Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Isole in vendita


Toto_fontana-di_Trevi.jpg
La Grecia è in svendita. Dopo la sovranità economica nazionale sta perdendo anche la sovranità territoriale. E' la contaminazione moderna tra Stato e mercato. Lo Stato in bancarotta diventa merce e va all'asta. La Grecia ha 6000 isole, le venderà, risanerà il bilancio e le resterà solo la parte continentale. Ci sono già trattative in corso per Rodi, Mykonos, e isole in offerte speciale a due milioni di euro. L'Italia, come è possibile vedere nel sito specializzato "Private Islands Online" si è già portata avanti. Le isole di Volpera, Carbonera e Gallinaro sono disponibili per il miglior offerente prima ancora che Tremorti abbia dichiarato lo stato di crisi. L'Italia non ha 6000 isole come la Grecia e dovrà attingere al suo patrimonio culturale. Proposte di interesse sono già al vaglio, nel più assoluto riserbo, per il Colosseo alla Coca Cola e la Fontana di Trevi alla Suez.

25 Giu 2010, 18:22 | Scrivi | Commenti (38) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il 1 Luglio scade un prestito di 442 miliardi di euri dato dalla BCE alle banche.....europee...cosa succede se non restituiscono il prestito....?
C'è qualche amico che ci può spiegare quali ripercussioni potrebbe avere la cosa.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 28.06.10 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Più che altro io non sono d'accordo a vendere il patrimonio per ripagare il debito pubblico, per il semplice motivo che finchè è questa merda di casta che stà al potere tutto questo sacrificio sarebbe INUTILE. La Casta ricomincerebbe il giorno dopo a ricreare il debito...

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 28.06.10 12:56| 
 |
Rispondi al commento

L'italia è tanto che è in vendita...cartolarizzata,aziende di stato fatte con i soldi pubblici svendute, regalate, rivendute, spezzettate........Purtroppo quelle sane le hanno ingoiate subito, mentre le altre(vedi alitalia) c'è stato un grandissimo tira e molla per venderla(forse era megli regalarla)poi si è presentato il mago di oz..ci penso io..risultato è lì in perdità....come il prestito ponte..fatto da noi...e che probabilmente non rivedremo mai.
Un'altro capitolo osceno del bel paese è le concessione delle spiagge e lidi, i cosidetti Bagni, dove la fanno da padroni..e le aree libere si contano sulle dita e sono pure zozze.....oltretutto le concessioni si perpetuano per secoli tra parenti...poi questi concessionari pagano due palle e due bicci di concessione e si lamentano se li prospettano un aumento.....questa è un anomalia tutta italiana...
Forse più che venderle le isole i Greci le dovrebbero dare in concessione, del resto italians docet....

roby f., Livorno Commentatore certificato 26.06.10 19:09| 
 |
Rispondi al commento

www.losbarco.org

anib rome 26.06.10 14:39| 
 |
Rispondi al commento

perche' non vendiamo il culo delle ministre ???
chiediamo un nullaosta al guardone nano e le vendiamo.....
non credo che il culo di berl sia appetibile purtroppo...quello di d alema ???

kkk kkk Commentatore certificato 26.06.10 14:21| 
 |
Rispondi al commento

La schifosa usanza di vendere pezzi di stato è già praticata da decenni anche dal Comune di Vicenza e da molti altri comuni: come altro chiamare, infatti, l'affitto permanente di pezzi di piazze rinascimentali o di vie medievali, patrimoni storici del popolo italiano, a bar, paninoteche, gelaterie, ecc. affinchè le occupino con tavolini, sedie, gazebo, e quant'altro?
Io sono un cittadino italiano incensurato e che ha sempre pagato le tasse (sono sempre stato un lavoratore dipendente!): perchè non posso passeggiare liberamente per la piazza pubblica?
Perchè i soldi delle mie tasse non bastano a far vivere lo stato italiano?

Luigi Vicenza, Vicenza Commentatore certificato 26.06.10 13:59| 
 |
Rispondi al commento

come si fà a farsi gli affari propri, senza poter vendere qualche pezzo di stato?

da noi, la bend, si è preoccupata di fare leggi per il suo "despota", finita l'opera di inbavagliamento giustizia, adesso si deve attaccare l'ultimo pezzo di stato, quello che si può svendere, (sempre ad amici o prestanomi) senza che tanti "strillino".

adesso capiamo che è giusto svendere, altrimenti, come fanno i potenti a spartirsi soldi che non ci sono più.

ma se ci dicessero, svendiamo, mangiamo gli ultimi spiccioli e poi ce ne andiamo, forse saremmo disponibili, ma così non è e quindi, dovremmo essere noi a "cacciare" via sti quattro paraculi.

bisogna organizzare il blocco degli acquisti, poi referendum sulle cose da pagare obbligatoriamente e non corrisposte in servizi e per ultimo, bloccare stipendi d'oro e rieleggibilità per chi sta a palazzo, con referendum sui politici (referendum privati logicamaente, ma con valenza di veri sondaggi e non quelli pilotati).

valter p., roma Commentatore certificato 26.06.10 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'unica isola in vendita è già un'isola privata. Il blog ha fatto pipì fuori dal vaso.

Giuseppe B. Commentatore certificato 26.06.10 12:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me è un dramma vero e proprio. Sono anni che passo 10 giorni in Agosto, nelle splendide, poco affolate ed economiche isole Greche. Spiagge libere e rispetto per il paesaggio. Con l'arrivo dei nuovi padroni del vapore potrebbe tramutarsi tutto in un immenso Disneyland a prezzo doppio rispetto a prima e magari farmi rimpiangere pure le spiagge di merda e i gestori ladri italiani.
Fino a qualche tempo fa meditavo su un futuro in tranquillità su qualche isoletta Greca e comunque attendevo con entusiasmo l'ora dei miei 10 giorni d'Agosto.
Ora il vento è cambiato e non solo perderò per sempre quelle isole, così come avevo imparato a conoscere e ad apprezzare, ma non mi rimarrà neppure il Colosseo come consolazione.
Che amarezza.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.06.10 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Se sarà così non andate più a Roma. Andate invece a farvi una bella passeggiata nei boschi vicino casa, magari portandovi un sano vettovagliamento preparato con le vostre mani. Ci guadagnate in denaro e salute. La Decrescita sarà l'imperativo del nostro futuro.

giancarlo salvatori 26.06.10 11:23| 
 |
Rispondi al commento

che merda.
che merda.
che merda

massimo pagante Commentatore certificato 26.06.10 10:55| 
 |
Rispondi al commento

che merda.
che merda.
che merda.

massimo pagante Commentatore certificato 26.06.10 10:46| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di alberi abbattuti per far posto a parcheggi, qui a Bolzano, che tutti a torto o a ragione considerano un'isola felice, sulle passeggiate che dal ponte Roma portano al ponte Talvera, si sta effettuando una raccolta di firme per impedire l'abbattimento di piante per la costruzione di garages interrati. Non credo che questo sia il modo migliore per togliere le automobili dalle strade e neppure che quello sia l'unico posto per costruire questi garages. Giovedì 1 luglio il comitato per la salvaguardia di questi alberi porterà le firme al presidente della provincia Dott. Durnwalder. Speriamo in bene

Eugenio Califano Commentatore certificato 26.06.10 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, non me lo aspettavo da un ligure come te...

Una delle isole citate nel post è la Gallinara, (non Gallinaro).
Si trova in Liguria, provincia di Savona, di fronte ad Albenga e mi risulta già privata da un bel po' perchè i monaci benedettini che ci abitavano l'hanno venduta a privati (nel 1842). l'Italia mi pare esista dal 1861.
Quindi non l'ha messa in svendita lo Stato italiano, nè ora nè mai !
Non è che le altre isole sono anche esse private ?
Questa è mala informazione caro mio...
Se ho ragione dovresti fare come fanno, qualche volta, i giornali e pubblicare sul blog una smentita. Magari in vista però.

Edoardo M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.06.10 08:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non potremmo impacchettare qualcuno dei nostri politici imperanti e venderli in qualche mercato di schiavi del Caucaso ?

Lì, certo, avrebbero difficoltà a trovare poi da rivenderli.
Ci sono poi quelle che, come la Gelmini, verrebbero rimandate al mittente perché farebbe nausea anche a loro.

Forse Bondi farebbe fantozzianamente un successone nei salotti culturali come puff.

Brunetta sarebbe usato a pieno regime nelle corti dell'Uzbekistan, qui da noi è sprecato!

Sgarbi non avrebbe problema a farsi apprezzare persino in Mongolia.

La difficoltà commerciale sorgerebbero se lì chiedessero "uomini forti" come lo schiavo Spartaco.
Forse La Russa incuterebbe analogo timore e potrebbero considerarlo per la "difesa", però non mi viene in mente nulla su cosa sarebbe in grado di difendere!

Maroni andrebbe benissimo per esplorare gli "interni" di qualche grotta del Tagikistan.

A Bossi no, non saprebbero proprio cosa altro fargli fare se non metterlo su un pulpito e fargli proporre la solita vendita delle sue solite Kazate.

Ghedini sarebbe facilmente scambiabile con un caratteristico esemplare di Saiga tatarica, animale che parla meno, ma nel cambio noi ci si guadagnerebbe parecchio.

Gente come Balducci o come Bertolaso sarebbero di difficilissima commercializzazione fuori dall'Italia: non tutti hanno un Vaticano alle spalle (preciso, dalle parti basse, come ce l'abbiamo noi).

Infine, si potrebbe persino spedire Lippi tra gli Azeri-Azeri, tanto lì si troverebbe a suo agio.

Ma la cosa più difficile sarebbe "piazzare" B.
Ormai lo conoscono ovunque, ci toccherebbe pagare per mandarcelo.
Eppure in questo caso una colletta si lancerebbe volentieri, non per "liberarlo dalla schiavitù" (come si faceva con i re catturati dai Turchi o da i pirati) ma per mandarcelo, giusto per fargli capire cosa significa avere un padrone.

E comunque mi sono rotto, a quest'ora di notte di parlare di questa gentaccia, che se ne vadano tutti a Lourdes a farsi benedire, ne hanno bisogno!

rosario v. Commentatore certificato 26.06.10 03:21| 
 |
Rispondi al commento

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Vogliono che restiate in casa, impauriti, senza pensare. Non vogliono cambiare perché in pochi guadagnano sulla distruzione del nostro ecosistema.

Leggi qua

www.anakedview.com/noi_vi_amiamo.html
e ribellati!

Per vedere la realtà, senza fregature, visitate il sito:

http://www.anakedview.com/

Troverete articoli di psicologia, comunicazione politica, riflessioni sulla società e molto altro...
Buona Lettura

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


non ti preoccupare beppe, non vendono niente a roma… venderanno le dolomiti, la sardegna, venezia… tanto che cazzo gliene frega a loro, sono solo COLONIE e se ne puliscono il culo, come hanno sempre fatto: vajont docet, italia: vaffanculo, vendetevi il vostro culo, nn il nostro.

marco f 25.06.10 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Vendiamoci Villa Certosa!!!
http://unbeinger.wordpress.com

Unbeinger A. Commentatore certificato 25.06.10 23:17| 
 |
Rispondi al commento

IO NON CI POSSO CREDERE CHE STIAMO...O MEGLIO CHE IL GOVERNO CON IL SUO TREMORTI, STIA VENDENDO L'ITALIA COME FOSSE UNA TORTA DA PASTICCERIA DA CONSUMARSI A FETTE....MI PIANGE IL CUORE PENSARE CHE UN GIORNO TORNARE IN ITALIA...SE ANCORA SI CHIAMERA' COSI'...TROVARE IL MIO PAESE CAMBIATO PER COSA POI?....LA INCAPACITA' DI PERSONE COME LO PSICO-NANO, TREMORTI E VIA DICENDO (CHE TANTO UNA ISOLETTA SE LA SONO COMPRATA DA QUALCHE PARTE)...HO DETTO TORNARE IN ITALIA PERKE' DA ANNI VIVO IN GIRO PER IL MONDO ..USA,CANADA, UK E ORA IN SPAGNA...MA CON IL PENSIERO CHE UN GIORNO CI SIA DAVVERO QUALCUNO CHE POSSA DIRMI "TORNA CHE L'ITALIA E' ANCORA LA NOSTRA E BELLA PIU' CHE MAI!!!"

ANTONIO ANGOTZI, MADRID Commentatore certificato 25.06.10 22:26| 
 |
Rispondi al commento

scherzate, scherzate, che tanto stanno vendendo lo Stato e lo Stato siamo noi! le isole sono nostre! il patrimonio culturale è nostro! è come se qualcuno che neanche ti conosce mette in vendita la tua casa senza chiederti il consenso!
cosa si sono inventati?! questa è guerra! una volta per conquistare un territorio si andava con l'esercito e ora con la bancarotta!

che vita! () Commentatore certificato 25.06.10 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Io non mi accontenterei di vendere solo qualche isola, venderei tutto il paese. Tanto la germania ha rinunciato ad invaderci. Per lo meno un 'padrone' avrebbe riguardo per la sua 'roba' (la roba di verghiana memoria) la conserverebbe e rivaluterebbe. Questi invece pensano solo di dissanguarla e depredarla e hanno gia' le banche del sangue all'estero.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.06.10 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Non si possono fare battute su questo,purtroppo è la tragica realtà.Da almeno un decennio in sicilia assistiamoimpotenti ad un percorso economico, imposto da fuori,non si sa bene da chi:Multinazionali,stati esteri.servizi deviati e non,insomma tutto quello che era fino a pochi anni fa fonte di ricchezza e di reddito:agricoltura,turismo,boccheggiante industria,tutto è in agonia.I prodotti agricoli non hanno più prezzo,il turismo è strozzato,l'industri non riesce a consolidare i mercati.Tutti vogliono vendere,in queste condizioni si svende non compra nessuno, tranne qualche straniero a prezzo stracciato,se continua così la debacle sarà prossima e chi mi dice se dietro a tutto questo non ci sia una multinazione? La Bella terra di Sicilia,storicamente,è stata da tutti conquistata x sfruttarla e privarla dalle sue ricchezze. L'attuale governo regionale pensa solo a come cercare di rendersi amici gli imprenditori che campano di risorse derivate tipo convenzioni col sistema sanitario le cui tariffe sono fissate dai privati convenzionati che occupano Palazzo d'Orlens (sede della Regione a Palermo)e non intendono ragioni perchè il governo regionale è "cosa loro" in questo modo il bilancio regionale x il 52% fino ad qualche anno, fa era assorbito dalla sanità.Ora chi mi dice che l'attuale dirigenza politica non sia d'accordo con qualche multinazionale che dietro lauto compenso ed eventuale posti di potere da occupare nel prossimo futuro, non stia brigando affichè quanto detto si avveri?

IL SICILIANO 25.06.10 20:50| 
 |
Rispondi al commento

con la scusa della crisi tremonti riuscira' ad attuare una parte del suo programma: svendere le bellezze italiane (isole , spiagge, opere d'arte etcetc.) ai riccastri. anni fa aveva creato patriomonio spa tanto per preaparare il campo, ma il momento non ancora maturo lo ha fermato. oggi ha una scusa in piu', la crisi e la gente e' ancora piu' rimbambita.
sono gente perfida approfittatori messa li' per fare del male e stanno usando la scusa della crisi per continuare sulla loro strada piduista.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 25.06.10 20:38| 
 |
Rispondi al commento

io ho guardato sul sito, ma l'unica in vendita in italia pare sia l'isola di Grado.... http://www.privateislandsonline.com/isola-de-grado-italy.htm
che abbiano già venduto? Io sarei interessato allo scoglio d'africa, è piccolino, magari ce la faccio a permettermelo.

michele zaimbri 25.06.10 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Mykonos alle multinazionali....
farei una rivoluzione solo per questo! :(

Paolo Cicerone, ★★★★★ Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.06.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Siete sicuri che non abbiamo già venduto tutto! le centrali nucleari allora come si spiegano?
E poi Qualcuno della lega penserà anche di vendere la sardegna e la sicilia,come anche i parchi d'abruzzo,la basilicata e il mare per il petrolio!

verdecchia silvio 25.06.10 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Io potendo comprerei l'isola di Alcatraz, a voi l'onore di metterci chi volete, la mia lista è troppo lunga.

vincenzo l., milano Commentatore certificato 25.06.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento


All'asta la sicilia ...

e uno e due ....e tre....!

nessun acquirente ....

c'era solo un signore in piedi con i baffi , coppola, bastone e sigaro toscano....che osservava sereno ....il pubblico ........in rispettoso silenzio....ed esponeva un cartello:

" un benvenuto ai signori del continente , nella NOSTRA isola "

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.06.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
ABBIAMO LA SARDEGNA, L'ISOLA D'ELBA E LA SICILIA,VENEZIA,MA ORMAI TREMORTI E' AL LIMITE MEGLIO SVENDERE IL PATRIMONIO CULTURALE,PERCHE' AL ROSSO NON C'E' PIU' LIMITE......PEGGIO DELLA GRECIA NON SI PUO'!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 25.06.10 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non mi meraviglierebbe il fatto che, davvero, questi signori qui mettessero in vendita il colosseo. siamo nelle mani di un branco di vecchi incapaci mascalzoni mangiapane a tradimento.

alessandro ferri 25.06.10 18:59| 
 |
Rispondi al commento

http://www.sapienza-finanziaria.com/

Leopoldo Leopo Commentatore certificato 25.06.10 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Io comincerei a vendere Arcore, Villa Certosa e quell'altra in sardegna,quella per cui ha fatto il condono..
http://carloruberto.blogspot.com/

carlo ruberto 25.06.10 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Noi abbiamo la Sardegna...^_^


Guzzanti docet:

http://www.youtube.com/watch?v=evLccg5JnUQ

manuela bellandi Commentatore certificato 25.06.10 18:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori