Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I Comuni del cemento


cementificazione.jpg
I Comuni sono diventati delle agenzie immobiliari. Per far quadrare i conti si stanno vendendo il nostro territorio.
"Uno degli effetti dell'impoverimento dei Comuni è che sono spronati ad aumentare le aree edificabili per incassare gli oneri di urbanizzazione che sono spesi in gran parte per finanziare le spese correnti mentre ci dovrebbe essere una legge che impone ai comuni di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per fare opere pubbliche a vantaggio dei cittadini, che si vedono ridurre sempre di più il verde, e ad avere strade sempre più obsolete e intasate." FABER C., RIMINI

10 Apr 2010, 21:14 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Proprio stamattina, durante il mio consueto giro in bici domenicale, parlavo di ciò con il mio socio. Nei centri rurali della campagna milanese i nuovi condomini spuntano come funghi, ma è evidente che la maggior parte dei nuovi appartamenti rimarrà vuota. Senza lavoro e prospettive per il futuro, la gente non compra, non ci sono i soldi, ma i comuni seguitano ad autorizzare concessioni edilizie perché, senza ICI e col patto di stabilità, gli oneri di urbanizzazione sono la più cospicua fonte di entrate per le amministrazioni comunali. Ma a Berlusconi ciò non interessa: per farsi votare, lui deve far finta di abbassare le tasse e pazienza se i comuni, rimasti senza appoggio dallo stato centrale, sono costretti a svendere l'integrità del territorio...

Paolo G. Commentatore certificato 11.04.10 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Anche io confermo che nel Comune in cui risiedo l'Amministrazione non solo abusa degli "oneri di urbanizzazione" ma addirittura vende ai privati immobili di proprietà del Comune per far quadrare i bilanci in rosso!

Per inciso è un Comune che ha, tra l'altro, anche ulteriori introiti dovuti al "termovalizzatore" presente sul suo territorio.

alberto arnoldi 11.04.10 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Effettivamente in Romagna, in particolare lungo la via Emilia, ad esempio, i Centri Commerciali, negli ultimi tempi, sono spuntati come funghi a fronte di comuni che difficilmente superano i 100.000 abitanti. Ora posso capire che nelle grandi aree urbane ci siano necessità strutturali di approvigionamento e quindi si possa giustificare (seppur parzialmente). In Romagna, invece, si vedono spesso mega-ipermercati dove 6 giorni su 7 le casse aperte sono al massimo 3 o 4 (sulle 20 o 30 messe a disposizione!!!) e ultimamente si percepisce una grande desolazione...

Paolo Morsucci 11.04.10 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Quello che i Comuni spesso tengono "nascosto" è il rapporto, spesso drammatico, del costo degli enti in relazione alla ricaduta economica verso i cittadini (es. risorse economiche di un comune 100€ di cui: costo per il suo funzionamento 40-70€ e soldi a favore della comunità 60-30€ a seconda della virtuosità dell'Ente).
Ovviamente ciò vale anche per le Regioni e le Provincie.........

Renato Mazzoli 11.04.10 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è vero e vale ovunque.
I Comuni sono ormai degli enti inutili, parassiti e alla bancarotta: usano gli oneri di urbanizzazione per pagare gli emolumenti agli assessori e sindaci e gli stipendi ai dipendenti. E questo li spinge a rilasciare sempre più concessioni edilizie e a trasformare in edificabili terreni che prima non lo erano (si badi bene, terreni non certo scelti a caso o in base a motivazioni tecniche...). Ma anche questa porcata è destinata a degenerare: gli oneri di urbanizzazione incidono pesantemente sul prezzo di vendita degli immobili, sempre meno accessibili alle tasche dei più...
Di questo passo, si può facilmente prevedere uno stato di totale perdita di controllo del territorio da parte dei comuni stessi e, nel disordine che si verrà a creare, un abusivismo già sperimentato e messo in pratica in molte parti, specie nel sud...

Silvano P. 11.04.10 11:50| 
 |
Rispondi al commento

La qualità della vita si è persa da tempo, insieme ai sogni, all'etica, alle sfumature umanamente deboli che andavano difese. Grazie papà, grazie mamma, grazie a voi noi figli siamo stati deprivati della possibilità di respirare in un mondo libero. Vi siete venduti con la scusa che lo facevate per noi, per darci un giorno la sicurezza economica, ecc. E oggi che non c'è rimasto nulla, ve ne state seduti sulle vostre poltrone dei bottoni, accusandoci di non essere bravi come voi, perchè non riusciamo a sostenere i vostri ritmi di arricchimento. Un arricchimento dei padri pagato col futuro dei figli

marco avena 11.04.10 10:49| 
 |
Rispondi al commento

LA LEGGE ESISTEVA!! E'STATA MODIFICATA NEL 2000.
SENTITE L'INTERVISTA A REPUBBLICA DEL NEOPRESIDENTE DELLA REGIONE TOSCANA, ROSSI.

E' AL MINUTO 23:20
http://tv.repubblica.it/videoforum/enrico-rossi/45143?video=&pagefrom=1

Andrea P. Commentatore certificato 11.04.10 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Anche a Pescara il comune svende tutto

Mirella B. Commentatore certificato 11.04.10 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Leggo che il contributo arriva da Rimini. Ed infatti Rimini è un esempio di cattiva amministrazione sorretta da una cricca di imprenditori e operatori turistici che non vedono al di là del loro naso. Nell'ultimo decennio hanno costruito solo centri commerciali e palazzine, in totale spregio delle necessità della popolazione residente. Ultimi capolavori: il più grande palacongressi italiano infilato in piena area residenziale che è costato 130 milioni di euro.Costruito con soldi pubblici tra il tripudio delle lobbies turistiche locali, si prepara ad essere una cattedrale nel deserto. A Riccione,intanto, per non essere da meno, ne hanno fatto un altro .. di palacongressi. E adesso litigano su chi dovrà amministrare il flusso di ospiti tra le due strutture.. flusso che non c'è.Stiamo parlando della Rimini che per quella pagliacciata di fine anno su RAI 1 versa nelle casse della RAI 700-800 mila euro, sempre di soldi pubblici, con dubbi ritorni sul turismo. Invece di distribuire la spesa su eventi che interessino tutto il territorio, l'amministrazione locale preferisce pagare in un'unica soluzione lo spettacolone RAI di fine anno. Una commessa, una fattura.. tutto più semplice, non so se mi spiego.. Gli albergatori acconsentono, tanto mica pagano loro. Anzi, a ben guardare, eventi del genere si finanziano con i soldi prelevati in gran parte dalle classi economiche che devono pagare le tasse, per finanziare coloro che, dati alla mano, le tasse le evadono.Un esempio: i bagnini riminesi dichiarano 30 mila euro l'anno di media.Una licenza per stabilimento balneare non costa meno di 800 mila euro. Fate un pò voi i conti. .. Peccato, perchè con tutti quei soldi avremmo potuto finanziare laboratori scolastici,qualche palestra (le strutture sportive comunali a Rimini fanno schifo..)e, naturalmente, mettere a posto le buche delle strade.Per non parlare della rete fognaria: per chi ancora non lo sapesse, Rimini scarica le acque nere a pochi metri dalla riva.Neanche a Bombay..

nonsenepuo davveropiu 11.04.10 00:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assisto tutti i giorni allo scomparire della campagna sotto cavalcavia, centri commerciali, capannoni lasciati vuoti e infinite case e condomini.
Ogni volta che vedo delimitare un campo con i paletti che usano le imprese edili mi si stringe il cuore.
Ci sono milioni di appartamenti vuoti ma si continua a costuire perché in Italia non si investe in altro perché non conviene. Noi non produrremo più nulla e contemporaneamente devastiamo il nostro territorio.
Ci stiamoo suicidando come cultura e come paese. Ma forse è meglio così. Un paese così è meglio che sparisca.

Think Again 11.04.10 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Condivido ! Ognuno pensa per se...

games online 10.04.10 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Torno a ripetermi il giorno che faranno qualcosa per tutti,saranno appesi per i piedi.
Loro se ne guardano bene.

Roberto Donati 10.04.10 21:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori