Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Eritrei al macello


rifugiato.jpg
L'Italia respinge i rifugiati politici eritrei e li consegna ai loro carnefici. Gli eritrei sono il popolo africano che più ha amato gli italiani. Si meritano la giusta punizione.
""Il 29 giugno sono arrivati funzionari hanno chiesto le nostre generalità per comunicarle all'ambasciata Eritrea. Ci siamo rifiutati. Il regime di Asmara si sarebbe vendicato sulle nostre famiglie. Il presidente Isayas Afeworki è implacabile e non tollera il dissenso. Così i libici ci hanno accusato di insubordinazione e ribellione. I militari sono arrivati di notte, ci hanno caricato su camion e portato ad Al Brak un migliaio di chilometri più a sud. Chi ha tentato di fuggire è stato catturato e picchiato a sangue. Siamo stati torturati e picchiati perché ubbidissimo. Inutile l’appello all’Unhcr, l'Alto Commissariato dell'ONU per i Rifugiati: è stato cacciato dalla Libia. Siamo disperati. Se non ubbidiamo ci deportano in Eritrea e per noi vuol dire la morte. Se ubbidiamo saranno i nostri familiari a morire; si vendicheranno su di loro perché noi siamo scappati." Ecco, quando il nostro paese respinge i profughi li consegna a questi aguzzini: i quali, d'altronde, sono nostri amici. Non vengono i conati anche a voi?" Lalla M., Arezzo
da metilparaben.it

6 Lug 2010, 18:44 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Mi permetto di suggerire il film documentario "Come un uomo sulla terra" di un rifugiato residente da anni a Roma e di un suo amico regista: non a caso ostacolato nei nostri cinema e reperibile dal sito web omonimo o visibile nei cineforum liberi. Io solitamente rispondo più alle domande della comunità eritrea che a quelle degli italiani, perchè so che sono loro a essere i più perplessi Avendo la fortuna di essere inserita fin da piccola nella comunità sono talmente dentro questa realtà che per me è pane quotidiano, pur essendo italiana. Nessuna fonte di informazione, solitamente in Italia, dà attualmente voce ai diretti interessati, dandogli il rispetto dovuto a chiunque di qualsiasi nazionalità.
Dovendo sostituire con buonsenso la perdità di etica e libertà dei giornalisti italiani e rimpiangendo i nostri grandi giornalisti e reporter morti, vorrei dire a chi volesse informarsi direttamente da loro (con prove, video, foto, filmati o dalle dirette testimonianze) e fare qualcosa di concreto, senza indignarsi, può tranquillamente contattarmi e andarli o venirci a trovare sulla zona di roma rieti milano e in giro per l'Italia e Europa.
Grazie Francesca

Francesca Brandi 12.07.10 14:28| 
 |
Rispondi al commento

eh si, magari tutti i popoli del mondo fossero come noi, altro che eritrei e compagnia bella, mica come quelli che buttano i bambini nell'acido, che nascondono le verità sugli aerei caduti, o che causano una strage in una stazione ferroviaria, o che si fanno due risate se c'è un terremoto che provoca 300 morti, o che nelle cliniche ti operano senza motivo, o che ci mettono 10 anni per fare un processo, o che vogliono fare un ponte impossibile e al sud si muore anche per un'appendicite, scherzi? piuttosto vado a vivere in una caverna in india, altro che eritrei! mica come qui, tutte tette e culi, le notizie sono sempre belle, un premier che sorride sempre perchè lui si che ce l'ha duro, ma che orgoglio l'italia, speriamo che tutti diventino come noi!

roberta rossi 09.07.10 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Amici Libici?
Ma quali amici e amici, noi li paghiamo per darci una mano a contenere l'immigrazione clandestina.
Il problema è che e stata data carta bianca a Gheddafi. Potrebbero pure fucilarli tutti che il nostro governo plaudirebbe e troverebbe altre tette e culi di cui sfamarci.
coltivano l'ignoranza perchè un popolo ignorante è governabile a piacimento.

Marco D. P. 09.07.10 00:27| 
 |
Rispondi al commento

Oltre a tali amene divagazioni africane vorre aggiungere un altro crimine a loro carico, quello della procreazione irresponsabile. Secondo me il razzismo e la esterofilia possono essere raggruppate il quello che chiamano comportamento isterico.

Paolina R., Roma Commentatore certificato 08.07.10 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Voi difensori della logica e degli eritrei siete sicuri di conoscerli? Sieti sicuri che sono esenti di certe abitudini tribali? Strano che certi fatti riportati dalla stampa e descritti dagli antropologhi non destino nei campioni del buonismo italiano alcuna reazione. Per me il problema esiste e non vorrei che la mia parte di tasse pagate vada a sostegno delle popolazioni tribali incriminate.

Paolina R., Roma Commentatore certificato 08.07.10 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Paolina, si grazie, per quella perla di saggezza. non aspetto altro che un tuo messaggio di risposta tipo "dai! era uno scherzo! non avete capito!"

roberta rossi 08.07.10 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Egregia Paolina Rossi ma che bella testolina e che profonda cultura sfoggia! Quello da Lei detto equivale a: "Non conosco gli Italiani ma i Norvegesi mi stanno su i cog_ioni e allora come posso amare gli europei?" E' una "loggica" che farebbe impallidire Aristotele per la sua ferrea consequenzialità!
...bonta' di Dio...

Raffaele T., Ferrara Commentatore certificato 08.07.10 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Non conosco gli eritrei, ma so che in Africa bambini che hanno avuto la colpa di essere gemelli o di essere nati con un difetto fisico o portatori di una altro banale segno vengono abbandonati dientro un cespuglio e lasciati morire per pura superstizione. Guarda caso le spese di queste superstizioni le pagano, come sempre, gli elementi meno difesi. Se queste abitudini sono significativamente diffuse nel continente africano, come posso interessarmi alla sorte delle quelle popolazioni?

Paolina Rossi 07.07.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento

la colpa è degli elettori italiani che delegano questi quattro criminali da strapazzo che stanno in parlamento!!!!!!!!!!!!!!!
MERDAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!

Paolo R., Padova Commentatore certificato 07.07.10 14:34| 
 |
Rispondi al commento

"cattolici" di merd@! voi che andate in chiesa e poi votate LEGA!
sarebbe questo il vostro amore per il prossimo!??
vergognatevi!!
ma voi avete la "coscienza" a posto:
tanto il TG1 vi racconta la favola di Alice nel paese delle meraviglie.
Ma i conti si fanno sempre alla fine.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 07.07.10 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la colpa è di gheddafi mica dello psiconano e di pesce lesso-maroni che diamine..
povera gente me li sento io sulla coscienza x questo governo infame

Vincenzo Russo, Terni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.07.10 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma in Eritrea non c'é la tanto decantata qui in occidente "religione di pace"?
Non c'é mica l'Islam a irrorare pace agli eritrei?

Marco Bi 07.07.10 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poco da dire sull'Eritrea e Somalia. Sono ex colonie italiane che passate dopo il 45 alla Gran Bretagna sono state di seguito abbandonate nella loro povertà & miseria. L'italia aveva fatto strade, ponti ospedali e tutto filafa liscio, la guerra ha sconvolto tutto. Lasciati al loro destino e nessuno interviene. A chi interessa la Sabbia ??? Magari ci fosse un briciolino di petrolio, la cosa sarebbe diversa.
La Libia è diversa. Il colonnello non è uno stupido Scuola militare di Modena. Rivoluzione anno 69 cacciando Re IDRIS che non faceva nulla per il suo popolo. Gestione Gheddafi
5 Kg di riso al mese a famiglia
5 kg di zucchero al mese
spese di elettricità e gas e affitti ZERO
Benzina 40 piastre al litro circa 25 C. di Euro
Mare bellissimno come quello della Sardegna, polizia che controlla tutto, ma i turisti sono ben accetti.
Da desrto in 3 anni ha portato l'acqua a Tripoli
che ancora adesso assomiglia alle nostre città del sud.
Cosa volete di più ??

marco napolitano 07.07.10 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Conosco l'Eritrea.
Ci sono stato.
Se la situazione puo' sembrare disperata per i profughi eritrei, per chi è rimasto giù è ancora peggio.
La libertà di opinione e di stampa è pura utopia. Dall'anno 1993 anno di indipendenza eritrea sto bel soggetto che risponde al nome di Isaias Afewerki utilizza il proprio paese alla stregua di una cosa propria, costringendolo di fatto ad un perenne stato di polizia e/o di guerra , contro l'Etiopia o Gibuti. Più di un giornalista che ha cercato di dare una voce all'opposizione, è sparito nel nulla. Io ho conosciuto una madre di uno di loro, gli occhi di quella donna li ho ancora ben impressi nella mente. E ho ancora in mente le parole di quel ragazzo di vent'anni incontrato in un bellissimo bar in stile anni trenta in una via del centro di Asmara (p.s. città MERAVIGLIOSA)in cui si capiva chiaramente dalle poche parole dette (e non possono fare altrimenti, la paura di essere traditi da qualcuno è sempre presente)la volontà di non poter più sopportare la dittatura.
Così come conosco molto bene profughi eritrei scappati in Italia; mi hanno raccontato la loro storia, la lora traversata nel deserto del Sudan e della Libia sopra un strabordante Range Rover, con persone che di tanto in tanto cadevano dalla jeep in mezzo al deserto, venendo abbandonati a loro stessi. Nel post si dice, gli eritrei ci vogliono bene. Io posso confermarlo. Gli asmarini, seppur siano stati oppressi negli 30/40 dal regime fascista e quindi da noi Italiani, nonostante tutto questo, tra noi e loro si è creato un legame molto forte e nelle parole degli anziani si avverte ancora il rispetto per tutto quanto è Italia. Cosa che si è concretizzata in sito come la meravigliosa ferrovia tra Asmara e Massaua, oltre 2000 metri di dislivello, prodigio di ingegneria e di fatica italiana ed eritrea, o la bellissima Cattedrale Cattolica realizzata negli anni Venti in stile romanico-lombardo.
AIUTIAMO L'ERITREA!

giuliano b., mondovì Commentatore certificato 07.07.10 09:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ora che dei comportamenti libici ne debba rispondere l'italia mi sembra assolutamente paradossale. Ad ogni problema ci sono diverse soluzioni.
Se in eritrea c'e' un regime poco democratica (l'africa ha questa tendenza) si potrebbe rovesciare ci possono essere parecchie convenienze anche in italia....
Che porebbe aiutare la (resistenza / rivolta / o chiamatela come volete voi). Direi che coloro che pensano a scappare sono abbastanza egoisti perche' possono mettere in difficolta' le loro famiglie. Li armiamo gli forniamo dei tutoraggi (non da parte nostra altrimenti li facciamo macellare...) israeliani / americani e con qualche piccolo aiuto si rovescia l'attuale governo. Poi con dei programmi di scambi possiamo fornire scuole, strade, infrastrutture e tecniche agricole ecc. ecc. draghettandoli nel xxi secolo (debito pubblico compreso....
La verita' non mia ma detta da persone che cononosco che vivevano in eritrea (sia italiani che eritrei) e che quando c'erano gli italiani si stava molto meglio perche' c'era ordine, lavoro, ed anche una giustizia piu' equa (considerando i tempi e la dittattura fascista che comunque era un totalitarismo all'italiana). Gli unici episodi poco belli in quei territori che ci hanno visti protagonisti c'erano stati durante la guerra di occupazione (ma a quell'epoca americani in primis tutti gli eserciti hanno usato arme chimiche et similia per stabilire vittorie piu' veloci e con meno perdite).
L'idea a parecchi frequentatori del blog apparira' folle ma io penso che tutti i regimi totalitari vadano abbattuti (libia inclusa) anche se hanno portato a volte come nel caso dell'italia molti benefici.
Saluti

salvatore cerone 07.07.10 07:47| 
 |
Rispondi al commento

Che vengano i conati é il minimo per le persone che hanno un po di buon senso...
La veritá é che prima di fare la guerra a Saddam, bisognava farla a Gheddafi e ai signori della guerra che da qualche decennio insanguina la Somalia, l'Eritrea e altri paesi Africani.
Tutte le istituzioni internazionali e non, indistintamente hanno delle colpe .....

Salvatore Z., Essen Commentatore certificato 07.07.10 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Onore agli Ascari!
I Longobard non possono avere una memoria né una responsabilità storica.
Noi abbiamo un debito di sangue con i nipoti dei nostri Ascari che combatterono a fianco delle truppe "imperiali" italiane contro l'impero etiope e accettarono di farsi tagliare mani e piedi quando venivano fatti prigionieri perchè considerati sudditi ribelli.
Ora l'Italia matrigna respinge i loro nipoti (molti dei quali anche di sangue italiano oltre che cittadini italiani per ius soli perchè discendenti dei sudditi dell'Impero di Abissinia e li consegniamo al compare macellaio libico.
Facciamo di tutto per salvarli!
Schifato Italiano

leonardo caraboni 06.07.10 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Cosa ci si poteva aspettare da una dittaura con a capo un pazzo megalomane amico intimo di uno psicopatico grave con il morto nelle mutande che si fa spacciare per toro da monta dalle sue tv di merda?

Renzo Coscia 06.07.10 22:49| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
CI SAPPIAMO BEN DISTINGUERE ANCHE CON GLI ERITREI,SEMPRE DALLA PARTE DEI CARNEFICI,NATURALMENTE!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 06.07.10 21:51| 
 |
Rispondi al commento

che schifosi bastardi! quelli dell'ONU e tutte le organizzazioni per la pace nel mondo che non fanno niente per salvare la gente onesta... ma vanno armati solo dove c'é petrolio... "l'importante non é vincere una guerra ma farla durare il più a lungo possibile"

Jonathan B., novara Commentatore certificato 06.07.10 21:19| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori