Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Italiani in estinzione


Della_Valle_e_la_Cina.jpg
L'italiano è una razza in estinzione, alcuni cominciano a dubitare che sia mai esistito.
"Nel centro di Roma la meravigliosa pizza italiana di regola è prodotta in locali acquistati da cinesi ed affittati ad indiani; viene cucinata da cuochi marocchini, con farina dall'Ucraina, lievito tedesco, pomodoro cinese, olio tunisino e formaggio dell'est Europa.Va aggiunto che è servita a clienti giapponesi in vacanza da camerieri albanesi. L'italiano al momento si vede solo la mattina, quando viene svuotato il cassonetto con i rifiuti del locale (lavoro precario ovviamente)". fabio martello

19 Feb 2010, 18:51 | Scrivi | Commenti (36) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

nel negozio http://www.bagnoitaliano.it trovi centinaia di modelli di rubinetti, colonne doccia, pannelli doccia

bagno italiano (bagnoitaliano), varese Commentatore certificato 20.05.10 01:35| 
 |
Rispondi al commento

@ Marco Nicola, apprezzo molto la tua saggia riflessione, e concordo sostanzialmente con ciò che hai detto.
Hai perfettamente colto il nocciolo della questione.
Riguardo alla globalizzaziione, una osservazione: tu dici che la colpa è della sua velocità.
Certamente la rapidità di questo mostruoso prodotto del capitalismo è una delle cause, e questo si riflette appunto in tale oceanica invasione (io mi rifiuto di chiamare immigrazione un fenomeno che ci sta distruggendo come popolo).
Ma io dico che E' LA GLOBALIZZAZIONE IN SE STESSA IL MALE, il mostro che sta producendo questa (tra le altre) catastrofe epocale!!! Non conta tanto se sia lenta o veloce. Anche io non ho nulla in contrario a che il pizzaiolo sia straniero, come concetto in sè, io non sono razzista appunto! Ma il problema, come anche tu hai notato, è la quantità!!!!!!!! La oceanica quantità di stranieri che si sta riversando da noi! La abnorme entità numerica del fenomeno!!! Se nel mare riversi una bottiglia di petrolio, resterà sempre mare. Se ci riversi una petroliera da milioni di tonnellate di greggio, diventerà una melma schifosa!!! Chiaro il paragone?! E' li il punto. Perchè se il pizzaiolo, il muratore, il contadino, l'artigiano, etc etc etc diventano man mano sempre più stranieri, E' LA POPOLAZIONE ITALIANA CHE DIVENTA STRANIERA, e dunque la constatazione da fare è una sola, che gli italiani si stanno estinguendo!!! E ti pare poco?! E dovremmo star qui come deficenti, come amebe, ad assistere a tutto ciò senza far nulla? Se questo accade è perchè siamo un popolo malato appunto, e la malattia ha un solo nome: sistema economico capitalistico, che questo ha voluto e ci sta imponendo, nell'ambito della globalizzazione, soprattutto con il LAVAGGIO DEL CERVELLO, colpevolizzando e definendo razzista chi legittimamente si oppone a ciò, chi tenta di difendersi da questo scempio. E quelli di sinistra ci cascano come allocchi. Non io però.
http://www.facebook.com/group.php?gid=6826407558


@ Stefano,...che cosa ci sarebbe di grave se scomparissi tu? Beh, se trovi la risposta a questa mia domanda hai trovato anche quella alla tua!!! E' una provocazione, senza offesa. Ma certo che la colpa è nostra! E' proprio per questo che stiamo qui a parlarne, per cercare di impedirlo appunto, per non macchiarci di questa colpa!!! L'italianità non c'entra nulla col fascismo,..ma che confusione che fai....l'italianità siamo noi, ma che c'entra il fascismo??!! Io non vedo nessun razzismo in Italia; a meno di non cadere nell'errore dilagante, (e avallato dal potere che VUOLE questa invasione, ricordiamocelo) di scambiare la difesa contro una invasione con il razzismo, e questo è assurdo, incredibile! Allora i partigiani che combatterono i tedeschi invasori nella II guerra mondiale, furono razzisti verso gli stessi tedeschi??? Noi siamo un paese sotto invasione straniera, questo è un concetto che va messo ben in chiaro!!! L'immigrazione non c'entra, l'immigrazione è sempre esistita ed è tutt'altra cosa. Le cosa vanno chiamate col loro nome. Siamo sotto invasione, non tutte le invasioni avvengono con le armi. Credo sia nostro dovere, o per lo meno di quella parte ancora rimasta sana della popolazione, di difenderci da questa invasione. E chi chiama razzismo questa legittima difesa è semplicemente un idiota, senza mezzi termini.
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

Marco Zorzi 20.02.10 21:50| 
 |
Rispondi al commento

@ Sergio, ma perchè l'orgoglio italiano è una cosa sbagliata? Io direi il contrario, siamo un popolo malato e per questo abbiamo perso anche il nostro orgoglio di comunità, come ogni altro valore del resto. Riguardo alle razze umane, come quelle animali o vegetali (non c'è alcuna differenza), il concetto di razza è un concetto normalissimo che sta alla base del valore universalmente riconosciuto della biodiversità, e la commistione totale distrugge diversità. Ciò che tu definisci "impensabile" è la misera resa alla logica dell'economia e del capitalismo. Impensabile non è nulla, tutto si può pensare, e soprattutto si può pensare a come sconfiggere questo mostruoso sistema che sta portandoci alla catastrofe. E' disarmante invece vedere come tu sia totalmente vittima di questo sistema il cui unico valore ispiratore è il denaro. Non si tratta di bruciare o discriminare, ma di difendere noi stessi, la nostra identità etnico-culturale che è una ricchezza per tutti. Perchè mai dovrebbero restare a casa loro????? Perchè ce li facciamo restare noi cribbio!!! Impedendo che anche un solo straniero in più entri in casa nostra! Rimpatrio immediato oppure galera. Semplicissimo. Basterebbe volerlo, ed un popolo sano farebbe questo senza indugio. Saresti contento che qualcuno si introducesse in casa tua contro la tua volontà? Non ti arrabbieresti? E' casa nostra e la dobbiamo difendere. Basta con questa invasione che sta facendo scomparire il popolo italiano! Ma bisogna anche discuterne??!! Dovrebbe essere una cosa così elementare....accidenti, se dobbiamo discuterne è perchè davvero siamo un popolo alienato e malato. Io sono nettamente di sinistra e l'opposizione all'invasione straniera è un valore perfettamente di sinistra, una sinistra moderna che capisce i fenomeni e che lotta veramente contro il sistema globalizzante capitalistico. Il buonismo è invece un disvalore, è la bontà degli scemi, è il prodotto patologico dell'omologazione ed appiattimento che produce il sistema.

Marco Zorzi 20.02.10 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me l'argomento non è razzista in sè, anche se effettivamente può suonare razzista.

No, io non credo che l'indole che lo muove sia il razzismo. Io credo che sia una riflessione, una riflessione sulla globalizzazione, su quanto è stata veloce.

Vedete, io credo che la problematica possa essere divisa in due parti: merci e persone.

Per quanto riguarda le merci, prima di tutto bisogna rilevare quanto sia assurdo e paradossale che una cosa possa dirsi "Made in Italy" quando è completamente prodotta con materie prime straniere (e questo non vale solo per la pizza ma per qualunque prodotto sia artigianale che industriale)

Se le merci arrivassero da vicino (magari a Km 0), da mercati che per altro giocano con le stesse regole dell'Italia (che non sfruttano gli operai/bambini, che rispettano l'ambiente, che puntano alla qualità...) il problema sarebbe almeno in parte risolto...

Per quanto riguarda le persone, invece, il problema credo che sia solo nella velocità della globalizzazione... io non ho nulla in contrario al fatto che il pizzaiolo sia straniero... ma che tutti i pizzaioli siano stranieri, che tutte le pizzerie siano gestite da stranieri, ecc... bhe non mi sembra giusto... se si dava il tempo agli immigrati di integrarsi e assimilare la cultura italiana potevano secondo me essere degli ottimi interpreti della nostra cultura e potevano venire a farne parte e a trasmetterla... ma l'invasione repentina secondo me è effettivamente un impoverimento... la cancellazione di una cultura a favore di un'altra non un'integrazione.

In ogni caso, come già altri hanno rilevato, anche io percepisco la volontà globalizzatrice e sgradevole che ci circonda. Una volontà che vuole un popolo unico, un mercato unico, una religione unica (una non religione unica più precisamente), gusti uguali - la società omogeneizzata.

Tutto questo è un vecchio mito della Massoneria Internazionale (già della francesissima Egalitè) che io credo che continui a determinare molte scelte.

Marco Nicola 20.02.10 20:42| 
 |
Rispondi al commento

beh cosa ci sarebbe di tanto grave se scomparissero gli italiani? sono scomparsi tanti popoli, uno piu uno meno... il mondo non smetterá di girare. se scompariremo sará stata solo colpa nostra e mettersi a blaterare come tanti fascisti di italianita e altre bischerate senza costrutto non fará altro che incrementare il nostro giá dilagante e feroce razzismo. questo é vieto, sterile, pericoloso nazionalismo. non esistono né razze né confini né nazioni sono tutte vuote convenzioni. fa anche rima.

Stefano Jodice (hipsterical), livorno Commentatore certificato 20.02.10 20:06| 
 |
Rispondi al commento

l'italiano in via d'estinzione che esagerati!!!!!

andrea mazzoni 20.02.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Forse il razzismo non c'entra nulla ma dopo il mio commento sento parlare di orgoglio italiano, razze umane, biodiversità (volevate dire razze pure ma è un po'bruttino?)comunque opinioni a parte è impensabile oggi che merci cultura e uomini non circolino e non si mescolino a meno di non fare come i talebani che bruciavano libri, computer e televisori e che,in questo senso, la pensano come alcuni di voi, gli occidentali a casa loro i mussulmani pure.In Italia è in vigore da oltre dieci anni una legge che si chiama Bossi Fini ma gli stranieri aumentano ogni anno, e perchè mai dovrebbe stare a casa sua chi non ha nulla e vede l'occidente ricco dalla tv?

sergio pagliai 20.02.10 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ivan, te lo dico io cosa c'è di male in una società cosiddetta "multietnica".
Innanzitutto non è questione di UNA società multietnica, ma della
NOSTRA
società, che si sta trasformando in "multietnica".
Cosa c'è di male? Te lo dico subito:
1) Scomparsa del popolo italiano e della sua specificità-diversità! Primo danno epocale, per tutto il mondo, e non solo per noi.
2) Multietnica...traduzione : OMOLOGATA, la cosiddettea società multietnica altro non è che la società UNICA del popolo UNICO del mercato UNICO e globale, ecco cos'è! Con questa parola ve la stanno mettendo in quel posto!!! La società cosiddetta multietnica significa che qui ci sarà un'altra america, che tutte le popolazioni europee scompariranno per far posto a questa brodaglia di bestiame unificato al servizio del mercato!!! E ti sembra una cosa bella buona e giusta???
Se l'Italia verrà occupata da marocchini, arabi, asiatici, sudamericani africani e quant'altro, come in effetti sta accadendo sotto ai nostri ebeti ed inani occhi di popolo pusillanime, e ovvio che saranno loro non solo a fare la pizza, ma qualsiasi altra cosa qui!!! Perchè il popolo italiano con tutte le sue specifictà semplicemente sarà SCOMPARSO! E questa ti sembra una cosa positiva??? Questo ti sembra qualcosa di fronte a cui restare indifferenti??????????? Ma qui siamo davvero alla follia. Questo è davvero la dimostrazione di un popolo ALIENATO !!! Alienato dalla cultura del mercato e del consumo, che non ha più alcun valore, neanche più la minima dignità di se stesso!!!
Non è questione di meglio o di peggio! E' questione di DIVERSITA' !!! Capisce questa parola???!! In Italia ci stanno gli ITALIANI e non gli asiatici o gli arabi! Ed è giusto e bello che sia così! DIVERSITA' !!!!! Questa è la NORMALITA'. Solo una società ALIENATA come noi siamo può tollerare lo scempio che sta invece avvenendo, e giustificarlo con acrobazie buonistiche penose!
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

Marco Zorzi 20.02.10 15:46| 
 |
Rispondi al commento

ok noi pensiamo di essere i discendenti dei GRANDI ROMANI IMPERATORI DEL MONDO ANTICO...
e poi scopriamo che siamo discendenti dei barbari che sconfissero e annientarono l impero romano

ci consideriamo discendenti di .. leonardo da vinci (che non aveva figli...ndr)
(che se ne ando in francia .. in italia era un persegiutato anche per le invidie dei suoi concittadini ... ndr)

ci consideriamo discendenti di dante (altro persegiutato)
di tanti altri ...grandi
fingiamo di non sapere che leonardo da vinci era toscano non italiano....(italia non esisteva allora ....)
solo un toscano potrebbe vantarsi di leonardo da vinci....ndr
pensate se i tedeschi invadessero la toscana
e ci resterebbero per 300 anni
allora leonardo da vinci sarebbe tedesco????
ndr
oggi
I VERI EREDI DEL IMPERO ROMANO SONO GLI U.S.A
noi siamo di tutto tranne che gli italiani
abbiamo nel nostro dna di tutti gli invasori che ...abbiamo ospitato durante i secoli
francesi spagnoli inglesi americani tedeschi arabi .......
vantiamo come nostra la pizza che e'.....cinese come gli spaghetti.....
LE USANZE TRA REGIONI SONO DIVERSISSIME....
LE RIVALITA SONO ADDIRITTURA TRA PAESI
PENSO CHE IL POST SIA SBAGLIATO
NON E L ITALIANO CHE STA ESTINGUENDOSI
MA CHIEDIAMOCI SE

E REALMENTE ESISTITO L ITALIANO.....????

stefano b., rovato Commentatore certificato 20.02.10 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Noto che nessuno ha colto il significato di questo mini-post....viene cucinata da cuochi marocchini, con farina dall'Ucraina, lievito tedesco, pomodoro cinese, olio tunisino e formaggio dell'est Europa.Va aggiunto che è servita a clienti giapponesi in vacanza da camerieri albanesi......non credo che se un marocchino o cinese faccia la pizza sia razzismo, ma è assurdo che la materia prima della stessa pizza arrivi da altre parti(e senza controlli) quando qui c'è tutto e l'originale per fare la pizza....ma come diceva qualcuno ormai il made in Italy è solo un marchio..e fra poco neanche quello

Gianluca D., Ravenna Commentatore certificato 20.02.10 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi: «Inchieste? Nessuna preoccupazione. Sono casi singoli»

GIÀ!! MICA SE POTEMO FERMÀ PE' QUATTRO COJONI CHE SE SO FATTI BECCÀ!!!

MO FAMO A LEGGE SULLA CORRUZIONE, E CON L'AIUTO DELLA L(S)EGA METTEMO IN GINOCCHIO L'ITALIA.

PS: CHIARAMENTE NON VARRÀ PER CHI HA IL COGNOME CHE INIZIA PER "B" O PER CHI È COINVOLTO CON MISTER "B"

Uno dei tanti 20.02.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

non vedo cosa ci sia di male in una società multietnica.

poi sinceramente se la pizza la fa un marocchino, un italiano o chi altro, basta che sia buona, e tutto è risolto.

il problema è che l'italiano è presuntuoso, crede che quello che fa lui sia il meglio del meglio, e crede che ci siano sempre tanti polli disposti a spendere cifre 3-4 volte superiori solo per avere un prodotto made in italy. poi il made in italy è ormai un miraggio. anche marchi notoriamente italiani da generazioni, fabbricano ormai all'estero.

quindi di cosa ci si meraviglia.

ivan m. Commentatore certificato 20.02.10 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Succede nella Regione Piemonte: la Presidente uscente (Bresso) ha mandato un opuscolo a tutte le famiglie piemontesi sul suo operato a un mese dalle elezioni regionali. Chi ha pagato l'opuscolo e la spedizione? Naturalmente la Regione, magari con i soldi dell'addizionale regionale su stipendi e pensioni. Ma non basta. Il Presidente del Consiglio Regionale ha depositato, fuori termine, la proposta di cambiare la legge regionale che dà ai consiglieri uscenti (che hanno guadagnato oltre 10mila euro al mese) un'indennità di fine mandato (5 anni) di quasi 100mila euro. Un bella cifra in un momento di crisi. Qualcuno si è lamentato? Nessuno ha parlato perchè sulle cifre di denaro pubblico che vengono sperperate l'accordo è unanime.
M.B.

marino bertolino Commentatore certificato 20.02.10 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non sono gli immigrati che lavorano onestamente, sono le aziende italiane che assumono gli stranieri perchè costano meno. Gli stranieri sono assunti al nero, a stipendi bassissimi, senza contributi, senza malattia, lavorano 16 ore al giorno per un pugno di riso e un pugno nello stomaco e quelli che sono irregolari neanche si sognano di protestare. Inoltre c'è da dire una cosa sui cinesi, vengono, aprono attività commerciali immediatamente, comprano quartieri interi, non pagano le tasse ma 'sti soldi da dove li tirano fuori?
La legge non punisce a sufficienza le imprese irregolari italiane, figuriamoci quelle straniere.
Diventano ricchissimi in pochissimo tempo e comprano ville e auto lussuosissime, facciamoci spiegare come fanno. Gli impenditori e i lavoratori stranieri che non pagano le tasse non servono a niente anche perchè socondo voi un'imprenditore cinese assumerebbe un disoccupato italiano?

Takaya Todoroki 20.02.10 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ora date del razzista/leghista anche a Grillo? ma siete ridicoli, continuate a guardare la tv, che non ci avete capito nulla....

Comunque anche il trentino come ti giri è pieno di ristoranti indiani e pachistani (ma con insegna in italiano) che cucinano piatti tipici (con ingredienti da chissà dove e di che qualità poi...), che senso ha?
Finchè i nostri "dipendenti" glielo permettono....

Ilio Papanti (il borgo (quello vero)), Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.02.10 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sergio, non c'è alcun odio per lo straniero.
Smettiamola coi pregiudizi.
C'è la constatazione di una invasione in atto che sta facendoci scomparire come popolo.
Difendersi da una invasione nulla ha a che fare con razzismi o sciocchezze simili.
I popoli SANI (ma noi siamo un popolo malato appunto) lo hanno sempre fatto, è insito nella natura, per la preservazione delle diversità.
Chiudere le frontiere si potrebbe eccome, e si dovrebbe fare immediatamente. Bisognererbbe però tirar fuori un po' di palle per opporsi al potere economico capitalistico che (per chi ancora non lo avesse capito) questo disastro vuole e necessita. Questo sistema che sta omologando tutto e tutti causando al mondo una catastrofe epocale fatta di distruzione ambientale e di valori morali. La scomparsa di ogni diversità, un POPOLO UNICO di consumatori al servizio del mercato, qui ci dovrà essere una nuovo popolo americano, e dovranno scomparire tutte le diversità europee. Il sistema economico capitalistico non ha valori, non ha morale, ed ha reso i nostri popoli incapaci ormai di ogni azione o reazione che contrasti il suo mostruoso incedere.
E poi c'è questa malattia psichica perniciosa, chiamata buonismo, che deriva dal trauma "infantile" del nostro passato minato da ideologie perverse, per reazione al retaggio delle quali si sviluppa un blocco pregiudiziale verso qualsiasi cosa che suoni come amore per la propria patria o per la proria comunità, o che anche lontanamente richiami qualsiasi concetto facente riferimento a razze ed etnie, dimenticando che il concetto di razza è un concetto fondamentale dell'ambientalismo e per la difesa delle biodiversità, e non deve affatto essere un tabù.
Insomma svegliamoci.
Incominciamo a distinguere bene il razzismo, da una sana difesa di noi stessi, del nostro popolo, della nostra diversità. Questo significa essere davvero di sinistra oggi!!!
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

Marco Zorzi 20.02.10 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Michele Z., tu sei fuori dalla realtà, mi sembri un alieno!
Non vedi il problema a fare preparare la pizza da un marocchino o da un cinese??? Non lo vedi?...Possibile che non capisci il danno della scomparsa di diversità che è in tutto ciò. La scomparsa del popolo italiano come di tutti gli altri popoli europei! Gli inglesi stanno anni luce davanti a noi nella realizzazione di questo mmostro chiamato capitalismo che nel suo incedere distruttivo sta causando danni epocali al mondo, tra cui la scomparsa dei popoli europei è u no dei più catastrofici. "la società del futuro deve essere multietnica", è il tuo assioma che viene dal rifiuto di vcedere la realtà, e dalla malattia psichica (perchè di questo si tratta) del buonismo. La ricchezza del mondo sta nelle diversità! Non nella globalizzazione omologante del nostro mostruoso sistema economico che sta distruggendo biodiversità in quantità incredibile. Le società multietniche non sono mai esistite e mai esisteranno. La nostra è una società malata, in fin di vita, in estinzione appunto, incapace neanche più di opporsi ad una invasione distruttiva voluta dal sistema capitalistico, che la sta facendo scomparire in un batter d'occhio dopo secoli di costruzione.
Questa è la semplice realtà, al di la di intellettualismi o acrobazie ideologiche derivanti d atraumi psichici collettivi non me glio identificati.
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585


e' chiaro che beppe non voleva dire che il problema sono gli immmigrati, non si caprebbe poi neanche perche', ma che il made in italy andrebbe protetto. e' una delle nostre ricchezze.
non puo' essere che le aziende delocalizzino la loro produzione in cina o albania e il marchio rimanga ugualmente made in italy o che i prodotti della nostra terra vengano imbastarditi con sementi ogm o provenienti da altri paesi.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 20.02.10 08:57| 
 |
Rispondi al commento

un sorriso.. :)

la globalizzazione vista da Andrea Rivera

http://www.parlaconme.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-40cee2e1-65c0-4ffb-a57a-c8c8f6ad8605.html?p=0

Paola Bassi Commentatore certificato 20.02.10 01:37| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
NEANCHE LA PIZZA E' NON E' PIU' UN MADE IN ITALY,E' UN DESIGNED IN ITALY, CHE FIGURE DA CU...!! CHE FACCIAMO ALL'ESTERO,CHISSA' POI DOVE DELOCALIZZERANNO GLI ITALIANI ORIGINALI,DA CASA?????
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 19.02.10 22:54| 
 |
Rispondi al commento

Questo mini-post, francamente, poteva essere evitato! L'italiano e' in estinzione? E' allora? Lo stesso si potrebbe dire dello stereotipo di abitante tipico di molti altri paese. L'immigrazione ha cambiato radicalmente il Regno Unito e i sudditi di Elisabetta sono anni luce davanti a noi in termini di integrazione etnica (http://news.bbc.co.uk/hi/english/static/in_depth/uk/2002/race/changing_face_of_britain.stm). La Francia vive una situazione simile (come riportato ad esempio in http://www.amazon.com/Multi-Ethnic-France-Immigration-Politics-Culture/dp/0415397839). Sono d'accordo che la gastronomia italiana vada riconosciuta ed esaltata, ma non vedo il problema nel farla preparare e cucinare da un Marocchino, Cinesi, Albanese, etc
Le tradizioni sono e resteranno un interessante argomento di studio e discussione, ma la societa' del ventunesimo secolo (in Italia e nel mondo) **DEVE ESSERE MULTIETNICA**.

Michele Z. Commentatore certificato 19.02.10 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono cresciuto con un grande orgoglio e passione per l'Italia .
Sapevo che gli Italiani sono vigliacchi.....ma che non avrebbero lottato per difendere la propria cultura ...mai avrei potuto pensarlo .
Evidentemente l'Italianita' era superficiale .
Questa storia del razzismo ne e' un ottimo esempio .
Si confonde il pregiudizio , l'odio per i diversi da te ( cose negative ) con la difesa della propria cultura , di una cultura speciale ( parlo della migliore Italia che conobbi ), di cui il mondo avrebbe avuto bisogno .
Razzismo e' un bene , nel senso che ci sono veramente razze animali significativamente diverse e con storie diverse , nel genere Homo .
Negarlo e travolgere i patrimoni genetici e' coglioneria alle soglie dell'apocalisse .
Farsi imbrogliare dai promotori del miscuglio razziale e' in se sintomo della pochezza che si nascondeva dietro l'Italianita'.
Chi accetta questa frode , accettera' anche le tasse . la guerra e il governo del malaffare .

Marco Schanzer 19.02.10 21:37| 
 |
Rispondi al commento

SONO I POLITICI CHE NOI VOTIAMO CHE CI HANNO RIDOTTO COSÌ. PRIMA CI CHIEDONO IL VOTO CON PROMESSE E LUSINGHE POI CE LO METTONO IN QUEL POSTO DIROTTANDO LE LORO ATTENZIONI SU UN MUCCHIO DI ALTRE COSE, TUTTO MENO GLI INTERESSI DEI CITTADINI. SOLO CAPACI DI SPUTTANARE SOLDI. IL CITTADINO HA COMINCIATO A PERDERE I SUOI DIRITTI SOCIALI, DIRITTI SUL LAVORO, DIRITTO AD UNA SANITÀ DECENTE, DIRITTO AD UNA GIUSTIZIA DECENTE CHE NON SIA TROPPO BUONISTA CON I DROGATI E ALCOLIZZATI CHE PER AUMENTARE LO SBALLO SFRECCIANO PER LE STRADE A FORTE VELOCITÀ SENZA RISPETTO PER IL CODICE STRADALE. POI DICONO CHE È OMICIDIO COLPOSO. ANCHE ESSERE TROPPO BUONISTI È UN CRIMINE. NON SI DIFENDE LA VITTIMA MA LA SI OFFENDE. SALUTI INCAZZATI

meriss g. Commentatore certificato 19.02.10 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Questo post e' razzista! Vergognatevi! La pizza può avere avuto origine in Italia , ma chi la promuove, crea, serve o mangia non ha razza! Svegliatevi invece di lamentarvi e basta e rimboccatevi le maniche!

Alex Casa 19.02.10 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Un commento del genere mi sarei aspettato di trovarlo su un sito leghista, dove si trovano allarmi del tipo "attenzione faremo la fine degli indiani d'america" "chiudiamo le frontiere agli uomini e alle merci" come se oltre ad essere autolesionista non fosse semplicemente impossibile.Certi discorsi servono solo ad alimentare l'odio per lo straniero

sergio pagliai 19.02.10 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza

Simone ., Sassari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.02.10 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Beh, finalmente qualcuno comincia ad accorgersene!!! Ed anche il sito di Beppe Grillo comincia a parlare di questa terribile evidenza.
Era ora.
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

Marco Zorzi 19.02.10 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Sei troppo ottimista lo spazzino sarà sicuramente un rumeno o un falso invalido, gli ex-precari sono gli attuali disoccupati senza possibilità di reintegro.

Vincenzo Russo, Terni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.02.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori