Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Brunetta, se questo è un ministro...


Brunetta_foever.jpg
Brunetta:...stabilire che “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” non significa assolutamente nulla...la parte valoriale della Costituzione ignora temi e concetti fondamentali come quelli del mercato, della concorrenza, del merito". Mi viene da vomitare.
"Brunetta ha ragione, nel senso che giustamente ritiene, OGGI, l'articolo 1 della Costituzione una ingiusta presa per il c..o per i lavoratori dipendenti che pagano fino all'ultimo centesimo di tasse. Egli, ex socialista, nel fondo della sua anima - ma proprio in un fondo relativo, vista la statura - ritiene eccessivo, dopo 15 anni e più di bastonature al lavoro delle persone serie che mandano avanti questo povero Paese, che vi sia anche LA PRESA PER IL C..O costituzionale.Infatti tutto è l'Italia, tranne che un Paese fondato sul Lavoro (quello vero, serio, faticoso, fatto per se stessi e per la Società nel rispetto delle regole, giustamente remunerato, riconosciuto ed apprezzato)". Chiara Mente

3 Gen 2010, 18:07 | Scrivi | Commenti (77) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La natura è stata matrigna anche con Leopardi. La sofferenza del sommo poeta ha contribuito a generare i capolavori che tutti conosciamo, mentre quella di Brunetta.....................

Daniele Mandorli 15.06.11 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Il "ministro Brunetta" si dimentica che il suo immeritato stipendio scaturisce anche dai contributi dei lavoratori precari, pertanto è anche un loro dipendente. L'arroganza di questa cricca di presuntuosi è ormai così fisiologica che i nostri governanti non si rendano conto che proprio in virtù della loro sprezzante spudoratezza stanno andando inesorabilmente alla deriva.

Daniele Mandorli 15.06.11 18:49| 
 |
Rispondi al commento

bate la lingua sul tamburo fino a diere che un
nano è una carogna di sicuro perchè ha il cuore
troppo ma troppo vicino al buco del culo.

Luca

Luca Iaiani 15.06.11 18:21| 
 |
Rispondi al commento

ministro brunetta senza offesa ma perchè non prova ad andare a lavorare come la maggior parte degli italiani alzandosi all'alba e tornando a casa a notte inoltrata magari con treni pendolari
sporchi luridi e sempre in ritardo, per mille euro al mese, invece di stare dove sta a sputar sentenze su chi manda avanti con dignità e tanti sacrifici con lavori precari la propria esistenza?
ma si vergogni

rosa torrisi 06.01.10 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Questo qui è lo stesso che racconta con imbarazzante (per chi lo ascolta) convinzione che, se non avesse fatto politica a tempo pieno, avrebbe certamente vinto il Nobel per l'economia, pur sapendo di non aver mai scritto alcunché di rilevante in materia.
Si tratta di gente falsa e arrogante.

Mario L., Napoli Commentatore certificato 05.01.10 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Quello che avete detto è giustissimo, il lavoro cosiddetto "vero" è sempre più raro, ormai farsi il mazzo, lavorare duramente seriamente e professionalmente non serve più, l'Italia è diventata il paese dei furbi,dei lavativi, il paese di chi fa meno possibile guadagnando il più possibile. Io sto combattendo per avere una casa dove vivere, e più faccio più lavoro...più mi mangiano lo stipendio....fa schifo

Nicola G., trieste Commentatore certificato 05.01.10 12:20| 
 |
Rispondi al commento

...che l'articolo 1 della Costituzione era un falso lo scrissi nel lontano 76/77 all'esame di stato per il diploma da ragioniere.Il motivo era ed è esattamente l'opposto di quanto afferma Brunetta. Mi sembrano estremamente ridicole "mercato e meritocrazia".Il mercato,la concorrenza sono già inglobate nell'idea di lavoro e meritocrazia cosa significa? Forse usando questa parola lor signori non vogliono urtare la suscettibilità dei raccomandati ed invece il problema per chi aspira ad una società più giusta stà proprio lì. La raccomandazione è la negazione della meritocrazia, è alla base del voto di scambio è l'anello di congiunzione della società dei furbi, dei corrotti, dei "lei non sa chi sono io". E allora perchè non criminalizzare la raccomandazione? Ci sono diversi motivi sociali per cui il raccomandato e il raccomandatario andrebbero criminalizzati e nell'elencarli mi dilungherei troppo però mi sembra chiaro che senza questa prassi la meritocrazia sarebbe la logica conseguenza e la parola stessa invece di essere usata ipocritamente sarebbe di per sè anacronistica. Quindi la frase dell'art.1 và benissimo .....è la sostanza che non funziona ed la stessa sostanza della quale si nutre il Brunetta.Ho dolore per tutti quegl'Italiani che hanno pagato con la vita con la povertà con il confino con il carcere con l'esilo : tutti sacrifici che non hanno evitato all'Italia l'onere di essere un paese ricco si....ma di miseria umana.

ALDO FAGIOLI 04.01.10 18:23| 
 |
Rispondi al commento

I princìpi fondamentali della nostra costituzione si dividono in 12 articoli. E' incredibile come tutti e 12 questi articoli siano stati violati e sbeffeggiati dall'attuale maggioranza...dal "l'italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro" a "tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge", da "lo stato e la chiesa sono,ciascuno nel proprio ordine indipendenti e sovrani" a "tutte le confessioni religiose sono libere davanti alla legge", da "la repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica" a "la repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della nazione", da" l'italia ripudia la guerra" a "la bandiera della repubblica è il tricolore verde bianco e rosso"........concludo con l'articolo 54 " tutti i cittadini(anche i presidenti del consiglio e i ministri ipod nano) hanno il DOVERE di essere fedeli alla repubblica e di osservarne la COSTITUZIONE e le leggi".

stefano bortoletto 04.01.10 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Eppure per farlo tacere basterebbe infilargli un dito in ...

genny pisani 04.01.10 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta, come tutti i docenti delle università italiane e quale pseudo-professore (2 inutili pubblicazioni di rilevanza internazionale), non ha mai:
- timbrato un cartellino
- dovuto giustificare un assenza
- richiedere un giorno di ferie (se l'è preso senza alcuna richiesta)
- aspettato visita fiscale al suo domicilio (non è previsto controllo a professori, ricercatori ecc)
Per non fare quello che i lavoratori ogni giorno devono sudarsi ha goduto di:
- stipendio nettamente al di sopra della media (dai 3.500 ai 4.500 euro) più i fondi derivati sia dall'attività di "ricercatore" (ahahahahah) che da...
- possibilità di far fare il suo lavoro (mentre lui poteva, non controllato da alcuno, farsi i caxxi propri, magari un secondo lavoro) a qualche precario tenuto per le palle con la promessa del posto di lavoro.

E' ovvio che un elemento del genere voglia abolire l'articolo 1 della Costituzione... secondo voi è una persona che lavora o che ha mai lavorato in vita sua?

Aldo Ricca 04.01.10 17:58| 
 |
Rispondi al commento

ma già che ci siamo, perchè non usarla come carta igienica sta benedetta costituzione?? tanto Bossi voleva usare la bandiera, facciamogli usare la carta costituzionale, chi sa mai che avrebbe un utilizzo migliore per questo governo....Buon anno a Berlusconi, che sia mai che quest'anno gli vada tutto male e non riesca a far passare alcuna legge ad personam, buon anno a Brunetta nella speranza che non incontri mai nessun impiegato statale, buon anno a D'alema che magari quest'anno si vergogni un pò per gli inciuci con l'attuale governo, ma sopratutto buon anno a tutti gli italiani onesti che tanto non vedranno mai più la legalità finchè sto governo starà dov'è ora...

Maria Rosaria Gambino, Invorio Inferiore Commentatore certificato 04.01.10 17:30| 
 |
Rispondi al commento

papy.. ha voluto pugnetta mini-stro..n-zo perchè così lui si sente halto halto come i papaveri... toh...papy...papaveri... ci sono delle assonanze..ohibò che strano,quel (gerontonano maleficus italiensis)...

roberto scuro (uccello scalciante) Commentatore certificato 04.01.10 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un medico, ma questi qua stanno davvero male...
Egr. Ministro Brunetta, lo dico per lei, si faccia curare, la terapia fa miracoli...
Ho una domanda:
"Ma se per caso, per cause assolutamente naturali e nel sonno, dipartisse il nostro presidente del consiglio, voi che fareste?"
Vi dimettereste in massa oppure vi sbranereste pure la carogna?
Purtroppo la seconda ipotesi sembra molto più realisatica...

Filippo B., Torino Commentatore certificato 04.01.10 17:07| 
 |
Rispondi al commento

siamo alle solite... parla di merito chi merito non ha, di concorrenza e mercato chi si schiera coi monopolisti (vogliamo parlare del monopolio nelle telecomunicazioni???), di lavoro chi, mi pare, come mansione svolge quella del monologhista saccente (ci dica, Ministro, il prodotto "concreto" del suo lavoro in quest'anno e mezzo! e lasci la Costituzione a chi ha capacità di pensiero). ricordate quando disse di meritare il premio Nobèl? ahahahahah, che risate...

Paolo Fara 04.01.10 16:40| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Brunetta
^^^^^
Le provocazioni di Brunetta,sia se fatte con la
bocca che col culo per me pari sono,sarà per la brevissima distanza(nel caso specifico)o perchè
i due orifizi sono talmente simili,stà di fatto
che entrambe sono utilizzate per sparare solo
merdate.
Ma questi pseudo politici non hanno ancora capito
che la gente è stufa di essere presa per il culo?
ci vogliono in piazza?
ma non a far chiacciere ma fatti concreti,che gli
devono far venire la quaglia al culo,poi vediamo
se hanno ancora voglia di sentenziare!
Sono tutti d'accordo alle Riforme,siamo d0accordo
anche noi,
Scendiamo in piazza per rompere il patto sociale,
chiediamo una riforma Fiscale,che veda i cittadini tutti uguali,tutti faremo la dichiarazione dei redditi e su questa pagheremo le dovute Tasse aboliamo la ritenuta alla Fonte
gli evasori saranno puniti con gli arresti in misura del reato perpretato (altro che premi con
lo scudo)nei casi più gravi o di particolare agitazione dell'opinione pubblica,l'applicazione
del 41 bis,come per i reati di Mafia e Terrorismo.
L'esimio prof Brunetta in quanto esperto di economia dovrà spiegare a noi miserabili ignoranti
quale è la differenza che intercorre,da un punto di vista giodiziario, tra un borseggiatore e un
evasore,se ne sarà capace lo nomineremo per il
Nobel dell'economia,per non averlo ancora fatto
lo inseriremo come Capo lista dei suoi tanto amati fannulloni.

Oscar De Caz 04.01.10 16:37| 
 |
Rispondi al commento

faccia d'iguana!!!
ma avete fatto caso che tutti i più viscidi hanno le sembianze rettilee

vedi previti lucertola

moggi tartaruga

e ce ne sono tanti il parlamento è un rettilario!!!

Maurizio f. Commentatore certificato 04.01.10 15:54| 
 |
Rispondi al commento

mi viene da piangere pensando a chi la nostra costituzione l'ha pensata scritta e ce ne ha fatto dono,un dono prezioso per i nostri padri per noi, per i nostri figli.Penso a chi adesso la può manipolare a piacimento,a chi sputa sulla bandiera per cui sono morti migliaia di ventenni molto diversi da quelli che oggi fanno la fila per i saldi.Dove siamo andati a finire?Dov'è l'Italia orgogliosa e coraggiosa in cui credevo?Ho solo una preghiera;non molliamo,teniamo duro,non lasciamoci andare,è un dovere verso tutte quelle persone per le qualui la parola Patria significava qualcosa di grande.Ciao a tutti.

paola . Commentatore certificato 04.01.10 15:15| 
 |
Rispondi al commento

MISS BRUNETTA' Je t'aime au dernier .Abbiamo tantissima terra incolta, sai quante verdurine vergini vergini potresti produrre? non ti faranno la BUA solo se le inscersci una per volta. Brunetta? va ....... dopo le verdurine. disonore nostro in tutta europa pere il nostro paese. INCHINIAMO LE chiappe AL RE DEI FANNULLONI e DEI CHIACCHERONI. ma, anche quello sara' al top?

roberto g., CAMPOSAMPIERO Commentatore certificato 04.01.10 14:17| 
 |
Rispondi al commento

brunetta nasce dall'ex PSI poi con de michelis sempre nuovo PSI e frequentatore di discoteche hard, ""questo demichelis"" ora, brunetta,seguace del ladro craxi,e del danzatore sopracitato, ha ragione scagliarsi contro art.1 della costituzione, lui, il nano come' definito in veneto, non ha mai lavorato. Alle lezioni che lui stesso doveva impartire, mandava qualcuno dei suoi schiavi a rappresentarlo. questo e' colui che non controlla il silvietto che va in un ipermercato briazuolo anche se in malattia. bravo re brunetta. continua cosi. i conti si fanno sempre a lavoro finito.

roberto g., CAMPOSAMPIERO Commentatore certificato 04.01.10 13:49| 
 |
Rispondi al commento

il MENESTRELLO,B... VOULEcambiare l'articolo 1 della costituzione (L'ITALIA è una repubblica fondata sul lavoro) in: l'italia è una repubblica delle banane fondata ,sulla corruzione continua ,e menzogne.POI MAGARI cambiamo l'articolo 3 (tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge ma non per i corrotti e condannati o indagati che risiedono in parlamento ,per loro è più uguale, PD batti un colpo ,se ci

vezio f., montevarcehi Commentatore certificato 04.01.10 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Il volto buono (e nano) del capitalismo

http://www.emilianosabadello.com/post.asp?post=77

Emiliano Sabadello Commentatore certificato 04.01.10 13:41| 
 |
Rispondi al commento

brunetta è un porco. E al porco va fatta la festa prima o poi.

Emanuele Decarli - Cesena 04.01.10 13:37| 
 |
Rispondi al commento

AH...abbiamo un'altra perla di saggezza dell'unico politico più piccolo dello psiconano. BRUNETTA, hai dimostrato di essere un ignorante storico. L'art 1 stabilisce che il lavoro si guadagna sul campo ed in base alla meritocrazia non in base ai titoli "nobiliari" acquisiti. Non esistono ne Conti ne Baroni ne Ducati, ma esistono solo lavoratori. Sei un cretino! DIMETTITI

T0ny Ebasta, Cagliari Commentatore certificato 04.01.10 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta farebbe meglio a dedicarsi meglio alle sue conoscenze nel campo economico.
sempre che ci siano effettivamente e che non collidano con quelle di Tremorti....
L'analisi della Costituzione la lasci fare a chi ha una statura diversa dalla sua. E non mi riferisco a quella "fisica"

Luigi Barbero 04.01.10 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma quseto signore dove vive? Dove ha passato questi ultimi anni?. Ha! dimenticavo siamo dentro la casa delle Libertà e quindi può dire e fare quello che vuole. E' giunta l'ora di ribellarsi a questi personaggi indisponenti. Dobbiamo cancellarli con il voto alle prossime elezioni. Povera Patria.

Enio P., Borgomanero Commentatore certificato 04.01.10 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta l'unica COSA che ighoriamo sei tu.SU CHE COSA SI DEVE FONDARE UNA REPUBBLICA?SULL'INFORMAZIONE DEI TG.

Roberto Fornara, vercelli Commentatore certificato 04.01.10 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo al MINISTRO BRUNETTA che
ha giurato sulla costituzione......

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.10 12:34| 
 |
Rispondi al commento

BRUNETTA IO TI VOGLIO BENE E QUINDI TI CONSIGLIO DI NON PASSARE SENZA SCORTA DAVANTI ALLA MAGGIOR PARTE DELLE AZIENDE ITALIANE,CHE STANNO CHIUDENO TUTTE.

Roberto Fornara, vercelli Commentatore certificato 04.01.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Sul Corriere di oggi:
"Gli stipendi lordi degli italiani
sotto la media Ue del 32,3%
Non solo tasse, pesano i contributi sociali. L’Ocse: buste paga al 23esimo posto"
Tra i commenti, un pensionato scive:
"Stamane ho controllato il versamento della mia pensione del mese di gennaio 2010, ho notato che mi è stata ridotta di 14 euro rispetto a gennaio 2009 Quale sarà il motivo ? non è una pensione d'oro la mia è quella di un pensionato che ha versato contributi per 38 anni come mai questa riduzione forse mani in tasca ai pensionati tutto di nascosto vero brunetta tremonti sacconi.Mi scuso con la redazione, non sapevo a chi rivolgermi visto che ne telegiornali e giornali non ne hanno parlato. Qualcuno mi può spiegare la riduzione ????? Penso che questa situazione sia capitata pure ad altri e ho pensato di denunciare il fatto al vostro giornale. ringrazio per l'accoglienza avuta."

Fiorella B., Milano Commentatore certificato 04.01.10 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”

la cabieranno IN:

L'ITALIA è una repubblica Dittatoriale Basata solo sui leccaculo

corrado f., torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.10 12:10| 
 |
Rispondi al commento

mi sembra evidente che l'italia di oggi sia fondata soprattutto sulla grande ingiustizia sociale che vede una parte dei cittadini(lavoratori e pensionati soprattutto)oberata e tartassata per mantenere i bagordi dell'altra parte che comprende oltre a evasori e mafiosi anche i nostri cari politici...colgo l'occasione per comunicarvi il mio nuovo indirizzo email:-romeiro@hotmail.it-
un saluto Romano Romei

Romano Romei, Prato Commentatore certificato 04.01.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta con la sua affermazione è arrivato al capolinea! Brunetta deve scendere dal treno.
Chiedo che il Movimento5stelle prenda l' iniziativa di raccogliere le firme degli Italiani
per le dimissioni di Brunetta.
Il grido dev' essere:" FUORI IL COSPIRATORE BRUNETTA DAL PARLAMENTO ITALIANO".

Michele L. Commentatore certificato 04.01.10 11:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Al di là di ciò che dicono i nostri politici temo che alla fine riusciranno purtroppo a ottenere ciò che vogliono: dare alle fiamme la Costituzione e ridurci per bene in schiavitù. Siamo ormai un Paese senza leggi e senza morale, per vivere dovremo fare alla giornata come molti, ahimè, già fanno e sarà tanto se riusciremo a sopravvivere senza delinquere e venir meno a quei principi di rispetto e giustizia che sono prerogativa ormai di pochi. Anzichè essere un Paese civile e sviluppato torneremo indietro ai tempi del far west, e per chi ha sempre sognato di viaggiare nel tempo queste sono le meravigliose magie del partito dell'amore...

emme elle 04.01.10 10:50| 
 |
Rispondi al commento

La rivincita fascista. Gia subito dopo la guerra gli americani hanno "riabilitato" esponenti di provenienza fascista (industriali italiani e tedeschi, zaibatsu giapponesi) per le esigenze della guerra fredda. E quel primo tradimento alla Resistenza è stato l'embrione della rivincita borghese, confindustriale ed affarista che oggi, finalmente, può gettare la maschera e pretendere di cancellare la Storia, le migliaia di morti della Resistenza. Gli operai deportati o costretti a lavorare per l'organizzazione Todt mentre i padroni frequentavano cordialmente gli aguzzini delle SS e della Repubblica Sociale. Ora non si può più aspettare. E' necessaria la creazione di un nuovo Fronte di Liberazione Nazionale. Una nuova Resistenza. E smettiamola con le menate pacifiste. Qualsiasi gesto di violenza contro questa feccia è legittima difesa. Contro i fascisti non è reato.
Riprendiamoci la Costituzione ed il nostro paese, riprendiamoci la nostra dignità di uomini liberi. Rispondiamo alle aberrazioni fasciste del XXI secolo con la fermezza dei nostri padri della Resistenza e della Costituente.
La Costituzione non si tocca. A quando l'incoronazione di Berlusconi ad "imperatore delle mignotte e dei faccendieri"? A quando la concessione di titoli nobiliari e pacchetti azionari ai complici del PD?
E quando la nuova piazzale Loreto?
Ora e sempre Resistenza!

Clemente Carlucci Commentatore certificato 04.01.10 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Beccatevi questo articolo del corriere della sera, e capirete che Brunetta o no, qui il lavoro e' gia' bello che andato a puttane. Anche se cambia la costituzione il risultato non cambia, siamo proprio nella merda

http://www.corriere.it/economia/10_gennaio_04/redditi_6f4e8b70-f903-11de-9441-00144f02aabe.shtml

Giacomo Cirillo 04.01.10 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciò che dice Brunetta è assolutamente in linea con i dettami del Trattato di Lisbona.
Dal Trattato, infatti, il "diritto al lavoro", che è parte della Carta dei diritti fondamentali della UE, così come della dichiarazione dei diritti umani del 1948, viene eliminato, e viene anche eliminato il diritto ad una “retribuzione adeguata e soddisfacente”.
Ciao ciao.

Alina F., Varese Commentatore certificato 04.01.10 10:14| 
 |
Rispondi al commento

V.A.F.F.A.N.C.U.L.O.
nano!
con tutto il rispetto per i nani.
mandi

piero m., san vito al tagliamento (PN) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.10 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Ho un pessimo ricordo di costituzionale (ho formattato il neurone^^non ricordo quasi niente). Ma, mi pare che "fondata sul lavoro" significasse che non si ammettono distinzioni sociali fondate su altri criteri (es: titoli nobiliari, a differenza del previgente ordinamento ). Mi chiedo, invece, a cosa arriviamo, a forza di modifiche, dal combinato di una definizione opposta a quella, unita alle affermazioni del ministro: "La Padanterronia è una...visto l'andazzo...res privata (uhmmm..sa un po' di "cosa nostra"^^)...con presidente autonominato^^ e dotato di sovranità assoluta (per gentile abdicazione del popolo), fondata su...Confindustria^^...in cui per avere(forse) un lavoro (miserabile e mal pagato)...che non sia senatore o deputato...devi almeno avere 5 lauree.

viva la privacy 04.01.10 08:47| 
 |
Rispondi al commento

MI FA SCHIFOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.10 08:28| 
 |
Rispondi al commento

@@@@@@@
Per il ministro Brunetta le riforme istituzionali devono riguardare anche la prima parte della Costituzione.Brunetta vuol cambiare,soprattutto,l'articolo 1 che così recita:
"L'Italia è una Repubblica democratica,fondata sul lavoro.La sovranità appartiene al popolo,che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione".
#
Brunetta (che é brutto,piccoliSSSimo e antipaticisssimo,ma non stupido)deve aver letto il mio post del 17/12/09 e preso "paura".
In quel post scrissi:L'art.1 della Costituzione italiana che così recita:"L'Italia é una Repubblica democratica,fondata sul lavoro....."
Poi mi domandavo:"Se l'Italia deve essere una Repubblica democratica fondata sul lavoro perchè abbiamo permesso la privatizzazione di tutto ciò che garantiva lavoro e un pò di benessere a tantissime famiglie e che (se gestito bene) garantiva prosperità all'Italia intera,isole minori comprese?"...........
#
Lor signori,se ci pensate bene,se non cambiano l'articolo uno della Costituzione prima o poi troveranno qualche avvocato disposto a far causa allo Stato.E vedrete che tutte le privatizzazione,con conseguente licenziamento di migliaia di persone,risulteranno "atti incostituzionali".Atti incostituzionali che oltre ad essere stati strabenedetti dal clero e dalla comunità europea,passarono nel silenzio delle opposizioni e dei sindacati.Sì proprio quei sindacati che oggi fingono di essere scandalizzati da tanta...."sincerità brunettiana".


Camillo Sesmoulin Commentatore certificato 04.01.10 07:50| 
 |
Rispondi al commento

"GrandeBrunettolo"tutto ciò dimostra finalmente ke sei tra i+fannulloni d'italy!Di gente kome lui non se nè po+ koraggio italici svegliatevi!

mauro prioretti 04.01.10 02:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, potresti evitare l'argomento brunetta?
ogni cosa ha un suo limite e vederlo o leggerne gli sproloqui è come parlare di vomito a tavola,
brunetta è come la merda sui maccheroni, come la mano del vecchio sul culo della bambina, è ben più immondo di una carogna che marcisce al sole in mezzo alla spazzatura, sono sicuro che sentirne la voce nuocia alla salute, brunetta è la prova vivente che il degrado umano non conosce limiti, è incitazione a delinquere, lo metterei sulla bandiera di guerra per provocare la diarrea ai nemici.
parliamo di altro per favore che tutto ha un limite...

Marcello B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.01.10 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione il grande n..o!l'Italia è una non repubblica (si rivedono scritte "socialismo nazionale!!)dove chi lavora non fonda niente,n'è famiglia,n'è casa,n'è futuro,pagano solo le tasse.Tutto è fondato da evasori,mafiosi,piduisti,corruttori,manipolatori di informazioni,impotenti vogliosi,guardoni e pedofili,bugiardi e mentitori,ruffiani,servi ed opportunisti voltagabbana ecc. ecc. ecc....il grande(!!!)politico può essere soddisfatto,il sogno dei suoi padri fondatori di bugie e rapine di stato si è realizzato di fronte ad un popolo anestetizzato....!

indomito latini 04.01.10 00:00| 
 |
Rispondi al commento

ciao, ha ragione la brunetta:
l'Italia e' una repubblica fondata su nani e ballerine...

Giovanni Galbusera 03.01.10 23:45| 
 |
Rispondi al commento

sto paese è invaso dai nani... col cuore tanto vicino al b..o del c..o
troppo cafona? lo so .. tanti nani che governano altrettanti nani in fila per entrare nei negozi guess, kelvin kline ed altre cazz di firme, gli stessi che poi smadonnano se fanno la fila alla posta o alle casse del supermercato!

Milena De Palma, roma Commentatore certificato 03.01.10 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta ha ragione, questo è un paese senza sovranità e fondato sull'usura. Il trattato di Lisbona lo hanno firmato tutti i parlamentari in toto: nessuno contrario e nessun astenuto. Dopo questa ratifica la Costituzione la possiamo pure buttare al macero.
Abbiamo smarrito il lume...

Roberto Vian 03.01.10 23:21| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA NON E', CAMBIARE LA COSTITUZIONE,.....

MA...... " CHI " LA VUOLE CAMBIARE !!!!

IO PREFERIREI CHE A CAMBIARLA FOSSE PROVENZANO, PIUTTOSTO CH IL NANO E I SUOI ACCOLITI, DA CITTADINO ITALIANO MI SENTIREI PIU' TUTELATO NEI MIEI DIRITTI. FIGURATI !!!!!

Isidoro De Rosa, Arzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.01.10 22:44| 
 |
Rispondi al commento

brunetta lo dovrà pure incontrare prima o poi un tartaglia incazzato per davvero e attrezzato di OBELISCO DI MONTECITORIO IN GRANDEZZA NATURALE, spero.

e comunque: mercato, concorrenza, merito...valori di MMERDA, d'accordo, valori che fanno solo il gioco dei padroni, è vero, ma almeno fossero perseguiti per DAVVERO; se lo fossero, brunetta lavorerebbe in un circo, tanto per cominciare.

una vera democrazia dovrebbe avere come valore fondante la SOLIDARIETA' (quasi per antonomasia)...i padri fondatori erano previdenti e hanno anteposto il LAVORO, si ma quello degli altri, dei poveri cristi sfruttati, perchè tanto lo sapevano che: già la razza umana di per sè fa schifo ma in più quella ITAGLIANA, nello schifo, primeggia...per cui si sono portati avanti, col ... lavoro.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 03.01.10 22:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fino alla prima metà degli anni '80 votavo PSI, sarebbe meglio avessi votato l'unione monarchica.
VIVA IL RE! VIVA IL RE!! VIVA IL RE!!! Comunque adesso ci saremmo anche, ma questo re è insopportabile, non ha pedigree, voglio i Savoia! voglio i Savoia!! Quello di adesso non è un nano! Il bisnonno è vero a fatto dei disastri, ma era un nano! Già il nonno era molto più carino, il padre discutibile, ma non si può avere tutto, poi questo non è un nano, sa parlare, ballare, dai!!. AVANTI SAVOIA ! !
Dei "ricchi e poveri" non andava cacciata la bionda, andava cacciata la brunetta! La brunetta !! La brunetta ! ! ! a lavorare!! sbavare la ghisa, altrochè cantare cantare. Non me ne voglia, ma quello che è giusto è giusto! E' vero che quando si fosse presentata al lavoro gli avrebbero detto: "ma cosa sei venuto a fare? Ma datti malato! Che ci guadagnamo tutti, anche tu hai diritto di vivere, mica c'è più la rupe tarpea, basta che non ci fai dei "sorrisi"! Stai serio! Non sorridere!! Che ancora all'inferno non ci siamo.

telocaccio giovanni 03.01.10 22:06| 
 |
Rispondi al commento

io purtroppo mi trovo ad essere d'ccordo con il nano perchè così come recita la costituzione lui si sente escluso e non considerato dalla costituzione. bisogna riscrivere la costituzione e dire che "l'Italia è una repubblica fondata sui fannulloni e brunetta è l'emblema". ecco scritta così abbiamo una costituzione aggiornata conforme con i tempi e gente come lui si sente rappresentata (dunque non esclusi) dalla costituzione. oppure possiamo riscrivere la costituzione dicendo che è un arepubblica fondata sul lavoro... DEGLI ALTRI. ecco che questo dimostra che gli altri (fannulloni come brunetta ed il resto dei parlamentari) si sentono considerati dalla costituzione. ma guarda che razza di ministri ci devono governare in uesto paese. il dipendente il vero lavoratore di questa società deve continuare ad essere maltrattato da questi psicolabili..... ma vai a lavurar barbun....mangia pane a tradimento.

luca scorzoso 03.01.10 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Il Ministro Brunetta dia l'esempio.

Ci dica a gran voce per quali meriti sono Ministri:

-Mara Carfagna

-Michela Littoria Brambilla

-Maria Stella Gelmini, laureata a Brescia e abilitata in Calabria

-Stefania Prestigiacomo, pagatrice di vestiti griffati con la carta di credito del Ministero

Ci dica signor Ministro... ci illumini...

Libero Dalla Guerra, Forlì Commentatore certificato 03.01.10 21:56| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

MADRE NATURA A VOLTE DISPENSANDO DENTI ROVINA UN BEL BUCO DI CULO, E QUALUNQUE COSA ESCA DA QUELLA BOCCA .... PUZZA!!!! ;-D

Uno dei tanti 03.01.10 21:51| 
 |
Rispondi al commento

QUELLA DEL MINISTRINO BRUNETTA E' SOLO UN'AMMISSIONE DI CIO' CHE E' DIVENTATA L'ITALIA ADESSO CON IL LORO MALGOVERNARE. SE NE STANNO RENDENDO CONTO ANCHE LORO. SPERIAMO CHE IL POPOLO ONESTO ED UNITO LI MANDI A FARE IN C...O MOLTO MA MOLTO PRESTO A QUESTI DELINQUENTI.

umberto dolce 03.01.10 21:49| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

..Uno cosi non lo vogliono neanche al CIRCO!!!

Devis Ferri, Borgo Tossignano Commentatore certificato 03.01.10 21:34| 
 |
Rispondi al commento

L'ipocrisia e l'arroganza di politici come Brunetta, di destra e di sinistra, non eletti dal popolo, ma dai capipartito, deve spingere noi cittadini ad intervenire fattivamente. Come dice Beppe, noi siamo la resistenza del 2000.Dobbiamo combattere contro questo abuso di potere che tiene i cittadini in condizioni di democratura asfissiante. Conviene anche alle nostre tasche! Per sconfiggere questo sistema, dobbiamo informarci e diffondere le notizie, non limitarci a commentare e tenerci tutto per noi. Informiamoci per difenderci e diffondiamo per attaccare!

Massimo P. 03.01.10 21:32| 
 |
Rispondi al commento

L'italia è una repubblica fondata sulla tangente,
la mafia è sovrana ed esercita il proprio potere con la piena collaborazione delle istituzioni e di silvio berlusconi

MICHELE VISONE 03.01.10 21:29| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=_UsbwlbiXOQ la reppubblica affondata sul lavoro!

giuseppe gagliardo 03.01.10 21:20| 
 |
Rispondi al commento

brunetta è lento....un cavallo che lo incula è rock!

KOBA KOBA Commentatore certificato 03.01.10 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Ognuno di noi faccia la sua parte, io mi sono già iscritto al MoVimento e lo voterò perché abito nel Veneto. Il primo commento mi ha toccato, e sì, voglio fare la mia parte fino in fondo. Brunetta fai veramente schifo

Claudio Genoria, Belluno Commentatore certificato 03.01.10 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta ha perfettamente ragione nel voler abolire l'articolo 1 della Costituzione che recita "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro".

Infatti, oggi come oggi, l'Italia è una Repubblica non democratica, fondata sul malaffare, sulle truffe, sul furto e dominata dalla criminalità organizzata che oramai si è impadronita delle leve del potere.

Il lavoro, politicamente, vale sempre meno e questo sia per i partiti al governo che per quelli della cosiddetta opposizione, con l'unica eccezione dell'Italia dei Valori nella quale ripongo
quell'ultima briciola di fiducia che mi è rimasta.

Ho quasi 80 anni e non avrei mai immaginato di dover pronunziare un giorno parole come queste.

Antonio Falvo

Antonio Falvo, Legnano Commentatore certificato 03.01.10 20:58| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giusto Brunetta!!
All'art.1 mettiamoci: l'Italia è un paese fondato sull'opportunismo.

Mettiamoci questo, che dopo 60 anni di costituzione repubblicana, è l'opportunismo che ci rappresenta in tutto e per tutto.

samurai jack 03.01.10 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo italiano dovrà chiedere a questi mafiosi (neri, rossi, gialli che siano) il rendiconto di tutte le malefatte e i danni perpetrati a questo Paese.

Altro che esilio in paradisi fiscali!

Bisognerebbe prendere in seria considerazione l'idea di chiedere il sequestro di tutti i patrimoni accumulati negli ultimi 40 anni dai cialtroni che, a vario titolo hanno preso in ostaggio questa Repubblica e non solo i beni della "mafia minore".

Con il maltolto confiscato (perché di questo si tratta) alla "mafia maggiore" e con delle nuove regole che pongano al primo posto i diritti umani e civili spettanti alle fasce più deboli ai bambini, ai giovani e alle donne di questo Paese, potremmo risanare i peggiori debiti pubblici degli ultimi 20 anni (anche quelli di cui è stata matrigna la sinistra).

Fra i responsabili di questi inciuci ci sono altri personaggi che li hanno ignominiosamente avallati..E anche loro dovrebbero rendercene conto.

Il movimento a 5 stelle dovrebbe considerare queste premesse come il punto "0"...

C'est La Merde 03.01.10 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma secondo me le uscite di questi personaggi andrebbero ignorate (e la faccenda li farebbe molto soffrire): Brunetta è docente universitario (poveretti i suoi studenti)facente parte, a suo tempo, della banda psi craxiana e quasi certamente quel posto lo ottenne per partito preso (letteralmente): gente simile che cosa volete sappia di lavoro dignità e democrazia...E poi dal suo essere, con quel brutto ghigno, che cosa potrebbe uscire di diverso?

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 03.01.10 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo immaginato da brunetta & Co. è da incubo. Ci viva lui in un mondo determinato dall'interesse. Che tristezza di persona. Il mio disgusto è superiore solo alla tristezza nel vedere che certe persone ignorano cosa sia la bellezza e vogliono imporre il loro brutto mondo a tutti gli altri. Ritornate nell'inferno da dove siete venuti.

Indignato Cittadino (indignato60) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.01.10 20:06| 
 |
Rispondi al commento

LA COSTITUZIONE, SENZA IL REFERENDUM LEGGISLATIVO,
COME IN SVIZZERA. NON SERVE A NIENTE.
LA LEGGE ELETTORALE CHE ABBIAMO.
E' LA PROVA DELLA FINTA DEMOCRAZIA, E DELLA
DITTATURA OCCULTA CHE STIAMO VIVENDO.
CONTA DI PIU' BRUNETTA, CHE TUTTI I CITTADINI
ITALIANI MESSI ASSIEME.
CIAO A TUTTI,ORFEO.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 03.01.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta, voglio vederti lavorare: domani mattina mettiti la tuta e va a svuotare i cassonetti della spazzatura! Renditi utile invece di sparare cazzate a vanvera!

Carmelo Di Stefano Commentatore certificato 03.01.10 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Visto che ogni qualvolte lo si sente in tv, questo 'ministro' giustifica le sue uscite col fatto che lui e' ministro in quanto scelto dal popolo (il che e' super falso, visto che nessuno l'ha votato direttamente, fa solo parte della coalizione di maggioranza, la quale ha deciso tutto da se...) direi che sarebbe il momento di aprire petizioni, raccolte firme e quantaltro per far si che , dopo aver sentito qualche milione di italiani che non lo approva, questa vergogna d'uomo si DIMETTA !!!!
Questa maggioranza sta facendo di tutto per rendere le cose ancora piu' complicate (se si puo', peggio di cosi'..) a chi in questo paese ancora lavora onestamente, privilegiando i comportamenti piu' scorretti delle aziende piu' marce, e castigando sempre piu' i lavoratori dipendenti. Arrivera' anche il momento che riusciremo a rimandarli democraticamente nella fogna alla quale appartengono !!!

Dante A. 03.01.10 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Immagino che Brunetta voglia una costituzione alla sua ALTEZZA. Vergogna allo pseudoministronano :iniziasse lui a dare il buon esempio rinunci a fare (se cosi' si puo'dire) attivita' politica ;cosi' facendo potrebbe rendersi molto piu' efficace : sparerebbe molte meno stronzate

vincenzo franchi 03.01.10 19:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
BRUNETTA NON CAPISCE UN EMERITO CA... DI LAVORO E FIGURASI DI ART 1,BRUNETTA, BRUNETTA MA VAI A FAN....?!?!?
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 03.01.10 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Chiaramente Chiara mente..

Giovanni Mauri 03.01.10 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Da Wikipedia

Le modifiche al testo della costituzione non devono comunque compromettere lo spirito repubblicano e gli ideali sui quali essa si fonda. La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.(art. 139).
La dottrina prevalente ritiene che i principi fondamentali (art. dall'1 al 12) siano una base irrinunciabile per lo spirito repubblicano su cui la Costituzione si fonda. Per questo motivo non possono essere modificati.

Questo ci fa stare tranquilli circa un'eventuale modifica dei principi fondamentali; rimane tuttavia un problema.

Una legge costituzionale viene approvata nelle Camere se ha la maggioranza dei 2/3; se la maggioranza è inferiore ai 2/3 la legge passerà obbligatoriamente al vaglio del referendum, e questo metterà inevitabilmente alla prova il PD poichè da sola la maggioranza non potrà portare avanti certi tipi di riforme.

Questa sarà la prova del nove circa il lassismo totale dell'opposizione, eccezion fatta per l'IDV naturalmente.

Antonio . Commentatore certificato 03.01.10 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Signor Brunetta tu sei indietro...e noi siamo avanti!

Davide D. 03.01.10 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Si deve far curare!! Arriveremo bene a ri-ottenere la rappresentanza diretta, voglio vedere chi è che vota di sua spontanea volontà uno che infama così la nostra costituzione

Simone Bagatti, Reggio Emilia Commentatore certificato 03.01.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento

BRUNETTAAAAAAA, MA VAFFANCULOOOOOOOOOO!

patrizia l. Commentatore certificato 03.01.10 18:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori