Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Amianto a cielo aperto


Ravenna_amianto.jpg
Le discariche abusive di amianto non sono più veramente abusive. Fanno ormai parte del paesaggio. Sono così evidenti che sfuggono solo agli occhi delle autorità, se fossero occultate forse le troverebbero. o almeno avrebbero una scusa per non averle viste. In Italia l'amianto è ovunque, per capirlo è sufficiente una ricerca su YouTube con la parola "amianto". Se il cittadino si deve sostituire alle autorità è spontaneo chiedersi a cosa servono le autorità.
"A seguito di una segnalazione da parte di alcuni cittadini di Ravenna riguardante rifiuti pericolosi scaricati abusivamente in un terreno vicino ad abitazioni, a un campo da calcio e a un'hotel abbiamo verificato immediatamente. Sopra i sacchi c'era la scritta: "Amianto". Abbiamo chiamato la polizia, la polizia municipale, e l'ARPA, che sono arrivati subito sul luogo, i rifiuti si trovano li da un anno (così dicono gli anziani del centro adiacente la discarica)." Nik il nero e Andrea De Franceschi, consigliere regionale MoVimento 5 Stelle

3 Mag 2010, 19:02 | Scrivi | Commenti (44) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

abbiamo un problema scrivo da ferrera erbognone pavia vogliono fare una discarica di amianto a meno di tre kilometri di distanza dalle case dove gia ci sono diverse aziende pericolose come una raffineria, una centrale elettrica eni power a ciclo combinato,una ex fabbrica chimica oxon, un deposito di gas, un deposito di carburanti, un ipmpianto air liquide, un centro di recupero rifiuti che ha più volte preso fuoco,volevo sapere se qualcuno puo interessarsi a questo nostro problema ,anche se non sappiamo ancora nulla di concreto grazie

laura barbagallo 08.10.10 15:37| 
 |
Rispondi al commento

il rischio amianto è stato per tanto, troppo tempo sottovalutato, e ci sono responsabilità e collusioni che dovranno, prima o poi, venire alla luce.
bisogna risarcire le vittime e punire i colpevoli.

avv ezio bonanni 01.07.10 23:31| 
 |
Rispondi al commento

AMIANTO. o meglio ETERNIT;

Anni ed anni or sono si rese mi sembra obbligatorio un censimento.

Ora: Quando L'eternit veniva prodotto, acquistato ed Utilizzato, non si sapeva, almeno ufficialmente, della sua pericolosità.
la gente l'ha omprato nel pieno rispetto della legge, e messo sul proprio tetto in quanto funzionale ed economico, un fibrocemento eccezionale insomma.

ora che L'eternit è proibito si scarica ai padroni delle case l'intero onere per l'icapsulamento, l'asportazione e smaltimento dello stesso, con tutte le problematiche relative.
Ci sono svariate imprese che hanno ora preso l'abilitazione ad effettuare questo tipo di lavori, ed i prezzo sono variabili anche in percentuale elevata. questo non fa che porre dubbi sulla serità delle imprese più economiche, e rimandare a chissà quando i lavori per via dei prezzi molto meno economici delle imprese che si ritengono "più serie".

Per anni si sono dati contributi per la rottamazione di auto, per i decoder digitali terrestri, contributi a fondo perso per le imprese che acquistano, ampliano. etc etc.. mai due spiccioli per quei poveretti che hanno comprato una casa con una copertura in eternit, o ne hanno realizzata una quando ERA LEGALE (perchè c'è stato un momento in cui era legale, inutile criminalizzare oggi per partito preso la diffusione di questo materiale) attratti dalle alte prestazione e dal costo conveniente.

OGGI GRAN PARTE DELL'ETERNIT è ancora li su tetti e facciate, spesso non è nemmeno incapsulato, e non si può criminalizzare chi lo detiene......... ma bisogna incentivarlo economicamente ad eliminarlo

Elisabetta Saviol 06.05.10 14:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma questo blog serve a qualcuno? o meglio c'e' qualcuno che lo legge?Ho postato nei giorni scorsi diverse volte il post sottostante ma solo due persone mi hanno risposto. Non vi sembra un po' poco per una cosa cosi importante che cambiera' i destini del mondo? e perche nemmeno a beppe grillo a cui ho inviato una mail personale interessa?Sono molto deluso.Ecco il post:
Ho terminato in questi giorni il progetto per ad una centrale capace di generare tre volte l'energia generata da una centrale atomica.Il costo della centrale e' di un terzo rispetto ad una centrale atomica che il nano ghiacciato vuole propinarci, installandone a piu' non posso, ed incassando a piu' non posso. La nuova ed innovativa centrale non utilizza motori a scoppio,batterie,pannelli solari,pale eoliche,ne tantomeno si basa su fantasiosi aquiloni o quant'altro puo' volteggiare nel cielo a bassa o alta quota,e non utilizza forze magnetiche o elettromagnetiche,e nemmeno fusioni o fissioni nucleari. Si basa su principi di straordinaria semplicita',ma che bisogna sviluppare attraverso cognizioni di chimica, fisica, meccanica, oleodinamica, studi approfonditi di fluido dinamica e idrodinamica,, studi speciali sulla dinamica in relazione alle leggi sulla gravita' dei pesi,studi approfonditi sulla dinamica dei materiali immersi in fluidi e relativi studi sui pesi specifici di nuovi materiali plastici e occorre avere avanzate conoscenze di ingegneria edile.Ma e' molto semplice da capire nel suo funzionamento, quasi sconcertante.Occorre pero' una grande fantasia per concepirla.
Ora direte voi, ma che vuoi? Vorrei poter esporre in dieci minuti a grandi linee questo progetto al nostro grande leader beppe, persona che piu' di ogni altro al mondo e' degna per prima di conoscere il sistema piu innovativo,pulito,rinnovabile,economico e possibile con le conoscenze esistenti ad oggi.
non ho le possibilita' economiche per brevettarlo
ma se uniamo le forze.. Vi prego aiutatemi a contattare beppe e vedrete

maurizio vuturo (ghno-pin-92110), vigevano Commentatore certificato 06.05.10 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è un caso unico, guardate questa foto, è scattata a circa cinque metri di distanza dalla carreggiata della superstrada statale 407 "Basentana", territorio di Ferrandina (Matera)

http://www.pisticci.com/index.php?option=com_content&view=article&id=592:e-sempre-piu-emergenza-amianto&catid=58:cronaca&Itemid=181

Non è tutto: il NOE ha bloccato i lavori per l'allungamento dell'aviosuperficie della Valbasento e sapete per quali motivi? Eccoli:
Le violazioni di legge accertate dalla Procura fanno riferimento “alle attività di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti costituiti da terreno potenzialmente contaminato in assenza delle prescritte autorizzazioni”; alla “realizzazione e gestione una discarica non autorizzata di rifiuti costituiti da terreno potenzialmente contaminato. In area svincolata e già restituita agli usi legittimi, infatti, venivano depositati, compattati e distribuiti i rifiuti costituiti da terreno potenzialmente contaminato, realizzando in via definitiva un rilevato di circa 6.000 mq per l’ampliamento dell’aviosuperficie”.

Altri articoli su quanto accade in Basilicata li potete trovare su www.pisticci.com

Vittorio Ricchiuto 05.05.10 10:09| 
 |
Rispondi al commento

ecco delle foto scattate in centro sicilia, potete contattare l'autore della foto
http://www.facebook.com/album.php?aid=17466&id=1058620478

alex pilato 05.05.10 00:58| 
 |
Rispondi al commento

io c'ho fatto tutte le elementari in un prefabbricato pieno di amianto dove le pareti crollavano a pezzi.Ogni anno c era la voce che avrebbero dovuto trasferirci per questo problema...non si è mai fatto nulla...sapete quanto hanno costruito la scuola nuova? 8 anni dopo che io ho finito le elementari. Era da quando frequentavo la prima elementare che se ne parlava,quindi immagino se ne parlasse anche prima.

Francesco M., Salerno Commentatore certificato 05.05.10 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Io lavoro in una fabbrica (una delle poche in Italia che ancora regge!!!) in cui ci sono dei reparti produttivi chiamati "sala forni"(100 celle elettrolitiche) e "fonderia". Questi reparti sono stati costruiti in gran parte negli anni '70, quando l'amianto era ritenuto materiale INDISPENSABILE perche' ignifugo e quindi molto indicato in reparti dove veniva trattato il metallo liquido (temperature molto elevate). gli operatori maneggiavano l'amianto ignorandone completamente gli effetti cancerogeni che anche una sola fibra poteva causare se inalata. Ad oggi, nell'azienda dove lavoro, l'amianto e' ancora parte integrante di alcune strutture in alcune macchine tuttora perfettamente funzionati e produttive. l'azienda ha dichiarato di aver effettuato la bonifica dell'amianto a norma di legge tra il 1997 e il 1998 eliminandolo dove possibile e mettendo in sicurezza verniciando le parti non eliminabili di blu, perche' facenti parte integrante dell'isolamento termico delle macchine in questione e quindi non rimuovibili. Adesso siamo piu' tranquilli: verniciato di blu si intona col grigio del reparto...
Ciao a tutti! CIAO BEPPE!!!

Alberto Simeoni, Campagna Lupia Venezia Commentatore certificato 04.05.10 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa pretendete da un governo (diciamo pure parlamento) che appoggia con fierezza il nucleare.
Cosa vuoi che sia un po' di amianto a giro per le strade.
Figuriamoci che ho frequentato un intero anno di scuola superiore in un prefabbricato costruito con pannelli di amianto!


Un grazie ai ragazzi del M5* per la segnalazione.

Stefano B..., FI Commentatore certificato 04.05.10 19:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io devo smaltire 6 m quadri (2 x 3). Mi hanno chiesto + di 1000 euro. E' una speculazione vergognosa che favorisce ovvaimenete lo smaltimento illegale.

paolo teruzzi 04.05.10 18:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I COSTI DELL'AMIANTO SONO SEMPRE A NOSTRO CARICO

COSTI SANITARI PER 100 PAZIENTI

Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Carboplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 825.887,00 euro

Giuseppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.05.10 18:01| 
 |
Rispondi al commento

AMIANTO:per smaltire un tetto di capannone di mq. 1.200. occorrono €.35/40.000 altrettanti per rifare il tetto. Le ditte più serie hanno messo in sicurezza con :vernici, guaine bituminose,ecc. le più disperate (con l'aria che tira) lo smaltiscono un pò alla volta illegalmente. ciao.

gianni r., reggio emilia Commentatore certificato 04.05.10 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

So che in alcune città - una di queste è Reggio Calabria- esistono, in pieno centro storico, interi tetti d'amianto e vecchi serbatoi sui tetti. Non solo questo viene ignorato, ma si chiede al cittadino di "denunciare la presenza dell'amianto" il che vorrebbe dire, farsi dei nemici fra i vicini di casa e rischiare di ricevere ritorsioni, anche di tipo mafioso. Tra l'altro, l'unica cosa che si ottiene, nel migliore dei casi, non è la rimozione dell'amianto ( operazione che è giudicata troppo dispendiosa) ma il suo "incapsulamento", cioè che sia ricoperto di catrame.
Perché non si usa un elicottero per sorvolare i tetti e individuare l'amianto? perché p. es. a Reggio Calabria il Comune non se ne occupa? potrebbe guadagnarci bene, con le multe!

Ludovica De Nava 04.05.10 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...e nessuno sapeva niente, vero ??...abbiamo milioni di pubblici ufficiali che per legge devono procedere d'ufficio di fronte a reati di qs tipo, ma vigili , carabinieri, finanzieri, qualche miliardo di forestali ecc ecc non vedono mai un cazzo.....e poi ci indignamo se ci danno dei mafiosi....mah.....
sarebbero TUTTI passibili di omessa denuncia stì qui

capitan harlock 04.05.10 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Amianto,
maledetto amianto.
ti nascondi dappertutto.
uccidi in silenzio.
mentre la gente a scandenze grida.
grida se ha qualcosa da chiedere:
pensioni anticipate, soldi, appalti per la bonifica.
ci sono mille e mille discariche. piccole e grandi.
ci sono ancora mille e mille tetti.
capanni in uso e disuso.
cabine balneari deve legambiente (trampolino di lancio per politici e manager) premia con la bandiera blu!
la legge ha soltanto agevolato il pensionamento ad alcuni. Dove l'aziende erano in esubero.
tanti, tanti, troppi ne sono restati fuori.
il silenzio del sindacato è stato assordante.
chi come me, si è vestito di amianto, ha perso la fiducia in tutto e tutti.
in italia non esiste una classe politica intellettualmente corretta!
chiedo al consigliere regionale di verificare quanto dico.
potrei dire cavolate!
ma senta tra i lavoratori per esempio di ravenna
(città portuale) quanti ricorsi sono stati fatti, e se tutti i lavoratori sono stati accontentati.
anche quelli che montavano i capannoni, anche chi lavorava nei depositi edili, e nei negozi di forniture industriali, quelli delle officine che cambiavano frizioni e freni (impastati di amianto)
e quelli delle piccole fonderie e vetrerie.
Magari alle prossime elezioni potrei votare, se ci sarà, un rappresentante a 5 stelle,
ora, dopo i primi entusiasmi, sto perdendo la fiducia anche in questi.
sono stato a un paio di meetup nella mia città ed ho perso fiducia anche in loro come non mi piaci più il blog.

fabio mazzoli, vicarello (li) Commentatore certificato 04.05.10 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Davanti all'appartamento in cui abito ho un piccolo magazzino interamente ricoperto di Eternit sia il tetto sia le varie tettoie, il bello è che questo piccola struttura è in pieno centro abitato circondato da condomini e quindi una zona altamente popolata. Io ho provato ad attivarmi per la rimozione della copertura ma il mio interessamento è stato inutile. Chi potrebbe darmi qualche indicazione a chi mi devo rivolgere per la rimozione di questa copertura? Grazie a tutti.

Massimo G. Commentatore certificato 04.05.10 11:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il costume adamitico

Nell'Eden vivevano nudi veramente? I naturisti hanno ragione? Secondo il mio parere nel paradiso terrestre andavano vestiti. Dico ciò per una serie di semplici deduzioni: quando fa freddo dobbiamo vestirci; quando fa caldo dobbiamo coprirci per difenderci dai raggi solari.

Se fossimo fatti per andare nudi dovremmo essere coperti di peli come le scimmie proprio per difenderci dalle intemperie.

L'uomo è comunque ricoperto interamente di peli; sulla nostra pelle ci sono tantissimi minuscoli peli. Ciò vuol dire che questo organo si è atrofizzato col tempo. Non ha più la funzione originaria proprio a causa del fatto che, a un certo punto, abbiamo cominciato a vestirci. Quando un organo non viene più usato si atrofizza, si ritira perdendo la sua funzione originaria.

Cosa è potuto succedere? Evidentemente, gli antichi hanno cominciato a indossare le pelli degli animali cacciati. Magari, inizialmente le usavano come feticcio e poi, col tempo, sarà diventata prassi comune indossare indumenti. Le pellicce, oltre a difendere meglio il corpo dagli agenti atmosferici, hanno risolto un altro problema che assilla tutti gli animali dotati di una folta peluria: le pulci. La mancanza di peluria è indice di pulizia. Le scimmie passano molto tempo a spulciarsi a vicenda. L'uso delle pelli avrà ovviato a questo inconveniente permettendo così alle comunità umane di guadagnare molto più tempo da dedicare ad altro.
Forse, avere più tempo libero avrà favorito lo sviluppo del linguaggio, la comunicazione, lo scambio d'informazioni.

Ma allora, cosa vuol dire essere nudi nell'Eden se poi in realtà erano vestiti? Sicuramente questa è un'altra metafora. Come ho accennato un'altra volta, il coprirsi con le foglie di fico rispondeva al sentimento di gelosia suscitato dal concetto di proprietà privata. Con la scoperta dell'agricoltura e l'allevamento, nacque l'esigenza di difendere cose, piante, animali e persone all'interno di territori posseduti... discussione

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.05.10 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

su youtube non riesco a commentare il video..

http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/file/bolletta-nucleare

Andrea Vallascas 04.05.10 10:59| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=cS8yrBkPYNg PER NON DIMENTICARE !!!

giuseppe gagliardo 04.05.10 00:42| 
 |
Rispondi al commento

ma la polizia municipale, il sindaco, l'assessore all'ambiente, l'arpa...che cazzo li paghiamo a fare!!!!!

MARCO O., Taggia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.05.10 00:10| 
 |
Rispondi al commento

FORZA RAGAZZI,FATECI SOGNARE UN ITALIA DIVERSA.
GERONIMOOOOOOOOOOOO.

LUIGI (napoli) 03.05.10 23:21| 
 |
Rispondi al commento

...un paio di mesi fa ho visto un appartamentino in vendita, siccome si trattava di una mansarda ho potuto constatare che una buona parte del tetto era in amianto; chieste immediatamente spiegazioni alla padrona e all'agente immobiliare lì presenti né una né l'altro sapevano di che si trattava, o magari hanno provato a fare gli gnorri...in questo paese servono gli occhi anche dietro la testa e bisogna tenerli aperti anche quando si dorme.

Isidora Sgueig, Torino Commentatore certificato 03.05.10 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto giusto oggi un articolo che diceva che l'amianto è ancora presente negli aereoporti... tra cui citati c'era Fiumicino.

Alessandro Pescini, San Casciano V.P. Commentatore certificato 03.05.10 22:38| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
LA VEREITA' E' CHE AUTORITA' COME L'ARPAV SE NE FREGANO E AVANTIA MORIRE DI AMIANTO,SE NE SONO PURE FREGATI QUEI TRE QUATTRO PANNELLI CHE ABBIAMO AL BED AND BREAK FAST E' DA UN ANNO CHE ABBIAMO CHIAMATO ED NON HANNO FATTO NULLA,DICO NULLA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 03.05.10 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Che l'amianto sia stato estremamente pericoloso per chi lo lavorava e ne respirava le polveri è un dato di fatto ma se in una discarica finisce un vecchio bandone ondulato di eternit (amianto e cemento) non è che muore nessuno. L'aminta non è radiattivo, è una roccia naturale che cristallizza in forma fibrosa assolutamente inerte a meno che non la si frantumi in polvere finissime da spargere in aria. Se escludiamo gli operai per fabbriche tipo eternit o per chi usava l'amianto per foderare, ad esempio, i vagoni ferroviari, non credo che di morti per l'amianto ce ne siano molti. pericoloso si ma non drammatizziamo.


Augusto

augusto guidotti 03.05.10 22:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AMIANTO & MESOTELIOMA PLEURICO

Dati CNR
L'Italia "affonda" dentro 32 milioni di tonnellate di materiale contenente amianto. Cinquecento chili per abitante.

Milleduecento casi di mesotelioma / anno
Picco di tumori previsto tra il 2015 e il 2020 (il periodo di latenza del mesotelioma arriva fino a 40 anni).
(fonte La Repubblica)

Evviva i tecnici ARPA che minimizzano!

Giuseppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.05.10 20:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se la responsabilità della salute è in mano ai sindaci, penso che i cittadini facciano bene a stare con gli occhi aperti.
Con tutte le navi tossiche e i rifiuti radioattivi nascosti un po' dappertutto, è normale non fidarsi.

SERENA D., Salerno Commentatore certificato 03.05.10 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Beh, mi sono visto interamente il video e per l'esattezza bisogna sottolineare che per il tecnico dell'Arpa non si tratta di amianto. Parlare subito di discarica abusiva di amianto è frettoloso e scorretto. Comunque Andrea Defranceschi per sicurezza si è portato via un campione che farà analizzare personalmente. Spero che vedremo in futuro i risultati.

Ad ogni modo, a prescindere dal fatto che quei rifiuti siano amianto oppure no, quella discarica abusiva mostra l'inciviltà di certa gente non rispettosa dell'ambiente e della legge.

Giovanni Tonetti 03.05.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori