Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I salotti cinesi di Forlì


salotto.jpg
"Caro Beppe,
a Forlì ci sono molte aziende che lavorano come contoterzisti nella produzione del mobile imbottito, cioè salotti, e altre che lavorano nello stesso settore, ma anche come progettisiti di linee proprie.
Tutti si sono dovuti scontrare con il fatto che le aziende grosse che vendono prodotto finito e che forniscono lavoro ai contoterzisti (quelli che cuciono, per intendersi) hanno cominciato a servirsi di manodopera cinese che lavora ad un costo pari a poco più di un quinto di quello che costa un dipendente normale e che lavora a dei ritmi disumani.
Dopo la trasmissione Report che ha sollevato il problema in seguito alla denuncia di due imprenditrici forlivesi contoterziste costrette a chiudere perchè nessuno dava loro più lavoro, la situazione in città è rimasta ferma al palo.
Io ho fatto almeno tre interpellanze per sollecitare  sedute di consiglio o di commissione aperte al pubblico con la presenza delle imprenditrici, ma il tutto è andato per le lunghe dicendo che avrebbero fatto tavoli tecnici in prefettura assieme ai "capi" della comunità cinese...
Ieri finalmente mi hanno dato una data per la commissione che sarà il 3 giugno.
Nel frattempo ci ha contattato un imprenditore non contoterzista che fa lavoro in proprio, ma che esegue lavoro anche per gli altri e ha denunciato la situazione marcia che ancora sussiste.
Quando gli chiedono di eseguire un lavoro glielo vogliono pagare ad un prezzo che non copre neanche quello di costo e quando lui fa presente il problema tutti dicono: fallo fare  ai cinesi così ci guadagni.
Lui si rifiuta e adesso è in crisi enorme, rischia la chiusura. Dal sito della Lista Civica a 5 Stelle Destinazione Forlì è possibile inviare un messaggio ai politici, alle forze di polizia, agli enti, alle associazioni di categoria e ai sindacati per chiedere di affrontare urgentemente il problema." Raffaella Pirini, consigliere comunale 5 Stelle Destinazione Forlì

25 Mag 2010, 19:02 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Non ho visto riferimenti alla nuova attività di Manuela Amadori e Elena Ciocca. Le due imprenditrici, che abbiamo conosciuto grazie alla trasmissione Report di Rai 3, hanno infatti ora un loro Marchio (Etica Divalia) e diverse linee di prodotto artigianale di qualità.

http://www.eticadivalia.it

Ciao

Danilo Casadei 10.01.12 09:11| 
 |
Rispondi al commento

eh eh eh ... ECCO IL MERCATO GLOBALE !
poche sono le cose che ho capito nella mia vita, ma una vi assicuro e' la madre di tutte le inchiappettate.
Ascoltate la TV, la radio, i giornali... vi riempiono la testa di un particolare fatto che puo' essere la SARS, la new economy, la febbre suina, la GLOBALIZZAZIONE...
Vi stanno semplicemente ungendo il deretano , pronti a sciabolare il mortal fendente...
Diffidate, diffidate , diffidate ! Quando i nostri dipendenti parlano a scroscio di una cosa e' semplicemente per farci digerire l'inchiappettata ormai prossima .

cippa* lippa, Parigi Commentatore certificato 27.05.10 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Adesso e' Forli, fino a ieri era Prato.
Adesso che tutte le aziende italiane sono fallite o hanno ceduto ai cinesi, qualcuno si sveglia (tipo l'ex sindaco PD) e dice che c'e' qualcosa di sbagliato. Intanto e' stato eletto un sindaco PDL (... nella rossa Toscana....) . Qualcosa sta' accadendo, ogni giorno sui giornali si legge di ispezioni dei Nas, dell'USL, dell'Ufficio del Lavoro.
Ma e' troppo tardi. E' stato concesso , in questo caso ai cinesi, di esercitare lo schiavismo con il consenso e la connivenza delle autorita'.
Questo fatto e' disgustoso dal punto di vista morale oltreche' illegittimo. Un italiano che avesse fatto tali cose sarebbe stato messo alla gogna.
In Italia c'e' razzismo, si, ma alla rovescia.

cippa* lippa, Parigi Commentatore certificato 27.05.10 15:59| 
 |
Rispondi al commento

la CGIL in risposta ai messaggi ricevuti:
"Gentili Signore/i

a questo link ( http://www.cgilfo.com/fillea/notizie2010/comunicato_mobile_imbottito.htm )trovate il comunicato della CGIL di Forlì e in coda alla pagina anche un raccolta di documenti interessanti da leggere che riassumono il grido di allarme che da tempo il sindacato ha lanciato sulla questione del mobile imbottito.

Grazie.
www.cgilfo.com

Claudia - Ts 27.05.10 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Intanto grazie a tutti per i commenti, l'informazione è il primo passo, la discussione è il secondo, anche perchè attraverso l'analisi di più punti di vista si può arrivare alla soluzione o quantomeno andarci molto vicino.
Grazie a Beppe e a tutto il suo staff per lo spazio concessoci e un grazie particolare ai miei fantastici collaboratori che si sono prodigati per l'allestimento delle pagine web.
Un grazie particolare a Gabriele e a tutta la mitica lista Empoli 5 stelle per il sostegno informatico ;-)
Continuiamo a cliccare e giovedì 27 maggio chi è del forlivese venga all'incontro presso le Sale Comunali di Bertinoro alle ore 21 proprio sulla questione mobile imbottito che vedrà la presenza del Pm Di Vizio che segue l'inchiesta.
A presto!

Raffaella Pirini 27.05.10 03:04| 
 |
Rispondi al commento

Faccio parte di un piccolo circolo valdostano. Vorremmo organizzare una raccolta fondi per i disoccupati perchè per lavoro giro molto e, al di là dei dati trasmessi dagli organi dell'informazione, ho visto con i miei occhi quanto la piaga sia profonda, quanto i giovani, bambocioni?, facciano fatica a stare a galla. Se qualcuno può darmi una mano o anche solo dei consigli ne sarei felice!
Grazie a tutti.

Sonia Locatelli 26.05.10 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ringraziare pubblicamente i nostri politici, che invece di tutelare coloro che li mantengono con il lavoro onesto, ossia i cittadini italiani, stanno facendo di tutto per spremere le ultime gocce di sangue dal loro lavoro. Vorrei ringraziare per la mancanza di tutela del lavoro, loro che sanno diminuirsi del 10% la parte ECCEDENTE gli 80.000 euro che guadagnano con il disinteresse, l'egoismo e la disonestà. Sta salendo l'onda di chi resta senza lavoro, sta salendo....

ALESSANDRO S., Bologna Commentatore certificato 26.05.10 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Questa storia di Forlì è solo l'ennesimo caso di una situazione che sta praticando distruggendo una serie infinita di piccole ditte e laboratori artigiani.
Non ho e non posso avere nulla contro i poveri cinesi, che in fondo sono le prime vittime di un sistema basato sullo sfruttamento senza alcuna pietà di una forza lavoro costituita da poveri disgraziati privi di qualunque tutela, ma penso che dobbiamo difenderci in qualche modo da questa situazione assurda.
Mi impressiona molto rendermi conto che anche la nostra forza lavoro (piccoli impiegati e operai) sta facendo la fine dei cinesi: non hanno più alcuna tutela. I disoccupati crescono di continuo (I dati ISTAT sono fasulli,: i disoccupati italiani sono molti di più di quelli dichiarati; io non sono in grado di controllare quello che scrivo di seguito, ma pare che per l'ISTAT sia disoccupato chi non lavora almeno una settimana l'anno. Una settimana, capito? Di che cosa campino questi finti occupati le altre 51 settimane dell'anno, non si sa)
Una recente notizia di stampa spiega che il più noto fabbricante italiano di caffettiere Moka ha delocalizzato la produzione: con questa elegante espressione si intende significare che questa impresa, già di rilevante importanza nel settore, si fa fare le caffettiere Dio solo sa dove (in Cina, in Slovenia etc.) così risparmia, continua a vendere le caffettiere al prezzo di prima, guadagna (?) una barca di soldi e intanto gli operai italiani sono in cassa integrazione e domani saranno per strada.
Avete capito bene? Allora cominciamo a non comprare più le loro caffettiere , così il furbo imprenditore potrà darsele sulle corna che porta in testa.
Quello che chiedo a chi lo sa è di raccontarci dove e da chi vengono fabbricate le merci che poi vengono spacciate come Made in Italy e da quali ditte italiane (si fa per dire) e poi, per favore, non comprate più nulla da chi dà il lavoro fuori, anche se il prezzo sembra conveniente. E che si fottano, prima di fottere noi.

Lucio Bilancini, Roma Commentatore certificato 26.05.10 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché cavolo andiamo a comprare roba carissima dalle catene di negozi che poi strozzano chi produce e non compriamo direttamente in fabbrica? Basta organizzare il sabato un bel giro turistico in pullman tra le fabbriche si crea il contatto diretto e via. Basta dare soldi alla grande distribuzione!

Peter Amico 26.05.10 18:26| 
 |
Rispondi al commento

p.s.

l'altro giorno è venuto a casa mia un addetto (rumeno) di una ditta di trasporti (italiana) per prendere delle cose da spedire

a mia domanda, ha risposto che nella loro ditta sono circa 30 dipendenti (più o meno regolari, non è entrato in dettagli) dei quali 5 sono italiani e gli altri stranieri..

poi ha detto che la ROMANIA è piena di italiani (che lavorano nelle fabbriche delocalizzate là, incluso grandi firme della moda)

a parte l'utilità di viaggiare all'estero - per un po' - vedere un paese nuovo e allargare le proprie vedute.. credo ci sia qualcosa di profondamente SBAGLIATO e MALATO in questo sistema

anzi non lo credo, ne sono CONVINTA

Paola Bassi Commentatore certificato 26.05.10 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me potreste fare una bella cosa. Vi associate e insieme vendete direttamente. In giro per l'Italia ci sono mare di capannoni chiusi e li vendete direttamente a prezzi concorrenziali. Inoltre mettendovi in rete sareste in grado di personalizzare i vostri prodotti. Quindi via gli intermediari, grossisti, commercianti al dettaglio. Qualità certa a prezzi onesti per chi vende (voi) e per chi acquista (noi). Quindi il consiglio è arrangiarsi fate prima. Buona fortuna.

Anton Tchutcerthaler (maia bassa) Commentatore certificato 26.05.10 16:36| 
 |
Rispondi al commento

ho mandato la mail e ho scaricato l'e-book, dopo lo guardo con calma

Ricordo che rimasi colpita da quella puntata di Report, non perché dicesse cose nuove ma perché si potevano apprendere le difficoltà incontrate dalla viva voce di quelle lavoratrici coraggiose

Ricordo pure che dovendo girare per qualche mobile nuovo, cercai prima di tutto la AJAZZONE.. che è la ditta che aveva dato loro del lavoro

ovviamente una rondine non fa primavera
il problema è molto grosso (legato alla globalizzazione e quant'altro) ma il primo passo per risolverlo credo proprio siano le richieste della mail linkata qui!!!
e se non c'è qualche risultato concreto, credo che si debba insistere col bombardamento di mail e altre iniziative di pressione!!

Fateci sapere

Paola Bassi Commentatore certificato 26.05.10 16:33| 
 |
Rispondi al commento

spedita email dal sito web di riferimento.
grazie per il lavoro che fate.

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.05.10 15:20| 
 |
Rispondi al commento

cosa sta succedendo?

lorenzo f. Commentatore certificato 26.05.10 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Il parere di alcuni dirigenti di salottifici che operano nel forlivese è che non c'è niente di marcio nel lavoro svolto dalla maggioranza degli artigiani cinesi. Secondo queste persone i cinesi lavorano velocemente e con ottimi risultati facendo produzioni di qualità migliore degli artigiani della zona.

La crisi di fine 2008 ha portato il problema a galla perché prima c'era lavoro per tutti adesso se lo prendono quelli che lavorano di più a costi più contenuti. Quindi i cinesi non sono più tollerati.

Credo che agli artigiani della zona non resti che specializzarsi in qualità ancora più alta.

l ciani 26.05.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a voi del forum, leggo quasi ogni giorno il sito di Beppe, però il tempo è sempre poco per lasciare qualche commento, anche se molte volte ce ne sarebbe bisogno. Stavolta però ho un dubbio e ve lo pongo in termini di domanda: sono da sempre, nonostante i pochi 27 anni di vita, convinto del bisogno della localizzazione delle merci e dei manufatti (dagli ortaggi a km zero, alla scelta di prodotti realizzati in Italia), però il dubbio che mi viene leggendo questo post è che ci possa essere una "falsa accusa" o reprimenda da parte di coloro, produttori, industriali, piccoli artigiani nei confronti della concorrenza cinese; quindi umilmente vi chiedo: come mai prima il cinese va bene per aumentare fatturati e ridurre i costi di produzione e gestione dell'azienda (vedi delocalizzaiozne selvaggia prima verso l'Est europeo, poi verso Cina, adesso saranno India e Paesi del Nord Africa), mentre ora che la crisi morde duro ci eleggiamo paladini del made in Italy per salvaguardarci e salvagiardare le nostre aziende? Lungimiranza ed onestà produttiva avrebbero dovuto prevedere un'involuzione simile? oppure fin tanto che le cose andavano bene nessuno si lamentava, poi ci si sveglia e ci si accorge che il piccolo cinese tanto vituperato sta distruggendo l'economia ed il tessuto lavorativo e sociale del mercato globale?!? Ovviamente questa è una riflessione molto generale, che può riguardare i grandi impianti industriali come però anche le piccole realtà produttive.

Simone Biffis 26.05.10 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O la concorrenza è legale o è illegale, chi stà lì a Forlì saprà bene chi sono e dove stanno stì cinesi che lavorano sottocosto e senza contributi, fate denuncie penali e poche chiacchere (se è vero)


Pace e bene

Augusto

augusto g., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.05.10 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Email inviata. La globalizzazione senza regole precise uccide la vera concorrenza e la dignità delle persone. Fà vincere i banditi e la falsa difesa del consumatore è strumentale agli interessi di pochi, dei soliti che ci speculano e ci si arricchiscono. Il made in Italy o è tale al 100% o è un falso.

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato 26.05.10 11:23| 
 |
Rispondi al commento

#################################################

Per fronteggiare la crisi, al posto di intascare mazzette, LORSIGNORI dovrebbero pensare a risolvere questi problemi. Invece pensano a imbavagliare la stampa, stracciare la Costituzione e andare a mignot..cioè, "escort"...

Per vedere la realtà, senza fregature, visitate il sito:

http://www.anakedview.com/

Troverete articoli riguardanti la comunicazione politica, riflessioni sulla società e molto altro...

###############################################

spaceboy www.anakedview.com Commentatore certificato 26.05.10 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, vorrei portarvi a conoscenza di una delle tante e assurde proposte partorite da questo (sic!!) Governo, contenuta nel pacchetto denominato 'Manovra Finanziaria'.
Sarà consentita la regolarizzazione degli immobili sconosciuti al Catasto, ma che risultano dai rilievi fotografici ottenuti con un’operazione di verifica avviata due anni fa.
Potranno essere sanati dal punto di vista fiscale e secondo le loro stime, produrranno entrate pari a 1.5/2 Miliardi di Euro !!!!
Roba da pazzi, solo degli sconsiderati possono dire e scrivere (!!!) queste scemenze.
Cioè questi stanno dicendo che possono essere regolarizzati dal punto di vista fiscale degli immobili che all'80-90% sono abusivi e quindi dovrebbero essere demoliti; detto in parole povere non essendo legittimi dal punto di vista edilizio-urbanistico (senza Permesso edilizio ovvero costruiti dopo il 1967 o il 1942) sono immobili abusivi che non possono stare in piedi....e questi legiferatori cosa fanno???
Danno la possibilità di regolarizzare fiscalmente una cosa irregolare, che non ha senso di esistere.
Ma chi è quel pazzo che vuol pagare le tasse su una cosa irregolare? Ma chi è quel folle che chiede un permesso edilizio per fare un manufatto e non accatasta, precludendosi la possibilità di dichiararlo abitabile o agibile?

Questo maledetto Governo deve cadere con i tutti i suoi rappresentanti....che si sentono tranquilli e ben difesi dal Capo, che può farci credere che Cristo è morto dal sonno...raccontandoci balle di questo spessore...e magari sentenziare fra qualche giorno che non è stato detto niente...che è stato frutto dell'immaginazione dei Comunisti.
O forse non sanno cosa dicono???
Che siano in malafede o non abbiamo competenza, la deduzione è una sola: VERGOGNA.

VINICIO D. Commentatore certificato 26.05.10 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Questo post è sbagliato. Non serve a nulla dire che DEGLI imprenditori di riforniscono di manodopera cinese. Dite chiaramente chi sono. Dite i marchi che si servono di questa manodopera (della cui qualità ovviamente si può dubitare). Io non voglio comperare un divano fatto da un cinese, perchè sappiamo bene che il più delle volte non lavorano a norma di legge, non hanno dispositivi di sicurezza, non si conosce la qualità dei loro materiali e delle vernici utilizzate e soprattutto non facciamo lavorare gli italiani che ne hanno bisogno. Però io non so chi sono questi imprenditori. Mi dovete dire qual'è il marchio con cui si presentano al pubblico. E state sicuri che non venderanno più nulla.

Barbara B 26.05.10 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè l'invasione silenziosa dei cinesi è tollerata anche dalla Lega?
Sospetto che la Cina ci abbia comprati, accollandosi quote considerevoli del nostro debito pubblico.
Dobbiamo ringraziare i cinesi se non siamo ancora falliti?

mmmmm ...forse 26.05.10 10:19| 
 |
Rispondi al commento

sono Massimo Giambalvo ho visto Draquila di S. Guzzanti e mi è apparsa in tutta la sua agghiacciante realtà la considerazione che IL SILENZIO E' COMPLICITA'quindi per la considerazione che ho di me stesso quale uomo libero affermo con tutta la forza che ho, in tutti i canali che ho a disposizione, rivolgendomi a tutte le persone che posso raggiungere che - IO NON SONO COMPLICE DI berlusconi.
Tanto dovevo a me stesso

Massimo Giambalvo, roma Commentatore certificato 26.05.10 10:19| 
 |
Rispondi al commento

"..fallo fare ai cinesi così ci guadagni”.Pazzesco!

Scardinare il sistema economico italiano, soprattutto quello legato alle produzioni artigianali, è delittuoso, dato il valore aggiunto di questo settore nel panorama produttivo italiano ed il potenziale del know how.

Politici, forze di polizia, enti, associazioni di categoria e sindacati , non appena ne vengano a conoscenza,credo abbiano hanno l'obbligo preciso di intervenire , una volta constatato lo stato di illegalità attuale in cui lavorano i laboratori cinesi, iscritti regolarmente alla camera di commercio, ma che dichiarano un numero di dipendenti e di ore lavorative assolutamente non compatibili con il fatturato dichiarato.

Ci appare assai opportuna l’istituzione di un organismo di controllo permanente che, tramite monitoraggio di fatturati, controllo dei consumi energetici e richieste di controlli mirati in orari notturni, consenta una sorveglianza puntuale su tutto il territorio Regionale, affinché il problema non venga trasferito da una città all’altra.Le quali città e le quali regioni- nelle quali si è ancora, per fortuna, lontani da questo malcostume, andrebbero immediatamente informate,e magari consultate per azioni comuni.Nel frattempo perchè non instaurare una iniziativa di vendita diretta, dal fabbricante al consumatore?

Claudia - Ts 26.05.10 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Certi persone non hanno ancora capito , che nelle società moderne il manifatturiero che è stato il cavallo di battaglia del nostro ottocento fino alla metà del novecento, è stato sostituito con i servizi , con conseguente vittoria del consumatore che non vuole più pagare posizioni di rendita e inefficienze a chi continua a produrre prodotti maturi .

va' pensiero, scorzè ve Commentatore certificato 26.05.10 08:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Interpella anche Bossi e la trota del figlio...

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.05.10 08:44| 
 |
Rispondi al commento

I vecchi capitalisti datisi alla finanza, negli anni 80-90, perchè si sono bevuti il cervello, ubriacati dai guadagni facili in borsa, o, speculando in affari poco puliti, anzicchè rimboccarsi le maniche e finanziare la ricerca hanno preferito i paradisi fiscali e la delocalizzazione.
Questo grazie, anche, ai politicanti di destra e di sinistra. Ricordate quando Dalema, nella seconda metà degli anni '90, osannava l'Irlanda per le agevolazioni alle imprese che li investivano?
Molti di noi meridionali si erano illusi che, visto che era al governo, avesse attuato la stessa politica degli Irlandesi. Invece no. Ha preferito, col suo governo, continuare a delegare la gestione delle risorse Europee ( 488 ecc. ecc.) agli studi specializzati politicamente e affaristicamente a loro vicini, invece di attrezzare aree industriali con capannoni, forniti di tutte le utenze e darle, anche gratuitamente, a chi aveva delle idee e dei progetti da realizzare.Sti cazzi! Hanno preferito finanziamenti a pioggia, per buttare fumo negli occhi agli imprenditori onesti facendoli fallire, d'accordo con i burocrati della Regione. Mentre gli speculatori e i falsi imprenditori si ingrassavano alle spalle dei nostri giovani affamati di lavoro. Prodi, durante il suo governo, sempre con Dalema ministro degli esteri, andò in Cina con un numeroso stuolo di imprenditori e faccendieri, per aiutarli a delocalizzare. Questa politica è stata la molla che ha fatto scattare la crisi del settore manufatturiero in Italia. Ora, tutte le imprese, amiche di politicanti, chiedono garanzie ai vari governi: non disturbate le comunità Cinesi in Italia se no avremo,in Cina, delle ritorsioni sui nostri affari. Capito caro amico, perchè a Forlì tutto deve rimanere così com'è? A uqesta mafia, affaristica politica, a volte, è preferibile quella che spara, ma fa affari sul territorio e distribuisce qualche briciolo. (Scusate è solo uno sfogo provocatorio!)
Di Pietro, De Magistris, Sonia Alfano,spostate le tende le tende.

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato 26.05.10 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno, sono anche io un imprenditore del mobile imbottito di questa zona e posso assicurarvi che la situazione è esattamente quella che l'imprenditore ha descritto nel video presentatto e visibile sul sito di destinazione forlì (http://www.destinazioneforli.it/2010/05/24/mobile-imbottito-forli-scandalo/) ed ancora meglio nel testo scaricabile (http://www.destinazioneforli.it/wp-content/uploads/2010/05/salotti-per-conferenza-stampa.pdf) Ricordo a tutti, quando si parla di concorrenza sleale, che un conto sono i prodotti che vengono importati e che quindi sono prodotti in paesi che hanno altre regole rispetto alle nostre, un conto sono quelli che vengono prodotti sul nostro territorio dove se rispetti le regole sei un perdente. SIAMO L'ITALIA NON LA CINA!!!!!! Ribelliamoci, non lasciamo che ci riducano ad un ammasso di carne da plasmare a loro piacimento, non cediamo alla tentazione del "tanto non c'è niente da fare"Partercipate al mail bombing e dimostriamo, una volta di più, che i cittadini sono meglio della classe che ci amministra!!! Chiudo dicendo che l'imprenditore che ha denunciato ha fatto bene a farlo in forma anonima perchè alle due imprenditrici che lo hanno fatto prima di lui hanno veramente fatto terra bruciata attorno.Non sono state difese nemmeno da chi dovrebbe rappresentare i lavoratori per la difesa dei quali loro si sono rovinate (i sindacati) Il sistema non riguarda solo le aziende che sono citate nel servizio e nel procedimento intentato dalla procura, sono molte, molte di più!
Buona giornata a tutti.

mirko de lucia 26.05.10 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Io anche trovo scorretto che non si rispettino i diritti del lavoratore e riconosco che questo sistema lede le aziende italiane... ma se non sono i cinesi a lamentarsi non vedo come si possa impedire ad un imprenditore di pagare i propri dipendenti quanto decide lui! Non si puó mettere in messo il governo per ogni cosa. Purtroppo é vero, agli italiani questo sistema taglia le gambe ma ogni imprenditore é libero di pagare quanto vuole e, se il cinese é disposto pure a lavorare a ritmi massacranti, peggio per lui! Se l'imprenditore viola la legge, allora va fermato! Ma altrimenti l'azienda é sua e fa quello che vuole! Sbaglio?

livia galassi 25.05.10 23:17| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
CAMBIATE LE CARTE DEL LAVORO IN TAVOLA,DISTRUTTA UN INDUSTRIA COME QUELLA DI FORLI',AVANTI VERSO AL CATASTROFE
!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 25.05.10 22:04| 
 |
Rispondi al commento

probabilmente è gia tardi... le residue speranze si baserebbero su un azione di Governo poderosa e e incisiva... appunto!!!

roberto ., milano Commentatore certificato 25.05.10 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Nel Veneto numerose aziende metalmeccaniche, per esempio nel settore dei circuiti stampati, in quello degli accessori per bicicletta, nei vari rami dell'elettronica industriale, ed in decine di altri ancora, da almeno 10 anni non producono più qui molti dei loro prodotti, ma li acquistano in Cina, li portano nella sede dell'azienda, vi cambiano targhe dati, loghi, imballaggi e quant'altro, e li vendono in Italia ed in Europa. Pare sia l'unico modo per guadagnarci. Pare.
Infatti produrre in Cina costa un decimo, il che copre abbondantemente le spese di 20.000 km di viaggio (l'ambiente inquinato è di tutti!!!), e qui bastano un paio di operai interinali che imballano anzichè 20 o 30 operai esperti che producono.
E nessuno assume più a tempo indeterminato.
Se succede qui non posso non supporre che succeda anche nelle altre regioni d'Italia.
I giovani non hanno futuro.
Le banche stanno lucrando sui mutui-casa (che ha un prezzo folle, E CHISSA' PERCHE' una mensilità di affitto è alta come una rata di un mutuo...) dell'ultima generazione di lavoratori a tempo indeterminato.
Stiamo andando allo sfacelo. Tutti in mano alle banche o ai cinesi.
Per inciso: a Vicenza e provincia negli ultimi 10 anni centinaia di bar, paninoteche, pizzerie, ristoranti, ecc. sono diventate proprietà di cinesi.
I cinesi sono noti perchè PAGANO SUBITO IN CONTANTI, un fenomeno pressochè sconosciuto fra gli italiani.
Pagano 40.000, 50.000. 60.000, 80.000, 100.000 euro CASH per rilevare un locale.
Mi sorge spontanea una domanda: ma se una persona, in Cina, possiede 40.000 o 100.000 euro in contanti, è ricca! Non ha nessun motivo al mondo per emigrare in Italia a fare il barista!
Stiamo andando allo sfacelo.
Forza Italia! (Ora si può dire!)


Luigi Vicenza, Vicenza Commentatore certificato 25.05.10 20:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

email inviata.

La concorrenza sleale di chi non rispetta i diritti minimi dei lavoratori ha contribuito a mettere in ginocchio il ns paese.
Una concorrenza sleale in totale sfregio di ogni regola e legalità.
Tutto questo non sarebbe mai stato possibile senza la pessima classe politica che ci ritroviamo che non si è preoccupata di tutelare le nostre aziende e i nostri posti di lavoro.
Con il risultato che ora anche i diritti conquistati sono messi in discussione o già persi (i sindacati dove sono???)
e invece di progredire stiamo tornando indietro.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.05.10 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Era il sogno borghese dei prodiano, più merci a costi bassi con l'apertura delle frontiere a india e cina e con la leggi biagi!!
era il sogno della crescita infinita di maanche veltroni il topogigio che scalzò prodi per riconsegnare il governo al suo idolo berlusconi erede di craxi!!
Erano e sono sogni anzi visioni stupefacenti per i pollastri, infatti quando le merci costavano care le maestre e le professoresse avevano il posto sicuro e potevano permettersi les copains, iceberd, versace e simili cucite in italia, ora che le merci costano poco e vengono dalla cina e dall'india (anche di casa nostra) le stesse si vestono scegliendo dai mercatini delle pulci e dell'usato mentre i loro figli sono precari e non hanno più prospettive!!

Chi è causa del suo male pianga se stesso!!

Smettete di drogarvi con il liberismo da quattro soldi e provate a disintossicarvi!!

I diritti di chi lavora, una ambiente sano, una economia lenta e pensata per tutti è indispensabile per una economia di consumi come la nostra!! infatti senza i consumi di chi lavora non esistono consumatori ma parassiti!!

E fate in fretta.

Luciano inrete 25.05.10 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Raffaella per provare a squarciare questa cappa di indifferenza e complicità che avvolge la città, sembra che l'aministrazione (di sinistra che doveva cambiare tutto....) stesse aspettando solo che ci dimenticassimo di Manuela Amadori e della sua battaglia.

fede cristian 25.05.10 20:13| 
 |
Rispondi al commento

@Raffaella
Soluzioni possibili?
1)Il rispetto delle regole minime sindacali nonché della legalitá del mondo del lavoro che in"teoria"in Italia flebilmente esistono ancora e che chi di dovere dovrebbe solo fare applicare senza bisogno di tavoli di confronto urgenti.
Ipotesi da scartare dal momento che"chi di dovere"é il primo al non rispetto delle regole.
2)Cercare di esportare diritti in quei paesi dove non esistono e non andare a concludere trattative unilaterali di collaborazione vendendogli parte del nostro debito pubblico per continuare a lasciare le cose come stanno.
3)Cominciare a clonare i prodotti made in cina o emigrare direttamente lí in cerca di un futuro migliore di quello che si va via via prospettando nel nostro paese.
In prospettiva la Cina sarebbe la prima economia mondiale e 500 mln di cinesi,risvegliati piú capitalisti dei capitalisti che di botto vogliono vivere alľoccidentale sposando il consumismo saranno in breve ľolocausto destinato a spazzare via gli attuali equilibri economici mondiali che giá da soli vacillano.
Dunque non ci resterá altro da fare che inchinarci al passaggio delľimperatore d´oriente ed ai nostri imprenditori elemosinare il lavoro ai nuovi datori di lavoro adeguandoci alle loro regole o chiudere.
Mi spice dirlo,ma ora si possono trattare solo i dettagli della resa,in quanto lo stato non é piú in grado di elargire aiuti o compromessi essendo giá al collasso e venendo a chiedere aiuto in un ultimo disperato tentativo alle tasche degli italiani.
Detto e sottoscritto con amarezza da piccolo imprenditore.

Donato S., Vienna Commentatore certificato 25.05.10 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Vai Raffaella. Empoli con te!

Gabrieele Sani, Empoli Commentatore certificato 25.05.10 19:42| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=Qu5Vl5TrniE

Paolo Ricci 25.05.10 19:29| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=Qu5Vl5TrniE
Qui sopra il link giusto dove poter vedere il video.

Simone Barzanti 25.05.10 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Avevo visto la puntata di Report, una vergogna. Mi sono promesso di non acquistare mai un divano di due famose aziende sempre presenti in tv.
Email di protesta inviata.

Alessandro I. Commentatore certificato 25.05.10 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi da "questo video è rpivato"

Anto Coniglio, Pistoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.05.10 19:15| 
 |
Rispondi al commento

nn è corretto prima di ttto x gli stessi cinesi...e poi x la nostra precaria economia fatta di piccole aziende artigianali....ma ci sarà un contratto ke dovranno seguire? e se nn lo fanno, nn sono in regola, e qndi xseguibili dalla legge?....;)

ilaria df 25.05.10 19:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori