Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Debito pubblico e risparmio privato


Italia_Grecia.jpg
"In un'accezione di debito aggregato, considerando Pubblica Amministrazione, famiglie, imprese non finanziarie, l'Italia si colloca tra i Paesi meno indebitati in ambito europeo ... nessuno è immune dai rischi perchè passeggero con biglietto di prima classe... estensione della crisi è sistemica e la soluzione può essere solo comune e politica". Così parlò Tremorti dopo l'ipotesi dell'agenzia di rating Moody's di rischi di contagio per l'Italia in seguito alla bancarotta della Grecia. Sono parole da interpretare, come quelle dell'Oracolo di Delfi o della Sibilla Cumana ai quali Tremorti si ispira per le sue previsioni economiche. Tremorti associa nel suo "debito aggregato" il risparmio delle famiglie con il debito pubblico creato dai politici per rassicurarci. Il risparmio privato pagherà quello pubblico in caso di default? E' questo il senso dell""accezione"? Le mani nelle tasche degli italiani?

6 Mag 2010, 19:41 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il debito pubblico lo hanno creato gli sprechi che i politici si sono permessi in 50 anni a questa parte il presente lo si a davati agli occhi! oggi tutti i giorni

euro risparmio online 25.09.10 16:21| 
 |
Rispondi al commento

solo una domanda, ma dove sono finiti i post di Eugenio Benettazzo sull'economia???
mi fate sapere, grazie.

stefania santorum 30.06.10 17:59| 
 |
Rispondi al commento

In Italia gli stipendi più bassi d'Europa.

Bertolaso lascia e scappa col malloppo verso altre comode poltrone. Scajola lascia e si tiene la casa al Colosseo cercando di capire chi gliel'ha pagata e poi s'è pure permesso di ristrutturargiela, a sua insaputa. Berlusconi resta, ma... 'passa' alla ex-moglie alimenti che farebbero la fortuna di qualsiasi 'lavoratore' salariato. D'Alema si 'irrita' perchè qualcuno gli ricorda di aver avuto la casa popolare usufruendo di una corsia preferenziale che gli permise di scavalcare in graduatoria chi era prima di lui e chi ne aveva più diritto. Bossi piazza nella 'pappatoja romana' - che tanto 'schifa' - il suo degno erede, il figlio. E quelli dell'opposizione? Aspettano che arrivi... il loro turno! La politica è una delle più importanti attività del Paese. Non soffre la crisi, i suoi addetti aumentano ogni anno. I loro stipendi crescono e non temono licenziamenti. La politica è il primo settore improduttivo, ma il meglio retribuito! Intanto "la gente perbene" affonda, destinazione Grecia. Stipendi e pensioni falcidiati dall'euro, prezzi al consumo triplicati, evasione ed elusione ai massimi storici e quei pochi risparmi - messi da parte con tanti sacrifici - mangiati dalle banche!

>>> VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU:


ANGELA MERKEL E WARREN BUFFET
Come nel 1992, la speculazione scatenata contro l'Italia. La Borsa di Milano è caduta in ribasso del 4,2%. A innescare l'incendio è stato un report di Moody's, che ha sostenuto il "rischio contagio" della crisi greca sul’euro e su Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda. Contemporaneamente son cominciate a circolare voci di un possibile downgrade dell'Italia da parte di S&P. Il governo non è intervenuto, non ha detto nulla, forse rassicurato dal fatto che due giorni fa l'Ocse ha riconosciuto a Giulio Tremonti che il bilancio pubblico italiano è gestito con prudenza. Ma ai grandi del hedge fund, quelli che concordano le strategie nelle cene a Manhattan, gli elogi dell'Ocse non son arrivati. Oppure e si son rimboccate le maniche, in termini di miliardi di dollari. L'obiettivo, evidente, è attaccare l'Italia per ammazzare l'euro. Nel 1992, ai tempi del grande attacco alla lira, fu Moody's a guidare la sporca speculazione cui aderì George Soros. Il primo azionista di Moody's con il 12% è Warren Buffett, il principe degli investitori americani. Diciamo grazie ai governi europei che non hanno risolto per tempo la crisi greca lasciano il campo libero alle agenzie di rating in mano agli sporchi speculatori. Grazie

Stefano Claps 08.05.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Qui potete vedere tutte le statistiche sull'indebitamento esterno (International Monetary Fund + World Bank):
http://www.jedh.org/jedh_instrument.html

Potete scaricare i dati in excel e fare tutti i confronti fra Paesi che volete.

Che l'Italia abbia indebitamento esterno minore di altri Paesi è vero (Italia circa 60% del GDP, USA circa 94%, UK più del 360%). Se hai molti creditori esteri, questi vorranno salvarti, perchè tu possa ripagarli. Oppure sbarazzarsi di te rifilando i tuoi debiti a qualcun altro. Magari proprio a te non più come Stato ma come privato.

Quanto ha detto Tremonti corrisponde alla verità, anche se non è detto sia un fatto positivo. Non penso però che il punto in questo momento sia dare ragione o torto a Tremonti.

Ci sono delle azioni che l'Europa deve intraprendere: creare una propria agenzia di rating pubblica (misto di università, banche, ed enti indipendenti ad esempio?) sconfessando pesantemente quelle americane, e vietare in Europa gli hedge funds, cioè la finanza più malata (sempre che ne esista una sana). In una sola espressione, imporre il ritorno all'economia reale ed il primato della politica - nel senso più nobile, di gestione della res publica - sul potere di speculare di chi non fornisce valore aggiunto.

Naturalmente americani e cinesi si opporrebbero a questo. Wall Street e Londra perderebbero la possibilità di rifilare spazzatura agli altri con gli hedge funds e poi fare speculazioni aiutati dalle agenzie di rating (tutte in USA e tutte con un conflitto d'interessi più grosso persino di quello di Berlusconi). La Cina è il principale creditore degli USA, e non vuole quindi perdere i propri soldi.

Tutti noi cittadini europei dobbiamo fare pressioni affinché vengano intraprese queste due misure. Altrimenti saremo tutti schiavi degli speculatori. Anche perchè gli hedge funds ricompariranno periodicamente, e chissà quanti ne hanno sottoscritti le nostre amministrazioni locali.

Riccardo Paolini 07.05.10 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Beh, certo, e nelle tasche di chi dovrebbero metterle le mani, se non in quelle dal solito popolo di pecoroni che compone lo Stato italiano?...Si, pecoroni, o non avremmo quale Presidente del Consiglio un'essere infimo quale invece abbiamo...

Flavio S 07.05.10 20:13| 
 |
Rispondi al commento

caAAAAzzo caAAAAzzo

sospesa la borsa...

ragazzi in Uk Clegg deve decidere se uccidere l'euro con i Tories o allearsi con i Brown per rafforzare ulteriormente l'Euro

le lobby e le banche in borse stanno tenendo sottoscacco l'intero sistema finanziario.

luigi filippi 07.05.10 16:35| 
 |
Rispondi al commento

15.47 (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Borsa Italiana comunica che 'l'informativa sui prezzi in tempo reale potrebbe non essere aggiornata'. Che


ancora problemi tecnici in borsa....
stanno giocando con le reti... che cazzo stanno nascondendo?

l filippi 07.05.10 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Codice stradale: troppe leggi, nessun controllo!

Il ''nuovo'' codice della strada è quello che - de facto, de jure - conforma alla norma pubblici vizi e private virtù degli automobilisti di casa nostra. Quello che invece esce dal Senato ed in prima, seconda,
terza, quarta lettura da Montecitorio, è un atto legislativo che ripercorre un iter ormai tanto vecchio, quanto inutile. Tutti noi, tanto per fare un esempio attinente alle cronache quotidiane, sappiamo che rubare, pardon, 'distrarre denari pubblici' è reato! Ma allora a cosa serve un'altra legge sulla 'corruzione'? Sarebbe sufficiente applicare e soprattutto far rispettare le normative vigenti, in una sola parola "CONTROLLARE!!!", invece di appesantire codici e codicilli, invece d'intasare il traffico burocratico nelle aule giudiziarie! Comunque, ecco le principali novità, tutte da ridere, del "nuovo" codice della strada:
mettere "la freccia", per indicare l’intenzione di svoltare a destra o a sinistra, non sarà più necessario. Il ‘Servizio Assistenza Clienti’ delle maggiori case automobilistiche sta predisponendo una 'Campagna di Richiamo' per la rimozione di questo inutile optional da tutte quelle vetture che ancora lo montano;
bocciata la regola che voleva le mani poste saldamente al volante "ad ore 10:15" e contestualmente l’obbligo dell’auricolare quando si è alla guida, purchè una mano sia impegnata dal telefonino durante le chiamate, e l’altra (la normativa, in ossequio ai ‘mancini’ e per la 'par condicio', non specifica se sia la destra o la sinistra) sia contemporaneamente occupata a tenere la sigaretta o a dare l’ultimo colpo di rossetto;
le strisce pedonali saranno cancellate, con notevole risparmio per l’erario in termini di spesa per vernici e mano d’opera, dal momento che i pedoni - con spiccato senso civico ed istinto di auto-conservazione - hanno recepito, a proprie spese, che è molto meglio non attraversarle, quando ci sono;

.... CONTINUA SU:


Ma è vero che per irpulire i soldi portati all'estero col 5% non era necessario farli rientrare in Italia? Che bello! Evasione fiscale, corruzione, riciclaggio, tutto pulito! E se sono ancora in Lussemburgo non possono essere tassati, confiscati o sequestrati in caso di bancarotta in Italia.... Sono ancora in tempo?

Quinto Carnera 07.05.10 13:47| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE

LE MANI IN TASCA DEGLI ITALIANI (E NON SOLO IN

TASCA) ANDREBBERO MESSE

MA SOLO AGLI ITALIANI CHE GOVERNANDOO MALE

HANNO GENERATO IL DEBITO PUBBLICO.

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 07.05.10 13:10| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia è fallita e alcuni paesi europei le stanno mettendo le pezze. Intanto il governo greco, che ha proposto restituirà tutto fino all'ultimo centesimo approva la manovra di austherity mentre la gente manifesta (e muore) in piazza: i greci vogliono che i responsabili del fallimento paghino, mentre sono loro i primi a farne le spese! Spagna e Portogallo sono già declassate, mentre noi ieri abbiamo avuto il primo assaggio. Paura in borsa, titoli che colano a picco salvo poi dire che parlare di rischio per l'Italia è stato un banale errore...Credo che le agenzie di rating, anche se non sono competente in materia, non si divertano a far venire i brividi ai governi. Del resto anche Tremonti parla di rischio possibile per tutti, inutile nasconderlo. Anche se poi ci pensa il cavaliere a metterci tutti tranquilli: secondo lui le agenzie di rating hanno perso credibilità, noi non corriamo pericoli! Certo che non si smentisce mai! Del resto la crisi prima non c'era, poi forse c'era un pochettino, poi c'era ma gli italiani non l'hanno sentita...Come no! Abbiamo tutti il lavoro e un sacco di soldi da elemosinare alla Grecia che è fallita, possono anche non ripagarci il debito! Anzi, forse non c'è neppure la crisi greca. Ma per citare (più o meno) Beppe: mentre noi continuavamo a fare i pessimisti ostinati, in lontananza si udiva il rumore degli elicotteri...

caterina elle 07.05.10 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ormai soltanto uno stolto crede alle parole di Tremorti.
Una domanda però... Ma chi ha un gruzzoletto (diciamo 20/30.000 euro) sudato lavorando onestamente, come può investirlo in modo che se capitasse mai un fallimento (.... molto vicino) dell Stato Italiano, non perda tutti i $ ?!?
Case, alloggi, o quant'altro?!?
Non vale rispondere "titoli Telecom" :-)
Ciao Beppe da Asti

Giuseppe Dente 07.05.10 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IMOLA 07/05/2010
IL MOTTO DI TREMORTI UN TEMPO ERA, NOI NON METTIAMO LE MANI IN TASCA AGLI ITALIANI, CERTO LUI CI TOGLIE I PANTALONI.
IO PENSO che abbiamo di fronte il più falso dei ministri degli ultimi 150 anni, non solo ci mettera le mani nelle tasche,questi sgherri ci prenderanno anche l'aria oppure ce la faranno pagare, L'UNICA CERTEZZA DI QUESTI GAGLIOFFI è che i ricchi non pagheranno, loro i soldi li hanno fuori dal recinto con il benestare del TEMOVTI.
POI NEL BLAM BLAM, faranno vincere le votazioni alla sinistra ,per poi incolparla delle leggi sangue e sudore che dovra varare, per non fallire.
IO SPERO CHE QUESTA SIA LA VOLTA BUONA, per togliere ogni avere a codesti MOSTRI, NON DOPO, MA PRIMA CHE RIESCANO A SCAPPARE,CERTO CON GIUSTI PROCESSI POPOLARI DOVE UNO CONTA UNO.
PIU' PASSA IL TEMPO, PIU' MARCIUME VIENE A GALLA.
TOGLIAMO ALLA CASTA OGNI POTERE PRIMA DEL CROLLO.
SALUTI GIUSEPPE TONNINI

GIUSEPPE TONNINI, IMOLA Commentatore certificato 07.05.10 12:18| 
 |
Rispondi al commento

E' da un mare di tempo che ho capito che sono intenzionati a fottersi quei pochi risparmi che ci sono rimasti. L'imprenditoria italiana è ormai composta da ladri ed incapaci, sanguisughe mafiose, che rubano i soldi pubblici in combutta con i loro complici politici.
Abbiamo il capitalismo con le "pezze al culo".
Ultimo esempio:
http://www.thepopuli.it/2009/04/colaninno-affonda-i-cantieri-rodriquez-di-messina/

mauro caputo 07.05.10 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo solo una cosa: chi salverà l'italia?

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.05.10 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Le caste, le banche e i grandi imprenditori sono AFFAMATORI DI POPOLI! I greci l'hanno capito: avete visto quello striscione sotto il Partenone: Peoples of Europe Rise up (Popoli di Europa sollevatevi!). Vogliono schiavizzarci tutti!!!!!

nello passeggiator 07.05.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Quando 1816, diceva che la crisi è aklle spalle, voleva dire che l'avevamo di(nel)dietro.

antonio d., carrara Commentatore certificato 07.05.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Chissa' i tedeschi sperano di smuovere la crisi incentivando le esportazioni grazie alla diminuzione del costo dell'euro ma vendendo a chi agli americani o ai cinesi?

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 07.05.10 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Questi fantasmi continuano a dire che va tutto bene che tremorti ha fatto bene, ma continuano a dimenticarsi di dire grazio ai risparmi degli italiani, che fanno attivamente da ammortizzatori sociali, ed evitano di dirlo sennò la gente incomincia a spostare i risparmi all'estero? E allora addio paese del bengodi, mentre i potenti rubavano e spendevano a man bassa, i poveretti facevano le formichine dovendo subire umiliazioni continue, una valanga di SUV e di supermacchinoni e tu dentro la tua fiat centenaria a portare i risparmi in banca, per poi scoprire che quei signori grazie a te non sono in bancarotta bella consolazione eh?

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 07.05.10 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista sono contrario alla riduzione degli stipendi dei parlamentari, perchè altrimenti sarebbero vittime della... corruzione.

maurizio filippo 07.05.10 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Io sto seriamente pensando di comprarmi qualche immobile, un pezzo di terra, qualsiasi cosa. Quando arriveranno sul mio conto ci troveranno solo debiti... se poi me li vuole pagare Anemone, SI ACCOMODI!

Patrick D. Commentatore certificato 07.05.10 08:59| 
 |
Rispondi al commento

Fuoco e Fiamme...;)

gianni f. Commentatore certificato 07.05.10 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto di rettificare i dati che riguardano lo stipendio del parlamentare.Stipendio lordo mensile Euro 24.000ca equivalente a 312.000 euro annui.Ai fini della dichiarazione dei redditi, da detto importo si deve sottrarre una franchigia di 140.000 euro.Questa è la sola parte imponibile; il resto,compensi mensili,indennità di carica,presenza,di commissioni ed altro equivale ad altre 10.000 euro nette mensili,non tassabili.

Antonio Donato 07.05.10 07:55| 
 |
Rispondi al commento

Credo che se un paese è nei guai e non si dota di un piano per far fronte alla crisi, non risponde in maniera intelligente alle esigenze dei cittadini, inevitabilmente va a frugare nelle loro tasche, cosi' come col “patto di stabilità” si permette di attingere alle risorse delle amministrazioni pubbliche meglio gestite che erano riusite a crearsi un margine di manovra per le emergenze. Vedi http://www.youtube.com/watch?v=CnKjkYBgnsU&feature=related

SERENA D., Salerno Commentatore certificato 07.05.10 02:05| 
 |
Rispondi al commento

I miei risparmi Tremorti se li può prendere anche tutti, anche subito. Zero assoluto. Poi però li rivoglio indietro con gli interessi eh!

R Z 07.05.10 00:25| 
 |
Rispondi al commento

Corsi e ricorsi della storia. ricordate piazzale Loreto? non siamo lontano... da una nuova piazza

ciro ferrara 07.05.10 00:06| 
 |
Rispondi al commento

tremonti ci è o ci fà?

devis q. Commentatore certificato 06.05.10 23:59| 
 |
Rispondi al commento

sono dei porci, maiali che sguazzano nel letame

filippo f. Commentatore certificato 06.05.10 23:00| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ECCO SECONDO TREMORTI CHI PAGA????? IO PER LORO NON APGHERO' MAI IL LORO DEBITO,NON FACCIAMO PRIMA BUTTARLI GIU' DAI PALAZZI,DATOP CHE E' DAL 2000 O DAL 2001 CHE HANNO RSSO IL NOSTRO DEBITO IN BOND CCT ETC VARI?????? NON VI SEMBRA L'ORA DI RIBBELLARSI???????..........
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 06.05.10 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Prendersela con un'agenzia di rating perche' declassa un debito e' come prendersela con l'autovelox perche' si andava troppo veloci.
Che a volte facciano degli errori o qualche funzionario sia stato corrotto in passato, non significa che siano completamente inaffidabili.
Proprio perche' ricevono delle forti pressioni devono cercare di essere il piu' imparziali possibile.

Enrico T. 06.05.10 21:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il risparmio privato pagherà quello pubblico in caso di default? E' questo il senso dell""accezione"? Le mani nelle tasche degli italiani?
--------------
Si !
Ma lo faranno fare a un bel "governo di sinistra", come sempre !
Per poi a pericolo cessato riprendersi il potere incolpando la sinistra di mettere le mani nelle tasche degli italiani !!
Oppure "un bel" governo di unità nazionale.
Sono quarant'anni che va così.
L'elettorato di sinistra ci casca sempre !!

Io sono per far stare al suo posto il nano, fino alle (sue) estreme conseguenze.
Chi ha goduto ora paghi !!

Kasap Aia, Eridu Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.05.10 21:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo i giudici anche le agenzie di rating sbagliano, non c'è niente da fare, solo Lui è infallibile..

Nico Vespa Commentatore certificato 06.05.10 21:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sto già affilando il forcone ed arrotando la ghigliottina, ma se pensate che non basti , possiamo rispolverare l'impalamento alla Vlad, oppure lo squartamento alla Breave Heart, altrimenti chiediamo al Vaticano se gli è rimasta in cantina dall'Inquisizione, la "vergine di Norimberga", di attrezzatura ne hanno a iosa.

Bastiglia 1789 - Montecitorio 2010

Giorgio O. Commentatore certificato 06.05.10 20:40| 
 |
Rispondi al commento

e' chiaro che questi governanti, geneticamente ladri e delinquenti, non si faranno scrupolo a mettere le mani nei piccoli risparmi degli italiani...i loro risparmi miliardari invece sono nelle isolette del Pacifico e non saranno toccati, come sempre, ne' dal fisco ne' da disastro economico.
Ci metto le vipere nelle mie tasche per salvare quei 4 centesimi di risparmio che ho (berlusconi se lo potrebbe bere in una serata con una delle sue ......otte) quindi....i sacrifici prima ai milionari 'occulti' nullatenenti, quelli che dichiarano 10.000 euro l'anno ed hanno ville e barche.

Silvie S., roma Commentatore certificato 06.05.10 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Siamo stanchi di sentire che le nostre Banche sono solide...che il nostro tasso di disoccupazione è più basso che in altri paesi europei, che noi siamo i più bravi e che usciremo dalla crisi per primi...

Ma ....e intanto?

Quando finirà anche la cassa integrazione straordinaria...
andremo tutti a mangiare a casa di Tremorti e di Berlusca???

Quello che so con certezza...è che se dovesse succedere come in Grecia...sarà la fine della pace sociale e bruceranno tutte le solide Banche Italiane e con loro tutti gli speculatori, le Borse e la Casta che ci governa...basta a questa economia o i politici pongono regole precise alla finanza o saranno i cittadini, quelli che non hanno più nulla da perdere, a fare giustizia sommaria....la Storia insegna.

sandro s. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.05.10 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Oggi Moody's ha citato l'Italia e la borsa ha perso il 7%. Moody's, Fitch e Standard & Poor's sono le agenzie di rating che hanno dato inizio alle speculazioni sul debito greco nell'ottobre del 2009, che hanno puntato le cannoniere su Portogallo e Spagna nelle settimane scorse... Ma chi cazzo sono questi signori? Non sono forse gli stessi che davano una bella tripla A a Lehman due giorni prima del fallimento? Che autorità hanno per dare giudizi a destra e sinistra? Il gioco in fondo non sembra poi così complesso... Scelta la preda (un soggetto debole, come la Grecia) incomincio a declassarlo e a darlo in pasto agli speculatori fino a che le mie previsioni si autorealizzano. L'unica cosa di cui ho bisogno è di una certa credibilità. Ma che cazzo di credibilità hanno questi signori? Quando sbagliano, come nel caso di Lehman, è per incapacità o connivenza con gli speculatori? In entrambi i casi che affidabilità possono avere? Chi si nasconde dietro? Perchè tutti si affannano a giustificarsi quando parlano?
Drop the bomb, exterminate them all!

Roberto Scavino 06.05.10 20:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il mercato finanziario è il più truccato del mondo!mai credere ad agenzie private come Moody's ecc...ecc...sono loro che hanno causato la crisi commettendo consciamente errori di valutazione sui titoli "tossici" per far perdere miliardi di dollari ed euro ai contribuenti americani ed europei!!INPS ed INAIL hanno investito da sempre in certi titoli, e se paghiamo per una pensione da 1000 euro e da anziani ci viene restituita come 400, chiedetevi il perchè.

Andrea Marchesi 06.05.10 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Esatto! la ghigliottina è poco, ed è anche un grandissimo favore a queste forme di vita dannose.
Ergo, in catene a lavorare a suon di frustate! A spalare tutta la merda tossica che hanno sparpagliato in giro, infettando Nostra Madre Terra!

Arzân 06.05.10 20:03| 
 |
Rispondi al commento


Come gli americani tengono per le palle i cinesi , perchè a fronte delle commesse , poderosi acquisti di prodotti cinesi da parte americana , di contro i cinesi comprano ed investono in titoli americani .....che gli americani possono congelare...bloccare....

allo stesso modo , i politici inculano , rubano , sprecano e dilatano il debito pubblico ma offrono al mondo a garanzia del debito , IL RISPARMIO ...non loro ma DEI COGLIONAZZI ITALIANI .....potendo congelare i conti bancari , bloccare i titoli di stato o fare prelievi forzosi NON SOLO SUI CONTI DORMIENTI....ma su quelli VIVENTI.

COME HANNO GIA' FATTO.

E' FAVOLOSO , rubano .... si arricchiscono , spogliano , saccheggiano LO STATO , NOI, E POI A GARANZIA DEL SACCHEGGIO DANNO IL NOSTRO RISPARMIO...

la gigliottina ....è poco....

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.05.10 19:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori