Il Dodo e il Made in Italy

Il Dodo e il Made in Italy, di Benetazzo
(08:17)
benetazzo_2.jpg

Il termine "Made in Italy", come dice Eugenio Benetazzo, dovrebbe essere cambiato in "Designed in Italy". La confezione di molti prodotti rimane italiana, ma il contenuto è cinese, romeno, polacco, brasiliano. II nostri governi hanno incoraggiato per anni le imprese a spostare la produzione all'estero. Gli imprenditori non ci hanno pensato due volte: possono continuare a sfruttare il marchio mentre diminuiscono il costo della mano d'opera. Il prezzo del prodotto non cambia, il lavoratore italiano è licenziato e l'imprenditore aumenta i suoi guadagni. Belin, che affare.

Testo intervento Eugenio Benetazzo.

"Un saluto a tutti i lettori del blog. Parlerò della cosiddetta teoria economica del Dodo, cos’è il Dodo? E' stato un simpatico pennuto colombiforme, alto grosso modo 50/60 centimetri, inetto al volo, vissuto durante fino al XVII secolo nell’isola delle Mauritius, è stato un ispiratore da parte di molti personaggi di lungometraggi animati e anche delle storie del fumetto della Walt Disney a cominciare da Alice nel paese delle meraviglie, a finire a Spennacchiotto, il famoso scienziato che faceva concorrenza a Archimede e aiutava la Banda Bassotti a derubare zio Paperone.
Perché parlo con l’imperfetto? Perché il Dodo non esiste ma esisteva? Perché il Dodo si è estinto, sembra nel 1681, anno nel quale si è verificato l’ultimo suo avvistamento e perché si è estinto il Dodo? Si è estinto a seguito dell’arrivo dei coloni portoghesi o olandesi nell’isola che introdussero nella fauna, specie antagoniste, come cani, gatti, conigli, suini che diventarono voracissimi delle uova del Dodo, quest’ultimo nidificava a terra, solitamente un uovo per esemplare e nel giro di 50 anni, si estinse perché le autorità di allora non pensarono, non concepirono il pericolo per questo simpatico bipede dell’ingresso di specie non autoctone. Il Dodo non aveva mai incontrato nell’isola specie che potessero creargli difficoltà o con il quale si potesse scontrare. Dodo ha questo nome in quanto gli è stato affibbiato dai portoghesi, questi ultimi utilizzarono un aggettivo nella loro lingua "Doudo" che significa ingenuo, perché i portoghesi che arrivarono all’isola e videro questo simpatico animale che si avvicinava a loro senza ostentare nella maniera più assoluta alcuna remora o peggio ancora nel restare a guardare che la sua stessa prole e le sue stesse nuova venissero fatte oggetto di preda. Ingenuamente il Dodo si è lasciato portare all’estinzione.
Cosa c’entra la teoria economica del Dodo con l’economia? C’entra e come, quello che è accaduto al Dodo, ahimè tristemente sta accadendo anche al Made in Italy. Pensiamoci un attimo, cosa sarebbe in termini di appeal turistico per l’isola delle Mauritius oggi la presenza del Dodo, un animale che esiste solamente lì, un po’ come il canguro per l’Australia e pariteticamente oggi noi abbiamo, che per il nostro Paese una straordinaria risorsa è un Made in Italy che esiste solamente qui, ancora per poco, visto che non abbiamo tanto da destra, tanto da sinistra, passando per il centro, una forza politica che si faccia portavoce di ideali di tutela, protezione e garanzia nei confronti di tutte quelle che oggi giorno sono le potenzialità inespresse del Paese. Il Made in Italy che ormai non vuol dire più nulla perché si fa il possibile per trasformare, per tentare di ricreare un prodotto rendendolo Made in Italy, ci sono fior di attività di manifattura in cui il grosso della produzione viene esternalizzato all’estero e poi per esempio per le scarpe, basta reimportare la suola, la tomaia e la calzatura, applicare l’etichetta in Italia e quello grazie a leggi che sono completamente scellerate, diventa un prodotto Made in Italy, quest’ultimo ha perso completamente il suo significato originario, oggi ha più senso chiamarlo Designed in Italy che è quello che sta accadendo, qui in Italia viene mantenuta l’attività di concezione del prodotto e poi la materializzazione, la produzione e il confezionamento viene realizzata altrove a miglia e miglia di distanza.
Quello che dovrebbe essere comprensibile da tutti è il fatto che in Italia i cosiddetti distretti industriali che sono la culla del Made in Italy stanno letteralmente venendo svenduti da chi ci sta governando, da chi ci ha governato prima. Non c’è una politica industriale volta alla protezione di queste che sono le nostre originalità e a distanza di quattro secoli, scopriamo che in Italia il pensiero del Dodo vive, vive negli italiani che ingenuamente lasciano e guardano che la loro originalità venga distrutta e portata all’estinzione.
In qualsiasi Paese del mondo andate, il marchio Made in Italy o se non altro il poter osteggiare merci e prodotti che sono marchiati con questa peculiare distinzione, è un vanto per chiunque li possa comprare o per chiunque li possa indossare. Rimango sbigottito e amareggiato per sentire come recentemente viene ostentata la fenomenale joint venture con il patrocinio con il Ministero dell’agricoltura in cui si permette a un’azienda, una corporation multinazionale come la Mc Donald’s, di unire i suoi prodotti a prodotti tipici locali del settore dell’industria agroalimentare italiana. Dal mio accento capite che sono di origine veneta e sono rimasto letteralmente angosciato nel vedere come esiste il "Mc Italy" , un hamburger in cui al posto della sottiletta di Emmental o di formaggio fuso americano c'è sottiletta di formaggio Asiago, come immagino molti di voi sanno, deriva dall’altopiano di Asiago in Provincia di Vicenza.
Manca nella maniera più assoluta al pari del Dodo, 4 o 5 secoli fa, la volontà in termini di governance politica di proteggere le risorse e le grandi opportunità che ha il nostro Paese, esclusivamente legate alla capacità di originare e creare prodotti che in nessun’altra parte del mondo esistono, noi italiani stiamo diventando una nuova razza di Dodi, di ingenui che accettiamo sommessamente questo destino che ci viene prospettato, è abbastanza ben definito ormai che c’è una volontà politica occulta, volta a una progressiva opera di deindustrializzazione del Paese e come dice Tito Boeri, da qui a 5, 6 anni avremo una perdita di potenziale manifatturiero tra il 40 e il 50%, significa milioni e milioni di posti di lavoro che in Italia non potranno più essere sostituiti! Auguro a tutti quanti che possa emergere e auguro anche a me stesso, dal basso, nei prossimi anni, una qualche forza, un qualche movimento popolare che si faccia forte nel difendere e soprattutto nel garantire la tutela di quella che è la grande risorsa che ha il Paese, che ha ancora forse per poco, da una parte il Made in Italy e dall’altra i distretti industriali che fino a un decennio fa, sono stati il vanto della intera industria in tutto il mondo! Grazie a tutti, buon proseguimento e ci vediamo la settimana prossima!".

***** IMPORTANTE LISTE CIVICHE COMUNALI *****
Per candidarsi alle elezioni comunali è necessario seguire la procedura indicata nel sito "Liste Civiche 5 Stelle" e contattare lo staff. Non esistono altre procedure, né intermediari. Ognuno conta uno. Non è possibile utilizzare il logo del MoVimento e il nome di beppegrillo.it senza prima aver ricevuto l'autorizzazione. Coloro che vogliono candidarsi inviino al più presto la documentazione. Nel frattempo non sono autorizzati a produrre alcun tipo di materiale (video, manifesti, ecc.) con i loghi del MoVimento.
******************************************************************

 Iscriviti al MoVimento 5 Stelle
Nome: Cognome:

Copia il codice HTML e incollalo nel tuo sito web
E' disponibile DemoCRAZYa2009, diario politico di un anno italiano, di Marco Travaglio. Acquista la tua copia.

lasettimanabanner.jpg

Postato il 12 Febbraio 2010 alle 16:06 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (733) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: Asiago, Chaos economy, Dodo, Eugenio Benetazzo, Mac Donald's, Made in Italy, Mc Italy, Tito Boeri

Commenti piu' votati


beh, ma adesso basta per davvero

allora
qui abbiamo un vecchio porco puttaniere e pedofilo,sputtanato come tale pubblicamente e ufficialmente dalla moglie
compare di un magnaccia spacciatore di cocaina
condannato per spergiuro sulla sua appartenenza alla società segreta massonica P2 golpista e criminale
illegittimamente eletto in parlamento e portatore di un conflitto istituzionale di interessi
ipergalattico
dichiarato colpevole di corruzione di giudici e testimoni nei tribunali della repubblica
italiana
che ha oltraggiato a più riprese cittadini e popolo sovrano, presidenze della repubblica , costituzione e corte costituzionale e magistratura
indagato e imputato per una serie infinita di delitti, fra cui concorso mafioso in assassini
di giudici e stragi
che si è sottratto a processi e sentenze con altri reati di abuso d'ufficio e leggi ad bestiam
che ha ridotto il parlamento ad una cloaca di delinquenti,servi e maiali non eletti dai
cittadini
che ha trascinato l'Italia in guerre criminali
che ha instaurato la censura e messo in piedi un sistema di spionaggio e di ricatti
che ha sdoganato e portato al governo fascisti e leghisti nemici della nazione
che nomina zoccole ministri della repubblica
che ha ospitato in casa narcotrafficanti e latitanti, e proclamato eroe un pluriomicida

uno zoticone, cialtrone, ignorante , un buffone barzellettiere, che ha appestato i costumi
e le coscienze con le tonnellate di merda sparse quotidianamente dalle sue pornotv infami
una nanocaccola convinta di essere un gran fico,etc etc etc............

il quale
a fronte del tanfo esalante dallo scoperchiamento dell'ultimo tombino della sua rete
fognaria ad opera di integerrimi magistrati ,dichiara che quegli stessi giudici, i nostri
giudici si devono vergognare.

Bene.

Italianiiii!!!

O si 'fa' qualcosa.
Oppure se continuiamo con le analisi, gli scoop e le battutine sprofondiamo nel ridicolo.
La barzelletta siamo noi.

Meglio chiuderlo sto blog.
Ce famo più bella figura.

partito d'azione 12.02.10 21:32| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 66)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi ho visto Sandro, un mio ex compagno di scuola, fino allo scorso anno lavorava per la OMSA di Faenza, quella che fa (faceva) le tanto belle calze Golden Lady. Era li, 52 anni, stava sotto al portico seduto con un cappello davanti alle ginocchia e una chitarra in braccio. "Cha ca**o fai li, cos'è una candid camera?" gli ho detto. Purtroppo non scherzava, stava chiedendo l'elemosina veramente e risparmio a chi legge quello che mi ha detto. Gli ho dato 20 euro, non si è vergognato e mi ha ringraziato eppure sono io che mi sento una merda.
Quanta gente c'è come Sandro, e quanti che stanno anche peggio nel paese dove governa il partito dell'amore?

Gianluigi M. Commentatore certificato 12.02.10 19:03| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 47)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti. Sono gli unici giorni in cui posso uscire di casa piangendo senza farlo capire a chi mi sta vicino.

Un padre.

Andrea Viperdi Commentatore certificato 12.02.10 18:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 43)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL DODO E IL MADE IN ITALY.

Bentornato sul blog Benetazzo,

mi trovi perfettamente d'accordo per ciò che riguarda il made in Italy.

Citi le calzature,qui posso confermare ciò che dici,in quanto la manifattura viene realizzata all'estero(taglio e orlatura)e l'assemblaggio(a volte)finito in Italia.

Per cui abbiamo un prodotto realizzato all'estero e montato in Italia.

I produttori dicono che altrimenti non sarebbero competitivi,ma in realtà le grandi aziende incrementano i guadagni.

Le piccole aziende italiane fanno i salti mortali per andare avanti,mentre i grandi conquistano fette di mercato sempre più grandi.

I primi sono stati i grandi marchi,proprio quelli che si elogiano per il made in Italy.

Naturalmente non è possibile fare concorrenza a chi ha un costo della mano d'opera da terzo mondo,per questo chi mantiene la produzione in casa non è competitivo,a meno che non lavori a nero!

E' chiaro che dobbiamo ringraziare la nostra classe politica che nulla ha fatto per tutelare i nostri prodotti e i nostri produttori locali,anzi hanno dato delle agevolazioni per delocalizzare.

A chi chiude in Italia come la Indesit per aprire in Polonia dovrebbe essere vietato vendere sul nostro territorio,così come agli altri!

Potremmo avere prodotti veramente Made in Italy e non dei surrogati,ma questo dipende dai nostri governati che anzichè aiutare le nostre aziende permettono questo scempio!

VIA L'IVA O DIMEZZATA SUI PRODOTTI LOCALI AUMENTATA PER LE PRODUZIONI EXTRA EUROPEE.

SPUTTANARE IL "TAROCCO"(Report docet)!

Molte volte il tarocco è come l'originale,indovinate perchè!

E per finire:

Mc Italy,il panino multinazionale farcito made in Italy!

GRAZIE MINISTRO DELL'AGRICOLTURA!

MANGIAMO MERDA TRICOLORE!!

PATROCINATEVI LI MORTACCI VOSTRA!!!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.


Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.10 16:53| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 37)
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA MADDALEMA

Lo sapevo.
Massimino D'Alema anticipò in giugno che dalla procura di Bari stava per partire una "bomba" d'inchiesta.
L'investigatrice Patrizia D'Addario, dipendente di una impresa di pulizie particolari, era il cavallo di ... legno per entrare nella città inespugnabile, le sue rivelazioni pruriginose sarebbero servite per scalzare il tiranno proseguendo sull'onda delle feste con minorenni alla Noemi.
E giù tutti a dare del pedofilo, del mostro, dello zozzo.
Avevano solo INNESCATO la bomba.
Altro che camere di consiglio.
Altro che corti d'assise.
Camere da letto e corti dù sise, dù tette, insomma.

Ciò che non potè la politica potè il gossip giudiziario?
Non si sa.
Si sa soltanto che aver svegliato il can che dorme, il proprietario di giornali e fotografi e agenzie e riviste patinate era l'ultimo da trascinare sul piano delle guerre a base di scandali da letto, invece di contrastarne il regime con azioni di concreta opposizione politica.

La reazione, a suo tempo, non si fece attendere.
Saltarono la rispettabilità di Boffo, direttore dell'Avvenire, quella di Marino, candidato outsider alla guida del PD, e poi toccò a Marrazzo.
Storie torbide, storie di alcove e meretrici, di tangentisti con mazzette in natura e politicanti da filmino amatoriale.
Ora un altro scandalo, di mezzo appalti, tangenti e massaggi.
Ci risiamo.
Attendiamo la reazione del tiranno per aver perso uno dei suoi uomini fidati, quel Bertolaso alla Guida della Protezione Civile che, in quanto direttore di un organo che agisce in situazione di emergenza, agisce in deroga alle vigenti leggi, strumento perfetto per usarlo per qualsiasi porcata.
Chissà, eravamo forse ad un passo dall'usare la Protezione Civile SpA per gestire i cantieri delle centrali nucleari prossime venture, e invece arriva lo stop dalla procura di Firenze.

Quanto durerà?

(continua nei sottocommenti)

Girasole di Giugno 12.02.10 17:16| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 31)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'imprenditore anemone si rifiuta di rispondere al giudice.
Ad un povero cristo l'avrebbero preso a calci in bocca per farlo parlare, sta merda invece può permettersi di rifiutarsi di rispondere e se solo lo guardi storto arrivano frotte di garantisti del cazzo a difenderlo a dare addosso al giudice.
Perchè non esiste la legge che se non parli il giudice da per scontato che hai commesso il reato di cui sei accusato e ti commina il massimo della pena prevista più le aggravanti con rito immediato?
Cosi a chi si "avvale della facoltà di non rispondere" lo stato si avvale della facoltà di spaccargli il culo a vita.

pasquale r., napoli Commentatore certificato 12.02.10 19:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 30)
 |
Rispondi al commento

"Loro" in pensione dopo due di seghe e marchette politiche; froci e puttane; privilegi e cocaina; aragoste e spigole; champagne e pasticcini, mentre io-incensurato-che ho osservato le leggi, pagato le tasse, spaccato la schiena, educato all'osservanza delle leggi i miei figli devo andare in pensione a 90 anni.
Ma quand'è che potro' VIVERE, essere padrone del mio tempo, della mia VITA? E perchè devono essere questi luridi politici mafiosi e sindacati confederati corrotti a decidere per me?

BASTARDI, MILLE VOLTE BASTARDI!!!

renzo coscia 12.02.10 19:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 21)
 |
Rispondi al commento

Sono ingegnere progettista e vedo come ormai noi italiani possiamo essere "vincenti" solo con le idee e la qualità.
Quanto riportato in questo post lo penso e lo ripeto ai miei conoscenti da anni.
Ho dei bimbi piccoli che dagli zii e conoscenti vengono sommersi da giocattoli praticamente tutti made in prc. Giocattoli apparentemente belli e tutto sommato poco costosi.
Ebbene: questi giocattoli, e parlo in particolare di automobiline e oggetti realizzati con plastica, si rompono subito. Ad esempio: un trattorino con il rimorchio? Subito si rompe il gancio perchè di sezione troppo piccola e di plastica troppo fragile. Quali i problemi: frammenti pericolosi se ingurgitati; mortificazione mia per un giocattolo donato che subito è messo da parte non mantenendo il ricordo del donante; rifiuti a iosa.
Io la mia piccola lotta l'ho cominciata: cerco solo giochi made in europe sperando che ciò sia vero, però ci provo, e boicotto tutto quanto è made in "east" (Cina, Taiwan, India etc) anche per cercare di non essere complice di sfruttamenti vari.
Ora chiedo a Beppe e a Chaos Economy: perchè non cominciamo a mettere in rete un data base dei prodotti realmente made in Italy o al più in paesi dove almeno il lavoro è tutelato e non fatto da "Italiani all'estero"?

Cordialmente

Alessandro G.

Alessandro Gianoncelli, Brescia 12.02.10 19:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento

Notizie ultimi giorni:

- Indagato Bertolaso ed altri 3 arrestati e già in carcere.
- Arrestato Milko Pennisi presidente della commissione urbanistica e consigliere comunale a Milano del pdl , incastrato addirittura mentre prendeva una tangente di 5000 € nascoste tra le sigarette.
- Il presidente della Provincia di Vercelli, Renzo Masoero (Pdl), è stato arrestato da personale della polizia giudiziaria della Procura di Vercelli. L'accusa è di concussione. Masoero, che è anche sindaco di Livorno Ferraris (Vercelli), è stato successivamente messo agli arresti domiciliari.
Molti si stanno facendo beccare, abbandonando ormai ogni forma di precauzione per la foga di arraffare quello che possono prima del fallimento ormai imminente dello stato.
La situazione sta precipitando ormai.
Pensate a tutti quelli che non vengono scoperti.
Pensati a tutti i soldi che vengono buttati che provengono dalle tasse degli italiani.
Pensate ai soldi stanziati per le gradi opere: Ponte sullo stretto, Tav.
Pensate ai soldi stanziati per individuare i siti dove costruiranno le centrali nucleari.
Pensate ai soldi che serviranno per costruirle, alle tangenti che serviranno, a chi vincerà gli appalti ed in che modo.
Pensate che questi soldi sono stati tolti alla ricerca.
Pensate a dove metteranno le scorie.
Pensate che hanno fatto un referendum ed il popolo ha detto no.
Pensate alle loro accuse di delegittimazione .
Pensate che se passano su un referendum delegittimano il popolo.
Pensate a dove andrà a finire al situazione economica di questo paese tra poco.
Pensate al vostro futuro, e se siete già rassegnati pensate a quello dei vostri figli.
Lo stato è alla deriva. Noi siamo lo stato, noi siamo alla deriva.
I piloti forse sono già sugli elicotteri.

Andrea Viperdi Commentatore certificato 12.02.10 17:46| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 18)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avere un capo del governo che va in Albania e chiede di farsi fotografare con le giornaliste è contrario alla dignità nazionale, disprezzo del suo ruolo, andrebbe denunciato per attentato alla Costituzione ed espulso dal paese, saremmo più puliti.

cesare beccaria Commentatore certificato 12.02.10 18:15| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 15)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono una acquirente
E sono 4 anni che non compro vestiti
-Non esiste più la mia taglia
-Ogni taglia è rimpicciolita di una o due taglie rispetto a quello che indica
-Spesso la taglia è unica, a volte anche unisex
-peccato che quella taglia corrisponda a una bambina dodicenne anoressica
-o scopra la pancia
-o abbia la minigonna o altre fesserie del genere
-Espongono solo cose nere, viola o grigio scuro
-E sono 4 anni che si va avanto così, orribili cose da vecchie in lutto
-Dunque cose da dodicenni anoressiche vestite da vecchia in lutto
-Non esistono modelli, non esiste moda, né cambio di moda, né linea Italia
-Se chiedi un pullover elegante ti presentano una felpa con la lampo
-Se chiedi un cappotto elegante ti presentano un piumino
-E ambedue hanno la marca stampa sul davanti
-Tutte queste orrende cose sono uguali, non c'è possibilità di scelta
-Guardare la gente in strada è come vedere l'uscita da un funerale. Un lungo corteo di gente
in nero, viola, grigio scuro. Ti viene tristezza solo a guardarla
-Ci sono negozi che espongono esclusivamente roba nera. Sembriamo un paese in lutto permanente
-Se chiedi un golf di colore chiaro non esiste e sono 4 anni che non esiste
-Se chiedi un golf coi bottoni ti dicono che ci sono solo le cerniere, e quando mai una cerniera è stata elegante?
-I tessuti sono orrendi, grinzosi, in una parola 'cinesi'
-Che si vada su una bancarella o in un negozio, gli indumenti sembrano sempre made in China e forse lo sono
-Come li lavi si sciolgono le cuciture e li butti
-A volte addirittura ti fanmo allergia perché i coloranti sono da galera
-Se avessi soldi, non comprerei nemmeno roba firmata, perché è fatta con lavoro nero gestito dalla mafia ed è scadente nelle finiture esattamente come la roba made in China

Che qualcuno si preoccupi per la caduta dell'abbigliamento o del tessile italiano mi fa piacere
Io sono una che da 4 anni non compra un vestito
perché quel che c'è fa schifo
Regolatevi!

viviana v., Bologna Commentatore certificato 12.02.10 19:35| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo scusa per il fuori tema. Il Parlamento italiano è diventata la legione straniera: ogni malfattore viene accolto a braccia aperte da un moderno Nerone e da una corte di scimmie ammaestrate. Nessuno si oppone, nessuno presta soccorso a questo povero Paese dissanguato, ferito a morte. Ci vorrebbe una voce autorevole, ci vorrebbe un PRESIDENTE come PERTINI! Lo sentiremmo urlare, urlare a squarciagola che è stato un partigiano, che è stato in galera per difendere la legalità e che nessuno può permettersi di violarla. impugnerebbe un bastone e li farebbe rotolare per le vie di Roma.
Purtroppo Pertini è morto e l'Italia lo segue a ruota.
SIGNOR PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DICA UNA PAROLA! UNA PAROLA SOLA E L'ITALIA SI SOLLEVERA' DI NUOVO!

Maria Pia Caporuscio, Roma Commentatore certificato 12.02.10 18:24| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE volete realmente informarvi su B.e i suoi amici di Sicilia(non gli agrumi eh!),sul Gen.Mori e il suo processo a Milano di cui nessuno parla INTERVENITE AD UNA SERATA CON GIOACCHINO GENCHI!

Ve le spiega lui le cose come stanno!

LUI ha intercettato B.dal 1980!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
LUI ha intercettato Di Pietro per ben 5 anni!(DICENDO CHE NON HA MAI COMMESSO IRREGOLARITA')
LUI ha intercettato il Gen.Mori per tutti i reati per i quali e' sotto processo(compreso quello di Milano per spaccio di droga!)

CIANCIMINO STA DICENDO LA PURA VERITA',E CIOE' STA PARLANDO DEI RAPPORTI FORZA ITALIA-MAFIA GIA' APPURATI DALLE INTERCETTAZIONI DI GENCHI MOLTIE MOLTI ANNI FA'!

Altro che congiure della magistratura!

SVEGLIA GENTE!
Ciancimino Jr. dice la verita'.C'e' chi lo sa da anni!

ASCOLTATE GIOACCHINO GENCHI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

sandro m., san vincenzo (li) Commentatore certificato 13.02.10 11:26| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

''Non voglio che gli albanesi muoiano, non voglio che i criminali arrivino in Italia'', ha detto Berisha. Berlusconi ha ironizzato ''per chi porta le belle ragazze possiamo fare un'eccezione''.

------------------

Si vede che Berlusconi non si è accorto che le strade italiane sono piene di prostitute albanesi.
Infatti lui la schiena se la fa massaggiare da prostitute italiane doc.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.10 19:03| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia è nelle mani di papponi e puttanieri, mafiosi, piduisti e terroristi, pregiudicati e banditi, corrotti, spioni, fascisti e razzisti.

La cosa surreale è che gli aggettivi che ho usato non sono un'esagerazione, ma collimano perfettamente con la realtà, una realtà immersa in una indifferenza sconcertante... Il papa lo sa?

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.10 20:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento

LA GENTE PERDE IL LAVORO, I PIÙ DEBOLI SI SUICIDANO E IL CAPRONE CORNUTO CONTINUA A RACCONTARE BARZELLETTE IN TELEVISIONE!
LE CASE IN ABRUZZO STAVANO SEPPELLENDO CENTINAIA DI SFORTUNATI, LA GENTE PIANGEVA DISPERATA, E ALCUNI PENSANDO AL GRANDE AFFARE (mica abbiamo un terremoto al giorno) RIDEVANO NEL LETTO ALLE TRE DELLA NOTTE!
MALEDETTI! MALEDETTI! MALEDETTI!

giuseppe o., napoli Commentatore certificato 13.02.10 11:38| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il made in italy cosa!!!!! quattro cazzate fatte da stilisti effeminati, due prosciutti, tortellini del rompicazzo Rana, una ferrari di merda disegnata con l'aiuto di desiner inglesi? forse ci siamo troppo sopravalutati negli anni passati, dieci stilisti ( di cui la maggior parte con i conti in rosso)non fanno la ricchezza di una nazione, infatti quando vogliamo qualche macchinario di qualità scegliamo tedesco, giapponese ecc. la verità è che lavoriamo male, facevamo le piastrelle più belle del mondo ed i spagnoli ci hanno rotto il culo, abbiamo inventato la pizza e la più famosa catena di pizzeria è americana ecc. ecc. noi nel mondo siamo famosi solo per mafia e mandorlino (adesso anche per quel cerebroleso del nano), quindi era inevitabile che finissimo con le mutande in mano, hanno votato il nano ed ora si incazzano perchè la fiat và via dalla sicilia? la fiat non doveva nemmeno andarci là, abbiamo pagato le macchine di più per la volontà statale di mantenere il lavoro in meridione, adesso fanno i capitalisti vanno dove conviene, volevamo il capitalismo no???? bene il capitalista non fà opere di bene (mai visto) se è conveniente resta se non è conveniente delocalizza, anche l'ENEL ieri ha staccato la luce a un bambino che aveva bisogno del respiratore automatico per vivere causa una bolletta di 200 merdosi euri, quindi i capitalisti vivono per il denaro e basta, anche noi, se ci conviene compriamo cinese, se invece siamo ricchi compriamo capi "italiani" (sempre fatti da laboratori cinesi autorizzati) o francese ecc.

massimo p., Savona Commentatore certificato 12.02.10 20:27| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

***** HAARP MANIPOLAZIONE CLIMA *****
Uno strano vortice sul polo nord sta gelando l'europa e Italia compresa!!
Ma su via,e ditelo facce di culo di climatologi del c...o!!Perche' nasconderlo ancora.Anche il mio cane lo sa oramai che il clima e' manipolato dai bei trasmettitori a onde ultralunghe e microonde con le belle antennine posizionate proprio al polo!!
ITALIANI!!DORMITE SEMPRE MI RACCOMANDO.

Roberto colla 12.02.10 22:00| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

gli italiani hanno insegnato a tutto il mondo
a costruire le macchine automatiche
nella meccanica eravamo imbattibili
quando era prevalente l'apporto del genio umano
poi sono arrivati i calcolatori
e la scuola (i governi) non ha capito che occorreva
investirci sopra tutte le risorse del paese
e così sono cresciuti più di noi
tutti quei paesi che hanno capito da dove
nasce la ricchezza di un paese...
.

cimbro mancino Commentatore certificato 12.02.10 21:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I prossimi dipendenti che andranno sui tetti a protestare saranno i dipendenti di POSTE, COMUNI E BANCHE,
che pensano di vivere in un'oasi felice.
Questi dipendenti statali o bancari pensano che a loro il licenziamento non possa mai toccare. La realtà é che il licenziamento potrebbe avvenire anche per i dipendenti statali, eccome se potrebbe avvenire. Anche perché i soldi dello Stato stanno finendo .... o meglio sono già finiti! Lo Stato sta andando avanti grazie alla stampa di soldi creati dal nulla!
Potrebbero essere licenziati tanti dipendenti di moltissimi comuni e altri enti e banche perché il loro lavoro può essere tranquillamente sostituito dalla teconologia (ad esempio la carta d'identità si potrebbe chiederla anche telematicamente; oppure per fare un bonifico un cliente può usare il telefono o internet).
Tutta questa serie di lavori dei vari dipendenti ha dei costi esorbitanti che possono essere abbassati, eccome se lo possono essere (tra l'altro gli stipendi di questi dipendenti vengono pagati dalla collettività tramite maggiori tasse ed imposte).

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/


P.S. E sempre, FORZA IL BENETAZZO!

Marco Calì (http://sapienza-finanziaria.blogspot.com), Monselice (PD) Commentatore certificato 12.02.10 16:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

http://www.corriere.it/cronache/10_febbraio_12/capezzone-condanna-cassazione_e027da7c-17df-11df-b8a8-00144f02aabe.shtml

NEL CASO DELL'OMICIDIO DI MARTA RUSSA
Condanna definitiva per Capezzone, paragonò pm a «teppisti»
Le dichiarazioni risalgono al 2002, quando l'attuale portavoce del Pdl era il segretario dei radicali

ROMA - La Cassazione ha condannato in via definitiva Daniele Capezzone, portavoce del Pdl, per aver «rilasciato dichiarazioni lesive dell'onore e della reputazione» del pm di Roma Carlo Lasperanza, titolare delle indagini sull'omicidio di Marta Russo, la giovane uccisa il 9 maggio 1997 da un colpo di carabina mentre transitava in un cortile dell'università a Roma. Capezzone, all'epoca segretario dei radicali, in una dichiarazione rilasciata a un'agenzia di stampa il 30 novembre 2002, giorno della sentenza di secondo grado di condanna degli imputati, parlò di «comportamenti letteralmente teppistici di alcuni magistrati» e di «testimoni minacciati».

RICORSO NON ACCOLTO - Capezzone venne condannato in appello a Perugia l'11 novembre 2008. Secondo i giudici d'appello, il comportamento processuale del magistrato «era passato indenne» al vaglio sia dei giudici del processo, sia del «giudice penale al quale era stata devoluta la denuncia sui presunti abusi del magistrato, sia dell'organo di autocontrollo della magistratura». Capezzone si era porò rivolto alla Cassazione rilevando che la sua era stata «una legittima critica al difetto di garantismo emerso dalle indagini», ma la Suprema Corta non ha accolto il suo ricorso, affermando inoltre che . «L'espressione riferita al magistrato ha prodotto un effetto devastante poiché associa l'attività del pubblico ministero ai comportamenti delinquenziali dei teppisti che si sottraggono a qualsiasi controllo sociale».
---------------------------------
Inserite pure questo altro bell'elemento tra i condannati in via definitiva che indegnamente sono nelle ns istituzioni


“Sciacalli”, dice il sindaco de L’Aquila.

I due costruttori che nella notte del terremoto esultano (“È un’occasione da non perdere”) danno davvero un’immagine rivoltante dello scandalo Protezione civile.

Berlusconi dice che “i pm devono vergognarsi”.

No, è lui che deve provare vergogna.

(ilFQ)

cettina d., isola Commentatore certificato 12.02.10 18:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

teoricamente...ma molto teoricamente....

il Popolo dei Lavoratori Italiani,con un reddito reale netto, dai 1.000 ai 2.000 euro al mese,di tutte le categorie, comprese le piccole partita Iva.....

dovrebbe Votare, alle prossime Regionali e successivamnete alle Politiche...

Sinistra e Liberta' di Vendola...
Rifondazione di Ferrero...

Movimento di Liberazione Nazionale di Grillo/Alfano...

Italia dei valori di Di Pietro/De Magistris..

per poi fare una grande-coalizione, con il PD di Marino-Bindi-Serracchiani-Concia-Franceschini...


una riedizione dell'Ulivo,con Valori condivisi e senza pregiudiziali Ideologie...

come ho gia scritto qualche tempo fa'...

un Ulivo,senza Mastella e Dini...con in piu', il Nostro MLN....


p.s

attualmente....

PDL al 38%...
Lega al 10%...
UDC al7%

staremo a vedere, questo tanto decantato Popolo sofferente,chi cazzo votera'..

ENZO D., BARI Commentatore certificato 12.02.10 18:41| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

---
-4,9% del Pil nel 2009. RECORD STORICO ASSOLUTO!!!
---

IL TG2 QUALCHE GIORNO FA STAVA PER ANTICIPARNE LA NOTIZIA! PECCATO CHE QUALCUNO DIETRO LA TELECAMERA GLI ABBIA INTIMATO DI PASSARE AD ALTRO!

Leggete e guardate il video

http://www.sconfini.eu/Economia/pil-2009-49-in-italia-e-il-tg2-censura-la-notizia.html

Luca Farisi Commentatore certificato 12.02.10 16:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Il made in italy da salvare qual'è.
Quello prodotto in campania in nero sottocosto a favore di organizzazioni malavitose?
O quello dell'ortofrutta e mozzarelle, sempre campane, concimate con tutti i rifiuti tossici del nord?
O anche certo artigianato mobiliero prodotto con legno proveniente da deforestazioni coatte nelle ex "repubbliche" sovietiche?
Oppure quello delle tonn. di cocaina, eroina, e droghe varie prodotte un po ovunque nella penisola? Di sicuro il made in italy è famoso certo.
WILMADEINITALY YYYYAAAAAOOOOOOHHH!!!!!?

sandro c., altrove Commentatore certificato 12.02.10 17:20| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

schifosissimo OT autopromozionale:

Ricordo, nonostante i decenni passati, quando andavo a scuola alle elementari.

Eravamo alla fine dell'anno scolastico, e si avvicinava il terribile esame per l'ammissione alle medie.

Un giorno il mio Maestro (con ma emme maiuscola, perchè una volta il rispetto per gli insegnati era secondo solo a quello per i genitori), tanto per "distrarci" un poco dalla grammatica, ci dà un tema da svolgere in classe (mica a casa, con internet, la stampante ed il correttore "di asinate").

Descrivi con parole tue l'anno che è passato.

Ora mi voglio "ringiovanire" ed immagino di svolgerlo oggi!
(ci schiaffo qualche errore, licenza "poetica")
(e prima che lo pensiate voi lo dico io: è una scusa nel caso li faccia veramente)

Svolgimento:
l'anno che è passato è stato un bell'anno.
divertente e spensierato, almeno quasi tutto.

partiamo da gennaio:
il nostro predidente del Consiglio si fà fotografare con l'amata famiglia per dimostrare che l'amore familiare è alla base della nostra Repubblica, il fatto che non possa essere processato per una qualche immunità fà solo da contorno, e tra l'altro mi pare che abbia la faccia più bella (mio papà, il solito comunista, dice che si è fatto un lifting)

febbraio:sembra che un avvocato inglese sia stato condannato per aver preso dei soldi, mi dicono che si chiama tangenziale o tangente, per dire la falsa verità sul nostro amato presidente Berlusconi.
Non ci credo, perchè se fosse vero sarebbe stato "ingabbiato" anche il Cavaliere!

"il resto sul mio blogghetto!"


Du' palle co 'sta storia dei palazzinari che festeggiano er terremoto... da che mondo è mondo è stato sempre così: sulle disgrazie dell'altri se magna bene... 'a tragedia attuale è che chissà quanti poveri muratori disgraziati hanno visto come 'na manna dar cielo sto terremoto...

Era nano c'ha fatto campagna elettorale e ancora la fa, tutti i giorni e tutti i momenti.

I sardi hanno peferito sfanculà Soru perché nun solo c'avevano creduto ar nano a ai Briatore, ma pure i poveracci speravano da magnà cor G8.

Bertolaso e famiglia c'hanno 'na miriade de società off shore, l'ultimi anni n'hanno aperte e chiuse 'na cariolata... ma i soldi do' so finiti?
E i soci palazzinari? Ma pe' i mondiali di nuoto nun erano già uscite un sacco de fregnacce? Ah... Alemanno,er sindaco der cambiamento...

Er quibus sta tutto qui... so' cambiati i tempi, se er dipendente se preoccupa da salute der padrone nun c'è speranza, se crea 'na santa alleanza che trascina tutti 'na merda.

Beh? Che c'è da ride, è 'na novita?

Hasta zozzoni... sordi, è sempre troppo tardi.

Giorgio Sodo (sodogiorgio), Roma Commentatore certificato 13.02.10 00:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Pur accettando che le politiche interne riguardanti privatizzazioni,infrastrutture,modernizzazioni etc..abbiano creato enormi differenze fra i vari paesi,le aziende non riescono a difendersi perchè all'interno di un capitalismo finaziario liberista imposto da organi sovranazionali (wto etc.)ed in cui le decisioni dei governi locali sono poco più che ordinaria burocrazia.
Nel mondo abbiamo risorse e mezzi tecnici che utilizzati all'interno di un socialismo libertario garantirebbero benessere e ricchezza per l'intera umanità.
Ma abbiamo assistito solo a dinamiche di impoverimento,riduzione di diritti fondamentali ed imbarbarimento sociale.

Non è solo una crisi finanziaria questa ma di valori morali ed etici anche di chi ha assorbito e fatto propri gli egoismi e le ipocrisie della classe dominante facendo mancare forza ad una vera sinistra che fosse vera opposizione al partito "unico" dei banchieri.

filippo l. Commentatore certificato 12.02.10 20:42| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori