Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il mistero dei capannoni fantasma


capannoni_industriali.jpg
Se si costruiscono capannoni industriali ovunque qualcuno deve per forza guadagnarci, nessuno sa però chi sia. In compenso chi perde è l'ambiente trasformato in un immensa periferia da Trieste a Sanremo.
"Viaggio per motivi di lavoro sovente sulle autostrade del Nord Italia e ogni anno vedo crescere nuovi capannoni industriali. Ormai sono parte dell'architettura delle autostrade. Quello che mi stupisce è che sono spesso vuoti, o in affitto o in vendita. Ecco, ho una domanda senza risposta. Se rimangono vuoti perché li costruiscono?" Arturo B, Asti

29 Lug 2010, 23:55 | Scrivi | Commenti (28) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Certo che ne avete di fantasia eh? mamma mia, é semplicemente incredibile.
Pero' poi tutti a criticare se i dati sullo sviluppo non sono buoni, se le società non danno risultati, e non danno dividendi, e non danno guadagni, e licenziano ...
Ma sarete capaci (non chi scrive, ma chi gestisce questo sito ed il relativo movimento) a fare proposte PRO e non solo CONTRO?? a cercare soluzioni e non solo criticare, distruggere, denunciare, fare delazione? é semplice trovare difetti, errori, sollevare dubbi ed essere pretestuosi e tendenziosi. Molto più difficile é FARE! proporre soluzioni realizzabili, socialmente interessanti, che vengano accettate dai sindacati ... lavorate, smettetela di masturbarvi mentalmente!

Davide Boccardo 05.08.10 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non e' una legge o leggina che permette la speculazione. E' la corruzione dilagante.

Per una manciata di soldi ed una notte con la escort la giunta regionale passa deroghe al piano regolatore. Il resto e' semplice, una volta che si ha la deroga si chiede il permesso di costruzione e si comincia a costruire... poi inviti il politico sullo yacht e gli dai da fottere e sniffare. Tutto finanziato dalle banche.

Ma li leggete i giornali? In Italia funziona cosi' dal dopoguerra. Chi specula sui terreni deve per forza avere legami politici, altrimenti le varianti al piano chi te le passa?

Solo cosi' puoi comprare terreni agricoli che di colpo diventano di pregio. I cari leghisti queste regole le hanno imparate velocemente.

Vediamo se Fava e il resto degli amici a 5 Stelle riescono a fare qualche cosa almeno nelle loro regioni.

a p 30.07.10 18:45| 
 |
Rispondi al commento

In qualche paese europeo ci sono gia alcuni finanziamenti per la demolizioni dei capannoni ed il recupero delle aree dove questi insistono per l'agricoltura.....
GUARDATE VOI TUTTI, CHE DI TERRENI E' GIA UN PEZZO, QUALCHE ANNO, CHE NON SE NE FANNO, NON SE NE FANNO PIU'...
BASTA CAPANNONI.....TANTO NON SERVONO A NULLA....

PRESTA NOME, firenze Commentatore certificato 30.07.10 17:20| 
 |
Rispondi al commento

GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE GHIGLIOTTINE
ALTRIMENTI NON CAMBIERA' NULLA....LA RIVOLUZIONE FRANCESE HA SISTEMATO I NOBILI. E NOI ALLO STESSO MODO DOBBIAMO SISTEMARE I POLITICANTI.
DOPO TUTTE LE RIVOLUZIONI, PER QUALCHE ANNO SONO STATE FATTE RIFORME E COSE SERIE PER IL POPOLO E PER IL LAVORO.
I FRANCESI OGGI, SARA’ PER LA STORIA CHE HANNO AVUTO …..SI FANNO RISPETTARE DAI POLITICI E DAI SINDACALISTI, SOPRATTUTTO NON SI LASCIANO PRENDERE PER IL C..O ED I POLITICI ED I SINDACALISTI LAVORANO PER LA FRANCIA E PER I FRANCESI E NON PER I SUOCERI, BANCHIERI, MASSONI, LOBBY O PER SE STESSI.
ORA IN ITALIA, BISOGNA SISTEMARE, AL PIU’ PRESTO, E NELLA STESSA MANIERA CHE I FRANCESI SI SONO LIBERATI DEI NOBILI: POLITICI, BANCHIERI, SINDACALISTI, DIRIGENTI PUBBLICI TIPO POGGIOLINI, ECC. ECC. I DIRIGENTI PUBBLICI SONO MIGLIAIA E NON FANNO NULLA…… NON DOBBIAMO PERDERE TEMPO.
QUANDO I NOSTRI POLITICANTI AFFAMANO IL POPOLO PER SALVARE LE BANCHE ED I CITTADINI INVECE PERDONO LE LORO CASE ED I LORO POSTI DI LAVORO, E GLI INDUSTRIALI, SERI, SONO DERISI E PRESI IN GIRO, NON VENGONO PAGATI PER I LAVORI RESI….ED I POLITICI FANNO SOLO GLI SPORCHI GIOCHI DEI BANCHIERI, ANCORA EBREI, E’ GIUNTA L’ORA……LA STORIA CI DARA’ RAGIONE……
WWWW. LE GHIGLIOTTINE, WWWW IL POPOLO FRANCESE, WWWW LA RIVOLUZIONE FASCISTA, WWW LA RIVOLUZIONE CUBANA, WWW LA RIVOLUZIONE RUSSA, WWW LA RIVOLUZIONE CINESE……WWWW TUTTE LE RIVOLUZIONI WWWWW UNICO METODO RIMASTO PER IL CAMBIAMENTO…… PER VEDERE SORGERE IL NUOVO SOLE…


PRESTA NOME, firenze Commentatore certificato 30.07.10 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Mai sentito parlare della c.d. "legge Tremonti" (bis-ter) e degli sgravi sugli investimenti in immobili strumentali da parte delle imprese?

NOn è difficile capire che fatta la legge...beh, il resto lo sapete.
In pratica meno tasse contro capannoni vuoti.

jorge borges 30.07.10 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Lo dico e lo ripeto anche per i leghisti di m.che navigano su questo blog.
Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via...
LEGHISTI INVIDIA LA MIA? NO SOLTANTO NON VOGLIO ESSERE RAPPRESENTATO DA GENTE COME VOI. CHIARO ?
PS:SECADEILGOVERNO PRONTA LATORTA PERFESTEGGIARE

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.07.10 15:15| 
 |
Rispondi al commento

è così anche da me. ci deve essere allora una legge, leggina o simile che permette di speculare.
ma quale sarà?

gaab rius Commentatore certificato 30.07.10 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma guardate spesso le amministrazioni locali,attuano politiche di decentramento per edilizia industriale.
Questo per liberare attività artigianali, commerciali,dal contesto cittadino,(così è stato fatto anche per l'impianti di carburante)l'area poi recuperata viene trasformata in edilizia residenziale.
Non vedo dove sia l'anomalia,poi i nuovi capannoni offrono perfomance strutturali, tali da permettere una polifunzionalità di utilizzo...
Porto un esempio così ci capiamo:....strutturamelmente sono predisposti per l'istallazione di carri-ponte, oppure hanno pavimentazioni in grado di poter sopportare carichi strutturali di attrezzature ecc.oltre ad essere dotati di impianti impianti tecnici.
Chi utilizza vecchie strutture, spesso opera in deroga...un caso sono le rivendite di vernici, notoriamente materiale infiammabile.....
Per cui ritengo opportuno modifiche ai regolamenti edilizi per favorire l'allontanamento di determinate attività dall'abitato, magari dando la possibilità di vendere il bene da trasformare, cosicchè uno possa investire il ricavato, in un nuova struttura per traferire la prorpia attività.

roby f., Livorno Commentatore certificato 30.07.10 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Io invece credo che ci sia un progetto occulto per la distruzione delle terre agricole,il che causerà in futuro la totale dipendenza alimentare degli stati da poche multinazionali! Ed Italia che produce la qualità alimentare fa paura in termini di concorrenza!!

vladina f. Commentatore certificato 30.07.10 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Ho diversi amici amici in Corsica e si sà che loro nelle cose non ci vanno tanto per il sottile... uno dei loro detti é: "Si un matin tu te levais et que ta maison disparaissait... c'est que le pain qu'on t'a livré ne venait pas du boulanger....!" A buon intenditor... come si suol dire...

Valeria M., Francia Commentatore certificato 30.07.10 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo cercando nuovi locali dove trasferire la nostra piccola attività ed in effetti ho notato anche io questo non senso, ho chiesto lumi ad alcuni addetti ai lavori che mi hanno risposto che normalmente è dovuto all'approssimarsi della scadenza della licenza edilizia, pare quindi che costruiscano almeno la struttura proprio per non perderla, poi tengono tutto fermo sino a momenti migliori.
Quello che mi lascia perplesso in tutto ciò è che, nonostante molte aziende chiudano, nonostante per le piccole aziende come noi il costo dell'affitto sia una dell voci di costo principali, i prezzi degli affitti non scendono, non in modo significativo per lo meno.
Mi sa che c'è una parte di gente cui la crisi non fa paura, nel senso ce da "tantissimo" che guadagnavano oggi guadagnano solo "tanto".
E' deprimente constatare che rendite di posizione e speculazioni siano sempre e comunque premianti rispetto al lavoro ed alle idee.

Marco R., GRUGLIASCO Commentatore certificato 30.07.10 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Una soluzione per il debito pubblico potrebbe venire proprio dal cambio d'uso dei terreni.

Lo stato individua come nel resto del mondo le aree per i poligoni industriali e assicura che fuori da questi poligoni NON si costruisce.

Espropria i terreni nelle nuove aree identificate al loro valore di terreni agricoli per non favorire certi proprietari rispetto ad altri limitrofi, effettua la trasformazione ad industriale e li vende a chi ne ha bisogno per la produzione al prezzo maggiorato.

La differenze tra il prezzo del terreno a verde e quello industriale va a ridurre il debito invece che arricchire banche e soliti pochi.

Lo stato compra a 10 e rivende a 30 al costo solo di un po' di carta. Tutti vincono perche' chi compra per produrre paga meno visto che non deve pagar interessi e profitto agli speculatori, e lo stato riduce il debito di 20.

Il vantaggio e' che se lo speculatore non puo' arricchirsi o costruire al di fuori di questi parchi, il verde rimane verde e le bustarelle spariscono

a p 30.07.10 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

!!!!!!!!!!!!!!!

M G 30.07.10 12:09| 
 |
Rispondi al commento

PROPOSTA DI GOGNA MEDIATICA:

OLTRE ALL'OPERAZIONE FIATO SUL COLLO, SPUTTANIAMOLI ECC... ECC...

MANCA UN LINKETTO CON I NOMI DEI FIRMATARI DELLE LEGGI VERGOGNA POSTE A FUTURA MEMORIA!!!

CHI QUOTA????

Uno dei tanti 30.07.10 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con tutti voi.
E premetto che lavoro nell'edilizia.
Settore che ad oggi, come molti altri, è diventato uno schifo.
Chi si arricchisce sono sempre gli stessi a discapito di tutti gli altri e dell'ambiente.
VERGOGNA.
Spero di poter cambiare pure io qualcosa nel mio piccolo.
DavideJT

Davide Tamburini 30.07.10 11:37| 
 |
Rispondi al commento

La risposta e' semplice. L'iter per ottenere permessi di costruzione in Italia e' tortuoso, lungo e spesso richiede bistarelle.

Spesso terreni agricoli ci mettono 5-10 anni per esssere trasfromati nei piani regolatori ed ottenere i permessi, che hanno anche una data di scadenza.

Quindi i proprietari appena ottengono i permessi erigono la struttura esterna anche se non hanno nessuno per occupare il capannone.

Il costo di costruzione della scatola senza impianti, pavimentazione e divisioni interne non e' importante mentre la rivalutazione di 3/4 volte del terreno da verde a industriale va immediatamente a bilancio.

La societa' a questo punto fa cassa prendendo un prestito dalle Banche in base al nuovo valore a bilancio.

Esempio: il terreno e' costato 10, la costruzione costa 10 ma la nuova costruzione con i permessi validi vale teoricamente 50. Quindi la banca mi presta 30 formando un suplus di cassa di 10 che io uso per pagare pagarle gli interessi di 3 all'anno. Se non affitto in 3 anni ma il valore del terreno e' cresciuto chiedo un'altro prestito.

Nel resto del mondo nelle zone previste e' possibile ottenere i permessi di costruzione in maniera certa e veloce. Nelle are non previste NON si ottengono permessi anche senza bustarelle, punto e basta. Questo evita che si costruisca il superfluo, visto che i permessi si possono ottenere appena si ha un utente.

Un altro esempio di come la corruzione come al solito rovina l'ambiente.

a p 30.07.10 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche io continuo a vedere che si costruiscono capannoni in ogni posto, e poi i vecchi capannoni con la crisi che c'è (per alcuni !!) rimangono vuoti, con cartelli affittasi o vendesi, e non capisco chi e perchè si continua a costruire.
La maggior parte delle aziende dalle mie parti chiudono, non c'è lavoro, eppure si continua a costruire capannoni, capannoni a non finire, mah !!!!

Luigi C., Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.07.10 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Credo che i capannoni siano costruiti per farli figurare a bilancio come immobile, e quindi bene della società. Anche se rimangono vuoti, per loro figura sempre in attivo a bilancio.

Come si fa ad evitare che ne costruiscano di nuovi? BASTA TASSARE I CAPANNONI VUOTI.
Se tu hai costruito uno scempio di cemento e non lo stai usando, devi pagare una tassa per aver SPORCATO l'ambiente senza motivo.
Beppe, fallo proporre ai ragazzi del Movimento 5 stelle. E' meglio dell'autovelox per riempire le casse dei comuni.

Barbara B 30.07.10 09:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
ALLO SCEMPIO NON C'E' FINE,AMCHE QUI IN VENETO,SI CONSYTRUISCONO CAPANNONI E CI RIMETTE L'AMBIENTE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 30.07.10 09:30| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione sarebbe molto semplice, bisognerebbe mettere una tassa su tutti i vani non utilizzati. Hai dieci appartamenti sfitti? Dammi €100.000 all'anno. Hai dieci capannoni vuoti? Paga! Se fallisci il bene in tempo zero finisce al comune.
Facendo così ci sarebbe la necessità di affittare/vendere per rendere remunerative le costruzuioni. Ci sarebberoanche degli effetti molto positivi: se sono obbligato ad affittare/vendere o abbasso il prezzo o miglioro l'immobile. Servirebbero meno case popolari, le attività commerciali/artigianali avrebbero meno costi e si aumenterebbero i lavori di restauri e la qualità delle abitazioni italiane. Chi ci perderebbe? Nessuno! E' infatti vero che chi ha delle forti rendite immobiliari in un primo momento rimarrebbe destabilizzato , ma sul medio lungo guadagnerebbe di più grazie a rivalutazioni e valorizzazioni. Si brucerebbe anche meno suolo perchè si costruirebbe solo più quello che è veramenet necessario. Sveglia! Chiediamo una legge che obblighi a non tenere i vani vuoti!

Andrea Franzone 30.07.10 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Magari sono gli stessi che continuano a costruire appartamenti nuovi in concessioni edilizie nuove per poi lasciarli per anni sfitti o invenduti. Bisognerebbe fare in modo che chi ha più propietà si economicamente obbligato a renderle disponibili al mercato.

Davide B., Verona Commentatore certificato 30.07.10 07:01| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro nel settore immobiliare e ti scrivo il mio pensiero. La speculazione edilizia, buona o cattiva, è comunque un'iniziativa privata in un ambito di libero mercato. La semplice soppressione, ce lo
insegna la storia, non è mai costruttiva. Quindi cosa manca per calmierare il fenomeno che giustamente anche tu noti nel nostro paese?
Una classe politica che, anziché speculare a sua volta, non investe nella ricerca, non crea finalmente i presupposti per rendere lo sviluppo edilizio veramente sostenibile e non solo un'occasione per banchettare con i compagni di merende. Ci sono tanti esempi di spreco e sfruttamento bieco del territorio: il delitto del Bosco di Gioia a Milano che ha lasciato il posto Ad un abominevole quanto inutile (per i cittadini) grattacielo della Regione, Expo, oppure i palazzi sfitti e vuoti, I capannoni...
Non bastano quei pochi incentivi sui pannelli solari, serve una mentalità nuova. Se porto nel mio Comune una richiesta per installare un impianto eolico a casa mia per poter salvaguardare l'ambiente e risparmiare ed essere più autonomo dal punto di vista energetico loro...NON SANNO COSA FARE!!!
Non serve quindi puntare il dito sul privato che vuole guadagnare (questo creerebbe una difficile contraddizione con il sistema capitalistico in cui viviamo), bensì avere la possibilità di eleggere le persone che hanno le idee per innovare il modo sviluppare, costruire, valorizzare.

Max Abramo 30.07.10 01:26| 
 |
Rispondi al commento

ehehehe...

si sa...si sa...

^_^

manuela bellandi Commentatore certificato 29.07.10 23:59| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori