Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il debito pubblico inerziale


debito_pubblico_4_2010.jpg
Ci sono due notizie sul fronte dell'economia. Tutte e due buone. La prima è che il debito pubblico è cresciuto nel mese di aprile di soli 15 miliardi di euro, è un miglioramento notevole rispetto al mese di gennaio 2010 dove la crescita fu di 26,4 miliardi di euro. La seconda buona notizia è che il debito pubblico che ha raggiunto il record di 1812,79 miliardi non preoccupa Brunetta, il ministro che da vicino sembra lontano. Il mancato Nobel per l'economia ha detto che lo sfondamento storico del tetto del debito è un "dato inerziale e la manovra è fatta proprio per questa inerzialità". Se il debito cresce è a causa dello Stato sociale: "é chiaro che con i periodi di crisi salgono le spese per il welfare e quindi queste vanno ad appesantire il debito". Gli italiani devono ringraziare il Governo: se li indebita è per non tagliare scuola, sanità e pensioni. Lo fa per loro. Per il welfare e per prenderli per il culo.

14 Giu 2010, 23:07 | Scrivi | Commenti (69) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Nessuno a più riguardo di nessuno!!! Tutti lucrano dove possono, cercando di fregare (rubare) al prossimo senza pietà, per realizzare il massimo dei profitti solo per loro stessi! Anche mio fratello e sua moglie russa mi hanno fregato con biechi sotterfugi anche la parte ereditaria che mi spettava di diritto e come se non bastasse mi hanno minacciato di venire a sbudellarmi.... e anche di più: è tutto descritto nel sito web www.menghi.eu

Graziano Menghi 18.06.10 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Certo che ci vuole un fiuto sopraffino da economista puro per capire che per riuscire a continuare sulla stessa linea del far arricchire i soliti - e crepino gli altri - senza lambiccarsi troppo il cervello, è quella di fare DEBITI per conto di tutti noi CITTADINI.
Dai loro MEGA YACHTS la vita continuerà allegramente... e fin che la dura, chi sse ne frega....quando verrà il momento del redde rationem, non dovranno fare altro che cambiare rotta e puntare su Panama e dintorni senza dover chiedere e giustificare niente a nessuno, tanto la bandiera di quei paesi già sventola sui loro castelli galleggianti....

Uno Qualunque 18.06.10 07:53| 
 |
Rispondi al commento

Quali trasmissioni? quale televesione? quella di Stato?....o Private...?la prima ricettacolo solo del canone e dispensatrice di posti a parenti, amici e ganze......pacchettini regalo....(pagati da noi)la seconda che fa incetta di pubblicità dalle aziende con programmi che possono piacere o non piacere e che fa parte di un holding imprenditoriale che possiede anche una banca....ti pare si mettano a parlare del Signoraggio.....se non togliamo il canone RAI in modo da creare un polo concorrenziale a mediaset la vedo dura....

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.06.10 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Si parla tanto di debito pubblico ma perchè non vieni mai spiegato con CHI ABBIAMO QUESTO DEBITO e perchè.Perchè nelle trasmissioni televisive non si parla mai di SIGNORAGGIO.

Mauro Masci 16.06.10 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Allora la regola è questa: se un ha un debito fatto 150 e il suo capitale è 100, è fallito non esiste, come fai a pagare un debito quando non hai il capitale per restituirlo?....te risponderai ma ho i flussi di cassa....io parlo di debito non di rateo.....se una mattina uno dei creditori viene e pretende i suoi 10 su 150 e li esige e tu non li hai..cosa fai?..anche gli altri creditori deveno fare la stessa operazione e se non puoi soddisfare i creditori sei fuori.
Secondo te, perchè stanno cercando di far passare il concetto di debito aggregato....debito pubblico+debito privato? cosa succede se domani alla scadenza di titoli di stato poliennali,gli investitori vogliono incassare?.....dove li prende il ministero del tesoro 500-600 mld di euro? come la paghi la cambiale scaduta? con i flussi di cassa? i debiti sottoscritti sono obbligazioni e vanno onorate alla loro scadenza........

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.06.10 08:57| 
 |
Rispondi al commento

GENERAZIONE FRODATA DA UN MISERO CALCOLO (maximo profitto)
====
La perdita di coscienza sulle realtà dei veri valori

Il calcolo è presto fatto

22 giorni lavorativi di 8 ore 176 ore mensili

qual'è il vostro compenso per il lavoro e poi confrontatelo con il lordo

se il vostro Netto è 1.100 il vostro lavoro è valutato 6,25 l'ora (presumo un panino ed una birra)

se il vostro Netto è 900 il vostro lavoro è valutato 5,11 l'ora (presumo solo il panino)

se il vostro Netto 650 euro il vostro lavoro è valutato 3,69 l'ora (presumo un paio di birre)

Ma noi, ciascuno di noi non credo produca così poco valore o meglio che il nostro lavoro non sia UTILE, il difetto sta proprio nella comprensione di cosa sia l'utile ed il Futile (utile fregato).

Abbiamo potuto osservare come se si ferma una categoria si paralizza l'Italia, ma è davvero così semplice, basterebbe fermarsi per riprendere ciò che ci appartiene, per poter capire come siamo stati raggirati e forse cominceremmo a vedere che queste aziende (colossi multinazionali) sono solo delle maschere che alcuni piccoli uomini indossano per nascondercisi ed apparire ai nostri occhi come indispensabili benefattori della società, quando in realtà essi ci spremono ed a 50 anni ci buttano come ferri vecchi, ritenendoci al pari di un macchinario obsoleto e costoso bisognoso di troppe manutenzioni.

Le valutazioni di massima sono limitative per lo sviluppo dei buoni propositi.

Rendiamoci coscienti di quello che, di buono, possiamo contribuire a creare, realizzarlo è già la nostra ricompensa.

Noi dobbiamo cambiare modo di pensare non più nessuno è indispensabile, ma ciascuno è indispensabile che possa vivere, sapere ed operare per migliorare la sua e l'esistenza di tutti. Senza più scale sociali o differenze di valore, ognuno vale la persona che potrà divenire nel mondo dell'essere quel che possiamo realizzare i propri sogni con la fantasia e le capacità innate di cui ciascuno è portatore.

A Pace

A Pace (ricercatore del buonsenso), Italia Commentatore certificato 16.06.10 00:00| 
 |
Rispondi al commento

Visto l'esultanza e le urla sguaiate del conduttore di Radio Padania al momento del goal del Paraguai, sdegnato da quanto ho sentito, ho inviato alla redazione di Telepadania la seguente mail. Mi auguro che tutti quanti sono d'accordo con me, facciano altrettanto:

redazione@padanianet.com

Forse nessuno ve lo ha ancora detto, ma la padania è il buco del culo dell'Europa dal quale escono tanti stronzi. Ogni stronzo è uno di voi. A iniziare da quelli che ieri sera hanno esultato al gol del Paraguai.

Spero solo che sarete tantissimi e se d'accordo fatelo circolare.

luigi romano 15.06.10 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Io mi sono rotto le scatole di sentire certi ragionamenti.
Il bilancio deve stare in pareggio.
Così il debito non aumenta e noi non lo dobbiamo pagare, altro che 3%.
Ma un buon padre di famiglia se non ha i soldi che fa?
Taglia le spese.

Poi diciamo che il bilancio italiano deve andare in avanzo perchè oltre a coprire tutte le spese bisogna cominciare a portare a zero il debito precedente.

Se questo non avviene bisogna interrompere i pagamenti (tasse, contributi, etc. etc.) finchè questo non avviene.

Mi pare molto semplice.

Qualcuno mi accusa di aizzare le persone per fare lo sciopero fiscale?
No, non è uno sciopero è solo un modo per cautelarsi.
Ma scusate se il vostro amministratore di condominio sperpera i soldi e vi ritrovate con il buco che fate? Smettete di pagare, accantonate i soldi da parte e li versate al nuovo amministratore non appena il vecchio viene revocato dall'assemblea?

Perchè questo non si può fare con lo stato?

Perchè quell'alto funzionario pubblico che conosco da 300 mila euro l'anno li continua a prendere? E perchè ha ancora l'auto blu?
Anzi perchè gliene hanno appena comprato una nuova targata EA .... ? Questo Brunetta non me lo può spiegare?

gia set 15.06.10 19:16| 
 |
Rispondi al commento

Certo il debito pubblico e una brutta gatta da pelare, ma a loro che gli frega, tanto paghiamo noi,sono 20 anni che si taglia quella specie di welfare che avevamo, e che si mettono le tasse per sanarlo, ma niente da fare il (Belgio tra 1990 e 2000 ha prtato deficit da 120% sul pil a l 80% credo)a dire il vero la responsabilita e di tutta la classe dirigente, l'ultimo cinghiale e solo un po piu vorace degli altri.Io propongo la disobbedienza civile, lo sciopero fiscale ove possibile ma soprattutto il blocco degli acquisti di qualsiasi genere.Il paese si fermerebbe e i cinghiali sarebbereo in serie difficolta.

Sandro Forte 15.06.10 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Ormai siamo in mano alla banche sono loro i veri politici del mondo. Il politico è nella mani dei grossi gruppi finanziari questa è la realtà. e' come in un'azienda indebitata quelli che comandano e possono deciderne il futuro sono i suoi creditori non i proprietari. Lo stato italiano è ogni giorno sempre più svenduto ai banchieri!!!!!

Adolfo Torre 15.06.10 18:46| 
 |
Rispondi al commento

----------TEMO IL PEGGIO-----------------------

ROMA, 15 GIU - Il boss della mafia Gaspare Spatuzza non è stato ammesso al programma di protezione. Lo ha deciso la Commissione centrale del Viminale per la definizione e applicazione delle misure speciali di protezione. La proposta era stata avanzata dalle procure di Firenze, Caltanissetta e Palermo che indagano sulle stragi di via D'Amelio e del '93.

La proposta di ammettere al programma di protezione definitivo il boss è stata rifiutata perché il pentito ha cominciato a fare le sue dichiarazioni ben oltre il limite dei 180 giorni dal giorno in cui ha espresso la disponibilità a collaborare.

Restano confermate per il boss Gaspare Spatuzza "le ordinarie misure di protezione ritenute adeguate al livello specifico di rischio segnalato". E' quanto ha deciso la Commissione centrale per la definizione delle speciali misure di protezione che ha negato il programma al boss mafioso

NA' TAZZULELL E' CAFE'!!!!!!!

mario ., monopoli Commentatore certificato 15.06.10 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Usa: malore per il generale Petraeus

Ma dove vogliamo andare? Ma che dobbiamo fare? Ci stiamo dilaniando con le nostre mani, questo sarebbe FUTURO? Se hai una famiglia e dei figli che gli lascerai? Parlo per tutti. Ripristina il clima Petraeus, facci rivedere il nostro bellissimo sole, fa' tornare le giornate come erano, un giorno ti ringrazierai di quello che hai fatto.

Elia Rizzuti 15.06.10 18:10| 
 |
Rispondi al commento

I politici delle Regioni ed Enti locali non ci stanno a ricevere meno soldi dallo Stato. La scelta che loro si imporrebbe è, infatti, tra il diminuirsi in numero, stipendi e privilegi ed erogare i servizi ovvero il contrario. La Lega si prende in giro da sola: vuole il federalismo fiscale e difende tutti i carrozzoni delle Province ed è, di fatto, contro i tagli. In tal modo avrà sempre i numerosi politici che sono riusciti ad accaparrarsi una poltrona in detti Enti pronti a difendere i propri interessi e le proprie entrate; e in tutte le Regioni, ma in particolare al Sud, chi glielo consentirebbe se venissero a mancare i soldi statali? Per agevolare il federalismo non sarebbe più logico una semplificazione e una riduzione dei centri di spesa, magari con l'abolizione delle Province?

Chiara Mente Commentatore certificato 15.06.10 17:38| 
 |
Rispondi al commento

il welfare de che? il welfare di sto cazzo forse

brunetta mezza pugnetta andasse il scandivia in germania e nel europa civile a vedere cosa significa welfare

brunetta si fa solo delle seghe mentali visto che non può fare altro ...

il welfare di sto cazzo 15.06.10 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Io ho appena prenotato una visita al centro cefalee alle molinette di Torino.... O meglio ho cercato di prenotare.... Non hanno accettato la prenotazione perché hanno l'agenda piena e sarei passato tra più di due anni!!!! Che bello i tagli

Lorenzo De Cao 15.06.10 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma sono io che sono ignorante, oppure più passa il tempo più il Tremorto usato paroloni e giri di parole xke nessuno lo capisca quando parla? mi sembra la parodia di se stesso ormai!!
http://carloruberto.blogspot.com/

Carlo Ruberto 15.06.10 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Orbene, ordunque, cioè e comunque,per aver imparato a leggere, scrivere e fare i conti ma soprattutto a non farmi prendere per la parte bassa posteriore del corpo ed essere abituato a gestire al meglio la mia economia personale ho scritto al ministro dell'Economia e delle Finanze che intendo pagare la mia quota di debito pubblico dovendo essere per ciò debitamente informato circa quanto devo pagare e a chi devo dare il denaro.
Dopo diversi tentativi sono riuscito a farmi rispondere e questa è la risposta dell'anonimo dirigente del "Tesoro":
"Egregio sig. Alberto Gramaccini,
in merito alla sua richiesta, inviata presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze in data 7 aprile 2010, è opportuno fare la seguente premessa:
A)Il debito pubblico è l'ammontare totale di moneta dovuta da uno Stato alla sua popolazione, ad altri Stati o ad istituzioni internazionali;
B)Il governo italiano, come del resto i governi di tutti gli altri Stati, ricorre al prestito, per finanziare le spese dello Stato, per realizzare opere infrastrutturali, combattere la disoccupazione e per migliorare le condizioni economiche del cittadino.
Nell'apprezzare la sua richiesta, con la quale, in qualità di cittadino italiano, vorrebbe sdebitarsi, in merito al debito pubblico nazionale, pagando l'importo di euro 30.000, si comunica che tale operazione non è possibile, in quanto strumento essenziale, insieme alla tassazione, di reperimento di provvista finanziaria indispensabile alla sopravvivenza di una Nazione.
Distinti saluti."
Capitto avvette?

Alberto Gramaccini 15.06.10 16:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Presentazione del dossier “ Amianto e smaltimento” – giugno 2010
A cura della d.ssa Mariella Megna di Cittadini contro l’amianto

http://cittadinicontroamianto.blogspot.com/2010/06/dossier-amianto-e-smaltimento.html

mariella m. Commentatore certificato 15.06.10 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Intanto,se il debito è di 1.812.000 miliardi di €
cominciamo a usare quelli......

g.baistr 15.06.10 15:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Usa , giappone , spagna .. certo come no anche loro hanno un debito pubblico alto .. ma se mai sei stato in queste nazioni noterai che i soldi pubblici sono spesi in strutture per il cittadino , e qui ? sti soldi dove sono ? ogni struttura a noi contribuenti ci costa il doppio il triplo di qualunque altra nazione e tra l'altro viene fuori una skifezza , poi vuoi mettere che siamo i cittadini piu tassati , e poi vuoi mettere che siamo la nazione dove il turismo ci dà introito + degli altri paesi .. ma con tutto ciò siamo senza na checca e sai il perchè ? perchè fondamentalmente abbiamo un governo ladro .. dove dallo psiconano all'assessore del comune ruba .. e quindi invece di stare tra i primi 3 posti di nazione europea stiamo tra gli ultimi 3 .. un giorno ci accorgeremo che abbiamo svenduto a cinesi , francesi la nostra nazione .. e non potremmo dire si ma nessuno cè lo aveva detto .. informatevi gente ..

paolo bacchiocchi 15.06.10 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo quello che sta succedendo in Itala agli italiani gli sta bene perchè se la sono cercata. Hanno eletto o fatto eleggere tra di loro questi politici senza aprire bocca o mostrare diniego. Consiglio inoltre di non parlare solo male dei cinesi ma di lavorarci assieme; la maggior parte sono persone oneste e ottimi uomini di affari e commercianti con beni anche di pregio e di qualità.
Ottimismo per tutti


Non ho sentito il discorso di brunetta, ma se ha detto quello che qua viene riportato ha ragione.
E normale che se aumenta la spesa pubblica aumenta il debito.
Non ci vedo niente di strano nelle parole di brunetta.
che poi il debito italiano è molto alto e un dato di fatto, lo si sa da anni. ma non siamo l'unico paese ad avere un debito cosi alto. ( pensiamo a USA e Giappone)

Francesco Saverio di Donato (napoletano978), Napoli Commentatore certificato 15.06.10 15:10| 
 |
Rispondi al commento

No ti sbagli....il trucco c'è ma non si vede...io penso,(dato le mie diverse lauree di terza media)che se Fiat molla gli stabilimenti deve venderli, figuriamoci a chi? bene gli unici (compratori possibili)dispsosti all'acquisto sono il popolo di cin ciun lan...(cinesi) ehhh...ve lo immaginate associare i soldi dei cinesi alla ricerca sull'automotive made in italy....bene probabilmente inizierebebro a produrre auto green, e non la Panda(pe andà dove?)e questo sarebbe tutto il rilancio dell'industria dell'auto italiana....? mi chiedo...io capire se dicessero:...cari operai...abbiamo bisogno del vostro impegno...poichè dobbiamo sostenere una nuova concepte car che rivoluzionerà la mobilità...bene abbiamo inventato una "macchina by-fuel che va a sputi e piscio"...ehhhh! clap,(applausi) però l'impegno economico è notevole per cui dovreste sacrificarvi anche voi...bene penso l'accordo sarebbe fatto in due secondi...

roby f., Livorno Commentatore certificato 15.06.10 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma cos'è diventato Brunetta? Un fisico della materia, visto che usa questi concetti: debito pubblico inerziale? (io sapevo della massa inerziale)
Tremorti invece è andato oltre, lui è addirittura un metafisico dell'economia e intanto il debito lievita
lievita...tanto poi qualcuno pagherà.

paolo galliani 15.06.10 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.... soprattutto per non prenderli per il culo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sim Sala Bim 15.06.10 11:47| 
 |
Rispondi al commento

io non voglio essere morto di fame e pure schiavo di uno stato zozzone che mi ciuccia il sangue…
preferisco di gran lunga aggiustarmi e creare reti di mutuo soccorso come successe in argentina…..dove lo stato assente lasciava spazio al buon cuore dei cittadini…
esistevano dei CAPANNONI DOVE LA GENTE DEL QUARTIERE DEPOSITAVA QUELLO CHE AVEVA IN ECCESSO ANCHE DI CIBO…E USCIVA CON LO SCAMBIO DI QUELLO CHE GLI SERVIVA…
CAPITO?
le tasse e le regole ficcatevele nel cu.lo-
COME L’ANARCO CAPITALISMO..
SE PER ANARCO CAPITALISMO INTENDETE DIRE CHE I RICCHI DIVENTANO PIU’ RICCHI MA A ME LASCIANO RUBACCHIARE..??
ALLO RA RUBACCHIO.

Marco F., Torino Commentatore certificato 15.06.10 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Gli italiani devono ringraziare il Governo: se li indebita è per non tagliare scuola, sanità e pensioni. Lo fa per loro. Per il welfare e per prenderli per il culo.
--------------------------------------
120MLD DI EVASIONE L'ANNO, milioni di italiani venduti, "ciechi" e pronti a sputare sullo Stato per il loro interesse personale (spesso briciole). Pronti a tirar fuori il tricolore solo in occasione dei mondiali di calcio (i Leghisti nemmeno in quest'occasione). Pronti a riempire le strade di Roma solo in caso di vittoria, sempre ai mondiali di calcio.
Se quasi sempre, nella storia di questo paese, abbiamo avuto governi di merda, la colpa è anche un pò del grande popolo italiano,
no?



Perchè è di una noia mortale dare la caccia a chi fa evasione ed elusione fiscale,poveretti questi che non si divertirebbero più nel salvare i propri guadagni.Diamo loro una mano tassando ulteriormente il popolo delle buste paga e tagliando lo stato sociale.Proporrei Licio Gelli prossimo presidente della repubblica,presidenziale ovviamente.

ANTONIO ATZENI, maserada-Tv- Commentatore certificato 15.06.10 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Da imprenditore sarei già fallito !!!!!
Ogni giorno notizie sempre più incoraggianti per la nostra bella economia, ed intanto i cinesi si stanno comprando la Grecia !!!
Ragazzi è meglio che impariamo il cinese, che tra poco diventeremo i loro schiavetti !!!

Luigi C., Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.06.10 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Fiat

Se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna.

Se gli stabilimenti non possono andare in Polonia, il modello polacco sarà applicato agli stabilimenti italiani.

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.06.10 10:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate la mia ignoranza, ma a me da piccolo hanno insegnato che "ECONOMIA" signivica mettere via dei soldini per avere sempre un soldo quando hai veramente bisogno.

Io sono cresciuto con questo principio, ma vedere che l'"ECONOMIA" che gira adesso e fondata sul debito...

Se io ho un debito con qualcuno non ci dormirei la notte.

Boooooooo.....! in non ci dormo la notte sapendo che se dovessi incontrare la persona a cui devo soldi e non li avessi per restituirli.

IO MI VERGOGNEREI

QUI L'ECONOMIA TI SORRIDE IN TV

Simone Agnolini 15.06.10 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene spontanea una domanda....quanti in Italia sanno cosa sia realmente il debito pubblico ? Secondo me la percentuale è bassissima; se ne sente parlare in televisione ma nessuno sà realmente cosa rappresenti ( forse perche non lo spiegano..). Ne parlava circa 10 anni fà Grillo su un so spettacolo, "apocalisse morbida"... Il punto è semplicissimo: Il SIGNORAGGIO BANCARIO. Lo stato DEVE tornare padrone della propria moneta. Se lo stato si stampasse per conto proprio l'euro, il debito pubblico non esisterebbe, e non servirebbe nemmeno pagare le tasse!!!! Informatevi. La gente deve cominciare a sapere.

Alessandro Fattori () Commentatore certificato 15.06.10 09:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

commento sull'editoriale di Beppe.
Il problema sono appunto gli italiani.
Siamo NOI il problema.
Il Nano è una NOSTRA creatura.
L'abbiamo messo lì "noi" (io no, ovviamente, ma una parte di italiani assieme a coloro che hanno votato per Fini e Bossi).
Di cosa ci lamentiamo?
Abbiamo un potere, una risorsa potente:
IL VOTO!
non lo abbiamo saputo usare come si deve:
mandando a f@n cu1o questa Casta medievale.
E adesso? ci lamentiamo?
Chi è causa dei propri mali pianga sé stesso.
E non se la prenda con gli altri.
Con tutto quello che ci hanno fatto, se al posto nostro ci fosse stato un qualsiasi altro popolo, quest'ultimo avrebbe fatto la rivoluzione da molto tempo.
Noi NO, noi.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 15.06.10 09:13| 
 |
Rispondi al commento

ESISTE UNA REGOLA IN ECOCNOMIA:.....QUANDO I DEBITI SUPERANO IL CAPITALE SEI FALLITO......!

roby f., Livorno Commentatore certificato 15.06.10 09:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"se la merda" avesse valore povero culo degli operai" e questo che vorrebbe il Ministro Brunetta...sara' pure un Nobel mancato ma ha dimenticato le basi dell'economia e cioe'"agire come agirebbe un buon padre di famiglia" ed invece le spara grosse......con tutti i soldi che sprecano loro per mantenere un apparato dannoso,la colpa e' degli anziani che a loro tempo hanno versato i contributi che gli Enti fanno sparire per mille rigagnoliimrpduttivi... e Le regioni? ma chi controllo le loro folli spese per costose macchine blu e sedi faraoniche anche a Bruxelles? e le provincie? non dovevano essere abolite ed invece continuano a sprecare a ,loro piacere??? il ministro ha dimenticato che i fattori della produzione sono:terra,capitale e lavoro... ebbene la terra se la stanno mangiando con pale eoliche.discariche ...,il capitale lo hanno gia' tutto fregato,il lavoro lo hanno distrutto con fantasiose regole di precariato,e cazzi vari.... caro Ministro riparta dall'abc dell'economia e farebbe bene all'Italia invece che.......

aldo abbazia 15.06.10 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La notizia dello sforamento e di ieri..comunque non c'è da meravigliarsi..(visto che ormai è certo che ci troviamo di fronte ad undebito Pubblico non esigibile (così corre voce negli ambienti della finanza)il problema è che i mercati finanziari si stanno chiedendo, se a medio termine, gli interessi saranno garantiti, prontocash, perchè arriverà un giorno..e arriverà..nel i mercati potrebbero richiedere i soldi prestati...e li saranno cazzi.
Caro Beppe poi i n/s ne stanno inventando un'altra....ossia al prossimo consiglio ue i vari ministri delle economie vorranno far adottare un principio e cioè quello del debito aggregato...principio per il quale nella valutazione del debito/Pil dovrà tenersi conto anche dell'esposizione dei debiti Privati, ovviamente-l'italia-è un paese dove il risparmio è alto..circa 2500 mld.....strano modo di valutare un deficet debito/pil.
Quasi quasi vado in banca anch'io e chiedo soldi..quando il direttore mi chiederà garanzie li dirò: lei non deve valutare i miei debiti..lei deve valutare anche quanti soldi ha in cassa la sua filiale......
Detto questo pare che aumentino i depositi di denari da parte delle Banche verso la BCE...togliendo liquidità dal mercato, per cui la grande ripresa dov'è?
Satnno facendo tutto tranne quello che devono e sanno che dovrebbero fare...CHI E' CAUSA DEI PROPRI MALI NON S'IMPROVVISI MEDICO SULLA PELLE ALTRUI...

roby f., Livorno Commentatore certificato 15.06.10 08:53| 
 |
Rispondi al commento

brunetta chi?

aahhh!! quello che assieme al calderoli doveva eliminare gli enti inutili....

Giuseppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.06.10 07:51| 
 |
Rispondi al commento

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

SCIOPERO FISCALE PER MANDARLI TUTTI A CASA...

IL LORO PUNTO DEBOLE E' NON DARGLI I SOLDI


LICENZIAMOLI TUTTI °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Paola F. Commentatore certificato 15.06.10 06:43| 
 |
Rispondi al commento


Troppo spesso si dice che l'attuale situazione e' colpa della crisi e/o del debito pubblico e/o dell'euro mentre la VERA COLPA e' nella gestione del denaro pubblico e quindi la colpa ha "NOMI E COGNOMI"!!!!!!!!!!!!
Basta pensare ai 60 MILIARDI che ogni anno vanno in corruzione, ai 98 MILIARIDI di evasione fiscale delle varie societa' legate ai giochi che NON si vogliono recuperare, ai costi ASSURDI della politica a tutti i livelli, ecc., ecc., ecc.,
Senza questi sprechi la situazione economica sarebbe ben diversa (basta fare due conti ed ad moltiplicare 60 miliardi per 10 anni )!!!!

Renato Mazzoli 15.06.10 03:41| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
BRUNETTA HA MATERIA CELEBRALE QUANTO AL SUA ALTEZZA MOLTO BASSA,NEL FARE I CONTI E NEL FARE I CONTI CON LA CRISI.
CHIEDO SOLO QUANDO? QUANDO FINIRA' QUEST'INCUBO? QUANDO?
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 15.06.10 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta, chi? Ah, sì, quello lì. Quello che due anni fa, estate 2008, diceva e scriveva sul Sole24Ore che il peggio della crisi era passato, appena poco più di un mese dopo arrivò il cataclisma. Il grande economista: lo propongo per il premio Ignobel.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 14.06.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(Seconda Parte)
Le risorse mondiali sono state indirizzate da un sistema finanziario poderoso verso un gigantesco indebitamento, sostenuto da un credito sfrenato. Il nome turbocapitalismo si adatta bene a questo sistema sventato. La spesa mondiale annuale della pubblicità che alimenta i consumi e l´inquinamento, ammonta a 500 miliardi di dollari, quella della ricerca sanitaria a 70 miliardi. A 62 miliardi quella destinata dai paesi ricchi ai paesi poveri. Ripeto: non credo che siamo alla vigilia di un nuovo collasso capitalistico. L´economia mondiale dispone di immense risorse mobilitabili nell´emergenza. Siamo di fronte però al fallimento morale di una promessa. Quando un sistema perde la sua legittimazione etica, perde anche la sua vitalità storica. Un sistema fondato sulla dissipazione e sulla ingiustizia ha il futuro contato.

Luigi(napoli) 14.06.10 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciò che sta succedendo nel mondo ci dice che la promessa di una estensione universale del benessere è incrinata dall´esperienza di un mondo sempre più instabile e ingiusto. Il «miracolo» della finanza internazionale, che ha realizzato enormi spostamenti di ricchezza dai paesi più ricchi ai paesi più poveri si traduce, all´interno di quei paesi, in un gigantesco divario tra i gruppi sociali emergenti e quelli lasciati ai margini. In India l´estrema ricchezza e l´estrema povertà sono aumentate. La stessa cosa sta avvenendo in Cina. Dall´ultimo rapporto della Banca Mondiale risulta che il livello di povertà è aumentato nel mondo a 1,4 miliardi di uomini e di donne, che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno. L´indice Gini della disuguaglianza relativo alla popolazione mondiale è aumentato negli ultimi quindici anni di sette punti, poco meno del 20 per cento. Ma è soprattutto negli Stati Uniti che la disuguaglianza tra classi medie impoverite ed élites arricchite si è imposta. Lo stesso indice Gini che era caduto al 41 per cento nel 1970, è aumentato negli ultimi trent´anni a 47. Ciò che sta succedendo, dice Robert Reich, dice David Rothkorpf, non è solo un aumento delle disuguaglianze, ma una vera e propria secessione sociale: un 1 per cento della popolazione che dispone del 40 per cento del prodotto nazionale. Ma che c´entra tutto questo con i disastri finanziari di oggi? Moltissimo. Negli ultimi venti anni è proprio l´allocazione delle risorse della economia guidata dai mercati finanziari che si è tradotta in termini reali in un aumento delle disuguaglianze e in una devastante pressione sulle risorse naturali: in direzione opposta ai bisogni reali dell´umanità. Nel più ricco e indebitato paese del mondo, gli Stati Uniti, la sproporzione tra i guadagni dei condottieri delle grandi imprese, anche quelli che le hanno portate al disastro, e la gente comune sono diventati sbalorditivi.
(Parte Prima)

Luigi(napoli) 14.06.10 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Questi b.....di pagano con i debiti nostri e dei nostri figli nipoti la pace sociale sperando di farla durare abbastanza per consentirgli di fuggire col bottino.
Li chiamano ammortizzatori sociali ma in realtà sono solo il mezzo della casta per cercare di sfangarla.

Hard Rock 14.06.10 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Beppe mettiti l'anima in pace! Anche se inconsapevolmente e malgrado il fisico, Brunetta come comico è inarrivabile!!!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.06.10 23:36| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE TU NON MOLLARE MAI,PLEASE...

Francesca. Spagnoli, Londra Commentatore certificato 14.06.10 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma quando ci si comincia a muovere? ..dopo le prossime partite del mondiale? ..prima ? dopo ? durante l' intervallo ? portiamo il cervello di chi so' io al CENTRO DEL RICICLO DI VEDELAGO ..e vediamo cosa salta fuori.

Gino De Pauli 14.06.10 23:30| 
 |
Rispondi al commento

non hanno nemmeno dollari per contenere la distruzione dell ecosistema

http://www.youtube.com/watch?v=i6ZN6r5-1QE&feature=PlayList&p=16539061CDA4C027&playnext_from=PL&index=8

ben zia 14.06.10 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Manovra di fine luglio, stiamo arrivando!!!

Luca N., Poggio Berni (RN) Commentatore certificato 14.06.10 23:25| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori