Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Nessuno tocchi Clementina


Clementina.jpg
Chi nega la scorta a Clementina Forleo? E perché? Nessuno tocchi Clementina!
"BARI – Il giudice Clementina Forleo, gip al tribunale di Cremona, ieri sera è stata spinta fuori strada mentre era a bordo di un’automobile in Lombardia. Lo rende noto il deputato di Italia dei Valori Pierfelice Zazzera, che chiede un servizio di tutela. "Ho appreso che ieri sera, in viaggio verso Lodi, l’auto di Clementina Forleo è stata spinta fuori dalla carreggiata da un altro veicolo, lei è salva, ma chi ha provocato l’incidente è fuggito, facendo perdere le proprie tracce ... riteniamo assolutamente grave che il magistrato sia ancora sprovvisto di un servizio di tutela assegnato alla sua persona, considerando la delicata attività svolta in occasione delle inchieste sulle scalate bancarie.Siamo preoccupati, per l’atteggiamento sordo di chi dovrebbe tutelare la magistratura e non lo fa, soprattutto in relazione all’episodio della scorsa notte, tanto più che, come si ricorderà, i genitori del magistrato brindisino sono rimasti uccisi in un incidente ancora pieno di misteri..." franco antonio perrone, verona

4 Dic 2009, 23:31 | Scrivi | Commenti (39) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Intanto, mi sembra inaccettabile che questa notizia non sia apparsa su nessun telegiornale.
Anche i giornali, tranne qualche eccezione, non hanno pubblicato la notizia dell'ANSA.
Su internet ho trovato versioni completamente diverse.
Credo che la scorta a Clementina Forleo sia doverosa!

Anche io, da cittadina, chiedo che sia prevista una scorta.
Ci sono tanti, troppi personaggi che ne godono senza motivo......

Bruna M. Commentatore certificato 09.12.09 16:23| 
 |
Rispondi al commento

L'attentato "inventato" a Clementina Forleo.
##
... Come pensavo non sì tratta di "attentato" ma solo di una errata manovra svolta "dall'imbranata e distratta" Clementina Forleo.
##
Accortasi che sulla sua vettura,non c'erano segni di "speronamento" la santa Clementina Forleo ha dichiarato che "non trattasi di attentato.. certo".
Il sinistro,che l'ha vista "attrice principale" pare che così sì sia verificato:Una vettura sì è messa,improvvisamente,davanti alla sua(normale sorpasso a sinistra).Lei,sicuramente distratta,ha preso paura ed ha sterzato "a destra" finendo contro contro il guard rail di cemento che era posto in quel luogo da sempre.
.....Non ostante ciò richiede nuova scorta.
###
???? Ma perché richiede la scorta?
Chiede la scorta perché vuole "essere differenziata" dalle altre lettrici del settimanale mondadoriano "Chi?".
Cam.

P.s.
La signora Clementina più che una potenziale vittima "di uomini cattivi e sinistri" mi pare sia una "grandiSSSima foca".
Se la Clementina rientra nelle "famose foche" da salvare,capisco il vostro attivarvi a tutti i costi.

Camillo Sesmoulin Commentatore certificato 06.12.09 12:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ex carabiniere mi offro durante la sua pèermanenza a Roma e mi chiedo come cazzo facciamo a non dare la scorta alla Forleo e tenere una scorta 24 su 24 a quel fancazzista di Rutelli

Marco De Angelis 05.12.09 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao lementina, stimo la tua persona indipendentemente dalle opinioni altrui,mi auguro che non ti succeda nulla e credimi se potessi ti farei io da scorta.
Con affetto un Italiano.

massimiliano gibin 05.12.09 18:31| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
IO DA CITTADINO ITALIANO CHIEDO CHE CLEMENTINA FORLEO ABBIA LA SCORTA COME TUTTI I GIUDICI DI QUESTO PAESE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 05.12.09 18:15| 
 |
Rispondi al commento

CARA CLEMENTINA MI DISPIACE E TI SONO VICINA, CON AFFETTO PATRIZIA!


MALEDETTI BASTARDI!

patrizia l. Commentatore certificato 05.12.09 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Un abbraccio forte a Clementina.
Hissa

Hissa H. 05.12.09 17:08| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe cosa aspettiamo a divulgare questa gravissima vicenda.

giovanni trincavelli 05.12.09 16:58| 
 |
Rispondi al commento

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2009/12/04/visualizza_new.html_1624018044.html

marco scarazzini Commentatore in marcia al V2day 05.12.09 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in Italia e tutto può accadere.

Giuseppe V. Commentatore certificato 05.12.09 13:49| 
 |
Rispondi al commento

@@ Possa dargliela io la scorta... @@

(((( Fausto e Iaio ))))

Il 18/3/1978 due "killer professionisti" raggiungono due ragazzini e,dopo aver accertato che sono del Leoncavallo,sparano per uccidere.
..
Il primo a morire é Fausto Tinelli,poi toccherà a L.Iannucci,detto Iaio.
..
Il portavoce della questura di Milano diede alla stampa questa "STUPEFACENTE" versione:trattasi di un regolamento di conti fra "gruppi di sinistra" legati al "traffico degli stupefacenti".
..
Un giornalista "vero" (Mauro Brutto) non crede a questa versione e comincia ad indagare scoprendo quintali di puttanate dette dai "questurini".

(((( Il signor M.Brutto non terminerà la sua indagine perché il 25/11/1978 verrà travolto ed ucciso (lui sì) da una auto "sconosciuta"))))
##
Il tempo passa ma "certa" pubblica opinione non ci molla e la polizia,alle contestazioni risponde sempre con "puttanate su puttanate" evitando di chiarire davvero il "misfatto".
..........
Un bel giorno il sostituto "Spataro",con l'aiuto di un capace poliziotto(Scotti)scopre la verità.

Spataro,per questi due omicidi,incrimina esponenti del neofascismo:Claudio Bracci,Massimo Carminati e Mario Corsi.La loro posizione però verrà "definitivamente archiviata" dal giudice delle udienze preliminari del Tribunale di Milano in data 06/12/2000.
##
Questa fu la conclusione di "quel giudice":
Pur in presenza di significativi elementi indiziari a carico degli indiziati e della destra faSSSista appare evidente la non superabilità in giudizio del limite indiziario di questi elementi e ciò,soprattutto,per la natura de relato e delle pur rilevanti dichiarazioni.
##

In parole povere,per la GIP,non c'erano prove certe ma solo "tonnellate d'indizi".

Quindi:"Niente processo ai "faSSSisti aSSaSSini".
#########

Ma chi era quel giudice delle udienze preliminari?

((((( Era la "santiSSSima" Clementina Forleo )))))
#####

Camillo Sesmoulin Commentatore certificato 05.12.09 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Se capita qualche "disgrazia" alla Forleo rinnego la mia cittadinanza...Qualcuno sa come si fa a rinunciare ad essere italiano?

Manuela D., roma Commentatore certificato 05.12.09 12:31| 
 |
Rispondi al commento

BASTARDIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!

kostadin mingacev Commentatore certificato 05.12.09 12:20| 
 |
Rispondi al commento

be' questa e' la prova piu' chiara che siamo in pieno "golpe morbido" - oggi la magistratura per essere veramente indipendente, visto che e' palesemente osteggiata dal governo, dovrebbe autofinanziarsi in tutto, compreso un servizio di protezione. Capite a cosa siamo arrivati?
La soluzione e' una sola:
BERLUSCONI A PANAMA SUBITO.

fabrizio asteli, milano Commentatore certificato 05.12.09 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Clementina non mollare! Siamo con te!

Dafne da Roma 05.12.09 11:58| 
 |
Rispondi al commento

GIU' LE MANI DA CLEMENTINA FORLEO, NOI SAPPIAMO CHI TIRA I FILI, NON LA FARETE FRANCA QUESTA VOLTA.

Paolo R. Commentatore certificato 05.12.09 11:52| 
 |
Rispondi al commento

sono sconvolta...e nessuno si preoccupa...senza l'articolo di Beppe non avremo mai saputo di questa notizia...questo è un paese marcio nel profondo

giulia b Commentatore in marcia al V2day 05.12.09 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ma, allora, come si chiama la persona che deve decidere?

Pistan Aldo 05.12.09 11:48| 
 |
Rispondi al commento

se ci dovessero toccare Clementina ...

se qualcuno le dovesse anche torcere un capello ...

BRUCEREMO l'ITALIA INTERA !!!!!

PER DIO !!!!!!!!

Clementina é PROTETTA SOLO SE SCENDE IN POLITICA.

BISOGNA ASSOLUTAMENTE CONVINCERLA AD ABBANDONARE LA MAGISTRATURA !!!

grax MU664 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.12.09 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intanto il cardinal Bertone (l'anticristo) incotra Schifani (l'avvocato dei mafiosi) per parlare delle "grandi sfide del momento" con "patriottismo costituzionale" per "operare secondo le regole della civile convivenza democratica".

Bertone ha presentato un libro sui rapporti tra Stato e Chiesa al Sen. Schifani, esperto in rapporti fra Stato e mafia, che ha sottolineato: "la reciproca indipendenza ed autonomia di Stato e Chiesa come il criterio fondativo di una solida convivenza".

La morale della Chiesa si può riassumere così: meglio fare patti col diavolo (la mafia) che con un comunista laico perchè mentre il primo ammette l'esistenza di Dio -e per questo è più degno di considerazione- il secondo "può" non ammetterla, e per ciò deve essere combattuto con ogni mezzo.

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.12.09 10:53| 
 |
Rispondi al commento

A volte morire per un ideale di giustizia è un traguardo (vedi Facone, Borsellino etc.).
Clementina lo sà, non ha paura della morte è questo fa di lei una persona superiore.

Albertao C., Mazara del Vallo Commentatore certificato 05.12.09 10:24| 
 |
Rispondi al commento

beppe oggi è ii giorno giusto prendi in mano quella piazza...MOMENTO E PROPRIZIO

KOBA KOBA Commentatore certificato 05.12.09 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno dovrà pur prendersi la responsabilità per quello che potrà ancora succederle, se così non fosse, allora DIA LE DIMISSIONI perchè io voglio che lo stipenedio se lo meritino, no che gli sia dovuto. Min. Brunetta se è davvero coerente e non vuol parlare di politica, parli dei doveri di chi deve proteggere i magistrati e metta alla porta coloro che non fanno il proprio lavoro.
E poi sia ben chiaro che LEI e TUTTI gli altri mebri del Parlamento SIETE DIPENDENTI PUBBLICI, SE LO NEGA SI DIMETTA ANCHE LEI.

Leonardo Pandolfini, Firenze Commentatore certificato 05.12.09 10:10| 
 |
Rispondi al commento


...SE OSANO TOCCARE CLEMENTINA,
.... O SAVIANO, O GENCHI, O SCARPINATO,...
O ALTRI DI QUESTA RARA E PREZIOSA UMANITA'.......
......................................................................................................................................................

bin b. 05.12.09 09:09| 
 |
Rispondi al commento

E' incredibile tanta poca reazione a questa notizia. Leggo solo otto commenti!! Non è possibile, Beppe fai qualcosa! Ragazzi, Anno Zero, chiunque portate questo caso in TV e gridate forte allo scandalo.

!!!!!Beppe mi raccomando, grida più forte!!!!!

Paolo Mizzulli 05.12.09 08:42| 
 |
Rispondi al commento

la solita farsa all'italiana; prima ci provano e poi se gli riesce tutti in prima fila a far finta di piagere.

filippi federico 05.12.09 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Non so più dove sta la verità delle cose e come prendere certe cose.

E' vero che per tante cose i nostri politici sembrano essere dei deliquenti e dei mafiosi.

E' vero che ci sono fatti che lo confermano abbastanza chiaramente.

Ma per quello che ho sempre visto quando una persona è scomoda la fanno fuori e punto.Per Falcone e Borsellino hanno distrutto un quartiere pur di farli fuori.
Invece la Forleo si salva,per carità non volevo mica ci restasse sotto...ci mancherebbe,è una persona che ammiro.Però non credo volessero davvero ucciderla...forse avvertirla.
Grillo,Travaglio,Santoro e altri vanno avanti a dire quello che dicono e sporadicamente trovano spazio anche in tv e sui giornali.Il giornale di Travaglio è stato fatto,"Annozero" va avanti e che fine ha fatto Ruotolo che era stato minacciato dalla mafia?Io nnon ne ho più saputo niente.

Quel che voglio dire,lo ripeto,è semplicemente che non capisco più se la situazione è veramente così grave e dobbiamo temere chissà quale cataclisma o forse è tutto molto pompato ed esagerato.

Buona giornata a tutti.

Andrea Cusati 05.12.09 03:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

speriamo sia stato solo un "normale incidente"stradale...ho letto che ha rifiutato il ricovero in ospedale...

i migliori auguri di pronta guarigione...

comunque, Noi della Rete e anche l'IDV è con Lei e non la lasceremo lottare da sola...MAI...

ENZO D., BARI Commentatore certificato 05.12.09 02:26| 
 |
Rispondi al commento

dai potentati economico/finanziari bisogna difendersi come dalla mafia.

s b 05.12.09 02:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando si toccano interessi importanti,quelli che non hanno avuto scrupoli a fare azioni illegali,non si fermano davanti ad un magistrato che volendo fare il suo lavoro si espone personalmente per difendere la legalità che è un bene di tutti.Quindi è un dovere delle istituzione fare in modo che quel magistrato abbia la tutela necessaria a compiere quello per cui è chiamato dal suo ruolo.Chi lascia un magistrato da solo e imputabile di colpevole collusione con chi è indagato.Quindi c'è da sperare che la parte sana delle istituzioni si adoperi affinchè questo magistrato salvi la pelle!
Oggi chi ha da difendere interessi politici economici finanziari,non si ferma più davanti a niente.Il caso Marrazzo insegna!

andrea 46 05.12.09 01:26| 
 |
Rispondi al commento

Tutelare la Forleo dovrebbe essere prioritario,perchè in Italia di gente che rischia la pelle per adempiere al proprio dovere ce n'è anche troppa.Questo per quanto riguarda il lato umano,poi c'è da fare un'altra considerazione:
Se un magistrato che sta trattando un caso importante che tocca gli interessi dei politici o comunque di gente potente non lo si può lasciare da solo,i delinquenti hanno bisogno di dimostrare la loro forza per dare l'esempio anche agli altri,e fare in modo che la paura chiuda le bocche.Quindi bisogna che il governo dia più appoggio a queste persone più che meritevoli e che a volte lottano anche contro le collusioni dei politici con il crimine organizzato.Quindi un appello a tutte quelle forze sane del paese che facciano in modo che chi difende la legalità abbia anche gli strumenti per soppravvivere nell'esercizio del suo compito.

andrea 46 05.12.09 01:08| 
 |
Rispondi al commento

Una volta esistevano il "buon senso", "l'etica" "l'onestà", "la giustizie", "la dignità", "l'amor proprio" e "il senso civico". Quando mio padre doveva fare un complimento a qualcuno diceva: quello è un brav'uomo. Oggi io devo stare attento, per fare un complimento devo dire: quello è un figlio di mignotta...ma dove siamo finiti? E' possibile che un magistrato che deve tutelare la costituzione sia "abbandonato" in questo modo? BASTA!!!!

Marco Magro 05.12.09 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Clementina Forleo è un magistrato onesto che fa il suo dovere e purtoppo è diventata una "donna nel mirino", con tutti i nemici che si è fatta lavorando. Va assolutamente tutelata. Noi cittadini glie lo dobbiamo.

Eugenio Vicentini 05.12.09 00:29| 
 |
Rispondi al commento

piena solidarietà a Clementina.

italiano, dipende tutto da te.
tu sai, tu vedi.
basta che ti guardi intorno: la mafia la vedi da solo.
la corruzione, lo schifo sociale, la cattiveria..
non le vedi queste cose? non le sai?
non conosci le persone che le fanno? ne sei sicuro?

non mentire a te stesso.
apri quegli occhi e guarda interamente.
apri quelle orecchie e ascolta l'inascoltabile.
e quando scopri qualcosa fai in modo che venga alla luce: denuncia!
dipende da te, da me, da tutti noi.
questa è la moralità ma se non l'accetti non lamentarti di vivere in un paese mafioso e corrotto fino all'osso.

real time 04.12.09 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Vigliacchi schifosi..tutelate la Forleo!

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.12.09 23:37| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori