Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La presa della RAI


Alcoa_ancora_a_Roma.jpg
I dipendenti (quasi ex) dell'Alcoa hanno trasformato per un'ora il Palazzo del Governo nella presa della Bastiglia. Ma è servito a poco. Ai tempi di Luigi XVI, ghigliottinato, non esisteva la televisione, questa è la differenza tra l'Italia di oggi e la Francia di allora. E' più utile manifestare alla RAI e a Mediaset che a Palazzo Chigi e, magari, aspettare all'uscita i giornalisti per dar loro informazioni di prima mano.
"Nell'edizione delle 13 del TG, quello di Minchiolini (?), la più seguita dagli italiani, non è stata detta nemmeno una parola sugli operai dell'Alcoa che protestavano, davanti al palazzo del Governo, per il mantenere il loro posto di lavoro. Era più importante parlarci di Morgan, della madre di B. e di altre immani cavolate! Povera Italia, nutrita nello spirito a pane e acqua". Anto N.

3 Feb 2010, 19:07 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ed allora quanto dobbiamo aspettare ancora per avere disdette massicce del canone rai? (che io ho già fatto...)

gabriella da firenze 04.02.10 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Ho un solo commento da fare si può dire che Minzolini è un pezzo di merda anzi per dirla alla Sgarbi è UNA MERDA INTERA

vito macadino 04.02.10 11:33| 
 |
Rispondi al commento

I giornalisti delle televisioni ieri erano impegnati in servizi molto più importanti che non quattro dipendenti della RAI che protestavano per la perdita del lavoro.Il SuinoBovino è stato mandato da qualcuno a predicare la fratellanza con Israele e a dire al mondo che il posto di Israele è in Europa e a RINGHIARE CONTRO IRAN e Palestina.Questo grande statista!Non abbiamo ancora abbastanza guai in Italia per andarcene a cercare degli altri negli stati arabi? Gli israeliani ce l'hanno già un protettore e questo è risaputo anche dai sassi ed è l'America! Mi domando cosa ci stà dietro a questa sparata del SuinoBovino quando la bilancia commerciale con l'Iran vale quasi il doppio di quella che abbiamo con Israele.Chi ce l'hà mandato a provocare il cane che dorme,invece di pensare ai guai che ha a casa sua?Questo ci stà portando in qualche avventura ancora più peggiore di quella del suo emulo che aveva intrapreso con sei milioni di baionette,invece lui è ancora più in gamba il suo target è di sei milioni di disoccupati.

Rocco A., pinerolo Commentatore certificato 04.02.10 08:31| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SAREBBE BENE PROTESTARE SOTTO ENTRAMBI,PALAZZI DEL POTERE, DEL GOVERNO E PèOI ANCHE RAI E MEDIASET ED OCCUPARLI,PERCHE' QUESTA E' RIVOLUZIONE!!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 04.02.10 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Maledetta (dis)informazione.... ma esiste un'autorità in grado di chiudere il Tg1?

Patrick D. Commentatore certificato 04.02.10 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Oggi la regione veneto ha dato il via libera al nucleare in Veneto ,quindi a Caorso . Ma i veneti lo sanno ? sanno che paghiamo la tassa regionale più alta d'italia ? Che la Lega si è astenuta sul nucleare ,ma non ha votato contro , furbetti vero ? Solo su questo blog si può parlarne Lorena

lorena ghiotto 03.02.10 22:44| 
 |
Rispondi al commento

E PENSARE CHE HO APPENA PAGATO IL CANONE RAI....
109 € BUTTATI.

ROBERTO D'ETTORRE, LATINA Commentatore certificato 03.02.10 21:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho fatto un commento anche qualche ora fa in un'altra pagina, qui vorrei dire, pur sostenendo le tesi di quanti hanno scritto prima di me che certe cose si combattono andando a votare e non restandosene a casa a grattarsi i coglioni o vedere il Milan. Spero che alle prossima elezioni tutta la Vostra rabbia si tramuti nella voglia di fare quella misera croce che ci potrebbe permettere di cambiare qualche cosa. Ricordate gente, bisogna andare a votare.

Sergio Vettoretti 03.02.10 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono la figlia di un operaio che lavora nell'indotto di POrtovesme....sono sconvolta al pensiero di dover pagare un canone rai sempre più esoso per sentire al tg1 della sera, non degli operai che lottano per arrivare a fine mese, ma che Michael shumaker si fa la tinta per sembrare più giovane....non voglio essere maleducata, ma la rabbia è tanta....è uno schifo!!!!!!!!VERGOGNA!!!!!

Alessandra Stara 03.02.10 21:02| 
 |
Rispondi al commento

In Itaglia caso unico nel mondo,si è raggiunto l'obiettivo della massima mistificazione e del massimo imbroglio,infatti tutti i cittadini nella loro veste di finanziatori sono stati usurpati dei loro diritti con i pretesti più beceri.Abbiamo così che la rai finanziata col canone degli abbonati invece di fare una informazione neutra sta dalla parte del governo e poco gliene importa se quello che dicono sia contro gli interessi dei cittadini/finaziatori.I sindacati,almeno sulla carta sono finanziati dagli iscritti e mai come ora hanno concluso accordi sindacali che sono una beffa per gli iscritti,l'opposizione che dovrebbe rappresentare l'opposto della maggioranza,inciucia col governo per ottenere miserabili privilegi "ad personam".Tutto quello che doveva essere a vantaggio del popolo viene capovolto e diventa a suo svantaggio.Per finire i giornali,finanziati dalle nostre tasse,dovrebbero essere grati ai finanziatori,ma in effetti usano tutta la loro miserabile preparazione culturale per trovare tutte le giustificazioni possibili per convincerci di cose che sono contro ogni logica corrente ed elementare.Quando si arriva a tal punto di aggressione il limite dovrebe essere colmo,ma la gente con cui mi capita di parlare se ne esce fuori con frasi qualunquiste,tipo -ma tu che faresti se fossi al loro posto-e questa è la cosa che mi manda più in bestia.

IL SICILIANO 03.02.10 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Migliaia di gente per la strada e che chiede solo lavoro.
Ma il governo di questi inetti e' solo impegnato per le leggi salva delinquenti Berlusconi & co. L'indegno Impedimento e' gia' passato. E' ora di togliere il lavoro a Berlusconi, a tutti i deputati e senatori, ai giornalisti vermi, e' ora di sfancularli tutti, e' ora che vadano loro per strada a chiedere l'elemosina.

Silvie S., roma Commentatore certificato 03.02.10 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio vivamente di non guardare più i telegiornali italiani, con qualche eccezione per il tg3, ma non sempre. Io l'ho fatto e devo dire che in questo modo evito di farmi il fegato grosso: guardo i telegiornali svizzeri e di BBC World e poi la rete è una formidabile fonte di informazione e confronto, tanto che quando mi capita di fare zapping e finisco nel pollaio informativo e di intrattenimento (si fa per dire) italiano, mi sembra di essere capitato in un ambiente di mentecatti, ignoranti e in malafede. I nomi delle trasmissioni e della compagnia circense metteceli voi, la scelta è amplissima.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 03.02.10 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Questa gente sta lottando non soltanto per guadagnare dei soldi e portare avanti le loro famiglie, il che non è poco, ma stanno lottando inconsapevolmente per una cultura sociale di gran valore che va scomparendo, nel silenzio, non è solo la distruzione della classe lavorativa ma è la distruzione di un intero mondo di equità. Temo che il danno che stanno subendo questi lavoratori sia solo un campanello d'allarme di ciò che accadrà in futuro ad altre classi di lavoratori anche di più alto profilo. MA non credo che questa consapevolezza basti a scuotere le coscienze di una massa critica, capace di intervenire in tempo a questa clamorosa catastrofe. Sono profondamente rattristato che i principali media ignorino questo evento così drammatico, di persone che vedono ditrutto il proprio futuro , la propria vita, ...perchè nessun rappresentante del governo va da loro ?! Il mio vero timore è che "I principali media" già sanno che questo argomento non interessa a nessuno, che l'Italiano medio pensa solo al proprio orticello, o al proprio clan, ma questo non è il modo di affrontare le sfide del futuro, il futuro sta nella capacità di organizzarsi, di coordinarsi, di soccorrersi, di prendersi cura l'uno dell' altro in un mondo pericolossissimo che è pronto ad approfittare della nostra disunità per impossessarsi delle nostre ricchezze. Tutto questo egoismo e indifferenza sarà pagato a caro prezzo, la storia ce lo insegna...peccato l'Italia era un bel popolo che a me piaceva assai, ma oramai si sta autodistruggendo.

Massimo esposito 03.02.10 20:11| 
 |
Rispondi al commento

dopo le rivelazioni in un aula di tribunale di Massimo Ciancimino.. è stato detto qualche cosa ??? è stata fatta un analisi?? un approfondimento?? il MINCHIONE del TG1 fa gli editoriali tutti a senso unico, ha ridotto il telegiornale della rai in un organo di propaganda del partito di berlusconi.. e tra poco (sempre sulla rai) inizia un programma giornaliero di belpietro... in italia siamo messi proprio bene...

BlackOu Totale Commentatore certificato 03.02.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori