Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il virus dei supermercati


la_zuppa_del_supermercato.jpg
Nei paesi c'erano una volta il municipio, la chiesa e la farmacia. Da alcuni anni si è aggiunto il supermercato. Paesi che distano tra loro 2/3 km hanno comunque il loro supermercato, talvolta anche l'iper. I Comuni incassano gli oneri di urbanizzazione, l'ICI e la benedizione delle multinazionali della grande distribuzione. Il prete benedice spesso l'apertura. Le piccole attività di produzione locale: miele, latte, formaggi, carne eccetera falliscono. I piccoli negozi chiudono. A chi serve la distruzione del tessuto sociale delle comunità e delle piccole economie locali? Alla catastrofe con ottimismo.
"E pensare che negli USA la tendenza adesso inizia ad invertirsi, hanno già chiuso più di 200 centri commerciali; c'è troppa concorrenza, le persone prima di acquistare valutano bene ed acquistano beni di prima necessità. Che avvenga anche in Italia? Sarebbe una speranza per le piccole attività commerciali soprattutto dei paesini. Speriamo in bene." Sabina M.

28 Lug 2010, 23:10 | Scrivi | Commenti (78) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

è vero.. è pazzesco. Supermercati ovunque, tutto asettico, tutto di massa.
http://www.centro-commerciale.eu/supermercati
sono migliaia e continuano a crescere senza tregua!

Fabio Grossi 29.03.12 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Rientro dalla vacanze, è il giorno dopo ferragosto, decido di andare alla Esselunga (Via Volta a Brescia). Sono con il mio compagno, tra l'altro fortemente raffreddato e per questo sotto farmaci, e nell'entrare siamo subito immobilizzati da un freddo glaciale...Cedo il foulard che ho intorno al collo a Giulio e decidiamo di proseguire nonostante il clima assurdo. Alcuni clienti sono attrezzati con golfini e maglioncini mentre noi, sbarbellando, cerchiamo di correre lungo le corsie. Ai formaggi mi rivolgo a un operatore di reparto chiedendo se sia possibile abbassare l'aria condizionata: con fare beffardo mi si dice che basta che raggiunga (viva?) altri reparti di prodotti non da frigorifero e la temperatura sarà perfetta. Proseguiamo la corsa e penso che sia una perdita per l'azienda che clienti come noi non abbiano desiderio di fare acquisti, con calma, desiderando soprattutto scappare dal punto vendita e, armata di altruismo, avvicino una cassiera. Questa mi dice che anche loro, dipendenti, continuano ad ammalarsi e se, forse, noi clienti ci facessimo sentire di più, forse, qualcosa potrebbe cambiare. Mi indica un uomo (ben protetto in abito blu pesantino..) al quale rivolgermi raccomandandomi di non riferire di essere stata lei la "mandante". Mi avvicino con fare deciso ma gentile. Chiedo se ci sia qualche motivo per il quale la temperatura sia così fredda e riferisco che anche altri clienti se ne sono lamentati (ovviamente era così). Il grosso signore neppure alza la testa per guardarmi e con fare davvero straffottente mi dice: "grazie per la segnalazione, vedremo quello che potremo fare"...Nella mia testa circolano domande del tipo: ma in esselunga fanno corsi di formazione al personale? e il clima aziendale è come la temperatura dell'aria condizionata? ma io perchè dovrei scegliere di sostenere con l'acquisto un'azienda simile? ma Esselunga è così potente da permettersi qualsiasi cosa? Da ieri ho una brutta una contrattura muscolare...sarà un caso?!

Cristina Recenti 18.08.10 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me il problema di fondo è che non vi è una concorrenza leale altrimenti i negozi al dettaglio, avendo costi di gestione molto contenuti, sarebbero più competitivi dei centri commerciali. Infatti di recente molte operazioni della GdF hanno scoperto grossi giri di fatture false fatte da molte catene della grande distribuzione. Mi spiegate altrimenti come farebbero a far fronte agli elevati costi di gestione che devono affrontare avendo i prodotti sempre a sottocosto? ( http://bologna.repubblica.it/cronaca/2010/06/17/news/sottratti_all_erario_400_milioni_di_euro_incastrata_una_societ_bolognese_di_computer-4913468/index.html?ref=search )

Vincenzo Vitale 31.07.10 01:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Antonella G Cuando t´é capitato che hai comperato una mozzarela a Lidl ed é diventata blue? dimmi per piacere l´indirizzo del Lidl e la data.
Grazie

Kleiner Adolh, Torino Commentatore certificato 30.07.10 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Quelli che voi chiamate supermercati, rappresentano "la grande distribuzione"....ed è un sistema commerciale organizzato, che applica filosofie di vendita, diverse dal commercio al minuti, sia esso a posto fisso o ambulante.....
Forse qui sarebbe troppo lungo spiegare le peculiarità delle diverse forme di attività comemrciali,ciascuna con in suoi pro e contro...stà di fatto che il commercio al minuto,a posto fisso,soffre, per ragioni ben precise:costi di gestione alti,spazi di vendita ristretti,scelta dei prodotti limitata,(anche per costi)scarsa capacità d'interfacciare con produttori e artigiani/grossisti.
La botteghina di un tempo,aveva ragione d'essere, perchè allora non c'erano,grandi magazini, e sicuramente i "bottegai" ci straguadagnavano,oggi tirano a campare, perchè la spesa fatta alla botteghina sottocasa è una spesa di "ritaglio"....quindi come ex venditore ambulante analizzo le cose da una prospettiva diversa....più tecnica....è come se oggi si dicesse che internet, uccide la Radio, tv,oppure l'informazione tradizionale.....fatta di giornali, riviste, ecc...
Per quanto riguarda la qualità, è più facile che ci siano dei controlli da parte della grande distribuzioni(anche perchè la coop manda propri ispettori nelle aziende produttrici, visto con i miei occhi)poi è ovvio se compri i pomodori fuori stagione...dipende dalle forniture, dal periodo, e questo detto da amici,ex produttori di ortaggi..in pratica mangi per quello che spendi...devi conoscere i prodotti...per fare dei buoni acquisti....
Un dato,ho parlato con l'adetto alla gastronomia, lamentando il fatto, che i prosciutti, sono poco stagionati(semi dolce)e privi di grasso...insomma fanno schifo......mi ha detto:..è vero!....però la gente, non li vuole con il grasso e nemmeno tirati....quindi è ovvio che i prodotti delle aziende seguono le tendenze del pubblico....è la gente che non sa mangiare...non riconosce nemmeno i sapori..l'olio extra vergine deve essere filtrato..perchè crudo è forte..!mah

roby f., Livorno Commentatore certificato 30.07.10 08:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un fornitore ed opero nella GDO, io credo che come molto spesso accade, il vero problema non sia l'uso bensi' l'abuso...Ovvero credo che i vari cambiamenti riguardanti lo stile di vita, l'evoluzione della società e la continua ricerca del risparmio, hanno causato il successo di queste realtà. La soluzione a mio modesto parere credo che risieda nel fatto di porre dei limiti a livello territoriale...ad esempio nel raggio di x km da un cntro commerciale non ne possono sorgere degli altri...purtoppo però questo è infattibile a causa del fatto che il nostro sistema ecoomico si basa sul libero mercato.

Marco Terranova 30.07.10 01:24| 
 |
Rispondi al commento

Come la Littizzetto, anch'io vado alla Lidl esclusivamente per gli extra-alimentari, cioé quelle cavolate tipo i caricabatterie universali, le cesoie da giardino, ecc.
Ultimamente nei parcheggi ho visto che ci sono anche SUV e vetture di target medio alto e spesso i carrelli dei proprietari sono talmente pieni anche di bibite, patatine e salatini da far pensare a gestori di bar, che con la roba della Lidl (non dimentichiamo le loro mozzarelle blu) preparano i piattini per la pausa pranzo degli impiegati.
E ti pare il caso di scagliarti contro la Coop?

antonella g. Commentatore certificato 30.07.10 00:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma di quali negozi parli, Beppe?
Dei negozietti che vendevano di tutto, nei paesetti di una volta, magari dell'entroterra? Ma quelli per sparire non hanno avuto bisogno della spallata degli Iper...
O ti riferisci agli orefici-fruttivendoli della nostra Riviera, quelli che vendono a luglio le pesche a 4 euro ed i pomodori a 5?
Perché per me questi possono chiudere anche domani, insieme ai ristoranti dove un piatto di trofie col pesto va sul menu a 14 euro e ai panifici con i carnerini a 4,80 euro al Kg (che tanto con 40 euro ho comprato la macchina per il pane e me lo faccio, che é sicuramente più sano e mille volte più igienico).

antonella g. Commentatore certificato 29.07.10 23:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Esatto:

FILIERA CORTA.

il fatto (quotidiano), Roma Commentatore certificato 29.07.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Come diveva Beppe poco tempo fa, dobbiamo 511 miliardi di euro solo alla Francia. E' per questo forse che ci ritroviamo pieni di Carrefour ed Auchan ?

Cecco A. 29.07.10 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Genle sig. Negretti, dando per scontato che:
- le sue affermazioni rispondano al vero,
- la sua attività sia nella nostra stessa dimensione e non i una parallela
- che la matematica governi la gestione d'impresa e l'analisi di bilancio
- che lei paghi le tasse (tutte)
- che lei sia in regole con le norme vigenti (tutte)

c'è una sola spiegazione per comprendere quanto da lei affermato: lei è uno dei tanti dettaglianti avveduti e professionali che sanno dirigere la propria azienda in maniera commercialmente adeguata e si è pertanto specializzato nella qualità, sia dei prodotti che del servizio.
Ergo quando afferma che i suoi prezzi sono equipollenti a quelli della GDO, lei sta parlando della fascia alta dei prodotti, fascia nella quale le grandi superfici raramente sono competitive (ad eccezione di offerte speciali mirate e limitate nel tempo).
Il problema è che si tratta di una fascia che noi peones non possiamo permetterci.
Dovendo soddisfare quotidianamente le richieste provenienti dallo stomaco, pur riconoscendo la superiore qualità che lei e i suoi colleghi (quelli seri) sapete offrire, dobbiamo fare i conti con gli euri a disposizione.
Per cui, mi scusi, ma assumere per universale qualcosa che è alla portata solo di alcuni, non mi pare ragionevole.
Cordialmente.

Marco R., GRUGLIASCO Commentatore certificato 29.07.10 19:36| 
 |
Rispondi al commento

io sono un commerciante alimentare, ho prezzi migliori del supermercato e il negozio pieno di clienti. se qualcosa non va il giorno dopo il cliente torna da me a cazziarmi.igiene ed onestà non sono prerogative dei grossi gruppi, ma delle persone corrette. ci metto la faccia e se serve un consiglio sulla merce sono professionale. le aziende produttrici hanno linee di produzione diverse con prodotti che variano per la grande o piccola distribuzione. es. vino con medesime etichette ma proveniente da vigne con maggior resa per ettaro (quando si trova un vino prodotto e imbottigliato all'origine, spesso è imbottigliato da...e non prodotto, cioè gente che non ha mai visto una vigna e compra e rivende in base a leggi di mercato), mozzarelle con latte non italiano o si, abiti con cuciture singole e meno resistenti, pane surgelato fatto con farine maltate e precotto, componenti elettoniche differenti etc..e tutto ciò è a norma di legge. si presume che abbiano prezzi più economici ma non sempre è così.
quando hanno stock in offerta 3x2 l'offerta la fa il produttore e il supermercato la gira.inoltre al produttore il prezzo lo fanno loro con pagamenti lunghissimi.
tutto ciò lo so perchè conosco produttori e dirigenti di supermercato, tra i miei clienti.
poi a livello umano non sono il massimo, vedi vertenza bennet-cassiere in piedi oppure timbro cartellino 10 min prima ma pagamento dopo.
sembra meglio la coop o l'esselunga, certo se parliamo solo di soldi è meglio il supermercato, i vestiti fatti in cina e il vino in cartone, ma se parliamo di umanità....piuttosto i gruppi d'acquisto allora.
saluti

paolo negretti 29.07.10 16:34| 
 |
Rispondi al commento

SVEGLIAAAAAAAAAAA!!!!
L'articolo dice l'esatto contrario!!!!!

Ferdinando De Fenza 29.07.10 16:33| 
 |
Rispondi al commento

liberalvox.blogspot.com — Con "Quel Culo" Belen Rodriguez può fare quello che vuole. Fini e Berlusconi, invece con le loro "Facce da Culo" stanno facendo quello che gli italiani non vogliono: stanno portando il paese allo sfascio!

Continua a leggere l'articolo »


I SUPERMERCATI HANNO UCCISO:

I NEGOZI AL DETTALGIO

IL CREDITO

LO SCONTO SU RICHIESTA

IL LIBERO MERCATO

L'AGRICOLTURA

L'ALLEVAMENTO

LA VIABILITA' NELLE CITTA' E SULLE AUTOSTRADE

LA SOCIALIZZAZIONE UMANA

LE CAPACITA' CULINARIE

IL GUSTO E LA QUALITA'

IL TESSUTO SOCIALE DEI PAESI

IL LIBERO ARBITRIO (AL SUPERMERCATO SI COMPRA

SEMPRE QUALCOSA DI INUTILE CHE NON SI ERA DECISO

DI COMPRARE, SEMPRE!!!)

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 29.07.10 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe.

La proliferazione dei supermercati non è solo un fato di moda o culturale. Purtroppo in Italia è anche un sintomo d'illegalità profonda. Da qualche anno si è a conoscenza del fatto che la criminalità organizzata, le mafie hanno investito nella grande distribuzione. I supermercati sono semplicemente usati per il reciclaggio.Lo dico per esperienza. E non solo al sud, ma dapertutto per il semplice fatto che la grande distribuzione funziona a livello nazionale. Quindi la convenienza del supermercato è il giro d'affari, le disponibilità di liquidità immediata, lo sviluppo della rete di distribuzione ad ogni apertura di punto vendite. Questo permette di dissolvere facilmente i soldi sporchi provenienti da attività illecite ed in tutti i casi non dichiarate al fisco. Il fenomeno dei supermercati si è sviluppato con all'aumento dei ricavi della malavita. Inoltre, il supermercato permette di avere un'impatto immediato a livello politico : queste grandi aziende controllano migliaia di voti, quelli dei dipendenti che non hanno altra scelta che votare chi si ordina di votare. Al sud, dove il lavoro è una ricchiezza è ormai la prassi. Tutto il resto, se non sono chiacchiere, sono considerazioni secondarie.

A N 29.07.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

vivo a jesi nelle marche 40.000 abitanti e pieno!!!!!! e ovvio che non mancano le rotonde parcheggi le solite cose

giovanni miceli, jesi Commentatore certificato 29.07.10 15:46| 
 |
Rispondi al commento

anche il sito di grillo è come un supermercato

giacomo c 29.07.10 15:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BEPPE LA DOMANDA E':

SENZA SUPERMERCATI SI VIVE MEGLIO O PEGGIO?

SECONDO ME MEGLIO.

I SUPERMERCATI SONO UNA DELLE TANTE INVENZIONI

INUTILI DELL'UOMO.

I VACCINI CONTRO LE MALATTIE, IL MARTELLO E IL

CESSO SONO INVENZIONI UTILI ALL'UOMO MA I CENTRI

COMMERCIALI NON SERVONO A NIENTE SE NON AD

ANDARCI D'ESTATE PER RINFRESCARSI TRA GLI

SCAFFALI DEI SURGELATI.

Carmine Crocco Donatellli Commentatore certificato 29.07.10 15:39| 
 |
Rispondi al commento

In USA hanno chiuso i centri commerciali che sono stati investiti dai fallimenti delle banche, non perchè non funzionavano, in italia e solo in Romagna sono in progettazione 7 colossi commerciali, circa 80 in tutta italia entro la fine del 2011, smettetela di fare i nostalgici e poi girate in SUV e con la famiglia andate a comprare robe nei centri commerciali più grandi.

Gianluigi M. Commentatore certificato 29.07.10 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono discorsi che non stanno ne in cielo ne in terra. Se un super mercato ha ottenuto le concessioni locali perchè non deve aprire? Siamo in un regime di libero mercato oppure no?
Il comunismo non l'avete voluto e poi si fanno questi discorsi! Ma dai

Pietro Mazzarese 29.07.10 14:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nella terra degli IPER il processo di bonifica dai centri commerciali é già in atto:
http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2010/07/27/362227-clamoroso_villa_verucchio.shtml
Avanti così.

nonsenepuo davveropiu 29.07.10 13:55| 
 |
Rispondi al commento

I piccoli negozi stanno scomparendo perchè non possono competere come costi con la grande distribuzione.
Solo una moneta locale permetterebbe ai negozi di sopravvivere e alla gente di alimentarsi con prodotti locali.
Lo SCEC c'è già in molte regioni d'Italia e potrebbe diffondersi molto di +, se Beppe Grillo ne parlasse.
www.arcipelagoscec.org

Adrian Varuttii 29.07.10 13:45| 
 |
Rispondi al commento

penso che vi siano due verità su questo argomento: la prima è quella dei piccoli commercianti che per sopravvivere devono triplicare i prezzi dei prodotti. Dall'altra il megacentrocommerciale dove trovi gli stessi prodotti, quando va male, oppure una scelta più ampia a prezzi tre volte meno. E allora? chi campa con lo stipendio di 1000 euro al mese con due figli e con il mutuo,rette scolastiche,bollette,acqua,gas,luce,telefono che fa? va dal pizzicagnolo sotto casa? no, normale, va dal magacentrocommerciale. ma penso anche che il benestante prediliga il megacentrocommerciale per altre ragioni o per il semplice fatto che vuole risparmiare anche lui. E' un peccato per questi piccoli negozietti? si è un peccato ma bisogna saper vedere e bisogna saper anche le ragioni che a primo acchitto sembrano delle storture o delle brutture.

sebastiano ., catania Commentatore certificato 29.07.10 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a dire la verità il link dice che hanno chiuso (ed erano negozi aperti da 80 anni) per la troppa concorrenza dei supermegamercati....quindi confermano la tendenza che si ha anche qui...-.-" direi che l'angolo dei commenti pubblicati si riconferma ancora come angolo mediocre del blog, volto solo a far perdere credibilità a tutti...


sarebbe bello ma i costi dei piccoli negozi sono troppo elevati rispetto a quelli del supermercato. Quello che realmente mi preoccupa, invece, è l'esponeziale crescita di banche in ogni angolo delle città. Non trovi più un calzolaio, una ferramenta o uno che aggiusta le biciclette e i motocicli, in compenso vi sono una miriade di banche. Come fannoad apreire tutte queste filiali con la crisi che c'è? Mistero

Luciana Molinari 29.07.10 12:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io andrei a fare acquisti all'Alimentari sotto casa se non trovassi il formaggio che costa 5 ed alla Coop lo pago 3, il pane che costa 3 ed alla Coop lo pago 1, il salame che costa 6 ed alla coop lo pago 4...alla fine, Beppe, con i miei miseri 1000€ mensili di stipendio da Dipendente Pubblico, mica posso mettermi a far campare anche il tipo dell'alimentari ! Già faccio fatica a campare per me....

Michele P., Siena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.07.10 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per ché i piccoli comercianti non ribasano la roba un 30% duo o tre giorni prima dalla scadenza come fano certi supermercati, e anzi, si possono vendertela scaduta lo fano?

Kleiner Adolh, Torino Commentatore certificato 29.07.10 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Una vera piaga ambientale e sociale la diffusione degli iper.
Aggiungerei alla lista nera anche i multisala(spesso all'interno degli iper).
Tanti cimena storici che ravvivavano i ns centri storici stanno chiudendo.
I vivaci centri storici italiani sono oramai un ricordo, si costruiscono ovunque orrende e immense scatole di cemento che portano solo ad ulteriore antropizzazione, aumento notevolissimo dell'inquinamento, disperazione degli allevatori e agricoltori.
Riflettiamoci e w i dettaglianti

Alessandro Nizzoli 29.07.10 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Tra l'altro scusate, ma l'avete letto il link dell'artico from USA, guardate che non dice affatto quello che ha inteso Sabina M.
Dice che una catena di SUPERmercati specializzati in alimentari ha chiuso o sta chiudendo 30 punti vendita a causa della concorrenza di WallMart (tipo Carrefour ma + grande) che sta aprendo 350 (trecentocinquanta dice l'articolo) punti vendita.
Il futuro della GDO porta alla creazione di isole specializzate all'interno della grande superficie e, piano piano, si sta andando in quella direzione, vedasi oltre alle varie isole del fresco (ortofrutta, pescheria, gastronomia) le nascenti farmacie e le ormai consolidate aree per l'elettronica.
Comunque non facciamoci fottere, erano moltissimi e sono ancora molti i dettaglianti "sotto casa" che hanno come fornitore primario la Metro o simili grossisti, per qui piantiamiola di glorificare la qualità dei piccoli, perché è tale solo negli specializzati, i professionisti VERI, ma anche i prezzi sono di conseguenza e molti (io ad esempio) non se li possono permettere se non a Natale.
Penserete mica che Gino il droghiere vada nelle malghe a cercare i formaggi e negli orti a 50 Km da lui a cercare la verdura, e poi magari venda il tutto al 30-35% in + rispetto agli iper e questo basti.
Per poter vendere al 30-35% in PIU' rispetto agli iper il nostro ipotetico Gino deve NECESSARIAMENTE dare una qualità più bassa o inventarsi qualcosa del tipo non pagare tutte le tasse o non rispettare tutte le norme, diversamente fa come gli specializzati veri ed i prezzi raddoppiano o +, è normale! E' matematica! E' gestione d'impresa!
Non facciamoci prendere per il K dai vari parlatori a vanvera che esprimono opinioni "qualificate" dalle lumache alla bomba H!
I negozi al dettaglio DEVONO lavorare con margini medi minimi del 40% al netto dell'iva, il che vuol dire che DEVONO vendere a 104 ciò che pagano 60 negli alimentari e a 120 nel non alimentare. Con margini medi diversi da questi non si sta in piedi, si chiude!

Marco R., GRUGLIASCO Commentatore certificato 29.07.10 10:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Sabina M.
mi puoi spiegare, per ché io che sono un lavoratore dipendenti, quindi non ho la partita IVA, non poso comprare in un supermercato al´ingrosso quello che pagarebbe 1€, e debo quindi andare dal piccollo esercicio e pagare l´estessa roba 3€.
I piccolli essercisi sono stato un cancro in questo paese. Viva la grande distribuzione!!!!

Kleiner Adolh, Torino Commentatore certificato 29.07.10 10:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma vaffanzum Beppe !!!! Certo che a te con i tuoi 4 mln di €€€€€ all' anno non te ne frega un cazzo di pagare il pane 6€/Kg per avere il negozietto col titolare che parla in dialetto e ti fa l' inchino.
Ma per chi deve campare con 1000€ al mese o meno spesso gli ipermercati sono l' unica speranza di arrivare a fine mese!!! Poi se i piccoli negozi sono come quello sotto casa mia........ ma per carità !!! A suo tempo fatto il cambio 10.000£ = 10€, fa uno scontrino ogni 10, è sempre li che si lamenta, ma ha un tenore di vita molto alto, la qualità della merce non è eccelsa e spesso rifila schifezze.

Giuseppe Sorvini 29.07.10 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Ecco ci risiamo... cadiamo ancora nella banalità del centro commerciale contro i piccoli esercizi...
Io personalmente non rimpiango affatto i piccoli supermercati... e vi faccio subito un esempio... dove sono Io ne esistono ancora o basta anche andare in trentino dove ogni paese ha il suo supermercato piccolo... allora? Prezzi alle stelle.. poca scelta...scarsa igiene... perchè dovete sapere che se un prodotto viene venduto poco difficilmente il propietario lo butta cosi come niente ma spesso lo tiene anche scaduto sugli scaffali sperando nella vecchietta poca accorta.. il banco dei freschi non è cosi poi fresco.. in un supermercato piccolo dai piccoli guadagni ci stanno attenti a non buttare la roba solo perchè ha un po di muffa.. la si toglie e via si rivende come freschissimo, cosi va via prima. Per fortuna che i grossi centri commerciali ci hanno salvato da queste gente... e se sono falliti c'è un motivo.. non è colpa del centro commerciale ma colpa loro... se erano cosi bravi e accoglienti e intimi perchè la gente li abbandonati subito?? o perchè non sono continuati a esistere entrambi?? Semplice anche la risposta .. la gente ha visto che non c'era nessun vero vantaggio a continuare ad andare nel supermercato piccolo sotto casa... La grande distribuzione oltre ad avere prezzi più bassi, più scelta, offerte, merce mai scaduta sugli scaffali, bacnhi del fresco sempre freschi ( dovete sapere che i grossi centri proprio perchè servono molta gente hanno USL li ogni settimana equindi difficilmente sgarrano!!) un clima perchè no piacevole..che male c'è ad avere l'aria condizionata d'estate e caldo d'inverno.. ne facciamo una colpa anche per questo?? Oltre tutto le grandi distribuzioni riescono a far abbassare i prezzi dei prodotti di lusso..tipo il grana!! Quindi meno male che esistono i centri commerciali e a voi gestori di piccoli supermarcket.. vi dico questo... BUON FALLIMENTO! cambiate lavoro e andate a rubare da un altra parte che la pacchia è finita!

Daniele Lup 29.07.10 09:24| 
 |
Rispondi al commento

ma tu vaglielo a spiegare a quei bigotti paesani dei miei concittadini! poi ti senti chiedere:"Ma guarda, il fruttivendolo ha chiuso!"


Riflettiamo sui numeri: 200 supermercati che chiudono in America non sono niente, corrispondono a meno di 4 per Stato Federale.

cassandra fiori 29.07.10 08:28| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei portare un esempio che chiamerei igiene dell'acquisto. I supermercati crescono perche per la stragrande maggioranza della gente è forndamentale avere la vita comoda . Quindi il SM è ideale cè e tanta mecanzia , ambiente fresco in estate e caldo in inverno, t° media sempre come ai tropici... Il SM allora ci sguazza.. ma se a fronte di questo si comincia a pensare diversamente allora si trovano delle sorprese. Faccio un es di un global brand di articoli sportivi che propone scarpe made in Vietnam .. prezzo 130 euro !!! pero ... Made in vietnam gli saarà costata qulche dollaro al paio ..facciamo 7 dollari portata in EU .... Perche la comprate a 130 Euro??? perchè ? La scarpa deve stare sullo scaffale finche non arriva a 30 Euro ... Cio è possibile . Cosi vale per il resto delle cose ...Volete il brand ? ok ma al prezzo che decidiamo noi ..la pigrizia è l alleta delle multinazionali e dei SM .

bibo bibo 29.07.10 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANDARE AL CENTRO COMMERCIALE E' DIVENTATA ADDIRITTURA UNA MODA: CI SONO PAESI DOVE NON C'E' UN CAZZO DI DIVERTIMENTO, E L'UNICO MODO PER SVAGARSI E PRENDERSI UN PO' DI FRESCURA DAL CALDO ESTIVO E' QUELLO DI CHIUDERSI IN UN CENTRO COMMERCIALE.LO FACCIAMO TUTTI, MAGARI NON COMPRIAMO NULLA, MA INTANTO TUTTI VISITIAMO IL CENTRO COMMERCIALE.
IO SONO NOSTALGICO DEL NEGOZIETTO SOTTO CASA CHE CI FACEVA ADDIRITTURA CREDITO,QUANDO LA MIA FAMIGLIA NON AVEVA ABBASTANZA SOLDI DA MANTENERE TUTTI NOI FIGLI, E POI PAGAVAMO UNA VOLTA AL MESE LA SPESA;NEL CENTRO COMMERCIALE SE NON HAI I SOLDI NON MANGI, E POI SONO SEMPRE I SOLITI MARCHI CONOSCIUTI.
E' DIFFICILE IN ITALIA STRAVOLGERE LE ABITUDINI DELLA GENTE, C'E' TROPPA IGNORANZA, COME IL FATTO DI BOICOTTARE I PRODOTTI NON PIù FABBRICATI IN ITALIA,SEBBENE DI MARCHIO ITALIANO,COME FIAT E OMSA, C'E' TROPPO MENEFREGHISMO E EGOISMO,NON SIAMO UN POPOLO SOLIDALE,MI DISPIACE DIRLO MA E' COSI'.

angelo fragomeni 29.07.10 08:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,

bhe ragazzo mio, come al solito in italia abbiamo la tecnologia avanzata, il commercio avanzato, l'agricoltura avanzata ... ma proprio nel senso di avanzata dagli altri, rimasta insomma.

Tutto quello che gli altri iniziano a buttare, noi lo prendiamo. I centri commerciali, gli impianti nucleari, i SUV, la TV via cavo(lo) ecc, le peggio porcate non ce le facciamo scappare anche perchè siamo proprio un popolo di pecoroni.

Sabato e domenica sono tutti al CENTRO COMMERCIALE. Anche quando fa caldo sono tutti lì a stare al fresco, come dice anche il loro presidente del(lo) (s)consiglio. Ormai il negozio sotto casa chi lo guarda più ? Meglio andare al centro commerciale, si trova di tutto, anche se il commesso che sta al reparto di salumi, il giorno prima vendeva sapone, tanto chissenefrega, sta lì solo per vendere, mica per fare due chiacchiere o consigliarmi.

La concorrenza che fanno poi è ovviamente sleale perchè il prezzo lo fa il centro commerciale, non il produttore e nemmeno il mercato, come dovrebbe essere in un paese capitalista. Il mercato non esiste per il centro commerciale, perchè costruiscono dove vogliono, basta ungere qualche assessore. Tengono aperto quanto vogliono, anche qui basta ungere. Hanno la copertura politica e se ne freagano dei consumatori, anzi li studiano come fossero delle formichine, come vendere meglio un prodotto, gli ortaggi e la frutta fanno messi in un certo modo perchè si vendono di più, ecc.

Le leggi del mercato esistono solo per le piccole realtà che non possono pagarsi l'assessore o il parlamentare di turno. In questa italietta funziona così, in tutti i campi. Non esistono leggi di mercato, ma leggi ad personam o aziendam.

Se fai parte di una CRICCA ci guadagni, altrimeti muori a 60 anni dopo che ti sei fatto un mazzo così perchè ti hanno costruito un inceneritore (per i pecoroni "termovalorizzatore") e ti è chiaramente venuto un cancretto a norma di legge.

Un abbraccio. Ti vogliamo bene.
Gianni & Ivana

Giovanni Coa 29.07.10 00:55| 
 |
Rispondi al commento

Celestini è senza dubbio un grande, ma la storia dei piccoli negozi meravigliosi, del c'era una volta tutto bello, il rapporto umano etc. etc. mi pare una storia da fata turchina e occhiali rosa.
Se non fossero arrivati gli iper il tenore di vita della maggior parte di noi (i poveracci) sarebbe quello di 20 anni fa, ovvero molto ma molto + basso, e comunque non ci volevamo tutti bene. Inoltre i bottegai di allora col kaz che ti facevano uno scontrino e la villa se la sono fatta, loro.
Vedi un pò se senza gli iper ci potevamo permettere certi alimentari, certa elettronica, etc.
Troppo consumismo? Certo che si! Ma questa è tutta un'altra storia che attiene ai modelli di sviluppo, non c'entra un piffero con i vecchi modelli di commercio al dettaglio.
Parliamo invece di vendite dirette dal produttore al consumatore, di prodotti etici, di cooperative di acquisto e di tutte quelle iniziative che, guarda caso, non temono la concorrenza degli iper ma anzi prosperano e, spesso, sono ricercate dagli iper stessi.
Lasciamo da parte ideologie e cattocomunismi vari, gli iper hanno fatto un gran bene al mercato e a tutti noi, fungono da filtro calmieratore dei prezzi, hanno i margini medi mostruosamente bassi e, udite udite, è una gran fregnaccia che fan chiudere i piccoli! Fan chiudere coloro che credono di poter fare impresa vivendo di rendite di posizione, che volevano e vorrebbero fare i bottegai seguendo il modello dei notai e dei farmacisti. Gli altri, quelli che sanno fare il loro mestiere, si aggiornano e si specializzano e sfruttano a loro vantaggio la differenza del servizio, l'afflusso, e le nuove abitudini d'acquisto e (ma dai?) prosperano!
Guardare il mondo con gli occhiali rosa e la margherita in bocca, utilizzando il babau di turno come capro espiatorio non è molto costruttivo!
Abbiamo già troppa gente che ci dovrebbe guidare che spara fregnacce a raffica e che prevalentemente non sa di cosa parla, noi cerchiamo di essere diversi! O almeno proviamoci....

Marco R., GRUGLIASCO Commentatore certificato 29.07.10 00:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SUPERMERCATI TRA GLOBALIZZAZIONE E CONTROLLO
DELLA MASSA
1963 compare in Italia il primo supermercato; tutto è a portata di mano in un modesto spazio. Qualche anno dopo cominciano a scomparire i mercati all'aperto con la vendita diretta del produttore, contadino, al consumatore. Oggi dei contadini rimane ben poco quasi quanto i mercati all'aperto rimasti. I supermarket ottimizzano i costi e sono centro di studi statistici su usi e consumi della popolazione e della sua gestione sempre più vicina all'ottica di gestione zootecnica, anche con pressione per l'applicazione delle modificazioni genetiche. La zuppa a cui si riferisce il bravo attore del video è un'industria chimico-farmaceutica; nessuno guarda gli ingredienti, ma c'è un trucco che vi svelo: più i caratteri con cui si riportano gli ingredienti sono piccoli, tanto che si stenta a leggere, e più il prodotto è schifoso. Evitate di mangiare la carne, il pesce e i prodotti animali in generale e farete del bene all'ambiente, a voi stessi e agli animali...Ricordate che la prima mega-macchina zootecnica che trasformava i maiali vivi in carne in scatola ha circa un secolo esattamente solo qualche anno in più del primo caso di virus da mucca pazza. Questo virus continua indisturbato ancora a uccidere, l'ultima vittima solo dieci giorni fa a Genova...eppure è un virus che almeno una volta si è trovato benedetto all' inaugurazione del supermercato; che volete di più? nella confezione c'è anche allegata l'estrema unzione.

sandro petrini 29.07.10 00:46| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SAREBBE UNA BELLEZZA TORNARE A I NEGOZI PICCOLI DI ALIMENTARI COME UNA VOLTA, E NATURALMENTE GLI AMERICANI SONO SEMPRE PIU' DIFRONTE,ANZI AVANTI A NOI,I CENTRI COMMERCIALI SI ESTINGUERANNO......COME I DINOSAURI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 29.07.10 00:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stavo guardando lo stesso video in un 'altra versione, su you tube ^_^

Celestini è un grande

manuela bellandi Commentatore certificato 28.07.10 23:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori