Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il massacro dei delfini balena delle Far Oer

  • 43


Far_Oer_massacro_delfini.jpg
Nella foto: cuccioli di delfino globicefalo estratti dal corpo delle madri e lasciati marcire.

In passato il blog inviò 70.000 mail alla Regina di Danimarca per fermare il massacro dei delfini globicefali. Evidentemente non sono state sufficienti, quest'anno inviamone il doppio. Invia una mail.
"Caro Beppe, anche quest'anno, precisamente il 19 Giugno, nella città di Klaksvik nelle Isole Fær Øer c'è stato un massacro di 263 delfini globicefali spingendoli verso una baia e togliendo loro a coltellate il midollo spinale oppure tirando loro coltellate fino a quasi decapitarli. La cosa che mi fa più arrabbiare è la risposta del governo che ha detto che la morte di questi cetacei "è stata rapida ed indolore": non voglio aggiungere altro su questo, chiunque si può fare un'idea con le foto che l'equipaggio di Sea Shepherd è riuscito a fare che tutti possono vedere a questo link. I delfini sono “strettamente protetti” per la Convenzione sulla Conservazione della Vita Selvatica e dell'Ambiente Naturale in Europa. Permettendo che il massacro continui nelle Fær Øer, la Danimarca non sta rispettando i propri obblighi quale nazione firmataria della convenzione. Sono questi i popoli del nord Europa cosiddetti civili a cui noi Italiani tanto guardiamo con invidia? Come si può permettere una barbarie del genere in un paese europeo? Ringrazio pubblicamente Sea Shepherd per il suo impegno." Alessandro I.

23 Lug 2010, 19:21 | Scrivi | Commenti (43) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

  • 43


Tags: Alessandro I., commento, Danimarca, delfini globicefali, Isole Fær Øer, Klaksvik, Sea Shepherd

Commenti

 

Appello a tutte le persone che hanno una coscienza: volete contribuire a cancellare le nuove Auschwitz degli animali da allevamento intensivo e la caccia? DIVENTANTE VEGANI. Grazie x l'attenzione.

Silvia Camparini 17.08.11 12:17| 
 |
Rispondi al commento

ricevo oggi la lettera in risposta alla mia denuncia inviata il 7-9-10, direttamente da Frida Johannessen, Cancelliere per Mission of the Faroes to the EU, la quale mi dice di vedere www.whaling.fo x info sull'argomento, e che le balene vengono cacciate x sostentamento.
Nel sito esce che mediamente ne prendono 950 all'anno (non 230 come segnalava qualcuno).
Alla luce di quanto ho letto nei vs utili post, mi trovo un pò in difficoltà, soprattutto x via dell'esempio di economia sostenibile ( post di Marco Prampolini). Comunque scriverei quanto segue, ma prima aspetto vs contributi via mail a sandrimax@alice.it.
(in inglese chiaramente)
"GENTILE CANCELLIERE, SONO ONORATO CHE MI ABBIA SCRITTO, CIO' DIMOSTRA SENSO CIVICO. PER CONTRO LE ALLEGO UN PO' DI MATERIALE PRESO DA RIVISTE E FORUM NAZIONALI OVE SI EVINCE CHE LE ISOLE FAR OER HANNO UNA FAMA PESSIMA PER VIA DI QUESTA TRADIZIONE.
L'ITALIA E' FAMOSA NEL MONDO PER TANTE COSE BUONE, MA QUELLE CATTIVE OFFUSCANO L'IMMAGINE. PARLO DI MAFIA E DI UN GOVERNO CORROTTO, CHE RUBA E NON FA IL SUO DOVERE.
QUESTA FAMA RICADE SU TUTTI GLI ITALIANI AGLI OCCHI DEL MONDO, ANCHE SU QUELLI PURI.
UNA FORMA DI APPROVVIGIONAMENTO COSì SPETTACOLARE E VIOLENTA E’ UN’OFFESA AL REGNO ANIMALE E NON è PER NIENTE UMANO.
IO CREDO CHE SE I FERINGI SI PROCURASSERO LE CARNI IN MANIERA NON CRUENTA, LA DANIMARCA TUTTA NON VERREBBE PIU' ETICHETTATA COME UNA NAZIONE DI MATTATORI DI SPECIE PROTETTE..
SE SIETE UN POPOLO CIVILE, TOGLIETEVI QUESTA MACCHIA.
DA ANNI VE LO CHIEDONO ANCHE ISTITUZIONI COME WWF E GREENPEACE.”

massimiliano sandri 25.09.10 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono bestie chi è capace di fare un tale massacro

Dina B. Commentatore certificato 16.09.10 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo che questa è una strage vergognosa e orribile e vorrei tanto che quelli che uccidono questi poveri delfini facessero la loro stessa fine. Però bisogna andare fino in fondo e non essere superficiali, nel senso che è necessario specificare che le Isole Faer Oer sono autonome e indipendenti dalla Danimarca, quindi che c'entrano i danesi? Piuttosto prendiamocela con i faeroensi e il loro governo. Altrimenti si rischia di fare disinformazione e non si arriva a nulla. Cavolo lo dice anche wikipedia che sono indipendenti e autonome dalla Danimarca dal 1948 e hanno il controllo totale sulle questioni di politica interna. Solo la difesa e gli affari esteri sono in mano alla Danimarca.
In merito a questo argomento, oltre a invitare a leggere il blog di Paolo Attivissimo il quale molti di voi hanno giustamente citato, vi invito a leggere anche questa pagina che è in danese ma, se non conoscete la lingua, traducete la pagina dal danese all'italiano con google translate, si capirà benissimo. Ecco il link: http://www.bt.dk/danmark/skam-over-danmark
Detto questo non è che io voglia coprire il culo alla Danimarca. Sì ammetto che amo molto la Danimarca e tutti i paesi del Nord Europa e confermo che sono veramente CIVILI dato che ci sono stato molte volte, ma questo non mi ha influito per niente perchè credo di aver detto semplicemente le cose come stanno.
Quindi per cortesia prendiamocela con i faeroensi e no con i danesi che non hanno nulla a che fare con questa orribile storia.

Attilio Di Domenico 18.08.10 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Curioso come già che ci si è, non ci si metta anche a difendere le mutilazioni genitali femminili o il cannibalismo. Tanto sono tradizioni, no?

Sento delle discussioni atroci su questo tema che pure è così ovvio.

Quelli che dicono: 'eh, ma allora i mattatoi? Non sono peggio?'

Risposta: forse, ma almeno quella carne lì si mangia e gli animali sono allevati per questo. QUI NO: oramai l'inquinamento sconsiglia di mangiare quella carne più di una-due volte al mese, quindi NON E' PIU' un fatto alimentare o economico.

Quelli che dicono, come Coglionissimo nel suo blog, che è un 'modo rapido e indolore per uccidere questi cetacei'

Risposta: a parte che è un metodo orrendo e che la forma NON E' meno importante della sostanza in certe cose. A parte questo, nei mattatoi si usa una pistola da macellaio e quella funziona bene. Qui è come sgozzare una persona anziché spararle in tempia: ma io dico, se proprio dovessero ammazzare queste bestie, ma allora PERCHE' NON USANO FUCILI? Volete mettere la rapidità di un colpo al cervello? E con meno sangue, perché IL SANGUE SCORRE DA ANIMALI VIVI. Quindi non è affatto vero che è un modo veloce di ucciderli.

Quanto a Coglionissimo, dimentica che su wikipedia è ben rimarcato (sia quella it. che en.) che la cosa E' ANCHE UN FENOMENO SOCIALE. E per le ragioni di cui sopra, non potrebbe essere altro.

Infine, per quelli che dicono 'eh, ma è un territorio autonomo'

Risposta: sì, ma è anche danese. Se le isole Farhoer venissero colpite da un cataclisma, la Marina danese accorrerebbe in un batter d'occhio. Cosa c'é? Devono accorrere quando l'indipendente arcipelago è in crisi, e non possono vietare questo massacro?

Infine-ultimo: le specie protette sono tali, e non ad opinione di chi le caccia: anche se noi italiani dovremmo stare zitti perché le SPADARE continuano ad essere usate e ammazzano 10.000 cetacei l'anno. Ma LE FEMMINE INCINTE E COI CUCCIOLI non sono cacciabili. Punto. Altrimenti sparisce la specie.

s.m. 05.08.10 16:08| 
 |
Rispondi al commento

MI RIFERISCO A QUEI PERSONAGGI PER CUI QUESTA PARE SIA UNA PRATICA "NORMALE"....rituali...perso il valore ....ma chi sei tu????????? uccidere animali per i rituali che senso ha??!!! e se esistessero rituali dove si devono prendere a bastonate persone come te, che ne dici????? non siamo umani...siamo schifosi assassini e quello che lascia senza parole, è leggere commenti come i vostri....muoiono bambini, anziani, donne violentate e adolescenti a cui si toglie ogni dignità e si lotta per questo...perchè per gli animali no???????? PERCHE'???????????? ti farei provare un paio di giorni legato ad un albero o ad un palo senza cibo ne acqua...poi cercami e dimmi le tue impressioni...se sopravvivi. Francesca

francesca balsamo 30.07.10 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Ma che "razza" di esseri siamo??

Elina Rocco 29.07.10 02:14| 
 |
Rispondi al commento

Che dire, "BRAVI" proprio "BRAVI", e se ne vantano pure

galletta stefano 28.07.10 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Sono il nostromo dell'equipaggio italiano di terra di Sea Shepherd. Un grosso ringraziamento per la segnalazione del nostro articolo, perché è uno dei tantissimi casi in cui qualcuno ci sta rubando un bene che è di tutti.
Come mille altre battaglie per difendere quello che viene sottratto in maniera fraudolenta, anche noi cerchiamo di salvaguardare le cose di cui veniamo a conoscenza.
La guerra per la salvaguardia del pianeta è ardua, e fa sempre piacere incontrare degli alleati.
Per gli oceani!
Il nostromo


CIAO BEPPE
IL MIO APPELLO E' SOLO UNO FERMIAMO QUESTO MASSACRO!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 25.07.10 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Io sono milioni di anni che aiuto Sea Shepherd. Consiglio il libro scritto dal capitano: Earthforce! http://bit.ly/bRL2ay

Mauro Mazzerioli, Melbourne Commentatore certificato 25.07.10 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Che massacro,che angoscia non poter far niente,come essere umano mi vergogno,ma quanto siamo cattivi e crudeli?Ma è angosciante anche leggere commenti che giustificano certe violenze. Che vergogna!

giorgia T. 25.07.10 11:42| 
 |
Rispondi al commento

ho ascoltato in un intervista una persona di buon senso parlare della tradizionale pesca ad un esemplare di pesce nelle coste canadesi.

quest'attività costituiva il principale sostegno economico degli abitanti della costa...

sicchè dop aver depredato il mare di qeull'esemplare, no ne restò più uno...

le tradizioni, l'economia, e quant'altro.... non possono competere con il BUON SENSO.

La saggezza dice che se stermini qualcosa di utile resterà il niente...

in periodo di riproduzione non si attuano iniziative di pesca intensiva...

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 24.07.10 23:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per una volta dissento da BEPPE

1) per quanto sanguinario e apparentemente incivile quello è un RITUALE (concetto di cui noi continentali abbiamo smarrito il significato e soprattutto il valore) che fa parte della storia e della cultura di un popolo.
potrei citare la corrida tanto per fare un paragone altrettanto cruento.

2) prima di poter dire qualcosa ai FAROESI, sarebbe doveroso porre fine ad agonie ben più criminali e atroci e prolungate di quelle dei pur poveri cetacei. per esempio quelle che propiniamo ai NOSTRI ANIMALI...tipo ai bovini che vivono in un metro per 2 per tutta la durata delle loro esistenze trascorse all'interno di celle negli "allevamenti" lager da cui escono poi le tanto gustose bistecche di cui la nostra crassa e opulenta (in)civiltà si nutre.

sia chiaro che non sto difendendo la caccia ai cetacei e detesto la violenza contro gli animali.

al contrario la violenza che gli umani esercitano l'un contro l'altro mi lascia oramai del tutto indifferente, tanto considero parassita e nociva la specie a cui appartengo (e di cui auspico una molto prossima estinzione).

davide lak (davlak) Commentatore certificato 24.07.10 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Finché ci sarà questa incivile violazione delle leggi europee non acquisteremo prodotti danesi. A Roma e provincia ci sono negozi specificatamente danesi, ignoriamoli.

sandro petrini 24.07.10 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Prima di fare disinformazione come al solito, avete letto questo articolo???
http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/i-danesi-ammazzano-i-delfini.html

Nic b 24.07.10 18:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

State facendo confusione e disinformazione.
Mi duole che un Movimento vicino al tema della Decrescita si faccia ammorbare da isterismi animalisti.
1) Le Balene Pilota sono una specie che non corre nessun rischio di estinzione come confermato dallo IUCN.
2) La Regina di Danimarca non c'entra niente. Le Faer Oer sono ampiamente autonome e non fanno parte della UE anche se nominalmente sono sotto la Corona danese.
3) La balena pilota incide per il 25% sul totale del pescato delle isole. Sono una fonte primaria di sostentamento
4) La morte dell'animale avviene con tempi non dissimili dall'uccisione di un bovino o di un suino.
5) La pesca del delfino pilota è a Km0. Forse non ve ne siete accorti. Togliere quella pesca significa attaccare al cuore uno dei pochi popoli che ha un'economia sostenibile, locale e a bassissimo impatto ambientale e li costringerebbe a importare alimenti (e non solo, visto che la balena pilota è utilizzata in ogni sua parte).
Incorporandoli nel sistema globale fatto di fast food e altre idiozie.

Credo che sia ora di mollare l'animalismo se si vuole parlare di sostenibilità.

Marco Prampolini 24.07.10 15:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe bello se quei delfini all'improvviso si trasformassero in squali bianchi

stefano crocca 24.07.10 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Per favore non portate come link che spiegano le cose i siti di Paolo Attivissimo (attivissimo.blogspot.com o altri) perche' alcune cose che scrivono sono vere, altre servono per nascondere le vere verita'....

paolo marmiroli 24.07.10 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Non è questione di quante e-mail di protesta giungeranno presso la Corte Danese:alla Regina, non importa nulla, di questa faccenda e lo ha chiaramente dimostrato , nei fatti. Così anche per quanto riguarda il "benemerito" governo danese.
Mi piacerebbe vedere questa gente, insensibile, al posto di quei delfini...Ciao.

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 24.07.10 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Mah... in questi casi è sempre difficile un commento... lasciarsi trascinare dalla superficiale violenza è assurdo e sicuramente un errore!
Ci vorrebbe qualcuno che abbia abitato lì 10 anni minimo per dire realmente cosa succede.
Ok, ammettiamo che siano dei "trogloditi" per il modo... ma come scirveva uno sul blog del link: quanti, mangiando carne, vanno ogni 2-3 mesi nei mattatoi a vedere che tutto si svolga con una "punturina indolore" verso i nostri bovini?
E' un discorso sempre ampio... uno che uccide un animale per "sentirsi superiore" e poi, per umiliarlo, ne offenda le carni è un conto....
Un popolo che, benchè "rozzo" in questo senso, uccida gli animali per rito (non credo esista un modo definibile "non violento"... magari meno "spettacolare") e poi se ne nutra che piaccia o meno credo rientri nel ciclo naturale delle cose

michele s. Commentatore certificato 24.07.10 00:43| 
 |
Rispondi al commento

Cultura e tradizioni??? Sono solo dei maledetti stronzi incapaci di rispetto. Nessun fine giustifica questa violenza e questa mancanza di rispetto per queste creature.

sarah g., olgiate olona Commentatore certificato 23.07.10 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Quello che poi è da gran bastardi è che questi
cetacei sono mansueti e giocherelloni.
Giocano con l'uomo ad ogni occasione,tenendo conto
che con un morso potrebbero uccidere.
Le stesse considerazioni valgono anche x le balene,
anche se 1 di queste ha affondato un'imbarcazione
(evidentemente ci sono le puttane anche tra di loro)

basilio grabotti 23.07.10 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA REGINA DI DANIMARCA CI FA BEN POCO.

LE FAR OER SONO UNA REGIONE AUTONOMA DEL REGNO DI DANIMARCA ED HANNO UNA PROPRIA GESTIONE POLITICA INTERNA.

Paolo http://www.informarmy.com

paolo marmiroli 23.07.10 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Ma lo vogliamo capire che è una MEZZA bufala? Le uccisioni sono vere ma:

1) La Danimarca non c'entra niente! Sono isole che si autogovernano. Forse Beppe è per quello che la Danimarca non ha rispost? Continuano ad incolpare quel paese per questa mattanza solo perché nessuno sa consultare una cartina geografica.

2) Quelli che vedete sono gli UNICI esemplari uccisi in un anno. 200 esemplari in un anno! E la loro caccia! Non lo fanno per sport! MAngiano ed usano i prodotti derivanti per la loro economia!

Pensateci la prossima volta che andare a mangiarvi un BigMac, a cosa ha passato la Mucca.

E magari informatevi:
http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/i-danesi-ammazzano-i-delfini.html

Andrea Aleardi 23.07.10 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se è un mondo migliore che vogliamo le basi sono la capacità di empatia con la sofferenza di qualsiasi altro essere vivente e di indignarci per ogni violenza.

Ho conosciuto persone amare più gli animali che gli uomini, e non penso sia giusto ma mai nessuno che amasse gli uomini e odiasse gli animali. E questo dovrebbe far riflettere.

luca A. 23.07.10 20:25| 
 |
Rispondi al commento

"Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana".
(Albert Einstein)

"Verrà il tempo in cui l'uomo non dovrà più uccidere per mangiare, ed anche l'uccisione di un solo animale sarà considerato un grave delitto..."
(Leonardo da Vinci)

"La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini".
Publio Ovidio Nasone (43 a.c.-17/18 d.c.)

Noi tutti permettiamo in qualche modo il massacro di questi come di tutti gli altri animali, continuando a mangiare in modo indiscriminato carne e derivati, o acquistando prodotti che derivano dall'uccisione degli stessi, semplicemente perché li troviamo sul bancone o in negozio (per non parlare dello "sport" della caccia ecc.). E' vero che una legislatura dall'alto può fare molto, ma è anche vero che viene dato alle persone e al "mercato" quello che chiedono... Se portassimo maggiore COSCIENZA nei nostri acquisti e nelle nostre scelte, prima o poi la situazione globale cambierebbe... perché la volontà di tante persone unite nell'amore intelligenze - in funzione di un benessere globale - è una forza incredibile.

Camilla Ripani (ripcam) Commentatore certificato 23.07.10 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me, prima di giudicare, bisogna sempre conoscere la cultura e le tradizioni di un popolo... Conoscete le Fær Øer, vi rendete conto di cosa significhe vivere in un piccolissimo arcipelago battutto dai venti, con poche centinaia di abitanti, dove si parla una lingua più che minoritaria, dove i giovani appena possono scappano, dove si vive sei mesi di notte e negli altri sei mesi generalmente piove?
Molto spesso questi popoli mantengono alcune tradizioni antichissime, che noi giudichiamo "barbare" ma che spesso sono le uniche che riescono a mantenere i caratteri di una cultura che si è scontrata per secoli con la ferocia della natura...
Capisco che per noi oggi questo sembra inaccettabile, ma in certi luoghi alcune tradizioni possono essere considerate come una rivincita dell'uomo sulla natura matrigna, un sentirsi forti e uniti davanti ad un oceano che dona vita ma allo stesso tempo può condurre alla morte... Credo che non dovremmo prendercela con poche centinaia di Feringi per la scomparsa dei cetacei... prendiamocela con le multinazionali che inquinano e i cui capi vivono al sole dei caraibi.

Giovanna Salvucci 23.07.10 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si ok bell'articolo, ma:

1 a cosa servono queste uccisioni?
2 cosa cambia a un delfino se la morte è comunque dietro l'angolo? o mi vorrai far credere che provi sgomento per una morte lenta anzichè una veloce?

3 poveri delfini....poche parole, ma da un cittadino vicino alle località di mare, hanno un peso maggiore...
ci faccio il bagno con i pesciolini...delfini non ce ne stanno dalle mie parti o cmq non si avvicinano alla costa, ma il fatto che siano totalmente innoqui fà riflettere su ciò che sia l uomo.

cmq grillo o blog, avrei intenzione di spedirvi un articolo abbastanza serio.....dite che me lo leggerete????? i hope...entro la settimana prox pubblico

Dario Giannuzzi 23.07.10 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Perchè? Perchè l'uomo è cosi crudele? Sono esseri indifesi,inermi...ASSASSINI, possiate ricevere lo stesso trattamento !

Stefania. M. Commentatore certificato 23.07.10 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Grazie di cuore Beppe

Alessandro I. Commentatore certificato 23.07.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori