Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Ladri a prescindere


No_alla_pirateria.jpg
Il Ministro Poeta per i Beni Culturali Sandro Bondi ha decretato per legge la presunta colpevolezza per violazione del copyright per chiunque compri un cellulare, un computer, un lettore Mp3, un decoder e persino una memoria o hard disk integrato in un apparecchio multimediale audio e video portatile. Di conseguenza, a titolo di risarcimento per il presunto reato di duplicazione abusiva, ogni riproduttore subirà un aumento di prezzo che finirà alla Siae. Lo stesso meccanismo che ha fruttato alla Siae 70 milioni di euro applicato a cd e dvd, ora le permetterà di incassare 300 milioni. L'italiano viene considerato pirata e delinquente a prescindere e, quindi, deve pagare in anticipo una sanzione sotto forma di sovracosto definito "equo compenso". Il cittadino paga in anun balzello che affossa, ancora una volta, la diffusione della tecnologia in Italia. Chi c'è dietro la Siae, una società a suo tempo commissariata? Di certo non gli artisti che la considerano una palla al piede.

15 Gen 2010, 22:14 | Scrivi | Commenti (124) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La siae uccide la cultura e la sua diffusione. I balzelli, ma sarebbe più corretto chiamarli le tangenti, che richiede per quelli che vengono definiti "concertini" sono ridicoli. Trafile burocratiche fatte di preavvisi, compilazione borderò e quant'altro in locali di pochi metri quadrati sono ridicole e servono solo ad alimentare un apparato autoreferenziale e mafioso che tutto fa fuorchè difendere i diritti della maggior parte degli autori. La siae uccide la libertà di espressione e mina un settore, quello della musica e dei musicisti, che, tolti alcuni nomi "illustri", sopravvive veramente con poco.

Michele Borsoi 05.11.12 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno in Italia arriva un balzello nuovo dopo la siae bisogna pagare l scf fantomatica società per "tutelare"gli incisore ecc.ecc.Ora io mi domando ma se una persona domani mattina si sveglia e crea una società magari all estero per pagare poche tasse, per tutelare che ne so,per fare un esempio assurdo chi confeziona il caffè ci faranno pagare una tassa in più per ogni caffè che prendiamo, oltre al costo di acquisto.BASTA pagare qualche politico e facciamo l accordo con chi controlla che ogni mese manda il bollettino da pagare su base forfettaria naturalmente....che schifo di paese non ti rubano le mutande perché le porti addosso.ma come si fa siamo veramente senza speranza

Marco S 26.09.12 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Funzionario BENI CULTURALI essendo un istituzione italiana e leggendo il statuto della siae non si riesce a trovare nessun riferimento

su quanti siano i biglietti staccati per un qualsiasi spettacolo di teatro, concerto stadio, e tutto quello che e stata una vendita di biglietti siae per spettacoli di livello nazionale.

essendo la siae un istituzione statale vorrei chiedere di divulgare le informazioni semplicemente apprestandosi ad entrare nel sito web senza macchinose peripezie.

Sperando in una risposta concreta le auguro

BUON LAVORO

roberto barasso

carpi

roberto ., carpi Commentatore certificato 06.09.12 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Oggi 6 settembre ho cercato invano nel sito della SIAE un rendiconto dei biglietti strappati per la serata che benigni ha dedicato ai cittadini al campovolo di reggio emilia alla festa democratica del pd che sono accorsi a vederlo !! non so se c'e una legge che vieta di venire a sapere quanti sono i biglietti strappati e quindi a quanto ammonta la serata che benigni !! la SIAE e una istituzione nazionale e ogni cittadino deve essere a conoscenza di tutto il suo operato !!

roberto ., carpi Commentatore certificato 06.09.12 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho verificato che la legge di istituzione del diritto d'autore Legge 22 aprile 1941 n. 633 è nell'elenco delle leggi abrogate dal Decreto Calderoli sulla semplificazione normativa. La 633 rappresenta la base del Decreto Bondi in questione e in vigore ufficialmente dal 14 gennaio 2010. Rimando al sito della SIAE
http://www.siae.it/bg.asp?click_level=1400.0300&link_page=bg_DA_Nazionale.htm#doc

Mauro Delo 22.03.10 17:48| 
 |
Rispondi al commento

E' vergognoso ,
il problema è che sono VECCHI , sono indietro.
Fanno leggi su materie che neanche conoscono .
Vecchi nella testa , sono inutili.
Questa e' la verita' .
Per coerenza vorrei vedere tassare anche le stampanti e la carta , potrei riprodurre dei libri.

Luca Morotti 20.03.10 21:50| 
 |
Rispondi al commento

i mercanti stessi si staranno mangiando le mani a pensare a quanto caleranno le vendite. ma io dico ma gia in italia roba originale la comprano proprio pochipochipochi (( visto lo stato in cui si vive e le possibilità economiche)) ma vogliamo che anche quei pochi con due soldi da spendere, e che reputano giusto acquistare un prodotto originale, si rifiutino di farlo per colpa di questi incompetenti magnacci mafiosi e ladri ???? ITALIA IO TI ODIO.

Sandro Roma 11.03.10 19:51| 
 |
Rispondi al commento

I dvd e i cd vergini dovrebbero farli pagare 10 euro, per risarcire tutte le persone che hanno perso o perderanno il posto di lavoro o l'attivita commerciale a causa della pirateria.e siamo migliaia solo in italia..scaricare un film tipo avatar piratato e' veramente da pezzenti,io lo prendero' in blu ray...

Riccardo Resta 24.01.10 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fate come me, io queste cose le compro tutte in Germania tramite ebay, costano molto meno e...volete ridere? Le spese di spedizione costano meno di quelle locali italiane!

Benedetta Ammannati 21.01.10 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Se alzi il coperchio vedi quello che bolle in pentola..... http://www.ilgiornaledelfriuli.net/2010/01/04/massimo-ghini-e-le-minacce-ricevute-dietro-ce-un-affare-da-milioni-di-euro/

david l., pistoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.01.10 02:23| 
 |
Rispondi al commento

Intanto è partita la petizione sull'iniquo compenso:

http://techforum.it/petizioni/equo-compenso/

Marco de Rubeis 19.01.10 21:49| 
 |
Rispondi al commento

ma se violo il copyright a prescindere, se copio qualcosa con quale diritto la SIAE mi considera perseguibile: ho già pagato prima!

Gianfranco B. Commentatore certificato 18.01.10 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Questo nuovo balzello (sempre che 30 euro su un disco che ne costa 60 possano essere così definiti...) non potrà che peggiorare l'economia italiana.
Visto che il ministro vuole tassare anche, per esempio, le memorie su cui scatto le MIE foto, ed i DVD (o i dischi esterni) su cui faccio i MIEI backup, non potrò che acquistare questo materiale all'estero.
In questo modo gli rendo pan per focaccia : io prendo in giro lui, esattamente come lui prende in giro me (o pensa di poterlo fare).

Ma Vi rendete conto ? Un DVD vergine costa non più di 30 centesimi... E lui vuole mettergli su una tassa da 41 centesimi !!!!!!

E pensare che, alla fine dei conti, noi lo paghiamo (profumatamente) per queste "pensate"....

Che schifo.

Fabio GRANDE 18.01.10 13:19| 
 |
Rispondi al commento

oggi siamo colpevoli per legge...domani saremo delinquenti per decreto....credo che sia ora di trasferire la protesta dal web alle piazze...prima che sia tardi

blaze 640 17.01.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Anche se contrario a questa normativa, dovrò comunque adeguarmici e allora pagherò questa tassa in più per la Siae... ma quando verranno i finanzieri a casa mia e oseranno dichiarare che ho del materiale illegalmente allora mi incazzo sul serio

Daniele Diodati 17.01.10 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Quei soldi che ci rubano devono andargli tutti in MEDICINE

max d., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.01.10 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Visto che il principio è il medesimo, occorre allora urgentemente varare un Decreto Legge che condanni gli acquirenti di autovetture in grado di superare i limiti di velocità imposti dal Codice della Strada ad una serie di sanzioni preventive, pecuniarie e penali, in quanto con le stesse autovetture saranno in grado di infrangere la Legge.
Naturalmente dalle sanzioni dovranno essere esclusi i Costruttori che fabbricano veicoli con tali caratteristiche.

Vincenzo Femia 17.01.10 12:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sapete che vi dico? A me questi signori che ci tolgono anche il sangue con tasse assurde hanno rotto il cazzo. Siamo tutti pirati a prescindere? Bene, questa legge per me è un incentivo, da parte mia non riceverete più un centesimo: non andate più al cinema, non comprate più cd, ma scaricate, scaricate, scaricate e mettetelo nel culo alle Siae a Buondì. E ora tassatemi anche l'aria bastardi!!!!

Primo Pirata 16.01.10 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Altroconsumo ha fatto una ricerca che sembra quasi una barzelletta.

Peccato per noi che sia pura realtà:

http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=10386

marco quaranta 16.01.10 22:00| 
 |
Rispondi al commento

In Italia si contrasta lo sviluppo tecnologico allo scopo di tenere in vita un ente inutile nato durante il Fascismo e che utilizza il 76% dei fondi ad essa destinati a pagare non gli Artisti ma gli stipendi e clientele della siae medesima:

http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=11496

Ecco dunque "i beni culturali" difesi dallo stalinista Bondi.

Mario Porretta 16.01.10 21:30| 
 |
Rispondi al commento

il "giusto compenso" di fatto rende non più illegale ogni file scaricato perchè sarà stato condonato da una imposta creata allo scopo. Tutto sommato non va poi così male...

Luciano Colletti G 16.01.10 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare che un'ente tipo "Società Italiana Anonimi Esattori" non abbia eguali in nessun altro paese della U.E. ...

Tiz.M. 16.01.10 20:14| 
 |
Rispondi al commento

ehi ! chi siete? cosa fate? cosa portate? quanti siete?
UN FIORINO!
Non ci resta che piangere.....

silvie suddenly 16.01.10 19:50| 
 |
Rispondi al commento

da quando han messo la Siae sui DVD e CD non ho + compratoi un disco in italia, li compro legalmente in germania o nel resto di europa , risparmio un sacco di soldi , visto che lì un DVD lo paghi 15-20 centesimi , vorrà dire che comprerò anche il resto all'estero

Aldo Fusco 16.01.10 19:49| 
 |
Rispondi al commento

LA CASTA E I SUOI AMICI

QUESTO E' UNO DEI MOTIVI PER CUI AI POLITICI MAX 2 LEGISLATURE:

PERCHE' GLI DEVE STARE A CUORE IL LORO STATUS DI CITTADINI DI UNA VITA PIU' DEI LORO PRIVILEGI ACQUISITI PER ALCUNI ANNI.

Stefania .. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho sbagliato il copia incolla. Scusate.

http://www.facebook.com/group.php?v=wall&gid=285869101214

Raimondo P., Modena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento

facendo un rapido calcolo: se io mi compro un hard disk da 1 Tb (prezzo di mercato attuale ca. 70 euro) per fare un backup di foto e video PRIVATI, il prezzo viene maggiorato di circa 10 euro (una sovrattassa del 15% ca. da aggiungere al già pagato 20% di IVA) che vanno alla SIAE, la quale a sua volta li gira a viziati miliardari come Albano, Celentano o Mina che da decenni vivono di rendita grazie alla SIAE.

Bravi, ottima idea!

il dambra 16.01.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Volevo creare su facebook un gruppo per creare una bozza di "Community per acquisti di elettronica" ma, non so bene quali siano le modalità legislative ed economiche per non incorrere in qualche reato o sanzione. E' possibile creare un organismo per comprare in collettività da internet e ammortizzare spese di spedizione? Ho creato un gruppo per discuterne su:
http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/01/15/news/tassa_pc_telefonini-1953830/

Raimondo P., Modena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 19:23| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi fate come me, non pagate più il pizzo alla rai, non pagate più il pizzo del bollo auto, i cd e dvd comprateli sottobanco come anche le sigarette, e mettetelo nel culo a questi porci. a proposito il nanerottolo drogato oggi è andato a venezia dove vuol comprare una casa, poi è andato a casa del mostriciattolo ghedini a pranzo, dichiarando che quel cavatappi di brunetta sarà candidato a sindaco di venezia. pensa che circo.

giuseppe Picchio, orvieto Commentatore certificato 16.01.10 18:27| 
 |
Rispondi al commento

E, se nessuno paga che fanno ?? Arrestano cinquanta milioni di Italiani ???? Bondi e la Siae che senzaltro sara' una societa' mafiosetta devono andare afanculo. Non credo che possano applicare questo tipo di decreto. E, se dovessero essere in grado di farlo, scendete in piazza e rifiutatevi di pagare. E, poi si vedra'.


L'Istat più volte ha confermato che, con l'attuale costo della vita, NON è possibile vivere con stipendio o pensione al di sotto dei mille euro netti al mese. Ebbene, su pensioni e stipendi, che NON raggiungono i mille euro lordi al mese, viene trattenuta la tassa Irpef. Ma non basta. A completare il prelievo su pensioni e stipendi sotto i mille euro va aggiunta l'addizionale regionale Irpef, e quella comunale. E cosa rimane al povero cittadino? Una cifra da fame! Ma dove finiscono queste tasse? L'Irpef principale va finire a Roma, e serve per mantenere i tanti partiti e parlamentari incollati alle poltrone. L'addizionale regionale serve per pagare gli stipendi (10mila euro al mese) dei consiglieri regionale, mentre l'addizionale comunale viene spesa a favore di politici e dirigenti che NON riescono a far funzionare la macchina comunale. A questo punto le statistiche dell'Istat diventano delle spese inutili, visto che nessuno le prende sul serio, e tenendo conto che la tassazione è formata da più voci, alla faccia del costo della vita e della povertà che avanza.
Marino Bertolino

marino bertolino Commentatore certificato 16.01.10 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Le "poesie" di bondi fanno cagare!

Ciana Cianotica, Sassari Commentatore certificato 16.01.10 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Altro morto suicida in carcere. Stavolta a San Vittore a Milano. Africano trovato morto nel bagno.
In Italia non c'è la pena di morte...ufficialmente.
Ufficiosamente la pena di morte viene regolarmente applicata nelle carceri Italiane dove molta gente muore suicidandosi o suicidata oppure ammazzata di botte e fatta passare per morte naturale di infarto.
Sarebbe ora che le organizzazioni Internazionali e l' ONU si interessassero delle molte morti nelle carceri Italiane.

dr. Mortimer 16.01.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Organizziamoci come GAS e compriamo all'estero direttamente dalle fabbriche tutto quello che ci serve, in culo alla SIAE !

Michele P., Siena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 17:15| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
è assolutamente esatto. La SIAE è una palla al piede, anzi due palle e basta!
Parlo in qualità di musicista e so qualcosa su come si muove questa fantomatica società.
Non ne parliamo poi dei politici che abbozzano parole fuori luogo come "equo compenso": ma equo di cosa?? Sono na massa di ladri e basta. Stanno raschiando il barile Beppe. L'Italia è già fallita da un pezzo e ai disoccupati chi ci pensa??

Luigi Di Pasquale 16.01.10 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Comprate su Ebay nei negozi all' estero nella maggior parte dei casi vi conviene economicamente e non date soldi a questo stato fallito!

Fabio Black 16.01.10 16:37| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

per fortuna siamo in europa e politici cosi' li abbiamo solo noi , quindi i dvd li compro a san marino o in lussemburgo a 20 cent senza il balzello a favore della siae. posso dire che nella mia zona esisteva una fabbrica di cd e dvd che dava lavoro a una ventina di operai. ovviamente appena uscita questa legge nessuno ha piu' comprato dvd italiani e questa ditta ha chiuso . posso aggiungere di essere un autore che suona da 30 anni nei locali (per hobby) e ovviamente nei bordero' scrive le proprie canzoni ... non ho mai visto una lira perche' hanno fatto un regolamento che i proventi vanno divisi solo tra gli autori piu' rappresentativi (i soliti noti). ho fatto diverse volte una prova a scivere sui bordero' canzoni inesistenti , errate o illeggibili ma nessuno s'e' mai preoccupato di chiedermi conferme perche' tanto nessuno li legge e i soldi se li dividono aumma aumma

angelo mora 16.01.10 16:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno invertito l'onere della prova: si è colpevoli (e se ne paga le conseguenze) fino a quando non si dimostra la propria innocenza.
D'accordo, basta mettersi d'accordo.
Allora gli orafi e i conciari sono colpevoli di evasione fiscale fino a prova contraria.
Allora i politici sono tutti ladri e li mettiamo dentro fino a prova contraria.
Allora ...

Carlo B., Vicenza Commentatore certificato 16.01.10 16:29| 
 |
Rispondi al commento

caro Lorenzo
TU sarai un pirata, io compro regolarmente tutti i brani dall'iTunes Store, esattamente seguendo la regola che se un CD costasse meno lo compreremmo tutti (9.90 euro) quindi ora cosa succede?
Ho un diritto al rimborso dei brani che scarico e pago LEGALMENTE? O sono comunque considerato alla stregua di un pirata? Vaffa___o!!!
Mi spiace farlo notare ma qualche italiano onesto ancora c'e'.
E mandatemi pure la finanza (tanto e' gia' passata...)
ciaociao
Gio

Gio Dal Negro Commentatore certificato 16.01.10 15:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo cadere le ipocrisie, noi (humus technologicus ) infrangiamo il copyright, si lo ammettiamo , si siamo pirati e ne siamo orgogliosi ( "sharing is caring" altro che "i care"... ).
Una volta che abbiamo sciolto questo nodo passiamo oltre e chiediamoci come si fa a retribuire i creatori, ma i creatori però, non chi lucra sulle loro spalle con strutture medievali emanazioni del Principe.
Questa sarà una mia idea, ma benvenga la tassa sulle memorie ( se accompagnata alla riforma della siae ), se dopo averla pagata nessuno mi rompe più i coglioni e mi lascia accedere e condividere la cultura, se pago la tassa di "Vanity Fair Bondi" ritengo di aver esaurito i miei doveri verso i creatori e non voglio più pagare un centesimo.
Naturalmente so benissimo che non andrà così perché, oltre a difendere un privilegio della siae, la crociata globale sul copy, nasconde la volontà di chi detiene il potere di impedire agli abitanti di questo pianeta il libero accesso alle informazioni e questo perché rappresenterebbe la loro fine ( si ho usato il complottista "loro", "the others", perchè in questo caso ci sta proprio bene ) .

Lorenzo da Brescia 16.01.10 15:09| 
 |
Rispondi al commento

La tassa ce la becchiamo, ma è importante che chi paga sappia chi gli ha appioppato questo balzello. Bisogna dare a Cesare quel che di Cesare e chiamare la tassa non "equo compenso", ma "Tassa Bondi". Così sapremo a cosa associare il nome del "ministro" quando se ne parla, visto che non mi sembra abbia fatto altre cose degne di nota.

Carlo Morelli 16.01.10 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Parecchi anni fa ero il responsabile legale di un coro polifonico,cantavamo arie con più di 100 anni dove i diritti di autore erano scaduti,però bisognava pagare la SIAE lo stesso.Alla domanda a chi andavano i soldi la risposta fu -Al Demanio dello Stato- Fu chiesto ancora come venivano ripartiti i fondi raccolti e scoprimmo che solo il 7% va all'autore il 10% va all'agente di zona ed il rimanente alla SIAE.Alla faccia del c...acio cavallo.Gli artisti spesso e volentieri girano con le pezze al culo e quelli della SIAE che debono la loro esistenza a questi sfigati d'artisti,vanno in Rolls Royce.Pensate quanto gliene frega a costoro della cultura e della loro diffusione.Il Mio Coro composto di circa 30 unità prendeva al lordo 1 milione di lire a concerto la SIAE senza battere ciglio senza far niente e senza andare incontro a qualsiasi spesa incassava 300.000 mila lire.Alla faccia del cazzo questa volta.Alla nostra richiesta di delucidazioni da Roma ci venne inviato un bollettino dove erano scritti i proventi distributi agli artisti,prima era la De Filippi, si la Maria che percepiva la bellezza di un miliardo di lire senza essere ne musicista ne compositrice, alla rifaccia del
c....

IL SICILIANO 16.01.10 14:59| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

...e adesso tiriamogli in faccia cd, dvd, pen-drive, hd, blue-ray, tv-full-hd, masterizzatori, pc, i.pod, e anche le statuine della D' Addario oltre al duomo di Milano.

Padre sPio 16.01.10 14:49| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I veri ladri sono loro e (oltre il danno la beffa), vogliono far passare noi come malfattori..

oltre (erny) 16.01.10 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Dietro la SIAE ci stanno dei PAPPONI che si mantengono loro e le loro famiglie oltre alle escort e puttaname vario con i soldi che derubano a prescindere ai cittadini Italiani.
Gentaglia che dovrà anch' essa restituire il malloppo con tutti gli interessi, loro e chi legifera per loro.

mr. Hyde 16.01.10 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Il paradosso è che nel resto d'Europa le nuove tecnologie godono di una fiscalità di vantaggio.

In Italia invece su un qualsiasi dispositivo tecnologico si paga il 20% di IVA il 10% di dazio doganale e oltre il 30% di tassa siae !!

Forse il ministro Bondi e il governo credono che in Italia l'unico bene culturale si chiama Grande Fratello !!

Mike di Passio 16.01.10 14:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Stamane, al banchetto di piazza Castello, dove ho anche firmato a sostegno della lista 5 stelle, ho chiesto se eravate a conoscenza dell'ennesima porcata e cioè D.L. del 30/12/2009 firmata Bondi.
A questo punto, mi è stato consigliato di postarvela.
In soldoni si tratta dell'ennesimo regalo agli amici della SIAE, dopo la tassa a priori sui CD e DVD che potrebbero essere usati per copiarci roba protetta da copyright, ma che magari vengono usati solo per dati legittimamente nostri, si aggiunge questo decreto http://snipurl.com/u3bdb http://snipurl.com/u3bcy dove si tassano preventivamente TUTTI I SUPPORTI INFORMATICI !!! schede di memoria, penne USB, Hard Disk, sia sfusi che all'interno delle apparecchiature vendute, Schede di memoria delle macchine fotografiche, schede dei navigatori, schede dei telefonini ecc. il balzello è addirittura incrementale, più l'HD è grande più si paga.
Il tutto è passato sotto completo silenzio, possiamo iniziare a comprare dischi e memori nel resto dell'UE.

la speranza è l'ultima a morire ma gli sto facendo la respirazione bocca a bocca, non ce la farà più per molto.

ciao a tutti

mario

mario morganti 16.01.10 14:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

La motivazione che ha determinato questa legge è solo una SCUSA per finanziare gli "amici" e con questi "balzelli" conseguiranno il loro obiettivo.
Questa scusa mi fà ricordare quelle relative alla legge relativa alla privatizzazione dell'acqua.......

Renato Mazzoli 16.01.10 13:35| 
 |
Rispondi al commento

E' come far pagare una multa per eccesso di velocità atutti quelli che comperano un' auto, una per ubriachezza molesta a tutti quelli che comperano una bottiglia di alcohol, una per appropriazione indebita a tutti i politici....

Eugenio Fantoni 16.01.10 13:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, questa volta la SIAE non centra nulla. A pretendere il cosiddetto "Equo Compenso", è la società SCF di Milano. Pensa che questa società stà mandando da un paio di anni, a tutte le strutture alberghiere e a tutte le attività che nei loro ambienti diffondono musica (ad es. esercizi commerciali che usano musica in sottofondo) fatture con la pretesa di pagamento senza dare minimo conto di come questo compenso sia stato calcolato. A chi non paga minaccia azioni legali. Secondo me sono tangenti legalizzate. Perchè non facciamo si che nessuno più usi la musica e che quindi tutti questi sopprusi cadano per terra. In fondo i diritti SIAE e SCF sono come il canone RAI. Un saluto a tutti.

Raffaele Loscialpo 16.01.10 12:46| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Grazie a questo fantastico governo, finalmente un buon motivo per scaricare musica piratata: abbiamo già pagato i diritti d’autore su tutti i dispositivi che useremo!

Piter Asquini 16.01.10 12:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Grazie per aver pubblicato questo articolo!!
Ieri quando ho mandato la mail ho sperato che fosse pubblicata perchè è incredibile che nessuno si sia accorto di questa abominevole porcata!!
Ancora grazie!!

Carlo N. 16.01.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Ministro del Culturame, bella trovata di merda!
Almeno se veniste di persona a rubarmi i soldi, se entrate in casa mia, una fucilata ve la potrei sparare!

Nel 1992 ci avete preso il 6 per mille dai conti correnti per chiudere il buco lasciato dallo statista di Hammamet e dai suoi sodali.

Negli anni avete provato più volte a infilare quello schifo del Canone RAI nella bolletta della corrente, così paga chiunque, a priori.

Con la benzina, ci fate pagare delle accise assurde, come guerra in Abissinia del 1935.

Continuate a farci pagare quegli enti inutili che utilizzate come stipendifici per piazzare i vostri figli, amanti, amici, parenti, e il conto lo portate a noi (consorzi di bonifica, comunità montane, ecc.)

Ma non ci arrenderemo mai, siamo tanti e TORNEREMO A RIPRENDERCI QUELLO CHE E' NOSTRO.

Luca N., Poggio Berni (RN) Commentatore certificato 16.01.10 12:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

Nel decreto di questo strampalato poeta, casualmente ministro, si fa riferimento a Gigabyte e poi nelle stesse righe a Gb , cioè Gigabit, quindi moltiplicare per 8 tutte le cifre pubblicate.
A questi fanfulla della politica, non interessa nulla delle ripercussioni sull'informatica, hanno bisogno solamente del vil denaro , da far gestire e distribuire da quel carozzone di politici trombati che è la SIAE.
Se controllassero i bilanci della SIAE, sono certissimo che molti amministratori sarebbero indagati per peculato o corruzione, e grida vendetta che questo decreto sia stato firmato il 30 dicembre , per farlo passare sotto silenzio durante le festività.
Questo ministro scendiletto del suo deux ex machina, che alle sue apparizioni televisive fa perdere 100.000 voti ogni volta apre bocca, potrebbe occuparsi invece delle disastrose condizioni di Pompei ed Ercolano.
Nei supporti informatici vengono memorizzati anche dati o filmati personali, che niente hanno a che vedere con la SIAE, sempre che non si debba pagare i diritti SIAE anche su un filmato girato nella propria famiglia.
Sottolineo a titolo di esempio, che un DVD vergine ha un costo medio di 30 cent ed il "poetastro" prevede di pagare una tassa SIAE sullo stesso di 41 cent, cioè maggiore del costo del supporto.
Ho inviato una segnalazione nel sito del ministero, anche se non mi illudo di ricevere risposte, ma almeno mi sono tolto la soddisfazione di aver scritto ciò che penso.

Giorgio O. Commentatore certificato 16.01.10 12:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

ok, ci riprovo...
queste cose da una parte fanno ridere, dall'altra riflettere, nel complesso piangere.
ridere, perchè evidente che tutti cercano soluzioni assurde ad un problema di non capiscono un'acca...mi ricorda quella vecchia pubblicità dei rubinetti, dove il povero idraulico saltava come un canguro piazzando cannelle a destra e a manca ed ogni volta la perdita si spostava (ottimo anche il finale: la perdita ce l'aveva, ma in testa!).
riflettere, almeno su due punti:1)non puoi arginare la rete e questo è un fatto che chiunque con un po' di sale in zucca dovrebbe tenere in debito conto.per come la vedo io, agire sull'accesso alla rete è una delle poche manovre sensate per avere un minimo di controllo, ed in tala senso la proposta (come a suo tempo la tassa sui cd etc)ha una sua funzionalità ma, e qui si va al punto 2)la coerenza (i politici si possono cercare il significato di questo termine con calma su un qualsiasi dizionario)imporrebbe che visto che fai già pagare A TUTTI, compreso chi non ne usufruisce, la copia e la diffusione di materiale digitale, di fatto la rendi legale e quindi DEVI abolirele leggi che vietano e puniscono tali comportamenti;3)la filosofia dietro a questa legge è atroce:si dà per assodato che in italia nessuno rispetta la legge, a prescindere (questa in particolare, ma anche in generale)ed invece di chiedersi come farla rispettare (o almeno che senso ha perdere tempo a farla, visto che tanto non la si rispetta), si stabilisce una pena a priori per tutti.Domanda per i geni del governo:come può dissuadermi dall'uccidere il passare a prescindere 1 giorno a settimana in carcere per omicidio?secondo voi, il numero di omicidi aumenta o diminuisce con una legge del genere?
infine piangere, perchè alla fine ciò di cui uno si rende sempre più conto,è di vivere in un paese governato da una massa di cialtroni incompetenti e spesso delinquenti che ci sta portando alla rovina,ma tenendo alto nel mondo il made in italy: "Fantozzi" e "Il Padrino"!

gabriele c., pisa Commentatore certificato 16.01.10 12:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

prova prova...1,2,3 prova...

gab com 16.01.10 12:03| 
 |
Rispondi al commento

però, se usiamo sua la logica dobbiamo ammettere che ha ragione...
dal suo punto di vista il ragionamento fila...
avrà "pensato"(?)
io al posto loro avrei copiato tutto "illegamente" ma sotto il patrocinio del "libero impedimento" per non poter essere processato, percui sono leggittimato pure a prendere la pendrive, metterla in tasca e uscire senza pagarla, è sempre "libero impedimento":
avevo le mani piene e mica potevo pagarle!!
percui se "io" lo faccio , figurati se il popolino
stupido non farebbe altrettanto, mica saranno meglio di me.

g a., roma Commentatore certificato 16.01.10 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Beh...

Secondo me, che il cittadino Italiano venga considerato a priori un ladro non è una invenzione di Bondi, cosa sono i 53% psicoelettori del nanetto, a cosa asprirano, cosa si aspettano, cosa fanno nel quotidiano ???

Meditate gente, meditate.

ulderico ranieri (ulran2009), roma Commentatore certificato 16.01.10 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Il commento dell'itagliano medio sul debito pubblico :


IL DEBITO PUBBLICO ?


ME NE FOTTO !

No comment....

Capisc'a me

*Antonio Cataldi. (capisc'a me) Commentatore certificato 16.01.10 11:51| 
 |
Rispondi al commento

PROPORREREI CHE VENISSE DA OGGI IN POI CHE OGNI DIPENDENTE NOSTRO VENISSE CHIAMATO COL IL LORO VERO NOME vostro disonore
il termine onorevole e uno sbaglio
tutti i deputati sono DISONOREVOLI

stefano b., rovato Commentatore certificato 16.01.10 11:51| 
 |
Rispondi al commento

quindi se compro una canzone online e poi la metto nell'ipod pago la SIAE 2 volte? e anche se compro un cd e lo importo nel computer! Se vado al cinema a vedere un film, mi piace, compro il dvd e lo metto sull'ipod la pago 3 volte! che fregatura.. guardatevi quest'inchiesta di altroconsumo sulla SIAE http://www.youtube.com/watch?v=fYsrQb6LCGQ

Lorenzo M. 16.01.10 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

con ragIOnamenti del genere .......si puo rendere la pariglia

durante le elezxioni ma anche durante il tempo ordinario

sarebbe da che la gente sprimesse la verita sui politici
TUTTI I POLITICI SONO LADRI
NESSUNO E ESCLUSO
SONO LADRI A PRESCINDERE DAL COLORE DEL PARTITO
E VANNO TRATTATI COME TALI
LA POLIZIA E I CARABINIERI SONO I LORO COMPLICI PERCHE
LI PROTEGGONO E .SONO I LORO PICCIOTTI
E VANNO TRATTATI COME TALI
I SINDACI E ASSESSORI E CONSIGLIERI SONO LADRI
PERCHE SOSTENGONO IL SISTEMA DEI LADRI... E VANNO TRATTATI COME TALI

QUNADO VENGONO NELLO VOSTRE CITTA A FARE LA PREDICA DI MORALITA
URLATECI CHE SONO DEI LADRI E MANDATELI VIA
A MALO MODO

loro hanno bisogno di noi noi no....


vi ricordate la storiella del banboccioni
...
detta da gente che se non ha piu di 16mila al mese non c'e la farebbe a arrivare alla fine del mese
la legge parla chiaro in questo caso
tutti sono innocenti se non si accerta la colpevolezza
DIMENTICATEVI LA PIETA CON QUESTA GENTE NON LA MERITA
DIMENTICATEVI LE STRONZATE SULLA BANDIERA SULLA PATRIA SULL ONORE SUL AMORE DI PATRIA

SONO SOLO ALIBI PER CONTINUARVI A FOTTERCI col nostro consenso

stefano b., rovato Commentatore certificato 16.01.10 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma di cosa ci stupiamo, in italia è la regola che l'onesto cittadino, venga considerato un ladro a prescindere, e debba dimostrare allo stato di non esserlo (vedesi gli studi di settore) , è il paese delle banane, gli onesti vengono considerati ladri, da un gruppo di veri ladri, che fanno le leggi per pararsi il culo e la sedia e sono mantenuti da quegli onesti cittadini presunti ladri.

vittorio abelar 16.01.10 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Il problema principale è che essendo un tassa tutta italiana, chiunque dall'estero può vendere in italia senza applicare la stessa tassa. Follia pura.

Gianni M., Cesena Commentatore certificato 16.01.10 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MASS-MEDIA & SIAE

tanto tempo fa c'era un "ragazzo" capellone con la barba, più sveglio
degli altri, per farsi capire meglio dal popolo "ignorante" usava raccontare "parabole" (che non sono quelle di oggi sui tetti).
Oggi parafrasando il profeta voglio raccontarvi una "parabola"!

LE CASTAGNE e il CASTAGNACCIO (farina che si ricava dalle castagne )

Un tempo , circa 15/20 anni fa c'era un commercio fiorente di castagne. Chiunque avesse avuto un minimo di esperienza nella
materia lo avrebbe potuto fare guadagnando un buon gruzzolo.
Bastava raccogliere le castagne , cuocerle e venderle come caldarroste. Guadagni ottimi , erano molto ricercate. Le legge tutelava i consumatori con una pena irrisoria per i spacciatori di
castagne "false". Il prezzo della pena era attorno alle 500mila lire
all'anno, come se fosse una tassa aggiuntiva. Così il mercato andava avanti , entravano anche soldi in più nelle casse dello Stato.

Accadde un brutto giorno che fu nominato imperatore colui che deteneva il mercato nazionale del castagnaccio. Le prime leggi che promulgò , a parte le sue personali, furono quelle contro
il commercio abusivo delle castagne, la sua materia prima per il
castagnaccio che LUI spacciava al popolo oppresso con l'assuefazione al suo prodotto. La pena passò dalle 500milalire annue a 200milalire ogni castagna "marcia" trovata in tuo possesso!
E' ovvio che tale pena pecunaria spaventasse tutto il mercato senza
citare anche il rischio della prigione previsto dal nuovo codice ad personam.

Il mercato giunse al termine, anche battuto da castagnaccio creato
in laboratorio, simile all'originale. Il popolo non riuscì a comprendere
l'inganno e seguitò ignaro a "farsi" di castagnaccio gratis del cattivo
imperatore. Oggi lo stesso imperatore è passato all'acqua.
Domani toccherà anche la farina, poi la frutta , poi il latte, poi la carne
poi il pesce, poi non rimarrà più nulla da monopolizzare .

QUESTA E' LA STORIA DI UN MONOPOLIO !
il monopolio dei nostri cervelli !


Come già è successo con i Cd anche con i lettori si presume che ognuno di noi scarichi illegalmente la musica... e quindi, dato che si paga la SIAE in anticipo, mi sento assolutamente giustificato a scaricare tutto il possibile immaginabile e in qualsiasi modo, tanto la SIAE l'ho già pagata...

Matteo Zorzanello 16.01.10 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Ministro Bondi, le suggerisco d'introdurre anche una tassa sugli occhiali da vista.
Questi strumenti infatti consentirebbeo a chiunque di leggere fotocopie di libri originali o comunque copie di libri non regolarmente acquistati o magari libri in formato digitale scaricati illegalmente.
Gli occhiali da vista sono indispensabili per leggere a chi ci vede poco, quindi sarebbero l'equivalente di un player audio senza il quale non si può ascoltare la musica.

Marco Bi 16.01.10 10:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

per tutti gli hacher che stanno leggendo questo commento,kracate la siae e distruggete questa società di merda che cazzo con questo debito rompi i coglioni a quelli che accuistano un hard disk per il suo lavoro,cazzoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

angelo c., castrezzato Commentatore certificato 16.01.10 10:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ma siamo seri, perchè vogliamo negare che TUTTI non hanno almeno un album scaricato sul telefonino?

Gio Grillo 16.01.10 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Eppure io continuerò imperterrito a comprare cd e vinili dall'estero. E continuerò a scaricare ciò che mi par giusto scaricare e ad acquistarlo, qual'ora meritasse l'acquisto.

Queste leggi sono idiozia pura.

future is unwritten 16.01.10 10:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

BENE, SI COMPRA TUTTO ONLINE, SI RISPARMIA E NON SI PAGANO TASSE!!!

CI SONO DUE MODI PER FARE UNA LEGGE, UNA COL CERVELLO E UNA COL CULO .... QUESTA NON MI PARE FATTA COL CERVELLO!!!

Uno dei tanti 16.01.10 09:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti,
questa è una delle tante sparate che questa amministrazione fa per recuperare quattro spiccioli. Primo perché sono una manica di incompetenti secondo perché sono affamati di soldi.
Partiamo dal presupposto che lo Stato Italiano è un cane morto pieno di zecche che ormai stanno succhiando le ossa. Detto questo, tale tassa è iniqua e illegale, consideriamo le memorie di una macchina fotografica, se io scatto le mie foto personali, non sono protette dal diritto d'autore perché non sono iscritto alla SIAE, per questo non devo pagare una tassa sulla fruizione di un mio contenuto digitale e sul suo supporto. L'unico diritto che ho è quello alla riservatezza dei miei dati personali e fino a prova contraria le foto sono miei ricordi. Altro esempio è un server di contabilità, se sul disco ho solo dati contabili, a quali autori devo pagarei diritti? Agli impiegati forse? Per questi semplici motivi sarebbe il caso che tutte queste zecche la smettessero di fare confusione su questioni di lana caprina. Un consiglio mollate l'osso e la poltrona.

Luca Menegazzi 16.01.10 09:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A questo punto bisognerebbe conoscere e pubblicare i guadagni di chi lavora in SIAE.
In merito al provvedimento legislativo credo che i presupposti per rivolgersi alla Corte Europea ci sono tutti!!!
Complimenti al Governo, siete meschini, ignoranti, inetti e profondamente LADRI.

A. Montaruli 16.01.10 09:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ma il problema vero è che le cose stanno già cambiando e la SIAE ignora o finge di ignorare questo cambiamenti... Il sistema di tutela dei diritti limitati "Creative Commons" (www.creativecommons.org) consentirebbe già oggi di bypassare la SIAE senza perdere la cosa più importante del diritto di autore, e cioè la paternità dell'opera. In Italia siamo schiavi dell'idea che nel settore discografico si devono per forza fare i grandi numeri e così un artista può essere "abbagliato" dalla possibilità di guadagnare anche sulla riproduzione dal vivo del proprio brano/opera, dalla vendita di più copie possibili. Ma se gli artisti fossero disposti a rinunciare ai grandi guadagni per promuovere un sistema libero di diffusione della musica (per esempio Creative Commons consente la copia dell'opera per uso per uso privato, oppure la riproduzione a scopo non commerciale) allora anche SIAE dovrebbe cambiare e in meglio, andando a scontrarsi con un numero di associati che sarebbe necessariamente minore. SIAE non offre tutela sulle radio minori, sui download internet, sulla diffusione digitale delle opere. E' giusto che gli artisti siano tutelati, non sfruttati AI DANNI SOPRATTUTTO DEI CONSUMATORI. Tutto questo lo dico in veste di ARTISTA, di ETICHETTA DISCOGRAFICA, di CONSUMATORE.
E' giusto che il gestore di un locale possa far riprodurre musica dal vivo senza dover pagare ogni volta il PIZZO alla SIAE... perlomeno non in caso di riproduzione di brani con diritti "limitati".

Alberto Vajra 16.01.10 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Beh, significa che CD, DVD, Pen Drive e Hard Disk verranno acquistati all'estero ed i ns commercianti, soprattutto quelli che hanno dato loro fiducia, potranno ringraziarli !
Problema risolto, passiamo ad altro argomento !!

roby b., Trieste Commentatore certificato 16.01.10 08:03| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene da ridere.Queste buffone mentecatto idiota che ha concepito questa legge non ha la benchè minima idea di come funziona il mondo della tecnologia del web ecc...Senza voler considerare il fatto che gli acquisti è possibile farli all'estero forse il mentecatto in questione non sà che ci sono decine se non centinaia di altri sistemi per archiviare dati (foto,mp3 ecc...) senza dover necessariamente utilizzare le apparecchiature elencate nel decreto!Quello che mi chiedo è perchè i signori commerciati (che saranno i primi a subire questa porcata) non si decidono ad alzare la testa! In ultimo vorrei dire al signor BINGOBONDI che è solo un fallito manovrato da altri falliti!

Mai Più Commentatore certificato 16.01.10 07:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una pesona che diventa prima rossa e poi si cambia in nera non è certo facile da comprendere.

Bruno BASSI, Ronchi di Massa Commentatore certificato 16.01.10 04:28| 
 |
Rispondi al commento

mai comperato un cd o dvd in italia e se mi girano poco mi ci vuole trovarmi fornitori fuori dall'italia.

Andrea B., Lonigo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 02:30| 
 |
Rispondi al commento

Da sempre la siae è la società italiana degli editori che sfruttano autori!lo sapete che il 50% dei proventi di un brano musicale spettano all'editore, il quale dovrebbe accollarsi onere di diffondere l'opera, ma nella maggior parte dei casi se ne sbatte altamente???
I denari di questa tassa andranno nelle tasche dei soci siae e dei grandi editori.Agli artisti non soci come al solito nulla...
Solo in italia la società che difende i diritti d'autore è una sola, in tutti i paesi ne esistono almeno 2....

alex brown 16.01.10 02:15| 
 |
Rispondi al commento

Vorrà dire che comprerò all'estero come ho fatto fino ad oggi per cd e dvd...Se volete continuare a far ingrassare i maiali fate pure.

Sergio Abile 16.01.10 01:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se applichiamo lo stesso principio ai parlamentari si dovrebbero fare tutti un mese di galera preventivo appena eletti :-)

Elric Etnegar Commentatore certificato 16.01.10 01:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono carne da macello,stanno cercando di deturpare e rubare quanto più e possibile perchè sanno che hanno i giorni contati questi grandissimi bastardi pezzi di merda mafiosi.......

Gennaro Giugliano, Napoli Commentatore certificato 16.01.10 01:24| 
 |
Rispondi al commento

Seguito a mandare lo stesso messaggio ma noto che c'e' un'udienza sorda. Andatevi a leggere le motivazioni della presa della Bastiglia nel luglio del 1789 che fu l'inizio della rivoluzione francese.

sandro carlucci 16.01.10 01:23| 
 |
Rispondi al commento

che vergogna, ti prego beppe tu che hai il blog crea un link per mandare un email all'unione europea per opporci a questo aumento spropositato.
Già prima compravo molti cd e dvd all'estero, se passa questa proposta lo farò ancora più volentieri e farò gruppi d'acquisto con i miei amici per acquistarne grosse quantità...
L'ennesima mazzata ai piccoli negozi di tecnologia, già schiacciati dalla concorrenza sleale dei centri commerciali.

federico schievene 16.01.10 01:15| 
 |
Rispondi al commento

scusate una domanda:il ministro bondi ci è o ci fa?
chi ci capisce è bravo........

devis q. Commentatore certificato 16.01.10 01:14| 
 |
Rispondi al commento

Be... ammesso che cio non violi il principio di non colpevolezza che credo dovrebbe essere alla base del diritto se non della costituzione, allora pero quando beccano a uno con un mp3 pirata lui/lei puo rispondere di aver gia pagato i diritti di autore quando ha comprato l'apparecchiatura no??

Andrea G., Monaco di Baviera Commentatore certificato 16.01.10 00:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma il minestro della Cultura i soldi li dovrebbe spendere non far guadagnare, o sbaglio!
Talis papi talis filii

Renzo S., padova Commentatore certificato 16.01.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento

Che altro dire se non un augurio che tali soldi li possano usare per acquisto di medicine antumorali da stadio terminale irreversibile?
Un bell'augurio a sti pezzenti.

alberto carosi, ascoli piceno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.01.10 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Sono titolare di un negozio di computer (piccolo e quindi preda dei prezzi dei grossi centri commerciali con cui di certo non posso competere). Volevo ringraziare il ministro, che ha camuffato una tassa indiretta come una colpa che abbiamo noi italiani per l'acquisto di tecnologia, grazie mille a nome di moltissimi commercianti come me e soprattutto a nome dei miei clienti, che vedranno (ingiustamente, così come è stato per CD e DVD all'epoca) aumenti ingiusti. Non vedo quale sia il motivo del pagare la Siae per supporti vuoti, allora mi domando, questo legittima la copia di dischi originali? Io penso di si. E poi, dato che molti pagano la Siae anche per le foto delle vacanze, diviene violazione di copyright pubblicarle su Facebook o condividerle con gli amici senza farsi pagare? Quasi quasi me ne vado ad abitare in Spagna... 3 sole parole.... MI FATE SCHIFO. Grazie.

Maurizio Persi 16.01.10 00:12| 
 |
Rispondi al commento

Scusate....se il governo è capeggiato dal re dei bugiardi, se hanno detto che non aumenteranno le tasse, cosa vi aspettavate? E'logico che da buoni bugiardi,seguendo le orme del padrone hanno fatto l'opposto di quello che hanno detto.......!!!!!

Franco D., Savona Commentatore certificato 16.01.10 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Qualche precisazione: la SIAE è la società Italiana degli Autori e degli Editori. I soldi dati alla siae vengono ripartiti tra TUTTI gli iscritti, secondo le modalità indicate nell' Ordinanza di Ripartizione generale. Da artista non posso non evidenziare che una società il cui compito è amministrare il diritto d'autore e connessi (tranne quelli che interessano discografici, SCF e artisti interpreti esecutori IMAIE) contenga in se molteplici controversie.
Le ragioni del commissariamento del 2001 sono sacrosante; c'è però da ricordare che fino ad allora il CDA della SIAE era composto da membri eletti da quegli artisti che guadagnavano dalla stessa più di una certa cifra(non indifferente);
l'equo compenso è un giusto risarcimento che, ripeto, va nelle tasche degli artisti. I discografici propriamente detti e lo stato centrale non hanno nulla a che fare con la SIAE.

Chiaramente il compenso deve essere "equo" e non dare adito ad un innalzamento di prezzo spropositato. La SIAE è spesso per artisti sotto etichette discografiche, l'unica entrata (nel caso di artisti/compositori) a fronte delle royaltis previste dal contratto con la cd.


Bondi è proprio un ignorante come tutti quelli che ci governano anche perchè cosi distrugge la vendita in Italia a vantaggio dell'estero. Cosa è accaduto dopo che misero la tassa sui cd/dvd da punto informatico del 2004
http://punto-informatico.it/540605/PI/News/crolla-vendita-cd-dvd-vergini.aspx

Gabriele S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.01.10 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non c'è limite al ridicolo...e purtroppo al tragico!
Però, se pago una multa in anticipo allora posso scaricarmi quello che voglio! o no?

franco a., genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.01.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Già che c'è perchè non mette una tassa a tutti i nuovi nativi italiani. Giusto perchè uno nasce con orecchie per sentire e occhi per guardare ....

Fabio D., Caserta Commentatore certificato 15.01.10 23:47| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SANDRO BONDI E' UN GROSSO GRASSO IGNORANTE, ALLA FACCIA DELLE NUOVE TECNOLOGIE!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 15.01.10 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Questo è proprio un esempio di come si voglia fare pagare ai cittadini i privilegi di una casta.

Sono talmente bastardi dentro che hanno messo la tassa anche su HD esterni e soprattutto sulle PEN DRIVE.

Vaffanculo.


Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.01.10 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Chi è dietro la SIAE ??? eh eh eh
Provate ad indovinare.
Uno non molto alto e con i capelli di plastica.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.01.10 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PRESENTE !!!!!!

eh eh eh , 'sto minipost lo hai fatto per me !!!

caro Beppe.

CICATRICI SUL CAMPO DI BATTAGLIA dirette!!!!
Contro 'sta SIAE ... borghese della minkia !!!
Una volta in Irlanda ci scapparono pure i morti!!!

E tanto per far sapere il NANO STESSO NE E' PRATICO!

Al tempo delle cassette da 3/4 per andare in diretta senza ripetitori, trafficava anche con altro, in incognito naturalmente .
Ma nell'ambiente l'incognito non esiste!!

hasta Bepin


Ma questo governo non è quello che va dicendo che non mette le meni nelle tasche degli Italiani.

Questa è una nuova tassa o imposta ?

Paolo R. Commentatore certificato 15.01.10 22:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori