti 08.12.09 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

20 anni fa erano i dipendenti pubblici che affondavano le casse dello Stato andando in pensione
con 20 anni di lavoro.
Adesso che vanno tutti con 40 anni di lavoro,a chi
cazzo lo attribuiranno il debito ????????????
Diranno che è perché si va in pensione ????????

basilio grabotti 08.12.09 04:39| 
 |
Rispondi al commento

Non si meritano neanke di vederlo da lontano il panettone stì fannulloni!Vai Beppe che la giakka e la cravatta ti donano!

mauro prioretti 08.12.09 01:52| 
 |
Rispondi al commento

che dobbiamo fare grillo? sono almeno 15 anni che si sentono i tuoni.. ora siamo arrivati... l'arca non l'ha fatta nessuno, credo, sulla luna io non ci vado... siamo già stati sodomizzati e c'è pure piaciuto qualche volta, su ammettiamolo.. sennò ci si incazzava prima e meglio... Ti ringrazio perchè ci fai scazzare... il pd eletto non si mischia col popolino, i più sciolti sono 4 gatti che contano quanto me... e io riparlo da sola insieme a chissà quanta gente comune. Credo anche che il Potere ha fatto il suo bel lavoro,ha pure lavorato tranquillo, niente da dire, ora noi dobbiamo agire da Popolo. I conti sono semplici per quanto mi riguarda: stipendio medio eur 1.100 (sono positiva) costo affitto o mutuo eur 650 (pure qui sono positiva perchè in realtà ci vogliono 1000 eur) qualche scienziato mi spieghi come si campa tenendosi anche il cervello sano. Grazie Beppe Grillo

milena de palma 08.12.09 01:24| 
 |
Rispondi al commento

si potrebbe pensare anche di andare via da questo paese,ma se ce' da tribolare meglio tribolare a casa propria,e poi ce' un sacco di persone che hanno fatto lo stesso lavoro da anni e a50anni,(dove vanno ? )tutta colpa dei politici,..
ugeniobenetazzo.com/cuoi_e_buoi

05/12/2009

mi viene da piangereeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.



oe'(i camerieri delle banche............

giuseppe gagliardo 08.12.09 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Fino ad ora ci siamo solo lamentati lasciando che le cose andassero come i collusi volevano,ora siamo già alla frutta e quando sarà l'ora del dessert resteremo tutti con la bocca amara stupiti di come la situazione è precipitata velocemente .Come per i terremoti,ci sono le scosse che li annunciano,anche per i sovvertimenti politici ci sono i segnali e questi stanno arrivando: in Grecia che ha un rapporto debito PIL simile al nostro.L'Italia fino ad ora è stata territorio di raccolta(io dico rapina)per tutti banche mafia politici corrotti,Aziende in mano a imprenditori ladri,e chi ne ha più ne metta.Abbiamo anche avuto paura di fare catastrofismo,ma tant'è che adesso ci siamo!E ora......?la colpa è anche un po' nostra che abbiamo premesso che questo succedesse,perchè quando qualcuno ci avvertiva rischiando anche grosso di quanto stava succedendo,noi abbiamo fatto solo conversazione da salotto ironizzando,o imprecando contro tizio,caio,sempronio,ma concretamente.............?Adesso se siamo finiti nella merda è anche un po' colpa nostra che abbiamo permesso tutte le porcherie che hanno fatto e non possiamo neanche dire non lo sapevamo!

Rocco A., pinerolo Commentatore certificato 08.12.09 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Se dovesse accadere come dice Beppe tutto quello che ognuno di noi ha risparmiato, vedi banche, o comprato, vedi immobili, non valerà più una cicca. Un consiglio: non comprate beni di nessun genere al di fuori di un pc e un collegamento internet. Createvi un lavoro sul web, guadagnate e portate all'estero (qui i vs soldi sarebbero rapinati dalle banche) e se dovesse succedere il patatrac fate prima le valigie e continuate a guadganre da un altro paese nel mondo.

Sabina M. 07.12.09 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori