Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Perché mi accorgo che morire adesso non serve


Edoardo_Sanguineti.jpg
E' morto Edoardo Sanguineti, il blog lo ricorda attraverso le sue parole: "In cinquant'anni molte cose sono profondamente cambiate, la poesia è cambiata, ma non è cambiato il compito dei poeti, quello di disegnare il profilo ideologico di un'epoca."
"Sanguineti parla di Berlusconi: "Credo che ci sarebbero almeno due luoghi che potrebbero contenderselo. Da un lato il girone dei bugiardi, perché incarna precisamente una politica di propaganda, di miti, di sogni. Quindi lo vedrei tra i menzogneri per eccellenza, i propagandisti e i pubblicitari, per i suoi spot. E dall'altro lato lo collocherei tra gli avari, nel senso medievale della parola, cioè gli avidi di beni, coloro che sono orientati esclusivamente all'accumulazione delle ricchezze. Credo che potrebbe equamente dividersi per l'eternità: un anno in un girone, un anno nell'altro, così si renderebbe giustizia ai due aspetti che mi paiono fondamentali della sua personalità." cimbro mancino

18 Mag 2010, 19:26 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

E in quello dei ladri?
E in quello dei lussuriosi?

Giuseppe di Leo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.05.10 15:01| 
 |
Rispondi al commento

quando muore un Poeta si prova dolore e smarrimento ed Edoardo Sanguineti era un grande Poeta e un Intelettuale generoso. Lui amava definirsi un "OTTIMISTA CATASTROFICO" e questo lo trovo semplicemente....geniale. Ciao! rocLIBERACITTADINANZA

rossella rispoli 20.05.10 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Non lo conoscevo ma un giorno ho visto in tv uno strano ometto ,ho ascoltato il suo discorrere, sono
rimasto colpito.
Dopo ho saputo che era un poeta

gigi fiorentino 19.05.10 16:56| 
 |
Rispondi al commento

CRISI ECONOMICA: 10 MILIONI DI EURO A SANTORO!

Il Governo promette una lunga stagione di lacrime e sangue: stipendi, pensioni e liquidazioni congelate! La Rai, in perfetta sintonia con la crisi che attanaglia il Paese, 'liquida' Santoro e gli dà una BUONUSCITA DI 10 MILIONI DI EURO! Il conduttore di "Anno Zero" - da sempre di sinistra, da una vita paladino delle giuste cause di lavoratori, consumatori e pensionati, insomma strenuo difensore dei ceti deboli di questa società nella quale e sulla quale ha costruito le sue fortune professionali ed economiche - abbandona il suo ruolo di 'dipendente' del servizio pubblico radiotelevisivo e si prepara a un futuro di 'collaboratore esterno' con un accordo milionario. Il giornalista si dedicherà alle docu-fiction, probabilmente per Raitre. La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione della tv pubblica (7 voti a favore e 2 astenuti) che ieri ha approvato un accordo quadro per la "risoluzione consensuale" del rapporto di lavoro di Santoro. L'intesa prevede la realizzazione di nuovi progetti editoriali che verranno realizzati da Santoro nei prossimi due anni. Al giornalista andrà una BUONUSCITA DI DIECI MILIONI DI EURO! Che i vertici della Rai gettino denaro pubblico al solo scopo di stare tranquilli ed evitare che giungano loro le puntuali telefonate di Berlusconi per fermare Annozero, sostituendolo con un giornalista più malleabile e rispettoso degli ordini di scuderia, risponde solo agli interessi politici e non a quelli giornalistici ed economici della Rai. Ma con quale faccia, poi, la televisione pubblica si presenterà a chiedere il canone anche a persone che non riescono nemmeno a pagare l'affitto di casa?

>>> VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU LIBERALVOX.BLOG


Vorrebbero cambiare la Costituzione senza averLa mai letta!

Nel "bel paese" i componenti della casta sono oltre 430 mila e ci costano più 3 miliardi l’anno! Non contenti di come hanno ridotto l'Italia e gli italiani, stanno cercando di raschiare il fondo del barile tentando di modificare la "Costituzionale della Repubblica Italiana". Non per il bene del paese ma per assoggettare la Costituzione ai loro interessi, infischiandosene del bene comune.

>>> CONTINUA SU:


l'italia ha bisogno dell'apporto che solo gli intellettuali sanno dare per risollevarla dal torpore in cui è abissata

Simone90 P. Commentatore certificato 19.05.10 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Se ne va un altro Genjo di questo Paese . . . arrivederci Edoardo mi mancherai moltissimo !

Andrea Robortaccio 19.05.10 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Arrivederci maestro. Spero di acquisire, un giorno, un pò della sua saggezza e che i poeti odierni possano imparare dalle sue opere raccogliendo la sua eredità letteraria e proseguendo il suo cammino.

Claudio Di Maggio (linux83), Torino Commentatore certificato 18.05.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
IL GRANDE EDOARDO SANGUINETI DISSE PAROLE SAGGE,MOLTO SAGGE,IL BLOG NON LO DIMENTICHERA' MAI......
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 18.05.10 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Gli Dei nascondono agli uomini la dolcezza della morte, affinché essi possano sopportare la vita.
(Lucano)

michele p., battipaglia Commentatore certificato 18.05.10 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Quando muore un poeta siamo tutti orfani

maria rollo 18.05.10 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Un maestro, un garbato e potente, straordinario maestro.
Io uso dire l’unico uomo che non mi abbia mai deluso, ironizzo come lui mi ha insegnato, ma sono sinceramente convinta che lui sia, non riesco ancora a dire sia stato, l’uomo più straordinario che abbia avuto l’onore di conoscere. Un vero signore nei modi, nella cortesia, nell’onestà, un professore universitario che quando dava un appuntamento rispettava sempre l’impegno preso, nonostante fosse più ricercato all’estero che in Italia. In realtà non ho avuto con lui alcun rapporto privilegiato, ero una semplice studentessa che cercava di seguire le sue lezioni con assiduità e rispetto, con troppa consapevolezza della sua genialità per sfruttare a pieno l’occasione che avevo avuto. Sì perché era tanta la mia soggezione che esitavo, avrei domandato mille cose, ma ero sempre troppo in imbarazzo per farlo liberamente. Eppure ogni volta che ho superato il mio imbarazzo e mi sono forzata ho ricevuto risposte esaurienti, e incredibilmente approfondite ma, soprattutto, ho ricevuto la sensazione che, nonostante gli anni luce che separavano la sua preparazione dalla mia , la considerazione ricevuta era la massima possibile. Il suo essere marxista comprendeva anche il massimo rispetto degli uomini e donne con i quali si trovava a conversare, l’ho ascoltato anche mentre parlava ad un pubblico meno selezionato di quello universitario e ho sempre notato la massima disponibilità e cordialità. Bisognerebbe ricordarlo a coloro che oggi usano l’aggettivo comunista come si trattasse di un insulto.
La gratitudine verso questo suo modo di essere non si è mai affievolita, conservo tutt’ora le ore trascorse in quella piccola aula di Via Balbi come alcune delle più belle ore della mia vita.
Oggi ho fatto il mio lavoro come se niente fosse, come necessario, ma adesso, finalmente a casa, ripenso agli ultimi anni: l’ho incontrato di rado, ogni volta cercavo di salutarlo e ringraziarlo, ogni volta cercavo di rubare un po’ della

claudia Maestranzi 18.05.10 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Belli i Poeti.

Ma cazzo l' avaro, Ignorante, Bugiardo. Non muore mai.
E che cazzo!!

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.05.10 21:26| 
 |
Rispondi al commento

"in te dormiva come un fibroma asciutto, come una magra tenia, un sogno; ora pesta la ghiaia, ora scuote la propria ombra; ora stride, deglutisce, orina, avendo atteso da sempre il gusto
della camomilla, la temperatura della lepre, il rumore della grandine, la forma del tetto, il colore della paglia: senza rimedio il tempo
si è rivolto verso i suoi giorni; la terra offre immagini confuse; saprà riconoscere la capra, il contadino, il cannone? non queste forbici veramente sperava, non questa pera,
quando tremava in quel tuo sacco di membrane opache".

Certo è altra cosa leggere questo testo con l'editing originale... L'effetto, comunque, resta prorompente.

Francesco Smaldino 18.05.10 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Io saro` forse meno poetico e piu` attuale, in maniera piu` concisa amo definirlo un decadente da sempre alla frutta da ora o in tono meno aulico un` industriale di aborti nella fabbrica dell` entusiasmo.

Carlo Casal 18.05.10 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Sanguineti ha condensato con sapienza il ritratto dell'ometto; io vorrei aggiungere una cosa sola e cioè che l'avidità, l'ingordigia, la brama del possesso che lo divora, in realtà non rappresentano altro che una gigantesca paura di morire. E l'ometto invece di fare i conti con la realtà, ancora una volta (e c'era da dubitarlo?)tenta di mascherarla nell'unico modo in cui è capace.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 18.05.10 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Come sempre:........."Grande Cimbro".
Cam.

Camillo Sesmoulin Commentatore certificato 18.05.10 19:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori