Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Terremoti e petrolio


Maria_Rita_DOrsogna.jpg
Ci sono delle relazioni tra la trivellazione per l'estrazione del petrolio e i terremoti?
"" Ipotesi"
Un bambino nel grembo materno è protetto dal liquido amniotico.
L'uovo ha l'albume.
L'automobile, i macchinari, funzionano se c'è lubrificazione.
Nella terra c'è il petrolio, liquido denso, grasso, che lubrifica ed ammortizza.
Togliendolo, come si sta facendo da decenni e in quantità che vediamo, forse vengono alterati equilibri sotterranei e non lo sappiamo."
GIGLIOLA MAZZALI

22 Mag 2010, 19:47 | Scrivi | Commenti (64) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 


ha disposto «Istituzione di una Commissione tecnico-scientifica per la valutazione delle possibili relazioni tra attività di esplorazione per gli idrocarburi e aumento dell’attività sismica nell’area emiliano romagnola colpita dal sisma del 2012»;
nelle priorità d’azione e risultati attesi al 2020, della Strategia energetica nazionale (ottobre 2012) viene espressamente dichiarato come il Governo non intende perseguire lo sviluppo di progetti in aree sensibili in mare o in terraferma, ed in particolare quelli di shale gas, dimostrando di essere a conoscenza e di ammettere la sua più o meno potenziale «pericolosità»;
il Presidente del Consiglio dei ministri, Enrico Letta, intervenendo in Senato il 21 maggio 2013, alla vigilia del vertice unione europea, ha sottolineato la necessità di «una politica realistica del cambiamento climatico dopo il 2020» ma anche «un atteggiamento aperto e non penalizzante per lo sfruttamento delle fonti di energia prodotte in Europa come lo shale gas»;
il 22 maggio 2013, l’apertura allo sfruttamento di shale gas sarebbe stato oggetto di discussione anche nel Consiglio europeo, nel corso di una riunione che ha posto le basi per una regolamentazione della controversa tecnica del fracking, necessaria per estrarre gas non convenzionale,

impegna il Governo

a escludere l’utilizzo della fratturazione idraulica nel territorio italiano.
(8-00012) «Zaratti, Zan, Pellegrino, Realacci, Iannuzzi, Borghi, Arlotti, Carrescia, Sanna, Cominelli, Zardini, Mariani, Morassut, Daga, Busto, Mazzoli, Gadda, Grimoldi, Castiello, Pastorelli, Matarrese, Zolezzi, De Rosa, Tofalo, Distaso, Decaro, D’Agostino».
PRATICAMENTE HANNO DISPOSTO CHE QUESTO TIPODI ATTIVITA' NON SI DEVONO PIU' FARE SIGNIFICA CHE SONO STATE FATTE SE NO A CHE SERVIREBBE FARE UN DECRETO LEGGE SE IL REATO NON E' MAI STATO FATTO CIAO A TUTTI ED INFORMATEVI PROMA DI PARLARE

david menaldo 23.09.13 04:34| 
 |
Rispondi al commento

più razionale per le opportunità ed i rischi connessi al fracking» e si sofferma anche sui rischi ambientali del fracking osservando: «Ci sono ancora notevoli incertezze e le lacune nella nostra conoscenza». Per gli scienziati tedeschi devono essere ancora chiariti molti aspetti citano i principali: smaltimento ecologicamente corretto delle acque reflue; sicurezza dei pozzi e dei sistemi di produzione, in particolare per quanto riguarda la salvaguardia delle acque sotterranee; gli impatti a lungo termine di tali operazioni; l’equilibrio climatico del gas da scisto»;
il 15 giugno 2011, il Parlamento francese ha approvato una legge che vieta ogni tipo di attività legata allo sfruttamento sul territorio nazionale di giacimenti di gas non convenzionali con la tecnica della fratturazione, compresa ogni forma di sperimentazione;
nei Paesi Bassi dal 2000 al 2013, il numero di terremoti risulta aumentato di ben 5 volte rispetto al decennio precedente, mentre la produzione di gas è raddoppiata. Lo scorso aprile, la compagnia petrolifera olandese Nederlandse Aardolie Maatschappij (NAM), attraverso un comunicato ha ammesso implicitamente di essere la causa scatenante di questi sismi, stanziando 100 milioni di euro di compensazione per tutti i cittadini che avevano riportato danni a seguito delle ultime scosse;
con ordinanza 76 del 16 novembre 2012 il Presidente della Regione Emilia Romagna – in n. qualità di commissario delegato a sensi dell’articolo 1, comma 2, del 74 del 6 giugno 2012, convertito con modificazioni, nella Legge decreto-legge n. 122 recante «Interventi urgenti in favore delle popolazioni 1 agosto 2012 n. colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012» – ha disposto «Istituzione di una Commissione tecnico-scientifica per la valutazione delle possibili relazioni tra attività di esplorazione per gli idrocarburi e aumento dell’attività sismic

david menaldo 23.09.13 04:31| 
 |
Rispondi al commento

ben 177 pozzi di trivellamento, una parte della comunità scientifica ha maturato l’idea che vi possa essere una correlazione specifica tra le operazioni di indagine geologica per mezzo del fracking e l’aumento dei fenomeni sismici e ciò avrebbe indotto le autorità a regolamentare in modo più rigido l’utilizzo di questa tecnica;
la IEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia, nel documento «Golden Rules for a Golden Age of Gas» del 2012, ha posto in luce possibili problemi derivanti da un eccessivo sfruttamento di questi idrocarburi;
i molteplici effetti del fracking sono stati analizzati anche da un rapporto ordinato dalla Commissione ambiente del parlamento europeo, pubblicato nel luglio 2011 (Impacts of shale gas and shale oil extraction on the environment and on human health). La principale fonte di preoccupazione è la contaminazione delle falde acquifere – sotterranee e superficiali – dovute a fuoriuscite di fluidi di fratturazione contenenti additivi chimici o di acque reflue contenenti gas metano disciolto, fango e sostanze chimiche (ad esempio metalli pesanti) e radioattive eventualmente provenienti dal giacimento;
sull’opportunità (economica, tecnica e ambientale) di esplorare i giacimenti non convenzionali di gas e petrolio la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica, con l’obiettivo di raccogliere opinioni e suggerimenti su questo tema controverso, coinvolgendo 25.500 cittadini dei Paesi membri, che hanno espresso le loro forti preoccupazioni sull’estrazione dello shale gas;
lo Sachverständigenrat für Umweltfragen (Sru), il Consiglio consultivo per l’ambiente della Germania, al quale il governo di Angela Merkel ha chiesto un rapporto per determinare la sua posizione nel dibattito sulla fratturazione idraulica in corso nell’Unione europea, ha pubblicato la dichiarazione «Fracking per la produzione di gas di scisto – Un contributo alla sua valutazione nel contesto della politica energetica e ambientale», che «Sostiene un approccio più

david menaldo 23.09.13 04:29| 
 |
Rispondi al commento

Questo il testo approvato…

Atto Camera

Risoluzione in commissione 7-00073
presentato da
ZARATTI Filiberto
testo di
Mercoledì 18 settembre 2013 in Commissione VIII (Ambiente)
7-00073 Zaratti ed altri: Sull’istituzione di una Commissione tecnico-scientifica presso il Ministero dell’ambiente per valutare i rischi ambientali connessi all’attività di esplorazione per gli idrocarburi attraverso la tecnica di fratturazione idraulica o fracking.
RISOLUZIONE APPROVATA DALLA COMMISSIONE
La VIII Commissione,
premesso che:
per fracking o fratturazione idraulica si intende la tecnica di estrazione di idrocarburi, come il petrolio ed il gas naturale conosciuto come shale gas, dalle rocce mediante l’iniezione ad alta pressione di acqua ed altri reagenti chimici nel sottosuolo, in modo da fratturare le rocce di scisto sottostanti incrementando in tal modo la liberazione e la migrazione in superficie dei fluidi contenenti idrocarburi liquidi o gassosi, per il successivo immagazzinamento;
questa tecnica può determinare effetti anche di tipo ambientale, in quanto modificando la struttura e le caratteristiche fisiche di trasmissività del sottosuolo, si può determinare la messa in comunicazione di falde con differenti qualità delle acque, utilizzate nel processo di fratturazione idraulica, spesso addizionate a diverse sostanze pericolose, tra le quali naftalene, benzene, toluene, xylene, etilbenzene, piombo, diesel, formadeldeide, acido solforico, tiourea, cloruro di benzile, acido nitrilotriacetico, acrilamide, ossido di propilene, ossido di etilene, acetaldeide, ftalati, cromo, cobalto, iodio, zirconio, potassio, lanthanio, rubidio, scandio, iridio, krypton, zinco, xenon e manganese;
la tecnica è stata utilizzata in diversi contesti geologici americani, di cui, la bibliografia scientifica ne riporta anche gli effetti negativi: sulla base di una casistica molto diffusa, e in particolare dei numerosi eventi accaduti nello Stato dell’Ohio il cui territorio ospita ben 177

david menaldo 23.09.13 04:27| 
 |
Rispondi al commento

I TERREMOTI “MODERNI” E IL VAMPIRAGGIO DEL SOTTOSUOLO

Il meccanismo che innesca gran parte dei moderni terremoti, è lo stesso che produce le voragini che si aprono sul suolo della città di Napoli.
L’uomo industriale, per oltre cento anni, ha vampirizzato il sottosuolo terrestre, defraudandolo da gas, petrolio, acqua e minerali. Questa ininterrotta operazione sanguisuga, ha reso la crosta terrestre (in geologia e in geofisica, è uno degli involucri concentrici di cui è costituita la Terra, per la precisione si intende lo strato più esterno della terra solida, avente uno spessore medio variabile fra i 5 – crosta oceanica – e 35 chilometri – crosta continentale -) fragile, vuota e rigida. In mancanza di questi elementi (che hanno la funzione di ammortizzatori), queste enormi cavità, svuotate del loro contenuto, tendono, alla prima scossa, a implodere su se stesse, dando origine ai moderni terremoti. Lo stesso fenomeno, in scala infinitesimale, ma del tutto identico, lo possiamo applicare alla città di Napoli e alle sue voragini. Non dimentichiamo, inoltre, che tutto ciò che l’uomo industriale sottrae al sottosuolo, si trasforma – per un processo, di combustione – in CO2 e varie altre formazioni gassose inquinanti che, a tempo debito, innescheranno una apocalittica reazione chimica. Una seconda parte, di quelle che comunemente, sono definite risorse energetiche, muteranno la loro originaria natura in rifiuti tossici perenni e quotidiana spazzatura. Questo continuo sottrarre materiale al sottosuolo, trasformato poi in energia, ha reso il nostro pianeta più leggero e la nostra atmosfera più pesante e irrespirabile. A causa di questo squilibrio, le conseguenze saranno presto catastrofiche.
Il “segreto” del Giappone, in virtù del quale si è evitata la catastrofe urbana, sta in tecnologie come, i cuscinetti antisismici disposti alla base degli edifici, l’uso di acciai molto più elastici del normale, la fibra di carbonio che avvolge i pilastri e li rende più resistenti alle.

gianni tirelli 13.03.11 20:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul fatto che Madre Terra sia maltrattata c'è poco da dire. Ed è cosa non recente. Lo è pure l'umanità che non conta: la più gran parte. Il pensiero va anche a chi è stato cancellato: agli indiani di America; ai parenti e amici dei "briganti" uccisi e fotografati con loro dopo la morte, quelli deportati, quelli costretti a "emigrare" che dovrebbe essere gesto volontario, sempre, e non lo fu.
Non sarà mai troppo tardi quando si capirà che la Terra è solo un grembo. Per ora è ancora fertile. Alessia e Michela

alessia e michela 23.02.11 14:18| 
 |
Rispondi al commento

http://tg24.sky.it/tg24/economia/2010/05/30/energia_alternativa_le_ultime_scoperte.html

fonti di energia ancora più alternative

Paolo Gullì 30.05.10 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici del blog,

Sono un geologo e lavoro nell'upstream petrolifero da 10 anni.

1)l'idrocarburo estratto dal giacimento e' sostituito da un altro fluido (solitamente acqua e sali vari) presenti nel giacimento stesso.

2)Come qualcuno ha gia fatto notare, i terremoti sono provocati dal movimento naturale delle placche di cui la crosta terrestre e' formata.

3)Le perforazioni petrolifere raggiunono profondita' superficiali rispetto allo spessore della crosta terrestre, in quanto gli idrocarburi si accumulano in roccie sedimentarie.

4)Il volume dei giacimenti petroliferi e' praticamente infininitesimo rispetto al volume totale della crosta terrestre.

5)Ammesso che le onde sismiche rallentino quando attraversano rocce sedimentarie impregnate da idrocarburi (e questo potrebbe essere vero), essendo la dimensione dei giacimenti del tutto irrelevante rispetto al volume della crosta terrestre, il possibilie rallentamento delle onde sismiche non sarebbe recepito da nessun sismografo.


Quindi associare estrazione petrolifera con aumento dell'attivita' sismica terrestre e' la piu' grande cazzata che abbia mai letto in vita mia.

Se poi mi dite che l'attuale economia e' insostenibile in quanto basata su:
1)consumo elavato di idrocarburi
2)l'alta produzione di gas serra
3)rischi incontrollabili, vedi BP in Gulf of Mexico e Chernobyl

Avete assulutamente ragione!

Ma sappiate che, se si cessasse domani la produzione di energia per mezzo di Petrolio, Carbone e Nucleare (quindi di tutte quelle fonti con alti rischi di distruzione ambientale) e si producesse energia solo da fonti rinnovabili, Intere Nazioni Fallirebbero, Millioni di famiglie perderebbero il lavoro, l'economia mondiale crollerebbe, non ci sarebbe piu' cibo a sufficienza, la popolozione mondiale sarebbe dimezzata.

Questo putroppo e' il costo a breve termine che l'umanita' dovra' pagare per assicurare un futuro sostenibile alle generazioni future.

Siamo pronti a questo?
Chi dovra' sacrificarsi?

Marco Vercesi 23.05.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'altro giorno ho ruttato dopo aver bevuto una Coca.
Dopo 24 ore si è scatenato un uragano nelle isole malesi.
Ho temuto mi venissero ad arrestare come responsabile di catastrofe ambientale.
Ho comunque la segreta speranza che scoreggiando potrei provocare uno tzunami alla Caiman !!

Sono simili affermazioni che squalificano una seria lotta ambientale contro l'energia da combustibili fossili !!

Kasap Aia, Eridu Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.10 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che il messaggio che Maria Rita Dorsogna ci dà nel video sia degno di essere considerato.
Se è vero che è una docente di fisica in una università californiana, ritengo che sui terremoti e sugli effetti geologici dell'estrazione del petrolio ne possa sapere molto più di tutti noi che scriviamo nel blog.
Alla fine il messaggio è sempre lo stesso: finiamola di distruggere l'ambiente, che ormai è sull'orlo del collasso (e noi con esso), e indirizziamoci verso fonti di energia e stili di vita eco-compatibili.
Il problema più grosso è che molti nostri simili guadagnano dalla permanenza di questo stato di cose, e sono per questo contrari allo sviluppo dell'umanità.
Nella mia scarsa competenza di geologia e sismologia, mi permetto di esprimere forti perplessità sul fatto che pompando acqua marina, al posto del petrolio estratto, nei giacimenti sottomarini, si annullino i danni geologici dovuti all'estrazione: provate a mettere acqua al posto dell'olio nel motore della vostra auto, o per lubrificare un qualsiasi vostro attrezzo, e vediamo se è la stessa cosa!
Qui siamo alle solite: l'ambiente è di tutti, i proventi del petrolio di pochi.
Si privatizzano i guadagni e si socializzano le perdite.
Come?
Applicando la cara vecchia legge del più forte!



Luigi Vicenza, Vicenza Commentatore certificato 23.05.10 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Una delle tante alternative al petrolio:


http://www.youtube.com/watch?v=QsH_Gh-n2Mg&feature=player_embedded

qualcuno ne ha delle altre????

Uno dei tanti 23.05.10 21:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stavolta concordo con "l'americano"....

ma che cazzo state a scrive !!!!
per il pianeta Terra è normale il terremoto!!!

perchè GAIA vive! ....
del petrolio non le frega un cazzo !!!

pecchiamo di potenza ... in questo caso!!!

è mia opinione! ... poi, tutto potrebbe essere!!!
anche che gli asini volano e le scie comiche !!
senza dimenticare "l'haarp"... l'arma segreta di
Obama!!!

.... mah!


Dipende dal ruolo del petrolio nel mantenere stazionario il clima sotterraneo. L'innalzamento delle temperature provocano micro-oscillazioni e se queste hanno prprietà colletive amplificano per risonanza. La legge causa-effetto petrolio terremoti è troppo distante per poterla attendibilmente vagliare. Comunque, come ben noto, il petrolio scaturito dal sottosuolo è stato sollevato in cielo dallo smog ed ha in effetti sollevato la temperatura per effetto serra provocando catastrofi. Se proprio vuoi sapere, considerato che alcuni ti criticano pesantemente, io gli poso rispondere che decenni or sono l'Unione Sovietica trivelò praicamente fin negli abissi del sottosuolo per studiare lo struttura della Terra ma...richiusero subito...da lì uscivano dei rumori agghiaccianti anche simili a urla. Buona Notte e...Sogni d'oro.

sandro petrini 23.05.10 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Ma non credete che si stia esagerando? sono d'accordo all'uso delle energie rinnovabili e evitare il più possibile l'uso del petrolio ecc, ma dire che c'è una relazione tra la trivellazione per l'estrazione del petrolio e i terremoti e come dire che i terremoti 2 secoli fa non esistevano!!!
questa è proprio grossa!

Francesca s., cagliari Commentatore certificato 23.05.10 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Magari cercare su Science Direct o da altre parti (JSTOR, USGS) studi un po' seri, a volte quasi scientifici (pensa un po'), anzichè avanzare ipotesi a caso non sarebbe male...Bastano e avanzano i danni ambientali e socioeconomici che il petrolio arreca al mondo per renderlo pericoloso (e costoso), senza dovere cercare fuori altre trovate. Alla prossima vorrei senire l'opinione di Giacobbo, magari ci dice che la colpa è degli alieni...

Carlo Gamurri 23.05.10 21:34| 
 |
Rispondi al commento

non ci avevo mai pensato...
potresti anche avere ragione,ma penso che se nessuno li ha messi a tacere qualche scienziato "dissidente" avrebbe già tirato fuori questa teoria con tanto di studi approfonditi...
cmq teoria interessante.

umberto c., alba Commentatore certificato 23.05.10 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Perché in un blog così importante e serio dare spazio a queste cazzate? Anche a me piace il solare e l'idrogeno, ma non serve inventare rischi irrazionali per opporsi all'estrazione del petrolio. Bastano i danni veri: l'inquinamento, le emissioni di gas serra, le perdite accidentali come nel Golfo del Messico. Consiglio di mettere un po' più d'olio sulle rotelle, perché è qui che gli inceppamenti fanno tremare la nostra società.

Peter Amico 23.05.10 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Interessante ipotesi,ma solo un ipotesi,
premessa, avere un campus universitario è interessante, vieni a contatto con diversi studenti, così ci sono anche i geologi di scienze natirali,,,
Uno di loro mi ha spiegato che rispetto al passato dove si facevano buchi a caso, ora si procede con un metodo più intelligente, veloce ed economico, in sostanza si trasmettono delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza sotto terra, e in base a ciò che c'è sotto si avrà un onda di risposta diversa specifica, petrolio, metano, ecc,,,
ma si è anche scoperto che se si alza un po' la potenza di queste onde utilizzate per sondare il terreno puo' succedere che....immaginatelo voi ;-)

Pseudomonas 83 Commentatore certificato 23.05.10 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Lo dico da anni senza esserne un esperto, ma solo per frutto del buon senso !
Ottimo comunque l'intervento della specialista che condivido in toto !

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.10 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Cara Gigliola,sono venti anni che lo penso,purtroppo per i prossimi trenta non cambierà quasi nulla,i miei figli non vedranno più il petrolio,ma che mondo si ritroveranno?noi uomini non rinunceremo al comodo e agli interessi,siamo rimasti scimmie stupide.ciao

fabio nichele 23.05.10 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Cara Gigliola,sono venti anni che io penso la stessa cosa,purtroppo per i prossimi trenta non cambierà nulla o quasi i miei figli avranno la fortuna di non usare petrolio ma che mondo si troveranno? ciao

fabio nichele 23.05.10 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo alla domanda :

NO non ci sono relazioni tra le trivellazioni e i grandi terremoti.
Potrebbero esserci relazioni con piccoli spostamenti di assestamento locali, come abbassamenti del terreno ecc. ma i terremoti sono un'altra cosa e ci sono sempre stati anche prima dell'inizio dell'estrazione del petrolio dei gas ecc.

Il nostro pianeta e' vivo e si muove sotto di noi...i continenti si muovono e questo non avviene in silenzio, soprattutto quando sue falde si scontrano , tanto violentemente da formare montagne alte fino a 3000 metri.

Teniamo anche in considerazione che spesso i giacimenti per estrarre meglio il petrolio vengono poi riempiti nuovamente con acqua.

I rischi delle estrazioni di petrolio sono altri...Golfo del messico DOCET

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 23.05.10 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma come si fa a dare spazio ad Arcoiris.tv, tv fra gli altri di Luogocomune???????

Perchè questo blog deve alternare grandi notizie a cagate colossali..bah...

http://lostspacetheodyssey.blogspot.com/

Mattia Pole 23.05.10 11:34| 
 |
Rispondi al commento

in risposta al quesito posto dalla Signora Gigliola Mazzalai "Ci sono delle relazioni tra la trivellazione per l'estrazione del petrolio e i terremoti?"
Tengo a precisare che non sono uno scienziato geologico, ma che sono stato un tecnico offshore nel campo dell'estrazione petrolifera di una delle maggiori società del settore, questo per parecchi anni, per cui parlo con un po' di cognizione di causa.
Il greggio che viene estratto dai giacimenti offshore, dalle piattaforme ed inviato a terra attraverso i sealine o le petroliere viene sostituito nei giacimenti dalle water injection, che come dice la parola, sono dei pompaggi di acqua marina ad alta pressione fatti all'interno del giacimento stesso questo per le ovvie ragioni di sostenere e mantenere la pressione d'estrazione e per poter usufruire della maggior parte del greggio altrimenti solo un 30% sarebbe usufruibile.
Pertanto la pressione "soterranea" non subisce affatto modificazioni!
Per quanto riguarda parecchi altri commenti, letti a seguito della domanda della signora e che si scagliano contro l'estrazione petrolifera ecc. mi chiedo se queste persone sanno ciò che stanno dicendo???
Vorrei andare a vedere come vivono in realtà nelle loro case, anzi non dovrebbero nemmeno avere case visto che i mattoni, il cemento, le plastiche ecc, di cui sono costruite, hanno avuto bisogno del petrolio per arrivare a destinazione.
Per non parlare dei detersivi delle televisioni del computer e di tutti gli elettrodomestici, suppellettili, automobili ecc.
Ma tutti queste persone come si spostano, come lavorano, come vanno in ferie, cosa fanno durante i loro weekend, come vivono, come si curano ecc.
Ma si rendono minimamente conto quanto per il momento, l'estrazione petrolifera conti nel nostro mondo e nel nostro progresso?
Chiaramente come ogni cosa c'è un prezzo da pagare, ma questo sta a noi controllarlo, e fare in modo che la nostra ingordigia di profitto, non vada a discapito della sicurezza globale!!!
Distinti saluti

Gianni Bovolo 23.05.10 10:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Meglio avere la libertà di leggere e magari ridere (o anche piangere), ogni tanto, per delle "cagate" (l'uovo e la placenta in paragone al pianeta terra!?) che non poter più leggere liberamente di ben ALTRE "CAGATE" che saltan fuori non appena s'intercetta un appartenente alla "casta dirigente" del Paese.

Edoardo B. 23.05.10 10:43| 
 |
Rispondi al commento

a parte tutte le possibili teorie, verificate e da verificare, resta il fatto che 'sti delinquenti hanno continuato a trivellare anche quando magari sono apparsi i primi segnali di malfunzionamento. Chi ci crede che il pozzo si è "rotto" così, all'improvviso? chissà quanto gli costava fermarsi, controllare e magari fare una riparazione a 1500km sotto il mare, dove nessuno ha mai trivellato prima. Adesso quel pezzo lo pagheremo tutti, non solo noi, ma i nostri figli, e le generazioni future. Spero che i resposabili abbiano una punizione esemplare.

federica dolci 23.05.10 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Finiamola una volta per tutte. Cerchiamo di capire che oggi la questione è un'altra. L'uomo ha fatto come voleva nel corso dei decenni su questo pianeta. Solamente nel dopo guerra sono stati fatti decine esperimenti nucleari sia sopra che sotto la superficie terrestre, alterando non solo gli equilibri geologici del pianeta, ma spargendo per l'atmosfera delle sostanza radioattive.
Al di là di questi particolari, oggi la questione è un'altra. I problemi sono ovunque e riguardo ad ogni cosa. Non vedete che non c'è più nulla in ordine e ancora stiamo qui a chiederci cos'è che non va?
La questione principale di oggi è la nostra salvezza. Degli eventi sempre più drammatici che accadono è scritto. Tutto ciò preannuncia il ritorno di Gesù sulla Terra, quindi, pensiamo alla salvezza, che è la cosa più importante. Avvicinatevi, chiedete, scoprite.

Riccardo G. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.10 08:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SoNo
Dacc-OrdiSSimo.

Ma un pianeta Più IGENICO.
Al di Fuori di ipotesi teorice Molto-Molto Probabili.
Non lo preferiamo?

Che palle quelli che coi conti devono dimostrarti che è nero o rosso.
Evviva la Placenta della mamma al suo posto naturale.

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.10 08:08| 
 |
Rispondi al commento

una cosa è sicura:
il petrolio andrebbe lasciato lì dov'è.
Come lo si tira fuori, fa danni, in un modo o nell'altro.
Cmq, il pensiero è originale e merita un approfondimento.
Io non ci avevo mai pensato.... e non è detto che sia vero.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 23.05.10 07:29| 
 |
Rispondi al commento

Gigliola,
io non sono un esperto di trivellazioni petrolifere, ne di geologia, ma tu potresti tornare a fare la mamma invece di spararle davvero grosse.
L'estrazione del petrolio e piu complicata di quello che possiamo immaginare, LORO lo sanno che quello che si toglie si deve rimettere, e sopratutto con quali proporzioni.

Bepper, per favore sarebbe meglio che certe cazzate non apparissero sul tuo blog nella pagina principale, pena la TUA credibilita.

Luigi

Luigi Badolato, Helsinki Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.10 06:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e un ipotesi molto probabile
nonostante che questi drammi sono SEMPRE SUCCESSI
DA SEMPRE
COMUNQUE OGGI C'E UN DRAMMA IN PIU
E IL PROBLEMA DEL INQUINAMENTO
DELLO SFRUTTAMENTE TOTALE DELLA TERRA
IL DISBOSCAMENTO DELLE FORESTE
L INQUINAMENTO DEL ACQUA
LA DESERTIFICAZIONE CHE AVANZA
LO SCIOGLIMENTO DEI GHIACCIAI DEL ARTICO
PENSIAMOCI COSA SUCCEDEREBBE SE L ACQUA DOLCE DEI GHIACCIAI CHE SI SCIOGLIE DOVESSE ...INQUINARE IL MARE CHE E SALATO
LA STRAGE DI PESCI DI MARE
IL RALLENTAMENTO DELLE MAREE
LE STAGIONI CHE NON ESISTEREBBERO PIU
SENZA CONTARE TUTTI GLI ESPERIMERNTI NUCLEARI SOTTOTERRA CON LE CONSEGUENZE CHE HANNO SUL TERRENO

(E UNA MIA IDEA STRANA

MA IL TSUNAMI DEL 26DICENBRE2004 .......SE IL TERREMOTO FOSSE STATO CAUSATO DA UN UN ESPERIMENTO NUCLEARE SEGRETO DELLE DUE POTENZE VICINE (INDIA E PACKISTAN???)
LA ZONA E QUELLA ......
oggi le tragedie della natura hanno i colpevoli

stefano b., rovato Commentatore certificato 23.05.10 01:21| 
 |
Rispondi al commento

Il 19/04/2010 è stata enunciata La 'Teoria delle Faglie Liquide' una nuova teoria che considera catastrofica la stessa estrazione del greggio e il conseguente svuotamento delle sacche sotterranee. Tale teoria (tutta ancora da verificare scientificamente) afferma che i giacimenti sotterranei sono fondamentali per l'equilibrio delle zolle tettoniche e delle faglie in quanto, codesti giacimenti, costituirebbero a tutti gli effetti una sorta di 'lubrificante' che ne permette lo scorrimento 'morbido' - come su una faglia liquida, appunto. Secondo questa teoria il petrolio si formerebbe proprio nelle zone di maggior pressione della crosta terrestre e il progressivo prosciugamento dei suoi giacimenti sarebbe in stretta relazione con l'aumento esponenziale dei terremoti e della loro intensità.

Angelo S., Cagliari Commentatore certificato 23.05.10 01:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
leggendo questo commento (una specie di teoria che suona...un pochetto arbitraria per usare un eufemismo) a cui hai scelto di dare visibilità, e riallacciandomi al commento di ieri (il blog come espressione della "democrazia dal basso"), su qualche parola sono d'accordo: il tuo blog è proprio caduto in basso!

Marco Mazzucchelli 23.05.10 01:04| 
 |
Rispondi al commento

(PRIMA PARTE)
Noi non siamo degli economisti, siamo degli osservatori, ma l’osservazione
degli eventi ci impone una riflessione anche di tipo economico.
Quella che ci presentano oggi come una crisi economica è una crisi di
sistema, la crisi di un modello, quello del capitalismo d’assalto, del
capitalismo bulimico, divoratore di Ambiente, di Territorio, di
Partecipazione e di Democrazia.
Ecco perché la crisi attuale è soprattutto crisi ambientale e crisi
democratica.
L’economia convenzionale, come dice Vladimiro Giacchè, ha l’esigenza di
mantenere inalterati i consumi, ecco perché è così difficile attuare
politiche di buon senso di riduzione dei rifiuti, perché il dictat
economico va in altra direzione: la produzione ed i consumi devono
crescere, a tutti i costi! Anche a fronte del fatto che i redditi calino e
la disoccupazione aumenti. L’obbiettivo utopico è: abbassare i salari e
aumentare i consumi. Non a torto il nostro premier si rivolge ai cittadini
italiani chiamandoli testualmente “consumatori” invitando i telegiornali a
non spaventarli inutilmente con dichiarazioni economiche catastrofiche. Si
incentiva così l’indebitamento con il miraggio che i consumi portino la
ripresa economica, si incoraggia la cementificazione del territorio e
l’abusivismo edilizio, quando oramai il nostro territorio è saturo, al
collasso (dal 1950 ad oggi, un’area grande quanto tutto il nord Italia è
stata seppellita sotto il cemento). In Campania, è notizia degli ultimi
giorni, dei fondi Por 2007-2013, per la complessa opera di riqualificazione
dei Regi Lagni, si procede a stralcio con progetti più limitati da
finanziare di volta in volta, mentre si spostano ingenti risorse economiche
per la realizzazione di un altro lotto del centro commerciale il Vulcano
buono di Renzo Piano, denominato grande centro logistico intermodale della
filiera del commercio in Campania. e per la realizzazione di una bretella
di collegamento tra il porto di Pozzuoli e la Tangenziale di Napoli.

luigi(napoli) 23.05.10 00:14| 
 |
Rispondi al commento

(TERZA PARTE)
La teoria, come racconta molto bene Naomi Klein nel suo libro la shock
economy, si basa su questa strategia. attendere il verificarsi di una
grande crisi o di uno grande shock collettivo per ottenere un guadagno
personale ( lobbistico), sfruttare le risorse dello stato quando gli
abitanti sono ancora disorientati per poi agire rapidamente per rendere
“permanenti” le riforme. (?)
Friedmann in uno dei suoi saggi afferma che soltanto una crisi , reale o
percepita, genera il vero cambiamento; e quando la crisi si genera le
azioni che si intraprenderanno dipendono dalle idee che circolano. Il
controllo dei mass madia, delle televisioni e dei giornali è estremamente
funzionale allo scopo di manipolare le idee che circolano. Non a torto
l’Italia è tra i primi posti dei paesi “semi liberi” per quanto riguarda la
libertà di stampa, anche se il premier, pochi giorni fa ha affermato che da
noi “ c’è troppa libertà”.
Ecco perché vi diciamo con una certa sicurezza che la emergenza rifiuti
Campana è stata creata ad arte per puntare velocemente agli scopi che si
erano prefissati i portatori di interessi economici legati alle lobby
inceneritrici e quelle del traffico dei rifiuti tossici, perché come dice
Nicola Capone nel video. Le discariche servono e servono grandi per
occultare il traffico di rifiuti tossici con la RSU. Per questo non si
riduce, non si differenzia, non si recupera, non si divide il secco
dall’umido.
Forzare la mano con le popolazioni, portarle a credere che la soluzione
proclamata sia la soluzione, usare allo scopo lo shock, la ridondanza
mediatica, la persuasione anche con soggetti di valore scientifico
riconosciuto, vedi le affermazioni di Veronesi a “che tempo che fa”,
portare le scolaresche a visitare l’inceneritore di Vienna. Nascondere ed
occultare la verità, negare che ci sia una reale alternativa.
Ma quanto ci costa in termini economici, ambientali sanitari tutto questo?
Quanto ci costa in termini culturali?

luigi(napoli) 23.05.10 00:03| 
 |
Rispondi al commento

(SECONDA PARTE)
Si chiariscono ancora una volta gli obiettivi e le mete
Ma il Modello attuale, del capitalismo vampiro ha fallito, è un modello
irrazionale di tipo lineare che tende a consumare le risorse in maniera
bulimica come se queste fossero inesauribili, e non lo sono; grava
sull’ecosistema in maniera oramai insostenibile ad una crescita
esponenziale generando un impronta ecologica cinque volte superiore alla
capacità della terra di rigenerare la risorse consumate.
NEGLI ULTIMI 60 ANNI ABBIAMO CONSUMATO L’EQUIVALENTE DEI PRECEDENTI 200.000
ANNI!
E SIAMO IN ACCELERAZIONE, VISTO CHE PAESI COME LA CINA, IL GIAPPONE E
L’INDIA SONO IN CRESCITA
2 MILIARDI E MEZZO DI PERSONE CHE VOGLIONO IL NOSTRO STESSO SVILUPPO!
CI SERVONO ALMENO 5 PIANETI COME IL NOSTRO!
OGNI GIORNO: 40 MILA ETTARI DI DISBOSCAMENTO!
OGNI GIORNO: 30 MILA ETTARI DI DESERTO IN PIU’!
OGNI GIORNO CONSUMIAMO:
85 MILIONI DI BARILI DI PETROLIO con una crescita del 2,3%
OGNI GIORNO: SCARICHIAMO IN ATMOSFERA 100 MILIONI DI TONNELLATE DI CO2
OGNI GIORNO: 150 SPECIE ANIMALI SI ESTINGUONO
OGNI GIORNO SIAMO 250 MILA ESSERI UMANI IN PIU
QUESTO MODELLO DI SVILUPPO PRODUCE:
OGNI GIORNO: 10 MILIARDI DI TONNELLATE DI RIFIUTI!
Ma il rifiuto è la cartina di tornasole del sistema, è la prova provata
dell’errore di progettazione che sta alla base di questa concezione di
sviluppo illimitato ed esponenziale.
Il problema della gestione dei rifiuti nemmeno esiterebbe in un modello
ecologico di tipo circolare.
Cosa è successo in Campania con l’emergenza rifiuti? Si è messo in atto uno
dei capisaldi della scuola del capitalismo fondamentalista di Friedmann, la
dottrina dello shock: trasformare il “politicamente impossibile” con il
“politicamente inevitabile”.

luigi(napoli) 23.05.10 00:02| 
 |
Rispondi al commento

(PRIMA PARTE)
Noi non siamo degli economisti, siamo degli osservatori, ma l’osservazione
degli eventi ci impone una riflessione anche di tipo economico.
Quella che ci presentano oggi come una crisi economica è una crisi di
sistema, la crisi di un modello, quello del capitalismo d’assalto, del
capitalismo bulimico, divoratore di Ambiente, di Territorio, di
Partecipazione e di Democrazia.
Ecco perché la crisi attuale è soprattutto crisi ambientale e crisi
democratica.
L’economia convenzionale, come dice Vladimiro Giacchè, ha l’esigenza di
mantenere inalterati i consumi, ecco perché è così difficile attuare
politiche di buon senso di riduzione dei rifiuti, perché il dictat
economico va in altra direzione: la produzione ed i consumi devono
crescere, a tutti i costi! Anche a fronte del fatto che i redditi calino e
la disoccupazione aumenti. L’obbiettivo utopico è: abbassare i salari e
aumentare i consumi. Non a torto il nostro premier si rivolge ai cittadini
italiani chiamandoli testualmente “consumatori” invitando i telegiornali a
non spaventarli inutilmente con dichiarazioni economiche catastrofiche. Si
incentiva così l’indebitamento con il miraggio che i consumi portino la
ripresa economica, si incoraggia la cementificazione del territorio e
l’abusivismo edilizio, quando oramai il nostro territorio è saturo, al
collasso (dal 1950 ad oggi, un’area grande quanto tutto il nord Italia è
stata seppellita sotto il cemento). In Campania, è notizia degli ultimi
giorni, dei fondi Por 2007-2013, per la complessa opera di riqualificazione
dei Regi Lagni, si procede a stralcio con progetti più limitati da
finanziare di volta in volta, mentre si spostano ingenti risorse economiche
per la realizzazione di un altro lotto del centro commerciale il Vulcano
buono di Renzo Piano, denominato grande centro logistico intermodale della
filiera del commercio in Campania. e per la realizzazione di una bretella
di collegamento tra il porto di Pozzuoli e la Tangenziale di Napoli.

luigi(napoli) 23.05.10 00:00| 
 |
Rispondi al commento

Il canale WKRG di ustream sta trasmettendo in streaming la perdita di petrolio nel golfo del messico.

http://www.ustream.tv/channel/wkrg

carlo r 22.05.10 23:24| 
 |
Rispondi al commento

ma con tutto ciò che accade...che sminch.ata di post questo.

alessandro a., word Commentatore certificato 22.05.10 23:22| 
 |
Rispondi al commento

Non credo proprio che sia un'ipotesi neanche vagamente realistica.
http://it.wikipedia.org/wiki/Tettonica_delle_placche

Marco Cecconi 22.05.10 23:18| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
FINCH'E' NOI CONTINUEREMO A MALTRATTARE MADRE TERRA,PIU' MADRE TERRA CE LA FARA' PAGARE CARA,IN FONDO ANCHE LEI E' VIVA COME NOI E PRETENDE RISPETTO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 22.05.10 21:36| 
 |
Rispondi al commento

In arabia saudita e kuwait, ci sono i più grossi giacimenti petroliferi. Se è vero che estrarre petrolio provoca terremoti, li ce ne devono essere tanti e grossi, altrimenti l'ipotesi è sbagliata.

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.05.10 21:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Però una volta estratto lascia un vuoto che forse potrebbe come dice ,provocare assestamenti.


Sempre se non li riempionocon scorie varie.

il fatto (quotidiano), Roma Commentatore certificato 22.05.10 20:59| 
 |
Rispondi al commento

iris seismic monitotor recent Earthquakes. su questo sito tutti i sismi recenti!!!!!

giuseppe gagliardo 22.05.10 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Credo che l'estrazione ha di utile il non far incontrare il petrolio con la lava vulcanica.


Così a naso!!!!

il fatto (quotidiano), Roma Commentatore certificato 22.05.10 20:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gia'!

Con buona pace per tutti i terremoti accaduti nei millenni prima che si estraesse il petrolio.

50 Stelle (50-stars) Commentatore certificato 22.05.10 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma per favore, non diciamo sciocchezze!! è semplicemente impossibile che un terremoto venga causato dalle trivellazioni. Per quanto possa essere usato il petrolio rappresenta una parte infinitesima della massa e del volume della litosfera.

Pippo Palmieri 22.05.10 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Non so nulla sugli effetti dell'estrazione del petrolio, però mi viene in mente un'altro buon motivo: Sapete perchè le rotaie ferroviarie sono distanziati di alcuni millimetri tra sbarra e sbarra? Per prevenire gli effetti della dilatazione data dal riscaldamento solare, perchè ogni materiale ha un coefficiente di dilatazione, anche il nostro pianeta, alcuni millimetri su tratti di 15 metri per il ferro, per la terra è molto meno, ma su una circonferenza di 40000 km, mettete questo insieme col riscaldamento globale anche solo di mezzo grado...

Massimiliano Zara 22.05.10 20:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh!! se non lomn sappiamo non lo sappiamo.

il fatto (quotidiano), Roma Commentatore certificato 22.05.10 19:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori