Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Strisce pedonali con il porto d'armi


strisce_pedonali.jpg
Attraversare sulle strisce pedonali è sempre più pericoloso. Meglio non farsi notare dagli automobilisti con uno scatto da centometrista o, in alternativa, girare armati.
"Che italia...................Pesta a sangue un pedone che aveva protestato per una mancata precedenza sulle strisce e fugge lasciandolo per terra agonizzante. E' accaduto ieri sera a Grottaglie, nel Tarantino. L'aggressore è Raffaele Micelli, 21 anni e con precedenti penali. Identificato grazie ad alcune testimonianze, e' stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per tentativo di omicidio. La vittima, un uomo di 34 anni, e' ricoverata con riserva di prognosi in sala rianimazione". giovanni m., Speranza

21 Feb 2010, 21:03 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Buone notizie!
Nel futuro non dovremo neanche piu' guidarle... se ne andranno in giro da sole!:
http://www.repubblica.it/motori/motori/2010/04/11/foto/l_auto_senza_pilota-3278406/1/

Stefano Lavori 13.04.10 08:49| 
 |
Rispondi al commento

La "vittima" di cui si parla nell'articolo è mio amico si chiama luigi e non ha 35 ma 25 anni. Personalmente non riesco ancora a concepire come per
colpa di una così spregevole persona (che odio con tutto il cuore)se ne possa rovinare un'altra così brillante. Luigi è un grande e siamo tutti con
lui.

andrea barbieri 23.02.10 18:55| 
 |
Rispondi al commento

La "vittima" di cui si parla nell'articolo è mio amico si chiama luigi e non ha 35 ma 25 anni. Personalmente non riesco ancora a concepire come per colpa di una così spregevole persona (che odio con tutto il cuore)se ne possa rovinare un'altra così brillante. Luigi è un grande e siamo tutti con lui.

andrea barbieri 23.02.10 18:39| 
 |
Rispondi al commento

NON C'E' PIU'RISPETTO PER NIENTE E PER NESSUNO!!!
OGGI BASTA POCO PER FINIRE AMMAZZATI!!
SE NE SENTONO DI TUTTI I COLORI:CONDOMINI CHE SI SPARANO PER FUTILI MOTIVI,PARCHEGGIATORI CHE SI PRENDONO A LEGNATE PER POTER PARCHEGGIARE PER PRIMI !!...E COSI VIA.
MA IN CHE CAVOLO DI PAESE VIVIAMO?
CONTRO QUESTE VIOLENZE NON POSSIAMO RIMANERE INERMI.DOBBIAMO ANDARE IN GIRO TUTTI ARMATI,COSI QUANDO CAPITA UNA TESTA DI CAZZO COME QUELLA DI TARANTO GLI FACCIAMO ARRIVARE I COGLIONI IN GOLA(SEMPRE SE UN DEFICIENTE COME QUELLO NE ABBIA!!)
QUESTA "GENTE"GIRA DEL TUTTO INDISTURBATA A ROMPERE I COGLIONI A PERSONE INERMI.
CI DOBBIAMO DIFENDERE !!!

roberto d'ettorre 22.02.10 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Attraverso ogni mattina sulle strisce pedonali la ss47 poco prima di Cittadella per andare al lavoro e dopo ogni traversata mi sento fortunato come avessi fatto un "4" al superenalotto.Un metro prima delle strisce c'è la fermata dell'autobus (che quando è fermo non manca mai di essere superato e 5 metri prima un'incrocio "molto caldo" per l'immissione dalle strade trasversali alla ss47.
Siamo oviamente in centro abitato e i preistorici 50 all'ora sono solo parte dell'arredo urbano.
Penso che la serenità con cui si attraversa una strada sulle strisce pedonali oggi, possa essere un buon parametro per giudicare la civiltà raggiunta.
P.s.Chi si ferma davanti alle strisce, nel mio caso, sono per lo più autisti di camion con targa straniera per la serie "Italia amore mio"

Marco Lucietto 22.02.10 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che ci sono delle regole, ci sono dei segnali, ma anche che ci sono un'infinità di teste di cazzo incredibilmente idioti a piede libero. Diciamo che il disadattato Raffaele Micelli con precedenti penali, dovrebbe prendersi per questo almeno 10 anni di gattabuia. Ma siccome metterà la coda fra le gambe e il sistema farà lo stesso, fra poco sarà in giro ancora a fare il pirla con la sua auto, che probabilmente lui, inconsciamente perchè non ha materia grigia, considera il prolungamento del suo pisello e della sua presunta virilità. Alla fine è solo un poveraccio manesco con la merda nel cervello.
Quanti come lui in questo paese del cazzo?

margaretha Zelle 22.02.10 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Non generalizzate.
Io quando vado in macchina e vedo gente al lato della strada mi fermo, gentilmente lascio passare e mi guadagno un sorriso. Se sono pedone vado dritto e deciso. Il problema è delle macchine. Un paio di volte hanno tamponato, la prossima volta rallentano prima.

Fabrizio G 22.02.10 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Da un vigile del centro sud cui mio marito fece notare che nessuno metteva la freccia ricevemmo questa spiritosa risposta. "La freccia la usano gli indiani".Il tono ironico denunciava chiaramente la sua stessa impotenza.Dov'è che il pesce puzza?

Claudia - Ts 22.02.10 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è grave, molto più grave: parlare di strisce pedonali o rispetto dei pedoni in città al sud principalmente, ma anche al nord (ahime!) ormai, è riduttivo.
Si tratta del semplice rispetto della persona, da parte di questi BASTARDI, che manca. La vittima poteva esser pestata se tentava di far valere i suoi diritti in coda all'ufficio postale, vedendosi passare avanti l'aggressore, oppure in coda in auto così come in qualsiasi altra situazione in cui per questi ANIMALI DA ABBATTERE, che non hanno nessuna intenzione di lasciare agli altri il diritto di vivere liberamente nel pieno rispetto di ciò che è normale aspettarsi in un paese civile, si vedono privati della loro conquistata supremazia. Conquista fatta con violenze spesso non solo NON punite dallo Stato, ma addirittura valorizzate! Maggior pena per reati del genere (che non sono "futili motivi", ma lesione dei diritti del prossimo!) e soprattutto condanna forte da parte dello Stato, oltre che della Magistratura.
E' da applaudire la collaborazione dei testimoni, che in città del sud è finalmente sempre più viva.
GRAZIE!!

Ruggero Giannasso 22.02.10 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono abituato in Germania, che appena un pedone
si avvicina alle strisce pedonali di fermarmi
e con un gesto di gentilezza fargli segno di accomodarsi a passare. Questo l'ho fatto anche
quando ero in vacanze in Sardegna e non c'e' mancato molto che quello dietro di me, non mi predesse a mazzate dalla rabbia.
In tutto questo si rispecchia che popolo incivile siamo.
FACCIAMO SCHIFO!! E.... ci meritiamo un Berlusconi

Aurelio T. 22.02.10 12:44| 
 |
Rispondi al commento

MA E' UN PAZZO!!!!
ATTRAVERSARE SULLE STRISCE!!???
BOH!!!!

Scherzi a parte, stiamo assistendo al rapido decadimento di questa (in)civiltà.
Abbiamo basato tutto sul materialismo, senza nessun rispetto né per l'uomo né per Dio!
Siamo davvero come "pecore senza pastore!". Che ti puoi aspettare?
Un uomo che ha perso il senso di se stesso, che puo' combinare se non danni su danni?

UOMO! ARI-TAKE YOURSELF (aripjate)!

Pino

Pino A. 22.02.10 11:01| 
 |
Rispondi al commento

un altro scuolabus ribaltato con bimbi feriti a bordo, a quando le cinture di sicurezza sugli scuolabus e un esame un po piú rigido per gli autisti?
saluti a tutti.

alex t., barcelona Commentatore certificato 22.02.10 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Non vi dico la mia esperienza a Brema in Germania,ero ospite da amici i quali mi hanno prestato una bici per visitare lacittà.E' bastato fermarmi un attimo ad un incrocio per decidere quale via prendere e senza nemmeno aver l'intenzione di attraversare la strada l'auto si è fermata e non si è mossa fin quando le mie intenzioni di non attraversare la strada fossero ben chiare.Magia del Nord europa.A Mestre ho rimediato un gomito fratturato per investimento in pista ciclabile.Pochi giorni fa pure mia madre ci ha lasciato un polso ..sempre in pista ciclabile..e per più di qualcuno i ciclisti son pure rompicoglioni..voglio andarmene da questo schifo di paeseeeeee

Nirvi anand 22.02.10 09:47| 
 |
Rispondi al commento

L'estate scorsa sono stato in Germania, Tutto un altro mondo. Li si fermano anche se fai finta di attraversare le striscie.Forse in Italia per attrversare le strisce in sicurezza dobbiamo aspettare la bella stagione che oltre le rondini porterà i turisti del nord Europa.
Consiglierei alla nostra classe politica di fare una legge che renda obbligatorio ad ogni italiano un soggiorni in Germania perlomeno di 15 giorni.

Marco Bettini 22.02.10 09:40| 
 |
Rispondi al commento

l'anno scorso fui investito anche io a oma sulle strisce e, benché ne pagherò le conseguenze vita natural durante posso ritermi fortunato. l'investitore non mi ha neppure chiesto scusa, ma anzi era scocciato che gli avessi causato questa noia...

tino bombarda 22.02.10 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Taranto e ribadisco il concetto della pericolosità degli attraversamenti pedonali nella mia
città ma anche le gimkane delle macchine per superare ,blocchi per comprare le sigarette e cosi' via.Tanto non c'è un vigile,ma non per caso,per abitudine.E'annosa la diatriba dei Vigili contro il Sindaco,dimenticando che i cittadini sono gli imprenditori che pagano i vigili e il Sindaco.Bisognerebbe azzerare l'intero
corpo e cominciare a rifondarlo,se non mi viene erogato un servizio perchè devo essere così masochista da pagarlo?

lorenzo sca 22.02.10 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto in Polonia lo scorso anno, e mi succedeva spesso che se qualche automobilista non dava la precedenza al pedone erano gli altri automobilisti a insultarlo, non c'era bisogno di farsi giustizia da soli come in Italia, li prevale il grande spirito di collettività.
In italia ognuno pensa ai cazzi suoi anche di fronte alla morte più vergognosa.

Benedetto C., Osimo Commentatore certificato 22.02.10 08:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno,
mi vergogno di essere quasi concittadina di quell'animale di Grottaglie che ha pestato a sangue un 'inerme persona che aveva il solo diritto di voler attraversare.
Anche qui a Taranto, la mia città, è facile finire sotto le ruote di un'auto e di all'0spedale se ti va bene altrimenti direttamente all'obitorio.
Quello che però voglio raccontare è un episodio occorsomi a Treviso ben 20 anno orsono. Mi stupii vedendomi sulle striscie e le macchine ferme tanto che pensai tra me forse son guaste, ahime si fermavano per farci passare. Ancora oggi rivedo la scena come in un sogno.

chiara rizzo, taranto Commentatore certificato 22.02.10 07:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti, io vivo in Germania, Berlino, da un 13mesi e devo dire che è quasi incredibile il rispetto per i pedoni che si vede qui. La mia vita da pedone a Roma (30 anni circa) è stata quasi tutta basata sullo "schivare" le auto che non rallenterebbero neanche davanti ad un moribondo. Qui invece per vedere le macchine fermarsi davanti alle strisce pedonali è sufficiente far scendere il primo piede dal marciapiede alla strada... ed il gioco è fatto! Sraà forse l'aria che respirano?

Paolo Bernardi 22.02.10 00:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chissà perchè quasi tutti hanno precedenti penali...mah...


http://lostspacetheodyssey.blogspot.com/

Mattia Pole 21.02.10 22:50| 
 |
Rispondi al commento

La scorsa settimana tornando a casa ho detto a mio padre che sto seriamente pensando ad armarmi, visto che attraversare sulle strisce sta diventando impossibile: ennesima lite con l'automobilista "cieco" di turno... Il tutto nella "civilissima" Busto Arsizio... e dato che su quelle strisce passo 10 volte alla settimana e che alla mia pelle ci tengo...

Andrea Vigezzia 21.02.10 21:18| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
SIAMO AL LIMITE DELLA FOLLIA BEPPE,ANZI OLTRE,AL DELIRIO!!!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 21.02.10 21:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori