Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il cerchio si è chiuso, la crisi non c'è.


Pianura_suicidio.jpg
Prima vennero i precari, poi le morti bianche, quindi la disoccupazione e per ultimo il suicidio per la perdita del posto di lavoro. Il cerchio si è chiuso, la crisi non c'è.
"Perdono il lavoro e si tolgono la vita: due morti in un giorno in Campania. Meccanico si uccide a Napoli. Il dipendente di un supermarket si spara un colpo di pistola nel Salernitano." Lalla M., Arezzo
"Questa non è una società civile, qui se si perde il lavoro è quasi impossibile trovarne un altro, inoltre non esistono sostegni da parte dello Stato ai disoccupati. La disperazione delle persone nasce dalla consapevolezza di vivere in un paese che non ti dà nessuna possibilità....ecco perchè molti preferiscono leccare il culo al potente di turno. Rendere quest'italia un paese civile sarà durissimo ma bisogna provarci." Giuseppe G.

16 Mar 2010, 21:58 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il bello deve ancora arrivare:
in italia va tutto bene anzi semo messi meglio de
-gli altri, ma di chi? boh!boh!....ariboh!
Come siamo diversi noi taliani:precari,licenziati,
abbandonati,1.800.000.000 di euro di debito, suicidati per perdita di lavoro,senza contratto,
però dice il nostro nano che tutto va bene.
In cina invece, che vanta 2.000.000.000.000 di dollari di avanzo, ha detto il mio consuocero, che lavora lì,che quando va a lavorà per la strada sente sempre un gran fetore di merda.
Il suo accompagnatore, cinese, gli ha spiegato:questo dovuto diarrea che ha colpito nostri capi timonieri perchè inflazione essere aumentata quasi 3% per effeto aumento 10% costo case .
Noi tutti non dormire notte non volere scoppio bolla non volere fare fine amerikani.

gigi fiorentino 17.03.10 22:23| 
 |
Rispondi al commento

"Questa non è una società civile, qui se si perde il lavoro è quasi impossibile trovarne un altro, inoltre non esistono sostegni da parte dello Stato ai disoccupati. La disperazione delle persone nasce dalla consapevolezza di vivere in un paese che non ti dà nessuna possibilità....ecco perchè molti preferiscono leccare il culo al potente di turno. Rendere quest'italia un paese civile sarà durissimo ma bisogna provarci." Giuseppe G.

PERFETTO!! Di una semplicità, ma anche di una lucidità disarmante.

maurizio s 17.03.10 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Draghi dice: "La Grecia puo' uscire dalla crisi dei suoi conti pubblici, che e' meno grave di quella affrontata con successo dall'Italia nel 1991, anche se i tempi sono cambiati" Possibile che il vertiginoso dissesto italiano non preoccupi nessuno tranne noi cittadini ?

tommaso bellagamba 17.03.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

In calabria si chiameranno alle urne per l'ennesima volta i cittadini;Stavolta non vedo il solito giro per le case in cerca di voti,ma i calabresi voteranno lo stesso e,purtroppo,è già scontato chi passa gli esami,visto che da un lato l'ignoranza delle persone che si aggiornano in base agli spot pro Berlusconi dei tg e giornali,dall'altro dalla mancanza della cultura della rete nella nostra regione,perciò i vincitori i saranno,ma saranno governanti nullafacenti,magari collusi con la mafia,con il potere che decide come spartirsi i miliardi di euro che la comunità europea investe e che i cittadini non vedono mai arrivare.Ci sono comuni ad alta densità mafiosa,altri dove non si assume più per concorso pubblico,ma per conoscenze (il cugino di,il parente di,ecc. ecc.).La politica nel mezzogiorno è morta da secoli,ma la popolazione locale sembra non accorgersi,sembrano tutti addormentati in un profondo letargo.Aiutiamo allora i nostri concittadini a risvegliarsi come fece il principe alla bella addormentata nel castello,che la punzecchiò con un ago per stuzzicare lo stato di tranche in cui era caduta la bella principessa.
Basta promesse secolari,basta ville miliardarie dei pochi e la fame dei molti,vogliamo LAVORO,REDDITO,VIVERE DIGNITOSAMENTE.

angelo fragomeni 17.03.10 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Se seguissimo il vecchio ma sempre ottimo suggerimento di seguire i soldi, ci si accorgerebbe che le classi politiche sono "solo" dei killers, degli esecutori di potentati molto più ristretti e loro superiori: una società che gira sul denaro non può comprendersi senza ragionare sulla sua natura, proprietà, produzione, distribuzione e controllo.
Trattato di Lisbona docet.

Roberto Vian 17.03.10 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono anche queste "morti bianche"?

Landru Forever Commentatore certificato 17.03.10 12:28| 
 |
Rispondi al commento

....possiamo aggiungere che adesso quando finisci un contratto a termine prendere i due soldi che ti devono di liquidazione (ultimo stipendio,ferie ,tfr e tredicesima) è diventato sempre e comunque una lotta e se ti va bene li prendi un poco alla volta come un elemosina....credo che suicidarsi passi per la testa a chiunque quando scopri che veramente non hai nessun diritto....:ci hanno tolto tutte le speranze.....

Giuseppe R 17.03.10 11:26| 
 |
Rispondi al commento

(Ironico) Bhe almeno dopo la lotteria per lo stipendio adesso qualcuno ha gia' adottato la lotteria per il posto di lavoro.... poi ci sarà la loteria per la pensione, magari tra un poco inventeranno la lotteria vivo o morto..... una volta eravamo il paese pizza pasta e mandolino, adesso pizza pasta e tanta fantasia, perchè quella non ci manca proprio.......

Andrea F. 17.03.10 10:41| 
 |
Rispondi al commento

ma come faceva quello ad avere una pistola scusate?

stefano s. 17.03.10 09:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa dire, se non il fatto che è un dato di fatto e che è la DURA realtà di chi perde come me un posto di lavoro...ormai è sottile la linea che divide dal fatto di compiere una sciocchezza...tutti dai datori di lavoro alle società di lavoro temporaneo ti chiudono le porte in faccia dicendo : " sei grande (ho 33 anni); hai troppe esperienza, non hai esperienza, non sei straniera"...Cosa ancora più Grave è NON SEI STRANIERA...Davvero non so più cosa fare e chi e dove andare ad elimosinare LAVORO...Io davvero non nè posso più dopo 14 ann di precariato a combattere per un contratto a tempo indeterminato ho esaurito la FORZA di COMBATTERE...E' il Ns GOVERNO CHE CI STA UCCIDENDO PIANO PIANO

erika vietri 17.03.10 07:47| 
 |
Rispondi al commento

qui ci vorrebbe una manifestazione che fermi l'Italia intera, ognuno nel proprio comune... fermare l'Italia per un giorno intero, senza bandiere di nessun colore na solo noi popolo, noi disoccupati, noi precari, noi sfruttati, noi donne, noi pensionati, noi studenti, noi giovani, tutti noi senza futuro.............
bisognerebbe gridare loro che li licenziamo per giusta causa, scacciare tutte queste iene che hanno ROVINATO l'Italia, che hanno fatto della politica una copertura per arricchirsi . Facciamo un grande blocco, penso che ognuno di noi abbia un buon motivo per manifestare la volontà che tutti gli attuali parlamentari, deputati, senatori,presidenti di partito di vari colori verdi, neri, bianchi, blu rossi, beige, uomini e donne etc etc e chi più ne ha ne metta, vadano a cercarsi un lavoro pena l'esilio nel deserto del Sahara
In francia la maggioranza ha disertato le urne ....già un tempo fecero la rivoluzione.....meditiamo italiani meditiamo siamo ancora in tempo per salvare il salvabile.
Il programma per migliorare la situazione italiana è presto fatto.... mandiamo via tutte queste sanguisughe e l'Italia risorgerà.

un saluto a tutti

gianfranco c., castions di strada Commentatore certificato 17.03.10 00:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo è tutto vero...
Quanto è frustrante...almeno per me...

gianni f. Commentatore certificato 16.03.10 23:45| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
I PARTITI,LA CONFINDUSTRIA COLLUSI CON MAFIA E P2 ATTRAVERSO LE LORO IMPOPOLARI NORME E LE LORO SBAGLIATE SCELTE SONO I VERI COLPEVOLI DI QUESTE ERRATE SCELTE CHE STANNO PORTANDO ALLO SFACIO SOCIALE E PRODUTTIVO IL NOSTRO INTERO PAESE, SONO LORO I COLPEVOLI, BASTA COME DICE V PER VENDETTA,GUARDARSI INTORNO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.03.10 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Forse un'opinione discutibile,ma mi chiedo se a
questo punto non sarebbe stat meglio far fuori i
datori di lavoro.

basilio grabotti 16.03.10 22:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nostri politici sono i loro assassini.

Gianluca R., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.03.10 22:54| 
 |
Rispondi al commento

ci stiamo avviando verso un periodo molto, molto duro.
L'Argentina in confronto sarà rose e fiori.
Qui in Italia sarà un'ecatombe.
Le aziende chiudono e delocalizzano.
Chiudono e licenziano i dipendenti.
Ma la Casta dovrà seriamente avere paura e temere la reazione da parte di coloro i quali non avranno più niente da perdere. E saranno molti. molti.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 16.03.10 22:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori