Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Tutti in galera con Internet!


Alfano_Facebook.jpg
La prossima legge sarà "ad medium", un solo articolo, semplice, semplice: "Chi usa Internet è un sovversivo e si prende 10 anni di galera con un processo breve, breve".
"Il senatore Pdl Raffaele Lauro ha dichiarato che sarà presto presentato un disegno di legge per istituire il reato di "istigazione e apologia dei delitti contro la vita e l'incolumità della persona, anche tramite Internet e social network". La proposta è pianificata da alcuni giorni, dopo la "gravissima aggressione" subita dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Si ipotizza una punizione fra i tre e i 12 anni. Secondo indiscrezioni "l'istigazione e apologia dei delitti" commessa su Internet potrebbe essere un'aggravante. In televisione invece si potrà continuare a dire di tutto, purché si possa dimostrare un'affiliazione alla P2 o una tessera del Pdl. A proposito di tesseramenti, sembra che la campagna del Popolo delle Libertà stia andando malissimo e così Berlusconi in persona è sceso in campo per lanciare una nuova idea regalo: "una tessera del Pdl ai tuoi amici".Prima o poi dovranno avercela tutti, come accadde con la tessera del fascio?" Luca Farisi

21 Dic 2009, 18:24 | Scrivi | Commenti (47) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sarete contento ora di avere reaglato un po' di egioni ai fascisti
complimenti davvero banda di cretini

fabio coggiola 29.03.10 21:40| 
 |
Rispondi al commento

SONO FELICE DI QUESTO.....VUOL DIRE CHE INTERNET DA' FASTIDIO , QUINDI E' POTENTE ED HA POTERE....GRANDE COSA QUESTA E PER CHI NON CI ERA ANCORA ARRIVATO L'ANNO DIMOSTRATO ADESSO.....LA FRASE " NON IMPORTA COSA DICANO MA L'IMPORTANTE E' PARLARNE "CI AZZECCA ANCORA,ORECCHIE TROPPO LUNGHE PER SEMBRARE UN CAVALLO DIREBBE QUALCUNO...(GRAZIE PER LO SPAZIO)

emanuele aliotta, genova Commentatore certificato 30.12.09 23:02| 
 |
Rispondi al commento

la tessera dei PDL porta una variazione con punti da spendere presso i locali commerciali che espongono il marchio dopl. Il Vs Capo B

salvino roma (com) Commentatore certificato 22.12.09 22:03| 
 |
Rispondi al commento

COsa posso fare di pratico per fare in modo ciò non succeda?

laura filippini 22.12.09 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Comunisti!!!!!!.

Roberto Fornara, vercelli Commentatore certificato 22.12.09 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici sto diventando pazzo. Come si fa non capire che è stato tutto organizzato dallo stesso Berlusconi? Solo i gonzi pensano che sia stato il gesto di un pazzo isolato spinto dall'odio.
Oltre all'indizio clamoroso che avete fatto notare io ne aggiungo un altro che vi si collega perfettamente. Nel video girato da Rai News24 si vede , poco prima del lancio, una guardia del corpo di B (quello di spalle alla dx del premier) che , rivolto verso Tartaglia, alza il braccio e simula il lancio. Insomma gli suggerisce il momento di tirare. O lo indica al microfonista che è più a diretto contatto. Potete vedere tutto su you tube o sul mio blog (www.latrazzerapolitica.blogspot.com) dove ho linkato il video.
Anch'io sostengo che dovrebbe aprirsi una inchiesta. E per fare questo ho già tempestato di email molti quotidiani ed anche gente come Di Pietro, Casson, Marino, Travaglio, Santoro, la Gabanelli e altri. Vi invito a fare lo stesso. Io credo , ad es, che i medici ed i paramedici del San Raffaele non resisterebbero a lungo se sottoposti ad una indagine seria

pippo vinci 22.12.09 18:10| 
 |
Rispondi al commento

non solo "In televisione invece si potrà continuare a dire di tutto, purché si possa dimostrare un'affiliazione alla P2 o una tessera del Pdl", tutto il resto: cinema, videogames, stadi -senza contare cos'esce da quelle fogne di bocche de' politici... -guardate che se gli si fa passare anche questa è veramente la fine; in ogni caso sarà meglio che ci si cominci a salutare visto che da oggi in poi pubblicherò almeno un post al giorno istigatore alla violenza (basta un copia-incolla da uno qualunque degli esempi sopra citati)

massimo battisti 22.12.09 16:50| 
 |
Rispondi al commento

MI SA CHE PIANO PIANO CUCIRANNO LA BOCCA A TUTTI, E LO VOGLIONO QUELLI DI DESTRA CENTRO E SINISTRA. TUTTO QUESTO ASTIO FRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE E SOLO APPARENTE. IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO.

OINOT OINOT 22.12.09 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma pensa te...
Invece di occuparsi dei veri delinquenti.. vanno a rompere gli zebedei agli internauti.

Poveracci... non sanno proprio più che pesci prendere.

Comfortably Numb Commentatore certificato 22.12.09 14:17| 
 |
Rispondi al commento

guardate,
a parte il fatto che sono vecchi e hanno paura della verità delle loro malefatte c'è la questione seria che se metteranno dei filtri o delle limitazioni alla rete il livello di scontro e di veleno aumenterà di tanto e non so se gli conviene .
voglio dire che una restrizione così malamente giustificata porterà a cattive conseguenze e la rete è usata da tutta la società civile non solo da chi sui blog di grillo,ricca,byoblu travagli etc.

massimo pagante Commentatore certificato 22.12.09 13:58| 
 |
Rispondi al commento

chiedo scusa per la mia ignoranza, ma reati del genere non sono già perseguiti dalla legge? cosa centra il mezzo trasmissivo? se faccio lo stesso reato scrivendo su un giornale? se lo scrivo sui muri? mah...

ANGELO S., Praia a Mare Commentatore certificato 22.12.09 13:51| 
 |
Rispondi al commento


Internet gratis in 130 zone di Roma

Connessione senza fili. La prima linea a piazza del Popolo. Nei Municipi entro la fine dell'anno saranno 250. Basta un Pc o un delefonino.


Pdl: istigare alla violenza
è reato, via Web è più grave

prima favoriscono l'uso, poi te lo vietano.....

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 22.12.09 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Ma il presidente senza denti non diceva pochi mesi fa che il suo internet è letta???!!!
Allora propongo:

ARRESTATE LETTA

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.12.09 12:52| 
 |
Rispondi al commento

quest'anno per natale propongo a tutti quelli che dissentono dall' idea del premier riguardo al magnifico regalo della tesserina, di prendere spunto da lui:
1 )andate tutti in qualche fabbrica di carta igienica;
2 )portatevi una bellissima foto del magico silvio mentre fa la linguaccia ( è uno spiritosone quindi è di facile fruizione;
3 )fatevi confezionare pacchi famiglia o addirittura aziendali del prodotto specificp
4 )regalatelo a chi volete voi
A NATALE SI PUO' !!!!!

bruno panuccio 22.12.09 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Ormai siamo alla mercificazione delle idee: per natale ti regalo l'ideale comunista... Sotto l'albero ho trovato un pacchetto con l'esistenzialismo.
Da ragazzi lo dicevamo: questo è un mondo di merda.. Ma effettivamente, forse non avevamo grande cognizione di causa, ora possiamo dirlo: CHE MONDO DI MERDA!


Per quello che mi riguarda la tessera del PDL Partito Ladroni Liberi se la possono tenere,e se eventualmente gli venisse l'idea di farmela lo stesso (cosa che conoscendoli non è da escludere),IO qui dichiaro che non la voglio,non l'ho mai voluta e ne la vorrò mai!Questo a futura memoria!Ce n'era già uno che ha obbligato gli italiani alla tessera,e si chiamava Benito;all'Italia è bastata quella esperienza!Non c'è bisogno di ripeterla.

Rocco A., pinerolo Commentatore certificato 22.12.09 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Il prossimo passo del Super Nano Berlusca sara quello di darci la tessera per accedere anche ai cessi pubblici?????
Fermiamo presto con metodi democratici, il ns voto, questo Novello Dittatore.
Forse pensa che l'Italia è la moderna Cina????

Carmelo Di Gregorio, Ferrara Commentatore certificato 22.12.09 10:05| 
 |
Rispondi al commento

http://www.apcom.net/newspolitica/20091221_130501_41bb666_79171.html

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 22.12.09 09:49| 
 |
Rispondi al commento

A esprimersi con innegabile chiarezza è il presidente del Senato, Renato Schifani, il quale non ha esitato a delineare una situazione peggiore di quella degli anni '70: su Facebook - ha dichiarato l'onorevole Schifani - "si leggono dei veri e propri inni all'istigazione alla violenza. Negli anni '70, che pure furono pericolosi, non c'erano questi momenti aggregativi che ci sono su questi siti. Così si rischia di autoalimentare l'odio che alligna in alcune frange".

Di fronte a quest'accusa il social network non è certo rimasto silente: "Su Facebook non è permesso pubblicare contenuti minacciosi, promuovere o incoraggiare atti violenti, contro chiunque e in qualunque luogo. Provvederemo a rimuovere qualunque contenuto di questo tenore".

Anche Facebook sembra sostenere quello che per molti è il vero motivo dietro la mancata approvazione del Ddl da portare in Parlamento: le norme per Internet - che siano leggi dello Stato o Condizioni d'Uso del network - già esistono e non è necessario imporre alla Rete altri cavilli.

Al limite si può sostenere che Facebook non abbia agito con tempestività sufficiente, ma è anche vero che i tempi sono stati molto ristretti.

http://www.zeusnews.com/index.php3?ar=stampa&cod=11601&numero=1419

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 22.12.09 09:40| 
 |
Rispondi al commento

La nuova leva sono i social network: "Internet e i social network stanno diventando, ogni giorno di più, canali e strumenti di diffusione di odio e veleno" ha dichiarato l'onorevole Carlucci, aggiungendo che "i social network non sono più luoghi di incontro e socializzazione virtuale" ma "si sono trasformati in pericolose armi in mano a pochi delinquenti che, sfruttando l'anonimato, incitano alla violenza, all'odio sociale, alla sovversione".

Sul fatto che i social network siano in mano a "pochi delinquenti" chiunque ne frequenti uno potrebbe avere qualcosa da ridire: come nel mondo reale, c'è gente di tutti i tipi; per quanto riguarda l'affermazione secondo la quale l'anonimato incoraggia la violenza, invece, qualcuno dovrebbe suggerire a Gabriella Carlucci di cambiare bersaglio: se sta pensando a Facebook e ai gruppi nati di recente, nella stragrande maggioranza dei casi gli iscritti si firmano con nome e cognome, come si può facilmente constatare anche solo con un'occhiata ai promotori delle deliranti affermazioni che incitano alla violenza.

Gabriella Carlucci continua a non rendersi conto di due cose: che non è lo strumento il problema, ma semmai le persone che praticano soltanto l'odio (categoria non limitata alla Rete), e che anche gli idioti hanno diritto a esprimere la propria opinione, esattamente come possono girare per le strade e straparlare liberamente (non a caso esiste la definizione di "discorsi da bar", eppure nessuno si sogna di chiedere la carta d'identità a ogni avventore che sproloquia).


http://www.zeusnews.com/index.php3?ar=stampa&cod=11568&numero=1416

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 22.12.09 09:37| 
 |
Rispondi al commento

UN RITORNO AL REGIME? - Per chi non lo sapesse, esiste già una legge simile, per cui se i carbinieri incontrano per strada un gruppo di più di 4 persone che confabulano fra loro in attegiamento riservato questi possono essere accusati di attività sovversiva. Credo che questa legge sia uno strascico delle leggi fasciste che sono in vigore ancora oggi, anche se fino ad ora non è mai stata presa sul serio.. chissà però se questo governo non deciderà di rivalutarla?! Comunque il concetto che io espongo è questo: la contestazione e l'opposizione sono, credo, alla base di una Democrazia.. non ci sarebbe Democrazia senza contradittorio. Allora se io contesto te e tu contesti me per gli stessi motivi ma opposti, se le idee dell'opposizione contestano quelle del governo e viceversa, chi delle due parti può avere ragione? Come si fà ad accusare una e a legittimare l'altra se entrambi si contestano a vicenda? Che si fà, si va tutti in galera? A questo punto la soluzione più logica sarebbe questa, a meno che.. il reato non diventi solo quello di opporsi alle scelte di governo, ovvero al sig. Berlusconi, ma in questo caso non sarebbe più Democrazia.. ma Regime! Comunque da uno che ritiene legittima la propria immunità ci si può aspettare di tutto, anche la fine della Democrazia! Staremo a vedere e se in caso fosse, le montagne sono sempre lì a portata di mano.. dovranno solo venire a prenderci. Un saluto a tutti, ciao.

formica rossa 22.12.09 09:32| 
 |
Rispondi al commento

proverbio:A FORZA DI TIRARE LA CORDA SI SPEZZA !!!

Devis Ferri, Borgo Tossignano Commentatore certificato 22.12.09 06:56| 
 |
Rispondi al commento

altre fonti sull'incendio del Reicshtag:
http://www.lager.it/reichstag.html

fabrizio asteli, milano Commentatore certificato 22.12.09 00:54| 
 |
Rispondi al commento

sapete cosa mi fa venire molto in mente tutto questo? ricordate l'incendio del Reichstag?
http://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_del_Reichstag

fabrizio asteli, milano Commentatore certificato 22.12.09 00:49| 
 |
Rispondi al commento

la cina fino a questo punto non c'è ancora arrivata.noi invece siamo precursori di una censura dittatoriale che dovrebbe coincidere con la configurazione di un reato per il solo utilizzo di internet.questa maggioranza di cosa ha paura?di cittadini-elettori che si informano su internet,avendo capito che i gornali fanno solo il lavaggio del cervello?ovvio.hanno forse paura della rete che sputtana la casta,scoprendo tutti i scheletri nell'armadio?arciovvio.per farla berve,è un tentativo criminogeno di imbavagliare l'informazione e di fatto cancellare il diritto di esprimere liberamente le proprie idee.in fin dei conti,in italia,se uno critica berlusconi(fa solo bene)commette un reato,se invece berlusconi e company provano a distruggere travaglio è un loro diritto.per il solo fatto che dice la verità.
ps:che paese di m......

devis q. Commentatore certificato 21.12.09 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Siamo costretti, ormai quotidianamente, a difenderci strenuamente da provvedimenti assurdi quali il ritorno al nucleare, la privatizzazione dell'acqua, la creazione del ponte sullo Stretto, lodi alfani, processi brevi, le ...pseudo-"riforme" della scuola e dell'Università, le cosiddette ..."regolamentazioni" delle manifestazioni, etc..., veri e propri incubi redatti da ignoranti ed emeriti idioti, se non addirittura di peggio...!

L'Italia è NOSTRA, ed il fatto che la democrazia sia morta nel nostro Paese è rappresentato dal fatto che non ci è concessa vera autodeterminazione, ma tutto, di fatto, viene stabilito da una casta, autonominatasi e non liberamente eletta.
Ciò soffoca il normale sviluppo della nostra Nazione che sarebbe invece garantito da esponenti della società civile competetenti, onesti e capaci di cui il nostro Paese è pieno.

E' evidente che la volontà di limitare Internet (mi chiedo se, poi, sia mai possibile un tale risultato...!) è il segno del terrore che ha questa casta, avendo ben capito il potere della libera Informazione (vedi "NoBDay")!

Grazie Sonia, per questo importante e necessario appello a Richard Allan. Speriamo ne faccia tesoro! ...anche per il bene dell'Europa intera!
Un motivo in più per sentirmi orgoglioso di averti votata!!!

Lorenzo Free 21.12.09 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Faccaimo un "INTERNET DAY" per non mettere bavagli alla rete, per promuovere il WIMAX nei luoghi pubblici (togliendo la legge Pisanu) e per scongelare gli 800 milioni di euro per la banda larga in Italia.

Dalzocchio Paolo, Rovereto Commentatore certificato 21.12.09 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Marcello dell'Utri per concorso esterno in associazione mafiosa se preso in primo grado 9 anni di galera.

Ora uno che scrive una fesseria in un blog rischia fino a 12 anni di Galera.

Minchia, per i nostri politici (PDL e PD-elle) la rete è più pericolosa della mafia, se la stanno facendo sotto.


Paolo R. Commentatore certificato 21.12.09 22:24| 
 |
Rispondi al commento

ma scusate "l'istigazione e apologia dei delitti" da parte di mediocri piduisti e mafiosetti da bar e' reato per caso?

Giovanni Galbusera 21.12.09 22:14| 
 |
Rispondi al commento

em bé certo, alcuni fuori dopo le centinaia di persone che si sono trovate nella FANGO, magari si sono anche suicidate, o comunque gli ha voltato le spalle, ne hanno approfittato.... ed io dentro con due parole di veritá. Devono stare attenti a metterti dentro, che con la crisi che gira, il primo reato lo faccio subito, almeno ho vitto e alloggio, perché adesso non ho neanche quelli.

Daniele M., Siena Commentatore certificato 21.12.09 21:44| 
 |
Rispondi al commento

A quando le leggi razziali?
Sono nato in Argentina e vivo in Italia da quasi 30 anni. Mi rendo conto che l'"alta politica" di questo paese sta prendendo una deriva sempre più preoccupante e totalmente sprezzante dei veri bisogni delle persone e delle comunità locali. Propongo di creare 1, 10, 100, 1.000 movimenti a 5 stelle per potere finalmente avere uno spazio dove poter affrontare contenuti che aiutino a risolvere i problemi che sempre di più affliggono la gente normale. Esistono in Italia moltissime iniziative sane, fatte da gente sana, che vogliono dare un contributo al miglioramento del benessere delle persone e delle realtà locali e non a blindare loschi personaggi che andrebbero blindati in galera (previo processo). Abbiamo bisogno di coerenza, non di leggi.
"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione." Art. 21 della Costituzione Italiana

Miguel Scordamaglia 21.12.09 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Se qualcuno, chiunque esso sia, osasse regalarmi una tessera del pdl, giuro che lo querelo seduta stante, non prima di fargliela ingoiare.
Donato Bianchini

donato bianchini 21.12.09 20:51| 
 |
Rispondi al commento

secondo me si sono presi paura per la manifestazione di roma no b day che ha avuto un grande successo.
prima pensavano casomai che internet fosse un fenomeno circosritto seguito da poche persone facilmente emarginabili, ora stanno agendo come fanno tutti i governi totalitari quando si accorgono che una certa forma di protesta prende piede e risulta vincente nella nazione.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 21.12.09 20:51| 
 |
Rispondi al commento

che belli che sono, e lasciategli credere che internet si possa mettere il bavaglio...il nord-est si sta risvegliando dal torpore, le aziende chiudono, la gente è senza lavoro e questo grazie a questa classe politica che pensa solo ad ingrassarsi in spregio al popolo...

Marco Oliva (freccia), Taggia Commentatore certificato 21.12.09 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Se il suddetto disegno di legge dovesse diventare una norma, rischierebbero la condanna tutte quelle decine di migliaia di persone che, senza rifletterci troppo suppongo, si sono iscritti a gruppi su Facebook che inneggiano al ferimento o addirittura all'uccisione di politici, di Berlusconi come di Di Pietro, e non; i quali gruppi sono sicuramente da condannare, ma non da censurare, nè loro nè il sito (Facebook in questo caso) che li ospita.

Fabio Fontana 21.12.09 20:26| 
 |
Rispondi al commento

un paese dove si fa più galera per un commento su internet che per uno stupro assomiglia più a una tirannia medievale che a una democrazia occidentale che affonda le sue radici nella civiltà greca e nell'illuminismo francese.
bisogna reagire; facciamolo la prossima volta che che saremo nella cabina elettorale.

r t 21.12.09 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Non è INTERNET che provoca il reato di "istigazione e apologia dei delitti contro la vita e l'incolumità della persona, anche tramite Internet e social network",

ma la TELEVISIONE con programmi litigiosi e VUIOLENTI!
Lo ha dichiarato Massimo Tartaglia!

********************************************************

Tartaglia, intanto, resta nel carcere di San Vittore a Milano dove è rinchiuso dalla sera di domenica scorsa. Ieri ha ricevuto la visita dell’europarlamentare pdl Mario Mauro, al quale ha detto:

- «D’ora in poi voglio vivere senza guardare la televisione».
-«Mi ha detto che quando uscirà dal carcere vuole una vita senza tv», ha confermato Mauro, spiegando che nel loro incontro non è stato fatto alcun accenno all’aggressione di cui Tartaglia si sarebbe comunque pentito «dopo aver capito che Berlusconi rappresenta l’istituzione votata dagli italiani».

maria . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.12.09 20:18| 
 |
Rispondi al commento

mentre in ingliterra ci ridono su a noi non ci resta che piangere

http://www.youtube.com/watch?v=n7OQYQ1WnMw

misura d uomo 21.12.09 20:14| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA NON ESISTE SI TORNA ALLA MACCHIA COME I CARBONARI!!

Uno dei tanti 21.12.09 19:55| 
 |
Rispondi al commento

"Il senatore Pdl Raffaele Lauro ha dichiarato che sarà presto presentato un disegno di legge per istituire il reato di "istigazione e apologia dei delitti contro la vita e l'incolumità della persona, anche tramite Internet e social network".
----------------------------------
Senatore Raffaele Lauro, mi consenta:"mavvaffanculo!!"

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.12.09 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Prima che sia troppo tardi.

Vivo negli Stati Uniti dal giugno del 2002 -sei mesi di Euro e poi via, verso una nuova avventura-. Chiedo umilmente a chiunque leggera` questa mia, di ricordarmi in maniera il piu` dettagliata possibile questo momento di funesta storia politica Italiana:
il qotidiano Il Giornale (al tempo di responsabilita` Feltri) pubblico`, nell'aprile dell' anno in cui Silvio Berlusconi fu eletto per il suo primo mandato, tutte le date nelle quali il personaggio in questione, sarebbe dovuto essere presente in tribunale, sia in qualita` di imputato che di testimone; la scioccante lista lo dava richiesto in aula qualcosa come una media di tre giorni a settimana.
Mi limito a dire che trovo preoccupante che dopo quasi due decenni, questo uomo sia ancora presente non solo nella scena politica Italiana, ma addirittura a governarla. Perche`?
Spero di avere una risposta quando mio figlio me ne chiedera` le ragioni.
Sostegno totale per chiunque cerchi giustizia.

Federico Dall'OLmo 21.12.09 19:02| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
E' CHIARO CHE UN ISTIGAZIONE A DELINQUERE, PER AFFILIATI ALLA P2 DEL MEZZO TELEVISIVO CI STAREBBE MOLTO BENE,ANZI ALTRO CHE INTERNET, PER ANCHE AFFFILITI AL PDL ED AL PL MENO ELLE. SI VEDE CHE NON HANNO STUDIATO L'ARTICOLO 21 DELLA COSTITUZIONE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 21.12.09 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Brava Sonia!

Forse nessuno ha detto al responsabile di Facebook che sta chiedendo appuntamenti a personaggi poco limpidi.

Nessuno ha detto lui che c'è in Italia una gran numero di cittadini che attraverso il loro portale scambiano idee e sensazioni di questo difficile momento per la Nazione!

E' bene che sappia che in Italia c'è della gente che ha paura di quello che può emergere dalla rete,ed è per questo che vorrebbe bloccarne la diffusione!

In nessun paese civile è ipotizzabile un tale affronto alle persone,e loro di Facebbok hanno il dovere di tutelare i milioni di italiani che attraverso le loro pagine scambiano opinioni!

Forza Sonia,porta in Europa le nostre voci!

Buon Natale.

Nando.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.12.09 18:48| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori