Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Viareggio, una strage e nessun imputato


Viareggio_strage.jpg
Per Viareggio non ci sono indagati, ma ci sono le vittime. Nessuno è colpevole, ma nel caso ci fosse rimane sempre il processo breve.
"Iman Ayad (3 anni); Hamza Ayad (17 anni); Mohammed Ayad (51 anni); Aziza Aubotalib (46 anni);Nadia Bernacchi (59 anni); Claudio Bonuccelli (60 anni); Abdellatif Boumalhaf (34 anni); Nouredine Boumalhaf (29 anni); Rosario Campo (42 anni); Maria Luisa Carmazzi (49 anni); Andrea Falorni (50 anni); Alessandro Farnocchia (45 anni); Antonio Farnocchia (51 anni); Marina Galano (45 anni) ; Ana Habic (42 anni); Mario Pucci (90 anni); Elena Iacopini (32 anni);Federico Battistini (32 anni); Emanuela Milazzo (63 anni);Mauro Iacopini (60 anni);Magdalena Cruz Ruiz Oliva (40 anni); Ilaria Mazzoni (36 anni); Michela Mazzoni (33 anni); Emanuela Menichetti (21 anni); Stefano Maccioni (40 anni); Luca Piagentini (5 anni); Lorenzo Piagentini (2 anni); Angela Monelli (69 anni); Rachid Moussafar (25 anni); Sara Orsi (24 anni); Roberta Calzoni (54 anni); Elisabeth Silva (36 anni). Sono passati 7 mesi da quella strage e ancora non c'è un indagato: E' UNA VERGOGNA! Inoltre, il processo rischia di essere vanificato se passa il DDL sul processo breve."Marco Bazzoni

30 Gen 2010, 23:19 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sono 2 \ 3 giorni che leggo nel gazzettino di ve icompensi di fine legislatura ai politici regionali. avendo ascoltato piu volte grillo e travaglio, sono sicuro che certe cose il movimento sicuramente non sono di casa tanti saluti e teniamo duro

giulio cavallin 05.02.10 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Strage Viareggio: grande inganno, richiesta inascoltata:


http://www.youtube.com/watch?v=8XX67aMJJ3E

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.01.10 19:15| 
 |
Rispondi al commento

http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2010/31-gennaio-2010/procuratore-deidda-avverte-strage-viareggio-rischio-impunita-1602380323597.shtml

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.01.10 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Rodolfo Iacopetti, io per quanto mi riguarda, con questo pensiero ho voluto ricordare questa strage sul lavoro, perchè non sia dimenticata.
E' vero, purtroppo i mezzi d'informazione non ne parlano più, e c'è il forte rischio che con il processo breve, il processo si risolva con un colpo di spugna.
E' una vergogna!!!Dobbiamo Resistere, Resistere, Resistere.Saluti.Marco Bazzoni-Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze.
Email: bazzoni_m@tin.it

Marco Bazzoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.01.10 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tutto voglio ringraziarvi perchè almeno voi ne parlate. E' una VERGOGNA perchè la strage di Viareggio NON ESISTE +.
I telegiornali e i giornali oramai sono asserviliti al potere in maniera nauseante. Temo il peggio in questa storia perchè il potere economico e politico è evidente che sta cercando di insabbiare tutto, STA A NOI NON DIMENTICARE E CONTINUARE A LOTTARE.
Chissà quanti altri "TRENI BOMBA" stanno percorrendo l'Italia anche in questo momento...

Rodolfo Iacopetti 31.01.10 18:39| 
 |
Rispondi al commento

...la strage di Viareggio; ma se è stato comprovato che la causa fu la rottura di un asse e che la compagnia proprietaria è inglese che non ha fatto i controlli d'obbligo , facciamo a scarica barile e i tecnici nostri a che servono? I colpevoli ci sono solo che è mancanza di etica morale por amba parte.
renato farina caracas

renato farina 31.01.10 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ieri sono andata in piazza Cordusio a Milano, la mia città, a firmare per il Movimento 5 stelle.
Quello che mi auguro che tutto questo porti veramente ad una Giustizia e che mandi a casa tutti i colpevoli delle stragi che sono avvenute negli ultimi tempi.
Questa gentaglia deve pagare tutte le cattiverie che sono riusciti a fare senza coscienza.
E' ora di finirla , la gente è incavolata , siamo al limite della sopportazione.
Santina

Audrey Z. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.01.10 16:52| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
PROCESSATI CHE SI FANNO LE LEGGI AS PERSONAS,CON IL PROCESSO,E LE VITTIME RIMANGONO A CHIEDERE GIUSTIZIA,SOPRATUTTO ALLE FERROVIE DELLO STATO!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 31.01.10 16:26| 
 |
Rispondi al commento

chiediamo con forza alle Ferrovie dello Stato se sanno il motivo per cui è successo e cosa stanno facendo concretamente per evitare che si ripeta. Le Ferrovie sanno cosa è successo, lo sanno. Una causa c'è- C'è sempre una causa dietro ad un effetto. Le ferrovie sanno che se una ruota cede è perchè non si sono fatti i controlli adeguati. Lo sanno. Non dico che non si sono fatti i controlli. Dico che evidentemente non sono adeguati. Credo che le famiglie di quelle vittime abbiano il diritto di sapere perchè i loro cari sono morti e cosa si sta facendo perchè in futuro non ce ne possano essere altri. É un nostro diritto sapere. E un loro dovere informarci.

Luciano Colletti G 31.01.10 15:32| 
 |
Rispondi al commento

NON DOBBIAMO DIMENTICARE MAI QUELLE POVERE VITTIME.
Sono morti a causa dell'incuria di una classe politica e dirigenziale che pensa solo a salvaguardare i potenti, vuoi per collusione o per mancanza di coraggio.
Troppe sono le persone che muoiono nel nostro paese per cause evitabili, basti pensare ai morti per l'amianto,ai morti sul lavoro, a tutti quelli che si ammalano anche gravemente a causa delle polveri sottili, all'elettrosmog che provoca leucemie e a tante altre morti che sarebbero evitabili con una politica più coraggiosa e meno supina agli interessi delle grosse lobby economiche.

laura l. 31.01.10 12:34| 
 |
Rispondi al commento

quello che mi lascia ancora più schifato è rivedere il video dei funerali con la schiera statale in prima linea.una faccia stampata uguale per tutti. ripeto, che schifo! meno facce da circostanza destate a lutto e più fatti. viareggio, la mia città, per i politici è già un ricordo passato.

mitia dedoni, torre del lago puccini Commentatore certificato 31.01.10 11:41| 
 |
Rispondi al commento

In Albania non c'è lo Stato, e si fanno giustizia da soli...

Edmond A., Zurich Commentatore certificato 31.01.10 02:48| 
 |
Rispondi al commento

grazie beppe perche' sei l'unico che ha il coraggio di parlare di certe cose. nella mia citta' quel giorno hanno perso la vita 32 persone, tra cui bambini e amici. lo stato in questo modo li sta uccidendo nuovamente,nessun indagato dopo 7 mesi e forse un processo non ci sara' mai. mi vergogno del mio paese, la parola giustizia non ha piu significato, sempre i non potenti ci rimettono. ma noi non dimenticheremo, mai, e lotteremo finche potremo x loro. grazie

manuel trasatti 31.01.10 02:43| 
 |
Rispondi al commento


- SENZA PAROLE -




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori