Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Atene chiama Roma


Grecia_in_fiamme.jpg
Oggi, 23 febbraio 2010, la Grecia si è fermata per uno sciopero nazionale. Chiusi gli aeroporti, le stazioni, i porti, le scuole, le università. I giornali non sono usciti. Nel centro di Atene si sono scontrati i disoccupati di oggi e i poliziotti, i disoccupati di domani. I banchieri e i politici hanno assistito chiusi nei loro palazzi. I responsabili della crisi, che hanno nascosto l'entità del debito ai cittadini e alla UE, non corrono rischi (per ora). Il Governo ha ridotto gli stipendi dei dipendenti pubblici e tagliato molti servizi sociali, ma nessuno crede che questo sia sufficiente a fermare la crisi. La Grecia, di cui in Italia si parla poco e malvolentieri, ha un debito pubblico pari a un quarto del nostro e un tasso di disoccupazione simile. Atene chiama Roma. Passo. Atene chiama Roma...

24 Feb 2010, 23:34 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Scusa Beppe, mi puoi spiegare con parole semplici come sai fare tu perché e come mai un reato può... sparire.
Se faccio un danno a qualcuno, il danno rimane: non è che dopo 4 anni per esempio, sparisce.
E io devo prima o poi riparare il danno. È ciò che vorremmo tutti se fossimo noi i danneggiati.
E allora... perché? Beppe, perché!

Vittorio Cajò 27.02.10 01:44| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia sta peggio della Grecia.

Secondo l'economista canadese Robert Mundell, considerato
l'ispiratore dell'euro, l'Italia costituisce la maggiore
minaccia per la tenuta della moneta unica. Premio Nobel per
l'economia nel 1999, Mundell fa notare inoltre che l'Italia
ha un'economia troppo importante perché si possa pensare a
un'operazione di salvataggio come nel caso della Grecia. La
situazione italiana finora non ha suscitato particolari
inquietudini ma il paese è molto vulnerabile a causa del
debito e della spesa pubblica.

Le Monde, Francia

http://www.lemonde.fr/economie/article/2010/02/23/pire-que-la-grece-l-italie-est-le-principal-danger-de-la-zone-euro_1310167_3234.html


Quindi, la Grecia sarebbe uguale all'Italia?!! Ma fatemi il piacere!!!

Volatile pn 26.02.10 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bene che le istituzioni europee chiedessero anche all'Italia (come hanno fatto per la Grecia) di dar conto di tutte le operazioni sui derivati che hanno mascherato o potrebbero mascherare l'entità del debito pubblico italiano.

Giannini Massimo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.02.10 09:24| 
 |
Rispondi al commento

ZEITGEIST.

Lorenzo S. Commentatore certificato 26.02.10 03:05| 
 |
Rispondi al commento

roma: stiamo arrivando passo, stiamo arrivando, abbiamo bisogno ancora di qualche mese ma siamo sulla buona strada........passo

mauro fenu 25.02.10 21:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

con le rendite finanziarie al 12,5%,tutto diventa ingiusto!!!

EdoHard Commentatore certificato 25.02.10 18:40| 
 |
Rispondi al commento

salve! qualcuno potrebbe indicarmi come riscattare le polizze vita tax benefit della mediolanum? se acquisto dei pannelli fotovoltaici rientrano come manutenzione della prima casa così da poter riscattare la polizza? il mio promotore logicamente dice di no...
grazie!

daniele rossi 25.02.10 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che bello il fotogramma fermo immagine del video.
un dimostrante che sferra un pugno sulla stronza faccia di un servo dei padroni.
un salto indietro nel tempo...quando ancora GLI OPERAI IN PIAZZA FACEVANO PAURA AI MAIALI DEL POTERE.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 25.02.10 18:28| 
 |
Rispondi al commento

"Non dico che devono necessariamente restituire i soldi, ma almeno dire 'grazie'" ha proseguito.

Criminalizzare la Germania per la seconda guerra mondiale mi sembra un po´tardivo...Fra poco arriveranno anche da noi a chiederci i danni per Mussolini...come peraltro ha gia´fatto qualcun´altro...

Patrizia Broghammer 25.02.10 16:55| 
 |
Rispondi al commento

... il banco sta x saltare ...

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.02.10 16:49| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa vuol dire che la Grecia ha un debito pubblico (in termini assoluti) pari a un quarto di quello italiano?! è un dato asettico e fazioso e chi ha scritto l'articolo o è del tutto ignorante in materia o appositamente catastrofista..

marco rongaroli 25.02.10 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti,
sono un lavoratore della Nokia Siemens di Cinisello Balsamo.
La politica della nostra multinazionale prevede di portare il lavoro dall'Italia verso paesi dove i lavoratori hanno un costo + basso quali Cina e India.
Vi prego di aiutarci firmando la nostra petizione:

http://www.petizionionline.it/petizione/ricercatori-in-estinzione/781

Ciao e Grazie

Luigi Depace, Cinisello Balsamo Commentatore certificato 25.02.10 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"militarmente" parlando c'è una grande differenza tra noi e Grecia!

Avete mai visto gli impieghi delle forze dell'ordine durante le manifestazioni?
Per esempio durante il periodo delle manifestazioni dell'Onda Universitaria Roma assomigliava a Bogotà degli "anni d'oro"!

Nel caso dovesse degenerare la situazione italica tenete presente anche questo e prendete le giuste misure se vorrete scendere in piazza

Roob Zarathustra, Caput Mundi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.02.10 15:31| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Fa bene Atene a chiamare Roma.........così l'aiutiamo a fallire prima!

alberto valle 25.02.10 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Mi fate RIDERE, dovremmo noi chiamare Atene perchè noi una guerriglia così pecore come siamo non la facciamo! Ci prendono per il CULO, siamo governati dalla malavita organizzata, dalle loro mignotte, da corrotti e corruttori, sarebbero tutti traditori della NS PATRIA da esiliare MA CE LA VOGLIAMO RIPRENDERE LA NOSTRA NAZIONEEE, la vogliamo DIFENDERE? Legalmente non si puo' hanno sfasciato l'unico strumento democratico per liberarcene ... la giustizia ... tanto stanno tranquilli nessuno li massacrerà come meriterebbero senza l'arma della legge!

Alessandro Elia 25.02.10 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Come era prevedibile il castello di carte creatosi negli ultimi decenni sta ormai per crollare, un sistema basato sul chi consuma di piu'..... era inevitabilmente destinato a franare rovinosamente su se stesso. Se poi ci mettiamo anche la naturale ingordigia umana e' gia' un miracolo che sia durato cosi tanto. Il tempo e' contato per le corti di re sole e tanti nuovi Robespierre spunteranno dal nulla a reclamare una nuova eredita' di sangue.
E come al solito non siamo stati in grado di imparare un c...o dalla storia e dagli errori del passato.

Massimo Serafini 25.02.10 15:16| 
 |
Rispondi al commento

la grecia ha un debito pubblico pari a un sesto
di quello italiano,le sue banche sono indebitate
per un ottavo delle banche italiane.meditate italiani,meditate.

bruno dallantonia 25.02.10 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Se il petrolio uscito da una ex raffineria nel fiume Lambro sta invadendo anche il Po, con tutte le conseguenze per gli animali che rischiano di morire e i terreni che possono rimanere inquinati per molti anni, è giusto che la natura metta in atto la propria "vendetta" contro l'uomo. Come? Siccità, alluvioni, frane, carestie, nubifragi, gelate, e altro ancora. Davanti a certi disastri ambientali causati da persone irresponsabili, che sanno di rimanere impuniti, la nutura ha il diritto di autodifendersi. Dalla natura l'uomo ha avuto molto, e per questo ha il dovere di rispettarla e di tutelarla in ogni circostanza. E i controlli? Se ci sono NON funzionano in modo preventivo.
Marino Bertolino

marino bertolino Commentatore certificato 25.02.10 11:32| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

ITALY: COUNTRY OF CORRUPTION,MAFIA AND BIGOTS
http://alministroalfano.splinder.com

Yves Toniout Commentatore certificato 25.02.10 10:59| 
 |
Rispondi al commento

macchè Germania, macchè UE... alla Grecia pensiamo noi prestandogli il miglior statista degli ultimi 150 anni. E se funziona se lo possono pure tenere!

massimo orru (lianu), cagliari Commentatore certificato 25.02.10 10:21| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

State tranquilli!!!
Noi non siamo ai livelli della Grecia...
Con oltre 1800 miliardi di Euro di debito pubblico siamo messi molto peggio!!!
POVERA ITALIA(E POVERI ITALIANI)

gianni f. Commentatore certificato 25.02.10 10:20| 
 |
Rispondi al commento

con quello che sta venendo fuori su Di Girolamo, Fastweb e via dicendo, cosa fa il servo Bruno Vespa?
una puntata sulla principessa Sissi.
UNICO.

Paul R., Padova Commentatore certificato 25.02.10 10:13| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ho già scritto che la recessione in Italia fa scoprire cio' che revisori dei conti e giudici non riescono o possono. Qualcosa si sta muovendo. Tuttavia quando i mercati, o i "maledetti" speculatori, si accorgeranno della situazione gli anni intorno al 1992 saranno rievocati con forti analogie, e non solo per Tangentopoli, ma perché i mercati sferrarono l'attacco che decreto' la fine della Lira (ora EURO) e l'enorme crisi portò alla scioglimento del Sistema Monetario Europeo (ora Unione Monetaria).

Giannini Massimo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.02.10 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Destra e 'ndrangheta per far eleggere Di Girolamo

http://www.unita.it/news/italia/95505/destra_e_ndrangheta_per_far_eleggere_di_girolamo

Uno dei tanti 25.02.10 08:50| 
 |
Rispondi al commento

Mills, oggi l'ultimo atto
con la sentenza in Cassazione

Uno dei tanti 25.02.10 08:47| 
 |
Rispondi al commento

"[...] Il Governo ha ridotto gli stipendi dei dipendenti pubblici e [...]"

...e qui sarebbe da ridurre il numero dei dipendenti pubblici, e lo stipendio a quelli che restano.

T.M. 25.02.10 02:20| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, questa però del premier greco che se la prende con la povera Italia e la Germania (notizia chiaramente 'dimenticata' dai bollettini di regime) merita da sola un intero post :

Pangalos: Italia ha mascherato stato finanze più delle Grecia
mercoledì 24 febbraio 2010

LONDRA (Reuters) - L'Italia ha fatto più della Grecia per mascherare lo stato delle sue finanze al fine di garantirsi l'ingresso nella zona euro.

Lo ha detto il vice primo ministro greco Theodoros Pangalos, aggiungendo inolttre che per la sua storia la Germania non è nella migliore posizione per criticare la Grecia.

L'Unione europea ha chiesto alla Grecia di chiarire le indiscrezioni stampa su scambi di derivati con le banche di investimento Usa utilizzati per nascondere le dimensioni del suo debito e del deficit nei confronti delle autorità Ue in vista del suo ingresso nella zona euro.

"Basta mettere qualche somma di denaro per il prossimo anno ... è quello che tutti hanno fatto e la Grecia lo ha fatto in misura minore dell'Italia, ad esempio", ha Pangalos ha detto in un'intervista con la BBC World Service radio.

Pangalos ha inoltre criticato l'atteggiamento della Germania nelle crisi greca, affermando che Atene non ha mai ricevuto risarcimenti legati all'impatto dell'occupazioni nazista durante la Seconda Guerra Mondiale.

"Hanno portato via l'oro greco che era alla Banca di Grecia, hanno portato via il denaro greco e non l'hanno mai restituito. Questo è un problema che deve essere affrontato in futuro" ha detto l'esponente del governo.

"Non dico che devono necessariamente restituire i soldi, ma almeno dire 'grazie'" ha proseguito.

Gianni Ross 25.02.10 01:08| 
 |
Rispondi al commento

Roma non risponde..................sta'a guardare nell'indifferenza piu'totale.I palazzi del potere sono chiusi nel proprio benessere,espressamente curanti del proprio Io.Una rivolta popolare non e'un delitto contro la democrazia ma una vistosa necessita'del popolo a reagire in modo violento per ripristinare quella realta'sociale che la politica non intercetta o peggio sottovaluta.In questo caso il popolo suonera'la sveglia e le pecore diventeranno lupi.

gaeta carinucci roberto, roberto Commentatore certificato 25.02.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Se aspettiamo quanto la Grecia a fare sciopero generale, non servirà a nulla.

A niente servirà fermare l'Italia quando si saranno dati alla fuga con l'argenteria di famiglia, o quando le aziende sanranno tutte trasferite...i conti bancari sanati...il territorio svenduto...


Svegliatevi!

Lo si dice da troppo tempo tra i sorrisetti ironici di chi legge...

Fermiamo il paese, gia abbiamo visto che non andremo mai a prenderli, perchè siamo persone troppo civili.

Fermiamo il paese adesso che ancora c'è qualcosa da fermare


CIAO BEPPE
O VIVIAMO NOI O VIVINO SOLO LORO, IN GRECIA SONO ARRIVATI AL PUNTO SENZA FINE,POI TOCCHERA' A NOI E LORO DOVRANNO PREPARARE ANCHE L'ELICOTTERO FIAMMANTE. PRIMA POI NEL NOSTRO PAESE TUTTO SI DOVRA' FERMARE E CI SARA' LA RESA DEI CONTI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 24.02.10 23:53| 
 |
Rispondi al commento

MALEDETTO PUTTANIERE ALIAS UTILIZZATORE FINALE.
E MALEDETTI RICOTTARI-D'ALEMA,FASSINO,VIOLANTE,VELTRONI,CHE HANNO PERMESSO AL PUTTANIERE DI STRAFOTTERCI.
PASSO e CHIUDO.

LUIGI (NAPOLI) 24.02.10 23:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

quanto vorrei che anche qui succedesse una cosa del genere, ma in proporzione col debito pubblico. Sentire il tg3 che diceva manifestanti contro le "banche" per me era sublime. Speriamo.

Massimo Baldo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.02.10 23:47| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori