Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Un futuro senza pensioni


pensionato_defunto.jpg
Le pensioni devono essere commisurate agli effettivi contributi versati. Con effetto retroattivo e immediato.
"Le attuali generazioni di pensionati, a cominciare da quelli italiani, non si rendono conto di quello che sta accadendo, hanno visto in passato la giostra della cuccagna che ha sempre elargito regali a tutti e ora borbottano spazientiti perché non riescono più a conseguire le rendite finanziarie di un tempo o perché non riescono ad affittare l’appartamento che hanno ai prezzi di cinque anni fa. Purtroppo nella maggior parte dei casi abbiamo a che fare con persone stupide, ignoranti ed avide. Di certo la loro generazione al momento non può essere chiamata in causa per risolvere proprio quello che ha creato. I ragazzi di oggi che sono interinali a singhiozzo devono beffardamente ringraziare i loro nonni o i loro genitori per quello che sta accadendo o per il lavoro che non hanno. Purtroppo non può avere futuro un paese in cui sono (per adesso) i nonni a prendersi cura dei nipoti, e non il contrario. Il peggio deve ancora arrivare: l’unica incertezza è il quando." Eugenio Benetazzo segnalazione di Alina F., Varese

6 Giu 2010, 23:24 | Scrivi | Commenti (90) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sulla materia pensioni nvito a leggere:

http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/

Mike52 08.10.11 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ci si lamenta per come ci hanno trattato le pensioni ma non vedo nessuna reazione: come pecore ci prolungano i versamenti, come se alla fine la banca oltre alle rate stabilite per estinguere il mutuo ci chiedesse di versare ancora il 15% di rate in piu'.
Organizziamoci, scrivete a questo indirizzo e facciamo sentire chi siamo. I sindicati non sono con noi !

LC1@teletu.it

corrado l 29.10.10 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Vi prego...non votateli più...

jordano forlai 14.06.10 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Italiani : Visto che in questi ultimi giorni si menziona che il popolo è sovrano perche non formiamo noi una manovra da fare approvare.

Giuseppe Carbonara 10.06.10 20:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E chi urla al fascista, e chi urla al comunista e chi urla allo statale, e chi urla alle generazioni passate generalizzando, neanche fossero stati i nostri padri e nonni a volere il magna magna, quelli stessi che ora come evidenziato da qualcuno mantengono figli e nipoti disoccupati......insomma comtinuate pure ad urlavi gli uni contro gli altri e vedrete che nulla cambierà......
Signori questo presidente non fa niente di diverso di quello che hanno fatto i dittatori del passato se non evitare l'utilizzo della soppresione con la forza...anche perchè non ne ha alcun bisogno.......dal nipote di Freud in poi hanno capito che la manipolazione dell'opinione pubblica è alla base di tutto il potere. Perchè mie cari amici, sino a che riusciranno a tenerci divisi, facendo perno sulla nostre miserie umane, nessun governo rischierà nulla, se non una rivoluzione finale dettata più dalla disperazione popolare che da programmi costruttivi......vedi francia 1789....dove furono tagliate molte teste ma per il resto, noi tutt'ora siamo figli di molti errori ideologici iniziati li..... come dividerci in destra, sinistra e centro. Sarebbe stato meglio se avessero fatto le loro assemblee in lunghi corridoi e discusso di più di programmi, idee e persone.

é tutta una divisione, gli uni contro gli altri. i latini l'avevano capito per primi e di li in poi, tutti i futuri aspiranti governanti hanno applicato.......a tutto questo aggiungiamo il potere mediatico e le semplici regole del nipote di freud e il gioco è fatto.......noi ci facciamo convincere da slogan stupidi e ripetuti, litighiamo e poi litighiamo e poi litighiamo e loro.......niente, hanno solo l'imbarazzo della scelta, possono fare tutto quello che vogliono. Come farci credere che al di la di chissa quali ignoti corrotti, il sistema industria, economia e borsa è sano basato su regole, principi e valori umani.
Nemmeno Obama ha avuto il coraggio di ammettere che è tutto da riprogrammare,ha solo aggiunto più controlli e stop

zerbini stefano 09.06.10 13:50| 
 |
Rispondi al commento

IL SISTEMA PREVIDENZIALE ITALIANO ERA PERFETTO SINO A QUANDO LA POLITICA NON HA MESSO LE MANI NELLE CASSE DI INPS E INPDAP PER RIPIANARE IL DEBITO PUBBLICO CREATO DALLE 'LORO' RUBERIE!

>>> VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU:


Pe ri precari già capita, peccato che se per costoro le pensioni devono essere commisurate agli effettivi contributi versati cosa accade ?

40 anni di contributi:
10 al 4%
10 al 8%
10 al 15%
10 al 33% come i dipendenti....

Alla fine al pensionato spetta una cifra tr il 5 ed il 6% lorda dell montante versato.

Non ci vuole un genio per capire che per arrivare a 400€ al mese devi guadagnare almeno 3000€ lordi al mese negli ultimi 10 anni !!!!!!!!

aldo p., Milano Commentatore certificato 08.06.10 20:48| 
 |
Rispondi al commento

SI SALVI CHI PUOOOOOO'
W La Corte Costituzionale !!! L'unica che riesce a fermarlo, "Lui e i Suoi" !! Facciamo appello alla Corte Costituzionale per qualsiasi problema! Per esempio: Il FURTO SENZA MEZZI TERMINI che stanno perpretando sulle pensioni. MASCHERANO l'innalzamento dell'età pensionabile per quei disperati che è 40 anni che LAVORANO... (pubblici e privati) dicono mezze verità nelle interviste sui mezzi di informazione. MENTISCONO e SMENTISCONO! Vorrebbero RUBARE ai dipendenti che hanno dato il sangue lavorando 40 anni, costringendoli a lavorare un altro anno e rubandogli tutti i contributi che non verrebbero acquisiti ai fini pensionistici. INCOSTITUZIONALE, NO è proprio UN FURTO VERGOGNOSO !! Se questo furto, insieme alla “ manovrina con vasellina incorporata” dovesse passare….Chi può stia a casa: pane e cipolla e aspetti un anno!!

emiliana carifi 08.06.10 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo ancora oggi ci sono persone che avranno persone calcolate con metodo retributivo ed altre no,comprendendo tra questo novero anche quei genitori che grillo indica come privilegiati,ma non lo sono perchè colpiti dalla riforma Dini e successive,ma che oggi hanno figli da mantenere e che non avranno pensioni domani.
Bisogna finirla con questi luoghi comuni dei privilegi dei genitori che nuocciono ai figli,con questa favoletta tanti genitori hanno perso,e non sanno neppure se con il loro lavoro potranno arrivarci sino alla pensione,nel frattempo cosa diciamo ai loro figli che non potranno continuare a studiare,che la colpa è di quei genitori sfruttati che avranno una pensione da fame se i loro figli non avranno neppure quella?.Grillo ma ci sei o ci fai?.

mario Iacobelli 08.06.10 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Sconcertata da tutto vorrei citare quello che è successo a mio padre. Inizio lavoro: 14 anni. !8 anni servizio di leva. Scoppia la guerra. Regia corazzata Littorio. 333 bombardamenti. Fine guerra. Concorso vinto in ente la cui cassa di previdenza era la CEPEDEL summenzionata. "risarcimento" statale con un bonus di 7 anni regalati quale indennizzo a chi, giovane uomo, aveva combattuto. 55 anni: pensione. Il TFR avrebbe dovuto ammontare a, circa venti milioni, che, alla metè degli anni '70 avrebbe permesso di realizzare qualcosa. PECCATO. Il suo tfr(come quello di tutti con i medesimi requisiti) è stato erogato in AZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO NON VENDIBILI PER V E N T I ANNI!Alla fine son rimasti nelle sue tasche 5 milioni(che svalutazione,) che son serviti per pagargli il funerale. Sono dipendente statale e per me temo che la storia si ripeterà. Saluti

silvia pautrè 08.06.10 15:08| 
 |
Rispondi al commento

la cosa stupefacente è che l'inps si tiene il capitale che noi gli versiamo nel corso della nostra vita lavorativa, elargendoci solo gli interessi sul medesimo.
quindi a tendere non solo non ridanno il capitale indietro, ma neanche più gli interessi. comico no?
ma come diavolo facciamo a non dare più i soldi alla previdenza pubblica e quindi perderli?

gigi p 08.06.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

PENSIONI
CARISSIMI,
io non mi lamento ho una pensione discreta che mi permette di vivere con decenza. La cosa che mi rompe in maniera oscena è che devo pagare un IRPEF altissima quando nella vita lavorativa pagavo già le tasse sullo stipendio. Ma questo i sigg.ri Ministri lo sanno ???
Bello fare poco meno di 3 anni e garantirsi la pensione!! Io ci sono andato per la pensione di vecchiaia, ma quando questi che hanno una media dfi 40/50 anni ci andranno potranno garantirsi uan comoda vita. Per non parlare dei giudici, buoni anche quelli!!
Comunque, vedo che non si risolve nulla, pochi mesi fà eravamo in un Paese ricco, la crisi è finita (non è mai finita) asltro che paesi come Inghilterra, Francia etc. Noi eravamo ricchi!!
Adesso si scopre che in realtà è bastata la crisi della Grecia, per mandare tutti in fase critica.
Ma non eravamo i primi ???
Salurti e baci

marco napolitano 08.06.10 12:36| 
 |
Rispondi al commento

I SOLITI PRIVILEGI, PER I SOLITI PRIVILEGIATI!

Tutti, ma proprio tutti, stanno partecipando ai grandi sacrifici che la 'patria' ci chiede? I calciatori? I grandi papaveri della Rai? I Top-manager sia del pubblico che del privato? E, yacht a parte, ci piacerebbe proprio sapere quali sacrifici sta facendo per la 'patria' PierSilvio il figlio di Silvio Berlusconi! Fin'ora gli unici sacrifici che ci è dato conoscere sono quelli imposti agli statali - le solite vittime, 'fancazzisti' incalliti, innoqui, inermi, che non hanno neppure la voglia di... 'reagire' - ai medici ospedalieri e anche i magistrati che, però, essendo 'categoria'... 'reagiscono'! La scure dei sacrifici si abbatte sempre più di qua, ma mai di là. Tant'è che qualcuno nuota felicemente in questa valle di lacrime. Gli europarlamentari si sono appena votati una leggina ”ad personas”. E’ molto semplice, e molto chiara! Prevede un aumento di stipendio di 1.500 euro al mese. La loro busta paga passerà da 17.864 a 19.364 euro. Per contro, si paventa di portare addirittura a 70 anni l'età pensionabile dei giovani! Certo, che con uno stipendio del genere tutti vorrebbero andare in pensione il più tardi possibile!

>>> DIVENTA UN REPORTER DI LiberalVox


volevo segnare che in italia le pensioni sono state create dal Sig. Benito Mussolini e la banca d'italia era molto piu' addomesticata (faceva un po' piu' gli interessi della nazione italiana)
Saluti

salvatore cerone 08.06.10 11:29| 
 |
Rispondi al commento

IO sono un pensionato Inpdap; durante la mia carroera lavorativa i contributi venivano versatio alla CPDEL che, udite udite, era una cassa previdenziale IN ATTIVO, cioè con i contributi versati poteva pagare tutte le pensioni ed avere un saldo positivo. Prechè ? Per due motivi, il primo è che faceva una gestione oculata delle risorse , senza le ruberie dei carrozzoni; la seconda era che , a differenza dell'Inps, non doveva pagare oneri impropri, come ad esempio la cassa integrazione o le indennità di malattia, etc.
Di questo nessuno parla, perchè vige il sistema della disinformazione.
E poi perchè quei maledetti politici mafiosi non eliminano quello scandalo delle loro pensioni che acquisiscono con due anni di mandato parlamentare ?
Nessuno ne parla, neanche il buon Tonino .....
POvera Italia, bengodi dei truffatori !

luis_inca 08.06.10 08:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fino agli anni '90 Moltissimi immobili erano di proprietà INPS,INAIL,MINISTERI ecc, questi fabbricati costruiti con i soldi del Piano Casa Fanfani, producevano reddito da locazione affitti, queste risoserse economiche, venivano riversate nelle varie casse degli enti proprietari.
Per quanto ne so io, era l'unica forma d'investimento che gli enti pubblici avevano e portava denaro fresco,poi inizio la Cartolarizzazione di tutto questo patrimoni edilizio, svendendolo, facendoci credere che era improduttivo, in realtà i soldi servirono per ridurre il debito pubblico.
Probabilmente queste operazioni hanno tolto l'unica forma di auto finanziamento delle casse previdenziali....o sbaglio?

roby f., Livorno Commentatore certificato 08.06.10 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Una piccola considerazione , pechè non so parla piu di tetto massimo delle pensioni ? Penso che un tetto di 8 10 vlte la pensione minima sia il massimo che una persona possa avere, quello che si risparmia potrebbe aiutare . Non credo sia morale dare una pensine di 1368 euro al giorno !!!

tullio polin 08.06.10 04:33| 
 |
Rispondi al commento

Sarà a causa della tarda ora, ma mi viene un'atroce suggestione. Se oggi sono i nonni a prendersi cura dei nipoti e nulla cambia, domani saranno i nostri genitori a prendersi cura dei nostri figli... si, ma questa volta, con quale pensione? Secondo me non ce la facciamo.

Gigi Milano 08.06.10 01:27| 
 |
Rispondi al commento

Forse Benetazzo sarà stato un pò provocatorio dicendo che la colpa del disastro inps è dei nostri genitori o nonni,tuttavia vorrei soffermarmi su un'altra frase del suo discorso:Purtroppo non può avere futuro un paese in cui sono (per adesso) i nonni a prendersi cura dei nipoti, e non il contrario. Il peggio deve ancora arrivare...
I nostri genitori o nonni godono di una pensione calcolata sugli ultimi stipendi,la maggior parte delle volte una pensione che le permette di mantenere un tenore di vita simile agli ultimi anni in cui lavoravano,in più hanno potuto disporre,se dipendenti, del proprio TFR.
Ora veniamo a noi(ventenni,trentenni ed anche quarantenni).Noi andremo in pensione più tardi dei nostri genitori,prenderemo un mensile che sarà circa il 60% degli ultimi stipendi,se andrà bene! altrimenti sarà anche più basso,non riusciremo a mantenere lo stesso standard di vita di quando lavoravamo,"fortunatamente" il nostro TFR sarà stato versato su qualche fondo pensione che ogni anno ti manda a casa il resoconto sul quale vengono specificati anche tutti i CONFLITTI DI INTERESSI in essere,la rendita dello stesso ci aiuterà a campare,se va bene,altrimenti non basterà neppure quella,come se non bastasse non si potrà più contare su un welfare adeguato,visti i numerosi tagli e sacrifici che verranno.
chi aiuterà i nostri figli?
Il futuro non è poi così lontano, la povertà anche.

manuel f. 08.06.10 00:36| 
 |
Rispondi al commento

I nostri nonni e genitori hanno versato i contributi ed ora hanno diritto alla pensione, solo che questi soldi ovviamente l'INPS non gli ha e noi 30enni versiamo i contributi per coprire la pensione dei nostri cari. Ovviamente noi non vedremo la pensione.........ma i contributi versati a suo tempo dai nostri "vecchi" che fine hanno fatto??? E' sempre il solito discorso lo Stato usa i soldi dei cittadini per farsi i comodi suoi e chi paga è sempre il comune mortale, siamo penalizzati quotidianamente, mentre chi ci comanda gioca con i cittadini una partita a scacchi che puntualmente vince. Per mio figlio che dorme beato nella sua culla spero in un futuro migliore...........io nel mio piccolo ci provo!!!!!!!!

sabrina ambrosi 08.06.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

forse non capisco, saro' ignorante...
ma sapere che mio suocero è andato in pensione a 48 anni e ora a 85 continua a prendere una signora pensione anche con i miei contributi...beh... la cosa mi irrita leggermente... e non ce l'ho con mio suocero...lui non c'entra nulla, ha esercitato un suo diritto...
Io pero' la pensione non la vedro' mai... visto che dovro' arrivarwe fino a 70 anni per vedere qualcosa... nel frattempo avranno innalzato la soglia della pensionabilità a 75...
cio' mi allunga la vita...ma mi dilata i maroni

giulia acerbis, bergamo Commentatore certificato 08.06.10 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Se non sbaglio, le uniche pensioni non riformate sono proprio quelle dei parlamentari... ne hanno diritto dopo una legislatura o anche meno... e nel caso in cui il periodo necessario non si completi, votano all'unanimità un decreto per estendersi comunque il beneficio. E ci vengono a parlare di colpe dei nostri padri? E ci incitano pure all'odio generazionale? E vogliono ulteriormente limitare dei diritti sacrosanti, dopo averci già ridotto in gennaio la pensione contributiva futura di un 7% secco? Ma dove sono le opposizioni? Dov'è il sindacato? Possibile che si sia creato un asse per infilarci sine die l'ombrello di Altan? Basta con questo reality... torniamo alla vita reale, accidenti!!

Fabio L. 07.06.10 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Non ho capito bene o è uno scherzo?. Chi ha scritto (.....Benetazzo(?) chi è costui??) è un folle provocatore dei dormienti? SVEGLIA BENETAZZO!!!!

Agatino Marzà 07.06.10 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Ho cinquant'anni e trentadue anni di contributi.
Trentadue anni passati a lavorare dentro ad una fabbrica,partecipando a lotte e scioperi fin dalle scuole superiori.
Mi spiegate dove ho,meglio,dove abbiamo sbagliato?
Mi dite se sapete cosa significa lavorare quarant'anni in una fabbrica o a fare il muratore o ad asfaltare le strade?
Quanti contributi dobbiamo pagare per avere diritto ad una pensione che ci faccia sopravvivere?
Si pagano pensioni d'oro,si evade il fisco in modo spudorato,si rubano i soldi da tutte le parti,eppure si batte sempre sulle pensioni.
Ricordiamoci che il lavoro non si vuole tenere in Italia perchè in paesi tipo Romania il costo del lavoro è ridicolo(250 euro lo stipendio medio mensile di un operaio),quindi accechiamo anche i rumeni facendogli credere che con il lavoro potranno crescere,poi quando saranno cresciuti e il loro benessere sarà pari al nostro porteremo il lavoro in India e poi....cosi via.

BASTA...E' ORA DI TOGLIERE I SOLDI A CHI LI HA VERAMENTE.
BASTA CON LA GUERRA DEI POVERI

SALUTI

danilo ferri 07.06.10 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Eugenio Benetazzo :
ma va a lavorare in fabbrica buffone !!!!!
E come dice Grillo .... vaffanculo .....

Roberto G. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.10 22:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora, vogliamo fare un ragionamento serio, oppure continuiamo a pettinare le bambole, ma soprattutto a sacrificare “i soliti bischeri” ??
Per chi ha iniziato come me, e come tanti altri, a lavorare alla tenera età di 17 anni, per prima operazione tramite il Superpensionato e superstipendiato Ministro Dini, ci hanno fatto slittare la pensione di ben 5 anni, e adesso, non basta ancora !! Avevano detto che le pensioni con 40anni di contribuzione NON VENIVANO TOCCATE e leggo sul sole 24 ore che invece dobbiamo aspettare UN ANNO per l’apertura della finestra!!
I giovani lavoreranno meno di noi (se un giorno mai riusciranno ad entrare nel mondo del lavoro, visto che “costringono i vecchi “ a lavorare oltre i 40 anni !!!) perché normalmente i giovani di ieri e di oggi iniziano a lavorare con più di 30 anni e se arrivano a 65 (lavorano 35 anni !!)
Danno la colpa alla nostra generazione e fanno di tutto per non liberare qualche posto di lavoro che potrebbe essere occupato dai giovani.
Facile mettere tutti contro tutti e agire indisturbati! Il male è che c'è chi li crede! Noi abbiamo solo lavorato per ben 40 anni mentre loro si rubavano tutti i nostri soldi e adesso vorrebbero anche darci la colpa!!
Cari Politici dalle aspettative più lunghe di vita (le Vostre) Vi mancano i soldi? Prendeteli a chi li ha !! A cominciare da Camera, Senato, Presidente della Repubblica, Managers di Enti e Società pubbliche e private, le rendite in borsa, i proprietari di multiproprietà immobiliari, le “società“che possiedono yacht. NON VI VERGOGNATE A SALASSARE E SCOMBUSSOLARE LA VITA SPUDORATAMENTE ALLA CLASSE PIU’ DEBOLE ?? Non sapete neanche cosa voglia dire “lavorare” 40anni, ma lavorare, eh !!!
VOGLIO PENSARE CHE CI SARANNO DEI GRANDI RIPENSAMENTI SU QUESTA MANOVRA ALLA QUALE LA GENTE NON PUO’ CHE RIBELLARSI IN QUALSIASI MODO, MANOVRA CHE DI EQUO HA SOLAMENTE LA VOSTRA “RIDICOLA” RINUNCIA AL 5% !!


emiliana carifi 07.06.10 22:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una domanda ma se non ci saranno le pensioni posso evitare di versare i soldi all'INPS, e magari con il risparmio mi compro una casetta e me la affitto quando smettero' di lavorare? NO non lo posso fare allora chiamiamo INPS una nuova tassa, che serve per rendere piu' ricchi quelli che dovrebbero farci vivere meglio la vita, e invece me la complicano a dismisura fino al punto di non ritorno

GIORGIO C., ROMA Commentatore certificato 07.06.10 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho lavorato 37 anni e sono andato in pensione a 58. Con la potenza di calcolo di Excel ho messo dentro tutti i contributi pagati, il recupero della svalutazione che non ho voluto io e la cifra ottenuta è impressionante, oltre seicentomila euro. A duemila euro al mese quanto dovrei campare per riaverla? Parliamo di tutti quelli che hanno lavorato parzialmente in nero e negli ultimi anni si son fatti pagare i contributi per grosse cifre !!! A ognuno il suo, questo io penso, quindi sì ad un vero federalismo, le pensioni calcolate sui versamenti realmente effettuati, e basta ai soliti furbetti che sfruttano sistemi truffaldini. La solidarietà è una grande presa per i fondelli, io la faccio la solidarietà, ma non la voglio imposta dall'alto dai furbetti che mi guardano nelle tasche. I parassiti, come gli scrafaggi, io li schiaccerei, a cominciare dai politici inetti nullafacenti, logorroici compulsivi senza arte ne mestiere ma solo leccaculi.

Giulio Noè 07.06.10 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare sintesi,è inutile fare discorsi,piuttosto ora i sacrifici e i soldi delle pensioni le "recuperino" dalle spese dei rimborsi elettorali,l'auto blu,i tfr di fine mandato dei consiglieri regionali, dai gettoni di presenza dei Consorzi di Bonifica,ATO,CDA nubicipalizzate,indennità di carica dei presidenti di provincie,enti,fondazioni,Consulenti,Sagre,Corpi di Polizia che c'è ne un valanga....meeting,insomma una marea di soldi che garantirebbero uno stato sociale dignitoso.....poi con l'europa ci hanno fatto crede che si diventava tutti benestanti...mi sa che invece, abbiamo messo insieme i debiti e spese, per mantenere altri burocrati....

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.06.10 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo dei bei distinguo: mio padre ha iniziato a lavorare a 15 anni, mattina sveglia alle 6 e lavoro fino alla sera. E a lavorato sempre in imprese private. I segni del tempo si sono cominciati a vedere molto presto. Chissà perchè vedo molti ferrovieri dimostrare molto meno dell'età che hanno, eppure fino a qualche anno fa andavano in pensione giovanissimi. E sti cavolo di sindacati sono ancora li a difendere le donne che lavorano nel pubblico, che notoriamente lavorano meno che nel privato, oltretutto chissà perchè e per come molte poco prima di andare in pensione sono promosse, ottenendo cosi anche un aumento di pensione.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 07.06.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO LO DICO DA TEM

LE PRECEDENTI 2 GENERAZIONI DI ITALIANI SARANNO RICORDATE COME LE PEGGIORI IN ASSOLUTO.

QUANDO MORIRANNO QUESTI VECCHI BASTARDI (TUTTI COMPRESO I NOSTRI GENITORI) BUTTEREMO LE LORO SPOGLIE NEL MEDITERRANEO CON DISONORE.

a volte (ritornano) Commentatore certificato 07.06.10 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Nel mio commento delle 12:18 non ho precisato la crisi della mia azienda: due fratelli, uno ha rilevato l'azienda con fatturato, ha rilevato le nostre liquidazioni, abbiamo lavorato, non pagava i fornitori, le bollette ENEL (680000 euro), il gas siamo rimasti senza gas per fortuna era estate altrimenti stavamo al freddo, ha cominciato a non pagarci. I chiarimenti e le promesse che faceva ai sindacalisti erano pure prese per i fondelli, dopo 2 anni ha chiesto la cassa integrazione per cessata attività, siamo rimasti fuori per due mesi agosto e settembre giorno e notte per impedire che portasse via i macchinari e il lavoro già venduto. Dopo 2 mesi il fratello si presenta bel bello a proporre di lavorare per lui che avrebbe rilevato il ramo d'azienda, aveva bisogno di circa 20 persone su 60 che eravamo, la maggior parte di noi ha rifiutato perchè non si fidava, abbiamo preteso ci fossero pagati gli arretrati, le liquidazioni sono rimaste in attesa che ci liquidi l'INPS, chi ha voluto è rientrato, sono rimati 4 mesi al freddo, aveva nevicato e fuori eravamo a - 10° hanno lavorato hanno fatto straordinari ci saranno immagino scorte di lavoro pronte e ora chiude anche lui (avevano nel corso di questi anni aperto in Bosnia un calzificio) rimettendole nella cassa integrazione aperta dal fratello. I debiti rimangono agli italiani e tutte le entrate a loro. QUESTA LA CHIAMANO CRISI io lo chiamo raggiro con il consenso e il beneplacito del governo. VIVA L'ITALIA! Questa procedura è stata attuata da molte aziende, a noi la tristezza di ciò che verrà.

brunella a., samarate Commentatore certificato 07.06.10 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Ai lavoratori miei coetanei.
a tutti coloro che come me hanno 56-57-58 anni; io sono stufo di subire l'ennesima riforma delle pensioni.
Prima dela riforma Dini, mi sarebbero bastati 35 anni di contribuzione, a tutto oggi, con le finestre mobili della riforma 2011/2012, lavorerò 41 anni; pagando 41 anni di contribuzione, ma me ne saranno accreditati solo 40.

da 35 anni a 41 anni di lavoro c'è un'aumento del 17 per cento. Pertanto se un vecchio lavoratore campava 80 anni. io e voi dovremo campare anni 93,6 .
" alla faccia dell'allungamento della vita "

L'INPS è nettamente in attivo, quale è allora il motivo di tali ricorrenti manovre ?
Perchè un'immobilismo da parte delle istituzioni?
Dal momento che saranno i salari dei giovani a far muovere l'economia, perchè non promuovere azioni che agevolino le assunzioni del mondo giovanile, in sostituzione delle maestranze anziane ?

Il denaro si deve trovare.
e qui sono noioso, mi ripeto per l'ennesima volta.
scusatemi
Lotto, superenealotto, gratta e vinci, slot-machine , Lotterie varie, hanno fatto incassare allo Stato nell'anno 2009, oltre 53 Miliardi di EURO; quale destinazione migliore, se non quella di un uso per il sociale ?
53 miliardi di EURO tolte le spese di gestione e il montepremi, sono una cifra che equivale alla recente FINANZIARIA : ( sono soldi di noi cittadini ).

con questo un saluto cordiale

Mario Lessi 07.06.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Donne in pensione a 65 anni. "E' l'Europa che ce lo chiede".
----------------------------
Se l'Europa non fosse così cattiva da chiedercelo, pensione a 60?
E se non fosse stata così infame da chiederci la manovrina? Niente manovrina? Vero Lupi?
Vero Sacconi? Vero Italioni?
----------------------------
Prossimamente ci diranno: l'italia esce dall'euro: "è l'europa che ce lo chiede".

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.10 18:04| 
 |
Rispondi al commento

baby pensioni, invalidita' false... vero, verissimo ma..... vorrei solo mettere in risalto una piccola cosina per me tanto ma tanto significativa. Abbiamo in Italia qualcosa come 620.000 auto blu !! esatto 620.000 vale a dire 60.000.000 di abitanti diviso 620.000 = 97 (un auto blu ogni 97 abitanti). Mi risulta che negli USA ci siano 70.000 auto blu su piu' di 350.000.000 di abitanti. Facendo due conti (costo iniziale, manutenzioni, garage, autisti ecc) salta fuori la finaziaria ovvero 20 miliardi di euro l'anno di spesa. Diciamo che la meta' delle auto sono ferme e servono di scorta??? ok 10 miliardi di euro. Non ci vuole un economista per capire cosa c'è che veramente non funziona in questo paese.

nunzio de sario 07.06.10 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Martini e altri in questa serie di post capiranno di economia, ma fanno finta di non capire di società, comunità e Stati.
Non c'è solo un modo di cercare un equilibrio all'interno di una comunità, e quindi non c'è solo un modo di affrontare le problematiche economiche. Non siamo ancora alla fine della Storia. La parola "diritti" ha certamente un valore relativo. Se non si guarda alla società come evoluzione storica, la parola "diritti" non vale nulla. Ma allora non valgono neanche le leggi, l'uso "legittimo" della forza da parte di uno Stato, e la stessa idea di Stato. Buttiamo a mare tutto e diciamoci pure: ognuno per sé e dio per tutti. En passant, neanche la proprietà privata sarebbe un diritto. Ovviamente potremmo fare guerra tutti i giorni per difendere ciò che abbiamo (poco o tanto), ma anche gli altri potrebbero fare guerra per portarcelo via. Ma mi pare che dovrebbe essere un dato acquisito quello di guardare alla società in termini storici. E allora i diritti ci sono. Non eterni, ma ci sono. Se si vuole tenere insieme in qualche modo una società, sarà bene cercare di creare e mantenere le condizoni per dei diritti equi. In termini storici la società italiana (ma non solo) ha fatto dei progressi - insufficienti, non tutti positivi... - proprio tramite la conquista di "diritti". E' giusto non trasformarli in religione, ma è una menzogna sporca quella di chiamarli privilegi e chiamare alla guerra tra poveri, per osservare da comoda posizione come questi si massacrano a favore di chi può permettersi di goderne i vantaggi. Negli ultimi 20 anni in Italia ci sono state (per quanto limitate) riduzioni del costo del lavoro (in termini di aumento della produttività, esternalizzazione delle produzioni, prepensionamenti, cassa integrazione, mobilità a spese INPS). Queste maggiori efficienze (per quanto limitate possano essere) sono servite a far aumentare il reddito della parte più ricca del Paese. Chi dice che era l'unica via possibile?

Giuliano G. Commentatore certificato 07.06.10 17:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continuate pure a raccontarvela ma l' Inps è nata proprio per assicurare una pensione a chi aveva lavorato una vita proprio perchè le assicurazioni private tanto declamate oggi non offrono mai garanzie,come molti datori di lavoro che non versavano i contributi e si tenevano i soldi, ai tempi di mio padre,operaio, l'Inps ha cominciato a venire saccheggiata da categorie che mai avevano versato contributi,coltivatori commercianti e persino i calciatori tutti attaccati alle mammelle di un Istituto Pubblico, ma pagato coi soldi dei privati, false invalidità ,pensioni sociali,baby pensioni statali e via così ,ora che i soldi vengono a mancare perchè gli operai stanno sparendo, si penalizza chi ha sempre tirato la carretta, e lo si prende anche per il culo.

hyper tak 07.06.10 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Dai commenti si intuisce una sostanziale ignoranza economica dailla maggioranza dei lettori. I quali si fanno certamente coccolare da discorsi politichesi che poco hanno a che fare con la reale azione umana. L'economia e la stessa azione umana non si inventano come le parole. Cosa come pensioni, ferie pagate, malattia, indennita', sebbene indiscutibilmente meravigliose (chi non le vorrebbe) sono anche utopie che fino ad ora si sono rette su una coercizione (tasse) e su un impoverimento (debito). Non c'e' molto da aggiungere. L'esperimento e' durato due generazione e gia' e' fallito. Chi attribuisce la colpa ai soliti mercanti imbroglioni, agli speculatori, ancora un volta prende un granchio enorme. L'errore e' stato quello di far credere alla gente che si puo' vivere alle spalle degli altri (pensioni, indinnita', ferie, eccc.) grazie al pagamento coercitivo (tasse). Peccato poi che lo Stato e' composto da uomini e non da alieni. E i privilegi vengono mantenuti a suon di spese matte e corruzione. Qualcuni mi puo' spiegare poi per quale motivo si continua a credere che se tutti pagassero le tasse tutti si pagherebbe meno? Dove sta scritto? Semplicemente se lo Stato fosse piu' ricco al massimo spenderebbe di piu', e come insegna la storia non certo per ottimizzare le risorse, am per mantenere piu' privilegi.

Paolo Martini 07.06.10 16:33| 
 |
Rispondi al commento

miracolooooooooooo e resuscitato!!!!!!!!!!!

domenico t., bra Commentatore certificato 07.06.10 16:32| 
 |
Rispondi al commento

SE 'TUTTI' FANNO SACRIFICI...

Difficile pensarla come un leghista, ma in questo caso come dare torto a Roberto Calderoli? Peccato si tratti della solita propaganda di regime, quella, tanto per intenderci, che grida su tutti i media di voler ridurre i costi della politica e le auto blu, di voler abolire le province, di voler dimezzare il numero dei parlamentari e ridurre i loro stipendi, di voler dare un taglio alle retribuzioni dei presentatori Rai, ma che poi fa marcia indietro e continua a farsi i ”fatti” propri! Peccato che questa che stiamo per riferirvi, è la solita proposta “spot” di un governo, ma più in generale di un’intera classe politica - non riusciamo a ricordare una sinistra che abbia agito diversamente quando era al governo - che difende i soliti “privilegiati” e che continua a chiedere sacrifici ai soliti “tartassati”! Dopo i paventati tagli agli stipendi dei politici e agli uomini Rai, ora toccherebbe a quelli dei calciatori. La proposta, sacrosanta!!!, parte ancora una volta dal ministro Roberto Calderoli che, invita club e Federcalcio a "partecipare ai sacrifici degli italiani di fronte alla crisi" ridimensionando gli ingaggi dei giocatori. "Se tutti fanno sacrifici - sottolinea il leghista - il sacrificio si ridurrà per tutti e potrà essere sopportato meglio da tutti. È chiaro che il mio può essere solo un appello, ma sarebbe opportuno che la Federcalcio riducesse i premi previsti per i calciatori della Nazionale in vista dei Mondiali e che gli stessi giocatori decidessero di rinunciarci a titolo onorifico. Inoltre sarebbe bene che anche le società abbassassero gli ingaggi, che stridono con quella che è l'attuale situazione economica". Lapalissiano! Non fa una piega! Una proposta "per dare il buon esempio", che però scatena la reazione di mondo politico e sportivo. La casta, insomma, non ci sta! La casta non si tocca! Sentite i milionari, logicamente in euro, del pallone cosa hanno da dire...
>>> CONTINUA SU:


sono d'accordo con l' articolo !

non vedo perchè debba pagare io i privilegi e le scelte sconsiderate di chi mi ha preceduto.
per privilegi intendo le baby pensioni, gli scivoli di anni, le pensioni di invalidità che oggi non sarebbero più concesse, fino ad arrivare alle pensioni d' oro acquisite a tempo di record.

TOCCHIAMO GLI INGIUSTI DIRITTI ACQUISITI !

marco t. 07.06.10 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Mah...ma davvero, senza cattiverie, esistono libri di storia economica anche poco cari, da leggere prima di dare fiato al cervello. Le pensioni italiane hanno subito diversi scossoni nel tempo,dalle baby pensioni all'utilizzo improprio dei fondi INPS.La loro esisitenza e' fondamentale, cosi come la salvaguardia del diritto pensionistico. Chi non ci crede venga a farsi un giro qui negli USA, sove la pensione,anche quella statale e non legata all'impresa, e' talmente bassa che constringe gli ex poliziotti a lavorare da Walmart come cassieri a 78 anni.Se ci sono i precari oggi, e se esiste uno squilibrio nelle remunerazioni andate a chidere ai nostri capitani di ventura e ai nostri evasori.Ah, e comunque bello vedere come ormai il blog sia un ricettacolo di cazzate da basso ventre...ma si, la colpa e' dei vecchi, certo, e tra un po' anche dei negri e degli ebrei e del petrolio che crea i terremoti...sindrome da leghismo cosmico

Carlo Gamurri 07.06.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

non so chi sia questo "signore" e non si comprende bene cosa voglia dire....
forse intende che coloro che attualmente godono di una pensione normale, cioè più o meno misera, stanno "rubando i soldi?
mah!
e quindi sottointende che questi "privilegiati del lavoro" vi dovranno prima o poi rinunciare......per chi o per che cosa?
forse per permettere a gente come lui di scrivere simili facezie?
sembra quasi che lo dica con un piacere sadico...
eh, eh...ben vi sta..lavoratoriii...finita la cuccagna!
faccio notare a questo signore che la pensione è basata( per i comuni mortali) sui contributi versati...nell'arco dei 35-40 anni della vita lavorativa;
azienda e lavoratori hanno versato cifre non trascurabili e non è affatto detto che alla fine allo stesso lavoratore "ritornino" questi soldi...
propongo agli istituti pensionistici un accordo molto semplice...
la restituzione al lavoratore una tantum dell'insieme dei contributi versati( azienda + lavoratore), ovviamante con gli interessi legali e riconoscendo all'istituto una certa percentuale( 5%?) per le spese di gestione...
nessuna pensione e nessuno onere ulteriore
in questo modo si salvaguarda il bilancio finanziario dell'istituto...
inutile dire che una proposta simile non avrebbe probabilità di essere accolta...
la solita storiella del lupo e dell'agnello...bisogna opprimere comunque coloro che "stanno in basso" anche quando non è necessario e non c'è alcuna colpa...
così, solo per esercitare il potere...poi c'è qualche "utile idiota" o qualche leccobardo (a pagamento o per natura) che si presta al giochetto....

giacomo carcione 07.06.10 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Penso che io, ragazzo di 25 anni, laureato nei tempi con il massimo dei voti,una pensione non la vedrò mai..
poi c'è un tal renzo bossi,segato 3 volte alla maturità, che siede nel palazzo della Regione Lombardia
che schifo!
http://carloruberto.blogspot.com/


La prosa di Benetazzo è sferzante e caustica ma è ottima per risvegliare le coscienze assopite, per prenderle per il bavero ed assestar loro sonori schiaffoni.
La crisi del lavoro è troppo estesa per pensare che questo di stato di cose possa continuare, tutto qui.
La tranquillità dopo una dura vita di lavoro con la quale si gode la meritata pensione non è già più tale e per la maggior parte di coloro che hanno dai 50 anni in giù è un'asserzione fuori luogo e fuori tempo, una frase senza alcun significato.
Forse siamo arrivati anche troppo tardi per cercare di fare capire.
E' stato bello. Saluti e grazie.

Alina F., Varese Commentatore certificato 07.06.10 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace dissentire , sono quasi sempre d'accordo con i post pubblicati ma qui si rasenta la follia. Ho versato per 33 anni i miei contributi di uno stipendio di circa 1600 euro al mese e quando andro' in pensione ne prendero' tra 7 anni 1200 forse. Se avessi dati questi contributi ad una assicurazione privata avrei preso piu' del doppio e le assicurazioni non sono enti benefici ma ricavano utili. Ho gia' subito una decurtazione del 20% nel passaggio dal sistema retributivo a quello misto e l'ho giudicato un furto. Sono d'accordo che i miei contributi debbano servire anche alle pensioni (vere) di invalidita' e allo stato sociale , quello che non mi trova d'accordo e' che i miei soldi servano a pagare le pensioni d'oro dei politici e dei bojardi dopo solo 2 anni e mezzo di lavoro(???) e che allo stesso fondo ci attinga anche la cassa integrazione , ed e' questo un altro scandalo. Quando la Fiat guadagna i soldi se li mette in tasca , quando vuole farsi pagare qualcosa mette in cassa integrazione gli operai. sarebbe piu' giusto se parte dei suoi guadagni li versasse in un fondo di solidarieta' da utilizzare per la cassa integrazione senza toccare quelli delle pensioni. Dire che abbiamo vissuto troppo bene , quando non arriviamo nemmeno a meta' mese , e che dobbiamo tirare la cinghia e' puro masochismo. Per cui posso pensare che l'autore del post sia o un masochista , o un disinformato oppure un bojardo di stato. angelo Mora

angelo mora 07.06.10 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Due settimane fa ho sentito che l' I.N.P.S. vanta di aver un forte attivo di cassa nonostante le pensioni di invalidità false (non le danno a chi invalido è), le pensioni di anzianità comprese quelle dei coltivatori diretti che poco hanno pagato ma che comunque prendono bene, quelle dei dirigenti che circa due anni fa sono entrati a pesare sulle casse I.N.P.S. pur avendo versato altrove (in che misura?). La verità é che il nostro governo e opposizione (che si finge tale) ci stanno spolpando per mantenere i loro privilegi, in un momento che già si annunciava grave a novembre dell'anno scorso si sono aumentati le entrate di 1200 euro, si propone di defiscalizzare i redditi delle imprese che assumono dipendenti (prima li lasci a casa e poi riassumi) io cassaintegrata LE TASSE LE PAGO!!!! "I sacrifici vanno distribuiti a tutti" bhe finora li abbiamo pagati solo noi operai con la stessa teoria, ora li paghino loro, basterebbe rinunciassero alle escort, perchè anche quelle le paghiamo noi!E' ora di finirla: tutti a casa !!!!! Vogliamo persone oneste, non con belle parole e fatti sporchi, vogliono guadagnare più che un operaio? va bene ma non in quella misura, non con quei compromessi non con avidità e soprattutto non prendeteci in giro: Marcegaglia, io sono una donna di 48 anni che ha lavorato per 33 in una industria tessile, movimenti ripetitivi alla "Tempi moderni" che mi hanno rovinato la schiena, le spalle e dopo tale tempo mi sono ritrovata per strada siamo rimaste 2 mesi fuori dall'azienda per avere gli arretrati ho fatto un corso A.S.A. e ora spero di trovare lavoro per i 7 anni che mi mancano: ci volete spostare l'età pensionabile chi non riesce ad avere i 40 anni di lavoro muore di fame prima, ci volete toglier la pensione facendola passare come una conquista!!!!!!!!!!!!!! ma vai a lavorare in fabbrica e dopo vedi!!!!!!!!! (insieme alla ministro delle pari opportunità) E il sindacato????? tace a tutto: chi va sui tetti, chi è da mesi su un'isola per il lavoro????

brunella a., samarate Commentatore certificato 07.06.10 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perfetto, nella situazione in cui siamo cio' di cui abbiamo piu' bisogno e' proprio una bella guerra generazionale.

Complimenti! Stupenda generalizzazione che fa un gran bene sia a chi tira la cinghia e prova ancora a immaginare cosa sia solidarieta' familiare e sociale, nonostante le ristrettezze (giovani o vecchi che siano), e sicuramente risvegliera' dal loro torpore i vecchi acidi, incattiviti ed egoisti e i giovani intorpiditi dalla disco e dalla tv che non sanno piu' unirsi e lottare per i loro diritti.

Andiamo avanti cosi', per luoghi comuni?

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.10 12:06| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ma smettetela, ha ragione da vendere! Io conosco persone che negli anni '80 se ne sono andate in pensione a 40 anni! E poi si sono messe a lavorare in nero... Chi credete abbia pagato la loro pensione in tutti questi anni? Noi poveri fessi!
Il fatto che i paesi occidentali abbiano vissuto al di sopra delle proprie possibilità è vero ed è uno dei motivi della crisi attuale, ma questo non c'entra nulla con le pensioni facili che abbiamo avuto!

gneo pompeo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.10 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui siamo fuori, si è ormai fatto credere, che lo Stato mantiene i pensionati o che i giovani non avranno pensione per colpa dei loro padri !
L' INPS per le pensioni da lavoro, è in regola con i conti, il problema è che deve pagare anche le pensioni sociali, quelle di chi non ha mai versato un cazzo nelle sue casse,sarebbe come se chi paga l' assicurazione dell'auto si vedesse tagliare i rimborsi perchè la compagnia copre anche chi non ha mai pagato la polizza. Basta menzogne.

hyper tak 07.06.10 11:28| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fare una sintesi talvolta è necessario e può apparire di cattivo gusto, ma necessario e cioè, vedere la realtà così com'è, anche dal punto di vista matematico.
Intanto la cosa certa è l'allungamento dell'età pensionabile di 5 anni.
Detto questo i soldi ci sarebbero, per avere un sistema welfare che possa dare garanzie per disoccupati,pensionati,diversamente abili(che forse preferirebbero un'occupazione al posto dell'elemosina)questo implica però, anche una buona gestione delle risorse, in particolar modo per pensare anche alle generazioni future.
Per quanto riguarda Benetazzo, concordo con le sue analisi, fatte in modo oggettivo e dire che il sistema pensionistico è a rischio, non significa alimentare guerre fra poveri, serve a far capire al'opinione pubblica la situazione in cui ci troviamo, tanto poi i problemi ce li troviamo adosso noi(accusati di essere il partito dei pessimisti)mentre i nostri "accusatori" come dice Beppe: stanno facendo il tagliando all'elicotteri......avremo un'altra "rotta dei topi"?.

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.06.10 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo perchè le persone tendono a scaricare ad altri quello che non va; ognuno di noi deve essere responsabile di quello che pensa e di quello che dice. Rimboccarsi le maniche e darsi da fare è la via di uscita e non lamentarsi. Di denaro ce n'è in abbondanza per tutti; i ricchi diventano sempre più ricchi perchè i soldi li investono e li fanno girare, tenerli in banca non serve a nulla. Le pensioni bisogna costruirsele col proprio lavoro e non aspettare che te le diano perchè il sistema funziona così. Chi non cambia mentalità e modo di fare rimane indietro e sarà difficile recuperare, il mondo va avanti molto velocemente. Sempre ottimismo e entusiasmo

Sabina M 07.06.10 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Qui ci sono tutti i limiti "politici" del comico genovese. Ciò che manca da tempo nel Paese è la solidarietà e, con questi articoli, si crea ancor maggior divisione.
I limiti politici sono evidentemente tanto presenti anche nella mente del Sig. Benetazzo, al punto tale da fargli dimenticare che il debito pubblico, generato dallo strapotere delle banche, pareva fosse l'obiettivo della sua quotidiana battaglia. O era solo un tema da sfruttare per entrare nel teatrino mediatico?

gianni terzani Commentatore certificato 07.06.10 10:48| 
 |
Rispondi al commento

SONDAGGIO - LiberalVox: "BOCCIATO BRUNETTA"!!!

Si è concluso in questi giorni il sondaggio che LiberalVox ha lanciato tra i suoi lettori per raccogliere il gradimento sull’operato del Ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta e sulla efficacia della sua “riforma”. Il Ministro ne è uscito con le ossa rotte! Altro che Brunetta. Altro che riforma della Pubblica amministrazione. Altro che fannulloni. I cittadini italiani – da quando c’è Brunetta al “comando delle scartoffie” – sono le vere ed autentiche vittime della demagogia del governo e dei suoi ministri.

>>> CONTINUA SU:


Usa, diffusi venerdì e peggiori delle attese, e dai timori per l'Ungheria dopo l'allarme, poi corretto, sui rischi di default per l'economia del paese che riporta in primo piano i rischi di crisi sull'Europa.

Mentre la Borsa di Tokyo ha vissuto la peggior seduta dell'anno e ha chiuso perdendo il 3,84 per cento, anche le europee hanno aperto in deciso calo. Milano dopo i primi scambi perdeva l'1,67 per cento, Parigi l'1,7% e Londra l'1,40%. In difficoltà anche l'euro, sceso sotto 1,19 dollari per la prima volta dal 2006. La moneta unica europea ha toccato 1,1878 sul biglietto verde poi è risalita sopra 1,19 sui mercati europei.

Male anche le altre Borse asiatiche, con Honk Kong a -2,13% e Shanghai a -1,64, mentre sempre sui mercati asiatici i future sul petrolio Light crude sono arretrati di a 70.07 dollari, dopo aver toccato un minimo di 69,51 dollari.(la borsa se serve a separare il denaro da gli inlusi, ed esternalizzare i debiti VA ANCHE CHIUSA)

giuseppe galiardo 07.06.10 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Eugenio Benetazzo,
si vede che non capisci un emerito caxxo sia di economia che di finanza,

Puoi solo fare lo showman (il predicatore finanziario.....) davanti ad un pubblico
beota

ma non venire qui a parlar di pensionati avidi e corrotti

E' dal '85 che il mondo industrializzato sovrastima le proprie capacità produttive per un pil drogato basta dare una semplice occhiata al down per capirci un minimo.

machetelodicoafa !

a proposito staff di grillo complimenti veramente complimenti per l' ottimo articolo e vvai con la pensione integrativa!

alessandro a., milan Commentatore certificato 07.06.10 09:06| 
 |
Rispondi al commento

I ragazzi di oggi che sono interinali a singhiozzo devono beffardamente ringraziare i loro nonni o i loro genitori per quello che sta accadendo o per il lavoro che non hanno......

brutto pezzo di merda che non sei altro

alessandro a., milan Commentatore certificato 07.06.10 08:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un articolo vergognoso!!! Tale argomentazione viene troppo spesso utilizzata da coloro che vogliono smantellare lo stato sociale scaricandone le colpe sulle generazioni precedenti, da coloro che devono giustificare le indecenti riforme in materia di pensioni di vecchiaia e di anzianità che ci costringono a ricorrere a fondi pensione private per garantirci un reddito sufficiente, ripeto sufficiente..., per arrivare fino alla fine dei nostri giorni. Se avessi letto tale articolo sul Corriere della Sera (con il consiglio di amministrazione che Beppe Grillo conosce molto bene visto che ne parla proprio nel post principale relativamente allo scandaloso attacco nei confronti di Di Pietro....) non mi sarei meravigliato ma l'averlo trovato su questo blog mi lascia veramente amareggiato. "La giostra della cuccagna" potevate sicuramente risparmiarvela!!!!!

Claudio Mastropietro 07.06.10 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Chi pagava i contributi trentánni fa pagava cifre che ora sembrano ridicole, ma allora erano una buona parte dei suoi guadagni.
Queste sono state usate per pagare la pensione (buona) a coloro che erano in pensione e molti di essi non avevano mai pagato contributi.
Lo stesso dovrebbe succedere ora, ma c´e´un´enorme differenza, al contrario di trent´anni fa la popolazione e´diminuita e i contributi non sono sufficienti.
Tirare in ballo la scusa dei contributi versati e´una presa in giro.
Quando mai le pensioni elargite sono state commisurate ai contributi versati?

Fulvia P. Broghammer Commentatore certificato 07.06.10 08:01| 
 |
Rispondi al commento

Le casse INPS nei decenni passatti, sono state un pozzo di denari,nei quali i governi hanno tuffato le mani per elargire pensioni,gestire cassa integrazione, ecc.....poi nel '93 con una riforma fu introdotto il concetto di calcolo della pensione su base mista e poi a seguire su base retributiva e non contributiva...poi è stato applicato invece che lo scalone(2006 governo prodi)gli scalini per andare in pensione a 65 anni.Per questo motivo chi oggi lavora deve stare 5 anni di più(salvo non perda il lavoro prima).
Ad un aumento dell'età pensionabile doveva corrispondere una riduzione dell'orario di lavoro portando a 6 ore giornaliere, per equità, e abbassare il livello di disoccupazione.
Invece se ne sono sbattuti tutti, in primis i sindacati(tanto la maggioranza degli iscritti sono appartiene alla categoria dei pensionati..)e il resto si arrangi, disocuppati,precari,cassaintegrati...il sistema non può reggere perchè ogni lavoratore ha tre pensionati sulle spalle, per cui dubito che L'Inps potrà andare avanti così.....forse a breve ingloberanno le altra casse di previdenza che sono in attivo..ehhh...vedrete come s'incazzeranno gli interessati.......

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.06.10 07:57| 
 |
Rispondi al commento

La "colpa" non è di una "generazione".

La colpa è di chi ha COMANDATO in questa generazione.

Già la sola suddivisione delle casse previdenziali grida vendetta!
Abbiamo che i bancari e gli assicurativi sono superprotetti ANCHE DOPO, anche se mandano in malora aziende o interi stati, hanno la cassa pensionistica separata.
Non partecipano alla cassa integrazione delle altre "categorie", la società è ghettizzata e chi si è dovuto accontentare di stipendi miserando da lavoratore attivo poi si ritrova anche fregato dopo, con tagli, rinvii, e comunque anche dopo con pensioni miserande.

Chi invece è stato tranquillo e protetto, navigando una vita sul lavoro e i soldi degli altri, continua a goderne i benefici (e in modo notevole) anche dopo.

La non compartecipazione di queste categorie alla DIFESA dello sviluppo e del livello produttivo del paese grida vendetta.

Poi ci sono le altre "fregature".

I sindacati e il governo hanno impostato un sistema pensionistico nell'ipotesi di una crescita continua della popolazione e della produzione.
Un sistema, poi, basato sull'inflazione !
Assurdo, innaturale e irrealistico.
Oggi ne vediamo le conseguenze.

Invece di CAPITALIZZARE (e fare maturare gli interessi) per ciascuno individualmente, come da manuale di matematica finanziaria, hanno preso i soldi miei, quelli che servivano per la mia pensione, e li hanno usati per pagare gli altri (o, ovviamente, viceversa).

Il sistema aveva quasi senso in un sistema chiuso, circolare, con produzione in crescita e inflazione pure.
Il che è indice della assurda miopia politica di chi ha ridotto in malora un paese intero pur di mantenere il potere e non sbattersi minimamente per sviluppare seriamente il mezzogiorno d'Italia !

rosario v. Commentatore certificato 07.06.10 06:42| 
 |
Rispondi al commento


**********************************************

Se vuoi capire come funzionano i sistemi autoreferenziali come l'AGCOM e il Parlamento, leggi questo articolo:

http://www.anakedview.com/autopoiesis_referenzialita_sistemi_sociali.html

Guardate la realtà, senza fregature.
Su
www.anakedview.com

…e poi ne riparliamo


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

spaceboy www.anakedview.com Commentatore certificato 07.06.10 01:56| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio di calare la maschera e vedere le cose come stanno. Come il buon Benetazzo ha capito (anche se spesso e' equivoco) lo stato di welfare ha fallito. Ha fallito perche' l'uomo e' uomo, cioe' corruttibile. Ha fallito perche' l'uomo agisce per muoversi verso una condizione di vita migliore. Ha fallito perche' e' una utopia, come il comunismo. Pensare di "imporre" la solidarieta' sociale attraverso un'azione coercitiva (tasse) e' tanto stupido quanto pericoloso. Il progetto, durato solo praticamente due generazioni, e' arrivato al capolinea. L'economia non si inventa con la politica. Se non c'e' produzione, non c'e' ricchezza. Altro che PIL. I nostri nonni e genitori avevano produzioni, noi abbiamo debiti basati sull'assunto idiota che i consumi guidano la produzione. Ecco qua il patatrac di un esperimento, quello del XX secolo, sbagliato nei presupposti. Il lavoro non e' un diritto, tantomeno le pensioni, e tantomeno lo stato (ossia un gruppo di uomini e non di alieni)puo' intercettare, intepretare e risolvere i problemi delle singole persone. E ricordiamoci per cortesia che lo Stato non siamo noi. Lo stato e' un gruppo di uomini che deceie arbitrariamente sulle teste di altri uomini in base ad un'idea precisa e sbagliata: la maggioranza ha sempre ragione. Finiamola con la bella novella della superiorita' morale dell'uomo di Stato. E' dal tempo dei Greci che ancora si deve trovare un uomo di Stato al servizio dei cittadini. La solidarieta' non puo' essere imposta, altrimenti non e' solidarieta' e genera individualismo sfrenato, nell'idea che ci debba essere sempre qualcun'altro (lo Stato) a pensarci per noi. E la colpa, si' e' dai nostri padri. Che come lo Stato, se ne sono fottuti del futuro, e hanno solo voluto una vita migliore per loro stessi e i loro figli. Ora paghimao tutti il conto.

Paolo Martini 07.06.10 00:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me in questo post ci sono scritte un bel po' di fesserie!

Chi oggi percepisce una pensione non l'ha mica rubata. Se l'è conquistata con il lavoro e con le lotte, soprattutto con le lotte.

La mia generazione non percepirà una pensione non per la meschinità di chi oggi è vecchio ma per l'avidità di una classe imprenditoriale e di uno stato che non ha più alcun interesse a garantire una vita decente a chi lavora e non vive di rendita come loro.

Il nostro problema non sono i vecchi ma la scarsa capacità di lottare come fecero loro (oltre che la mancanza di prospettive).

Il nostro problema cominciate anche a essere voi, col vostro qualunquismo, che ci porterà verso una guerra tra poveri e favorirà il sistema.

Punco X 06.06.10 23:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
BENETAZZO HA CAPITO TUTTO, GRANDE BENETAZZO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 06.06.10 23:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori