Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

PER FABER


Fabrizio_De_Andre.jpg
Ciao, immenso Faber.
"Esattamente undici anni fa (11 gennaio '99) il Grandissimo Poeta e Cantautore Fabrizio De Andrè attraversò "l'ultimo vecchio ponte" lasciando un vuoto enorme nel panorama musicale italiano. Fabrizio è stato amico di Beppe, oltre che concittadino ed è stato un profondo conoscitore dell'animo umano, con le sue miserie e nobiltà. Ci ha lasciato un'eredità stupenda in termini di umanità e musica. Lui si, ha dato lustro all'Italia. Lui si, un grande uomo da ricordare. Si è risparmiato lo sconcio a cui stiamo assistendo. La sistematica demolizione della democrazia e della dignità umana; le ingiustizie, le buffonate e i vergognosi episodi di razzismo. Voglio ricordarlo con una stupenda canzone: "Preghiera in gennaio", che scrisse in occasione della morte di Luigi Tenco, morto anche lui in gennaio." Estrellita *.

11 Gen 2010, 22:26 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ero giovanissimo quando intorno a me il mondo voleva cambiare. Lo percepivo ma non me lo spiegavo, c'erano tante cose che non sapevo.
Quando ascoltai una delle prime canzoni di Fabrizio, fu come una luce apparsa improvvisamente nel buio.
La poesia in musica, la società e i suoi difetti in musica. L'amore, le speranze e le delusioni in musica e poesia.
Da allora per anni ho seguito, attraverso i dischi, il suo percorso artistico. Aveva sempre da dirti, da insegnarti qualcosa.
Tanti LP, per tanti anni trascorsi, infinite volte ascoltati.
Tanti LP ora consumati dall'uso e dal tempo, che suonano solo nella mia mente.
E tanto mi emoziona tanto.

old Geppy 12.01.10 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Peccato non abbia potuto ascoltarlo in concerto(sono troppo giovane) pero` tutte le volte rimango incredulo dalla sensibilita` e la capacita` di disegnare con le parole, un grazie a Giamberto, mio proffessore di italiano, per avermelo fatto conoscere, un grazie alla mia famiglia per avermelo fatto trovare in casa.

Michele Terzi 12.01.10 19:21| 
 |
Rispondi al commento

dovrebbero coniare un'altro termine per chi come me ha amato le canzoni di FDA definirsi fans è davvero molto, molto riduttivo.

domenico grassi 12.01.10 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Fabrizio De Andrè un immenso protagonista culturale dell'Italia del '900. Fernanda Pivano lo ha definito il più grande poeta italiano del '900 e credo ne sapesse più di qualche commentatore improvvisato di questo blog (tutti i grandi si sono ispirati ad altri grandi, si sono "issati sulle spalle di altri giganti" per parafrasare Newton). Mi ha aperto la mente e il cuore, mi ha commosso e fatto pensare, l'ho amato e continuerò ad amarlo.

Paolo Guido 12.01.10 17:32| 
 |
Rispondi al commento

grazie papà per avermi fatto conoscere un poeta cantautore, per avermi comprato i suoi dischi, per avermi aiutato a comprenderlo a fondo, per avermi portato al suo concerto al teatro Margherita a Genova, per avermi aperto la mente con le sue parole.
Grazie pà e grazie Faber.

Gigi

luigi anghinetti 12.01.10 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi rammarica il fatto che la RAI ,sottomessa al vaticano ,non gli ha mai dato lo spazio che meritava!!!Come al solito , solo dopo la morte si è resa conto di aver perso qualcosa di grande!!!Troppo tardi stronzi!!!Io ho ancora le cassette della sue belle canzoni!!!

oreste SP 12.01.10 13:30| 
 |
Rispondi al commento

mi hai cambiato la vita e aperto la mente,

ciao fabrizio!

marco sagliano 12.01.10 12:35| 
 |
Rispondi al commento

E' stato meglio lasciarti... che non averti mai incontrato . Ciao Faber !

maurizio Lucchetta 12.01.10 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Si potrbbe intestare a lui una strada invece che a craxi,sarebbe senz'altro più rispettoso.
Si vuole intestare una strada a craxi,perchè oggi l'Italia ,sempre di più,si rispecchia in quello che ha fatto.

davide gorini, Forcoli (Pisa) Commentatore certificato 12.01.10 11:21| 
 |
Rispondi al commento

si potrbbe intestare a lui una strada invece che a craxi.

davide gorini, Forcoli (Pisa) Commentatore certificato 12.01.10 11:17| 
 |
Rispondi al commento

si ptrbbe intestare a lui una strada invece che a craxi.

davide gorini, Forcoli (Pisa) Commentatore certificato 12.01.10 11:16| 
 |
Rispondi al commento

SEMPRE CON NOI.

CHARLES BUKOWSKI

HANCK BUKOW (hanck17) Commentatore certificato 12.01.10 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale

c'è un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek.

I nostri guerrieri troppo lontani sulla pista del bisonte
e quella musica distante diventò sempre più forte
chiusi gli occhi per tre volte
mi ritrovai ancora lì
chiesi a mio nonno è solo un sogno
mio nonno disse sì

a volte i pesci cantano sul fondo del Sand Creek

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso
le lacrime più piccole
le lacrime più grosse
quando l'albero della neve
fiorì di stelle rosse

ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek

Quando il sole alzò la testa tra le spalle della notte
c'erano solo cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia in cielo
per farlo respirare
tirai una freccia al vento
per farlo sanguinare

la terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek

Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale

ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek

gatta in calore Commentatore certificato 12.01.10 10:43| 
 |
Rispondi al commento


Fabrizio De André a me piace moltissimo
soprattutto per "Storia di un impiegato"
"Tutti morimmo a stento", "La buona novella" e
"Non al denaro, non all'amore ne al cielo".

E' stato un grande poeta pero' bisogna anche
riconoscere che ha percorso una strada gia'
tracciata da modelli come Brassens, Cohen,
Ferre' e altri anche nella letteratura
(Masters ad esempio).
Questo vale non solo per i testi ma anche per la
musica (bellissimo "storia di un impegato"...sembra la pfm...)

Non fraintendetemi, ce ne fossero!!

Solo che e' un po' difficile: bravo a cantare,
dotato per la musica, intelligente, poeta,
amante della cultura, comprensibile a molti
e abbastanza ricco fin da ragazzo in modo
da potersi dedicare all'arte senza fame.
Non so quando ne avremo un'altro...

Fabio DiGenova 12.01.10 09:53| 
 |
Rispondi al commento

oggi come allora, le tue canzoni sono un caldo rifugio quando non si capisce il senso delle cose e tutto sembra perduto ...

niamo suppo 12.01.10 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Fabrizio, mi manchi tanto...

Giovanni Galbusera 12.01.10 07:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Faber

Graziano Ferrero (redwolf83), Borgosesia Commentatore certificato 12.01.10 04:42| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto si vede qualcuno della PFM che commemora l'esperienza di collaborazione con De André, che secondo me non ha funzionato... è stato un brutto disco (forse 2?) allo stesso tempo per l'uno e per gli altri, in un periodo di scarsa ispirazione. Non sarebbe meglio per la PFM commemorare i quarantennale dei suoi primi indimenticabili LP "storia di un minuto", "per un amico" e lasciare il ricordo di De André (e della PFM) a canzoni meglio arrangiate (per entrambi)?

andrea vagnoni milano, milano Commentatore certificato 12.01.10 01:55| 
 |
Rispondi al commento

"Evviva L' Italia"
L' Italia Di Giorgio Gaber

Vivo in Thailandia, il mio governo mi ha tradito.
Il mio presidente si è disonorato con me.
Firmato ..una ciabatta scomoda
Evviva il Sovrano del Siam.
Che la nostra nazione prenda esempio di Civiltà e nobilta nell' animo, nelle parole, nell' Amore.

Viva L' Italia, L'Italia che mi tiene compagnia.

L' Italia di Fabrizio Andrè
Viva L' Italia dei comuni Virtuosi.
Viva L' Italia di Destra, quella di I. Montanelli.
Evviva la Sicilia..
Quella di Ettore Majorana e della Ferrilli.
Evviva L' Italia, L' Italia della Chiesa.
Quella di Gesù e dell' Signore mio Albino Papa.
Evviva L' Italia della chiesa che uccide.
Evviva L' Italia di Mauro Corona, quella di Troisi.
Evviva L' Italia, quella di Dante, Collodi e di Pinocchio. Evviva l' Italia di Benigni
Evviva le giornaliste d' Italia, da Ilaria Alpi a Stella Spinelli.

Evviva l' Italia Sovrana..
Evviva la Sovrana..
Evviva Il Grande Nuovo Regno d' Italia.
Evviva Milena Gabanelli REgina di Italia.


è sempre un gran sollievo salutare fabrizio de andrè. fa bene alla vita. non so se aveva intuito questo scenario.. forse sì. grazie beppe grillo

milena de palma 12.01.10 01:24| 
 |
Rispondi al commento

un buon ricordo per una grande persona

il rinascimento ha avuto Dante come icona
il nuovo rinascimento avrà ...
IL FABRIZIO "FABER" L'ULTIMO GRANDE
POETA ITALIANO !!!!!

gli ALTRI sono candele luccicanti nel tempo ....

EGLI è una luce splendente ancora presente...

ciao GRANDE

LeninMagic ArmyRed 12.01.10 00:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

.

Roberto O 11.01.10 23:52| 
 |
Rispondi al commento


Cosa vuol dire avere
un metro e mezzo di statura,
ve lo rivelan gli occhi
e le battute della gente,
o la curiosità
di una ragazza irriverente
che si avvicina solo
per un suo dubbio impertinente:

vuole scoprir se è vero
quanto si dice intorno ai nani,
che siano i più forniti
della virtù meno apparente,
fra tutte le virtù
la più indecente.

Passano gli anni, i mesi,
e se li conti anche i minuti,
è triste trovarsi adulti
senza essere cresciuti;
la maldicenza insiste,
batte la lingua sul tamburo
fino a dire che un nano
è una carogna di sicuro
perché ha il cuore toppo,
troppo vicino al buco del culo.

Fu nelle notti insonni
vegliate al lume del rancore
che preparai gli esami.
diventai procuratore
per imboccar la strada
che dalle panche d’una cattedrale
porta alla sacrestia
quindi alla cattedra d’un tribunale,
giudice finalmente,
arbitro in terra del bene e del male.

E allora la mia statura
non dispensò più buonumore
a chi alla sbarra in piedi
mi diceva Vostro Onore,
e di affidarli al boia
fu un piacere del tutto mio,
prima di genuflettermi
nell’ora dell’addio
non conoscendo affatto
la statura di Dio.
F. De André

fran cesca Commentatore certificato 11.01.10 23:49| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
FABRIZIO DE ANDRE' MANCA LA TUA POESIA IN QUESTA NOSTRA ITALIARAZZISTA E BUFFONA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 11.01.10 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Tutto quello che vuoi, ma che tristezza la sua musica come queste commemorazioni, guardare al futuro con meno nostalgia e piu allegria e' la migliore strada per la guarigione.

silvia a 11.01.10 22:54| 
 |
Rispondi al commento

A volte penso che cosa avrebbe ancora scritto visto il momento che stiamo vivendo,sarebbe stato un poetico lamento. Continuerò ad ascoltarlo come ho sempre fatto da quarantanni, mai stanco,mai sazio di quella poesia popolare comprensibile sempre.... anche dai poveri di mente

arnaldo pettazzoni 11.01.10 22:49| 
 |
Rispondi al commento

11 anni fa in questo stesso giorno ci hai lasciati... ma la magia e l'incantevole meraviglia della tua poesia, quel tuo modo di raccontare gli ultimi e di renderli così straordinariamente interessanti e vicini a noi (dagli indiani alle prostitute, dal servo pastore all'ubriacone, dall'impiegato all'immigrato), la discrezione e la sobrietà con cui la tua inconfondibile voce entra dritta nell’anima e materializza miracolosamente le tue parole, sono tutte cose che non ci lasceranno mai. Dovremmo più spesso ricordare ciò che dicevi per esempio in "Khorakhanè", un meraviglioso inno alla tolleranza e all'integrazione tra popoli che all'indomani dei fatti di Rosarno avremmo bisogno di ascoltare 100 volte al giorno. Finchè ci sarà consentito ascoltare le tue canzoni la Terra non sarà poi un posto così brutto in cui vivere. Un grazie dal profondo del mio cuore.

Francesco forciniti, Corigliano Calabro Commentatore certificato 11.01.10 22:46| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori