Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La tazza dei baci Perugina


Made_in_China.jpg
Anche la tazza dei baci Perugina è made in China. Ma neppure la Perugina è più italiana, fa parte infatti del gruppo Nestlè.
"A San Valentino la mia fidanzata (giusto per la cronaca: 31 anni, due lauree in Scienze Ambientali con 110 e Lode e niente lavoro!) mi regala un tubo di baci Perugina con allegata una piccola tazzina da caffè con un orsetto."Che carina! Grazie amore ti amo anche io!" Mentre per farla contenta mi gusto un caffè, guardo sotto l'etichetta e che trovo scritto? MADE IN CHINA! Ma cavolo, mi domando: un Paese dove l'industria non riesce ad essere competitiva manco per produrre una tazzina di caffè ma dove CAZZO FINIRA! MA CHE COS'E' IL MADE IN ITALY?ESISTE ANCORA? CHE VERGOGNA!" Dario Crocetta

18 Feb 2010, 22:20 | Scrivi | Commenti (38) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Vorrei sapere chi controlla i medici di base? es. medici di base che danno urgenza su analisi (colonscopia/gastroscopia/scintografia/etc) a persone che non hanno bisogno di "urgenza" ma che approffittano Asl per non pagare.. è possibile che ci siano ancora medici di base che prescrivono analisi ed esami specialistici a "comando" dell'assistito

Mi sembra quantomeno scorretto in primis per le persone che realmente sono malate e nei confronti della società che foraggiamo i falsi malati

michela ottaviano 29.10.10 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è "l'industria non riesce ad essere competitiva manco per produrre una tazzina di caffè"... è IMPOSSIBILE per l'industria italiana produrre un oggetto competitivo a quello cinese... l'Italia ce la mette tutta, ma se la competizione con l'oriente è sleale, la colpa non è delle aziende italiane, bensì della politica economica

Jack Jack 22.02.10 13:10| 
 |
Rispondi al commento

ormai alla perugina restano solo i documentari luce sulla sua italianicità, per il resto, ora è tutto made in cina... ma porkazz.. siamo una succursale della cina, siamo il loro negozio ...loro fanno, noi vendiamo. Vendiamo.. ma a chi, fra poco, anzi non tanto fra poco, ma ora, a campare senza rubare, "la se dura!"

Andrea B., Lonigo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.02.10 01:34| 
 |
Rispondi al commento

1816 & C. viaggiano in Audi, pagate e mantenute da NOI.

antonio d., carrara Commentatore certificato 19.02.10 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Perfino i bigletti di auguri sono stampati in CINA. Non ho parole.
Fabio

Fabio Nardocci 19.02.10 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Sarà una cazzata ma io e la mia compagna già da qualche anno non festeggiamo San Valentino, proprio per non incrementare il consumismo. Abbiamo deciso che il nostro "S.Valentino" è il 27 febbraio, San Leandro (una data presa a caso sul calendario) e l'abbiamo chiamata: "Festa di Noi". Vaffanc.S.Valentino (non il santo che non mi ha fatto niente ma il sistema commerciale),i baci perugina,la medaglia dell'amore e chi più ne ha più ne metta. Ah, dimenticavo i fiorai....!!!!!

Franco D., Savona Commentatore certificato 19.02.10 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Quando i tassi di consumo e la diffusione della ricchezza saranno caduti abbastanza in basso in Italia, allora forse potremmo ritornare ad essere competitivi, e allora le parti saranno rovesciate, gli imprenditori di altri paesi verranno in Italia ad investire, e a dare lavoro perchè l'Italiano, ovvero i nostri pronipoti, saranno più competitivi del cinese oramai ingrassato nel benessere. I capitali inseguono il lavoro a basso costo, in una sorta di corrente che fa il giro del mondo, rendendo ciclicamente una nazione, prima ricca e poi povera, e poi ricca di nuovo. Anche se riconosco che probabilmente la Cina è una feroce dittatura, mi verrebbe da pensare che il Capitale insegue il lavoro a basso costo, ma soprattutto insegue un paese politicamente stabile e con leggi certe e perpetue, e questo oggi l'Italia non è in grado di garantirlo.
Inoltre questi imprenditoricchi Italiani, vanno all' estero solo per spremere qualche altro dividendo, prima di essere soppiantati completamente da imprenditori cinesi, che , per esempio acquistano camion della IVECO, solo per copiarne i progetti, e poi riprodurli sotto un marchio diverso, magari cinese. Anche costoro dal punto di vista imprenditoriale sono alla frutta, anzi all' ammazzacaffè. Ciò che mi dispiace , è che l'Italiano così come lo conoscevamo è una specie in estinzione, e ci dovranno tutelare come il panda, perchè l'Italiano alla fine rispetto a tanti altri popoli, è proprio grazioso! Candidabile come patrimonio dell' UNESCO!

Massimo esposito 19.02.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Io non mi scandalizzo che la tazzina per il caffe sia prodotta in Cina, Filippine o Vietnam: secondo me, noi non dobbiamo e non possiamo competere con quelle nazioni in cui il mercato del lavoro è alla stregua di una produzione fatta con gli schiavi che lavorano 12 ore al giorno senza alcuna garanzia sindacale; dove invece dovremmo cercare di essere competitivi sono tutte quelle produzioni ad alto valore aggiunto. Per intenderci il nostro terreno di copetizione dovrebbe essere nella progettazione e realizzazione di una macchina innovativa che produca quella tazzina o studiare un nuovo materiale con cui realizzarla, materiale che magari trattenga il calore e/o risulti infrangibile. Insomma dovremmo essere in grado di competere nelle attività di ricerca ma, anche in questo settore continuiamo a perdere terreno e posti di lavoro (vedi come Nokia sta liquidando la sede di Cinisello Balsamo -MI-) e non potrebbe essere diversamente se ogni anno si tagliano i fondi per la scuola e la ricerca scientifica, se per ridurre i costi al ministero della PI si pensa a ridurre le ore di matematica lasciando quella di religione. E come possiamo sperare che le cose cambino se questo governo, come sembra probabile, verrà premiato alla prossima tornata elettorale anche grazie a quanti decideranno di astenersi? Come si fa a sperare in un futuro migliore se quelli che scelgono oggi sono gli stessi che ieri dopo la prima vittoria di berlusconi nel 1994 scendevano in piazza a festeggiare sventolando la bandiera del milan o lo avevano votato solo perchè cosi facendo non sarebbero state oscurate la telenovella in voga al momento o "OK il prezzo è quel che ti pare"? Come si fa ad aver fiducia e non dire "ma che popolo di merda"?

Alfredo Ragonesi 19.02.10 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Il Made in Italy è da molto tempo che non esiste più. Ce ne accorgiamo solo adesso perchè le fabbriche chiudono.
Comunque nemmeno il caffè è italiano, non penso che esista una sola pianta da caffè in Italia a parte quelle ornamentali (forse).
Ormai è tardi. Una volta quando c'era il lavoro,
nessuno lo voleva fare (mi ricordo slogan tipo: "soldi a noi e lavoro ai padroni").
I padroni si sono dimostrati tali e se ne sono andati portandosi dietro il lavoro che fanno fare ad altri.
Ci vorrà parecchio tempo prima che tutto totni come prima. Anche se ho dei seri dubbi.

m.f. 19.02.10 14:08| 
 |
Rispondi al commento

questi non sono imprenditori, sono investitori e come tali nemici degli imprenditori italiani, nemici del popolo italiano, nemici dell'italia. se non vengono fermati o neutralizzati sarà bancarotta per il nostro paese (sempre che non sia troppo tardi).

Giordano Lain 19.02.10 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione però!!!
Visto che la sigla Made in China non garantisce certo qualità e soprattutto sicurezza, e i consumatori se ne stanno lentamente rendendo conto, da qualche tempo sempre più prodotti portano la scritta Made in PRC. Bene, PRC non è altro che l'abbreviazione di People's Republic of China, il nome ufficiale dello Stato cinese.
Quindi prestiamo attenzione, Made in PRC = Made in China

Davide B. Commentatore certificato 19.02.10 13:45| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo è la causa dei propri mali e continuerà così finchè non se ne renderà conto. La tua ragazza ha doppia laurea con 110 e lode ma è lei il motivo per cui non ha lavoro: la dimostrazione è che compra Nestlè e Made in China. Se è così intellligente e sensibile, a parte che la stupidità di festeggiare una festa di marketing, perchè non spende un euro in più ( forse) e compra da un piccolo artigiano magari delle paste fresche, così guadagna la salute, guadagna l'economia locale, perde la multinazionale e la stupidità. Perchè l'uomo continua a riempire i supermegamercati pieni di marketing e idiozie? Perchè continua a mangiare carne, rovinandosi la salute, torturando e massacrando miliardi di esseri viventi come e migliori di noi, uccidendo il clima e l'ambiente naturale, poichè l'industria della carne inquina e surriscalda per il 24% mentre tutte le automobili di tutto il mondo solo il 13%, ma soprattutto perchè continua a mangiare carne se adesso sappiamo che la coltivazione di foraggio per l'industri del bestiame ( vìche poi viene torturato e ucciso) causa la povertà e fame di tutte le popolazioni ( bambini compresi ) di tutto il terzo mondo? Sono le singole scelte di ognuno di noi che cambiano il mondo. Svegliatevi. Informatevi.

bruno siciliano 19.02.10 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VOLEVO DARE IL MIO CONTRIBUTO:
HO UNA PICCOLA (SON SOLO DITEMI VOI SE LO è O NO!)ATTIVITà COMMERCIALE, è ARRIVATO UN CLIENTE CON UN PRODOTTO CHE LAVORO E CHE QUI SI VENDE SOLO MATERIALE A 200 EURO, LAVORATO A 250 EURO!
LA LAVORAZIONE CONSISTE NELL'INIETTARE UN SOFTWARE IN UN CHIP CHE POI INTERAGISCE CON UNA CENTRALINA, LETTERALMENTE DA IL CONSENSO AL FUNZIONAMENTO AUTORIZZATO DI UN CONGEGNO!
BE' IL CLIENTE MI CHIEDEVA DI PROGRAMMARE IL CHIP PAGANDO ANCHE CIFRE SUPERIORI A QUELLE DEL MERCATO ITALIANO PERCHè AVEVA ACQUISTATO IL CHIP IN INGHILTERRA, PAGANDOLO UN TRENTINA DI EURO! TRENTA CONTRO DUECENTO SETTE VOLTE, E NON CREDO CHE IN INGHILTERRA CI PERDANO, LA PRODUZIONE AVVIENE NELLO STESSO POSTO è L'IMPORTATORE CHE è DIVERSO, IMPORTATORE CHE IN ITALIA SI è RIFIUTATO DI LAVORARE IL CHIP CHE L'UTENTE SI ERA COMPRATO DA UN'ALTRA PARTE! MA COME WORLD WIDE E GARANZIA MONDIALE? CI STANNO PRENDENDO IN GIRO, IL FATTO DI LAVORARE FUORI UN PRODOTTO NON SOLO TI PERMETTE DI RISPARMIARE, MA ANCHE IMPEDISCE CHE QUALCUNO LAVORANDO IN QUELLA DITTA ACQUISISCA QUELLE CONOSCENZE CHE TI PERMETTONO DI METTERTI IN PROPRIO!
DOVRANNO RIMANERE SOLO I RICCHI, QUELLI VERI NON QUELLI CHE PUR COMPRANDOSI LA LAMBORGHINI LAVORANO 14 ORE AL GIORNO.
CHE SCHIFO

giovanni da penne 19.02.10 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Beh, che ormai il "made in italy" sia rimasta solo una frase da apporre sui prodotti, per giustificarne il prezzo esagerato, è una triste realtà! Molto significativo, ed emblematico a mio parere, è il caso GEOX. Producono all'estero (Brasile, Cina, ecc.) una scarpa che poi vendono a 200 euro e per di più di scarsa qualità (geos, la scarpa che...fa passare l'acqua!!!). Provare per credere! Il web è pieno di gente che si lamenta a riguardo, ma nessuno è ancora riuscito a dare risalto a questa notizia. Sono anche disposto a metterci la faccia io in prima persona, per raccontare la mia "avventura" che, credetemi, è ai limiti del grottesco!
Malcolm

Malcolm Lastoria 19.02.10 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comprare "made in Italy" è solo per allocchi.O acquisti prodotti artigianali che costano un occhio della testa o, se sono articoli prodotti su larga scala, vengono prodotti in Cina o in Romania ecc. e qui viene applicata l'etichetta per farli diventare italiani e essere venduti a 100 volte il prezzo di costo per arricchire i cosiddetti imprenditori che pur di continuare ad arricchirsi non ci pensano due volte a chiudere l'azienda e licenziare centinaia di persone........questa sì è un'esclusiva "Made in Italy".

Franco D., Savona Commentatore certificato 19.02.10 11:09| 
 |
Rispondi al commento

come non esiste il made in italy,noi abbiamo la più grande produzione,in campo mondiale, di malaffare publico di ottima qualità,certificata ISO vaffa,ti pare poco?

roberto benedetti 19.02.10 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Lo credo bene che sul filmato hanno disattivato i commenti: sarebbero stati concimati.

Stefano De Pietro 19.02.10 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Nel centro di Roma la meravigliosa pizza italiana, di regola è prodotta in locali acquistati da cinesi ed affittati ad indiani; viene cucinata da cuochi marocchini, con farina dall'Ucraina, lievito tedesco, pomodoro cinese, olio tunisino e formaggio dell'est europa;
http://www.italiaatavola.net/articoli.asp?cod=13331

Va aggiunto che è servita a clienti giapponesi in vacanza da camerieri albanesi.
L'italiano al momento si vede solo la mattina, quando viene svuotato il cassonetto con i rifiuti del locale (lavoro precario ovviamente).
NEANCHE "IL TUBO" dei baci perugina è fatto con materie prime prodotte in italia, figurarsi il cioccolatino...
...e poi che ceppa ci sarà da festeggiare dico io!!!

fabio martello Commentatore certificato 19.02.10 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Avete notato che il video è un'altro di quelli con la disattivazzione dei commenti?
Evviva la democrazia di Assolombarda!

Claudio Basso 19.02.10 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che sia ormai anacronistico parlare di "made in...". In un mondo globalizzato è ovvio che i paesi con più risorse umane (Cina, India, Stati Uniti, Russia, Brasile) sono quelli che emergeranno e che finiranno per produrre qualsiasi cosa. Perchè credete che abbiano fatto l'Unione Europea? Se ci va bene, forse, un domani, potremo accontentarci di un bollino made in Europe.

Paky M. 19.02.10 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi il problema non è tanto il bacio Perugina a S.Valentino ma l'incapacità del nostro sistema industriale di essere competitivo anche per prodotti così semplici..riflettiamoci!

Ah, comunque, se mi date del tredicenne ci siete quasi andati vicini: siamo insieme da tredici anni e ci vogliamo ancora più bene di quando eravamo ragazzini...

Dario Crocetta 19.02.10 09:18| 
 |
Rispondi al commento

ma visto che ha due lauree deve avere lavoro per forza?
inveche chi non è laureato può pure essere disoccupato?

mah sta gente non la capisco

enrico chiesa 19.02.10 09:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

trentanni due lauree e continuate a regalarvi tazzette e baci come tredicenni in calore...
ma andate ad Amici o al Grande Fratello: è quello il target
;-)

Godelpas Giuseppe 19.02.10 07:22| 
 |
Rispondi al commento

31 anni, due lauree in Scienze Ambientali con 110 e Lode, niente lavoro e butta i soldi in quell'inno al consumismo di S. Valentino?
ok l'italietta ma certe incazzature si possono evitare..

Lorenzo M. 19.02.10 02:25| 
 |
Rispondi al commento

Provate ilsito www.taobao.com, l'eBay cinese.
Inserite il nome/il codice di un qualunque prodotto e vedrete che e' fatto in Cina...
Ragazzi.... svegliaaaaaaaaaaaaaaa.... TUTTO e' fatto in Cina. 30 anni fa era Made in Japan, 20 anni fa Made in Tawian/Korea, da 10 anni fa ad oggi Made in China. Ci svegliamo solo ora ????
Bisognava pensarci 30 anni fa, ora e' tardi...
PS: vivo in Cina e vedo con i miei occhi quello che sta accadendo qua!

Roberto Colombo 19.02.10 00:57| 
 |
Rispondi al commento

E aspetta che la Cina inizi a produrre macchine su
larga scala.
Sai che pacchia per la Fiat e per l'ambiente???

basilio grabotti 19.02.10 00:46| 
 |
Rispondi al commento

Il punto non è quanto forte o debole possa essere un'economia, quanto bisogno possa avere di essere aiutata o rilanciata. Con la manodopera cinese non esiste una competizione, non costa niente. Finchè non si inseriranno de blocchi alle aziende per vie legali, gli imprenditori sceglieranno sempre la via del maggior lucro. Sono imprenditori.
Se una azienda italiana e vuoi produrre il Cina? Ok. Fallo. Ma poi qui in Italia non vendi.


solo per cio' che romiti ha rovinato in fiat andrebbe zittito a suon di sberle . ora , ottuagenario piu' che mai viene a parlare di cosa ? ad insegnare cosa????

ma andate a....

Marco ., torino Commentatore certificato 18.02.10 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Non vi preoccupate fra un po i cinesi acquisteranno l'italia intera per quattro soldi e rilanceranno il made in Italy.

sergio l., fabriano Commentatore certificato 18.02.10 23:04| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
LA FIAT NON E' ITALIANA,LA LANCIA E L'ALFA NON E' ITALIANA(LE FERRARI SONO PACCHIANE E LE LAMBORGHINI SONO TEDESCHE), E ADESSO PURE LA PERUGINA,IL MADE IN ITALY HA FATTO LA FINE DEL DODO,SI E' ESTINTA.....
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 18.02.10 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Ma quello e' cio' che ha fatto di FIAT LANCIA un CESSO?

elia rizzuti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.02.10 22:39| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori