Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le banche della Lega


Bossi_banche.jpg
Bossi vuole le banche del Nord, ma le banche sono istituti privati o enti controllati dai partiti? Le banche stanno in piedi grazie ai depositi dei cittadini e a loro devono rispondere, non ai politici. Le banche portano male alla Lega. La Credieuronord l'ha quasi rovinata. Ed era solo un piccolo istituto di credito...
""Bossi: Vogliamo le banche del nord!". Ora, vista la fine che ha fatto l'unica banca posseduta sinora dalla lega io, fossi un risparmiatore del nord, ritirerei immediatamente i miei risparmi e li trasferirei in qualche banca del sud oppure all'estero... non vorrei prenderla nel c..o come è accaduto a quei coglioni che hanno creduto nella Credieuronord...". Danilo De Rossi

15 Apr 2010, 16:40 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

rimettere i soldi in qualche banca del sud ; banco di sicilia, banco napoli, 121, te ne sei dimenticato ?

banca del nord..1 sportello... chi metteva soldi sapeva bene i rischi.. e' stato un tentativo finito male.. d'altronde il rischio c'e sempre..

Lucina Prospero Commentatore certificato 16.04.10 19:15| 
 |
Rispondi al commento

La Sec cita Goldman Sachs con l'accusa di frode legata a Cdo, Bloomberg
(16 Aprile 2010 - 16:59)
MILANO (Finanza.com) - La Sec, la Consob americana, ha chiamato in giudizio Goldman Sachs Group con l'accusa di frode nei confronti degli investitori in transazioni riguardanti titoli legati ai mutui subprime. Lo riporta l'agenzia Bloomberg. Il titolo Goldman Sachs cede circa 10 punti percentuali. Immediata è stata anche la reazione al ribasso dei mercati azionari internazionali.


Goldman Sachs: tonfo del titolo a Wall Street, -9,8%***
(16 Aprile 2010 - 16:54)

manuela bellandi Commentatore certificato 16.04.10 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Tale Renzo Bossi, elevato agli altari della Regione Lombardia solo perché figlio di Umberto Bossi e nonostante un curriculum scolastico di tutto rispetto asinino-somaresco la dice tutta su a che punto siamo della notte.Non meravigliamoci se domani ci ritroviamo con un simile asino alla guida
di qualche banda,,,,,,,ops BANCA!

mario ., monopoli Commentatore certificato 16.04.10 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Tale Renzo Bossi, elevato agli altari della Regione Lombardia solo perché figlio di Umberto Bossi e nonostante un curriculum scolastico di tutto rispetto asinino-somaresco la dice tutta su a che punto siamo della notte.
Non meravigliamoci se simile somaro lo ritrovereno a capo di una banda ops BANCA.

mario ., monopoli Commentatore certificato 16.04.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Bossi ovviamente vuole banche e quant'altro.
E' il suo compito da vero politico italiano, spiace dirlo ma è così. Il guaio vero è che per uscire dal medioevo bisognerebbe poterli cambiar tutti, e visto che sono a conoscenza del Museo Lombroso, beh.... lo vuole chi comanda qui a To, vedremo alle prossime elezioni cosa salterà fuori, così come si vuole l'inceneritore ad esempio.
un'amica insospettabile, una mamma molto più tranquilla di me mi ha scritto che questo paese qui è alla deriva....

silvia bossi 16.04.10 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Quello che più mi impressiona è che, subito dopo il voto, si manifesta la vera natura di questi politici della lega (ma potrebbero essere di qualunque partito): appropriarsi del denaro per poter esercitare il potere. In altre parole "vogliamo i soldi così li diamo a chi diciamo noi, a chi vogliamo noi e avremo riconoscenza da chi li ha ricevuti da noi, e la riconoscenza si tradurrà in sostegno elettorale, politico". Insomma clientela. Leggo che gran parte delle imprese nel nord (del sud purtroppo neanche si può dire) che hanno le pezze al culo per le scelte sbagliate, per le sottrazioni di risorse economiche o per i malaffari dei propri imprenditori, beneficeranno di questa lega nelle banche, che darà loro SOLDI CHE NON MERITANO e che indebiterà quelle banche a spese dei soliti piccoli azionisti.
Quindi penso che l'elettore che sente il proprio politico votato, qualunque sia lo schieramento, parlare subito di soldi, di potere e non di azione democratica conseguente il programma per il quale questo elettore lo ha votato, dovrebbe mangiarsi le mani per aver fatto la X sul partito sbagliato.
MEDITATE GENTE, MEDITATE!

Sidney Sonnino 16.04.10 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Trovo inquietante che i partiti dichiarino così apertamente il loro avido interesse per degli istitui che dovrebbero essere in mano ai privati. Già fanno danni così, figuriamoci poi coi partiti dentro ai loro CDA. Si nota poi come sia palese l'interesse della politica non verso i problemi del cittadino, quanto piuttosto verso settori della società che non portano voti ma soldi e potere. Per la banca del resto, avere un referente politico diretto è un enorme vantaggio in termini di ottenimento di leggi ad essa stessa favorevoli. La mia domanda è la seguente: questo è o no un palese conflitto di interessi? Perchè se tale fosse allora andrebbe subito bloccato. Ma la legge purtroppo in tal caso fa acqua da tutte le parti.

alberto rameni, bassano del grappa Commentatore certificato 16.04.10 10:27| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ANCORA BANCA DEL NORD???? MA NON NAVETE ANCORA FINITO DI ROVINARE ABBASTANZA LE FINANZE AGLI ITALIANI!!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.04.10 08:22| 
 |
Rispondi al commento

E SE INVECE FACESSERO UNA BANCA PUBBLICA DI PROPRIETA` DEL POPOLO ITALIANO.
>
BEPPE SEMBRA QUASI CHE TU STIA LEGGITIMANDO LE BANCHE COME PROPRIETARIE DEL DENAROPUBBLICO ITALIANO.
>

NO AL $ I gN O R A G
G IO.

silvio berusconi 16.04.10 04:14| 
 |
Rispondi al commento

quanti commenti sulla LEGA, ma lo sapete che cos'e' la LEGA? Avete mai conosciuto i suoi uomini dal vivo? Gli uomini che sul territorio lavorano tra la gente? Se così non e' ASTENETEVI dal commentare per favore, a criticare si fa' presto, a risolvere le cose NO!!! Le banche per esempio sono il centro del potere OCCIDENTALE se si riuscira' a controllarle(dubito che mollino le redini, vedi il caso Profumo), magari e dico magari riusciranno a far circolare i soldi in maniera piu' efficace, anche per finanziare le aziende SANE sul territorio, poi se dovessero anche loro fregarci, beh allora.....che vi devo dire ma almeno non mettiamo i carri davanti ai buoi.

vincenzo o. Commentatore certificato 15.04.10 22:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mi stancherò mai di dire, fino a farmi odiare, che di qualsiasi colore o fede poliica si appartenga il cambiamento non potrà mai avvenire se non si decide di bussare alle porte del potere e cominciare a dare qualche bella sculacciata sui sederini di questi bambini viziati,iniziare a privarli di tutti i giochini che si sono comprati grazie ai NOSTRI SOLDI. Io credo fortemente che il popolo italiano sia il più c.......e del mondo ed ancora non hanno capito che questi 4 deficenti non hanno nessun diritto (anche se è ormai da decenni che si son presi la libertà di farlo)di fare i propi comodi con i nostri soldi. Per non parlare delle leggi adpersonam che sbocciano come un campo fiorito in piena primavera. Aprite gli occhi e smettetela di piangervi addosso.

gianfranco tassone 15.04.10 22:51| 
 |
Rispondi al commento

Il Banco di Sicilia è del Nord?
Tutti i giornali economici del 14 aprile hanno dato la notizia che il consiglio di amministrazione di Unicredit ha sancito la fusione di sette banche controllate (UniCredit Banca, UniCredit Banca di Roma, Banco di Sicilia, UniCredit Corporate Banking, UniCredit Private Banking, UniCredit Family Financing Bank, UniCredit Bancassurance Management & Administration); si fonderanno nella capogruppo Unicredit S.p.A. Saranno salvaguardati solo per l’immagine tre marchi (UniCredit Banca, UniCredit Banca di Roma, Banco di Sicilia),solo un modo per ricordare ai clienti che stanno continuando a bere la stessa birra. Nei fatti il Banco di Sicilia smetterà di esistere dal primo novembre 2010, proprio quando sono in scadenza il cda del Banco di Sicilia e i patti parasociali con la Regione Siciliana, che obbligavano il gruppo Unicredit a non intaccare gli organi di autonomia decisionale del banco. Il presidente della Regione siciliana conterà come il due di picche in tema di nomine bancarie presso il Banco di Sicilia.
Zaia quando è stato nominato Piccini in Unicredit ha detto di apprezzare la scelta di un "uomo del Nord"; grande risultato.
Diciamo che sono i banchieri che controllano i politici.
francesco zaffuto www.lacrisi2009.com

francesco zaffuto 15.04.10 22:29| 
 |
Rispondi al commento

il post di beppe ci da la risposta implitictamente... istituti privati :)

Massimo Baldo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.04.10 20:40| 
 |
Rispondi al commento

CHE TE NE FAI DELLE BANCHE DEL NORD TRA POCO I SOLDI IN ITALIA NON VARRANNO PIU' NIENTE

HO UN BELLISSIMO SECCHIO DI MERDA DI VACCA ORIGINALE ATOATESINO TI PUO' INTERESSARE????

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 15.04.10 20:15| 
 |
Rispondi al commento

La prossima sarà: facciamo il grande fratello leghista....

Alessandro Pescini, San Casciano V.P. Commentatore certificato 15.04.10 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

Giustina . Commentatore certificato 15.04.10 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Che Bossi sia un federalista è tutto da dimostrare, che sia un politicante famelico di potere e poltrone come tutti gli altri, questo è certo.

La presunta differenza della lega rispetto agli altri partiti, in riferimento alla onestà e correttezza, è una bufala grande come una piramide, che fa il paio con la presunta onestà del PCI di 20 anni fà, tutte frottole buone solo per i polli che li votavano.

Che Berlinguer, onest'uomo, fosse cosciente di questo è altrettanto vero, che non abbia almeno ripulito il suo partito, purtroppo è una realtà storica;

ovviamente non approfondisco sul PSI e la DC, perchè le considero delle associazioni a delinquere, composte da truffatori e ladri di professione, e di cui sono finiti al gabbio solo una minima parte.

Mi ha notevolmente seccato invece leggere dei commenti in cui gli "afacionados" del PD si inalberano perchè quando grissino fassino ha esclamato "abbiamo una banca" tutta la stampa l'ha messo in croce, mentre ora che il trogolo bossi ha detto la medesima cosa nessun quotidiano lo attacca a fondo.

Facciamo un piccolo replay : le banche, in particolare le Casse di Risparmio sono comandate da delle Fondazioni, grande idea da quel genio di superimonti, che ha separato la gestione diretta delle banche, dalle fondazioni che ne sono le proprietarie.

Orbene, a mia conoscenza non ho mai visto che un proprietario non entri nelle scelte della gestione della società, quindi quella di superimonti è fumo negli occhi per il popolino elettore.

Le poltrone dei CdA delle Casse di Risparmio sono le più ambite dai politici prepensionati o trombati (a 40 anni), meglio delle municipalizzate e delle varie società a partecipazione pubblica.

Io per conoscenza diretta, so benissimo come e perchè vengono nominati i Consiglieri, ed è una fogna.

La "ROBA", questa è la massima aspirazione di questi ladri travestiti da Rappresentanti del Popolo, e solo il Movimento sganciato dal mercimonio, può distruggere queste cricche.

Giorgio O. Commentatore certificato 15.04.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Invece che chiedere lavoro, rispetto, tasse eque per tutti, una sanità che veramente funzioni, gli elettori leghisti chiedono che la Lega si impossessi delle banche?

Certamente chi vota Lega crede agli asini volanti.

Elettori leghisti, pensate davvero che la Lega vuole ordine e pulizia?

A parte il fatto che la Lega è al governo e quindi avrebbe la possibilità di legiferare quello che vuole e se volesse fare pulizia l'avrebbe già fatta, ma il fatto comico è che non capiscono se ci fosse veramente ordine la Lega la voterebbero in pochi, ed è forse questo il motivo per cui la Lega abbaia tanto ma fa poco.

Se così fosse chi la voterebbe mai la Lega


Vero Vero 15.04.10 18:22| 
 |
Rispondi al commento

L'ennesima cazzata populista senza senso di Bossi, che dà l'idea, se ce ne fosse ancora bisogno, della competenza leghista.

Con questa boutade mi verrebbe da pensare che alla dirigenza leghista non stia a cuore la difesa del territorio e dei cittadini "padani" bensì quello che può togliere dai loro portafogli.

Perchè la Lega ha interesse per un premier leghista a Roma se ad essa interessa il Federalismo?
Forse perchè vuiole aumentare ancor più i loschi affari, il clientelismo ed il nepotismo di cui anch'essa si nutre a piene mani?

alberto arnoldi 15.04.10 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Se Bossi è sulla strada giusta lo leggeremo nei necrologi dei prossimi giorni.
La moneta torni di propietà del popolo!
Sempre più persone si sono rese conto dell'inganno schifoso.
No alla banca centrale privata!
Ma Trichet fa finta di non conoscere neppure la Glass-Stegall

Alina F., Varese Commentatore certificato 15.04.10 18:04| 
 |
Rispondi al commento

... i roma ladrona e quelli del DOPPIO lavoro loro possono ...

..mi sembra la vecchia DC basta vedere come
stanno mettendo i loro uomini nelle società pubbliche..

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.04.10 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Nazionalizzare la Banca d'Italia e tutte le altre, i privati non possono battere la moneta e tanto meno gestirla. Bisogna cominciare, seriamente, ad uscire dal medioevo. Una volta x tutte.

Arzân 15.04.10 16:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori