Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'onda nera cinese


Dalian_Cina.jpg
In Italia, ultimo dono dell'ex ministro Scajola (a proposito chi l'ha visto?), le trivelle si preparano a estrarre l'oro nero dal mare. Il Mediterraneo trema e tutte le nazioni che in esso si affacciano. In caso di disastro si trasformerà in un immenso lago senza vita. Mentre la BP, un tappo dopo l'altro, non riesce a fermare il flusso di petrolio nel Golfo del Messico, dall'Oriente arriva la notizia di una nuova onda nera dopo l'esplosione di due oleodotti. L'incidente è avvenuto nel porto di Dalian, in Cina. Il tratto di mare inquinato è di 1500 chilometri quadrati. Il petrolio sta dirigendosi senza ostacoli in acque internazionali. La trivellazione dei fondali marini italiani va bloccata subito. Nessuno ha il diritto di esporre gli italiani a una possibile catastrofe.

21 Lug 2010, 20:02 | Scrivi | Commenti (54) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 


Trivellazioni per estrarre petrolio a meno di 600 chilometri dalle coste della Sicilia.
Inizieranno tra poche settimane nel Golfo della Sirte, in Libia. Lo ha annunciato la Bp, la stessa compagnia responsabile del disastro nel Golfo del Messico. E se quanto accaduto alla piattaforma Deepwater Horizon succedesse nel Mar Mediterraneo? Gli effetti sarebbero ancora più devastanti, il Mediterraneo è un mare chiuso, una sorta di grosso lago con soli due piccoli sbocchi che permettono un ricambio delle acque superficiali in 80 anni.

Le nuove trivellazioni della Bp in Libia arriveranno poi fino a una profondità di 1.700 metri, 200 in più della Deepwater Horizon in Louisiana. Piattaforme di questo tipo sono “ad alta profondità”: le più pericolose.

L’Europa, ha già 27 piattaforme che pompano petrolio a oltre 200 metri di profondità e 3 oltre i 400. Sotto i 400 metri, eventuali falle non sono raggiungibili dai sommozzatori e più si va in profondità, più aumentano i rischi di incidente, per la temperatura delle acque, la pressione, le correnti e la difficoltà di intervenire tempestivamente in caso di incidenti.

Insomma ce poco da stare allegri, l’Unione europea sta facendo poco e niente per proteggere i propri mari e le proprie coste. Recentemente un'eurodeputato ha presentato una proposta di risoluzione per richiedere controlli più stretti, misure di sicurezza più rigide e regole europee più rigorose per le trivellazioni. la sua mozione, però, non è passata.
Possiamo proporre una raccolta di firme non solo in Italia ma convogendo tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo dopotutto se succede qualcosa a rimetterci siamo tutti.

mario l., bari Commentatore certificato 26.07.10 10:40| 
 |
Rispondi al commento

ma un altra bella raccolta firme per un referendum contro le trivellazioni? pensaci beppe, visto che se tutto va bene a primavera dovremmo votare per l'acqua pubblica, perchè non impedire le trivellazioni nel nostro mare(nella mia ignoranza penso che dovrebbe essere pubblico anche il mare, o no?) mettendo sempre a primavera una sola crocetta in più? bisogna muoversi in fretta però

comunque non bisogna essere sempre catastrofici, tutti hanno paura di ondate di petrolio anche sulle nostre spiaggie come nel golfo del messico, ma io la penso diversamente, penso che queste trivellazioni distruggeranno i nostri fondali con i loro abitanti animali e vegetali, per questo sono molto contrario a queste trivellazioni, perchè abbiamo già distrutto troppi ambienti naturali, ma non allarmiamo nessuno su probabili fuoriuscite di petrolio, io sono convintissimo che nel nostro mare petrolio non ce nè, altrimenti con la posizione di comando che hanno gli usa verso di noi, penso che da molti anni si sarebbero fatti dare il permesso per prenderci il petrolio, se non lo hanno fatto vuol dire che petrolio non ce nè o è pochissimo, sicuramente avranno studiato i nostri fondali, su questo non ho dubbi, per questo non ho paura di fuoriuscite di petrolio, perchè sono sicurissimo che nei nostri mari non c'è petrolio o ce nè pochissimo, sono convintissimo che distruggeremo i nostri splendidi fondali marini per pochissimi litri di petrolio, per questo dobbiamo fermarli il prima possibile, non possiamo permettergli di distruggere anche le nostre bellezze naturali sotto il mare, già hanno distrutto tante bellezze naturali sopra il mare, manteniamo almeno quelle sotto

valerio r 24.07.10 18:45| 
 |
Rispondi al commento

VORREI FARVI LEGGERE COSA SI DICE IN GIRO RIGUARDO LA MAREA NERA IN MESSICO IO CI FAREI UN PENSIERINO http://www.segnidalcielo.it/index.php/segnidalcielo-news/82-recessione-globale-e-pianificazione-di-una-nuova-era-glaciale

davide sias 23.07.10 22:56| 
 |
Rispondi al commento

L'ITALIA E'UN PRODOTTO STORICO NATO ALL'OMBRA DI UN TRADIMENTO!GLI ITALIANI SONO FIGLI DI UN 8 SETTEMBRE E NON SANNO ANCORA SE HANNO PERSO, VINTO O PAREGGIATO LA 2 GUERRA MONDIALE.IO, DA UNA RAZZA COME QUESTA, MI ASPETTO SOLO "THE DAY AFTER",DATA FATIDICA CHE STA FINALMENTE ARRIVANDO.PER MIA FORTUNA SONO SCAPPATO IN DANIMARCA E NON DEVO SOPRAVVIVERE AI "BADOGLIOTRUPPEN"!FATELA FINITA CON FALSA DESTRA E FALSA SINISTRA, DICHIARATE DEFAULT E FATEVI DIVORARE DALLA TIGRE CINESE CHE DELLE BRICIOLE DELLA GRANDE ABBUFFATA POST 1945 NON SENTIRA' NOSTALGIA NEANCHE IL PIU' INCALLITO PARTIGIANO DELLA 25 ORA.A CHI L'ITALIA? AI PIU' TRADITORI!!GRAZIE MARCHIONNE,PORTACI IN SERBIA!!

giorgio di chiaro 23.07.10 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Basta con questo abbaiare, adesso si deve mordere.
Il problema petrolio si sorpassa con i carburanti naturali, addirittura scarti di lavorazioni agricole in atto che vengono proibiti dalla legge italiana.
Abroghiamo la legge che ne vieta la produzione e smettiamo di consumate il petrolio.
Facciamo nascere dai contadini, dai coltivatori di mais, i distributori di carburante ecologico e mandiamo a picco le grande industrie dell'inquinamento del pianeta.
SI PUO' FARE!
QUESTO GOVERNO RAPPRESENTA SOLO UNA PICCOLA MINORANZA DI PREPOTENTI, STUPIDI, CIECHI, OTTUSI E BIECHI, CAPITALISTI.
L'ITALIA E' DEGLI ITALIANI E GLI ITALIANI DECIDONO DI ANDARE AVANTI CON LA FORZA DELLA NATURA.
Apriamo le pompe ecologiche per eliminare PER SEMPRE le compagnie petrolifere e i loro vassalli, leccaculo e cagnolini da compagnia che sono i nostri politici compiacenti.

Faranno le multe e atti?e noi andremo in tribunale e aspettiamo la prescrizione.
Questo aspetto della legalità può diventare uno strumento che può salvare noi (italiani sani) ritorcendosi contro governanti e capitalisti.

qui informazioni elementari:
http://www.adoc.org/index/it/comunicati.show/sku/3429/I+CARBURANTI+ECOLOGICI.html

Loris C. Commentatore certificato 23.07.10 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono una donna di 34 anni,
fin dai 20 anni ho sempre lavorato e di conseguenza pagato le tasse, volevo sollevare un problema relativo alla realtà romana per quanto riguarda il mondo dell'informatica. Da circa un anno più o meno da quando è iniziata la crisi noi consulenti informatici abbiamo risentito in modo tragico tutti gli effetti, particolarmente a Roma soprattutto dopo i tagli telecom . Ad oggi sono dipendente in cassa integrazione ordinaria presso un'azienda di informatica, ho 4 mensilità di stipendio arretrati, di cui due da cassa integrata, per non parlare dei ticket che ormai non percepisco più dal 2007. A questo punto mi pongo alcuni interrogativi sul mio futuro, in quanto, se la mia azienda non fallirà dovrò sopportare codesta situazione a tempo indeterminato, se invece accadrà l'irreparabile mi ritroverò senza lavoro con un mutuo sulle spalle, ah dimenticavo! la terza ipotesi potrei trovare di nuovo lavoro con un contratto a progetto che nn ha nessun tipo di credenziali per chi ha delle responsabilità come il mutuo. Mi piacerebbe ascoltare il parere dei massimi esponenti del nostro governo in merito a questa tragica situazione, considerando anche le parole del nostro premier, ormai sempre più fiducioso nella netta ripresa economica del nostro paese, mi piacerebbe ascoltare i sindacati che predicano bene e razzolano male (attualmente un consulente informatico nn ha una tipologia contrattuale propria, bene che gli può andare può aspirare ad un contratto del commercio!) ecco, mi piacerebbe ascoltare un Bossi visto che quel poco di lavoro che c'è si concentra tutto al nord.Sono tante "piccole" curiosità che vorrei togliermi, almeno per dare un po' di pace a questo grandissimo periodo di m.... che sto vivendo. Scusate per lo sfogo. saluti

mara ciarniello 22.07.10 23:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi pare un ottimo modo per contribuire all'annientamento dell'ecosistema. Se gli americani, non proprio degli sprovveduti, non sono riusciti ad evitare un disastro ambientale come quello del Golfo del Messico, non voglio nemmeno immaginare cosa potrebbe scaturire dalla gestione da parte della nostra classe politica di una simile situazione di emergenza nel Mediterraneo.

Alessandro Masciadri 22.07.10 23:01| 
 |
Rispondi al commento

voglio scappare in un altro mondo

Gianluca S. Commentatore certificato 22.07.10 22:45| 
 |
Rispondi al commento

E MENTRE IL MONDO PIANGE SUI DISASTRI DEL PETROLIO, LA SEN VICARI VARA UN DIESGNO DI LEGGE PER SEMPLIFICARE LA VITA AI PETROLIERI.. W L'ITALIA http://www.laltrasciacca.it/2010/07/22/la-vergogna-del-ddl-sugli-idrocarburi-della-sen-vicari/

Mario Di Giovanna 22.07.10 19:14| 
 |
Rispondi al commento

L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, spesso le due cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per fare soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette”. L’Umberto corre spedito in bilico sul precipizio. La magistratura potrebbe muoversi da un momento all’altro. C’è chi accusa i leghisti di eversione, razzismo, banda armata, colpo di Stato: roba da ergastolo.BOSSI QUELLO CHE DIFENDE LA FAMIGLIA TRADIONALE ANDANDO A LETTO CON UNA SHOWGIRL Luisa Corna.

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.10 17:28| 
 |
Rispondi al commento

si può fare bloccare dalla magistratura l'operazione? con una denuncia di pericolo pubblico nazionale che a titolo cautelativo fermi le trivelle? oppure questi possono spostarsi in acque internazionali e fregarci?
Sono interrogativi che legali esperti possono chiarire.
Intanto iniziamo con manifestazioni a Roma di fronte al Parlamento, alla spicciolata facciamo un passaparola e tiriamo fuori cartelli e denunce.

paolo de gregorio Commentatore certificato 22.07.10 16:34| 
 |
Rispondi al commento

oramai dovrebbe essere lampante

non si tratta più solo di
incompetenza politica
di mancanza di lungimiranza
di morale e di etica

ma di completa assenza di capacità tecnico/scientifiche per gestire la fine dello sviluppo.

psichiatria. 1 22.07.10 15:41| 
 |
Rispondi al commento

penso che bisogna fare qualcosa (referendum o proposta di legge, quello dell'acqua ha dimostrato che tanta gente è disposta ad impegnarsi) per proibire le trivellazioni ed estrazioni di petrolio nel mediterraneo (almeno quello italiano), se dovesse capitare qui quello che è successo nel Golfo del Messico. avremmo un danno economico catastrofico per tutti i Paesi del Mediterraneo, altro che default, per tutti.

stefano pilone 22.07.10 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Siete sempre i soliti esagerati. A Porto Cervo, dove mi trovo in vavanza, non c'è traccia di petrolio,l'acqua e cristallina come sempre e la vista dallo yatch é mozzafiato. Facciamo così: se vedo del petrolio galleggiare vi avviso, così vediamo il da farsi. Ma nel frattempo, vi prego, evitiamo inutili allarmismi.

nonsenepuo davveropiu 22.07.10 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' tutto un sistema economico/sociale che è arrivato al capolinea. Un modello che deve essere dalle sue radici riformato economicamente, socialmente e culturalmente. E non con vecchie, stantie e fallimentari parole d'ordine. Non è disfattismo d'accatto asserire che per una convergenza di eventi serissimi il punto di non ritorno è più vicino di quanto non si pensi. Poi sul fatto che ci sia questo momento orami non c’è più in dubbio alcuno, un po’ come no vi è dubbio che le sigarette facciano male, ma purtroppo è ancora poco.

matteo de blosi Commentatore certificato 22.07.10 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda la ricerca di idrocarburi nel mare nostrum varrebbe la pena di ricordare (prima di fare i Nostradamus de noantri) che questo tipo di operazioni si stanno praticando da decenni...

daniele agostini 22.07.10 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai ragione Turi! Io per prima mi incazzo quando sento queste cose...si, mi incazzo e basta! Certo, fosse per me a quelli stronzi li cospargerei di petrolio e poi gli darei fuoco,ma poi....sono solo parole inutili e non concludiamo nulla di buono! Si potrebbe provare a fare come dice! Che nedite voi?

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 22.07.10 13:16| 
 |
Rispondi al commento

no alle trivellazioni! no al nucleare!
e... aiutateci! in Puglia, dopo la centrale ENEL a carbone di Brindisi e L'ILVA di Taranto vogliono fare l'una e l'altra cosa!

Virginia Mariani 22.07.10 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Conferenza stampa di qualche giorno fà dove viene presentato un disegno di legge , da parte del centro-destra , per aumentare le trivellazzioni e velocizzare le pratiche per ottenere i permessi :

http://www.radioradicale.it/scheda/307999/presentazione-del-disegno-di-legge-sulla-riforma-della-legislazione-in-materia-di-ricerca-e-produzione-di-

Giampaolo S., Belluno Commentatore certificato 22.07.10 12:21| 
 |
Rispondi al commento

la sfida è quella di sostituire il petrolio con le rinnovabili, bene, come si fa? mi sembra questo sia il cuore del pensiero economico-industriale del movimento.dobbiamo avere le idee chiare su questo. il movimento senza una teoria economica non può andare da nessuna parte. siamo anticapitalisti, anticomunisti,antiliberisti,antiindustrialisti ecc, ma cosa proponiamo? e come lo mettiamo in pratica?ci serve uno strumento adeguato, a quando la piattaforma del movimento?ormai luglio sta finendo, se ne riparlerà dopo l'estate?a cosa è dovuta questa paralisi?

luigi n 22.07.10 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Almeno andrebbe fatta una interrogazione parlamentare per verificare le condizioni di esercizio delle estrazioni.
Certo meglio sarebbe una sospensione.
La BP per risparmiare un milione di dollari in sicurezza adesso sarà costretta a pagare diversi miliardi.
Neanche economicamente funziona più il sistema.
Per fare una riconversione del sistema energia del paese è necessaria una rivoluzione politica ed economica, perchè da personaggetti come questi capi popolo che governano non c'è da attendersi nemmeno il buon senso.

Kasap Aia, Eridu Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.10 11:37| 
 |
Rispondi al commento

...HO GIA' DUE TRE NOMI INDIVIDUATI IN CASO DI DISASTRO ECOLOGICO...., INVITO TUTTI GLI ALTRI CONCITTADINI ITALIANI A INDIVIDUARE NOMI IN TAL SENSO.. CREARE UNA LISTA UN DOSSIER SU QUESTE PERSONE IN CASO DA ANDARLI A PRENDERE PER IL COLLO.. NON DEVONO SFUGGIRE ALLA COLLERA DEI CITTADINI

roberto scuro (uccello scalciante) Commentatore certificato 22.07.10 11:30| 
 |
Rispondi al commento

....SONO PAZZI O NO!!??.. SONO PAZZI O NO!!??..STO CAZZO DI PETROLIO, TRIVELLE, PETROLIERI E PETROLIERE COMPAGNIE.. SQUADRE DI CALCIO YACHT DI STRALUSSO, BANCHE, INDUSTRIA DELL'AUTOMOBILE, VA' FERMATO,...VA' FERMATO..CAZZO, QUESTA FOLLIA VA' FERMATA, IL MEDITERRANEO NON SI TOCCA...ITALIANI...ANCHE SE SIAMO TUTTI CON LE PEZZE AL CULO IL MEDITERRANEO NON SI TOCCA..NON SI DEVE TOCCARE, NON FACCIAMOGLIELO TOCCARE...NON FACCIAMO METTERE I LORO LURIDI ARTIGLI SULLA NOSTRA MERAVIGLIA, UNA PIATTAFORMA NEL MEDITERRANEO E' UN PERICOLO TERRIBILE, SE SUCCEDE DA NOI..O METTI CASO..ANCHE UN ATTENTATO TERRORISTICO SIAMO TUTTI SPACCIATI, NON PERMETTIAMOGLIELO, IL PETROLIO SERVE ALLE COMPAGNIE PETROLIFERE E ALL'INDUSTRIA DELL'AUTOMOBILE...CE LO FANNO PAGARE UNO SPROPOSITO E LORO SI ARRICCHISCONO A DISMISURA, NON PERMETTIAMOGLI A QUESTI DELINQUENTI DI GIOCARE CON LE NOSTRE VITE PER VILE DENARO, PERCHè IL DENARO NON SI MANGIA...PERCHE' E' IL MARE E LA TERRA CHE CI FA' VIVERE, ITALIANI CITTADINI, NAZIONI CHE VI AFFACCIATE AL MEDITERRANEO...FERMIAMO QUESTO SCEMPIO, SCONGIURIAMO QUESTO PERICOLO

roberto scuro (uccello scalciante) Commentatore certificato 22.07.10 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Fermatevi!!!!!!

Alberto M., Sanlucar de Barrameda Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.10 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Un popolo che consente a Scajola (un uomo che vive a sua insaputa, come dice Travaglio) di diventare ministro dello sviluppo economico si merita questo ed altro.
Fanculo!

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.10 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Forse non ve ne rendete conto ma quello della BP passerà alla storia come il primo passo decisivo nell'estinzione della vita sul pianeta terra.

Ovviamente raccontata nei "libri" di storia di qualche altra Società della Galassia si spera civilizzata un po' meglio della nostra.

Secondo voi una trivellazione italiana del mediterraneo gestita dalla Mafia che probabilità ha di rivelarsi un disastro ambientale ?

aldo p., Milano Commentatore certificato 22.07.10 10:33| 
 |
Rispondi al commento

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Tagliare i servizi, eliminare i diritti, tornare indietro di 100 anni, ecco lo scopo del Capitalismo del 21° secolo...

Non farti fregare: Liberiamoci dei Liberisti!

Leggi qui:

http://www.anakedview.com/liberiamoci_dei_liberisti.html

Per vedere la realtà, senza fregature
visitate il sito:

http://www.anakedview.com/

...e poi ne riparliamo...

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

aNakedView.com La realtà senza fregature, revolvers Commentatore certificato 22.07.10 01:35| 
 |
Rispondi al commento

www.zeroemission.tv
www.rinnovabili.it
www.qualenergia.it
www.terranauta.it
Per informarsi,capire,valutare,su...Energia,Ecologia,Questioni climatiche,Rinnovabili,Ambiente,Ecocompatibilità,Efficienza Energetica,Inquinamento,Mobilità sostenibile, Risparmio energetico,Rifiuti, Ricerca, Prodotti/Soluzioni, Sviluppo Sostenibile,e tanto altro ancora.
Buon approfondimento.

masaniello anonimo(o frat) () Commentatore certificato 22.07.10 01:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, Beppe. La petizione "Attenti al cane!" promossa da Ulderico Pesce e rivolta alle istituzioni nazionali e della regione Basilicata intende mettere in risalto il problema delle trivellazioni di petrolio in Val d'Agri che, pur offrendo poco in termini economici alla gente di Lucania come me, mette in pericolo la loro salute, l'ambiente e il territorio. Sarò lieto di sapere che t'interesserai al caso sul tuo blog nei prossimi interventi.

http://www.uldericopesce.it/index.php?option=com_petitions&view=petition&id=37&Itemid=54

http://www.facebook.com/event.php?eid=112426408809741&ref=mf

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 22.07.10 00:46| 
 |
Rispondi al commento

Quando nella vita le lezioni, le dure lezioni, vengono ignorate è inevitabile fare una pessima fine. Questi miopi porci, privi di una visione del futuro, si stanno giocando il futuro dei nostri figli. Bisogna fermarli, con le buone o con le cattive.

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.10 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Intanto sul blog del "Fatto quotidiano" c'è qualcuno (neanche tanto pochi per la verità) che scrive che Grillo dice str...te. Specialmente sulle rinnovabili.

A N. Commentatore certificato 22.07.10 00:01| 
 |
Rispondi al commento

E´ il momento giusto per opporci a questi porci !!!!

mauro d. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.10 23:26| 
 |
Rispondi al commento

basta vaffanculo al petrolio

giovanni miceli, jesi Commentatore certificato 21.07.10 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Intervengo anche per una sorta di affinità professionale al problema: faccio ricerca in fisica della materia e, da ultimo, mi sono interessato anche di energie alternative
(vedi, ad esempio, http://www.physorg.com/news163930557.html ).

In una trasmissione di Report della bravissima Milena Gabanelli si è ipotizzato, se non erro, che la prossima bolla speculativa sarà costruita sulle "rinnovabili". In effetti, la cosa non sorprende, vista la grande necessità che abbiamo di cercare nuove fonti di energia. E, in questa ricerca, un fisico non può essere contrario all'utilizzo dell'energia nucleare. Infatti, proporrei di sfruttare in modo razionale l'energia che ci viene da una centrale nucleare (a fusione) che funziona 365,25 giorni ogni anno, distante quanto basta dal giardino di ognuno di noi e, soprattutto, sicura. L'unico neo è che tra circa cinque miliardi di anni smetterà di funzionare. Nel mentre, tuttavia, sarà capace di fornirci quanto basta per le nostre necessità, se solo sapessimo come fare per imbrigliare la sua energia.

Sarà forse questa la strada per uscire dai vari pantani del petrolio?

Roberto De Luca 21.07.10 22:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Va evitato anche perché non possiamo fidarci delle aziende che trivellano, degli enti di controllo e dei politici e degli imprenditori. Nel nostro vischioso sistema sarebbe molto facile creare intenzionalmente un incidente per avere un bel disastro da gestire e quindi carta bianca nello spendere soldi pubblici. Ci bastano terremoti, alluvioni, la cattiva gestione dei rifiuti.

Peter Amico 21.07.10 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Da tenere presente che, per il traffico e gli sversamenti delle petroliere e per altri fonti/cause, il Mediterraneo è già il mare più inquinamento del mondo.
Quindi, l'attuale tendenza a "raschiare il fondo del barile" rappresenta proprio la mossa decisiva per l'ultimo passo verso la distruzione completa.
E per fare cosa, poi? Per diminuire la dipendenza energetica? Ma quando mai??? Attualmente, in Italia si consuma 16 volte tanto il petrolio che si trova e le riserve provate (se utilizzate completamente) darebbero autonomia per circa 6 mesi...
No, la scelta deve essere altra. E cioè, oltre al risparmio energetico, investire sempre di più sulle rinnovabili.

Fabrizio Di Giacinto 21.07.10 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Posso dirvi che sono stanco di sentire in ogni dove lagne e solo lagne? Ma ci si rende conto che ad ogni progetto catastrofico (ne ha cmq di coraggio questo governo, diversamente dalla cosiddetta sinistra!)arriva puntualmente la prevedibile, patetica valanga di piagnisteo? A cosa serve, mi chiedo da troppo tempo, questo piangersi addosso? Si, l'abbiamo capito, questo governo è osceno, incredibile, rozzo, rerazionario, populista ecc, ma guardate che è da un paio d'anni che ce la suoniamo e ce la cantiamo da noi. Quelli intanto ci stanno letteralmente massacrando! Questa poi del petrolio nel mediterraneo è proprio allucinante...certo siamo nelle mani di nessuno. Mi chiedo per cui se non sono talmente gravi le condizioni in cui versa questo nostro Paese, da spingere x una rivoluzione di popolo! Voi mi direte: ma quale popolo, hai visto in che condizioni versa? E' vero, ma quanto meno cavalchiamo l'argomento, sfioriamolo, riflettiamoci, confrontiamoci. Personalmente, tanto x essere propositivo, credo che la grande arma letale che abbiamo sia quello stesso consumo che ci uccide! Ho letto che secondo precise statistiche, pare che se il 20% dei consumatori di un dato prodotto di multinazionale boicottasse x 30 gg consecutivi quel prodotto, la multinazionale fallirebbe! Ecco, non vi sembra interessante un dato del genere?(io penso a soluzioni tendenzialmente non cruente).

Turi Migliore Commentatore certificato 21.07.10 21:20| 
 |
Rispondi al commento

c'e' poco da scherzare, se vogliono estrarre il petrolio e' necessario garantire che in caso di disastro ecologico il ministro che ha avallato l'estrazione si assuma tutta la responsabilita', venga condannato per direttissima all'ergastolo e tutti i suoi beni (e quelli dei suoi eredi) vengano sequestrati per pagare i danni

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 21.07.10 21:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi vuole informarsi, sulla gravità dell'estrazione del petrolio, si può collegare su questo blog;http://dorsogna.blogspot.com/

franco basilico Commentatore certificato 21.07.10 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Ma no, dai!

La Prestigiacomo ha prontamente dato disposizioni che le trivellazioni non avvengano a meno di cinque chilometri da riva.

Fermeremo il petrolio non sul bagniasciuga, ma al largo, e se non basta la ministra dell'ambiente, visto che e' brutto sporco e nero, quindi clandestino, ci penseranno maroni e la bossi-fini.

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.07.10 20:56| 
 |
Rispondi al commento

è incredibile il lassismo degli italiani di fronte a queste scelte sciagurate del nostro governo.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 21.07.10 20:28| 
 |
Rispondi al commento

Di cosa ci lamentiamo? un ecatombe del genere sarebbe una fortuna per tutti i paesi del mediterraneo! i cittadini potrebbero fare benzina direttamente in mare..
Poi figuriamoci in Italia abbiamo un Ministro che sta avvelenando parte della Sicilia, cosa ci aspettiamo che faccia?Ha detto, "Sì,però dovete stare almeno a 5 km dalla costa" E glù gli applausi!
http://carloruberto.blogspot.com/2010/07/prestigiacomo-ministro-ad-honoris-causa.html

carlo ruberto 21.07.10 20:27| 
 |
Rispondi al commento

E quindi organizziamo i picchetti fin da ora...

Hissa H. 21.07.10 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori