Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Abiti in affitto


suite_at_work.jpg
In tempi di crisi ogni spreco è un crimine. A Reggio Emilia Il MoVimento 5 Stelle propone l'iniziativa "abiti firmati in affitto" contro la crisi del tessile già attuata in siti come: http://www.suiteatwork.it. Ci sono magazzini pieni di abiti invenduti e commercianti che non vendono un chiodo. Matteo Olivieri, consigliere comunale MoVimento 5 Stelle, ha fatto una proposta in consiglio per aumentare l'occupazione. Iniziative imprenditoriali che offrono capi in affitto lavati, stirati e cuciti con abbonamenti a diversa durata, dalla settimana estemporanea fino all’intera annualità a prezzi contenuti. Prezzi molto competitivi, abbonamenti settimanali a 40 euro per 5 cambi completi e addirittura 200 euro all’anno per lo stesso servizio. Belin, mi abbono subito.

29 Apr 2010, 23:16 | Scrivi | Commenti (50) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ma oggi sui banchetti dei mercatini con 5 euro compri pantaloni nuovi e magliette nuove... Secondo me ci vuole solo buon gusto e cura delle proprie cose, non serve affittare gli abiti di qualcun altro!!!

dora basile (doranervosa), roma Commentatore certificato 10.11.10 00:15| 
 |
Rispondi al commento

http://alministroalfano.splinder.com/

Yves Toniout Commentatore certificato 05.11.10 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Torniamo tutti al baratto! Anche in rete ci sono molti siti interessanti in materia, ve ne cito un paio:

http://www.barattando.com
http://www.zerorelativo.it

Giulio C., Spoleto Commentatore certificato 21.09.10 09:47| 
 |
Rispondi al commento

In questa cosa degli abiti non ci vedo niente di male. In inghilterra e penso anche altrove è uso comune.Da noi c'è invece questa allergia alla sola idea, come fossimo tutti dei briatore. Poi di nascosto magari signore insospettabili affittano per la figlia l' abito nuziale, acconciatura compresa, tanto nessuno lo saprà mai! e fanno benissimo , poverine. Chissà se a roma l' ioniziativa è già arrivata? se sì, dove?
grazie.

juliette di bartolo 06.06.10 15:02| 
 |
Rispondi al commento

SIGNOR MINISTRO, SONO TRASCORSI PIU’ DI DUE MESI MA ELLA NON SI E’ DEGNATA NEMMENO DI LEGGERMI. PRESTO LASCERO’ QUESTO GRAN PAESE DI MERDA, PERTANTO SI RISPARMI L'EVENTUALE BENEVOLO INTERVENTO.
SI VERGOGNI INSIEME A TUTTO IL GOVERNO!
http://alministroalfano.splinder.com/post/22101862/governo-berlusconi
Gentile Ministro Alfano,mi permetto di disturbarLa per chiedere un Suo benevolo intervento affinchè la questione che vado ad esporLe possa giungere all'esame dell'Ufficio del Ministero di Grazia e Giustizia cui compete la sua risoluzione.
Il motivo per cui ritengo opportuno chiamarLa in causa tramite questa lettera, trae origine dalla strafottente negligenza con cui il Governo centrale e le Istituzioni locali affrontano tale questione: infischiandosene altamente che la stessa fu portata alla loro attenzione dall'autorevolezza della Presidenza della Repubblica; da una interrogazione parlamentare presentata all'ex Ministro degli Affari Esteri Massimo D'Alema; dalla sua pubblicazione su giornali sia italiani che stranieri e, parzialmente, sul sito web della Camera dei deputati; da una istanza inoltrata nella primavera del 2008 al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi utilizzando i recapiti di posta elettronica disponibili sul sito di Palazzo Chigi e, via Fax, allo 066783238 di Palazzo Grazioli. Tale istanza fu inoltre pubblicata su diverse testate giornalistiche online, su numerosi blog, eccetera eccetera. L’inoltro di tale istanza,come del resto tutti gli altri tentativi finalizzati a riscuotere il Governo dall'inerzia applicata da anni alla questione, sono serviti soltanto a persuadermi che la più volte annunciata "Vicinanza dello Stato a tutti i cittadini", non è altro che una delle tante ipocrisie del nostro connazionale Berlusconi, da aggiungersi a quelle già raccolte in un voluminoso libro intitolato "LE MILLE BALLE BLU. Infatti, gli unici segnali di vicinanza e di senso del dovere lanciatimi dalle migliaia di collaboratori che popolano i Palazzi...

Yves Toniout Commentatore certificato 12.05.10 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Se la Procura della Repubblica riterrà opportuno e doveroso tutelare i miei interessi di cittadino, credo abbia l’autonomia necessaria per farlo anche senza le scartoffie bollate dal Suo Dicastero, ma basandosi semplicemente su quanto, con la consapevolezza delle responsabilità cui vado incontro, dichiaro in questa lettera.
http://alministroalfano.splinder.com/post/22101862/governo-berlusconi

Yves Toniout Commentatore certificato 03.05.10 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao beppe so che riceverai parecchi messaggi ma io sono quello della polenta e zola e vorrei ricordarti che la gente normale che ha una testa sulle spalle e pensa con serenita ti legge e tu sei il l'interlocutore quotidiano e semplicemente razionale del nostro sistema marcio.
Io ho votato il movimento 5 stelle (lotta continua, nsu, dp) insomma sinistra operaia e dopo anni di ricerca di un riferimento equo e popolare ( bertinotti l'ha presa nel culo e gli sta bene perche era diventato un servo del sistema) finalmente qualcuno con i coglioni e risorto. Io non sono studiato o filosofo, mi alzo alle 5 di mattina per mungere e cerco di dare ai miei popi valori umili e normali, ma sono stanco di essere un ...........niente che serve3 nel mio piccolo a rafforzare i grandi.
Se i signori della politica ed economia si immedesimassero ala nostra quatidiana vita semplice e piena di imprevisti forse ci penserebbero due o tre volte prima di stipulare leggi o fare scelte inpopolari
grazie e spero che legga il mio sfogo
flavio

carluschi flavio 30.04.10 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Qui non si tratta di essere fighi ma di non dover sempre sudare per una maglia anche qualsiasi e per un paio di scarpe, e vero che affittano abiti per un matrimonio ma 200 carte le spendi per una giornata anziche per un anno e un idea questa e buona pensa ai vantaggi a tutta la gente che prendera lavoro, nn e una questione di griffe ma pensa allo smacco.... di chi puo indossare una magliettina schifosa o un vestito di armani allo stesso prezzo ... e pensa ai vantaggi per aziende e lavoratori gli unici che potranno piangere saranno le case di superfichi che non aderiranno e vorranno sempre vendere falsi per migliaia di euro... per quanto riguarda l ambiente e una specie di riciclo di abiti quindi si blocchera un po la produzione e i macchinari non vedo dove sia il problema e a me sembra un ottima idea.. io vivo in piemonte e qui non c e nulla la gente o ragiona sulla meccanica o sulle truffe e propone sempre le stesse cose,questo paese e morto per questo perke la gente nn e aperta alle innovazioni io ad es raramente posso permettermi un abito ma sarei molto piufelice se pagando una bassa cifra annuale potessi avere questa opportunita e questo iltrucco bassi costi accessibili a tutti e piu numerosa e la clientela piu lauti saranno i guadagni, il comunismo, ilpresidente e la mafia portano allacrisi e alladistruzione della idee

Fabio Papurello 30.04.10 21:08| 
 |
Rispondi al commento

MA CHE BELLA IDEA...UNO SCIOPERO DELLA FAME SUI TETTI DELLE DITTE CON LE GRIFFE ADDOSSO...COSI' RILANCIAMO IL MADE IN ITALY, IL PRETE A PORTIER,L'UOMO DI SULCESSO.. ANZI POTREMMO ORGANIZZARE ANCHE DELLE SFILATE DI MODA SUI TETTI, CON I PICCIONI CHE VOLANO.. MI SEMBRA UN'IDEA ECCELLENTE...BRAVI CONTINUATE COSI'

roberto scuro (uccello scalciante) Commentatore certificato 30.04.10 21:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Risposta alle diverse e varie critiche:
1 - riguardo ai capi firmati non capisco perchè rappresentino qualcosa di cui vergognarsi quando si tratta di non lasciarli in magazzino, mentre siano un bene da difendere quando si parla dei migliaia dei cassintegrati in seguito alla crisi
2 - riguardo alla possibilità di risolvere la crisi del tessile con questa proposta non c'è scritto da nessuna parte, questa è UNA proposta per farlo, mi permetto di dire molto avanzata, perchè sposta sul servizio il valore aggiunto, togliendolo alla produzione tale e quale
3 - nessuno dei critici ha sotolineato i potenziali benefici ambientali, entropici (no al caos e alla confusione), alla difesa del reddito.
- a- vantaggi ambientali: lavanderie e stirerie professionali e centralizzate possono (anzi è così) consumare molta meno acqua ed energia per fornire lo stesso servizio di lavaggio e stiratura. Non si producono immense quantità di capi che poi rimangono inutilizzate negli scaffali
- b - vantaggi "entropici": abbiamo bisogno di case sempre più grandi perchè non ci stanno le cose: o non è così? l'affitto limita drasticamente questo problema
- c - difesa del reddito: se posso sostutuire un bene con un servizio ed avere una spesa inferiore, difendo il reddito dei cittadini.

Spero di stimolare altre critiche con queste note, il bello è discutere.
p.s.: dove lo fanno, cioè in tutto il mondo, funziona. ma penso che sia una cosa secondaria per il figlio del sarto qua sotto che con 40 euro si fa 2 cambi.....mah

Matteo Olivieri Reggio 5 Stelle, reggio emilia Commentatore certificato 30.04.10 20:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
trovo che questa idea dia l'esatta misura dell'errore che è stato commesso.
Un uomo, Beppe Grillo, che ha in mano tutti i cittadini che non si riconosco ne nella destra e ne nella sinistra, che da anni raccoglie consensi ed energie in questo senso, che ha catalizzato intorno a se milioni di consensi, quest'uomo che non si è mai voluto esporre in prima persona CANDIDANDOSI alla guida di un suo partito/movimento, ma ha semplicemente ELERGITO bollini blu a liste da lui valutate come " di qualità", ora quest'uomo sostiene che questa dell'affitto di abiti firmati sia : una buona idea e un sostegno alla gente durante la crisi.

Beppe, ma perchè ??

Perchè hai catalizzato tutta questa energia per poi sprecarla così ??

Cesare Fracca

Cesare Fracca 30.04.10 20:05| 
 |
Rispondi al commento

i magazzini pieni le multinazionali li svuoteranno quando riusciranno a prendersi le bancarelle dei mercati per poi venderli direttamente loro..
grazie alla direttiva bolkestein la faranno passare per una grande liberizzazione del settore.. sottrarranno le bancarelle come le spiaggie in concessione per darle ai grossi gruppi.. che te le ridaranno prendentoti per il collo come i famosi negozi in franchising..

maurizio f. Commentatore certificato 30.04.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono interessato a costituire un circolo-sezione a 5 stelle a Roma-s.Giovanni che può essere ospitato nella sede dell'associazione di escursionismo Azimuth www.asiea.it che presiedo -via la Spezia 60 b-. Saluti da Rosa Petruzzelli Mario asiea@tiscali.it - 348 5111982 - 06 70302891

mario rosa petruzzelli 30.04.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento

BELLA BELLA, NON C'E' CHE DIRE

Bella cagata d'idea, non c'è che dire.
ABITI FIRMATI ???????
ma vadavialcul và

sandro c., altrove Commentatore certificato 30.04.10 19:16| 
 |
Rispondi al commento

con tutto il rispetto beppe...ma mi sembra una grandissima caxxata!!...

spero veramente che sia uno scherzo!!...

william v., rovereto (TN) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.10 18:48| 
 |
Rispondi al commento

L'abito firmato? Ma che boiata.
Certo però che gli operai sui tetti ci farebbero una bella figura...

Franco F. Commentatore certificato 30.04.10 18:26| 
 |
Rispondi al commento

L'angolo del "Come t'inculo il nano"


Se ne sentiva il bisogno! In effetti l'unica cosa che mi frena dallo scatenare la rivoluzione è che non so cosa mettermi. Resto in attesa dei profumi adatti da abbinare. Grazie Movimento!!

Ace Gentile, torino Commentatore certificato 30.04.10 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono contenta che ci sia qualcuno che porti queste idee dall'estero; ognuno è libero di spendere i soldi come vuole riguardo il discorso vestiti firmati. Propongo di estendere la cosa anche per gli oggetti che si usano solo per un tot di tempo, può essere da un passeggino ai seggiolini per auto per bambini, dalle macchine da cucire alle biciclette magari anche elettriche da affittare a giorni, settimane, mesi. Che ne dite? Meno spreco, pagamento di una piccola cifra e massima serietà. I cittadini possono costruirsi ciò che vogliono se si organizzano


L'azienda vende piu volte l'abito penso sia consapevole dei rischi se questo si rovina il tutto sarà incluso nel prezzo, per quanto riguarda abiti, quanti di voi possono permettersi un paio di scarpe anche uno solo mensili per togliendo spese di affitto ecc ecc. .. allora? non so se siete tutti benestanti o cosa..senza contare che inoltre i costi dei lavaggi sono inclusi nell'abbonamento, se fossi l'azienda una volta che mi comprano un abito 6000 volte sono consapevole dei rischi e che si possa rovinare ma i costi non li includo certo ai clienti inoltre si parla anche di sprecare poco in senso di inquinamento e di macchinari, poi qualcuno ha scritto 40 euro a settimana a me sembra ci sia scritto al mese, cazzo pagare 40 euro al mese e indossare tutto quello che c'è in un negozio non mi pare male.. qui i dindi cominciano a scarseggiare e anziche trovare scarpe marce da pochi euri o buone da troppi euri direi che questa e un ottima soluzione,pensate anche alle cerimonie o ai matrimoni come ha detto il genovese qui sotto... vogliamo portare un po' di libero mercato in questo paese, dove il primo comunista(quello che dice di odiarli) ce l'abbiamo al governo, sempre a criticare qualsiasi cosa e basta e per questo che il paese resta fermo

Fabio Papurello 30.04.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con questa idea si è toppato.L'abito firmato è di per sè un oggetto fastidioso,è cafone,come tutto ciò che ha come scopo principale l'apparenza, il dare all'occhio, il farsi guardare.Affittare un abito firmato? Giammai, mi sentirei due volte povera

maria rollo 30.04.10 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi se ne frega, degli abiti firmati.
Fatevi pagare, per portare in giro le loro grif.

antonio d., carrara Commentatore certificato 30.04.10 16:35| 
 |
Rispondi al commento

BELIN PERO'

PERO' L'IDEA E' VALIDA SE

SE L'ABITO FIRMATO MI SERVE SOLO PER ANDARE A QUALCHE CERIMONIA E POI IL GIORNO DOPO TORNO A VESTIRMI "CASUAL" MADE IN CINA.

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 30.04.10 16:27| 
 |
Rispondi al commento

che bello, quindi potrei spendere 200 euro per tenere un anno cinque cambi completi senza che poi mi rimanga niente in mano, con il rischio poi che questi abiti mi si rovinino e mi ritrovi costretto a pagare degli abiti che non mi posso permettere, tutto ciò mentre con la stessa cifra potrei comprarmi cinque cambi completi senza doverli poi restituire, certo non sarebbero abiti firmati, ovvero abiti che costano 100 volte il loro prezzo reale.
mah!

mario antonelli 30.04.10 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Ma che sciocchezze!
Una ditta unica che produce abbigliamento per tutti (gli abiti sono firmati da loro, a quanto ho letto sul loro sito, non Armani o chissà chi, se non ho capito male), e intanto facciamo chiudere tutte le altre. Tempo 3-4 mesi e i cinesi si mettono nel mercato e anziché 20 euro ne chiedono 5.
Sarebbe sufficiente tenere gli abiti per qualche stagione in più senza avere la smania di inseguire le mode, o fare passare l'idea (come in questo caso) di cambiare continuamente il proprio look... bell'esempio che si da' ai giovani.
Da una parte si dice di farsi il detergente per i piatti in casa e dall'altra mettiti un abito diverso ogni giorno e segui la moda e il look del momento.
Bella coerenza!

Luigi Belli 30.04.10 15:57| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace questa iniziativa da fashion victim borghese. mi auguro che in piemonte il movimento proponga cose diverse ed anzi aspetto con ansia notizie dalla mia regione. ;-)

Isidora Sgueig, Torino Commentatore certificato 30.04.10 15:43| 
 |
Rispondi al commento

BELIN
FORSE HO CAPITO MALE
FACCIAMO UN PO' DI CONTI

40 EURO A SETTIMANA PER VESTIRMI 5 GIORNI FA 200 EURO AL MESE PER VESTIRMI

CON 200 EURO MOLTI CITTADINI PURTROPPO COMPRANO GIA' DIVERSI VESTITI USATI MA IN BUONO STATO DAI RIGATTIERI PERO' NON SI VESTONO SOLO PER UN MESE.

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 30.04.10 14:08| 
 |
Rispondi al commento

... mi sembra una buona idea...

movimento politico PARTITO DELLE DONNE Commentatore certificato 30.04.10 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Interessante, così ora indosare abiti griffati diventerà quasi d' obbligo per chi deve presentarsi ad un colloquio di lavoro? "Avrebbe potuto affitare un Armani invece di venire conciato così." L' abito non deve fare il monaco, cerchiamo di non divulgare stupidi stereotipi per cortesia.

Guildenstern von Kalte Commentatore certificato 30.04.10 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Francamente l'idea non mi entusiasma, anche perchè al di là dei prezzi contenuti ci sono sempre altri fattori di rischio, come piccoli incidenti che possono rovinare gli abiti per quanta attenzione si possa fare, ritardi nella restituzione, i costi dei lavaggi per restituire gli abiti in ordine e quanto altro ora non mi viene in mente. Insomma: quali costi comportano queste eventualità per dei capi che poi non rimangono nostri? Lo sharing che in alcuni casi può essere utile per ridurre costi, impatto ambientale (vedasi car sharing) o altro, tuttavia non risolve i problemi a chi veramente ne ha tanti e di grossa portata. Vi pare giusto che anzichè risolvere i guai di questo Paese dobbiamo ricorrere alle forme di "carità" e risparmio più inimagginabili? Personalmente vorrei che chi governa, di qualsiasi partito a questo punto (anche nel MoVimento 5 Stelle che appoggio), si attivi perchè tutti possiamo avere la possibilità di comprare ciò che ci serve per vivere, sempre nel rispetto delle regole e di ciò che ci circonda. Si vive una volta sola, c'è chi non ha i soldi neppure per le mutande e lo sharing degli abiti firmati è, forse, più una provocazione che lascia il tempo che trova.

caterina elle 30.04.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento

SCAIOLA e la VISTA SUL COLOSSEO.
Meraviglioso appartamento, preso a quanto pare con EVASIONE FISCALE ovviamente e quindi a nostro spese. E' una prassi consolidata tra i LADRI, TRUFFATORI, CORRUTTORI che stanno nel governo e messi in parlamento a nostro libro paga per blindare meglio i LADRONI.
Dimissioni presentate e, come da prassi tra LADRONI, immediatamente respinte, una ladro non accetta le dimissioni di un altro ladro, non si è mai visto.
Pare che in questo Paese di BEOTI TAFAZZI più son LADRI più son votati. Incredibile, ma vero....finchè dura.

dr. Hause 30.04.10 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Dovete trovare una lamentela per qualsiasi buona proposta? per una volta che qualcuno ha idee buone? con 40 euri compri due abiti ma tieni sempre e solo quelli, poi cos'è questo classismo metti che un povero diavolo deve presentarsi a un colloquio ben vestito e voila non avrà nemmeno la paura delle spese per un abito che magari viene sprecato e l'iniziativa caro figlio del sarto é per il tessile che e in crisi, a blabare siamo buoni tutti, ma quando gli spicci mancano e inutile tirarsela tanto, non centrano mercatini e cazzate varie, qui si tratta di un ottimo servizio 5/7 puoi sempre andare in giro vestito bene e qualcuno che si lamenta qui ha per caso pensato a quanta occupazione possa dare una cosa del genere? richiede un bel po' di manodopera, prima pensare poi parlare...quindi si tratta di nuovi posti di lavoro

Fabio Papurello 30.04.10 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Ma', non so che dire!La cosa non mi convince molto.Intanto un povero diavolo con addosso un abito,che so', di Armani,mi pare incongruente e poi davvero è una buona idea dal punto di vista commerciale? Io preferisco il mercatino, ci sono ottime occasioni per chi sa trovare

maria rollo 30.04.10 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Io con 40 € me ne compro 2 di abiti e li metto quando voglio. E se lo dice un figlio di un sarto ed ex commerciante di abbigliamento...

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 30.04.10 10:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avere addosso capi firmati che in realtà non mi posso permettere non è un bel messaggio. Però devo ammettere che l'idea è interessante da punto di vista economico.

Alessio Nicolini 30.04.10 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Iva sulla schiena delle Famiglie Italiane.

Cosa possiamo fare per poter togliere o utilizzare l'Iva che appioppano sulle nostre Famiglie?

Tony C., Forlì Commentatore certificato 30.04.10 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista mi sembra, citando un famoso filosofo, il ragionier Fantozzi, una ca..ta pazzesca.
Ivan

Ivan Mondo 30.04.10 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Questo si che é marketing, finalmente qualcuno che ha un idea decente, anche io sono colmo di idee peccato che le senta sempre sprecate perché questo paese non é aperto alle innovazioni

Fabio Papurello 30.04.10 08:53| 
 |
Rispondi al commento

ottima idea,quando mi invitano ad una cerimonia mi viene un colpo al pensiero di comprare un abito decente ad un prezzo abbordabile,in questa maniera sarebbe perfetto.

bella swan 30.04.10 08:16| 
 |
Rispondi al commento

Lo stesso sistema lo si dovrebbe adottare per i mobili, specie per quelli che non avendo pagate una cartella esattoriale si sono ritrovati i mobili pignorati e venduti alle aste giudiziarie senza peraltro aver estinto il debito stesso.
Affittando i mobili evitano ulteriori pignoramenti e un esoso esborso/debito per un nuovo arredo decente di casa.

Mauruzio Book 30.04.10 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Ne avevo già sentito parlare e trovo che l'idea sia buona al riguardo ci sono anche iniziative per lo scambio di oggetti tipo culle e abiti per bambini che trovo anche e forse piu interessante?
IL BARATTO come nel film di zampaglione?
http://www.zerorelativo.it
http://www.scambiamoci.it/index.asp

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 30.04.10 07:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E le ditte relative di manifattura? Mica possono stare in piedi con la solo vendita di un paio di capi!!! Poi falliranno, di conseguenza, ci saranno ulteriori disoccupati, la ruota gira ma, il carro rimane li!!! Con tutto il mio rispetto per il mitico Beppe ma , io non credo che è questa la soluzione per il problema economico. Anzi!!!

Vincenzo Luciano 30.04.10 07:18| 
 |
Rispondi al commento

I cinesi, che sono molto attenti al risparmio, praticano questa "strategia" da sempre.
Qua si affittano pure gli abiti x il matrimonio, che, se ci pensate bene, ha senso, perche' spendere qualche migliaio di euro per un vestito (nel caso della donna) che verra' usato una volta sola e' un vero assurdo.
Qua con 50 euro si affittano vestiti per il matrimonio di ottima fattura.
E ovviamente, vestiti per ogni altra occasione.
E il business funziona...

Roberto Colombo 30.04.10 02:15| 
 |
Rispondi al commento

Poco da aggiungere. E' ciò che ho sempre sognato.

sandro raspa, pomezia Commentatore certificato 30.04.10 00:19| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
DA IMITARE,DA IMITARE IN TUTTA ITALIA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 30.04.10 00:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori