Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Iva sui rifiuti


Vedelago_rifiuti.jpg
Chi ha pagato l'Iva sui rifiuti, pari al 10% del totale, può chiederne il rimborso per gli ultimi 10 anni (vedi sito Codacons). L'Iva non può essere pagata su una tassa e lo smaltimento rifiuti è considerato tale. Il costo dello smaltimento rifiuti dovrebbe tendere a zero con politiche di riciclo e di diminuzione degli imballaggi. Per ora risparmiamo il 10%.
"La Cassazione ha stabilito che la tassa dei rifiuti è di fatto una tassa e non una tariffa; di conseguenza hanno applicato l'iva su un importo dove non doveva essere applicata in quanto appunto "tassa". Pertanto tutti gli utenti hanno diritto al rimborso del 10% dei 10 anni retroattivi, inoltre controllando sul sito "federconsumatori" si evince che chi richiede il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente, ma arriverà) bloccherà di fatto l'iva sulle prossime fatture. Chi non lo fa si troverà a continuare a pagare tutto come prima perché, come capita solo in Italia, gente come anziani o fasce inferiori che non sanno i loro diritti non ne usufruiscono "in automatico", ma solo se se ne accorgono e fanno richiesta. Pertanto vi allego il modulo che contiene le spiegazioni per la compilazione, anche in formato word se volete compilarlo direttamente a video. Fate girare comunque tale comunicazione che, come al solito, i mezzi di comunicazione non ne parlano."
Chiedete il rimborso dell'Iva. Scaricate e inoltrate il: "Modulo richiesta di rimborso dell’IVA per la Tariffa di Igiene Ambientale/ Tassa di Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani"

2 Apr 2010, 12:36 | Scrivi | Commenti (129) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Tags: Cassazione, Codacons, federconsumatori, Iva, minipost, rifiuti, Tarsu

Commenti

 

Anche io ho provato a fare la richiesta inutilmente.
In realtà la questione é stata, a mio parere, dalle varie associazioni al solo fine di fare proselitismo a nostre spese. Infatti la sentenza della Corte suprema è giusta, ma è riferita solo al fatto che non è possibile aggiungere l'IVA su un'imposta, ma non entra nel merito della questione contabile della Tia, nè tantomeno si pronuncia sul rimborso specifico. In realtà è solo una questione di lana caprina, perchè l'IVA pagata a monte sulla parte imponibile ed oggetto della prestazione, diventerebbe un tutt'uno, come succede con le prestazioni o vendite al minuto con scontrino o ricevuta fiscale. Quindi per noi non cambia assolutamente niente fino a quando lo Stato non stabilisce che il servizio di raccolta rifiuti, da chiuque svolto, è esente ai fini IVA (come ad esempio i valori bollati e le assicurazioni).

Antonio Cicalese 21.01.13 01:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sul prezzo finale dei carburanti, composto da innumerovoli voci, grava l'iva.
Se il prezzo finito comprende anche delle tasse, noi alla fine paghiamo l'iva anche su queste.?
Chi mi può rispondere?

claudio rancati 31.12.12 15:09| 
 |
Rispondi al commento


Ho seguito tutta la procedura per il rimborso e proprio oggi a distanza di 3 mesi ETRA mi ha risposto dicendo che in base all D.L. 31/05/2010 n' 78 (art. 14 Comma 33) convertito in legge il 30/07/2010 n' 122, come per altro interpretato anche dalla circolare ministeriale n' 3 del 11/11/2010 ETRA SPA NON PROCEDE A NESSUN RIMBORSO fino a quando il quadro normativo attualmente in vigore non sara' modificato, inoltre continueranno ad aggiungere l'iva del 10% nelle prossime fatture. In conclusione, non e' servito a nulla chiedere il riborso, solo soldi e tempo perso. Come al solito vincono sempre loro, purtroppo....

Marco C. 20.06.12 20:07| 
 |
Rispondi al commento

dove trovo il modulo per il rimborso dell iva? ed e'possibile essere rimborsati delle tasse pagate sull'immondizia che non dovevo pagare?vuoi per reddito basso ecc... grazie

roberto sinistri 06.06.12 00:42| 
 |
Rispondi al commento

La mia cartella di Equitalia riporta soltanto l'importo da pagare (non sono a conoscenza se ci sia l'IVA oppure no). Sapete dove si puo' reperire la cartella completa?

Umberto Piacentini 22.04.12 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Ho contattato il 27-02-2012 la sede di FEDERCONSUMATORI di Perugia, i quali mi hanno risposto che purtroppo il rimborso dell'IVA non e' RIMBORSABILE nei 10 anni retroattivi, ma solo negli ultimi 5 anni,ora vorrei sapere se e' vero oppure va' a finire (COME AL SOLITO)tutto nel pentolone grazie.

mauro martellini 28.02.12 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Vorei avere notizie circa il rimborso dell'IVA per le società.
Per l'IVA nellebollette del gas sulle addizionali comunali?

Massimo Pirisi, Rieti Commentatore certificato 17.02.12 15:10| 
 |
Rispondi al commento

il rimborso iva su tariffe rifiuti (cassazione) si può chiedere anche per le aziende?

donatella giorgi 14.02.12 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,

volevo sapere se esistono moduli analoghi per richiedere il blocco ed il rimborso dell'IVA che sto pagando nella bolletta del GAS sulle IMPOSTE (Imposta erariale + Addizionale enti locali).

Ringrazio in anticipo.

Paolo - (pivu) Commentatore certificato 17.06.11 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Salve,

riguardo al pagamento in Bolletta del GAS dell'IVA sulle imposte (Imposta erariale + Addizionale enti locali) vale la stessa cosa e cioè posso richiedere il rimborso + blocco del pagamento IVA? Esiste un modulo scaricabile? Grazie mille in anticipod elle informazioni.

Paolo

Paolo Vagnoni 17.06.11 13:36| 
 |
Rispondi al commento

e cosa si deve fare se nelle fatture successive alla richiesta di rimborso si trova di nuovo l'IVA? Si sta parlando di ENIA IREN

cecilia lucchetti 25.01.11 20:56| 
 |
Rispondi al commento

ma vogliamo fare come in scandinavia rimborso a chi porta la lattine e vetro, plastica al supermarket con la macchinetta automatica eliminando il 40% dei rifiuti???? quanto ci vuole a installare le macchinette? sanno che esistono? non ho parole

luca rossi 23.10.10 22:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera - Il comune di Cornaredo (MI) ha pubblicato questo articolo sul periodico comunale.
L'articolo del giugno 2010 ad opera dell'assessore alle finanze dice:

-LA TARIFFA RIFIUTI TORNA AD ESSERE UN TRIBUTO-
Recependo i contenuti della sentenza della Corte Costituzionale n.238/2009 e, sopratuttola più recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite e la contestuale presa di posizione dell'Agenzia delle Entrate, alla fine del mese di Aprile si è trasformata la Tariffa Rifiuti in tributo sopprimendo l'applicazione dell'IVA e riportando all'interno del Bilancio Comunale le entrate e le uscite relative al servizio tributi.
Contrariamente alle aspettative, tuttavia alimentate anche da una non precisa informazione di giornali e televisioni, è bene fare subito presente che tale passaggio non comporta alcun risparmio di costi per i contribuienti: la soppressione dell'IVA (10%) sulle fatture TIA comporta l'impossibilità di scaricare l'IVA (10%) che viene pagata per i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti, con la conseguenza che i costi a carico del Comune aumentano nella stessa percentuale e devono essere recuperati innalzando progressivamente le tariffe.
Se le entrate e le uscite della TIA riprenderanno quindi a transitare all'interno del Bilancio Comunale, la gestione operativa del tributo, che consiste nell'emissione degli inviti al pagamento, nella riscossione e nelle attività di controllo e di recupero coattivo delle morosità, continuerà ad essere totalmente di competenza di AGSA spa, per cui rispetto alle abitudini dei cittadini non cambierà nulla, nel senso che questi dovranno continuare, così come stanno facendo a partire dal 2006, a rivolgersi per qualsiasi problema tributario alla società comunale.
------------------
Cosa ne dite ?

Ernesto G. 16.09.10 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Ultimo articolo sul tema dei rimborsi IVA sulla tassa rifiuti. (da il Padova del 23 aprile 2010)
niente rimborsi
Un emendamento al decreto
incentivi depositato dal Pdl in
commissione Finanze rischia di
rappresentare la premessa per
l'aumento Tia nel 2011. L'emendamento
definisce la Tia “quota
del tributo” e non tariffa come
sancito dalla Corte Costituzionale.
Così si cancella la possibilità
di chiederne il rimborso.

MAuro Stracciari 23.04.10 11:43| 
 |
Rispondi al commento

in data 19/11/2009 ho spedito raccomandata rr a Hera spa di cesena e per conoscenza al comune di cesena.Nessuna risposta silenzio assoluto,In data 22/04/2010 ho rispedito rr a Hera di cesena e Hera di bologna.Dopo queste rr ho speso piu'in rr che di rimborso che mi spetta ma insisto per una questione di principio ed ho già contattato il mio legale per citarli in tribunale.Purtroppo ho letto che l'Anci sta cercando tramite il parlamento di far approvare un decreto che permetta di applicare l'iva in quanto non tassa ma tariffa;naturalmente con voto bipartisan come è avvenuto per l'approvazione del decreto che permette a Formigoni ed Errani di essere rieletti vita natural durante.Complimenti.

vittorio ceccarelli 22.04.10 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere a chi ed entro quale termine (se ce n'è uno) bisogna presentare la richiesta di rimborso. Preciso che ho fatto i conti e nel mio caso il rimborso ammonta a circa 138 euro.
Sergio

sergio sghedoni 18.04.10 11:57| 
 |
Rispondi al commento

oggi ho ricevuto l'avviso di pagamento per la TIA 2010, e ho il piacere di informaVi che non è stata addebitata l'IVA sulla tariffa rifiuti, anzi in una lettera accompagnatoria l'AMIA Verona spa ente che gestisce il servizio comunica che ciò è dovuto alla sentenza di cui sappiamo e che per quanto riguarda i rimborsi dell'IVA indebitamente pagata gli anni scorsi sono in attesa che lo Stato emani la normativa di riferimento dopodiché provvederanno ad applicare le azioni previste dalla legge. Fin qui tutto bene. solo che è allegata un altra lettera firmata dal Sig. Sindaco e dal presidente della società della quale riporto stralcio. " come potrà notare l'Amministrazione Comunale è lieta di comunicarle che da quest'anno, la tariffa è stata ridotta del 3% rispetto al 2009, un primo segnale per quanto possibile in questo momento di generale difficoltà dell'economia degli obiettivi di riduzione dei costi per i cittadini perseguito dall'Amm.Comunale e dall'Amia." Bene direte Voi, di che ti lamenti.? solo che nel 2009 ho pagato € 191,88 + IVA 18,27= € 210,25 e quest'anno € 205,45 senza IVA cioè di tassa ho pagato in più € 13,57. e allora la riduzione del 3%? secondo i miei calcoli c'è un aumento del 7% circa. Ah, forse hanno fatto i conti con la parte dell'IVA che non è dovuta. Spero che anche altri concittadini si indignino di essere così platealmente presi per i fondelli. Gabrielli Luciano - Verona

luciano gabrielli, verona Commentatore certificato 16.04.10 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Mi associo a quanto già detto da Franco Pilotto nel suo poste del 02/4/2010 : ho ricevuto risposta dalla CMV SERVIZI (gestore TARSU per Cento e parte della provincia di Ferrara) che subordina il tutto a future eventuali disposizioni normative. Pertanto non rimborsano l'IVA già "indebitamente" applicata e continuano ad applicare l'IVA anche sulle nuove bollette.
Credo come altri che solo la class action possa risolvere qualcosa.
Silvia

silvia cavallari 16.04.10 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Credo che su questo argomento ci sia tanta ignoranza fomentata dalle associazioni consumatori che così con nuovi iscritti racimolano un bel gruzzollo.
Faccio un esempio:
Servizio in iva: il gestore paga 100+iva 10% per effettuare il servizio e fattura agli utenti 10 + iva 10% agli utenti. Quindi l'utente paga 100 +10 di iva + 5 di addizionale provinciale = 115.
In questo caso per il gestore il saldo iva è zero dato da 10 di iva a credito e 10 di iva a debito.

Serzizio non in iva: il gestore paga 100+ iva 10% per effettuare il servizio (iva che diventa un costo in quanto essendo il servizio non in iva il gestore non la può recuperare. Quindi fattura all'utente 110 senza iva. In questo modo l'utente viene a pagare 110 + 5% di addizionale provinciale = 115,5 (un o,5 in più.

Quindi il risultato finale è che l'utente paga come prima, e probabilmente qualcosa in più.

Questo per fare chiarezza sull'argomento.

sergio 14.04.10 09:41| 
 |
Rispondi al commento

LAVORATORI DIPENDENTI UNITEVI
Il mio datore di Lavoro e anche sostituto di imposta trattiene mensilmente la quota IRPEF dal mio stipendio. Questa è calcolata anche sulle somme che pago per la TASSA RIFIUTI, TASSA AUTO, TASSA TELEVISORE. E' possibile pagare una tassa (IRPEF) sulle TASSE. Non sarebbe opportuno che queste somme venissero detratte dalla dichiarazione dei redditi?
ABOLIAMO IL SOSTITUTO DI IMPOSTA ( Art. 3 della COSTITUZIONE: tutti i cittadini sono uguali siano dipendenti siano autonomi)

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato 09.04.10 18:39| 
 |
Rispondi al commento

attenzione, attenzione: vi prego di correggere la seguente affermazione:controllando sul sito "federconsumatori" si evince che chi richiede il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente, ma arriverà) bloccherà di fatto l'iva sulle prossime fatture.
FEDERCONSUMATORI nel proprio sito non dice che facendo la richiesta di rimborso si bloccherà di fatto l'iva sulle prossime fatture. Fra l'altro al momento la situazione è di stallo completo

giorgio gavelli 08.04.10 23:18| 
 |
Rispondi al commento

Salve, premetto che sono un Vs. fedele sostenitore. In quanto al rimborso Iva sulla Tassa per lo smaltimento dei rifiuti vorrei sapere qualcosa che le Associazioni dei Consumatori non hanno saputo darmi se non a pagamento.
Quando le fatture arrivavano con la dicitura "Tassa" non compariva l'IVA, la quale ha iniziato ad essere conteggiata da quando la dicitura è diventata "Tariffa". Recepisco perfettamente il senso della sentenza della Corte Costituzionale e di quella di Giustizia europea, ma come facciamo a richiedere un rimborso degli ultimi 10 anni di un IVA che non veniva conteggiata? Ho contattato le associazioni consumatori che menzionate nella news, ho pagato la telefonata più di un euro per sentirmi dire che quel numero è solo per prendere appuntamento con i legali! Un associazione consumatori che si fa pagare per prendere un appuntamento non mi sembra essere una cosa molto corretta.
Saluti a tutti e a Grillo in particolar modo.

eugenio Forcellati 08.04.10 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Tutti!
desidero porre a voi tutti seguente quesito:
il Comune dove risiedo non ha applicato l'iva in quanto trattasi di tassa.Sono stato però informato dall'impiegata dell'Ufficio Tributi che l'importo da me pagato è comprensivo del 15% dell'addizionale provinciale!Vi risulta conforme?
Grazie a chi è in grado di darmi una risposta precisa e Buona Notte!

Domenico Di Benedetto 08.04.10 03:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anche a Magenta c'è la tarsu e non la tia
quindi no iva no party
salud

lions bull (liosbull), milan Commentatore certificato 07.04.10 23:57| 
 |
Rispondi al commento

Ho chiamato Altroconsumo di cui sono abbonato mi dicono che chi paga solo la tarsu non paga il 10% di iva che si paga solo per la TIA.
MI hanno fatto l'esempio di Milano dove non si può richiedere il rimborso per questo motivo

Mario Allievi 07.04.10 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo attenti alle false buone notizie... questa sentenza ci farà spendere un sacco di soldi in più.
Far tornare nella gestione comunale questo tributo sarà un disastro organizzativo, con l'effetto di non avere neanche un euro in meno nella TIA... in quanto l'IVA in ogni modo la dovrà pagare il comune... anzi... in questo modo le aziende che la scaricavano... TIE'! non scaricano neanche più quella, dato che sarà sostituita da una addizionale. Tutto questo grazie alla grande massa di Avvocati disoccupati che inondano il nostro paese, che non fanno altro che fare cause inutili intasando il sistema giudiziario e riuscendo ad ottenere obrobri come questo, grazie a cavilli burocratici ben interpretati. Quindi credo che si debba, innanzitutto, prima di mandare nei blog queste notizie spacciandole come buone... informarsi. :)

luca severi, Carpi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.04.10 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora bisogna fare qualcosa,affinchè questa storia della tassa pagata sulla tassa finisca.Basta non pagare la tassa dei rifiuti,che poi dovrebbe essere pagata in base al reddito e non ai metri quadri!!!

g.m.nuoro 06.04.10 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, io lavoro in una spa che gestisce la raccolta rifiuti.
Mi space doverlo dire, ma nella realtà non è così. Nel senso che, chi chiede il rimborso 8come ho fatto io) si vede recapitare una lettera di risposta dalla Spa che in cui si comunica che le spa applicano la legge vigente, che impone l'applicazione dell'Iva e pertanto finchè lo Stato non deciderà diversamente, le fatture continueranno ad avere l'Iva, ed ovviamente non procederanno ad alcun rimborso finchè lo Stato non diporrà le relative modalità.

samy p 06.04.10 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma se il servizio raccolta rifiuti viene erogato da una SPA (HERA) e da questa fatturato, non si tratta più di una imposta applicata a una tassa ma di un'imposta applicata ad un servizio (come il barbiere), anche se è il comune che ha delegato la SPA a fornirlo.
In questo caso la richiesta di rimborso dell'IVA è ancora attuabile o si perde solo tempo e soldi in raccomandate e fotocopie?

Elio Barbalonga 04.04.10 23:18| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE ATTENZIONE LEGGETE TUTTI
che queste associazioni di consumatori si mettessero d'accordo perche' altro consumo dice diversamente, andate su questo indirizzo
http://www.altroconsumo.it/imposte-e-tasse/rimborso-iva-sulla-tassa-rifiuti-s253463/ambiente-p12100.htm
E LEGGETE ATTENTAMENTE

emiliana carifi 04.04.10 20:08| 
 |
Rispondi al commento

peccato che il codacons prenda 100.000 euro per il servizio, ciao

britti bernardo 04.04.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Ovviamente aderisco anch'io e divulgo la notizia. Mi chiedo se non ci siano gli estremi per una denuncia penale del sindaco o chi per esso.

CARLO P., Alessandria Commentatore certificato 04.04.10 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io lo farò,e se mandiamo tutti insieme adesso la domanda di restituzione del'iva.Devono farlo,non è possibile continuare così

g.m.nuoro 04.04.10 10:35| 
 |
Rispondi al commento

invio subito la richiesta...e lo faccio fare anche ai miei parenti e amici prossimi.... se non ci si prova a cambiarle le regole non succederà da solo... loro non molleranno mai (ma gli conviene?)..IO E LA MIA FAMIGLIA neppure...
AD MAIORA !

Luca Martini 04.04.10 10:20| 
 |
Rispondi al commento

La notizia è di un anno fa, un avvocato aveva fatto subito il ricorso a marzo 2009, per vedere l'effetto che fa e l'aveva anche vinto dal giudice di pace ma non ha mai visto una lira!
Le sentenze o le leggi scomode non se le fila nessuno, oggi men che mai!

Renzo S., padova Commentatore certificato 03.04.10 19:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando verrà l'era che quanto un'amministrazione qualunque che si accaparra indebitamente denaro rimborsi automaticamente il mal tolto? Molti cittadini saranno "scippati" perchè non saranno in condizione di recuperare il loro denaro? Ma che giustizia è mai questa? Perchè non si fa nulla per cambiare queste regole assurde?

Giuseppe Catalano 03.04.10 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Una domanda: Ma se la Corte di Cassazione ha stabilito che non si può pagare l'iva, quindi una tassa, su un'altra tassa, non dovrebbe essere lo stesso anche sulla benzina?
A quanto mi risulta tutti noi paghiamo l'iva sull'importo totale della benzina, quindi anche sulle varie accise che dai tempi del fascio ad oggi si sommano al totale. Le accise sono tasse no? Dovevano essere provvisorie ma ormai sono perenni, e noi ci paghiamo l'iva!!
Visto che le tasse influiscono per almeno il 60% sul prezzo dei carburanti, togliere l'iva alle tasse vorrebbe dire risparmiare un bel 12% sul prezzo, quindi almeno 16-17 centesimi al litro, 8-9€ su un pieno, che non è poco, no?

Davide B. Commentatore certificato 03.04.10 16:13| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Una piccola sezione di IdV in Piemonte, ad Acqui Terme, ha lanciato la stessa iniziativa ad ottobre 2009. In questo caso, il "gestore" è il Comune e le copie mancanti delle fatture vanno richieste all'ufficio tributi del Comune stesso.
Ritengo che, nel caso di gestori esterni e/o partecipate, l'iter sia lo stesso. In ogni caso, le copie mancanti debbono essere rilasciate gratuitamente. Mi permetto solo di eccepire, ma forse è una sciocchezza, che la "prescizione" potrebbe essere di cinque e non di dieci anni. Almeno a noi risulta dagli studi compiuti. Per ora la giunta non ha fatto sapere nulla di concreto, se rimborserà o meno, ma nei prossimi mesi faremo il secondo passo, ovvero i ricorsi dinnanni alla Commissione Tributaria per coloro che hanno fatto istanza di rimborso, qualche centinaio di famiglie.

PIERA PETRINI LEVO 03.04.10 15:37| 
 |
Rispondi al commento

!!! DOMANDA !!!
Ma se uno non è lungimirante, o è solo disordinato, e non ha conservato le fatture, si attacca?
O c'è un modo per averle? (mi sa che mi attacco)

edoardo a., firenze Commentatore certificato 03.04.10 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Abito a Trieste e nel sito della rete civica c'è scritto:
AVVISO DELL'UFFICIO TARSU IN RELAZIONE ALLE RICHIESTE DI RESTITUZIONE DELL'IVA
In merito alle richieste di restituzione dell'IVA che pervengono da parte dei cittadini, si informa che il Comune di Trieste applica ancora il regime relativo alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti (c.d. TARSU) e non quello della Tariffa di igiene urbana (c.d. T.I.A.). Nel regime della tassa per lo smaltimento dei rifiuti - la cui normativa di riferimento è il decreto legislativo n. 507/93 - non è mai stata prevista l'applicazione di tale imposta (I.V.A.). Gli avvisi di pagamento della tassa dei rifiuti che vengono quindi annualmente recapitati ai contribuenti da parte della Esatto S.p.A non contengono importi a titolo di I.V.A. e quindi il rimborso non è dovuto.

Pierluigi Quintabà 03.04.10 14:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie domenico bruno per il link nel tuo commento.E'l'unico a chiarire
veramente come stanno le cose.Per quanto riguarda il codacons nella pagina
linkata trovo questo:
Agisci con il Codacons: Il Codacons offre verrai rappresentato e difeso dai
nostri avvocati, che redigeranno il ricorso e presenzieranno alle udienze,
senza nessun costo per te, a condizione che tu ti iscriva al Codacons per
due anni.
Dopo trovo questo:
L'iscrizione ti dà diritto ad avere consulenze legali gratuite per due anni
dalla data di iscrizione (se sei già iscritto i due anni decorreranno dalla
data di scadenza della tua attuale iscrizione), al costo complessivo di 100
euro.
Come sempre oltre ad avere già pagato qualcosà in più devo tirare
fuori subito 100 EURO.
Mi dispiace ma non mi vedo rappresentato da loro.

Roberto Di Stefano 03.04.10 13:49| 
 |
Rispondi al commento

ho guardato le vecchie cartelle per il pagamento della TARSU ma non compare la voce IVA, solamente la cifra totale da pagare suddivisa in appartamento, cantina ......

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.04.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Le trascrivo la risposta SAVNO alla mia richiesta di rimborso dell'IVA
PRO.1072/10/RS/it
Conegliano 26/03/10
con la presente si precisa che ad oggi non esistono disposizioni normative che abbiano abrogato quanto disposto dal DPR n.633/1972-Tabella A parte III N.127 sexiesdecies e che,pertanto la tariffa continua ad essere assoggettata all'aliquota agevolata IVA del 10%.

GUIDO DE POI 03.04.10 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Sono un amministratore (assessore all'ambiente) di un piccolo paese della brianza e, con l'ovvia e necessaria collaborazione dei miei concittadini, siamo al 62% di raccolta differenziata che non mi pare pochissimo.
Quello che mi chiedo è:
- il comune paga i servizi di raccolta e smaltimento con iva...per noi l'iva è un costo...come potrei pagarla se non ricaricandola sugli utenti?
- potrei non chiamarla iva, chiamarla addizionale xy...ma cosa cambierebbe? semplicemente non mi posso permettere di pagare una tale somma con i soldi del comune...perchè non ne ho! E un simile esborso mi costringerebbe a tagli dolorosi su altre voci di spesa: scuola, servizi sociali, manutenzioni...(tranquilli, non abbiamo auto blu, evitiamo come la peste consulenze esterne e i nostri "stipendi" sono ridicoli, nell'ordine di € 200 lordi al mese)
- l'iva per il comune è un costo che va necessariamente coperto con una richiesta ai cittadini...chiamala iva, chiamala tassa, chiamala addizionale, ecc...
Mettiamo che si chiarisse la questione e che dovessi restituire 10 anni di iva, come potrei farlo? con un mutuo? e chi lo pagherebbe se non i cittadini? aumentando le altre tasse (cosa per ora impossibile)? o dichiarando bancarotta? e poi i servizi che oggi offro che fine fanno?
L'unica soluzione è che lo stato rinunci all'iva sui servizi svolti per la raccolta e lo smaltimento...il comune non paga l'iva e non ne chiede la copertura...semplice.
Con i migliori saluti.

cla va 03.04.10 13:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono strafelice di quanto ci viene comunicato in merito alla tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, e presenterò quanto prima la richiesta di rimborso. Vi segnalo tuttavia che la situazione è pressochè uguale nel settore idrico integrato, in quanto a mio avviso viene "illeggittimamente" applicata l'IVA sul segmento del servizio idrico integrato che riguarda la lo smaltimento delle acque reflue (fognatura). Su quest'argomento ho "postato" di recente un messaggio sul blog, ma non mi sembra abbia avuto molto seguito. Perchè non approfondiamo la questione?

Marco Ranieri 03.04.10 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Genchi con un gruppo di avvocati potrebbe far venire l'orticaria a molti !

federico t. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.04.10 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Perche' Facebook e' scritto in una lingua strana?
Poi io dico di prendere i finanziamenti e destinarli ai DISOCCUPATI che sono tanti!!!
Ciao

contursi enzo 03.04.10 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei apparire ignorante ma non mi sembra di aver sentito questa notizia di inapplicabilità dell'IVA sulla tassa di smaltimento rifiuti dai media, telegiornali in primis. Evidentemente non si tratta di qualcosa da considerare importante da diffondere ai cittadini, non quanto la traumatica notizia della presunta lite tra Clooney e la Canalis sulle partite di Poker On line del grande George, che sembrano essere poco gradite dalla Elisabetta nazionale. Sapere che lo Stato, o meglio chi ci governa, ci truffa e che gli organi d'informazione sono complici è di grande conforto.

Alberto G. Commentatore certificato 03.04.10 10:12| 
 |
Rispondi al commento

sabotare questa è la parola d'ordine, quando arrivano le feste, i ponti le vancanze ecc... chi può stia a casa facciamole queste guerre contro le multinazionali del petrolio, riamniamo a casa e facciamo in modo che la benziana se la bevono loro, a lavorare andiamoci con i mezzi pubblici chi può farlo naturalemente, limitiamo al massimo l'uso delle automobili, affinche la benzina gli rimanga nei serbatoi, alle loro furbate regiamo con la stessa moneta, ci stanno prendendo in giro, per vincere una guerra dobbiamo combattere, l'unica strada è questa costringiamoli a vendere la loro benzina ad un prezzo giusto, se limitiamo l'acquisto li manderemo a gambe all'aria.

giuseppe costa 03.04.10 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Il tentativo "amichevole" con la mega-multiutility HERA di farsi restituire l'IVA sulla tassa dei rifiuti ha prodotto il nulla.
Intendo andare allo sportello e richiedere quanto dovuto, quindi interrompere anche l'ingiusto versamento, produce una risposta di maniera: "sà caro utente noi quell'IVA l'abbiamo versata allo stato quindi NON POSSIAMO RESTITUIRLE NULLA. Piuttosto faccia richiesta all'AGENZIA DELLE ENTRATE, lì soddisferanno quanto richiede".

Ma che bravi, non trovate?

Giuseppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.04.10 07:53| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra sempre nelle sue lotte combatte battaglie che colpiscono la sinistra stessa e le sue molteplici anime non si rendono conto che stanno falcidiando questa parte politica. è possibile continuare a non capire che l'avversario è a destra? Quindi se perdiamo le elezioni c'è un merito demenziale. Sveglia

Marco Thiene 03.04.10 04:00| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra abbastanza chiaro che il problema non è di facile soluzione: in pratica non serve a nulla affermare di avere il diritto a chiedere il rimborso se l'attuale situazione legislativa non si è ancora adeguata alla sentenza in oggetto.

L'unica soluzione è una CLASS ACTION. Potrebbe essere l'occasione per il movimento di Grillo per passare da una fase di denuncia ad una di azione. Se M5S organizzasse la class action, ritengo avrebbe un numero significativo di adesioni, ma serve un punto di riferimento. Se non lo fanno le associazioni di consumatori, allora perché non M5S?

Dario de Judicibus 03.04.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, nel sito del Comune di Torino leggo testualmente al sito http://www.comune.torino.it/tarsu/:

"Con sentenza n° 233/2009 la Corte Costituzionale ha affrontato e risolto il tema della natura giuridica della Tariffa di Igiene Ambientale (T.I.A.), configurandola quale entrata di natura tributaria. Da ciò ne è derivata la non applicabilità del regime IVA alle richieste di pagamento emesse da quei comuni che hanno già adottato il regime tariffario per la copertura dei costi riferiti alla gestione dei rifiuti urbani ed assimilati.
Il Comune di Torino, invece, è ancora in regime tributario secondo le disposizioni del D.L.vo 507/93 e s.m.i., pertanto gli avvisi di pagamento emessi non contengono l'applicazione dell'IVA, bensì le addizionali di legge (15%) come previste dalla normativa riferita alla tassa (Ta.R.S.U.) e tuttora applicabili.

Con il presente comunicato si invitano, quindi, i titolari di utenze domestiche (abitazioni) e non domestiche (attività commerciali, artigianali, ecc.) che versano la tassa rifiuti per la Città di Torino a non presentare istanza di rimborso per l'IVA, in quanto la stessa, come specificato, non è applicata agli avvisi di pagamento emessi a loro carico"

Ho capito male o ciò significa che invece di pagare il 10% in più (che non spetterebbe) pago il 15% in più, che invece sembra legittimo???

Davide Giordano 02.04.10 23:54| 
 |
Rispondi al commento

sul sito di questo studio legale si da qualche dettaglio in più. in teoria ne avremmo diritto. in pratica, mi sembra di capire, il gioco non vale la candela.

http://www.studiolegalelrs.it/2009/09/14/l%E2%80%99iva-la-tarsu-la-tia-ed-il-modello-di-rimborso-i/

domenico bruno 02.04.10 22:06| 
 |
Rispondi al commento

ma allora nessuno legge quello che ho scritto? ATTENZIONE ATTENZIONE LEGGETE TUTTI
che queste associazioni di consumatori si mettessero d'accordo perche' altro consumo dice diversamente, andate su questo indirizzo
http://www.altroconsumo.it/imposte-e-tasse/rimborso-iva-sulla-tassa-rifiuti-s253463/ambiente-p12100.htm
E LEGGETE ATTENTAMENTE

emiliana carifi 02.04.10 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Il movimento 5 stelle si è impegnato a promuovere l'Open Source, non capisco quindi perché il modulo debba essere disponibile in formato Word, che è di tipo proprietario! Non dico di adottare l'open document, nonostante il continuo successo infatti Openoffice rimane ancora utilizzato da una minoranza. Ma quando si può usiamo il pdf anziche word.
W L'OPEN SOURCE E IL SOFTWARE LIBERO !!!

Lorenzo S. 02.04.10 21:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve a tutti,
io sono di torino, questo rimborso vale anche per il capoluogo piemontese??
Devo inviarlo al comune della mia citta??
A quanto vedo sembra una cosa impossibile, ma tentar non nuoce!!!
grazie per le eventuali risposte....

Manuel Fiscante 02.04.10 21:31| 
 |
Rispondi al commento

AAA Cercasi politico che parli di banche!

Gentile lettrice e gentile lettore,
mi sembra di vedere e leggere che non ci sia un politico, dico uno, che parli di banche.
Il politico italiano, E DI CONSEGUENZA IL POPOLO CHE LI SEGUE, parla saltuariamente una volta di una cosa, poi di un'altra cosa e così via.
Ma senza stare a fare tante storie, la realtà é che PER RISOLVERE IL PROBLEMA "CRISI" SAREBBE SUFFICIENTE NAZIONALIZZARE LE BANCHE!
Qualora non ti fosse chiaro, il mio pensiero é che le banche dovrebbero avere una funzione sociale. Invece cosa succede? Che le banche continuano a guadagnare con AVISITA' INSAZIABILE, questo succede.
E nessun politico ne parla. Ovviamente il politico sa molto bene che servire le banche gli può essere utile. Ma questo danneggia, eccome se danneggia, le persone.
La maggior parte delle persone, devo ammettere, é però impegnata a seguire le vicende dei reality e della propria squadra di calcio, eh. Ora poi che é ripresa la trasmissione Porta a Porta l'italiano medio é al top della forma!

La maggior parte delle persone si lamenta e la realtà é che

IL GRANDE FRATELLO VIENE VISTO DA 7 MILIONI DI PERSONE!

, mentre L'ISOLA DEI FAMOSI VIENE VISTA DA 5 MILIONI DI PERSONE!

Ma é inutile fare la battaglia contro i mulini a vento.
Le banche, ripeto, dovrebbero avere una funzione sociale. E' come il caso dell'acqua che dovrebbe essere di tutti, e basta. Non si può lucrare sull'acqua, così come non si può lucrare sui bisogni primari della gente.
Di questo passo, con l'avidità di denaro che circola, non mi sorprenderebbe sapere che hanno intenzione di privatizzare anche il sole.........

Ma per le persone l'importante é forse che non privatizzino la cocaina......

Marco Calì, consulente finanziario indipendente

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!


Ma dove bisogna inviare il modulo per la restituzione dell Iva?

gianluigi capraro 02.04.10 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma allora questo principio si applica anche ad altri casi simili...il carburante ad esempio?

Sergio Filograno 02.04.10 19:37| 
 |
Rispondi al commento

IO L'HO CHIESTO IL RIMBORSO DELL'IVA IL16 OTTOBRE 2009 ALL'ETRA SPA . MI HANNO RISPOSTO CHE NON ESISTONO DISPOSIZIONI NORMATIVE IN MERITO CHE ABBIANO ABROGATO QUANTO DISPOSTO DEL DPR633/1972 TABELLA A PARTE III N.127 SEXIESDECIES E CHE PERTANTO LA TARIFFA CONTINUA AD ESSERE ASSOGETTATA ALL'IVA DEL 10% , BLA BLA BLA .. PERTANTO SONO COSTRETTI AD NON ACCOGLIERE LA MIA RICHIESTA . CHE CAZZO DEVO FARE ORA . SONO DI NUOVO AL PUNTO DI PARTENZA . DATEMI DEI CONSIGLI UTILI E BREVI.GRAZIE E CIAO A TUTTI.

FRANCO PILOTTO 02.04.10 19:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo post non è una novità, sono fra le persone che hanno ricevuto la risposta "attendiamo chiarimenti dall'agenzia delle entrate..."
Tuttavia porto l'esempio dell'Iva nella fattura del gas applicata sulle imposte e sulle addizionali. Anche in questo caso si parla di imposta su imposta. QUANTIFICANDO LA MIA FATTURA, IL GAS COMSUMATO EQUIVALE AL 56% DELLA FATTURA, MENTRE IL 38% SONO IMPOSTE COMPRESO L'IVA.. QUESTA E' PRESSIONE FISCALE NASCOSTA

Paola F 02.04.10 18:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La diffusione del ns.V irus si chiama "CRI CRI" diffondiamolo a tutti e dovunque.
Neo Grillino da oggi unitamente a sua figlia Stefania.

Nazzareno Roiati 02.04.10 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe per le continue informazioni che ci dai.
Per quanto riguarda la critica a De Magistris, credo che Beppe volesse semplicemente ricordargli degli impegni che si è preso con noi elettori della rete e del fatto che non deve perdere la "retta via". In fondo sul Fatto Quotidiano di oggi ribadisce l'affetto per De Magistris.Quindi la polemica non serve a nessuno...

Lorna B. 02.04.10 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Basta tasse e tariffe. il rifiuto è una parola astratta. Il futuro è riutilizzo. la spesa imputabile alla persona dev'essere soltanto per la raccolta e se ogniuno di NOI consegnasse direttamente il rifiuto ad una società che ricicla dovrebbe essere rimborsato.

Emanuele S. Commentatore certificato 02.04.10 17:24| 
 |
Rispondi al commento

La prima cosa ho pensato è stata:" Ma gurda un po te ,invece che essere i tg o i giornali a dare certe notizie sul rimborso dell'IVA me le da Beppe!!!".
questo è un'altro motivo perchè ho votato M5S.
Grazie a tutti quelli del Movimeto cinque stelle e un grazie anche a Beppe, perchè a fatto in modo che tutto ciò fosse possibile
Giuseppe

Giuseppe E., sesto san giovanni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma siete sicuri di questo rimborso, perchè Minzolini non ne ha parlato?
Dai, che a Tremorti sta volta glie se rompe la calcolatrice. Chiediamo il rimborso in massa.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 17:17| 
 |
Rispondi al commento

non vorrei frenare l'entusiasmo sul nascere ma chiedere e sopratttutto ottenere il rimborso sui rifiuti è praticamente impossibile...pratiche lunghe,consulenze legali ....ennesima buffonata del codacons invece di porre un freno al carburante che sale ogni qualvolta vi è un ponte o una festivita ogni mese pensa a divulgare notizie su un rimborso ama che prima die sei/8 anni non avverra mai a meno che non paghi un avvocato e fai causa e conviene mettere un avvocato per 5 anni per 150 euro??' codacons altro organo da abolire e da ristrutturare...

marco m., roma Commentatore certificato 02.04.10 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intanto la benzina aumenta puntualmente alla vigilia delle feste.
Come ti muovi devi pagare. Ci sono parassiti che si annidano tra domanda è offerta. Si chiamano "servizi", solo che il servizio lo facciamo noi a loro.

A volte non esco di casa per non spendere. Eppure continuano ad arrivare le bollette. Anche se stacchi il contatore per mesi devi pagare le "previsioni". Facciamo parte del budget; siamo capitale acqusito.

Le grandi "privatizzazioni" degli anni scorsi non sono altro che monopoli pubblici passati ai privati con capitali prestati dalle banche. L'Enel ha 50miliardi di debito: chi presterebbe soldi ad uno con tanti debiti?
Le banche prestano solo se dimostri di avere le "garanzie". In pratica, le garanzie messe sul tavolo dai monopolisti sono il "bacino utenza", cioè noi.

Una volta feci un infortunio sul lavoro di 5 giorni che l'Inail mi pagò con circa 250€. Andai a vedere le varie trattenute e trovai una voce che diceva: 1€, comune di residenza. Cosa centra il comune col mio infortunio? Ci stanno mangiando vivi, siamo carne da macello.

Dobbiamo eliminare i mediatori. I parassiti che s'infrappongono tra domanda e offerta, fra un bisogno e il suo compimento. Il programma 5 stelle deve concentrarsi proprio su questo: eliminare i pesi morti, i servizi. L'individuo deve poter camminare da solo senza vampiri che li succhiano il sangue. Devo poter accendere la lampadina del garage con un ventola eolica; illuminare il giardino con lampade solari; fare il pieno con olio scadente. Gli esempi sono infiniti. Prendiamo le sentenze dei giudici. Molto spesso succede che l'appello ribalta la sentenza di primo grado e poi la cassazione finisce puntualmente per confermare il primo grado. Si passano le cause tra di loro a beneficio esclusivo di avvocati e addetti ai lavori.
Libertà

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Beppe dell'informazione, lo sto dicendo a tutti quelli che conosco! Sia la mia famiglia che mia zia pagano questa assurda "tassa sulla tassa"

Giovanni Tonetti 02.04.10 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Mi stanca questa diatriba indotta. Qui non siamo alle primarie del centrosinistra. Votate tra grillo e demagistris. Qui ci sono delle regole. E queste vanno rispettate, altrimenti non siamo molto diversi da chi pensiamo di combattere con presunta superiorità morale. Nel M5S UNO VALE UNO. Beppe ha detto la sua. Io penso che non abbia tutti i torti, detto questo mi ributto nei piei progetti e nelle mie idee per questo Movimento, stop! De Magistris lo stimo come stimo Fini. Prima ero un elettore di AN, per un pò mi sono astenuto. Ora mi si è aperto un mondo nuovo, e spero che la maggior parte di voi capisca che essere 10 anni nel futuro, non significa fare comunella con i primi che fanno occhiolino dolce. DeMagistri e Di Pietro che parlano di essere espressione politica del Movimento. Berlusconi che dice di copiare Grillo con facebook... Capite che stanno cercando di snaturare questo Movimento dai suoi contenuti, per farla sembrare una cosa già vecchia! Meditate gente, prima di scrivere contate fino a dieci. Qui vigono le regole del Nonstatuto. Come la Costituzione è la Bibbia civica italiana, il Nonstatuto è la nostra bibbia di movimento. Cambiarlo è facile, basta proporre e spiegare le proprie ragioni. Quindi invece di lamentarci, per non essere la gambetta zoppa di IDV, a sua volta gambetta zoppa della sinistra di quel baffetto sublime e timoniere pazzo, rimbocchiamoci le maniche e a lavorare. Basta parlare di cazzate


che queste associazioni si mettessero d'accordo, perché invece altroconsumo dice http://www.altroconsumo.it/imposte-e-tasse/rimborso-iva-sulla-tassa-rifiuti-s253463/ambiente-p1...2100.htm

emiliana carifi 02.04.10 16:05| 
 |
Rispondi al commento

@antonella gargano

bei paraculi! esiste una sentenza della corte costituzionale, e pure molto chiara!!!
la lettera deve essere indirizzata al gestore del servizio (quello che ti emette fattura), il quale si occuperà di rimborsare l'iva e di richiederla a sua volta a rimborso all'agenzia delle entrate.
il singolo cittadino non può infatti chiederla direttamente a rimborso perchè nel sistema IVA è il soggetto inciso e non il soggetto passivo.
comunque vai serena e chiedila a rimborso, è tuo diritto riaverla!

Elisa Giovannini 02.04.10 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

egreggio ..beppe...................
Sono un genitore di un ragazzo danneggiato da VACCINO dal/1978 dopo 30 anni hanno deciso di darci un risarcimento ,dopo la legge 210 è arrivata la legge 229

TESTO ORIGINALE

Si segnala una recente norma (legge 229/2005) che prevede delle forme aggiuntive –in relazione a quelle già previste per questa categoria dalla legge 210- di indennizzo.
Ulteriore assegno una tantum
Inoltre, agli stessi soggetti, e cioè ai cittadini danneggiati in modo irreversibile da vaccinazioni e già titolari di indennizzo 210/92, la normativa prevede la concessione di un assegno una tantum, ulteriore quindi all’indennizzo aggiuntivo istituito con legge 229/05, il cui importo, determinato da una apposita commissione, è in ogni caso pari ad un massimo di 10 annualità dell’indennizzo aggiuntivo per il periodo compreso tra il manifestarsi dell’evento dannoso e l’ottenimento dello stesso indennizzo aggiuntivo.
L’importo dell’assegno una tantum aggiuntivo viene erogato in cinque rate annuali con decorrenza 2006.
Questa ulteriore forma di indennizzo erogata dallo Stato viene corrisposta per metà al danneggiato e per metà ai congiunti che prestano o abbiano prestato assistenza in modo continuativo e prevalente.
Dal 2006 che ci stanno prendendo in giro , chiedo a lei di aiutarci in qualche modo
la ringrazio anche da parte delle migliaia di danneggiati da VACCINO.

Morreale Mario

Via Rodolfo valentino 00139 Roma

morreale1942@alice.it

mario morreale, roma Commentatore certificato 02.04.10 16:04| 
 |
Rispondi al commento

Avevo gi... Mostra tuttoà preparato la lettera ma nel frattempo ho ricevuto la fattura della Società che gestisce la raccolta rifiuti, con allegato il foglio con le varie informazioni e notizie, tra cui questa: "egregio utente, ad oggi purtroppo non esistono disposizioni normative che abbiano abrogato ecc. ecc..... Si deve inoltre considerare che .... l'IVA non è un'entrata della Società in quanto nella stessa misura viene riversata all'Erario e non sono state ancora comunicate disposizioni in merito ecc..."
Allora, come ci si deve comportare? Bisogna inviare la richiesta al Comune?

Antonella Gargano 02.04.10 15:55| 
 |
Rispondi al commento

http://ambiente.aceapinerolese.it/bollette%20TIA.html

bollette rifiuti online

Andrea B., Lonigo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Avevo già preparato la lettera ma nel frattempo ho ricevuto la fattura della Società che gestisce la raccolta rifiuti, con allegato il foglio con le varie informazioni e notizie, tra cui questa: "egregio utente, ad oggi purtroppo non esistono disposizioni normative che abbiano abrogato ecc. ecc..... Si deve inoltre considerare che .... l'IVA non è un'entrata della Società in quanto nella stessa misura viene riversata all'Erario e non sono state ancora comunicate disposizioni in merito ecc..."
Allora, come ci si deve comportare? Bisogna inviare la richiesta al Comune?

Antonella Gargano 02.04.10 15:49| 
 |
Rispondi al commento

e come la mettiamo allora per quanto concerne l'IVA sulla benzina che viene calcolata sulla somma del prezzo al produttore e delle accise, che fino a prova contraria o modifica del vocabolario italiano sono delle tasse???

Lorenzo Amati 02.04.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Grande Beppe !!! Iniziasti così anche la lotta per i costi di ricarica dei telefonini, della quale qualcun'altro si è preso i meriti.
Se ti "imitassero" più spesso, avremmo qualche altro "genio" in più e qualche problema irrisolto in meno.
Cmq lo steso problema esiste per l'IVA calcolata sul prezzo della benzina, che include le accise che sono imposte a tutti gli effetti)nella base imponibile; si può fare qualcosa anche lì ???

Mauro Cruciani 02.04.10 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Come sempre un intervento interessante e di utilità pratica.
Solo una domanda... nel testo si dice che è possibile scaricare il modulo anche in word, ma in quel formato non lo trovo: riesco solo a scaricarlo in pdf. Sbaglio qualcosa o proprio non c'è?
Grazie e ancora complimenti. Siamo sempre di più, e non ci arrenderemo, proprio no!

Maurizia Vaglio 02.04.10 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Grillo... stiamo aspettando che la tua mania di grandezza ti porti a distruggere anche il rapporto con Marco Travaglio.. sai, Marco rischia di fare ombra alla tua grandeur...

MARCO STAI ATTENTO.. NON GIRARE LE SPALLE... GRILLO POTREBBE TRATTARTI COME DE MAGISTRIS.. UNA COLTELLATA NON LA SI NEGA A NESSUNO

rob m., como Commentatore certificato 02.04.10 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma il modulo in word dove da dove si scarica?

Roberto Bonfigliuoli 02.04.10 15:11| 
 |
Rispondi al commento

L'informazione andava fornita in maniera più precisa. Sulla TARSU (la vecchia tassa rifiuti) non c'è IVA e molti Comuni applicano ancora questa tassa. L'IVA c'è solo sulla TIA ed è ben evidenziata in fattura (per la TARSU invece non viene emessa fattura). Tra l'altro la TIA non mi risulti sia in vigore da 10 anni, la sentenza avrà precisato che il diritto al rimborso si prescrive in tale lasso di tempo, che è altra cosa.

antifonte di memnunte 02.04.10 14:59| 
 |
Rispondi al commento

diventare geloso nei confronti di DeMagistris è la cosa + squallida + vergognosa che ti poteva succedere caro beppe... che delusione...

rob m., como Commentatore certificato 02.04.10 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere perchè nel mio comune, Bassano del Grappa, ad un utente che è andato a richiedere il rimborso dell' iva sui rifiuti, è stato risposto che questa cosa non esiste!!!!!!

camazzola gwenda 02.04.10 14:49| 
 |
Rispondi al commento

A partire da giovedì scorso sono membro di una setta religiosa denominata "Avventurieri del 27° del Mese".
La legge che stabilisce che ogni cittadino deve pagare le imposte sul proprio reddito è ritenuta dalla mia religione profondamente ingiusta in quanto in palese conflitto con uno dei suoi principi fondanti, ossia:

"homo sine pecunia est imago mortis"

In ossequio alla prassi inaugurata dal capo della religione Cattolica, d'ora in poi con il 740 mi ci pulirò il culo.

Fabio Cittolini Morassutti 02.04.10 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Un sogno diventato realtà ....................

Paolo B 02.04.10 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho presentato domanda di rimborso dell'IVA giorni fa, e questa è stata la risposta della Azienda municipalizzata della mia città:

"Ad oggi non esistono disposizioni normative che abbiano abrogato quanto previsto dal DPR 633/1972 - Tabella A - parte III - n° 127 sexiesdecies, e che pertanto la tariffa continua ad essere assoggettata all'aliquota agevolata IVA del 10%."

Giro la risposta a qualche esperto,
grazie!

Marco Rox 02.04.10 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Nell'ultima tassa sui rifiuti che abbiamo pagato c'è una lettera che dice :

"Nonostante la sentenza della corte costituzionale n238 dello scorso luglio 2009 si sia espressa in merito alla natura tributaria della tariffa di igiene ambientale(TIA) dichiarandone la non assoggettabilità all'IVA , dopo quasi sette mesi dalla sentenza non sono ancora state emanate disposizioni legislative che chiariscono le procedure di rimborso di IVA sulla TIA e che stabiliscano al contempo le nuove modalità per l'addebito alle utenze dei costi del servizio e di gestione della TIA.
La nostra società pertanto , in linea con il comportamento dei soggetti gestori nazionali e comunitarie in materia di IVA , ha emesso l'allegata fattura con l'applicazione dell'imposta come finora operato.
L'IVA , si ricorda , non rappresenta un'entrata per la Società , in quanto nella stessa misura in cui viene addebitata all'utenza viene riversata all'erario
Sarà cura della Società mantenere informata l'utenza"

Giampaolo S., Belluno Commentatore certificato 02.04.10 14:23| 
 |
Rispondi al commento

sucsate ma sulla fattora deve esserci una dicitura specifica "iva 10%"? a me nn c'è... ci sta solo add. comunale 10% è questa?

Giulio Sorrentino 02.04.10 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roma taglia i fondi, 400 sindaci lombardi
restituiranno al prefetto la fascia tricolore

Giovedì 8 aprile 400 sindaci della Lombardia si troveranno davanti alla prefettura di Milano per restituire la fascia tricolore in segno di protesta contro i continui tagli ai bilanci. Il presidente regionale dell'Anci, Attilio Fontana, che è sindaco di Varese, parla di trasferimenti ridotti, vincoli del patto di stabilità che portano a scelte "inaccettabili" e un trattamento non uguale per tutti, come dimostrano gli 80 milioni di stanziamenti per Roma.

Se bisogna soffrire tutti, soffriamo - spiega il leghista Fontana - ma qua c'è qualcuno che soffre e qualcuno che continua a fare il cialtrone. E non va bene. Il taglio al fondo sociale, che per la Lombardia è di 20 milioni, già si fa sentire. Siamo costretti a dire no alle legittime pretese dei cittadini". Per spiegare la situazione alla gente, i sindaci si troveranno alle 10 in piazza San Babila a Milano, dove hanno deciso di allestire un banchetto, poi andranno alle 11 in prefettura.

Vedo nubi all'orizzonte..sbaglio o son sindaci leghisti, contro il governo centrale..leghista?

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Vai Beppe tutti insieme c'è la faremo!!!!

Danilo Saba 02.04.10 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Grazie beppe per aver fatto come al solito da cassa di risonanza a queste lodevoli iniziative per la difesa dei cittadini!

Giovanni Scabbia (yorko), Ferrara Commentatore certificato 02.04.10 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Prima di spedire assicuratevi che nel vostro comune si applica l'iva sui rifiuti. Non si paga in tutti i comuni. In Puglia se non sbaglio l'Iva si paga solo in 4 comuni(tra cui Bari).

Antonio N. Commentatore certificato 02.04.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Molti cittadini hanno già depositato questi moduli però sia i Comuni stessi, sia le società municipalizzate che gestiscono la raccolta differenziata temporeggiano, dicendo che da Parlamento e Governo non sono ancora arrivati le disposizione pratiche su come procedere al rimborso.

Ho l'impressione che questo governo Berlusconi non abbia fretta di procedere al rimborso.

alberto arnoldi 02.04.10 13:37| 
 |
Rispondi al commento


La Tarsu è una tassa non soggetta ad imposizione
Iva per definizione.

La Tarsu sui rifiuti è stata abrogata ; solo i comuni che l'hanno messa a bilancio prima dell'abrogazione la possono continuare ad applicare fino alla fine di quest'anno.

Per i comuni in fase di transizione che applicano ancora la Tarsu , come tassa si paga l'addizionale provinciale ( 5% ) , l'imposta comunale e l'addizionale comunale.
Quindi non si puo' in questo regime chiedere il rimborso di qualcosa che non è stato applicato.
......
La Tia invece come tariffa è soggetta ad Iva ed in questo caso sulla base della sentenza esposta sul blog si puo' fare ricorso.

Ma è una diffida individuale , che porta ad una causa individuale e deve portare ad una sentenza con costi notevoli .

Di fatto non c'è una legge che disciplina tale problematica o norma applicativa che sicuramente faranno per non mandare i comuni in dissesto...E INGLOBERANNO L'IVA ALLA TARIFFA...

Che sia chiaro grazie a questa lodevole iniziativa da supportare non si pagherà piu' l'iva....che invece che scorporata verrà incorporata nella tariffa ......perchè se no' per i comuni si tratterebbe di un esborso enorme e via ai DISSESTI.......e non solo di una perdita del 10% sugli anni a venire ...in regime di blocco delle tariffe ( finanziaria)

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 13:35| 
 |
Rispondi al commento

il modulo è valido anche in altri comuni diversi da quello di padova? presumo di sì, per cui , immagino , io debba sostituire il nome di padova con quello del mio comune all'interno del modulo.
Grazie della risposta.

claudio m 02.04.10 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Bonus, cominciamo a parlare di problemi reali e tralasciare le questioni politiche, il tema rifiuti e' uno di quelli principali, se contrapponiamo questi temi che sono interessi di tutti e sono la nostra bandiera per migliorare il territorio e la qualita' della vita, mentre il resto del paese resta arroccato sulla diatriba dx-sx, non possiamo che fare passi avanti.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Bella Beppe con queto post si fa una bella ripulita subito, meglio ora e tornare ad essere pochi ma buoni, via tutte queste infiltrazioni sinistroidi, per voi c'è l'analfbeta di Di Pietro (come ha fatto a prendere la laurea uno che non è capace di mettere una parola dietro l'altra è un mistero). Lasciate il movimento e tenetevi De Magistris un'ltro magistrato arrivista che si sta innamorando delle poltrone (e sulla attività di magistrato direi che faceva anora più schifo, prima di difenderlo a spada ratta leggetevi i link che qualcuno ha pubblicato su cosa ha combinato col caso Reggio, forse è meno pulito di quanto pensiate anzi se è vera solo una minima parte di ciò che ho letto rabbrividisco)
Questo movimento raccoglie i delusi dalla politica sia di Destra che di Sinistra ualcuno ha frainteso scambiandolo per l'ennesimo partito di sinistra. Senza rancore tornate a votare prodi d'alema e besani e non rompete le palle

ma sa 02.04.10 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, non è così scontato ricevere il rimborso iva, l'ultimissima sentenza in merito è della CTR Toscana che ha dato ragione al Comune. Quindi l'esito è incerto e bisogna andare in tribunale, secondo me lo sforzo vale la candela solo se si riesce ad aderire adazioni collettive gratuite (mi sembra che qualche associazione di consumatori le stia proponendo). Inoltre bisogna avere le fatture di tutti i versamenti di cui si chiede il rimborso!!!

Simone Mazza 02.04.10 13:29| 
 |
Rispondi al commento


Scusate, ma essendoci sia la conoscenza che i mezzi per rendere remunerativa anziché dispendiosa l'attività di smaltimento rifiuti e, dato che noi paghiamo anche per gli imballaggi che buttiamo, ovviamente già differenziati, non dovrebbero essere loro a pagare noi ????

Giuseppe V., Pescara Commentatore certificato 02.04.10 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Già fatto !!
Risposta : "Sono in attesa di delucidazioni" da parte dell'agenzia delle entrate.
Ovvero : aspetta e spera !!:-)

Una classaction risolverebbe il problema.
Infatti potrei sbattermene i coglioni dei rapporti tra agenzia delle entrate e società di gestioni dei rifiuti locale.
Avendo un rapporto con quest'ultima è infatti quest'ultima che deve rispondere.
E sono cazzi loro i rapporti tra loro.
Naturalmente bisogna andare in tribunale.
E qui si ferma la "processione". :-)

Kasap Aia, Eridu Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.10 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori